Foto indicativa del contenuto del modulo. Materiale Didattico Le Risorse Umane e La Formazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Foto indicativa del contenuto del modulo. Materiale Didattico Le Risorse Umane e La Formazione"

Transcript

1 Foto indicativa del contenuto del modulo Materiale Didattico Le Risorse Umane e La Formazione

2 I giochi psicologici in analisi transazionale GIOCHI: modalità relazionali caratterizzate da una serie di scambi, al di fuori della consapevolezza del soggetto, al termine dei quali le persone coinvolte si sentono a disagio. In Analisi Transazionale un modo per diagrammare i giochi è il triangolo drammatico di Karpman (1968). P V S Persecutore, esecutoe,salvatore, ato Vittima 2

3 I giochi psicologici in analisi transazionale I ruoli che i giocatori si scambiano durante i giochi sono: PERSECUTORE: Vede gli altri in una posizione di inferiorità, come persone che indageuate e li perseguita da una posizione di superiorità. SALVATORE: Vede gli altri in una posizione di inferiorità, come persone che inadeguate e offre aiuto da una posizione di superiorità. VITTIMA: Vede se stesso in una posizione di inferiorità, come persona inadeguata. 3

4 I giochi psicologici in analisi transazionale Uscire dai giochi: La possibilità miglioreè non entrare nel gioco! Oppure uscirne appena diventa chiaro che si è dentro un gioco, trovando risposte alternative che interrompano il gioco. Ad esempio, rispondere incrociando le aspettative dell altro se si è invitati in un gioco. 4

5 Assertività L'assertività è un approccio che ci mettein condizione di gestire in modo positivo e costruttivo i rapporti interpersonali. E una tecnica che può essere appresa e, con la pratica, diviene una capacità che può essere migliorata. Comprende: la capacità di esprimere i propri sentimenti; scegliere come comportarsi in un dato contesto; difendere i propri diritti quando necessario; aumentare la propria autostima; 5

6 Assertività sviluppare unasana dose disicurezza in se stessi; esprimere serenamente un'opinione di disaccordo quando si ritiene opportuno; portare avanti i propri piani che richiedono una modifica dei propri comportamenti; chiedere agli altri di modificare i loro comportamenti quando vengono percepiti come fuori luogo o offensivi; tutto questo fatto in modo propositivo, costruttivo, positivo. Nessuno può ovviamente realizzare tutti questi obiettivi immediatamente. 6

7 Assertività Prima di provare a sviluppare le abilità necessarie per avere un comportamento assertivo è necessario convincersi di avere tutti i diritti ai propri p bisogni e necessità: Il diritto ai propri valori, pareri ed emozioni. Il diritto di cambiare, modificare e sviluppare la propria vita come meglio si crede. Il diritto di decidere come e dove dirigere la propria vita e di stabilire le proprie priorità e obiettivi. 7

8 Assertività Il diritto a non doversi giustificare per le proprie sensazioni o comportamenti. Il diritto di vedere rispettati i propri bisogni e limiti. Il diritto di dire agli altri come si desidera essere trattati. Il diritto di dire "NO. Il diritto di prendersi il tempo e l'aiuto necessari a formulare le proprie idee e desideri prima di esprimerli. Il diritto a chiedere aiuto e informazioni senza dover avere sensazioni negative di vergogna o di colpa. Il diritto a fare degli errori. Il diritto di cambiare idea o a volte anche a comportarsi illogicamente. Il diritto di piacersi anche se non si è perfetti. 8

9 Assertività Diritto a fare chiarezza: Se il tuo capo oppure un collega ti dà indicazioni, istruzioni o giustificazioni in modoaffrettato o confuso, puoi chiedere spiegazioni aggiuntive in modo naturale e non invadente. Anziché non dire niente e sentirti confuso per non aver compreso appieno, puoi dire: "Le tue istruzioni non mi sono del tutto chiare. Potresti spiegarmele di nuovo?". 9

10 Assertività Chiedere "perché : Quando qualcuno ti chiede di fare qualcosa che a te non sembra ragionevole oppure gradevole, puoi chiedere: "Perche vorresti che iofaccia cosi?". 10

11 Assertività Esprimere un forte disaccordo: Quando non sei d'accordo su qualcosa e ti senti piuttosto forte del tuo punto di vista, puoi esprimere questo con affermazioni del tipo: "Io la vedo in un altro modo. Secondo me... Oppure "Secondo me, il tuo modo di vedere la cosa non prende in considerazione alcuni fattori, come ad esempio...". 11

12 Assertività Difendere i propri diritti: Non lasciare che gli altri si approfittino di te. Sii capace di dire "no" con fermezza senza sentirti in colpa. Puoi difendere i tuoi diritti e chiedere di essere trattato con rispetto. Puoi dire: "Tocca a me... "Mi scusi, ma ora mi devo liberare. Ho un altro appuntamento "Per favore abbassi la sua radio "Tu sei mezz'ora in ritardo per il nostro appuntamento Puoi esprimere i tuoi fastidi senza arrabbiarti. 12

13 Assertività Diritto ad essere persistente: Se hai una lamentela (o un reclamo) legittimo, puoi continuare a ribadirlo, nonostante resistenze da parte del tuo interlocutore, fino a che ottieni una risposta soddisfacente. Non arrenderti di fronte ad un paio di "no". 13

14 Assertività Evitare la giustificazione di ogni opinione: Durante una discussione, se qualcuno cerca di metterti in difficoltà continuando a chiederti "perchè, perchè, perchè", tu puoi porre fine a queste domande rifiutando di partecipare a questo tipo di dialogo, oppure rigirare la domandaaltuointerlocutore. Puoi semplicemente affermare: "Io la penso cosi. Questi sono i miei valori. Non devo giustificare tutto quello che dico. Se dare giustificazioni è così importante per te, sentiamo il motivo per cui tu non sei d'accordod con quelloche dico." 14

15 Assertività Prendersi tempo: Se qualcuno vi fa una richiesta è giusto chiedere il tempo di pensarci sopra. La decisione dovrebbe spettare a voi, ma alle volte è difficile riuscire a dire NO immediatamente. Potete provare ad usare un NO empatico, in alcune circostanze può essere utile. 15

16 Errori cognitivi Oltre a saper padroneggiare le abilità sociali, verbali e quelle non verbali, la persona assertiva deve saper riconoscere in se stessa e negli altri gli errori cognitivi (errori del pensiero) ricorrenti che sono alla base dei (o che conseguono dai) comportamentipassivied p aggressivi. Questi sono: L'INTERPRETAZIONE LA LETTURA DEL PENSIERO L'AUTOGIUSTIFICAZIONE IL PENSIERO DICOTOMICO L'ANTICIPAZIONE NEGATIVA LA "SENSIBILITA LA "BENEVOLENZA" 16

17 Leader e leadership Inmanagementsi distinguono tre stili di leadership: lo stile autocratico; lo stile democratico; lo stile di delega o laissez faire. 17

18 Leader e leadership STILE AUTOCRATICO: il leader impone le proprie decisioni, Egli decide cosa fare, come farla e quali sono i tempi necessari per farla. In questo modo, il leader non chiede e non ascolta il parere di altri, ma segue il proprio istinto e la propria volontà. 18

19 Leader e leadership STILE DEMOCRATICO: il leader chiede al proprio team di partecipare alla risoluzione di un problema, Le decisioni sono prese in maniera democratica, il parere di tutti viene ascoltato e tenuto in considerazione per la soluzione del problema. 19

20 Leader e leadership In questo modo, i componenti del team prendono parte al processo decisionale, si sentono coinvolti nel progetto e questo aiuta il leader a fare in modo che gli obiettivi di ciascun individuo coincidano con quelli dell'azienda azienda. Un approccio democratico consente poi al leader di avviare una migliore comunicazione con il proprio staff e di conoscere meglio le singole persone; inoltre, l'approccio democratico del leader motiva il team, rende il lavoro più difficile ma sicuramente più entusiasmante e più «challenging». g g 20

21 Leader e leadership Sicuramente, l'individuo che lavora in un approccio democratico è un individuo motivato e soddisfatto, che raggiunge gli obiettivi con più facilità ed entusiasmo. Proprio per questo, in un approccio democratico, il rendimento, la performance in generale, è migliore che in caso di approccio autocratico. 21

22 Leader e leadership STILE LAISSEZ FAIRE: viene adottato quando il team sa cosa fare e come fare, e, pur restando il leader il vero responsabile delle decisioni che saranno prese, è il team che agisce. In questo caso, il leader si fa da parte e fa decidere il team, probabilmente perché la maggior parte delle informazioni necessarie alla soluzione del problema è nelle mani del team. 22

23 Leader e leadership Non esiste uno stile «universale» e giusto di leadership; non esiste uno stile che va sempre bene e che il leader può adottareinqualsiasi circostanza, ma il bravo leader è colui che sa adottare uno stile diverso in base alle situazioni che si creano, egli adotterà quindi uno stile contingente alla situazione. 23

24 Leader e leadership Laddove il leader si trova ad affrontare una situazione di emergenza, laddove c'è la necessità di trovare una soluzione immediata è opportuno che il leader adotti uno stile autocratico, cioè che decida rapidamente e senza dare ascolto a troppe voci perché non ha il tempo di farlo. Se invece si deve adottare la soluzione per un problema complesso ma vi è un tempo per farlo, il bravo leader saprà ascoltare il parere dl del suo gruppo, saprà valutare leopinioni i i dei suoi collaboratori adottando così uno stile democratico. 24

25 Leader e leadership Quindi, il bravo leader è colui che cambia stile in base ai problemi da fronteggiare e tenendo in considerazione che la soluzione dipende dai seguenti fattori: tempo a disposizione; livello di fiducia nel team; preparazione e competenze del team; capire chi possiede le informazioni necessarie per risolvere il problema e prendere le decisioni; esistenza di eventuali conflitti tra i membri del team o con individui al di fuori del proprio gruppo. 25

26 Leader e leadership Lo schema sottostante meglio ci aiuta a comprendere le diversità tra i tre stili di leadership: 26

27 Leader e leadership Nel primo caso è il leader che impone la propria volontà e che prevale sul team; nel secondo caso leader e followers sono posti sullo stesso piano; nel caso di laissez faire c'è cèsupremazia del team sulla volontà del leader. 27

28 Leader e leadership Questo semplice concetto dei tre stili di leadership viene ampiamente trattato dagli studiosi Kotter e Schlesinger, i quali evidenziano diversi stili di leadership, legati a come i leader introducono il cambiamento e a come prendono le decisioni. 28

29 Leader e leadership Esaminiamoli insieme: coinvolgere: i followers vengono coinvolti nel processo decisionale, partecipano allascelta delle decisioni; negoziare: il leader cerca di trovare un accordo con le altre parti che hanno interesse nellazienda; nell'azienda; educare: tutti coloro che hanno interesse nell'azienda vengono educati a capire che la comunicazione con i followers può portare al raggiungimento g della decisione; supportare: il leader supporta le persone che hanno interesse nell'azienda, affinché si raggiunga la decisione finale; 29

30 Leader e leadership manipolare: il leader manipola le altre partidell'azienda azienda al solo scopo di ottenere le informazioni necessarie per prendere le decisioni; minacciare: ad esempio il leader obbliga una persona del proprio p staff a fare determinate cose o a fornire determinate informazioni dietro minaccia di mancata promozione; cooptare: il leader dà illusione, fa credere agli altri di coinvolgerli, in realtà, pensa solo al suo tornaconto personale. 30

31 Come prendere appunti Metodo Cornell: Il Metodo Cornell espone gli appunti su una colonna del foglio, e le parole chiave nell'altra colonna. Permette di trovare rapidamente i diversi argomenti e di controllare gli appunti in modo facile e veloce. Per preparare una pagina usando il Metodo Cornell, segui questi passi: 1. Scrivi iilil tuo nome, l'argomento, la data dt e il numero di pagina in alto. 2. Disegna una linea (o lascia dello spazio) dal bianco all'alto circa 5 centimetri t i dllt dal lato sinistro. i 3. Disegna una linea (o lascia dello spazio) per un indice del contenuto della pagina. 31

32 Come prendere appunti Metodo Cornell: Quando ascolti una spiegazione, scrivi le idee principali sul lato destro del foglio, in forma di lista o paragrafo. Se possibile, usa abbreviazioni. Sul lato sinistro metti una parola chiave che descriva quella sezione degli appunti. Quando hai finito una pagina, riassumi in poche frasi le idee principali di tutto il foglio. Quando hai finito di ascoltare la spiegazione, controlla e, se necessario, correggi le parole chiave. 32

33 Come prendere appunti Mappe mentali: Una mappa mentale è un diagramma molto colorato che rappresenta collegamenti (semantici o no) fra le varie sezioni di materiale appreso. Per esempio, potrebbe illustrare graficamente la struttura del governo di uno stato. Una volta che una mappa mentale è ben strutturata, può essere rivista e controllata. L'uniformità grafica delle strutture semantiche può aiutare a rinforzare i ricordi, rendendoli più stabili e duraturi e migliorando la motivazione. Negli ultimi anni la costruzione di mappe mentali è diventata piuttosto popolare, almeno nelle scienze. Molti in tutto il mondo, inclusi studenti e amministratori, hanno detto che trovano questa tecnica utile, in quanto permette loro di ricordare informazioni ed idee meglio che con i metodi tradizionali. 33

34 Come prendere appunti Mappe mentali: Queste mappe possono essere tracciate a mano libera, per esempio come 'schizzi' durante una spiegazione, o possono essere più sofisticate, t assumendo l aspetto di veri e propri universi semantici e concettuali. 34

35 Come prendere appunti Mappe mentali: Questi sono i fondamenti della struttura di una Mappa mentale, anche se ovviamente sono soggetti all'interpretazione dell'individuo individuo. 1. Incomincia dal centro del foglio con un' immagine dell'argomento, in almeno 3 colori. 2. Usa immagini, simboli, codici e dimensioni. 3. Scegli parole chiave e stampa usando lettere maiuscole o minuscole. 4. Ogni parola o immagine va posizionata da sola sulla propria linea. 35

36 Come prendere appunti Mappe Mentali: 5. Le linee vanno collegate, partendo dall'immagine centrale. Le linee centrali sono più spesse, mentre man mano che ci si allontana del centro le linee diventano più sottili. 6. Le linee dovrebbero avere la stessa lunghezza della parola/immagine. 7. Usa un codice di colori il tuo disegnando la mappa. 8. Sviluppa uno stile personale. 9. Aggiungi enfasi ed evidenzia le associazioni. 10. Fai in modo che la mappa rimanga chiara, usando una gerarchia degli argomenti o un ordine numerico. 36

37 Il colloquio di lavoro Trovare un impiego non è un impresa da poco. È necessario procedere passo dopo passo. Il vostro obiettivo è essere convocati ad un colloquio di lavoro e ottenere un impiego. Il curriculum vitae (CV) Il curriculum vitae deve essere redatto con due scopi precisi: mostrare le vostre capacità ed essere invitati a un colloquio di lavoro. La lettera di candidatura La lettera di candidatura deve completare il vostro CV; essa costituisce un legame tra il vostro percorso professionale e il posto di lavoro che desiderate ottenere. 37

38 La candidatura elettronica Se rispondete a un annuncio di lavoro pubblicato su Internet, è preferibile candidarsi online. Ilcolloquio dilavoro Il successo del vostro colloquio di lavoro dipende da quanto vi siete preparati e dalla vostra forma il giorno fatidico. 38

39 IlCurriculum Vitae: Se rispondete ad un annuncio di lavoro, il CV deve essere redatto nella stessa lingua dell annuncio. Il CV deve essere di una o due pagine (non stamparlo fronte retro, ma su due fogli). Nonè necessario indicare come titolo «Curriculum vitae». La sua struttura è chiara, leggibile e coerente. Fate rileggere il vostro CV per correggere l ortografia e la sintassi. Precisate chiaramente le attività svolte, il nome dell impresa, le date di entrata in servizio e di uscita, le vostre mansioni e prestazioni. 39

40 Basatevi sui vostri certificati di lavoro che vi saranno utili per risalire alle date di entrata in servizio e di uscita e per descrivere le competenze acquisite nei dff differenti posti di lavoro. Adeguate il vostro CV alla vostra esperienza e all impiego che cercate. Eliminate tutte le informazioni inutili alla posizione in questione, ma colmate le lacune nelle attività svolte. Tali omissioni potrebbero compromettere le vostre chance. Date il meglio di voi stessi. 40

41 IlCV può essere anticronologico o tematico. Il CV anticronologico (il più comune) presenta le vostre esperienze professionali, le vostre formazioni e i vostri studi iniziando da quelli più recenti. Le diverse imprese per cui avete lavorato e le attività ità svolte vengono presentate sotto forma di una tabella. Il CV tematico fornisce una panoramica delle vostre sfere di competenza. Le informazioni vengono indicate per ogni funzione esercitata. È la forma che dimostrerà al meglio la vostra polivalenza o il vostro interesse per un settore in cui avete già rivestito diverse funzioni. IlCVtematico permette inoltre di nascondere eventuali periodi di inattività professionale, ovvero le cosiddette lacune nel CV (ad esempio per disoccupazione o maternità). 41

42 A prescindere dalla forma scelta, il vostro CV deve comprendere le seguenti rubriche: Dati personali Titolo del CV Esperienza professionale Formazione Lingue Informatica Attività extraprofessionali Referenze Con o senza foto? 42

43 1. Dati personali Nome/cognome Indirizzo NPA località Nazionalità e permesso di lavoro Numero di telefono: rete fissa o mobile. Indicate in ogni caso il numero a cui è più facile raggiungervi. Indirizzo e mail: create un indirizzo «professionale» del tipo (ad esempio presso yahoo, hotmail, gmail ecc.). Numero di fax (non obbligatorio) Data di nascita o età Tipo di licenza di condurre (solo se per il vostro lavoro occorre condurre un veicolo) 43

44 2. Titolo del CV Come titolo potete: indicare la designazione della vostra attuale professione ed eventualmente il numero di anni di esperienza nel settore, menzionare il vostro titolo (p.es.: contabile con diploma etc), indicare il vostro obiettivo professionale, enumerare i vostri punti forti. 44

45 3. Esperienza professionale Data iniziale e finale dell impiego o anno e durata per gli impieghi inferiori a un anno, mansionario, nome dell impresa e località (città/comune). Indicate se si tratta di stage o di missioni temporanee. Precisate sotto ogni esperienza le mansioni più importanti da voi svolte che valorizzano le vostre competenze. 45

46 4. Formazione e 5. Lingue Se avete seguito studi di scuola superiore, è sufficiente iniziare con il liceo frequentato. Indicate l anno e il titolo ottenuto. Come per la vostra esperienza professionale indicate le date e il periodo, il nome dell istituto scolastico, la designazione della formazione, la località. Evitate di utilizzare abbreviazioni o sigle delle scuole, anche se sono note. Scrivete per esteso il nome dell istituto scolastico. Se indicate tutti i perfezionamenti seguiti, ciò testimonia la vostra professionalità. Indicate la lingua e il vostro attuale livello di conoscenze. Se avete conseguito un diploma di lingue, indicate il titolo del diploma e l anno in cui l avete ottenuto. Se non avete conseguito alcun diploma di lingue o se avete vissuto all estero e appreso lingua sul luogo, evitate di utilizzare la forma obsoleta «parlato e scritto». Per descrivere il vostro livello utilizzate invece espressioni legate a una situazione professionale quali «redazione di rapporti», «colloqui telefonici» ecc. 46

47 6. Informatica Indicate i programmi che sapete utilizzare; annotate il vostro livello di conoscenze nel modo seguente: Conoscenze di base / buone conoscenze / ottime conoscenze / esperto Per esempio: Word, Excel, Internet: uso quotidiano, ottime conoscenze Microsoft Project: buone conoscenze Photoshop: livello principianti, ritocchi semplici o conoscenze di base. 7. Attività extraprofessionali Non esitate ad indicare i vostri hobby se sono legati alla vostra attività professionale. 47

48 8. Referenze È meglio non menzionare le referenze sul vostro CV. Indicate piuttosto: "referenze: su richiesta". Al momento in cui allestite la vostra lista di referenze, scegliete accuratamente tutte le persone che potrebbero fornire informazioni su di voi ad un futuro datore di lavoro (al massimo 2 o 3 e di preferenza un ex superiore). Verificate i loro dati di contatto, informate di conseguenza le persone citate nelle referenze e conservate questa lista per il giorno del colloquio di lavoro. In linea di principio p è a quel momento che vi si domanderanno le referenze. La lista deve contenere le seguenti informazioni: nome dell impresa, nome, cognome, funzione e numero di telefono della persona che fornisce le referenze. 48

49 9. Con o senza foto? Se non viene esplicitamente richiesto, sta a voi decidere se allegare o meno una fotografia.vantaggi del CV con foto: La foto rende il vostro CV più personale. Essa personalizza il vostro percorso professionale. Se siete convocati a un colloquio di lavoro, la foto permette al reclutatore di ricordarsi di voi al momento della selezione. Se decidete di allegare una foto al vostro CV, seguite i seguenti consigli. Scegliete una foto attuale (formatopassaporto) La foto deve essere professionale. Da evitare: estratti delle foto di famiglia, foto con occhiali da sole o dove si intravedono delle palme ecc. Se inviate la vostra candidatura via e mail, la foto deve essere di buona qualità e le dimensioni del file non devono essere troppo grandi (al massimo 100 kb). 49

50 Alla rubrica formazione Se avete seguito una formazione o frequentato una scuola, tuttavia non avete ottenuto un diploma o un certificato finale, precisate alla rubrica «Formazione» il vostro livello e il titolo della formazione. Si potrà chiaramente evincere che non avete terminato questi studi. Tuttavia ciò vi permette di non sottolineare inutilmente delle lacune nel vostro percorso. Gli stage Se avete acquisito poca esperienza professionale, ma avete effettuato diversi stage e potuto così mettere alla prova le vostre competenze, indicateli alla rubrica «Esperienze professionali» menzionando le principali mansioni. 50

51 Lettera dicandidatura Se rispondete ad un annuncio di lavoro, redigete la lettera nella medesima lingua dell inserzione. La lettera di candidatura non deve essere più lunga di una pagina (4 paragrafi). Indicate come oggetto la designazione del posto di lavoro. Indirizzate la vostra lettera alla persona il cui nome è menzionato nell annuncio di lavoro. In caso di candidatura spontanea, cercate di scoprire il nome del responsabile del reparto che vi interessa consultando il sito Internet dell impresa o per telefono. Indicate esattamente il motivo per cui desiderate lavorare per questa impresa. Mettete in risalto i vostri punti forti. Utilizzate un vocabolario positivo (ho fatto, realizzato, effettuato, concretizzato, venduto, iniziato, creato, diretto ecc.). 51

52 Utilizzate il presente o il passato prossimo, in particolareperper descrivere i vostri successi o i vostri risultati. Il testo deve essere chiaro, comprensibile e logico. Esponete l essenziale con frasi brevi ed evitate formulazioni standard. Redigete una lettera diversa per ogni posto per cui vi candidate; le lettere standard si riconoscono facilmente. Rileggete o fate rileggere la vostra lettera per correggere l ortografia e la sintassi. La formattazione deve essere semplice e unitaria (cfr. modello). La lettera di candidatura è dattilografata, a meno che nell annuncio di lavoronon venga richiesta esplicitamente una lettera manoscritta. 52

53 Qualestiledesta l interesse diun reclutatore? Scrivete in modo dinamico, chiaro, diretto e comprensibile. Rispettate i seguenti consigli. Usate con parsimonia le abbreviazioni e i termini tecnici noti soltanto agli specialisti e non necessariamente alla persona che leggerà la vostra lettera. Di preferenza scrivete le sigle per esteso, a meno che esse non vengano utilizzate nell annuncio di lavoro. Evitate gli anglicismi, a meno che non siano frequenti nel vostro campo d attività (banca, informatica ecc.). Evitate le ripetizioni. 53

54 Una lettera ben strutturata permetterà al vostro reclutatore di farsi rapidamente una prima idea. Normalmente la lettera viene suddivisa in tre parti: Voi Io Noi Utilizzate questo schema sia per rispondere a un annuncio di lavoro sia perpresentare una candidatura spontanea. In alto a sinistra indicate i vostri dati di contatto completi: Nome e cognome Indirizzo NPA / località N. di telefono (attenzione al messaggio sulla vostra segreteria telefonica!) Indirizzo e mail: utilizzate un indirizzo da cui si può chiaramente evincere il vostro nome it) 54

55 In alto a destra indicate l indirizzo dell impresa a cui inviate il vostro incarto. Non dimenticate di apporre la data. Oggetto: Se rispondete a un annuncio di lavoro, menzionate il riferimento dell annuncio, la designazione del posto, il grado d occupazione, la località Se inviate una candidatura spontanea, menzionate «Collaborazione presso la vostra impresa» oppure «Collaborazione presso il reparto di Marketing» 55

56 Voi Io Noi Voi Nel 1 paragrafo fate riferimento all impresa per cui desiderate lavorare. Indicate così che siete veramente interessati a collaborare con questa impresa. La vostra entrata in materia deve captare l attenzione del lettore. Per poter apportare buoni argomenti, dovete informarvi in merito all impresa (sviluppi, mercati ecc.). Utilizzate tuttavia uno stile neutro ed evitate elogi eccessivamente lusinghieri. 56

57 Io Nel secondo paragrafo della vostra lettera, parlate di voi e della vostra esperienza professionale, delle vostre competenze e dei vostri successi, sempre riferendovi al posto di lavoro per cui vi candidate. dd Illustrate le vostre responsabilità, quanto avete realizzato nel settore d attività e descrivete le mansioni svolte in occasione dei precedenti impieghi. Non esitate a riprendere parole o espressioni utilizzate nell annuncio di lavoro o a utilizzare rispettivi sinonimi. 57

58 Noi Evidenziate i vostri obiettivi a medio termine e i progetti che potreste realizzare in questo posto di lavoro e che contribuirebbero allo sviluppo dell impresa. In altri termini immedesimatevi in questo posto e immaginate di essere già stati assunti e quello che potreste apportare all impresa. Frase finale Indicate che siete rapidamente disponibili per un eventuale colloquio di lavoro. 58

59 Agenzia di collocamento: Se vi rivolgete a un agenzia di collocamento e non conoscete il nome dell impresa finale che offre il posto di lavoro, utilizzate uno stile neutro. Iniziate con il menzionare il motivo per cui l annuncio di lavoro ha attirato la vostra attenzione. Dopodiché valorizzate le vostre competenze, la vostra esperienza professionale e le vostre conoscenze particolari del settore. Nell ultimo paragrafo potete menzionare l interesse che dimostrate per la vostra professione e quali particolari competenze apportate all impresa. 59

60 Qualche regola di base vi aiuterà a dimostrare la vostra professionalità. Layout unitario (margini laterali regolari, paragrafi proporzionati). Allineamento del testo a sinistra. Dimensioni e caratteri standard (p.es. «Arial» o «Verdana» tra 10 e 12 punti). Caratteri facilmente leggibili. Paragrafi brevi. Un testo strutturato in modo chiaro rende più gradevole la lettura. Non utilizzate più di due colori per evidenziare parti del testo o l oggetto della lettera. Evitate disottolineare o mettere in grassetto una parolaoo partidi una frasenella vostra lettera. Il lettore è in grado di decidere quanto è importante per lui. 60

61 Anche se sono quasi identiche, esistono delle differenze tra una candidatura che risponde a un annuncio di lavoro ed una candidatura spontanea. In entrambi i casi: potete utilizzare lo schema Voi Io Noi, indirizzate la vostra lettera a una determinata persona, informatevi sull impresa prima diredigere la vostra lettera affinché possiate motivare meglio la vostra candidatura. 61

62 Risposta ad un annuncio di lavoro Ponetevi le domande giuste. Che cosa e chi cerca l impresa / il datore di lavoro? Che cosa deve sapere su di me? Come posso dimostrare che le mie competenze soddisfano le sue aspettative? Raccogliete informazioni sul posto messo a concorso. Chiamate la persona indicata sull annuncio. Potrà sicuramente fornirvi ulteriori informazioni o almeno comunicarvi se il posto è ancora vacante. Non esitate a menzionare nella vostra lettera di candidatura il colloquio telefonico e soprattutto a utilizzare le informazioni ottenute. Riprendete i diversi punti dell annuncio di lavoro e mostrate in che misura il vostro profilo corrisponde a quello ricercato. Evidenziate i punti che vi hanno spinto a candidarvi. Concentratevi sulle esigenze dell impresa e dimostrate nella vostra lettera che voi siete la soluzione giusta per l impresa. Mettete in evidenza i vostri punti forti e i vantaggi che offrite all impresa. 62

63 Candidatura spontanea Rivolgete la vostra candidatura a un impresa del vostro settore. Rivolgetevi alla persona che potrebbe avere bisogno di voi (responsabile di un team o di un reparto ecc.). Specificate in che misura il vostro percorso professionale e le vostre conoscenze coincidono con le esigenze dell impresa (trovate informazioni sull impresa al suo sito, in articoli di giornale, tramite conoscenti che lavorano già presso di essa ecc.). Indicate il motivo per cui vi candidate proprio presso questa impresa e non un altra dello stesso settore. Valorizzate le vostre competenze, il vostro know how, i vostri successi e i principali progetti a cui avete partecipato. In parole povere, parlate di voi e dei vostri punti forti. Precisate le vostre aspettative (tipo di posto, possibilità di sviluppo ecc.). Menzionate che il vostro CV è allegato. Proponete un incontro nei quindici giorni successivi. 63

64 I vantaggi della candidatura spontanea: È l unica candidatura o una delle poche. Non è possibile fare un confronto con altri candidati. La persona che contattate avrà più tempo da dedicarvi rispetto alla risposta ad un annuncio di lavoro dove probabilmente riceverebbe numerosi incarti nello stesso tempo. Non sottovalutate il fattore «fortuna». Spesso una candidatura spontanea giunge proprio al momento più propizio per l impresa (creazione di un nuovo posto, uscita di un collaboratore ecc.). 64

Il Curriculum Vitae e la rete dei contatti personali. Materiali di Orientamento Giugno 2014

Il Curriculum Vitae e la rete dei contatti personali. Materiali di Orientamento Giugno 2014 Il Curriculum Vitae e la rete dei contatti personali Materiali di Orientamento Giugno 2014 Il Network (rete personale) La mia RETE di conoscenze e relazioni con persone che possono interessarsi alla mia

Dettagli

SUGGERIMENTI PER PREPARARE CURRICULUM E LETTERA DI PRESENTAZIONE

SUGGERIMENTI PER PREPARARE CURRICULUM E LETTERA DI PRESENTAZIONE CURRICULUM Il curriculum vitae insieme alla lettera di presentazione, rappresenta il biglietto da visita con il quale presentarsi all azienda prima di un colloquio di selezione. Un "buon" curriculum deve

Dettagli

Ricerca attiva del lavoro

Ricerca attiva del lavoro Ricerca attiva del lavoro La ricerca attiva in tre fasi 1 3 2 CONSAPEVOLEZZA STRUMENTI INFORMAZIONI Fase 1: Consapevolezza Io cosa offro? Bilancio di competenze Strumenti: Domande individuali: cosa so

Dettagli

Come costruire un CV vincente. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2014

Come costruire un CV vincente. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2014 Come costruire un CV vincente Laura Robustini EURES Adviser 04 Marzo 2014 L EUROPA E I GIOVANI Come rendo il mio cv visibile? Entra nel sito EURES: http://ec.europa.eu/eures/ Ricerca passiva: è possibile

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione 1 PREMESSA...3 PRIMA PARTE...4 1. Il Curriculum Vitae...4 Modello...5 Fac simile 1...6 2. Il Curriculum Europass...7

Dettagli

Come scrivere una lettera di presentazione?

Come scrivere una lettera di presentazione? Come scrivere una lettera di presentazione? Dividerla in tre sezioni: 1. Perché sto scrivendo e chi sono: Se state rispondendo ad un annuncio, inserzione, sui giornali, siti-web ecc allora potete esordire

Dettagli

1.4 il colloquio di lavoro fonte: Turismo.com - CLITT di G. Colli e G. Petroni

1.4 il colloquio di lavoro fonte: Turismo.com - CLITT di G. Colli e G. Petroni Prof. Ventricelli Massimo Michele Psicologo Tel. 320 7769900 1.4 il colloquio di lavoro fonte: Turismo.com - CLITT di G. Colli e G. Petroni Al colloquio di selezione bisogna giungere preparati: non c è

Dettagli

ORIENTAMENTO TECNICHE DI RICERCA ATTIVA DEL LAVORO

ORIENTAMENTO TECNICHE DI RICERCA ATTIVA DEL LAVORO ORIENTAMENTO TECNICHE DI RICERCA ATTIVA DEL LAVORO LE TAPPE DELLA RICERCA OPERATIVA DEL LAVORO 1. STABILIRE IL TARGET DI AZIENDE DA CONTATTARE. 2. STABILIRE I CANALI DA UTILIZZARE PER GIUNGERE AD UN ELENCO

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 20 Come scegliere il gestore telefonico CHIAVI In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni sulla scelta del gestore telefonico parole relative alla scelta del gestore telefonico

Dettagli

PERSONAL BRANDING COME PROMUOVERSI & FARSI CAPIRE NEL MONDO DEL LAVORO

PERSONAL BRANDING COME PROMUOVERSI & FARSI CAPIRE NEL MONDO DEL LAVORO in collaborazione con PERSONAL BRANDING COME PROMUOVERSI & FARSI CAPIRE NEL MONDO DEL LAVORO Fausto Ciarcia (Direttore HR W. Astoria Hilton) Stefano Biscioni (Presidente ESI) Giovedi 13/03/2014 Salone

Dettagli

Cosa Vedrai, Udrai, Sentirai, Percepirai quando li avrai Raggiunti?

Cosa Vedrai, Udrai, Sentirai, Percepirai quando li avrai Raggiunti? - Fermati un Momento a Riflettere sulla Direzione in cui stai Procedendo e Chiediti se proprio in quella Vuoi Andare. Se la tua Risposta è Negativa, Ti Propongo di Cambiare. - Se Fossi Sicuro di non poter

Dettagli

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta La Comunicazione Cosa significa Comunicare? Trasmettere informazioni,conoscenze,pensieri tra due o piú soggetti. La comunicazione contiene elementi non

Dettagli

A cura de del Dr. Pietro Literio (Mail: literio.pietro@laretexlavorare.com) IL CURRICULUM VITAE

A cura de del Dr. Pietro Literio (Mail: literio.pietro@laretexlavorare.com) IL CURRICULUM VITAE IL CURRICULUM VITAE (vedi anche on line sui Siti: http://europass.cedefop.europa.eu/it/documents/curriculum-vitae http://www.jobangels.it/) DEFINIZIONE E GENERALITA Il Curriculum Vitae (C.V.): E la Sintesi

Dettagli

Vediamo dei piccoli passi da fare:

Vediamo dei piccoli passi da fare: L assertività L assertività è una caratteristica del comportamento umano che consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro e valido le proprie emozioni e opinioni senza offendere né aggredire l interlocutore.

Dettagli

MONSTER UNIVERSITY TOUR

MONSTER UNIVERSITY TOUR MONSTER UNIVERSITY TOUR UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE 7 OTTOBRE 2014 PIETRO MANENTI PRODUCT MANAGER - MONSTER ITALIA Di cosa parleremo La ricerca di lavoro on line: strategie e consigli L ottimizzazione

Dettagli

CHI SONO? Qual è la mia storia personale? Quali sono le ragioni delle mie scelte di studio e professionali?

CHI SONO? Qual è la mia storia personale? Quali sono le ragioni delle mie scelte di studio e professionali? CURRICULUM VITAE CHI SONO? Qual è la mia storia personale? Quali sono le ragioni delle mie scelte di studio e professionali? Quali sono le mie caratteristiche personali? Quali sono i miei valori (le cose

Dettagli

Esame lingua d interpretariato

Esame lingua d interpretariato Certificato INTERPRET d interprete interculturale: Test modello 1 Febbraio 2015 Esame lingua d interpretariato Contenuto Introduzione pagina 2 Composizione dell esame pagina 3 Parte 1 dell esame: colloquio

Dettagli

con il patrocinio di:

con il patrocinio di: con il patrocinio di: Programma Formazione ed Innovazione per l Occupazione Scuola e Università, promosso e sostenuto dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Generale per le Politiche

Dettagli

Informazioni utili per la ricerca di un posto di apprendistato

Informazioni utili per la ricerca di un posto di apprendistato Informazioni utili per la ricerca di un posto di apprendistato Qui trovi alcuni suggerimenti e liste di controllo da stampare. Suggerimenti per la ricerca di un posto di apprendistato Fai il possibile

Dettagli

Informarsi. Raccogliere informazioni

Informarsi. Raccogliere informazioni Fase di lavoro 1 Informarsi Spieghi con parole sue a un collega oppure a un suo parente il compito che ha dovuto svolgere e che vuole descrivere nel suo rapporto È stato in grado di esprimersi in modo

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Impiegato/a di commercio profilo E / M. Candidatura a un tirocinio. Foto. Dati personali del/della candidato/a. Rappresentanti legali

Impiegato/a di commercio profilo E / M. Candidatura a un tirocinio. Foto. Dati personali del/della candidato/a. Rappresentanti legali Dipartimento federale degli affari esteri DFAE Direzione delle risorse DR Personale DFAE Impiegato/a di commercio profilo E / M Tutti i dati contenuti nel presente questionario sottostanno alla legislazione

Dettagli

Livello A2. Unità 6. Ricerca del lavoro. In questa unità imparerai:

Livello A2. Unità 6. Ricerca del lavoro. In questa unità imparerai: Livello A2 Unità 6 Ricerca del lavoro In questa unità imparerai: a leggere un testo informativo su un servizio per il lavoro offerto dalla Provincia di Firenze nuove parole del campo del lavoro l uso dei

Dettagli

COLLOQUIO DI SELEZIONE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI

COLLOQUIO DI SELEZIONE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI COLLOQUIO DI SELEZIONE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1. Qual è lo scopo del colloquio di selezione? Lo scopo del colloquio di selezione è: CAPIRE L INVESTIMENTO CHE DOVREMO FARE SULLA PERSONA IN

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 20 Come scegliere il gestore telefonico In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni sulla scelta del gestore telefonico parole relative alla scelta del gestore telefonico la

Dettagli

Esame lingua d interpretariato

Esame lingua d interpretariato Certificato INTERPRET d interprete interculturale: Test modello Gennaio 2014 Esame lingua d interpretariato Contenuto Introduzione pagina 2 Composizione dell esame pagina 3 Parte 1 dell esame: colloquio

Dettagli

Gestione del personale

Gestione del personale Esami modulari SVF-ASFC Serie pilota 2013 Serie pilota (Descrizione del modulo 2013) Gestione del personale Domande d esame Durata dell esame: 90 Minuti Mezzi ausiliari ammessi: Testi di legge (CC e CO)

Dettagli

Le componenti dell'assertività

Le componenti dell'assertività ASSERTIVITA Il comportamento assertivo è quel comportamento attraverso il quale si affermano i propri punti di vista, senza prevaricare né essere prevaricati. Si esprime attraverso la capacità di utilizzare

Dettagli

Piccolo manuale per la scrittura di una buona lettera di presentazione. Stefano Innocenti, Psicologo del Lavoro

Piccolo manuale per la scrittura di una buona lettera di presentazione. Stefano Innocenti, Psicologo del Lavoro Piccolo manuale per la scrittura di una buona lettera di presentazione Stefano Innocenti, Psicologo del Lavoro Piccolo manuale per la scrittura di una buona lettera di presentazione. Il principale obiettivo

Dettagli

LA LETTERA DI ACCOMPAGNAMENTO

LA LETTERA DI ACCOMPAGNAMENTO LA LETTERA DI ACCOMPAGNAMENTO DEFINIZIONE E CARATTERISTICHE La Lettera di Accompagnamento (al curriculum vitae) è uno strumento importante nella ricerca del lavoro, e rappresenta una modalità per entrare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14

ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14 La pedagogia dell attenzione da applicare con gli alunni in classe: L OSSERVARE e L ASCOLTARE con intenzionalità rappresentano

Dettagli

GUIDA VELOCE PER TRAINER

GUIDA VELOCE PER TRAINER GUIDA VELOCE ~ 6 ~ GUIDA VELOCE PER TRAINER Perché usare il toolkit di EMPLOY? In quanto membro del personale docente, consulente di carriera, addetto al servizio per l impiego o chiunque interessato ad

Dettagli

AREA 1 COMPRENDERE IL PERCORSO PORTFOLIO

AREA 1 COMPRENDERE IL PERCORSO PORTFOLIO AREA 1 COMPRENDERE IL PERCORSO PORTFOLIO Descrizione Questa area introduce e contestualizza il percorso di costruzione del portfolio delle competenze. Attivata nel primo o secondo anno di formazione professionale,

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA SECONDARIA DI CURNO LA CELLULA Docenti: Ilaria Topan Vi allego le schede relative ad un'attività che

Dettagli

Guida alla compilazione del curriculum vitae

Guida alla compilazione del curriculum vitae Guida alla compilazione del curriculum vitae Introduzione La redazione del curriculum vitae è una tappa importante in ogni ricerca d impiego o formazione. Il CV costituisce spesso il primo contatto con

Dettagli

I 12 principi della. Leadership Efficace in salone

I 12 principi della. Leadership Efficace in salone I 12 principi della Leadership Efficace in salone Leadership = capacita di condurre e di motivare Per condurre i tuoi dipendenti devono avere stima e fiducia di te. Tu devi essere credibile. Per motivare

Dettagli

DOPO LA SCUOLA? CHE IMPRESA!

DOPO LA SCUOLA? CHE IMPRESA! DOPO LA SCUOLA? CHE IMPRESA! Diffusione della cultura del lavoro Anno Scolastico 2006-2007 Il colloquio di lavoro in collaborazione con: IL COLLOQUIO DI LAVORO COLLOQUIO DI LAVORO Colloquio è una parola

Dettagli

COME AFFRONTARE UN COLLOQUIO DI SELEZIONE

COME AFFRONTARE UN COLLOQUIO DI SELEZIONE Emanuele Lajolo di Cossano COME AFFRONTARE UN COLLOQUIO DI SELEZIONE Università degli Studi - Torino, 19 aprile 2010 La prima cosa da fare PERCHE SONO QUI? QUAL E IL MIO OBIETTIVO? CHE COSA VOGLIO ASSOLUTAMENTE

Dettagli

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro)

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro) Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro) Rispondi alle seguenti domande indicando quale risposta è più vicino

Dettagli

MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso)

MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso) MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso) A CURA DI VINCENZO FANELLI 1 IL SIGNIFICATO DI LEADERSHIP La leadership

Dettagli

Per promuoversi nel mondo del lavoro è necessario proporsi attivamente.

Per promuoversi nel mondo del lavoro è necessario proporsi attivamente. L'obiettivo immediato di chi svolge una ricerca di lavoro consiste, naturalmente, nell'ottenere un colloquio col potenziale datore di lavoro, o nell'ammissione a un concorso laddove se ne abbiano i titoli

Dettagli

MISURA B1 LINEE 2 E 5 DEL P.O.R. OBIETTIVO 3 F.S.E. 2000-2006

MISURA B1 LINEE 2 E 5 DEL P.O.R. OBIETTIVO 3 F.S.E. 2000-2006 Strategie di ricerca attiva Pagina 1 di 11 Come Presentarsi : la lettera di accompagnamento e il Curriculum Vitae Questa sezione è molto importante perché il curriculum vitae e lettera di accompagnamento

Dettagli

Copyright@2015 Alessandro Pedrazzoli

Copyright@2015 Alessandro Pedrazzoli Chi sono? Mi chiamo Alessandro Pedrazzoli. Non lavoro nelle HR (risorse umane), non mi occupo di assumere direttamente dei candidati: mi occupo di Marketing, e in questo ebook ti spiegherò come sfruttarne

Dettagli

A) Accenni al fatto che avete frequentato la stessa Università, subito, mentre vi presentate

A) Accenni al fatto che avete frequentato la stessa Università, subito, mentre vi presentate Rispondi al questionario per scoprire quanto sei incisivo nella PERSUASIONE! Per te 10 domande selezionate dal Prof. Robert Cialdini, cattedra di Psicologia e Marketing presso l Università dell Arizona,

Dettagli

Grafico del livello di attività per 90 giorni

Grafico del livello di attività per 90 giorni Grafico del livello di attività per giorni "Gli agenti immobiliari di Successo fanno quello che gli agenti immobiliari normali non amano fare." Salvatore Coddetta. Il lavoro di agente immobiliare è quello

Dettagli

Lettera di motivazione Servizio Volontario Europeo (programma Gioventù In Azione)

Lettera di motivazione Servizio Volontario Europeo (programma Gioventù In Azione) Lettera di motivazione Servizio Volontario Europeo (programma Gioventù In Azione) Ecco alcuni consigli per scrivere una buona lettera di motivazione per il tuo SVE: 1. Prima di scriverla Cercando i progetti

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA

IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA A cura del 1 LA MATEMATICA: perché studiarla??? La matematica non è una disciplina fine a se stessa poichè fornisce strumenti importanti e utili in molti settori della

Dettagli

Formazione base sul network marketing rivolta ai distributori Fm group.

Formazione base sul network marketing rivolta ai distributori Fm group. Formazione base sul network marketing rivolta ai distributori Fm group. A cura di Massimo Luisetti Sito Internet: http://www.1freecom.com email: m.luisetti@tiscali.it Tel. 339 2597666 id Skype: giomax50

Dettagli

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione 4 LEZIONE: Programmazione su Carta a Quadretti Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10 Minuti Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione SOMMARIO:

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 LE CONSIDERAZIONI STRATEGICHE DA FARE SUI FORNITORI... 4 CONCENTRARSI SUGLI OBIETTIVI... 4 RIDURRE

Dettagli

! " # # ' (# )! ' (* + #, - &. / $ - " # ' &( #- $ 0!&!0 $ - $ # " 1 2! -$! " #- " " " - $ # &#, & $" #3 - & -& #3 & $ $ $ #

!  # # ' (# )! ' (* + #, - &. / $ -  # ' &( #- $ 0!&!0 $ - $ #  1 2! -$!  #-    - $ # &#, & $ #3 - & -& #3 & $ $ $ # ! "!$!%&& ' ( )! ' (* +, - &. / $ - " ' &( - $ 0!&!0 $ - $ " 1 2! -$! " - " " " - $ &, & $" 3 - & -& 3 & $ $ $ ) -!!%! - $$1-0! 4 $$- 2 &!% &!- 5!$! & $ )-! 6! $$ &! " -" $ 5 $ - "! $ &" 2 " 1 - $ $1 &&

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI

SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI Classi 3-5 II Livello SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI Motivazione: una buona capacità comunicativa interpersonale trova il suo punto di partenza nel semplice parlare e ascoltare

Dettagli

TECNICHE DI VENDITA. ESIGENZE GENERALI: diminuire lo sforzo impiegato nella vendita interpersonale e aumentare la propria capacità di persuasione.

TECNICHE DI VENDITA. ESIGENZE GENERALI: diminuire lo sforzo impiegato nella vendita interpersonale e aumentare la propria capacità di persuasione. TECNICHE DI VENDITA Essere in grado di affrontare con successo le diverse tipologie di clienti realizzando proficue vendite dipende, soprattutto, da come viene affrontato il colloquio interpersonale con

Dettagli

Dopo la formazione i mentori saranno consapevoli che

Dopo la formazione i mentori saranno consapevoli che Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor 2.5. Perché e in che modo le competenze pedagogiche sono importanti per i mentori che lavorano nella formazione professionale (VET) Tempistica Tempo totale 2 ore:

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana

PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana giugno 2011 PARLARE Livello MATERIALE PER L INTERVISTATORE 2 PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri

Dettagli

Come scegliere la web agency. Scegliere l Agenzia Web. Tips and triks (Dalla parte della ditta)

Come scegliere la web agency. Scegliere l Agenzia Web. Tips and triks (Dalla parte della ditta) Come scegliere la web agency Scegliere l Agenzia Web. Tips and triks (Dalla parte della ditta) Premessa Come illustrato nello schema, raggiungere il cliente tramite internet (percorso frecce in verde)

Dettagli

Centro Formazione Insegnanti Rovereto. Relatrice: Dr.ssa Serena Valorzi www.serenavalorzi.it

Centro Formazione Insegnanti Rovereto. Relatrice: Dr.ssa Serena Valorzi www.serenavalorzi.it Centro Formazione Insegnanti Rovereto Relatrice: Dr.ssa Serena Valorzi www.serenavalorzi.it Gli uomini non vengono angosciati dalle cose, bensì dalle opinioni che si fanno su di esse. Epitteto, filosofo

Dettagli

DIRETTORE RESPONSABILE STAMPA

DIRETTORE RESPONSABILE STAMPA 2 GUIDA TASCABILE IL CURRICULUM UM VITAE Uno dei momenti più importanti nella ricerca di un lavoro è la realizzazione del curriculumvitae, perchè è il vostro biglietto da visita, il vostro primo approccio

Dettagli

COLLOQUIO EFFICACE URBINO 3-12-2010. Antonella Scalognini A.A.2010/2011. www.mastercounselingurb.it

COLLOQUIO EFFICACE URBINO 3-12-2010. Antonella Scalognini A.A.2010/2011. www.mastercounselingurb.it COLLOQUIO EFFICACE URBINO 3-12-2010 Tipologie di rispecchiamento Il rispecchiamento può avvenire: -a livello non verbale, quando si riproducono la posizione, i gesti, i movimenti, la respirazione, l espressione

Dettagli

Indicazioni 0perative PDP alunni stranieri Allegato 5

Indicazioni 0perative PDP alunni stranieri Allegato 5 Anno scolastico 2014/2015 Indicazioni 0perative PDP alunni stranieri Allegato 5 Gli alunni stranieri per i quali si prevedere la progettazione di un Piano Didattico Personalizzato sono quelli non ancora

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

Parole e espressioni del testo

Parole e espressioni del testo Unità 7 Istruzione e scuola In questa unità imparerai: a leggere un testo informativo sull iscrizione online nelle scuole italiane nuove parole ed espressioni l uso dei periodo ipotetico della realtà come

Dettagli

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di Sessione La negoziazione Introduzione INTRODUZIONE Il presente modulo formativo ha lo scopo di aiutare il manager a riesaminare le dinamiche interpersonali e le tecniche che caratterizzano una negoziazione

Dettagli

La comunicazione potente dei Coach

La comunicazione potente dei Coach La comunicazione potente dei Coach Il potere delle parole 13 Il Coaching può essere definito come una potente arte sull uso del potere delle parole. Quando si pratica il coaching con una persona si affrontano

Dettagli

Costruisci la tua presenza con le Pagine Facebook

Costruisci la tua presenza con le Pagine Facebook Pagine 1 Costruisci la tua presenza con le Pagine Una guida per musicisti e artisti La Ogni giorno, milioni di persone in tutto il mondo visitano per connettersi con gli amici e condividere i propri contenuti

Dettagli

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI Come assicurarti soldi e posto di lavoro nel bel mezzo della crisi economica. www.advisortelefonica.it Complimenti! Se stai leggendo

Dettagli

Lo scenario economico pro attività e atteggiamento 8 Ottobre 2012

Lo scenario economico pro attività e atteggiamento 8 Ottobre 2012 Lo scenario economico pro attività e atteggiamento 8 Ottobre 2012 CORSO DATE OBIETTIVO DESCRIZIONE INTRODUZIONE Lunedì 8 Ottobre 9,30-13,30 Dare avvio al programma formativo, descrivendo il percorso e

Dettagli

Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor

Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor Estratto dal progetto Foundations for Work per gentile concessione di DiversityWorks (Progetto n. 2012-1-GB2-LEO05-08201) Introduzione Perché

Dettagli

GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI

GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI Raduno arbitri 2011 D.ssa Barbara Bononi Prendete un foglio e scrivete ognuno la propria definizione di.. ARBITRAGGIO

Dettagli

1 Tratto dal sito: www.cliccalavoro.it, 26/09/01 2 tratto dal sito: www.jobline.it a cura di Susan Pronesti, 12/11/01

1 Tratto dal sito: www.cliccalavoro.it, 26/09/01 2 tratto dal sito: www.jobline.it a cura di Susan Pronesti, 12/11/01 1 Cosa è il colloquio di selezione. 1. Il colloquio di selezione è una discussione in cui dovrete prendere parte attiva, in cui entrambe le parti hanno un ruolo importante. Il candidato interviene, fa

Dettagli

A.A.A LAVORO CERCASI!!!

A.A.A LAVORO CERCASI!!! A.A.A LAVORO CERCASI!!! 1 2 Carissimi, l'amministrazione Comunale di Azzano San Paolo nel corso degli anni ha promosso attività volte al sostegno dei giovani cittadini. Pensiamo che sia fondamentale in

Dettagli

Formazione. Comunità incontro ONLUS Novembre 2003 dicembre 2004

Formazione. Comunità incontro ONLUS Novembre 2003 dicembre 2004 Formazione Mediatore culturale ISTITUTO: PERIODO E VOTO: PRINCIPALI MATERIE: COSA MI HA LASCIATO: Comunità incontro ONLUS Novembre 2003 dicembre 2004 Front office di orientamento (ascolto attivo, comprensione

Dettagli

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007)

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007) ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, GRAFICI, ALBERGHIERI E SOCIALI L. EINAUDI Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr

Dettagli

Come aumentare la visibilità su Facebook della tua attività locale

Come aumentare la visibilità su Facebook della tua attività locale Come aumentare la visibilità su Facebook della tua attività locale Molte volte, parlando soprattutto di piccole attività, è meglio cercare i propri clienti in zona. Sono più facili da raggiungere e possono

Dettagli

Modesto Di Noia e il Potere della Mente nella Formazione Aziendale

Modesto Di Noia e il Potere della Mente nella Formazione Aziendale Modesto Di Noia e il Potere della Mente nella Formazione Aziendale Modesto Di Noia. Trainer in PNL e Psicologia Analogica. Titolare di Mentaltra, giovane azienda appena insediatosi nella Zona Industriale

Dettagli

Come creare una CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE in solo 10 minuti e dal sicuro successo, attraverso un OGGETTO personalizzato!

Come creare una CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE in solo 10 minuti e dal sicuro successo, attraverso un OGGETTO personalizzato! Come creare una CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE in solo 10 minuti e dal sicuro successo, attraverso un OGGETTO personalizzato! Realizzato da Luca Giovannetti, responsabile marketing di Europromo La società Europromo

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

Difficoltà di linguaggio o di comunicazione?

Difficoltà di linguaggio o di comunicazione? Dott.ssa Mariangela Varotto Logopedista Ass. La Nostra Famiglia IRCCS E.Medea Conegliano, TV Difficoltà di linguaggio o di comunicazione? La balbuzie in età evolutiva: quali possibili conseguenze nei principali

Dettagli

Indice. Il bilancio delle competenze. Il curriculum vitae Il mio progetto. Banche dati

Indice. Il bilancio delle competenze. Il curriculum vitae Il mio progetto. Banche dati Indice Il bilancio delle competenze Competenze Il curriculum vitae Il mio progetto Stabilire mete Banche dati Il bilancio delle competenze La consapevolezza di sé comporta la conoscenza dei propri stati

Dettagli

IL MARKETING DELLA RISTORAZIONE. La promozione di un ristorante

IL MARKETING DELLA RISTORAZIONE. La promozione di un ristorante IL MARKETING DELLA RISTORAZIONE La promozione di un ristorante La promozione interna Si tratta delle strategie di vendita rivolte al cliente che è già «entrato» nel locale: Elaborazione di nuove proposte

Dettagli

Il colloquio di lavoro Workshop della durata di 2 giorni

Il colloquio di lavoro Workshop della durata di 2 giorni Il colloquio di lavoro Workshop della durata di 2 giorni Come avere successo ed ottenere il lavoro desiderato! AIUTA LE AZIENDE A SELEZIONARTI Essere consapevoli dei propri vantaggi, conoscere l azienda

Dettagli

APPUNTI PER UN ASSERTIVITA DI GENERE

APPUNTI PER UN ASSERTIVITA DI GENERE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CONVEGNO: Il conciliatore assertivo APPUNTI PER UN ASSERTIVITA DI GENERE Odile ROBOTTI 17 NOVEMBRE 2011 - ODCEC Milano, Corso Europa 11 Sommario Cosa si intende

Dettagli

Guida pratica. Leggere attentamente la parte teorica. Scegliere, approfondire e conoscere il tema

Guida pratica. Leggere attentamente la parte teorica. Scegliere, approfondire e conoscere il tema ITALIA E SVIZZERA VERSO L EXPO 2015 IMPARARE SVILUPPARE DIFFONDERE Guida pratica per lo sviluppo di un concept di un APP: i passi fondamentali 1 Leggere attentamente la parte teorica Sapete cos è un APP,

Dettagli

MANUALE DEL SOMMINISTRATORE INVALSI 2015-2016

MANUALE DEL SOMMINISTRATORE INVALSI 2015-2016 MANUALE DEL SOMMINISTRATORE INVALSI 2015-2016 Nella tabella 1 è indicato, per ciascuno strumento di rilevazione, il tempo previsto per la sua somministrazione. Il tempo si conteggia dal momento in cui,

Dettagli

Customer satisfaction

Customer satisfaction [moduli operativi di formazione] Customer satisfaction Soddisfare Migliorare Continuare a soddisfare CUSTOMER SATISFACTION Tutte le aziende dipendono dai propri clienti ed è indispensabile agire per capire

Dettagli

Resume: ruoli commerciali, direttivi; campi dei media, audiovisivi, creativi...

Resume: ruoli commerciali, direttivi; campi dei media, audiovisivi, creativi... CURRICULUM VITAE Che differenza c è tra Curriculum Vitae e Resume? Differenti terminologie utilizzate in differenti paesi: Il termine Resume si utilizza esclusivamente negli Stati Uniti. Il termine Curriculum

Dettagli

IL CURRICULUM VITAE. Esistono comunque delle regole generali sempre valide da leggere con spirito critico e da interpretare in modo flessibile.

IL CURRICULUM VITAE. Esistono comunque delle regole generali sempre valide da leggere con spirito critico e da interpretare in modo flessibile. IL CURRICULUM VITAE Il curriculum è il nostro biglietto da visita personale e professionale. Nel CV dobbiamo valorizzare le nostre caratteristiche personali cercando di dare al documento 'una personalità

Dettagli

L idea imprenditoriale

L idea imprenditoriale 16 L idea imprenditoriale Una buona idea Una volta che hai precisato le tue attitudini e propensioni personali, è giunto il momento di muovere i veri primi passi nel mondo dell imprenditoria e di iniziare

Dettagli

BRAND IDENTITY. Diamo Colore. tua identità ALLA. E-book n 1 - Copyright Reserved

BRAND IDENTITY. Diamo Colore. tua identità ALLA. E-book n 1 - Copyright Reserved BRAND IDENTITY Diamo Colore ALLA tua identità Brand Identity Indice Diamo colore alla tua identità Segmentazione, Targeting, Posizionamento pagina 3 Narrazione Aziendale Mission e Vision nella strategia

Dettagli

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Nel corso del primo anno : - riconosce il nome proprio; - dice due-tre parole oltre a dire mamma e papà ; - imita

Dettagli

L ASSERTIVITA PER GESTIRE I CONFLITTI E SVILUPPARE GLI APPRENDIMENTI

L ASSERTIVITA PER GESTIRE I CONFLITTI E SVILUPPARE GLI APPRENDIMENTI UNIONE EUROPEA Fondo Sociale Europeo P.O.N. Competenze per lo sviluppo Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI VERGA Via Pacini 62 95029 VIAGRANDE (CT) Tel.0957894373 Fax. 0957901476 C.F.81003650876 C.M.:

Dettagli

7 consigli per una job description irresistibile. Descrizioni spettacolari=candidati spettacolari

7 consigli per una job description irresistibile. Descrizioni spettacolari=candidati spettacolari 7 consigli per una job description irresistibile Descrizioni spettacolari=candidati spettacolari Sommario Consiglio 1: Scatena la tua creatività per la descrizione del ruolo, NON per il nome della posizione

Dettagli