Appendice A: il calcolo dei flussi nella valutazione degli investimenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Appendice A: il calcolo dei flussi nella valutazione degli investimenti"

Transcript

1 :11 Pagina 465 Le decisioni di lungo termine: gli elementi necessari alla valutazione di un investimento 465 rischio dei manager potrebbe condizionare il rifiuto di un progetto con un van positivo e addirittura non fargli neppure superare il processo di selezione. Appendice A: il calcolo dei flussi nella valutazione degli investimenti L impresa Morelli spa deve stabilire se acquistare un nuovo impianto altamente automatizzato del costo di , per il quale si ipotizza: un pagamento contestuale all acquisto, una vita economica di 5 anni e un coefficiente di ammortamento del 15% all anno; la possibilità di gestire l impianto usufruendo di un attuale esubero di forza lavoro che non potrebbe comunque essere eliminato; un valore previsto di ricavo da cessione dell impianto di al termine del quinto anno, che si prevede di incassare contestualmente all atto della vendita; ricavi annui incrementali (tutti a credito) pari a il primo anno, crescenti di /anno nel secondo e nel terzo anno, costanti nel quarto anno, quindi decrescenti di nel quinto anno; una dilazione di incasso del credito commerciale di 90 giorni e di pagamento dei fornitori di materiali diretti di 60 giorni; un incidenza dei materiali diretti sui ricavi del 35%; l esigenza di avere ogni anno un livello di rimanenze di materiali diretti pari al 20% dei ricavi dell anno e la necessità di disporre di un tale livello dall inizio dell anno; valori trascurabili di rimanenze di semilavorati e prodotti finiti; costi di periodo incrementali (stipendi) pari a per i primi due anni e quindi pari a per gli ultimi tre; si ipotizzi che questi costi siano pagati nello stesso periodo di competenza e che l effetto del tfr sia trascurabile; una struttura finanziaria obiettivo costituita per il 55% da debito e per il 45% da capitale netto; un costo del debito pari all 8,00% e un costo del capitale netto pari all 11,64%; un aliquota di imposta sul reddito del 60%. Posto che: tutti i flussi di cassa di un certo anno abbiano per semplicità manifestazione alla fine dell anno; l attività venga chiusa al termine del quinto anno liquidando alla stessa data le rimanenze di materiali diretti ed estinguendo i crediti commerciali e i debiti verso i fornitori (tutti ai valori di bilancio); le imposte siano completamente pagate nell anno di competenza. Si chiede di valutare la convenienza economica dell investimento.

2 :11 Pagina Capitolo 16 Soluzione Il conto economico riporta la composizione del reddito dell esercizio in un determinato periodo, cioè la differenza tra i ricavi e i costi di quel periodo. Ricavi e costi sono determinati in base al principio di competenza: sono eventi economici la cui manifestazione finanziaria può essere ritardata o anticipata rispetto al periodo di loro competenza o anche non avere mai luogo (come nel caso dell ammortamento). Nei problemi di analisi degli investimenti si attualizzano però flussi di cassa: gli esborsi e gli incassi che il progetto determina, non i ricavi e i costi. In molte circostanze i flussi di cassa, soprattutto se si tratta di investimenti finanziari, sono calcolabili per via diretta. È questo per esempio il caso di chi intendesse valutare la convenienza di acquistare a un certo prezzo obbligazioni emesse n anni prima, che abbiano un rendimento annuo dell x%, con una vita residua di n anni ed essendo il rendimento attuale di mercato delle obbligazioni pari all y%. Quando invece si tratta di progetti d investimento industriali, i flussi di cassa sono normalmente calcolati con il metodo indiretto, a partire cioè dal reddito differenziale del progetto e apportando rettifiche ai ricavi e ai costi per passare da una competenza economica a una competenza di cassa. La differenza tra i ricavi e i costi differenziali di un progetto, cioè il reddito differenziale, coinciderebbe infatti con il flusso di cassa differenziale solo se tutti i ricavi fossero incassati nel periodo in cui sono realizzati, se tutti i costi di competenza fossero pagati nel periodo in cui sono sostenuti e se non vi fosse alcun costo di ammortamento o altri costi non finanziari. Poiché i progetti industriali richiedono normalmente l acquisto di beni a utilizzo pluriennale e la costituzione di capitale circolante, è necessario apportare rettifiche ai ricavi e ai costi differenziali per calcolare il flusso di cassa differenziale 16. Alla base del calcolo indiretto vi sono due considerazioni. In primo luogo, il management è abituato a pensare in termini di categorie economiche, non di flussi di cassa. In secondo luogo, è comunque necessario redigere un conto economico prospettico per calcolare il valore di un importante uscita di cassa, quella relativa alle imposte (che dipendono dal reddito imponibile). La Figura 16.5 rappresenta il processo logico di conversione dei risultati da una competenza economica a una competenza finanziaria. Come detto nella prima parte del capitolo, la configurazione di flusso di cassa differenziale da attualizzare al costo medio ponderato del capitale (wacc) è il flusso di cassa operativo (operating cash flow), dunque quello che sarebbe il flusso monetario differenziale nell ipotesi che il progetto fosse finanziato esclusivamente da capitale netto. Le uscite di cassa per il pagamento degli interessi sono pertanto escluse dal calcolo del flusso di cassa operativo, al pari di tutti i movimenti finanziari legati 16 Una descrizione del rendiconto finanziario è in: Anthony, Breitner e Macrì, 2004.

3 :11 Pagina 467 Le decisioni di lungo termine: gli elementi necessari alla valutazione di un investimento 467 Fig Dalla competenza economica alla competenza di cassa Ricavi Rettifiche ai ricavi Reddito Flusso di cassa operativo Costi Rettifiche ai costi Contabilità per competenza Contabilità per cassa alla restituzione di debito in conto capitale o all accensione di nuovi debiti. Il flusso di cassa operativo ha il vantaggio di non dipendere dalle scelte di finanziamento del progetto, delle quali si tiene invece conto attraverso il calcolo del costo medio ponderato del capitale. Nel conto economico differenziale sono pertanto assenti gli interessi passivi e il reddito, come detto, è quello al netto delle imposte. Per calcolare le rettifiche da apportare ai ricavi e ai costi rappresentate nella Figura 16.5 è necessario in primo luogo determinare il conto economico differenziale del progetto. Nel caso del progetto Morelli è quello riportato nella Figura Il calcolo del flusso di cassa operativo con il metodo indiretto inizia, come detto, dal valore del reddito netto differenziale e applica tutte le rettifiche necessarie per trasformare questo importo nel flusso di cassa operativo differenziale. Lo schema di calcolo è quello della Figura 16.7 che sarà ora descritto in dettaglio. Rettifiche per costi e componenti di reddito non finanziarie L ammortamento Il costo dell ammortamento deve essere sommato al reddito netto per determinare il flusso di cassa operativo. L ammortamento viene infatti registrato nel seguente modo: Dare: ammortamento (costo) Avere: Fondo di ammortamento (posta rettificativa dell attivo) Questa scrittura non interessa il conto Cassa e pertanto l ammortamento non ha alcun effetto sulla liquidità. L ammortamento è un costo non finanziario perché l esborso si è già verificato al momento dell acquisto del bene che viene ammor-

4 :11 Pagina Capitolo 16 Fig Conto economico differenziale del progetto Morelli (valori in euro) Anno 0 Anno 1 Anno 2 Anno 3 Anno 4 Anno 5 Ricavi Materie prime (35% dei ricavi) Costi di periodo (stipendi) Ammortamento ( ,15) Reddito operativo ante imposte Minusvalenza da alienazione impianto* Reddito ante imposte Imposte (60%) Reddito netto * valore non ammortizzato = ( ( ,15/anno 5 anni)) = tizzato. Per passare da una competenza economica a una competenza di cassa l ammortamento deve quindi essere sommato al reddito netto perché così facendo si annulla la precedente deduzione (in quanto costo, l ammortamento viene infatti sottratto ai ricavi per determinare il reddito). Esempio Si supponga che siano solo due, in un certo periodo, le transazioni di un impresa: vendite pronta cassa per 2000 e ammortamento per 500. Il reddito netto è pari a 1500 ( ), ma il flusso di cassa del periodo è di 2000, perché all ammortamento non corrisponde alcuna uscita di cassa. Per ottenere il flusso di cassa di 2000 a partire dall utile netto ( 1500) dobbiamo sommare a questo valore l ammortamento ( 500). La quota al fondo svalutazione crediti Tutti i costi non finanziari devono essere sommati all utile netto per determinare il flusso di cassa operativo. Tra questi costi, oltre all ammortamento, vi sono le rettifiche ai valori patrimoniali, come la quota al fondo svalutazione crediti, costo che viene registrato nel seguente modo: Dare: Quota al fondo svalutazione crediti (costo) Avere: Fondo svalutazione crediti (voce rettificativa dell attivo) Anche in questo caso la registrazione non interessa il conto cassa: pertanto il costo quota al fondo svalutazione crediti non ha alcun effetto sulla liquidità e deve essere sommato al reddito netto per annullare la precedente deduzione in conto economico.

5 :11 Pagina 469 Le decisioni di lungo termine: gli elementi necessari alla valutazione di un investimento 469 Fig Schema di calcolo del flusso di cassa operativo con il metodo indiretto Anno 0 Anno 1 Anno 2 Anno 3 Anno 4 Anno 5 Reddito netto (A) Rettifiche per componenti di reddito non finanziarie: + Ammortamento Minusvalenze da alienazione dei cespiti Plusvalenze da alienazione dei cespiti Accantonamento al fondo svalutazione crediti Rettifiche per componenti di reddito non finanziarie (B) Rettifiche per variazioni del capitale circolante: Incremento delle rimanenze Decremento delle rimanenze Incremento dei crediti commerciali Decremento dei crediti commerciali Decremento dei debiti verso fornitori Incremento dei debiti verso fornitori Incremento di altre attività operative* Decremento di altre attività operative* Decremento di altri debiti operativi** Incremento di altri debiti operativi** Rettifiche per variazioni del capitale circolante netto (C) Flusso monetario per investimenti e alienazioni: Esborsi per acquisto di immobilizzazioni Incassi da cessione di immobilizzazioni Flusso monetario per acquisto e per alienazioni di immobilizzazioni (D) Flusso di cassa operativo (A + B + C + D) * Esclusi i crediti commerciali, le rimanenze e la cassa. ** Escluso il debito verso fornitori. Le plus e minusvalenze da alienazione di immobilizzazioni I ricavi da cessione delle immobilizzazioni fanno parte del flusso monetario generato dalle operazioni di investimento/alienazione di immobilizzazioni, flusso riportato nella parte bassa della Figura Le plusvalenze e le minusvalenze da alie-

6 :11 Pagina Capitolo 16 nazione sono anch esse rettifiche da apportare al reddito (ma non flussi di cassa); le prime vanno sottratte, le seconde sommate. Nel caso in questione, per esempio, il ricavo da cessione dell impianto è e poiché il valore non ancora ammortizzato (valore contabile netto) è, alla data della cessione, pari a ( ,15/anno 5 anni), nasce una minusvalenza di ( ). L incasso di , che rappresenta l entrata di cassa ottenuta dalla vendita dell impianto, è già presente come flusso monetario da alienazione e poiché invece la minusvalenza è stata sottratta dai ricavi in quanto componente negativa di reddito partecipante alla definizione del reddito imponibile, l effetto sul reddito di questa deduzione deve essere annullato attraverso una rettifica positiva di pari importo. Sommando al reddito netto la minusvalenza (o deducendo un eventuale plusvalenza) si annulla pertanto il doppio conteggio. In conclusione, l effetto delle plusvalenze e delle minusvalenze sul flusso di cassa operativo è esclusivamente quello di partecipare alla formazione del reddito imponibile, dunque determinare maggiori o minori esborsi per il pagamento delle imposte. Rettifiche per variazioni del capitale circolante La variazione dei crediti commerciali I valori dell investimento in capitale circolante che il progetto richiede sono riportati nella Figura La rettifica da effettuare per tenere conto della variazione dei crediti commerciali è desumibile dalla Figura 16.9 che si riferisce al secondo anno dell investimento. Se i ricavi sono tutti a credito, allora osservando il conto Crediti commerciali si ha che: e dunque: Crediti iniziali + Ricavi Crediti incassati nel periodo = Crediti finali Incassi da ricavi nel periodo = Ricavi Δ Crediti 17 Per passare da una competenza economica (ricavi) a una competenza di cassa (incassi da ricavi nel periodo) bisogna dunque apportare una rettifica negativa pari all aumento dei crediti commerciali oppure una positiva pari al decremento dei cre- 17 Nel nostro caso possiamo supporre di incassare nell anno i crediti commerciali presenti all inizio dell anno, più i 9/12 dei ricavi dell anno (i clienti concedono infatti una dilazione di 90 giorni sicché al 31/12 la Morelli non avrà ancora incassato i ricavi di ottobre, novembre e dicembre). Queste ipotesi non sono comunque necessarie per definire la formula generale sopra illustrata, perché non c è bisogno di definire quali crediti si incassino, ma solo quanti crediti si incassino.

7 :11 Pagina 471 Le decisioni di lungo termine: gli elementi necessari alla valutazione di un investimento 471 Fig I valori dei crediti commerciali, delle rimanenze di materie prime e del debito verso fornitori Anno 0 Anno 1 Anno 2 Anno 3 Anno 4 Anno 5 Crediti commerciali * Incasso dei crediti commerciali alla fine del 5 anno Crediti commerciali dopo l incasso del 5 anno (A) Rimanenze di materie prime ** Smobilizzo delle rimanenze alla fine del 5 anno Rimanenze m.p. dopo lo smobilizzo del 5 anno (B) Debito verso fornitori di materie prime *** Pagamento dei fornitori alla fine del 5 anno Debito fornitori dopo il pagamento del 5 anno (C) Capitale circolante netto (A + B + C) * 3/12 dei ricavi (dilazione concessa 90 gg.). ** 20% dei ricavi. *** 2/12 degli acquisti di materia prima (dilazione concessa 60 gg.). L aumento delle rimanenze si è verificato all inizio del periodo e pertanto si ipotizza che al 31/12 questi acquisti siano stati già pagati e che pertanto rimanga in essere solo il debito relativo all acquisto di materie prime relative ai mesi di novembre e dicembre. diti commerciali del periodo. Un aumento dei crediti commerciali in un certo periodo significa infatti che gli incassi da ricavi nel periodo sono stati inferiori ai ricavi realizzati nello stesso periodo e viceversa. La stessa logica si applica anche alle altre attività facenti parte del capitale circolante. Per esempio, se una parte dei ricavi avesse come contropartita il conto Ratei attivi e non il conto Crediti commerciali, si avrebbe 18 : Incassi da ricavi = Ricavi Δ Crediti Δ Ratei Si lascia al lettore la dimostrazione di questa semplice formula. 18 Per esempio, l investimento potrebbe prevedere una cessione in locazione al 30/6 di un certo anno (con pagamento posticipato annuale) di un immobile di proprietà per un determinato numero di anni. Se il canone fosse di 2000 al mese, allora al 31/12 di ciascun periodo si dovrebbe rilevare in avere di ricavi ( ) e lo stesso importo in dare di ratei attivi

8 :11 Pagina Capitolo 16 Fig Le rettifiche per la variazione dei crediti commerciali Cassa Ricavi (2) (1) (3) Crediti commerciali Credito iniziale (2) (1) (3) Credito finale La variazione delle rimanenze Si ipotizzi inizialmente che gli acquisti di materiali diretti siano pagati in contanti. Se in un certo anno le rimanenze aumentano di un dato importo, allora questo significa che l impresa ha acquistato nel periodo le materie prime (m.p.) utilizzate per i beni che ha prodotto e venduto 19 più la quantità necessaria ad accrescere il valore delle rimanenze. Si ha pertanto: Acquisti = Costo di competenza di m.p. + Δ Rimanenze m.p. Nell ipotesi che i fornitori siano pagati in contanti, gli acquisti coincidono con gli esborsi per l acquisto di materie prime e si ha dunque: Esborsi per m.p. = Costo di competenza di m.p. + Δ Rimanenze m.p. Gli esborsi sono pertanto maggiori del costo di competenza quando il livello delle rimanenze cresce e viceversa. Poiché nel calcolo del reddito si considerano solo i costi di competenza del periodo, per calcolare il flusso di cassa è necessario rettificarlo deducendo l incremento eventuale delle rimanenze. Se viceversa il livello delle rimanenze si riducesse nel periodo, allora questo vorrebbe dire che una parte delle materie prime di competenza del periodo non è stata acquistata, bensì prele- 19 Il valore della materia prima contenuta nei beni venduti è il costo di competenza presente in conto economico, costo che riduce nel periodo il valore delle rimanenze, così come gli acquisti lo incrementano.

9 :11 Pagina 473 Le decisioni di lungo termine: gli elementi necessari alla valutazione di un investimento 473 Fig Le rettifiche per la variazione delle rimanenze e del debito verso fornitori Cassa Debito verso fornitori Pagamenti Pagamenti Deb. iniz. Acquisti (1) Deb. fin. Rimanenze di m.p. Costo del venduto Rim. iniz (2) (2) (1) Acquisti Rim. fin vata dal magazzino. Una riduzione delle rimanenze richiede pertanto una rettifica positiva, perché il costo di competenza presente in conto economico risulta maggiore del flusso di cassa relativo agli acquisti di materie prime. Se ora ipotizziamo che i fornitori di materiali diretti non siano, come nel caso più generale, pagati in contanti, si ha che: Esborsi per m.p. = Costo di competenza + Δ Rimanenze Δ Debito verso fornitori L ammontare degli esborsi per acquisti è ridotto dall eventualità che non tutti gli acquisti del periodo siano pagati, circostanza questa che determina un aumento del debito verso i fornitori. Viceversa, una riduzione del debito verso i fornitori significa che gli esborsi hanno fronteggiato gli acquisti del periodo e hanno inoltre ridotto il debito iniziale verso i fornitori. Una spiegazione formale della relazione ora descritta è desumibile dalla Figura 16.10, che riporta i dati relativi del secondo anno dell investimento della Morelli spa, dati desumibili dalle precedenti figure. Esaminando il conto Debito verso fornitori si ha che: Debito iniziale + Acquisti Pagamenti a fornitori = Debito finale (1) Esaminando invece il conto rimanenze materie prime si ha: Rimanenze iniziali + Acquisti Costo di competenza = Rimanenze finali

10 :11 Pagina Capitolo 16 da cui: Acquisti = Costo di competenza + Δ Rimanenze (2) Sostituendo nella (1) ad Acquisti l espressione (2) ora trovata si ha: Debito iniziale + (Costo di competenza + Δ Rimanenze) Pagamenti = Debito finale e quindi: Pagamenti = Costo di competenza + Δ Rimanenze Δ Debito verso fornitori Per passare da una competenza economica (il costo di m.p. presente in conto economico) a una competenza di cassa (i pagamenti a fornitori di m.p.) è pertanto necessario sommare al costo di competenza gli incrementi delle rimanenze e sottrarre l incremento dei debiti verso fornitori (e viceversa). L effetto del debito verso fornitori è lo stesso in relazione a qualsiasi altro costo, di periodo o di prodotto che sia: un aumento del debito verso fornitori implica una rettifica positiva e viceversa. Flusso monetario per acquisto e per alienazione di immobilizzazioni Per calcolare il flusso di cassa operativo è necessario tenere conto degli esborsi necessari all acquisto delle immobilizzazioni (tecniche e non) e di eventuali incassi derivanti dall alienazione di immobilizzazioni (ricavi da cessione). Flusso di cassa operativo In definitiva si ha: Reddito netto + Rettifiche per componenti di reddito non finanziarie +/ Rettifiche per variazioni del capitale circolante netto +/ Flusso monetario per acquisto e alienazione di immobilizzazioni = Flusso di cassa operativo Calcolato il flusso di cassa operativo, è ora necessario attualizzarlo per trovare il valore attuale netto dell investimento. I risultati sono presenti nella Figura Nelle ipotesi fatte l investimento risulta pertanto conveniente di

11 :11 Pagina 475 Le decisioni di lungo termine: gli elementi necessari alla valutazione di un investimento 475 Fig Calcolo del VAN dell investimento Anno 0 Anno 1 Anno 2 Anno 3 Anno 4 Anno 5 Flusso di cassa operativo Costo medio ponderato del capitale (WACC)* 7,00 7,00 7,00 7,00 7,00 7,00 Coefficienti di attualizzazione (1/(1 + r)^n) 1,00 0,93 0,87 0,82 0,76 0,71 Flusso di cassa operativo attualizzato Valore Attuale del flusso di cassa operativo VAN dell investimento ( ) * 0,55 8% (1 0,6) + 11,64% 0,45

Scegliere gli investimenti

Scegliere gli investimenti 1-1 Finanza Aziendale Prof. Arturo Capasso 6 Scegliere gli investimenti A. con il metodo del valore attuale netto 1- Argomenti Come si determinano i flussi di cassa da attualizzare Le decisioni di investimento

Dettagli

Scegliere gli investimenti con il A. metodo del valore attuale netto

Scegliere gli investimenti con il A. metodo del valore attuale netto 1-1 Teoria della Finanza Aziendale Prof. Arturo Capasso A.A. 007-008 6 Scegliere gli investimenti con il A. metodo del valore attuale netto 1- Argomenti Come si determinano i flussi di cassa da attualizzare

Dettagli

Dinamica dei flussi finanziari

Dinamica dei flussi finanziari Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Dinamica dei flussi finanziari Capitolo 4 Indice degli argomenti 1. Il modello a quattro aree 2. Flusso di cassa della gestione corrente

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario OIC 10

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario OIC 10 TEMI SPECIALI DI BILANCIO Il rendiconto finanziario OIC 10 Parma, 1 Ottobre 2014 1 Indice 1. Finalità del principio 3 2. Ambito di applicazione 4 3. Definizioni 5 4. Contenuto e struttura 6 5. Classificazione

Dettagli

TECNICA DI DETERMINAZIONE DEL FLUSSO DI CASSA BASATA SUL CONFRONTO TRA STATI PATRIMONIALI SUCCESSIVI.

TECNICA DI DETERMINAZIONE DEL FLUSSO DI CASSA BASATA SUL CONFRONTO TRA STATI PATRIMONIALI SUCCESSIVI. TECNICA DI DETERMINAZIONE DEL FLUSSO DI CASSA BASATA SUL CONFRONTO TRA STATI PATRIMONIALI SUCCESSIVI. SP0 SP1 SP2 FCND1 FCND2 Analizziamo le voci che compongono lo Stato Patrimoniale. SP31/12/t0 SP31/12/t1

Dettagli

Il metodo della partita doppia

Il metodo della partita doppia DISPENSA 4 Economia ed Organizzazione Aziendale Il metodo della partita doppia - Parte II - 1 La tecnica di redazione del bilancio Per la definizione delle varie voci di bilancio è necessario contabilizzare

Dettagli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Rendiconto Finanziario GIA-L03

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Rendiconto Finanziario GIA-L03 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria prof. Stefano Pedrini Rendiconto Finanziario GIA-L03 Analisi dei flussi di cassa Attraverso l analisi dei flussi di cassa (o del cash flow) è possibile

Dettagli

Esempi scritture contabili Costituzione Spa

Esempi scritture contabili Costituzione Spa Esempi scritture contabili Costituzione Spa 1 Esempi scritture contabili Vincolo 25% 2 Esempi scritture contabili Versamento restante parte del capitale sociale 3 Esempi scritture contabili Registrazione

Dettagli

Capitolo 11. Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini. Esercizio 1. Una Società, il 31-12-2000 presenta il seguente Stato Patrimoniale.

Capitolo 11. Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini. Esercizio 1. Una Società, il 31-12-2000 presenta il seguente Stato Patrimoniale. Capitolo 11 Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini Esercizio 1 Una Società, il 31-12-2 presenta il seguente Stato Patrimoniale. Terreni Immobilizzazioni tecniche Immobilizzazioni immateriali

Dettagli

Analisi per flussi. 1. Considerazioni generali

Analisi per flussi. 1. Considerazioni generali Capitolo 8 Analisi per flussi 1. Considerazioni generali Il rendiconto finanziario è un prospetto che raggruppa, in relazione a determinati scopi di formazione, le variazioni (flussi) intervenute nella

Dettagli

ENTRIAMO IN AZIENDA 3

ENTRIAMO IN AZIENDA 3 ENTRIAMO IN AZIENDA 3 Imprese industriali sistema informativo di bilancio e imposizione fiscale TOMO 1 IL SISTEMA INFORMATIVO DI BILANCIO M O BILANCIO D U L O 3 BILANCIO D ESERCIZIO ANALISI PER INDICI

Dettagli

il rendiconto finanziario PROF. NICOLA CASTELLANO Università di Macerata

il rendiconto finanziario PROF. NICOLA CASTELLANO Università di Macerata il rendiconto finanziario PROF. NICOLA CASTELLANO Università di Macerata Il rendiconto finanziario Il rendiconto finanziario è un prospetto riassuntivo delle variazioni intervenute nelle grandezze patrimoniali

Dettagli

(Cash Flow Statements)

(Cash Flow Statements) RENDICONTO FINANZIARIO IAS 7 (Cash Flow Statements) 1 SOMMARIO Concetti generali sul Rendiconto Finanziario Come si fa a redigere un Rendiconto Finanziario? 2 1 Concetti generali sul Rendiconto Finanziario

Dettagli

L analisi dei flussi finanziari. 1. I flussi finanziari 1/5

L analisi dei flussi finanziari. 1. I flussi finanziari 1/5 focus modulo 4 lezione 50 La gestione finanziaria La correlazione tra investimenti e finanziamenti L analisi dei flussi finanziari 1. I flussi finanziari I flussi finanziari che hanno origine dall attività

Dettagli

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti 1 Il Conto Economico Il prospetto di CE può essere redatto:

Dettagli

AZIENDA LA LOGICA GENERALE DI DI COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI DI ESERCIZIO IL IL SISTEMA AZIENDA CONDIZIONI PRODUTTIVE ACQUISITE

AZIENDA LA LOGICA GENERALE DI DI COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI DI ESERCIZIO IL IL SISTEMA AZIENDA CONDIZIONI PRODUTTIVE ACQUISITE LA LOGICA GENERALE DI DI COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI DI ESERCIZIO IL IL SISTEMA AZIENDA FATTORI CONDIZIONI PRODUTTIVE BENI E SERVIZI PRODOTTI USCITE MONETARIE O AUMENTO DI DEBITI AZIENDA ENTRATE MONETARIE

Dettagli

Esercitazione di riepilogo. Stato Patrimoniale della Beta al 9/10/2012. Conto Economico della Beta al 31/12/2012

Esercitazione di riepilogo. Stato Patrimoniale della Beta al 9/10/2012. Conto Economico della Beta al 31/12/2012 Esercitazione di riepilogo Stato Patrimoniale della Beta al 9/10/2012 Conto Economico della Beta al 31/12/2012 1. Transazioni a. Il 2 settembre 2012 viene acquistato un brevetto per un valore di 35000

Dettagli

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir tire e da indici Olivia Leone Il candidato illustri brevemente quali sono i principali vincoli da

Dettagli

Usando la cassa come misura della liquidità, l azienda è più o meno liquida alla fine dell esercizio di quanto fosse al 1 gennaio?

Usando la cassa come misura della liquidità, l azienda è più o meno liquida alla fine dell esercizio di quanto fosse al 1 gennaio? Copyright 2008 The Companies srl Capitolo 5 Il conto economico e la misurazione dei costi Problemi Problema 5-1 Ace SpA opera in un economia con alti livelli inflazionistici. Il 1 gennaio l indice dei

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale nell'indirizzo I.G.E.A. è incentrato sulla differenza tra reddito

Dettagli

ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426)

ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426) ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426) 22 IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI ACQUISTO DI UNA IMMOBILIZZAZIONE MATERIALE DA TERZI CON ACCONTO AL FORNITORE (punto 1, art. 2426) Si faccia l esempio dell

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività:

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività: Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sulla scomposizione del reddito di esercizio nei risultati parziali generati

Dettagli

Dai flussi di CCN ai flussi di liquidità

Dai flussi di CCN ai flussi di liquidità Il rendiconto finanziario dei flussi di liquidità Dai flussi di CCN ai flussi di liquidità La risorsa finanziaria liquidità è operazionalizzata come nel principio OIC 12, ovvero è da intendere come somma

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Divergenza tra risultato economico e finanziario

Divergenza tra risultato economico e finanziario L analisi della dinamica finanziaria (Capitolo VI) 1 2 Divergenza tra risultato economico e finanziario L analisi della dinamica finanziaria RENDICONTO FINANZIARIO Prospetto simile al CE che consente di

Dettagli

L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI

L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI Salvatore Nucci, gennaio 2011 L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI L analisi dei flussi finanziari ha la finalità di evidenziare e interpretare le variazioni intervenute nella situazione patrimoniale

Dettagli

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE Dopo avere completato la tabella a doppia entrata e analizzato le variazioni coinvolte, si rilevino con scritture cronologiche e sistematiche in partita

Dettagli

A) VALORE DELLA PRODUZIONE

A) VALORE DELLA PRODUZIONE CONTO ECONOMICO A) VALORE DELLA PRODUZIONE: 1) Ricavi delle vendite e delle prestazioni merci conto vendite - resi su vendite - ribassi e abbuoni passivi 2) Variazioni delle rimanenze di prodotti in corso

Dettagli

Capitolo 2. L analisi dei flussi finanziari

Capitolo 2. L analisi dei flussi finanziari Capitolo 2 L analisi dei flussi finanziari 2.1. Lo sviluppo equilibrato di un attività alberghiera Molte attività alberghiere nascono da iniziative familiari, nelle quali capitali anche relativamente modesti

Dettagli

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 24 Analisi per flussi: il rendiconto finanziario Conoscenza: componenti di reddito monetari e componenti di reddito non monetari; flussi corrispondenti

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2013/2014 Svolgimento Tema di Economia aziendale

Esame di Stato anno scolastico 2013/2014 Svolgimento Tema di Economia aziendale Esame di Stato anno scolastico 2013/2014 Svolgimento Tema di Economia aziendale La traccia assegnata come seconda prova di Economia aziendale nell'indirizzo Giuridico Economico Aziendale è focalizzata

Dettagli

Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali

Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali di Luciano Olivieri SOMMARIO Pag. riore alla metà dei coefficienti presi a base per il calcolo degli ammortamenti. 1. Premessa 2. La deducibilità degli ammortamenti

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO

IL RENDICONTO FINANZIARIO IL RENDICONTO FINANZIARIO Arezzo, 04 aprile 2014 1 IL RENDICONTO FINANZIARIO Resoconto di tutte le entrate ed uscite di denaro avvenuto in un certo periodo di tempo per effetto di: risultato della gestione;

Dettagli

Concetto di flusso. Flusso (variazione) dal 1/1/X al 31/12/X

Concetto di flusso. Flusso (variazione) dal 1/1/X al 31/12/X Concetto di flusso Valore dell elemento patrimoniale al 1/1/X Valore dell elemento patrimoniale al 31/12/X Flusso (variazione) dal 1/1/X al 31/12/X Il prospetto di sintesi di rappresentazione dei flussi

Dettagli

ESERCIZIO N.1. Sia dato il seguente Stato Patrimoniale della società Fraxa alla chiusura dell esercizio 2001

ESERCIZIO N.1. Sia dato il seguente Stato Patrimoniale della società Fraxa alla chiusura dell esercizio 2001 ESERCIZIO N.1 Sia dato il seguente Stato Patrimoniale della società Fraxa alla chiusura dell esercizio 2001 Stato Patrimoniale al 31.12.2001 B) IMMOBILIZZAZIONI A) PATRIMONIO NETTO I Immobilizzazioni immateriali

Dettagli

Svolgimento Tema di Economia d azienda

Svolgimento Tema di Economia d azienda Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 10 Esame di Stato 2015 Indirizzi: Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Linguistico Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Informatico Svolgimento

Dettagli

DINAMICA DEI FLUSSI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani

DINAMICA DEI FLUSSI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani DINAMICA DEI FLUSSI FINANZIARI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Analisi finanziaria: i flussi di cassa I flussi di cassa: le 4 aree gestionali Il flusso di cassa della gestione corrente I flussi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA SAPIENZA ANNO ACCADEMICO 2014/2015 CORSO DI LAUREA IN SCIENZE AZIENDALI PROF.SSA DANIELA COLUCCIA CANALE E-M

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA SAPIENZA ANNO ACCADEMICO 2014/2015 CORSO DI LAUREA IN SCIENZE AZIENDALI PROF.SSA DANIELA COLUCCIA CANALE E-M UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA SAPIENZA ESERCIZI RIASSUNTIVI (senza soluzione) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 CORSO DI LAUREA IN SCIENZE AZIENDALI PROF.SSA DANIELA COLUCCIA CANALE E-M CORSO DI ECONOMIA AZIENDALE

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

ANALISI AZIENDALE e CONTROLLO DI GESTIONE

ANALISI AZIENDALE e CONTROLLO DI GESTIONE ANALISI AZIENDALE e CONTROLLO DI GESTIONE INVESTIMENTI: LEASING E FINANZIAMENTI A CONFRONTO Dott. Aldo Canal e Dott. Gianluca Giacomello Mestre (VE), 30 Ottobre 2015 Agenda Parte 1 Parte 2 SCELTE DI INVESTIMENTO

Dettagli

finanziari e rendiconto finanziario

finanziari e rendiconto finanziario Le analisi di bilancio: i flussi finanziari e rendiconto finanziario Prof. Luca IANNI Docente di Controllo di Gestione Università G.d Annunzio di Chieti Pescara Revisore Legale dei Conti Le analisi per

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale 2006

Commento al tema di Economia aziendale 2006 Commento al tema di Economia aziendale 2006 Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici Commerciali è incentrato sulla gestione finanziaria dell impresa ed è articolato in

Dettagli

CONSORZIO TURISTICO AREA PISANA società consortile a responsabilità limitata

CONSORZIO TURISTICO AREA PISANA società consortile a responsabilità limitata società consortile a responsabilità limitata Sede Via Pietrasantina c/o Bus Terminal - 56100 PISA (PI) Codice Fiscale, partita IVA e iscrizione Registro Imprese di Pisa n. 0170429 050 9 Repertorio Economico

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL Sede in VIA PALLODOLA 23 SARZANA Codice Fiscale 00148620115 - Numero Rea P.I.: 00148620115 Capitale Sociale Euro 844.650 Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli e le partecipazioni

Dettagli

LE PRINCIPALI INNOVAZIONI DEL DOCUMENTO OIC

LE PRINCIPALI INNOVAZIONI DEL DOCUMENTO OIC S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL PRINCIPIO OIC 10 SUL RENDICONTO FINANZIARIO LE PRINCIPALI INNOVAZIONI DEL DOCUMENTO OIC IDA D ALESSIO 24 APRILE 2015 Rispetto al precedente OIC 12: Cambiamenti

Dettagli

H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO I) SCRITTURE DI EPILOGO E DI CHIUSURA

H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO I) SCRITTURE DI EPILOGO E DI CHIUSURA CONTABILITA GENERALE 21 H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO I) SCRITTURE DI EPILOGO E DI CHIUSURA 8 dicembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 H. Scritture di assestamento

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

Verifica del I quadrimestre n 13

Verifica del I quadrimestre n 13 120 S&A Strumenti 12/97 ESERCIZIO 21 INDIRIZZO Igea Mercurio Classe 5ª Verifica del I quadrimestre n 13 di GIULIANO PAGANIN Il Rendiconto finanziario è un documento che aiuta la lettura del bilancio di

Dettagli

Bplanning. Manuale d uso. Indice

Bplanning. Manuale d uso. Indice Bplanning Manuale d uso Indice Desk... 2 Assumption... 3 Linee Prodotto... 4 Personale... 4 Investimenti... 5 Ammortamenti... 6 Finanziamenti... 7 Imposte... 7 Conto Economico input... 8 Stato Patrimoniale

Dettagli

CONTABILITÀ ECONOMICA

CONTABILITÀ ECONOMICA CONTABILITÀ ECONOMICA PREVISIONE LIQUIDAZIONE RILEVAZIONE DEI MOVIMENTI MONETARI RICLASSIFICAZIONE DEI MOVIMENTI MONETARI IN BASE ALLA CAUSALE ECONOMICA: DI CAPITALE FINANZIARIO E DI REDDITO RILEVAZIONE

Dettagli

Analisi di Bilancio per flussi

Analisi di Bilancio per flussi Analisi di Bilancio per flussi Premessa L analisi della situazione economica, patrimoniale e finanziaria dell azienda attraverso il bilancio si conclude con l analisi dei movimenti di risorse finanziarie

Dettagli

Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai fini IRES e IRAP

Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai fini IRES e IRAP Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai In base alle risultanze del Conto Economico, e tenendo conto delle le informazioni che seguono, si determini: L imponibile IRES L IRES liquidata (l aliquota

Dettagli

L analisi economico-finanziaria del bilancio Indici e flussi

L analisi economico-finanziaria del bilancio Indici e flussi Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Management Sergio Branciari s.branciari@univpm.it Simone Poli s.poli@univpm.it L analisi economico-finanziaria del bilancio Indici e flussi San Benedetto

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Sessione ordinaria 2012 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M730 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La dinamica finanziaria Il Rendiconto Finanziario Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I. Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it La divergenza fra risultato

Dettagli

RENDICONTO DI GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2015 NOTA INTEGRATIVA

RENDICONTO DI GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2015 NOTA INTEGRATIVA Viale Mirabellino 2, 20900 Monza (MB) www.reggiadimonza.it RENDICONTO DI GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2015 NOTA INTEGRATIVA 1 INVENTARIO Il processo di armonizzazione contabile, impone una corretta gestione

Dettagli

Temi speciali di bilancio

Temi speciali di bilancio Università degli Studi di Parma Temi speciali di bilancio Le partecipazioni I titoli (cenni) 1 Indice degli argomenti 1. I TITOLI E LE PARTECIPAZIONI ISCRITTE NELLE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE i titoli

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario: aspetti definitori, tecniche di redazione e riferimenti normativi. Parma, 26 novembre 2012

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario: aspetti definitori, tecniche di redazione e riferimenti normativi. Parma, 26 novembre 2012 TEMI SPECIALI DI BILANCIO Il rendiconto finanziario: aspetti definitori, tecniche di redazione e riferimenti normativi Parma, 26 novembre 2012 Dott. Luca Fornaciari luca.fornaciari@unipr.it 1 Il rendiconto

Dettagli

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE Dopo avere completato la tabella a doppia entrata e analizzato le variazioni coinvolte, si rilevino con scritture cronologiche e sistematiche in partita

Dettagli

La valutazione degli degli investimenti reali reali

La valutazione degli degli investimenti reali reali Teoria della Finanza Aziendale La valutazione degli investimenti reali 5 1-2 Argomenti Dai valori mobiliari agli investimenti reali Analisi dei progetti di investimento Determinazione dei flussi di cassa

Dettagli

La dinamica finanziaria

La dinamica finanziaria La dinamica finanziaria Analisi del bilancio per flussi. Il rendiconto finanziario Esame della dinamica finanziaria: finalità Valutare la capacita dell impresa di generare flussi finanziari e di adattare

Dettagli

TRACCIA A ESERCIZIO 1

TRACCIA A ESERCIZIO 1 TRACCIA A ESERCIZIO 1 Nel corso del 2009 la ditta individuale Verdi ha effettuato, tra le altre, le operazioni di gestione di seguito riportate. Presentare le scritture a libro giornale (gestione e assestamenti;

Dettagli

Reddito d esercizio e Capitale di funzionamento (I parte)

Reddito d esercizio e Capitale di funzionamento (I parte) Reddito d esercizio e Capitale di funzionamento (I parte) 1 REDDITO flusso di ricchezza che, in un definito arco temporale di vita dell impresa, per effetto della gestione,! incrementa il valore del capitale

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari IL RENDICONTO FINANZIARIO Prof. Luca Fornaciari 1 SOMMARIO 1. Finalità e Normativa di riferimento 2. Ruolo del Rendiconto nel Bilancio d esercizio 3. Contenuto, Struttura e Metodi d analisi 4. Logiche

Dettagli

SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009

SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009 SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Reg. Imp. 02329330597 Rea 162878 Sede in PIAZZA GARIBALDI SNC - 04010 SONNINO (LT) Capitale sociale Euro 10.000,00 i.v. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009

Dettagli

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs)

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs) EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(s) EEMS Italia S.p.A PROSPETTI CONTABILI DI EEMS ITALIA S.P.A AL 30 GIUGNO 2006 Premessa

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L utile di periodo evidenzia un sostanziale pareggio, al netto dell accantonamento per 87,5 /milioni a Fondo Rischi Finanziari Generali, destinato alla copertura del

Dettagli

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio Tassonomia XBRL Principi Contabili Italiani Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio DICEMBRE 2015 Tavolo di lavoro società non quotate XBRL Italia Note Note Le tabelle con le

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAMI DI STATO DOTTORI COMMERCIALISTI II SESSIONE 2015 TEMI D ESAME PRIMA PROVA SCRITTA (18/11/2015) TEMA N. 1 Ammortamenti e svalutazioni con riferimento alle immobilizzazioni immateriali, materiali e

Dettagli

La valutazione degli investimenti reali

La valutazione degli investimenti reali Teoria della Finanza Aziendale La valutazione degli investimenti reali 5 1-2 Argomenti Dai valori mobiliari agli investimenti reali Analisi dei progetti di investimento Determinazione dei flussi di cassa

Dettagli

Esercitazione sul bilancio. Vedere sussidio didattico sul bilancio

Esercitazione sul bilancio. Vedere sussidio didattico sul bilancio Esercitazione sul bilancio Vedere sussidio didattico sul bilancio LA SOCIETA ALFA FASI costituzione dell azienda; gestione dell azienda; determinazione dei risultati. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONCETTI

Dettagli

Analisi per flussi Il rendiconto finanziario

Analisi per flussi Il rendiconto finanziario Analisi per flussi Il rendiconto finanziario Ruolo dei flussi finanziari nelle analisi di bilancio Forniscono nuovi elementi per la valutazione dell assetto economico globale Permettono una migliore interpretazione

Dettagli

Bilancio di previsione di ciascun anno in forma sintetica, aggregata e semplificata, anche con il ricorso a rappresentazioni grafiche

Bilancio di previsione di ciascun anno in forma sintetica, aggregata e semplificata, anche con il ricorso a rappresentazioni grafiche Art. 29, c. 1, d.lgs. n. 33/2013 Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni. Delibera ANAC n. 50/2013

Dettagli

Danilo Scarponi - Sandro Biondini 10/04/2008 Pagina 1 di 26

Danilo Scarponi - Sandro Biondini 10/04/2008 Pagina 1 di 26 Linee guida metodologiche per la determinazione sintetica dei flussi di cassa e la redazione del Rendiconto finanziario che espone le variazioni nella situazione patrimoniale e finanziaria in termini di

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS COMITATO ADDIO PIZZO

ASSOCIAZIONE ONLUS COMITATO ADDIO PIZZO ASSOCIAZIONE ONLUS COMITATO ADDIO PIZZO Sede: via Lincoln n. 131 Palermo (PA) Codice Fiscale: 972585825 PEC: addiopizzo@pec.it BILANCIO D'ESERCIZIO AL 31/12/213 STATO PATRIMONIALE ATTIVO 31/12/213 31/12/212

Dettagli

TUTORATI - FINANZA AZIENDALE 1 SOTTOPERIODO - BERGAMO

TUTORATI - FINANZA AZIENDALE 1 SOTTOPERIODO - BERGAMO TUTORATI - FINANZA AZIENDALE 1 SOTTOPERIODO - BERGAMO 1) Riclassificare secondo il criterio di pertinenza gestionale, presentando il prospetto sintetico: IMPIEGHI SP riclassificato secondo il criterio

Dettagli

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Scopo contabilità determinare: Reddito di esercizio Patrimonio di funzionamento Passaggio da valori contabili a valori di bilancio Determinazione della corretta competenza

Dettagli

Esercitazione sul bilancio

Esercitazione sul bilancio Esercitazione sul bilancio 03 2012-2013 Vedere sussidio didattico sul bilancio LA SOCIETA ALFA FASI costituzione dell azienda; gestione dell azienda; determinazione dei risultati. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

Dettagli

LE SCRITTURE ASSESTAMENTO

LE SCRITTURE ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Le scritture di assestamento consentono di passare dal criterio della manifestazione finanziaria al criterio della competenza economica e sono effettuate

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA LETTURA E COMPRENSIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PER GIURISTI III INCONTRO

INTRODUZIONE ALLA LETTURA E COMPRENSIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PER GIURISTI III INCONTRO INTRODUZIONE ALLA LETTURA E COMPRENSIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PER GIURISTI III INCONTRO LE COMPONENTI DEL REDDITO DI ESERCIZIO - Rilevazioni contabili durante l esercizio, anche dette VARIAZIONI DI

Dettagli

NOTE AL PROSPETTO DI CONCILIAZIONE PARTE ENTRATA

NOTE AL PROSPETTO DI CONCILIAZIONE PARTE ENTRATA NOTE AL PROSPETTO DI CONCILIAZIONE PARTE ENTRATA Nella prima colonna del prospetto, articolati per titoli e categorie, sono riportati i dati finanziari derivanti dal conto del bilancio, ossia gli accertamenti

Dettagli

Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale

Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale (nell'indirizzo Giuridico

Dettagli

Il bilancio d esercizio

Il bilancio d esercizio ESAME DI STATO 2005 - TEMA DI ECONOMIA AZIENDALE - INDIRIZZO IGEA di Monica Ceccherelli Il bilancio d esercizio Il bilancio d esercizio è il principale documento di sintesi redatto per dare informazioni

Dettagli

ORDINE ASSISTENTI SOCIALI REGIONE CAMPANIA. Sede in NAPOLI Via Amerigo Vespucci 9 (NA) Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2011

ORDINE ASSISTENTI SOCIALI REGIONE CAMPANIA. Sede in NAPOLI Via Amerigo Vespucci 9 (NA) Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2011 ORDINE ASSISTENTI SOCIALI REGIONE CAMPANIA Sede in NAPOLI Via Amerigo Vespucci 9 (NA) Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2011 Criteri di formazione Criteri di valutazione Immobilizzazioni Il

Dettagli

1. Normalizzazione ed omogeneizzazione del reddito

1. Normalizzazione ed omogeneizzazione del reddito 1. Normalizzazione ed omogeneizzazione del reddito Esercizio: utile (euro) tasso d'inflazione aliquota fiscale (t) anno 2009 100 3,00% 50% anno 2010 120 4,00% 50% anno 2011 80 5,00% 50% Eventi: -Nel 2009:

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 09 05.03.2014 Il rendiconto finanziario nel nuovo OIC 10 Aggiornamento principi contabili Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Aggiornamento

Dettagli

Bilancio consolidato e principi contabili internazionali A.A. 2012/2013 ESERCITAZIONE

Bilancio consolidato e principi contabili internazionali A.A. 2012/2013 ESERCITAZIONE Bilancio consolidato e principi contabili internazionali A.A. 2012/2013 ESERCITAZIONE In data 01/01/2012 la Società Alfa acquista una partecipazione del 90% nella Società Beta al prezzo di Euro 115.000.

Dettagli

Leasing secondo lo IAS 17

Leasing secondo lo IAS 17 Leasing secondo lo IAS 17 Leasing: Ias 17 Lo Ias 17 prevede modalità diverse di rappresentazione contabile a seconda si tratti di leasing finanziario o di leasing operativo. Il leasing è un contratto per

Dettagli

L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI

L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI Prof. Luigi Trojano L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI L analisi dei flussi finanziari ha la finalità di evidenziare e interpretare le variazioni intervenute nella situazione patrimoniale e finanziaria

Dettagli

Modello e Teoria del Bilancio di Esercizio ALLOCAZIONE DI VALORI NEGLI SCHEMI DI BILANCIO. Normativa italiana

Modello e Teoria del Bilancio di Esercizio ALLOCAZIONE DI VALORI NEGLI SCHEMI DI BILANCIO. Normativa italiana ALLOCAZIONE DI VALORI NEGLI SCHEMI DI BILANCIO Normativa italiana 1. Allocazione di valori nello Stato patrimoniale Si proceda all individuazione delle poste di Stato patrimoniale nelle quali trovano iscrizione

Dettagli

FONDAZIONE DELL'ORDINE DEGLI INGEGNERI. Relazione sulla gestione alla relazione economico patrimoniale al 31/12/2014

FONDAZIONE DELL'ORDINE DEGLI INGEGNERI. Relazione sulla gestione alla relazione economico patrimoniale al 31/12/2014 FONDAZIONE DELL'ORDINE DEGLI INGEGNERI Sede in VIA CEFALONIA 70-25100 BRESCIA (BS) Fondo di Dotazione dell Ordine degli Ingegneri di Brescia Euro 51.661,00 I.V. Relazione sulla gestione alla relazione

Dettagli

ESERCIZI SULLE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI E FINANZIARIE

ESERCIZI SULLE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI E FINANZIARIE ESERCIZI SULLE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI E FINANZIARIE Oneri pluriennali Il candidato, sulla base dei seguenti dati, determini l utile distribuibile. Spese di impianto 5.000. STATO PATRIMONIALE t Capitale

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sul controllo di gestione ed è articolato in una parte obbligatoria e tre

Dettagli

ATTIVO: struttura finanziaria

ATTIVO: struttura finanziaria ATTIVO: Voci bilancio civilistico Riclassificazione SP secondo struttura finanziaria A) Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti, con separata indicazione della parte già richiamata - Quote non

Dettagli

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 5 Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Walter Roverelli Sulla base del seguente bilancio di verifica al 31/12/n, redatto

Dettagli

Foglio di lavoro: INPUT 1

Foglio di lavoro: INPUT 1 Foglio di lavoro: INPUT 1 - Scelta dei principi contabili utilizzati per la redazione del bilancio - Indicazione del numero di anni a consuntivo disponibili - Per attivare le versioni di bilancio c.c.

Dettagli

MATURITÀ TECNICA COMMERCIALE SPERIMENTALE PROGETTO IGEA Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE Tema di: ECONOMIA AZIENDALE

MATURITÀ TECNICA COMMERCIALE SPERIMENTALE PROGETTO IGEA Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE Tema di: ECONOMIA AZIENDALE MATURITÀ TECNICA COMMERCIALE SPERIMENTALE PROGETTO IGEA Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE Tema di: ECONOMIA AZIENDALE Il tema proposto per la maturità tecnico commerciale sperimentale IGEA risulta

Dettagli

L equilibrio economico e le variazioni economiche e finanziarie

L equilibrio economico e le variazioni economiche e finanziarie Economia Aziendale L equilibrio economico e le variazioni economiche e finanziarie L azienda è un unità produttrice di beni e servizi contraddistinta da caratteri di aziendalità (economicità, autonomia,

Dettagli