10 L EFFICIENZA. L efficienza

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "10 L EFFICIENZA. L efficienza"

Transcript

1 10 L EFFICIENZA Ragioneria Generale e Applicata 1 L efficienza Quali condizioni aiutano l azienda a raggiungere l equilibrio economico? L Efficienza Un impresa è efficiente quando riesce a massimizzare l utilizzo delle risorse limitate a sua disposizione Si dice anche che l efficienza qualifica l economicità e ne individua le cause, tramite due indicatori: - i rendimenti fisico-tecnici dei fattori produttivi o dei processi - i costi di produzione e vendita MAGGIORI RENDIMENTI -> MAGGIORE EFFICIENZA MAGGIORI COSTI > MINORE EFFICIENZA Ragioneria Generale e Applicata 2 1

2 L efficienza Dunque sono efficiente quando ottimizzo il rapporto: = Risultati conseguiti Risorse impiegate Efficienza fisico-tecnica : Efficienza in generale: = Q beni e servizi prodotti = Σ ricavi da vendita di output Q fattori produttivi impiegati Σ costi degli input La posso calcolare in relazione ad un fattore produttivo (es. Macchina) o un processo (es. trasformazione) Dato un certo ricavo (spesso è un dato vincolato che fissa il mercato), l azienda cerca di minimizzare i costi Ragioneria Generale e Applicata 3 Il calcolo dei costi e la loro analisi Per valutare l efficienza devono analizzare i costi. L analisi dei costi si fonda sulla determinazione del COSTO DI PRODUZIONE, cioè del costo sostenuto per l utilizzo (o consumo) dei fattori impiegati in un processo produttivo o per realizzare un dato prodotto. Spesso si calcola il COSTO DI PRODUZIONE DI UN PRODOTTO, ma i costi possono essere ricavati facendo riferimento a tanti e diversi determinati oggetti: - costo di un fattore produttivo, - costo di una procedura - costo di un processo o fase di lavoro, - costo di un ufficio.. Quando l OGGETTO DI COSTO coincide con un centro organizzativo (es: il reparto comm.le, una divisione, ecc.) vengono denominati CENTRI DI COSTO. Ragioneria Generale e Applicata 4 2

3 Il calcolo dei costi e la loro analisi Calcolare il costo di produzione di un oggetto complesso (es. prodotto o centro di costo) non è semplice, perché richiede: 1. - l identificazione di tutti i fattori produttivi utilizzati per realizzarlo 2. - la misurazione del consumo di questi fattori 3. - la conoscenza del costo di acquisizione di ogni fattore 4. - la sommatoria di tutti i costi ESEMPIO. PER FARE UN PRODOTTO: 1. mi servono materie prime, energia elettrica, forza lavoro, servizi,. 2. kg di materie prime, Kw energia, ore di forza lavoro, n. servizi.. 3. costo al kg; costo al Kw, costo ora di lavoro,. 4. sommare i costi di ogni fattore utilizzato Ragioneria Generale e Applicata 5 Il calcolo dei costi e la loro analisi Inoltre, il calcolo è complicato perché esistono costi che si sostengono non per fare uno specifico prodotto, ma per bisogni generali dell impresa (costi comuni). Sorge il problema di come ripartire i costi comuni tra i vari prodotti e processi produttivi -> STIME E CONGETTURE ESEMPIO. SOSTENGO COSTI DI STRUTTURA (affitto, amministrazione) Quanto di questi costi è servito a produrre: - prodotto A - prodotto B - prodotto C? -> IL COSTO DI PRODOTTO è una quantità che può assumere diverse configurazioni in relazione ai criteri utilizzati per ripartire i costi comuni!!! Ragioneria Generale e Applicata 6 3

4 Il calcolo dei costi e la loro analisi Per poter calcolare costi di prodotto e di processo più vicini alla realtà (e quindi utili per prendere decisioni) devo: - PRIMA identificare le componenti elementari di costo (fattori produttivi e loro costo) - POI individuare il rapporto o legame tra queste componenti elementari (fattori produttivi) e l oggetto di calcolo (prodotto o processo) Ragioneria Generale e Applicata 7 Classificazione dei costi Utile alla identificazione delle componenti di costo è la classificazione dei costi: PER NATURA SECONDO IL PERIODO DI RIFERIMENTO SECONDO LA MODALITA DI ATTRIBUZIONE ALL OGGETTO DI CALCOLO SECONDO LA CONTROLLABILITA SECONDO LA VARIABILITA..anche altre classificazioni sono possibili. Ragioneria Generale e Applicata 8 4

5 Classificazione dei costi A seconda della natura si può dividere in: -costi per forza motrice -costi delle materie prime o merci -costi del personale -costi finanziari -costi fiscali Si basa sulle caratteristiche fisiche ed economiche del fattore produttivo. E la stessa classificazione usata dal Codice Civile (nel Conto Economico) Ragioneria Generale e Applicata 9 Classificazione dei costi A seconda del periodo di riferimento -Costi pluriennali Sono costi che hanno un utilità di lunga durata Rientrano fra questi tutti i costi di impianto (o di struttura) che l azienda sostiene in fase di istituzione per acquistare le strutture produttive (es. stabilimento, macchinari, impianti) -Costi di periodo o di esercizio Sono costi che hanno un utilità limitata al singolo esercizio. Per questo entrano nella determinazione del reddito d esercizio. Essi servono per far funzionare le strutture, sono detti anche costi di funzionamento I costi di impianto + i costi di funzionamento = costi di acquisizione dei fattori produttivi Ragioneria Generale e Applicata 10 5

6 Classificazione dei costi A seconda della modalità di imputazione all oggetto di costo (prodotto o centro di costo o linea di produzione) : Costi DIRETTI : imputabili direttamente all oggetto di costo poiché - esiste una relazione diretta ed inequivocabile tra fattore produttivo ed oggetto di costo (es. fattore produttivo specifico per fare un prodotto) - è possibile misurare oggettivamente il consumo del fattore che ha originato il costo (es. misuro con un sottocontatore la quantità di kw utilizzare per fare un prodotto) Costi INDIRETTI: imputabili indirettamente in virtù di valutazioni soggettive (ipotesi) che mi portano ad identificare un parametro di attribuzione, si fa perché la relazione con l oggetto di costo - non è misurabile oggettivamente - non è economicamente misurabile (si può fare da un punto di vista tecnico ma comporterebbe troppi costi o troppo tempo) Ragioneria Generale e Applicata 11 Imputazione dei costi indiretti In azienda multiprodotto, devo calcolare il costo di produzione dei singoli prodotti: 1. Distinguere i costi diretti da quelli indiretti 2. Sommare tutti i costi indiretti aggregandoli in un unica voce 3. Scegliere un parametro (chiamato anche base di riparto o driver) in base al quale attribuire i costi indiretti ai prodotti 4. Calcolare il coefficienti di riparto: = tot. costi indiretti/tot. base di riparto 5. Determinare la quota di costi indiretti da attribuire ai vari oggetti di costo (prodotti o servizi) Ragioneria Generale e Applicata 12 6

7 Imputazione dei costi indiretti ESEMPIO 1. Materie prime Manodopera diretta 50 pezzi x h x 30 /h PRODOTTO A = 500 = 900 PRODOTTO B 10 pezzi x h x 30 /h = 400 = 600 Costi indiretti Manodopera indiretta Costi amministrativi Ammortamenti Somma dei costi indiretti: =3.000 euro (tot. costi indiretti) 3. Scelta di una base di riparto: Ore di manodopera diretta 4. Calcolo del coefficiente di riparto: /50h= 60 /h (costo indiretto da imputare per ogni singola ora lavorata) 5. Attribuzione ai due prodotti: 60x 30h= 1800 (quota di prodotto A) 60X20h= 1200 (quota di prodotto B) Quindi il costo di prodotto di A=3.200, di B=2.200 Ragioneria Generale e Applicata 13 Classificazione dei costi A seconda della controllabilità -costi CONTROLLABILI: il cui andamento è influenzabile dal responsabile a cui i costi sono attribuiti -costi NON CONTROLLABILI: il cui andamento non è influenzabile dal soggetto a cui i costi sono attribuiti Distinzione fondamentale quando devo dare degli obiettivi al personale! Ragioneria Generale e Applicata 14 7

8 Criteri di classificazione dei costi A seconda del loro comportamento al variare del volume dell attività aziendale: FISSI: non variano al variare del volume produttivo (es. fitti, macchine), sono costanti VARIABILI: variano in funzione del volume produttivo (es. materie prime) Variano proporzionalmente alle quantità di prodotto (direttamente proporzionali) Variano più che proporzionalmente alle quantità di prodotto (progressivi) Variano meno che proporzionalmente alle quantità di prodotto (degressivi) N.B. La distinzione fissi- variabili ha senso nel breve periodo! Ragioneria Generale e Applicata 15 Classificazione dei costi A seconda dell oggetto a cui i costi sono riferiti si distinguono: -Costi di prodotto = tutti i costi sostenuti per realizzare un determinato prodotto -Costi di centro = tutti i costi sostenuti in un centro organizzativo (una divisione, una filiale, un impianto, ecc.) Ragioneria Generale e Applicata 16 8

9 Il legame dei costi con gli oggetti di costo Ogni tipologia di costo esaminata: - ha un suo legame con l oggetto di costo - può variamente contribuire a determinare (calcolare) l oggetto di costo A seconda delle scelte che facciamo, possiamo creare diverse CONFIGURAZIONI (aggregazioni o somma di costi) che ci aiutano ad analizzare l efficienza dell azienda Ragioneria Generale e Applicata 17 Configurazioni di costo COSTO PRIMO: costo per le materie prime, gli oneri accessori d acquisto, la manodopera e tutti gli altri costi industriali diretti controllo l efficienza negli acquisti e nella manodopera diretta COSTO DI PRODUZIONE: assomma al costo primo tutti i costi indiretti di natura industriale controllo l efficienza nella produzione e serve per fare valutazione dei prodotti finiti secondo normativa del Codice Civile COSTO COMPLESSIVO: al costo di produzione assommo i costi diretti ed indiretti anche non industriali (es, r&d, amministrativi, vendita, finanziari,..) controllo la convenienza economica del prodotto (confronto con i ricavi per valutare la redditività) COSTO ECONOMICO-TECNICO: al costo complessivo sommo gli oneri figurativi (compenso per il rischio, per il lavoro direzionale in azienda e per l investimento del capitale) è la base per calcolare i prezzi di vendita Di norma sono configurazioni che si riferiscono ad un processo o area funzionale 9

10 Configurazioni di costo di prodotto Esistono due macro-categorie di configurazioni: - costo di prodotto pieno: imputazione di tutti i costi attribuibili all oggetto di calcolo, sia essi diretti che indiretti, variabili che fissi - costo di prodotto parziale: imputazione di solo una categoria di costi e cioè dei costi variabili Corrispondono a due fondamentali impostazioni teoriche su cui si basano i sistemi di calcolo dei costi. L impostazione del full costing si basa sul principio dell assorbimento integrale dei Costi. Tale principio pone il problema dell allocazione dei costi (comuni) e quindi della individuazione delle basi di riparto L impostazione del direct costing poggia sull economia politica - analisi marginale - ed ha per obiettivo la determinazione del contributo di un prodotto alla copertura dei costi fissi aziendali (margine di contribuzione) Direct costing La tecnica del direct costing nasce allo scopo di determinare MARGINE DI CONTRIBUZIONE = RICAVI DI VENDITA (prezzo) COSTI VARIABILI (cv unitario) Il MC indica attitudine di un prodotto o linea di prodotto a coprire i costi fissi aziendali. Quindi si focalizza sulla distinzione tra costi variabili e costi fissi. I costi variabili sono spesso costi diretti (es. materie prime e forza lavoro), ma non sempre!!! - > può creare un problema di oggettività del MC 10

11 Direct costing RICAVI DI PRODUZIONE - COSTI VARIABILI DIRETTI MARGINE LORDO - COSTI VARIABILI INDIRETTI MARGINE DI CONTRIBUZIONE SPECIFICO - COSTI FISSI DIRETTI E FISSI INDIRETTI REDDITO (UTILE) DEL PRODOTTO Dopo la determinazione del primo risultato (margine lordo), i passi successivi richiedono l utilizzo di stime e congetture al fine di imputare in modo adeguato i costi variabili indiretti Ragioneria Generale e Applicata 21 Direct costing Possiamo applicare una variante alla tecnica del direct costing focalizzandoci sui costi diretti in modo da evitare valutazioni soggettive nel calcolo del margine di contribuzione RICAVI - COSTI DIRETTI VARIABILI MARGINE LORDO - COSTI DIRETTI FISSI MARGINE DI CONTRIBUZIONE SPECIFICO - COSTI INDIRETTI (FISSI E VARIABILI) REDDITO (UTILE) PRODOTTO Ragioneria Generale e Applicata 22 11

12 Direct costing Ovviamente le due varianti di direct costing daranno luogo a risultati diversi.. Prodotto A Prodotto B Prodotto A Prodotto B Ricavi Ricavi Costi diretti variabili Margine lordo Costi diretti variabili Margine lordo Costi indiretti variabili Costi diretti fissi Margine di contribuzione Costi fissi Margine di contribuzione Costi indiretti Reddito Reddito 700 Ragioneria Generale e Applicata 23 Il controllo dei costi aziendali Attenzione: puntare solo alla riduzione dei costi senza limiti ed incondizionatamente può essere pericoloso! Es. Sapendo che più aumento la quantità di prodotti realizzati, minore è l incidenza dei costi comuni sul singolo prodotto, sarei spinto a massimizzare la Q totale prodotta senza considerare la reale possibilità di vendita sul mercato. Dunque, è bene controllare i costi a diversi livelli e in riferimento a diversi oggetti aziendali: A LIVELLO DI SISTEMA AZIENDALE A LIVELLO DI SUB-SISTEMI AZIENDALI A LIVELLO DI OGGETTI PIU SPECIFICI Ragioneria Generale e Applicata 24 12

13 I DIVERSI LIVELLI DI CONTROLLO SISTEMA AZIENDALE SISTEMA AZIENDALE SUB-SISTEMI APPROVVIG. PRODUZIONE VENDITA R&S OGGETTI PIU SPECIFICI STABILIM.1 STABILIM.2 FILIALE 1 FILIALE 2 Ragioneria Generale e Applicata 25 A livello aziendale IL CONTROLLO DEI COSTI A LIVELLO DI SISTEMA AZIENDALE riguarda il CONFRONTO TRA TUTTI I COSTI SOSTENUTI ED I RICAVI OTTENUTI. Esso si svolge mediante la redazione e lettura di un DOCUMENTO CONTABILE IN FORMA SCALARE denominato CONTO ECONOMICO A REPORT FORM (trattasi di un prospetto di Conto Economico modificato rispetto a quello previsto dal Codice Civile in materia di Bilancio) Ragioneria Generale e Applicata 26 13

14 A livello aziendale REPOR FORM: CONFIGURAZIONE A COSTO DEL VENDUTO Gestione caratteristica Gestione extracaratteristica Gestione straordinaria RICAVI -COSTO DEI PROD.VENDUTI UTILE INDUSTRIALE LORDO -COSTI DI R& S -COSTI AMM.VI -COSTI DI VENDITA RISULTATO OPERATIVO -ONERI FINANZIARI/PATRIMONIALI PROVENTI FINANZIARI/PATRIMONIALI UTILE DI GESTIONE -ONERI STRAORDINARI PROVENTI STRAORDINARI UTILE PRIMA DELLE IMPOSTE -IMPOSTE UTILE NETTO = Ragioneria Generale e Applicata 27 A livello aziendale Il CE a report form è un documento è utile perché: - permette di comprendere quali sono le aree di attività che generano più costi o più ricavi (es. attività caratteristica, gestione finanziaria, ecc.) - le aree che più contribuiscono alla redditività aziendale - predispone al calcolo di indici che sintetizzano attraverso un rapporto (divisione) i risultati conseguiti Ragioneria Generale e Applicata 28 14

15 A livello aziendale: indici di economicità R.O.I.= RETURN ON INVESTMENT R.O.I.= RISULTATO OPERATIVO CAP. PROPRIO E DI TERZI MISURA LA REDDITIVITA DEL CAPITALE CHE E STATO INVESTITO NELLA GESTIONE A PRESCINDERE DALLE FONTI DI FINANZIAMENTO Ragioneria Generale e Applicata 29 A livello aziendale: indici di economicità SCOMPOSIZIONE DELLA FORMULA DEL ROI COME COMBINAZIONE DI DUE INDICI R.O.I.= RISULTATO OPERATIVO x FATTURATO FATTURATO CAP.PROPRIO E DI TERZI R.O.S. CAPITAL TURNOVER ESPRIME IL TASSO DI ROTAZIONE DEL CAPITALE INVESTITO ovvero ESPRIME L ADEGUATEZZA DEL CAPITALE DELL IMPRESA IN RELAZIONE ALL ATTIVITA SVOLTA, MISURATA DAL FATTURATO Ragioneria Generale e Applicata 30 15

16 A livello aziendale: indici di economicità R.O.S.= RETURN ON SALES R.O.S.= RISULTATO OPERATIVO FATTURATO MISURA LA REDDITIVITA DELLE VENDITE (quanto resta del prezzo di venditaricavi- dopo aver coperto i costi dell area caratteristica) ESPRIME IL GRADO DI CONVENIENZA AD INVESTIRE CAPITALE NELLA GESTIONE AZIENDALE Ragioneria Generale e Applicata 31 A livello aziendale: indici di economicità R.O.E.= RETURN ON EQUITY R.O.E.= REDDITO NETTO CAPITALE PROPRIO MISURA LA REDDITIVITA DEL CAPITALE INVESTITO NELLA GESTIONE DALL IMPRENDITORE O DAI SOCI Ragioneria Generale e Applicata 32 16

17 A livello di oggetti specifici Quando si effettua un controllo dei costi riferito ad oggetti più specifici (stabilimento, filiale, settore) ricordiamoci che occorre procedere ad un imputazione dei costi indiretti che si basa in larga misura su valutazione soggettive. Di norma, l analisi più importante fatto a questo livello e quella che studia l andamento dei costi al variare del volume di produzione dell attività aziendale e quindi un analisi che si basa su distinzione tra costi FISSI e costi VARIABILI Ragioneria Generale e Applicata 33 A livello di oggetti specifici Mettendo i costi fissi e variabili in relazione alle quantità di prodotto si ottengono: Costi totali = somma di costi fissi e variabili Costi medi = costi totali /n. prodotti (indica efficienza) Costi supplettivi (detti anche costi marginali) = costi totali che si registra quando aumento la produzione di una unità (indica anche il valore minimo che deve assumere il prezzo di vendita perché altrimenti non coprirò mai i costi!) Ragioneria Generale e Applicata 34 17

18 Costo medio Il COSTO MEDIO fornisce indicazioni utili circa l efficienza con cui vengono impiegati i fattori produttivi al variare della produzione. può essere calcolato per ogni fattore del quale rappresenterà la produttività economica: COSTO DEL FATTORE PER UNITA DI PROD. (costo medio calcolato per uno specifico fattore) COSTO DEL FATTORE = = PRODUTTIVITA ECONOMICA QUANT. PRODUTTIVA DEL FATTORE Il costo medio può essere scomposto calcolando per le tre componenti dei costi: fissi (β) variabili proporzionalmente (α), variabili più che proporzionalmente (γ) Ragioneria Generale e Applicata 35 L uso dei costi per le decisioni Le decisioni possono essere: Strategiche o di investimento (di lungo periodo) Operative o di gestione corrente (di breve periodo) Attenzione Dal momento che la suddivisione tra costi fissi e variabili è rilevante se riferita ad un arco temporale breve, Tutte le tecniche di analisi che si basano sulla distinzione tra costi fissi e variabili (es. margine di contribuzione) sono utili SOLO per supportare le decisioni di breve periodo Ragioneria Generale e Applicata 36 18

19 L uso dei costi per le decisioni DIRECT COSTING (che ci permette di calcolare il margine di contribuzione come espressione della capacità del singolo prodotto di contribuire alla formazione del reddito d impresa) Cambiare mix produttivo Dismettere prodotto o linea produttiva Sostituire delle risorse (lavoro vs. macchina) Make or Buy FULL COSTING Valutare beni in magazzino (costruzioni in economia) Determinare il prezzo di vendita Ragioneria Generale e Applicata 37 Cambiare mix produttivo ESEMPIO Azienda produce due beni. Potendo scegliere, su quale dei due prodotti le conviene spingere PRODOTTO per Amassimizzare PRODOTTO B il proprio profitto? Prezzo unitario - > problema di convenienza comparata CV unitario Q vendute 10,00 euro 7,00 euro ,00 euro 0,50 euro CF comuni euro Ragioneria Generale e Applicata 38 19

20 Cambiare mix produttivo PRODOTTO A PRODOTTO B Prezzo unitario CV unitario Q vendute 10,00 euro 7,00 euro ,00 euro 0,50 euro CF comuni euro A livello unitario: MC A =10-7=3 MC B =1-0,50=0,50 A livello complessivo: MC A =(10-7)x = MC B =(1-0,50)x = Ragioneria Generale e Applicata 39 Cambiare mix produttivo VERIFICA Nel ns. caso il Direttore di produzione dice che è possibile aumentare di unità la produzione totale Caso a: QA da a Caso b: QB da a PRODOTTO A PRODOTTO B PRODOTTO A PRODOTTO B Ricavi Ricavi Cv totali Cv totali MC MC MC TOTALE MC TOTALE Alternativa più conveniente Ragioneria Generale e Applicata 40 20

L analisi dei costi per le decisioni di impresa

L analisi dei costi per le decisioni di impresa Università Politecnica delle Marche Facoltà di Economia Giorgio Fuà Dipartimento di Management e Organizzazione Industriale Prof. Attilio Mucelli mucelli@econ.univpm.it - www.econ.univpm.it/mucelli L analisi

Dettagli

Corso di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso di Analisi e Contabilità dei Costi Corso di Analisi e Contabilità dei Costi 4_Il calcolo del costo di prodotto e la contabilità per centri di costo Il costo unitario di prodotto Conoscere il COSTO UNITARIO DI PRODOTTO è importante per:

Dettagli

ECONOMIA CLASSE IV prof.ssa Midolo L ASPETTO ECONOMICO DELLA GESTIONE. (lezione della prof.ssa Edi Dal Farra)

ECONOMIA CLASSE IV prof.ssa Midolo L ASPETTO ECONOMICO DELLA GESTIONE. (lezione della prof.ssa Edi Dal Farra) ECONOMIA CLASSE IV prof.ssa Midolo L ASPETTO ECONOMICO DELLA GESTIONE (lezione della prof.ssa Edi Dal Farra) La GESTIONE (operazioni che l azienda compie per raggiungere i suoi fini) può essere: ORDINARIA

Dettagli

Calcolare il costo dei prodotti

Calcolare il costo dei prodotti Calcolare il costo dei prodotti Metodi alternativi a confronto Prima Puntata www.studiobarale.it Parte 1 di 6 Obiettivi spiegare le diverse metodologie di calcolo dei costi di prodotto, mostrandone logiche

Dettagli

Fondamenti di contabilità analitica

Fondamenti di contabilità analitica Incontri di formazione per la contabilità economico-patrimoniale Prima fase Principi base della contabilità economico-patrimoniale ed analitica Fondamenti di contabilità analitica Riccardo Giannetti (rgiannet@ec.unipi.it)

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Il sistema informativo aziendale insieme delle attività connesse alla raccolta, analisi e rappresentazione delle informazioni interne ed esterne all'azienda dati indispensabili per poter valutare lo stato

Dettagli

I sistemi contabili per le decisioni e il controllo di gestione. I costi: concetti, terminologie e classificazioni.

I sistemi contabili per le decisioni e il controllo di gestione. I costi: concetti, terminologie e classificazioni. Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB I sistemi contabili per le decisioni e il controllo di gestione. I costi: concetti, terminologie

Dettagli

Svolgimento Tema di Economia d azienda

Svolgimento Tema di Economia d azienda Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 10 Esame di Stato 2015 Indirizzi: Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Linguistico Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Informatico Svolgimento

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LA NOZIONE E LE CARATTERISTICHE DELLA CONTABILITÀ ANALITICA...

Dettagli

Analisi delle configurazioni dei costi

Analisi delle configurazioni dei costi Analisi delle configurazioni dei costi i costi riferiti ad un medesimo oggetto possono assumere varie configurazioni a seconda del tipo di attività e dei fattori produttivi che s intende analizzare in

Dettagli

TOMO 1-3. DIRECT COSTING, FULL COSTING E ACTIVITY BASED COSTING Svolgimento a cura di Gabriela Subinaghi

TOMO 1-3. DIRECT COSTING, FULL COSTING E ACTIVITY BASED COSTING Svolgimento a cura di Gabriela Subinaghi TOMO 1-3. DIRECT COSTING, FULL COSTING E ACTIVITY BASED COSTING Svolgimento a cura di Gabriela Subinaghi 3.2 margine di contribuzione ( ) Scelta del prodotto di cui incrementare la produzione e la vendita

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE ECONOMICA DELLO S.P. E DEL C.E.

RICLASSIFICAZIONE ECONOMICA DELLO S.P. E DEL C.E. RICLASSIFICAZIONE ECONOMICA DELLO S.P. E DEL C.E. La riclassificazione economica dello SP: La gestione dell impresa viene idealmente scomposta in aree omogenee di attività Le attività e le passività, i

Dettagli

ESERCIZIO 1 ANALISI COSTI VOLUMI-RISULTATI + MARGINI DI CONTRIBUZIONE

ESERCIZIO 1 ANALISI COSTI VOLUMI-RISULTATI + MARGINI DI CONTRIBUZIONE ESERCIZIO 1 ANALISI COSTI VOLUMI-RISULTATI + MARGINI DI CONTRIBUZIONE La Penelope SPA è un azienda produttrice di telai. La produzione si articola su due linee: la linea Trama e la linea Ordito. Nel 2007

Dettagli

Sistemi di Programmazione e Controllo di Gestione - ADA A.A. 2011/2012. Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia

Sistemi di Programmazione e Controllo di Gestione - ADA A.A. 2011/2012. Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia - Facoltà di Economia Laurea Specialistica in Amministrazione e Direzione Aziendale (ADA) Anno Accademico 2011-2012 Corso di SISTEMI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE 2 Analisi dei costi Prof.ssa

Dettagli

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180 SVOLGIMENTO Per ogni attività di programmazione e pianificazione strategica risulta di fondamentale importanza per l impresa il calcolo dei costi e il loro controllo, con l attivazione di un efficace sistema

Dettagli

L analisi dei costi: il costing

L analisi dei costi: il costing L analisi dei Costi - a.a. 2012/2013 L analisi dei costi: il costing 1 La tecnica del costing (1) Il termine costing indica la tecnica specificatamente rivolta alla rilevazione dei costi. Negli ultimi

Dettagli

3. La contabilità analitica nelle imprese industriali

3. La contabilità analitica nelle imprese industriali 3. La contabilità analitica nelle imprese industriali Di cosa parleremo In questo capitolo analizzeremo la contabilità analitica delle imprese industriali, ripercorrendo le diverse tipologie di costo.

Dettagli

CASI ED ESERCIZI DI CONTABILITA ANALITICA

CASI ED ESERCIZI DI CONTABILITA ANALITICA CASI ED ESERCIZI DI CONTABILITA ANALITICA Esercizio 1: variabilità dei costi In base alle seguenti informazioni relative ai costi dell uso aziendale di un autoveicolo: costi fissi: assicurazione 1.200

Dettagli

INDICI DI BILANCIO. Lo stato patrimoniale, riclassificato, assume la forma che schematizziamo di seguito:

INDICI DI BILANCIO. Lo stato patrimoniale, riclassificato, assume la forma che schematizziamo di seguito: INDICI DI BILANCIO L analisi per indici del bilancio consiste nel calcolare, partendo dai dati dello Stato patrimoniale e del Conto economico, opportunamente revisionati e riclassificati, indici (quozienti,

Dettagli

Corso di. Analisi e contabilità dei costi

Corso di. Analisi e contabilità dei costi Corso di Analisi e Contabilità dei Costi Prof. 1_I costi e il sistema di controllo Perché analizzare i costi aziendali? La CONOSCENZA DEI COSTI (formazione, composizione, comportamento) utile EFFETTUARE

Dettagli

GLI SCHEMI DI RICLASSIFICAZIONE

GLI SCHEMI DI RICLASSIFICAZIONE GLI SCHEMI DI RICLASSIFICAZIONE Si differenziano soprattutto per il trattamento delle poste patrimoniali. Il criterio della liquidità/esigibilità: attività in ordine di liquidità decrescente, passività

Dettagli

Il caso CodeInt s.r.l.

Il caso CodeInt s.r.l. L ANALISI DEI COSTI DI DISTRIBUZIONE PER LA VALUTAZIONE DELL EFFICIENZA COMMERCIALE Il caso CodeInt s.r.l. Che cos è la contabilità analitica? insieme di determinazioni economicoquantitative mediante cui

Dettagli

Economia Aziendale. L analisi dei costi

Economia Aziendale. L analisi dei costi Economia Aziendale L analisi dei costi Roma, 03 novembre 2014 Dott.ssa Sabrina Ricco 1 Tematiche La contabilità generale e la contabilità analitica I costi aziendali: i costi fissi e i costi variabili

Dettagli

La contabilità gestionale: full costing e direct costing

La contabilità gestionale: full costing e direct costing La contabilità gestionale: full costing e direct costing Impostazione tradizionale: la contabilità gestionale a costi diretti A seconda del metodo con cui si calcola il costo di un oggetto, ossia del tipo

Dettagli

Le analisi di bilancio

Le analisi di bilancio Le analisi di bilancio Salvatore Loprevite Dott. Salvatore Loprevite 1 Sommario 1) I principi generali di riclassificazione del Conto Economico: le aree della gestione aziendale e le configurazioni parziali

Dettagli

Indici di redditività. Gli indici di redditività. Pag. 1

Indici di redditività. Gli indici di redditività. Pag. 1 1 Indici di redditività Gli indici di redditività L analisi della redditività si pone l obiettivo di apprezzare l attitudine della gestione aziendale a remunerare il capitale che ha concorso alla sua formazione.

Dettagli

EQUILIBRIO ECONOMICO-FINANZIARIO

EQUILIBRIO ECONOMICO-FINANZIARIO CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO ECONOMIA AZIENDALE e RAGIONERIA APPLICATA ALLE IMPRESE TURISTICHE Anno Accademico 2011 2012 Lezione 13 EQUILIBRIO ECONOMICO-FINANZIARIO -FINANZIARIO

Dettagli

LA LETTURA DEL BILANCIO ANALISI E INDICI DI BILANCIO

LA LETTURA DEL BILANCIO ANALISI E INDICI DI BILANCIO LA LETTURA DEL BILANCIO ANALISI E INDICI DI BILANCIO Prof R Bauer Strumenti di analisi e lettura del bilancio: L analisi di bilancio può essere condotta con : A) la riclassificazione degli schemi di bilancio;

Dettagli

UD14. La ripartizione dei costi comuni. obiettivi

UD14. La ripartizione dei costi comuni. obiettivi _ MODULO 5 la gestione economica _ I UD14 La ripartizione dei costi comuni obiettivi Vedremo come si forma il costo e con quale metodologia i costi indiretti possono essere ripartiti tra i settori aziendali

Dettagli

IL BUDGET IL CONTROLLO DI GESTIONE. Alcuni cenni. (parte prima)

IL BUDGET IL CONTROLLO DI GESTIONE. Alcuni cenni. (parte prima) IL BUDGET E IL CONTROLLO DI GESTIONE Alcuni cenni (parte prima) 1 INDICE - Schema di articolazione del budget di esercizio Pag. 3 - Definizione di Costo e definizione di Prezzo Pag. 4 - Configurazione

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Il reporting per la misurazione delle performance aziendali

Il reporting per la misurazione delle performance aziendali Programmazione e controllo Capitolo 12 Il reporting per la misurazione delle performance aziendali a cura di A. Pistoni e L. Songini 1. Obiettivi di apprendimento 1. Apprendere i criteri di progettazione

Dettagli

L ANALISI PER INDICI

L ANALISI PER INDICI L ANALISI PER INDICI 1. Gli indici di bilancio Dopo aver riclassificato il bilancio d esercizio è possibile calcolare partendo dai dati dello Stato Patrimoniale e del Conto economico alcuni indicatori,

Dettagli

12 L ECONOMICITA AZIENDALE. 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1

12 L ECONOMICITA AZIENDALE. 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1 12 L ECONOMICITA AZIENDALE 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1 L economicità Tutte le aziende, per poter conseguire i propri fini, devono essere in grado di operare in condizioni di: -autonomia

Dettagli

LA CONTABILITA INTERNA. La contabilità interna

LA CONTABILITA INTERNA. La contabilità interna LA CONTABILITA INTERNA 1 LA CONTABILITA ANALITICA La gestione dei costi aziendali richiede informazioni più dettagliate rispetto a quelle offerte dalla contabilità esterna: è, infatti, necessario individuare

Dettagli

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Aureli Selena 1_Sistema di controllo e contabilità analitica Perché analizzare i costi aziendali? La CONOSCENZA DEI COSTI (formazione, composizione,

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

EQUILIBRI DI GESTIONE

EQUILIBRI DI GESTIONE EQUILIBRI DI GESTIONE MAPPA DEGLI EQUILIBRI GESTIONALI Gestione caratteristica Equilibrio economico Gestione extra-caratteristica costi ricavi oneri proventi di lungo periodo fonti impieghi Equilibrio

Dettagli

LA POLITICA DEI PREZZI:

LA POLITICA DEI PREZZI: LA POLITICA DEI PREZZI: I VINCOLI DI MERCATO E LA CORRETTA DETERMINAZIONE DEL COSTO DEL PRODOTTO 1 DETERMINAZIONE DEL PREZZO APPROCCIO CENTRATO SULL AZIENDA APPROCCIO CENTRATO SUL MERCATO 2 APPROCCIO CENTRATO

Dettagli

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved Indici di Bilancio Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano-Bicocca University All rights reserved Milano, marzo 2012 Gli indici di bilancio I dati desumibili dal bilancio possono essere trasformati

Dettagli

Ai fini economici i costi di un impresa sono distinti principalmente in due gruppi: costi fissi e costi variabili. Vale ovviamente la relazione:

Ai fini economici i costi di un impresa sono distinti principalmente in due gruppi: costi fissi e costi variabili. Vale ovviamente la relazione: 1 Lastoriadiun impresa Il Signor Isacco, che ormai conosciamo per il suo consumo di caviale, decide di intraprendere l attività di produttore di caviale! (Vuole essere sicuro della qualità del caviale

Dettagli

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE. Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE. Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009 Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing Allocazione dei costi industriali

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

CETEM Economia ed organizzazione aziendale II

CETEM Economia ed organizzazione aziendale II CETEM Economia ed organizzazione aziendale II Analisi dei Costi Testo: Manuale di Economia e Organizzazione d Impresa S. Rossetto, Utet. Roero, Rizzo Esercizi di economia ed organizzazione Aziendale, Utet.

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9

PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA REDAZIONE DEL BILANCIO CIVILISTICO 2014: LE PRINCIPALI NOVITA PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9 Dr. Riccardo Bauer 2 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Dettagli

Studio di fattibilità e classificazione dei costi degli impianti industriali

Studio di fattibilità e classificazione dei costi degli impianti industriali Studio di fattibilità e classificazione dei costi degli impianti industriali Roberto Pinto Dipartimento di Ingegneria Gestionale, dell Informazione e della Produzione (DIGIP) Università di Bergamo Progettazione

Dettagli

FABBISOGNO DI FINANZIAMENTO

FABBISOGNO DI FINANZIAMENTO FABBISOGNO DI FINANZIAMENTO Fonti interne: autofinanziamento Fonti esterne: capitale proprio e capitale di debito Capitale proprio: deriva dai conferimenti dei soci dell azienda e prende il nome, in contabilità,

Dettagli

Contabilità dei costi

Contabilità dei costi Università degli Studi di Siena Facoltà di Economia Analisi e Contabilità dei Costi Dott. Pasquale Ruggiero Dipartimento Studi Aziendali e Sociali e-mail: ruggiero@unisi.it 1 Contabilità dei costi Fornisce

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sul controllo di gestione ed è articolato in una parte obbligatoria e tre

Dettagli

Conto Economico % Si riportano i dati per la localizzazione dei costi e le informazioni necessarie per procedere al calcolo dei costi.

Conto Economico % Si riportano i dati per la localizzazione dei costi e le informazioni necessarie per procedere al calcolo dei costi. ESERCIZIO 20 - CASO TEX - (full costing per centri di costo) La società Tex SpA produce tessuti per arredamento ed è specializzata nella produzione di tovaglie (tovaglie antimacchia e tovaglie damascate),

Dettagli

Corso di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso di Analisi e Contabilità dei Costi Corso di Analisi e Contabilità dei Costi 6_L utilizzo dei costi nelle decisioni di breve periodo. Il Margine di Contribuzione e l Analisi Differenziale I costi come strumento di ausilio nelle decisioni

Dettagli

Il Cambiamento e l Innovazione nella Professione: il Controllo Direzionale

Il Cambiamento e l Innovazione nella Professione: il Controllo Direzionale Il Cambiamento e l Innovazione nella Professione: il Controllo Direzionale La contabilità analitica e la misurazione degli oggetti di calcolo Prof. Cattaneo Cristiana Bergamo, 15 Ottobre 2010 ARGOMENTO

Dettagli

GESTIRE I COSTI E PIANIFICARE I RICAVI: come realizzare il prospetto economico dell attività

GESTIRE I COSTI E PIANIFICARE I RICAVI: come realizzare il prospetto economico dell attività GESTIRE I COSTI E PIANIFICARE I RICAVI: come realizzare il prospetto economico dell attività CONTABILITA GENERALE e CONTABILITA ANALITICA le informazioni derivanti dalla Contabilità Generale (C.G.) si

Dettagli

Il Break Even Point. Soluzione: BEP = CF/(p-cv) CF=522.800 cv =.6 p =.70 BEP = 522.800/(70-6) = 8.168,75 BEP giornaliero = 8.

Il Break Even Point. Soluzione: BEP = CF/(p-cv) CF=522.800 cv =.6 p =.70 BEP = 522.800/(70-6) = 8.168,75 BEP giornaliero = 8. Il Break Even Point Esercizio 1 Un albergo con 40 camere doppie, aperto tutto l anno, vende i pernottamenti a un prezzo medio di.70 per camera con trattamento B&B. Presenta i seguenti costi fissi relativi

Dettagli

Analisi dei margini: componenti e rischi

Analisi dei margini: componenti e rischi Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Analisi dei margini: componenti e rischi Capitolo 7 Indice degli argomenti 1. Principali componenti del reddito operativo 2. Tipici fattori

Dettagli

Syllabus. Livello A. Vers. 1.0. Pag. 1. EBCL International - EBCL-Italia

Syllabus. Livello A. Vers. 1.0. Pag. 1. EBCL International - EBCL-Italia Syllabus Vers. 1.0 Livello A Pag. 1 Indice dei moduli MODULO 1: Redazione del Bilancio 3 MODULO 2: Analisi di Bilancio 5 MODULO 3: Analisi dei Costi 6 MODULO 4: Elementi di Diritto Commerciale 7 Pag. 2

Dettagli

Analisi dei costi e contabilità industriale

Analisi dei costi e contabilità industriale Analisi dei costi e contabilità industriale A cura di dottor Alessandro Tullio La Contabilità Industriale 1 CONTABILITA INDUSTRIALE A COSA SERVE? ANALIZZARE I COSTI ORIENTARE I PREZZI DETERMINARE RISULTATI

Dettagli

PROGRAMMA EBCL LIVELLO A CORSO AVANZATO (60 ORE)

PROGRAMMA EBCL LIVELLO A CORSO AVANZATO (60 ORE) PROGRAMMA EBCL LIVELLO A CORSO AVANZATO (60 ORE) MODULO 1 REDAZIONE DEL BILANCIO Saper leggere un bilancio d esercizio (Stato Patrimoniale e Conto Economico). Conoscere e analizzare gli elementi fondamentali

Dettagli

Calcolare il costo dei prodotti

Calcolare il costo dei prodotti Calcolare il costo dei prodotti Metodi alternativi a confronto Terza Puntata www.studiobarale.it Parte 3 di 6 Full costing Full costing Prevede che tutti i costi (variabili e fissi; specifici e comuni)

Dettagli

NUOVA RELAZIONE SULLA GESTIONE. Dott. Fabio CIGNA

NUOVA RELAZIONE SULLA GESTIONE. Dott. Fabio CIGNA NUOVA RELAZIONE SULLA GESTIONE INDICATORI FINANZIARI DI RISULTATO Dott. Fabio CIGNA Gli indicatori di risultato finanziari: Stato Patrimoniale e Conto Economico riclassificati Analisi degli indicatori

Dettagli

ANALISI DEI COSTI (contabilità analitica, industriale, dei costi)

ANALISI DEI COSTI (contabilità analitica, industriale, dei costi) Le prestazioni economico/finanziarie dell impresa ANALISI DEI (contabilità analitica, industriale, dei costi) ABCD Economico/finanziario 1 OGGETTO DELLA CONTABILITA ANALITICA I prodotti che l azienda realizza

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La riclassificazione del bilancio d esercizio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it Il bilancio pubblico Il Bilancio è il documento contabile in cui trovano rappresentazione

Dettagli

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE NELL ATTIVITA DI ACCONCIATORE

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE NELL ATTIVITA DI ACCONCIATORE PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE NELL ATTIVITA DI ACCONCIATORE Pisa 16 marzo 2014 Pisa 16 marzo 2014 1 VALUTAZIONE-CONFRONTO RISULTATI DI DUE AZIENDE: Impresa A Impresa B CAPITALE INVESTITO 50 100

Dettagli

Analisi dei costi di produzione

Analisi dei costi di produzione Analisi dei costi di produzione industriale Analisi dei costi 1 Comportamento dei costi La produzione è resa possibile dall impiego di diversi fattori. L attività di produzione consuma l utilità dei beni

Dettagli

Corso di. Analisi e contabilità dei costi

Corso di. Analisi e contabilità dei costi Corso di Analisi e Contabilità dei Costi I costi nelle aziende che lavorano su commessa 1. Cosa significa produrre su commessa? L azienda produce un bene (complesso) solo dopo aver ricevuto un ordine da

Dettagli

Calcolare il costo dei prodotti

Calcolare il costo dei prodotti Calcolare il costo dei prodotti Metodi alternativi a confronto Parte 2 «Mix» Margini e Break Even Point Mix vendite e margine medio GAMMA SpA (Tavola 4) Prodotti Vendite Mix vendite Margine di contribuzione

Dettagli

Economia e Gestione delle Imprese Facoltà di Scienze della Comunicazione - Università di Torino

Economia e Gestione delle Imprese Facoltà di Scienze della Comunicazione - Università di Torino Executive summary L impresa Corporate governance Le strategie d impresa Le politiche di pianificazione e controllo Le politiche organizzative Le politiche finanziarie 1 Gli equilibri dell impresa L analisi

Dettagli

La Break Even Analysis. I calcoli di convenienza economica per le scelte correnti di gestione

La Break Even Analysis. I calcoli di convenienza economica per le scelte correnti di gestione La Break Even Analysis. I calcoli di convenienza economica per le scelte correnti di gestione Prof. Domenico Nicolò Univ. Mediterranea di Reggio Calabria La Break Even Analysis. I calcoli di convenienza

Dettagli

L ANALISI PER INDICI

L ANALISI PER INDICI Obiettivo dell analisi per indici è la valutazione delle scelte dell imprenditore attraverso la misurazione degli effetti economici, finanziari e patrimoniale prodotti dalle stesse. La corretta misurazione

Dettagli

IL BUDGET GLOBALE D AZIENDA

IL BUDGET GLOBALE D AZIENDA IL BUDGET GLOBALE D AZIENDA BUDGET ECONOMICO BUDGET FINANZIARIO BUDGET FONTI - IMPIEGHI BUDGET DI CASSA BUDGET PATRIMONIALE IL BUDGET ECONOMICO (RICAVI E COSTI) BUDGET COMMERCIALE COSTI COMMERCIALI RICAVI

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale Unità Competenze professionali Conoscenze Abilità Strumenti

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino

POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino COSTI DI PRODUZIONE E GESTIONE AZIENDALE A.A. 1999-2000 (Tutore: Ing. L. Roero) Scheda N. 5 Allo scopo di controllare, nell ottica

Dettagli

La riclassificazione del bilancio d esercizio

La riclassificazione del bilancio d esercizio La riclassificazione del bilancio d esercizio Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani), Mc Graw-Hill 2001, cap. 4 1 Il bilancio pubblico. Il sistema informativo di bilancio secondo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti ESAME DEL 08-04-10 DOMANDA 1 Definire e illustrare graficamente il concetto di break even point. ESERCIZIO 1 La società Dolly Creation S.p.A. produce bambole da collezione e giochi per la prima infanzia.

Dettagli

L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo

L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo Partendo dal bilancio di verifica della società TWENTY SpA si effettui un analisi delle tre dimensioni della: - Liquidità - Solidità - Redditività STATO PATRIMONIALE

Dettagli

CALCOLO DEGLI INDICI NELL ANALISI DI BILANCIO

CALCOLO DEGLI INDICI NELL ANALISI DI BILANCIO CALCOLO DEGLI NELL ANALISI DI BILANCIO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI PRINCIPALI CASO-GUIDA SULLA TECNICA DI CALCOLO DEGLI Principio di revisione n. 570 La valutazione dello stato di salute della società oggetto

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E IL BILANCIO D ESERCIZIO A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LE NOZIONI DI CONTABILITÀ GENERALE E BILANCIO

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

ANALISI DEI COSTI PER LE DECISIONI AZIENDALI I COSTI AZIENDALI E L ANALISI COSTI-VOLUMI-PROFITTI. Prof. Lino Cinquini. Dott.

ANALISI DEI COSTI PER LE DECISIONI AZIENDALI I COSTI AZIENDALI E L ANALISI COSTI-VOLUMI-PROFITTI. Prof. Lino Cinquini. Dott. ANALISI DEI COSTI PER LE DECISIONI AZIENDALI I COSTI AZIENDALI E L ANALISI COSTI-VOLUMI-PROFITTI Prof. Lino Cinquini l.cinquini@sssup.it Dott. Andrea Tenucci a.tenucci@sssup.it 13 marzo 2014 Palazzo dei

Dettagli

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE Newsletter Phedro settembre 2007 IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE IL BUDGET ECONOMICO Il budget economico deriva dal consolidamento dei budget settoriali e dei costi programmati per il successivo

Dettagli

L ANALISI DI BILANCIO

L ANALISI DI BILANCIO L ANALISI DI BILANCIO Teoria e caso su Personal Computer Prof. Massimo Saita Direttore Istituto di Economia, Amministrazione e Politica Aziendale Facoltà di Economia Università degli Studi di Milano-Bicocca

Dettagli

RIASSUNTI ECONOMIA Finalità dei sistemi contabili: conveniente sistemi contabili

RIASSUNTI ECONOMIA Finalità dei sistemi contabili: conveniente sistemi contabili RIASSUNTI ECONOMIA Finalità dei sistemi contabili: per operare in modo efficiente le aziende hanno bisogno di conoscere se l utilizzo delle risorse che stanno impiegando nelle diverse attività è economicamente

Dettagli

CRITERI DI RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA DELLO STATO PATRIMONIALE

CRITERI DI RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA DELLO STATO PATRIMONIALE CRITERI DI RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA DELLO STATO PATRIMONIALE ATTIVITA : RAGGRUPPARE GLI ELEMENTI ATTIVI DEL CAPITALE IN RELAZIONE ALLA LORO ATTITUDINE A PROCURARE MEZZI DI PAGAMENTO, ATTRAVERSO LA

Dettagli

Il Business Plan. Concetti base

Il Business Plan. Concetti base Il Business Plan Concetti base LA PIANIFICAZIONE E il processo con il quale Si stabiliscono gli obiettivi da raggiungere nel periodo (3-5 anni) Si individuano le risorse (umane e finanziarie) e gli strumenti

Dettagli

Organizzazione dell azienda farmacia e farmacoeconomia

Organizzazione dell azienda farmacia e farmacoeconomia Organizzazione dell azienda farmacia e farmacoeconomia Sistema di rilevazione: economicità, bilancio, indici di bilancio Claudio Jommi claudio.jommi@pharm.unipmn.it Agenda delle prossime lezioni Equilibrio

Dettagli

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS 1 Analisi del punto di equilibrio o di pareggio Consiste nella determinazione grafica o matematica del quantitativo di vendita al quale i costi totali e i ricavi

Dettagli

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING Temi in preparazione alla maturità ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Materie: Economia aziendale (Classe 5 a Istituto Tecnico e Istituto

Dettagli

CONTO ECONOMICO CONTABILE CONTO ECONOMICO CONTABILE

CONTO ECONOMICO CONTABILE CONTO ECONOMICO CONTABILE CONTO ECONOMICO CONTABILE CONTO ECONOMICO CONTABILE Struttura Criterio di di classificazione Costi, ricavi e rimanenze Per natura Per natura Forma A sezioni contrapposte I LIMITI DELLA STRUTTURA A COSTI

Dettagli

ESERCIZIO CDC (fonte: Pitzalis, Tenucci,Strumenti per l analisi dei costi. Esercizi e casi di Cost Accounting, Giappichelli, 2005)

ESERCIZIO CDC (fonte: Pitzalis, Tenucci,Strumenti per l analisi dei costi. Esercizi e casi di Cost Accounting, Giappichelli, 2005) ESERCIZIO CDC (fonte: Pitzalis, Tenucci,Strumenti per l analisi dei costi. Esercizi e casi di Cost Accounting, Giappichelli, 2005) L azienda CARP srl produce tre tipi di canne da pesca per tre differenti

Dettagli

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE OBIETTIVI DELLA PIANIFICAZIONE E CONTROLLO: q PROGRAMMARE LA PRODUZIONE OTTIMIZZARE L UTILIZZO DELLA CAPACITA PRODUTTIVA

Dettagli

Budget e marchi di impresa

Budget e marchi di impresa Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 11 dicembre 2009 Budget e marchi di impresa Costi e ricavi per la pianificazione dell attività Budget e marchi di impresa

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO SITUAZIONE SITUAZIONE FINANZIARIA E PATRIMONIALE FINANZIARIA ELASTICITA DEGLI INVESTIMENTI MARGINI

ANALISI DI BILANCIO SITUAZIONE SITUAZIONE FINANZIARIA E PATRIMONIALE FINANZIARIA ELASTICITA DEGLI INVESTIMENTI MARGINI ANALISI DI BILANCIO INDICI FINANZIARI INDICI DI ROTAZIONE E DURATA SITUAZIONE ECONOMICA SITUAZIONE ANALISI DINAMICA SITUAZIONE E R.O.E. INDEBITAMENTO FINANZIARIO INDICI DI REDDITIVITA SOLIDITA MARGINI

Dettagli

La produzione. Produzione

La produzione. Produzione La produzione Produzione > La produzione è attività che consiste nella combinazione di fattori produttivi (input) e nella loro trasformazione in prodotti (output) direttamente consumabili destinati ad

Dettagli

Le configurazioni di costo

Le configurazioni di costo SISTEMI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Le configurazioni di costo Prof.ssa Monia Castellini Copyright Sistemi di programmazione e controllo 1 Obie9vi forma

Dettagli

Bilancio di esercizio

Bilancio di esercizio Barbara Scozzi bscozzi@poliba.it Contabilità direzionale Strumenti tecnico-contabili di supporto a rilevazione, organizzazione e interpretazione delle informazioni economico-finanziarie Budget Contabilità

Dettagli

Strumenti per il controllo economico e finanziario dell impresa: gestione delle problematiche e soluzioni

Strumenti per il controllo economico e finanziario dell impresa: gestione delle problematiche e soluzioni Strumenti per il controllo economico e finanziario dell impresa: gestione delle problematiche e soluzioni Dott. Claudio Orsini Arcadia Consulting Srl Bologna Finanza d impresa e Consulenza di direzione

Dettagli

ECONOMIA E DIREZIONE DELLE IMPRESE 1

ECONOMIA E DIREZIONE DELLE IMPRESE 1 4.00 3.50 3.00 2.50 2.00 1.50 1.00 0.50 18/1/00 J F M A M J J A S O N D J SEAT-PAGINE GIALLE SEAT-PAGINE GIALLE RNC HIGH 3.49 28/12/99, LOW 0.70 1/1/99, LAST 3.09 14/1/00 HIGH 2.30 28/12/99, LOW 0.54 1/1/99,

Dettagli

Esercitazione 23 maggio 2016

Esercitazione 23 maggio 2016 Esercitazione 5 maggio 016 Esercitazione 3 maggio 016 In questa esercitazione, nei primi tre esercizi, analizzeremo il problema del moral hazard nel mercato. In questo caso prenderemo in considerazione

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli