REGOLAMENTO SPECIALE Sistema di remunerazione e incentivazione del Gruppo BIM

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO SPECIALE Sistema di remunerazione e incentivazione del Gruppo BIM"

Transcript

1 REGOLAMENTO SPECIALE Sistema di remunerazione e incentivazione del Gruppo BIM

2 1. ASPETTI GENERALI RETRIBUZIONE FISSA RETRIBUZIONE VARIABILE VAP (PREMIO DI PRODUTTIVITÀ) BONUS DI RISULTATO... 4 a) Ambito di applicazione... 4 b) Articolazione degli obiettivi da raggiungere... 4 c) Obiettivi di Gruppo aziendali Indicatori... 5 d) Obiettivi di Unità organizzativa Indicatori... 5 e) Obiettivi Individuali Quantitativi Indicatori... 6 f) Obiettivi Individuali Qualitativi Indicatori... 6 g) Responsabili delle Funzioni di controllo interno e Dirigente Preposto... 6 h) Iter di approvazione degli indicatori e obiettivi definiti... 7 i) Definizione del bonus target individuale... 7 j) Ammontare complessivo del bonus di risultato... 7 k) Dati di riferimento... 7 l) Determinazione del raggiungimento degli obiettivi... 7 m) Tempi del processo... 8 n) Erogazione... 8 o) TFR e Fondo Pensioni... 9 p) Decorrenza e validità BONUS AD PERSONAM LONG TERM INCENTIVES...10 a) Stock Options b) Assegnazione azioni alla totalità dei dipendenti Gruppo Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni S.p.A. Pagina 2 di 10

3 1. ASPETTI GENERALI Il Gruppo Banca Intermobiliare (o Gruppo BIM) 1 ha deliberato di adottare un nuovo sistema di remunerazione e incentivazione, strutturato in diverse componenti, che si propone di perseguire i seguenti obiettivi di lungo periodo: - il miglioramento della performance; - la creazione di valore sostenibile nel tempo; - l implementazione della reputazione del Gruppo BIM sulla base dell affidabilità/integrità dello stesso; - l incremento della motivazione professionale; - la fidelizzazione delle risorse stesse. L elaborazione del presente sistema di remunerazione ed incentivazione è stata effettuata dalla Funzione Risorse Umane nel rispetto dei criteri definiti e dettagliati al punto 3.4 Sistemi di Remunerazione e Incentivazione del documento relativo al Progetto di Governo Societario approvato dal Consiglio di Amministrazione di Banca Intermobiliare del 26 giugno 2009, ovvero: - sostenibilità, garantita dal collegamento diretto tra livello retributivo e performance con l obiettivo di creazione di valore a lungo termine per gli Azionisti, nonché rafforzamento della reputazione del Gruppo BIM; - motivazione e fidelizzazione delle risorse, mediante un adeguato mix tra componenti fisse e variabili della retribuzione, oltre altre forme di incentivazione di lungo periodo; - allineamento alla prassi di mercato al fine di mantenere competitiva la composizione e la struttura dell offerta remunerativa del Gruppo BIM. Gli elementi inclusi nella politica di remunerazione e di incentivazione per lo Società del Gruppo BIM sono i seguenti: - Retribuzione fissa - Retribuzione variabile o VAP (Premio di produttività) o Bonus di risultato o Bonus ad personam o Long Term Incentives Quanto descritto nel presente documento si applica alle seguenti società del Gruppo Banca Intermobiliare: - Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni; - Symphonia SGR; - BIM Fiduciaria; - Bim Immobiliare; - Bim Insurance Brokers; - Banca IPIBI Financial Advisory; 2. RETRIBUZIONE FISSA La Funzione Risorse Umane ha predisposto, sulla base di dati di benchmark specifici del settore, un modello retributivo valido per i dipendenti delle Società del Gruppo BIM. Il posizionamento scelto da BIM rispetto al benchmark è sul dato di mediana ritenuto, in termini statistici e complessivi, l indicatore più significativo e stabile del fenomeno analizzato. 1 Ai fini del presente documento per società appartenenti al Gruppo BIM si intendono : Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni, Symphonia Sgr, Bim Fiduciaria, Bim Immobiliare, Bim Insurance Brokers, Banca IPIBI Financial Advisory. Gruppo Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni S.p.A. Pagina 3 di 10

4 Il modello retributivo prevede, per ciascuna Funzione aziendale e specifica professionalità, una griglia retributiva articolata in più fasce, ciascuna rappresentante un definito livello di competenza e capacità. Per ogni fascia, sulla base dei dati di benchmark, è stata indicata una retribuzione lorda annua di riferimento (flessibile fino al ±10% per gestire aspetti quali anzianità nel ruolo, impegno, autonomia, ecc ) e l inquadramento contrattuale. Al fine di garantire che la politica retributiva del Gruppo BIM sia allineata alla prassi di mercato è previsto che il modello retributivo definito venga annualmente aggiornato. 3. RETRIBUZIONE VARIABILE 3.1. VAP (Premio di produttività) Il VAP è attualmente regolamentato dall accordo siglato in data 25 febbraio 2010 tra la Capogruppo BANCA INTERMOBILIARE DI INVESTIMENTI E GESTIONI S.p.A. e le società del Gruppo medesimo e le rispettive Rappresentanze Sindacali Aziendali Bonus di risultato a) Ambito di applicazione Il bonus di risultato per l anno 2010 è previsto per i dipendenti che ricoprono i seguenti ruoli, ove presenti: - Direttore Generale - Responsabile e Vice responsabile di Area - Responsabile e Vice responsabile di Funzione - Responsabile di Ufficio - Ruolo commerciale 2 - Ruolo operativo sui mercati (gestore, trader, negoziatore, ) L estensione del sistema incentivante sarà progressiva ed è prevista, già fin da ora e negli anni successivi al 2010, l estensione ai Responsabili di Settore e figure equivalenti ricomprese nell ambito di Uffici. Non è, inoltre, escluso che l elenco dei ruoli possa essere ulteriormente ampliato nei prossimi esercizi; la flessibilità del modello, d altra parte, consente di includere nell applicazione del bonus di risultato anche singoli soggetti indipendentemente dal ruolo ricoperto. b) Articolazione degli obiettivi da raggiungere L erogazione del bonus di risultato è legata alla soglia di raggiungimento di 3 tipologie di obiettivi, ovvero: 1. Obiettivi di Gruppo Aziendale: tali obiettivi saranno i medesimi per tutti i dipendenti di tutte le società del Gruppo BIM che rientrano nell assegnazione del bonus di risultato. 2. Obiettivi di Struttura Organizzativa: tali obiettivi saranno specifici per ciascuna unità organizzativa Obiettivi individuali: tali obiettivi saranno ulteriormente divisi in: a. Obiettivi quantitativi 2 Sono inclusi nel Ruolo Commerciale i dipendenti in forza all Area commerciale di BIM. Per quanto concerne il personale avente mansioni di relationship managers (addetti alla clientela), si applica - in relazione alla componente variabile - il sistema di incentivazione approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 27/02/09 e riportato quale Allegato A. 3 Ai fini del presente documento ciascuna società controllata da BIM costituisce un autonoma unità organizzativa. Gruppo Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni S.p.A. Pagina 4 di 10

5 b. Obiettivi qualitativi (questi avranno un maggior peso con il crescere del ruolo e della responsabilità). A seconda del ruolo ricoperto, le 3 tipologie di obiettivo assumeranno un peso diverso sul totale dell obiettivo attribuito; lo schema che segue rappresenta tale articolazione di elementi: All inizio di ogni anno dovranno essere puntualmente definiti secondo quanto stabilito dal presente documento - i risultati attesi per ciascuna tipologia di obiettivo per ognuno dei soggetti inclusi nell assegnazione del bonus di risultato. c) Obiettivi di Gruppo aziendali Indicatori Gli indicatori definiti per la valutazione del raggiungimento degli obiettivi di Gruppo Aziendale sono: 1. Risultato della gestione operativa pro capite 2. Masse complessive pro capite 3. Utile netto pro capite Per ciascun indicatore è stato stabilito un valore target assoluto ed un peso per il calcolo della soglia di raggiungimento del risultato di Gruppo Aziendale. Indicatore Valore target Peso Valore assoluto (in base ad attuale struttura) Risultato gestione operativa pro capite % Masse complessive pro capite % Utile netto pro capite % % I soggetti considerati per il calcolo degli indicatori pro capite sono tutti i dipendenti e i promotori finanziari del Gruppo Banca Intermobiliare alla data del presente documento. Il dato utilizzato è quello relativo al numero medio annuo. Gli indicatori utilizzati per la determinazione degli Obiettivi di Gruppo aziendale saranno aggiornati di anno in anno. d) Obiettivi di Unità organizzativa Indicatori Gli indicatori per la valutazione del raggiungimento degli obiettivi di Unità Organizzativa saranno differenti per ciascuno dei soggetti coinvolti nell assegnazione del bonus di risultato. Tali indicatori, definiti annualmente da ciascun soggetto con il proprio Responsabile nell ambito della discussione delle valutazioni dell anno precedente e comunque non oltre il 30 aprile dell anno di riferimento, dovranno essere specifici per ciascuna unità organizzativa ovvero strettamente connessi con l attività Gruppo Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni S.p.A. Pagina 5 di 10

6 lavorativa svolta; inoltre, dovranno essere collegati in modo chiaro ed evidente agli obiettivi di business aziendali definiti a livello di budget annuale. Per ciascun indicatore definito si dovranno identificare dei parametri di riferimento per rendere quanto più possibile misurabile e quantificabile il risultato dell attività svolta. Infine, sarà necessario definire un peso relativo per ciascun indicatore, in modo che la somma di tutti gli elementi sia pari a 100. La definizione degli indicatori e dei risultati attesi in relazione agli obiettivi di Unità Organizzativa tiene in debito conto quanto verrà espresso in attuazione del documento relativo al Progetto di Governo Societario in punto Criteri di conformità elaborati dalla Funzione Compliance. e) Obiettivi Individuali Quantitativi Indicatori Gli obiettivi individuali quantitativi costituiranno contributi chiari e ben misurabili nell ambito degli obiettivi di Unità Organizzativa definiti e saranno la componente prevalente degli obiettivi individuali concordati con il proprio Responsabile per i ruoli commerciali e operativi sui mercati. La definizione degli indicatori e dei risultati attesi in relazione agli obiettivi Individuali Quantitativi terrà in debito conto quanto verrà espresso in attuazione del documento relativo al Progetto di Governo Societario in punto Criteri di conformità elaborati dalla Funzione Compliance. f) Obiettivi Individuali Qualitativi Indicatori Gli obiettivi individuali qualitativi saranno attribuiti a tutti i soggetti coinvolti che ricoprono un ruolo di Responsabile a vario livello con la finalità di sviluppare comportamenti positivi che abbiano impatto sia sui risultati di business che di clima aziendale. Tale tipologia di obiettivo afferisce, infatti, alla dimensione gestionale e alle capacità manageriali; gli elementi che dovranno essere considerati sono, in via esemplificativa i seguenti: - Gestione dei collaboratori (crescita competenze, delega, organizzazione, formazione, turn over, piani di successione interna, ecc..) - Orientamento al risultato (priorità, spirito iniziativa, rispetto tempi, ecc..) - Innovazione/miglioramento dei processi (maggiore efficienza, nuovi processi, strutturazione, ) - Collaborazione con altre strutture (teamwork, flessibilità, ecc..) - Leadership (decisionalità, influenza e impatto, ) - Clima del team (motivazione, senso di appartenenza, cooperazione, ) - Cultura di compliance (diminuzione reclami, customer satisfaction, ) g) Responsabili delle Funzioni di controllo interno e Dirigente Preposto Gli obiettivi previsti per il Dirigente Preposto alla redazione dei documenti contabili e societari e per i Responsabili delle Funzioni di Compliance e di Internal Audit, in linea con quanto indicato nelle disposizioni di Banca d Italia, sono prevalentemente collegati ai risultati specifici delle rispettive Funzione e non ai risultati economici della Banca e del Gruppo. L entità del compenso variabile è definita con riferimento ad indicatori specifici delle rispettive funzioni che dovranno includere, tra l altro, la corretta rappresentazione dei risultati economici e patrimoniali della Banca e del Gruppo, l assolvimento degli adempimenti contabili, di vigilanza e fiscali nonché il controllo di qualità sui processi che sovrintendono all informativa amministrativo-finanziaria per quanto riguarda il Dirigente Preposto; la verifica della conformità delle procedure aziendali, l analisi degli impatti normativi sui processi aziendali, l identificazione e valutazione dei rischi e delle azioni di mitigazione, la qualità della consulenza preventiva prestata, il rispetto degli obblighi normativi applicabili alle attività che determinano il rapporto Gruppo Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni S.p.A. Pagina 6 di 10

7 con la clientela, la verifica dell efficienza dei sistemi complessivi di controllo interno, la corretta definizione dei processi di controllo dei rischi per quanto riguarda rispettivamente i Responsabili delle Funzioni di compliance, internal audit e risk management. h) Iter di approvazione degli indicatori e obiettivi definiti La definizione degli indicatori e dei parametri di valutazione di ciascun soggetto deve tenere conto dei criteri di conformità delineati dalla Funzione Compliance, oltre ad essere chiaramente connessi con quanto previsto dal piano annuale di budget. I singoli piani ricevono un approvazione di primo livello da parte del responsabile diretto e gerarchicamente superiore, mentre i Responsabili di Area garantiranno l adeguatezza dei piani definiti per tutti i propri collaboratori. La valutazione della coerenza complessiva dei piani individuali, inclusi quelli del top management, viene effettuata, da parte dell Amministratore Delegato nell ambito del Comitato di Coordinamento, in seduta allargata per includere i responsabili di più alto livello delle altre Società del Gruppo BIM. Successivamente, per le parti di competenza indicate nel documento relativo al Progetto di Governo Societario, al Comitato di Nomine e Remunerazione viene richiesta la formulazione di pareri ed eventuali proposte correttive. Il Consiglio di Amministrazione, avvalendosi del supporto del Comitato di Nomine e Remunerazione, valuta la coerenza complessiva del sistema di remunerazione ed incentivazione, fornendo all Assemblea degli Azionisti dettagliata informativa. L Assemblea degli Azionisti, infine, approva la politicha di remunerazione definita e i piani di compenso basati su strumenti finanziari. L intero processo è supportato dalla Funzione Risorse Umane. i) Definizione del bonus target individuale Al termine della fase di validazione degli obiettivi di Unità Organizzativa e Individuali definiti, e comunque non oltre il 30 aprile dell anno di riferimento, a ciascun soggetto incluso nel sistema incentivante viene comunicato il bonus di risultato da corrispondersi al raggiungimento del 100% di tutte le tipologie di obiettivi assegnati. Si precisa che il bonus di risultato già include anche quanto erogato sotto la voce VAP (Premio di produttività). j) Ammontare complessivo del bonus di risultato L ammontare complessivamente erogato per il bonus di risultato previsto dal sistema incentivante non può essere superiore al 5,0% del risultato della gestione operativa risultante dal bilancio consolidato riclassificato del Gruppo Bim. k) Dati di riferimento I dati di riferimento per la valutazione delle soglie di raggiungimento delle diverse tipologie di obiettivi definiti sono estratti dal bilancio delle singole Società, dal bilancio consolidato di Gruppo e dai report prodotti dalla Funzione Controllo di Gestione. l) Determinazione del raggiungimento degli obiettivi Gruppo Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni S.p.A. Pagina 7 di 10

8 Per ciascuna tipologia di obiettivi definiti il risultato effettivamente raggiunto viene rapportato al valore target al fine di determinare la soglia di raggiungimento dell obiettivo atteso; tale valore viene quindi valutato applicando la seguente scala: - Per valori inferiori al 30% del valore target, l obiettivo si considera non raggiunto e l indicatore assume valore pari a 0. - Per valori compresi tra il 30% e il 70% del valore target, l obiettivo si considera parzialmente raggiunto e l indicatore assume un valore compreso tra 0 e 40%. - Per valori compresi tra il 70% e il 110% del valore target, l obiettivo si considera completamente raggiunto e l indicatore assume pari valore; - Per valori superiori a 110% e fino a 130%, l obiettivo si considera superato e l indicatore assume un valore compreso tra 110% e 150%. - Per valori superiori al 130%, l indicatore assumerà il valore massimo previsto pari al 150%. Risultato effettivo vs. target 0% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% 110% 120% 130% Valore del parametro 0% 0% 0% 10% 20% 30% 40% 70% 80% 90% 100% 110% 130% 150% Tale dato percentuale viene quindi parametrato rispetto al peso definito per ciascun ruolo per la tipologia di obiettivi; la somma dei risultati relativi agli Obiettivi di Gruppo aziendale, di Unità Organizzativa e Individuali rappresenta la percentuale di raggiungimento dell obiettivo globale e quindi determina l importo del bonus di risultato effettivamente spettante a ciascuno dei beneficiari. Si precisa che è stata definita una soglia massima di erogazione del bonus pari al 150% del bonus target definito e comunicato a ciascuno degli aventi diritto. m) Tempi del processo Le elaborazioni relative al raggiungimento delle tre tipologie di obiettivi viene effettuata sulla base degli indicatori definiti per ciascun soggetto coinvolto nell assegnazione del bonus di risultato entro il 30 aprile dell anno successivo all esercizio di riferimento. Entro tale data e sulla base dei dati risultanti, viene comunicato l importo del bonus spettante. n) Erogazione L erogazione del bonus di risultato è parzialmente differita nel tempo, ovvero: - il 70% dell importo previsto (ridotto della quota già percepita come VAP per coloro i quali ne beneficiano) viene erogato entro il mese di maggio dell anno successivo all esercizio di riferimento, unitamente alle competenze del mese, al personale avente diritto in servizio nello stesso mese; - il 20% dell importo previsto viene erogato entro il mese di maggio del secondo anno successivo all esercizio di riferimento (solo nel caso in cui la percentuale di raggiungimento degli obiettivi di Unità Organizzativa e Individuali assegnati l anno successivo sia singolarmente almeno pari al 70% di quelli assegnati); - il restante 10% viene erogato entro il mese di maggio del terzo anno successivo all esercizio di riferimento (solo nel caso in cui la percentuale di raggiungimento degli obiettivi di Unità Organizzativa e Individuali assegnati nel secondo anno successivo sia singolarmente almeno pari al 70% di quelli assegnati) Gruppo Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni S.p.A. Pagina 8 di 10

9 In caso di cessazione in corso di anno e comunque prima dell erogazione del bonus di risultato, nulla è dovuto né per l esercizio di riferimento, né per eventuali percentuali ancora da liquidare relative agli anni precedenti. Nel solo caso di cessazione per quiescenza, quanto ancora dovuto relativamente agli esercizi precedenti viene liquidato con l ultimo cedolino, mentre le prestazioni relative all anno di riferimento vengono eventualmente compensate, non più per mezzo del bonus di risultato, ma con un bonus ad personam. Per assunzione in corso d anno di soggetti che per ruolo dovrebbero beneficiare del bonus di risultato è prevista una valutazione consuntiva e complessiva delle performance e dei risultati raggiunti; a fronte di evidenze particolarmente significative viene considerata l opportunità di erogare un bonus ad personam. Per periodi di assenza superiori a 1 mese, quanto dovuto in relazione alla soglia di raggiungimento dei Risultati di Gruppo Aziendale è proporzionalmente ridotto in base ai mesi di effettivo servizio. Il pagamento del bonus di risultato è previsto anche nel caso di raggiungimento dei soli risultati di Unità Organizzativa e Individuali e non quelli di Gruppo Aziendale, fermo restando che di norma - non vi sarà nessuna erogazione di bonus di risultato in caso di utile netto inferiore a 5 milioni di euro. In quest ultimo caso, è facoltà del Consiglio di Amministrazione stabilire se, a fronte del raggiungimento totale o parziale dei risultati di Unità Organizzativa e Individuali, sia opportuno pagare la relativa quota di bonus di risultato prevista. Il raggiungimento del solo risultato di Gruppo Aziendale non comporta erogazione di bonus di risultato, se non vi è raggiungimento dei risultati di Unità Organizzativa e Individuali per i Responsabili e di quelli Individuali per operatori sui mercati e ruoli commerciali. o) TFR e Fondo Pensioni Le somme erogate a titolo di bonus di risultato non sono computate ai fini del TFR e del Fondo Pensioni. p) Decorrenza e validità Quanto descritto relativamente al bonus di risultato quale elemento del sistema di incentivazione del Gruppo BIM viene attuato in modo progressivo a partire dall anno 2010; affinché quanto previsto venga correttamente ed adeguatamente gestito è necessaria una complessa attività di impostazione e sviluppo degli strumenti di supporto al processo e particolarmente: la comunicazione preventiva a tutti i soggetti coinvolti del nuovo processo di valutazione delle performance; l articolazione chiara e completa degli obiettivi da raggiungere; la definizione puntuale degli indicatori da considerare per ciascun livello e per ciascun soggetto Bonus ad personam Tutti i dipendenti, anche aggiuntivamente rispetto al bonus di risultato, possono ricevere, su proposta del proprio responsabile e nell ambito dell autonomia annualmente assegnatagli in materia di attribuzione di bonus, il bonus ad personam. L erogazione avverrà per intero entro il mese di maggio dell anno successivo all esercizio di riferimento. Tali bonus, benché attribuiti in relazione ai risultati raggiunti individualmente e/o dall Unità organizzativa di appartenenza, non vengono definiti preventivamente come nel caso del bonus di risultato. Gruppo Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni S.p.A. Pagina 9 di 10

10 3.4. Long Term Incentives I LTI rappresentano uno strumento di premio, oltre che un sistema di retention, per il raggiungimento di obiettivi di medio-lungo periodo definiti nel piano strategico; l erogazione di questi interventi è differita nel tempo ed è legata al permanere in Azienda della persona a cui sono stati assegnati. Tali elementi sono assegnati ad un numero contenuto di persone che rivestono ruoli nello stesso tempo apicali e chiave. Il sistema incentivante del Gruppo BIM prevede l impiego di 2 strumenti ciascuno con logiche e finalità diverse. a) Stock Options Annualmente viene sottoposto all approvazione degli organi competenti un piano di assegnazione di Stock Option con strike price pari al valore nominale dell azione con finalità sia di retention che di premio per il raggiungimento di obiettivi strategici di medio periodo. I relativi diritti saranno esercitabili dopo 4 anni dalla data di assegnazione. In caso di cessazione al temine del periodo di vesting, l esercizio sarà possibile solo entro i 12 mesi successivi la data di termine del rapporto lavorativo; trascorsa tale data i diritti risulteranno scaduti. Il quantitativo complessivo di opzioni da assegnare sarà proposto discrezionalmente dall Amministratore Delegato e sarà supportato per le parti di competenza - da apposito parere del Comitato per le Nomine e la Remunerazione. b) Assegnazione azioni alla totalità dei dipendenti Tutto il personale assunto con contratto a tempo indeterminato, di apprendistato e di inserimento che abbia ottenuto una valutazione pari ad almeno 3 In linea con le aspettative può aderire al piano annuale di assegnazione di azioni di Banca Intermobiliare vincolate per 3 anni per un controvalore minimo di 1.033,00 e massimo di 2.065,00. Torino, 19 marzo 2010 Gruppo Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni S.p.A. Pagina 10 di 10

11 Premessa Il presente documento si pone come obiettivo la formulazione di alcune riflessioni e possibili linee guida sui metodi e relative applicazioni in ordine al sistema incentivante del personale commerciale di rete (Responsabili di Filiale e R.M.). Il sistema incentivante è il sistema operativo dell'azienda volto ad allineare il comportamento delle risorse umane alle aspettative dell'organizzazione, incentivando i comportamenti desiderati e, al contrario, riducendo quelli non voluti. Tale sistema è di norma - considerato parte del più ampio sistema di gestione e sviluppo delle risorse umane. Un incentivo è uno stimolo, proveniente dall'ambiente lavorativo, che incide sul processo motivazionale dell'individuo, soddisfacendo un suo bisogno, quindi, spingendolo ad un comportamento desiderato. Così come, al contrario, una sanzione è uno stimolo che influisce sul processo motivazionale dell'individuo, allontanandolo dal soddisfacimento di un suo bisogno, quindi, spingendolo ad evitare un comportamento indesiderato. Un sistema premiante può svolgere la sua funzione purché l'applicazione degli incentivi e disincentivi avvenga i) sulla base di criteri oggettivi, ii) in funzione dei comportamenti organizzativi tenuti dal personale iii) dei risultati dallo stesso conseguiti. Ne discende la necessità di una stretta integrazione del sistema incentivante con il sistema di valutazione del personale e, più precisamente, con le componenti di quest'ultimo deputate alla valutazione delle prestazioni. Sono molte le ragioni e le finalità per le quali è importante (se non fondamentale) adottare sistemi premianti in relazione ai risultati ottenuti; in particolare essi consentono di: migliorare le prestazioni orientandole verso una sempre migliore partecipazione dei singoli al raggiungimento degli obiettivi aziendali; valorizzare al meglio le risorse umane dell azienda facendo emergere sia le esigenze e le condizioni per un miglior impiego del personale, sia le eventuali esigenze ed opportunità di formazione; orientare i comportamenti organizzativi verso obiettivi prevalenti o modalità nuove di lavoro; comparare i giudizi tra dipendenti; ciò è realizzabile attraverso una procedura sistematica ed utilizzo di strumenti che permettano il confronto tra giudizi. Inoltre la valutazione consente di avvicinarsi alla soddisfazione dell esigenza di giustizia ed equità, per la quale si desidera premiare solo chi lo merita. La valutazione contribuisce così a ricondurre il problema delle retribuzioni alla necessaria base economica, per la quale deve essere rispettato il legame tra prestazioni del collaboratore e controprestazioni ricevute. Il sistema incentivante attualmente in vigore in BIM Dall anno 2000, in Banca Intermobiliare, è in vigore un sistema incentivante particolarmente efficace che ha contribuito, in misura notevole, ai risultati di questi ultimi anni. Il successo di tale metodo premiante risiede in alcuni aspetti che possono essere così sintetizzati: 1

12 facilità di comprensione da parte della rete; semplicità di esposizione per l attività di recruitment; proporzionalità tra entità del premio e risultato della performance del R.M. misurabilità semplice ed immediata da parte di ciascun R.M. salvaguardia del principio di equità con riconoscimenti a chi, oggettivamente, ha realizzato la miglior prestazione. Dal punto di vista pratico l attuale sistema incentivante per i R.M. dipendenti si basa sull erogazione di un premio annuale conteggiato sul raffronto tra il monte commissioni - prodotto in un anno dal portafoglio del R.M. ed il proprio costo azienda moltiplicato i) per due e ii) per tre. Nel caso in cui il monte commissioni sia superiore a due volte il costo azienda, il 10% della differenza viene riconosciuta al R.M. come premio definito di break even ; nel caso in cui il monte commissioni sia superiore a tre volte il costo azienda, il 15% della differenza viene erogato come premio, rimanendo appannaggio del R.M. il primo scaglione del 10%. Attualmente il monte commissioni viene alimentato: dal 100% delle commissioni di negoziazione pagate dal cliente; dal 120% delle commissioni di gestione pagate da cliente dal 120% delle commissioni di gestione riconosciute a Bim dalle case terze escludendo il margine finanziario riveniente dalla raccolta diretta e dagli impieghi. La proposta per il 2009 In tale contesto, si ritiene necessario introdurre per l esercizio 2009 un nuovo sistema premiante che operi con logiche differenti rispetto al passato; l intento è quello di indirizzare la rete verso obiettivi di raccolta, redditività, ed asset mix nel rispetto del modello di servizio Bim che, proprio in virtù di tali obiettivi, possa risultare più anticiclico. Inoltre sembra opportuno accogliere la richiesta della rete in ordine all inclusione del margine di interesse nel monte commissioni, vista la rilevanza che sta assumendo nella composizione dei ricavi complessivi (si è passati da poco più 4% nel 2005 a quasi il 23% nell esercizio in corso - dati al ). Le caratteristiche del nuovo sistema incentivante muovono da alcuni assunti che in questa sede è bene richiamare: a prescindere dal concetto pagare di più o di meno, l ipotesi proposta tenta di rispondere all istanza di pagare meglio la rete dei R.M.; è maggiormente necessario, da un lato, governare la rete promuovendo i risultati attesi con leve e strumenti idonei, quali i sistemi premianti, dall altro non generare troppa tensione tra i R.M. dando l impressione di voler pilotare il loro lavoro e, conseguentemente, i risultati; l ipotesi proposta, pur non disperdendo alcuni concetti cardine del collaudato sistema premiante (costo azienda, redditività commisurata al monte commissioni), 2

13 aggiunge elementi e parametri che misurano la qualità della prestazione del R.M. senza dover necessariamente indurre il Banker a continui ed insistenti confronti con il passato; la possibilità di variare, a discrezione dell azienda, uno o più parametri - all interno di un perimetro costante del sistema premiante conferisce allo stesso quella connotazione di flessibilità che l attuale situazione e l evoluzione prevista del mercato richiede; la nettizzazione del monte commissioni, attività, fino ad ora praticata dalla Direzione Commerciale, sulla base di una consuetudine accettata dalla rete e non in virtù di una regola scritta chiara ed evidente per tutti. Tale principio assumerà ora evidenza di regola sancita nel contratto di lavoro tra R.M. e BIM, nel quale sarà stabilito che dal monte commissioni verranno sottratti i valori economici relativi alle posizioni di clienti che evidenziano non solo i) movimentazione del conto errori, ii) storni commissionali effettuati a vantaggio dei clienti stessi e iii) sofferenze, ma anche iv) incagli e v) inadempimenti persistenti (c.d. past dues). Laddove le ipotesi di cui ai punti iii), iv) e v) si verifichino nel corso del periodo di riferimento, le posizioni dei clienti interessati non verranno prese in considerazione ai fini del sistema incentivante. Nel caso dei promotori legati a BIM da rapporto di agenzia tali posizioni non concorreranno alla formazione delle componenti della remunerazione (monte commissioni e margine di interesse). La finalità di includere all interno della nettizzazione gli elementi di cui ai punti iv) e v) è quella di rendere maggiormente partecipe il R.M. nella gestione delle posizioni anomale e di supportare, nel modo migliore, la funzione della Banca deputata alla gestione del credito non performing oltre a mettere in atto le linee guida da essa fornite. l abbandono del sistema incentivante di filiale testato nel 2008 che, abbinato alla nuova proposta individuale, comporterebbe ulteriori sforzi di comprensione e di mappatura da parte della rete. Il funzionamento e le evidenze relative Come si può evincere dalle slides allegate al prersente documento, l elemento essenziale per l eventuale applicazione dei parametri del sistema incentivante, è costituito dalla differenza tra il Monte Commissioni - generato in un esercizio dal R.M. - ed il proprio costo aziendale maggiorato di un parametro K. Il parametro K è la risultante del rapporto tra l insieme dei costi operativi diretti ed indiretti - (al netto dei costi del personale e delle provvigioni passive erogate ai R.M. agenti) sostenuti dal canale filiali in un esercizio, ed il numero medio dei R.M. dipendenti inerenti allo stesso esercizio. 3

14 Tale parametro può essere modificato unilateralmente dall azienda ogni anno in relazione, per esempio: ad eventi sostanziali per la vita dell azienda (ad es. forti investimenti per nuovo sistema informativo, o piattaforme di CRM, acquisizioni di fabbriche prodotto, esternalizzazioni di attività date in outsourcing ecc. con conseguenti corposi ammortamenti); alla variazione dell indice ISTAT; ad altre variabili che possono essere determinate in funzioni di specifiche esigenze. Diversamente da quanto avviene attualmente, il serbatoio del monte commissioni dovrebbe essere alimentato: dal 100% delle commissioni relative alla raccolta gestita; dal 100% delle commissioni relative alla raccolta amministrata; dal 100% dei margini gestionali relativi a raccolta diretta ed impieghi che abbiano come parametro di confronto (Tit dedicato ): raccolta impieghi Euribor 3M 10 b.p. Euribor 3M + 50 b.p. tali parametri possono essere variati dall azienda in funzione delle condizioni di mercato. Se il risultato riveniente dalla differenza tra il Monte Commissioni generato nell esercizio dal R.M. ed il proprio costo azienda maggiorato del parametro K - è positivo, al risultato così ottenuto si applica il premio base pari al 3% Il premio base può venire incrementato: 1. da una percentuale (c.d. premio di asset mix) che può andare dal 3% al 10% corrispondente al rapporto Patrimonio Gestito/Totale Patrimonio, rilevato alla fine dell anno (dato medio relativo a 4 trimestri) con barriera d ingresso al 30%; 2. da una percentuale (c.d. premio di raccolta) che può andare dallo 0% al 10% (in questo caso il 10% rileva come CAP) corrispondente all entità della raccolta netta realizzata nell anno con barriera di ingresso a partire da 2 milioni di raccolta netta. Il parametro K potrebbe essere fissato, per l anno 2009, in Esso sarebbe tale, rispetto all attuale sistema, da sfavorire i R.M. piccoli rispetto ai grossi ; infatti, ad un basso costo aziendale corrisponde un maggiore contributo negativo all incentivo complessivo. Dall altro il 3% sul differenziale calcolato come descritto in precedenza comporta, soprattutto per i R.M. grossi e redditizi, l indispensabilità di aggiungere le percentuali relative alla raccolta netta ed al gestito in quanto (è pleonastico sottolinearlo) il 3% rappresenta un quinto dell attuale 15%. Ciò, in ogni caso, dovrebbe comportare una conversione di tutta la rete allo sviluppo soprattutto di nuova clientela ed alla focalizzazione su prodotti e servizi di risparmio gestito. 4

15 Infine, con la proposta del nuovo sistema incentivante per i dipendenti, si è pensato di rivedere le percentuali di ristorno provvigionali per i R.M. agenti così come rappresentate nelle slides allegate al presente documento. Le nuove percentuali tendono a dar corso alle numerose richieste dei R.M. agenti di includere, nella fatturazione della propria attività, anche una percentuale del margine di interesse compensando tale maggior onere con una riduzione della retrocessione delle commissioni di negoziazione. In un contesto difficile e complesso come quello attuale, in cui numerose reti di promotori stanno operando politiche di recruitment aggressive, la scelta di operare in tal senso dovrebbe consentire alla Banca di operare una forma di retention ancora più efficace di quella realizzata fino ad ora. 5

16 IL NUOVO SISTEMA INCENTIVANTE 38

17 IL SISTEMA INCENTIVANTE BIM 2009 (dipendenti) COSA (deve fare) Sistema che ha l obiettivo di premiare la prestazione di ciascun individuo; Orientare i comportamenti del Relationship Manager verso obiettivi coerenti alla mission aziendale ed alle esigenze dei clienti; Valorizzare al meglio l attività dei Relationship Manager facendo emergere le condizioni per migliorare impiego delle risorse. 39

18 IL SISTEMA INCENTIVANTE BIM 2009 (dipendenti) CAUSE ESOGENE PERCHE /1 (cambiare) Dopo nove anni di successi e tenuta nel corso del 2008 si sono verificati eventi che. hanno modificato il modo di fare private banking hanno sovente fatto convergere le richieste dei clienti verso soluzioni semplici hanno indirizzato la consulenza sull asset allocation, sul timing e non più sullo stock picking hanno imposto un differente impatto dei costi diretti sulle diverse forme tecniche (Mifid) Amministrato + Costi amministrativi diretti per operazione (verifica adeg. e appropr., best execution...) - Commissioni pagate dal cliente Gestito + Costi diretti amministrativi per operazione (best execution, diversificazione controparti) = Commissioni pagate dal cliente 40

19 IL SISTEMA INCENTIVANTE BIM 2009 (dipendenti) PERCHE /2 (cambiare) CAUSE ENDOGENE Dare ancora maggior forza al modello di servizio esistente (rimanendo estranei all imposizione dei budget di prodotto) Migliorare le prestazioni di ogni Relationship Manager orientandole verso una maggiore responsabilità e partecipazione di ciascuno verso obiettivi aziendali Senza disperdere i concetti cardine alla base dell incentivazione BIM (costo azienda, redditività, monte commissioni) Premiare un maggior numero di Relationship Manager anche in momenti difficili (come ad esempio nel 2008) 41

20 IL SISTEMA INCENTIVANTE BIM 2009 (dipendenti) DOVE (si focalizza) Redditività Nuova raccolta Risp. Gestito margine di interesse nel monte commissioni tutte le forme tecniche conversione e nuova raccolta Abbandonando - Sistema incentivante attuale basato unicamente sul b.e. - Contest di prodotto - Incentivi spot sulla raccolta (0,25% nuova raccolta gestita) - Sistema incentivante di filiale Un unico sistema incentivante che incorpora tutti gli elementi quantitativi e qualitativi per premiare adeguatamente i migliori risultati. 42

Relazione illustrativa sull attuazione del sistema di remunerazione

Relazione illustrativa sull attuazione del sistema di remunerazione Relazione illustrativa sull attuazione del sistema di remunerazione a favore del personale BIM non avente funzioni di relationship manager (esercizio 2010) In relazione a quanto deliberato dall Assemblea

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 39 DEL 9 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza

La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza Il tema delle remunerazioni dei Vertici Aziendali continua a essere di grande attualità e oggetto di particolare

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

Gruppo Editoriale L'Espresso S.p.A. Documento informativo relativo al Piano di Stock Option 2010

Gruppo Editoriale L'Espresso S.p.A. Documento informativo relativo al Piano di Stock Option 2010 Gruppo Editoriale L'Espresso S.p.A. Documento informativo relativo al Piano di Stock Option 2010 Questo documento (il Documento Informativo ) è stato redatto in conformità a quanto previsto dall art. 84-bis

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO INDICE Art. 1 Ambito di applicazione TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 Finalità del processo di gestione del patrimonio Art. 3 Fondo stabilizzazione erogazioni

Dettagli

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia sfef7_volait@0091-0096#3b_layout 1 13/03/12 09.04 Pagina 91 91 Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia di FABRIZIO VEDANA Il provvedimento con il quale la Banca d Italia,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO APPROVATO DAL CONSIGLIO GENERALE NELL ADUNANZA DEL 28/06/2013 Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro 1 INDICE AMBITO DI APPLICAZIONE p. 3 TITOLO I: PRINCIPI

Dettagli

ALLEGATO 2 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE IMPRESE

ALLEGATO 2 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE IMPRESE ALLEGATO 2 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE IMPRESE INDICE Direttore di Filiale Imprese... 3 Coordinatore... 4 Gestore Imprese... 5 Addetto Imprese... 6 Specialista Estero Merci... 7 Specialista Credito

Dettagli

Assemblea Ordinaria degli Azionisti del 17 aprile 2015. Punto 2 all'ordine del giorno

Assemblea Ordinaria degli Azionisti del 17 aprile 2015. Punto 2 all'ordine del giorno Assemblea Ordinaria degli Azionisti del 17 aprile 2015 Punto 2 all'ordine del giorno Informativa sull attuazione delle politiche di remunerazione ed incentivazione nell esercizio 2014 ed approvazione dell

Dettagli

Regolamento per la gestione del patrimonio

Regolamento per la gestione del patrimonio Regolamento per la gestione del patrimonio Approvato dall Organo di indirizzo nella seduta del 19 aprile 2013 Art. 1 (Ambito di applicazione) Il presente regolamento, adottato ai sensi dell'art. 6 dello

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI FINALITA' DELLA VALUTAZIONE Il processo di valutazione dei dipendenti dei servizi persegue differenti finalità, prima fra tutte quella

Dettagli

Mondo TV S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2014

Mondo TV S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2014 Registro delle Imprese e Codice Fiscale 07258710586 R.E.A. di Roma 604174 Sede legale: Via Brenta 11 00198 Roma Sito Internet: www.mondotv.it Mondo TV S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2014 (ai sensi

Dettagli

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni S.p.A. approva il Bilancio consolidato ed il Bilancio d esercizio al 31 dicembre 2012: Raccolta complessiva

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1 Valore della produzione pari ad Euro 3,1 milioni in linea rispetto al corrispondente

Dettagli

INFORMATIVA SULL APPLICAZIONE DELLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE A FAVORE DEGLI ORGANI SOCIALI E DEL PERSONALE NELL ESERCIZIO 2015

INFORMATIVA SULL APPLICAZIONE DELLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE A FAVORE DEGLI ORGANI SOCIALI E DEL PERSONALE NELL ESERCIZIO 2015 INFORMATIVA SULL APPLICAZIONE DELLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE A FAVORE DEGLI ORGANI SOCIALI E DEL PERSONALE NELL ESERCIZIO 2015 Marzo 2016 1. PREMESSA Il Consiglio di Amministrazione è tenuto a rendere

Dettagli

Sistema di Incentivazione 2010 per il Personale di Rete della Divisione Banca dei Territori

Sistema di Incentivazione 2010 per il Personale di Rete della Divisione Banca dei Territori Sistema di Incentivazione 2010 per il Personale di Rete della Divisione Banca dei Territori Incontro con OO.SS. 5 Febbraio 2010 1 Principali linee guida Il Sistema di Incentivazione 2010 ha lo scopo di

Dettagli

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 31 della dicembre politica 2008 di PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 1. Premessa Il presente documento ("Procedure per l approvazione della politica di, per brevità, le Procedure

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA Approvato dal Collegio di Indirizzo In data 21 dicembre 2015 AMBITO DI APPLICAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

Via per Arona n. 46, 28021 Borgomanero (NO) Capitale Sociale 13.138.000,00 i.v. C.F./P. Iva/Registro Imprese di Novara 01415510039 www.mecaer.

Via per Arona n. 46, 28021 Borgomanero (NO) Capitale Sociale 13.138.000,00 i.v. C.F./P. Iva/Registro Imprese di Novara 01415510039 www.mecaer. Via per Arona n. 46, 28021 Borgomanero (NO) Capitale Sociale 13.138.000,00 i.v. C.F./P. Iva/Registro Imprese di Novara 01415510039 www.mecaer.com RELAZIONE SULLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE (Relazione approvata

Dettagli

ABI - HR 2007 - BANCHE E RISORSE UMANE

ABI - HR 2007 - BANCHE E RISORSE UMANE ABI - HR 2007 - BANCHE E RISORSE UMANE Roma, 15 maggio 2007 Obiettivi - Sistema di Incentivazione Adottare una politica di total compensation che favorisca la componente variabile delle retribuzioni al

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007:

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007: COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007: RICAVI AGGREGATI PRO-QUOTA * : 1.071,9 MLN DI EURO (+17%) RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO DEI PROVENTI DA PARTECIPAZIONI: 164 MLN DI EURO;

Dettagli

Evoluzione Normativa: esperienze e orientamenti del Gruppo UBI Banca

Evoluzione Normativa: esperienze e orientamenti del Gruppo UBI Banca Evoluzione Normativa: esperienze e orientamenti del Gruppo UBI Banca ABI HR 2008: Banche e Risorse Umane Competenze e merito per crescere nella banca che cambia Andrea Ghidoni Roma, 8 Maggio 2008 Gruppo

Dettagli

ALLEGATO 1 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE

ALLEGATO 1 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE ALLEGATO 1 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE INDICE Direttore di Filiale... 3 Modulo Famiglie... 4 Coordinatore Famiglie... 4 Assistente alla Clientela... 5 Gestore Famiglie... 6 Ausiliario... 7 Modulo Personal

Dettagli

ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR

ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR Politica per la gestione dei conflitti d interesse di GENERALI INVESTMENTS EUROPE

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA METODOLOGIA E I CRITERI PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE E SUL NUCLEO DI VALUTAZIONE

REGOLAMENTO SULLA METODOLOGIA E I CRITERI PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE E SUL NUCLEO DI VALUTAZIONE REGOLAMENTO SULLA METODOLOGIA E I CRITERI PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE E SUL NUCLEO DI VALUTAZIONE Art. 1 Definizione di performance organizzativa e di performance individuale La performance organizzativa

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale 1111 CODICE DI COMPORTAMENTO Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale INDICE 1 INTRODUZIONE...4 La separazione funzionale nel settore energetico...

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

Punto 3 all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria

Punto 3 all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria Punto 3 all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie. Delibere inerenti e conseguenti. 863 Relazione del Consiglio di Gestione sul punto

Dettagli

rendiconto economico 2

rendiconto economico 2 rendiconto economico 034 rendiconto economico 2 In questa sezione del bilancio sociale Finpiemonte rappresenta, attraverso appositi prospetti, la dimensione economica e monetaria della gestione, secondo

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Strumenti di incentivazione della produttività e valutazione della performance

Strumenti di incentivazione della produttività e valutazione della performance www.adapt.it, 10 marzo 2011 Strumenti di incentivazione della produttività e valutazione della performance di Dimitri Giardino In uno scenario economico sempre più globalizzato e concorrenziale, in cui

Dettagli

SISTEMA METODOLOGICO DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMACE

SISTEMA METODOLOGICO DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMACE AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE CATANZARO *** SISTEMA METODOLOGICO DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMACE INDICE 1) Sistema degli incentivi 2) Sistema di valutazione 3) Misurazione della performance

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

Il sistema di valutazione delle prestazioni del Comune di Arzignano. Finalità, metodo e strumenti

Il sistema di valutazione delle prestazioni del Comune di Arzignano. Finalità, metodo e strumenti Il sistema di valutazione delle prestazioni del Comune di Arzignano Finalità, metodo e strumenti 1 1. LE FINALITA DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI Il sistema di valutazione delle prestazioni

Dettagli

COMUNE DI SIENA. CRITERI GENERALI SUL SISTEMA PREMIANTE DEL PERSONALE NON DIRIGENTE (da cat. A a cat D) Direzione Generale

COMUNE DI SIENA. CRITERI GENERALI SUL SISTEMA PREMIANTE DEL PERSONALE NON DIRIGENTE (da cat. A a cat D) Direzione Generale COMUNE DI SIENA Direzione Generale CRITERI GENERALI SUL SISTEMA PREMIANTE DEL PERSONALE NON DIRIGENTE (da cat. A a cat D) 1) Natura e finalità della valutazione La valutazione del merito consiste in un

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI FANO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI FANO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI FANO 1 INDICE AMBITO DI APPLICAZIONE p. 3 TITOLO I: PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

COMUNICATO STAMPA (ai sensi della delibera CONSOB n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche ed integrazioni)

COMUNICATO STAMPA (ai sensi della delibera CONSOB n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche ed integrazioni) COMUNICATO STAMPA (ai sensi della delibera CONSOB n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche ed integrazioni) Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno

Dettagli

Relazione sulla Remunerazione

Relazione sulla Remunerazione Relazione sulla Remunerazione Redatta ai sensi dell articolo 123 ter del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 ed in conformità all Allegato 3A, schemi 7 bis e 7 ter, del regolamento CONSOB 14 maggio

Dettagli

REGOLE IN MATERIA DI INQUADRAMENTI

REGOLE IN MATERIA DI INQUADRAMENTI REGOLE IN MATERIA DI INQUADRAMENTI Emittente: Direzione Centrale Risorse Umane Destinatari: Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo Group Services Banche della Divisione Banca dei Territori con l esclusione di

Dettagli

info Prodotto Eurizon GP Unica Facile A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon GP Unica Facile A chi si rivolge Eurizon Eurizon è il Servizio di Gestione di Portafogli di Eurizon Capital SGR dove l investitore può scegliere tra due Componenti differenziate su tre dimensioni: classi di attività finanziarie (azioni,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE 58 REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE APPROVATO DALLA GIUNTA COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 492 REG./.534 PROP.DEL. NELLA SEDUTA DEL 29/12/2010 Art.

Dettagli

EXECUTIVE COMPENSATION 2014 LA REMUNERAZIONE DEI VERTICI AZIENDALI

EXECUTIVE COMPENSATION 2014 LA REMUNERAZIONE DEI VERTICI AZIENDALI EXECUTIVE COMPENSATION 2014 LA REMUNERAZIONE DEI VERTICI AZIENDALI Per il quinto anno consecutivo OD&M - società di consulenza appartenente a Gi Group, specializzata nella realizzazione di indagini retributive

Dettagli

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento PUNTO 6 DELIBERA PIANO DI ATTRIBUZIONE DI AZIONI RIVOLTO AI DIPENDENTI E AI PROMOTORI FINANZIARI NELL AMBITO DEL PREMIO AZIENDALE 2012 DOCUMENTO INFORMATIVO Ex art. 84-bis del Regolamento CONSOB n. 11971/99

Dettagli

Gruppo Editoriale L'Espresso S.p.A.

Gruppo Editoriale L'Espresso S.p.A. Gruppo Editoriale L'Espresso S.p.A. Documento informativo relativo al PIANO DI STOCK GRANT 2012 Questo documento (il Documento Informativo ) è stato redatto in conformità a quanto previsto dall art. 84-

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. premesso che

VERBALE DI ACCORDO. premesso che 1 VERBALE DI ACCORDO A Parma, il 25 giugno 2013 tra la Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza SpA anche nella sua qualità di Capogruppo, la Banca Popolare FriulAdria SpA, la Cassa di Risparmio della Spezia

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

ROAD SHOW 2008 Company Results

ROAD SHOW 2008 Company Results ROAD SHOW 2008 Company Results Milano, 24 marzo 2009 1 Relatori Luca Bronchi Direttore Generale Ugo Borgheresi Investor Relator 2 Agenda Company Highlights 31 Dicembre 2008 Linee Guida Piano Industriale

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB

COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB Assemblea dei soci di Gruppo Editoriale L Espresso S.p.A.: Approvato il bilancio 2009 Rinnovata la delega

Dettagli

Modello dei controlli di secondo e terzo livello

Modello dei controlli di secondo e terzo livello Modello dei controlli di secondo e terzo livello Vers def 24/4/2012_CLEN INDICE PREMESSA... 2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 3 DEFINIZIONE DEI LIVELLI DI CONTROLLO... 3 RUOLI E RESPONSABILITA DELLE FUNZIONI

Dettagli

GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 1 semestre 2012

GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 1 semestre 2012 COMUNICATO STAMPA GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 1 semestre 2012 UTILE NETTO: Euro 217,5 milioni, +125% MASSE AMMINISTRATE: Euro 49,1 miliardi, +5% RACCOLTA NETTA BANCA MEDIOLANUM: Euro 1.760 milioni CARLO

Dettagli

Tavola 1 Requisito informativo generale

Tavola 1 Requisito informativo generale Tavola 1 Requisito informativo generale (a) Il Consiglio di Amministrazione di Finlabo SIM. (di seguito anche la SIM o la Società ), ha definito le politiche di gestione dei rischi all interno delle quali

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE TINELLA Provincia di Cuneo

COMUNE DI CASTIGLIONE TINELLA Provincia di Cuneo COMUNE DI CASTIGLIONE TINELLA Provincia di Cuneo REGOLAMENTO COMUNALE SULLA METODOLOGIA E I CRITERI PER LA MISURAZIONE E LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE DEL PERSONALE E SUL NUCLEO DI VALUTAZIONE Art.1

Dettagli

POLITICHE DI REMUNERAZIONE A FAVORE DEGLI

POLITICHE DI REMUNERAZIONE A FAVORE DEGLI POLITICHE DI REMUNERAZIONE A FAVORE DEGLI ORGANI SOCIALI E DEL PERSONALE ai sensi del Regolamento ISVAP n. 39 del 9 giugno 2011 Definite nella seduta del Consiglio di Amministrazione del: 31 / 03 / 2015

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati consolidati al 30 settembre 2004 del Gruppo Unipol

COMUNICATO STAMPA. Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati consolidati al 30 settembre 2004 del Gruppo Unipol COMUNICATO STAMPA Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati consolidati al 30 settembre 2004 del Gruppo Unipol I premi consolidati raggiungono 6.782 milioni di euro (in crescita del 22% rispetto

Dettagli

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento PUNTO 7 DELIBERA PIANO DI ATTRIBUZIONE DI AZIONI RIVOLTO AI DIPENDENTI E AI PROMOTORI FINANZIARI DI BANCA POPOLARE ETICA S.C.P.A. E AI DIPENDENTI DELLA FONDAZIONE CULTURALE RESPONSABILITÀ ETICA NELL AMBITO

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMACE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMACE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMACE TITOLO I PRESUPPOSTI DEL SISTEMA Oggetto Il Sistema di Misurazione e Valutazione della Performance dell ASL di Lucca ha la finalità complessiva di

Dettagli

Cultura organizzativa, sistemi di performance e metriche Stato dell'arte e trends

Cultura organizzativa, sistemi di performance e metriche Stato dell'arte e trends Cultura organizzativa, sistemi di performance e metriche Stato dell'arte e trends AGENDA Premessa : contesto e definizione di performance Metriche Impatti Conclusioni Il contesto "una provocazione" Quanto

Dettagli

Pirelli & C. S.p.A. Relazioni all Assemblea del 10 maggio 2012

Pirelli & C. S.p.A. Relazioni all Assemblea del 10 maggio 2012 Pirelli & C. S.p.A. Relazioni all Assemblea del 10 maggio 2012 Piano di incentivazione monetario triennale (2012/2014) per il Management del Gruppo Pirelli 1 Piano di incentivazione monetario triennale

Dettagli

Caleffi S.p.A. Assemblea ordinaria degli Azionisti 30 aprile 2015. Relazione sui punti 1,2,3 dell Ordine del Giorno

Caleffi S.p.A. Assemblea ordinaria degli Azionisti 30 aprile 2015. Relazione sui punti 1,2,3 dell Ordine del Giorno Caleffi S.p.A. Via Belfiore, 24-46019 Viadana (MN) Capitale Sociale Euro 6.500.000 interamente versato Registro Imprese Mantova n. 00154130207 C.F. e P.IVA IT 00154130207 Sito internet www.caleffionline.it

Dettagli

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento Sezione Terza I Fondi comuni di investimento 369. Nella valutazione dei beni del fondo comune di investimento, il valore degli strumenti finanziari ammessi alle negoziazioni su mercati regolamentati è

Dettagli

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to. COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.it Approvato con deliberazione G.C. n. 103/29.12.2010 INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PIANO DI STOCK OPTION BANCA INTESA S.P.A.

REGOLAMENTO DEL PIANO DI STOCK OPTION BANCA INTESA S.P.A. REGOLAMENTO DEL PIANO DI STOCK OPTION BANCA INTESA S.P.A. (Testo approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 17 dicembre 2002 e modificato con delibere del 10 febbraio 2004 e 26 aprile

Dettagli

Disciplinare del Controllo di gestione

Disciplinare del Controllo di gestione Disciplinare del Controllo di gestione INDICE CAPO I - PRINCIPI E FINALITA ART. 1 Oggetto del Disciplinare pag. 3 ART. 2 Il controllo di gestione pag. 3 CAPO II - CONTABILITA ANALITICA ART. 3- Organizzazione

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. premesso che

VERBALE DI ACCORDO. premesso che 1 VERBALE DI ACCORDO A Parma, il 13 giugno 2014 tra la Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza SpA anche nella sua qualità di Capogruppo, la Banca Popolare FriulAdria SpA, la Cassa di Risparmio della Spezia

Dettagli

ITALCEMENTI S.P.A. PIANO DI STOCK OPTION PER AMMINISTRATORI - 2007 REGOLAMENTO

ITALCEMENTI S.P.A. PIANO DI STOCK OPTION PER AMMINISTRATORI - 2007 REGOLAMENTO ITALCEMENTI S.P.A. PIANO DI STOCK OPTION PER AMMINISTRATORI - 2007 REGOLAMENTO INDICE 1. PREMESSA 3 2. SCOPI DEL PIANO 3 3. OGGETTO DEL PIANO 3 4. GESTIONE DEL PIANO 4 5. PARTECIPAZIONE ELEGGIBILITÀ 4

Dettagli

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa 1 Premessa Il presente manuale è stato redatto al fine di fornire uno strumento, rapido e accessibile, per chiarire i presupposti

Dettagli

Pirelli & C. S.p.A. Relazioni all Assemblea

Pirelli & C. S.p.A. Relazioni all Assemblea Pirelli & C. S.p.A. Relazioni all Assemblea Piano di incentivazione monetario triennale (2014-2016) per il Management del Gruppo Pirelli. Deliberazioni inerenti e conseguenti. Signori Azionisti, nella

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

Premio Variabile DI RISULTATO

Premio Variabile DI RISULTATO Guid ida pratica A cura della Segreteria di Gruppo Premio Variabile DI RISULTATO Le previsioni per il premio del prossimo anno AGGIORNAMENTO OTTOBRE 2015 SOMMARIO IL PVR PREMIO VARIABILE DI RISULTATO...

Dettagli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli L attività dell Internal Audit G.M. Mirabelli Milano 13 ottobre 2006 Obiettivi della presentazione Evidenziare i compiti che nel nuovo Codice di autodisciplina sono assegnati all Internal Auditing, se

Dettagli

L ATTIVITÀ D INVESTIMENTO E IL RENDIMENTO NELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: NOTE SUL CASO COMETA

L ATTIVITÀ D INVESTIMENTO E IL RENDIMENTO NELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: NOTE SUL CASO COMETA Contributi L ATTIVITÀ D INVESTIMENTO E IL RENDIMENTO NELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: NOTE SUL CASO COMETA di Gianni Ferrante ** Premessa Come già facemmo nel n.7 (ottobre 2002) di questa pubblicazione

Dettagli

Elementi Costitutivi della Retribuzione

Elementi Costitutivi della Retribuzione Elementi Costitutivi della Retribuzione Nel porsi la domanda: "sono ben ricompensato?" un lavoratore deve prendere in considerazione molti aspetti, non solo la retribuzione. Deve prendere in conto, come

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COS È UN OBIETTIVO... 3 IL CONTROLLO DI GESTIONE...

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

INFORMATIVA SUI PIANI DI COMPENSI BASATI SU STRUMENTI FINANZIARI --------------------------------------------

INFORMATIVA SUI PIANI DI COMPENSI BASATI SU STRUMENTI FINANZIARI -------------------------------------------- INFORMATIVA SUI PIANI DI COMPENSI BASATI SU STRUMENTI FINANZIARI Come previsto dalle disposizioni transitorie contenute nella Delibera Consob n. 15915 del 3 maggio 2007 si dà diffusione della relazione

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLE POLITICHE ADOTTATE DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLE POLITICHE ADOTTATE DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE DOCUMENTO INFORMATIVO SULLE POLITICHE ADOTTATE DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE In conformità alle disposizioni di cui all art. 25 del Regolamento congiunto Banca d Italia e Consob del

Dettagli

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017. Milano, 25.03.2014

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017. Milano, 25.03.2014 Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017 Milano, 25.03.2014 Agenda I Profilo del Gruppo II Dinamica delle attività III Risultati di esercizio al 31.12.2013

Dettagli

Milano, 30 marzo 2004

Milano, 30 marzo 2004 Milano, 30 marzo 2004 Gruppo TOD S: crescita del fatturato (+8.1% a cambi costanti). Continua la politica di forte sviluppo degli investimenti. 24 nuovi punti vendita nel 2003. TOD S Il Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Utile netto della capogruppo Anima Holding: 72,4 milioni di euro (+38% sul 2013)

Utile netto della capogruppo Anima Holding: 72,4 milioni di euro (+38% sul 2013) COMUNICATO STAMPA ANIMA Holding: risultati esercizio 2014 Ricavi totali consolidati: 226,9 milioni (+3% sul 2013) Utile netto consolidato: 84,9 milioni (-29% sul 2013 che includeva proventi straordinari)

Dettagli

POLITICHE DI REMUNERAZIONE ED INCENTIVAZIONE PER GLI AMMINISTRATORI, IL MANAGEMENT ED IL RESTANTE PERSONALE

POLITICHE DI REMUNERAZIONE ED INCENTIVAZIONE PER GLI AMMINISTRATORI, IL MANAGEMENT ED IL RESTANTE PERSONALE POLITICHE DI REMUNERAZIONE ED INCENTIVAZIONE PER GLI AMMINISTRATORI, IL MANAGEMENT ED IL RESTANTE PERSONALE INDICE 1 POLITICA RETRIBUTIVA DEL GRUPPO BANCA DELLE MARCHE... 2 1.1 Premessa... 2 1.2 Le ragioni

Dettagli

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile ESSERE O APPARIRE Le assicurazioni nell immaginario giovanile Agenda_ INTRODUZIONE AL SETTORE ASSICURATIVO La Compagnia di Assicurazioni Il ciclo produttivo Chi gestisce tutto questo Le opportunità di

Dettagli

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale IL METODO DEL COSTO STANDARD di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale Il datore di lavoro ha necessità di conoscere in via preventiva quale sarà il costo del personale che occupa

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: A SEGUITO DELL AVVENUTO CONFERIMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto

Dettagli

PIAGGIO: APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2006

PIAGGIO: APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2006 COMUNICATO STAMPA Riunito il Consiglio di Amministrazione PIAGGIO: APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2006 RICAVI 1.607,4 MLN (+10,7% SU 2005) EBITDA 204 MLN, PARI AL 12,7% DEL FATTURATO (+10,4% SU 2005)

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2006

APPROVATA LA RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2006 APPROVATA LA RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2006 Il Consiglio di Amministrazione di Banca CR Firenze Spa, presieduto da Aureliano Benedetti, ha oggi deliberato la nomina del Vice Presidente e dei componenti

Dettagli

Ipotesi Rinnovo Contratto Integrativo Aziendale HPI

Ipotesi Rinnovo Contratto Integrativo Aziendale HPI Ipotesi Rinnovo Contratto Integrativo Aziendale HPI PREMESSA Nel sottolineare l importanza del ruolo che il Contratto Collettivo Nazionale e gli accordi vigenti assegnano alla contrattazione di secondo

Dettagli

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano strategico di investimento e di risk budgeting art. 4.3 e art. 7.4 del Regolamento per la

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio Generale nella seduta del 9 giugno 2014 e modificato dal Consiglio Generale nelle sedute del 13 luglio e del 28 settembre 2015 Regolamento

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 d.lgs. 58/1998 OFFERTA PUBBLICA DI SCAMBIO SU AZIONI ORDINARIE KME GROUP S.P.A. E INTEK S.P.A.

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 d.lgs. 58/1998 OFFERTA PUBBLICA DI SCAMBIO SU AZIONI ORDINARIE KME GROUP S.P.A. E INTEK S.P.A. COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 d.lgs. 58/1998 OFFERTA PUBBLICA DI SCAMBIO SU AZIONI ORDINARIE KME GROUP S.P.A. E INTEK S.P.A. In data odierna i Consigli di Amministrazione di KME

Dettagli

PININFARINA S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2014

PININFARINA S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2014 PININFARINA S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2014 (Art. 123 ter, D.Lgs. 58/1998) (Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 19/03/2015) (Sito web: www.pininfarina.com) 2 SEZIONE I a) Per quanto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE BANCA DEL MONTE DI ROVIGO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE BANCA DEL MONTE DI ROVIGO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE BANCA DEL MONTE DI ROVIGO AMBITO DI APPLICAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI Finalità del processo di gestione del patrimonio Fondo stabilizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO. Attività Funzione Responsabile Firma. Amministratore Unico: Antonio MALLAMO. Modifiche. ASTRAL SpA Azienda Strade Lazio

REGOLAMENTO. Attività Funzione Responsabile Firma. Amministratore Unico: Antonio MALLAMO. Modifiche. ASTRAL SpA Azienda Strade Lazio Attività Funzione Responsabile Firma Redazione Verifica Approvazione Area Personale e Organizzazione Direttore Generale: Daniele LUCCI Amministratore Unico: Antonio MALLAMO Daniele Lucci Daniele Lucci

Dettagli