Giorgia Casalone. Prolusione. L Università e la società nell economia della conoscenza: Quali sfide? Quali opportunità?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Giorgia Casalone. Prolusione. L Università e la società nell economia della conoscenza: Quali sfide? Quali opportunità?"

Transcript

1 Prolusione Giorgia Casalone L Università e la società nell economia della conoscenza: Quali sfide? Quali opportunità? Magnifico Rettore, Autorità, Colleghi, Personale Tecnico Amministrativo, Studenti, Signore e Signori, sono certa che riuscirete a comprendere la grande soddisfazione, mista a emozione, con cui mi accingo a parlarvi. La decisione di affidare questo compito a un ricercatore rappresenta una scelta molto innovativa da parte del nostro Ateneo. Vorrei ringraziare in particolar modo il Rettore per avermi dato questa opportunità e i colleghi che mi hanno supportata moralmente e con consigli mirati. Un ringraziamento va ai colleghi ricercatori dei diversi Dipartimenti con cui, in questi ultimi anni, si sono stabilite relazioni ormai consolidate, motivate dal comune interesse a offrire un contributo significativo alla vita e alla crescita del nostro Ateneo. Credo che la mia presenza qui, oggi, sia un riconoscimento di questo attivismo. Premessa Il sistema universitario rappresenta una delle principali istituzioni delle società basate sulla conoscenza. Attraverso le sue due funzioni chiave, la didattica e la ricerca, l università migliora il livello e la qualità del capitale umano, diffonde conoscenza e, in generale, contribuisce allo sviluppo culturale e sociale dei paesi. A elevati livelli di istruzione sono associate migliori condizioni di salute, maggiore longevità, maggiore consapevolezza dei diritti, più intensa partecipazione all attività pubblica da parte dei cittadini. L obiettivo di questa mia prolusione è evidenziare l impatto economico delle università sulla società nel suo complesso, sulla base delle risultanze più robuste e condivise delle analisi condotte in questo ambito. L ottica sarà prevalentemente incentrata sui paesi dell Unione europea, anche se, data la natura globale della competizione sui prodotti dei sistemi universitari, non potrò prescindere da confronti con i paesi extra-ue che già sono dotati di sistemi di istruzione avanzati o che si stanno rapidamente attrezzando per averli. Nonostante la diffusa implementazione del cosiddetto Processo di Bologna, i sistemi universitari europei continuano a essere differenziati. Tale eterogeneità può rappresentare un limite di fronte alla maggiore omogeneità evidenziata da altre aree di dimensioni analoghe o addirittura maggiori (Stati Uniti, ma anche Cina, India, ecc.). Essa però può essere vista anche come un punto di forza, perché consente di diversificare l offerta formativa europea in un contesto caratterizzato da una crescente mobilità geografica degli studenti. Dal confronto tra questi eterogenei sistemi universitari è inoltre possibile valutare l efficacia degli interventi di politica economica adottati dai singoli paesi. Qui di seguito mostrerò in particolare che: 1) i rendimenti privati e collettivi dell istruzione terziaria (definizione più ampia che comprende tutti i percorsi di studio cui si accede dopo la scuola secondaria superiore, ma che qui di seguito, per comodità, userò come sinonimo di universitaria) sono rilevanti e che quindi l investimento in istruzione terziaria da parte delle famiglie e degli Stati è tra i più remunerativi; 2) l uguaglianza di accesso all istruzione terziaria da parte di individui provenienti da contesti socio-economici diversi è ancora lontana dall essere realizzata; 3) la crescente domanda di istruzione terziaria impone di ripensare i meccanismi di finanziamento del sistema universitario. Efficienza: rendimenti privati e sociali dell istruzione universitaria Secondo la teoria del capitale umano sviluppata dal premio Nobel Gary Becker (Becker, 1964), l istruzione rappresenta un investimento che comporta costi e che genera benefici sia privati sia pubblici. Conoscere i rendimenti dell istruzione è cruciale, poiché consente agli studenti e alle loro famiglie di prendere decisioni consapevoli circa il tipo e la durata del percorso di studi da intraprendere. Inoltre fornisce ai governi informazioni utili per decidere, per esempio, l entità delle risorse da immettere nel sistema educativo. La misurazione dei rendimenti privati dell istruzione è un campo dell analisi economica estremamente ricco e complesso. Molti sono i problemi che i ricercatori devono affrontare. Il principale è che le scelte di istruzione non sono esogene, ma dipendono da una serie di caratteristiche individuali difficilmente osservabili, in primis l abilità. Idealmente, per misurare il rendimento dell istruzione, occorrerebbe infatti poter confrontare nello stesso momento il reddito potenziale di un individuo X con n 11

2 anni di istruzione rispetto al reddito potenziale dello stesso individuo X con n+1 anni di istruzione. Essendo ciò impossibile i ricercatori tipicamente si avvalgono di esperimenti naturali, cioè utilizzano modifiche del contesto istituzionale, come per esempio l introduzione di una legge che cambia la durata della scuola dell obbligo, per misurare l effetto di un anno addizionale di istruzione. I risultati di una meta-analisi, compiuta su circa mille studi che hanno stimato i rendimenti di un anno di istruzione in diversi paesi e in diversi periodi, evidenziano come tali rendimenti oscillino tra poco più del 6% ad addirittura il 14% nelle stime più sofisticate che cercano di depurare l effetto dell istruzione da quello dell abilità degli individui. Le analisi che si occupano di misurare gli effetti collettivi dell istruzione confermano la teoria del capitale umano, sottolineandone l impatto positivo sulla produttività complessiva dei sistemi economici. In particolare, secondo un primo approccio (augmented neoclassical approach), un aumento di un anno del livello medio di istruzione della popolazione aumenterebbe il livello del PIL pro capite di una percentuale compresa tra il 3 e il 6 per cento, mentre per un secondo approccio (new growth theory) un anno addizionale comporterebbe addirittura un aumento compreso tra 1 e 3 punti percentuali del tasso di crescita dell economia. In sintesi la letteratura che si occupa della relazione tra capitale umano e crescita è giunta ad alcuni risultati condivisi: la correlazione positiva che si osserva tra capitale umano e ricchezza pro capite (si veda per esempio la Figura 1) configurerebbe una vera e propria relazione causale; quindi il capitale umano è uno tra i fattori cruciali di crescita dei paesi. L effetto di un incremento del livello di istruzione è maggiore nei paesi in via di sviluppo rispetto ai paesi ricchi (il cosiddetto catch-up effect); nei paesi OCSE l impatto maggiore si ottiene aumentando il livello di istruzione terziaria. La rilevanza dell istruzione terziaria per la crescita dei paesi sviluppati deriverebbe dal fatto che un paese è in grado di sfruttare il capitale umano che si forma nelle università quanto più esso è vicino alla frontiera tecnologica. 12 Figura 1. Quota di laureati nella popolazione tra i 35 e i 44 anni e PIL pro capite (paesi OCSE). Fonte: Elaborazione propria su dati OCSE (2011) e OCSE (Statistics Database). Venendo all istruzione terziaria, le analisi si sono focalizzate in particolar modo sulla stima del cosiddetto tasso di rendimento interno privato dell istruzione terziaria, cioè quel tasso che eguaglia i benefici individuali derivanti dal conseguire un diploma di laurea (rappresentati dal differenziale salariale tra laureati e diplomati) e la somma dei costi diretti (tasse universitarie, costi di vitto, alloggio, libri, ecc.) e indiretti (salario non guadagnato dagli studenti universitari). Similmente, anche se con maggiori difficoltà metodologiche, è possibile calcolare un tasso di rendimento interno pubblico, derivante dal confronto tra i benefici e i costi dell istruzione terziaria per la società nel suo complesso. La stima di questi tassi consente di confrontare il rendimento di un Euro investito in istruzione terziaria con il rendimento di qualunque altro investimento.

3 Sulla base delle stime più recenti è possibile giungere ad alcune conclusioni: 1) i rendimenti privati dell investimento in istruzione terziaria sono sempre sensibilmente superiori a quelli pubblici, a causa dell elevato finanziamento pubblico dell istruzione terziaria; 2) i rendimenti privati sono per la totalità dei paesi OCSE superiori al 5% (ipotetico costo opportunità del capitale) (Figura 2): l investimento nell università per i propri figli è pertanto uno tra gli investimenti più remunerativi che una famiglia possa decidere di sostenere; 3) esiste una relazione negativa tra rendimenti privati in istruzione terziaria e PIL pro capite; il rendimento della laurea, in altre parole, tende a decrescere al crescere della ricchezza del paese (Figura 3). Figura 2. Tasso di rendimento interno privato dell istruzione terziaria (paesi OCSE). Fonte: Elaborazione propria su dati OCSE Figura 3. Tasso di rendimento interno istruzione terziaria e PIL pro capite paesi OCSE. Fonte: Elaborazione propria su dati OCSE (2011) e OCSE (Statistics Database)

4 Equità: da cosa dipendono le opportunità di accesso all istruzione terziaria La gran parte dei sistemi di istruzione sono ancora lontani dal realizzare l uguaglianza di accesso all università per ragazzi che provengono da diversi contesti socioeconomici. I figli di genitori con livelli di istruzione più elevati hanno una maggiore probabilità di accedere all università rispetto ai figli di famiglie con livello culturale inferiore (Figura 4). Figura 4. Titolo di studio dei genitori degli studenti universitari e gap rispetto alla popolazione. Fonte: Elaborazione propria su dati Eurostudent Se si considerano gli elevati rendimenti dell istruzione terziaria, questa ineguaglianza di opportunità finisce con l accrescere le disuguaglianze di reddito tra i cittadini e rappresenta un pesante freno alla mobilità sociale. Il mancato accesso all istruzione terziaria da parte di studenti talentuosi, ma provenienti da contesti socio-economici svantaggiati, rappresenta una situazione in cui, a un evidente iniquità, si accompagna un altrettanto evidente inefficienza, dal momento che non viene raggiunto il livello di capitale umano ottimale. Le possibili spiegazioni della disuguaglianza di opportunità nell accesso all istruzione terziaria fanno riferimento a un problema di scarsità di risorse, cognitive o economiche, della famiglia. Nel primo caso i ragazzi provenienti da famiglie di ceto basso sconterebbero un minor accumulo di risorse cognitive nella fase cruciale del loro sviluppo che, secondo i più recenti studi anche in ambito neuro-economico condotti dal premio Nobel James J. Heckman, coinciderebbe addirittura con la fase pre-scolare o, comunque, con i primi anni della scuola dell obbligo. Nel secondo caso, invece, il mancato accesso all istruzione terziaria sarebbe un mero problema di liquidità e di difficoltà di accesso al credito per finanziare gli studi universitari. Distinguere tra queste due cause è di cruciale importanza per identificare le soluzioni di politica economica più efficaci. Infatti, se la causa principale della mancata iscrizione fosse l inadeguatezza delle risorse cognitive degli studenti provenienti da contesti socioeconomici svantaggiati, occorrerebbe agire anzitutto sui primi anni di formazione dei bambini, investendo molte risorse sulla fase pre-scolare e, successivamente, sulla scuola dell obbligo. Nel secondo caso la soluzione sarebbe invece in un certo senso più semplice, perché basterebbe fornire risorse economiche a sostegno delle famiglie che hanno vincoli al credito nel momento in cui vogliono iscrivere i figli all università. Secondo gli studi più recenti, tuttavia, la spiegazione che si basa sulla scarsità di risorse economiche delle famiglie sembra avere un peso piuttosto limitato persino negli Stati Uniti, dove le tasse universitarie sono, in media, decisamente più elevate rispetto a quelle dei paesi europei. La non rappresentatività della composizione della società da parte della popolazione universitaria sembra dunque essere prevalentemente dovuta a limiti cognitivi e a più basse aspirazioni da parte dei ragazzi che provengono da contesti meno vantaggiosi. Utile sarebbe, quindi, secondo una ormai consolidata serie di studi condotti, fra gli altri, dall OCSE e dalla rete europea Eurydice, posticipare quanto più possibile nel tempo la selezione del percorso scolastico da intraprendere dopo la scuola dell obbligo, oppure facilitare quanto più possibile il passaggio da percorsi professionalizzanti a percorsi generici in modo da consentire agli studenti, che maturassero più tardi l interesse ad accedere ai percorsi universitari, la possibilità di farlo agevolmente.

5 Finanziamento e governance I sistemi universitari si finanziano attraverso risorse pubbliche (trasferimenti alle università o agli studenti) e private (tasse universitarie e investimenti delle imprese). A seconda di come si combina il peso della componente pubblica rispetto a quella privata, è possibile collocare i paesi europei all interno di quattro diversi schemi di finanziamento delle università (Figura 5). Sebbene non sia possibile individuare a priori quale sia lo schema di finanziamento migliore, è immediato osservare che i paesi con un basso investimento sia pubblico sia privato (modello 4) sono quelli che destinano sistematicamente meno risorse (rispetto alla media europea) al settore universitario. L Italia è, come è noto, uno tra questi. Figura 5. Spesa pubblica e privata in istruzione terziaria in rapporto al PIL - EU27. Fonte: Elaborazione propria su dati European Commission (2011). 15 Nella stragrande maggioranza dei paesi la componente pubblica del finanziamento dell istruzione terziaria è decisamente prevalente rispetto a quella privata (Figura 6). Di conseguenza gli studenti o, meglio, le loro famiglie, sopportano un costo privato diretto, per accedere all università, che è inferiore a quello sostenuto dalla collettività. La componente pubblica del finanziamento dell istruzione terziaria trova tuttavia giustificazione economica sia sul piano dell efficienza sia su quello dell equità. Dal punto di vista dell efficienza essa rappresenta il riconoscimento all esistenza di benefici che vanno alla collettività (maggiore ricchezza, ma anche migliori condizioni di salute, ecc.), i cui costi non dovrebbero quindi essere sopportati dai privati. Dal punto di vista dell equità, essa rappresenta una forma di redistribuzione delle risorse pubbliche che migliora le opportunità di accesso all università per coloro che sono effettivamente vincolati dal punto di vista economico. In conclusione è possibile affermare che il modello ideale di finanziamento del sistema universitario - dal punto di vista economico prevede che una parte non irrilevante dei costi sia direttamente a carico dei beneficiari dei rendimenti privati dell istruzione. Questo però può avvenire in due momenti diversi: o durante il periodo in cui lo studente è iscritto all università, attraverso il pagamento delle tasse universitarie, oppure nel momento in cui il laureato ottiene un lavoro. In questo secondo caso il laureato, ormai diventato lavoratore, restituirebbe le risorse che la collettività ha investito sulla sua formazione o, semplicemente, attraverso il pagamento di un imposta progressiva sul reddito (dove quindi il maggior guadagno derivante dall istruzione terziaria viene tassato più pesantemente rispetto ai redditi più bassi) o, ancora, attraverso la restituzione del prestito ottenuto per finanziarsi gli studi. Questo secondo meccanismo funziona in sistemi in cui è più sviluppato il ricorso al credito da parte degli studenti universitari.

6 Figura 6. Quota di spesa pubblica e privata per istruzione terziaria. Fonte: Elaborazione propria su dati OECD (2011). 16 Il vantaggio di posticipare il pagamento del costo dell istruzione terziaria all ingresso nel mercato del lavoro consisterebbe nel fatto che esso risulterebbe commisurato direttamente al reddito dei laureati e non a quello delle famiglie di provenienza. In questo modo, inoltre, si realizzerebbe una perfetta coincidenza di interessi tra i laureati e la collettività nel suo complesso, dal momento che quest ultima beneficerebbe, attraverso il maggiore gettito fiscale, del maggiore reddito dei laureati. In questo quadro la componente puramente pubblica dovrebbe intervenire, da un lato, per finanziare quella porzione del costo dell investimento che dà origine ai rendimenti collettivi e, dall altro, per rimuovere i vincoli all accesso all università per coloro che non hanno risorse economiche adeguate per accedervi. Alla luce di quanto detto l OCSE evidenzia un trade-off tra imposte sul reddito e tasse universitarie. I paesi con tasse universitarie basse, o addirittura nulle, permettono agli individui di restituire quanto la collettività ha investito sulla loro formazione attraverso regimi fiscali progressivi. Viceversa, i paesi in cui gli studenti devono sostenere tasse universitarie più elevate sono generalmente caratterizzati da sistemi fiscali meno progressivi (Figura 7). Venendo infine al finanziamento dell altro prodotto del sistema universitario, cioè la ricerca, sembra utile trattarlo congiuntamente al tema della governance. Una serie di studi condotti sia sulle università europee sia su quelle statunitensi dimostra infatti come l entità del finanziamento delle università e il loro livello di autonomia (in termini non solo di gestione del bilancio ma anche delle Figura 7. Trade-off tra tassazione universitaria e progressività del sistema fiscale. Fonte: Elaborazione propria su dati OECD (2011) e OECD Income Distribution and Poverty Database (2012).

7 assunzioni e di definizione delle remunerazioni del personale) siano fattori complementari nella produzione e diffusione di ricerca: a parità di risorse disponibili i sistemi caratterizzati da una maggiore autonomia hanno a pari condizioni performance sensibilmente migliori (all incirca il doppio) rispetto a quelli più centralizzati. Sembra dunque che gli esiti in termini di ricerca, ovvero il parametro secondo cui è possibile anche se con non poche difficoltà effettuare confronti internazionali tra i sistemi universitari, siano positivamente legati non solo all entità delle risorse disponibili, ma anche al grado di autonomia con cui i singoli atenei possono utilizzarle. Conclusioni Gli elevati rendimenti privati e pubblici dell investimento in istruzione e le evidenti ricadute in termini di progresso tecnologico e di sviluppo della ricerca e della didattica universitaria sin qui discussi hanno indotto i paesi dell Unione europea a individuare, nell ambito della strategia per il 2020, l obiettivo del 40% di laureati nella popolazione di età compresa tra i 30 e i 34 anni (Figura 8). Tale risultato andrebbe incontro alle previsioni di crescita della domanda di lavoratori con elevata qualificazione che, secondo le stime condotte dal Centro 17 Figura 8. Quota di laureati nella popolazione tra i 25 e i 34 anni nel 2009 e obiettivo per il Fonte: Elaborazione propria su dati OECD Europeo per lo Sviluppo della Formazione (CEDEFOP), interesserà soprattutto i paesi che attualmente impiegano poca forza lavoro qualificata, Italia inclusa. L aumento della quota di lavoratori qualificati risulta oltre tutto strategico per la sostenibilità dei sistemi di welfare europei, dal momento che il progressivo invecchiamento della popolazione, accompagnato da tassi di fertilità costanti, se non in diminuzione, dovrà essere compensato da una maggiore produttività della quota sempre più scarsa di forza lavoro. L espansione della domanda di istruzione della popolazione europea comporterà ovviamente dei costi crescenti, che potranno essere ripartiti in nuovi e innovativi modi tra i singoli beneficiari della maggiore istruzione e la collettività. In entrambi i casi il consenso a effettuare tale investimento, sia esso pubblico o privato, potrà derivare solo dalla constatazione che i rendimenti privati e collettivi dell istruzione universitaria sono positivi e rilevanti, ovvero che il sistema economico nel suo complesso è in grado di utilizzare proficuamente il capitale umano prodotto dal sistema educativo.

8 Riferimenti bibliografici 18 AGHION, P. (2006), A Primer on Innovation and Growth, Bruegel Policy Brief 6, 1 8. AGHION, P., DEWATRIPONT, M., HOXBY, C., MAS-COLELL, A. e SAPIR, A. (2007), Why Reform Europe's Universities? Bruegel policy brief, issue 2007/04. AGHION, P., DEWATRIPONT, M., HOXBY, C., MAS-COLELL, A. SAPIR, A. (2009), The governance and performance of research universities: Evidence from Europe and the US, NBER Working Paper n BECKER, G. (1964), Human Capital: a Theoretical and Empirical Analysis, with Special Reference to Education, New York, Columbia University Press. BARR, N. (2004), Higher education funding, Oxford Review of Economic Policy, 20(2). BRUNELLO, G. e CHECCHI, D. (2007), Does School Tracking Affect Equality of Opportunity? New International Evidence, Economic Policy, 52, BLÖNDAL, S., FIELD S. e GIROUARD, N. (2002), Investment in human capital through upper secondary and tertiary education, OECD Economic Studies, n.34. CHEVALIER, A., HARMON, C., WALKER, I. ezhu, Y. (2004), Does education raise productivity, ore just reflect it?, The Economic Journal, 114. CEDEFOP (2010), Skills Supply and Demand in Europe, Luxembourg: European Union. CARD, D.E. (1999), The Causal Effect of Education on Earnings, in ASHENFELTER, O. e D.E. CARD (a cura di), Handbook of Labor Economics, 3A, Amsterdam: Elsevier. CUNHA, F. eheckman, J.J. (2009), The economics and psychology of inequality and human development, NBER, Working Paper n CUNHA, F., HECKMAN, J.J e SCHENNACH, M. (2010), Estimating the Technology of Cognitive and Noncongnitive Skill Formation, Econometrica, 78(3), EUROPEAN COMMISSION (2010), Efficiecy and effectiveness of public expenditure on tertiary education in Europe, European Economy Occasional Papers, n.70. EUROPEAN COMMISSION (2011), Recent developments in European higher education systems, European Commission staff working document. EUROPEAN UNION (2011), Connecting Universities to Regional Growth: A Practical Guide, European Union Regional Policy. EUROSTUDENT (2011), Eurostudent database, htto://www.eurostudent.eu/results/data. EURYDICE (2008), Report on Higher Education governance in Europe, Eurydice. GOLDSTEIN, H.A. e RENAULT, C. S. (2004), Contributions of Universities to Regional Economic Development: A Quasiexperimental Approach, Regional Studies, 38.7, HANUSHEK, E. e WÖSSMANN, L. (2006), Does Educational Tracking Affect Performance and Inequality? Differences-In- Differences Evidence Across Countries, Economic Journal, 116, C63-C76. HARMON, C., OOSTERBACK H. ewalker, I. (2002), The Returns to Education: Microeconomics, Journal of Economic Surveys, 17(2), MORA, J.G., VILA, L., PSACHAROPOULOS, G., SCHMIDT, E.K., VOSSENSTEYN, H. evillarreal, E. (2007), Rates of return and funding models in Europe, Final report to the Directorate- General for Education and Culture of the European Commission. OECD (2007), Higher Education in Regions: Globally Competitive, Locally Engaged, OECD, Paris. OECD (2011), Education at a Glance, OECD, Paris. PSACHAROPOULUS, G. (2009), Returns to investment in higher education: a European survey, A contribution to the Higher Education Funding Reform Project CHEPS-led consortium for the European Commission. PSACHAROPOULOS G. e PATRINOS, H.A. (2004), Returns to investment in education: a further update, Education Economics, 12(2), SIANESI, B. evan REENEN, J. (2003), The Returns to Education: Macroeconomics, Journal of Economic Surveys, 17(2), VEUGELERS, R. e VAN DER PLOEG, F. (2008a), Towards Evidence- Based Reform of European Universities, CESifo Economic Studies, Vol. 54, 2/2008 VEUGELERS, R. e VAN DER PLOEG, F. (2008b), Reforming European universities: Scope for an evidence-based process, CESifo W.P. n WOESSMAN, L. (2006), Efficiency and Equity of European Education and Training Policies, CESifo Working Paper nr

Scelte di istruzione e mercato del lavoro. Giorgia Casalone Università del Piemonte Orientale

Scelte di istruzione e mercato del lavoro. Giorgia Casalone Università del Piemonte Orientale Scelte di istruzione e mercato del lavoro Giorgia Casalone Università del Piemonte Orientale Perché istruirsi? 1. L istruzione come bene di consumo : mi piace studiare 2.L istruzione come bene di investimento

Dettagli

L ISTRUZIONE: ASPETTI TEORICI

L ISTRUZIONE: ASPETTI TEORICI Lezione 9.1 L ISTRUZIONE: ASPETTI TEORICI SdW SISTEMI DI WELFARE (P. Silvestri, 2014-15) 1 CONTENUTO DELLA LEZIONE Natura del servizio Ragioni dell intervento pubblico nella spesa per istruzione Modelli

Dettagli

Uno sguardo sull istruzione: Indicatori dell OCSE 2012

Uno sguardo sull istruzione: Indicatori dell OCSE 2012 SCHEDA PAESE Uno sguardo sull istruzione: Indicatori dell OCSE 2012 PRINCIPALI CONCLUSIONI ITALIA I tassi d iscrizione all università sono aumentati dopo che l Italia ha introdotto una nuova struttura

Dettagli

Ma i poveri studiano con i soldi dei poveri La Voce.info. Andrea Ichino e Daniele Terlizzese

Ma i poveri studiano con i soldi dei poveri La Voce.info. Andrea Ichino e Daniele Terlizzese Ma i poveri studiano con i soldi dei poveri La Voce.info Andrea Ichino e Daniele Terlizzese Nel giudicare l equità del trasferimento di risorse implicito nel finanziamento pubblico degli atenei va considerato

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 7-4 La distribuzione del salario -Applicazioni di politica economica: perché è aumentata la disuguaglianza salariale? 1 Perché sono aumentate le disuguaglianze? L aumento

Dettagli

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * Evoluzione della previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * La pensione pubblica *La previdenza complementare *I numeri della previdenza complementare in Italia *Le questioni

Dettagli

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e 1 L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e secondo livello di tutti i 64 atenei aderenti al Consorzio, che rappresentano circa l 80% del complesso dei laureati

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 6-3 Il capitale umano - L addestramento sul lavoro e il profilo età - guadagni 1 L addestramento sul lavoro e il profilo età - guadagni La forma del profilo età guadagni

Dettagli

Dal Brain Drain al Brain Circulation

Dal Brain Drain al Brain Circulation Dal Brain Drain al Brain Circulation Il caso Italiano nel contesto globale Simona Milio London School of Economics and Political Science Introduzione Il problema e La sfida Le cause Le politiche adottate

Dettagli

[GLI INCENTIVI PER IL RIENTRO DEGLI ITALIANI DALL ESTERO IL PROGETTO CONTROESODO]

[GLI INCENTIVI PER IL RIENTRO DEGLI ITALIANI DALL ESTERO IL PROGETTO CONTROESODO] PROFESSIONISTINETWORK Pierluigi MAZZOLENA Davide INTEGLIA [GLI INCENTIVI PER IL RIENTRO DEGLI ITALIANI DALL ESTERO IL PROGETTO CONTROESODO] [Un commento alla strategia per l attrazione in Italia dei giovani

Dettagli

La formazione delle classi e gli

La formazione delle classi e gli La formazione delle classi e gli apprendimenti degli studenti Come le scelte di composizione dei gruppi-classe da parte delle scuole influenzano la qualità degli apprendimenti degli studenti della secondaria

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 19: Spence s Job Market Signalling model David Bartolini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) d.bartolini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 6-7 Il capitale umano - La teoria dei segnali 1 Hip. base del modello di istruzione (teoria del capitale umano): istruzione => ( produttività del lavoratore) => w. Ragionamento

Dettagli

The AR Factor. Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee

The AR Factor. Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee The AR Factor Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee Media Executive Summary Lo scopo di questa ricerca è valutare

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

UN ANALISI EMPIRICA DEI PERCORSI FORMATIVI DEGLI STUDENTI UNIVERSITARI : L ABBANDONO DEGLI STUDI

UN ANALISI EMPIRICA DEI PERCORSI FORMATIVI DEGLI STUDENTI UNIVERSITARI : L ABBANDONO DEGLI STUDI UN ANALISI EMPIRICA DEI PERCORSI FORMATIVI DEGLI STUDENTI UNIVERSITARI : L ABBANDONO DEGLI STUDI Roberto Zotti XIV INDAGINE ALMALAUREA SUL PROFILO DEI LAUREATI Napoli, 22 maggio 2012 UN ANALISI EMPIRICA

Dettagli

LA SPESA PER L ISTRUZIONE

LA SPESA PER L ISTRUZIONE NTENUTO DELLA LEZIONE LA SPESA PER L ISTRUZIONE Natura del servizio Ragioni dell intervento pubblico nella spesa per istruzione Modelli di organizzazione del servizio L istruzione in Italia L istruzione

Dettagli

Marcella Panucci direttore generale Confindustria Francesco Rivolta direttore generale Confcommercio Roma 10 dicembre 2015

Marcella Panucci direttore generale Confindustria Francesco Rivolta direttore generale Confcommercio Roma 10 dicembre 2015 La sanità nel welfare che cambia Marcella Panucci direttore generale Confindustria Francesco Rivolta direttore generale Confcommercio Roma 10 dicembre 2015 La sostenibilità del sistema Spesa pubblica per

Dettagli

Investire nei giovani: se non ora, quando? Università Ca Foscari, AlmaLaurea Venezia, 12 Marzo 2013

Investire nei giovani: se non ora, quando? Università Ca Foscari, AlmaLaurea Venezia, 12 Marzo 2013 Investire nei giovani: se non ora, quando? Università Ca Foscari, AlmaLaurea Venezia, 12 Marzo 213 DOMANDA E OFFERTA DI COMPETENZE: SCENARI E SFIDE Stefano Scarpetta, Deputy Director Directorate for Employment,

Dettagli

www.statigeneralidelleditoria.it

www.statigeneralidelleditoria.it www.statigeneralidelleditoria.it Stati generali dell editoria 2008 Più cultura, più lettura, più Paese: scommettere sui giovani Scommettere sui giovani La sintesi della ricerca Iard La lettura dei libri

Dettagli

Individuare le priorità di Going for Growth 2013. Priorità sostenute dagli indicatori

Individuare le priorità di Going for Growth 2013. Priorità sostenute dagli indicatori ITALIA Il PIL pro capite ha continuato a contrarsi, collocandosi ben al di sotto della media superiore dell OCSE. Nonostante un aumento dell intensità di capitale, la crescita della produttività del lavoro

Dettagli

CONOSCERE PER COMPETERE. CAPITALE UMANO, TECNOLOGIA E SVILUPPO ECONOMICO

CONOSCERE PER COMPETERE. CAPITALE UMANO, TECNOLOGIA E SVILUPPO ECONOMICO CONOSCERE PER COMPETERE. CAPITALE UMANO, TECNOLOGIA E SVILUPPO ECONOMICO Sommario: 1. Introduzione 2. Le politiche per la competitività 3. Conoscenza e capitale: ricerca e produttività 4. Conoscenza, istruzione

Dettagli

Il dottorato e la figura del dottore di ricerca in Italia: quale il ruolo dell impresa?

Il dottorato e la figura del dottore di ricerca in Italia: quale il ruolo dell impresa? Associazione Dottorandi e Dottori di Ricerca Italiani Il dottorato e la figura del dottore di ricerca in Italia: quale il ruolo dell impresa? Presentazione a cura di Alessandro Fraleoni Morgera - Presidente

Dettagli

Modulo: Scarsità e scelta

Modulo: Scarsità e scelta In queste pagine è presentato un primo modello di conversione di concetti, schemi e argomentazioni di natura teorica relativi all argomento le scelte di consumo (presentato preliminarmente in aula e inserito

Dettagli

B1 occupazione e livello d'istruzione: piu' istruite, piu' occupate

B1 occupazione e livello d'istruzione: piu' istruite, piu' occupate B1 occupazione e livello d'istruzione: piu' istruite, piu' occupate Malgrado l occupazione femminile abbia registrato a partire dall inizio del 2000 un forte incremento, segnando tassi di crescita annui

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

A cosa serve la paghetta di Stato, se le università fanno schifo?

A cosa serve la paghetta di Stato, se le università fanno schifo? A cosa serve la paghetta di Stato, se le università fanno schifo? Investire nel sapere in Italia non conviene: basse opportunità di lavoro e ancor più bassi stipendi. Dare 500 euro una tantum non serve

Dettagli

LA SPESA PER L ISTRUZIONE. Scienza delle finanze - Lezione 11

LA SPESA PER L ISTRUZIONE. Scienza delle finanze - Lezione 11 LA SPESA PER L ISTRUZIONE Scienza delle finanze - Lezione 11 CONTENUTO DELLA LEZIONE Natura del servizio Ragioni dell intervento pubblico nella spesa per istruzione Modelli di organizzazione del servizio

Dettagli

Lezione 18 1. Introduzione

Lezione 18 1. Introduzione Lezione 18 1 Introduzione In questa lezione vediamo come si misura il PIL, l indicatore principale del livello di attività economica. La definizione ed i metodi di misura servono a comprendere a quali

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE E ORIENTAMENTO: IL FUTURO DELLA SCUOLA

AUTOVALUTAZIONE E ORIENTAMENTO: IL FUTURO DELLA SCUOLA AUTOVALUTAZIONE E ORIENTAMENTO: IL FUTURO DELLA SCUOLA di Andrea Cammelli fondatore nel 1994 e direttore del Consorzio Interuniversitario AlmaLaurea I l Profilo dei Diplomati 2014 rappresenta una risposta

Dettagli

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE L istruzione a Firenze La diffusione dell istruzione tra le varie classi della popolazione non soltanto misura l efficacia del sistema scolastico di un dato sistema sociale, ma fornisce anche una misura

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

Scheda 2 «Smart City» SMART GOVERNANCE. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 2 «Smart City» SMART GOVERNANCE. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 2 «Smart City» GREEN JOBS Formazione e Orientamento Introduzione al concetto di governance Quello della governance è un concetto maturato nella cultura inglese e statunitense, il quale ha successivamente

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014)

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) A cura dell Ente Nazionale per il Microcredito, Team di monitoraggio Il monitoraggio condotto dall Ente

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione Perché e come scegliere un master in Affari e Finanza, i master universitari

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 14 novembre Sono molto

Dettagli

Introduzione. fornisce un rendiconto dell attività economica di una impresa relativa all ultimo anno solare;

Introduzione. fornisce un rendiconto dell attività economica di una impresa relativa all ultimo anno solare; Appunti di Economia Documenti costituenti il bilancio d esercizio di una impresa Introduzione... 1 Stato patrimoniale... 2 Debiti e crediti... 3 Equazione contabile fondamentale dello stato patrimoniale...

Dettagli

Education at a glance 2011 (Uno sguardo sull Istruzione) Nota paese Italia

Education at a glance 2011 (Uno sguardo sull Istruzione) Nota paese Italia Education at a Glance 2011 OECD Indicators DOI: http://dx.doi.org/10.1787/eag-2011-en OECD 2011 Sotto embargo fino al 13 settembre alle 11:00, orario di Parigi Education at a glance 2011 (Uno sguardo sull

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms Leonardo Casini Questo è probabilmente l ettaro di terra più costoso del mondo: Burgundy, Vigneto Romanée Conti:

Dettagli

Opportunità e problematicita delle iniziative italiane in tema di educazione finanziaria. Bergamo, 23 gennaio 2009

Opportunità e problematicita delle iniziative italiane in tema di educazione finanziaria. Bergamo, 23 gennaio 2009 Convegno adeimf Nuove politiche per la gestione bancaria Opportunità e problematicita delle iniziative italiane in tema di educazione finanziaria Bergamo, 23 gennaio 2009 Maurizio Trifilidis maurizio.trifilidis@bancaditalia.it

Dettagli

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI OTTO AZIONI MISURABILI PER L UNIVERSITA, LA RICERCA E L INNOVAZIONE Premessa Nella comune convinzione che Università, Ricerca e Innovazione costituiscano una priorità per il

Dettagli

Corso di Economia del lavoro Specialistica Scienze Economiche Giovanni Sulis (gsulis@unica.it) Istruzione

Corso di Economia del lavoro Specialistica Scienze Economiche Giovanni Sulis (gsulis@unica.it) Istruzione Introduzione Corso di Economia del lavoro Specialistica Scienze Economiche Giovanni Sulis (gsulis@unica.it) Istruzione Evidenza empirica su partecipaz. scolastica. Teoria dell investimento in capitale

Dettagli

P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza. Genova 19 novembre 2010

P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza. Genova 19 novembre 2010 P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza Grazia Manca U.O.Informazione Comunitaria Dipartimento della Multifunzionalità dell Azienda Agricola e delle Filiere Agroalimentari per lo

Dettagli

LA REALIZZAZIONE DI MASTER INDIRIZZATI AI FUNZIONARI E DIRIGENTI PUBBLICI

LA REALIZZAZIONE DI MASTER INDIRIZZATI AI FUNZIONARI E DIRIGENTI PUBBLICI PROTOCOLLI D INTESA PER LA COLLABORAZIONE VOLTA ALL INCREMENTO DELLA FORMAZIONE E DELL AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE DEL PERSONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E LA REALIZZAZIONE DI MASTER INDIRIZZATI

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 6-3 Il capitale umano -Il modello dell istruzione 1 Il capitale umano Il modello dell istruzione L istruzione, come abbiamo visto, è associata a tassi di disoccupazione

Dettagli

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5.1 DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ 82 Sono più spesso le donne ad intraprendere gli studi universitari A partire

Dettagli

Diamogli Credito. Protocollo d Intesa tra ABI e Governo per giovani studenti che decidono di investire sulla propria formazione

Diamogli Credito. Protocollo d Intesa tra ABI e Governo per giovani studenti che decidono di investire sulla propria formazione Diamogli Credito Protocollo d Intesa tra ABI e Governo per giovani studenti che decidono di investire sulla propria formazione Il Ministero per le Politiche Giovanili e le Attività Sportive (POGAS) e l

Dettagli

Obiettivi didattici e di ricerca Linee generali del bilancio di previsione anno 2015

Obiettivi didattici e di ricerca Linee generali del bilancio di previsione anno 2015 Obiettivi didattici e di ricerca Linee generali del bilancio di previsione anno 2015 INTRODUZIONE L Ateneo per gestire al meglio la complessità del momento presente e sfruttare le opportunità del futuro,

Dettagli

Programmazione triennale 2010/2012

Programmazione triennale 2010/2012 Area Ricerca e Relazioni Internazionali Ufficio Relazioni Internazionali PIANO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DI ATENEO Programmazione triennale 2010/2012 L Università degli Studi di Firenze tradizionalmente

Dettagli

Economia e politica di gestione del territorio. [1:cap.4]

Economia e politica di gestione del territorio. [1:cap.4] Economia e politica di gestione del territorio Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie (L.M.) A.A. 2013-2014 Lezione n.5: Efficienza ed Equità [1:cap.4] Docente: Antonio Lopolito tel. 0881-589.417

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business I risultati della survey Workshop Milano,12 giugno 2012 Il campione 30 SGR aderenti, rappresentative di circa il 75% del patrimonio

Dettagli

L Ires e la tassazione dei redditi d impresa

L Ires e la tassazione dei redditi d impresa Lezione dodicesima L Ires e la tassazione dei redditi d impresa 1 TASSAZIONE REDDITI D IMPRESA PROFITTI = R C AM - IP Imprese individuali e società di persone Gli utili, a prescindere dalla loro distribuzione,

Dettagli

studiare PER/ studiare COME: formazione universitaria e crescita del paese

studiare PER/ studiare COME: formazione universitaria e crescita del paese studiare PER/ studiare COME: formazione universitaria e crescita del paese commenti a Gianluca Fiorentini *futuro al presente* Il mulino, Bologna 17 ottobre 2014 Andrea Gavosto Fondazione Giovanni Agnelli

Dettagli

Èuna situazione complessa e per

Èuna situazione complessa e per LE RISORSE PER IL VOLONTARIATO NELLA CRISI: COME QUADRARE IL CERCHIO? Investire nella qualità della progettazione, ricerca di nuovi potenziali finanziatori, ricorso a campagne di sottoscrizione popolare.

Dettagli

7 ITALIA USA: UN CONFRONTO TRA LE DIFFERENTI STRATEGIE DI FORMAZIONE

7 ITALIA USA: UN CONFRONTO TRA LE DIFFERENTI STRATEGIE DI FORMAZIONE 7 ITALIA USA: UN CONFRONTO TRA LE DIFFERENTI STRATEGIE DI FORMAZIONE Lo studio ISFOL Politecnico di Torino sulla formazione nella grandi imprese italiane si è servito di un questionario per la rilevazione

Dettagli

Investimenti Diretti Esteri

Investimenti Diretti Esteri Investimenti Diretti Esteri Daniele Mantegazzi IRE, Università della Svizzera Italiana 14 novembre 2013 Daniele Mantegazzi Economia Internazionale 14 novembre 2013 1 / 24 Contenuti e struttura della lezione

Dettagli

Verso il multicomparto

Verso il multicomparto Verso il multicomparto Guida alla scelta della linea di investimento più adatta Il Fondo Pensione per il personale della Deutsche Bank Spa è prossimo al passaggio al multicomparto. I risparmi saranno immessi

Dettagli

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi Comunicato stampa L identikit e le scelte dei diplomati calabresi I diplomati calabresi si raccontano prima e dopo il diploma. Quest anno la Regione Calabria ha esteso il progetto AlmaDiploma - l associazione

Dettagli

Riflessioni sulla e-leadership

Riflessioni sulla e-leadership PIANO NAZIONALE PER LA CULTURA, LA FORMAZIONE E LE COMPETENZE DIGITALI Riflessioni sulla e-leadership (a cura di Franco Patini e Clementina Marinoni) Nella sua più completa espressione l e-leader è una

Dettagli

PRODUZIONE E CRESCITA

PRODUZIONE E CRESCITA Università degli studi di MACERATA ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2012/2013 PRODUZIONE E CRESCITA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

Luigi Paganetto SVILUPPO E PARTECIPAZIONE: NUOVE PROSPETTIVE PER LE RELAZIONI INDUSTRIALI. Presidente Fondazione Economia Università di Tor Vergata

Luigi Paganetto SVILUPPO E PARTECIPAZIONE: NUOVE PROSPETTIVE PER LE RELAZIONI INDUSTRIALI. Presidente Fondazione Economia Università di Tor Vergata SVILUPPO E PARTECIPAZIONE: NUOVE PROSPETTIVE PER LE RELAZIONI INDUSTRIALI Presidente Fondazione Economia Università di Tor Vergata Roma, 15 ottobre 2013 LA CRISI DELL ECONOMIA ITALIANA DIPENDE DALLA RECESSIONE

Dettagli

Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani

Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani 20 maggio 2014 di Anthony Barnes Atkinson (*) La Stampa 19.5.14 Il grande economista inglese Anthony Atkinson rilancia il progetto di un reddito-base

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

AGE MANAGEMENT. Conoscere la propria azienda per farla crescere. 8 giugno 2015 sede Gruppo 24 ORE, Milano. Estratti del Convegno

AGE MANAGEMENT. Conoscere la propria azienda per farla crescere. 8 giugno 2015 sede Gruppo 24 ORE, Milano. Estratti del Convegno AGE MANAGEMENT Conoscere la propria azienda per farla crescere 8 giugno 215 sede Gruppo 24 ORE, Milano Estratti del Convegno UN PATTO TRA GENERAZIONI PER EVITARE LA CRISI Gli equilibri all interno delle

Dettagli

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza Promuovere Il problema In società sempre più basate sulla conoscenza, una delle condizioni necessarie ad affrontare con successo il processo di riqualificazione del sistema economico è la disponibilità

Dettagli

Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali. Effetti del IDE sul paese d origine

Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali. Effetti del IDE sul paese d origine Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali Effetti del IDE sul paese d origine Effetti del IDE sul paese ospitante: il ruolo della capacità di assorbimento delle imprese locali

Dettagli

Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale

Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale Marianna Belloc 1 Approccio NATREX L approccio NATREX, dovuto a Stein (1990, 1999) e basato, come il precedente, su agenti intertemporalmente

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 Verso un utilizzo più strategico imparando dall esperienza maturata Roberto D Auria Mario Guido Gruppo di lavoro Competitività Roma, 28 ottobre 2013 L esperienza

Dettagli

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2 Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2 Stefano Neri Corso di Laurea in Servizio Sociale 2009/10 Università degli Studi di Milano Bicocca I sistemi sanitari tra mercato e intervento pubblico Tutti i sistemi

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

Scuola di Scienze e Tecnologie. corso di laurea (I livello) Matematica e applicazioni

Scuola di Scienze e Tecnologie. corso di laurea (I livello) Matematica e applicazioni Scuola di Scienze e Tecnologie corso di laurea (I livello) Matematica e applicazioni L-35 3 anni sede UNICAM: Camerino crediti complessivi da acquisire: 180 www.unicam.mat.it www.sst.unicam.it/sst/ Presentazione

Dettagli

IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE.

IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE. IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE. Lezione 5 Castellanza, 17 Ottobre 2007 2 Summary Il costo del capitale La relazione rischio/rendimento

Dettagli

Divided We Stand: Perché la disuguaglianza continua a crescere

Divided We Stand: Perché la disuguaglianza continua a crescere Conferenza ISTAT OCSE Roma, 24 Gennaio 2012 Divided We Stand: Perché la disuguaglianza continua a crescere Stefano Scarpetta Vice Direttore della Direzione Lavoro, Occupazione e Affari Sociali, OCSE OECD,

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

Inserimento professionale dei diplomati universitari

Inserimento professionale dei diplomati universitari 22 luglio 2003 Inserimento professionale dei diplomati universitari Indagine 2002 Nel corso degli ultimi anni l Istat ha rivisitato e notevolmente ampliato il patrimonio informativo sull istruzione e la

Dettagli

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 A decorrere dal 1 gennaio 2007 il lavoratore dipendente è tenuto ad operare una scelta circa la destinazione del proprio tfr maturando: se destinarlo a una previdenza

Dettagli

L UFFICIO PER IL PROCESSO

L UFFICIO PER IL PROCESSO L UFFICIO PER IL PROCESSO Il progetto: uno staff di supporto al lavoro del magistrato e uno strumento per migliorare la qualità del servizio ai cittadini. Alle luce di numerose e positive esperienze maturate

Dettagli

Milano, 24 gennaio 2008 Convegno Le imprese cercano, gli ingegneri ci sono? Domanda e offerta a confronto nel panorama europeo. Dr. Alberto Meomartini

Milano, 24 gennaio 2008 Convegno Le imprese cercano, gli ingegneri ci sono? Domanda e offerta a confronto nel panorama europeo. Dr. Alberto Meomartini Assolombarda - Politecnico di Milano - Fondazione Politecnico Milano, 24 gennaio 2008 Convegno Le imprese cercano, gli ingegneri ci sono? Domanda e offerta a confronto nel panorama europeo Dr. Alberto

Dettagli

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE 1 ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a. l ambito dell

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

È la laurea un buon investimento?

È la laurea un buon investimento? È la laurea un buon investimento? di Alberto Bisin e Andrea Moro Le tasse universitarie sono aumentate considerevolmente negli ultimi anni. Ciononostante, laurearsi rimane ancora un ottimo investimento.

Dettagli

GEFRAN: riduzione dei tempi di inattività con Business Continuity

GEFRAN: riduzione dei tempi di inattività con Business Continuity GEFRAN S.p.a. Utilizzata con concessione dell autore. GEFRAN: riduzione dei tempi di inattività con Business Continuity Partner Nome dell azienda GEFRAN S.p.a Settore Industria-Elettronica Servizi e/o

Dettagli

Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro. Milano, 15 gennaio 2013

Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro. Milano, 15 gennaio 2013 Seminario "La qualità della scuola: che cosa fa il mondo, che cosa può fare l'italia" Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro Milano,

Dettagli

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino.

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Specializzazione produttiva o SP., competitività internazionale e crescita economica o SP.,

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 7-1 La distribuzione del salario - Introduzione -La distribuzione del salario e del reddito 1 Introduzione Nel mkt del lavoro nazionale non esiste un unico salario, bensì

Dettagli

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma Sistema paese e sicurezza economica Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma I nostri temi Invece di un sistema-paese, un paese diviso e gravato da varie forme di insicurezza economica In che senso

Dettagli

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale 1. IL VALORE ATTUALE La logica di investimento aziendale è assolutamente identica a quella adottata per gli strumenti finanziari. Per poter

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD di Davide Mondaini e Violante Battistella (*) I costi logistici rappresentano una voce rilevante all interno del Conto Economico aziendale.

Dettagli

I servizi di job placement nelle Università italiane

I servizi di job placement nelle Università italiane I servizi di job placement nelle Università italiane Un indagine della Fondazione CRUI Aprile 2010 1 L indagine La partecipazione all indagine La Fondazione CRUI, nel dicembre 2009, ha realizzato un indagine

Dettagli