La decorticazione pre-macinazione del frumento: aspetti tecnologici ed igienico sanitari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La decorticazione pre-macinazione del frumento: aspetti tecnologici ed igienico sanitari"

Transcript

1 La decorticazione pre-macinazione del frumento: aspetti tecnologici ed igienico sanitari 1

2 Indice 1. Introduzione 2. Innovazione tecnologica nella macinazione del frumento: la decorticazione pre-macinazione 3. Effetti della decorticazione pre-macinazione sulla performance molitoria e sulle caratteristiche degli sfarinati e dei prodotti finiti 4. Miglioramento della qualità igienico sanitaria della granella e degli sfarinati 5. Valorizzazione dei sottoprodotti della macinazione 6. Conclusioni e suggerimenti per le aziende molitorie 7. Bibliografia 2

3 Riassunto In questi ultimi tempi sta assumendo un crescente interesse tra gli operatori del comparto molitorio il processo di decorticazione pre-macinazione per migliorare le performance molitorie del frumento. L eliminazione preventiva degli strati tegumentali mediante azioni di abrasione e frizione condotte sulla granella, con macchine del tutto simili a quelle utilizzate nella lavorazione del riso, può infatti consentire di semplificare notevolmente il diagramma di macinazione riducendo macchine e passaggi di macinazione. In base ad alcuni studi, il trattamento di decorticazione pre-macinazione sarebbe in grado di: i) aumentare la resa di macinazione, ii) ridurre l attività α-amilasica negli sfarinati (grani germinati), iii) ottenere sottoprodotti caratterizzati da presenza di componenti bioattivi in grado di conferire loro un valore aggiunto, iv) ottenere sfarinati più sicuri dal punto di vista igienico-sanitario (minor presenza di residui di fitofarmaci, metalli pesanti e micotossine) e v) migliori caratteristiche qualitative degli sfarinati (minore presenza di puntature (specks), colore, minore contenuto di ceneri). 3

4 1. Introduzione La macinazione è una pratica antica che si è evoluta nel corso dei secoli passando dai primitivi mortai, alle macine a pietra sino agli attuali laminatoi a cilindri orizzontali. L introduzione di questi ultimi, nel tardo XIX secolo, unitamente alla comparsa dei plansichter e delle semolatrici ha rivoluzionato il processo di macinazione. Successivamente, i notevoli progressi conseguiti nel settore ingegneristico e meccanico hanno consentito di incrementare significativamente la capacità produttiva delle macchine. Tale risultato e la quasi contemporanea introduzione del trasporto pneumatico, hanno comportato un continuo spostamento verso impianti ad elevata produzione per unità di volume occupato. Questa tendenza è continuata, guidata dalle necessità commerciali di contenere i costi per un industria altamente competitiva. Com è noto la finalità della macinazione consiste nella trasformazione delle cariossidi dei cereali in sfarinati e permette di separare l endosperma dalle parti tegumentali e dal germe. L endosperma include la parte amilifera e lo strato aleuronico che nel corso della macinazione è rimosso dalla crusca. L endosperma amilifero è il responsabile della produzione di farina bianca nel processo di macinazione del frumento tenero e della semola raffinata nella macinazione del grano duro. I moderni processi di alta macinazione a cilindri comportano una serie combinata di azioni che includono l apertura/rottura della cariosside, il distacco dell endosperma amilifero dalla crusca (pericarpo), dallo strato aleuronico e dal germe, nonché la riduzione della granulometria dell endosperma a valori inferiori a µm per 4

5 la farina e a 500 µm per la semola attraverso una serie di passaggi nei cilindri dei laminatoi. Le operazione di rottura/frantumazione sono accompagnate da operazioni di separazione (setacciatura) dei prodotti (sfarinati) eseguite dai plansichter e dalle semolatrici. Le operazioni di macinazione prevedono pertanto diversi passaggi, in modo da assicurare che la maggior parte dell endosperma sia convertito in farina o semola e che la maggior parte dei tegumenti/pericarpo sia separata e rimossa come sottoprodotto. Gli attuali sfarinati ottenuti dalla macinazione del frumento sono farine di grano tenero e semola di grano duro, ossia endosperma amilifero il più possibile liberato da parti cruscali, strato aleuronico e germe (Figure 1-2). Il grado di raffinazione delle farine e della semola è misurato attraverso il parametro delle ceneri (sostanze minerali), il tenore delle quali decresce con l aumentare del tasso di raffinazione. Naturalmente maggiore è il grado di raffinazione degli sfarinati più elevate saranno le proporzioni di cariosside eliminate con i sottoprodotti e più basse risulteranno le rese di macinazione. Al contrario, queste ultime si incrementeranno con il diminuire dell intensità della raffinazione. La macinazione moderna in generale, e in particolare quella attuata con una elevata raffinazione degli sfarinati, comporta la perdita di una significativa quantità di nutrienti (proteine, vitamine del gruppo B, sali minerali di interesse nutrizionale) e di fibra alimentare. In particolare viene perso lo strato aleuronico ricco di principi nutritivi plastici (vitamine, sali minerali e proteine solubili di elevato valore biologico) che vengono scartati con i sottoprodotti (crusca e cruschello) destinati all alimentazione animale (Tabella 1). Per quanto riguarda i prodotti di macinazione (Figura 3) in Italia, le caratteristiche degli sfarinati ottenuti dal frumento duro e dal frumento tenero sono fissate da 5

6 parametri legali (DPR. n 187 del 2001) (Tabelle 2-3). Per la semola, che rappresenta il prodotto della macinazione del frumento duro utilizzata per la produzione della pasta, viene imposto un valore massimo di ceneri di 0,90% su sostanza secca. Tale valore è anche quello massimo consentito nelle relative paste di semola di grano duro. In realtà la predetta legge consente anche la produzione di un altra semola meno raffinata, definita semolato, con tenore in ceneri massimo di 1,20% su sostanza secca. 6

7 Barbetta Endosperma amilifero Cellule dell endosperma con granuli di amido Pareti cellulosiche delle cellule ENDOSPERMA Strato delle cellule aleuroniche Epidermide nucellare Testa o spermoderma Cellule tubolari CRUSCA Cellule incrociate Ipodermide Epidermide Scutello Coleoptile Piumetta GERME Radice primaria Pileoriza Coleoriza Figura 1. Sezione longitudinale della cariosside di frumento (tratta da Cubadda e Quattrucci 1996) 7

8 Figura 2. Sezione trasversale della cariosside di frumento (tratta da Cubadda e Quattrucci 1996) 8

9 Figura 3. Frazioni della cariosside di frumento ottenute con la macinazione convenzionale 9

10 Tabella 1. Composizione della cariosside di frumento e delle differenti regioni anatomiche (g/100 g s.s.) Strati Proteine Lipidi Amido Zuccheri Pentosani Cellulosa Minerali riducenti Cariosside 14,0 2,1 68,8 2,3 7,7 2,7 1,9 intera Pericarpo 8,5 tracce tracce tracce 40,5 45,0 5,9 Aleurone 28,2 9,4 tracce tracce 45,2 4,1 12,0 Endosperma 12,0 1,6 82,0 1,6 1,4 0,3 0,6 Germe 30,5 11,8 0 30,5 7,5 2,3 6,2 10

11 Tabella 2. Classificazione merceologica degli sfarinati di frumento tenero (DPR n. 187 del 2001) È denominato farina di grano tenero il prodotto ottenuto dalla macinazione e conseguente abburattamento del grano tenero liberato dalle sostanze estranee e dalle impurità. È denominato farina integrale di grano tenero il prodotto ottenuto direttamente dalla macinazione del grano tenero liberato dalle sostanze estranee e dalle impurità. Le farine destinate alla panificazione sono prodotte nei tipi e con le caratteristiche seguenti: Tipo di denominazione Umidità massima % minimo Su cento parti di sostanza secca Ceneri massimo Proteine min. (azoto x 5,70) Farina di grano tenero tipo 00 14,50-0,55 9,00 Farina di grano tenero tipo 0 14,50-0,65 11,00 Farina di grano tenero tipo 1 14,50-0,80 12,00 Farina di grano tenero tipo 2 14,50-0,95 12,00 Farina integrale di grano tenero 14,50 1,30 1,70 12,00 È tollerata l immissione al consumo di farine di grano tenero con tenore di umidità fino al 15,50 per cento, a condizione che sulla relativa etichetta figuri la dicitura umidità massima 15,50 per cento. 11

12 Tabella 3. Classificazione merceologica degli sfarinati di frumento duro (DPR n. 187 del 2001) È denominato semola di grano duro, o semplicemente semola, il prodotto granulare a spigolo vivo ottenuto dalla macinazione e conseguente abburattamemto del grano duro, liberato dalle sostanze estranee e dalle impurità. È denominato semolato di grano duro, o semplicemente semolato, il prodotto ottenuto dalla macinazione e conseguente abburattamemto del grano duro, liberato dalle sostanze estranee e dalle impurità, dopo l estrazione della semola. È denominato semola integrale di grano duro, o semplicemente semola integrale, il prodotto granulare a spigolo vivo ottenuto direttamente dalla macinazione del grano duro liberato dalle sostanze estranee e dalle impurità. È denominato farina di grano duro il prodotto non granulare ottenuto dalla macinazione e conseguente abburattamento del grano duro liberato dalle sostanze estranee e dalle impurità. Gli sfarinati di grano duro destinati al commercio sono prodotti nei tipi e con le caratteristiche seguenti: Tipo di denominazione Umidità massima % minimo Su cento parti di sostanza secca Ceneri massimo Proteine min. (azoto x 5,70) Semola * 14,50-0,90 10,50 Semolato 14,50 0,90 1,35 11,50 Semola integrale di grano duro 14,50 1,40 1,80 11,50 Farina di grano duro 14,50 1,36 1,70 11,50 *Valore granulometrico alla prova di setacciatura: passaggio staccio con maglie di millimetri 0,180 di luce, massimo 25 per cento. È tollerata l immissione al consumo di sfarinati di grano duro con tenore di umidità fino al 15,50 per cento, a condizione che sulla relativa etichetta figuri la dicitura umidità massima 15,50 per cento. È consentita la produzione, da destinare esclusivamente alla panificazione ed al consumatore, di semola e di semolato rimacinati nonché di farina di grano duro. Negli sfarinati di frumento duro è tollerata la presenza di farina di grano tenero in misura non superiore al 3 per cento. 12

13 2. Innovazione tecnologica nella macinazione del frumento: la decorticazione pre-macinazione Sbramatura Il processo di sbramatura della granella dei cereali è nato dalla necessità di allontanare le glume e le glumelle dalla cariosside. Tale passaggio definito anche sgusciatura è stato applicato alla lavorazione delle cariossidi vestite di cereali quali farro, orzo, riso e ha lo scopo di allontanare gli stati protettivi che racchiudono/avvolgono la cariosside. Decorticazione La decorticazione ha, invece, lo scopo di allontanare le parti periferiche della cariosside (pericarpo e strato aleuronico) (Figura 4). Figura 4. Particolare degli strati esterni della cariosside Il processo di decorticazione allontanando una quantità di prodotto pari a circa il 6-9% del peso della cariosside produce una significativa modificazione nella 13

14 composizione chimico-nutrizionale della cariosside (Figura 5). In particolare nelle cariossidi decorticate si osserva un decremento del contenuto in fibra alimentare, ceneri, lipidi e proteine per l allontanamento del germe, degli strati del pericarpo e dello strato aleuronico (Figura 6). Fibra, solubile, insolubile e totale (g/100 y g (gs.s.) g ) SDF IDF TDF DC Carboidrati disponibile (g/100 g s.s.) % Decorticazione Figura 5. Relazione tra grado di decorticazione e il contenuto in: fibra insolubile (IDF), solubile (SDF), totale (TDF) e carboidrati digeribili (DC) (tratta da Marconi e Cubadda, 2005) 14

15 Lipidi e ceneri (g100 g s.s.) Lipidi Ceneri Proteine Proteine (g100 g s.s.) % Decorticazione Figura 6. Variazione del contenuto in proteine, lipidi e ceneri nelle cariossidi decorticate in funzione del livello di abrasione (tratta da Marconi e Cubadda 2005) Perlatura La perlatura/brillatura è invece un processo che allontana una maggiore quantità di strati periferici della cariosside (30-35%) e che quindi arriva ad intaccare l endosperma amilifero (Figura 7). Tale processo consente di ottenere una granella perlata/brillata adatta alla preparazione di minestre/risotti (orzo perlato, riso brillato). 15

16 Orzo/Frumenti vestiti Ventilazione Separatori con disco carter Calibrazione delle cariossidi 1 passaggio di perlatura Rimozione delle glumelle 2 passaggio di perlatura 3 passaggio di perlatura 4 passaggio di perlatura 5 passaggio di perlatura Rimozione dei residui di giumelle e di parte del pericarpo Rimozione dei residui del pericarpo e di parte del germe Rimozione dei residui del germe e di parte dello strato aleuronico Rimozione completa dello strato aleuronico e dello strato esterno dell endosperma Figura 7. Schema del processo di perlatura dell orzo (tratta da Izydorczyk et al 2002) Il processo di perlatura/brillatura si adatta perfettamente ai cereali che non presentano il solco ventrale (riso, orzo) mentre nel caso del frumento permangono strati tegumentali nell introflessione del solco ventrale (Figura 2). 16

17 Il processo di perlatura/brillatura prevede la rimozione successiva degli strati esterni della cariosside a partire dalle glume, il pericarpo e il germe mediante successivi passaggi di frizione e abrasione operata da rulli. La rimozione delle glume è il primo passaggio della perlatura, che comporta la perdita del 7-14% del peso della cariosside intera. Un ulteriore abrasione comporta la rimozione degli strati più esterni della cariosside (testa e pericarpo), aleurone, strato subaleuronico e germe, lasciando integro l endosperma amilifero. I passaggi successivi rimuovono gli strati più esterni dell endosperma amilifero. Gli scarti di perlatura/brillatura, che ammontano a circa il 30-40% del prodotto iniziale, vengono utilizzati esclusivamente per l alimentazione zootecnica, mentre l orzo perlato trova impiego nell alimentazione umana, soprattutto come ingrediente in zuppe, e minestre. Ultimamente è stato dimostrato che gli scarti del processo di perlatura/brillatura sono particolarmente ricchi in fitosteroli, tocoferoli e tocotrienoli ed hanno un discreto tenore in fibra alimentare solubile ed in composti bioattivi (Marconi 2004), per cui questi sottoprodotti hanno un elevato valore nutrizionale e possono essere utilizzati come ingredienti per la produzione di alimenti funzionali (Marconi et al. 2000; Candigliota et al 2005). Il processo di perlatura può essere applicato con successo anche al frumento e farro (Cubadda e Marconi, dati non pubblicati) per la preparazione di minestre e zuppe. A tal fine sono state effettuate prove di decorticazione/perlatura a differenti livelli ( %). Le valutazioni sensoriali e strumentali hanno evidenziato che all aumentare del grado di perlatura si ha una significativa riduzione del tempo di cottura e della consistenza del prodotto dal momento che la cinetica di idratazione/cottura è favorita dall assenza degli strati tegumentali più impermeabili e ricchi di sostanze fibrose. Sulla base dei risultati ottenuti in 17

18 questa sperimentazione si è osservato che il grado ottimale di decorticazione/perlatura per la realizzazione del frumento/farro perlato da destinare alla produzione di minestre è compreso tra il 12-15%. Tali valori sono infatti un buon compromesso tra caratteristiche nutrizionali e proprietà funzionali e sensoriali. Le cariossidi di frumento/farro perlate tuttavia presentano materiale tegumentale nel solco ventrale della cariosside dove le operazioni di frizione abrasione non possono operare. - Tecnologia della decorticazione pre-macinazione La classica macinazione del frumento prevede operazioni di frantumazione della cariosside seguite da operazioni di setacciatura per separare le parti cruscali esterne dall endosperma amilifero. Il processo di molitura del frumento pertanto non prevede un processo di rimozione degli strati cruscali periferici mediante azioni di abrasione/frizione della cariosside per la presenza di una accentuata invaginazione longitudinale nella parte ventrale inaccessibile all azione smerigliante della decorticazione che pertanto rende solo parzialmente utile tale processo nel caso della macinazione del frumento. La profonda invaginazione dei tegumenti a livello della faccia ventrale della cariosside ha costretto ad adottare operazioni di macinazione articolate e complesse rispetto a quelle di riso od orzo in cui il solco ventrale è assente (Figura 8). 18

19 Riso Frumento Decorticazione Macinazione Figura 8. Sezione trasversale della cariosside di riso e di frumento La decorticazione pre-macinazione, applicata dapprima al frumento tenero per ridurne l attività amilasica nel caso di cariossidi germinate, è stata vantaggiosamente trasferita al frumento duro in quanto si consegue un migliore grado di raffinazione degli sfarinati e la semplificazione del diagramma di macinazione con riduzione del numero delle macchine macinanti. Attualmente, sono noti due sistemi per la decorticazione premacinazione del frumento: la procedura Tkac o sistema TrigoTec e il processo detto PeriTec, diffuso dalla Satake Corporation. La procedura Tkac, consiste in due passaggi di frizione del chicco-chicco, seguiti da tre passaggi di abrasione della cariosside contro superfici abrasive, ognuno dei quali viene effettuato con macchine diverse (Figura 9) (Tkac 1992). Per facilitare l asportazione degli strati tegumentali, le operazioni di frizione e abrasione sono precedute da operazioni di umidificazione mediante aggiunta di limitate quantità 19

20 di acqua. Come indicato da Dexter et al., 1994, Dexter e Wood 1996, ad ogni passaggio di decorticazione si assiste all allontanamento di specifici strati tegumentali, aventi particolari caratteristiche compositive e che vengono raccolti separatamente. 20

21 Granella pulita acqua Condizionamento cella 1 macchina di frizione 2 macchina di frizione prodotto a cella 1 macchina di abrasione prodotto b 1 macchina di abrasione prodotto c aspirazione & raffreddamento Granella decorticata aspirazione bagnatura acqua Condizionamento macinazione Figura 9. Diagramma di decorticazione con il sistema Tkac 21

22 I sottoprodotti delle operazioni di frizione, rappresentati principalmente dal pericarpo, sono costituiti per lo più da fibra, mentre i sottoprodotti delle operazioni di abrasione, in cui è presente lo strato aleuronico, sono caratterizzati da una percentuale maggiore di proteine e fibra alimentare solubile, contrariamente a quanto avviene con il classico processo di macinazione che prevede l allontanamento degli strati esterni della cariosside contemporaneamente (Figura 10). Il processo PeriTec consente l allontanamento delle parti esterne della cariosside mediante operazioni di frizione seguite da operazioni di abrasione, che avvengono però in un unica macchina. Le cariossidi di frumento vengono convogliate nella camera di decorticazione delimitata da una lamina forata e attraversata da un asse centrale avente movimento rotatorio. Nella parte inferiore di questa camera, in prossimità della zona di alimentazione, l asse presenta un profilo a vite. Durante il movimento rotatorio dell albero, le cariossidi di frumento avanzano lungo il profilo della vite andando incontro a fenomeni di frizione e attrito. Nella parte superiore della camera di decorticazione, l asse centrale è dotato di mole abrasive che portano all allontanamento più energico delle parti tegumentali. Inoltre sono presenti dei sistemi di circolazione forzata dell aria per facilitare l allontanamento delle parti abrase. Nella Figura 11 è riportato in forma schematica il decorticatore sviluppato dalla Satake (Satake 1990, 2000). 22

23 Apertura/Rottura Rottura Rottura Rottura Macinazione convenzionale Cariosside Semola Semola Decorticazione Rottura Rottura Macinazione con premacinazione Crusca Semola Solco ventrale Figura 10. Confronto dei processi di macinazione convenzionale e macinazione con decorticazione preventiva della cariosside 23

24 Sezione di abrasione Sezione di frizione Figura 11. Rappresentazione schematica del decorticatore Satake VBW5A 24

25 3. Effetti della decorticazione pre-macinazione sulla performance molitoria e sulle caratteristiche degli sfarinati e dei prodotti finiti La pre-macinazione delle cariossidi di frumento, prima della macinazione vera e propria, rimuove, selettivamente gli strati del pericarpo, lo strato aleuronico ed una parte del germe, così come illustrato in Figura 12 dove sono riportati i risultati istologici di sei sezioni di cariossidi decorticate dal 1,4% al 22%. Dall esame al microscopio, si osserva che la decorticazione all 1,4% agisce fondamentalmente sugli strati cellulari più esterni del pericarpo; la decorticazione al 4,1% asporta gran parte degli strati cellulari del pericarpo lasciando intatto lo strato aleuronico, quest ultimo viene in parte rimosso applicando una decorticazione pari all 8,2%. La perlatura dal 13,7% al 22% in funzione dell intensità del trattamento abrasivo, provoca la rimozione progressiva dello strato aleuronico ricco in principi attivi di grande interesse nutrizionale. 25

26 Figura 12. Scansione con microscopio elettronico delle sezioni del frumento con differenti livelli di decorticazione: a) 0%; b) 1,4%; c) 4,1; d) e) 8,2%; f e g) 13,7%; h) 22,0% (tratta da Laca et al., 2006) 26

27 - Influenza sulla resa di macinazione Il sistema di decorticazone pre-macinazione del frumento permette di ottenere alcuni vantaggi quali la riduzione dei tempi di condizionamento, maggiore capacità produttiva degli impianti di molitura, minori consumi energetici come conseguenza di uno schema molitorio semplificato. Inoltre il processo di decorticazione determina una maggiore facilità di gestione del molino grazie ad un prodotto in circolo più sicuro dal punto di vista igienico sanitario. Per il frumento tenero, gli studi condotti sull inserimento delle operazioni di premacinazione mostrano che tale processo determina un aumento di resa e grado di raffinazione, tuttavia i dati bibliografici sono alquanto discordanti, poiché in alcune varietà di frumento tenero si è evidenziato un peggioramento degli stessi parametri. Secondo tali ricercatori, le differenze riscontrate nella risposta alla macinazione possono essere attribuibili alla morfologia della cariosside. Il trattamento di decorticazione può risultare più efficace se applicato a chicchi tondi e con un solco poco profondo (Henry et al 1987). Nel frumento duro il trattamento di decorticazione consente di migliorare la resa apparente di macinazione (Figura 13). Livelli di decorticazione (LD) pari all 8,3% sono associati ad un aumento del 4% della resa effettiva di macinazione mentre, livelli elevati di decorticazione (LD=19,5%) determinano un allontanamento eccessivo degli strati periferici della cariosside con una diminuzione della resa (Pagani et al 2001). Anche Cubadda e Marconi (dati non pubblicati) hanno osservato che una decorticazione che rimuove il 8-10% della cariosside di frumento duro determina una maggiore resa in semola rispetto allo stessa granella non decorticata, mentre 27

28 un trattamento di abrasione più accentuato provoca un decremento della stessa resa resa apparente resa reale 70 Resa % ND LD 8,3% LD 14,0% LD 19,5% Figura 13. Resa percentuale in semola in funzione del livello di decorticazione (LD) della granella (tratta da: Pagani et al., 2001) Un fattore determinante ai fini della resa in sfarinati è rappresentato dalla durezza del chicco: varietà di frumento caratterizzate da una elevata hardness (quale è il caso del frumento duro), risultano più resistenti all abrasione della mandorla durante le fasi finali della decorticazione e, quindi meno soggette a perdite di amido nei sottoprodotti. Non va infine sottovalutata la quantità di chicchi spezzati che a causa dell intensa azione meccanica, aumenta progressivamente con l abrasione. La percentuale di tale frazione è uno degli indici che definisce la qualità merceologica della granella e perciò il suo valore commerciale (Pagani et al., 2001). 28

29 - Miglioramento della qualità molitoria La decorticazione pre-macinazione del frumento può rappresentare un interessante sistema per migliorare la qualità molitoria degli sfarinati. L abrasione preventiva del frumento duro consente di ottenere semole con un grado di raffinazione superiore alla semola di riferimento a parità di resa di estrazione in quanto la semola è caratterizzata da una minore puntatura, sia come punti neri che parti cruscali rosso-brune grazie all eliminazione della volpatura superficiale provocata da muffe fungine appartenenti in particolare alla specie Alternaria che si sviluppano sulla superficie della cariosside quando le condizioni climatiche nella fase di maturazione e raccolta non sono favorevoli (elevata umidità e presenza di piogge). L indice di giallo di tali semole, risulta tuttavia scarsamente influenzato dalla severità del trattamento di abrasione. L azione meccanica di abrasione, responsabile di un incremento dei chicchi spezzati, non sembra influire sulla frazione di amido danneggiato, parametro implicato nella suscettibilità al danno termico della pasta (Tabella 4). Tabella 4. Indici di qualità della semola in funzione del livello di decorticazione (LD) del chicco di frumento duro LD (%) Puntature (n /dm) Nere Brune Indice di giallo Amido danneggiato (% s.s.) nessuno 8,3 14,0 19, ,23 19,61 19,76 20,13 3,61 3,96 3,67 3,94 Fonte: Pagani et al.,

30 -Influenza della decorticazione pre-macinazione sulle caratteristiche chimiche degli sfarinati Il contenuto in ceneri è il principale parametro chimico preso in considerazione per valutare il grado di raffinazione degli sfarinati tanto che, in Italia, il contenuto in minerali delle diverse tipologie di sfarinati di frumento tenero e duro è stabilito per legge (DPR n 180 del 2001)(Tabelle 2 e 3). Il trattamento di pre-macinazione tende a contenere il trasferimento di frazioni ricche in minerali (strato aleuronico) negli sfarinati che risultano di conseguenza maggiormente raffinati a parità di resa di macinazione. Forder 1997 ha trovato che un grado di decorticazione dell 11% per il frumento tenero e del 13% per il frumento duro rappresenta il livello ottimale di abrasione per ridurre il contenuto in ceneri degli sfarinati (Figura 14). Livello ottimale di abrasione frumento duro % ceneri Livello ottimale di abrasione frumento duro % di decorticazione Figura 14. Contenuto in ceneri nelle cariossidi decorticate di frumento duro e frumento tenero in funzione del grado di decorticazione (tratta da Forder 1997) 30

31 Il miglioramento del grado di raffinazione attribuibile al processo di decorticazione soprattutto per il frumento duro è evidente se si confrontano i valori del contenuto in ceneri della semola derivante da granella decorticata e non decorticata. In uno studio condotto da Cubadda e Marconi sul trattamento di premacinazione del frumento duro è emerso che con una decorticazione del 12% si può ottenere a parità di resa di macinazione una semola con un più basso tenore in ceneri (0,79% s.s. rispetto a 0,88% s.s. del grano non decorticato). - Influenza della decorticazione pre-macinazione sull attività enzimatica Un aspetto positivo associato alla decorticazione del frumento è legato alla minore presenza/attività degli enzimi amilolitici negli sfarinati ottenuti. Tale risultato, di grande importanza nei processi di panificazione e pastificazione, è dovuto alla preventiva rimozione dello strato aleuronico e del germe, tessuti ricchi in enzimi idrolitici. Alcuni studi riguardanti l applicazione del processo di decorticazione nella filiera del frumento tenero, hanno valutato la possibilità di recuperare, per uso alimentare, la granella interessata a fenomeni di pregerminazione o sprout damage e, come tale non adatta alla panificazione. Gli enzimi amilolitici, sintetizzati durante le prime fasi della germinazione e localizzati prevalentemente nello strato aleuronico della cariosside, possono venire allontanati in maniera più efficace rispetto a quanto già assicurato dalla macinazione se questo processo è preceduto dalla decorticazione, consentendo alla farina di recuperare le normali proprietà panificatorie (Liu et al 1986). Henry et al 1987 effettuando prove sperimentali in laboratorio hanno messo in evidenza che la decorticazione del frumento tenero germinato permette di ridurre l attività amilasica del 40% circa nelle cariossidi decorticate e del 30% circa nella 31

32 relativa farina rispetto alla granella/farina non sottoposta a decorticazione. In presenza di frumento tenero non germinato gli stessi autori non hanno conseguito riduzioni significative dell attività enzimatica. Nel comparto del grano duro la riduzione dell attività amilasica degli sfarinati mostra interessanti vantaggi. Pagani et a 2001 utilizzando un impianto di laboratorio Satake, hanno riscontrato nelle cariossidi di frumento duro decorticate contenuti di enzimi amilolitici inferiori del 60-70% rispetto alle cariossidi non decorticate e nelle rispettive semole quantità di amilasi inferiori del 30% rispetto a quelle ottenute senza trattamento preventivo. L azione delle amilasi sull amido danneggiato di una semola determina un incremento di zuccheri riducenti ed un sistema più reattivo verso la reazione di Maillard. L impiego di cicli di essiccamento ad alta temperatura per la produzione di pasta, sebbene assicuri un ottimo comportamento in cottura della pasta, è inevitabilmente associato ad un elevato danno termico del prodotto finito e, di conseguenza, ad una riduzione del valore nutrizionale dell alimento. Tutti i trattamenti in grado di limitare e/o ridurre l attività amilasica della semola come la decorticazione premacinazione sono pertanto utili per contenere il danno termico (imbrunimento non enzimatico) durante il processo di plastificazione (Pagani et al 2000). Infatti, campioni di pasta ottenuti da semole di grano preventivamente decorticato hanno mostrato livelli di furosina (indicatore della prima fase della Reazione di Maillard (detta anche di imbrunimento non enzimatico) minori del 20-30% rispetto al contenuto in furosina riscontrato nelle corrispondenti paste ottenute da granella non decorticata. Le proprietà sensoriali delle paste ottenute con semola 32

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

FUMONISINE NEL MAIS E NEI PRODOTTI DELLA MACINAZIONE

FUMONISINE NEL MAIS E NEI PRODOTTI DELLA MACINAZIONE FUMONISINE NEL MAIS E NEI PRODOTTI DELLA MACINAZIONE OGGETTO 1. Contaminazione da Fumonisine nel mais italiano allo scopo di individuare la quota di mais che rimane al di sotto dei limiti massimi proposti;

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Legge 15 febbraio 1963 n 281 Disciplina della preparazione e del commercio dei mangimi.

Legge 15 febbraio 1963 n 281 Disciplina della preparazione e del commercio dei mangimi. Legge 15 febbraio 1963 n 281 Disciplina della preparazione e del commercio dei mangimi. Doc. 263A0281.900.htm di Origine Nazionale emanato da: Presidente della Repubblica e pubblicato su: Gazzetta Uff.

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

Facciamoci due conti

Facciamoci due conti Facciamoci due conti Ma alla fine quanto si guadagna a coltivare canapa? la domanda sorge spontanea ed è più che legittima, specie considerando il panorama deprimente dell agricoltura in Italia ai giorni

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011)

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011) 1) Codice di identificazione unico: 0/4-GF 85 2) Numero di tipo: SABBIA ASTICO 3) Uso previsto di prodotto: UNI EN 12620- Aggregati per calcestruzzo; rilasciato il Certificato di conformità del controllo

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

Livello intermedio DAL GRANO AL PANE

Livello intermedio DAL GRANO AL PANE Livello intermedio DAL GRANO AL PANE Indice Storia del pane 4 Selezione dei cereali 5 Cerealicoltura 6 Dal mugnaio 7 Dal panettiere 8 I tipi di pane 9 Il pane nell alimentazione 10/11 Il pane nelle usanze

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

Funghi e micotossine

Funghi e micotossine Funghi e micotossine Roberto Causin, Dipartimento TeSAF, Sezione Patologia Vegetale, Università degli Studi di Padova 1.1 Aspetti generali Si conoscono decine di generi e specie fungine (muffe) in grado

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia VINCENZO FEDELE E GIOVANNI ANNICCHIARICO C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia Stalla Pascolo DECIDE L ALLEVATORE DECIDE L ANIMALE Scelta alimenti Scelta alimenti (Vegetazione) Quantità (limitata)

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza 10. sicurezza La dei tuoi cibi dipende anche da te sicurezza 10. La sicurezza dei tuoi cibi dipende anche da te Oggi i consumatori sono sempre più attenti alle questioni della sicurezza degli alimenti,

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

DIAMO VOCE ALLE SEMENTI!

DIAMO VOCE ALLE SEMENTI! DIAMO VOCE ALLE SEMENTI! POTRA L EUROPA RINUNCIARE ALL INNOVAZIONE VARIETALE? LA NOSTRA VISIONE L innovazione legata alle sementi deve essere alla base della filiera alimentare, per stimolare lo sviluppo

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Le applicazioni della Dome Valve originale

Le applicazioni della Dome Valve originale Le applicazioni della Dome Valve originale Valvole d intercettazione per i sistemi di trasporto pneumatico e di trattamento dei prodotti solidi Il Gruppo Schenck Process Tuo partner nel mondo Il Gruppo

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Ogni giorno gettiamo il seme della qualità

Ogni giorno gettiamo il seme della qualità Ogni giorno gettiamo il seme della qualità La qualità scivola tra gesti semplici Una vocazione dalle radici profonde Ieri è già domani La molitura del grano è una preziosa tradizione che si tramanda di

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA.

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT ALPHA ORIENT Il colore è ovunque, basta saperlo cercare. Finitura altamente decorativa

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP)

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Art. 1 La Denominazione di Origine Protetta Castelmagno è riservata esclusivamente al formaggio che risponde

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

Aspetti tecnologici di panetteria e pasticceria

Aspetti tecnologici di panetteria e pasticceria 1 Aspetti tecnologici di panetteria e pasticceria Le proprietà tecnologiche della farina La farina, come abbiamo già detto, è un prodotto ricavato dalla macinazione e successivo abburattamento del grano.

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

L'importanza di una corretta carteggiatura

L'importanza di una corretta carteggiatura L'importanza di una corretta carteggiatura La preparazione delle superfici, ed in particolare la carteggiatura, concorrono al risultato finale del trattamento di pitturazione, giocando un ruolo fondamentale

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

I l Cotto Nobile Arrotat o

I l Cotto Nobile Arrotat o I l Cotto Nobile Arrotat o RAPPORTO DI PROVA N. 227338 Data: 25062007 Denominazione campione sottoposto a prova: NOBILE ARROTATO UNI EN ISO 105454:2000 del 30/06/2000 Piastrelle di ceramica. Determinazione

Dettagli

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE ASO S. Croce e Carle di Cuneo C.I.O. COMITATO INFEZIONI OSPEDALIERE DOCUMENTO DESCRITTIVO TITOLO CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE Data di emissione: 20 aprile 2004 revisione n

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Lineamenti di storia del Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture e Cereali Leopoldo Cassibba 1

Lineamenti di storia del Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture e Cereali Leopoldo Cassibba 1 Lineamenti di storia del Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture e Cereali Leopoldo Cassibba 1 Introduzione L elaborato ripercorre l evoluzione del CAPAC (Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture

Dettagli

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi.

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi. STORIA E TRADIZIONE La Pasticceria Orlandi nasce per volontà di Romano Orlandi che dopo una lunga gavetta nelle più famose pasticcerie milanesi, nel 1952 decide di mettersi in proprio aprendo il suo negozio

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani Gli alimenti lasciati all aria e soprattutto a temperatura ambiente subiscono, presto o tardi, modificazioni delle loro caratteristiche organolettiche:

Dettagli

Gli impianti di depurazione. I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti

Gli impianti di depurazione. I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti from Master Builders Solutions I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti Indice : schema generale Tipo e grado di aggressione

Dettagli

Utensili diamantati con legante galvanico Lavorazione di ghisa grigia e ghisa sferoidale

Utensili diamantati con legante galvanico Lavorazione di ghisa grigia e ghisa sferoidale Utensili diamantati con legante galvanico Lavorazione di ghisa grigia e ghisa sferoidale Efficace ottimizzazione del processo di pulitura della ghisa Grande convenienza economica grazie alla durata ed

Dettagli

Pane 100% farina di grano saraceno

Pane 100% farina di grano saraceno Questa ricetta l'ho elaborata grazie ai preziosi consigli di un grande chef e amico, ovvero il titolare del Ristorante dal Sem ad Albissola Superiore Sv (http://www.ristorantedasem.it/). Uno sguardo al

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO

CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO LA PRODUTTIVITÀ HA UN NUOVO LOGO ED UNA NUOVA IMMAGINE resentiamo il nuovo logo e il nuovo pay off aziendali in un momento P storico della realtà Laverda, contraddistinto

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

Gli organismi viventi

Gli organismi viventi Gli organismi viventi Gli organismi viventi Quali caratteristiche contraddistinguono i viventi? È facile distinguere un organismo vivente da un oggetto non vivente? Gli organismi viventi Tutti gli organismi

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli