UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI Dipartimento discienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Via E. De Nicola Sassari Tel /3 Fax Partita IVA Ragione Sociale Università di Sassari Facoltà di Agraria Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Indirizzo Via E. De Nicola, Sassari Telefono Fax Rappresentante Legale Il Rettore (Alessandro Maida) Referente per il Programma Prof. Francesco Giunta, Telefono Tipologia X Università Breve Presentazione del Soggetto Proponente Operante in Sardegna Il Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria della facoltà di agraria di Sassari si occupa di ricerca e didattica nel campo dell agronomia, delle coltivazioni erbacee, della genetica e del miglioramento genetico delle piante coltivate, ed in particolare dei seguenti argomenti: - raccolta, conservazione, caratterizzazione, selezione, valorizzazione e moltiplicazione di germoplasma di specie erbacee spontanee e coltivate; - tecniche agronomiche innovative in colture erbacee food e non food ; - eco-fisiologia; - impatto agro-ambientale; - sistemi colturali sostenibili. Questa azione a più livelli mira alla comprensione dei fenomeni biologici e fisici che si verificano nel sistema suolo pianta atmosfera al fine di guidarli verso l ottenimento di produzioni qualiquantitativamente superiori attraverso un uso sostenibile delle risorse. Nel settore della ricerca riguardante il frumento duro il Dipartimento collabora attivamente con il CRAS (Centro Regionale Agrario Sperimentale della Sardegna) e l ERSAT (Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura), a livello regionale; con il Dipartimento di Biologia e Chimica Agro Forestale e Ambientale - Sezione di Genetica e Miglioramento Genetico dell Università degli Studi di Bari e con l Istituto Sperimentale per la Cerealicoltura di Roma, a livello nazionale; con la Canadian Grain Commission di Winnipeg (Canada) e con il CSIRO (Australia s Commonwealth Scientific and Industrial Research Organisation), a livello internazionale.

2 Programma di Inserimento Lavorativo Obiettivi Studio e miglioramento della qualità panificatoria della semola di frumento duro e validazione di modelli previsionali delle performance qualitative del frumento in ambiente mediterraneo. Il Programma prevede la realizzazione di due Piani di Inserimento Lavorativo: 1. Valorizzazione qualitativa del frumento duro per la produzione di prodotti tipici ; 2. Validazione di modelli di simulazione colturale per la previsione delle performance qualiquantitative di frumento duro coltivato in ambiente mediterraneo. Sebbene la principale forma di utilizzazione del frumento sia rappresentata dall industria della pastificazione, una quota sempre più elevata è destinata alla panificazione per la produzione di una notevole varietà di pani tipici. La panificazione con frumento duro in Sardegna risulta pressoché polverizzata a livello di piccoli laboratori. Le attività di ricerca previste nel Programma forniranno un significativo contributo nel migliorare e rendere costante la qualità delle semole al fine di stimolare il comparto della panificazione industriale del frumento duro e conferire ai prodotti tipici della Sardegna una maggiore competitività sul mercato. La crescente tendenza alla valorizzazione dei prodotti tipici locali di qualità, contrapposta alla standardizzazione imposta dalla globalizzazione, rappresenta uno stimolo verso interventi mirati al miglioramento della qualità ed alla valorizzazione del patrimonio varietale locale. Per il frumento duro il miglioramento della qualità della granella consentirebbe, attraverso il superamento della rigidità della domanda, la possibilità di una maggiore remunerabilità del prodotto ed un generale miglioramento dell efficienza produttiva dell intera filiera, attualmente scarsa soprattutto a causa della eccessiva frammentazione e scarsa caratterizzazione a livello di industria di trasformazione. La produzione di pane e prodotti da forno da farine e semole di frumento duro è parte integrante delle tradizioni della Sardegna, anche se fino ad ora il frumento duro non è mai stato migliorato specificamente per questa utilizzazione. Il recupero di germoplasma locale per tale lavoro di miglioramento assume valenze economiche a causa del legame prodotto-territorio, legame il cui rafforzamento risulta essenziale per la valorizzazione delle produzioni locali tipiche. L attitudine tecnologica della semola dipende dal genotipo, dall ambiente pedo-climatico di coltivazione e dalla loro interazione. La prima scelta per l agricoltore riguarda la cultivar più adatta ai fini dell ottenimento di un determinato prodotto finito. Le caratteristiche richieste per la produzione dei diversi tipi di pani locali differiscono notevolmente, basti pensare alla differenza tra il pane carasau e la pasta dura in termini di tessitura, aroma, serbevolezza. Purtroppo non esiste una varietà così versatile da garantire elevati standard di qualità nei diversi processi di trasformazione. Negli ultimi anni il lavoro di miglioramento genetico ha portato alla costituzione di varietà in grado di fornire semole adatte alla produzione di pasta, migliorate per caratteri quali il contenuto in glutine, l indice di glutine, il colore, la tenuta alla cottura. Inevitabilmente i caratteri associati ad una elevata attitudine panificatoria sono stati trascurati andando incontro al rischio di perdere le nostre migliori produzioni tipiche. La performance qualitativa di un genotipo dipende dalla sua interazione con l ambiente di coltivazione, inteso principalmente come clima (andamento termico e pluviometrico durante la fase di granigione) e condizioni agronomiche dovute all intervento antropico (disponibilità di nutrienti, in particolare azoto). L azoto è il primo fattore che influenza la concentrazione di proteine della granella. Si capisce quale sia la necessità di quantificare nel tempo e nello spazio gli effetti della concimazione azotata su una determinata cultivar. In generale, in una agricoltura moderna, è fondamentale che sia quantificato l effetto complessivo delle scelte agronomiche e della variabilità climatica sulla qualità di colture come il frumento il cui prezzo è stabilito anche in base alla concentrazione proteica della granella. A tale scopo rivestono ruolo di primo piano i modelli di simulazione colturale che possano rappresentare i processi che interessano l azoto nella pianta e nel suolo e che riproducano il risultato dell interazione cultivar-ambiente.

3 Attività previste Il Dipartimento dispone di campioni di semola e di biomassa di frumento duro provenienti da prove sperimentali condotte nelle precedenti annate agrarie ed opportunamente conservati in cella frigorifera. Si tratta di campioni provenienti da una collezione di germoplasma creata dal Dipartimento, nel corso dell ultimo decennio, e formata da accessioni di frumento duro aventi differente origine spaziale e temporale: la collezione contiene germoplasma proveniente da differenti areali di coltivazione del bacino del Mediterraneo e appartenente a specifiche tappe del lungo processo di miglioramento genetico cui la specie è stata sottoposta. Principalmente essa include due grandi gruppi: - landraces e selezioni genealogiche. Si tratta delle prime popolazioni di frumento duro domesticate ed utilizzate fino agli anni 40. Si trovano popolazioni sarde, siciliane, calabresi e pugliesi insieme a popolazioni nord africane la cui coltivazione si era estesa anche all Italia; - varietà coltivate nel trentennio , basate sulla singola linea pura ed ottenute per selezioni da popolazioni segreganti derivanti da incroci sia inter- che intra-specifici o da mutagenesi. In questo gruppo non sono ancora presenti i geni Rht 1 responsabili della riduzione della taglia, presenti invece in tutte le moderne varietà. La collezione è stata coltivata, insieme ad un gruppo di cultivar moderne utilizzate come testimoni, in diverse condizioni ambientali in termini di disponibilità di azoto somministrato attraverso la concimazione (quantità e tipo di concime) e di condizioni termo-fotoperiodiche nel periodo compreso tra la fioritura e la maturazione. La variazione delle condizioni termiche durante la granigione è stata ottenuta realizzando diverse epoche di semina in modo da far variare la lunghezza di tutte le fasi fenologiche della coltura. La temperatura influenza significativamente la qualità delle semole attraverso la sua azione sui processi di polimerizzazione dei componenti proteici del glutine. Tale effetto, insieme all effetto dei diversi tipi di concimazione azotata, verrà quantificato attraverso le analisi di qualità cui saranno sottoposti i campioni. In particolare verranno determinati: peso di 1000 semi, peso ettolitrico, indici alveografici, indici mixografici, contenuto in glutine e indice di glutine, rapporto gliadine/glutenine, rapporto tra le diverse frazioni gluteniniche (HMW/LMW), profilo elettroforetico delle proteine di riserva, prove di panificazione e pastificazione in laboratorio e valutazione del prodotto ottenuto. La disponibilità di azoto per la coltura interagisce con la disponibilità idrica durante il ciclo colturale: l ottimizzazione della dose di azoto per il miglioramento qualitativo della produzione (l aumento della concentrazione proteica non porta necessariamente ad un miglioramento della qualità del glutine) si scontra inevitabilmente con la aleatorietà dell andamento pluviometrico della Sardegna, tipica dell ambiente mediterraneo. Per affrontare questa variabilità si valideranno i modelli di simulazione colturale creati in Australia dove vaste aree investite a cereali subiscono stress termo-pluviometrici da clima mediterraneo. La maggior parte dei modelli sono stati calibrati e validati per il frumento tenero e poca bibliografia è disponibile per il frumento duro. Una volta accertata la capacità del modello di simulazione scelto di rappresentare il complesso sistema atmosfera-pianta-suolo della coltura nell ambiente di interesse, si procederà a trasferire nel tempo e nello spazio le informazioni ottenute mediante la sperimentazione (dati pedo-climatici e dati colturali utilizzati per testare il modello). Avvalendosi di un modello climatico capace di fornire previsioni meteorologiche l entità dell effetto della concimazione azotata piuttosto che della temperatura o della disponibilità idrica potrà essere valutata nel lungo periodo. Durante la realizzazione del Programma di Inserimento Lavorativo i Soggetti beneficiari saranno coinvolti attivamente nelle attività di ricerca del Dipartimento, lavoreranno in laboratorio, parteciperanno alla elaborazione ed analisi dei dati sperimentali, forniranno il loro contributo fondamentale alla stesura di pubblicazioni scientifiche e divulgative.

4 Risultati Attesi I dati raccolti attraverso le analisi di laboratorio serviranno all individuazione delle accessioni della collezione dotate delle caratteristiche qualitative più interessanti ai fini della produzione di pani tipici di qualità ed alla quantificazione dell effetto dell ambiente su tale attitudine. Questo tipo di valutazione rappresenta un primo e fondamentale passo nella costruzione di un disciplinare di produzione di un prodotto tipico. Il quesito al quale si cercherà di dare una prima risposta è: Quanto le condizioni ambientali influenzano l attitudine di un genotipo a fornire semola adatta alla produzione di spianata piuttosto che pasta dura, pane carasau, etc.?. Ci si aspetta di produrre dati utili ad un processo di caratterizzazione del prodotto tipico che stimoli l eventuale costituzione di un marchio di qualità e offra un opportunità di difesa dell intero sistema di produzione, in relazione ad eventuali effetti imitativi già verificatisi per alcune produzioni agro-alimentari. La validazione di un modello di simulazione della crescita e dello sviluppo del il frumento duro in ambiente mediterraneo ne consentirà l utilizzo come strumento per individuare le migliori scelte agronomiche realizzabili in un dato ambiente per ottimizzare la qualità della semola di frumento duro prodotto in Sardegna. L utilizzo dei modelli di simulazione colturale consentirà di acquisire informazioni relative agli effetti della concimazione azotata e dell epoca di semina sulle diverse ipotetiche combinazioni cultivar-suolo-clima, presenti e future. L analisi della struttura del modello consentirà di individuare le relazioni più robuste nel simulare i processi di trasformazione nel sistema suolo-pianta. Le analisi condotte attraverso l uso della cromatografia liquida in fase inversa consentiranno di costruire le basi per la modellizzazione dell accumulo delle diverse frazioni proteiche del glutine nel corso della fase di riempimento della cariosside. Piano di Lavoro Il lavoro che si intende realizzare consiste nel valutare la variabilità genetica presente all interno della collezione di germoplasma per quanto riguarda i parametri di valutazione della qualità del glutine attraverso la realizzazione delle necessarie analisi di laboratorio. Si procederà scegliendo i campioni da sottoporre a sperimentazione tra quelli già raccolti dal Dipartimento in precedenti prove sperimentali. Si valuterà anche l opportunità di realizzare prove ad hoc presso le Stazioni Sperimentali della Facoltà di Agraria di Sassari per produrre nuovi campioni di semola. Si cercherà poi di stabilire una corretta relazione tra la composizione proteica e le caratteristiche reologiche delle semole al fine di individuare i genotipi con le migliori caratteristiche per la produzione di pane e prodotti da forno tipici. L analisi di campioni provenienti da differenti condizioni pedo climatiche di coltivazione consentirà di quantificare l effetto della componente ambientale sul genotipo e quello dell interazione genotipo x ambiente. Saranno preparati data set completi da usare per la validazione del modello di simulazione colturale che si sceglierà di testare. Gli output forniti dal modello saranno confrontati con i dati sperimentali per valutarne la precisione nel predire le performance quali-quantitative di differenti cultivar di frumento duro sottoposte a diversi stress ambientali. Il modello verrà utilizzato per produrre scenari futuri su quella che saranno le problematiche associate alla produzione quali-quantitativa del frumento duro in base al mutare delle condizioni climatiche, previsto attraverso l uso di modelli di previsione meteorologica nel lungo periodo. Sono previste all interno del Programma delle missioni presso Centri di Ricerca di riconosciuto prestigio internazionale in relazione alle tematiche di ricerca che saranno sviluppate. Il costo di tali missioni è a completo carico del Dipartimento di Scienze agronomiche e genetiche Vegetale Agraria della facoltà di Agraria di Sassari. Numero di borse per piano: 1

5 Piano di Inserimento Lavorativo Titolo: Valorizzazione qualitativa del frumento duro per la produzione di prodotti tipici. Obiettivi formativi Il Soggetto beneficiario della Borsa di Ricerca all interno del Piano di Inserimento lavorativo acquisirà le capacità necessarie per condurre con professionalità l attività di ricerca scientifica. L attività di laboratorio consentirà di raccogliere una grande mole di dati che il Soggetto beneficiario potrà elaborare ed analizzare affiancato da personale altamente qualificato. La frequentazione del Dipartimento consentirà di partecipare attivamente alle attività di ricerca ivi condotte affiancando futuri Dottori Agronomi nella stesura della tesi di laurea, lavorando a contatto con ricercatori operanti in Centri di Ricerca esteri, presentando seminari di approfondimento sulle materie oggetto di ricerca. In particolare sono previste all interno del Piano di Inserimento Lavorativo missioni finalizzate alla frequentazione di Centri di Ricerca di riconosciuta fama internazionale per migliorare la conoscenza delle più innovative tecniche di analisi delle semole di frumento duro. Il Soggetto beneficiario potrà usufruire della partecipazione finanziaria garantita dal Dipartimento per partecipare a Workshop o Convegni riconosciuti a livello internazionale. Obiettivi Professionali Ci si prefigge lo scopo di creare un figura professionale in grado di gestire l attività di ricerca nel settore della qualità del frumento duro all interno del Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria della Facoltà di Agraria di Sassari. Il crescente interesse per la produzione di prodotti tipici di qualità da parte delle aziende agro alimentari locali stimola la nascita di una figura professionale in grado di condurre un laboratorio di qualità per il frumento duro. Le competenze maturate durante il Piano di Inserimento Lavorativo potranno consentire l inserimento del Soggetto beneficiario nel mondo del lavoro, oltre che nel settore della ricerca, anche nel campo della assistenza tecnica alle Ditte, Cooperative, etc. che producono pane e prodotti da forno locali. Piano Analitico delle Attività Formative e Professionali Il Soggetto beneficiario svolgerà attività di laboratorio presso le strutture dell Università ed altre strutture pubbliche e private dislocate sul territorio della Sardegna e dotate di strumentazione adatta alla caratterizzazione qualitativa delle semole. Si prenderanno contatti con aziende produttrici di pani tipici per avviare attività di collaborazione con l Università di Sassari che saranno coordinate dal Soggetto beneficiario. Lo stesso lavorerà affiancato dal referente del Programma di Inserimento Lavorativo alla stesura di pubblicazioni scientifiche e divulgative riguardanti il miglioramento della qualità del frumento duro ai fini della panificazione. Il Soggetto beneficiario compirà missioni presso laboratori nazionali ed esteri al fine di acquisire nuove competenze da utilizzare per migliorare l attività di ricerca del Dipartimento. Requisiti Professionali Richiesti Per la realizzazione del Piano di Inserimento Lavorativo n. 1 Valorizzazione qualitativa del frumento duro per la produzione di prodotti tipici si richiede una figura professionale che abbia i seguenti requisiti: Requisiti professionali di entrata obbligatori a cui non viene attribuita nessuna valutazione: Diploma di Laurea in Scienze Agrarie, Scienze e Tecnologie Agrarie o equipollenti. Elementi valutabili dall Organismo Proponente sottoforma di griglia con un punteggio massimo attribuibile di 40 punti:

6 Requisiti Punteggio Dottorato di Ricerca Dottorato di Ricerca in Agrometeorologia ed Ecofisiologia dei Sistemi Agrari e 15 Forestali con elaborazione di una tesi riguardante la risposta fisiologica del frumento duro in ambiente mediterraneo Altri Dottorati di Ricerca attinenti alle tematiche da sviluppare 5 Nessun Dottorato di Ricerca 0 Esperienza di laboratorio nell analisi delle proprietà delle semole Si richiede la conoscenza delle analisi sulle proteine del glutine (indice di glutine e MAX 5 glutine secco, indici alveografici e mixografici, dosaggio delle componenti proteiche attraverso spettrometria, caratterizzazione delle proteine attraverso cromatografia liquida in fase inversa (RP-HPLC), elettroforesi delle proteine di riserva (A-PAGE e SDS-PAGE) Esperienza di lavoro in gruppi di ricerca internazionali in relazione alle tematiche MAX 5 da sviluppare Altre esperienze lavorative Si richiede precedente esperienza professionale (Borse di Studio, Contratti di MAX 10 Collaborazione, etc.) nel settore della valorizzazione della produzione di frumento duro ai fini della pastificazione e panificazione Conoscenza della lingua inglese Livello di conoscenza riconosciuto da certificazioni con validità internazionale (First 5 Certificate, TOEFL Certificate) Nessuna conoscenza o livello elementare 0 Piano di Valorizzazione Professionale del Beneficiario Il Soggetto beneficiario della Borsa di Ricerca sarà coinvolto come partecipante attivo nella formulazione e realizzazione dei futuri progetti di ricerca del Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria della Facoltà di Agraria di Sassari riguardanti le tematiche sviluppate. Le competenze acquisite saranno considerate requisito preferenziale per l assunzione del Soggetto presso il Dipartimento come collaboratore a progetto, assegnista di ricerca, etc. Durata del Piano di Inserimento Lavorativo (mesi) Ventiquattro (24) mesi.

Triennio 2002 / 2004. (Attività di ricerca e sperimentazione agraria d'interesse regionale finanziata dalla Regione Marche ai sensi della L.R.

Triennio 2002 / 2004. (Attività di ricerca e sperimentazione agraria d'interesse regionale finanziata dalla Regione Marche ai sensi della L.R. Valutazione tossicologica, tecnologica e agronomica di cereali per lo sviluppo di genotipi a basso contenuto di fattori tossici connessi alla intolleranza al glutine Triennio 2002 / 2004 (Attività di ricerca

Dettagli

Dal seme alla farina: metodi tradizionali e innovativi per la tracciabilità genetica dei cereali

Dal seme alla farina: metodi tradizionali e innovativi per la tracciabilità genetica dei cereali Dal seme alla farina: metodi tradizionali e innovativi per la tracciabilità genetica dei cereali Chiara Delogu Lorella Andreani SCS- Centro per la sperimentazione e certificazione delle sementi SEME Materiale

Dettagli

Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine

Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine FERTILIZZAZIONE RISULTATI DI UNA SPERIMENTAZIONE BIENNALE SU 4 VARIETÀ Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine L azoto è fondamentale per arrivare a rese soddisfacenti nei frumenti

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Mappe di conducibilità elettrica Descrizione estesa del risultato Le mappe ottenute con il cokriging per le variabili di induzione elettromagnetica (EMI) sembrano rivelare

Dettagli

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento dossier FRUMENTO 2 I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento Aumentare la resa del frumento, e contemporaneamente anche la qualità, è possibile solo con una concimazione azotata continua

Dettagli

Programma di Tirocinio/Stage. Metodologie e modelli per la quantificazione delle emissioni di CO 2 dal suolo negli ecosistemi agrari e forestali

Programma di Tirocinio/Stage. Metodologie e modelli per la quantificazione delle emissioni di CO 2 dal suolo negli ecosistemi agrari e forestali Al Consorzio 21 Edificio 2- Polaris Programma Master and Back Loc. Piscina Manna 9010 Pula Programma di Tirocinio/Stage Metodologie e modelli per la quantificazione delle emissioni di CO 2 dal suolo negli

Dettagli

Aspetti quantitativi e qualitativi della produzione di frumento duro in Campania. Annata agraria 2009-2010

Aspetti quantitativi e qualitativi della produzione di frumento duro in Campania. Annata agraria 2009-2010 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II AZIENDA AGRARIA TORRE LAMA Via G. Fortunato, 3 84092 BELLIZZI ITALY Tel/Fax.: +39 089 51110 Convenzione tra Pastificio Lucio Garofalo e Azienda Torre Lama Aspetti

Dettagli

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Legge Regione Umbria n. 21 del 20/08/2001 Disposizioni in materia di coltivazione, allevamento, sperimentazione, commercializzazione e consumo di organismi

Dettagli

Numero nove 7 marzo 2014

Numero nove 7 marzo 2014 Numero nove 7 marzo 2014 La situazione dei mercati mondiali dei cereali - prospettive 4 marzo 2014 Powered by Aretè s.r.l. In questo numero Mercati: le quotazioni nazionali dei principali prodotti agricoli

Dettagli

Recupero e caratterizzazione di vecchi ecotipi autoctoni di fagiolo da granella

Recupero e caratterizzazione di vecchi ecotipi autoctoni di fagiolo da granella Recupero e caratterizzazione di vecchi ecotipi autoctoni di fagiolo da granella Carmagnola 25 marzo 2011 Michele Baudino, Ezio Portis Il fagiolo da granella in Piemonte Fagiolo per produzione di granella

Dettagli

Scopo della concimazione è

Scopo della concimazione è PECIALE S DOSI, TIPOLOGIE DI CONCIMI E MODALITÀ DI SOMMINISTRAZIONE La concimazione azotata ideale dipende dall obiettivo produttivo È solo dopo aver definito quantità e qualità della produzione da ottenere

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Titolo Gestione dei dati spaziali di resa e produzione di mappe Risultati della Ricerca Descrizione estesa del risultato Le raccoglitrici automatiche sono un recente sviluppo nella meccanica agricola che

Dettagli

Aracnofauna della Sardegna

Aracnofauna della Sardegna Consorzio 21 Edificio 2- Polaris Programma Master and Back Loc. Piscina Manna 09010 Pula Programma di Tirocinio: Aracnofauna della Sardegna 1. Soggetto Proponente (Operante in Sardegna) Ragione Sociale:

Dettagli

Tabella 1 - Superfici investite a colza (ha) in Italia anni 2006-2009 (dati ISTAT)

Tabella 1 - Superfici investite a colza (ha) in Italia anni 2006-2009 (dati ISTAT) colture energetiche colza Confronto varietale 21 Negli ultimi anni in Italia e in Veneto si è osservata una progressiva diffusione della coltivazione di colza. A livello nazionale, infatti, le superfici

Dettagli

LINEA DI RICERCA 2.8: "Analisi e catalogazione degli esperimenti agronomici di lungo termine: produttività e ciclo del carbonio."

LINEA DI RICERCA 2.8: Analisi e catalogazione degli esperimenti agronomici di lungo termine: produttività e ciclo del carbonio. Relazione II anno Climagri - Cambiamenti Climatici e Agricoltura sottoprogetto 2: Agricoltura Italiana e Cambiamenti Climatici LINEA DI RICERCA 2.8: "Analisi e catalogazione degli esperimenti agronomici

Dettagli

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Presentazione dei risultati del secondo biennio di attività Linee guida e disciplinari per la produzione di sementi biologiche D.ssa Alessandra Sommovigo

Dettagli

Qualità Globale Merceologica: caratteristiche fisiche della granella Tecnologica: quantità, qualità e caratteristiche delle proteine di riserva

Qualità Globale Merceologica: caratteristiche fisiche della granella Tecnologica: quantità, qualità e caratteristiche delle proteine di riserva FRUMENTO QUALITÀ 1 Qualità Globale Merceologica: caratteristiche fisiche della granella Tecnologica: quantità, qualità e caratteristiche delle proteine di riserva Sanitaria : salubrità dei prodotti alimentari

Dettagli

Tutela e valorizzazione del territorio: Servizio Fitosanitario Regionale: Autorità di Controllo e Tracciabilità:

Tutela e valorizzazione del territorio: Servizio Fitosanitario Regionale: Autorità di Controllo e Tracciabilità: La rete agrofenologica nelle Marche: esperienze e applicazioni Angela Sanchioni ** - Daniele Sparvoli* IPHEN 2011 Roma, 3 Marzo 2011 *Centro Operativo Agrometrologico **Centro Agrometeo Locale per la Provincia

Dettagli

DATI METEO INDICI CLIMATICI

DATI METEO INDICI CLIMATICI DATI METEO I dati meteo utilizzati nelle elaborazioni sono quelli derivanti dalla rete regionale di stazioni meteo dell Osservatorio Meteo Idrologico della Regione Liguria (OMIRL) www.arpal.gov.it. Questi

Dettagli

Tutela delle risorse genetiche autoctone di interesse agrario e forestale

Tutela delle risorse genetiche autoctone di interesse agrario e forestale LEGGE REGIONALE 22/04/2002, N. 11 Tutela delle risorse genetiche autoctone di interesse agrario e forestale Art. 1 (Finalita ) 1. La Regione autonoma Friuli Venezia Giulia favorisce e promuove, nell ambito

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS Pag. 1 di 7 DOCUMENTO TECNICO DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS CCPB SRL 40126 Bologna Italy Via J. Barozzi, 8 tel. 051/6089811 fax 051/254842 www.ccpb.it ccpb@ccpb.it

Dettagli

Verifica di diverse strategie di fertirrigazione biologica sulla CV Pink Lady

Verifica di diverse strategie di fertirrigazione biologica sulla CV Pink Lady Verifica di diverse strategie di fertirrigazione biologica sulla CV Pink Lady Pinna Massimo ( ) -Gamba Ursula ( ) -Spagnolo Sandra ( ) ( ) CRAB-Centro di Riferimento per l Agricoltura Biologica della Provincia

Dettagli

Assessorato Agricoltura e Foreste Regione Siciliana Valorizzazione dei vitigni autoctoni siciliani

Assessorato Agricoltura e Foreste Regione Siciliana Valorizzazione dei vitigni autoctoni siciliani Valorizzazione dei vitigni autoctoni siciliani Agrocllimatollogia e viticolltura Studi di vocazionallità territorialle e zonazioni dii Anttoniino Drrago Assessorato Agriicolltura e Foreste Regiione Siiciilliiana

Dettagli

Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione

Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione Giuseppe Fano Corporate Director, External Relations M&G : Alcuni numeri Azienda chimica multinazionale di proprietà della famiglia

Dettagli

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Agraria, Agroalimentare, Agroindustria

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Agraria, Agroalimentare, Agroindustria ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Agraria, Agroalimentare, Agroindustria L indirizzo è finalizzato all acquisizione, per il settore agrario integrato, di un complesso di competenze relative

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Protocollo diagnostico per il viroide Potato spindle tuber viroid (PSTVd) agente dell'affusolamento del tubero di patata Descrizione estesa del risultato Il viroide del tubero

Dettagli

TUTELA E VALORIZZAZIONE DELLA BIODIVERSITÀ

TUTELA E VALORIZZAZIONE DELLA BIODIVERSITÀ Dossier n. 68 Ufficio Documentazione e Studi 23 dicembre 2014 TUTELA E VALORIZZAZIONE DELLA BIODIVERSITÀ AGRARIA E ALIMENTARE PREMESSA La tutela e la salvaguardia delle risorse genetiche per l alimentazione

Dettagli

Obiettivi: agricoltura sostenibile. Economica

Obiettivi: agricoltura sostenibile. Economica La produzione integrata del frumento: frumento: uno strumento operativo di modellistica applicata Pierluigi Meriggi Horta Srl Granoduro.net Obiettivi Struttura Funzionalità Obiettivi: agricoltura sostenibile

Dettagli

~ -:TiP~~azi;,nda o settor.f~~:y~:i~~science S.r.l.opera~ IiveUomondialenelsett':'.:."gr~~imico.

~ -:TiP~~azi;,nda o settor.f~~:y~:i~~science S.r.l.opera~ IiveUomondialenelsett':'.:.gr~~imico. legato "C" )}ù"\1atoeuropeo PER CURRICULUM VITAE...".....,' fformazioni ~RSONALI -----------1 -------- -----No-m-e-rls~p~ISSUESTER ~:~:;:: l. 1 Codice Fiscale 1 SPSS~~80B5-=9~14::5=2E=- 1 E-mai!! espissu@uniss.it

Dettagli

Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008

Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008 Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008 H2O - Deficit totale (mm) -200-150 -100-50 0 50 100 Situazione dei terreni rispetto alla condizione di Capacità di Campo Precipitazioni intense a fine

Dettagli

AVVISO SELEZIONE DI 15 RICERCATORI PER ATTIVITÀ DI RICERCA, SVILUPPO E TRASFERIMENTO TECNOLOGICO

AVVISO SELEZIONE DI 15 RICERCATORI PER ATTIVITÀ DI RICERCA, SVILUPPO E TRASFERIMENTO TECNOLOGICO AVVISO SELEZIONE DI 15 RICERCATORI PER ATTIVITÀ DI RICERCA, SVILUPPO E TRASFERIMENTO TECNOLOGICO Porto Conte Ricerche Srl indice una selezione, per titoli, eventuale colloquio e prova pratica, per il conferimento

Dettagli

Strutturazione di impasti per la produzione di pane e pasta contenenti sfarinati con alto valore funzionale

Strutturazione di impasti per la produzione di pane e pasta contenenti sfarinati con alto valore funzionale Progetto Responsabile: Dr.sa M.G.D Egidio (CRA-ISC Roma) Unità di ricerca Dipartimento di Scienze e Tecnologie Alimentari e Microbiologiche UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Strutturazione di impasti per

Dettagli

Il mercato nazionale dei cereali. Verlicchi Augusto Org. Di Produttori Cereali Emilia-Romagna

Il mercato nazionale dei cereali. Verlicchi Augusto Org. Di Produttori Cereali Emilia-Romagna Il mercato nazionale dei cereali Verlicchi Augusto Org. Di Produttori Cereali Emilia-Romagna Il contesto di riferimento Il settore cerealicolo opera in un quadro caratterizzato da diversi aspetti difficilmente

Dettagli

GENETICA DI UNA SPIGA DI QUALITA

GENETICA DI UNA SPIGA DI QUALITA LE SCIENZE AGRARIE Tra OGM e agricolture alternative Firenze, 19 Aprile 2013 GENETICA DI UNA SPIGA DI QUALITA Blanco Università degli Studi di Bari Aldo Moro A. La Dieta Mediterranea è caratterizzata dal

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE AGRICOLTURA BIOLOGICA: CERTIFICAZIONE DI QUALITA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI ENTE DI FORMAZIONE: CO.S.P.A. Cooperativa Servizi Professionali Agroalimentari F.I.P.A. Federazione

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Titolo Protocollo di micropropagazione di cultivar meridionali di olivo Risultati della Ricerca Descrizione estesa del risultato Nella prova spwerimentale il miglior adattamento alla coltura in vitro è

Dettagli

La produzione biologica dei cereali autunno-vernini Breve vademecum

La produzione biologica dei cereali autunno-vernini Breve vademecum La produzione biologica dei cereali autunno-vernini Breve vademecum Introduzione I cereali utilizzati da secoli sia nell'alimentazione umana che in quella animale, grazie alle loro spiccate doti nutrizionali,

Dettagli

La scienza in campo. Marisa Porrini Facoltà di Agraria

La scienza in campo. Marisa Porrini Facoltà di Agraria La scienza in campo Marisa Porrini Facoltà di Agraria Il sistema agricolo non opera più secondo un modello prettamente produttivo, ma si sta orientando verso la salvaguardia delle risorse naturali, della

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Rapporto quindicinale sulla situazione dei mercati nazionali Riferimento dal 5 al 16 maggio 2014 20 maggio 2014. Numero venti 23 maggio 2014

Rapporto quindicinale sulla situazione dei mercati nazionali Riferimento dal 5 al 16 maggio 2014 20 maggio 2014. Numero venti 23 maggio 2014 Numero venti 23 maggio 2014 In questo numero Mercati: le quotazioni nazionali dei principali prodotti agricoli - pag. 1 Colza: indicazioni relative alla fase di raccolta - pagg. 2/3 Unionzucchero/CGBI:

Dettagli

Tutela delle risorse genetiche autoctone di interesse agrario e forestale. Art. 1. (Finalità)

Tutela delle risorse genetiche autoctone di interesse agrario e forestale. Art. 1. (Finalità) Legge regionale 22 aprile 2002, n. 11 Tutela delle risorse genetiche autoctone di interesse agrario e forestale Art. 1 (Finalità) 1. La Regione autonoma Friuli Venezia Giulia favorisce e promuove, nell'ambito

Dettagli

LEGGE REGIONALE 11 dicembre 2013, n. 39

LEGGE REGIONALE 11 dicembre 2013, n. 39 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 166 del 17-12-2013 41605 LEGGE REGIONALE 11 dicembre 2013, n. 39 Tutela delle risorse genetiche autoctone di interesse agrario, forestale e zootecnico. IL

Dettagli

Servizi e prodotti Syngenta per aumentare la produzione metanigena. CNH Industrial Village, 14 gennaio 2014

Servizi e prodotti Syngenta per aumentare la produzione metanigena. CNH Industrial Village, 14 gennaio 2014 Servizi e prodotti Syngenta per aumentare la produzione metanigena CNH Industrial Village, 14 gennaio 2014 Potere metanigeno: fattori determinanti Genetica Digeribilità della fibra Contenuto di amido Stress

Dettagli

AGRONIX, software on-line per i piani di fertilizzazione

AGRONIX, software on-line per i piani di fertilizzazione AGRONIX, software on-line per i piani di fertilizzazione Introduzione Megna A. Spada V. Manzini V. A.D.M. srl Agricultural Data Management Via Cairoli, 71 97100 RAGUSA (RG) Italy info@agronix.com adm@adm.it

Dettagli

Corso di laurea Economia e Marketing nel sistema agroindustriale

Corso di laurea Economia e Marketing nel sistema agroindustriale Economia e Marketing nel sistema agroindustriale IL PERCHÉ DI QUESTO CORSO UNICO IN ITALIA VISIONE AMPIA DEL SETTORE AGRO-ALIMENTARE STUDIA IL MONDO AGRO-ALIMENTARE UNENDO LE SCIENZE AGRARIE CON LE SCIENZE

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI CONTAMINAZIONE DA MICOTOSSINE NEL MAIS

LINEE GUIDA PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI CONTAMINAZIONE DA MICOTOSSINE NEL MAIS LINEE GUIDA PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI CONTAMINAZIONE DA MICOTOSSINE NEL MAIS Il mais è tra i prodotti vegetali più soggetti alla contaminazione da parte delle micotossine. I principali funghi tossigeni

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FOGGIA BIOAGROMED CENTRO DI RICERCA INTERDIPARTIMENTALE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FOGGIA BIOAGROMED CENTRO DI RICERCA INTERDIPARTIMENTALE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FOGGIA BIOAGROMED CENTRO DI RICERCA INTERDIPARTIMENTALE ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO IN MATERIA DI RICERCA SCIENTIFICA NELLA REGIONE PUGLIA PROGETTO STRATEGICO INNOVAZIONE DI PROCESSO

Dettagli

Cereali: tecnica colturale del frumento

Cereali: tecnica colturale del frumento Cereali: tecnica colturale del frumento Modulo di sistemi foraggeri Andrea Onofri Perugia, A.A. 2009-2010 1 Contenuti Contents 1 Tecnica d impianto Scelta varietale 1. Qualità e destinazione del prodotto

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2015/16 LAUREA IN VITICOLTURA ED ENOLOGIA

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2015/16 LAUREA IN VITICOLTURA ED ENOLOGIA CARATTERISTICHE DEL CORSO DI STUDIO Obiettivi formativi generali e specifici Il corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia impartisce una formazione interdisciplinare sui principi biologici e tecnologici

Dettagli

Planta. Sementi e Soluzioni per l Agricoltura

Planta. Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Una nuova gamma di prodotti per l agricoltura italiana Ibridi di mais IBRIDO Classe FAO Giorni GDM 437 300 105 SNH 9402 400 115

Dettagli

Organizzazione di dati fenologici in un database relazionale: l'esempio della banca dati del Progetto Finalizzato Phenagri

Organizzazione di dati fenologici in un database relazionale: l'esempio della banca dati del Progetto Finalizzato Phenagri CAPITOLO 6 Organizzazione di dati fenologici in un database relazionale: l'esempio della banca dati del Progetto Finalizzato Phenagri A. Calì, G. Dal Monte 6.1 - Introduzione Le informazioni provenienti

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

ALLEGATO (A) Piano Informativo Regionale Misura 111 Azione 2 Informazione P.S.R. Sicilia 2007/2013

ALLEGATO (A) Piano Informativo Regionale Misura 111 Azione 2 Informazione P.S.R. Sicilia 2007/2013 ALLEGATO (A) Piano Informativo Regionale Misura 111 Azione 2 Informazione P.S.R. Sicilia 2007/2013 Interventi Misura 111 Informazione Piano Informativo Regionale Premessa Con il Piano Informativo Regionale

Dettagli

Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi Infrastrutturali per l Agricoltura

Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi Infrastrutturali per l Agricoltura Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi Infrastrutturali per l Agricoltura 1 Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi

Dettagli

Agricoltura del futuro: quali biotecnologie usare per garantire a tutti il diritto al cibo?

Agricoltura del futuro: quali biotecnologie usare per garantire a tutti il diritto al cibo? Agricoltura del futuro: quali biotecnologie usare per garantire a tutti il diritto al cibo? SOSTENIBILITA Nel 'genome editing' la risposta alla sfida per l'agricoltura del futuro Roma, 24 set. (AdnKronos)

Dettagli

DI COMO - LECCO - SONDRIO. Ufficio Tecnico

DI COMO - LECCO - SONDRIO. Ufficio Tecnico Consigli per ridurre la presenza di micotossine nella granella di mais (Presentato da A.I.R.E.S Associazione Raccoglitori Essiccatori Stoccatori di cereali e semi oleosi) Le ricerche sperimentali condotte

Dettagli

Riflessioni sulle linee strategiche per il PSR Marche 2014-2020

Riflessioni sulle linee strategiche per il PSR Marche 2014-2020 Riflessioni sulle linee strategiche per il PSR Marche 2014-2020 Andrea Bonfiglio Direttore editoriale Agrimarcheuropa Dipartimento di Scienze economiche e sociali Università Politecnica delle Marche VENERDÌ

Dettagli

CLASSE 12/A - CHIMICA AGRARIA. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi

CLASSE 12/A - CHIMICA AGRARIA. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 12/A - CHIMICA AGRARIA Programma d'esame CLASSE 12/A - CHIMICA AGRARIA Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 12/A - CHIMICA AGRARIA Programma d'esame Classe 12/A CHIMICA AGRARIA L'esame

Dettagli

AGRICOLTURA E AMBIENTE. BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura

AGRICOLTURA E AMBIENTE. BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura AGRICOLTURA E AMBIENTE BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura Soggetto ATTUATORE Soggetti PROMOTORI il PROGettO BOSCO rende disponibile un ampia e diversificata

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

STEFANIA CRUCITTI C U R R I C U L U M VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

STEFANIA CRUCITTI C U R R I C U L U M VITAE INFORMAZIONI PERSONALI STEFANIA CRUCITTI C U R R I C U L U M VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome CRUCITTI,Stefania Indirizzo A.Zampaglione 3, 89063 Melito di Porto Salvo (RC) Cellulare (+ 39)3406856762 Telefono (+ 39) 0965771377

Dettagli

Minimizzare la presenza di micotossine nella granella

Minimizzare la presenza di micotossine nella granella n. 14/2013 [ SPECIALE DIFESA MAIS ] Terra e Vita 45 Minimizzare la presenza di micotossine nella granella [ DI RICCARDO BUGIANI ] Le strategie agronomiche, il possibile contributo dei bio control agents

Dettagli

Corso di Sistemi Arborei

Corso di Sistemi Arborei Corso di Sistemi Arborei Donatella Spano Dipartimento di Economia e Sistemi Arborei Università di Sassari spano@uniss.it Copyright 2010 Università di Sassari Parole Chiave Ecologia Ecofisiologia Agrosistema

Dettagli

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Giuliano Mosca, Dipartimento Agronomia ambientale e Produzioni vegetali Università degli Studi di Padova 2.1 Introduzione Il frutto del

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

CORSI UNIVERSITARI. CORSI e MASTER. 270 CORSI e MASTER

CORSI UNIVERSITARI. CORSI e MASTER. 270 CORSI e MASTER 1_CORSI_MASTER JB: 10-12-2012 8:35 Pagina 220 CORSI UNIVERSITARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA - Dipartimento di Agraria Corso di Laurea in Scienze e tecnologie viticole ed enologiche L-25 Obiettivi:

Dettagli

ESPERIENZE SPERIMENTALI SULL INTERAZIONE DEI VARI FATTORI DELLA PRODUZIONE: VARIETÀ, NUTRIZIONE E DIFESA

ESPERIENZE SPERIMENTALI SULL INTERAZIONE DEI VARI FATTORI DELLA PRODUZIONE: VARIETÀ, NUTRIZIONE E DIFESA ESPERIENZE SPERIMENTALI SULL INTERAZIONE DEI VARI FATTORI DELLA PRODUZIONE: VARIETÀ, NUTRIZIONE E DIFESA L. Zanzi, D. Bartolini, G. Pradolesi R&S Terremerse OBIETTIVI Valutare gli effetti combinati della

Dettagli

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali Obiettivo 1 EROSIONE DEL SUOLO Obiettivo 2 SOSTANZA ORGANICA DEL SUOLO Obiettivo 3 STRUTTURA DEL SUOLO Obiettivo 4 LIVELLO MINIMO DI MANTENIMENTO Regione Campania - Assessorato Agricoltura e alle Attività

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Meccanizzazione della raccolta e della potatura in oliveti calabresi Descrizione estesa del risultato E' stata valutata l'opportunità d'impiego delle potatrici meccaniche

Dettagli

Sviluppo agricolo auto imprenditorialità Selezione donne Fase a Ottobre Novembre 2012

Sviluppo agricolo auto imprenditorialità Selezione donne Fase a Ottobre Novembre 2012 Completamento del sistema integrato di sviluppo rurale sostenibile, migliorando le condizioni di vita delle donne vulnerabili, attraverso la promozione e lo sviluppo agroalimentare a DSCHANG CAMEROUN RELAZIONE

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

FACOLTA SCIENZE POLITICHE UNIVERSITA DI SASSARI

FACOLTA SCIENZE POLITICHE UNIVERSITA DI SASSARI FACOLTA SCIENZE POLITICHE UNIVERSITA DI SASSARI Ragione Sociale MASTER BIENNALE IN GIORNALISMO Indirizzo PIAZZA UNIVERSITA 11 07100 SASSARI Telefono 079228945 Fax 079228966 E-mail labcom@uniss.it Rappresentante

Dettagli

La semina. Numero di piante per unità di superficie. Resa

La semina. Numero di piante per unità di superficie. Resa La semina La semina è quell operazione con la quale il seme (medica, pomodoro ecc.) o il frutto (cereali, girasole ecc.) vengono immessi nel terreno allo scopo di ottenere la nascita delle piante che avvieranno

Dettagli

GIUDIZI INDIVIDUALI E COLLEGIALI SUI TITOLI E SULLE PUBBLICAZIONI SCIENTIFICHE DEL CANDIDATO BACCIU VALENTINA MARIA

GIUDIZI INDIVIDUALI E COLLEGIALI SUI TITOLI E SULLE PUBBLICAZIONI SCIENTIFICHE DEL CANDIDATO BACCIU VALENTINA MARIA PROCEDURA DI VALUTAZIONE COMPARATIVA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER L ASSUNZIONE DI UN RICERCATORE CON CONTRATTO DI LAVORO SUBORDINATO A TEMPO DETERMINATO DELLA DURATA DI 3 (TRE) ANNI, PRESSO LA FACOLTÀ

Dettagli

Sostanza organica e potenzialità di sequestro di CO2 nei suoli agricoli emilianoromagnoli

Sostanza organica e potenzialità di sequestro di CO2 nei suoli agricoli emilianoromagnoli Convegno L Agricoltura Conservativa esperienze concrete e misure di incentivazione Giovedì 30 ottobre 2014, ore 9,30 Tecnopolo di Reggio Emilia Piazzale Europa, 1 RE Sostanza organica e potenzialità di

Dettagli

Mais: impianto e tecnica colturale

Mais: impianto e tecnica colturale Mais: impianto e tecnica colturale Modulo di sistemi foraggeri Andrea Onofri Perugia, A.A. 2009-2010 1 Contenuti Contents 1 Tipologie di ibridi 1 2 Impianto 3 3 Fertilizzazione 4 4 Cure colturali 4 5 Raccolta

Dettagli

Aspetti tecnologici e nutrizionali della semola rimacinata di grano duro per la panificazione

Aspetti tecnologici e nutrizionali della semola rimacinata di grano duro per la panificazione Aspetti tecnologici e nutrizionali della semola rimacinata di grano duro per la panificazione G.B. Quaglia 1 1 Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione, Via Ardeatina, 546-00178 Roma

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI

INFORMAZIONI PERSONALI C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e nome: GRIGOLO UMBERTO Data di nascita: 27 agosto 1963 Qualifica: Amministrazione: Incarico attuale: Specialista tecnico (D3) Agenzia veneta

Dettagli

ERBAI E SORGHI DA SFALCIO, INSILATO E GRANELLA SEMINE PRIMAVERILI ESTIVE 2014

ERBAI E SORGHI DA SFALCIO, INSILATO E GRANELLA SEMINE PRIMAVERILI ESTIVE 2014 ERBAI E SORGHI DA SFALCIO, INSILATO E GRANELLA SEMINE PRIMAVERILI ESTIVE 2014 TECNOZOO, AL FIANCO DEGLI ALLEVATORI DAL SEME AL PRODOTTO FINITO! SOMMARIO SORGO IBRIDO DA SFALCIO KARIM Pag 4 SORGO GENTILE

Dettagli

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI 8. SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE

Dettagli

SELEZIONE DI 13 RICERCATORI PER ATTIVITÀ DI RICERCA, SVILUPPO E TRASFERIMENTO TECNOLOGICO AVVISO

SELEZIONE DI 13 RICERCATORI PER ATTIVITÀ DI RICERCA, SVILUPPO E TRASFERIMENTO TECNOLOGICO AVVISO SELEZIONE DI 13 RICERCATORI PER ATTIVITÀ DI RICERCA, SVILUPPO E TRASFERIMENTO TECNOLOGICO AVVISO Porto Conte Ricerche Srl indice una selezione, per titoli, eventuale colloquio e prova pratica, per il conferimento

Dettagli

Diffusione della malattia.

Diffusione della malattia. IL VIRUS DEL MOSAICO COMUNE DEL FRUMENTO Angelo Sarti, ASTRA Innovazione e Sviluppo U.O. Mario Neri Imola (BO) angelo.sarti@astrainnovazione.it Coception Rubies-Autonnell, Dista Area di Patologia Vegetale

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Confronto fra ibridi di mais in Piemonte nel 2012

Confronto fra ibridi di mais in Piemonte nel 2012 Confronto fra ibridi di mais in Piemonte nel 2012 Ricerca Finanziata dalla Regione Piemonte Carlo Ferrero, Andrea Pilati - Capac Soc, Coop. Agr. Roberta Pons - Cooperativa Agrovalli S. C. Nel 2012, nonostante

Dettagli

Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi. Borreani G., Tabacco E.

Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi. Borreani G., Tabacco E. Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi Borreani G., Tabacco E. Dip. Dip. Scienze Scienze Agrarie, Agrarie, Forestali Forestali ee Alimentari

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE PER LA CONCESSIONE D USO DEL MARCHIO DEL PARCO NATURALE REGIONALE SIRENTE VELINO GRANO SOLINA

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE PER LA CONCESSIONE D USO DEL MARCHIO DEL PARCO NATURALE REGIONALE SIRENTE VELINO GRANO SOLINA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE PER LA CONCESSIONE D USO DEL MARCHIO DEL PARCO NATURALE REGIONALE SIRENTE VELINO GRANO SOLINA Approvato con Delibera del Consiglio Direttivo n 23 del 23/09/2008 DISCIPLINARE

Dettagli

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE ROMA UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE Relatore: Claudio Destro - Presidente Confagricoltura di Roma I nuovi orizzonti dell agricoltura multifunzionale di Roma Milano, 6 settembre 2015 Evoluzioni

Dettagli

Gli Ogm nella filiera agro-alimentare: una rinuncia ragionata od un opportunità non colta?

Gli Ogm nella filiera agro-alimentare: una rinuncia ragionata od un opportunità non colta? Gli Ogm nella filiera agro-alimentare: una rinuncia ragionata od un opportunità non colta? Organizzato da Istituto Superiore di Sanità Impiego di Ogm nella produzione primaria: il punto di vista degli

Dettagli

nasca.annamg@gmail.com

nasca.annamg@gmail.com F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome [NASCA, ANNA,MARIA,GRAZIA] Indirizzo [ Via Pernice n 15, 90021-Alia (PA) - Italia ] Telefono e Cellulare +390918214697 ; +393392273198;

Dettagli

FERTIL - FERTORGANICO

FERTIL - FERTORGANICO FERTIL - FERTORGANICO 2 Fertil e Fertorganico Una buona strategia di concimazione azotata prevede l utilizzo efficiente dell azoto, riducendone le unità apportate per unità di prodotto utile asportato

Dettagli

Ursula Gamba* Sandra Spagnolo* Massimo Pinna*

Ursula Gamba* Sandra Spagnolo* Massimo Pinna* Ursula Gamba* Sandra Spagnolo* Massimo Pinna* ABSTRACT - - KEYWORDS Maize cultivars, biodiversity, cultivars comparison. Introduzione Dal 2002 il CRAB s.c.r.l. svolge un lavoro di recupero di vecchie varietà

Dettagli

Cos è il farro? farro

Cos è il farro? farro La Storia Il farro è un antico grano le cui origini si possono far risalire a oltre 5000 anni fa in Medio Oriente vicino a quello che ora è l Iran. Coltivato diffusamente fino al principio del XX secolo

Dettagli

Ufficio Affari Generali Decreto n. 84 Prot. n. 8321 Anno 2013 IL RETTORE

Ufficio Affari Generali Decreto n. 84 Prot. n. 8321 Anno 2013 IL RETTORE Ufficio Affari Generali Decreto n. 84 Prot. n. 8321 Anno 2013 IL RETTORE - VISTO lo Statuto dell Università degli studi di Firenze emanato con Decreto Rettorale n.329 del 6 aprile 2012; - VISTO il Regolamento

Dettagli

sintesi delle attività del Centro

sintesi delle attività del Centro sintesi delle attività del Centro Previsioni meteorologiche Monitoraggio agro-idro-meteorologico Gestione allerte meteorologiche Agrometeorologia Biometeorologia Climatologia Realizzazione e diffusione

Dettagli

Progetto ALAPAS. Avicoli a Lento Accrescimento e Proteaginose alternative alla soia

Progetto ALAPAS. Avicoli a Lento Accrescimento e Proteaginose alternative alla soia Progetto ALAPAS Avicoli a Lento Accrescimento e Proteaginose alternative alla soia Obiettivi del progetto Supportare e attuare la normativa europea sull agricoltura biologica Identificare e caratterizzare

Dettagli

QCM. MASTER UNIVERSITARIO di II livello. in QUALITY CONTROL MANAGER. della filiera agroalimentare biologica e biotecnologica (60 CFU) A.A.

QCM. MASTER UNIVERSITARIO di II livello. in QUALITY CONTROL MANAGER. della filiera agroalimentare biologica e biotecnologica (60 CFU) A.A. MASTER UNIVERSITARIO di II livello in QUALITY CONTROL MANAGER della filiera agroalimentare biologica e biotecnologica (60 CFU) A.A. 2011/2012 QCM Direttore Scientifico del Master Prof. Gaetano Ragno Dipartimento

Dettagli

BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE

BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE Aggiornato il 6 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA...

Dettagli

La prima certificazione per la tutela della biodiversità in agricoltura. www.biodiversityfriend.org

La prima certificazione per la tutela della biodiversità in agricoltura. www.biodiversityfriend.org La prima certificazione per la tutela della biodiversità in agricoltura www.biodiversityfriend.org Nel corso del 2010, dichiarato dalle Nazioni Unite Anno Internazionale della Biodiversità, WBA onlus

Dettagli

Cereali. Nome botanico. Famiglia. Origine e diffusione. Utilizzazioni. Esigenze climatiche. schede colturali. Mais. Graminacee.

Cereali. Nome botanico. Famiglia. Origine e diffusione. Utilizzazioni. Esigenze climatiche. schede colturali. Mais. Graminacee. Cereali primaveriliestivi ed estivi schede colturali Mais Nome botanico Zea mais Famiglia Graminacee Origine e diffusione Produzione mondiale di Mais (FAO 2001) Produzione europea di Mais (FAO 2001) Produzione

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Olivo - Innovazioni nella meccanizzazione della raccolta e della potatura Descrizione estesa del risultato La raccolta meccanica delle olive da olio negli impianti tradizionali,

Dettagli