Istituzioni di Diritto Privato II. Indice. 1 L adempimento dell obbligazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituzioni di Diritto Privato II. Indice. 1 L adempimento dell obbligazione --------------------------------------------------------------------- 4"

Transcript

1 INSEGNAMENTO DI ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO II LEZIONE IV ADEMPIMENTO, RESPONSABILITÀ E GARANZIE PROF. GIOVANNI SABBATO

2 Indice 1 L adempimento dell obbligazione I requisiti dell adempimento: il modo dell adempimento L oggetto dell adempimento Il luogo dell adempimento Il tempo dell adempimento I soggetti dell adempimento Casi di responsabilità oggettiva Il risarcimento del danno La liquidazione del danno La liquidazione convenzionale: la clausola penale La caparra confirmatoria Le garanzie per l adempimento: garanzia generica e garanzie specifiche Le azioni a tutela del credito: la surrogatoria L azione revocatoria Il sequestro giudiziario e conservativo Il diritto di ritenzione La distinzione tra garanzie personali e reali Le garanzie reali: il pegno Il divieto di patto commissorio L ipoteca Le specie di ipoteche L iscrizione ipotecaria. Ordine e grado delle ipoteche Effetti dell ipoteca e sua estinzione di 2

3 24 I privilegi I privilegi convenzionali di 3

4 1 L adempimento dell obbligazione L obbligazione impone al debitore il dovere di eseguire una prestazione (dare, fare, non fare) a favore del creditore, eseguendo la prestazione cui è tenuto. L adempimento dell obbligazione è quindi l esecuzione della prestazione dovuta. Effetto normale dell adempimento è l estinzione dell obbligazione, con la conseguente liberazione del debitore. In materia di obbligazioni vi sono delle clausole generali da rispettare e sono: la correttezza, la buona fede e la diligenza; - la correttezza, che ai sensi dell art si impone sia al creditore che al debitore, è termine giuridico utilizzato dal legislatore in molte norme delle obbligazioni e si ritiene generalmente che esso si identifichi con il concetto di buona fede, in particolare di buona fede oggettiva, mentre quella soggettiva ha un significato ben diverso, che si identifica nella ignoranza di ledere l altrui diritto. Si tratta in tale secondo caso di uno stato soggettivo, mentre la variante oggettiva si identifica in un dovere di comportamento 1 ; - la diligenza, l articolo statuisce che il debitore deve adempiere usando la diligenza del buon padre di famiglia, usando così una espressione di chiara origine romanistica. Tale concetto si ritiene sia assimilabile a quello di diligenza media che si impone al debitore considerato di media capacità. 1 Alcuni tuttavia contestano la identità tra correttezza e buona fede oggettiva ( es. ritenendo che l una riguarda la materia contrattuale, l altra la materia extracontrattuale). 2 Tale norma fonda, come si è detto nelle nostre precedenti lezioni, la natura soggettiva della responsabilità contrattuale, almeno nei casi delle obbligazioni di mezzi. 4 di 4

5 2 I requisiti dell adempimento: il modo dell adempimento La legge stabilisce alcuni requisiti dell adempimento delle obbligazioni che riguardano il modo ; l oggetto; il luogo; il tempo. Per quanto attiene il modo, l articolo 1176 c.c. enuncia una regola generale : nell adempiere l obbligazione il debitore deve usare la diligenza del buon padre di famiglia. Cioè, per stabilire se il debitore si sia comportato come era suo dovere, si prende come termine di paragone la figura del buon padre di famiglia, cioè dell uomo medio che non eccede in diligenza, ma neppure è trascurato nei propri affari. Inoltre l obbligazione di consegnare una cosa specifica include per legge quella di custodire la cosa fino al momento della consegna. L obbligazione generica inoltre comporta l obbligo di consegnare cose di qualità non inferiore alla media. 5 di 5

6 3 L oggetto dell adempimento E la prestazione a cui il debitore è tenuto, la quale deve essere eseguita esattamente (art c.c.); da ciò deriva che : il creditore può rifiutare un adempimento parziale, salvo che la legge o gli usi dispongano diversamente ( una eccezione a questa regola è nella legislazione sulla cambiale e sugli assegni) il creditore può rifiutare una prestazione diversa da quella dovuta anche se di maggior valore. Qualora il creditore accetti la sostituzione, l obbligazione si estingue quando la diversa prestazione è eseguita. In questa ipotesi si dice che vi è stata prestazione in luogo dell adempimento chiamata tradizionalmente datio in solutum o dazione in pagamento (art. 1197) 3. 3 L istituto della datio in solutum si differenzia dalla obbligazione facoltativa, esaminata nelle precedenti lezioni, in quanto in tale secondo caso il debitore ha originariamente la facoltà di adempiere una prestazione diversa da quella dedotta in obbligazione. 6 di 6

7 4 Il luogo dell adempimento E riconosciuto un valore preminente alla volontà delle parti, le quali possono, nell atto che dà vita all obbligazione, stabilire DOVE la prestazione debba venire eseguita. Se il luogo dell adempimento non è determinato dall accordo delle parti, né dagli usi, né dalle circostanze del rapporto, si applicano le norme del c.c. (art. 1182), secondo cui : le obbligazioni di consegnare una cosa certa e determinata devono essere adempiute nel luogo in cui si trovava la cosa quando l obbligazione è sorta ; le obbligazioni pecuniarie devono essere adempiute presso il domicilio del creditore; se questo è diverso al momento della scadenza da quello che egli aveva quando è sorta l obbligazione, rendendo gravoso l adempimento, il debitore, previa dichiarazione al creditore, ha diritto di eseguire il pagamento al proprio domicilio. tutte le obbligazioni di altra specie devono essere adempiute al domicilio del debitore. 7 di 7

8 5 Il tempo dell adempimento L articolo 1183 stabilisce che l obbligazione deve essere adempiuta alla scadenza, se vi è un termine; diversamente il creditore può esigere che la prestazione venga eseguita immediatamente. Qualora in virtù degli usi o per la natura della prestazione o per altre circostanze, non si possa pretendere l esecuzione immediata, il termine, in mancanza di accordo delle parti, sarà stabilito dal giudice. Il termine può essere: a favore del debitore a favore esclusivo del creditore a favore di entrambe le parti. Quando per l adempimento è fissato un termine, se non risulta diversamente, questo si presume stabilito a favore del debitore, per consentirgli un margine di tempo sufficiente a predisporre quanto occorre per l adempimento. Questo significa che il debitore può, se vuole, adempiere anche prima della scadenza, mentre il creditore non potrà pretendere l adempimento se non dopo la scadenza. Il termine può anche essere a favore esclusivo del creditore ( es. la custodia di una cosa ) : in tale ipotesi il creditore può esigere la prestazione prima della scadenza, mentre il debitore non potrà prima di tale scadenza pretendere di adempiere. Il termine può essere stabilito a favore di entrambe le parti ( es. prestito di danaro a interesse ) : in questo caso né il debitore ha facoltà di adempiere prima della scadenza, né il creditore può esigerlo. Anche se il termine è stabilito a favore del debitore, il creditore può esigere immediatamente la prestazione se il debitore è divenuto insolvente o ha diminuito per fatto proprio le garanzie che aveva dato o non ha dato le garanzie che aveva promesso. I termini si computano secondo il calendario, non si calcola il giorno iniziale del termine mentre si calcola quello finale. Se il giorno di scadenza è festivo il termine è prorogato di diritto al giorno seguente non festivo, salva diversa pattuizione. Il termine quindi è detto TERMINE DI ADEMPIMENTO, in quanto riguarda il momento in cui l obbligazione deve essere adempiuta, da non confondere con il termine riguardante il momento dal quale o fino al quale il negozio giuridico produce i suoi effetti (cd. termine di efficacia). 8 di 8

9 Si ricordi infine che le spese del pagamento (spese eventuali di trasporto, imposizioni fiscali) sono a carico del debitore ex art Il debitore ha diritto di ottenere a sue spese, una quietanza che attesti l avvenuto pagamento. Il debitore ha inoltre diritto che il creditore consenta alla liberazione dei beni dalle garanzie ( es. ipoteca ) date per il credito. 9 di 9

10 6 I soggetti dell adempimento Soggetti dell adempimento sono: l autore e il destinatario. Autore dell adempimento è normalmente lo stesso debitore, ma l obbligazione può essere adempiuta da un terzo (adempimento del terzo), anche contro la volontà del creditore, se questi non ha interesse a che il debitore esegua personalmente la prestazione, ossia se si tratta di un obbligazione fungibile. Il creditore può altresì rifiutare l adempimento di un terzo, il quale si sia offerto spontaneamente di pagare il debito, qualora il debitore gli abbia manifestato la propria opposizione. In tale ipotesi tuttavia il creditore è libero di ricevere l adempimento del terzo se vi abbia interesse (art. 1180). Diverso dall adempimento del terzo è l ipotesi in cui il debitore, nell adempiere l obbligazione, si valga dell opera di terzi (cd. ausiliari). L art c.c. ammette ciò, che però è comunque da escludere se la prestazione debba essere eseguita personalmente dal debitore. In capo al debitore non è richiesta, ex art. 1191, alcuna capacità in quanto l adempimento è un atto dovuto, quindi inidoneo a produrre un indebito effetto svantaggioso nella sfera del solvens. Si discute in particolare se l adempimento sia negozio giuridico o mero atto giuridico, opinione questa da preferire alla luce dello stesso articolo 1191 c.c. già citato che esclude il requisito della capacità (di agire, nonché di intendere e di volere) per la validità dell adempimento 5. L opinione contraria fa leva invece sulla necessità del cosiddetto animus solvendi (volontà di adempiere) necessaria per imputare il pagamento ad una determinata obbligazione. Fa eccezione in ogni caso l adempimento delle obbligazioni naturali cui sicuramente è da riconoscere natura negoziale 6. Destinatario del pagamento è il creditore in persona o il suo rappresentante, oppure una persona da lui designata (es. l esattore) o autorizzata a ricevere dalla legge (es. curatore fallimentare) o dal giudice. Il pagamento fatto a chi non era legittimato a riceverlo libera il debitore solo se il creditore lo ratifica o se ne ha approfittato (essendo in mala fede). 5 La ragione per cui il legislatore non richiede alcuna capacità in capo al solvens, si deve al fatto che dall adempimento, siccome atto dovuto, non può derivare alcuna danno nella sua sfera giuridica. 6 Alcuni, nell ambito della tesi cd. eclettica, affermano la distinzione l adempimento in genere, da valutarsi quale atto dovuto, l adempimento di particolari obbligazioni che richiedono in fase di esecuzione l esercizio della facoltà di scelta (si pensi al potere di scelta nelle obbligazioni alternative o all atto di specificazione nelle obbligazioni generiche) 10 di 10

11 Inoltre libera il debitore nel caso del pagamento al creditore apparente previsto dall articolo 1189 c.c. laddove è detto il debitore che esegue il pagamento a chi appare legittimato a riceverlo in base a circostanze univoche è liberato se prova di essere stato in buona fede (es. di pagamento al creditore apparente è il caso in cui il debitore paghi a chi risulta erede del creditore defunto in forza di un testamento del quale non si è ancora scoperta la nullità). Diversamente, al debitore, se non rientra in questi casi, si potrà richiedere nuovamente il pagamento da parte del creditore. Per quanto attiene la posizione del creditore è richiesta la capacità di intendere e di volere. Il pagamento fatto al creditore incapace infatti estingue le obbligazioni nei limiti in cui esso si risolva a suo vantaggio. 11 di 11

12 7 Casi di responsabilità oggettiva Per far sorgere la responsabilità contrattuale del debitore occorre che l inadempimento gli sia imputabile a titolo di dolo o di colpa; vi sono però dei casi in cui il nostro ordinamento pone a carico del debitore, l obbligo di risarcire il danno nonostante la prestazione sia divenuta impossibile per causa a lui non imputabile. In questi casi il debitore è ritenuto responsabile dell inadempimento nonostante possa dimostrare che esso è stato causato da caso fortuito o forza maggiore. Si parlerà di responsabilità oggettiva, che sta a significare che sorge responsabilità contrattuale per il fatto oggettivo dell inadempimento, quando non è ammessa la prova liberatoria da parte del debitore. L ordinamento stabilisce pochi casi, essi sono : obbligazioni generiche, in virtù del principio secondo il quale il genere non perisce mai, in questo caso è sempre possibile per il debitore procurarsi altre cose dello stesso genere con le quali adempiere. obbligazioni in caso a soggetti imprenditori di detenzione e custodia di cose di proprietà dei clienti ( es. delle cose portate in albergo dal cliente ne risponde l albergatore ) ipotesi in cui il debitore si sia avvalso, per adempiere, di un ausiliario o dipendente. 12 di 12

13 8 Il risarcimento del danno Il debitore che non esegue esattamente la prestazione dovuta è tenuto al risarcimento del danno, se non prova che l inadempimento o il ritardo è stato determinato da impossibilità della prestazione derivante da causa a lui non imputabile. Il risarcimento del danno consiste di regola nel versare al creditore una somma di denaro, che equivale alla prestazione non eseguita e lo soddisfi in via sostitutiva. Vi è da dire che non sempre l inadempimento porta alla conseguenza che il creditore debba rinunciare alla prestazione e appagarsi della somma di denaro : poiché vi è il VINCOLO GIURIDICO che lega il debitore al creditore, il creditore ha pure il diritto di ottenere, dove è possibile, che la prestazione dovuta venga eseguita coattivamente. La legge assoggetta il debitore in caso di inadempimento per causa a lui imputabile a due tipi di sanzioni : 1) l adempimento coattivo in forma specifica, quando sia possibile ( art e ss. ). L adempimento coattivo in forma specifica è ammesso solamente in quanto la prestazione possa essere procurata al creditore anche senza il concorso del debitore, e cioè : a) se non è adempiuta un obbligazione di dare una cosa determinata il creditore può ottenere che il debitore sia condannato a consegnare ( se si tratta di mobile ) o rilasciare ( se si tratta di immobile) la cosa, e che la consegna o il rilascio vengono poi eseguiti coattivamente a mezzo di ufficiale giudiziario ( art ) e le spese sono a carico del debitore. b) se non è adempiuta un obbligazione di fare, il creditore può ottenere che la cosa sia fatta a spese del debitore se si tratta di obbligazioni fungibili. c) se non è adempiuta un obbligazione di non fare, il creditore può ottenere che la cosa sia disfatta a spese del debitore, e che non pregiudichi l economia nazionale. c.c.). Inoltre è previsto l adempimento coattivo dell obbligo di concludere un contratto (art ) Il risarcimento del danno per equivalente. In caso di inadempimento ( o ritardo ) imputabile al debitore, il creditore può agire per ottenere il risarcimento per equivalente, ossia una somma di denaro equivalente al valore dell adempimento. Il risarcimento del danno per equivalente deve comprendere sia il danno emergente, cioè la perdita subita dal creditore, sia il lucro cessante, ossia il profitto che il creditore avrebbe potuto conseguire se l obbligazione fosse adempiuta. 13 di 13

14 Il danno emergente e il lucro cessante sono da risarcire nei limiti in cui siano conseguenza immediata e diretta dell inadempimento. Se l inadempimento ( o il ritardo ) dipende da colpa del debitore il risarcimento è limitato al danno che poteva prevedersi nel tempo in cui è sorta l obbligazione, mentre se dipende da dolo comprende sia il danno prevedibile che quello imprevedibile. 14 di 14

15 9 La liquidazione del danno Il risarcimento del danno per equivalente presuppone che il danno sia stato liquidato. Liquidare il danno significa stabilire l ammontare preciso della somma che dovrà essere versata al creditore a titolo di risarcimento. La liquidazione può essere giudiziale, legale o volontaria. La liquidazione giudiziale è fatta dal giudice in seguito ad azione promossa dal creditore nei confronti del debitore inadempiente. L esistenza del danno deve essere provata dal creditore, come pure il suo ammontare 7. Nel caso in cui il creditore non riesca a provare l esatto ammontare del danno subìto, questo è liquidato dal giudice con valutazione equitativa (1226). Se a provocare il danno ha concorso un comportamento colposo del creditore (1227), la somma da risarcire viene diminuita in proporzione alla entità della colpa e alle relative conseguenze ( cd. concorso del fatto colposo del creditore ). Non saranno risarciti i danni che sono da imputare esclusivamente al creditore, ossia i danni che questi avrebbe potuto evitare usando la ordinaria diligenza. Se prima della mora erano dovuti interessi in misura superiore a quelli legali, gli interessi moratori sono dovuti nella stessa misura. La liquidazione legale, cioè quella prevista direttamente dalla legge, non esclude che il creditore, il quale dimostri di aver subìto un danno maggiore, possa ottenere l ulteriore risarcimento in via giudiziale. È possibile solo quando gli interessi moratori siano dovuti nella misura legale, non quando siano dovuti interessi moratori convenzionali. 7 Si ricordi che la liquidazione legale del danno è disposta nelle obbligazioni pecuniarie nel senso che dal giorno in cui il debitore è in mora sono dovuti gli interessi ( detti moratori ), al tasso legale, anche se non erano dovuti precedentemente e anche se il creditore non prova di aver sofferto il danno. 15 di 15

16 10 La liquidazione convenzionale: la clausola penale Si può verificare che, al momento del sorgere dell obbligazione, le parti abbiano previsto l eventualità dell inadempimento e allo scopo di evitare una futura controversia, abbiano già fissato l ammontare del risarcimento del danno. Ciò è possibile solo con riferimento a obbligazioni derivanti da un contratto. Questo caso configura la liquidazione volontaria o convenzionale del danno, che può avvenire mediante clausola penale o caparra confirmatoria. La clausola penale (1382) è una clausola accessoria del contratto, con la quale si determina la prestazione (consistente, di solito, nel pagamento di una somma di danaro ), che, in caso di inadempimento o di ritardo, uno dei contraenti dovrà eseguire a titolo di risarcimento. La clausola penale ha quindi un duplice effetto : 1. di limitare il risarcimento alla prestazione stabilita, il creditore pertanto non può pretendere un maggiore risarcimento, dimostrando di aver subito un danno più elevato, a meno che non sia stata convenuta la risarcibilità del danno ulteriore ; 2. di esonerare il creditore dalla prova del danno, per cui egli ha diritto a riscuotere la penale, anche nel caso in cui non abbia sofferto alcun danno o abbia sofferto un danno inferiore all ammontare della penale. La penale può essere diminuita equamente dal giudice, se l obbligazione principale è stata eseguita in parte e l ammontare della penale è manifestamente eccessivo 8. Si discute in dottrina circa la natura giuridica della clausola penale, sostenendo alcuni la tesi della clausola accessoria, altri dello schema negoziale autonomo 9. 8 Il creditore non può domandare insieme la prestazione principale e la penale, salvo che la penale non sia stata stipulata per il semplice ritardo, in questo caso il debitore che non abbia adempiuto tempestivamente, è tenuto a entrambe le prestazioni. 9 Conseguenza di questa seconda tesi è che, in caso di inadempimento dell obbligazione principale, il creditore avrebbe comunque la facoltà di decidere se richiedere il risarcimento del danno o far applicare la penale. Al contrario, se si opta per la tesi dell accessorietà, la nullità dell'obbligazione principale rende nulla, per difetto di causa, la clausola penale, la quale non può neppure operare in difetto del presupposto, ossia dell inadempimento dell obbligazione principale Né la clausola può sopravvivere quando il rapporto obbligatorio sia rimasto privo di effetto per il mancato avveramento della condizione a cui era subordinato (in tal senso, F.Roselli, in AA.VV., Gli effetti del contratto, Torino, 2002, p. 578). Secondo la giurisprudenza (C.Cassazione , n. 6561) la clausola penale è una pattuizione accessoria inserita in un più ampio regolamento di interessi contrattuale. 16 di 16

17 11 La caparra confirmatoria La caparra confirmatoria 10 consiste in una somma di danaro (o più raramente in una certa quantità di cose fungibili) che una parte dà all altra, a tale titolo, al momento della conclusione del contratto. Con la caparra confirmatoria vi è una prestazione immediata, mentre con la clausola penale vi è soltanto una promessa di prestazione. La caparra confirmatoria si intende data per confermare l adempimento del contratto. Se una delle parti non adempie, l altra parte può a sua scelta : appagarsi dell importo della caparra a titolo di risarcimento del danno. In tal caso se inadempiente è colui che ha dato la caparra, questi la perderà a favore dell altra parte ; se inadempiente è invece colui che ha ricevuto la caparra, questi dovrà restituire all altra parte il doppio di quanto aveva ricevuto ; domandare l esecuzione o lo scioglimento del contratto e la liquidazione giudiziale del danno, dando la dimostrazione dell effettiva esistenza del contratto e del suo ammontare secondo le norme generali ( art c.c. ) La facoltà di recedere dal contratto deve essere espressamente pattuita, nel silenzio delle parti, la caparra deve intendersi confirmatoria. Discussa è la natura giuridica dell istituto, affermandosi volta per volta che si tratta di un mero atto giuridico, di un patto accessorio al pari della clausola penale, di un negozio bilaterale accessorio. 10 Esiste un altro tipo di caparra detta caparra penitenziale che differisce dalla caparra confirmatoria nelle finalità, essa viene pattuita non per il caso di inadempimento (o di ritardo nell adempimento) dell obbligazione per rafforzare il vincolo contrattuale, ma è il diritto di sciogliersi dal vincolo contrattuale per una o per entrambe le parti (diritto di recesso dal contratto). 17 di 17

18 12 Le garanzie per l adempimento: garanzia generica e garanzie specifiche Per assicurare il soddisfacimento delle ragioni dei creditori, sia rispetto all obbligazione originaria, sia a quella di risarcire il danno, la legge dispone delle garanzie. A tal proposito la legge afferma il principio della responsabilità patrimoniale, per il quale il debitore risponde dell adempimento delle obbligazioni con tutti i suoi beni presenti e futuri. In conseguenza di questo principio (responsabilità patrimoniale) viene data facoltà ai creditori, in caso di inadempimento, di agire mediante apposita procedura giudiziaria, sopra i singoli elementi del patrimonio del debitore, per ottenere su di essi (a mezzo assegnazione o vendita) l equivalente dell adempimento. Il patrimonio del debitore viene a costituire la garanzia generica, che assiste tutti i creditori. La legge regola alcune garanzie specifiche, che assicurano a determinati creditori una prelazione, cioè una preferenza, rispetto agli altri su singoli beni ( privilegio, pegno, ipoteca ); inoltre la legge consente che le obbligazioni siano garantite da terze persone, con la costituzione di garanzie personali ( fideiussione, mandato di credito, avallo ). Per assicurare il mantenimento della consistenza patrimoniale del debitore, la legge offre ai creditori mezzi idonei, che prendono il nome di mezzi di conservazione della garanzia patrimoniale. I mezzi di conservazione della generica garanzia patrimoniale sono : l azione surrogatoria, l azione revocatoria, il sequestro conservativo e il diritto di ritenzione. 18 di 18

19 13 Le azioni a tutela del credito: la surrogatoria Sono disciplinate nel libro VI del codice civile intitolato della tutela dei diritti e si identificano nell azione surrogatoria e nell azione revocatoria. Se il debitore trascura i suoi interessi patrimoniali, astenendosi dall esercitare diritti ed azioni che gli spettano verso terzi, è evidente che da ciò può derivare un danno al suo patrimonio e, per conseguenza, un indebolimento della garanzia del credito. A tutela del creditore la legge predispone, per tale eventualità, l azione surrogatoria, che pertanto trova il suo presupposto nell inerzia del debitore nell esercitare un diritto o una facoltà ascrivibile al suo patrimonio. Mediante l azione surrogatoria il creditore, per assicurare che siano soddisfatte o conservate le sue ragioni, esercita i diritti e le azioni di contenuto patrimoniale che spettano verso i terzi al proprio debitore e che questi trascura di esercitare. Non può invece, per evidente mancanza di interesse, esercitare diritti e azioni di contenuto non patrimoniale ( ad es. il disconoscimento della paternità ) e nemmeno può esercitare diritti ed azioni che, per loro natura ( ad es. il credito alimentare ) o per disposizione di legge ( ad es. l uso e l abitazione ), non possono essere esercitati se non dal loro titolare. Il creditore però può surrogarsi solo entro i limiti del suo credito 11 e in ordine a singoli atti. Il creditore, mediante l azione surrogatoria, può analogamente riscuotere crediti spettanti al debitore, può esercitare azione di rivendicazione su beni di proprietà del debitore posseduti da terzi. In ogni caso, chi si serve dell azione surrogatoria reintegra il patrimonio a vantaggio di tutti i creditori. Il concetto di rappresentanza va distinto da quello di sostituzione, che si configura attraverso l azione surrogatoria, in quanto il primo implica che il rappresentante persegue l interesse del rappresentato, il secondo configurabile proprio nel caso dell azione surrogatoria, si caratterizza per il fatto che il sostituto persegue un interesse proprio e non quello del sostituito. 11 Supponiamo che il debitore abbia venduto con patto di riscatto un immobile, che è poi aumentato di valore. Egli potrebbe riscattarlo, ma se ne astiene (se lo riscattasse, il creditore ne promuoverebbe immediatamente la vendita forzata per soddisfare il proprio credito), in tale situazione la legge consente che il creditore, mediante l azione surrogatoria, eserciti il diritto del debitore, cioè riscatti in sua vece l immobile. 19 di 19

20 14 L azione revocatoria Accade talvolta che il debitore, al fine di sottrarre i suoi beni alla garanzia (generica) del credito, trasferisca ad altri la titolarità del diritto sopra i medesimi. Può darsi che si tratti di una semplice finzione messa in atto ai danni del creditore, con la complicità di un terzo, che diventa solo l apparente titolare del diritto; si rientra in questo caso nell ambito della fattispecie del negozio giuridico simulato, e tale simulazione il creditore del finto alienante potrà far valere, al fine di salvaguardarsi dal pregiudizio che ne deriva. Può darsi al contrario che sia stata conclusa un effettiva alienazione e ricorra perciò non la figura del negozio simulato, ma quella del negozio in frode ai creditori, al quale il creditore può ovviare mediante l azione revocatoria. Mediante l azione revocatoria ordinaria ( detta anche pauliana, con denominazione derivata dal diritto romano ) il creditore fa dichiarare inefficaci nei suoi confronti gli atti di disposizione del patrimonio, con i quali il debitore ha recato pregiudizio alle sue ragioni. L azione può essere esercitata anche se il credito è soggetto a condizione o a termine. Presupposti fondamentali dell azione revocatoria sono : l effettivo pregiudizio derivante dall atto di disposizione alla garanzia del credito, giustificano perciò l esercizio dell azione surrogatoria tutti gli atti di alienazione a titolo oneroso o gratuito ( vendite, donazioni) e anche le concessioni di garanzie specifiche ( pegni, ipoteche ) a determinati creditori, poiché sottraggono i beni che ne sono oggetto alla garanzia comune di tutti i creditori. Occorre però che per causa di tali atti una ragione di credito rischi di rimanere insoddisfatta. la consapevolezza da parte del debitore del pregiudizio che l atto arreca alle ragioni del creditore, ovvero, se trattasi di atto anteriore al sorgere del credito, la dolosa preordinazione dell atto stesso al fine di pregiudicare il soddisfacimento del credito ; inoltre se si tratta di atto a titolo oneroso, la consapevolezza anche da parte del terzo del pregiudizio che l atto arreca alle ragioni del creditore o, nel caso di atto 20 di 20

DIRITTO PRIVATO DIRITTO PRIVATO. Prof. Raffaele Tuccillo. Anno accademico 2014/2015 II semestre Pubblicità e diritti reali di garanzia

DIRITTO PRIVATO DIRITTO PRIVATO. Prof. Raffaele Tuccillo. Anno accademico 2014/2015 II semestre Pubblicità e diritti reali di garanzia DIRITTO PRIVATO DIRITTO PRIVATO Prof. Raffaele Tuccillo Anno accademico 2014/2015 II semestre Pubblicità e diritti reali di garanzia Pubblicità La PUBBLICITÀ è il sistema predisposto dal legislatore per

Dettagli

Istituzioni di diritto privato corso L -Z

Istituzioni di diritto privato corso L -Z UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA Istituzioni di diritto privato corso L -Z anno accademico 2010/2011 secondo semestre - seconda parte SCHEMI LEZIONI 4 Prof. Avv. Laura Cavandoli

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ISTITUZIONE PRIVILEGIO EX ART. 4 C. 5 L. 49/1985

REGIONE PIEMONTE ISTITUZIONE PRIVILEGIO EX ART. 4 C. 5 L. 49/1985 REGIONE PIEMONTE ISTITUZIONE PRIVILEGIO EX ART. 4 C. 5 L. 49/1985 INDICE-SOMMARIO 1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO. 2. LE GARANZIE PREVISTE DAL NOSTRO ORDINAMENTO. 2.1 Privilegi 2.2 Garanzie reali 3. LE GARANZIE

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

LEASING NOZIONE > TIPOLOGIE > Leasing operativo:

LEASING NOZIONE > TIPOLOGIE > Leasing operativo: LEASING - NOZIONE > è il contratto con il quale una parte (concedente) concede all altra (utilizzatore) il godimento di un bene mobile o immobile, per un tempo determinato, verso corrispettivo rateale

Dettagli

A P P R O F O N D I M E N T O

A P P R O F O N D I M E N T O A P P R O F O N D I M E N T O IL CONTRATTO DI COMODATO NOZIONE Il legislatore definisce il comodato come il contratto con cui una parte (c.d. comodante) consegna all altra (c.d. comodatario) una cosa mobile

Dettagli

Datio in solutum. di Leonardo Cipriano

Datio in solutum. di Leonardo Cipriano Datio in solutum di Leonardo Cipriano La datio in solutum (dazione in pagamento o prestazione in luogo dell'adempimento ex art. 1197, co. 1 c.c.) indica la "prestazione in luogo di adempimento", cioè la

Dettagli

La divisione ereditaria

La divisione ereditaria La divisione ereditaria La divisione ereditaria è diretta a far cessare lo stato di comunione sui beni della massa ereditaria tra tutti i soggetti che partecipano alla comunione; ha natura dichiarativa

Dettagli

Le normali forme di tutela del patrimonio personale adottate nel sistema economico: dal fondo patrimoniale al trust

Le normali forme di tutela del patrimonio personale adottate nel sistema economico: dal fondo patrimoniale al trust Le normali forme di tutela del patrimonio personale adottate nel sistema economico: dal fondo patrimoniale al trust Palazzo della Ragione, Verona 18 novembre 2011 Prof. Avv. Matteo De Poli Gli strumenti

Dettagli

Art. 2901 - Condizioni

Art. 2901 - Condizioni Art. 2901 - Condizioni [I]. Il creditore, anche se il credito è soggetto a condizione o a termine, può domandare che siano dichiarati inefficaci nei suoi confronti gli atti di disposizione del patrimonio

Dettagli

Le vicende della quota nelle società personali

Le vicende della quota nelle società personali Le vicende della quota nelle società personali A causa dell INTUITUS PERSONAE, nelle società di persone le variazioni nella composizione soggettiva della compagine sociale sono apprezzate come vere e proprie

Dettagli

CREDITO. Il mutuo è un contratto: a) atipico. b) tipico. c) apparente.

CREDITO. Il mutuo è un contratto: a) atipico. b) tipico. c) apparente. CREDITO Il mutuo è: a) un rapporto col quale una parte consegna all altra una determinata quantità di denaro o di altre cose fungibili e l altra si appresta a restituire altrettante cose della stessa specie

Dettagli

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA PRINCIPALI GARANZIE PER OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO ALLE IMPRESE LE CONDIZIONI DI SEGUITO PUBBLICIZZATE NON COSTITUISCONO OFFERTA AL PUBBLICO SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione: Iccrea

Dettagli

Parte Prima LE OBBLIGAZIONI

Parte Prima LE OBBLIGAZIONI INDICE SOMMARIO Parte Prima LE OBBLIGAZIONI Capitolo I Le obbligazioni 1. La nozione di obbligazione.... 3 2. Le obbligazioni naturali.... 8 3. Complementarità e complessità delle posizioni... 10 4. La

Dettagli

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi Carismi Convegni CARISMICONVEGNI IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Centro Studi I Cappuccini 22 Febbraio 2013 Avv. Francesco Napolitano DONAZIONE DI AZIENDA IMPOSTE DIRETTE La donazione di azienda da parte di

Dettagli

Legge 347/1990 IMPOSTA IPOTECARIA E CATASTALE. Ipotecaria si paga se c è trascrizione o annotazione nei RR II

Legge 347/1990 IMPOSTA IPOTECARIA E CATASTALE. Ipotecaria si paga se c è trascrizione o annotazione nei RR II IMPOSTA IPOTECARIA E CATASTALE Legge 347/1990 Ipotecaria si paga se c è trascrizione o annotazione nei RR II (ma fissa se non c è trasferimento, o iva, prima casa..) Catastale -> se c è voltura Es Servitù

Dettagli

Il contratto preliminare e la caparra confirmatoria nelle compravendite immobiliari: questioni giuridiche e riflessi fiscali

Il contratto preliminare e la caparra confirmatoria nelle compravendite immobiliari: questioni giuridiche e riflessi fiscali I contratti d impresa di Daniele Fezzardi e Luigi Dellapasqua Il contratto preliminare e la caparra confirmatoria nelle compravendite immobiliari: questioni giuridiche e riflessi fiscali Il contratto preliminare

Dettagli

FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.)

FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.) FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.) COSTITUZIONE AMMINISTRAZIONE EFFICACIA OPPONIBILITA REVOCATORIA CESSAZIONE REGIME FISCALE DOTT.SSA ALESSANDRA DE LEONARDIS OBIETTIVI DEL FONDO CONCETTO DI FAMIGLIA

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO GARANZIE RICEVUTE INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO

FOGLIO INFORMATIVO GARANZIE RICEVUTE INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO INFORMAZIONI SULLA BANCA CENTROMARCA BANCA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa - Iscritta all albo delle Società Cooperative n. A166229 Sede legale: via D. Alighieri, 2-31022 Preganziol (TV) Tel: 0422/6316

Dettagli

GLI EFFETTI DELLA SENTENZA DICHIARATIVA DI FALLIMENTO NEI CONTRATTI COMMERCIALI

GLI EFFETTI DELLA SENTENZA DICHIARATIVA DI FALLIMENTO NEI CONTRATTI COMMERCIALI GLI EFFETTI DELLA SENTENZA DICHIARATIVA DI FALLIMENTO NEI CONTRATTI COMMERCIALI A cura di Walter Strozzieri Strozzieri & Associati La riforma delle procedure concorsuali ha ridisegnato gli effetti della

Dettagli

INDICE SOMMARIO. I avvertenza... Pag. V II avvertenza...» VII. Parte I ASPETTI GENERALI E PROFILI GESTIONALI DEL RECUPERO CREDITI

INDICE SOMMARIO. I avvertenza... Pag. V II avvertenza...» VII. Parte I ASPETTI GENERALI E PROFILI GESTIONALI DEL RECUPERO CREDITI I avvertenza... Pag. V II avvertenza...» VII Parte I ASPETTI GENERALI E PROFILI GESTIONALI DEL RECUPERO CREDITI LE GENERALITÀ 1. Analisi del credito... Pag. 3 2. Psicologia del recupero...» 4 3. Individuazione

Dettagli

Indice PARTE PRIMA LA TRASCRIZIONE. Capitolo I Cenni generali sulla pubblicità. 1.1. Nozione e concetti generali... 3 1.2. Tipi di pubblicità...

Indice PARTE PRIMA LA TRASCRIZIONE. Capitolo I Cenni generali sulla pubblicità. 1.1. Nozione e concetti generali... 3 1.2. Tipi di pubblicità... PARTE PRIMA LA TRASCRIZIONE Cenni generali sulla pubblicità 1.1. Nozione e concetti generali... 3 1.2. Tipi di pubblicità... 4 I Principi generali e natura della trascrizione 2.1. Nozione e cenni storici....

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Prefazione... pag. 5

INDICE SOMMARIO. Prefazione... pag. 5 INDICE SOMMARIO Prefazione........................................................ pag. 5 Costituzione in mora del debitore 1. Lettera di convocazione per tentativo di definizione bonaria...» 21 2. Lettera

Dettagli

CORSO PROFORM DI PREPARAZIONE AL CONCORSO PER

CORSO PROFORM DI PREPARAZIONE AL CONCORSO PER Il corso, rivolto ad avvocati, praticanti avvocati e specializzati presso le Scuole di Specializzazione per le Professioni Forensi, si articolerà in appuntamenti di approfondimento teorico ed in esercitazioni

Dettagli

RAPPRESE TA ZA (diretta) Artt. 1387 ss.

RAPPRESE TA ZA (diretta) Artt. 1387 ss. 1 RAPPRESE TA ZA (diretta) Artt. 1387 ss. Regola: coincidenza tra soggetto (parte) in senso formale (autore dell atto) e soggetto (parte) in senso sostanziale (sulla sfera giuridica del quale si producono

Dettagli

ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDA DI DIRITTO CONCORSUALE N. 03/2013

ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDA DI DIRITTO CONCORSUALE N. 03/2013 ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDA DI DIRITTO CONCORSUALE N. 03/2013 MONETARI entità e natura Gli interessi sono prestazioni pecuniarie accessorie, cioè che si aggiungono ad

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y SINGAPORE REGOLE PER IL RECUPERO DEI CREDITI A SINGAPORE di Avv. Francesco Misuraca Azioni civili a Singapore Ai fini della proposizione dell atto di citazione devono sussistere i seguenti requisiti: a)

Dettagli

AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA

AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA - EFFETTI SUL TERZO ACQUIRENTE E SUL TERZO SUB-ACQUIRENTE - Va innanzitutto evidenziato che l effetto dell azione revocatoria, quale mezzo di conservazione della garanzia patrimoniale,

Dettagli

UNIDROIT CONVENZIONE UNIDROIT. sul LEASING FINANZIARIO INTERNAZIONALE. (Ottawa, 26 maggio 1988)

UNIDROIT CONVENZIONE UNIDROIT. sul LEASING FINANZIARIO INTERNAZIONALE. (Ottawa, 26 maggio 1988) UNIDROIT ISTITUTO INTERNAZIONALE PER L UNIFICAZIONE DEL DIRITTO PRIVATO ============================================================= CONVENZIONE UNIDROIT sul LEASING FINANZIARIO INTERNAZIONALE (Ottawa,

Dettagli

IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi

IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi Premessa. La pendenza della procedura di concordato preventivo non produce uno spossessamento del debitore ma soltanto una limitazione dei suoi poteri. Tale limitazione

Dettagli

Prefazione... 1.1 Introduzione al contratto di vendita... 3

Prefazione... 1.1 Introduzione al contratto di vendita... 3 INDICE Prefazione... XVII I LA VENDITA 1 La vendita... 3 1.1 Introduzione al contratto di vendita... 3 2 Obbligazioni del compratore... 7 2.1 Il prezzo: aspetti generali e modalità di adempimento... 7

Dettagli

CAPITOLO 2 La mediazione, la proposta di acquisto e l accettazione

CAPITOLO 2 La mediazione, la proposta di acquisto e l accettazione SOMMARIO CAPITOLO 1 - Le trattative precontrattuali 1. Fase preparatoria 1.1. Gli atti prodromici 1.2. Il recesso dalle trattative 2. L oggetto delle trattative 2.1. Dovere di informazione e pubblicità

Dettagli

Introduzione alle società di capitali

Introduzione alle società di capitali Appunti di Economia Società per azioni Introduzione alle società di capitali... 1 Società per azioni (S.p.A.)... 2 Diritto di voto... 3 Diritto agli utili ed al dividendo... 4 Diritto di opzione... 5 Le

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

Mariagrazia GALATI. TRACCE di PARERI. con PARERI SVOLTI CASI PROBABILI TECNICHE DI REDAZIONE

Mariagrazia GALATI. TRACCE di PARERI. con PARERI SVOLTI CASI PROBABILI TECNICHE DI REDAZIONE Mariagrazia GALATI TRACCE di PARERI con PARERI SVOLTI CASI PROBABILI TECNICHE DI REDAZIONE SOMMARIO Premessa V SEZIONE I - I SOGGETTI DI DIRITTO PARTE PRIMA TRACCIA 1 L amministrazione di sostegno. Inquadramento

Dettagli

Clausole e Condizioni generali dell industria Tessile Tedesca Testo del 01.01.2002

Clausole e Condizioni generali dell industria Tessile Tedesca Testo del 01.01.2002 Clausole e Condizioni generali dell industria Tessile Tedesca Testo del 01.01.2002 Queste clausole e condizioni generali sono valide esclusivamente tra commercianti 1 Luogo dell adempimento, consegna ed

Dettagli

TABELLA DEGLI ATTI SOGGETTA A TRASCRIZIONE ATTI TRA VIVI 100 Atto tra vivi 101 Affrancazione 102 Anticresi 103 Assegnazione a socio di cooperativa

TABELLA DEGLI ATTI SOGGETTA A TRASCRIZIONE ATTI TRA VIVI 100 Atto tra vivi 101 Affrancazione 102 Anticresi 103 Assegnazione a socio di cooperativa TABELLA DEGLI ATTI SOGGETTA A TRASCRIZIONE ATTI TRA VIVI 100 Atto tra vivi 101 Affrancazione 102 Anticresi 103 Assegnazione a socio di cooperativa edilizia 104 Assegnazione a socio per scioglimento di

Dettagli

Condizioni internazionali di vendita e fornitura

Condizioni internazionali di vendita e fornitura Condizioni internazionali di vendita e fornitura 1. Generalità a) Le Condizioni Generali di Contratto (di seguito denominate CGC ) disciplinano la collaborazione fra la Warendorfer Küchen GmbH e l acquirente

Dettagli

EFFETTI PER I CREDITORI 105

EFFETTI PER I CREDITORI 105 EFFETTI PER I CREDITORI 105 Non vanno, ovviamente, riconosciuti al creditore chirografario interessi postfallimentari e si ritiene che non vadano riconosciuti, fino alla data di fallimento, gli interessi

Dettagli

Le condizioni generali di contratto

Le condizioni generali di contratto Inserire testo Inserire testo Le condizioni generali di contratto Condizioni generali di contratto e clausole vessatorie: in particolare, la riserva di proprietà A cura dell Avv. Simona Cardillo CONDIZIONI

Dettagli

2. Formule di atti giudiziari

2. Formule di atti giudiziari 2. Formule di atti giudiziari Giuliano Scarselli, Giuseppe Camardi 2.1 Formule utilizzabili per promuovere l azione revocatoria ordinaria ex art. 2901 c.c. Revocatoria di donazione successiva al sorgere

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO NORMATIVA DI RIFERIMENTO CODICE CIVILE - LIBRO SESTO/TITOLO IV TITOLO IV DELLA TUTELA GIURISDIZIONALE DEI DIRITTI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 2907 ATTIVITÀ GIURISDIZIONALE Alla tutela giurisdizionale

Dettagli

Indice. 1 La rappresentanza ---------------------------------------------------------------------------------------3

Indice. 1 La rappresentanza ---------------------------------------------------------------------------------------3 INSEGNAMENTO DI ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO I LEZIONE IX IL NEGOZIO GIURIDICO (PARTE II) PROF. DOMENICO RUGGIERO Indice 1 La rappresentanza ---------------------------------------------------------------------------------------3

Dettagli

DEROGHE AI PRINCIPI DELLA SEPARAZIONE PATRIMONIALE

DEROGHE AI PRINCIPI DELLA SEPARAZIONE PATRIMONIALE DEROGHE AI PRINCIPI DELLA SEPARAZIONE PATRIMONIALE SOMMARIO 1)Il nuovo articolo 2929 bic c.c. (d.l. in corso di conversione); 2)Responsabilità patrimoniale; Azione revocatoria ; Alienazioni a titolo gratuito;

Dettagli

I TITOLI DI CREDITO rapporto fondamentale rapporto cartolare La sicurezza Articoli fondamentali sui titoli di credito 1992 1993 1994

I TITOLI DI CREDITO rapporto fondamentale rapporto cartolare La sicurezza Articoli fondamentali sui titoli di credito 1992 1993 1994 I TITOLI DI CREDITO La cessione ordinaria del credito è poco efficiente a causa delle eccezioni che il debitore ceduto può eccepire al creditore cessionario relativamente alle eccezioni che avrebbe potuto

Dettagli

IL CONTRATTO DI AGENZIA IN GERMANIA

IL CONTRATTO DI AGENZIA IN GERMANIA IL CONTRATTO DI AGENZIA IN GERMANIA TRADUZIONE DEI 84. ss. DEL CODICE DI COMMERCIO TEDESCO (HGB) COME MODIFICATI DALLA L. 23 ottobre 1989 84. (Definizione dell agente di commercio) 1. È agente di commercio

Dettagli

IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni

IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni REGIMI PATRIMONIALI TIPICI COMUNIONE DEI BENI: disciplina della

Dettagli

Indice NOZIONI E CARATTERI. -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice NOZIONI E CARATTERI. -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO COMMERCIALE I LEZIONE VII LE AZIONI PROF. RENATO SANTAGATA Indice 1 NOZIONI E CARATTERI. --------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

TITOLI DI CREDITO CAMBIALE. Legge cambiaria 1669/1933

TITOLI DI CREDITO CAMBIALE. Legge cambiaria 1669/1933 TITOLI DI CREDITO - Nominativi (es azioni di società) Trasferimento mediante doppia annotazione (o doppio transfert) Del nome del nuovo possessore sia sul titolo sia sul registro dell emittente (es libro

Dettagli

www.studiofinpro.it SULL ELEMENTO SOGGETTIVO DELL AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA

www.studiofinpro.it SULL ELEMENTO SOGGETTIVO DELL AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA SULL ELEMENTO SOGGETTIVO DELL AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA Art. 2901 c.c. Condizioni. Il creditore, anche se il credito è soggetto a condizione o a termine, può domandare che siano dichiarati inefficaci

Dettagli

LEZIONE DEL 24 gennaio 2014 CRISI ECONOMICA DELL IMPRESA: LE PROCEDURE CONCORSUALI

LEZIONE DEL 24 gennaio 2014 CRISI ECONOMICA DELL IMPRESA: LE PROCEDURE CONCORSUALI LEZIONE DEL 24 gennaio 2014 CRISI ECONOMICA DELL IMPRESA: LE PROCEDURE CONCORSUALI L impresa, come ogni organismo economico, è suscettibile di avere le sue crisi. Può affermarsi che queste si verificano

Dettagli

IL FACTORING. essenzialmente un servizio di gestione crediti, il cui importo sarà accreditato al cliente solo dopo la data di scadenza degli stessi.

IL FACTORING. essenzialmente un servizio di gestione crediti, il cui importo sarà accreditato al cliente solo dopo la data di scadenza degli stessi. IL FACTORING Il factoring è il contratto per mezzo del quale un soggetto, detto factor, acquista da un impresa, che accorda dilazioni di pagamento alla sua clientela, la globalità o una parte dei suoi

Dettagli

INDICE SOMMARIO TITOLO III DEI SINGOLI CONTRATTI. Capo I DELLA VENDITA Sezione I Disposizioni generali

INDICE SOMMARIO TITOLO III DEI SINGOLI CONTRATTI. Capo I DELLA VENDITA Sezione I Disposizioni generali INDICE SOMMARIO Presentazione... Gli autori... Abbreviazioni delle principali riviste.... VII XI XXVII TITOLO III DEI SINGOLI CONTRATTI Capo I DELLA VENDITA Sezione I Disposizioni generali Art. 1470. Nozione...

Dettagli

Art. 1571 Nozione Art. 1572 Locazioni e anticipazioni eccedenti l'ordinaria amministrazione Art. 1573 Durata della locazione

Art. 1571 Nozione Art. 1572 Locazioni e anticipazioni eccedenti l'ordinaria amministrazione Art. 1573 Durata della locazione Art. 1571 Nozione La locazione è il contratto col quale una parte si obbliga a far godere all'altra una cosa mobile o immobile per un dato tempo (1572 e seguenti), verso un determinato corrispettivo (att.

Dettagli

D. Promesse unilaterali e titoli di credito.

D. Promesse unilaterali e titoli di credito. D. Promesse unilaterali e titoli di credito. a. Promesse unilaterali. 150. Tipicità o atipicità delle promesse unilaterali. La disciplina degli atti e dei fatti diversi dal contratto comprende: le promesse

Dettagli

Regola n.7 Accertamenti ed informazioni relativi ai privilegi immobiliari.

Regola n.7 Accertamenti ed informazioni relativi ai privilegi immobiliari. Regola n.7 Accertamenti ed informazioni relativi ai privilegi immobiliari. 1. Nell indagine preliminare al ricevimento degli atti per i quali sussiste l obbligo di visure ipotecarie, il Notaio deve esaminare

Dettagli

CONTRATTO DI LEASING. Con la presente scrittura privata da valere ad ogni. effetto di legge, tra: la... S.p.A. con sede in...

CONTRATTO DI LEASING. Con la presente scrittura privata da valere ad ogni. effetto di legge, tra: la... S.p.A. con sede in... CONTRATTO DI LEASING Con la presente scrittura privata da valere ad ogni effetto di legge, tra: la... S.p.A. con sede in... iscritta presso l Ufficio del registro delle imprese di... al n...., cod. fisc....,

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte Prima LA CESSIONE DEL CREDITO di Giovanni Finazzi

INDICE SOMMARIO. Parte Prima LA CESSIONE DEL CREDITO di Giovanni Finazzi Parte Prima LA CESSIONE DEL CREDITO di Giovanni Finazzi Capitolo Primo LA CESSIONE DI CREDITO E LA SUCCESSIONE DEL CESSIONARIO NEL DIRITTO CEDUTO 1. La cessione del credito nella sistematica del codice

Dettagli

La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce

La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce PRELIMINARI DI PERMUTA E FALLIMENTO. IPOTESI SPECIFICHE PER LE AREE EDIFICABILI E GLI IMMOBILI DA COSTRUIRE. La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce fattispecie negoziali in

Dettagli

A tutela dei creditori del de cuius A tutela dei creditori del debitore chiamato A tutela degli uni e/o degli altri

A tutela dei creditori del de cuius A tutela dei creditori del debitore chiamato A tutela degli uni e/o degli altri Corso di formazione Le successioni mortis causa! "#$%&$' A tutela dei creditori del de cuius A tutela dei creditori del debitore chiamato A tutela degli uni e/o degli altri 1) actio interrogatoria 2) impugnazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

ORIENTAMENTI IN MATERIA DI CESSIONI DEI DIRITTI DI CREDITO VERSO LE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI 1

ORIENTAMENTI IN MATERIA DI CESSIONI DEI DIRITTI DI CREDITO VERSO LE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI 1 ORIENTAMENTI IN MATERIA DI CESSIONI DEI DIRITTI DI CREDITO VERSO LE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI 1 Premessa In relazione alle richieste di chiarimenti pervenute in merito alle modalità applicative

Dettagli

Oggetto: quesito in merito all applicazione delle disposizioni in materia di Fondo Unico Giustizia alle forme pensionistiche complementari

Oggetto: quesito in merito all applicazione delle disposizioni in materia di Fondo Unico Giustizia alle forme pensionistiche complementari Settembre 2010 Oggetto: quesito in merito all applicazione delle disposizioni in materia di Fondo Unico Giustizia alle forme pensionistiche complementari (risposta fornita a un associazione di categoria)

Dettagli

SOTTOTIPI: LEASING DI GODIMENTO E LEASING TRASLATIVO

SOTTOTIPI: LEASING DI GODIMENTO E LEASING TRASLATIVO NOZIONE DI LEASING Il Leasing o locazione finanziaria è una nuova tecnica contrattuale nata per soddisfare una specifica esigenza dell'impresa: quella di disporre dei beni strumentali necessari per l'attività

Dettagli

GLIEFFETTIDELLA SENTENZA DICHIARATIVA DIFALLIMENTO NEICONFRONTIDEICREDITORI

GLIEFFETTIDELLA SENTENZA DICHIARATIVA DIFALLIMENTO NEICONFRONTIDEICREDITORI RACCOLTA SISTEMATICA DIGIURISPRUDENZACOMMENTATA 45 Fondata da MARIO ROTOMDI Diretta da GIULIO LEVI LAURA BONACINA GLIEFFETTIDELLA SENTENZA DICHIARATIVA DIFALLIMENTO NEICONFRONTIDEICREDITORI MILANO - DOTT.

Dettagli

LIBRO VI DELLA TUTELA DEI DIRITTI TITOLO I DELLA TRASCRIZIONE CAPO I DELLA TRASCRIZIONE DEGLI ATTI RELATIVI AI BENI IMMOBILI Art. 2643 (Atti soggetti

LIBRO VI DELLA TUTELA DEI DIRITTI TITOLO I DELLA TRASCRIZIONE CAPO I DELLA TRASCRIZIONE DEGLI ATTI RELATIVI AI BENI IMMOBILI Art. 2643 (Atti soggetti LIBRO VI DELLA TUTELA DEI DIRITTI TITOLO I DELLA TRASCRIZIONE CAPO I DELLA TRASCRIZIONE DEGLI ATTI RELATIVI AI BENI IMMOBILI Art. 2643 (Atti soggetti a trascrizione) Si devono rendere pubblici col mezzo

Dettagli

Clausole. Clausole nulle o controverse nei contratti di agenzia. parere legale clausole nulle di Maurizio Iorio. parere legale

Clausole. Clausole nulle o controverse nei contratti di agenzia. parere legale clausole nulle di Maurizio Iorio. parere legale parere legale clausole nulle di Maurizio Iorio Clausole nulle o controverse nei contratti di agenzia questo mese esaminiamo alcune tipologie di clausole, rinvenibili correntemente nei contratti di agenzia,

Dettagli

DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI (Provvedimento di Banca d Italia 29 luglio 2009)

DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI (Provvedimento di Banca d Italia 29 luglio 2009) SEZIONE I - INFORMAZIONI SU UNIONFIDI Unionfidi Piemonte Società Cooperativa di garanzie collettiva fidi è un confidi intermediario finanziario vigilato iscritto, con provvedimento della Banca d Italia

Dettagli

Le spese e gli interessi nella domanda di ammissione al passivo

Le spese e gli interessi nella domanda di ammissione al passivo Le spese e gli interessi nella domanda di ammissione al passivo NOTE: Il presente lavoro rappresenta la risultanza degli studi e delle conoscenze dell Autore, anche in considerazione del fatto che molte

Dettagli

Indice. 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO FALLIMENTARE LEZIONE XIV GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE PROF. SIMONE LABONIA Indice 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------

Dettagli

CONDOMINI MOROSI E DOPPIA PARZIARIETA NELLA RIFORMA

CONDOMINI MOROSI E DOPPIA PARZIARIETA NELLA RIFORMA ORDINE AVVOCATI TORINO COMMISSIONE SCIENTIFICA Il recupero della morosità 28 maggio 2015 CONDOMINI MOROSI E DOPPIA PARZIARIETA NELLA RIFORMA Segretario Nazionale IL RECUPERO DELLA MOROSITA art. 1129,c.9,c.c

Dettagli

LA FORZA VI COLA TE DEL CO TRATTO E GLI EFFETTI TRA LE PARTI.

LA FORZA VI COLA TE DEL CO TRATTO E GLI EFFETTI TRA LE PARTI. 1 LA FORZA VI COLA TE DEL CO TRATTO E GLI EFFETTI TRA LE PARTI. Art. 1372 c.c.: forza vincolante del contratto. Contenuto: autonomia privata + fonti di integrazione: legge (anche buona fede), usi ed equità,

Dettagli

CODICE CIVILE. Libro Sesto Della tutela dei diritti. Titolo IV Della tutela giurisdizionale dei diritti. Capo II Dell'esecuzione forzata

CODICE CIVILE. Libro Sesto Della tutela dei diritti. Titolo IV Della tutela giurisdizionale dei diritti. Capo II Dell'esecuzione forzata CODICE CIVILE Libro Sesto Della tutela dei diritti Titolo IV Della tutela giurisdizionale dei diritti Capo II Dell'esecuzione forzata Sezione I Dell'espropriazione 1 - Disposizioni generali Art. 2910.

Dettagli

Accordi di ristrutturazione dei debiti (art. 182-bis l. fall.)

Accordi di ristrutturazione dei debiti (art. 182-bis l. fall.) Accordi di ristrutturazione dei debiti (art. 182-bis l. fall.) Avv. Vittorio Lupoli 14 febbraio 2014 www.beplex.com II. GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI EX ART. 182-BIS L. FALL. Sommario: 1.

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. Capitolo 6 Misure cautelari di salvaguardia, di risanamento e di liquidazione Sommario 1. Introduzione. - 2. Le misure cautelari. - 3. Le misure di salvaguardia. - 4. Le misure di risanamento. 5. L estinzione

Dettagli

del 3 ottobre 2008 (Stato 1 gennaio 2010) Capitolo 1: Scopo, campo d applicazione e definizioni

del 3 ottobre 2008 (Stato 1 gennaio 2010) Capitolo 1: Scopo, campo d applicazione e definizioni Legge federale sui titoli contabili (Legge sui titoli contabili, LTCo) 957.1 del 3 ottobre 2008 (Stato 1 gennaio 2010) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 98 capoverso

Dettagli

SOGGETTI PASSIVI. Giurisprudenza Cass. 13.9.63 n. 2502; Cass. 6.7.84 n. 3974; Cass. 27.9.87 n. 8815; Cass. 31.7.89 n. 3565; Cass. 24.7.2003 n.

SOGGETTI PASSIVI. Giurisprudenza Cass. 13.9.63 n. 2502; Cass. 6.7.84 n. 3974; Cass. 27.9.87 n. 8815; Cass. 31.7.89 n. 3565; Cass. 24.7.2003 n. 10 SOGGETTI PASSIVI Prassi C.M. 8.10.76 n. 31/250873; R.M. 7.6.80 n. 7/441; R.M. 13.12.89 n. 460196; C.M. 10.6.93 n. 7/1106; C.M. 7.8.2000 n. 156; Ris. Agenzia delle Entrate 7.8.2002 n. 272; Ris. DRE Emilia

Dettagli

Condizioni di vendita e di consegna

Condizioni di vendita e di consegna Condizioni di vendita e di consegna Le presenti condizioni di vendita e di consegna si applicano soltanto ai commercianti, se il contratto rientra nell esercizio della loro attività commerciale, alle persone

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N. 5 del 25 Marzo 2010

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N. 5 del 25 Marzo 2010 Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N. 5 del 25 Marzo 2010 OGGETTO: OBBLIGO DI RITENUTA SULLE SOMME OGGETTO DI PIGNORAMENTO PREMESSA L articolo 15, coma 2 del decreto Legge 1 luglio

Dettagli

Associazione Notarile per l esecuzione della legge 302/98 ISTRUZIONI

Associazione Notarile per l esecuzione della legge 302/98 ISTRUZIONI Associazione Notarile per l esecuzione della legge 302/98 ISTRUZIONI 1. la nota di precisazione del credito specifica l ammontare: a) dei crediti in prededuzione; b) dei crediti in privilegio; c) dei crediti

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO operazioni di locazione finanziaria (LEASING)

FOGLIO INFORMATIVO operazioni di locazione finanziaria (LEASING) FOGLIO INFORMATIVO operazioni di locazione finanziaria (LEASING) GARANZIE Informazioni sulla società di leasing HYPO VORARLBERG LEASING S.p.A. è un intermediario finanziario con sede in: 39100 Bolzano

Dettagli

LGB s.r.l. Via Romania, N 7 35127 PADOVA Z.I. ++39 049 6989310 ++39 049 6989313

LGB s.r.l. Via Romania, N 7 35127 PADOVA Z.I. ++39 049 6989310 ++39 049 6989313 Q10 All.04 rev.00 CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE DELLE PRESENTI CONDIZIONI GENERALI 1.1 Le presenti condizioni generali di vendita (CGV) disciplinano tutti gli ordini

Dettagli

Condizioni commerciali generali (AGB)

Condizioni commerciali generali (AGB) Condizioni commerciali generali (AGB) della Knauf AMF GmbH & Co. KG per forniture e prestazioni (01/2014) (1) Campo d applicazione (1.1) Tutte le nostre offerte, accettazioni di ordini e/o tutte le forniture

Dettagli

LA FASE ESECUTIVA POST OMOLOGA DEL PIANO CONCORDATARIO

LA FASE ESECUTIVA POST OMOLOGA DEL PIANO CONCORDATARIO LA FASE ESECUTIVA POST OMOLOGA DEL PIANO CONCORDATARIO di Francesco Pedoja (Presidente del Tribunale di Pordenone) SOMMARIO: 1. La liquidazione post omologa ex art.182 L.F.. 2. I piani cd. Chiusi 3. Alcune

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

L AMBITO DI APPLICAZIONE DEL PRIVILEGIO DI CUI ALL ART. 9, COMMA 5, D.LGS. N. 123/1998: LE GARANZIE RILASCIATE DA SACE S.P.A.

L AMBITO DI APPLICAZIONE DEL PRIVILEGIO DI CUI ALL ART. 9, COMMA 5, D.LGS. N. 123/1998: LE GARANZIE RILASCIATE DA SACE S.P.A. L AMBITO DI APPLICAZIONE DEL PRIVILEGIO DI CUI ALL ART. 9, COMMA 5, D.LGS. N. 123/1998: LE GARANZIE RILASCIATE DA SACE S.P.A. di MICHELA MANCINI e TOMMASO STANGHELLINI SOMMARIO: 1. La fattispecie all esame

Dettagli

GARANZIE RICHIESTE per operazioni di finanziamento

GARANZIE RICHIESTE per operazioni di finanziamento MEDIOCREDITO TRENTINO ALTO ADIGE S.p.A. Condizioni valide al 1 dicembre 2013 GARANZIE RICHIESTE per operazioni di finanziamento INFORMAZIONI SULLA BANCA Mediocredito Trentino Alto Adige S.p.A. Albo Banche

Dettagli

AVVISO PRINCIPALI NORME DI TRASPARENZA

AVVISO PRINCIPALI NORME DI TRASPARENZA AVVISO PRINCIPALI NORME DI TRASPARENZA l avviso richiama l attenzione sui diritti e sugli strumenti di tutela previsti a favore dei clienti l avviso riguarda la trasparenza delle operazioni e dei servizi

Dettagli

O TT ESTRA Contratti_impresa_2015_2.indd 1 27/01/15 16:45

O TT ESTRA Contratti_impresa_2015_2.indd 1 27/01/15 16:45 ESTRATTO Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre RENT TO BUY ACQUISTO 221 CAPITOLO 4 Rent to buy SOMMARIO A. Conclusione del contratto... 1838 B. Funzionamento... 1861 C. Inadempimento... 1902 D. Fallimento...

Dettagli

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Corte di Cassazione, sezione terza civile, Sentenza del 7 gennaio 2004,

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

Ciascuno dei FIDUCIANTI ha diritto di chiedere l adempimento per intero delle obbligazioni nascenti dal rapporto fiduciario e l adempimento

Ciascuno dei FIDUCIANTI ha diritto di chiedere l adempimento per intero delle obbligazioni nascenti dal rapporto fiduciario e l adempimento NORME GENERALI 1) Il FIDUCIANTE ha la possibilità di modificare in ogni momento i poteri conferiti e di revocarli, nonché ha la possibilità di impartire in ogni momento istruzioni per il relativo esercizio,

Dettagli

SOMMARIO. Tabella delle abbreviazioni...

SOMMARIO. Tabella delle abbreviazioni... SOMMARIO Tabella delle abbreviazioni... XXIII 357 DIRITTO DELLE PERSONE FISICHE, DEI MINORI ED INCAPACI di ADRIANO PISCHETOLA VI.357.1 Atto di disposizione del proprio corpo relativamente alle tecniche

Dettagli

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 ART. 15 DEL D.P.R. 29 SETTEMBRE 1973, N. 601. FATTISPECIE NEGOZIALI CONTENENTI CLAUSOLE CHE INFLUISCONO SULLA DURATA DELL OPERAZIONE DI FINANZIAMENTO. PROBLEMATICHE

Dettagli

Capitolo 8 Le obbligazioni

Capitolo 8 Le obbligazioni Capitolo 8 Le obbligazioni 1. Le obbligazioni in generale; 2. Fonti delle obbligazioni; 3. I soggetti dell'obbligazione; 4. La prestazione; 4.a) La patrimonialità della prestazione; 5. I vari tipi di obbligazione

Dettagli

INDICE SOMMARIO DEL CODICE CIVILE. Titolo Preliminare Disposizioni generali. Capo 1. Sezione 1

INDICE SOMMARIO DEL CODICE CIVILE. Titolo Preliminare Disposizioni generali. Capo 1. Sezione 1 Le Leggi e la loro applicazione INDICE SOMMARIO DEL CODICE CIVILE Titolo Preliminare Disposizioni generali La legge e il diritto Applicazione delle leggi Conflitto di leggi nel tempo Conflitto di leggi

Dettagli

LIBRO II DELLE SUCCESSIONI TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI SULLE SUCCESSIONI CAPO I DELL'APERTURA DELLA SUCCESSIONE, DELLA DELAZIONE E DELL'ACQUISTO

LIBRO II DELLE SUCCESSIONI TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI SULLE SUCCESSIONI CAPO I DELL'APERTURA DELLA SUCCESSIONE, DELLA DELAZIONE E DELL'ACQUISTO LIBRO II DELLE SUCCESSIONI TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI SULLE SUCCESSIONI CAPO I DELL'APERTURA DELLA SUCCESSIONE, DELLA DELAZIONE E DELL'ACQUISTO DELL'EREDITÀ Art. 456 (Apertura della successione) La

Dettagli

Indicare il procedimento speciale richiesto nonché l oggetto della domanda di merito

Indicare il procedimento speciale richiesto nonché l oggetto della domanda di merito Indicare il procedimento speciale richiesto nonché l oggetto della domanda di merito RUOLO DEI PROCEDIMENTI SPECIALI SOMMARI 0.10.001 PROCEDIMENTO DI INGIUNZIONE ANTE CAUSAM (PROCEDIMENTI CAUTELARI ANTE

Dettagli