Istituzioni di Diritto Privato II. Indice. 1 L adempimento dell obbligazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituzioni di Diritto Privato II. Indice. 1 L adempimento dell obbligazione --------------------------------------------------------------------- 4"

Transcript

1 INSEGNAMENTO DI ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO II LEZIONE IV ADEMPIMENTO, RESPONSABILITÀ E GARANZIE PROF. GIOVANNI SABBATO

2 Indice 1 L adempimento dell obbligazione I requisiti dell adempimento: il modo dell adempimento L oggetto dell adempimento Il luogo dell adempimento Il tempo dell adempimento I soggetti dell adempimento Casi di responsabilità oggettiva Il risarcimento del danno La liquidazione del danno La liquidazione convenzionale: la clausola penale La caparra confirmatoria Le garanzie per l adempimento: garanzia generica e garanzie specifiche Le azioni a tutela del credito: la surrogatoria L azione revocatoria Il sequestro giudiziario e conservativo Il diritto di ritenzione La distinzione tra garanzie personali e reali Le garanzie reali: il pegno Il divieto di patto commissorio L ipoteca Le specie di ipoteche L iscrizione ipotecaria. Ordine e grado delle ipoteche Effetti dell ipoteca e sua estinzione di 2

3 24 I privilegi I privilegi convenzionali di 3

4 1 L adempimento dell obbligazione L obbligazione impone al debitore il dovere di eseguire una prestazione (dare, fare, non fare) a favore del creditore, eseguendo la prestazione cui è tenuto. L adempimento dell obbligazione è quindi l esecuzione della prestazione dovuta. Effetto normale dell adempimento è l estinzione dell obbligazione, con la conseguente liberazione del debitore. In materia di obbligazioni vi sono delle clausole generali da rispettare e sono: la correttezza, la buona fede e la diligenza; - la correttezza, che ai sensi dell art si impone sia al creditore che al debitore, è termine giuridico utilizzato dal legislatore in molte norme delle obbligazioni e si ritiene generalmente che esso si identifichi con il concetto di buona fede, in particolare di buona fede oggettiva, mentre quella soggettiva ha un significato ben diverso, che si identifica nella ignoranza di ledere l altrui diritto. Si tratta in tale secondo caso di uno stato soggettivo, mentre la variante oggettiva si identifica in un dovere di comportamento 1 ; - la diligenza, l articolo statuisce che il debitore deve adempiere usando la diligenza del buon padre di famiglia, usando così una espressione di chiara origine romanistica. Tale concetto si ritiene sia assimilabile a quello di diligenza media che si impone al debitore considerato di media capacità. 1 Alcuni tuttavia contestano la identità tra correttezza e buona fede oggettiva ( es. ritenendo che l una riguarda la materia contrattuale, l altra la materia extracontrattuale). 2 Tale norma fonda, come si è detto nelle nostre precedenti lezioni, la natura soggettiva della responsabilità contrattuale, almeno nei casi delle obbligazioni di mezzi. 4 di 4

5 2 I requisiti dell adempimento: il modo dell adempimento La legge stabilisce alcuni requisiti dell adempimento delle obbligazioni che riguardano il modo ; l oggetto; il luogo; il tempo. Per quanto attiene il modo, l articolo 1176 c.c. enuncia una regola generale : nell adempiere l obbligazione il debitore deve usare la diligenza del buon padre di famiglia. Cioè, per stabilire se il debitore si sia comportato come era suo dovere, si prende come termine di paragone la figura del buon padre di famiglia, cioè dell uomo medio che non eccede in diligenza, ma neppure è trascurato nei propri affari. Inoltre l obbligazione di consegnare una cosa specifica include per legge quella di custodire la cosa fino al momento della consegna. L obbligazione generica inoltre comporta l obbligo di consegnare cose di qualità non inferiore alla media. 5 di 5

6 3 L oggetto dell adempimento E la prestazione a cui il debitore è tenuto, la quale deve essere eseguita esattamente (art c.c.); da ciò deriva che : il creditore può rifiutare un adempimento parziale, salvo che la legge o gli usi dispongano diversamente ( una eccezione a questa regola è nella legislazione sulla cambiale e sugli assegni) il creditore può rifiutare una prestazione diversa da quella dovuta anche se di maggior valore. Qualora il creditore accetti la sostituzione, l obbligazione si estingue quando la diversa prestazione è eseguita. In questa ipotesi si dice che vi è stata prestazione in luogo dell adempimento chiamata tradizionalmente datio in solutum o dazione in pagamento (art. 1197) 3. 3 L istituto della datio in solutum si differenzia dalla obbligazione facoltativa, esaminata nelle precedenti lezioni, in quanto in tale secondo caso il debitore ha originariamente la facoltà di adempiere una prestazione diversa da quella dedotta in obbligazione. 6 di 6

7 4 Il luogo dell adempimento E riconosciuto un valore preminente alla volontà delle parti, le quali possono, nell atto che dà vita all obbligazione, stabilire DOVE la prestazione debba venire eseguita. Se il luogo dell adempimento non è determinato dall accordo delle parti, né dagli usi, né dalle circostanze del rapporto, si applicano le norme del c.c. (art. 1182), secondo cui : le obbligazioni di consegnare una cosa certa e determinata devono essere adempiute nel luogo in cui si trovava la cosa quando l obbligazione è sorta ; le obbligazioni pecuniarie devono essere adempiute presso il domicilio del creditore; se questo è diverso al momento della scadenza da quello che egli aveva quando è sorta l obbligazione, rendendo gravoso l adempimento, il debitore, previa dichiarazione al creditore, ha diritto di eseguire il pagamento al proprio domicilio. tutte le obbligazioni di altra specie devono essere adempiute al domicilio del debitore. 7 di 7

8 5 Il tempo dell adempimento L articolo 1183 stabilisce che l obbligazione deve essere adempiuta alla scadenza, se vi è un termine; diversamente il creditore può esigere che la prestazione venga eseguita immediatamente. Qualora in virtù degli usi o per la natura della prestazione o per altre circostanze, non si possa pretendere l esecuzione immediata, il termine, in mancanza di accordo delle parti, sarà stabilito dal giudice. Il termine può essere: a favore del debitore a favore esclusivo del creditore a favore di entrambe le parti. Quando per l adempimento è fissato un termine, se non risulta diversamente, questo si presume stabilito a favore del debitore, per consentirgli un margine di tempo sufficiente a predisporre quanto occorre per l adempimento. Questo significa che il debitore può, se vuole, adempiere anche prima della scadenza, mentre il creditore non potrà pretendere l adempimento se non dopo la scadenza. Il termine può anche essere a favore esclusivo del creditore ( es. la custodia di una cosa ) : in tale ipotesi il creditore può esigere la prestazione prima della scadenza, mentre il debitore non potrà prima di tale scadenza pretendere di adempiere. Il termine può essere stabilito a favore di entrambe le parti ( es. prestito di danaro a interesse ) : in questo caso né il debitore ha facoltà di adempiere prima della scadenza, né il creditore può esigerlo. Anche se il termine è stabilito a favore del debitore, il creditore può esigere immediatamente la prestazione se il debitore è divenuto insolvente o ha diminuito per fatto proprio le garanzie che aveva dato o non ha dato le garanzie che aveva promesso. I termini si computano secondo il calendario, non si calcola il giorno iniziale del termine mentre si calcola quello finale. Se il giorno di scadenza è festivo il termine è prorogato di diritto al giorno seguente non festivo, salva diversa pattuizione. Il termine quindi è detto TERMINE DI ADEMPIMENTO, in quanto riguarda il momento in cui l obbligazione deve essere adempiuta, da non confondere con il termine riguardante il momento dal quale o fino al quale il negozio giuridico produce i suoi effetti (cd. termine di efficacia). 8 di 8

9 Si ricordi infine che le spese del pagamento (spese eventuali di trasporto, imposizioni fiscali) sono a carico del debitore ex art Il debitore ha diritto di ottenere a sue spese, una quietanza che attesti l avvenuto pagamento. Il debitore ha inoltre diritto che il creditore consenta alla liberazione dei beni dalle garanzie ( es. ipoteca ) date per il credito. 9 di 9

10 6 I soggetti dell adempimento Soggetti dell adempimento sono: l autore e il destinatario. Autore dell adempimento è normalmente lo stesso debitore, ma l obbligazione può essere adempiuta da un terzo (adempimento del terzo), anche contro la volontà del creditore, se questi non ha interesse a che il debitore esegua personalmente la prestazione, ossia se si tratta di un obbligazione fungibile. Il creditore può altresì rifiutare l adempimento di un terzo, il quale si sia offerto spontaneamente di pagare il debito, qualora il debitore gli abbia manifestato la propria opposizione. In tale ipotesi tuttavia il creditore è libero di ricevere l adempimento del terzo se vi abbia interesse (art. 1180). Diverso dall adempimento del terzo è l ipotesi in cui il debitore, nell adempiere l obbligazione, si valga dell opera di terzi (cd. ausiliari). L art c.c. ammette ciò, che però è comunque da escludere se la prestazione debba essere eseguita personalmente dal debitore. In capo al debitore non è richiesta, ex art. 1191, alcuna capacità in quanto l adempimento è un atto dovuto, quindi inidoneo a produrre un indebito effetto svantaggioso nella sfera del solvens. Si discute in particolare se l adempimento sia negozio giuridico o mero atto giuridico, opinione questa da preferire alla luce dello stesso articolo 1191 c.c. già citato che esclude il requisito della capacità (di agire, nonché di intendere e di volere) per la validità dell adempimento 5. L opinione contraria fa leva invece sulla necessità del cosiddetto animus solvendi (volontà di adempiere) necessaria per imputare il pagamento ad una determinata obbligazione. Fa eccezione in ogni caso l adempimento delle obbligazioni naturali cui sicuramente è da riconoscere natura negoziale 6. Destinatario del pagamento è il creditore in persona o il suo rappresentante, oppure una persona da lui designata (es. l esattore) o autorizzata a ricevere dalla legge (es. curatore fallimentare) o dal giudice. Il pagamento fatto a chi non era legittimato a riceverlo libera il debitore solo se il creditore lo ratifica o se ne ha approfittato (essendo in mala fede). 5 La ragione per cui il legislatore non richiede alcuna capacità in capo al solvens, si deve al fatto che dall adempimento, siccome atto dovuto, non può derivare alcuna danno nella sua sfera giuridica. 6 Alcuni, nell ambito della tesi cd. eclettica, affermano la distinzione l adempimento in genere, da valutarsi quale atto dovuto, l adempimento di particolari obbligazioni che richiedono in fase di esecuzione l esercizio della facoltà di scelta (si pensi al potere di scelta nelle obbligazioni alternative o all atto di specificazione nelle obbligazioni generiche) 10 di 10

11 Inoltre libera il debitore nel caso del pagamento al creditore apparente previsto dall articolo 1189 c.c. laddove è detto il debitore che esegue il pagamento a chi appare legittimato a riceverlo in base a circostanze univoche è liberato se prova di essere stato in buona fede (es. di pagamento al creditore apparente è il caso in cui il debitore paghi a chi risulta erede del creditore defunto in forza di un testamento del quale non si è ancora scoperta la nullità). Diversamente, al debitore, se non rientra in questi casi, si potrà richiedere nuovamente il pagamento da parte del creditore. Per quanto attiene la posizione del creditore è richiesta la capacità di intendere e di volere. Il pagamento fatto al creditore incapace infatti estingue le obbligazioni nei limiti in cui esso si risolva a suo vantaggio. 11 di 11

12 7 Casi di responsabilità oggettiva Per far sorgere la responsabilità contrattuale del debitore occorre che l inadempimento gli sia imputabile a titolo di dolo o di colpa; vi sono però dei casi in cui il nostro ordinamento pone a carico del debitore, l obbligo di risarcire il danno nonostante la prestazione sia divenuta impossibile per causa a lui non imputabile. In questi casi il debitore è ritenuto responsabile dell inadempimento nonostante possa dimostrare che esso è stato causato da caso fortuito o forza maggiore. Si parlerà di responsabilità oggettiva, che sta a significare che sorge responsabilità contrattuale per il fatto oggettivo dell inadempimento, quando non è ammessa la prova liberatoria da parte del debitore. L ordinamento stabilisce pochi casi, essi sono : obbligazioni generiche, in virtù del principio secondo il quale il genere non perisce mai, in questo caso è sempre possibile per il debitore procurarsi altre cose dello stesso genere con le quali adempiere. obbligazioni in caso a soggetti imprenditori di detenzione e custodia di cose di proprietà dei clienti ( es. delle cose portate in albergo dal cliente ne risponde l albergatore ) ipotesi in cui il debitore si sia avvalso, per adempiere, di un ausiliario o dipendente. 12 di 12

13 8 Il risarcimento del danno Il debitore che non esegue esattamente la prestazione dovuta è tenuto al risarcimento del danno, se non prova che l inadempimento o il ritardo è stato determinato da impossibilità della prestazione derivante da causa a lui non imputabile. Il risarcimento del danno consiste di regola nel versare al creditore una somma di denaro, che equivale alla prestazione non eseguita e lo soddisfi in via sostitutiva. Vi è da dire che non sempre l inadempimento porta alla conseguenza che il creditore debba rinunciare alla prestazione e appagarsi della somma di denaro : poiché vi è il VINCOLO GIURIDICO che lega il debitore al creditore, il creditore ha pure il diritto di ottenere, dove è possibile, che la prestazione dovuta venga eseguita coattivamente. La legge assoggetta il debitore in caso di inadempimento per causa a lui imputabile a due tipi di sanzioni : 1) l adempimento coattivo in forma specifica, quando sia possibile ( art e ss. ). L adempimento coattivo in forma specifica è ammesso solamente in quanto la prestazione possa essere procurata al creditore anche senza il concorso del debitore, e cioè : a) se non è adempiuta un obbligazione di dare una cosa determinata il creditore può ottenere che il debitore sia condannato a consegnare ( se si tratta di mobile ) o rilasciare ( se si tratta di immobile) la cosa, e che la consegna o il rilascio vengono poi eseguiti coattivamente a mezzo di ufficiale giudiziario ( art ) e le spese sono a carico del debitore. b) se non è adempiuta un obbligazione di fare, il creditore può ottenere che la cosa sia fatta a spese del debitore se si tratta di obbligazioni fungibili. c) se non è adempiuta un obbligazione di non fare, il creditore può ottenere che la cosa sia disfatta a spese del debitore, e che non pregiudichi l economia nazionale. c.c.). Inoltre è previsto l adempimento coattivo dell obbligo di concludere un contratto (art ) Il risarcimento del danno per equivalente. In caso di inadempimento ( o ritardo ) imputabile al debitore, il creditore può agire per ottenere il risarcimento per equivalente, ossia una somma di denaro equivalente al valore dell adempimento. Il risarcimento del danno per equivalente deve comprendere sia il danno emergente, cioè la perdita subita dal creditore, sia il lucro cessante, ossia il profitto che il creditore avrebbe potuto conseguire se l obbligazione fosse adempiuta. 13 di 13

14 Il danno emergente e il lucro cessante sono da risarcire nei limiti in cui siano conseguenza immediata e diretta dell inadempimento. Se l inadempimento ( o il ritardo ) dipende da colpa del debitore il risarcimento è limitato al danno che poteva prevedersi nel tempo in cui è sorta l obbligazione, mentre se dipende da dolo comprende sia il danno prevedibile che quello imprevedibile. 14 di 14

15 9 La liquidazione del danno Il risarcimento del danno per equivalente presuppone che il danno sia stato liquidato. Liquidare il danno significa stabilire l ammontare preciso della somma che dovrà essere versata al creditore a titolo di risarcimento. La liquidazione può essere giudiziale, legale o volontaria. La liquidazione giudiziale è fatta dal giudice in seguito ad azione promossa dal creditore nei confronti del debitore inadempiente. L esistenza del danno deve essere provata dal creditore, come pure il suo ammontare 7. Nel caso in cui il creditore non riesca a provare l esatto ammontare del danno subìto, questo è liquidato dal giudice con valutazione equitativa (1226). Se a provocare il danno ha concorso un comportamento colposo del creditore (1227), la somma da risarcire viene diminuita in proporzione alla entità della colpa e alle relative conseguenze ( cd. concorso del fatto colposo del creditore ). Non saranno risarciti i danni che sono da imputare esclusivamente al creditore, ossia i danni che questi avrebbe potuto evitare usando la ordinaria diligenza. Se prima della mora erano dovuti interessi in misura superiore a quelli legali, gli interessi moratori sono dovuti nella stessa misura. La liquidazione legale, cioè quella prevista direttamente dalla legge, non esclude che il creditore, il quale dimostri di aver subìto un danno maggiore, possa ottenere l ulteriore risarcimento in via giudiziale. È possibile solo quando gli interessi moratori siano dovuti nella misura legale, non quando siano dovuti interessi moratori convenzionali. 7 Si ricordi che la liquidazione legale del danno è disposta nelle obbligazioni pecuniarie nel senso che dal giorno in cui il debitore è in mora sono dovuti gli interessi ( detti moratori ), al tasso legale, anche se non erano dovuti precedentemente e anche se il creditore non prova di aver sofferto il danno. 15 di 15

16 10 La liquidazione convenzionale: la clausola penale Si può verificare che, al momento del sorgere dell obbligazione, le parti abbiano previsto l eventualità dell inadempimento e allo scopo di evitare una futura controversia, abbiano già fissato l ammontare del risarcimento del danno. Ciò è possibile solo con riferimento a obbligazioni derivanti da un contratto. Questo caso configura la liquidazione volontaria o convenzionale del danno, che può avvenire mediante clausola penale o caparra confirmatoria. La clausola penale (1382) è una clausola accessoria del contratto, con la quale si determina la prestazione (consistente, di solito, nel pagamento di una somma di danaro ), che, in caso di inadempimento o di ritardo, uno dei contraenti dovrà eseguire a titolo di risarcimento. La clausola penale ha quindi un duplice effetto : 1. di limitare il risarcimento alla prestazione stabilita, il creditore pertanto non può pretendere un maggiore risarcimento, dimostrando di aver subito un danno più elevato, a meno che non sia stata convenuta la risarcibilità del danno ulteriore ; 2. di esonerare il creditore dalla prova del danno, per cui egli ha diritto a riscuotere la penale, anche nel caso in cui non abbia sofferto alcun danno o abbia sofferto un danno inferiore all ammontare della penale. La penale può essere diminuita equamente dal giudice, se l obbligazione principale è stata eseguita in parte e l ammontare della penale è manifestamente eccessivo 8. Si discute in dottrina circa la natura giuridica della clausola penale, sostenendo alcuni la tesi della clausola accessoria, altri dello schema negoziale autonomo 9. 8 Il creditore non può domandare insieme la prestazione principale e la penale, salvo che la penale non sia stata stipulata per il semplice ritardo, in questo caso il debitore che non abbia adempiuto tempestivamente, è tenuto a entrambe le prestazioni. 9 Conseguenza di questa seconda tesi è che, in caso di inadempimento dell obbligazione principale, il creditore avrebbe comunque la facoltà di decidere se richiedere il risarcimento del danno o far applicare la penale. Al contrario, se si opta per la tesi dell accessorietà, la nullità dell'obbligazione principale rende nulla, per difetto di causa, la clausola penale, la quale non può neppure operare in difetto del presupposto, ossia dell inadempimento dell obbligazione principale Né la clausola può sopravvivere quando il rapporto obbligatorio sia rimasto privo di effetto per il mancato avveramento della condizione a cui era subordinato (in tal senso, F.Roselli, in AA.VV., Gli effetti del contratto, Torino, 2002, p. 578). Secondo la giurisprudenza (C.Cassazione , n. 6561) la clausola penale è una pattuizione accessoria inserita in un più ampio regolamento di interessi contrattuale. 16 di 16

17 11 La caparra confirmatoria La caparra confirmatoria 10 consiste in una somma di danaro (o più raramente in una certa quantità di cose fungibili) che una parte dà all altra, a tale titolo, al momento della conclusione del contratto. Con la caparra confirmatoria vi è una prestazione immediata, mentre con la clausola penale vi è soltanto una promessa di prestazione. La caparra confirmatoria si intende data per confermare l adempimento del contratto. Se una delle parti non adempie, l altra parte può a sua scelta : appagarsi dell importo della caparra a titolo di risarcimento del danno. In tal caso se inadempiente è colui che ha dato la caparra, questi la perderà a favore dell altra parte ; se inadempiente è invece colui che ha ricevuto la caparra, questi dovrà restituire all altra parte il doppio di quanto aveva ricevuto ; domandare l esecuzione o lo scioglimento del contratto e la liquidazione giudiziale del danno, dando la dimostrazione dell effettiva esistenza del contratto e del suo ammontare secondo le norme generali ( art c.c. ) La facoltà di recedere dal contratto deve essere espressamente pattuita, nel silenzio delle parti, la caparra deve intendersi confirmatoria. Discussa è la natura giuridica dell istituto, affermandosi volta per volta che si tratta di un mero atto giuridico, di un patto accessorio al pari della clausola penale, di un negozio bilaterale accessorio. 10 Esiste un altro tipo di caparra detta caparra penitenziale che differisce dalla caparra confirmatoria nelle finalità, essa viene pattuita non per il caso di inadempimento (o di ritardo nell adempimento) dell obbligazione per rafforzare il vincolo contrattuale, ma è il diritto di sciogliersi dal vincolo contrattuale per una o per entrambe le parti (diritto di recesso dal contratto). 17 di 17

18 12 Le garanzie per l adempimento: garanzia generica e garanzie specifiche Per assicurare il soddisfacimento delle ragioni dei creditori, sia rispetto all obbligazione originaria, sia a quella di risarcire il danno, la legge dispone delle garanzie. A tal proposito la legge afferma il principio della responsabilità patrimoniale, per il quale il debitore risponde dell adempimento delle obbligazioni con tutti i suoi beni presenti e futuri. In conseguenza di questo principio (responsabilità patrimoniale) viene data facoltà ai creditori, in caso di inadempimento, di agire mediante apposita procedura giudiziaria, sopra i singoli elementi del patrimonio del debitore, per ottenere su di essi (a mezzo assegnazione o vendita) l equivalente dell adempimento. Il patrimonio del debitore viene a costituire la garanzia generica, che assiste tutti i creditori. La legge regola alcune garanzie specifiche, che assicurano a determinati creditori una prelazione, cioè una preferenza, rispetto agli altri su singoli beni ( privilegio, pegno, ipoteca ); inoltre la legge consente che le obbligazioni siano garantite da terze persone, con la costituzione di garanzie personali ( fideiussione, mandato di credito, avallo ). Per assicurare il mantenimento della consistenza patrimoniale del debitore, la legge offre ai creditori mezzi idonei, che prendono il nome di mezzi di conservazione della garanzia patrimoniale. I mezzi di conservazione della generica garanzia patrimoniale sono : l azione surrogatoria, l azione revocatoria, il sequestro conservativo e il diritto di ritenzione. 18 di 18

19 13 Le azioni a tutela del credito: la surrogatoria Sono disciplinate nel libro VI del codice civile intitolato della tutela dei diritti e si identificano nell azione surrogatoria e nell azione revocatoria. Se il debitore trascura i suoi interessi patrimoniali, astenendosi dall esercitare diritti ed azioni che gli spettano verso terzi, è evidente che da ciò può derivare un danno al suo patrimonio e, per conseguenza, un indebolimento della garanzia del credito. A tutela del creditore la legge predispone, per tale eventualità, l azione surrogatoria, che pertanto trova il suo presupposto nell inerzia del debitore nell esercitare un diritto o una facoltà ascrivibile al suo patrimonio. Mediante l azione surrogatoria il creditore, per assicurare che siano soddisfatte o conservate le sue ragioni, esercita i diritti e le azioni di contenuto patrimoniale che spettano verso i terzi al proprio debitore e che questi trascura di esercitare. Non può invece, per evidente mancanza di interesse, esercitare diritti e azioni di contenuto non patrimoniale ( ad es. il disconoscimento della paternità ) e nemmeno può esercitare diritti ed azioni che, per loro natura ( ad es. il credito alimentare ) o per disposizione di legge ( ad es. l uso e l abitazione ), non possono essere esercitati se non dal loro titolare. Il creditore però può surrogarsi solo entro i limiti del suo credito 11 e in ordine a singoli atti. Il creditore, mediante l azione surrogatoria, può analogamente riscuotere crediti spettanti al debitore, può esercitare azione di rivendicazione su beni di proprietà del debitore posseduti da terzi. In ogni caso, chi si serve dell azione surrogatoria reintegra il patrimonio a vantaggio di tutti i creditori. Il concetto di rappresentanza va distinto da quello di sostituzione, che si configura attraverso l azione surrogatoria, in quanto il primo implica che il rappresentante persegue l interesse del rappresentato, il secondo configurabile proprio nel caso dell azione surrogatoria, si caratterizza per il fatto che il sostituto persegue un interesse proprio e non quello del sostituito. 11 Supponiamo che il debitore abbia venduto con patto di riscatto un immobile, che è poi aumentato di valore. Egli potrebbe riscattarlo, ma se ne astiene (se lo riscattasse, il creditore ne promuoverebbe immediatamente la vendita forzata per soddisfare il proprio credito), in tale situazione la legge consente che il creditore, mediante l azione surrogatoria, eserciti il diritto del debitore, cioè riscatti in sua vece l immobile. 19 di 19

20 14 L azione revocatoria Accade talvolta che il debitore, al fine di sottrarre i suoi beni alla garanzia (generica) del credito, trasferisca ad altri la titolarità del diritto sopra i medesimi. Può darsi che si tratti di una semplice finzione messa in atto ai danni del creditore, con la complicità di un terzo, che diventa solo l apparente titolare del diritto; si rientra in questo caso nell ambito della fattispecie del negozio giuridico simulato, e tale simulazione il creditore del finto alienante potrà far valere, al fine di salvaguardarsi dal pregiudizio che ne deriva. Può darsi al contrario che sia stata conclusa un effettiva alienazione e ricorra perciò non la figura del negozio simulato, ma quella del negozio in frode ai creditori, al quale il creditore può ovviare mediante l azione revocatoria. Mediante l azione revocatoria ordinaria ( detta anche pauliana, con denominazione derivata dal diritto romano ) il creditore fa dichiarare inefficaci nei suoi confronti gli atti di disposizione del patrimonio, con i quali il debitore ha recato pregiudizio alle sue ragioni. L azione può essere esercitata anche se il credito è soggetto a condizione o a termine. Presupposti fondamentali dell azione revocatoria sono : l effettivo pregiudizio derivante dall atto di disposizione alla garanzia del credito, giustificano perciò l esercizio dell azione surrogatoria tutti gli atti di alienazione a titolo oneroso o gratuito ( vendite, donazioni) e anche le concessioni di garanzie specifiche ( pegni, ipoteche ) a determinati creditori, poiché sottraggono i beni che ne sono oggetto alla garanzia comune di tutti i creditori. Occorre però che per causa di tali atti una ragione di credito rischi di rimanere insoddisfatta. la consapevolezza da parte del debitore del pregiudizio che l atto arreca alle ragioni del creditore, ovvero, se trattasi di atto anteriore al sorgere del credito, la dolosa preordinazione dell atto stesso al fine di pregiudicare il soddisfacimento del credito ; inoltre se si tratta di atto a titolo oneroso, la consapevolezza anche da parte del terzo del pregiudizio che l atto arreca alle ragioni del creditore o, nel caso di atto 20 di 20

REGIONE PIEMONTE ISTITUZIONE PRIVILEGIO EX ART. 4 C. 5 L. 49/1985

REGIONE PIEMONTE ISTITUZIONE PRIVILEGIO EX ART. 4 C. 5 L. 49/1985 REGIONE PIEMONTE ISTITUZIONE PRIVILEGIO EX ART. 4 C. 5 L. 49/1985 INDICE-SOMMARIO 1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO. 2. LE GARANZIE PREVISTE DAL NOSTRO ORDINAMENTO. 2.1 Privilegi 2.2 Garanzie reali 3. LE GARANZIE

Dettagli

DIRITTO PRIVATO DIRITTO PRIVATO. Prof. Raffaele Tuccillo. Anno accademico 2014/2015 II semestre Pubblicità e diritti reali di garanzia

DIRITTO PRIVATO DIRITTO PRIVATO. Prof. Raffaele Tuccillo. Anno accademico 2014/2015 II semestre Pubblicità e diritti reali di garanzia DIRITTO PRIVATO DIRITTO PRIVATO Prof. Raffaele Tuccillo Anno accademico 2014/2015 II semestre Pubblicità e diritti reali di garanzia Pubblicità La PUBBLICITÀ è il sistema predisposto dal legislatore per

Dettagli

Art. 2901 - Condizioni

Art. 2901 - Condizioni Art. 2901 - Condizioni [I]. Il creditore, anche se il credito è soggetto a condizione o a termine, può domandare che siano dichiarati inefficaci nei suoi confronti gli atti di disposizione del patrimonio

Dettagli

Legge 347/1990 IMPOSTA IPOTECARIA E CATASTALE. Ipotecaria si paga se c è trascrizione o annotazione nei RR II

Legge 347/1990 IMPOSTA IPOTECARIA E CATASTALE. Ipotecaria si paga se c è trascrizione o annotazione nei RR II IMPOSTA IPOTECARIA E CATASTALE Legge 347/1990 Ipotecaria si paga se c è trascrizione o annotazione nei RR II (ma fissa se non c è trasferimento, o iva, prima casa..) Catastale -> se c è voltura Es Servitù

Dettagli

FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.)

FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.) FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.) COSTITUZIONE AMMINISTRAZIONE EFFICACIA OPPONIBILITA REVOCATORIA CESSAZIONE REGIME FISCALE DOTT.SSA ALESSANDRA DE LEONARDIS OBIETTIVI DEL FONDO CONCETTO DI FAMIGLIA

Dettagli

INDICE-SOMMARIO IL GIUDIZIO DI RESPONSABILITÀ

INDICE-SOMMARIO IL GIUDIZIO DI RESPONSABILITÀ INDICE-SOMMARIO L indice analitico generale dell intero trattato è reperibile, sempre aggiornato, sul nostro sito www.giuffre.it tra gli allegati del volume Diritto Civile - Volume VII e raggiungibile

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO NORMATIVA DI RIFERIMENTO CODICE CIVILE - LIBRO SESTO/TITOLO IV TITOLO IV DELLA TUTELA GIURISDIZIONALE DEI DIRITTI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 2907 ATTIVITÀ GIURISDIZIONALE Alla tutela giurisdizionale

Dettagli

Istituzioni di diritto privato corso L -Z

Istituzioni di diritto privato corso L -Z UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA Istituzioni di diritto privato corso L -Z anno accademico 2010/2011 secondo semestre - seconda parte SCHEMI LEZIONI 4 Prof. Avv. Laura Cavandoli

Dettagli

Indice. 1 La rappresentanza ---------------------------------------------------------------------------------------3

Indice. 1 La rappresentanza ---------------------------------------------------------------------------------------3 INSEGNAMENTO DI ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO I LEZIONE IX IL NEGOZIO GIURIDICO (PARTE II) PROF. DOMENICO RUGGIERO Indice 1 La rappresentanza ---------------------------------------------------------------------------------------3

Dettagli

RAPPRESE TA ZA (diretta) Artt. 1387 ss.

RAPPRESE TA ZA (diretta) Artt. 1387 ss. 1 RAPPRESE TA ZA (diretta) Artt. 1387 ss. Regola: coincidenza tra soggetto (parte) in senso formale (autore dell atto) e soggetto (parte) in senso sostanziale (sulla sfera giuridica del quale si producono

Dettagli

QUIZ DIRITTO CIVILE. 1) Quale fra i seguenti è un diritto imprescrittibile?

QUIZ DIRITTO CIVILE. 1) Quale fra i seguenti è un diritto imprescrittibile? QUIZ DIRITTO CIVILE 1) Quale fra i seguenti è un diritto imprescrittibile? A [*] La proprietà B [ ] L usufrutto; C [ ] Il pegno. 2) A quale distanza minima devono essere tenute le costruzioni su fondi

Dettagli

CODICE CIVILE. Libro Sesto Della tutela dei diritti. Titolo IV Della tutela giurisdizionale dei diritti. Capo II Dell'esecuzione forzata

CODICE CIVILE. Libro Sesto Della tutela dei diritti. Titolo IV Della tutela giurisdizionale dei diritti. Capo II Dell'esecuzione forzata CODICE CIVILE Libro Sesto Della tutela dei diritti Titolo IV Della tutela giurisdizionale dei diritti Capo II Dell'esecuzione forzata Sezione I Dell'espropriazione 1 - Disposizioni generali Art. 2910.

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Garanzie del creditore

Garanzie del creditore Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre GARANZIE DEL CREDITORE 799 Garanzie del creditore SOMMARIO Sez. 1 - Fideiussione... 5909 A. Conclusione della fideiussione... 5914 B. Funzionamento... 5965 C. Estinzione...

Dettagli

Parte Prima LE OBBLIGAZIONI

Parte Prima LE OBBLIGAZIONI INDICE SOMMARIO Parte Prima LE OBBLIGAZIONI Capitolo I Le obbligazioni 1. La nozione di obbligazione.... 3 2. Le obbligazioni naturali.... 8 3. Complementarità e complessità delle posizioni... 10 4. La

Dettagli

Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo

Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo Tribunale di prato, 30 settembre 2014. Presidente relatore Maria Novella Legnaioli. Concordato preventivo - Cessione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

DISPOSIZIONI DEL CODICE CIVILE (Libro I, Titolo II, Capo II)

DISPOSIZIONI DEL CODICE CIVILE (Libro I, Titolo II, Capo II) DISPOSIZIONI DEL CODICE CIVILE (Libro I, Titolo II, Capo II) CODICE CIVILE Artt. 14-42 CAPO II Delle associazioni e delle fondazioni Art. 14. Atto costitutivo Art. 15.Revoca dell atto costitutivo della

Dettagli

LEZIONE 4 DICEMBRE 2013

LEZIONE 4 DICEMBRE 2013 LEZIONE 4 DICEMBRE 2013 Società in nome collettivo ( s.n.c. ) La società in nome collettivo (s.n.c.) costituisce il modello di organizzazione societaria che si presume normalmente adottato per l esercizio

Dettagli

LA FORZA VI COLA TE DEL CO TRATTO E GLI EFFETTI TRA LE PARTI.

LA FORZA VI COLA TE DEL CO TRATTO E GLI EFFETTI TRA LE PARTI. 1 LA FORZA VI COLA TE DEL CO TRATTO E GLI EFFETTI TRA LE PARTI. Art. 1372 c.c.: forza vincolante del contratto. Contenuto: autonomia privata + fonti di integrazione: legge (anche buona fede), usi ed equità,

Dettagli

Relatore: Avv. Maria Chiara CESARANI Moderatore: Avv. Roberta DI MAGGIO

Relatore: Avv. Maria Chiara CESARANI Moderatore: Avv. Roberta DI MAGGIO Relatore: Avv. Maria Chiara CESARANI Moderatore: Avv. Roberta DI MAGGIO Inquadramento Concettuale Il diritto, derivante dal latino rectus, indica la conformità ad un modello di cosa o di azione stabilita

Dettagli

I TITOLI DI CREDITO rapporto fondamentale rapporto cartolare La sicurezza Articoli fondamentali sui titoli di credito 1992 1993 1994

I TITOLI DI CREDITO rapporto fondamentale rapporto cartolare La sicurezza Articoli fondamentali sui titoli di credito 1992 1993 1994 I TITOLI DI CREDITO La cessione ordinaria del credito è poco efficiente a causa delle eccezioni che il debitore ceduto può eccepire al creditore cessionario relativamente alle eccezioni che avrebbe potuto

Dettagli

6 IL TRASFERIMENTO DEI BENI AZIENDALI

6 IL TRASFERIMENTO DEI BENI AZIENDALI 6 IL TRASFERIMENTO DEI BENI AZIENDALI L IMPRESA è L ATTIVITA SVOLTA DALL IMPRENDITORE IN MODO PROFESSIONALE ED ORGANIZZATO DIVERSO è IL CONCETTO DI AZIENDA AZIENDA COMPLESSO DI BENI ORGANIZZATI DALL IMPRENDITORE

Dettagli

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4 FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI. L ESPERIBILITÀ DELL AZIONE

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario CIRCOLARE N. 28/E Settore Fiscalità Generale e Indiretta Roma, 27 marzo 2008 OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario 2 1. Premessa 3 2. Il nuovo ambito

Dettagli

A tutela dei creditori del de cuius A tutela dei creditori del debitore chiamato A tutela degli uni e/o degli altri

A tutela dei creditori del de cuius A tutela dei creditori del debitore chiamato A tutela degli uni e/o degli altri Corso di formazione Le successioni mortis causa! "#$%&$' A tutela dei creditori del de cuius A tutela dei creditori del debitore chiamato A tutela degli uni e/o degli altri 1) actio interrogatoria 2) impugnazione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO GARANZIE RICEVUTE INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO

FOGLIO INFORMATIVO GARANZIE RICEVUTE INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO INFORMAZIONI SULLA BANCA CENTROMARCA BANCA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa - Iscritta all albo delle Società Cooperative n. A166229 Sede legale: via D. Alighieri, 2-31022 Preganziol (TV) Tel: 0422/6316

Dettagli

Il fondo patrimoniale

Il fondo patrimoniale Paolo Tonalini Notaio Il fondo patrimoniale Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Pavia in collaborazione con Banca Generali Relazione al Convegno del 6 marzo 2015 NOTAIO PAOLO

Dettagli

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE DPR 131/86 1 Prassi C.M. 11.7.91 n. 37; Circ. Agenzia delle Entrate 22.1.2008 n. 3 Giurisprudenza Cass. 5.2.90 n. 1963

Dettagli

4. Cosa può essere oggetto di conferimento nella s.p.a.? Disciplina dei conferimenti in denaro e dei conferimenti di beni in natura o crediti.

4. Cosa può essere oggetto di conferimento nella s.p.a.? Disciplina dei conferimenti in denaro e dei conferimenti di beni in natura o crediti. Le società di capitali 89 anche se non iscritte, vengono ad esistenza pur assumendo la condizione di società irregolari. In particolare, la società in nome collettivo non registrata è irregolare per tutto

Dettagli

Prefazione... 1.1 Introduzione al contratto di vendita... 3

Prefazione... 1.1 Introduzione al contratto di vendita... 3 INDICE Prefazione... XVII I LA VENDITA 1 La vendita... 3 1.1 Introduzione al contratto di vendita... 3 2 Obbligazioni del compratore... 7 2.1 Il prezzo: aspetti generali e modalità di adempimento... 7

Dettagli

LA SURROGA DELL ASSICURATORE

LA SURROGA DELL ASSICURATORE LA SURROGA DELL ASSICURATORE L ASSICURATORE CHE HA PAGATO L INDENNITÀ È SURROGATO, FINO ALLA CONCORRENZA DELL AMMONTARE DI ESSA NEI DIRITTI DELL ASSICURATO VERSO I TERZI RESPONSABILI. (Art. 1916 C.C.)

Dettagli

Dr.ssa Marina Pesarin, Notaio in Livorno. - Vendita con ipoteca legale o fidejussione a garanzia del saldo prezzo;

Dr.ssa Marina Pesarin, Notaio in Livorno. - Vendita con ipoteca legale o fidejussione a garanzia del saldo prezzo; Dr.ssa Marina Pesarin, Notaio in Livorno - Vendita con ipoteca legale o fidejussione a garanzia del saldo prezzo; - Vendita con riserva di proprietà e con condizione di adempimento/indempimento (cd: buy

Dettagli

SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE

SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE Situazioni giuridiche soggettive - dispense 1 DIRITTO PRIVATO LE SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE (dispense a cura di Carlo Dore) SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE Premesso che la principale funzione della

Dettagli

IL CONTRATTO DI AGENZIA IN GERMANIA

IL CONTRATTO DI AGENZIA IN GERMANIA IL CONTRATTO DI AGENZIA IN GERMANIA TRADUZIONE DEI 84. ss. DEL CODICE DI COMMERCIO TEDESCO (HGB) COME MODIFICATI DALLA L. 23 ottobre 1989 84. (Definizione dell agente di commercio) 1. È agente di commercio

Dettagli

IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni

IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni REGIMI PATRIMONIALI TIPICI COMUNIONE DEI BENI: disciplina della

Dettagli

COMPRAVENDITA. Facoltà di Sociologia Corso di scienze dell organizzazione Corso di Diritto Privato, anno 2009/2010 Docente: Sara D Urso

COMPRAVENDITA. Facoltà di Sociologia Corso di scienze dell organizzazione Corso di Diritto Privato, anno 2009/2010 Docente: Sara D Urso Facoltà di Sociologia Corso di scienze dell organizzazione Corso di Diritto Privato, anno 2009/2010 Docente: Sara D Urso COMPRAVENDITA D Agostino Marta Delladea Sarah Lusuardi Alice La compravendita (art

Dettagli

EFFETTI DEL CONTRATTO

EFFETTI DEL CONTRATTO 21. Effetti del contratto (lezione ampia) 1 EFFETTI DEL CONTRATTO Per effetti del contratto, intendiamo le vicende che il contratto produce con riferimento alle posizioni soggettive delle parti; o meglio:

Dettagli

LEZIONE 30 ottobre 2013

LEZIONE 30 ottobre 2013 1 LEZIONE 30 ottobre 2013 FACTORING NOZIONE > è il contratto in forza del quale il factor (cessionario), solitamente un impresa, si impegna ad acquistare da un imprenditore, per un certo periodo (cedente

Dettagli

Le normali forme di tutela del patrimonio personale adottate nel sistema economico: dal fondo patrimoniale al trust

Le normali forme di tutela del patrimonio personale adottate nel sistema economico: dal fondo patrimoniale al trust Le normali forme di tutela del patrimonio personale adottate nel sistema economico: dal fondo patrimoniale al trust Palazzo della Ragione, Verona 18 novembre 2011 Prof. Avv. Matteo De Poli Gli strumenti

Dettagli

Il dopo di noi La sostituzione fedecommissaria L usufrutto

Il dopo di noi La sostituzione fedecommissaria L usufrutto Il dopo di noi E comune, per i genitori o per il coniuge o comunque per gli stretti parenti di una persona con disabilità, la preoccupazione per l ipotesi in cui il loro familiare abbia da sopravvivere

Dettagli

CAPITOLO 2 La mediazione, la proposta di acquisto e l accettazione

CAPITOLO 2 La mediazione, la proposta di acquisto e l accettazione SOMMARIO CAPITOLO 1 - Le trattative precontrattuali 1. Fase preparatoria 1.1. Gli atti prodromici 1.2. Il recesso dalle trattative 2. L oggetto delle trattative 2.1. Dovere di informazione e pubblicità

Dettagli

Fabio Bravo. Professore Aggregato di Diritto Privato presso l Università di Bologna. Le obbligazioni

Fabio Bravo. Professore Aggregato di Diritto Privato presso l Università di Bologna. Le obbligazioni Fabio Bravo Professore Aggregato di Diritto Privato presso l Università di Bologna Le obbligazioni Parte Prima Fonti, Definizione, Cenni Storici, Struttura, Elementi Soggettivi e Oggettivi del Rapporto

Dettagli

del 10 maggio 1910 (Stato il 1 gennaio 1997)

del 10 maggio 1910 (Stato il 1 gennaio 1997) Regolamento concernente il pignoramento, il sequestro e la realizzazione di diritti derivanti da polizze d assicurazione, a termini della legge federale 2 aprile 1908 sui contratti d assicurazione (RPAss)

Dettagli

Le fasi iniziali del processo esecutivo

Le fasi iniziali del processo esecutivo Capitolo 4 Le fasi iniziali del processo esecutivo Caso 4.1 Come si procede alla stima dei beni pignorati? A norma dell art. 569, comma 1, c.p.c. il giudice nomina l esperto per procedere alla stima del

Dettagli

I Venerdì dell Avvocatura

I Venerdì dell Avvocatura Arcidiocesi di Milano Curia Arcivescovile Avvocatura I Venerdì dell Avvocatura Le successioni e le donazioni Introduzione 3 incontro 13 dicembre 2013 SUCCESSIONI La successione mortis causa rappresenta

Dettagli

LEASING NOZIONE > TIPOLOGIE > Leasing operativo:

LEASING NOZIONE > TIPOLOGIE > Leasing operativo: LEASING - NOZIONE > è il contratto con il quale una parte (concedente) concede all altra (utilizzatore) il godimento di un bene mobile o immobile, per un tempo determinato, verso corrispettivo rateale

Dettagli

FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA

FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA Il Fondo patrimoniale: profili di (in)utilità? Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta Data 02/07/2015 FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA Negozio di destinazione(costituente)

Dettagli

LE CLAUSOLE DELL ATTO DI SURROGAZIONE

LE CLAUSOLE DELL ATTO DI SURROGAZIONE LE CLAUSOLE DELL ATTO DI SURROGAZIONE di Angelo Busani,, notaio in Milano FONDAZIONE ITALIANA PER IL NOTARIATO Venezia, 17 novembre 2007 CLAUSOLE ATTO DI SURROGA - 1 LE NORME Codice civile Art. 1202 Art.

Dettagli

LA RIFORMA DEI PATTI SUCCESSORI RINUNCIATIVI

LA RIFORMA DEI PATTI SUCCESSORI RINUNCIATIVI Nota per la stampa LA RIFORMA DEI PATTI SUCCESSORI RINUNCIATIVI 1. Scopo della riforma In base all attuale testo del codice civile (art. 458) è nulla ogni convenzione con cui taluno dispone o rinuncia

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Prefazione... pag. 5

INDICE SOMMARIO. Prefazione... pag. 5 INDICE SOMMARIO Prefazione........................................................ pag. 5 Costituzione in mora del debitore 1. Lettera di convocazione per tentativo di definizione bonaria...» 21 2. Lettera

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

INDICE - SOMMARIO. Prefazione... pag. XV Introduzione...» XXIII

INDICE - SOMMARIO. Prefazione... pag. XV Introduzione...» XXIII INDICE - SOMMARIO Prefazione... pag. XV Introduzione...» XXIII CAPITOLO I: La riforma della riscossione 1. La riforma della riscossione... pag. 1 2. L agente della riscossione: Riscossione s.p.a. ed il

Dettagli

DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE Via Pietrapiana n. 53 FIRENZE AVVISO PUBBLICO

DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE Via Pietrapiana n. 53 FIRENZE AVVISO PUBBLICO DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE Via Pietrapiana n. 53 FIRENZE AVVISO PUBBLICO per la concessione di spazi dei locali destinati alla somministrazione di alimenti e bevande posti all interno del Nuovo Palazzo

Dettagli

Deviazione degli effetti a favore del terzo e donazione di beni futuri donazione (indiretta) divieto di donazione di beni futuri ex 771 c.

Deviazione degli effetti a favore del terzo e donazione di beni futuri donazione (indiretta) divieto di donazione di beni futuri ex 771 c. Deviazione degli effetti a favore del terzo e donazione di beni futuri La volontà di Caio di deviare gli effetti dell acquisto dell immobile costruendo a favore del figlio Caietto impone di verificare:

Dettagli

Datio in solutum. di Leonardo Cipriano

Datio in solutum. di Leonardo Cipriano Datio in solutum di Leonardo Cipriano La datio in solutum (dazione in pagamento o prestazione in luogo dell'adempimento ex art. 1197, co. 1 c.c.) indica la "prestazione in luogo di adempimento", cioè la

Dettagli

Editrice PROPRETARIO EX ART. 2929-BIS C.C. (DOPO IL D.L. 83/2015) Formula annotata di Giulio SPINA TRIBUNALE DI...

Editrice PROPRETARIO EX ART. 2929-BIS C.C. (DOPO IL D.L. 83/2015) Formula annotata di Giulio SPINA TRIBUNALE DI... Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 24.9.2015 La Nuova Procedura Civile, 3, 2015 Editrice ATTO DI PIGNORAMENTO IMMOBILIARE CONTRO IL TERZO PROPRETARIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Clausole e Condizioni generali dell industria Tessile Tedesca Testo del 01.01.2002

Clausole e Condizioni generali dell industria Tessile Tedesca Testo del 01.01.2002 Clausole e Condizioni generali dell industria Tessile Tedesca Testo del 01.01.2002 Queste clausole e condizioni generali sono valide esclusivamente tra commercianti 1 Luogo dell adempimento, consegna ed

Dettagli

Indice PARTE PRIMA LA TRASCRIZIONE. Capitolo I Cenni generali sulla pubblicità. 1.1. Nozione e concetti generali... 3 1.2. Tipi di pubblicità...

Indice PARTE PRIMA LA TRASCRIZIONE. Capitolo I Cenni generali sulla pubblicità. 1.1. Nozione e concetti generali... 3 1.2. Tipi di pubblicità... PARTE PRIMA LA TRASCRIZIONE Cenni generali sulla pubblicità 1.1. Nozione e concetti generali... 3 1.2. Tipi di pubblicità... 4 I Principi generali e natura della trascrizione 2.1. Nozione e cenni storici....

Dettagli

TABELLA DEGLI ATTI SOGGETTA A TRASCRIZIONE ATTI TRA VIVI 100 Atto tra vivi 101 Affrancazione 102 Anticresi 103 Assegnazione a socio di cooperativa

TABELLA DEGLI ATTI SOGGETTA A TRASCRIZIONE ATTI TRA VIVI 100 Atto tra vivi 101 Affrancazione 102 Anticresi 103 Assegnazione a socio di cooperativa TABELLA DEGLI ATTI SOGGETTA A TRASCRIZIONE ATTI TRA VIVI 100 Atto tra vivi 101 Affrancazione 102 Anticresi 103 Assegnazione a socio di cooperativa edilizia 104 Assegnazione a socio per scioglimento di

Dettagli

RECESSO DEL SOCIO DI SOCIETA DI PERSONE. A cura di Andrea Silla e Flavia Silla

RECESSO DEL SOCIO DI SOCIETA DI PERSONE. A cura di Andrea Silla e Flavia Silla RECESSO DEL SOCIO DI SOCIETA DI PERSONE A cura di Andrea Silla e Flavia Silla Generalità I soci possono recedere dalla società di persone in qualsiasi momento: se la società è a tempo indeterminato; quando

Dettagli

Lessico poco familiare

Lessico poco familiare STUDI NOTARILI APERTI Consulenze per acquistare casa in sicurezza Comprare casa senza rischi Lessico poco familiare Termine AGENTE o AGENZIA IMMOBILIARE AMMORTAMENTO CANCELLAZIONE DI IPOTECA CAPITALE CAPITOLATO

Dettagli

Associazione Notarile per l esecuzione della legge 302/98 ISTRUZIONI

Associazione Notarile per l esecuzione della legge 302/98 ISTRUZIONI Associazione Notarile per l esecuzione della legge 302/98 ISTRUZIONI 1. la nota di precisazione del credito specifica l ammontare: a) dei crediti in prededuzione; b) dei crediti in privilegio; c) dei crediti

Dettagli

soggetto partecipante propone l acquisto anche alternativo : di beni in blocco individuati; di singoli beni individuati; di un singolo bene

soggetto partecipante propone l acquisto anche alternativo : di beni in blocco individuati; di singoli beni individuati; di un singolo bene REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE IRREVOCABILI INERENTI L ACQUISTO DEI BENI INCLUSI NEL PATRIMONIO FALLIMENTARE SUDDIVISO NELLE CATEGORIE DI SEGUITO ELENCATE A) Con sentenza datata 2 agosto

Dettagli

www.gaglione.it La compravendita di beni immobili in Italia

www.gaglione.it La compravendita di beni immobili in Italia La compravendita di beni immobili in Italia Scheda A Normativa di diritto civile 1. La vendita 2. La vendita immobiliare 3. La forma del contratto 4. La conclusione del contratto 5. Il preliminare di vendita

Dettagli

CORSO PROFORM DI PREPARAZIONE AL CONCORSO PER

CORSO PROFORM DI PREPARAZIONE AL CONCORSO PER Il corso, rivolto ad avvocati, praticanti avvocati e specializzati presso le Scuole di Specializzazione per le Professioni Forensi, si articolerà in appuntamenti di approfondimento teorico ed in esercitazioni

Dettagli

TRASFERIMENTO E MUTAMENTO DI MANSIONI

TRASFERIMENTO E MUTAMENTO DI MANSIONI TRASFERIMENTO E MUTAMENTO DI MANSIONI SCUOLA FORENSE MILANO, 7 MARZO 2014 Avv. Marcello Giustiniani www.beplex.com Il mutamento del luogo di esecuzione della prestazione lavorativa 1. Il trasferimento

Dettagli

Si tratta di diritti che consentono varie forme di utilizzazione della res: Superficie Enfiteusi Usufrutto Uso Abitazione Servitù prediali.

Si tratta di diritti che consentono varie forme di utilizzazione della res: Superficie Enfiteusi Usufrutto Uso Abitazione Servitù prediali. DIRITTI REALI DI GODIMENTO SU COSA ALTRUI Funzione: attribuiscono ad un soggetto diverso dal proprietario della res alcune delle facoltà e/o dei poteri che tipicamente spettano al proprietario. Si tratta

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 59-2006/I Acquisto di quote o azioni proprie da parte di un confidi operante in forma di società cooperativa Approvato dal Gruppo di Studio Consorzi Fidi il

Dettagli

DEFINIZIONE L ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE I CONTRAENTI ELEMENTI DEL CONTRATTO L ASSOCIANTE SEGUE: ELEMENTI

DEFINIZIONE L ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE I CONTRAENTI ELEMENTI DEL CONTRATTO L ASSOCIANTE SEGUE: ELEMENTI DEFINIZIONE L ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE Relatore: dott. Francesco Barone L associazione in partecipazione è definita come un contratto attraverso il quale l associante attribuisce all associato una

Dettagli

PROCEDURE PER LA PORTABILITÀ DELL IPOTECA PER LA RINEGOZIAZIONE DEI CONTRATTI DI MUTUO

PROCEDURE PER LA PORTABILITÀ DELL IPOTECA PER LA RINEGOZIAZIONE DEI CONTRATTI DI MUTUO PROCEDURE PER LA PORTABILITÀ DELL IPOTECA E PER LA RINEGOZIAZIONE DEI CONTRATTI DI MUTUO L Associazione Bancaria Italiana ed il Consiglio Nazionale del Notariato visto l art. 8 del Dl n. 7/2007, convertito

Dettagli

Il contratto di escrow: struttura fondamentale e principali utilizzi

Il contratto di escrow: struttura fondamentale e principali utilizzi 1. Premessa Il contratto di escrow: struttura fondamentale e principali utilizzi Con il termine escrow agreement si individua una particolare figura contrattuale, derivata dall esperienza dei paesi anglosassoni,

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI INDIVIDUAZIONE DI ISTITUTO DI CREDITO PER LA CONTRAZIONE DI MUTUO CHIROGRAFARIO CON GARANZIA FIDEJUSSORIA DEL COMUNE DI SIRMIONE CAPITOLATO SPECIALE D ONERI Pagina 1 di 5 ART. 1 Oggetto dell appalto è

Dettagli

CONDIZIONI DI FINANZIAMENTO

CONDIZIONI DI FINANZIAMENTO CONDIZIONI DI FINANZIAMENTO 1. Definizioni Nell ambito delle presenti Condizioni di Finanziamento, ciascuno dei seguenti termini, quando viene scritto con l iniziale maiuscola, sia al singolare che al

Dettagli

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n.

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n. ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1): L art. 216, primo comma, n. 1, L. Fall. sanziona l imprenditore, dichiarato fallito, che prima della dichiarazione di fallimento

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

Condizioni generali di Noleggio

Condizioni generali di Noleggio Condizioni generali di Noleggio 1. Oggetto del contratto Il Contratto ha per oggetto la fornitura del servizio di noleggio di articoli di puericultura e relativi accessori (di seguito Bene o Beni ) tra

Dettagli

Le vicende della quota nelle società personali

Le vicende della quota nelle società personali Le vicende della quota nelle società personali A causa dell INTUITUS PERSONAE, nelle società di persone le variazioni nella composizione soggettiva della compagine sociale sono apprezzate come vere e proprie

Dettagli

CONVEGNO TELEMATICO. La piattaforma elettronica di dialogo tra banche e notai. Il progetto mutui connect e le surroghe 9 ottobre 2013

CONVEGNO TELEMATICO. La piattaforma elettronica di dialogo tra banche e notai. Il progetto mutui connect e le surroghe 9 ottobre 2013 CONVEGNO TELEMATICO La piattaforma elettronica di dialogo tra banche e notai. Il progetto mutui connect e le surroghe 9 ottobre 2013 Cenni generali sulla surroga nel testo unico bancario GEA ARCELLA Notaio

Dettagli

Contratto tipo di Agenzia

Contratto tipo di Agenzia Contratto tipo di Agenzia LETTERA D INCARICO D AGENZIA 1 In relazione alle intese intercorse, vi confermiamo, con la presente, l incarico di promuovere stabilmente, per nostro conto, la vendita dei prodotti

Dettagli

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 117 08.04.2015 Finanziamento soci postergato Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Nonostante l entrata in vigore della riforma

Dettagli

Le condizioni generali di contratto

Le condizioni generali di contratto Inserire testo Inserire testo Le condizioni generali di contratto Condizioni generali di contratto e clausole vessatorie: in particolare, la riserva di proprietà A cura dell Avv. Simona Cardillo CONDIZIONI

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa della deputata COVELLO. Modifiche al codice civile in materia di successione

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa della deputata COVELLO. Modifiche al codice civile in materia di successione Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 3466 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa della deputata COVELLO Modifiche al codice civile

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO DECRETO DELEGATO 5 maggio 2010 n.87 (Ratifica Decreto Delegato 26 marzo 2010 n.58) Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto il Decreto Delegato 26 marzo

Dettagli

A P P R O F O N D I M E N T O

A P P R O F O N D I M E N T O A P P R O F O N D I M E N T O IL CONTRATTO DI COMODATO NOZIONE Il legislatore definisce il comodato come il contratto con cui una parte (c.d. comodante) consegna all altra (c.d. comodatario) una cosa mobile

Dettagli

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B.1 (DELIBERAZIONI SULLE PERDITE DI SOCIETÀ SOGGETTA A CONCORDATO PREVENTIVO O AD ACCORDO DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI OMOLOGATI 1 pubbl.

Dettagli

Schema risolutivo. Iter:

Schema risolutivo. Iter: Schema risolutivo Iter: 1) Chi pretende cosa e da chi? A che titolo? a) Tizio pretende da Caio b) la restituzione del contenuto della cassetta di sicurezza e c) la revocazione della donazione. d) A che

Dettagli

Schema della procedura d esecuzione

Schema della procedura d esecuzione Schema della procedura d esecuzione Soggetto responsabile per la fase Creditore Debitore Ufficio d esecuzione Giudice P I G N O R A M E N T O E S E C U Z I O N E Pagamento Avviso di pignoramento Esecuzione

Dettagli

La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce

La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce PRELIMINARI DI PERMUTA E FALLIMENTO. IPOTESI SPECIFICHE PER LE AREE EDIFICABILI E GLI IMMOBILI DA COSTRUIRE. La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce fattispecie negoziali in

Dettagli

GUIDA OPERATIVA ALLA PUBBLICITA DEI TRASFERIMENTI DI PARTECIPAZIONE DI SRL

GUIDA OPERATIVA ALLA PUBBLICITA DEI TRASFERIMENTI DI PARTECIPAZIONE DI SRL CAMERA DI COMMERCIO DI LIVORNO UFFICIO REGISTRO IMPRESE GUIDA OPERATIVA ALLA PUBBLICITA DEI TRASFERIMENTI DI PARTECIPAZIONE DI SRL Ottobre 2010 Conservatore R.I.: Dott. Pierluigi Giuntoli REV2 GUIDA/TRASF/SRL2

Dettagli

Evoluzione storica ed ambito di applicazione dell espropriazione forzata dei beni indivisi... pag. 1

Evoluzione storica ed ambito di applicazione dell espropriazione forzata dei beni indivisi... pag. 1 Parte I Evoluzione storica ed ambito di applicazione dell espropriazione forzata dei beni indivisi... pag. 1 Capitolo I Dal divieto di vendita forzata della quota alla riforma del 2005...» 3 1.1. Premessa:

Dettagli

L IMPATTO DEL D.L. SVILUPPO SULLA CRISI D IMPRESA

L IMPATTO DEL D.L. SVILUPPO SULLA CRISI D IMPRESA Pubblicità L IMPATTO DEL D.L. SVILUPPO SULLA CRISI D IMPRESA PIANO ATTESTATO DI RISANAMENTO Il piano attestato di risanamento può essere pubblicato nel r.i. su richiesta del debitore. CONCORDATO PREVENTIVO

Dettagli

Parere n. 55/2010 Vincolo convenzionale del prezzo di cessione di alloggi di edilizia economica popolare. Caducazione

Parere n. 55/2010 Vincolo convenzionale del prezzo di cessione di alloggi di edilizia economica popolare. Caducazione Parere n. 55/2010 Vincolo convenzionale del prezzo di cessione di alloggi di edilizia economica popolare. Caducazione Vengono posti al Servizio scrivente diversi quesiti in ordine alla caducazione del

Dettagli

4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore

4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore 4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore Testo in vigore Art. 8 Contenuto dell accordo o del piano del consumatore 1. La proposta di accordo o di piano del consumatore prevede la ristrutturazione

Dettagli

COMUNE DI GAVARDO CAPITOLATO SPECIALE D ONERI

COMUNE DI GAVARDO CAPITOLATO SPECIALE D ONERI COMUNE DI GAVARDO PROV. DI BRESCIA INDIVIDUAZIONE DI ISTITUTO DI CREDITO PER LA EROGZIONE DI MUTUO DI IMPORTO PARI AD EURO 751.000,00 CIG: 5957655C6C CAPITOLATO SPECIALE D ONERI ART. 1 Oggetto dell appalto

Dettagli

MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO.

MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO. 1 MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO. Fenomeni di mutamento della titolarità delle situazioni giuridiche soggettive facenti capo al rapporto obbligatorio: sub-ingresso di un soggetto nell

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

INDICE SISTEMATICO. Prefazione alla dodicesima edizione... CODICE DI PROCEDURA CIVILE LIBRO TERZO DEL PROCESSO DI ESECUZIONE

INDICE SISTEMATICO. Prefazione alla dodicesima edizione... CODICE DI PROCEDURA CIVILE LIBRO TERZO DEL PROCESSO DI ESECUZIONE INDICE SISTEMATICO pag. Prefazione alla dodicesima edizione....................... v CODICE DI PROCEDURA CIVILE LIBRO TERZO DEL PROCESSO DI ESECUZIONE TITOLO PRIMO Del titolo esecutivo e del precetto ART.

Dettagli