Rossana Zanoli Lorenza Pini Paola Veronesi. Scopriamo la natura SCIENZE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rossana Zanoli Lorenza Pini Paola Veronesi. Scopriamo la natura SCIENZE"

Transcript

1 Rossana Zanoli Lorenza Pini Paola Veronesi Scopriamo la natura SCIENZE

2 Rossana Zanoli Lorenza Pini Paola Veronesi Scopriamo la natura

3 Copyright 2012 Zanichelli editore S.p.A., Bologna [6732] I diritti di elaborazione in qualsiasi forma o opera, di memorizzazione anche digitale su supporti di qualsiasi tipo (inclusi magnetici e ottici), di riproduzione e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo (compresi i microfilm e le copie fotostatiche), i diritti di noleggio, di prestito e di traduzione sono riservati per tutti i paesi. L acquisto della presente copia dell opera non implica il trasferimento dei suddetti diritti né li esaurisce. Per le riproduzioni ad uso non personale (ad esempio: professionale, economico, commerciale, strumenti di studio collettivi, come dispense e simili) l editore potrà concedere a pagamento l autorizzazione a riprodurre un numero di pagine non superiore al 15% delle pagine del presente volume. Le richieste per tale tipo di riproduzione vanno inoltrate a Centro Licenze e Autorizzazioni per le Riproduzioni Editoriali (CLEARedi) Corso di Porta Romana, n Milano e sito web L editore, per quanto di propria spettanza, considera rare le opere fuori del proprio catalogo editoriale, consultabile al sito La fotocopia dei soli esemplari esistenti nelle biblioteche di tali opere è consentita, oltre il limite del 15%, non essendo concorrenziale all opera. Non possono considerarsi rare le opere di cui esiste, nel catalogo dell editore, una successiva edizione, le opere presenti in cataloghi di altri editori o le opere legge diritto d autore. Maggiori informazioni sul nostro sito: Realizzazione e-book: Coordinamento editoriale: Elena Bacchilega, Martina Mugnai, Selvaggia Santin, Andrea Castellani Supervisione scientifica: Rossana Zanoli, Lorenza Pini, Paola Veronesi Segreteria di redazione: Deborah Lorenzini Progettazione e sviluppo software: dudat srl, Bologna Video: Regia e riprese: Carlo Gardini, Parma Sceneggiatura, montaggio e speakeraggio: dudat srl, Bologna Musiche: Loop from Some Reggae Intro by Mike Animazioni e attività: Sceneggiatura, realizzazione multimediale, speakeraggio: dudat srl, Bologna Musiche: Loop from Some Reggae Intro by Mike Speakeraggio audiolibro: dudat srl, Bologna Realizzazione editoriale: Redazione: Elena Bacchilega, Martina Mugnai, Selvaggia Santin, Andrea Castellani Segreteria di redazione: Deborah Lorenzini Progetto grafico: Studio Emme Grafica+ Impaginazione: Roberta Marchetti Ricerca iconografica: Elena Bacchilega, Martina Mugnai, Selvaggia Santin, Claudia Patella Disegni: Dmitrij Leoni, Luisa Cittone, Roberta Marchetti Fotografie in laboratorio: Carlo Gardini, Parma Rilettura dei testi, indice analitico: Page, Bologna L Editore ringrazia la dottoressa Nicoletta Ronda dell Università di Parma per la realizzazione delle foto in laboratorio di biologia Contributi: Revisione: Eugenio Melotti, Alessandra Meneghetti Revisione dei capitoli di fisica e stesura dei relativi esercizi: Carlo Manzini Copertina: Progetto grafico: Miguel Sal & C., Bologna Realizzazione: Roberto Marchetti Immagine di copertina: Mircea BEZERGHEAN/Shutterstock Prima edizione: gennaio 2012 L impegno a mantenere invariato il contenuto di questo volume per un quinquennio (art. 5 legge n. 169/2008) è comunicato nel catalogo Zanichelli, disponibile anche online sul sito ai sensi del DM 41 dell 8 aprile 2009, All. 1/B. File per diversamente abili L editore mette a disposizione degli studenti non vedenti, ipovedenti, disabili motori o con disturbi specifici di apprendimento i file pdf in cui sono memorizzatelepaginediquestolibro.ilformatodel file permette l ingrandimento dei caratteri del testo e la lettura mediante software screen reader. Le informazioni su come ottenere i file sono sul sito Suggerimenti e segnalazione degli errori Realizzare un libro è un operazione complessa, che richiede numerosi controlli: sul testo, sulle immagini e sulle relazioni che si stabiliscono tra essi. L esperienza suggerisce che è praticamente impossibile pubblicare un libro privo di errori. Saremo quindi grati ai lettori che vorranno segnalarceli. Per segnalazioni o suggerimenti relativi a questo libro scrivere al seguente indirizzo: Le correzioni di eventuali errori presenti nel testo sono pubblicati nel sito Zanichelli editore S.p.A. opera con sistema qualità certificato CertiCarGraf n. 477 secondo la norma UNI EN ISO 9001:2008

4 LEZIONE Indice I primi passi nella scienza Lezione 1 Osservare per capire A2 Lezione 2 Misurare le quantità A4 Lezione 3 Numeri e misure A6 Storia Dal palmo al metro A8 Zoom La nascita del kilogrammo A9 Zoom Ore, minuti e secondi A9 Lab Misurare e calcolare il volume A10 Lab Costruiamo un recipiente graduato per la cucina A11 Lezione 4 Il metodo della scienza A13 Lezione 5 Il mondo è fatto di materia A15 Zoom Il plasma è un altro stato fisico A17 Zoom Le proprietà degli stati di aggregazione A19 Lab Tutti gli oggetti materiali hanno un volume? A19 A20 FILMATI DI LABORATORIO Misurare il volume Gli stati fisici A10 A16

5 A1 I Indice Mescolare materiali diversi Lezione 1 Mescolare due liquidi A24 Dentro la materia La temperatura è un indicatore della velocità delle particelle A25 Lezione 2 Non sempre due liquidi si mescolano A26 Zoom Emulsioni di tutti i giorni A27 Lezione 3 Mescolare un solido e un liquido A28 Zoom Soluzioni di tutti i giorni A29 Dentro la materia Un solido si scioglie quando le sue particelle si disperdono A30 Lezione 4 Solidi solubili e solidi insolubili A31 Zoom Le leghe: miscugli omogenei tra solidi A33 Lezione 5 Le miscele gassose A34 Zoom Miscugli salvavita A35 Dentro la materia Le particelle di cui sono fatti i gas A35 Lezione 6 Miscugli tra gas, solidi e liquidi A36 Zoom Vapori pericolosi A38 A39 FILMATI DI LABORATORIO miscugli A24 La diffusione in acqua calda La miscibilità dei liquidi Le soluzioni tra solidi e liquidi I fumi sono miscugli di solidi e gas I vapori ANIMAZIONI La temperatura e la velocità delle particelle La dissoluzione di un solido Le particelle dei gas A25 A26 A28 A36 A38 A25 A30 A35 A2 Scaldare i materiali Lezione 1 Aumentare la temperatura di un oggetto solido A42 Dentro la materia Il volume di un solido varia con la temperatura A44 Lab Calcoliamo la densità A45 Zoom Viadotti e ferrovie A45 Lezione 2 Aumentare la temperatura di un liquido A46 Dentro la materia Il volume di un liquido varia con la temperatura A47 Lab Costruiamo un termoscopio A47 Lezione 3 Aumentare la temperatura di un gas A48 Dentro la materia Il volume di un gas varia con la temperatura A49 Zoom Perché è pericoloso scaldare le bombolette spray? A49 Lezione 4 Il movimento dei fluidi sottoposti a riscaldamento A50 Zoom Come funziona il termosifone A52 A53 FILMATI DI LABORATORIO La dilatazione termica Il volume di un liquido aumenta con la temperatura Il volume di un gas aumenta con la temperatura I moti convettivi ANIMAZIONI Come varia il volume dei solidi Come varia il volume dei liquidi Come varia il volume dei gas A43 A46 A48 A52 A44 A47 A48 A3 Le trasformazioni dello stato fisico Lezione 1 Quando un liquido diventa solido A56 Zoom Bottiglie nel freezer A57 Dentro la materia L acqua che solidifica aumenta di volume A57 Zoom Da dove viene la brina? A58 Lezione 2 La fusione del ghiaccio A59 Lab Caratteristiche degli strumenti di misura A59 Lab Costruire un grafico A60 Dentro la materia Il calore latente A61 Lezione 3 L ebollizione dell acqua A62 Zoom Bagnomaria e bibite con ghiaccio A63 Zoom La pentola a pressione A65 Lezione 4 I liquidi evaporano A66 Zoom Quando fa caldo il nostro corpo si difende sudando A67 Dentro la materia Ebollizione ed evaporazione a confronto A68 Lezione 5 Misurare la temperatura A69 A71 FILMATI DI LABORATORIO La fusione del ghiaccio L ebollizione dell acqua La campana da vuoto L evaporazione di un liquido ANIMAZIONI La solidificazione dell acqua Il calore latente Ebollizione ed evaporazione A59 A62 A64 A66 A57 A61 A68

6 LEZIONE B1 La cellula: l unità elementare dei viventi Lezione 1 Le caratteristiche dei viventi B2 Lezione 2 Il microscopio: uno strumento per osservare B5 Storia La vita e gli studi di Galileo B6 Lab Come si usa il microscopio ottico B7 Lezione 3 Osserviamo con il microscopio B8 Storia La scoperta della cellula B10 Lezione 4 Esploriamo la cellula con il microscopio ottico B11 Lezione 5 Esploriamo la cellula con il microscopio elettronico B14 Zoom Il microscopio elettronico B16 Zoom I virus B16 Lezione 6 Una cellula, molte cellule B17 Lezione 7 Cellule senza nucleo: i procarioti B19 Storia Le scoperte della biologia da Francesco Redi a Louis Pasteur B20 B22 Indice ANIMAZIONI Il microscopio La cellula animale La cellula vegetale B5 B14 B15 B2 Mettere ordine in natura: la classificazione Lezione 1 Dalle prime classificazioni al Systema Naturae di Linneo B26 Vediamo da vicino Un esempio di classificazione: la famiglia dei delfini B28 Lezione 2 Oltre i regni: i domìni dei viventi B30 Lezione 3 Il concetto di specie B33 Lezione 4 Dalla fissità delle specie al concetto di evoluzione B35 Vediamo da vicino L evoluzione al lavoro: i fringuelli di Darwin B38 B42 B3 L origine e la struttura delle piante Lezione 1 Per cominciare: una visita all orto botanico B44 Zoom Alla scoperta dell orto botanico B45 Lezione 2 Gli antenati delle piante: le alghe B46 Zoom Le alghe si mangiano? B47 Lezione 3 Le foglie non sono tutte uguali B48 Vediamo da vicino La forma delle foglie B51 Lezione 4 L importanza di essere verde B52 Lezione 5 La traspirazione fogliare e la respirazione cellulare B56 Lezione 6 Il fusto fornisce sostegno alla pianta B58 Lezione 7 La radice è responsabile dell assorbimento B60 Lab La funzione dei peli radicali B61 Vediamo da vicino Radici in aria e fusti sotterranei B62 Lezione 8 Adattarsi per sopravvivere B64 B68 ANIMAZIONI Classificare i viventi FILMATI DI LABORATORIO Le nervature di una foglia L estrazione della clorofilla Il ruolo della clorofilla ANIMAZIONI Gli stomi I vasi FILMATI Le ninfee Il loto B31 B48 B52 B53 B49 B59 B49 B66

7 B4 Indice Le piante: riproduzione e classificazione Lezione 1 La riproduzione delle piante: il fiore B72 Vediamo da vicino La varietà dei fiori B74 Lezione 2 L impollinazione e la fecondazione B76 Lezione 3 La propagazione della vita: il seme B78 Lezione 4 I frutti circondano e proteggono i semi B81 Vediamo da vicino La varietà dei frutti B82 Lezione 5 Classificare le piante: i muschi e le felci B84 Lezione 6 Le piante più recenti: le gimnosperme e le angiosperme B87 B90 ANIMAZIONI La struttura del fiore La fecondazione del fiore Il frutto La riproduzione di muschi e felci FILMATI Il fiore di giglio La germinazione B73 B76 B81 B85 B72 B80 B5 Il regno dei funghi Lezione 1 I funghi sono diffusi in tutti gli ambienti B94 Zoom Quanto sono «buoni da mangiare» i funghi? B95 Lezione 2 Come si nutrono i funghi? B96 Zoom Funghi dannosi e funghi utili B97 Vediamo da vicino I gruppi dei funghi B98 Lezione 3 Pane, vino, birra: i lieviti B100 Lezione 4 I licheni: vivere in simbiosi B102 B104 FILMATI L ovulo malefico Le muffe verdi B95 B97 B6 La classificazione degli animali: gli invertebrati Lezione 1 Il regno degli animali B108 Lezione 2 Gli invertebrati più semplici: spugne, meduse e coralli B112 Zoom La barriera corallina B114 Lezione 3 I vermi: anellidi, platelminti e nematodi B115 Lezione 4 I molluschi: animali dal corpo molle B117 Lezione 5 Gli artropodi: animali a zampe articolate B120 Vediamo da vicino La metamorfosi degli insetti B122 Lezione 6 Gli echinodermi: animali a simmetria radiale B126 Lab Da quanti piani di simmetria può essere suddiviso il corpo di una stella marina? B127 B128 ANIMAZIONI La struttura di una spugna La struttura di un lombrico La struttura di un insetto La struttura di una stella marina FILMATI La chiocciola La spiritromba di una farfalla B112 B115 B121 B126 B118 B121 B7 La classificazione degli animali: i vertebrati Lezione 1 I vertebrati sono animali con scheletro interno B132 Lezione 2 I pesci: una vita nell acqua B134 Vediamo da vicino La varietà dei pesci ossei e dei pesci cartilaginei B136 Lezione 3 Gli anfibi: animali dalla doppia vita B138 Vediamo da vicino Il ciclo vitale della rana B139 Lezione 4 I rettili: i vertebrati colonizzano la terraferma B140 Zoom Biscia o vipera? B141 Lezione 5 Gli uccelli: la conquista dell aria B143 Vediamo da vicino La varietà degli uccelli B145 Lezione 6 I mammiferi: animali che allattano i piccoli B146 Vediamo da vicino La varietà dei mammiferi B149 B150 FILMATI Lo squalo in movimento I sacchi vocali Il volo del colibrì Le cure parentali La balena ANIMAZIONI L anatomia di un pesce L anatomia di uno squalo L anatomia di un uccello L anatomia di un mammifero B137 B139 B145 B148 B149 B135 B137 B144 B147

8 LEZIONE D1 Un mondo di acqua Lezione 1 Acqua in movimento D2 Vediamo da vicino Il ciclo dell acqua D4 Lezione 2 L acqua è una sostanza davvero speciale D6 Dentro la materia Un modello per spiegare la capillarità e la tensione superficiale D8 Zoom I detersivi riducono la tensione superficiale D8 Lezione 3 Le acque dolci: ghiacciai, fiumi, laghi, falde D12 Zoom La formazione di una torbiera D15 Lezione 4 Le acqua salate: mari e oceani D17 Vediamo da vicino Un pianeta di mari e oceani D18 Lab Perché l acqua del mare è salata? D20 Lezione 5 Da dove viene l acqua che utilizziamo D22 Zoom Il calcare in casa nostra D24 Zoom L inquinamento dell acqua: un emergenza globale D25 D26 D2 Un mondo di terra Lezione 1 Il suolo sotto i nostri piedi D30 Lezione 2 I componenti del suolo D32 Lab Identifichiamo altri componenti del suolo D33 Lezione 3 L origine di un suolo D34 Vediamo da vicino Gli abitanti del suolo D36 Lezione 4 Le caratteristiche dei suoli D38 Zoom I concimi arricchiscono il suolo D40 Lezione 5 I fattori di rischio per il suolo D41 Zoom Separare i rifiuti: la raccolta differenziata D43 D44 D3 Un mondo di aria Lezione 1 L aria: una materia invisibile D48 Lab Riempire una bottiglia già piena D50 Lezione 2 Di che cosa è fatta l aria? D52 Zoom Il diossido di carbonio e l attività umana D53 Lezione 3 L aria che ci circonda: l atmosfera D54 Zoom Il «mal di montagna» D55 Vediamo da vicino Gli strati dell atmosfera D56 Lab Le variazioni della temperatura dell aria D58 Zoom Il buco dell ozono D58 Storia La scoperta dell azoto e dell ossigeno D59 Lezione 4 I fenomeni atmosferici della troposfera D60 Vediamo da vicino I principali tipi di nubi D61 Lezione 5 L aria in movimento: i venti D62 Zoom Le polveri sottili D64 Lab Una «trappola» per l aria D65 D66 D4 Meteo e clima Lezione 1 Grandezze e misure per il tempo meteorologico D70 Lezione 2 Le previsioni del tempo D75 Zoom Come i satelliti osservano il pianeta D77 Lezione 3 I climi della Terra D79 Vediamo da vicino Gruppi climatici e biomi D80 Lezione 4 I fattori che influenzano il clima D83 D86 Indice FILMATI DI LABORATORIO La tensione superficiale ANIMAZIONI Il ciclo dell acqua Capillarità e tensione superficiale ANIMAZIONI Gli orizzonti del suolo Il ciclo dell azoto FILMATI DI LABORATORIO La pressione atmosferica ANIMAZIONI Il ciclo del carbonio Le brezze ANIMAZIONI Il barometro L azione delle montagne FILMATI DI LABORATORIO Fluidi in movimento D7 D4 D8 D31 D39 D51 D53 D62 D70 D84 D75

9 A Scopriamo Alla scoperta della la materia natura Primi passi nella scienza LEZIONE 1 Lezione Note per imparare In questo libro troverai la descrizione di molti esperimenti, ma se vuoi provare a farli tu stesso dovrai essere guidato da un adulto. Osservare per capire Le scienze si occupano dell osservazione del mondo. «Osservare» non vuol dire semplicemente «guardare», ma significa «esaminare con attenzione»: analizzare bene ogni dettaglio con l intento di descrivere e interpretare la realtà. 1 1 Si impara osservando Gli uomini primitivi hanno imparato a conoscere il mondo utilizzando i propri sensi: hanno ascoltato suoni e rumori, hanno guardato, toccato, annusato e perfino assaggiato tutto ciò che avevano intorno. Oltre ai sensi, chi osserva il mondo ha bisogno di altri strumenti: un quaderno e una penna, per annotare ciò che vale la pena ricordare, e una macchina fotografica con la quale «portare a casa» ciò che le parole non bastano a descrivere. Con questi strumenti lavorerai come un investigatore che va a caccia di indizi e cerca poi di interpretarli. Il primo passo per diventare uno scienziato è osservare la natura, come questo ragazzo che osserva una libellula su un ramoscello. A 2

10 1 2 Che cosa si osserva? Primi passi nella scienza La prima osservazione «scientifica» che faremo insieme consiste nell individuare le proprietà di oggetti e materiali utilizzando i nostri sensi. I ragazzi seduti intorno al tavolo stanno cercando di descrivere lo stesso oggetto, una caramella al limone; ognuno di loro utilizza solo uno dei cinque sensi. Leggiamo cosa hanno detto: 2 Il suo sapore è dolce, ma anche aspro. 3 L oggetto ha odore di limone, forte e dolciastro. 1 È un oggetto piccolo, ha forma cilindrica e schiacciata, è di colore giallo. 5 Cadendo ha fatto un rumore debole, simile a quello che farebbe un oggetto di vetro o di plastica. 4 È un oggetto di forma cilindrica con superficie liscia e appiccicosa, è poco pesante, non è freddo. Le descrizioni che i ragazzi fanno dell oggetto esprimono ciò che i loro sensi hanno percepito; in ogni caso nessuno ha dato un suo parere personale, cioè nessuno ha detto se l oggetto è bello o brutto, se gli piace oppure no. In un osservazione scientifica le descrizioni devono essere oggettive e non soggettive: le caratteristiche che descrivono un oggetto o un cambiamento non devono dipendere dalle opinioni o dalle emozioni dell osservatore. Note per imparare Come hai appena letto, studiare le scienze parte dall osservazione del mondo che ci circonda: per farlo devi arricchire il tuo linguaggio con i termini del linguaggio scientifico. Il libro di testo ti aiuterà a imparare nuove parole: individuale, sottolineale, memorizzale e usale! Fissa i concetti Descrivi un oggetto gett a tua scelta utilizzando uno alla volta i cinque sensi come hanno fatto i ragazzi con la caramella al limone. A 3

11 Lezione 2LEZIONE Misurare Scopriamo la natura le quantità Abbiamo imparato che i nostri sensi possono fornirci delle informazioni sulle qualità degli oggetti che ci circondano. Alcune delle descrizioni che possiamo dare di un oggetto non ci dicono abbastanza; in questi casi viene spontaneo chiedersi: «Quanto?». Rispondere alle domande che riguardano le quantità ci porterà a descrivere in modo scientifico le proprietà della materia che si definiscono grandezze. 1 3 Le qualità e le quantità La forma, il colore, l aspetto della superficie, l odore, il sapore di cui abbiamo parlato nella lezione precedente esprimono delle qualità dei materiali. Rimane da chiedersi: «Quanto è piccolo?», «Quanto è pesante?», «Quanto è freddo?». Le proprietà delle quali ci chiediamo «Quanto?» si chiamano grandezze ed esprimono una quantità. Ogni volta che facciamo esperimenti o osserviamo fenomeni otteniamo dei dati sperimentali: i dati sperimentali qualitativi descrivono le qualità di un osservazione; i dati sperimentali quantitativi esprimono le quantità di una o più grandezze che possono essere misurate. L osservazione relativa al cambiamento di colore di una foglia in autunno è un dato qualitativo. La misura della temperatura esterna è un dato quantitativo. A B A 4

12 1 4 Le grandezze misurabili Primi passi nella scienza I termini «grande», «piccolo», «pesante», «freddo» non hanno un significato scientifico, perché sono soggettivi e dipendono dalla percezione dell osservatore. Quando osserviamo un oggetto possiamo chiederci: Quanto è grande o quanto è piccolo? La lunghezza è la grandezza che esprime una dimensione lungo una linea. Il volume esprime lo spazio occupato dall oggetto. Quanto è pesante o quanto è leggero? Un corpo è tanto più pesante (cioè attratto con più forza dalla Terra) quanto maggiore è la quantità di materia di cui è costituito. La grandezza che dice «di quanta materia è fatto» un corpo si chiama massa. Quanto è caldo o quanto è freddo? La grandezza misurabile che ci permette di valutare le sensazioni di «caldo» o di «freddo» che possiamo ricevere toccando un materiale è la temperatura. Quanto impiega? Il tempo è la grandezza che risponde a questa domanda; esso esprime un «intervallo» tra due momenti diversi. L uomo al centro è grande o piccolo? Dipende da chi lo osserva: per questo gli scienziati danno tanta importanza alle misurazioni. Fissa i concetti Quali tra questi dati sono qualitativi e quali sono quantitativi? 1. La lunghezza di un divano è un dato La forma di un bicchiere è un dato Il colore di un fiore è un dato La massa di un automobile è un dato Il sapore del miele è un dato La temperatura del caffè è un dato... A 5

13 Lezione 3LEZIONE Numeri Scopriamo la natura e misure In questa lezione impareremo cosa significa misurare, quali strumenti ci servono, e come dobbiamo esprimere le misure perché siano comprensibili a tutti. Un numero da solo, infatti, non è sufficiente per esprimere una grandezza. 1 5 Misurare significa confrontare Misurare può sembrarci un esperienza comune, che facciamo fin da bambini; spesso però nella vita quotidiana non siamo abbastanza precisi nell esprimere le misure che vogliamo comunicare ad altri. Consideriamo insieme la seguente situazione, nella quale vediamo alcune fasi del gioco delle bocce, nel quale i giocatori cercano di avvicinare il più possibile le proprie bocce a un pallino. 1 Nel gioco delle bocce, in alcuni casi si capisce subito quale boccia si trova più vicina al pallino. 2 Altre volte invece la differenza non è così netta e non è facile decidere chi ha vinto. 22 cm 20 cm 3 Nel dubbio, il giocatore utilizza la mano aperta per confrontare le due distanze; misura la distanza tra ogni boccia e il pallino «a spanne». 4 Il suo avversario però non è convinto: estrae allora dalla tasca un nastro metrico e lo utilizza per misurare ciascuna distanza. A 6

14 Primi passi nella scienza Per misurare le due distanze, il giocatore ha fatto un confronto con la lunghezza di un campione definito, riportato sul nastro metrico. In questo modo ha associato alla grandezza un numero e la sua unità di misura. Nel nostro caso le due lunghezze misurate sono di 22 cm e 20 cm: ciò significa che le distanze delle due bocce dal pallino sono rispettivamente 22 volte e 20 volte più grandi dell unità di misura (cm) riportata sul nastro. Per definire la misura di una grandezza sono necessarie almeno due componenti: il numero, che esprime quante volte un unità di misura è contenuta nella grandezza misurata; l unità di misura, che esprime la quantità usata come riferimento nella misurazione. A B Questo oggetto misura 24 mm. Questo oggetto misura 24 cm. 1 6 Il Sistema Internazionale delle misure Oggi le unità di misura sono degli standard comuni in quasi tutti i paesi. I primi campioni di lunghezza e massa sono stati fissati in Francia alla fine del Settecento. Nel 1960 è stato istituito il Sistema Internazionale (S.I.), che definisce le unità di misura di tutte le grandezze. In Italia è stato adottato legalmente nel Nel S.I. sono state identificate sette grandezze fondamentali; fra queste, quelle che già conosci sono lunghezza, massa, temperatura e intervalli di tempo. La tabella riporta le unità di misura del S.I. e alcune altre unità di misura che pur non facendo parte del S.I. vengono spesso utilizzate in Italia. Grandezza Unità di misura S.I. Unità di misura convenzionale Strumento di misura lunghezza (l) metro (m) nastri, aste, cordelle metriche massa (m) kilogrammo (kg) bilancia temperatura (T) kelvin (K) grado Celsius ( C) termometro tempo (t) secondo (s) ora (h), minuto (min) cronometro A 7

15 Scopriamo la natura Storia Dal palmo al metro Gli antichi Greci misuravano il mondo utilizzando il piede, il palmo o il braccio. Nel Medioevo, con lo sviluppo dei commerci, divenne indispensabile adottare unità di misura più oggettive. La scelta dei campioni venne inizialmente dettata dalle abitudini delle varie comunità del luogo: in questo modo, però, in ogni città poteva esserci un diverso sistema di misura. Ancora oggi puoi trovare scolpiti sugli edifici delle piazze dove si tenevano i mercati le unità di misura più utilizzate. L indicazione evitava l insorgere di contese tra venditori e acquirenti. A Il braccio veniva usato per misurare la lunghezza delle pezze di stoffa; in alcune città esisteva addirittura una differenza tra il braccio da seta, il braccio da lana e il braccio da tela. Chi usava un braccio più corto vendeva una minor quantità di stoffa, magari allo stesso prezzo, e chi comperava stoffe a Parma per poi rivenderle in Veneto doveva stare ben attento al prezzo da praticare. All epoca della Rivoluzione Francese si decise di mettere ordine e di fissare un unità di misura della lunghezza che non potesse variare nel tempo: il campione doveva essere la quarantamilionesima parte del meridiano terrestre passante per Parigi. Due astronomi francesi vennero incaricati di misurare con precisione la distanza tra Dunkerque e Barcellona per ricavare il raggio della Terra, dal quale calcolare poi il valore della lunghezza del meridiano; questa misura, divisa in quaranta milioni di parti, permise di ottenere la lunghezza campione chiamata metro. Alla fine del Settecento nacque dunque in Francia il Sistema Metrico Decimale, cioè la definizione di un insieme di multipli e sottomultipli dell unità di misura costruiti «di dieci in dieci». Questo comporta il passaggio dal concetto di numero intero a quello decimale (cioè con la «virgola»). Nel 1875, i capi di stato di diciassette paesi decisero di fondare un istituto scientifico permanente con sede a Parigi, denominato «Ufficio internazionale di pesi e misure». Costituirono inoltre un Comitato internazionale dei pesi e delle misure, con il compito di preparare, controllare e conservare il campione di lunghezza: una barra di metallo inalterabile costituito da una lega di platinoiridio, che è tuttora conservata a Sèvres, vicino a Parigi. Questo organismo stabilì successivamente tutte le altre unità di misura e nel 1960 introdusse il Sistema Internazionale, attualmente adottato da tutto il mondo scientifico. Oggi il metro viene definito con precisione sempre maggiore e corrisponde alla distanza percorsa dalla luce nel vuoto in circa 1/ di secondo. Tuttavia non è facile abbandonare le vecchie abitudini: in molti paesi, tra cui quelli di cultura anglosassone, vengono ancora utilizzate unità di misura diverse da quelle fissate dal Sistema Internazionale. B A 8 C Storia

16 Primi passi nella scienza Zoom La nascita del kilogrammo L unità di misura della massa, chiamata kilogrammo, venne fissata al tempo di Napoleone. 1 kg corrisponde alla massa di un decimetro cubo di acqua distillata, misurata alla temperatura di 4 C. Venne poi costruito un cilindro di una lega platino-iridio avente una massa identica a quella stabilita; questo campione è conservato a Sèvres in una doppia campana sottovuoto. La massa è l unica unità del Sistema Internazionale che si basa ancora su un campione artificiale. Zoom Fissa i concetti 1 7 Multipli e sottomultipli Un campione di misura, per esempio il metro, viene suddiviso in tante parti più piccole, chiamate sottomultipli dell unità di misura principale. Poiché il nostro sistema di numerazione è decimale, il campione viene, di volta in volta, suddiviso in 10 parti uguali. Quindi, a partire dal metro otteniamo come sottomultipli prima il decimetro, poi il centimetro, poi il millimetro. 1. L unità di misura della lunghezza si metro decimetro centimetro millimetro chiama Lo strumento più comune per misurare la lunghezza è L unità di misura del tempo nel S.I. si chiama A quanti metri corrisponde un kilometro? 5. A quanti secondi corrisponde un minuto? 1 m = 10 dm = 100 cm = 1000 mm Analogamente, i multipli si ottengono prendendo 10 volte l unità di misura immediatamente più piccola. A partire dal metro avremo così i suoi multipli: decametro, ettometro, kilometro. kilometro 0,001 km = ettometro 0,01 hm = decametro 0,1 dam = metro 1 m Zoom Ore, minuti e secondi Il secondo è l unità di misura del tempo adottata del S.I. Mentre i sottomultipli del secondo seguono il sistema decimale e si chiamano decimi, centesimi e millesimi di secondo, i suoi multipli principali utilizzano un sistema di tipo sessagesimale, cioè in base 60. Infatti un minuto corrisponde a 60 secondi e 1 ora a 60 minuti. È per questo che non viene mai usata una forma decimale per esprimere tempi superiori al minuto: per esempio quando diciamo che sono passate 2 ore e mezza intendiamo che sono passate 2 ore e 30 minuti, che però non vengono mai espressi nella forma decimale 2,5. Zoom A 9

17 Lab Scopriamo la natura Misurare e calcolare il volume Misurare il volume Il volume è una grandezza derivata: ciò significa che siamo abituati, per i solidi geometrici, a calcolarlo usando delle formule. Sappiamo per esempio che il volume di un parallelepipedo rettangolo (come una scatola da scarpe) si calcola moltiplicando tra loro i valori di lunghezza delle tre dimensioni. Per ottenere il volume di questa scatola è dunque sufficiente misurarne le tre dimensioni. 22 cm 35 cm volume = lunghezza larghezza altezza 13 cm V a b c 35 cm 13 cm 22 cm cm 3 Il volume della scatola è perciò pari a circa 10 dm 3. 2 Immergiamo il sasso nell acqua e vediamo che il livello del liquido sale: l acqua si è spostata per «lasciare spazio» al sasso. Il volume del liquido che si è spostato corrisponde esattamente a quello del solido immerso. Ma come possiamo determinare il volume di un solido dalla forma irregolare, per esempio un sasso? In questo caso è possibile fare una misura del volume utilizzando lo spostamento di un liquido. Spieghiamo questa procedura punto per punto. 1 Utilizziamo uno strumento graduato, per esempio un cilindro che misura il volume dei liquidi. Versiamo acqua nel cilindro fino ad arrivare a un certo livello: nel nostro caso misuriamo un volume iniziale di 35 cm 3. 3 Calcolando la differenza tra il volume finale e il volume iniziale del liquido, possiamo misurare il volume del sasso in questione. Nel nostro caso avremo: V sasso V finale V iniziale 43 cm 3 35 cm 3 8 cm 3 Lab A 10

18 Primi passi nella scienza Lab Costruiamo un recipiente graduato per la cucina Utilizzando una bilancia da cucina possiamo costruire in casa uno strumento per misurare il volume dei liquidi. Sappiamo che a 4 C un decimetro cubo di acqua distillata ha una massa di 1 kg. Il decimetro cubo corrisponde a un unità di misura di volume convenzionale utilizzata per i liquidi: il litro (L). Pertanto possiamo dire che un litro di acqua distillata a 4 C ha la massa di 1 kg, e possiamo costruire una tabella di conversione delle unità di misura del volume e della massa valida soltanto per l acqua distillata a 4 C (vedremo in seguito che variando la temperatura i valori cambiano). Massa di acqua Volume (dm 3 ) Volume (L) distillata a 4 C 1 kg 1 dm 3 1 L 0,1 kg = 100 g 0,1 dm 3 0,1 L = 100 ml 0,01 kg = 10 g 0,01 dm 3 0,01 L = 10 ml 0,001 kg = 1 g 0,001 dm 3 = 1 cm 3 0,001 L = 1 ml 1 Mettiamo una bottiglia di vetro sulla bilancia e azzeriamo per fare la tara. 2 Versiamo acqua distillata presa dal frigorifero fino a raggiungere una massa di 50 g e marchiamo con un pennarello per vetro il livello dell acqua Aggiungiamo altri 50 g di acqua fino ad arrivare a 100 g e facciamo un altra tacca sul contenitore. 4 Ripetiamo l operazione fino ad avere graduato tutta la bottiglia. Ricorda: 50 g di acqua corrispondono a 50 ml. 5 Ora scriviamo accanto a ogni tacca il corrispondente valore in millilitri, che è l unità di misura del volume più utilizzata nelle ricette di cucina. Lab A 11

19 Scopriamo la natura 1 8 La massa e il peso: qual è la differenza? A volte, nel linguaggio quotidiano confondiamo le parole massa e peso, che però nel linguaggio scientifico indicano due concetti diversi. Per capire questa differenza considera gli esempi che seguono: Quando parliamo del nostro «peso» ci riferiamo in realtà alla quantità di materia che costituisce il nostro corpo. Questa nel linguaggio scientifico si chiama massa. Un astronauta sulla Luna è in grado di fare grandi salti senza sforzo; la sua massa però è sempre la stessa (non è dimagrito!). Ciò che è cambiato è il suo peso, che ora è molto minore rispetto a quello che aveva sulla Terra. B Una stessa persona è trattenuta «con i piedi per terra» in modo più o meno intenso a seconda che si trovi sulla superficie della Terra, sulla Luna, oppure in una stazione spaziale. A C Il peso infatti è una forza che attrae i corpi verso «terra». La Luna ha una capacità di attrazione gravitazionale molto inferiore a quella della Terra; è per questo che l astronauta si trova a pesare molto meno sulla Luna, riuscendo a fare grandi salti! Fissa i concetti rimane sempre uguale dovunque ci spostiamo è una forza si misura in kilogrammi si misura con il termometro si misura in secondi è una grandezza che si ottiene moltiplicando per tre volte una lunghezza. A 12

20 Lezione 4 Il metodo della scienza Primi passi nella scienza In passato i filosofi erano convinti che l uomo potesse capire e spiegare l essenza delle cose utilizzando soltanto il ragionamento. Nel Seicento, in particolare con le opere e gli studi di Galileo Galilei, il modo di lavorare di tutti gli studiosi si modificò in modo sostanziale. Galileo viene ricordato per essere l ideatore del metodo scientifico, applicato oggi da tutti gli scienziati nelle loro ricerche. 1 9 Galileo e il metodo sperimentale La grande lezione di Galileo è stata quella di avvicinarsi all osservazione senza pregiudizi, per imparare e capire soltanto dall esperienza. Prima di allora, gli scienziati non potevano contraddire ciò che era scritto nei libri sacri. Non accettare ciò che era scritto in questi testi significava mettere in discussione la stessa esistenza di Dio. Secondo Galileo, il metodo scientifico o sperimentale è quel procedimento che lo scienziato deve seguire per raggiungere una conoscenza della realtà che sia oggettiva, verificabile e accettata da tutto il mondo scientifico. Il metodo sperimentale è una successione ordinata di diverse fasi di lavoro. 1. La fase ipotetica parte dall osservazione dei fenomeni e dalla ricerca della loro interpretazione: dopo aver raccolto i dati dell osservazione, lo scienziato formula delle ipotesi, cioè cerca di spiegare in modo provvisorio il «come» e il «perché» questi fenomeni avvengano. In seguito egli progetta uno o più esperimenti per poter confermare o escludere le ipotesi. 2. La fase deduttiva è quella nella quale si analizzano i risultati degli esperimenti. Se i risultati confermano le ipotesi, si deducono le conclusioni. Quando le medesime conclusioni si ripetono con regolarità si arriva a formulare una legge, che quasi sempre è espressa anche con formule matematiche. 3. Se invece i dati sperimentali falsificano le ipotesi, il lavoro ricomincia elaborando nuove ipotesi e progettando altri esperimenti: questo fa sì che a volte occorrano molti anni per poter formulare una legge scientifica. Lo scienziato cerca la risposta a una domanda o compie un osservazione. Cerca di spiegare ciò che ha osservato, cioè fa un ipotesi. Progetta e realizza uno o più esperimenti. Raccoglie ed elabora i dati ottenuti. I dati confermano l ipotesi? sì Galileo Galilei ( ) rivoluzionò il modo di studiare la natura. no Lo scienziato generalizza i risultati, cioè formula una legge. A 13

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica.

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica. sono due cose diverse (in scienze si dice sono due grandezze diverse). 01.1 Cos'è il calore? Per spiegare cos è il calore facciamo degli esempi. Esempi: quando ci avviciniamo o tocchiamo un oggetto caldo

Dettagli

SISTEMI DI MISURA ED EQUIVALENZE

SISTEMI DI MISURA ED EQUIVALENZE Corso di laurea: BIOLOGIA Tutor: Floris Marta; Max Artizzu PRECORSI DI MATEMATICA SISTEMI DI MISURA ED EQUIVALENZE Un tappezziere prende le misure di una stanza per acquistare il quantitativo di tappezzeria

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

Temperatura dilatazione lineare, superficiale, volumetrica

Temperatura dilatazione lineare, superficiale, volumetrica Temperatura dilatazione lineare, superficiale, volumetrica ESERCIZIO N 1 La temperatura in una palestra è di 18 C mentre all esterno il termometro segna la temperatura di 5 C. Quanto vale la differenza

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

Indice del libro. Materiali digitali. Esempi svolti. Videoapertura Approfondimento: Come lavora lo scienziato

Indice del libro. Materiali digitali. Esempi svolti. Videoapertura Approfondimento: Come lavora lo scienziato I INDICE Indice del libro Materiali digitali PER COMINCIARE Metodi e strumenti per il tuo lavoro 1. Come studiare la chimica 1. Il tuo metodo di studio 3. Richiami sulle potenze 4 4. La notazione scientifica

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora,

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, ma la natura produce di continuo energie superiori nelle

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

IL MONDO DELLE PIANTE

IL MONDO DELLE PIANTE PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute IL MONDO DELLE PIANTE 2010 Realizzato dall Istruttore Educativo: Colella Anna 1 INDICE Classificazione delle piante pag. 3 Le parti della pianta

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Gli organismi viventi

Gli organismi viventi Gli organismi viventi Gli organismi viventi Quali caratteristiche contraddistinguono i viventi? È facile distinguere un organismo vivente da un oggetto non vivente? Gli organismi viventi Tutti gli organismi

Dettagli

A COSA SERVONO LE FOGLIE?

A COSA SERVONO LE FOGLIE? A COSA SERVONO LE FOGLIE? Le foglie fabbricano il cibo della pianta, trasformando aria e acqua in glucosio (zucchero). Una foglia è formata da: Di solito la foglia è formata LAMINA da una parte appiattita

Dettagli

La misura. Cos è una grandezza e come si misura

La misura. Cos è una grandezza e come si misura La misura (UbiMath) - 1 La misura Cos è una grandezza e come si misura Una delle fasi più importanti e delicate del metodo scientifico è la raccolta dei dati e delle informazioni. La conoscenza del mondo

Dettagli

Alice e la zuppa di quark e gluoni

Alice e la zuppa di quark e gluoni Alice e la zuppa di quark e gluoni Disegnatore: Jordi Boixader Storia e testo: Federico Antinori, Hans de Groot, Catherine Decosse, Yiota Foka, Yves Schutz e Christine Vanoli Produzione: Christine Vanoli

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

COSTRUISCI UN FORNO SOLARE

COSTRUISCI UN FORNO SOLARE COSTRUISCI UN FORNO SOLARE Obiettivi: Realizzare un semplice forno solare al fine di mostrare come il sole può essere una fonte di energia rinnovabile. Illustrare l'effetto serra Descrizione generale:

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

Appunti di Matematica

Appunti di Matematica Silvio Reato Appunti di Matematica Settembre 200 Le quattro operazioni fondamentali Le quattro operazioni fondamentali Addizione Dati due numeri a e b (detti addendi), si ottiene sempre un termine s detto

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

Extatosoma tiaratum. Generalità

Extatosoma tiaratum. Generalità Extatosoma tiaratum Tassonomia Dominio: Eukaryota Regno: Animalia Sottoregno: Eumetazoa Ramo: Bilateria Phylum: Arthropoda Subphylum: Tracheata Superclasse: Hexapoda Classe: Insecta Sottoclasse: Pterygota

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

Come creare un satellite metereologico?

Come creare un satellite metereologico? NATIONAL OCEANIC AND ATMOSPHERIC ADMINISTRATION U.S. DEPARTMENT OF COMMERCE Come creare un satellite metereologico? Libretto adattato dal lavoro originale di Ed Koenig Sono un metereologo. Devo poter vedere

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

DIDATTICA DELLA CHIMICA

DIDATTICA DELLA CHIMICA DIDATTICA DELLA CHIMICA LEZIONE INTRODUTTIVA: Concetto di modello LEZIONE N 1 Domanda problema : se consideriamo un pezzo di legno, un mucchietto di sabbia, che aspetto hanno questi 2 tipi di materia?

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882)

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882) Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti Charles Darwin (1809-1882) L evoluzione secondo LAMARCK (1744-1829) 1. Gli antenati delle giraffe

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa A Ferrara, 14 miliardi di anni fa 1 L eredità di Copernico Quale è la relazione fra l uomo e l universo per ciò che riguarda: x : lo spazio t : il tempo m: la materia m t C X 2 Un viaggio nel tempo t di

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA CENNI DI RICERCA OPERATIVA ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA CENNI DI RICERCA OPERATIVA ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA CENNI DI RICERCA OPERATIVA ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 La ricerca operativa 2 1.1 Introduzione......................................... 2 1.2 Le fasi della ricerca operativa...............................

Dettagli

Esperienze con l elettricità e il magnetismo

Esperienze con l elettricità e il magnetismo Esperienze con l elettricità e il magnetismo Laboratorio di scienze Le esperienze di questo laboratorio ti permettono di acquisire maggiore familiarità con l elettricità e il magnetismo e di sperimentare

Dettagli

DALLA TEORIA ALLA PRATICA

DALLA TEORIA ALLA PRATICA DALLA TEORIA ALLA PRATICA Comunicare a distanza: il telefono a filo La prima esperienza di telecomunicazione (dal greco tele = distante) si realizza con due piccoli contenitori di plastica, cartone o metallo,

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

La struttura della materia

La struttura della materia Unità didattica 11 La struttura della materia Competenze 1 Descrivere il modello atomico di Dalton 2 Spiegare le caratteristiche macroscopiche e microscopiche delle principali trasformazioni fisiche 3

Dettagli

Pane 100% farina di grano saraceno

Pane 100% farina di grano saraceno Questa ricetta l'ho elaborata grazie ai preziosi consigli di un grande chef e amico, ovvero il titolare del Ristorante dal Sem ad Albissola Superiore Sv (http://www.ristorantedasem.it/). Uno sguardo al

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

Il Sistema metrico siculo

Il Sistema metrico siculo 1 Il Sistema metrico siculo Il sistema di pesi e misure in vigore in Sicilia prima dell annessione all Italia è noto non era il Sistema Metrico Decimale ed i suoi derivati giunti fino al moderno Sistema

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI?

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? Buona Caccia e Buon Volo, giovani amici di Eureka! Siete tra gli eletti che hanno deciso di passare al livello successivo: site pronti? Questo mese vi proponiamo

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli