Liceo Artistico Sello

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Liceo Artistico Sello"

Transcript

1 MINISTERO DELL' ISTRUZIONE, DELL' UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Liceo Artistico Sello Piazza 1 Maggio, 12 b _ Udine tit 10 III dri LICEO ARTISTICO indirizzi di spcciarizzazione: ARTI FIGURATIVE _ GRAFICA _ SCENOGRAFIA _ ARCHITETTURA E AMBIENTE _ AUDIOVISIVO E MULTIMEDIALE _ DESIGN ISTITUTO STATALE D'ARTE SELLO CORSO SPERIMENTALE MICHELANGELO Indirizzi di specializzazione: ARCHITETTURA E ARREDO _ DISEGNO INDUSTRIALE _ GRAFICA _ IMMAGINE FOTOGRAFICA, FILMICA E TELEVISIVA MODA E COSTUME _ RILIEVO E CATALOGAZIONE Jrld- CORSO TRADIZIONALE Indirizzi di specializzazione: ARTE DELLA GRAFICA PUBBLICITARIA E DELLA FOTOGRAFIA Tel _ _ Fax _ _ _ C.F _ Cod. Mecc. UDSD01000P DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE DELLA CLASSE 5a B A.S Il Consiglio di classe, riunito in data 8 maggio 2013, dopo aver esaminato i piani di lavoro dei singoli docenti qui allegati, ai sensi dell'art. 5 del d.p.r. n. 323 del 23 luglio 1998, relaziona quanto segue: COMPOSIZIONE DELLA CLASSE La classe è formata da 20 allievi e allieve del corso sperimentale "Michelangelo", frequentanti gli indirizzi di "Architettura e Arredo" ( 8) e di "Moda e Costume" ( 12 ). Quasi tutti gli alunni provengono dai paesi della provincia e devono ogni giorno affrontare tempi lunghi di spostamento per raggiungere la sede scolastica. Nel corso del triennio la classe ha subito un sensibile cambiamento: numerosi studenti che erano iscritti alla classe Terza e Quarta non sono riusciti a proseguire in modo lineare il proprio percorso scolastico e hanno lasciato il gruppo originario inserendosi in nuovi contesti all'interno dell'istituto. Approdati in Quinta, gli allievi hanno migliorato complessivamente il proprio comportamento, dimostrando- tin attggiamento di maggiore disponibilità al dialogo educativo, progredendo sul piano dell'attenzione e della partecipazione alle attività didattiche. La classe presenta una fisionomia non omogenea per quanto riguarda le abilità di base, le motivazioni e l'interesse per il lavoro scolastico, ma risulta più compatta per l'impegno espresso nelle materie oggetto d'esame. E' presente all'interno del gruppo un'allieva segnalata per Disturbi Specifici di Apprendimento, per la quale si rimanda al fascicolo riservato e agli strumenti compensativi e alle misure dispensative predisposte dal Consiglio di Classe per gli Esami di Stato (v. documento allegato). RAPPORTI TRA GLI ALUNNI Gli studenti hanno stabilito delle relazioni generalmente corrette e rispettose. Soprattutto nell'ultimo anno di corso sono riusciti a superare alcune diffidenze prima esistenti, instaurando in classe un clima di normale convivenza e collaborazione, evitando conflitti e contrapposizioni individuali.

2 or

3 RAPPORTI TRA DOCENTI ED ALUNNI Le relazioni tra docenti e alunni sono state caratterizzate dalla fiducia e dal rispetto reciproco. In diverse occasioni gli studenti si sono dimostrati aperti alla collaborazione e si sono assunti piccole responsabilità di tipo organizzativo, finalizzate a migliorare il funzionamento dell'attività didattica. Gli insegnanti hanno cercato costantemente di tenere in considerazione le esigenze e gli impegni dei ragazzi, operando per favorire, ove necessario, il recupero e il miglioramento della loro preparazione complessiva. PROFILO DELLA CLASSE (relativo a conoscenze, competenze ed abilità) La preparazione di base della maggior parte degli alunni risulta nel complesso più che sufficiente, anche se permangono delle criticità nella lingua straniera. La classe non manca di buone individualità che si sono messe in mostra per solide abilità di base, per la costanza nell'impegno e per la completezza della preparazione. Ci si riferisce ad alcuni allievi e allieve che sono stati in grado di fornire anche apporti personali e contributi critici, sebbene stimolati e sollecitati dagli insegnanti. ATTITUDINI Nel complesso, quasi tutti gli allievi hanno mostrato maggiore attitudine per l'esposizione orale che per la produzione scritta, dove permangono alcune fragilità e inadeguatezze. Nelle discipline tecnico-progettuali hanno evidenziato buone capacità espressive, di rielaborazione personale e di approfondimento. PARTECIPAZIONE AL DIALOGO ED INTERESSE La partecipazione all'attività didattica e l'interesse per le lezioni sono stati abbastanza costanti e in sicuro miglioramento rispetto ai precedenti anni scolastici. Tuttavia, gli interventi, le riflessioni, i contributi personali al dialogo educativo sono stati prevalentemente sollecitati dagli insegnanti e solo in alcuni casi espressi come apporto spontaneo da parte dei singoli. IMPEGNO ED APPLICAZIONE L'impégno domestico, per la maggior parte degli alunni, è migliorato rispetto ai precedenti anni scolastici, diventando più costante e responsabile. Anche il metodo di studio, con alcune eccezioni, si è perfezionato, riuscendo a essere più consapevole ed efficace. ANDAMENTO DISCIPLINARE La classe, tranquilla e disciplinata, si è comportata in maniera generalmente corretta e responsabile, rispettando le norme di convivenza e il Regolamento d'istituto. Sul piano della frequenza alle lezioni si sono registrati, invece, comportamenti difformi.

4 RISORSE INTERNE ALLA SCUOLA La classe ha avuto a disposizione, per l'attività didattica, le seguenti strutture: palestra laboratori di sezione laboratori di informatica biblioteca I TEMPI Tempi previsti dai programmi ministeriali: (Michelangelo) Ore settimanali n.40 Ore complessive (a.s ) n OBIETTIVI GENERALI DELL'INDIRIZZO DI STUDI (Vedi P.O.F.) ATTIVITÀ SVOLTE DALLA CLASSE ATTIVITA' INTERDISCIPLINARI Sono stati proposti frequenti scambi di idee e di esperienze tra i docenti delle materie affini, per promuovere l'analisi degli argomenti disciplinari da più punti di vista, per affrontare ed interpretare le problematiche oggetto di studio nella loro globalità e per fornire agli alunni una preparazione ampia ed organica. ATTIVITÀ INTEGRATIVE Visione del video "Cercando le parole"(esempi di resistenza femminile non violenta messi in atto dopo 1'8 settembre 1943 alla Stazione Ferroviaria di Udine), in presenza di testimoni Conferenza sui fondamenti e i principi della Costituzione italiana Teatro in inglese Partecipazione alla trasmissione televisiva "Fuoriclasse" - Visita al Museo del Costume di Gorizia Visita alla mostra "20 anni Mittelmoda" - Partecipazione alla mostra "Maravee e Eros" presso il Castello di Susans - Visita alla mostra "Merletti nel tempo" presso Palazzo Morpurgo di Udine ATTIVITÀ FACOLTATIVE - Partecipazione alle "Giornate FAI di primavera" (5 allievi) ATTIVITÀ STUDENTESCHE - Partecipazione alla "Giornata della creatività"

5 ATTIVITÀ DI RECUPERO E' stata svolta in itinere, utilizzando il 10% delle ore curricolari. ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO L'attività di orientamento si è svolta in due modalità: una formativa e l'altra informativa, che sono andate di pari passo e si sono integrate fra loro. Si è provveduto a fornire le informazioni necessarie per utilizzare nel modo migliore le abilità emerse, consentendo una scelta professionale adeguata e consapevole. Gli alunni sono stati informati dei corsi universitari esistenti, delle offerte del mondo del lavoro, dei corsi di studio e/o dei lavori emergenti, che sono in grado di offrire maggiori possibilità occupazionali. Gli allievi hanno avuto la possibilità di partecipare (anche individualmente) alle seguenti attività di orientamento in cui era prevista la presenza di personale esperto: - Salone dello studente (nell'anno scolastico 2011/2012) - Porte Aperte Università di Gorizia (8 marzo 2013) - Young 2013 (8 marzo 2013) - Porte Aperte Università di Trieste (19 marzo 2013) - Conferenza orientamento post diploma- alta formazione artistica (25 marzo 2013) - Consulenza individuale COR (aprile 2013) CRITERI E MODALITA' DI VALUTAZIONE I docenti si sono attenuti alla griglia di valutazione inserita nel POF. La griglia, oltre ai voti in decimi, descrive anche le corrispondenze del voto in quindicesimi e trentesimi. Nelle discipline di indirizzo e caratterizzanti, la misurazione delle prove scritte, scritto-grafiche e pratiche, i docenti hanno tenuto in considerazione altri indicatori più idonei per definire la prova: contenuto, stile, originalità, coerenza, chiarezza, correttezza e precisione nell'esecuzione, capacità di analisi e sintesi, correttezza metodologica (si allega la griglia di valutazione relativa alla prova di progettazione). ' Voto in l5mi * Voto in 30mi ** '1' tft,, «. H2e; N 1-.,,. '.,..; i-,. :-r,,n,',,' V: 4: -,3.^. bl'es y ' ti Conoscenze complete e approfondite e/o con approfondimenti autonomi Conoscenze complete e approfondite. Conoscenze complete, ma non sempre approfondite. Applicazione corretta, adeguata, autonoma, anche ai casi (problemi/esercizi) più complessi senza errori significativi. - - Esposiiione precisa.e fluida. Lessico sempre ade ato. Sicureiza operativa. Sa risolvete problemi/esercizi anche complessi senza errori. significativi. Esposizione chiara, corretta, sicura. Applicazione corretta delle conoscenze. Risoluzione di problemi/ esercizi, senza errori di concetto o di struttura Esposizione logica e lessico adeguati. L analisi, la:sintesi, l'argomentaiione e la rielaboràzàone sono corrette,. con applicaponi autonome anche a problemi complessi. Metodo organizzato e razionale. Rìelaborazione critica, pur senza particolare originalità. Sa effettuare adeguati collegartienti tra fatti e concetti diversi.. Analisi é sintesi corrette ed effettuate con una certa disinvoltura. Sa gestire autonomamente situazioni nuove. 9<voto = <voto= <voto<

6 Conoscenza dei contenuti essenziali. Conoscenza dei contenuti minimi Acquisizione parziale dei contenuti minimi con incertezze diffuse. Conoscenze superficiali e/o lacunose nei contenuti di base. Conoscenze gravemente lacunose con errori gravi e diffusi. Conoscenze gravemente errate. Estremamente frammentarie o nulle. Sa applicare le conoscenze minime in modo corretto e sa risolvere semplici problemi/esercizi in modo autonomo. Utilizza una terminologia semplice, ma appropriata. Sa applicare le conoscenze minime in modo sostanzialmente corretto e sa risolvere semplici problemi/esercizi, applicando le formule studiate. Utilizza una terminologia semplice, ma appropriata. Applica le conoscenze minime, ma con errori non gravi. Esposizione incerta, lessico non sempre adeguato. Incertezze nella soluzione di problemi/esercizi semplici. 4-plicazione meccanica imprecisa e con errori. Presenza di errori diffusi e/o gravi. Poca autonomia per la risoluzione di semplici problemi/esercizi Incapacità di applicare gli strumenti operativi anche a situazioni note. Scarsa capacità di risolvere semplici problemi/esercizi. Esposizione impropria. Incapacità o erronea applicazione degli strumenti operativi, anche con guida. Incapacità di risolvere semplici problemi/esercizi, Esposizione scoordinata. Uso improprio del lessico. Effettua un'analisi corretta e una sintesi essenziale. Sa gestire semplici situazioni nuove. Esegue un'analisi limitata agli aspetti fondamentali e una sintesi elementare. 6<voto<7 I I Analisi parziale e sintesi imprecisa. 5<voto< Analisi e sintesi parziali, con errori anche gravi. 4<voto< Analisi e sintesi quasi assenti o incoerenti. 3<voto< Compie analisi errate. Non sintetizza. Non si orienta. 1<voto<3 1-4 l-8 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLE PROGETTAZIONI (V. materiali allegati alla Relazione) SIMULAZIONE DELLE PROVE D'ESAME Sono state svolte alcune simulazioni delle prove d'esame. In particolare, per quanto riguarda la terza prova, la classe ha effettuato esercitazioni della tipologie B. La prima simulazione della terza prova, comprendente le materie di Storia dell'arte, Storia, Inglese, Fisica, si è svolta in data 21 febbraio La seconda simulazione della terza prova, comprendente le materie di Storia dell'arte, Filosofia, Matematica, Geometria descrittiva, si è svolta in data 26 marzo La simulazione della prima prova d'esame si è svolta in data 17 aprile La simulazione della seconda prova d'esame. Progettazione Moda e Costume si è svolta in data 4 aprile La simulazione della seconda prova d'esame Progettazione Architettura e Arredo si è svolta in data 18 aprile Allegati al presente documento: Contenuti e percorsi disciplinari relativi alle seguenti discipline: - Storia dell'arte - Italiano e Storia

7 - Matematica e Fisica - Filosofia - Lingua Inglese - Geometria descrittiva - Progettazione Architettura e Arredo - Progettazione Moda e Costume - Laboratori - Religione - Educazione Fisica Documento del 15 maggio Studenti con Disturbi Specifici di apprendimento Prove di simulazione d'esame: Le prove di simulazione d'esame e i loro risultati sono depositati presso la Segreteria Didattica dell'istituto e costituiscono documentazione allegata al presente Verbale del Consiglio di Classe. Il Con siglio della classe Sa B Cognomel Cognome2 Cognome3 Cognome4 Cognome5 Cognome6 Cognome7 Cognome8 Nomel Nome2 Nome3 Nome4 Romeo RAT Giuseppina._-2p 02 0 Nome5 V Nazzi uri s tma Nome6 Nome? Nome8 Tosone Cristina ' -litt, ( muzzi A alisa cc)._ Gt.~41 il Raspi Alfonso Zecchini Umberto Zanchin Luciano Ceccotti Nadia 1,~ Cognome9 Nome9 Peres Renzo MARC,D Cognome 10 Nome 10 Mesaglio ààa a -en~``~ (e2l 441/- Cognomell Nomell Infanti Tiz a a Cognome 12 Nome 12 Farra Franca Cognome 13 Nomel3 Grosso Marco Cognomel4 Nomel4Fistarol Antonell Udine, 8 maggio 2013 ijrig xo s s a ASTICO zzzatto

8 VOTO FINALE o rn o 2 o tr) CJ1 00 o z o 00 o LU m GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L'AREA D'INDIRIZZO. (c) w z CT- n z LL n o LIJ i- z w O LL Z D O `-') o E PER DISCIPLINE CARATTERIZZANTI (MODA E COSTUME) E (1) C GRAVEMENTE INSUF FI CIENTE o z '-I In quindicesimi

9 ip ajole3!pui o/gelai lau!saidwo3 guawala ii2ap osnmau alepdoidde pa ilnualuop iau aspajd alipuojoadde pa aipwaio elsodsp ip!snodi neuosiad puaivalu! UOD opuelociap ezzwe210 auoizelnien!p aloted!pu! onrelai lau!inuawoo Ruawala!i2 oleudoidde opow u! opuesn pnualuop iau allpuoloidde pa alaidwo3 elsodsp ip!salodi ezzlue2j0 polep!pu! pau 4nuawo3 guawaia!12 oleudoidde opow u! opuesn 4nualuo3!au al!puoloadde pa alaidwo3 elsodsp!p!salod! ezz!ue2j0!jole3!pu! 42autInualuo) puawate ugap osnmau ana.i.103 awawenissaidwo3 a pnuawo3 tau alansip elsodsp Ip anauo3!sa4od! ezmue2.10 auo!zelnien ip aioledipui onnelaj iati!lnualuop quawala!pop osnmau auo!spadw! atmenb UO3 '!lnualuop!au tielzuassa elsodsp ip!salodi ezz!ue2.10 auotzerien!p!jolep!pu! pau Rnualuop Ruawala 112 oleudoidde ount lap uou opow u! opuesn!lepipadns a Ne!zied elsodsp!p isalodi ezz!ue210 auo!zemen!p aiole3!pul odulelai lau unualuo3 guawala!12 awawenalun opue2aldw! uou Ruaiaopui asnium elsodsp!p!salodi ezz!ue2.10 auoizelnien lp ajoledipu! 0A lau unualuop ow!u!w oliami un aipueau aiapassod uou Ip ensow!ci

10 VOTO FINALE o A rn 0 o rn n 00 o z o n 00 A o o cc GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L'AREA D'INDIRIZZO N LID ld A 1.11 w U w u- D 11.1 I- z LL LL D o L" i-d,"- z D O N z \ ci o 0") E PER DISCIPLINE CARATTERIZZANTI (ARCHITETTURA E ARREDO) Ln m E -0.9 n z Li., 22 O O i i i- < 2 E v) z w o 00 In quindicesimi

11 ip aioleg!pu! on!lelai lau isaidwo3 guawala!!2ap osnmau alepdoidde pa unuawo3!au aspami amwojoidde pa atplue2jo elsodsu Ip!sawd! Neuosiad nuatuaw! UO3 opueioqelap ezzwe2,10 auolzewien!p amenui onrelai lau wwawo3 nuawala o oleljdoidde opow ui opuesn ilnuawoo!au allpuo}oidde pa alaidwop elsodsp Ip!sawd! enwe2j0 poleo!pui pau nnualuop nuawala!12 oleudoidde opow Li! opuesn Ilnualuop!au allpuowidde pa a4aldwoo elsodsii ip!sawd! ezzwe2-10!joleo!pu!!!2au nnuawo3 guawala pap osn,ilau al a aluawentssaldwo3 a!lnunuo2 lau alansip elsodsm!p 9nalio3!salodi ezztue2u0 auo!zenien!p aimeo!pu! onnetai!al!!inuawo3 nuawala!!2ap osnlau auo!spaidw! atiolenb UO3 '11.nualuo3!au ne!zuassa elsodsp Ip!sawdi ezzwe2j0 auo!zelnien!p poleo!pu!!!2au nnuawoo nuawala!i2 oleudoadde ounl lap uou opow ui opuesn ilepwadns a!ie!zjed elsodsm ip!sawd! ezzwe2-10 auolzelnien!p amneo!pui oigela, lau!lnuawoo!wawala!!2 awaweliauo3 opue2alclw! uou nualaooul asnwoo elsodsli!p!salodi ezzwe2j0 auoizelnien!p aioleptpui ongelai tau nswawo3 ow!ww ollan!! un aipueau ajapassod uou!p ensotwo

12 ISTITUTO STATALE D'ARTE "G.SELLO" UDINE ANNO SCOLASTICO 2012/ CLASSE 5^13 GEOMETRIA DESCRITTIVA - PROF. ZECCHINI UMBERTO Le proiezioni assonometriche: rappresentazione del punto e della retta; assonometrie oblique e ortogonali; il triangolo fondamentale e suo ribaltamento; assonometria trimetrica con riporto diretto e indiretto; i coefficienti di riduzione; Le coniche proprie: Individuazione dell'ellisse, della parabola e dell'iperbole. Ritrovamento dei fuochi di un'ellisse. Dimostrazione delle proprietà dei fuochi di un'ellisse ( sfere di Dandelin ). Costruzione dell'ellisse mediante l'omologia piana. L'omologia, l'omotetia e l'affinità. Costruzione dí figure é triangoli omologhi. Cenntsuhrteoria delle ombre applicata alle proiezioni assonometriche. Direzione e inclinazione del raggio luminoso. Cenni sulle proiezioni centrali: la prospettiva come applicazione. Approfondimento della prospettiva come linguaggio architettonico: confronto tra i vari metodi delle costruzioni prospettiche. Udine, 14 maggio 2013 Gli allievi.

13 L.A.S. "G. SELLO" UDINE PROGRAMMA SVOLTO DISCIPLINA: EDUCAZIONE FISICA Classe 5^B Accertamenti iniziali: lancio della palla medica da 2 e 3 Kg, test di potenza addominale (ripetizioni nell'unità di tempo 60"). Test d'ingresso per la valutazione funzionale delle attività fisiche: salto in lungo da fermo, Sargent test (elevazione da fermo), test di Cooper. Esercitazioni a corpo libero o con piccoli carichi esterni per la ricerca del tono funzionale, del potenziamento muscolare per singoli gruppi, per l'incremento e lo sviluppo di qualità neuro muscolari. Andature atletiche coordinative ed esercizi di destrezza, di coordinazione segmentaria, fine e generale. Principi di teoria e tecnica dell'allenamento sportivo: conoscenza delle capacità condizionali forza, resistenza, velocità. La pratica sportiva di pallavolo, basket, calcio a 5, badminton, funicella, studio di fondamentali di detti giochi di squadra, gioco in situazione, momenti di gioco libero con regole ufficiali con la guida dell'insegnante, elementi di attrezzistica, progressione corpo libero, Preparazione e svolgimento di percorsi per la valutazione delle capacità motorie e tecniche possedute. Esercizi di linguaggio corporeo per lo sviluppo della sicurezza di sé e della fiducia nei confronti degli altri Il programma ha subito molte riduzioni a causa di attività extracurricolari degli allievi e di coincidenza di gare, aggiornamento, etc. METODO Esercitazioni pratiche precedute sia da spiegazione teorica sia da dimostrazione pratica da parte degli allievi con l'introduzione di linguaggi specifici. Metodo globale ed analitico si sono alternati in relazione alle attività da svolgere e alle finalità da raggiungere, di benefici da ricercare, di errori da evitare in virtù della prevenzione degli infortuni e di tutela della salute in genere. STRUMENTI Tutte le attrezzature presenti nella palestra scolastica, prato esterno. VALUTAZIONE Valutazione periodica della performance prodotta in relazione alle unità didattiche affrontate, osservazione sistematica di comportamento, autocontrollo emotivo, partecipazione e presenza, impegno, collaborazione, rispetto dei ruoli, rispetto dei compagni, miglioramento rispetto alla situazione di partenza e in relazione alle reali capacità fisico-motorie possedute dai singoli. Udine, 15 maggio 2013

14 ISTITUTO. STATALE D'ARTE "G. SELLO" A. S. 2012/13 CLASSE V, SEZ. B - sperimentale DOCENTE: prof. Giuseppina Romeo MATERIA: FILOSOFIA CONTENUTI DEL PROGRAMMA SVOLTO (Testo adottato: Cioffi, Luppi, Vigorelli, Zanette, Bianchi, O' Brien, Agorà vol. 3, ed. Bruno Mondadori) 1. SCHOPENHAUER Le radici culturali del sistema e la critica all'idealismo Il mondo come rappresentazione e come Volontà L'esistenza umana tra dolore e noia Le vie di liberazione dalla Volontà: arte, etica, ascesi. Parole -chiave della filosofia di Schopenhauer Testi : "La meraviglia filosofica dell'uomo" (in fotocopia) "Affermazione e negazione della Volontà" p.82 "L'arte e la contemplazione delle idee" (in fotocopia) 2. NIETZSCHE L'esercizio del "sospetto": crisi delle certezze e distruzione dei valori. La nascita della tragedia e le categorie di "apollineo" e "dionisiaco". La morte di Dio e la fine delle illusioni metafisiche. L'avvento del superuomo e la dottrina dell'eterno ritorno. I diversi significati di "nichilismo" e il suo superamento. La volontà di potenza. Parole-chiave della filosofia di Nietzsche. Testi: "Come il mondo vero divenne favola" p.278 "L'uomo folle" p.306 "La morte di Dio e il superuomo" ( da p. 285) "Le tre metamorfosi" p. 288 "Il peso più grande"( aforisma 343 da "La gaia scienza" in fotocopia) "L'eterno ritorno dell'uguale" (da p. 292) "E sapete che cosa è per me il `mondo'?"(fr.1067 da "La Volontà di potenza" in fotocopia) " La volontà di potenza come arte" (in fotocopia) 3. FREUD La centralità dell'inconscio e la ridefinizione del concetto di "psiche". Gli "Studi sull'isteria" e il metodo catartico. L'Interpretazione dei sogni e la nascita della psicoanalisi. La Psicopatologia della vita quotidiana e il "metodo indiziario". La teoria della sessualità e il "complesso" edipico. La sistemazione teorica dei concetti della psicoanalisi : dalla prima alla seconda "topica". La riflessione sulla bellezza nel saggio " Caducità". Il "disagio" della civiltà. Parole-chiave della filosofia di Freud. Visione e analisi del film di L. Bunuel "Un chien andalou".

15 Testi : "Le grandi rivoluzioni sono anche grandi mortificazioni dell'umanità" ( in fotocopia) "Il metodo psicanalitico" p.354 " La seconda topica" p.348 "Caducità" (in fotocopia) 4. L'IDEALISMO HEGELIANO L'Idealismo in Hegel: i capisaldi del sistema filosofico. L'identità di reale e razionale. I compiti della filosofia e la critica alla filosofia di Kant e ai Romantici. La dialettica hegeliana (caratteri generali). I tre momenti dell'assoluto e le corrispondenti sezioni della filosofia ( lineamenti generali). La filosofia dello Spirito assoluto : arte, religione, filosofia. Parole -chiave della filosofia hegeliana. Testi : "Contro il criticismo kantiano: la conoscenza dell'assoluto" p.94 "Ciò che è reale è razionale" p MARX Il compito della filosofia. La critica alla dialettica hegeliana. Il lavoro alienato. La concezione materialistica della storia e il tema dell'ideologia. Definizione di "struttura" e "sovrastruttura". Testi : " Lavoro e alienazione" p. 198 " La storia e la coscienza" p BERGSON Tempo della scienza e tempo dell'esperienza vissuta : la durata Analisi e intuizione. Testi : "Durata e coscienza" p "Analisi e intuizione"(in fotocopia) Udine, 15 maggio 2013 L'insegnante Gli allievi cue0i,dujulo

16 Liceo Artistico " G. Sello " Anno scolastico Classe V B Materia : Inglese Docente : C. Nazzi Contenuti del programma svolto: Dal testo in adozione "ART AROUND US" di L. Clegg, G. Orlandi, J. Regazzi, CLITT e da fotocopie tratte dal testo "ONLY CONNECT... LOOKING INTO ART "di M. Spiazzi, M.Tavella, Zanichelli e da "ART" di R. Cunmming, Eyewitness Companions, sono stati letti, compresi, tradotti e analizzati i seguenti argomenti relativi alle arti figurative del 19 e 20 secolo. ROMANTICISM J. HENRY FUSELI "The Nightmare " A visionary Painter : WILLIAM BLAKE " "The Elohim Creating Adam " "The Ancient of Days " L M. W. TURNER and The Machine- Age " Rain, Steam and Speed " Glass and Iron Architecture J. PAXTON and " The Crystal Palace n E. MANET " Olympia " NINETEENTH CENTURY IN EUROPE: THE IMPRESSIONISTS IN FRANCE C. MONET " Impression Sunrise" P. A. RENOIR "La Loge " THE EUROPEAN AVANT-GARDE: CUBISM AND FUTURISM P. PICASSO and G. BRAQUE 1

17 P. PICASSO " Les Demoiselles d' Avignon " "Ma Jolie" "Stili life with Chair Caning" G. BRAQUE "Guitar and Fruit " ANALYTIC & SYNTHETIC CUBISM FUTURISM : GINO SEVERINI "Red Cross Train Passing a Village " "Armored Train in Action " THE EUROPEAN AVANT GARDE : TOWARDS ABSTRACT ART WASSILY KANDINSKY : " Cossacks " GIORGIO DE CHIRICO " Ariadne" "The Red Tower" SURREALISM S. DALI "The Persistence of Memory " " Sleep " ABSTRACT EXPRESSIONISM : M. ROTHKO "Untitied" J. POLLOCK " Autumn Rhythm" POP ART : R. LICHTENSTEIN " That's the Way " " Whaam I" ANDY WARHOL " Marylin Diptych " UDINE, 08 maggio 2013 L'insegnante (C. Nazzi) Gli allievi (supplente) bora Zorat 2

18 ISTITUTO STATALE D'ARTE "G. SELLO" UDINE PROF. Annalisa Comuzzi INS. DI Italiano CLASSE V SEZ. B ANNO SCOLASTICO PROGRAMMA SVOLTO DI ITALIANO Testi- adottali. Baldi, S. Giusso, M. Mazzetti, G. Zaccaria, La letteratura, volumi 5 (La Scapigliatura, il Verismo e il Decadentismo) e 6 ( Il primo Novecento e il periodo fra le due guerre), Paravia. CONTENUTI Il romanzo realista in Europa nella seconda metà dell'ottocento Considerazioni generali L'età del Positivismo Le ideologie: il culto della scienza e della tecnica, la scienza e il dominio sul mondo Il ruolo degli intellettuali Il Naturalismo francese I fondamenti teorici La poetica di Emile Zola e il romanzo sperimentale Il Verismo italiano Giovanni Verga: la vita, la formazione, le opere giovanili Poetica e tecnica narrativa del Verga verista L'ideologia verghiana Vita dei campi Il ciclo dei vinti I Malavoglia: l'intreccio Novelle rusticane Mastro-don Gesualdo: l'intreccio Lettura e analisi di testi scelti: da Vita dei campi: Rosso Malpelo La Lupa dalle Novelle rusticane: La roba da I Malavoglia: Il mondo arcaico e l'irruzione della storia, cap. I I Malavoglia e la comunità del villaggio, cap. IV La conclusione del romanzo: l'addio al mondo pre-moderno, cap.xv

19 Charles Baudelaire: un precursore del Decadentismo Il profilo biografico I fiori del male: la struttura dell'opera Le opere in prosa Lettura e analisi di testi scelti: da I fiori del male: Corrispondenze L'albatros Spleen Il cigno Il Decadentismo L'origine del termine "decadentismo" La visione del mondo decadente La poetica del Decadentismo Temi e miti della letteratura decadente: la malattia, la morte, il vitalismo, l'estetismo, l'artista "maledetto" La poesia simbolista Il Simbolismo francese: la proposta di una nuova poetica Paul Verlaine Il profilo biografico Lettura e analisi di testi scelti: da Poesie: Languore Arthur Rimbaud Il profilo biografico Le opere Lettura e analisi di testi scelti: da Poesie: Il battello ebbro Vocali La mia bohème Il Decadentismo in Italia Giovanni Pascoli La vita La visione del mondo La poetica: il fanciullino L'ideologia politica Le raccolte poetiche I temi della poesia pascoliana Le soluzioni formali: la sintassi, il lessico, gli aspetti fonici, il fonosimbolismo Lettura e analisi di testi scelti: da Myricae: I puffìni dell'adriatico Novembre L'assiuolo X Agosto dai Canti di Castelvecchio: Il gelsomino notturno da Il fanciullino: Una poetica decadente da La grande proletaria si è mossa: Il nazionalismo pascoliano

20 Gabriele D'Annunzio Il profilo biografico: l'influenza dannunziana sulla cultura e sulla società italiana del primo Novecento L'estetismo, il superomismo, il vitalismo Il piacere: la trama del romanzo Le Laudi, con particolare riferimento ad Alycione Il periodo "notturno" Lettura e analisi di testi scelti: da B piacere: Una fantasia "in bianco maggiore", libro III, cap. III da Alcyone: La pioggia nel pineto Meriggio La sera fiesolana dal Notturno: La prosa notturna Il primo Novecento La stagione delle avanguardie Il Futurismo I futuristi: azione, velocità e antiromanticismo Le innovazioni formali I manifesti Filippo Tommaso Marinetti Il profilo biografico e la produzione letteraria Lettura e analisi di testi scelti: Manifesto del Futurismo Manifesto tecnico della letteratura futurista da Zang tumb tuuumb: Bombardamento Aldo Palazzeschi, da L'incendiario, E lasciatemi divertire: lettura e analisi testuale Il Futurismo russo Vladimir Majakovskij e la rivoluzione bolscevica Lettura e analisi di testi scelti da Io, La guerra è dichiarata Tra le due guerre: la narrativa italiana Italo Svevo La vita Trieste, città mitteleuropea La cultura di Svevo Il primo romanzo: Una vita. I contenuti e le tecniche narrative Senilità: la vicenda e le tecniche narrative La coscienza di Zeno: la struttura del romanzo e il nuovo impianto narrativo Lettura e analisi di testi scelti: da La coscienza di Zeno: Il vizio del fumo, cap. III La morte del padre, cap. IV La salute "malata di Augusta", cap. VI Psico-analisi, cap. VIII

21 La narrativa straniera Franz Kafka Il profilo biografico Il pensiero e la poetica Lettura e analisi di testi scelti: La metamorfosi: lettura integrale La poesia italiana fra le due guerre Giuseppe Ungaretti Il profili biografico La sperimentazione poetica: Il porto sepolto, Allegria di naufragi, L'allegria L'allegria: la funzione della poesia; la poesia come illuminazione; gli aspetti formali Il recupero della tradizione e il "barocco ungarettiano": Sentimento del tempo La terza fase poetica: Il dolore e le ultime raccolte Lettura e analisi di-testi scelti: da L'allegria: In memoria I fiumi Veglia San Martino del Carso Mattina Soldati Natale da Sentimento del tempo: Di luglio da Il dolore: Non gridate più Eugenio Montale Il profilo biografico Ossi di seppia: il titolo e il motivo dell'aridità; la crisi dell'identità; il "varco" la poetica; le soluzioni stilistiche Il "secondo" Montale: Le occasioni. La poetica degli oggetti. La donna salvifica Il "terzo" Montale: La bufera e altro (cenni) L'ultimo Montale: Satura (cenni) Lettura e analisi di testi scelti: da Ossi di seppia: I limoni Non chiederci la parola Meriggiare pallido e assorto Spesso il male di vivere ho incontrato Gloria del disteso mezzogiorno da Le occasioni: Dora Markus La letteratura del secondo Novecento Gli allievi hanno letto individualmente alcuni romanzi del secondo Novecento, scegliendo tra autori italiani e stranieri. Sono stati presi in considerazione soprattutto opere riferite all'esperienza della deportazione, della guerra e della Resistenza.

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI 1 di 5 23/01/2015 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA: Matematica DOCENTI : Provoli, Silva, Vassallo MODULI CONOSCENZE

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Docente: Nicoletta Antolini MODULO N. 1 (ritratto d autore) - ALESSANDRO MANZONI 1. ALESSANDRO MANZONI La vita Le opere: caratteri generali

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2013/2014 CLASSE: 5 a I.T.A.S.

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. 2013/14 SCUOLA: Liceo linguistico Manzoni DOCENTE: Elena Bordin MATERIA: Italiano Classe: V Sezione: M OBIETTIVI: COGNITIVI (Conoscenze, competenze): Riconoscere i sottocodici

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014 INSEGNANTE MATERIA CLASSE/I Livio Gnucci Italiano V CO OBIETTIVI DIDATTICI DISCIPLINARI CONSEGUITI IN TERMINI DI COMPETENZE, CONOSCENZE, ABILITÀ PRESENTAZIONE

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15 CLASSE 5 a B Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Liceo Scientifico - Piano di studi Discipline 1 Biennio 2 Biennio 5

Dettagli

DIPARTIMENTO DI DESIGN INDUSTRIALE PROGRAMMAZIONE A.S. 2015-2016

DIPARTIMENTO DI DESIGN INDUSTRIALE PROGRAMMAZIONE A.S. 2015-2016 DIPARTIMENTO DI DESIGN INDUSTRIALE PROGRAMMAZIONE A.S. 2015-2016 DIPARTIMENTO: DISCIPLINA: CLASSI: DESIGN INDUSTRIALE PROGETTAZIONE e LABORATORIO TERZE QUARTE QUINTE FINALITÀ DA RAGGIUNGERE A FINE CURRICOLO

Dettagli

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta Anno scolastico 2013-14 classe V sez..a Prof. A. Rogai Programma di Italiano Modulo I: Tra Positivismo e Naturalismo Il Positivismo: un nuovo indirizzo di pensiero Il Naturalismo:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010/11 Docente: Antonio Gottardo Materia: Matematica Classe: 5BSo Liceo delle Scienze Sociali 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi

Dettagli

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher PERCORSO DISCIPLINARE ITALIANO DOCENTE: prof.ssa Maria Siliquini DISCIPLINA: ITALIANO CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura

Dettagli

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014 LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO Biennio triennio Anno scolastico 2013-2014 Il Dipartimento nel redigere il documento di programmazione didattica annuale, fa riferimento a : la revisione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15 PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 04-5 Competenze previste Abilità dello studente Conoscenze sapersi orientare sui concetti generali relativi alle istituzioni statali,

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2015 2016 Piano di lavoro individuale Classe: Materia: Docente: IV^ D S.I.A. MAA MATEMATICA Prof. Michele PAVEGGIO Situazione di partenza della classe La classe risulta formata da 18 alunni,

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Pag. 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Prof.ssa Paola VERGANI Materia MATEMATICA Classe V Sez. D ss Testi adottati: - Bergamini- Trifone- Barozzi Fondamenti di calcolo algebrico

Dettagli

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio SEZIONE TECNICA A.S. 2014 2015 Piano di Lavoro Di Matematica Secondo Biennio DOCENTE CENA LUCIA MARIA CLASSI 4 BM Libri di testo: Bergamini-Trifone-Barozzi Mod.U verde Funzioni e limiti Mod.V verde Calcolo

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Matematica e Complementi di Matematica Classe: 4 AI A.S. 2015/16 Docente: Carollo Maristella ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

Dettagli

I.T.G. <> Battipaglia (SA) PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CORSO SERALE SIRIO RELAZIONE

I.T.G. <<G.C.Gloriosi>> Battipaglia (SA) PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CORSO SERALE SIRIO RELAZIONE I.T.G. Battipaglia (SA) PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CORSO SERALE SIRIO Prof. Lucia D Aniello, CLASSI 3 A, 4 A, 5 A GEOMETRI- SIRIO RELAZIONE Premesse La programmazione è stata redatta

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 SECONDO BIENNIO DISCIPLINA: DISCIPLINE GRAFICHE Prof. Paolo Maria Arosio Prof. Lorenzo Cazzaniga A. Modigliani Giussano Mod.: dir.14 Rev.: 2,0 Data 10/10/2014

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 7 04/12/2013 118 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione Via Saint Denis 200 20099 Sesto San Giovanni Tel.: 02.26224610/16/10 Fax 02.2480991 Sito: www.iisdenicola.it - e_mail uffici: info@iisdenicola.it Anno scolastico: 2013/2014

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO Anno scolastico 2015-2016 1 Obiettivi disciplinari minimi metacognitivi - acquisizione della consapevolezza delle proprie strategie di

Dettagli

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno*

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno* Programmazione di Dipartimento (Area 1) Lettere Programmazione di Lingua Letteratura Italiana Liceo delle Scienze Umane, Liceo Linguistico II Biennio A. S. 2013-2014 Programmazione disciplinare per anno

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5 C Indirizzo:

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE CLASSE PRIMA COMPETENZE (1)

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE CLASSE PRIMA COMPETENZE (1) http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 8 15/11/2013 154 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Prof.ssa Genoveffa Caliò Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Ascoltare in modo attivo e partecipe. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

Dipartimento di Discipline geometriche, architettoniche, arredamento e scenotecnica

Dipartimento di Discipline geometriche, architettoniche, arredamento e scenotecnica DISCIPLINE PROGETTUALI ARCHITETTURA E AMBIENTE 3 anno (6 ore settimanali) La materia propone l ampliamento, la conoscenza e l uso dei metodi proiettivi orientandoli verso lo studio e la rappresentazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA. Classe Quarta. (Aggiornato) ANNO SCOLASTICO 2011/12

PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA. Classe Quarta. (Aggiornato) ANNO SCOLASTICO 2011/12 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.I.S. CATERINA CANIANA Via Polaresco 19 24129 Bergamo Tel:035 250547 035 253492 Fax:035 4328401 http://www.istitutocaniana.it email: canianaipssc@istitutocaniana.it

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE. Anno scolastico 2013/2014 INSEGNAMENTO DISCIPLINE PROGETTUALI ARCHITETTURA E AMBIENTE CLASSE 4^ SEZ.

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE. Anno scolastico 2013/2014 INSEGNAMENTO DISCIPLINE PROGETTUALI ARCHITETTURA E AMBIENTE CLASSE 4^ SEZ. Liceo Artistico Statale di Crema e Cremona Bruno Munari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE Cod. Doc.: M 7.3 A-1 Rev. 2 del : 08/10/2013 Anno scolastico 2013/2014 INSEGNAMENTO DISCIPLINE PROGETTUALI ARCHITETTURA

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE Via Domenico Rossetti, 74 XVII Distretto Tel.: 040390202 Fax: 0409383360 e-mail: scrivici@liceopetrarcats.it Anno Scolastico 2010-2011 RELAZIONE

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA. a.s. 2014/2015 CLASSE I I D

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA. a.s. 2014/2015 CLASSE I I D ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA a.s. 2014/2015 CLASSE I I D Indirizzo Scientifico opzione Scienze Applicate COORDINATRICE: prof.ssa Serena Crivellari

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin)

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) PROGRAMMAZIONE GENERALE DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO 1 biennio, 2 biennio, 5 anno. Conoscenze disciplinari Conoscere le strutture

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI"

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI" Indirizzi: Scienze applicate- Scienze umane- Economico-sociale - Linguistico- Classico-Musicale Via Roma, 66-81059 VAIRANO PATENORA-SCALO (CE) Tel.-fax- 0823/988081

Dettagli

A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO MARTA RABAGLI

A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO MARTA RABAGLI a.s.2013/2014 DISCIPLINE GEOMETRICHE A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO MARTA RABAGLI L AMBITO DISCIPLINARE DI DISCIPLINE PITTORICHE, PLASTICHE E GEOMETRICHE STABILISCE CHE: 1. I docenti prevedono

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico DOCUMENTO DI DIPARTIMENTO Disegno e storia dell arte - Storia dell arte Liceo classico (storia dell arte) scientifico e scienze applicate (disegno

Dettagli

PROGRAMMA DIDATTICO E PATTO FORMATIVO A.S. 2010-2011 MATERIA: DISEGNO E PROGETTAZIONE. Prof. MORARA MARCO

PROGRAMMA DIDATTICO E PATTO FORMATIVO A.S. 2010-2011 MATERIA: DISEGNO E PROGETTAZIONE. Prof. MORARA MARCO PROGRAMMA DIDATTICO E PATTO FORMATIVO A.S. 2010-2011 CLASSE: 1Bcat MATERIA: DISEGNO E PROGETTAZIONE Prof. MORARA MARCO 1. LIVELLI DI PARTENZA. 1.1. Composizione La classe si compone di 15 studenti (2 femmine

Dettagli

Piano di Lavoro. Secondo Biennio

Piano di Lavoro. Secondo Biennio ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Aldo MORO Liceo Scientifico Istituto Tecnico Industriale Via Gallo Pecca n. 4/6 10086 RIVAROLO CANAVESE SEZIONE SCIENTIFICA A.S. 2014 2015 Piano di Lavoro DISEGNO E STORIA

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di Studio: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA- Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometra Liceo Linguistico/Linguistico Moderno -

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE 1 di 6 02/01/2014 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 1. SECONDO BIENNIO DISCIPLINA : Italiano Competenze

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2010/2011 CLASSE 5 a Biologico

Dettagli

Indirizzo odontotecnico a.s. 2015/2016

Indirizzo odontotecnico a.s. 2015/2016 I.P.S.I.A E. DE AMICIS - ROMA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA Classe 5C Indirizzo odontotecnico a.s. 2015/2016 Prof. Rossano Rossi La programmazione è stata sviluppata seguendo le linee guida ministeriali

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA PROGRAMMAZIONE a.s, 2014 2015 DIPARTIMENTO: MATERIE LETTERARIE MATERIA: ITALIANO COORDINATORE: De Benedictis Rosa Maria Classi: Quinte ARGOMENTO I: POSITIVISMO, NATURALISMO, VERISMO.

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F LICEO SCIENTIFICO STATALE G. CASTELNUOVO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F Testi adottati: Corrado Bologna, Paola Rocchi, Rosa fresca aulentissima, ed.loescher (vol.4-5-6)

Dettagli

Linee guida per la programmazione annuale del Dipartimento disciplinare di Storia dell Arte e Disegno

Linee guida per la programmazione annuale del Dipartimento disciplinare di Storia dell Arte e Disegno LICEO A. MEUCCI - APRILIA (LT) Linee guida per la programmazione annuale del Dipartimento disciplinare di Storia dell Arte e Disegno Le linee guida per la programmazione annuale si riferiscono al secondo

Dettagli

Piano di Lavoro Di MATEMATICA. Secondo Biennio

Piano di Lavoro Di MATEMATICA. Secondo Biennio ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ALDO MORO Liceo Scientifico Istituto Tecnico Via Gallo Pecca n. 4/6-10086 Rivarolo Canavese Tel 0124 454511 - Cod. Fiscale 85502120018 E-mail: segreteria@istitutomoro.it

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Progettazione

UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Progettazione LA DIDATTICA PER COMPETENZE: NUOVI STRUMENTI PER L ACQUISIZIONE, LA VALUTAZIONE E LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE Liceo Artistico "G. Sello" - Udine Anno scolastico 2014/2015 UNITÀ DI APPRENDIMENTO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA Istituto Istruzione Superiore A. Venturi Modena Liceo artistico - Istituto Professionale Grafica Via Rainusso, 66-41124 MODENA Sede di riferimento (Via de Servi, 21-41121 MODENA) tel. 059-222156 / 245330

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORI MINERARIO "G. ASPRONI E. FERMI" PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE a.s. 2015-2016

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORI MINERARIO G. ASPRONI E. FERMI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE a.s. 2015-2016 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORI MINERARIO "G. ASPRONI E. FERMI" PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE a.s. 2015-2016 Docente: Carla Ada Piu Disciplina: Matematica e Complementi di matematica CLASSE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA a.s. 2015/2016 CLASSE 2^ D

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA a.s. 2015/2016 CLASSE 2^ D PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA a.s. 2015/2016 CLASSE 2^ D Indirizzo Scientifico opzione Scienze Applicate COORDINATORE: prof. Alessandro Pepe COMPONENTI DEL CONSIGLIO DI CLASSE DOCENTE Pepe Alessandro

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

LICEO COREUTICO GUIDA ALL ISCRIZIONE A.S. 2015/16

LICEO COREUTICO GUIDA ALL ISCRIZIONE A.S. 2015/16 Sede centrale: Vico I Rota, 2 (80067) Tel 081 8073230 Fax 081 8072238 Sorrento Napoli Sede storica: P.tta San Francesco, 8 - Tel. 081 807 30 68-80067 Sorrento C.F. 90078490639 - Cod. Mecc: NAIS10300D e-mail:

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE V C A.S. 2011/2012

LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE V C A.S. 2011/2012 LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE V C A.S. 2011/2012 Docente: Prof.ssa Agata Spoto Testo adottato: La Divina Commedia Nuova edizione integrale Autori: Alighieri Dante / Jacomuzzi

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2015 2016 Piano di lavoro individuale Classe: Materia: 4A ind. TURISMO Matematica Docente: CABERLOTTO GRAZIAMARIA Situazione di partenza della classe La classe è composta da 24 alunni di

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA. a.s. 2015/2016 CLASSE I I I E

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA. a.s. 2015/2016 CLASSE I I I E ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA a.s. 2015/2016 CLASSE I I I E COORDINATRICE: prof.ssa Cristina Friso Indirizzo Scientifico opzione Scienze Applicate

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi:

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi: OFFERTA FORMATIVA FINALITÁ EDUCATIVE GENERALI Nel corso dei cinque anni d articolazione dei corsi, l Istituto intende garantire agli studenti una formazione integrata che armonizzi la crescita personale,

Dettagli

Scuola statale Italiana di Madrid Sezione Liceo Scientifico Programmazione curricolare di Matematica Classe IV B Anno scolastico 2015/2016

Scuola statale Italiana di Madrid Sezione Liceo Scientifico Programmazione curricolare di Matematica Classe IV B Anno scolastico 2015/2016 Scuola statale Italiana di Madrid Sezione Liceo Scientifico Programmazione curricolare di Matematica Classe IV B Anno scolastico 2015/2016 Prof. Novaresio Domenico Obiettivi generali trasversali Nel corso

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. SCUOLA: CIVICO LICEO LINGUISTICO A.MANZONI DOCENTE: FABIO NUNZIATA MATERIA: ITALIANO Classe 5 Sezione H OBIETTIVI Cognitivi 1. conoscere adeguatamente le regole del

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Istituto Statale d'istruzione Superiore R.FORESI LICEO CLASSICO LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENZE UMANE FORESI ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO BRIGNETTI ISTITUTO ALBERGHIERO E DELLA

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE*

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE* Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca L.G.S. C. Beccaria Via Linneo 5-20145 Milano C.M. MIPC040008 C.F. 80125550154 Tel: 02 344815 Fax: 02 3495034 email istituzionale: mipc040008@istruzione.it

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof.

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. ssa Laura Piazzi CLASSE I A.S.2014 /2015 2 OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1 OBIETTIVI

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS Atripalda (Av) DIPARTIMENTO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS Atripalda (Av) DIPARTIMENTO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS Atripalda (Av) DIPARTIMENTO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE Programmazione didattica-educativa Bienno-triennio a.s. 2013/2014 Premessa Sulla base di una scelta didattica

Dettagli

MATERIA: TECNOLOGIA E TECNICHE DELLE RAPPRESENTAZIONI GRAFICHE

MATERIA: TECNOLOGIA E TECNICHE DELLE RAPPRESENTAZIONI GRAFICHE MATERIA: TECNOLOGIA E TECNICHE DELLE RAPPRESENTAZIONI GRAFICHE PROGRAMMAZIONE CLASSI PRIME 1. OBIETTIVI 1.1 COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: Si tratta di competenze che la reciproca integrazione e interdipendenza

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO Progetto di ristrutturazione di un appartamento

UNITÀ DI APPRENDIMENTO Progetto di ristrutturazione di un appartamento UNITÀ DI APPRENDIMENTO Progetto di ristrutturazione di un appartamento CLASSE 5 a A Serale Comprendente: 1. UDA 2. CONSEGNA AGLI STUDENTI 3. PIANO DI LAVORO 4. RELAZIONE INDIVIDUALE DELLO STUDENTE 5. GRIGLIA

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA CLASSE 3 AS ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, Il piacere dei testi, vol. 5 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volume

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO ALBANO - RMICGB00T via Virgilio n. 2-0001 Albano Laziale (Roma) Centralino: 0/320.12 Fax: 0/321.2 @: RMICGB00T@istruzione.it, RMICGB00T@pec.istruzione.it C.F.: 000 GRIGLIE E TABELLE

Dettagli

TEMA A : COMPLEMENTI DI ALGEBRA Unità didattica Contenuti Obiettivi Conoscenze/ Abilità. LE FUNZIONI REALI Le funzioni e le loro caratteristiche

TEMA A : COMPLEMENTI DI ALGEBRA Unità didattica Contenuti Obiettivi Conoscenze/ Abilità. LE FUNZIONI REALI Le funzioni e le loro caratteristiche CLASSE : 3 TURISTICO MATEMATICA (Ramella) Situazione di partenza : 25 alunni. Valutazione d ingresso: 40% negativa, 60% positiva. 1. Articolazione (moduli, unità didattiche ) delle conoscenze e dei contenuti.

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO: LINGUISTICO CLASSE: V MATERIA: FILOSOFIA Modulo n 1 KANT E LA FILOFOFIA CRITICA Il significato del criticismo come filosofia del limite. La Critica

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2008-09 Contratto Formativo Individuale

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2008-09 Contratto Formativo Individuale Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2008-09 Contratto Formativo Individuale Classe 5ª Sez. B Materia: Disegno Storia dell Arte 1 quadrimestre: Disegno- 2 quadrimestre: Storia dell arte

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: QUINTA B A.S. 2015 / 2016 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: QUINTA B A.S. 2015 / 2016 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: ITALIANO Classe: QUINTA B A.S. 2015 / 2016 Docente: DALLA VECCHIA MARIA TERESA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da diciotto alunni, di cui undici femmine e sette

Dettagli

I.I.S.S. G. CIGNA MONDOVI

I.I.S.S. G. CIGNA MONDOVI I.I.S.S. G. CIGNA MONDOVI PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNO SCOLASTICO 2015-2016 CLASSE PRIMA A LICEO SCIENZE APPLICATE MATERIA DISEGNO E STORIA DELL ARTE DOCENTE EZIO TINO LIBRI DI TESTO SERGIO SAMMARONE

Dettagli

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO STATALE DI SAN DANIELE DEL FRIULI

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO STATALE DI SAN DANIELE DEL FRIULI ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO STATALE DI SAN DANIELE DEL FRIULI ------------------------------------------- Piazza IV Novembre 33038 SAN DANIELE DEL FRIULI (prov. di Udine) Telefono n. 0432 955214 Fax n. 0432

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Anno Scolastico: 2013 / 2014 Dipartimento: MATEMATICA Coordinatore: ROVETTA ROBERTA Classe: 5 Indirizzo: TECNICO DEI SERVIZI TURISTICI Ore di insegnamento settimanale:

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola: Liceo D. Alighieri. INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola: Liceo D. Alighieri. INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO Scuola: Liceo D. Alighieri INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE DISCIPLINA: Italiano CLASSE:IV A DOCENTE: Marcella Ferrini Obiettivi

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. SCUOLE MANZONI Liceo delle Scienze applicate

FONDAZIONE MALAVASI. SCUOLE MANZONI Liceo delle Scienze applicate FONDAZIONE MALAVASI SCUOLE MANZONI Liceo delle Scienze applicate PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: STORIA DOCENTE: prof. Alessandro Boselli CLASSE IV SEZ. A.S.2014 /2015 2 OBIETTIVI

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 5^ AS CLASSE Indirizzo di studio Liceo Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Giuliana

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICA

ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICA Indirizzo Produzioni industriali e artigianali Articolazione Artigianato ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICA CARATTERI E FINALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA I percorsi degli Istituti professionali si caratterizzano

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e- mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

DISCIPLINE GRAFICHE e LABORATORIO DI GRAFICA

DISCIPLINE GRAFICHE e LABORATORIO DI GRAFICA Anno Scolastico 2014/2015 LICEO ARTISTICO INDIRIZZO: GRAFICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA A DISCIPLINE GRAFICHE e LABORATORIO DI GRAFICA SECONDO BIENNIO/QUINTO ANNO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITÀ Conoscere

Dettagli