Liceo Artistico Sello

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Liceo Artistico Sello"

Transcript

1 MINISTERO DELL' ISTRUZIONE, DELL' UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Liceo Artistico Sello Piazza 1 Maggio, 12 b _ Udine tit 10 III dri LICEO ARTISTICO indirizzi di spcciarizzazione: ARTI FIGURATIVE _ GRAFICA _ SCENOGRAFIA _ ARCHITETTURA E AMBIENTE _ AUDIOVISIVO E MULTIMEDIALE _ DESIGN ISTITUTO STATALE D'ARTE SELLO CORSO SPERIMENTALE MICHELANGELO Indirizzi di specializzazione: ARCHITETTURA E ARREDO _ DISEGNO INDUSTRIALE _ GRAFICA _ IMMAGINE FOTOGRAFICA, FILMICA E TELEVISIVA MODA E COSTUME _ RILIEVO E CATALOGAZIONE Jrld- CORSO TRADIZIONALE Indirizzi di specializzazione: ARTE DELLA GRAFICA PUBBLICITARIA E DELLA FOTOGRAFIA Tel _ _ Fax _ _ _ C.F _ Cod. Mecc. UDSD01000P DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE DELLA CLASSE 5a B A.S Il Consiglio di classe, riunito in data 8 maggio 2013, dopo aver esaminato i piani di lavoro dei singoli docenti qui allegati, ai sensi dell'art. 5 del d.p.r. n. 323 del 23 luglio 1998, relaziona quanto segue: COMPOSIZIONE DELLA CLASSE La classe è formata da 20 allievi e allieve del corso sperimentale "Michelangelo", frequentanti gli indirizzi di "Architettura e Arredo" ( 8) e di "Moda e Costume" ( 12 ). Quasi tutti gli alunni provengono dai paesi della provincia e devono ogni giorno affrontare tempi lunghi di spostamento per raggiungere la sede scolastica. Nel corso del triennio la classe ha subito un sensibile cambiamento: numerosi studenti che erano iscritti alla classe Terza e Quarta non sono riusciti a proseguire in modo lineare il proprio percorso scolastico e hanno lasciato il gruppo originario inserendosi in nuovi contesti all'interno dell'istituto. Approdati in Quinta, gli allievi hanno migliorato complessivamente il proprio comportamento, dimostrando- tin attggiamento di maggiore disponibilità al dialogo educativo, progredendo sul piano dell'attenzione e della partecipazione alle attività didattiche. La classe presenta una fisionomia non omogenea per quanto riguarda le abilità di base, le motivazioni e l'interesse per il lavoro scolastico, ma risulta più compatta per l'impegno espresso nelle materie oggetto d'esame. E' presente all'interno del gruppo un'allieva segnalata per Disturbi Specifici di Apprendimento, per la quale si rimanda al fascicolo riservato e agli strumenti compensativi e alle misure dispensative predisposte dal Consiglio di Classe per gli Esami di Stato (v. documento allegato). RAPPORTI TRA GLI ALUNNI Gli studenti hanno stabilito delle relazioni generalmente corrette e rispettose. Soprattutto nell'ultimo anno di corso sono riusciti a superare alcune diffidenze prima esistenti, instaurando in classe un clima di normale convivenza e collaborazione, evitando conflitti e contrapposizioni individuali.

2 or

3 RAPPORTI TRA DOCENTI ED ALUNNI Le relazioni tra docenti e alunni sono state caratterizzate dalla fiducia e dal rispetto reciproco. In diverse occasioni gli studenti si sono dimostrati aperti alla collaborazione e si sono assunti piccole responsabilità di tipo organizzativo, finalizzate a migliorare il funzionamento dell'attività didattica. Gli insegnanti hanno cercato costantemente di tenere in considerazione le esigenze e gli impegni dei ragazzi, operando per favorire, ove necessario, il recupero e il miglioramento della loro preparazione complessiva. PROFILO DELLA CLASSE (relativo a conoscenze, competenze ed abilità) La preparazione di base della maggior parte degli alunni risulta nel complesso più che sufficiente, anche se permangono delle criticità nella lingua straniera. La classe non manca di buone individualità che si sono messe in mostra per solide abilità di base, per la costanza nell'impegno e per la completezza della preparazione. Ci si riferisce ad alcuni allievi e allieve che sono stati in grado di fornire anche apporti personali e contributi critici, sebbene stimolati e sollecitati dagli insegnanti. ATTITUDINI Nel complesso, quasi tutti gli allievi hanno mostrato maggiore attitudine per l'esposizione orale che per la produzione scritta, dove permangono alcune fragilità e inadeguatezze. Nelle discipline tecnico-progettuali hanno evidenziato buone capacità espressive, di rielaborazione personale e di approfondimento. PARTECIPAZIONE AL DIALOGO ED INTERESSE La partecipazione all'attività didattica e l'interesse per le lezioni sono stati abbastanza costanti e in sicuro miglioramento rispetto ai precedenti anni scolastici. Tuttavia, gli interventi, le riflessioni, i contributi personali al dialogo educativo sono stati prevalentemente sollecitati dagli insegnanti e solo in alcuni casi espressi come apporto spontaneo da parte dei singoli. IMPEGNO ED APPLICAZIONE L'impégno domestico, per la maggior parte degli alunni, è migliorato rispetto ai precedenti anni scolastici, diventando più costante e responsabile. Anche il metodo di studio, con alcune eccezioni, si è perfezionato, riuscendo a essere più consapevole ed efficace. ANDAMENTO DISCIPLINARE La classe, tranquilla e disciplinata, si è comportata in maniera generalmente corretta e responsabile, rispettando le norme di convivenza e il Regolamento d'istituto. Sul piano della frequenza alle lezioni si sono registrati, invece, comportamenti difformi.

4 RISORSE INTERNE ALLA SCUOLA La classe ha avuto a disposizione, per l'attività didattica, le seguenti strutture: palestra laboratori di sezione laboratori di informatica biblioteca I TEMPI Tempi previsti dai programmi ministeriali: (Michelangelo) Ore settimanali n.40 Ore complessive (a.s ) n OBIETTIVI GENERALI DELL'INDIRIZZO DI STUDI (Vedi P.O.F.) ATTIVITÀ SVOLTE DALLA CLASSE ATTIVITA' INTERDISCIPLINARI Sono stati proposti frequenti scambi di idee e di esperienze tra i docenti delle materie affini, per promuovere l'analisi degli argomenti disciplinari da più punti di vista, per affrontare ed interpretare le problematiche oggetto di studio nella loro globalità e per fornire agli alunni una preparazione ampia ed organica. ATTIVITÀ INTEGRATIVE Visione del video "Cercando le parole"(esempi di resistenza femminile non violenta messi in atto dopo 1'8 settembre 1943 alla Stazione Ferroviaria di Udine), in presenza di testimoni Conferenza sui fondamenti e i principi della Costituzione italiana Teatro in inglese Partecipazione alla trasmissione televisiva "Fuoriclasse" - Visita al Museo del Costume di Gorizia Visita alla mostra "20 anni Mittelmoda" - Partecipazione alla mostra "Maravee e Eros" presso il Castello di Susans - Visita alla mostra "Merletti nel tempo" presso Palazzo Morpurgo di Udine ATTIVITÀ FACOLTATIVE - Partecipazione alle "Giornate FAI di primavera" (5 allievi) ATTIVITÀ STUDENTESCHE - Partecipazione alla "Giornata della creatività"

5 ATTIVITÀ DI RECUPERO E' stata svolta in itinere, utilizzando il 10% delle ore curricolari. ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO L'attività di orientamento si è svolta in due modalità: una formativa e l'altra informativa, che sono andate di pari passo e si sono integrate fra loro. Si è provveduto a fornire le informazioni necessarie per utilizzare nel modo migliore le abilità emerse, consentendo una scelta professionale adeguata e consapevole. Gli alunni sono stati informati dei corsi universitari esistenti, delle offerte del mondo del lavoro, dei corsi di studio e/o dei lavori emergenti, che sono in grado di offrire maggiori possibilità occupazionali. Gli allievi hanno avuto la possibilità di partecipare (anche individualmente) alle seguenti attività di orientamento in cui era prevista la presenza di personale esperto: - Salone dello studente (nell'anno scolastico 2011/2012) - Porte Aperte Università di Gorizia (8 marzo 2013) - Young 2013 (8 marzo 2013) - Porte Aperte Università di Trieste (19 marzo 2013) - Conferenza orientamento post diploma- alta formazione artistica (25 marzo 2013) - Consulenza individuale COR (aprile 2013) CRITERI E MODALITA' DI VALUTAZIONE I docenti si sono attenuti alla griglia di valutazione inserita nel POF. La griglia, oltre ai voti in decimi, descrive anche le corrispondenze del voto in quindicesimi e trentesimi. Nelle discipline di indirizzo e caratterizzanti, la misurazione delle prove scritte, scritto-grafiche e pratiche, i docenti hanno tenuto in considerazione altri indicatori più idonei per definire la prova: contenuto, stile, originalità, coerenza, chiarezza, correttezza e precisione nell'esecuzione, capacità di analisi e sintesi, correttezza metodologica (si allega la griglia di valutazione relativa alla prova di progettazione). ' Voto in l5mi * Voto in 30mi ** '1' tft,, «. H2e; N 1-.,,. '.,..; i-,. :-r,,n,',,' V: 4: -,3.^. bl'es y ' ti Conoscenze complete e approfondite e/o con approfondimenti autonomi Conoscenze complete e approfondite. Conoscenze complete, ma non sempre approfondite. Applicazione corretta, adeguata, autonoma, anche ai casi (problemi/esercizi) più complessi senza errori significativi. - - Esposiiione precisa.e fluida. Lessico sempre ade ato. Sicureiza operativa. Sa risolvete problemi/esercizi anche complessi senza errori. significativi. Esposizione chiara, corretta, sicura. Applicazione corretta delle conoscenze. Risoluzione di problemi/ esercizi, senza errori di concetto o di struttura Esposizione logica e lessico adeguati. L analisi, la:sintesi, l'argomentaiione e la rielaboràzàone sono corrette,. con applicaponi autonome anche a problemi complessi. Metodo organizzato e razionale. Rìelaborazione critica, pur senza particolare originalità. Sa effettuare adeguati collegartienti tra fatti e concetti diversi.. Analisi é sintesi corrette ed effettuate con una certa disinvoltura. Sa gestire autonomamente situazioni nuove. 9<voto = <voto= <voto<

6 Conoscenza dei contenuti essenziali. Conoscenza dei contenuti minimi Acquisizione parziale dei contenuti minimi con incertezze diffuse. Conoscenze superficiali e/o lacunose nei contenuti di base. Conoscenze gravemente lacunose con errori gravi e diffusi. Conoscenze gravemente errate. Estremamente frammentarie o nulle. Sa applicare le conoscenze minime in modo corretto e sa risolvere semplici problemi/esercizi in modo autonomo. Utilizza una terminologia semplice, ma appropriata. Sa applicare le conoscenze minime in modo sostanzialmente corretto e sa risolvere semplici problemi/esercizi, applicando le formule studiate. Utilizza una terminologia semplice, ma appropriata. Applica le conoscenze minime, ma con errori non gravi. Esposizione incerta, lessico non sempre adeguato. Incertezze nella soluzione di problemi/esercizi semplici. 4-plicazione meccanica imprecisa e con errori. Presenza di errori diffusi e/o gravi. Poca autonomia per la risoluzione di semplici problemi/esercizi Incapacità di applicare gli strumenti operativi anche a situazioni note. Scarsa capacità di risolvere semplici problemi/esercizi. Esposizione impropria. Incapacità o erronea applicazione degli strumenti operativi, anche con guida. Incapacità di risolvere semplici problemi/esercizi, Esposizione scoordinata. Uso improprio del lessico. Effettua un'analisi corretta e una sintesi essenziale. Sa gestire semplici situazioni nuove. Esegue un'analisi limitata agli aspetti fondamentali e una sintesi elementare. 6<voto<7 I I Analisi parziale e sintesi imprecisa. 5<voto< Analisi e sintesi parziali, con errori anche gravi. 4<voto< Analisi e sintesi quasi assenti o incoerenti. 3<voto< Compie analisi errate. Non sintetizza. Non si orienta. 1<voto<3 1-4 l-8 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLE PROGETTAZIONI (V. materiali allegati alla Relazione) SIMULAZIONE DELLE PROVE D'ESAME Sono state svolte alcune simulazioni delle prove d'esame. In particolare, per quanto riguarda la terza prova, la classe ha effettuato esercitazioni della tipologie B. La prima simulazione della terza prova, comprendente le materie di Storia dell'arte, Storia, Inglese, Fisica, si è svolta in data 21 febbraio La seconda simulazione della terza prova, comprendente le materie di Storia dell'arte, Filosofia, Matematica, Geometria descrittiva, si è svolta in data 26 marzo La simulazione della prima prova d'esame si è svolta in data 17 aprile La simulazione della seconda prova d'esame. Progettazione Moda e Costume si è svolta in data 4 aprile La simulazione della seconda prova d'esame Progettazione Architettura e Arredo si è svolta in data 18 aprile Allegati al presente documento: Contenuti e percorsi disciplinari relativi alle seguenti discipline: - Storia dell'arte - Italiano e Storia

7 - Matematica e Fisica - Filosofia - Lingua Inglese - Geometria descrittiva - Progettazione Architettura e Arredo - Progettazione Moda e Costume - Laboratori - Religione - Educazione Fisica Documento del 15 maggio Studenti con Disturbi Specifici di apprendimento Prove di simulazione d'esame: Le prove di simulazione d'esame e i loro risultati sono depositati presso la Segreteria Didattica dell'istituto e costituiscono documentazione allegata al presente Verbale del Consiglio di Classe. Il Con siglio della classe Sa B Cognomel Cognome2 Cognome3 Cognome4 Cognome5 Cognome6 Cognome7 Cognome8 Nomel Nome2 Nome3 Nome4 Romeo RAT Giuseppina._-2p 02 0 Nome5 V Nazzi uri s tma Nome6 Nome? Nome8 Tosone Cristina ' -litt, ( muzzi A alisa cc)._ Gt.~41 il Raspi Alfonso Zecchini Umberto Zanchin Luciano Ceccotti Nadia 1,~ Cognome9 Nome9 Peres Renzo MARC,D Cognome 10 Nome 10 Mesaglio ààa a -en~``~ (e2l 441/- Cognomell Nomell Infanti Tiz a a Cognome 12 Nome 12 Farra Franca Cognome 13 Nomel3 Grosso Marco Cognomel4 Nomel4Fistarol Antonell Udine, 8 maggio 2013 ijrig xo s s a ASTICO zzzatto

8 VOTO FINALE o rn o 2 o tr) CJ1 00 o z o 00 o LU m GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L'AREA D'INDIRIZZO. (c) w z CT- n z LL n o LIJ i- z w O LL Z D O `-') o E PER DISCIPLINE CARATTERIZZANTI (MODA E COSTUME) E (1) C GRAVEMENTE INSUF FI CIENTE o z '-I In quindicesimi

9 ip ajole3!pui o/gelai lau!saidwo3 guawala ii2ap osnmau alepdoidde pa ilnualuop iau aspajd alipuojoadde pa aipwaio elsodsp ip!snodi neuosiad puaivalu! UOD opuelociap ezzwe210 auoizelnien!p aloted!pu! onrelai lau!inuawoo Ruawala!i2 oleudoidde opow u! opuesn pnualuop iau allpuoloidde pa alaidwo3 elsodsp ip!salodi ezzlue2j0 polep!pu! pau 4nuawo3 guawaia!12 oleudoidde opow u! opuesn 4nualuo3!au al!puoloadde pa alaidwo3 elsodsp!p!salod! ezz!ue2j0!jole3!pu! 42autInualuo) puawate ugap osnmau ana.i.103 awawenissaidwo3 a pnuawo3 tau alansip elsodsp Ip anauo3!sa4od! ezmue2.10 auo!zelnien ip aioledipui onnelaj iati!lnualuop quawala!pop osnmau auo!spadw! atmenb UO3 '!lnualuop!au tielzuassa elsodsp ip!salodi ezz!ue2.10 auotzerien!p!jolep!pu! pau Rnualuop Ruawala 112 oleudoidde ount lap uou opow u! opuesn!lepipadns a Ne!zied elsodsp!p isalodi ezz!ue210 auo!zemen!p aiole3!pul odulelai lau unualuo3 guawala!12 awawenalun opue2aldw! uou Ruaiaopui asnium elsodsp!p!salodi ezz!ue2.10 auoizelnien lp ajoledipu! 0A lau unualuop ow!u!w oliami un aipueau aiapassod uou Ip ensow!ci

10 VOTO FINALE o A rn 0 o rn n 00 o z o n 00 A o o cc GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L'AREA D'INDIRIZZO N LID ld A 1.11 w U w u- D 11.1 I- z LL LL D o L" i-d,"- z D O N z \ ci o 0") E PER DISCIPLINE CARATTERIZZANTI (ARCHITETTURA E ARREDO) Ln m E -0.9 n z Li., 22 O O i i i- < 2 E v) z w o 00 In quindicesimi

11 ip aioleg!pu! on!lelai lau isaidwo3 guawala!!2ap osnmau alepdoidde pa unuawo3!au aspami amwojoidde pa atplue2jo elsodsu Ip!sawd! Neuosiad nuatuaw! UO3 opueioqelap ezzwe2,10 auolzewien!p amenui onrelai lau wwawo3 nuawala o oleljdoidde opow ui opuesn ilnuawoo!au allpuo}oidde pa alaidwop elsodsp Ip!sawd! enwe2j0 poleo!pui pau nnualuop nuawala!12 oleudoidde opow Li! opuesn Ilnualuop!au allpuowidde pa a4aldwoo elsodsii ip!sawd! ezzwe2-10!joleo!pu!!!2au nnuawo3 guawala pap osn,ilau al a aluawentssaldwo3 a!lnunuo2 lau alansip elsodsm!p 9nalio3!salodi ezztue2u0 auo!zenien!p aimeo!pu! onnetai!al!!inuawo3 nuawala!!2ap osnlau auo!spaidw! atiolenb UO3 '11.nualuo3!au ne!zuassa elsodsp Ip!sawdi ezzwe2j0 auo!zelnien!p poleo!pu!!!2au nnuawoo nuawala!i2 oleudoadde ounl lap uou opow ui opuesn ilepwadns a!ie!zjed elsodsm ip!sawd! ezzwe2-10 auolzelnien!p amneo!pui oigela, lau!lnuawoo!wawala!!2 awaweliauo3 opue2alclw! uou nualaooul asnwoo elsodsli!p!salodi ezzwe2j0 auoizelnien!p aioleptpui ongelai tau nswawo3 ow!ww ollan!! un aipueau ajapassod uou!p ensotwo

12 ISTITUTO STATALE D'ARTE "G.SELLO" UDINE ANNO SCOLASTICO 2012/ CLASSE 5^13 GEOMETRIA DESCRITTIVA - PROF. ZECCHINI UMBERTO Le proiezioni assonometriche: rappresentazione del punto e della retta; assonometrie oblique e ortogonali; il triangolo fondamentale e suo ribaltamento; assonometria trimetrica con riporto diretto e indiretto; i coefficienti di riduzione; Le coniche proprie: Individuazione dell'ellisse, della parabola e dell'iperbole. Ritrovamento dei fuochi di un'ellisse. Dimostrazione delle proprietà dei fuochi di un'ellisse ( sfere di Dandelin ). Costruzione dell'ellisse mediante l'omologia piana. L'omologia, l'omotetia e l'affinità. Costruzione dí figure é triangoli omologhi. Cenntsuhrteoria delle ombre applicata alle proiezioni assonometriche. Direzione e inclinazione del raggio luminoso. Cenni sulle proiezioni centrali: la prospettiva come applicazione. Approfondimento della prospettiva come linguaggio architettonico: confronto tra i vari metodi delle costruzioni prospettiche. Udine, 14 maggio 2013 Gli allievi.

13 L.A.S. "G. SELLO" UDINE PROGRAMMA SVOLTO DISCIPLINA: EDUCAZIONE FISICA Classe 5^B Accertamenti iniziali: lancio della palla medica da 2 e 3 Kg, test di potenza addominale (ripetizioni nell'unità di tempo 60"). Test d'ingresso per la valutazione funzionale delle attività fisiche: salto in lungo da fermo, Sargent test (elevazione da fermo), test di Cooper. Esercitazioni a corpo libero o con piccoli carichi esterni per la ricerca del tono funzionale, del potenziamento muscolare per singoli gruppi, per l'incremento e lo sviluppo di qualità neuro muscolari. Andature atletiche coordinative ed esercizi di destrezza, di coordinazione segmentaria, fine e generale. Principi di teoria e tecnica dell'allenamento sportivo: conoscenza delle capacità condizionali forza, resistenza, velocità. La pratica sportiva di pallavolo, basket, calcio a 5, badminton, funicella, studio di fondamentali di detti giochi di squadra, gioco in situazione, momenti di gioco libero con regole ufficiali con la guida dell'insegnante, elementi di attrezzistica, progressione corpo libero, Preparazione e svolgimento di percorsi per la valutazione delle capacità motorie e tecniche possedute. Esercizi di linguaggio corporeo per lo sviluppo della sicurezza di sé e della fiducia nei confronti degli altri Il programma ha subito molte riduzioni a causa di attività extracurricolari degli allievi e di coincidenza di gare, aggiornamento, etc. METODO Esercitazioni pratiche precedute sia da spiegazione teorica sia da dimostrazione pratica da parte degli allievi con l'introduzione di linguaggi specifici. Metodo globale ed analitico si sono alternati in relazione alle attività da svolgere e alle finalità da raggiungere, di benefici da ricercare, di errori da evitare in virtù della prevenzione degli infortuni e di tutela della salute in genere. STRUMENTI Tutte le attrezzature presenti nella palestra scolastica, prato esterno. VALUTAZIONE Valutazione periodica della performance prodotta in relazione alle unità didattiche affrontate, osservazione sistematica di comportamento, autocontrollo emotivo, partecipazione e presenza, impegno, collaborazione, rispetto dei ruoli, rispetto dei compagni, miglioramento rispetto alla situazione di partenza e in relazione alle reali capacità fisico-motorie possedute dai singoli. Udine, 15 maggio 2013

14 ISTITUTO. STATALE D'ARTE "G. SELLO" A. S. 2012/13 CLASSE V, SEZ. B - sperimentale DOCENTE: prof. Giuseppina Romeo MATERIA: FILOSOFIA CONTENUTI DEL PROGRAMMA SVOLTO (Testo adottato: Cioffi, Luppi, Vigorelli, Zanette, Bianchi, O' Brien, Agorà vol. 3, ed. Bruno Mondadori) 1. SCHOPENHAUER Le radici culturali del sistema e la critica all'idealismo Il mondo come rappresentazione e come Volontà L'esistenza umana tra dolore e noia Le vie di liberazione dalla Volontà: arte, etica, ascesi. Parole -chiave della filosofia di Schopenhauer Testi : "La meraviglia filosofica dell'uomo" (in fotocopia) "Affermazione e negazione della Volontà" p.82 "L'arte e la contemplazione delle idee" (in fotocopia) 2. NIETZSCHE L'esercizio del "sospetto": crisi delle certezze e distruzione dei valori. La nascita della tragedia e le categorie di "apollineo" e "dionisiaco". La morte di Dio e la fine delle illusioni metafisiche. L'avvento del superuomo e la dottrina dell'eterno ritorno. I diversi significati di "nichilismo" e il suo superamento. La volontà di potenza. Parole-chiave della filosofia di Nietzsche. Testi: "Come il mondo vero divenne favola" p.278 "L'uomo folle" p.306 "La morte di Dio e il superuomo" ( da p. 285) "Le tre metamorfosi" p. 288 "Il peso più grande"( aforisma 343 da "La gaia scienza" in fotocopia) "L'eterno ritorno dell'uguale" (da p. 292) "E sapete che cosa è per me il `mondo'?"(fr.1067 da "La Volontà di potenza" in fotocopia) " La volontà di potenza come arte" (in fotocopia) 3. FREUD La centralità dell'inconscio e la ridefinizione del concetto di "psiche". Gli "Studi sull'isteria" e il metodo catartico. L'Interpretazione dei sogni e la nascita della psicoanalisi. La Psicopatologia della vita quotidiana e il "metodo indiziario". La teoria della sessualità e il "complesso" edipico. La sistemazione teorica dei concetti della psicoanalisi : dalla prima alla seconda "topica". La riflessione sulla bellezza nel saggio " Caducità". Il "disagio" della civiltà. Parole-chiave della filosofia di Freud. Visione e analisi del film di L. Bunuel "Un chien andalou".

15 Testi : "Le grandi rivoluzioni sono anche grandi mortificazioni dell'umanità" ( in fotocopia) "Il metodo psicanalitico" p.354 " La seconda topica" p.348 "Caducità" (in fotocopia) 4. L'IDEALISMO HEGELIANO L'Idealismo in Hegel: i capisaldi del sistema filosofico. L'identità di reale e razionale. I compiti della filosofia e la critica alla filosofia di Kant e ai Romantici. La dialettica hegeliana (caratteri generali). I tre momenti dell'assoluto e le corrispondenti sezioni della filosofia ( lineamenti generali). La filosofia dello Spirito assoluto : arte, religione, filosofia. Parole -chiave della filosofia hegeliana. Testi : "Contro il criticismo kantiano: la conoscenza dell'assoluto" p.94 "Ciò che è reale è razionale" p MARX Il compito della filosofia. La critica alla dialettica hegeliana. Il lavoro alienato. La concezione materialistica della storia e il tema dell'ideologia. Definizione di "struttura" e "sovrastruttura". Testi : " Lavoro e alienazione" p. 198 " La storia e la coscienza" p BERGSON Tempo della scienza e tempo dell'esperienza vissuta : la durata Analisi e intuizione. Testi : "Durata e coscienza" p "Analisi e intuizione"(in fotocopia) Udine, 15 maggio 2013 L'insegnante Gli allievi cue0i,dujulo

16 Liceo Artistico " G. Sello " Anno scolastico Classe V B Materia : Inglese Docente : C. Nazzi Contenuti del programma svolto: Dal testo in adozione "ART AROUND US" di L. Clegg, G. Orlandi, J. Regazzi, CLITT e da fotocopie tratte dal testo "ONLY CONNECT... LOOKING INTO ART "di M. Spiazzi, M.Tavella, Zanichelli e da "ART" di R. Cunmming, Eyewitness Companions, sono stati letti, compresi, tradotti e analizzati i seguenti argomenti relativi alle arti figurative del 19 e 20 secolo. ROMANTICISM J. HENRY FUSELI "The Nightmare " A visionary Painter : WILLIAM BLAKE " "The Elohim Creating Adam " "The Ancient of Days " L M. W. TURNER and The Machine- Age " Rain, Steam and Speed " Glass and Iron Architecture J. PAXTON and " The Crystal Palace n E. MANET " Olympia " NINETEENTH CENTURY IN EUROPE: THE IMPRESSIONISTS IN FRANCE C. MONET " Impression Sunrise" P. A. RENOIR "La Loge " THE EUROPEAN AVANT-GARDE: CUBISM AND FUTURISM P. PICASSO and G. BRAQUE 1

17 P. PICASSO " Les Demoiselles d' Avignon " "Ma Jolie" "Stili life with Chair Caning" G. BRAQUE "Guitar and Fruit " ANALYTIC & SYNTHETIC CUBISM FUTURISM : GINO SEVERINI "Red Cross Train Passing a Village " "Armored Train in Action " THE EUROPEAN AVANT GARDE : TOWARDS ABSTRACT ART WASSILY KANDINSKY : " Cossacks " GIORGIO DE CHIRICO " Ariadne" "The Red Tower" SURREALISM S. DALI "The Persistence of Memory " " Sleep " ABSTRACT EXPRESSIONISM : M. ROTHKO "Untitied" J. POLLOCK " Autumn Rhythm" POP ART : R. LICHTENSTEIN " That's the Way " " Whaam I" ANDY WARHOL " Marylin Diptych " UDINE, 08 maggio 2013 L'insegnante (C. Nazzi) Gli allievi (supplente) bora Zorat 2

18 ISTITUTO STATALE D'ARTE "G. SELLO" UDINE PROF. Annalisa Comuzzi INS. DI Italiano CLASSE V SEZ. B ANNO SCOLASTICO PROGRAMMA SVOLTO DI ITALIANO Testi- adottali. Baldi, S. Giusso, M. Mazzetti, G. Zaccaria, La letteratura, volumi 5 (La Scapigliatura, il Verismo e il Decadentismo) e 6 ( Il primo Novecento e il periodo fra le due guerre), Paravia. CONTENUTI Il romanzo realista in Europa nella seconda metà dell'ottocento Considerazioni generali L'età del Positivismo Le ideologie: il culto della scienza e della tecnica, la scienza e il dominio sul mondo Il ruolo degli intellettuali Il Naturalismo francese I fondamenti teorici La poetica di Emile Zola e il romanzo sperimentale Il Verismo italiano Giovanni Verga: la vita, la formazione, le opere giovanili Poetica e tecnica narrativa del Verga verista L'ideologia verghiana Vita dei campi Il ciclo dei vinti I Malavoglia: l'intreccio Novelle rusticane Mastro-don Gesualdo: l'intreccio Lettura e analisi di testi scelti: da Vita dei campi: Rosso Malpelo La Lupa dalle Novelle rusticane: La roba da I Malavoglia: Il mondo arcaico e l'irruzione della storia, cap. I I Malavoglia e la comunità del villaggio, cap. IV La conclusione del romanzo: l'addio al mondo pre-moderno, cap.xv

19 Charles Baudelaire: un precursore del Decadentismo Il profilo biografico I fiori del male: la struttura dell'opera Le opere in prosa Lettura e analisi di testi scelti: da I fiori del male: Corrispondenze L'albatros Spleen Il cigno Il Decadentismo L'origine del termine "decadentismo" La visione del mondo decadente La poetica del Decadentismo Temi e miti della letteratura decadente: la malattia, la morte, il vitalismo, l'estetismo, l'artista "maledetto" La poesia simbolista Il Simbolismo francese: la proposta di una nuova poetica Paul Verlaine Il profilo biografico Lettura e analisi di testi scelti: da Poesie: Languore Arthur Rimbaud Il profilo biografico Le opere Lettura e analisi di testi scelti: da Poesie: Il battello ebbro Vocali La mia bohème Il Decadentismo in Italia Giovanni Pascoli La vita La visione del mondo La poetica: il fanciullino L'ideologia politica Le raccolte poetiche I temi della poesia pascoliana Le soluzioni formali: la sintassi, il lessico, gli aspetti fonici, il fonosimbolismo Lettura e analisi di testi scelti: da Myricae: I puffìni dell'adriatico Novembre L'assiuolo X Agosto dai Canti di Castelvecchio: Il gelsomino notturno da Il fanciullino: Una poetica decadente da La grande proletaria si è mossa: Il nazionalismo pascoliano

20 Gabriele D'Annunzio Il profilo biografico: l'influenza dannunziana sulla cultura e sulla società italiana del primo Novecento L'estetismo, il superomismo, il vitalismo Il piacere: la trama del romanzo Le Laudi, con particolare riferimento ad Alycione Il periodo "notturno" Lettura e analisi di testi scelti: da B piacere: Una fantasia "in bianco maggiore", libro III, cap. III da Alcyone: La pioggia nel pineto Meriggio La sera fiesolana dal Notturno: La prosa notturna Il primo Novecento La stagione delle avanguardie Il Futurismo I futuristi: azione, velocità e antiromanticismo Le innovazioni formali I manifesti Filippo Tommaso Marinetti Il profilo biografico e la produzione letteraria Lettura e analisi di testi scelti: Manifesto del Futurismo Manifesto tecnico della letteratura futurista da Zang tumb tuuumb: Bombardamento Aldo Palazzeschi, da L'incendiario, E lasciatemi divertire: lettura e analisi testuale Il Futurismo russo Vladimir Majakovskij e la rivoluzione bolscevica Lettura e analisi di testi scelti da Io, La guerra è dichiarata Tra le due guerre: la narrativa italiana Italo Svevo La vita Trieste, città mitteleuropea La cultura di Svevo Il primo romanzo: Una vita. I contenuti e le tecniche narrative Senilità: la vicenda e le tecniche narrative La coscienza di Zeno: la struttura del romanzo e il nuovo impianto narrativo Lettura e analisi di testi scelti: da La coscienza di Zeno: Il vizio del fumo, cap. III La morte del padre, cap. IV La salute "malata di Augusta", cap. VI Psico-analisi, cap. VIII

21 La narrativa straniera Franz Kafka Il profilo biografico Il pensiero e la poetica Lettura e analisi di testi scelti: La metamorfosi: lettura integrale La poesia italiana fra le due guerre Giuseppe Ungaretti Il profili biografico La sperimentazione poetica: Il porto sepolto, Allegria di naufragi, L'allegria L'allegria: la funzione della poesia; la poesia come illuminazione; gli aspetti formali Il recupero della tradizione e il "barocco ungarettiano": Sentimento del tempo La terza fase poetica: Il dolore e le ultime raccolte Lettura e analisi di-testi scelti: da L'allegria: In memoria I fiumi Veglia San Martino del Carso Mattina Soldati Natale da Sentimento del tempo: Di luglio da Il dolore: Non gridate più Eugenio Montale Il profilo biografico Ossi di seppia: il titolo e il motivo dell'aridità; la crisi dell'identità; il "varco" la poetica; le soluzioni stilistiche Il "secondo" Montale: Le occasioni. La poetica degli oggetti. La donna salvifica Il "terzo" Montale: La bufera e altro (cenni) L'ultimo Montale: Satura (cenni) Lettura e analisi di testi scelti: da Ossi di seppia: I limoni Non chiederci la parola Meriggiare pallido e assorto Spesso il male di vivere ho incontrato Gloria del disteso mezzogiorno da Le occasioni: Dora Markus La letteratura del secondo Novecento Gli allievi hanno letto individualmente alcuni romanzi del secondo Novecento, scegliendo tra autori italiani e stranieri. Sono stati presi in considerazione soprattutto opere riferite all'esperienza della deportazione, della guerra e della Resistenza.

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso tabella A 1/A Aerotecnica e costruzioni aeronautiche 2/A Anatomia, fisiopatologia oculare e laboratorio di misure oftalmiche 3/A Arte del

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola

L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola E' italiana la casa ad alta efficienza energetica campione del mondo che si è aggiudicata il primo posto

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ore in presenza C:\Users\Sabina01\Desktop\CONSIGLIO ACCADEMICO\CA 2014\Delibere 2014\Delibere CA del 17 Marzo 2014\piani di studio PAS all 1

ore in presenza C:\Users\Sabina01\Desktop\CONSIGLIO ACCADEMICO\CA 2014\Delibere 2014\Delibere CA del 17 Marzo 2014\piani di studio PAS all 1 1 GRUPPO 07/A Arte della fotografia e della grafica pubblicitaria 10/D ARTE DELLA FOTOGRAFIA E DELLA CINEMATOGRAFIA 65/A tecnica fotografica 13/D ARTE DELLA TIPOGRAFIA E DELLA GRAFICA PUBBLICITARIA Laboratori

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER GLI ESAMI DI STATO 2008/2009 ( Regolamento art. 5 ) CLASSE 5 a. sez. A

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER GLI ESAMI DI STATO 2008/2009 ( Regolamento art. 5 ) CLASSE 5 a. sez. A ISTITUTO TECNICO AGRARIO O. Munerati C.F. 80004570299 ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI A. Bernini Via Cappello,10 45100 S. Apollinare-RO Corso del Popolo, 274 45100 Rovigo Tel. 0425 492404 Dir. 0425 49900

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Indice (cliccabile) Premessa Terziarizzazione Regole per la definizione degli organici di ciascun profilo o DSGA o Assistenti Tecnici

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO

4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO 4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO 4.0. Esponenziale. Nella prima sezione abbiamo definito le potenze con esponente reale. Vediamo ora in dettaglio le proprietà della funzione esponenziale a,

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato?

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato? INDAGINE POST-DIPLOMA 2014 Diplomati nel 2012: n. 264 Indagini compilate: n. 128 (48,5%) Indirizzo liceale frequentato Risposta 1) linguistico (Utenti: 46 Perc.: 35.94%) Risposta 2) naturalistico (Utenti:

Dettagli

La realtà e la sua rappresentazione Ipotesi di progettazione didattica in arte e immagine

La realtà e la sua rappresentazione Ipotesi di progettazione didattica in arte e immagine La realtà e la sua rappresentazione Ipotesi di progettazione didattica in arte e immagine Insegnante Chiara Zanotto Istituto Comprensivo Gianni Rodari di Rossano Veneto Anno scolastico 2014/2015 Disciplina

Dettagli