ATTUAZIONE DI UN PROGRAMMA DI ATTIVITA MOTORIA A DOMICILIO PER L ANZIANO FRAGILE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ATTUAZIONE DI UN PROGRAMMA DI ATTIVITA MOTORIA A DOMICILIO PER L ANZIANO FRAGILE"

Transcript

1 Università degli Studi di Verona Laurea Specialistica in Scienze delle Attività Motorie Preventive e Adattate Tesi di Laurea ATTUAZIONE DI UN PROGRAMMA DI ATTIVITA MOTORIA A DOMICILIO PER L ANZIANO FRAGILE Relatore: Ch.mo Federico Schena Laureando: Dario Meneghini Anno Accademico

2 2

3 INDICE 1. PREMESSA 4 2. INVECCHIAMENTO E DEFICIT FUNZIONALE DEFINIZIONI E DESCRIZIONI FUNZIONALE DEGLI ANZIANI DESCRIZIONE DETTAGLIATA DELL ANZIANO FRAGILE 9 3. EVIDENZE SCIENTIFICHE SUI BENEFICI DELL ATTIVITA FISICA NELLA POPOLAZIONE ANZIANA ATTIVITA FISICA NELLE PATOLOGIE CRONICHE EVIDENZE ED ESPERIENZE DI ATTIVITA MOTORIA A DOMICILIO GLI ANZIANI FRAGILI E IL COMUNE DI LONIGO INIZIATIVE DEL COMUNE E DEI SERVIZI SOCIALI 23 - Dati anagrafici e di contesto 23 - Servizi erogati dal comune INIZIATIVE DA PARTE DELL ULSS Servizio di assistenza domiciliare 27 - La palestra di recupero e rieducazione funzionale 29 - Una nuova frontiera, servizi e tecnologie per la gestione domiciliare di soggetti fragili con patologie croniche I SERVIZI PRIVATI I BISOGNI CONCRETI 33 3

4 5. INTRODUZIONE ALLO STUDIO SPERIMENTALE ATTUAZIONE DI UN PROTOCOLLO DI ATTIVITA MOTORIA DOMICILARE PER ANZIANI FRAGILI COLLABORAZIONE TRA ULSS 5 MMG ESPERTO DI ATTIVITA MOTORIA LO STUDIO SPERIMENTALE FINALITA E DESCRIZIONE GENERALE OBIETTIVI DEL PROGETTO MODALITA DI ATTUAZIONE METODO 40 Struttura dello studio 40 Soggetti e contesto 42 Strumenti di valutazione INTERVENTO 47 Organizzazione e cronologia 47 La seduta di esercizio 48 Problematiche rilevate in itinere RISULTATI CONCLUSIONI E PROSPETTIVE FUTURE 63 Bibliografia e sitografia 65 Appendice 73 Ringraziamenti 85 4

5 1. PREMESSA Oggigiorno la nostra società è caratterizzata da un elevato numero di persone anziane, che oltre a rappresentare una risorsa sia dal punto di vista umano per il loro vissuto, sia in alcuni casi per il ruolo assunto nel contesto famigliare e/o sociale, rappresentano una sorta di vero e proprio problema sociale, in quanto le fasce più deboli di questa popolazione di over 65, presentano molto spesso problemi di salute dovuti principalmente alla presenza di svariate patologie croniche, che associate alla normale perdita di funzionalità, portano questi individui ad una condizione di fragilità e poi di dipendenza che rappresenta un costo che si ripercuote sia sulle famiglie, sia a carico delle amministrazioni e della sanità. Secondo i più recenti dati Istat, (Istat 2009) la speranza di vita è ora di 78,8 anni per gli uomini e 84,1 per le donne, e la popolazione anziana in Italia rappresenta il 20% del totale. Se andiamo più nello specifico, e analizziamo il Veneto troviamo che la popolazione over 65 costituisce il 19,66% del totale, di questi, il 14,13% ha un età tra i 65 e i 79 anni, e il rimanente 5,53% è over 80. La tendenza, in Italia come all estero, nei paesi industrializzati, è quella di un ulteriore aumento della popolazione anziana, che da qui al 2050 potrebbe superare il 30% della popolazione. Con l aumento della vita media (l Italia e il Paese dell Unione Europea con la più alta aspettativa di vita), dovuta soprattutto ad una sempre miglior applicazione delle ricerche scientifiche in ambito clinico, è però aumentato anche il numero di persone affette da malattie croniche degenerative o da patologie che riducono l autosufficienza, e quindi è aumentato il numero di anni di disabilità prima della morte; questi anni di disabilità rappresentano un vero costo per la società, perché si deve ricorrere a frequenti. ospedalizzazioni, ricoveri in strutture protette, affidamento della persona a fonti di sostentamento anche esterne alla famiglia, siano esse private o pubbliche, innescando così un reazione a cascata che porta ad un aumento esagerato della spesa pubblica e dei costi per la famiglia e non solo. E esperienza comune e sempre più diffusa in tutti i comuni e in tutte le aziende sanitarie, progettare dei piani di sostentamento verso le fasce più deboli della popolazione, compresa quella anziana, con politiche volte a mantenere nel proprio domicilio questi anziani, si veda ad esempio l assistenza domiciliare a opera di ULSS e servizi sociali, i servizi e le 5

6 iniziative di vario tipo che nel proseguo della trattazione verranno approfondite nel dettaglio. Lo scopo della mai tesi è stato quello di creare un ulteriore rete di supporto tramite il coinvolgimento nel progetto dell ULSS e dei medici di medicina generale verso un ambito, quello del attività motoria adattata domiciliare a questa fascia di utenza, che sia in grado, e di contrastare il declino funzionale, e di innalzare i parametri di efficienza fisica che sono altamente correlati con un buon stato di salute per evitare il decadimento delle funzioni fisiche di questa tipologia di persone. L attività fisica, si è dimostrata efficace in tutte le tipologie di utenza, se ben condotta e progettata per le esigenze specifiche di una determinata fascia di popolazione, e riveste quindi una potenziale risorsa al fine di contenere, tramite la prevenzione mediante l esercizio fisico, i costi del problema assistenziale. E utile riportare che la popolazione anziana tra i 65 e 74 anni presenta per il 73% una malattia cronica e ben il 48% con due o più malattie croniche, e per chi ha più di 75 anni queste percentuali aumentano all 82,3% e al 60,6%, (Massimo Valsecchi 2006) quindi il problema alla lotta contro l inattività fisica va affrontato in maniera preventiva anche e soprattutto nella popolazione anziana. La motivazione più grande che mi ha spinto a progettare questa tesi è quella di sensibilizzare chi di competenza: direttori generali, responsabili dei distretti sanitari, medici, amministrazioni locali e tutti coloro che si occupano di anziani e di salute pubblica dell importanza di investire sull esercizio fisico come strumento di prevenzione e promozione della salute, e della possibilità concreta, testata sul campo. di agire con competenza ed appropriatezza in un cointesto territoriale reale e rappresentativo della realtà regionale 6

7 2. INVECCHIAMENTO E DEFICIT FUNZIONALE Con il termine anziano si è soliti indicare persone che hanno superato i 65 anni di età; all interno di questa classe di popolazione, che come già abbiamo avuto modo di vedere, è sempre più in crescita, si differenziano dal punto di vista funzionale diversi classificazioni di anziani, tra loro molto eterogenei. Un utile e preziosa classificazione funzionale dell anziano è quella fornita da Waneen Spirduso nel suo libro Physical dimension of aging (1995), che categorizza la popolazione anziana sia da un punto di vista funzionale, sia nei loro bisogni specifici, rappresentando un valido strumento anche per noi operatori nel campo motorio, per poter meglio individuare e sviluppare protocolli valutativi e di esercizio specifici per ogni anziano. Queste classificazioni che descrivono le abilità funzionali della popolazione anziana sono: - elite - fisicamente in forma - fisicamente indipendente - fisicamente fragile - fisicamente dipendente I primi due termini, elite e fisicamente in forma, indicano non solo che l anziano è completamente autonomo, indipendente, ma per di più è in buona/ottima salute, e in grado di compiere nel caso di soggetti elite, prestazioni sportive che nulla hanno da invidiare a soggetti adulti; il soggetto fisicamente in forma svolge regolare esercizio fisico, di gruppo e/o individualizzato. Questa tipologia di utenza svolge quindi regolare attività fisica, e/o addirittura sportiva, e non è quindi di mia attenzione per la tesi che ho sviluppato. Gli anziani fisicamente indipendenti vivono indipendentemente, non hanno difficoltà ad eseguire le attività strumentali della vita quotidiana (IADL, ovvero Instrumental Activities of Daily Living), ovvero spostarsi con mezzi pubblici, mantenere un adeguato ordine della casa, fare il bucato, etc.. Solitamente non presentano i sintomi disabilitanti delle maggiori malattie croniche, ma hanno poca salute e non svolgono un adeguata attività fisica, la quale potrebbe aiutarli a mantenere l indipendenza e prevenire il decadimento fisico; infatti una breve malattia o ferite possono portare una rapida perdita delle funzioni fisiche e una conseguente perdita dell indipendenza. (Wojtek J. Chodzko-Zajko (1995) 7

8 Gli anziani fisicamente fragili possono fare le attività basilari della vita quotidiana (BADL, Basic Activities of Daily Living) come vestirsi, lavarsi, spostarsi, usare il bagno, mangiare, camminare. ma non tutte o alcune delle attività per vivere in maniera indipendente (IADL) Questo è generalmente dovuto a malattie o condizioni disabilitanti; hanno scarsa riserva funzionale e condizioni di salute molto spesso precarie, le quali possono rapidamente portarli in una condizione di disabilità. Un attività fisica appropriata può significativamente aumentare la loro qualità di vita e ristabilire l indipendenza in molte delle aree funzionali. L anziano fisicamente dipendente non può eseguire alcune o tutte le BADL, e sono dipendenti da altri per mangiare e per le funzioni vitali di base; anche per questi soggetti, un attività fisica adattata alle loro esigenze potrebbe migliorare il loro stato funzionale. Risulta quindi abbastanza evidente che protocolli di attività motoria domiciliare, trattati nella mia tesi, sono indirizzati in particolare alla fascia dell anziano definito fisicamente fragile, o nei limiti, alle categorie fisicamente indipendente o dipendente; nel corso della dissertazione avremo modo di approfondire più nel dettaglio gli anziani fragili, spiegare i motivi che mi hanno spinto e a scegliere questa tipologia di soggetti, e a sviluppare questa modalità di intervento. Vi sono inoltre le linee guida di Heidelberg (Heidelberg, Agosto 1996), che aiutano a completare il quadro sulle tipologie di anziano, e mettono in relazione lo stato di salute e l efficienza fisica con la quantità di attività motoria praticata. I gruppi identificati sono tre: Gruppo 1 Fisicamente efficienti - Sani Questi individui sono regolarmente inseriti in programmi appropriati di attività fisica, possono essere ritenuti fisicamente efficienti e possono partecipare in tutte le attività del vivere quotidiano. Gruppo 2: Fisicamente non efficienti - Non sani, indipendenti Questi individui non sono inseriti in programmi di attività fisica. Nonostante conducano ancora una vita indipendente, stanno sviluppando patologie multiple croniche che pregiudicano la loro indipendenza. L attività fisica regolare può aiutare a migliorare le capacità funzionali e a prevenire la perdita di indipendenza. 8

9 Gruppo 3: Fisicamente non efficienti -Non sani, dipendenti. Questi individui non sono più in condizione di condurre una vita indipendente nella società per una serie di ragioni fisiche e/o psichiche. Una appropriata attività fisica può migliorare significativamente la qualità della vita e restituire indipendenza in alcune aree funzionali. 2.2 DESCRIZIONE DETTAGLIATA DELL ANZIANO FRAGILE Il termine anziano fragile è sicuramente di difficile spiegazione, a causa dell estrema variabilità di condizioni che concorrono a determinare questa condizione. Si prenderà ora in esame un articolo comparso su Gerontologia nel 2007 che esaminava e proponeva una sorta di revisione storica sulle origini del termine anziano fragile, aiutandoci così a capire più nel dettaglio questa tipologia di anziani, e come queste posizioni si siano evolute nel corso degli ultimi anni. Le prime denominazioni di anziano fragile risalgono agli inizi degli anni 70 dello scorso secolo; in particolare nel 1974 il Federal Council on the Aging istituisce una Task Force sull anziano Fragile, che per prima introduce il termine frail elderly ; tale termine rispondeva alla necessità di un termine che sintetizzasse la drammatica condizione di un gruppo di soggetti anziani, le cui caratteristiche principali erano la presenza di disabilità fisica, compromissione affettiva, in un ambiente strutturalmente e socialmente sfavorevole. Nel 1976 lo stesso centro pubblica su Geriatrics una nuova definizione di frail elderly, ovvero gli descrive come quelle persone che richiedono continuo supporto sociale a causa dell accumulo di disabilità associate all invecchiamento, precisando che i bisogni dell anziano fragile non sono necessariamente economici, in quanto soggetto che necessita di una organizzazione assistenziale in cui servizi sociali siano strettamente integrati con quelli sanitari. Nel 1978, sempre il Federal Council on the Aging, specifica che l anziano fragile è una persona di solito ultra 75enne che, a causa dell accumularsi di più malattie croniche, spesso richiede uno o più servizi di supporto per garantire le attività del suo vivere quotidiano. Le prime definizioni sono quindi molto generali, poco esaustive, e non riescono a dare una vera e propria dimensione di chi sia veramente l anziano fragile, in quanto il dibattito è più 9

10 concentrato sugli aspetti sociali e socio economici, che su quelli più prettamente biologici e funzionali. Anche altri studi e citazioni riportati negli anni 80 si concentrano su questi aspetti, ma non riescono a fornire quadri chiari di identificazione. Solamente nel corso del decennio successivo si assiste ad una significativa crescita di interesse della comunità scientifica nei confronti della fragilità, forse anche perché il problema e i numeri cominciavano ad essere significativi, infatti, secondo la American Medical Association, nel 1990 sarebbe fragile il 10-25% degli ultra 65enni, il 46% degli ultra 85enni. Nel 1991 Mark Speechley e Mary Tinetti, in una ricerca sul rischio di caduta in soggetti anziani viventi nel domicilio, identificano i fragili, in contrapposizione a quelli definiti vigorosi e di transizione, sulla base di una serie di parametri anagrafici, fisici e psicologici. In particolare sarebbero fragili quelli con 4 o più delle seguenti caratteristiche: età >80 anni, disturbi dell equilibrio e dell andatura, sedentarietà, depressione, uso di sedativi, ridotta forza muscolare di spalla e ginocchio, deficit visivo, disabilità agli arti inferiori; al contrario appartengono alla categoria dei vigorosi quelli di età < 80 anni, cognitivamente integri, con buona vista e fisicamente attivi. Sulla base di questi parametri il 20% dei soggetti risultava fragile, il 26% vigoroso ed il 54% di transizione. Altro studio riportato, e decisamente interessante è quello del 1992 di David Buchner ed Edward Wagner, che forniscono un contributo che rappresenta a tutt oggi una pietra miliare per la comprensione dei meccanismi fisiopatologici della fragilità e della disabilità. Gli autori definiscono la fragilità una condizione caratterizzata da una ridotta riserva fisiologica, associata ad un aumentata suscettibilità alla disabilità, aggiungendo che: le principali componenti della fragilità sono una ridotta capacità del sistema neurologico, cardiovascolare e respiratorio indotta dal sommarsi agli effetti dell invecchiamento dei danni conseguenti ad uno stile di vita inadeguato (sedentarietà, fumo, abuso di alcool, ecc.) ed a malattie subite nel corso della vita. Innovativo è il concetto espresso dagli autori che la fragilità può essere contrastata così come essa si realizza solo quando la riduzione delle riserve fisiologiche raggiunge un livello critico. Sulla stessa linea di pensiero è quanto Brocklehurst afferma nella IV edizione del suo trattato di Medicina Geriatrica e Gerontologia: l anziano fragile pur avendo una ridotta riserva funzionale può vivere indipendentemente e bene in comunità. Quando stressato da una malattia, da un trauma o da fattori ambientali sfavorevoli, la sua capacità di svolgere le attività basilari della vita quotidiana inizia a sgretolarsi. L inattività e l immobilità possono, inoltre, drammaticamente compromettere la forza muscolare e la riparazione 10

11 muscolare, così come la flessibilità articolare, l equilibrio e la velocità di reazione. In queste circostanze, anche un evento banale può innescare disastrose conseguenze funzionali e quando questo succede, l anziano fragile è ad elevato rischio di essere istituzionalizzato o quanto meno ha necessità di un assistenza intensa e continuativa. Buchner, Wagner e Brokelhurst sono quindi i primi studiosi che vedono nella fragilità una condizione estremamente complessa al cui determinismo partecipano sia condizioni biologiche che sociali; sono definizioni che per prime riescono veramente ad inquadrare la situazione, ma i contributi non finiscono qui. Secondo un altro autore, M. Bortz, su un articolo pubblicato nel 1993 su American Geriatric Society, afferma che la fragilità è dovuta principalmente a: malattia, il disuso e l invecchiamento sono i tre fattori che contribuiscono in maniera sinergica alla diminuzione della vitalità ed all aumentare della fragilità, cioè al passaggio dell organismo da una condizione di stabilità ad un livello di stabilità via via inferiore che si manifesta come una ridotta capacità dell organismo di interagire con l ambiente fisico circostante. La fragilità, come perdita di integrità strutturale, è quindi il risultato di un disaccoppiamento dell organismo dal suo ambiente, nei confronti del quale è estremamente difficile distinguere il ruolo della malattia, del disuso e dell invecchiamento di per sé. Nel 1994 i canadesi Rockwood e Fox ribadirono che la fragilità ha una rilevanza centrale in medicina geriatrica, che per questo viene spesso identificata come medicina dell anziano fragile, e che la fragilità può essere meglio caratterizzata solo utilizzando un approccio multidimensionale. Un ulteriore significativo contributo sull argomento è quello di J. Campbell e D. Buchner che riaprendo nel 1997 il dibattito su disabilità e fragilità, dichiarano: la disabilità indica perdita di funzione, mentre la fragilità uno stato di instabilità e di rischio di perdita o di ulteriore perdita della funzione. Ne deriva che la persona fragile è quella che ha un aumentato rischio di disabilità e di morte quale conseguenza di un evento stressante anche di minima entità. Gli autori identificano le principali componenti della fragilità nella funzione muscoloscheletrica, nella capacità aerobica, nelle funzioni cognitive e di integrazione neurologica, nella nutrizione. Inoltre definiscono le modalità più opportune per la misurazione di tali componenti, quali la forza di presa della mano (grip strength), il tempo di alzata e seduta dalla sedia (chair stand), il treadmill test per sforzo sub-massimale, il test del cammino dei 6 minuti, il Mini- 11

12 Mental State Examination, il test di equilibrio statico (static balance test), il BMI e la massa muscolare del braccio. Infine invitavano ad utilizzare tali procedure nella pratica clinica e nella ricerca in quanto definire e misurare la fragilità potrebbe aiutare nel processo di identificazione della popolazione anziana a rischio, dando così ad essa la possibilità di beneficiare di programmi pubblici ed individuali rivolti al mantenimento della salute. Sulla base della consapevolezza espressa da Rockwood a riguardo della multidimensionalità, si indica che il principale ostacolo allo sviluppo di interventi geriatrici rivolti alla prevenzione degli autcome clinici della fragilità, quali mortalità, cadute, fratture, ospedalizzazioni, istituzionalizzazioni, è l assenza di un metodo standardizzato e validato per lo screening dei soggetti che sono realmente fragili. Il paragrafo fin qui descritto è stato riportato dall articolo comparso nel giornale: (G. Gerontol 2007;55: , dal titolo Alla scoperta delle origini dell anziano fragile Discovering the origins of the frail elderly, di C.Ruggero,) Vediamo ora un prezioso contributo attuale, fornito da medici italiani (M. Foroni 2006) e comparso su un articolo uscito su Gerontologia; in questo contributo si individua la fragilità dell anziano in una sindrome biologica caratterizzata da riduzione delle riserve e delle resistenze agli stress e provocata dal declino cumulativo di più sistemi fisiologici. La fragilità si caratterizza inoltre per l eterogeneità, l instabilità e per la vulnerabilità con tendenza a manifestazioni peggiorative la salute, e vi concorrono sicuramente fattori molto diversi, di natura biologica, medica ed ambientale. La domanda che ci si pone in ambito concreto è, come si fa a stabilire la fragilità? In ambito medico sembra essere di recente molto apprezzata la tabella dove sono riportati cinque criteri prevalentemente funzionali, che aiutano ad individuare le caratteristiche degli anziani. Tali criteri sono stati sviluppati da. (Fried et al. 2001) in base ai dati del Cardiovascular Health Study (CHS) Questi cinque criteri sono i seguenti: - perdita di peso (4,5 kg nell ultimo anno) - affaticamento (fatica in almeno 3 giorni/settimana) - riduzione della forza muscolare (hand-grip) ovvero meno di 5,85 e 3,37 kg nel M e F, rispettivamente. - Ridotta attività fisica (valutabile attraverso il PASE-Physical Activity Scale for the Elderly) 12

13 - Riduzione della velocità di cammino (percorso noto: più di 7 sec. A percorrere 4,57 metri) Se almeno tre dei cinque parametri sono presenti siamo di fronte a fragilità, mentre quando sono presenti meno di 3 item si può parlare di pre-frail. La fragilità tende progressivamente a portare alla disabilità direttamente senza malattia; è questa una affermazione che da sola dovrebbe fare riflettere tutte le persone che direttamente o indirettamente hanno a che fare con il mondo dell anziano. E di fondamentale importanza individuare la fragilità perché è così che si possono mettere in atto una serie di strategie preventive (si veda l esercizio fisico e il movimento, ma anche revisione di farmaci assunti e miglioramento della dieta), ma anche perché la sua diagnosi ha implicazioni in termini di morbilità, ospedalizzazioni, istituzionalizzazione, mortalità, utilizzazione dei servizi e costi socio-sanitari. Solo il suo tempestivo riconoscimento, anche in ambito medico, consente di intervenire e prevenire il susseguirsi di interventi e reazioni a catena che si sviluppano con l avanzare della fragilità. Ho voluto riportare questo articolo perché lo ritenevo particolarmente significativo, in quanto, oltre a offrire un ulteriore spunto di riflessione per noi operatori nel campo motorio, fornisce un utile strumento anche ai MMG, che costantemente hanno la possibilità di vedere i loro pazienti, di individuare, con metodi tutto sommato semplici e veloci, la presenza di uno stato di fragilità. Dal punto di vista motorio siamo invece abituati a classificare l anziano fragile come un soggetto che può fare le attività basilari della vita quotidiana (BADL, Basic Activities of Daily Living) come vestirsi, lavarsi, spostarsi, usare il bagno, mangiare, camminare, ma non tutte o alcune delle attività per vivere in maniera indipendente (IADL- Instrumental Activities of Daily Living). 13

14 14

15 3. EVIDENZE SCIENTIFICHE SUI BENEFICI DELL ATTIVITA FISICA NELLA POPOLAZIONE ANZIANA Sono ormai evidenti e rilevanti gli effetti dell attività motoria nella popolazione anziana, e ciò è dimostrato dal crescente interesse verso tale argomento, non solo dai diretti interessati all attività fisica, ma anche dagli enti e istituzioni, che guardano a questo tema come un opportunità al fine di attuare politiche di promozione e incentivo per contrastare il crescente aumento della popolazione anziana e il ripercuotersi che questo ha nella sfera sociale. Negli ultimi anni i contributi su questo tema si sono moltiplicati, e hanno trovato largo spazio anche studi condotti su anziani con caratteristiche assai precarie; vedremo ora una serie di contributi a riguardo. 3.1 SU PATOLOGIE CRONICHE E MUSCOLOSCHELETRICHE L esercizio fisico si è dimostrato in corso di numerosi studi, un ottimo strumento per la prevenzione delle malattie cardiovascolari; si riporta uno studio di Posner et al. (1990) che hanno condotto un follow-up di due anni su soggetti di oltre 60 anni; si sono diagnosticate malattie cardiovascolari nel 2% dei soggetti che facevano esercizio fisico, rispetto al 13% dei controlli. Altra patologia molto frequente nell anziano è l ictus, il quale ha fattori di rischio simili con la cardiopatia ischemica, con l ipertensione nel ruolo di protagonista (Ostfeld, 1980), ma anche diabete mellito, fumo, malattie cardiovascolari o fibrillazione atriale. Dato il ruolo dominante dell ipertensione arteriosa come causa dell ictus, è ragionevole ipotizzare che l esercizio fisico possa svolgere un ruolo nella prevenzione primaria (Shephard 1998). Analizzando numerosi studi a riguardo, si può notare come questi siano giustamente incentrati sulla prevenzione primaria, che si concentra in particolare a migliorare mediante attività a prevalente carattere aerobico, profilo lipidico, controllo dell ipertensione e prevenzione dei disturbi metabolici, obiettivi difficilmente raggiungibili in anziani fragili. Uno studio condotto da Reaven et al. (1991), che si concentrava sull ipertensione arteriosa, hanno suddiviso donne tra i 50 e gli 89 anni sulla base dei quadri abituali di 15

16 attività fisica; la pressione sistolica era di circa il 20% inferiore in chi svolgeva attività pesante rispetto ai soggetti inattivi. Altri studi condotti da Kasch et al. (1998), hanno osservato che, rispetto ai soggetti non allenati di età analoga, le persone anziane più allenate hanno la pressione arteriosa più bassa, sia a riposo sia a un dato livello di lavoro. Anche le vasculopatie periferiche rappresentano un problema abbastanza diffuso, numerosi studi (revisione di Barnard, 1994), hanno dimostrato che l esercizio fisico può migliorare le prestazioni e ridurre o eliminare i sintomi della claudicatio intermittens nei primi stadi di una vascolopatia periferica clinicamente manifesta. L obesità rappresenta un problema per tutte le fascie di popolazione, e naturalmente anche per le persone anziane, per tutti i problema che questa comporta (patologie metaboliche, carico sulle articolazioni, difficoltà maggiore nei movimenti, etc..). L obesità sembra molto più facile da prevenire che da curare e sia gli studi trasversali sai quelli longitudinali sottolineano il valore dell attività fisica regolare nella prevenzione primaria. I confronti fra i gruppi attivi e sedentari di soggetti anziani (DiPietro, 1995; Kohrt et al. 1992) e gli studi su atleti masters di varie età (Kavanagh et al., 1988), indicano che l energica attività di resistenza può limitare l accumulo progressivo di adipe osservato comunemente nell invecchiamento. Il diabete mellito, o diabete di tipo II, è una causa importante sia di morbilità sia di morte prematura e costituisce addirittura il 10% di tutti i giorni di ospedalizzazione per patologie acute (Leon, 1989). Sono due i meccanismi su cui agisce l attività fisica: la riduzione della glicemia e l incremento dell azione dell insulina da una parte e una diminuzione del grasso viscerale dall altra (Evans et al., 1999). IL diabete di tipo II si sviluppa con più facilità in persone in soprappeso o obese, in particolare nell età adulta; sono infatti numerosi i studi a riguardo; su un confronto trasversale all interno di società sviluppate si è evidenziato l associazione fra l inattività fisica e il diabete di tipo II diagnosticato clinicamente (Kriska, Blair e Pereira, 1994). L importanza dell attività fisica sul diabete si è dimostrata particolarmente utile anche nei soggetti anziani, considerato che fino ad un terzo di essi ha difficoltà a comprendere anche le diete più semplici, bisogna però considerare che molti di loro presentano un diabete avanzato, ed è quindi necessario prestare cautela nel prescrivere l esercizio fisico, tenendo conto delle numerose complicanze specifiche (Shephard 1998), quali l accelerazione dell assorbimento di insulina e successiva ipoglicemia con rischio successivo di incorrere in maggiori probabilità di cadute. 16

17 Il profilo di trigliceridi e profilo lipemico sfavorevole hanno un importante correlazione con il rischio cardiovascolare; questo avviene anche nell anziano, in quanto si associa a un certo aumento del rischio di cardiopatia; risulta quindi opportuno tentare di abbassare il livello di colesterolo sierico con un associazione di esercizio fisico, modificazioni dietetiche e terapie farmacologiche. Vediamo alcuni studi a riguardo. Uno studio trasversale di Reaven et al. (1990) ha evidenziato un associazione positiva fra la partecipazione all esercizio fisico regolare ed energico e le concentrazioni plasmatici di colesterolo HDL. In un altro studio Swhartz et al. (1992) hanno sottoposto un gruppo di uomini di 67 anni a un programma di esercizio per 6 mesi, comprendente sessioni di 45 minuti di esercizio sotto supervisione per 5 giorni la settimana, fino all 85% della frequenza cardiaca. Questo regime ha indotto un aumento del 15% delle concentrazioni plasmatiche di colesterolo HDL, insieme a una riduzione del 21% dei trigliceridi plasmatici e a un decremento del 13% del colesterolo LDL. La sarcopenia è molto diffusa in anziani fragili e non permette di eseguire tutte o molte delle attività della vita quotidiana; l associazione di una dieta inadeguata e di perdita della forza muscolare crea un circolo vizioso di progressiva inattività fisica e accelerazione dell atrofia muscolare; inoltre man mano che i muscoli si indeboliscono, la lunghezza del passo si accorcia (Fiatarone et al., 1990). In uno studio di Welle et al., (1993) si è arrivati alla conclusione che a qualunque età l allenamento contro resistenza aiuta a mantenere la forza a un livello più alto rispetto a una persona sedentaria; pertanto le persone attive restano molto più forti dei soggetti sedentari, anche negli ultimi anni di vita. A differenza degli studi che abbiamo visto a riguardo delle patologie croniche, molti studi che hanno indagato l efficacia di programmi di attività fisica finalizzati ad incrementare la forza muscolare, sono stati sperimentati, e hanno avuto la loro efficacia, anche in anziani residenti nelle RSA o molto fragili. Frontera et al., (1988) hanno riportato un incremento della sezione muscolare a metà coscia dell 11.4%, e della forza muscolare di oltre il 100% dopo 12 settimane di esercizi di forza con carichi elevati in uomini anziani Quelli che sembrano avere più efficacia sembrano essere gli esercizi muscolari a bassa ripetizione e contro forte resistenza, dove sono stati osservati aumenti di forza massima addirittura del 174% (Fiatarone et al., 1994). 17

18 Un altro studio molto interessante (Schena et al, 2000) che ha indagato in particolare la forza in 27 anziani di età compresa tra i 63 ed i 93 anni, residenti in tre case di riposo della zona di Trento; i soggetti sono stati divisi in tre gruppi, uno ha lavorato con macchine isotoniche (GrMI), un gruppo con bande elastiche (GrEL), e un gruppo ha costituito il gruppo di controllo. Il protocollo è durato 12 settimane con tre sedute a settimana, e ha portato a variazioni largamente significative della forza isometrica degli arti inferiori (+63% GrMI, +39% GrEL) e superiori (+22% e +27% rispettivamente); inoltre la performance motoria è migliorata significativamente in tutte le prove, mentre ciò non è avvenuto nel gruppo di controllo dove si è misurata una variazione significativa solo per il tempo di cammino per i 15 metri. L osteoporosi rappresenta una densità minerale ossea al di sotto della quale l incidenza delle fratture aumenta drasticamente (Aloia, 1989); risulta quindi importante prevenire tale meccanismo svolgendo regolare esercizio fisico durante tutto l arco della vita, in modo da influenzare positivamente i valori di densità ossea di picco e le rapidità di declino della stessa, elementi che determinano il rischio in maggior rischio di andare incontro ad osteoporosi (Kemmler et al, 2004). Gli studi su anziani non hanno riportato aumenti significativi nell indice di calcificazione ossea, se non in presenza di densità iniziale bassa, come riporta Blumenthal et al. (1989) che ha sperimentato l efficacia di esercizio aerobico tre volte la settimana per una durata di 4 mesi. 3.2 EVIDENZE ED ESPERIENZE DI ATTIVITA MOTORIA A DOMICILIO. Passiamo ora in rassegna una serie di studi condotti più nello specifico su anziani fragili, sia con esperienze di attività motoria a domicilio, sia in strutture protette. Un interessante protocollo è stato sviluppato in alcuni distretti del Canada attraverso il Centre for Activity and Ageing s attraverso l Home Support Exercise Programme (HSEP) e pubblicato da Tudor-Locke et al.,(2000). Questo protocollo è indirizzato ai soggetti anziani residenti nel proprio domicilio che ricevono quella che in Italia costituisce l assistenza programmata e che presentano quindi situazioni assai vulnerabili per quanto concerne il declino della loro funzionalità e 18

19 indipendenza; questi anziani sono indirizzati a svolgere 11 semplici esercizi e dall operatore che gli assiste, e da un programma-video che gli aiuta a svolgere in forma autonoma l attività; a distanza di un anno si è registrato che il 42% dei soggetti interessati continuava le attività, le quali mirano a mantenere e aumentare le capacità funzionali come i trasferimenti dal letto alla sedia, l alzarsi dalla sedia, deambulare, incrementare l equilibrio. Un altro contributo molto interessante, anche questo di provenienza canadese e pubblicato da Shanti Jacob Johnson et al., (2004) focalizza la sua attenzione in anziani residenti in strutture protette, che sono stati coinvolti nel Restorative Care Education and Training (RCET), un programma che consiste in 35 ore di workshop per un periodo di cinque settimane dove un team multidisciplinare composto da educatore, fisioterapista, logopedista e dietista ha progettato dei gruppi di lavoro finalizzati nel rendere più autonomi nelle attività della vita quotidiana gli ospiti; si interveniva con esercizi specifici su sedia per incrementare le capacità funzionali, a esercizi dove veniva spiegato il corretto modo di alzarsi e di effettuare gli spostamenti in forma autonoma, fino a coinvolgerli negli elementi base dell importanza di una corretta dieta alimentare. Il tutto è stato valutato prima e dopo mediante dei test specifici, quali la velocità di cammino e le abilità funzionali della vita quotidiana, nonché test per valutare il grado cognitivo; i risultati per il gruppo di lavoro sono stati incoraggianti in quanto si è registrato un aumento della mobilità del 72%, dei trasferimenti del 16% e nelle ADLs del 14%. Un altro studio davvero interessante, e sviluppato in Italia in Emilia Romagna e pubblicato di recente (aprile 2010) su Gerontologia da parte di Salsi et al., merita di essere descritto in maniera approfondita, visto l approccio molto simile e ai modelli canadesi, e in parte al protocollo che ho sviluppato nel mio studio. Il titolo dello studio è: La prevenzione del rischio di caduta dell anziano al domicilio, valutazione di fattibilità. Considerato che le cadute sono eventi molto frequenti nella popolazione anziana, e in particolare negli anziani fragili, con conseguenze e complicazioni spesso rilevanti e anche costose per il sistema socio-sanitario, dedico a questo aspetto uno spazio di rilievo. Lo studio ha coinvolto sette comuni della regione, e prevedevano il coinvolgimento di un numero massimo di 26 soggetti per comune; questi soggetti dovevano presentare le seguenti caratteristiche: - Età superiore agli 80 anni - Sussistenza nei dodici mesi precedenti di almeno una caduta 19

20 Venivano inoltre esclusi: - Non vedenti - Titolari di assegno di accompagnamento e con diagnosi di demenza Dalla lista creata vengono estratti trecento nominativi in maniera casuale con il nominativo dei medici curanti, che dovevano individuare se vi erano controindicazioni cliniche all attività fisica; a questo punto a tutti i soggetti ritenuti idonei veniva inviata una lettera di presentazione del programma con l invito a prendervi parte ed il preavviso di una telefonata per fissare il primo appuntamento con un fisioterapista. Se con la telefonata l anziano accettava di entrare nel protocollo veniva a quel punto fissato il primo appuntamento con il fisioterapista; durante il primo accesso si effettuavano dei test motori (chair stand test e four test balance scale) e MMSE per valutare il livello cognitivo. Sempre nel primo accesso si facevano eseguire degli esercizi di rafforzamento muscolare e miglioramento dell equilibrio, nonché un piano di deambulazione minima quotidiana di sicurezza; veniva inoltre consegnato un opuscolo di immagini con istruzioni scritte, a una settimana di distanza il soggetto viene contattato telefonicamente per verificare se il programma è rispettato o se vi sono problemi nell esecuzione. Dopo quindici giorni c era il secondo accesso del fisioterapista per valutare il livello di apprendimento delle attività motorie programmate; alla quarta e alla sesta settimana hanno luogo un secondo ed un terzo contatto telefonico per verificare l andamento delle attività. Il terzo accesso del fisioterapista avviene all ottava settimana, per verificare ulteriormente l apprendimento, e per compilare un questionario sul gradimento dell attività. Poi si effettuavano a cadenza mensile delle telefonate di controllo fino al dodicesimo mese. Nello studio si portano alla luce i risultati positivi ottenuti, come il coinvolgimento degli anziani in protocolli di attività motoria, della buona compliance ottenuta e un protocollo con costi ridotti. Resta però a mio avviso una carenza molto importante per noi operatori nel campo motorio, ovvero al termine dello studio non c è stato una successiva valutazione dei test motori eseguiti inizialmente, e non si hanno così risultati a riguardo sull efficacia dello studio. Quello che mi ha spinto a descrivere così nel dettaglio questo studio è il protocollo utilizzato, e il coinvolgimento dell AUSL locali. 20

PROGETTO ANZIANI FRAGILI

PROGETTO ANZIANI FRAGILI CENTRO BERNSTEIN VERONA PROGETTO ANZIANI FRAGILI responsabile del progetto: MENEGHINI DARIO COS E L INVECCHIAMENTO? COSA COMPORTA? Invecchiamento: difficoltà nel rispondere adeguatamente agli stimoli di

Dettagli

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello Drssa Grazia Foti MALATTIE CARDIOVASCOLARI Più importante causa di morte nel mondo, (17.3 milioni di morti ogni anno)

Dettagli

I metodi per l identificazione e la prima valutazione dell anziano fragile

I metodi per l identificazione e la prima valutazione dell anziano fragile La prevenzione della disabilità nell anziano fragile: sperimentazione di un modello in due Società della Salute Firenze - 4 maggio 2011 I metodi per l identificazione e la prima valutazione dell anziano

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996 SCHEDA 4 Le Linee guida di Heidelberg per la promozione dell attività fisica per le persone anziane (The Heidelberg Guidelines for promoting physical activity among older persons) Quarto Congresso Internazionale

Dettagli

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio Il diabete nell anziano e il rischio di disabilità Claudio Marengo Marco Comoglio SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@edizioniseed.it

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA

Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA PREMESSA La Malattia di Alzheimer (MA) rappresenta un problema sanitario e sociale di primaria importanza

Dettagli

Comune di Bardolino Provincia di Verona

Comune di Bardolino Provincia di Verona Comune di Bardolino Provincia di Verona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.22 del 17/04/2003 1 ART. 1 FINALITA Il Servizio di Assistenza

Dettagli

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA Definire la domanda di salute della popolazione anziani in Italia è un tema chiave da affrontare, specie in un paese come il nostro che invecchia sempre di più e che destina più della metà delle sue risorse

Dettagli

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Milano, 01 Marzo 2014 La domanda Gli anziani

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE

CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE IX Legislatura Proposta di legge "Interventi regionali in favore di soggetti affetti da malattia di Alzheimer e sindromi dementigene ad essa correlate" Proponente Michelangelo

Dettagli

Comuni di Baricella, Minerbio, Granarolo dell Emilia, Malalbergo, San Pietro in Casale, Pieve di Cento, Galliera, Azienda USL Pianura Est

Comuni di Baricella, Minerbio, Granarolo dell Emilia, Malalbergo, San Pietro in Casale, Pieve di Cento, Galliera, Azienda USL Pianura Est Allegato alla delibera di C. C. n. del REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI Art.1 FINALITA L assistenza domiciliare è un servizio teso a favorire la ripresa sul piano

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 II QUADRO DEMOGRAFICO Dal Rapporto 2010 sulla non autosufficienza in Italia In Italia le persone con

Dettagli

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi.

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi. Aiuti alle persone e alle famiglie in condizioni di fragilità - Misure concordate tra sindacato e Regione Lombardia.( a cura dipartimento welfare SPI Lombardia) Cgil, Cisl e Uil con i sindacati dei pensionati

Dettagli

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 42/11 DEL 4.10.2006 PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO 1 - Introduzione Il programma Ritornare a casa è finalizzato

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CERA, CIOCCHETTI, PISACANE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CERA, CIOCCHETTI, PISACANE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2290 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CERA, CIOCCHETTI, PISACANE Istituzione delle figure professionali di esperto in scienze delle

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO E RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 17 del 22.3.1999 Comune di Cusano Milanino CENTRO DIURNO INTEGRATO REGOLAMENTO

Dettagli

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale «Da RSA a centro di servizi: una sfida da vincere» OSSERVATORIO SETTORIALE SULLE RSA 7 CONVEGNO ANNUALE RSA aperte al territorio nella prospettiva di Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia, Solidarietà

Dettagli

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014 Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo Milano, 28 Marzo 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI SISTEMA 2014 Nel corso dell ultimo decennio molteplici sono stati i mutamenti

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

Corso La complessità in geriatria

Corso La complessità in geriatria Corso La complessità in geriatria Argomento La complessità dell assistenza domiciliare Materiale didattico Dott.ssa Fausta Podavitte Direttore del Dipartimento ASSI 11 marzo 2011 Dalle cure domiciliari

Dettagli

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PRESENTAZIONE E OBIETTIVI Il Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) è un servizio di aiuto a carattere professionale realizzato presso il domicilio delle

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna)

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO E LE MODALITA DI ACCESSO AGLI INTERVENTI DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

TRIAGE NEI PAZIENTI FRAGILI

TRIAGE NEI PAZIENTI FRAGILI TRIAGE NEI PAZIENTI Infermiere Az. Osp. Univ. Policlinico di Modena Consigliere Gruppo Formazione Triage TRIAGE: Definizione delle priorità di trattamento dei pazienti sulla base della loro gravità clinica,

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

Persone ricoverate presso la degenza riabilitativa di Castellamonte

Persone ricoverate presso la degenza riabilitativa di Castellamonte Il Servizio di Medicina Fisica e Riabilitazione dell ASL 9: una rete di servizi ospedaliera, territoriale e domiciliare per l utente con necessità di riabilitazione e assistenza L intervento riabilitativo

Dettagli

I LUOGHI DELLA CURA E DELL APPRENDIMENTO DALL ESPERIENZA

I LUOGHI DELLA CURA E DELL APPRENDIMENTO DALL ESPERIENZA I LUOGHI DELLA CURA E DELL APPRENDIMENTO DALL ESPERIENZA Un viaggio tra il sé professionale e il sistema delle cure domiciliari Il ruolo del MMG nel sistema delle cure domiciliari BIELLA - CITTA STUDI

Dettagli

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA Legge regionale 11 novembre 2011, n. 24 (BUR n. 85/2011) [sommario] [RTF] Art. 1 - Finalità. 1. La Regione

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n.42-37122 Verona - tel. 045/8075511 Fax 045/8075640Cod. Fiscale e P. IVA 02573090236 Dipartimento delle Unità Organizzative della Direzione dei Servizi

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE Il presente documento, presentato in V commissione in occasione dell audizione del 23 settembre, si compone di due parti: Introduzione e

Dettagli

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 L'invalidità è la difficoltà a svolgere alcune funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa di una menomazione o di un deficit fisico,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA

CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA NOTA DI ACCOGLIENZA Gentile Signora, Gentile Signore, con la presente Le vogliamo fornire una Guida che Le sia di aiuto per orientarsi e conoscere la Struttura Sanitaria alla

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SOCIO SANITARIA (S.A.D.I.S.)

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SOCIO SANITARIA (S.A.D.I.S.) REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SOCIO SANITARIA (S.A.D.I.S.) Approvato con delibera del Commissario Straordinario n.14del 26/02/2010 PREMESSA L'A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata)

Dettagli

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ;

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ; ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO ART. 1 - DEFINIZIONE E FINALITA 1. Il Servizio di Assistenza Domiciliare è un insieme di prestazioni di carattere socio assistenziale

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE IL PUNTO DI NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE PISTOIA 6 GIUGNO OSTEOPOROSI: DIFETTO SISTEMICO A CARICO DELLO SCHELETRO CARATTERIZZATO DA UNA

Dettagli

UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE

UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE 1/7 Premessa Il Dipartimento di Neuroscienze ha come obiettivo la prevenzione, la diagnosi, la cura, la riabilitazione e la

Dettagli

Piano di Zona 2010-2013. La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare

Piano di Zona 2010-2013. La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare Piano di Zona 2010-2013 La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare I servizi di assistenza domiciliare Servizio di assistenza domiciliare territoriale a totale carico

Dettagli

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute Maria Grazia Proietti il campo di competenza dell infermiere è rappresentato dal complesso delle attività rivolte

Dettagli

Bologna, 25-26 febbraio 2008 Palazzo dei Congressi, Piazza della Costituzione

Bologna, 25-26 febbraio 2008 Palazzo dei Congressi, Piazza della Costituzione Dott. Giovanni Battista Bochicchio Direttore Centro Integrato Medicina dell Invecchia Dott. Gianvito Corona Resp. Unità di Terapia del Dolore, Cure Palliative e Oncologia Critica Terr Un punto unico di

Dettagli

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA GOTTIN Maurizio - Responsabile SSD Medicina Sportiva ASL TO4 Referente

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina gli interventi relativi al Servizio di Assistenza

Dettagli

Dir. Resp.: Roberto Napoletano

Dir. Resp.: Roberto Napoletano Lettori: n.d. Diffusione: n.d. 03-DIC-2013 Dir. Resp.: Roberto Napoletano da pag. 27 Lettori: n.d. Diffusione: n.d. Dir. Resp.: Roberto Napoletano 03-DIC-2013 da pag. 27 Quotidiano 097156 www.ecostampa.it

Dettagli

Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano

Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano Invecchiare in Trentino: aggiungere anni alla vita e vita agli anni Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano Il contesto Le trasformazioni sociali, economiche e demografiche

Dettagli

Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995

Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995 Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995 MODIFICATO CON D.C.C. N. 265 DEL 07/11/2002 Natura, destinatari e finalità del servizio Il Centro Diurno

Dettagli

IL GOVERNO CLINICO IN RSA. Aggiornamento per Responsabili Sanitari delle RSA Brescia 2014

IL GOVERNO CLINICO IN RSA. Aggiornamento per Responsabili Sanitari delle RSA Brescia 2014 IL GOVERNO CLINICO IN RSA Aggiornamento per Responsabili Sanitari delle RSA Brescia 2014 IL GOVERNO CLINICO in RSA definizione di RSA -SIGG Struttura del territorio destinata ad accogliere gli anziani

Dettagli

ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza. O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia

ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza. O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia CONTESTO GENERALE In Italia l 80% circa dei pazienti affetti da demenza è assistita

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN)

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN) C O M U N E D I P O G G I O R U S C O c. a. p. 46025 T e l. 0386 / 51001 PROVINCIA DI MANTOVA CAP 46025 - Piazza 1 Maggio, 5 SERVIZI SOCIALI P a r t. I V A 0040203 020 9 Fax 0386/733009 Codice Ente 10860

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

Gli anziani 4.2 GLI ANZIANI

Gli anziani 4.2 GLI ANZIANI 4.2 GLI ANZIANI L analisi proposta in questa sezione nasce dall intento di fornire alcuni elementi di caratterizzazione relativi ad un gruppo particolare di utenza che, visto l incremento numerico progressivo

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI Allegato alla del. C.C. n. 101 del 27/11/2002 REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI Art.1 FINALITA L assistenza domiciliare è un servizio teso a favorire la ripresa

Dettagli

Azienda Speciale Servizi alla Persona

Azienda Speciale Servizi alla Persona Azienda Speciale Servizi alla Persona ANZIANI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E DISABILI (S.A.D.) Cosa offre il servizio SAD L'assistenza domiciliare è un tipo di servizio erogato direttamente

Dettagli

I servizi sociali per gli anziani nella Regione Lazio

I servizi sociali per gli anziani nella Regione Lazio I servizi sociali per gli anziani nella Regione Lazio Premessa Progressivo aumento del numero degli anziani ripensamento dell assistenza Integrazione dell assistenza sanitaria e dei servizi alla persona

Dettagli

L ATTIVITÀ MOTORIA NEL SOGGETTO ANZIANO CON LIMITATA FUNZIONE

L ATTIVITÀ MOTORIA NEL SOGGETTO ANZIANO CON LIMITATA FUNZIONE Corso di Formazione ATTIVITÀ MOTORIA ED ESERCIZIO FUNZIONALE NEI GRANDI ADULTI Milano, 5 Ottobre 2013 L ATTIVITÀ MOTORIA NEL SOGGETTO ANZIANO CON LIMITATA FUNZIONE Filippini Federico Dottore Magistrale

Dettagli

APPROCCIO RIABILITATIVO problemi correlati al movimento

APPROCCIO RIABILITATIVO problemi correlati al movimento INFERMIERISTICA CLINICA IN AREE SPECIALISTICHE - INTEGRATIVO INFERMIERISTICA IN AREA GERIATRICA A. A. 2009/2010 Dott. ssa Margherita Andrigo Portogruaro APPROCCIO RIABILITATIVO problemi correlati al movimento

Dettagli

ORIENTAMENTO IN USCITA

ORIENTAMENTO IN USCITA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA SEDE DI AOSTA ORIENTAMENTO IN USCITA Azienda USL Valle d Aosta Casa di Riposo G.B. Festaz Casa di riposo Refuge Père Laurent Casa di Riposo Domus Pacis Casa per la salute

Dettagli

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf. DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.it Popolazione anziana Distretto RMF1 Dati 2000 65-74 75-84 >85 M 3397

Dettagli

VALORE INDICATORE A INIZIO PROGETTO (GENNAIO 2011) Valore di base prima dell inizio del progetto. Almeno 12 gruppi. Almeno il 60% dei gruppi attivati

VALORE INDICATORE A INIZIO PROGETTO (GENNAIO 2011) Valore di base prima dell inizio del progetto. Almeno 12 gruppi. Almeno il 60% dei gruppi attivati 1) Regione: Regione Liguria 2) Titolo del programma: Gruppi di cammino nelle ASL liguri (2.3.1 2.9.5-4.2.1.2) 3) Identificativo delle linee di intervento generali: Macroarea 2 Prevenzione universale 2.3

Dettagli

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D.

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. (Approvato con Delibera Consiglio Comunale n. 11 del 22/01/08 ) Indice Art. 1 Definizione del servizio pag. 2 Art. 2 Finalità ed obiettivi pag. 2 Art. 3 Destinatari

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari Comunicato stampa Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari grazie ad una convenzione tra Ausl, Fondazione e

Dettagli

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA Barletta, 16/02/05 8.24 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida Piano Sociale dell Ambito Distrettuale di Barletta Anni 2005 2007 Protocollo operativo

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI titolo documento PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI SCOPO e CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo della presente procedura è di definire le modalità con cui la Cooperativa Promozione Lavoro gestisce

Dettagli

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA Antonio Brambilla Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Regione Emilia Romagna Il tema della fragilità è un tema estremamente

Dettagli

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D. COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 21 del 29.09.2005

Dettagli

Guide per i cittadini

Guide per i cittadini PIANO DI ZONA AREA DISABILI Guida per i cittadini - Anno 2011 Guide per i cittadini S c h e d e P r o g e t t i Interventi Massimo Pisu Abbiamo una gran voglia di far festa INDICE Interventi di accesso,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE. Notizie Operative ed Informazioni Pratiche

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE. Notizie Operative ed Informazioni Pratiche CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE Notizie Operative ed Informazioni Pratiche 15/04/2014 ESTRATTO notizie operative ed informazioni pratiche numeri utili Relativi al servizio di Assistenza

Dettagli

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Medicina Fisica e Riabilitativa De g e n z a Dott. Claudio Tedeschi - Direttore Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Segreteria Maria Rosaria Amelio - Maria Flavia Malavenda Federica

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Ambito di Seriate L.328/00 Seriate, Albano S.Alessandro, Bagnatica, Brusaporto, Cavernago, Costa di Mezzate, Grassobbio, Montello, Pedrengo, Scanzorosciate, Torre de Roveri REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI

Dettagli

Unione di Comuni Città - Territorio Val Vibrata 64015 Nereto (TE) 0861-851825. Azione SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE

Unione di Comuni Città - Territorio Val Vibrata 64015 Nereto (TE) 0861-851825. Azione SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE Unione di Comuni Città - Territorio Val Vibrata 64015 Nereto (TE) 0861-851825 Piano di Zona dei Servizi Sociali (Legge 328/00 e Piano Sociale Regionale 2002-2004) Ambito Territoriale Sociale n.2 Vibrata

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

COMUNE DI FINO MORNASCO PROVINCIA DI COMO

COMUNE DI FINO MORNASCO PROVINCIA DI COMO COMUNE DI FINO MORNASCO PROVINCIA DI COMO REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 Applicazione. Il presente regolamento si applica all esaurirsi del voucher sociali previsti dal

Dettagli

I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE. Inoltre nelle Residenze per anziani non autosufficienti :

I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE. Inoltre nelle Residenze per anziani non autosufficienti : Gli spazi e i servizi standard 18 I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE Assistenza alla sona 24 h su 24 Assistenza medica diurna (secondo necessità) Assistenza infermieristica diurna Assistenza

Dettagli

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE Ospedale di Chiavari DOVE SIAMO Presso l Ospedale di Chiavari, SECONDO, TERZO e QUARTO piano, corpo centrale. La Residenza Sanitaria Assistenziale è un presidio sanitario

Dettagli

REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità

REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità Per Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) si intende quel

Dettagli

Chi sono i nostri utenti

Chi sono i nostri utenti Chi sono i nostri utenti anziani con età > 65/70 anni Con polipatologie Con cadute ripetute in anamnesi Già con storia di fr. di femore Con accidenti del sistema cardiovascolare Con esiti di ictus cerebri

Dettagli

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER?

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? E la forma più frequente di demenza. La DEMENZA è la perdita delle funzioni intellettive (il RICORDARE, il PENSARE, il RAGIONARE) di gravità tale da rendere la persona malata

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. _45 DEL _19/4/2004 Pag. N. 1 INDICE Art.

Dettagli

European Innovation Partnership on Healthy and Active Ageing Independent living

European Innovation Partnership on Healthy and Active Ageing Independent living Direzione Generale Sanità European Innovation Partnership on Healthy and Active Ageing Independent living AZIONI DI REGIONE LOMBARDIA Marina Bonfanti Liliana Coppola - Maria Gramegna Direzione Generale

Dettagli

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Lezione 8 Interventi socio assistenziali nell anziano Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri L invecchiamento

Dettagli

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE Comune di Chioggia Settore Servizi Sociali CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE allegato C alla deliberazione G.M. n. 163 del 13.04.2001 modificato con D.G. 141 del 28-03-2003

Dettagli

I servizi per anziani non autosufficienti

I servizi per anziani non autosufficienti I servizi per anziani non autosufficienti Giuliano Marangoni Il trend demografico dell invecchiamento della popolazione ha come diretta conseguenza un aumento delle prestazioni sanitarie e socio sanitarie

Dettagli

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento 2.7 Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento Obiettivi di integrazione - Si rileva una disomogeneità nelle modalità di raccordo e collaborazione tra il Servizio

Dettagli

SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012

SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012 SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012 La salute dell anziano e l invecchiamento in buona salute Stato di salute, opportunità e qualità dell assistenza nelle regioni italiane L analisi della struttura demografica

Dettagli

Soluzione. Benefici. Esigenze. Il cliente. Per saperne di più

Soluzione. Benefici. Esigenze. Il cliente. Per saperne di più Medicina d iniziativa rivolta al paziente cronico: una piattaforma integrata per il telemonitoraggio domiciliare a supporto del Medico di Medicina Generale in Lombardia con i servizi di Telbios e la tecnologia

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ROVERELLA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ROVERELLA REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ROVERELLA Via Ancona, 290 Cesena Telefono 0547 334935 Approvato con Delibera n. 10 del 03/03/2010 Finalità del servizio ART. 1: L ASP, all interno della sede della

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013 DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013 1.1 UNO SGUARDO D INSIEME 1.1.1 Il contesto di riferimento L UOSD Rete Assistenziale comprende

Dettagli

SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO

SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO LA MALNUTRIZIONE LE CAUSE LE CONSEGUENZE COS È COME CONTRASTARLA COS È LA MALNUTRIZIONE? La malnutrizione è un alterazione

Dettagli

I Sessione ore 9,30. La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G.

I Sessione ore 9,30. La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G. I Sessione ore 9,30 La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G. Gabriele Carbone Responsabile medico Centro Demenze Unità

Dettagli

Progetto ANZIANI domiciliarità e non autosufficienza

Progetto ANZIANI domiciliarità e non autosufficienza Progetto ANZIANI domiciliarità e non autosufficienza Allegato A MODALITÀ DI UTILIZZO DEL FONDO PER LE NON AUTOSUFFICIENZE E DEL FONDO FINALIZZATO ALLA PERMANENZA O RITORNO IN FAMIGLIA DI PERSONE PARZIALMENTE

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli