Descrizione del progetto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Descrizione del progetto"

Transcript

1 MONITORAGGIO E PREVISIONE DELLE DINAMICHE TERRITORIALI IN AREE URBANE E REGIONALI Carlo Lavalle Commissione Europea Centro Comune di Ricerca Istituto per l ambiente e la Sostenibilità Unità: Gestione del Territorio Capo Settore Urban and Regional Development Sector IV Sessione Tema: Reti di Monitoraggio e Telerilevamento Sottotema: Gestione sostenibile del territorio e conservazione della natura Introduzione Il Direttorato Generale Centro Comune di Ricerca (CCR) della Commissione Europea (CE) sta conducendo un progetto pilota denominato MOLAND (Monitoring Land Use / Cover Dynamics) che ha come obiettivo la quantificazione degli sviluppi urbani e regionali e la determinazione di tali sviluppi verso obiettivi di sostenibilita. Cio viene effettuato tramite lo sviluppo di banche dati di uso del suolo e di reti dei trasporti in varie aree urbane e in alcune regioni Europee. Il progetto coinvolge un ampio spettro di problematiche connesse allo sviluppo sostenibile, inoltre esso mira a creare una rete di esperti e collaboratori in Europa ed al di fuori di essa. MOLAND si ispira ai principi enunciati nello Schema di Sviluppo Spaziale Europeo che si riferiscono allo sviluppo urbano e regionale e che sono correlati allo sviluppo terriroriale sostenibile. Consequentemente, MOLAND contribuisce a varie tematiche ambientali di rilevanza alla scale Europea, quali ad esempio lo sviluppo urbano sostenibile e relative comunicazioni, e le varie iniziative sulla Valutazione di Impatto Ambientale e sulla Valutazione Strategica Ambientale. Nello specifico, MOLAND partecipa alla preparazione e stesura della Strategia Tematica Urbana del Sesto Programma di Azione Ambientale dell Unione Europea, seguendo le direttive del Direttorato Generale per l Ambiente della CE. L obiettivo principale di MOLAND e lo sviluppo di una metodologia integrata basata su un set di strumenti per pianificazione territoriale che possano essere utilizzati per la valutazione, il monitoraggio e la previsione delle evoluzione degli ambienti urbani e regionali. L aspetto principale del progetto riguarda la possibilita di effettuare analisi a livello Europeo, confrontando aree diverse soggette ad interventi di specifiche politiche di sviluppo. Una caratteristica ulteriore della metodologia e che essa consente allo stesso tempo l analisi in prospettiva continentale, pur sottolineando la dimensione regionale e locale. Sin ad oggi, sono state analizzate 40 areee urbane in Europa e si e creato una rete di collaborazioni con organizzazioni quali EUROCITIES, METREX ed altre. Lo sviluppo futuro sarà l integrazione di principi di pianificazione sostenibile a protezione del territorio per la prevenzione e mitigazione di effetti causati da eventi meteorologici estremi. Descrizione del progetto L obiettivo principale di MOLAND e lo sviluppo di una metodologia integrata basata su un set di strumenti per pianificazione territoriale che possano essere utilizzati per la

2 valutazione, il monitoraggio e la previsione delle evoluzione degli ambienti urbani e regionali. MOLAND e stato avviato nel 1998 (con un diverso acronimo: MURBANDY Monitoring Urban Dynamics), a supporto della preparazione dello Schema di Sviluppo Spaziale Europeo, con l intento di fornire indicazioni sui trend di sviluppo urbano in Europa. Successivamente, il progetto e stato esteso (con il nome MOLAND) per comprendere il calcolo di indicatori (rispondendo alle esigenze di Eurostat e della Agenzia Europea per l Ambiente), e per valutare l impatto di fattori di pressione antropogenici (in particolare : espansione insediativa, trasporto e turismo) dentro ed intorno alle aree urbane, e lungo i corridoi di sviluppo. Le aree attualmente soggette all analisi nel progetto MOLAND sono mostrate in figura 1. Figura 1 : Aree di studio in Europa Sotto l aspetto tecnico, MOLAND ha tre scopi specifici: - la ricostruzione di informazioni quantitative sulla evoluzione dell uso del suolo e delle reti dei trasporti, del 1950 ad oggi, in un numero selezionato di aree soggette a dinamiche strutturali (urbanizzazione, costruzione di corridoi viari, etc.); - lo sviluppo di metodi per l effettuazione di analisi armonizzate di trend storici, compresi gli aspetti socio-economici, impatti legislativi, frammentazione del paesaggio, etc.; - lo sviluppo di modelli di simulazione di scenari Europei di evoluzione futura, a scale locale e regionale. In fase implementativa, MOLAND consta di tre elementi principali: 2

3 1. La creazione di una banca dati di uso del suolo a scala 1:25 000, per quattro date, dal 1950 al La banca dati e integrata da un grafo multitemporale della rete viaria principale, delle ferrovie e dell'idrografia principale e con dati statistici e socioeconomici raccolti presso enti ed organizzazioni nazionali, regionali e locali e adeguatamente armonizzati in un sistema informativo territoriale (SIT). La carta di uso del suolo per l anno di riferimento (2000) e ricostruita da immagini satellitari, generalmente del satellite indiano IRS (risoluzione 5,7 metri), ed in alcuni casi da IKONOS e SPOT. Le tre date storiche sono ricostruite da foto aeree, mappe militari declassificate etc. La nomenclatura per la classificazione del suolo di MOLAND (circa 100 classi di uso del suolo), segue quella CORINE, con un quarto livello di dettaglio per le superfici artificiali. 2. La definizione ed elaborazione di un set di indicatori territoriali risultanti dalla combinazione dell uso del suolo con dati geografici tematici e statistici di carattere demografico e socio-economico ( incluso dati su trasporto, turismo, aree protette etc.). Questi indicatori sono usati per valutare e confrontare le aree di studio in termini di progresso verso la sostenibilita. La rete dei trasporti e inoltre stata utilizzata per Valutazioni Strategiche Ambientali. 3. La definizione di scenari di trasformazione del territorio regionale a seguito di specifiche ipotesi di politiche di sviluppo. Cio viene effettuato tramite l applicazione di un modello ad automi cellulari, appositamente sviluppato nel progetto. Il modello utilizza le banche dati di uso del suolo e dei trasporti, carte tecniche e di zonizzazioni e carte specificatamente create dette di suscettibilita. Il fine delle simulazioni e di prevedere lo sviluppo territoriale a seguito di poliche e piani territoriali e di confrontare scenari di sviluppo alternativi. L approccio territoriale nell analisi delle dinamiche urbane e regionali La quantificazione delle trasformazioni occorse nel territorio urbano e considerata essenziale per interpretare ed intuire i trend di crescita delle aree oggetto di analisi. Questo approccio consente dunque di definire le strategie piu adeguate per uno sviluppo sostenibile a scala urbana e regionale. La banca dati creata nel progetto MOLAND consente di sviluppare un tipo particolare di indicatori, che vengono definiti indicatori territoriali poiche sono costruiti su dati e statistiche di riferimento proiettati sul territorio. Questi indicatori, offrono una serie di vantaggi: - aiutano a comprendere problemi territoriali complessi - forniscono una base sufficientemente completa per sviluppare tematiche correlate alla pianificazione territoriale urbana e regionale - aiutano amministratori e politici a definire politiche di sviluppo locale - fornisco alle autorita nazionali e internazionali (quali Eurostat e AEA) un set dettagliato e localizzato di informazioni utili per capire realta locali ed al contempo Europee. 3

4 Gli indicatori sono definiti in una dimensione spazio-temporale che consente di adattarli alle varie strutture urbane e regionali, preservando al contempo un livello di standardizzazione per effettuare raffronti e bechmark fra le varie aree Europee. La prospettiva multi-temporale in particolare consente di studiare le evoluzioni occorse nel passato e di anticipare trend futuri. Il requisito essenziale per il calcolo di un indicatore e la disponibilita dei dati di riferimento. Molte analisi teoriche per lo sviluppo sostenibile si sono dimostrate deboli per la mancanza di informazioni di riferimento. MOLAND ha definito gli indicatori ricostruendo le banche dati necessarie. Cio inoltre consente anche di sviluppare indicatori richiesti specificatamente per utilizzi inizialmente non previsti. Quindi, una corretta strategia per lo sviluppo di un set di base di indicatori prevede l acquisizione dei dati di base come primo passo. Tuttavia, anche quando i dati siano disponibili, puo essere difficile sviluppare e definire indicatori di sviluppo sostenibile, a causa della impossibilita di correlare in maniera corretta la varie serie di parametri tematici disponibili. Cio avviene soprattutto quando la dimensione spaziale non e presa in considerazione. Un approccio spesso adottato per quantificare la sostenibilita consiste nel definire indicatori che facilitino la valutazione di certe situazioni e tendenze. Di solito si cerca di effettuare raffronti e considerazioni di benchmark. Una serie di norme sono generalmente accettate per la selezione degli indicatori (Braat L., 1991; Hammond et al., 1995; Bossel H., 1996; etc.). Una regola importante, spesso sottovalutata, e che i confini (cioe i limiti fisici) del sistema in analisi siano definiti come primo passo. L approccio di base di MOLAND e che solo la dimensione spaziale (o territoriale) dia questa possibilita e che quindi senza questa dimensione il set di indicatori sarebbe naturalmente non completo. La necessita di questo approccio consente fra l altro di considerare un importante parametro quale la capacita intrinseca o portante (carrying capacity) di una area (Rees,1996) Nella metodologia definita da MOLAND, l approccio territoriale consiste dapprima nella definizione del sistema urbano come quella porzione di territorio che includa le superfici artificiali contigue ed una area di buffer circostante adequatamente quantificata. In questo modo, ogni area urbana ha una appropriata dimensione spaziale, su cui vengono definiti e calcolati gli indicatori, che sono quindi raffrontabili. Cio e importante in quanto se l unita geografica di riferimento non e specificata, i risultati non saranno attendibili (Sawicki and Flynn, 1996; Huang et al., 1998). Quindi, gli indicatori vengono costruiti utilizzando dati che sono differenziati nella loro dimensione territoriale (von Meyer, 1998). Gli indicatori per il monitoraggio dello sviluppo territoriale sono elaborati in modo tale da risultare strumenti di facile interperetazione per effettuare stime della sostenibilita regionale e sono definiti in accordo con iniziative condotte a livello Europeo dalla Direzione Generale per l Ambiente della Commissione Europea e dall Agenzia Europea dell Ambiente. Gli indicatori hanno come caratteristica fondamentale quella di poter essere proiettati sul territorio e di essere quindi definiti per aree, all interno della Regione, ove sia necessario monitorare determinati parametri con maggiore attenzione. Zone di forte sviluppo urbano o di improvvisa 4

5 crescita/decrescita demografica, o particolarmente sensibili dal punto di vista ambientale possono essere messe a confronto con zone meno sensibili. Gli indicatori, elaborati tramite la serie di parametri territoriali e statistici sviluppata in forma digitale, consentono di ottenere immediatamente un quadro della situazione di facile lettura o di effettuare analisi più approfondite. Questi sono il presupposto per la messa in atto di strategie di controllo e prevenzione da parte dei soggetti responsabili. Vengono definiti due tipi di indicatori : 1) indicatori di tipo statico, calcolati ad una data fissa (ad esempio. : porzioni di suolo destinato ad uso urbano, frazionamento del suolo a causa di strade, spazi verdi, frammentazione delle aree naturali, etc.) consentono di differenziare gli sviluppi territoriali nella area sotto analisi; 2) indicatori di tipo dinamico (ed esempio: indicatori di stati di transizione etc.). consentono di analizzare la tendenza a cambiamenti o ad evoluzione verso un nuovo stato di sviluppo. In entrambi i casi, gli indicatori di carattere territoriale sono correlati con dati e parametri statistici e socio-economici (ad esempio: intensificazione degli sviluppi urbani e andamenti demografici, densita di urbanizzazione e reddito medio, sviluppo rete dei trasporti e pendolarismo). Alcuni esempi di indicatori calcolati in MOLAND sono presentati nelle figure 2, 3 e 4 che mostrano rispettivamente l applicazione di indicatori generalizzati di uso del suolo a scala europea ed esempi di indicatori differenziati territorialmente. Figura 5 mostra un esempio di indicatore territorialmente riferito, definito nel quadro dell iniziativa European Common Indicators. Figura 2: Statistiche di espansione urbana per un set di citta europee. 5

6 Figura 3 : Evoluzione delle aree artificiali e della rete dei trasporti in Helsinki, dal 1950 ad oggi Figura 4: Dresda (D): Impatto delle trasformazioni di uso del suolo causate dalle attivita commerciali ed industriali sul pendolarismo dal 1981 al Le aree commerciali ed industriali (mostrate per tree date: 1968, 1986 e 1998) e le principali reti viarie sono sovraimposte alle statistiche del pendilarismo per ugni municipalita intorno a Dresda. Le aree a sfondo verde scuro indicato che le infrastrutture industriali e commerciali attraggono lavoratori pendolari giornalieri, il che induce lo sviluppo di nuove reti di trasporti. 6

7 Figura 5: Copenhagen (DK): Percentuale delle popolazione residente con accesso ad aree urbane verdi, quantificate come popolazione residente entro un buffer di 500 metri di distanza dalle aree. Elaborazione di scenari di dinamiche di evoluzione territoriale Una ulteriore componente del progetto si occupa della produzione di 'scenari ' per la simulazione di possibili evoluzioni future delle aree urbane e regionali. Gli scenari sono elaborati sulla base di variabili quali: a) mappa di uso del suolo attuale; b) reti di transporto ( esistenti e/o pianificati) e correlata accessibilita c) suscettibilita dell area per i vari usi del suolo; d) leggi e vincoli di tipo amministrativo/politico (zonizzazioni), e) caratteristiche socio-economiche (demografia, reddito medio, livello di occupazione per settore,...). L elaborazione e effettuata utilizzando un modello basato sul concetto degli automi cellulari. Le dinamiche spaziali dell area sono determinate da un set di regole di transizione e da specifiche interazioni fra i vari tipi di uso del suolo. Un esempio di applicazione e fornito in Figura 6, in cui si mostra la simulazione dell evoluzione di crescita urbana per Praga. 7

8 Figura 6: Applicazione del modello MOLAND di simulazione urbana alla citta di Praga. La possibilita di variare gli scenari di input del modello (ad es.: piani di sviluppo edilizio, confini di aree protette, piani dei trasporti, dati di proiezioni economici, etc.) consente quindi di preparare degli scenari sulla base dei quali il modello predice i futuri sviluppi territoriali, per un periodo tipico di una o piu decadi. Cio permette di valutare l impatto di decisioni strategiche riguardanti lo sviluppo urbano e regionale tramite il calcolo di una serie di parametri ed indicatori al termine del periodo di simulazione, per la quantificazione dei trend di sviluppo. Al momento, il modello sviluppato in MOLAND e applicato sulle aree soggette di studio, utilizzando i dati acquisiti dal progetto e quelli forniti dalle varie autorita locali che sono coinvolte nel progetto. Il modello prevede due scale di analisi : la scala macro definisce gli scenari socio-economici a scala regionale che sono all origine (pressioni) delle dinamiche territoriali (ad es.: crescita demografica, insediamenti industriali, etc.), la micro scala riporta gli effetti delle pressioni nello sviluppo territoriale dell area in esame. Conclusioni Le tematiche trattate nell ambito del progetto MOLAND richiede un attiva collaborazione con autorita regionali e locali. Cio per due motivi: - Nel campo delle politiche comunitarie, il principio di sussidiarieta si applica nella sua pienezza: enti locali e regionali attuano in piena autonomia direttive e misure di sviluppo regionale programmate dalla CE. Cio e specifico dei fondi strutturali relativi ad infrastrutture locali (porti, aeroporti, etc.) ed urbane, ed alla applicazione delle valutazioni di impatto ambientali locale. Il dibatto su questi temi e al centro dello sviluppo della Rete di Osservazione Spaziale Europeo. - Da un punto di vista prettamente tecnico, solo il coinvolgimento pieno delle autorita locali consente l accesso e la valutazione di informazioni sull impatto di misure di pianificazione. La creazione di collaborazioni e contatti con enti locali e nazionali e al centro delle attivita del progetto. Nell ambito del Sesto Programma Quadro di Ricerca e Sviluppo della Commissione Europea, lo strumento piu idoneo per la creazione di una rete tematica su 8

9 argomenti relativi allo sviluppo urbano e regionale e fornita dall area di ricerca Europea (ERA). E essenziale includere nella rete utenti istituzionali ed istituti specializzati per poter adeguatamente coprire tutti gli aspetti della tematica urbana. Riferimenti bibliografici European Environment Agency (2002). Towards an urban atlas: assessment of spatial data on 25 European cities and urban areas. Environmental Issue Report No. 30. European Environment Agency and European Commission DG Joint Research Centre. Office for Official Publications of the European Communities, Luxembourg. ISBN pp. Barredo José I., Marjo Kasanko, Niall McCormick, Carlo Lavalle. Modelling dynamic spatial processes: simulation of urban future scenarios through cellular automata. Landscape and Urban Planning (in press). Barredo José I., Marjo Kasanko, Niall McCormick, Luca Demicheli, Carlo Lavalle. Comparing urban cellular automata simulations between cities with different development style. International Journal of Geographical Information Science (submitted). Barredo José I., Marjo Kasanko, Luca Demicheli, Niall McCormick, Carlo Lavalle. Modelling the future of cities using cellular automata: the MOLAND methodology. Invited speech at the Spatial information and social processes: European and Greek experience in G.I.S. European Seminar. Thessalonica 27 28, June, Bossel H., Deriving indicators of sustainable development. Environmental modeling and assessment, 1: Braat L., Towards sustainable development indicators. In: Kuik O., Verbruggen H. (eds.), In search of indicators of sustainable development. Kluwer Academic Publishers, pp Demicheli L., Lavalle C., McCormick N., Kasanko M. Towards a European urban atlas. Invited speech at the Local Sustainability Indicators Conference. London, September Demicheli L., Lavalle C., McCormick N., Kasanko M., Turchini M. Indicators of sustainable development. Invited speech (plenary session) at the Sustainable Information Society Conference. Kouvola, Finland, September Hammond A., Adriaanse A., Rodenburg E., Bryant D., Woodward R., Environmental indicators: a systematic approach to measuring and reporting on environmental policy performance in the context of sustainable development. World Resources Institute, Washington DC. Huang S.-H., Wong J.-H., Chen T.-C., A framework of indicators system for measuring Taipei s urban sustainability. Landscape and urban planning, 42: Lavalle C., Demicheli L., Turchini M., Casals Carrasco P., Niederhuber M. (2001). Monitoring mega-cities: the MURBANDY/MOLAND approach. Published on Development in Practice, 11 (2-3), Lavalle, C., Niederhuber, M., McCormick, N., Demicheli, L. (2001). The MURBANDY / MOLAND methodology and its potential to support sustainable city 9

10 development. Proceedings of the 12th International Symposium Computer science for environmental protection: environmental information for planning, politics and the public, Bonn, Germany October 4-6, Cremers A. B. and Greve K. (eds.), Metropolis- Verlag, Marburg. Lavalle, C., Niederhuber, M., McCormick, N., Demicheli, L. (2001). Das MURBANDY / MOLAND Konzept: Monitoring und Analyse von urbanen Räumen mit Hilfe von Fernerkundungsdaten und einem GIS für eine nachhaltige Stadt- und Regionalplannung. Proceedings of the 17th Users seminar of DLR s German Remote Sensing Data Centre, Neustrelitz, Germany September 11-13, Bettac H.-D. and dech S. (eds.), Deutsches Zentrum fur Luft- und Raumfahrt e. V., Mitteilung. ISSN pp. Lavalle C., Turchini M., McCormick N., Demicheli L., Niederhuber M., Casals Carrasco P. A flexible methodology for measuring European urban sustainability: the MOLAND Project. Historical Cities Sustainable Development: "The GIS as Design and Management Support" Euroconference, Seville, Spain May 10-12, Rees, W., 1996b. Revisiting carrying capacity: area-based indicators of sustainability. Population and the environment, 17 (3): Sawicki D. S. and Flynn P., Neighborhood indicators: a review of the literature and an assessment of conceptual and methodological issues. Journal of the American Planning Association (APA Journal), 62 (2): Schopper H., Calonec-Rauchfuss C., Lavalle C. (2000). Monitoring stadtischer Dynamic im Ruhrgebiet. Photogrammetrie, Fernerkundung, Geoinformation, 4, von Meyer H., The insights of territorial indicators. The OECD Observer, 210:

11 MONITORING AND FORECASTING TERRITORIAL DYNAMICS OF URBAN AND REGIONAL AREAS Carlo Lavalle European Commission - Directorate General Joint Research Centre Institute for Environment and Sustainability Unit: Land Management Head, Urban and Regional Development Sector IV Sessione Tema: Reti di Monitoraggio e Telerilevamento Sottotema: Gestione sostenibile del territorio e conservazione della natura Introduction The Directorate General Joint Research Centre (DG JRC) of the European Commission (EC) is performing a pilot project named MOLAND (Monitoring Land Use / Cover Dynamics) the aim of which is to measure of the extent of urban areas and regional developments, as well as of their progress towards sustainable development, through the creation of land use and transport network databases for various cities and geographical areas in Europe. The project covers wider issues linked to sustainable development, and also aims to create a network of partners and collaborators within and outside Europe. MOLAND addresses specifically the issues mentioned in the European Spatial Development Perspective (ESDP) that are related to urban and regional development, and those linked to sustainable land use management. Consequently, MOLAND is also of direct relevance to several environmental topics at the EU level, such as the actions on sustainable urban development and related communications, and the initiatives on Environmental Impact Assessment and on Strategic Environmental Assessment. In particular, MOLAND contributes to the preparation and definition of the Thematic Urban Strategy of the 6 th Environmental Action Plan of the European Union, following the guidelines set by the EC General Directorate on Environment. The aim of MOLAND is to provide an integrated methodology based on a set of spatial planning tools that can be used for assessing, monitoring and modelling the development of urban and regional environments. The main feature of the project is that it allows quantitative and qualitative comparisons at pan-european level, among areas subject to transformation due to policy intervention. A further characteristic is that it adopts a methodology that simultaneously addresses the EU perspective on the one hand, and the regional / local dimension on the other. Currently, a total of 40 urban areas have been analysed in Europe and a wider network of links is being created in collaboration with existing organisation such as EUROCITIES, METREX and others. In future, planning elements to prevent and mitigate the effects of extreme weather driven events will be included in the project. 11

12 Project overview The overall aim of the JRC s MOLAND Project is to provide a spatial planning tool for assessing, monitoring, and modelling the development of urban and regional environments. MOLAND was initiated in 1998 (under the name of MURBANDY Monitoring Urban Dynamics), in support of the preparation of the European Spatial Development Perspective (ESDP). The aim of MURBANDY was to monitor the development of urban areas and to draw some conclusions on trends at a European scale. This work was subsequently extended (under MOLAND) to the computation of indicators (following the requirements of EUROSTAT, European Environment Agency and others), and to the assessment of the impact of anthropogenic stress factors (with a focus on expanding settlements, transport and tourism) in and around urban areas, and along development corridors. The study areas currently under examination in MOLAND are shown in figure1. Figure 1: Study areas in Europe. From a technical point of view, MOLAND has three specific aims:?? to produce quantitative information on the evolution of land use and transport networks, from 1950 onwards, in study areas subject to infrastructural changes (e.g. urbanisation, construction of transport links);?? to develop methods for performing a harmonised analysis of historical trends, including socio-economic aspects, impact of legislation, landscape fragmentation, etc.; 12

13 ?? to develop models for the harmonised simulation of future European-wide scenarios, at local and regional scales. The implementation of MOLAND is divided into three phases, corresponding to the above specific aims. Central to the methodology is the creation of detailed GIS databases of land use types and transport networks for the study areas, at a mapping scale of 1:25,000. The databases are typically for four dates (early 1950s, late 1960s, 1980s, late 1990s), or for two dates (mid 1980s, late 1990s) in the case of larger areas. For each study area the reference land use database (late 1990s) is created from interpretation of satellite imagery, most commonly from the IRS (Indian Remote Sensing) satellite (pixels of 5.7x5.7 metres), and in a few cases from the IKONOS or SPOT satellites. The three historical databases are created from the available data (aerial photographs, military satellite images, etc.) for these dates. MOLAND adopts the CORINE land cover legend, with a fourth, more detailed level of nomenclature added for artificial surfaces. In the second phase of MOLAND, various spatial analysis techniques are applied to the land use and transport databases, and associated socio-economic data, in order to compute different types of indicators of urban and regional development. These indicators are used to assess and compare the study areas in terms of their progress towards sustainable development. Analysis of the fragmentation of the landscapes is also carried out. The land use and transport databases have also been used for a strategic environmental assessment (SEA) of the impact of transport links on the landscape. In the third phase of MOLAND, an urban growth model is applied. This model, which is based on spatial dynamics systems called cellular automata, takes as input the MOLAND land use and transport databases, as well as maps of land use suitability and zoning status, and simulates future land use development under the input urban and regional planning and policy parameters. Here, the aim is both to predict future land use development under existing spatial plans and policies, and to compare alternative possible spatial planning and policy scenarios, in terms of their effects on future land use development. The territorial approach in the analysis of urban and regional development Key objectives in MOLAND are to quantify the changes in land use patterns, to explain the trends of growth for the selected urban areas, and to help in identifying strategies for sustainable urban and regional development. The extensive data set created within MOLAND allows handling a series of unique landreferenced data. Those data are used to build and, particularly, to test specific spatially referenced indicators. Such indicators serve several purposes:?? Provide a better understanding of complex territorial problems?? Provide a sufficiently complete basis for the approaches to urban and regional spatial planning (particularly regarding sustainable land use management)?? Help city managers and decision-makers in defining local policies 13

14 ?? Provide regional/national authorities and international institutions (such as Eurostat and EEA) with detailed territorial-referenced information at local and European levels. The indicators are designed to be robust in space and time, as well as flexible enough to accommodate the urban and regional different structures. At the same time such indicators offer a degree of standardisation that allows comparisons between different urban areas Europe. A further key peculiarity of the approach is the multi-temporal perspective for assessing past and future trends. Any indicator would be futile if the data to calculate it were impossible or even arduous to obtain. In practice, the failure of several attempts to set up indicator development strategy on the basis of theoretical analyses was mainly due to the lack of the basic information. MOLAND directly produces indicators according to a precisely defined strategy. Moreover, the flexibility of the methodology also allows developing indicators according to different user needs Linking the issue of developing a core set of urban and regional sustainability indicators to data availability is, therefore, important. On the other hand, once the data availability has been checked, it is often difficult to find out a coherent framework of sustainable development indicators, due to the impossibility of cross-linking different series of parameters. The main problems arise when the spatial dimension is not taken into account in indicator computation. A common approach to measure sustainability consists of developing indicators for facilitating assessments of certain situations and related trends. In some cases the aim is to allow comparisons and benchmarking. There are certain acknowledged rules for selecting indicators (Braat L., 1991; Hammond et al., 1995; Bossel H., 1996; etc.). One rule, whose importance is often underestimated, is that the boundaries (i.e. the physical limits) of the considered system have to be first defined. The basis of the strategy of MOLAND is the idea that, without a spatial approach, any indicators set aiming to address sustainability would be incomplete. Previous works addressing sustainability through the development of indicators did not adequately take into account spatial parameters, the importance of which is basic to any study on urban and regional development. For instance, nowadays any work focusing on urban sustainability must address carrying capacity. Assuming that the appropriate carrying capacity or the ecological footprint of a certain area is determined also on the basis of territorial parameters, a spatial approach has to be satisfactorily considered (Rees, 1996). The MOLAND methodology adopts a spatial approach, defining the urban system as that portion of land covered with continuous artificial surfaces, including a surrounding buffer area. The various sets of indicators for urban and regional sustainability are, therefore, differentiated according to the spatial dimension. If a standard geographic unit for different urban systems can be fixed, deriving spatial referenced indicators allowing comparisons amongst systems become feasible. For this reason the geographic unit of analysis must be clearly specified, because shifting units can affect the results (Sawicki and Flynn, 1996; Huang et al., 1998). By necessity, the data on which the indicators are based must be territorially differentiated (von Meyer, 1998). 14

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Roberto Butinar Cristiano Dal Farra Danilo Selva 1 Agenda Panoramica sulla metodologia CRISP-DM (CRoss-Industry Standard Process

Dettagli

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 me Ho CALL FOR PAPERS: 4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 Software Engineering aims at modeling, managing and implementing software development products

Dettagli

Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT. Incontro del 22 luglio 2014

Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT. Incontro del 22 luglio 2014 Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT Incontro del 1 Piano di lavoro 1. Condivisione nuova versione guide operative RNDT 2. Revisione regole tecniche RNDT (allegati 1 e 2 del Decreto 10 novembre 2011) a)

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE EUROPEA: INDICAZIONI PRATICHE E ASPETTI ORGANIZZATIVI

INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE EUROPEA: INDICAZIONI PRATICHE E ASPETTI ORGANIZZATIVI INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE EUROPEA: INDICAZIONI PRATICHE E ASPETTI ORGANIZZATIVI Chiara Zanolla L importanza di una buona progettazione Aumento fondi FP7 Allargamento Europa Tecniche di progettazione

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU:

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU: Testi del Syllabus Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI Corso di studio: 3004 - ECONOMIA E MANAGEMENT Anno regolamento:

Dettagli

3d geological modelling and education: teaching geological sections and geological mapping with MVE Move

3d geological modelling and education: teaching geological sections and geological mapping with MVE Move 3d geological modelling and education: teaching geological sections and geological mapping with MVE Move Fabrizio Berra, Fabrizio Felletti, Michele Zucali Università degli Studi di Milano, Dip. Scienze

Dettagli

brand implementation

brand implementation brand implementation brand implementation Underline expertise in reliable project management reflects the skills of its personnel. We know how to accomplish projects at an international level and these

Dettagli

PROGETTO parte di Programma Strategico

PROGETTO parte di Programma Strategico ALLEGATO B1 PROGETTO parte di Programma Strategico FORM 1 FORM 1 General information about the project INSTITUTION PRESENTING THE STRATEGIC PROGRAM (DESTINATARIO ISTITUZIONALE PROPONENTE): TITLE OF THE

Dettagli

Comunicato Stampa. Press Release

Comunicato Stampa. Press Release Comunicato Stampa Come previsto dal Capitolo XII, Paragrafo 12.4 del Prospetto Informativo Parmalat S.p.A. depositato presso la Consob in data 27 maggio 2005 a seguito di comunicazione dell avvenuto rilascio

Dettagli

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant UNIONE DELLA A Solar Energy Storage Pilot Power Plant DELLA Project Main Goal Implement an open pilot plant devoted to make Concentrated Solar Energy both a programmable energy source and a distribution

Dettagli

Pubblicazioni COBIT 5

Pubblicazioni COBIT 5 Pubblicazioni COBIT 5 Marco Salvato CISA, CISM, CGEIT, CRISC, COBIT 5 Foundation, COBIT 5 Trainer 1 SPONSOR DELL EVENTO SPONSOR DI ISACA VENICE CHAPTER CON IL PATROCINIO DI 2 La famiglia COBIT 5 3 Aprile

Dettagli

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORTI DIPENDENTI MINISTERO AFFARI ESTERI ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORT I DIPENDENTI MINISTE RO AFFARI ESTER I ATTESTATO

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

Eco-REFITec: Seminary and Training course

Eco-REFITec: Seminary and Training course Eco-REFITec: Seminary and Training course About Eco-REFITec: Eco-REFITEC is a research project funded by the European Commission under the 7 th framework Program; that intends to support repair shipyards

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

CONVENZIONE DELLE ALPI Trattato internazionale per lo sviluppo sostenibile del territorio alpino

CONVENZIONE DELLE ALPI Trattato internazionale per lo sviluppo sostenibile del territorio alpino CONVENZIONE DELLE ALPI Trattato internazionale per lo sviluppo sostenibile del territorio alpino Un trattato per il territorio 1.Ambito di applicazione geografico* 2.Partecipazione attiva degli enti territoriali

Dettagli

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Sezione 1 / Section 1 2 Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Elements of identity: the logo Indice 2.01 Elementi d identità 2.02 Versioni declinabili 2.03 Versioni A e A1, a colori

Dettagli

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi ÉTUDES - STUDIES Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi Polo Interregionale di Eccellenza Jean Monnet - Pavia Jean Monnet

Dettagli

Padova Smart City. Internet of Things. Alberto Corò

Padova Smart City. Internet of Things. Alberto Corò Padova Smart City Internet of Things Alberto Corò Padova 16 ottobre 2013 Smart City Le smart cities ("città intelligenti") possono essere classificate lungo 6 aree di interesse: Economia Mobilità Ambiente

Dettagli

ITALIAN EGYPTIAN DEBT FOR DEVELOPMENT SWAP PROGRAM (Agreement signed in Cairo on 03.06.2007)

ITALIAN EGYPTIAN DEBT FOR DEVELOPMENT SWAP PROGRAM (Agreement signed in Cairo on 03.06.2007) ITALIAN EGYPTIAN DEBT FOR DEVELOPMENT SWAP PROGRAM (Agreement signed in Cairo on 03.06.2007) PROJECT DOCUMENT FORMAT EXECUTIVE SUMMARY Project title Sistemi Innovativi e di Ricerca per la Salvaguardia

Dettagli

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015 ISO 9001:2015. Cosa cambia? Innovazioni e modifiche Ing. Massimo Tuccoli Genova, 27 Febbraio 2015 1 Il percorso di aggiornamento Le principali novità 2 1987 1994 2000 2008 2015 Dalla prima edizione all

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore Generale 2015-07-16

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore Generale 2015-07-16 Titolo/Title Elenco norme e documenti di riferimento per l'accreditamento degli Organismi di Verifica delle emissioni di gas ad effetto serra List of reference standards and documents for the accreditation

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Conversano, 10 luglio 2014. Prosegue Windows of the World, la rubrica di Master ideata per

COMUNICATO STAMPA. Conversano, 10 luglio 2014. Prosegue Windows of the World, la rubrica di Master ideata per COMUNICATO STAMPA Conversano, 10 luglio 2014 Dott. Pietro D Onghia Ufficio Stampa Master m. 328 4259547 t 080 4959823 f 080 4959030 www.masteritaly.com ufficiostampa@masteritaly.com Master s.r.l. Master

Dettagli

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 Ingegneria del Software Testing Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 1 Definizione IEEE Software testing is the process of analyzing a software item to detect the differences between

Dettagli

Corso di Ingegneria del Software. Software Project Management

Corso di Ingegneria del Software. Software Project Management Software Project Management Software Project Planning The overall goal of project planning is to establish a pragmatic strategy for controlling, tracking, and monitoring a complex technical project. Why?

Dettagli

Il Consortium Agreement

Il Consortium Agreement Il Consortium Agreement AGENDA Il CA in generale La govenance Legal and Financial IPR Cos è il CA? Il CA è un accordo siglato fra i partecipanti ad un azione indiretta (ad es. un progetto) finanziata nell

Dettagli

Le Linee Guida dei SEAP all interno del Patto dei Sindaci

Le Linee Guida dei SEAP all interno del Patto dei Sindaci Le Linee Guida dei SEAP all interno del Patto dei Sindaci Congresso Internazionale Klimaenergy 2010 I SEAP Piani di Azione Energia Sostenibile. Rassegna di metodologie ed esperienze Bolzano, 23 settembre

Dettagli

DESTINAZIONE EUROPA. BOARDING PASS PER LE MARIE CURIE FELLOWSHIP Focus sul capitolo B4 IMPLEMENTATION

DESTINAZIONE EUROPA. BOARDING PASS PER LE MARIE CURIE FELLOWSHIP Focus sul capitolo B4 IMPLEMENTATION A P R E AGENZIA P E R L A PROMOZIONE D E L L A RICERCA EUROPEA DESTINAZIONE EUROPA BOARDING PASS PER LE MARIE CURIE FELLOWSHIP Focus sul capitolo B4 IMPLEMENTATION Di Angelo D Agostino con la collaborazione

Dettagli

PROGRAMMA DI VALUTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM

PROGRAMMA DI VALUTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM PROGRAMMA DI VALU UTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM Versione del 24/ /01/2014 LIFE099 ENV/IT/000068 WASTE LESS in CHIANTI Prevenzione e riduzione dei rifiuti nel territorio del Chianti INDICE

Dettagli

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società F ondazione Diritti Genetici Biotecnologie tra scienza e società Fondazione Diritti Genetici La Fondazione Diritti Genetici è un organismo di ricerca e comunicazione sulle biotecnologie. Nata nel 2007

Dettagli

Iris and SJU Project P15.2.6 Iris Public Event 04/02/2013 University of Salzburg Unipark P. Tavernise P15.2.6 PM. Ref.:

Iris and SJU Project P15.2.6 Iris Public Event 04/02/2013 University of Salzburg Unipark P. Tavernise P15.2.6 PM. Ref.: Iris and SJU Project P15.2.6 Iris Public Event 04 University of Salzburg Unipark P. Tavernise P15.2.6 PM R Content Project 15.2.6: Main objective Project 15.2.6: Project in brief Project 15.2.6: Specific

Dettagli

Quadro complessivo Componente In-situ e Componente Servizi

Quadro complessivo Componente In-situ e Componente Servizi Programma europeo per l osservazione della Terra Workshop Nazionale Quadro complessivo Componente In-situ e Componente Servizi Prof. Bernardo De Bernardinis Presidente ISPRA Co-Delegato Nazionale Comitato

Dettagli

A dissertation submitted to ETH ZURICH. for the degree of Doctor of Sciences. presented by DAVIDE MERCURIO

A dissertation submitted to ETH ZURICH. for the degree of Doctor of Sciences. presented by DAVIDE MERCURIO DISS. ETH NO. 19321 DISCRETE DYNAMIC EVENT TREE MODELING AND ANALYSIS OF NUCLEAR POWER PLANT CREWS FOR SAFETY ASSESSMENT A dissertation submitted to ETH ZURICH for the degree of Doctor of Sciences presented

Dettagli

Participatory Budgeting in Regione Lazio

Participatory Budgeting in Regione Lazio Participatory Budgeting in Regione Lazio Participation The Government of Regione Lazio believes that the Participatory Budgeting it is not just an exercise to share information with local communities and

Dettagli

Progetto per un paesaggio sostenibile. Design of a Sustainable Landscape Plan

Progetto per un paesaggio sostenibile. Design of a Sustainable Landscape Plan Progetto per un paesaggio sostenibile dal parco Roncajette ad Agripolis Design of a Sustainable Landscape Plan from the Roncajette park to Agripolis Comune di Padova Zona Industriale Padova Harvard Design

Dettagli

up date basic medium plus UPDATE

up date basic medium plus UPDATE up date basic medium plus UPDATE Se si potesse racchiudere il senso del XXI secolo in una parola, questa sarebbe AGGIORNAMENTO, continuo, costante, veloce. Con UpDate abbiamo connesso questa parola all

Dettagli

Dal progetto GSE LAND alla Base di Dati di Copertura del Suolo: utilizzo delle banche dati territoriali del SIT della Regione del Veneto

Dal progetto GSE LAND alla Base di Dati di Copertura del Suolo: utilizzo delle banche dati territoriali del SIT della Regione del Veneto Dal progetto GSE LAND alla Base di Dati di Copertura del Suolo: utilizzo delle banche dati territoriali del SIT della Regione del Veneto Maurizio DE GENNARO (*), Massimo FOCCARDI (*), Carlo GIAGGIO (**),

Dettagli

TAVOLO DEGLI ENTI LOCALI PER IL CLIMA

TAVOLO DEGLI ENTI LOCALI PER IL CLIMA TAVOLO DEGLI ENTI LOCALI PER IL CLIMA 22 novembre VERSO LA STRATEGIA NAZIONALE DI ADATTAMENTO Responsabilità di Governo e competenze dei territori Sala Palazzo Bologna Senato della Repubblica Via di S.

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT Testi del Syllabus Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565 Anno offerta: 2013/2014 Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT Corso di studio: 5003 - AMMINISTRAZIONE E DIREZIONE AZIENDALE

Dettagli

MISSION TEAM CORPORATE FINANCE BADIALI CONSULTING TAX & COMPANY NETWORK CONTATTI

MISSION TEAM CORPORATE FINANCE BADIALI CONSULTING TAX & COMPANY NETWORK CONTATTI MISSION TEAM BADIALI CONSULTING CORPORATE FINANCE TAX & COMPANY NETWORK CONTATTI MISSION "contribuire al successo dei nostri clienti attraverso servizi di consulenza di alta qualitá" "to contribute to

Dettagli

NUOVO POLO PRODUTTIVO NEW PRODUCTION PLANT

NUOVO POLO PRODUTTIVO NEW PRODUCTION PLANT NUOVO POLO PRODUTTIVO NEW PRODUCTION PLANT GRID S.p.A. SESTO SAN GIOVANNI (MILANO) - ITALY CONCEPTUAL VIEWS AND ELEVATION FOR BUILDING B: FACADE STUDIES 26.02.2014 INDICE INDEX 1. INTRODUZIONE INTRODUCTION

Dettagli

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem.

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem. CRWM CRWM (Web Content Relationship Management) has the main features for managing customer relationships from the first contact to after sales. The main functions of the application include: managing

Dettagli

"CRM - CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT NELLE AMMINISTRAZIONI"

CRM - CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT NELLE AMMINISTRAZIONI "CRM - CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT NELLE AMMINISTRAZIONI" Marco Beltrami COMPA, Novembre 2004 COMPA Bologna 2004 IBM oggi non solo Information Technology! L ottava società mondiale per dimensione 45%

Dettagli

ABSTRACT. In informatica, con il termine cloud computing, in italiano nube informatica,

ABSTRACT. In informatica, con il termine cloud computing, in italiano nube informatica, ABSTRACT In informatica, con il termine cloud computing, in italiano nube informatica, si sule indicare una complessa gamma di tecnologie che permettono, tipicamente sotto forma di un servizio offerto

Dettagli

IP TV and Internet TV

IP TV and Internet TV IP TV e Internet TV Pag. 1 IP TV and Internet TV IP TV e Internet TV Pag. 2 IP TV and Internet TV IPTV (Internet Protocol Television) is the service provided by a system for the distribution of digital

Dettagli

PRESENTAZIONE AZIENDALE ATTIVITA E SERVIZI TECNOLOGIE PERSONALE OBIETTIVI ESPERIENZE

PRESENTAZIONE AZIENDALE ATTIVITA E SERVIZI TECNOLOGIE PERSONALE OBIETTIVI ESPERIENZE PRESENTAZIONE AZIENDALE ABOUT US ATTIVITA E SERVIZI ACTIVITY AND SERVICES TECNOLOGIE TECHNOLOGIES PERSONALE TEAM OBIETTIVI OBJECTIVI ESPERIENZE PRESENTAZIONE AZIENDALE B&G s.r.l. è una società di progettazione

Dettagli

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE INDEX: 1. GENERAL INFORMATION 2. REGISTRATION GUIDE 1. GENERAL INFORMATION This guide contains the correct procedure for entering the software page http://software.roenest.com/

Dettagli

3D territory modeling supporting Containment and Abatement of Noise Plans

3D territory modeling supporting Containment and Abatement of Noise Plans 3D territory modeling supporting Containment and Abatement of Noise Plans La modellazione del territorio 3D a supporto dei piani di Contenimento e Abbattimento del Rumore European and National laws Legge

Dettagli

La struttura della ISO 26000. Antonio Astone 26 giugno 2007

La struttura della ISO 26000. Antonio Astone 26 giugno 2007 La struttura della ISO 26000 Antonio Astone 26 giugno 2007 Description of operational principles (1/2) Operational principles guide how organizations act. They include: Accountability an organization should

Dettagli

User Guide Guglielmo SmartClient

User Guide Guglielmo SmartClient User Guide Guglielmo SmartClient User Guide - Guglielmo SmartClient Version: 1.0 Guglielmo All rights reserved. All trademarks and logos referenced herein belong to their respective companies. -2- 1. Introduction

Dettagli

ENPCOM European network for the promotion of the Covenant of Mayors

ENPCOM European network for the promotion of the Covenant of Mayors ENPCOM European network for the promotion of the Covenant of Mayors Censimento e monitoraggio dei consumi energetici e comportamento dei cittadini Controllo Energetico dei Consumi degli Edifici Monitoraggio

Dettagli

Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi

Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi 1) information goes to work 2) model the way Quale migliore prospettiva

Dettagli

E-Business Consulting S.r.l.

E-Business Consulting S.r.l. e Rovigo S.r.l. Chi siamo Scenario Chi siamo Missione Plus Offerti Mercato Missionedi riferimento Posizionamento Metodologia Operativa Strategia Comunicazione Digitale Servizi Esempidi consulenza Clienti

Dettagli

ELTeach. Ottmizza lia preparazione pedagogica dei docenti all insegnamento dell inglese in inglese

ELTeach. Ottmizza lia preparazione pedagogica dei docenti all insegnamento dell inglese in inglese ELTeach Ottmizza lia preparazione pedagogica dei docenti all insegnamento dell inglese in inglese Porta a risultati quantificabili e genera dati non ricavabili dalle sessioni di formazione faccia a faccia

Dettagli

Politecnico de Milano Dipartamento di Architettura e Pianificazione Laboratorio di Qualità Urbana e Sicurezza Laboratorio Qualità urbana e sicurezza Prof. CLARA CARDIA URBAN SAFETY AND QUALITY LABORATORY

Dettagli

pacorini forwarding spa

pacorini forwarding spa pacorini forwarding spa Pacorini Silocaf of New Orleans Inc. Pacorini Forwarding Spa nasce a Genova nel 2003 come punto di riferimento dell area forwarding e general cargo all interno del Gruppo Pacorini.

Dettagli

Customer satisfaction and the development of commercial services

Customer satisfaction and the development of commercial services Customer satisfaction and the development of commercial services Survey 2014 Federica Crudeli San Donato Milanese, 27 May 2014 snamretegas.it Shippers day Snam Rete Gas meets the market 2 Agenda Customer

Dettagli

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 I requisiti per la gestione del rischio presenti nel DIS della nuova ISO 9001:2015 Alessandra Peverini Perugia 9/09/2014 ISO

Dettagli

torinese e tratto vercellese/alessandrino e Cuneese)?? Direzione Servizi Territorio e Ambiente (CSI-Piemonte)

torinese e tratto vercellese/alessandrino e Cuneese)?? Direzione Servizi Territorio e Ambiente (CSI-Piemonte) MONITORAGGIO DEL PROCESSO EVOLUTIVO DEL TERRITORIO DI UN'AREA PROTETTA CON IL TELERILEVAMENTO: ANALISI MULTITEMATICA E MULTITEMPORALE DELL'USO DELLE TERRE E RELATIVA INDIVIDUAZIONE E APPLICAZIONE DI INDICI.

Dettagli

ARRANGEMENT FOR A STUDENT EXCHANGE between University College London and The Scuola Normale Superiore, Pisa

ARRANGEMENT FOR A STUDENT EXCHANGE between University College London and The Scuola Normale Superiore, Pisa ARRANGEMENT FOR A STUDENT EXCHANGE between and The Scuola Normale Superiore, Pisa Preamble 1. The Faculty of Arts and Humanities (FAH) of (UCL) and the Scuola Normale Superiore of Pisa (SNS) have agreed

Dettagli

SC C1: System Development and Economics CIGRE 2012 Session 44 Palais des Congres Paris, France 26-31 / August / 2012.

SC C1: System Development and Economics CIGRE 2012 Session 44 Palais des Congres Paris, France 26-31 / August / 2012. SC C1: System Development and CIGRE 2012 Session 44 Palais des Congres Paris, France 26-31 / August / 2012 Report di sintesi Membro nazionale italiano: E.M. Carlini/B. Cova (Cesi) enricomaria.carlini@terna.it

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 CORSO DI LAUREA IN Beni Culturali Insegnamento: Applicazioni informatiche all archeologia Docente Giuliano De Felice S.S.D. dell insegnamento L-ANT/10 Anno

Dettagli

LA SIMULAZIONE NUMERICA COME STRUMENTO DI ANALISI DEL MOTO ONDOSO SULLE BARRIERE SOFFOLTE

LA SIMULAZIONE NUMERICA COME STRUMENTO DI ANALISI DEL MOTO ONDOSO SULLE BARRIERE SOFFOLTE DOTTORATO DI RICERCA IN INGEGNERIA CIVILE PER L AMBIENTE ED IL TERRITORIO X Ciclo - Nuova Serie (2008-2011) DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO LA SIMULAZIONE NUMERICA

Dettagli

Labss CNR Edulabss: Didattica e

Labss CNR Edulabss: Didattica e EduLabss Responsabile contenuti/formazione Federico CECCONI EduLabss c/o LABSS ISTC Cnr Via Palestro 32 00185 Roma Tel +39.06.49936410 email: info@edulabss.com Labss CNR Edulabss: Didattica e divulgazione

Dettagli

La soluzione IBM per la Busines Analytics Luca Dalla Villa

La soluzione IBM per la Busines Analytics Luca Dalla Villa La soluzione IBM per la Busines Analytics Luca Dalla Villa Cosa fa IBM Cognos Scorecards & Dashboards Reports Real Time Monitoring Supporto? Decisionale Come stiamo andando? Percezione Immediate immediata

Dettagli

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY Il presente documento viene diffuso attraverso il sito del

Dettagli

A free and stand-alone tool integrating geospatial workflows to evaluate sediment connectivity in alpine catchments

A free and stand-alone tool integrating geospatial workflows to evaluate sediment connectivity in alpine catchments A free and stand-alone tool integrating geospatial workflows to evaluate sediment connectivity in alpine catchments S. Crema, L. Schenato, B. Goldin, L. Marchi, M. Cavalli CNR-IRPI Outline The evaluation

Dettagli

e-privacy 2012 Open data e tutela giuridica dei dati personali

e-privacy 2012 Open data e tutela giuridica dei dati personali e-privacy 2012 Open data e tutela giuridica dei dati personali Milano, 22 giugno 2012 Prof. Avv. Alessandro Mantelero Politecnico di Torino IV Facoltà I. Informazione pubblica ed informazioni personali

Dettagli

SPACE TECHNOLOGY. Per la creazione d impresa. for business creation. and environmental monitoring. ICT and microelectronics. e monitoraggio ambientale

SPACE TECHNOLOGY. Per la creazione d impresa. for business creation. and environmental monitoring. ICT and microelectronics. e monitoraggio ambientale Green economy e monitoraggio ambientale Green economy and environmental monitoring Navigazione LBS Navigation LBS ICT e microelettronica ICT and microelectronics Per la creazione d impresa SPACE TECHNOLOGY

Dettagli

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE CONOSCENZA Il Gruppo SCAI ha maturato una lunga esperienza nell ambito della gestione immobiliare. Il know-how acquisito nei differenti segmenti di mercato, ci ha permesso di diventare un riferimento importante

Dettagli

AVVISO n.17252 25 Settembre 2007

AVVISO n.17252 25 Settembre 2007 AVVISO n.17252 25 Settembre 2007 Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : dell'avviso Oggetto : Modifiche alle Istruzioni al Regolamento IDEM: Theoretical Fair Value (TFV)/Amendments

Dettagli

WWW.resiliencelab.eu

WWW.resiliencelab.eu 1 REsilienceLAB is a network of people working on sustainability issues, adaptation, urban and territorial resilience with different looks and approaches The network aims to support the promotion of actions

Dettagli

Introduzione all ambiente di sviluppo

Introduzione all ambiente di sviluppo Laboratorio II Raffaella Brighi, a.a. 2005/06 Corso di Laboratorio II. A.A. 2006-07 CdL Operatore Informatico Giuridico. Introduzione all ambiente di sviluppo Raffaella Brighi, a.a. 2005/06 Corso di Laboratorio

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0554-14-2015

Informazione Regolamentata n. 0554-14-2015 Informazione Regolamentata n. 0554-14-2015 Data/Ora Ricezione 12 Giugno 2015 19:26:03 MTA - Star Societa' : FALCK RENEWABLES Identificativo Informazione Regolamentata : 59697 Nome utilizzatore : FALCKN01

Dettagli

HarNoBaWi Udine, 09/03/2015

HarNoBaWi Udine, 09/03/2015 HarNoBaWi Udine, 09/03/2015 Armonizzazione del processo di notifica nell ambito dell economia dello smaltimento e recupero dei rifiuti nell Euroregione Carinzia FVG Veneto Interreg IV Italia Austria Programma

Dettagli

Privacy e Sicurezza delle Informazioni

Privacy e Sicurezza delle Informazioni Privacy e Sicurezza delle Informazioni Mauro Bert GdL UNINFO Serie ISO/IEC 27000 Genova, 18/2/2011 Ente di normazione federato all UNI (Ente Nazionale Italiano di Unificazione) Promuove e partecipa allo

Dettagli

WEBGIS PER LA CONSULTAZIONE, L AGGIORNAMENTO E LO SVILUPPO DEI PIANI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI ROMA E DEI RELATIVI COMUNI

WEBGIS PER LA CONSULTAZIONE, L AGGIORNAMENTO E LO SVILUPPO DEI PIANI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI ROMA E DEI RELATIVI COMUNI WEBGIS PER LA CONSULTAZIONE, L AGGIORNAMENTO E LO SVILUPPO DEI PIANI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI ROMA E DEI RELATIVI COMUNI Monica RIZZO (*), Paolo SCALIA (*), Riccardo SCANO (*), Alessandro

Dettagli

ANRC based in Naples (Italy), adheres to UCINA - Confindustria Nautica (National Union of Marine Industry and Related).

ANRC based in Naples (Italy), adheres to UCINA - Confindustria Nautica (National Union of Marine Industry and Related). Company Profile ANRC in breve L ANRC (Associazione Nautica Regionale Campana) unica associazione di categoria riconosciuta dalla Regione Campania, è nata nel 1993 da un gruppo di operatori campani del

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO Azienda Speciale della Camera di commercio di Torino clelia.lombardi@lab-to.camcom.it Criteri microbiologici nei processi produttivi della ristorazione: verifica

Dettagli

ITALY: Total EC Funding: 612.9M (10% of total) Total number of participations: 2,122 (11.7% of total) Number of project co-ordinations: 237

ITALY: Total EC Funding: 612.9M (10% of total) Total number of participations: 2,122 (11.7% of total) Number of project co-ordinations: 237 Italy ICT R&D In 2010, business expenditure on R&D (BERD) in the ICT sectors amounted to 2,179M, up from 2,139M the year before. The share of ICT in total BERD is fairly high, at slightly above 20%; In

Dettagli

no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02

no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02 TECHNICAL REPORT RAPPORTO TECNICO no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02 This technical report may only be quoted in full. Any use for advertising purposes must be granted in writing. This report is

Dettagli

Dolomi& Patrimonio UNESCO: obie6vo mobilità Pozza di Fassa, 23 03 2012

Dolomi& Patrimonio UNESCO: obie6vo mobilità Pozza di Fassa, 23 03 2012 Ferrovie dolomi&che, un percorso di ricerca dell Università Urbanis=ca Laboratorio Corso di laurea in Ingegneria edile & architecura Facoltà di ingegneria Università di Trento Pozza di Fassa, 23 03 2012

Dettagli

Collaborazione e Service Management

Collaborazione e Service Management Collaborazione e Service Management L opportunità del web 2.0 per Clienti e Fornitori dei servizi IT Equivale a livello regionale al Parlamento nazionale E composto da 65 consiglieri Svolge il compito

Dettagli

Corso di ricerca bibliografica

Corso di ricerca bibliografica Corso di ricerca bibliografica Trieste, 11 marzo 2015 Partiamo dai motori di ricerca Un motore di ricerca è un software composto da tre parti: 1.Un programma detto ragno (spider) che indicizza il Web:

Dettagli

ALLEGATO A MODULO 1 PROGETTO ORDINARIO. FORM 1 General information about the project (MODULO 1 INFORMAZIONI GENERALI SUL PROGETTO)

ALLEGATO A MODULO 1 PROGETTO ORDINARIO. FORM 1 General information about the project (MODULO 1 INFORMAZIONI GENERALI SUL PROGETTO) ALLEGATO A MODULO 1 PROGETTO ORDINARIO FORM 1 General information about the project (MODULO 1 INFORMAZIONI GENERALI SUL PROGETTO) INSTITUTION PRESENTING THE PROJECT (DESTINATARIO ISTITUZIONALE PROPONENTE):

Dettagli

GRADUATORIA FINALE FINAL RANKING

GRADUATORIA FINALE FINAL RANKING CORSO DI DOTTORATO DI RICERCA IN INGEGNERIA CIVILE, AMBIENTALE E MECCANICA - 31 CICLO CONCORSO DI AMMISSIONE DOCTORAL PROGRAMME IN PROGRAMME IN CIVIL, ENVIRONMENTAL AND MECHANICAL ENGINEERING 31st CYCLE

Dettagli

L INFORMAZIONE GEOGRAFICA NELLA RILEVAZIONE DEI NUMERI CIVICI

L INFORMAZIONE GEOGRAFICA NELLA RILEVAZIONE DEI NUMERI CIVICI XXXIII CONFERENZA ITALIANA DI SCIENZE REGIONALI L INFORMAZIONE GEOGRAFICA NELLA RILEVAZIONE DEI NUMERI CIVICI Marina BERTOLLINI 1, Antonietta ZULLO 2, SOMMARIO Il largo impiego delle informazioni geografiche

Dettagli

ISAC. Company Profile

ISAC. Company Profile ISAC Company Profile ISAC, all that technology can do. L azienda ISAC nasce nel 1994, quando professionisti con una grande esperienza nel settore si uniscono, e creano un team di lavoro con l obiettivo

Dettagli

IL BANDO 2014 IDROGENO E CELLE A COMBUSTIBILE LA SECONDA FASE DEL PROGRAMMA EUROPEO FCH 2 JU FAST E I PROGETTI UE NEL SETTORE DELL IDROGENO

IL BANDO 2014 IDROGENO E CELLE A COMBUSTIBILE LA SECONDA FASE DEL PROGRAMMA EUROPEO FCH 2 JU FAST E I PROGETTI UE NEL SETTORE DELL IDROGENO IL BANDO 2014 IDROGENO E CELLE A COMBUSTIBILE LA SECONDA FASE DEL PROGRAMMA EUROPEO FCH 2 JU FAST E I PROGETTI UE NEL SETTORE DELL IDROGENO Alberto Pieri Segretario Generale FAST Milano, 14 Luglio 2014

Dettagli

IL RUOLO DEL TELERISCALDAMENTO

IL RUOLO DEL TELERISCALDAMENTO IL RUOLO DEL TELERISCALDAMENTO NELLA TRANSIZIONE ENERGETICA IN ATTO E PROSPETTIVE FUTURE Ancora un ruolo per il teleriscaldamento? Analisi delle potenzialità: i risultati del progetto Stratego Lorenzo

Dettagli

EMOTIONAL CATERING. nuart.it

EMOTIONAL CATERING. nuart.it EMOTIONAL CATERING Emotional Catering è un idea di spettacolarizzazione del food & show dedicato a occasioni speciali in cui la convivialità e la location richiedono particolare attenzione all accoglienza

Dettagli

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI Tesi di Laurea Analisi statistica di propagazione di campo elettromagnetico in ambiente urbano. Relatori:

Dettagli

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it Lean

Dettagli

Introduzione Kerberos. Orazio Battaglia

Introduzione Kerberos. Orazio Battaglia Orazio Battaglia Il protocollo Kerberos è stato sviluppato dal MIT (Massachusetts Institute of Tecnology) Iniziato a sviluppare negli anni 80 è stato rilasciato come Open Source nel 1987 ed è diventato

Dettagli

arte e personalità nel punto vendita

arte e personalità nel punto vendita arte e personalità nel punto vendita profilo aziendale company profile Venus è una società di consulenza specializzata nel settore marketing e retailing. Dal 1993 l obiettivo è divulgare la conoscenza

Dettagli

IL BS7799 ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI. Relatore: Ing. Marcello Mistre, CISA marcello.mistre@sistinf.it BS 7799. Sistemi Informativi S.p.A.

IL BS7799 ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI. Relatore: Ing. Marcello Mistre, CISA marcello.mistre@sistinf.it BS 7799. Sistemi Informativi S.p.A. IL BS7799 Relatore: Ing. Marcello Mistre, CISA marcello.mistre@sistinf.it Sistemi Informativi S.p.A. ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI Sistemi Informativi S.p.A. 2 ATTIVITA DELLA SECURITY STUDIO, SVILUPPO ED

Dettagli

Politecnico di Torino. PRAISE & CABLE projects interaction

Politecnico di Torino. PRAISE & CABLE projects interaction PRAISE & CABLE projects interaction The projects PRAISE: Peer Review Network Applying Intelligence to Social Work Education Socrates-MINERVA project October 2003 - September 2005 (24 months) CABLE: Case-Based

Dettagli

Sponsorship opportunities

Sponsorship opportunities The success of the previous two European Workshops on Focused Ultrasound Therapy, has led us to organize a third conference which will take place in London, October 15-16, 2015. The congress will take

Dettagli

AVVISO n.12437. 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso

AVVISO n.12437. 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso AVVISO n.12437 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto dell'avviso : -- Oggetto : Modifiche al Manuale delle Corporate Actions - Amendment to the Corporate Action -

Dettagli

L' ENERGIA L'utilizzo delle moderne tecnologie di captazione di energia solare

L' ENERGIA L'utilizzo delle moderne tecnologie di captazione di energia solare The Photovoltaic Village is included in a project of monitoring and resulting relation, planned together with the Municipality of Alessandria and funded by Regione Piemonte to support the added experimental

Dettagli