COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO Provincia Olbia Tempio REGOLAMENTO GESTIONE SEGNALAZIONI, RECLAMI E SUGGERIMENTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO Provincia Olbia Tempio REGOLAMENTO GESTIONE SEGNALAZIONI, RECLAMI E SUGGERIMENTI"

Transcript

1 REGOLAMENTO GESTIONE SEGNALAZIONI, RECLAMI E SUGGERIMENTI

2 INDICE Art. 1 Finalità e obiettivi Art. 2 Definizioni Art. 3 Ambito di applicazione Art. 4 Procedura organizzativa per la gestione delle segnalazioni, dei reclami e dei suggerimenti Art. 5 Soggetti ed attività Art. 6 Raccolta delle segnalazioni, dei reclami e dei suggerimenti Art. 7 Istruttoria, formulazione e comunicazione della risposta Art. 8 Eventuale procedura di riesame Art. 9 Reportistica

3 Art. 1 Finalità e obiettivi 1. Il presente Regolamento disciplina l esercizio del diritto di partecipazione mediante la formulazione di segnalazioni, reclami e suggerimenti. 2. Gli utenti del Comune di Loiri Porto San Paolo hanno accesso agli istituti previsti dal presente Regolamento attraverso lo sportello infocomune. 1. Ai fini del Regolamento si intende per: Art. 2 Definizioni - segnalazione: qualsiasi richiesta di intervento rivolta all Amministrazione comunale in merito a uno o più elementi di un servizio di sua competenza; - reclamo: espressione di disagio manifestata dal cittadino singolo o associato con il quale si evidenzia il malfunzionamento di un servizio comunale ovvero di cui l Amministrazione è direttamente o indirettamente responsabile; - suggerimento: qualsiasi proposta indirizzata all Amministrazione comunale e volta a promuovere azioni per il miglioramento dei servizi rivolti all utenza. 1. Il presente Regolamento si applica: Art. 3 Ambito di applicazione - a tutte le funzioni amministrative di cui il Comune di Loiri Porto San Paolo è titolare; - per i servizi erogati in regime di concessione o mediante convenzione, il cui rispetto è assicurato dall Amministrazione comunale nell esercizio dei suoi poteri di direzione, controllo e vigilanza; - per le funzioni e servizi di cui non ha competenza, l Amministrazione comunale provvede all inoltro della segnalazione/suggerimento all Ente competente informandone l utente. Art. 4 Procedura organizzativa per la gestione delle segnalazioni, dei reclami e dei suggerimenti 1. Allo scopo di fornire risposte rapide ed efficaci alle criticità segnalate dal cittadino e di generare un processo di miglioramento integrale della qualità dei servizi, anche mediante l analisi periodica dei

4 report da parte dei singoli responsabili d area, la gestione del sistema è affidata all ufficio infocomune. 2. Presso ogni area è individuato un referente al quale è attribuita la gestione della segnalazione e del reclamo (presa in carico, intervento, risposta). Art. 5 Soggetti ed attività 1. Tutti gli utenti, compilando l apposito modulo, hanno la possibilità di inoltrare segnalazioni, reclami e suggerimenti. 2. Nell ambito di una logica di processo, la procedura di segnalazione, di reclamo e di suggerimento si considera suddivisa in tre fasi: raccolta della segnalazione/reclamo/suggerimento, istruttoria e comunicazione della risposta ed eventuale riesame della procedura. Art. 6 Raccolta delle segnalazioni, dei reclami e dei suggerimenti 1. I cittadini presentano segnalazioni/reclami/suggerimenti: - direttamente all operatore dell infocomune previa compilazione di un apposito modulo; tramite: - servizio postale - consegna a mano all ufficio protocollo sito in: o Viale Dante, Loiri; o Viale P. Nenni Porto San Paolo; - fax allo 0789/41016; - al seguente indirizzo: - via web collegandosi al sito e cliccando su Help Desk- Segnalazioni 2. Tutte le singole istanze vengono caricate nella procedura Help Desk accessibile nel sito istituzionale del Comune. Art. 7 Istruttoria, formulazione e comunicazione della risposta La segnalazione, il reclamo e il suggerimento raccolto o pervenuto agli operatori individuati viene inserito nella banca dati elaborata con apposito software specificando: data della presentazione dati identificativi della persona che presenta la segnalazione, il reclamo o il suggerimento

5 recapito della persona che presenta la segnalazione, il reclamo o il suggerimento luogo della segnalazione, del reclamo o del suggerimento classificazione della segnalazione, del reclamo o del suggerimento dati identificativi del servizio e del referente. La segnalazione, il reclamo o il suggerimento privi dei dati identificativi della persona che li presenta non verranno presi in considerazione. La classificazione della segnalazione, del reclamo o del suggerimento deve corrispondere a categorie predefinite. La classificazione non deve necessariamente essere comunicata all utente, in quanto rappresenta un informazione utile soprattutto per il sistema di gestione interna e per l elaborazione e l analisi dei dati. Provveduto alla classificazione, l operatore individuato dall Ufficio infocomune ha la responsabilità dell individuazione del servizio competente all evasione della segnalazione o del reclamo o del suggerimento e conseguentemente contatta il referente individuato presso il servizio specifico fornendogli tempestivamente gli elementi raccolti per la necessaria verifica e intervento. Della data di comunicazione viene fatta annotazione nel database onde consentire la valutazione del limite temporale entro cui deve essere fornita la risposta. Il referente attua all interno del proprio servizio tutte le procedure necessarie al fine di verificare la congruità e completezza della segnalazione, del reclamo o del suggerimento ed appronta le misure adatte affinché venga programmato e/o predisposto l intervento. Il referente del settore competente all intervento effettuato, con le modalità previste dall art. 5 formula tempestivamente una risposta delle procedure attuate. Art. 8 Eventuale procedura di riesame In caso di richiesta di riesame della segnalazione/reclamo/suggerimento l Ufficio infocomune provvede ad inviare la documentazione al Responsabile dell Area interessata al procedimento nonché all Assessore competente per materia i quali ne prendono atto e provvedono a confermare ovvero a rivalutare l opportunità delle scelte strategiche future del servizio o dell Ente. Art. 9 Reportistica Le segnalazioni, i reclami e i suggerimenti sono appositamente classificati in modo da tener conto, oltre che del contenuto, del luogo in cui si sono generati e della attribuzione della competenza all ufficio o servizio. Vengono inoltre acquisiti elementi sulle modalità di presentazione della segnalazione, del reclamo o del suggerimento, del tempo di latenza e della tipologia di chi presenta la segnalazione/reclamo/suggerimento come interessato.

6 Il database che gestisce la raccolta fornisce elementi disaggregati indicativi delle segnalazioni, dei reclami e dei suggerimenti pervenuti: per numero; per categoria; per servizio competente ad evadere la segnalazione/reclamo/suggerimento referente -; la tempistica media di risposta al cittadino. Questi dati verranno forniti periodicamente all amministrazione affinché, attraverso la loro lettura e interpretazione, possa intraprendere ogni azione ritenuta utile al perseguimento della finalità in premessa.

Disciplinare sulla gestione dei reclami, suggerimenti e segnalazioni dei cittadini nei confronti dell Amministrazione Comunale di Ancona

Disciplinare sulla gestione dei reclami, suggerimenti e segnalazioni dei cittadini nei confronti dell Amministrazione Comunale di Ancona Disciplinare sulla gestione dei reclami, suggerimenti e segnalazioni dei cittadini nei confronti dell Amministrazione Comunale di Ancona Approvato con Delibera di Giunta n 372 del 9 ottobre 2012 Art. 1

Dettagli

CRITERI GENERALI SUL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONI E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI SANTADI

CRITERI GENERALI SUL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONI E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI SANTADI CRITERI GENERALI SUL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONI E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI SANTADI ART. 1 FINALITA E OBIETTIVI Il Comune di Santadi con le seguenti modalità gestionali intende riconoscere

Dettagli

PROGETTO SEGNALAZIONE E GESTIONE RECLAMI/DISSERVIZI

PROGETTO SEGNALAZIONE E GESTIONE RECLAMI/DISSERVIZI PROGETTO SEGNALAZIONE E GESTIONE RECLAMI/DISSERVIZI Sintesi del progetto : La nuova procedura di gestione dei reclami è seguita dall URP dall inizio alla fine, secondo il seguente iter: il cittadino segnala

Dettagli

Milano. Sportello Reclami. DC Qualità, Servizi al cittadino, Semplificazione e Servizi Civici

Milano. Sportello Reclami. DC Qualità, Servizi al cittadino, Semplificazione e Servizi Civici Sportello Reclami DC Qualità, Servizi al cittadino, Semplificazione e Servizi Civici cosa dicono le Norme SGQ ISO 9001 NORME DELLA SERIE ISO 9000 SISTEMI DI GESTIONE FONDAMENTI E TERMINOLOGIA MIGLIORAMENT

Dettagli

OPENSUE. Sportello Edilizia. Stringi la mano al cittadino

OPENSUE. Sportello Edilizia. Stringi la mano al cittadino OPENSUE Sportello Edilizia Stringi la mano al cittadino 2 OPENSUE Sportello Edilizia Il DPR n. 380/2001 impone a tutte le amministrazioni comunali di provvedere a costituire lo Sportello unico per l edilizia

Dettagli

Carta dei Servizi Informatici Dipartimentali

Carta dei Servizi Informatici Dipartimentali Carta dei Servizi Informatici Dipartimentali Milano, settembre 2009 v.1.3 Pagina 1 Premessa La predisposizione di questa sperimentale Carta dei Servizi Informatici Dipartimentali (Carta SID) vuole rispondere

Dettagli

Servizio Associato di Ufficio protocollo e archivio Comuni di Boissano e Toirano

Servizio Associato di Ufficio protocollo e archivio Comuni di Boissano e Toirano Servizio Associato di Ufficio protocollo e archivio Comuni di Boissano e Toirano Indice Presentazione della carta 1. chi siamo e come lavoriamo Responsabile Sig. Giovanna Paola Danesi tel. 0182989909-9216

Dettagli

1.0 Scopo e campo di applicazione 2. 2.0 Riferimenti 2. 3.0 Terminologia e abbreviazioni 3. 4.0 Responsabilità 4. 5.0 Modalità operative 6

1.0 Scopo e campo di applicazione 2. 2.0 Riferimenti 2. 3.0 Terminologia e abbreviazioni 3. 4.0 Responsabilità 4. 5.0 Modalità operative 6 Pagina 1 di 11 INDICE 1.0 Scopo e campo di applicazione 2 2.0 Riferimenti 2 3.0 Terminologia e abbreviazioni 3 4.0 Responsabilità 4 5.0 Modalità operative 6 5.1 Generalità 6 5.2 Gestione dei reclami, suggerimenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DEI RECLAMI, DELLE SEGNALAZIONE E DEI SUGGERIMENTI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DEI RECLAMI, DELLE SEGNALAZIONE E DEI SUGGERIMENTI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DEI RECLAMI, DELLE SEGNALAZIONE E DEI SUGGERIMENTI (approvato con Delibera del Consiglio Direttivo n. 31 del 23 Dicembre 2014) Principi generali L Automobile

Dettagli

Consiglio dell Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali Ministero della Giustizia

Consiglio dell Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali Ministero della Giustizia 1. Che cos è? La Posta Elettronica Certificata (PEC) è un sistema di posta elettronica (che utilizza i protocolli standard della posta elettronica tradizionale) mediante il quale al mittente viene fornita,

Dettagli

Allegato B alla Determina 9/2014 - DCCA. Sportello per il consumatore di energia PORTALE ESERCENTI. Manuale Utente. Ultimo aggiornamento dicembre 2014

Allegato B alla Determina 9/2014 - DCCA. Sportello per il consumatore di energia PORTALE ESERCENTI. Manuale Utente. Ultimo aggiornamento dicembre 2014 Allegato B alla Determina 9/2014 - DCCA Sportello per il consumatore di energia PORTALE ESERCENTI Manuale Utente Ultimo aggiornamento dicembre 2014 1 Sommario 1. REQUISITI E ACCESSO AL PORTALE 2. LEGENDA

Dettagli

REGIONE LIGURIA. Assessorato Politiche Abitative ed Edilizia, Lavori Pubblici

REGIONE LIGURIA. Assessorato Politiche Abitative ed Edilizia, Lavori Pubblici REGIONE LIGURIA Assessorato Politiche Abitative ed Edilizia, Lavori Pubblici Dipartimento Programmi Regionali, Porti, Trasporti, Lavori Pubblici ed Edilizia BANDO CONTRIBUTI PER PROMUOVERE LA SICUREZZA

Dettagli

DELLA SEGRETERIA CENTRO DIDATTICO DI INGEGN

DELLA SEGRETERIA CENTRO DIDATTICO DI INGEGN Pag. 1 di 7 DELLA SEGRETERIA CENTRO DIDATTICO DI INGEGN Carta dei Servizi - SERVIZIO SCAMBI DIDATTICI INTERNAZIONALI NUMERO VERDE DELL ATENEO 800904084 RIA CARTA DEI SERVIZI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA

Dettagli

DI INFORTUNIO IN VIA TELEMATICA

DI INFORTUNIO IN VIA TELEMATICA NUOVA DENUNCIA COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO IN VIA TELEMATICA D.C. PRESTAZIONI D.C. PREVENZIONE D.C. SERVIZI INFORMATIVI E TELECOMUNICAZIONI D.C. PROGRAMMAZIONE, ORGANIZZAZIONE E CONTROLLO INAIL DIREZIONE

Dettagli

QUESTURA DI CHIETI UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

QUESTURA DI CHIETI UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO QUESTURA DI CHIETI UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO REGOLAMENTO INTERNO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO E MISURE ORGANIZZATIVE SUL DIRITTO DI ACCESSO CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto del regolamento.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONE E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI ROMA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONE E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI ROMA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONE E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI ROMA INDICE ART. 1 - DEFINIZIONI E AMBITO DI APPLICAZIONE ART. 2 - UFFICI COMPETENTI PER LA

Dettagli

DELLA SEGRETERIA CENTRO DIDATTICO DI INGEGN

DELLA SEGRETERIA CENTRO DIDATTICO DI INGEGN Pag. 1 di 6 DELLA SEGRETERIA CENTRO DIDATTICO DI INGEGN Carta dei Servizi - Facoltà di Ingegneria Segreterie Studenti NUMERO VERDE DELL ATENEO 800904084 RIA CARTA DEI SERVIZI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI

Dettagli

REGOLAMENTO DI TUTELA DELL UTENZA

REGOLAMENTO DI TUTELA DELL UTENZA REGOLAMENTO DI TUTELA DELL UTENZA ART. 1. SEZIONE I Disposizioni generali Finalità e Obiettivi Il presente Regolamento definisce le procedure di tutela dell utenza del servizio idrico integrato toscano

Dettagli

Istruzioni operative gestione Help Desk Partner Zone Ipsoa (Riservato al personale tecnico del CSA Campania)

Istruzioni operative gestione Help Desk Partner Zone Ipsoa (Riservato al personale tecnico del CSA Campania) Istruzioni operative gestione Help Desk Partner Zone Ipsoa (Riservato al personale tecnico del CSA Campania) Versione Marzo 2011 Introduzione Il presente documento ha lo scopo di facilitare i tecnici all

Dettagli

INDICE PR 13 COMUNICAZIONE E GESTIONE DELLE INFORMAZIONI 1 SCOPO 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 3 TERMINOLOGIA E ABBREVIAZIONI 4 RESPONSABILITÀ

INDICE PR 13 COMUNICAZIONE E GESTIONE DELLE INFORMAZIONI 1 SCOPO 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 3 TERMINOLOGIA E ABBREVIAZIONI 4 RESPONSABILITÀ PAG 1 /7 INDICE 1 SCOPO 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 3 TERMINOLOGIA E ABBREVIAZIONI 4 RESPONSABILITÀ 5 MODALITÀ ESECUTIVE 5.1 Comunicazione verso l'esterno 5.1.1 Utenti dei corsi 5.1.2 Potenziali utenti 5.2

Dettagli

Roma,, 28 febbraio 2011

Roma,, 28 febbraio 2011 Roma,, 28 febbraio 2011 Ricerca e Sperimentazione Clinica N...RSC/20698/P Risposta al Foglio del... N... Ai referenti dell Osservatorio Nazionale sulla Sperimentazione Clinica (OsSC) di: Promotori CRO

Dettagli

Procedura sui Diritti e Doveri dei Lavoratori. PDL 3 Reclami etici REV. 2 DEL 27.08.15

Procedura sui Diritti e Doveri dei Lavoratori. PDL 3 Reclami etici REV. 2 DEL 27.08.15 Procedura sui Diritti e Doveri dei Lavoratori PDL 3 Reclami etici REV. 2 DEL 27.08.15 1. Riferimenti normativi. 2! 2. Campo di applicazioni e scopo. 3! 3. Abbreviazioni e definizioni. 3! 4. Fasi e responsabilità.

Dettagli

SERVIZIO TRASFORMAZIONI EDILIZIE. Carta di Qualità dei Servizi

SERVIZIO TRASFORMAZIONI EDILIZIE. Carta di Qualità dei Servizi SERVIZIO TRASFORMAZIONI EDILIZIE Carta di Qualità dei Servizi Presentazione del servizio 1. Presentazione generale Il SUE (Sportello Unico per l'edilizia) - art. 5 D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 Testo unico

Dettagli

APPENDICE 2 AL CAPITOLATO TECNICO

APPENDICE 2 AL CAPITOLATO TECNICO APPENDICE 2 AL CAPITOLATO TECNICO Requisiti per la realizzazione di un applicativo per la raccolta delle segnalazioni ed il monitoraggio delle attività di gestione Gara relativa all affidamento dei servizi

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA DIREZIONE GENERALE

CARTA DEI SERVIZI DELLA DIREZIONE GENERALE CARTA DEI SERVIZI DELLA DIREZIONE GENERALE PREMESSA PER MEGLIO RISPONDERE ALLE ESIGENZE DEGLI UTENTI CHE SI RIVOLGONO AL COMUNE DI CIVITAVECCHIA, LA DIREZIONE GENERALE SI È DOTATA DELLA PRESENTE CARTA

Dettagli

Facoltà di Lettere Filosofia Segreterie Studenti

Facoltà di Lettere Filosofia Segreterie Studenti REV. N.2 del 26 02 2010 Carta dei Servizi - Facoltà di Lettere Filosofia Segreterie Studenti NUMERO VERDE DELL ATENEO 800904084 PREMESSA Nel dibattito in corso sulle modalità con le quali l Università

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PRINCIPIFONDAMENTALI

CARTA DEI SERVIZI PRINCIPIFONDAMENTALI CARTA DEI SERVIZI PRINCIPIFONDAMENTALI I principi fondamentali su cui si basa l'attività del Centro Diagnostica per Immagini srl racchiudono nella realtà concetti di: Uguaglianza: nessuna discriminazione

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE. Id: 1735

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE. Id: 1735 Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Id: 1735-1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione

Dettagli

GESTIONE SEGNALAZIONI (RECLAMI, RILIEVI, PROPOSTE, ELOGI)

GESTIONE SEGNALAZIONI (RECLAMI, RILIEVI, PROPOSTE, ELOGI) GESTIONE SEGNALAZIONI Ed.0 del 28/07/2014 Rev. 0 del 28/07/2014 Pag 1/6 1 Oggetto La procedura in oggetto descrive l iter da espletare in presenza di segnalazioni da parte dei cittadini-utenti-clienti.

Dettagli

SERVIZIO SISTEMI INFORMATIVI. Carta dei Servizi

SERVIZIO SISTEMI INFORMATIVI. Carta dei Servizi SERVIZIO SISTEMI INFORMATIVI Carta dei Servizi Sommario 1. Introduzione... 3 2. Obiettivi... 4 3. Attività e destinatari... 4 Le competenze specifiche dell Ufficio Toponomastica sono:... 4 Denominazione

Dettagli

Istruzioni per l Uso 1

Istruzioni per l Uso 1 Istruzioni per l Uso 1 Indice Materiali...4 Materiali per il Cliente della Farmacia:...4 Materiali per la Farmacia:...4 Servizi e Procedure Operative...4 Servizi per il Cliente della Farmacia...4 Servizi

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

REGOLAMENTO DI BUDGET 2015

REGOLAMENTO DI BUDGET 2015 REGOLAMENTO DI BUDGET 2015 Premessa La programmazione Aziendale ricomprende in modo integrato il documento di programmazione annuale, il Piano Performance, gli Obiettivi di Interesse Regionale, gli obiettivi

Dettagli

1. Le presenti linee guida fanno riferimento ad altri documenti ed in particolare:

1. Le presenti linee guida fanno riferimento ad altri documenti ed in particolare: Linee guida per l erogazione degli incentivi previsti dal Piano Operativo di Dettaglio (P.O.D.) dell Accordo di Programma Incentivi per la promozione dei carburanti per autotrazione a basso impatto ambientale

Dettagli

SOMMARIO. Art. 8 Conoscenza dei bisogni e valutazione del gradimento dei servizi

SOMMARIO. Art. 8 Conoscenza dei bisogni e valutazione del gradimento dei servizi Regolamento per il funzionamento dell Ufficio relazioni con il Pubblico Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale N.128 del 15.09.2005 SOMMARIO Art. 1 Principi generali Art. 2 Finalità e funzioni

Dettagli

UFFICIO RELAZIONI con il PUBBLICO -U.R.P.-

UFFICIO RELAZIONI con il PUBBLICO -U.R.P.- UFFICIO RELAZIONI con il PUBBLICO -U.R.P.- Questa scheda può essere consegnata all Ufficio Relazioni con il Pubblico (U.R.P.) che, risponderà per iscritto entro 30 giorni dalla data di protocollo aziendale.

Dettagli

SISTEMA INOLTRO TELEMATICO ISTANZE DECRETO FLUSSI 2010

SISTEMA INOLTRO TELEMATICO ISTANZE DECRETO FLUSSI 2010 SISTEMA INOLTRO TELEMATICO ISTANZE DECRETO FLUSSI 2010 Sito WEB del Ministero 1 Registrazione Utente 2 - Compilazione online domande CED DLCI 3 - Invio domande Inoltro allo Sportello Unico competente Flusso

Dettagli

Sommario. Premessa... 3. 1. Obiettivi... 4. 2. Soggetti coinvolti... 6. 3. Erogazione del servizio informativo... 7

Sommario. Premessa... 3. 1. Obiettivi... 4. 2. Soggetti coinvolti... 6. 3. Erogazione del servizio informativo... 7 Carta dei Servizi Sommario Premessa... 3 1. Obiettivi... 4 2. Soggetti coinvolti... 6 3. Erogazione del servizio informativo... 7 4. Descrizione operativa del servizio... 9 5. Compiti e responsabilità

Dettagli

Indagine qualita percepita

Indagine qualita percepita Sistema di Gestione per la Qualità - Ospedale M. G. Vannini Report sulla qualità percepita OSPEDALE M. G. VANNINI Direttore Sanitario Dott.ssa Maura Moreschini Sistema qualità certificato UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

Indagine qualita percepita

Indagine qualita percepita Sistema di Gestione per la Qualità - Ospedale M. G. Vannini Report sulla qualità percepita OSPEDALE M. G. VANNINI Direttore Sanitario Dott.ssa Maura Moreschini Sistema qualità certificato UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

Linee guida per l elaborazione dei Pareri richiesti ai CTI e alle Regioni nell ambito

Linee guida per l elaborazione dei Pareri richiesti ai CTI e alle Regioni nell ambito Linee guida per l elaborazione dei Pareri richiesti ai CTI e alle Regioni nell ambito Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi terzi (2007-2013) Indice del documento 1. Obiettivi del documento...

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

Allegato A Guida ai Diritti Guida al sito dell Autorità

Allegato A Guida ai Diritti Guida al sito dell Autorità Criteri per la selezione e il finanziamento di progetti da realizzare nell ambito del Protocollo di intesa tra l Autorità per l energia elettrica e il gas e il Consiglio nazionale dei consumatori e degli

Dettagli

ERAP DELLE MARCHE. SEZ 08 Rev.: 01 Data : 31-10-2013 Pag 1 di 11 INDICE

ERAP DELLE MARCHE. SEZ 08 Rev.: 01 Data : 31-10-2013 Pag 1 di 11 INDICE SEZ 08 Rev.: 01 Data : 31-10-2013 Pag 1 di 11 INDICE 1. GENERALITÀ... 2 2. MONITORAGGIO E MISURAZIONE... 2 2.1 SODDISFAZIONE DEL CLIENTE/UTENTE... 2 2.2. AUDIT INTERNI... 4 2.3 MONITORAGGIO E MISURAZIONE

Dettagli

GESTIONE DEI RECLAMI E DEI SUGGERIMENTI Data entrata in vigore 02.09.2013 DESTINATARI DEL DOCUMENTO

GESTIONE DEI RECLAMI E DEI SUGGERIMENTI Data entrata in vigore 02.09.2013 DESTINATARI DEL DOCUMENTO DIREZIONE PROCEDURA GESTIONALE PG SG.08 REV. DATA PAG. 5 31.07.2013 1 di 9 GESTIONE DEI RECLAMI E DEI SUGGERIMENTI Data entrata in vigore 02.09.2013 Redazione Funzione e Nome Firma Data Settore Comunicazione,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 - Principi generali 1. Il Comune di Sarezzo, con il presente documento, disciplina le attività di informazione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 COMUNE DI COLLAZZONE Provincia di Perugia PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 Adottato con deliberazione di Giunta Comunale n.. del. Premessa: Il presente programma triennale

Dettagli

Help Desk Enpacl. Enpacl Staff - P&C

Help Desk Enpacl. Enpacl Staff - P&C Help Desk Enpacl 1 Help Desk Enpacl 2 L'help desk consente di gestire le richieste degli utenti grazie ad un software che ne permette il monitoraggio tramite un codice univoco ed un responsabile diretto.

Dettagli

Progetto SINTESI Istruzioni operative per la compilazione online della richiesta di convenzione di inserimento lavorativo ex art 11 L.

Progetto SINTESI Istruzioni operative per la compilazione online della richiesta di convenzione di inserimento lavorativo ex art 11 L. Progetto SINTESI Istruzioni operative per la compilazione online della richiesta di convenzione di inserimento lavorativo ex art 11 L. 68/99 1 Per effettuare qualsiasi richiesta on-line sul sito della

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Relazione Reclami. Anno 2013. Pianificazione Controllo e Compliance

Relazione Reclami. Anno 2013. Pianificazione Controllo e Compliance Relazione Reclami Anno 2013 Pianificazione Controllo e Compliance Spett.le C.d.A., La presente relazione è predisposta dalla funzione Pianificazione, Controllo e Compliance, come rendicontazione annuale

Dettagli

IL SISTEMA DI HELP DESK UNA APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA E SUPPORTO

IL SISTEMA DI HELP DESK UNA APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA E SUPPORTO IL SISTEMA DI HELP DESK UNA APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA E SUPPORTO INDICE INTRODUZIONE...3 GLOSSARIO...4 PARTE PRIMA...6 1. GUIDA UTENTE PER L USO DEL SISTEMA DI HELP DESK...6

Dettagli

CERTIQUALITY Istituto di Certificazione della Qualità Contenuti del disciplinare tecnico DT 76 Esempi e procedure

CERTIQUALITY Istituto di Certificazione della Qualità Contenuti del disciplinare tecnico DT 76 Esempi e procedure CERTIQUALITY Istituto di Certificazione della Qualità Contenuti del disciplinare tecnico DT 76 Esempi e procedure S.Balsotti 18 Maggio 2015 Contenuti 1. Introduzione 2. Descrizione del servizio 3. Scopo

Dettagli

ISIS C. FACCHINETTI. di Castellanza

ISIS C. FACCHINETTI. di Castellanza ISIS C. FACCHINETTI di Castellanza : DELLE AZIONI PREVENTIVE PROCEDURA GESTIONE QUALITA FASI REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE FUNZIONI RGQ RGQ DS DATE 25/05/11 25/05/11 25/05/11 NOMINATIVO ANNA MARIA BRESSAN

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISCRIZIONE ALL ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI E PER LA CONCESSIONE DI SUSSIDI E CONTRIBUTI ECONOMICI ALLE ASSOCIAZIONI.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISCRIZIONE ALL ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI E PER LA CONCESSIONE DI SUSSIDI E CONTRIBUTI ECONOMICI ALLE ASSOCIAZIONI. Comune di Roè Volciano Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISCRIZIONE ALL ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI E PER LA CONCESSIONE DI SUSSIDI E CONTRIBUTI ECONOMICI ALLE ASSOCIAZIONI. Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE PRESSO LA MENSA COMUNALE DI CUCCIAGO COMUNE DI CUCCIAGO APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE PRESSO LA MENSA COMUNALE DI CUCCIAGO COMUNE DI CUCCIAGO APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI CUCCIAGO ASSESSORATO ALLA PUBBLICA ISTRUZIONE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE PRESSO LA MENSA COMUNALE DI CUCCIAGO APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 26.09.2008 MODIFICATO

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Istruzione Operativa Richiesta di Offerta on-line in busta chiusa digitale

Istruzione Operativa Richiesta di Offerta on-line in busta chiusa digitale Istruzione Operativa Richiesta di Offerta on-line in busta chiusa digitale ATAF avvierà la gara on-line secondo le modalità di seguito descritte, in particolare utilizzando lo strumento RDO on-line disponibile

Dettagli

BANDO DI CONCORSO. CREATIVITÀ IN AZIONI 2012 Giovani per i giovani

BANDO DI CONCORSO. CREATIVITÀ IN AZIONI 2012 Giovani per i giovani BANDO DI CONCORSO CREATIVITÀ IN AZIONI 2012 Giovani per i giovani INDICE: Art. 1 Finalità Art. 2 Indirizzi di programma ed obiettivi Art. 3 Procedure e termini di presentazione delle domande Art. 4 Requisiti

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA. Settore Governo e Sviluppo del Territorio e dell Economia U.O. EDILIZIA PRIVATA COMUNE DI PERUGIA

COMUNE DI PERUGIA. Settore Governo e Sviluppo del Territorio e dell Economia U.O. EDILIZIA PRIVATA COMUNE DI PERUGIA Settore Governo e Sviluppo del Territorio e dell Economia U.O. EDILIZIA PRIVATA Carta dei servizi U.O. EDILIZIA PRIVATA Pagina 2 di 13 INDICE PREMESSA INTRODUZIONE Cos è la carta dei servizi A cosa serve

Dettagli

RELAZIONE SULLA SITUAZIONE COMPLESSIVA DEI RECLAMI PER L ANNO 2012

RELAZIONE SULLA SITUAZIONE COMPLESSIVA DEI RECLAMI PER L ANNO 2012 RELAZIONE SULLA SITUAZIONE COMPLESSIVA DEI RECLAMI PER L ANNO 2012 Marzo 2013 Società del Gruppo Indice 1. Introduzione... 3 2. Reclami / esposti pervenuti nell esercizio 2012... 4 2.1 Reclami - dati quantitativi...

Dettagli

Analisi dei dati del programma svolto. Progetto formativo

Analisi dei dati del programma svolto. Progetto formativo Pag. 1 /15 7. Realizzazione del prodotto Le descrizioni ed i requisisti contenuti nella presente sezione fanno riferimento ai processi di pianificazione, progettazione ed erogazione degli interventi formativi.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL INFORMAZIONE ATTRAVERSO IL SITO ISTITUZIONALE, L ALBO PRETORIO INFORMATICO ED IL NOTIZIARIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL INFORMAZIONE ATTRAVERSO IL SITO ISTITUZIONALE, L ALBO PRETORIO INFORMATICO ED IL NOTIZIARIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL INFORMAZIONE ATTRAVERSO IL SITO ISTITUZIONALE, L ALBO PRETORIO INFORMATICO ED IL NOTIZIARIO COMUNALE Approvato con DCC n. 54 del 22.12.2010 Modificato con DCC n. 30 del

Dettagli

RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RIDUZIONE E TRASPARENZA DEGLI ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI

RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RIDUZIONE E TRASPARENZA DEGLI ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RIDUZIONE E TRASPARENZA DEGLI ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI A CARICO DI CITTADINI E IMPRESE Anno 2014 (Art. 7, comma 3, legge 11 novembre

Dettagli

MANUTENZIONE SOFTWARE - ASSISTENZA ALL AVVIAMENTO E COLLAUDO - FORMAZIONE DEGLI UTENTI

MANUTENZIONE SOFTWARE - ASSISTENZA ALL AVVIAMENTO E COLLAUDO - FORMAZIONE DEGLI UTENTI MANUTENZIONE SOFTWARE - ASSISTENZA ALL AVVIAMENTO E COLLAUDO - FORMAZIONE DEGLI UTENTI DeltaDator garantirà un servizio di manutenzione correttiva, di manutenzione adeguativa e di manutenzione evolutiva.

Dettagli

FINALITÁ GENERAZIONE VINCENTE

FINALITÁ GENERAZIONE VINCENTE GENERAZIONE VINCENTE Generazione vincente S.p.A. Agenzia per il Lavoro fa parte di un gruppo che dal 1997 offre soluzioni globali per lo sviluppo del mercato del lavoro. E la prima Agenzia per il Lavoro

Dettagli

Regione Calabria Assessorato alle Attività Produttive Dipartimento 5 Settore 1 - Servizio 3. Avviso

Regione Calabria Assessorato alle Attività Produttive Dipartimento 5 Settore 1 - Servizio 3. Avviso Regione Calabria Assessorato alle Attività Produttive Dipartimento 5 Settore 1 - Servizio 3 Avviso Interventi a favore dei Comuni finalizzati allo sviluppo del sistema dei SUAP nella Regione Calabria Indagine

Dettagli

Esemplificazione delle due tipologie di prodotti (metaprodotti) presenti sul Mercato elettronico della P.A. (MePA)

Esemplificazione delle due tipologie di prodotti (metaprodotti) presenti sul Mercato elettronico della P.A. (MePA) Allegato 1 Esemplificazione delle due tipologie di prodotti (metaprodotti) presenti sul Mercato elettronico della P.A. (MePA) L iniziativa Mettiamoci la faccia promuove la rilevazione della customer satisfaction

Dettagli

MISURA 115 Avviamento dei servizi di assistenza alla gestione, servizi di sostituzione e di consulenza aziendale

MISURA 115 Avviamento dei servizi di assistenza alla gestione, servizi di sostituzione e di consulenza aziendale REGIONE LAZIO ASSESSORATO AGRICOLTURA DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DEL LAZIO 2007/2013 ATTUATIVO REG. (CE) N. 1698/05 BANDO PUBBLICO MISURA 115 Avviamento dei servizi di

Dettagli

PROGETTO: RIORGANIZZAZIONE LOGISTICO-PRODUTTIVA DEI PROCESSI POST-RACCOLTA IN ORTICOLTURA

PROGETTO: RIORGANIZZAZIONE LOGISTICO-PRODUTTIVA DEI PROCESSI POST-RACCOLTA IN ORTICOLTURA PROGETTO: RIORGANIZZAZIONE LOGISTICO-PRODUTTIVA DEI PROCESSI POST-RACCOLTA IN ORTICOLTURA 1 Introduzione In questo documento si descrive il sistema informatico realizzato dalla SAN LIDANO. agr., finalizzato

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 rilasciato da: Direttore Sanitario & data dell autorizzazione: 01.02.2013 ID: 148/13 Direttore Tecnico-Assistenziale Rev Nr. 00 revisione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI, AGEVOLAZIONI ECONOMICHE E CONTRIBUTI FINANZIARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI, AGEVOLAZIONI ECONOMICHE E CONTRIBUTI FINANZIARI C I T T A D I F E R M O Via Mazzini, 4 63900 Fermo Tel. 0734.2841 Fax 0734.224170 Codice fiscale e partita iva 00334990447 - Sito web: www.comune.fermo.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI,

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015/2017. Comune di Civita Castellana TESTO IN CONSULTAZIONE

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015/2017. Comune di Civita Castellana TESTO IN CONSULTAZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015/2017 Comune di Civita Castellana TESTO IN CONSULTAZIONE 1. Introduzione 1.1. Legge 6 novembre 2012, n. 190. In attuazione della delega disposta

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO 1. OGGETTO DELLA FORNITURA

CAPITOLATO TECNICO 1. OGGETTO DELLA FORNITURA CAPITOLATO TECNICO Oggetto: FORNITURA DEL SERVIZIO DI CONSERVAZIONE A NORMA DEI DOCUMENTI INFORMATICI PRODOTTI DALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI LOCALI DELLA REGIONE UMBRIA 1. OGGETTO DELLA FORNITURA Oggetto

Dettagli

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI Gruppo di monitoraggio INAIL Abstract È illustrata l esperienza INAIL di monitoraggio di contratti di servizi informatici in cui è prevista l assistenza

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA

REGOLAMENTO DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA REGOLAMENTO DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 64/2009, modificato con delibera C.C.n.61/2010 e con delibera C.C.n.109/2010 Art.1 Principi e strumenti. Il Comune

Dettagli

Funzionigramma delle Direzioni Regionali della Divisione Banca dei Territori

Funzionigramma delle Direzioni Regionali della Divisione Banca dei Territori gramma delle Direzioni Regionali della Divisione Banca dei Territori Luglio 2010 INDICE ORGANIGRAMMA...3 FUNZIONIGRAMMA...5 DIRETTORE REGIONALE...6 COORDINAMENTO MARKETING E STRATEGIE TERRITORIALI...6

Dettagli

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera PROVINCIA DI MATERA Regolamento per il funzionamento dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera SOMMARIO Art. 1 Principi generali Art. 2 Finalità e funzioni dell Ufficio Relazioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI Articolo 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento ha ad oggetto il sistema dei controlli interni come previsti dagli articoli 147 e seguenti del decreto legislativo

Dettagli

FEDERAZIONE REGIONALE ORDINI DEGLI INGEGNERI DELLA TOSCANA

FEDERAZIONE REGIONALE ORDINI DEGLI INGEGNERI DELLA TOSCANA FEDERAZIONE REGIONALE ORDINI DEGLI INGEGNERI DELLA TOSCANA OFFERTA per la realizzazione del nuovo sito web della Federazione Regionale Ordini degli ingegneri della Toscana INFORMAZIONI GENERALI REQUISITI

Dettagli

La gestione geografica dei procedimenti nell ente (SOLO1)

La gestione geografica dei procedimenti nell ente (SOLO1) www.globogis.it La gestione geografica dei procedimenti nell ente (SOLO1) Modulo base Sessione1 Introduzione SOLO1: la filosofia, l interfaccia ed il soggettario Argomenti Logistica e contenuti del corso

Dettagli

INTERVENTI DI RIASSICURAZIONE AGEVOLATA

INTERVENTI DI RIASSICURAZIONE AGEVOLATA INTERVENTI DI RIASSICURAZIONE AGEVOLATA RICHIEDENTE (denominazione / ragione sociale del Garante): BENEFICIARIO FINALE (denominazione / ragione sociale PMI beneficiaria): LINEA D INTERVENTO PRESCELTA Linea

Dettagli

Stato del Sistema Qualità ISO 9001:2000 e pianificazione delle attività

Stato del Sistema Qualità ISO 9001:2000 e pianificazione delle attività Stato del Sistema Qualità ISO 9001:2000 e pianificazione delle attività data: 04/04/2014 sede: viale Duccio di Buoninsegna 8, Arezzo presenti: - Direttore generale Paolo Peruzzi - Presidente Grazia Faltoni

Dettagli

Roma, 23-09-2015. Messaggio n. 5864. 1. Premessa

Roma, 23-09-2015. Messaggio n. 5864. 1. Premessa Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 23-09-2015 Messaggio n. 5864 OGGETTO: Controlli sulle Dichiarazioni sostitutive uniche trasmesse

Dettagli

MUDE Piemonte. Modalità operative utilizzo della Scrivania del professionista

MUDE Piemonte. Modalità operative utilizzo della Scrivania del professionista MUDE Piemonte Modalità operative utilizzo della Scrivania del professionista STATO DELLE VARIAZIONI Versione Paragrafo o Pagina Descrizione della variazione V01 Tutto il documento Versione iniziale del

Dettagli

Processi di contabilità analitica

Processi di contabilità analitica Procedura Amministrativo-Contabile Contabilità Analitica Procedura Amministrativo-Contabile Contabilità Analitica Processi di contabilità analitica Processi di contabilità analitica PROCEDURA AMMINISTRATIVO-CONTABILE

Dettagli

LICEO ERASMO DA ROTTERDAM

LICEO ERASMO DA ROTTERDAM LICEO ERASMO DA ROTTERDAM APPROVVIGIONAMENTO Ambito funzionale Gestione delle risorse 1 Liceo ERASMO DA ROTTERDAM INDICE 1.1 OBIETTIVO 1.2 CAMPO D APPLICAZIONE 1.3 RESPONSABILITÀ 1.4 ORDINI DI ACQUISTO

Dettagli

Delibera n. 12/2011 Carta dei Servizi della Direzione Politiche delle Entrate e Tributi ICI Anno 2011 PREMESSE GENERALI

Delibera n. 12/2011 Carta dei Servizi della Direzione Politiche delle Entrate e Tributi ICI Anno 2011 PREMESSE GENERALI Delibera n. 12/2011 Carta dei Servizi della Direzione Politiche delle Entrate e Tributi ICI Anno 2011 PREMESSE GENERALI La Direzione Politiche delle Entrate e Tributi gestisce le entrate tributarie comunali

Dettagli

COMUNE DI BARUMINI Provincia del Medio Campidano

COMUNE DI BARUMINI Provincia del Medio Campidano COMUNE DI BARUMINI Provincia del Medio Campidano Viale San Francesco, 3 c.a.p. 09021 Barumini tel. 070/9368024 fax 070/9368033 Email c o m u n e b a r u m i n i @ t i s c a l i. i t AVVISO GARA ESPLORATIVA

Dettagli

Comune di Ronco Scrivia (Provincia di Genova) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Ronco Scrivia (Provincia di Genova) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Ronco Scrivia (Provincia di Genova) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con D.C.C. n.24 del 30.06.2009 INDICE Articolo 1 - Definizioni Articolo 2 - Finalità del trattamento

Dettagli

COMUNE DI PORTOGRUARO PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI PORTOGRUARO PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI PORTOGRUARO PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con Deliberazione del Commissario con i poteri della Giunta Comunale n. 68 del 21.12.2009

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

PROGETTO: REALIZZAZIONE DI UNA PIATTAFORMA WEB PER LA PIANIFICAZIONE DELLE PRODUZIONI DAL CAMPO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE

PROGETTO: REALIZZAZIONE DI UNA PIATTAFORMA WEB PER LA PIANIFICAZIONE DELLE PRODUZIONI DAL CAMPO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE PROGETTO: REALIZZAZIONE DI UNA PIATTAFORMA WEB PER LA PIANIFICAZIONE DELLE PRODUZIONI DAL CAMPO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE 1 Introduzione In questo documento si descrive il sistema informatico realizzato

Dettagli

SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE MANUALE OPERATIVO FUNZIONI DI SCRIVANIA PER GLI UFFICI SUAP

SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE MANUALE OPERATIVO FUNZIONI DI SCRIVANIA PER GLI UFFICI SUAP InfoCamere Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE MANUALE OPERATIVO FUNZIONI DI SCRIVANIA PER GLI UFFICI SUAP versione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO GI GROUP REGIONE VENETO

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO GI GROUP REGIONE VENETO 131014 AGENZIE PER IL LAVORO DELLA REGIONE VENETO INDICE 1. Contenuti della Carta dei Servizi 2. Finalità 3. I Servizi 3.1 Accesso e accoglienza informativa 3.2 Colloquio individuale o di gruppo 3.4 Formazione

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome CAPPELLARI TIZIANO Indirizzo VIALE PICENO, 60 20129 MILANO Telefono 02.7740.2569 Fax 02.7740.2499 E-mail t.cappellari@provincia.milano.it

Dettagli

S.E.A. - SOCIETÀ per Azioni ESERCIZI AEROPORTUALI

S.E.A. - SOCIETÀ per Azioni ESERCIZI AEROPORTUALI S.E.A. - SOCIETÀ per Azioni ESERCIZI AEROPORTUALI PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI TELEFONIA, CONNETTIVITÀ GEOGRAFICA, CONNETTIVITÀ INTERNET, SICUREZZA E GESTIONE DELLA BANDA PRESSO GLI

Dettagli