La gestione operativa dell emergenza in un sinistro INQUINAMENTO. 13 maggio Venezia 12 aprile Chi siamo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La gestione operativa dell emergenza in un sinistro INQUINAMENTO. 13 maggio 2014. Venezia 12 aprile 2014. Chi siamo"

Transcript

1 La gestione operativa dell emergenza in un sinistro INQUINAMENTO 13 maggio 2014 Venezia 12 aprile 2014 Chi siamo Leader mondiale nel mercato del DISASTER RECOVERY BELFOR è al servizio delle aziende attraverso la fornitura di know-how operativo specifico e servizi tecnici per la gestione dell'emergenza sinistro. In Italia dal 1989 operiamo con l obiettivo di supportare la vulnerabilità delle imprese, in particolar modo le PMI, attraverso un impegno costante nella diffusione della cultura di gestione dei rischi.

2 Key Facts and Figures Business (in % of 2011 revenues) 66% 34% Residential Commercial Services Restoration (in % of 2011 revenues) Reconstruction Machinery and Others 14% Electronic Restoration 3% 9% Drying 54% 58% Europe/Asia Reconstruction 9% North America 26% Restoration 14% Others 9% 4% Drying Machinery and Electronic Restoration 100%Ownership BELFOR Managers 28countries 6000+employees 236branches BELFOR organization BELFOR projects 95100recovery projects per year Core business Ripristino danni da allagamento, incendio, terremoto e inquinamento Prime misure di emergenza e salvataggio Risanamento merci e arredi Risanamento fabbricati civili e industriali Deumidificazione, deodorizzazione e sanificazione Recupero documenti cartacei e Data Recovery MISE messa in sicurezza ambientale Catastrophe Management

3 Competenze specifiche, R&D Competenze specifiche, formazione, ricerca e sviluppo Ripristino meccanico funzionale con garanzia Ripristino elettrico ed elettronico Soluzioni personalizzate per settori specifici (e. g. navale e offshore, semiconduttori, camere bianche) Centro di Ricerca e Sviluppo Laboratorio di analisi e chimica forense Formazione tecnica Servizi pre-sinistro Programmi di assistenza prioritaria: RED ALERT programma globale di assistenza predeterminata per la gestione dell emergenza sinistro rivolto a gruppi corporate P.I.A. Pronto Intervento Azienda programma nazionale di assistenza predeterminata rivolto alle PMI Sistemi di analisi dei rischi puri ed operativi: P.I.A. SAFE Business Impact Analysis dedicata alle PMI P.I.A. SAFE WEB Business Impact Analysis ONLINE

4 Scenari post-sinistro: incendi incendi Scenari post-sinistro: eventi atmosferici

5 Scenari post-sinistro: eventi catastrofali alluvioni Scenari post-sinistro: eventi catastrofali terremoti

6 Scenari post-sinistro: danni ambientali Scenari post-sinistro: danni ambientali

7 Gestione della crisi T damage ANALIZZARE & PIANIFICARE IMPLEMENTARE TIME LINE ANALISI DEI RISCHI PIANO DI RECUPERO AZIENDALE PIANO DI CONTINUITA PRODUTTIVA GESTIONE OPERATIVA DELL EMERGENZA Salvataggio e Ripristino Ripresa Produzione Quanto costerebbe alla vostra azienda un fermo produttivo di 5 gg? e di 60 gg? Livello di esposizione dell impresa ai rischi puri ed operativi analizzati : perdita fornitore critico perdita dati informatici guasto macchinari critici sicurezza sul lavoro responsabilità ambientale interruzione di attività alluvione, incendio

8 Mission Dare assistenza e supporto operativo immediato ai nostri Clienti nel momento critico dell emergenza sinistro Riportare ordine nel caos lasciato da incendi, allagamenti, danni da inquinamento e eventi catastrofali Ripristinare con rapidità i danni causati dai sinistri Ridurre i tempi di inattività delle aziende Un evento accidentale quale un incendio, un alluvione, un inquinamento o un sinistro di qualsiasi natura, può produrre una situazione di CRISI estremamente grave all interno di un azienda mettendone a volte a repentaglio la stessa sopravvivenza SIAMO PRONTI?

9 PMI in Italia: un comparto ampiamente sottoassicurato Scarsa cultura di gestione dei rischi Non consapevolezza rispetto agli obblighi normativi Tentativo di riduzione dei costi Oltre il 90% delle PMI italiane èprivo di un assicurazione contro i rischi ambientali Da dove partire?

10 Piano di gestione: la risposta ai bisogni assicurativi delle PMI Prestazioni assicurative Corretta analisi del rischio Prestazioni assicurative integrate a servizi Servizi Tecnici dopo sinistro Gestione della crisi: servizi BELFOR a supporto delle aziende T damage ANALIZZARE & PIANIFICARE IMPLEMENTARE TIME LINE PIA SAFE WEB PIA SAFE FORMAZIONE COMUNICAZIONE GESTIONE PRIORITARIA DELL EMERGENZA MISE Bonifica Ambientale

11 Emergenza sinistro: P.I.A. Pronto Intervento Azienda INQUINAMENTO Cos è: In caso di sinistro con rischio di contaminazione ambientale, il servizio P.I.A. Inquinamento garantisce il supporto predeterminato immediato e qualificato per affrontare l emergenza. I servizi: Assistenza tecnica telefonica 24h al giorno 365 gg. l anno Intervento prioritario rispetto ai non convenzionati anche in caso di calamità naturali Tecnici on-site per identificazione operazioni di Messa in Sicurezza d Emergenza (MISE) Predisposizione delle comunicazioni d urgenza nei confronti degli Enti preposti Rilascio delle certificazioni di avvenuto risanamento VANTAGGI PER L AZIENDA

12 Assistenza esclusiva post sinistro inquinamento Pronto Intervento Messa in Sicurezza Ambientale Fase 1: immediata assistenza tecnica telefonica emergency line operativa 24 h/ giorni l anno priorità di: assistenza tecnica telefonica rispetto ai Clienti non convenzionati intervento rispetto ai Clienti non convenzionati Predisposizione ed attivazione delle comunicazioni d urgenza nei confronti di tutti gli Enti preposti Assistenza esclusiva post sinistro inquinamento Pronto Intervento Messa in Sicurezza Ambientale Fase 1: immediata assistenza tecnica operativa Sopralluogo tecnico sul luogo del sinistro Valutazione dei piani di caratterizzazione ed analisi di rischio Descrizione degli interventi necessari per la messa in sicurezza, delle possibili forme di intervento per la bonifica e relative valutazioni economiche Descrizione delle attività di relazione ed interfaccia con gli Enti preposti (Comune, Provincia e Regione) nonché con gli organi di controllo sanitario ed ambientale (ASL ed ARPA) e relative valutazioni economiche

13 In caso di sinistro Ambientale Pronto Intervento Messa in Sicurezza Ambientale Come attivare il Servizio: Contattare immediatamente il Numero Verde di Pronto Intervento Comunicare i propri dati, il numero di polizza, gli estremi della convenzione ed un recapito telefonico Comunicare i dati essenziali del sinistro: tipologia, luogo, data e ora Un Responsabile Tecnico Vi fornirà immediata assistenza telefonica e consulenza per le comunicazioni d urgenza agli Enti preposti e concorderà tempi e modalità del sopralluogo tecnico VANTAGGI PER L AZIENDA Supporto Immediato Supporto Immediato Disponibilità Squadra di Tecnici qualificati per l identificazione delle prime misure di Messa in Sicurezza Ambientale Immediata predisposizione comunicazione di autodenuncia da parte Assicurato vd TU 152/06 Supporto Immediato Rapporti con Tecnici Enti competenti (ASL ARPA Provincia ) e predisposizione reportistica obbligatoria Piani di Caratterizzazione

14 SINISTRO INQUINAMENTO: DEFINIZIONE DI SITO CONTAMINATO La linea di principio teorico per la definizione di sito contaminato prevede che si verifichino contemporaneamente le seguenti condizioni: esistenza di una sorgente o fonte di contaminazione esistenza di vie di effettiva migrazione, i percorsi attraverso i quali il contaminante si diffonde nell ambiente (acque sotterranee e superficiali, aria, suolo, catena alimentare, non sempre attivi contemporaneamente), esistenza di bersagli raggiungibili dalla contaminazione (popolazione umana, animali, piante, risorse ambientali - fiumi, laghi, mari, falde acquifere, aree protette - risorse economiche - edifici, suoli coltivabili o edificabili, ecc.). SINISTRO INQUINAMENTO: RIFERIMENTI NORMATIVI Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale Disciplina attraverso la Parte Quarta (Titolo V Bonifica dei Siti Contaminati) e la Parte Sesta (Norme in materia di tutela risarcitoria contro i danni all ambiente) la bonifica ed il ripristino ambientale dei siti inquinati definendo: Limiti di accettabilità della contaminazione nei suoli, nelle acque superficiali e nelle acque sotterranee in relazione alla specifica destinazione d uso dei siti Procedure per la definizione sito specifica dei limiti di accettabilià della contaminazione nelle differenti matrici Procedure di riferimento per il prelievo e l analisi dei campioni Criteri generali per la messa in sicurezza, la caratterizzazione, la bonifica ed il ripristino ambientale dei siti contaminati Criteri per la determinazione del danno ambientale

15 SINISTRO INQUINAMENTO: PROCEDURE AMMINISTRATIVE Criterio procedurale Superamento dei valori di concentrazione limite Interventi di messa in sicurezza d emergenza Presentazione ed attuazione Piano della caratterizzazione Elaborazione Analisi di rischio sito-specifica Criterio economico Stesura Progetto Operativo definitivo di bonifica Applicazione delle migliori tecnologie disponibili a costi sopportabili Criterio d uso del suolo I valori di concentrazione limite accettabili nel suolo e nel sottosuolo sono riferiti alla specifica destinazione d uso dei siti da bonificare: Suoli ad uso Verde pubblico, Verde privato e Residenziale Suoli ad uso Commerciale o Industriale Acque sotterranee - Acque superficiali SINISTRO INQUINAMENTO: FASI E SCOPI DELLA BONIFICA FASE MESSA IN SICUREZZA D EMERGENZA PIANO DELLA CARATTERIZZAZIONE ANALISI DI RISCHIO SANITARIO PROGETTO DEFINITIVO OBIETTIVO Rimozione della contaminazione libera ed impedimento della diffusione della contaminazione non asportabile mediante opere di contenimento Definizione del grado di contaminazione residua nelle varie matrici ambientali Definizione delle Concentrazioni Soglia di Rischio quali limiti sito-specifici da raggiungere con la bonifica Scelta della tecnologia migliore, a costi sopportabili, definizione dei tempi e dei costi della bonifica

16 SINISTRO INQUINAMENTO: MESSA IN SICUREZZA DI EMERGENZA CONTAMINAZIONE AMBIENTALE NESSUNA MISURA IMMEDIATA Rischio elevato di diffusione della contaminazione Principio non ammesso dalla normativa vigente perseguibile penalmente MESSA IN SICUREZZA DI EMERGENZA Contenimento della diffusione della contaminazione Recupero delle sostanze disperse o impedimento della diffusione Riduzione del danno SINISTRO INQUINAMENTO: MESSA IN SICUREZZA DI EMERGENZA Posizionamento barriere e fogli assorbenti per recupero contaminanti Asportazione terreno contaminato Aspirazione contaminante da corso d acqua

17 SINISTRO INQUINAMENTO: CARATTERIZZAZIONE AMBIENTALE Prelievo campioni di terreno con sondaggi Prelievo campioni di terreno con microsondaggi Prelievo campioni di acqua da piezometro BONIFICA AMBIENTALE: GESTIONE RIFIUTI Campionamento rifiuto terreno per caratterizzazione Campionamento rifiuti vari per caratterizzazione Carico rifiuti e conferimento in impianto di smaltimento

18 BONIFICA AMBIENTALE: TECNICHE DI BONIFICA Progettazione impianti di bonifica acqua/terreno Asportazione terreno contaminato e messa a discarica Realizzazione impianti di bonifica acqua/terreno Immagini dell evento incendiario

19 DATI DELL EVENTO: Tipologia azienda: Azienda di servizi e prodotti di telefonia Tipo sinistro: incendio distruttivo (tranne impianto di produzione inchiostri) Danno ambientale: dispersione di acqua di spegnimento miscelata a inchiostro, schiume estinguenti e polveri da combustione nei condotti fognari. Situazione aggravata dalle continue precipitazioni atmosferiche Sopralluogo BELFOR: < 24 ore dal sinistro MISE (messa in sicurezza di emergenza): immediata Immagini dell evento e delle aree interessate

20 Attivita di messa in sicurezza attuate: Aspirazione acque dai pozzetti di raccolta acque Aspirazione reflui dai pavimenti interni al capannone Attivita di messa in sicurezza attuate: Creazione sbarramenti con sacchi e barriere assorbenti

21 Attivita di messa in sicurezza attuate: Particolare degli sbarramenti in prossimità delle aperture Attivita di messa in sicurezza attuate: Barriere di contenimento perimetrali e pompe di aspirazione dei reflui

22 Attivita di messa in sicurezza attuate: Realizzazione di cisterna stoccaggio liquidi Attivita di messa in sicurezza attuate: L immediata attuazione delle Messa In Sicurezza di Emergenza ha impedito la diffusione della contaminazione all esterno del sito produttivo scongiurando il danno ambientale di acque e terreni.

23 DATI DELL EVENTO: Tipo sinistro: Incendio area accumulo rifiuti con sversamento accidentale di sostanze pericolose (solventi, idrocarburi). Danno ambientale: Contaminazione del terreno limitrofo da parte di sostanze pericolose presenti nell area incendiata. Attività svolte da BELFOR: Sopralluogo, emissione offerta, Messa in sicurezza d emergenza ai sensi del D.Lgs. 152/2006, Rapporti con enti Pubblici, Smaltimento rifiuti prodotti, Bonifica e ripristino dell area Data sinistro: 12 luglio 2013 Data chiamata: 12 luglio 2013 Data sopralluogo ed inizio attività: 12 luglio 2013 Durata delle attività: circa 7 mesi Importo dei lavori eseguiti: circa ,00

24 Immagini dell evento e delle aree interessate I prodotti e la struttura interessati dall incendio L area rifiuti interessata dall incendio La porzione di terreno coinvolta dalla contaminazione Attività svolte: Messa in Sicurezza d Emergenza MISE Confezionamento in sacconi big bag dei materiali assorbenti utilizzati nella prima fase di gestione dell emergenza Copertura con telo in polietilene dell area interessata dalla contaminazione, al fine di preservare il sottosuolo in caso di eventi piovosi Rimozione dei residui di incendio dal piazzale asfaltato

25 Attività svolte: Messa in Sicurezza d Emergenza MISE Aspirazione residui di prodotto ed acque di spegnimento dell incendio dalle vasche di raccolta posizionate sotto i contenitori Asportazione meccanica dei residui di incendio presenti sul piazzale asfaltato Rimozione dei residui di incendio con idoneo automezzo ed accumulo in contenitori Attività svolte: Messa in Sicurezza d Emergenza MISE Preparazione area di accumulo temporanea dei rifiuti prodotti Carico del terreno asportato su automezzo per il trasporto in area di accumulo temporaneo Asportazione meccanica del terreno visibilmente contaminato

26 Attività svolte: Messa in Sicurezza d Emergenza MISE Scarico del terreno asportato in area di accumulo temporaneo Prelievo campioni del terreno asportato per le analisi di caratterizzazione rifiuto Esecuzione saggi nel terreno sottostante l asfalto compromesso dall incendio per verifica presenza contaminazione Attività svolte: Messa in Sicurezza d Emergenza MISE Copertura Area di accumulo temporaneo dei terreni asportati Copertura cassoni contenenti i rifiuti rimossi nell area interessata dall incendio Recinzione aree interessate dai lavori

27 Attività svolte: Messa in Sicurezza d Emergenza MISE Realizzazione struttura di copertura scavo Posizionamento di telo in polietilene sulla struttura realizzata a copertura dello scavo Attività svolte: Campionamento fondo scavi con ARPA Prelievo terreno nei punti di campionamento Confezionamento in idonei contenitori delle aliquote di campioni prelevati Setacciatura del terreno prelevato

28 Attività svolte: Smaltimento rifiuti prodotti in MISE Carico dei cassoni contenenti i rifiuti derivanti dall incendio, per il conferimento in impianto di smaltimento autorizzato Carico su automezzo del terreno asportato, per il conferimento in impianto di smaltimento autorizzato Sversamento accidentale sostanza pericolosa con contaminazione ambientale

29 Sversamento accidentale sostanza pericolosa con contaminazione ambientale DATI DELL EVENTO: Tipo sinistro: Reazione incontrollata di Acido Perossiacetico da contenitore, con sversamento accidentale sul terreno di circa 400 litri di prodotto Danno ambientale: Contaminazione del terreno limitrofo da parte della sostanza pericolosa fuoriuscita dal contenitore Attività svolte da BELFOR: Sopralluogo, emissione offerta, Messa in sicurezza d emergenza ai sensi del D.Lgs. 152/2006, Rapporti con enti Pubblici, Smaltimento rifiuti prodotti, Bonifica e ripristino dell area Data sinistro: 06 settembre 2013 Data chiamata: 07 settembre 2013 Data sopralluogo ed inizio attività: 09 settembre 2013 Durata delle attività: circa 1 mese Importo dei lavori eseguiti: ,00 Sversamento accidentale sostanza pericolosa con contaminazione ambientale Immagini dell evento e delle aree interessate La capannina di immagazzinamento del contenitore L area interessata dallo sversamento Il contenitore in cui è avvenuta la reazione

30 Sversamento accidentale sostanza pericolosa con contaminazione ambientale Attività svolte: Messa in Sicurezza d Emergenza MISE Travaso in idonei contenitori del prodotto ancora presente nella cisternetta in cui è avvenuta la reazione Prelievo campioni di fondo scavo per la verifica di assenza di contaminazione residua Asportazione meccanica del terreno visibilmente contaminato Sversamento accidentale sostanza pericolosa con contaminazione ambientale Attività svolte: Messa in Sicurezza d Emergenza MISE Preparazione area di accumulo temporanea dei rifiuti prodotti Copertura con telo in polietilene dell area interessata dagli scavi, al fine di preservare il sottosuolo in caso di eventi piovosi Area di accumulo temporaneo dei rifiuti in attesa di conferimento in idoneo impianto di smaltimento

31 Sversamento accidentale sostanza pericolosa con contaminazione ambientale Attività svolte: Smaltimento rifiuti e ripristino area di intervento Area d intervento ripristinata Carico dei rifiuti prodotti per conferimento in impianto di smaltimento autorizzato Ripristino area di intervento con apporto di terreno simile a quello presente in sito e privo di contaminazione Immagini dell evento

32 CRONOLOGIA DELL EVENTO: 17 ottobre - Ora: 03:00 circa Combustione di 400 t di polistirolo per alimenti in lastre e prodotto finito Interessati piazzali, magazzini, aree verdi dell azienda Fall-out dei prodotti incendio sui campi agricoli adiacenti 17 ottobre - Ora: 10:30 circa Sopralluogo dei tecnici ARPA - ASL Campionamento della matrice terreno e di vegetali in campo Sostanze ricercate: metalli pesanti, IPA e Diossine 17 ottobre - Ora: 15:30 circa Ordinanza comunale Divieto di raccolta e di consumo di vegetali nel raggio di 400 m dal sito Esigenze di messa in sicurezza d urgenza Evitare l inquinamento dei corsi d acqua superficiali e rimuovere l inquinamento presente al suolo Riprendere rapidamente le attività produttive Restituire le aree interessate dal sinistro per la ricostruzione e le attività correnti

33 Area interessata dal sinistro e potenzialmente contaminata Area fall-out Area incendio Fabbricato contaminato Azioni di messa in sicurezza completate nelle successive 48 ore dal sinistro

34 Risultati analisi ambientale Completamento delle attività di messa in sicurezza

35 2 Esito campionamento di fine lavori Ripristino aree di intervento

36 Esiti dell intervento Fabbricati contaminati da particolato incendio resi accessibili in 48 ore Operazioni di messa in sicurezza d emergenza completate entro 45 giorni dall evento Chiusura con esito positivo l iter procedurale aperto con l autodenuncia ai sensi dell art. n. 242 del D.Lgs. 152/06 Sinistro stradale con contaminazione ambientale Immagini dell evento

37 Sinistro stradale con contaminazione ambientale DATI DELL EVENTO: Luogo del sinistro: Svincolo di accesso ad importante nodo autostradale Data del sinistro: 11 ottobre - Ora: 04:00 circa Tipologia di sinistro: Ribaltamento autoarticolato con rottura della cisterna Prodotto sversato: l di additivo per lubrificanti dispersi Matrici ambientali interessate: Importanti risorse ambientali nell area del sinistro Sinistro stradale con contaminazione ambientale Immagini della contaminazione

38 Sinistro stradale con contaminazione ambientale Esigenze immediate Attivazione delle opere di messa in sicurezza d emergenza su un tratto fognario e di corsi d acqua, di circa 2 km di lunghezza Scongiurare l inquinamento marino e della falda Riapertura della sede stradale al traffico veicolare Sinistro stradale con contaminazione ambientale AREA SINISTRO

39 Sinistro stradale con contaminazione ambientale Attività di messa in sicurezza applicate all evento Sinistro stradale con contaminazione ambientale Caratterizzazione area interessata dall evento

40 c1 c0 c2 c3 c5 c4 c6 c7 c8 c9 c10 c11 c12 c13 c14 i4 i3 i2 f4 i0 i1 f2 f3 f1 Sinistro stradale con contaminazione ambientale S0 S1 S2 S3 S4 S5 P0 R1 R2 A1 R3 R4 P1 R5 P2 R6 R8 R7 P3 P5 T1 R9 T2 P4 Ubicazione punti di indagine Sinistro stradale con contaminazione ambientale Andamento delle concentrazione in Idrocarburi C > ,0 concentrazioni [ppm - mg/kg] 300,0 250,0 200,0 150,0 100,0 Idrocarburi C>12 nov-07 Idrocarburi C>12 apr-07 Idrocarburi C>12 lug-06 Andamento indagine 50,0 0, punti di campionamento

41 Sinistro stradale con contaminazione ambientale CRONOLOGIA DELL EVENTO: Ottobre Opere di rimozione del prodotto in fase libera completate in 15 giorni Novembre Giugno Caratterizzazione dell area ai sensi del D.Lgs. 152/2006 Giugno Novembre Validato il piano della caratterizzazione, approvata l Analisi di Rischio sito specifica, avviati i monitoraggi ambientali Novembre di 2 anni dopo Rilasciata certificazione di chiusura della procedura Sinistro stradale con contaminazione ambientale

42 Immagini dell evento incendiario DATI DELL EVENTO: Luogo del sinistro: Azienda di recupero materiali plastici Data del sinistro: 9 maggio - Ora: 03:00 circa Tipologia di sinistro: Incendio nella zona di lavaggio della plastica Prodotti sversati: 50 ton di plastica distrutte (polietilene e polipropilene) Obiettivi sensibili: abitazioni private, campi coltivati e acque superficiali in prossimità del capannone incendiato

43 Immagini dell evento e delle aree interessate Esigenze immediate Attivare le opere di Messa in Sicurezza di Emergenza sul fossato perimetrale a protezione del torrente limitrofo Scongiurare l inquinamento nelle matrici terreno e acqua superficiale

44 CRONOLOGIA DELL EVENTO: 9 maggio: Sinistro Incendio Richiesta di intervento Invio autodenuncia agli EE.PP. da parte del Cliente (responsabile dell inquinamento) Inizio operazioni di Messa in Sicurezza di Emergenza ai sensi del D.Lgs 152/2006 Messa in Sicurezza di Emergenza 9-10 maggio Realizzazione diga di contenimento a monte del torrente Aspirazione acqua dal fosso perimetrale

45 9-10 maggio Chiusura punti di scolo acque meteoriche del piazzale Lavaggio tratti fognari Rimozione detriti dal piazzale e successivo lavaggio 11 maggio Predisposizione di idonea area per l accumulo temporaneo del terreno contaminato da rimuovere mediante posa di telo in polietilene

46 12 maggio Analisi di caratterizzazione rifiuto del terreno asportato (Metalli pesanti, IPA, Dibenzodiossine, Fenoli) maggio Asportazione superficiale del terreno del fondo fossato e delle sponde fino all altezza raggiunta dall acqua Copertura del fosso con teli e predisposizione di pompe per aspirazione possibili acque meteoriche

47 CRONOLOGIA DELL EVENTO: maggio Ricezione analisi caratterizzazione rifiuti: terreno NON pericoloso Smaltimento rifiuti prodotti Campionamento e analisi del terreno di fondoscavo Campionamento e analisi delle acque di dilavamento del piazzale CRONOLOGIA DELL EVENTO: 4 giugno Ricezione analisi dei campionamenti finali: concentrazione dei parametri ricercati entro limiti CSC Rimozione diga di contenimento e teli protettivi Ripristino dei luoghi allo stato iniziale Invio autocertificazione da parte del Cliente agli EE.PP.

48 Esiti dell intervento Controllo e contenimento della contaminazione Intervento operativo limitato alla fase di messa in sicurezza d emergenza Economia di intervento grazie alla collaborazione con i tecnici dell Assicurato Grazie per l attenzione

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 12 febbraio 2015, n. 31. Regolamento recante criteri sempli cati per la caratterizzazione, messa in

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA Criteri di progettazione, realizzazione e gestione VASCHE DI PRIMA PIOGGIA e VASCHE DI LAMINAZIONE nell ambito dei sistemi fognari GETTO FINALE gno - 1d disegno - 5d disegno - 4d GETTO FINALE ASPIRAZIONE

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 24 gennaio 2011, n. 20: Regolamento recante l'individuazione della misura delle sostanze assorbenti e neutralizzanti di cui devono dotarsi gli impianti destinati allo stoccaggio, ricarica, manutenzione,

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Introduzione. Le attività dell ARPACal

Introduzione. Le attività dell ARPACal Sommario Premessa... 3 Introduzione... 4 Le attività dell ARPACal... 4 L attività di bonifica in Calabria... 5 I siti ad alto in provincia di Cosenza... 7 Risultati dell attività... 19 Conclusioni... 20

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Indice INTRODUZIONE ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE FANGHI ATTIVI IMPIANTI A

IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE FANGHI ATTIVI IMPIANTI A DI PRIMA PIOGGIA Divisione Depurazione 87 1. - TRATT TTAMENTO DELLE ACQUE IN ACCUMULO (DA 500 A 12.000 M 2 ) 2. IPC - TRATT TTAMENTO DELLE ACQUE DI PIOGGIA IN CONTINUO (DA 270 A 7.200 M 2 ) 88 Divisione

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale La risorsa idrica sotterranea tra pressione Marco Petitta Società Geologica Italiana Dipartimento di Scienze della Terra Università di Roma La Sapienza Compiti del geologo (idrogeologo) sul tema acqua

Dettagli

La sicurezza delle centrali nuclear

La sicurezza delle centrali nuclear La sicurezza delle centrali nuclear Milano, 5 maggio 2011 Giuseppe Bolla, Senior Advisor Fondazione EnergyLab EnergyLab - Laboratorio dell Energia Il sistema integrato di gestione in campo nu La sicurezza

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1

RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1 RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1 SCHEDA DATI DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA TIP TOP

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE

MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE Dichiarazione del proponente/produttore in merito al rispetto

Dettagli

REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE

REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Etra S.p.A. Energia Territorio Risorse Ambiente REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Approvato dall Assemblea di ATO Brenta il 26 aprile 2010 con deliberazione n. 2 INDICE TITOLO I Disposizioni generali...

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Assessorato Ambiente, Parchi e Aree Protette, Promozione del risparmio energetico Risorse Idriche, Acque Minerali e Termali LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA Con l emanazione

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018

ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018 Piano Nazionale riguardante il Controllo Ufficiale DeGLI ADDITIVI ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018 Paolo Stacchini Dipartimento di Sanità Pubblica veterinaria e Sicurezza Alimentare

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA AVISA Gruppo inchiostri da stampa e serigrafici L impatto ambientale degli inchiostri da stampa Marzo 2013 Questa nota informativa è stata preparata da EuPIA basandosi su di

Dettagli

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava Ordine dei Geologi della Toscana Commissione Terre e rocce da scavo Firenze 09/12/2008 ORIGINE impianti di lavaggio degli inerti di

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI Pag. 1 di 7 SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA' DENOMINAZIONE COMMERCIALE PRODOTTO: PROCESS OIL NC 100 CODICE PRODOTTO: 4S99 USO O DESCRIZIONE:

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il Comune di Frascati Provincia di Roma pag. 1 RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il suo collegamento al collettore ACEA lungo Via Enrico Fermi.

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA. Corso di aggiornamento professionale

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA. Corso di aggiornamento professionale ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA Corso di aggiornamento professionale Il D.M. Ambiente del 10 agosto 2012 n. 161: I piani di utilizzo delle terre e rocce da scavo 15 Febbraio - Cagliari 22 Febbraio

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3 Regolamento per la certificazione del personale addetto alle attività di cui alla Norma UNI 11554, secondo la Prassi di Riferimento UNI/PdR 11:2014: Figure professionali operanti sugli impianti a gas di

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo Aggreko Process Services Soluzioni rapide per il miglioramento dei processi Aggreko può consentire rapidi miglioramenti dei processi

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis)

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis) Deliberazione Comitato per la tutela delle acque dall'inquinamento 04.02.1977 Criteri, metodologie e norme tecniche generali di cui all'art. 2, lettere b), d) ed e), della legge 10 maggio 1976, n. 319,

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE N NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI elastico e resistenza a trazione, per il riempimento degli scavi effettuati nel

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

http://www.tassisto.it/

http://www.tassisto.it/ F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TASSISTO FRANCESCO Indirizzo VIA MARTIRI DELLA LIBERAZIONE, 80/2A 16043 CHIAVARI Telefono 0185325331 Cellulare

Dettagli

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 148 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI La maggior parte dei grandi acquedotti attingono e distribuiscono acqua di elevata qualità (nitrati inferiori a 10 mg/l). Solo alcune

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 1 R I P O R T O LAVORI A CORPO 1 RIMOZIONE DI ARMATURA STRADALE P001 ESISTENTE Prezzo per rimozione a qualsiasi altezza di armatura stradale esistente, completa di accessori elettrici e lampada, previo

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

Sistemi e attrezzature per la sicurezza

Sistemi e attrezzature per la sicurezza SISTEMI E ATTREZZATURE PER LA SICUREZZA Cavalletti di segnalazione...85 Segnalatore di sicurezza fisso...85 Over-The-Spill System...85 Coni di sicurezza e accessori...86 Barriere mobili...87 Segnalatore

Dettagli

INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE

INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE L art. 186 del d.lgs.152/06 indica le condizioni alle quali è consentito

Dettagli

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Paolo Prati Dipartimento di Fisica Università di Genova Modelli a RECETTORE

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

DICHIARAZIONE AMBIENTALE ai sensi del Regolamento CE 761/01 EMAS

DICHIARAZIONE AMBIENTALE ai sensi del Regolamento CE 761/01 EMAS ANCONA DICHIARAZIONE AMBIENTALE ai sensi del Regolamento CE 761/01 EMAS anno 2007 sede centrale in Via De Bosis, 3a - ANCONA N. Registro I-000411 1. INTRODUZIONE...3 2. L AZIENDA...4 2.1 CHI SIAMO... 4

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli