Lo stress lavorativo: un rischio emergente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lo stress lavorativo: un rischio emergente"

Transcript

1 Dossier Lo stress lavorativo: un rischio emergente Introduzione...2 Lo stress...3 Lo stress lavoro correlato...4 Conseguenze dello stress sulla salute...7 Disturbi emozionali e comportamentali...7 Disturbi psicosomatici e patologia d organo...7 Disturbi psichici...9 Editore Zadig via Calzecchi 10, Milano - tel.: fax: Dossier Direttore: Pietro Dri Redazione: Annalisa Miglioranzi Autore dossier: Luciano Romeo

2 Introduzione In ambito europeo lo stress legato al lavoro è un rischio emergente. Secondo la European Foundation for the Improvement of Living and Working Condition interessa, infatti, circa un lavoratore su quattro (23%). Gli effetti negativi sulla salute sono rilevanti tanto che si stima che una percentuale compresa tra il 50 e il 60% delle giornate lavorative perse in un anno nei paesi della Comunità Europea sia correlata allo stress lavorativo. La ricaduta economica sulle aziende e sulle economie nazionali è notevole; nel 2002 l Unione Europea (allora composta da quindici paesi) valutò che il costo economico dello stress legato alla attività lavorativa era di circa 20 miliardi di euro. A questi si aggiungono i costi dovuti alla minor produttività, al più elevato turnover del personale e alla ridotta capacità innovativa. Lo stress lavorativo rientra tra i rischi psicosociali lavorativi, cioè gli aspetti di progettazione, organizzazione e gestione del lavoro, nonché i rispettivi contesti ambientali e sociali, che potenzialmente possono arrecare danni fisici o psicologici (Cox & Griffiths, 1995). La European Agency for Safety and Health at Work ha individuato cinque aree di variabili che rendono emergenti i rischi psicosociali : 1) utilizzo di nuove forme di contratti di lavoro, associati all incertezza e all insicurezza del lavoro; 2) forza lavoro sempre più vecchia (poco flessibile e poco adattabile ai cambiamenti) per mancanza di adeguato turnover; 3) alti carichi di lavoro, con conseguenti pressioni sui lavoratori da parte del management; 4) tensione emotiva elevata, per violenze e molestie sul lavoro; 5) interferenze e squilibrio fra lavoro e vita privata. E ormai comunemente accettato che i rischi psicosociali possono incidere sulla salute sia fisica sia psichica del lavoratore attraverso l esperienza dello stress. Lo stress in ambito lavorativo è anche la matrice comune di comportamenti inadeguati caratterizzata da minacce di violenza, violenza fisica e vessazioni morali

3 Lo stress Il termine stress è stato introdotto in medicina da Seyle nel 1936 e ha assunto il significato di reazione adattativa fisiologica a qualunque stimolo esercitato sull organismo da un ampia gamma di fattori definiti stressors. Tali fattori possono essere esogeni (eterostressors), endogeni, ovvero provenienti da processi di pensiero e stati affettivi (autostressors) oppure possono derivare da situazioni fisiche come malattie o handicap (somatostressors). Nella nostra cultura il termine stress ha comunemente una valenza negativa; esiste tuttavia una condizione di stress positivo (eustress) che rappresenta una reazione neuroendocrina e psichica adeguata a sollecitazioni ambientali proporzionate alla capacità di risposta dell individuo. Invece si definisce negativa (distress) una condizione di stress in cui la sollecitazione eccede per intensità o durata la capacità di risposta o, all opposto, quando la sollecitazione è troppo povera e non attiva le potenzialità psicologiche e biologiche dell individuo. Secondo il modello cognitivo dello stress uno stimolo di natura fisica o socio-relazionale deve essere preventivamente elaborato dalla mente dell individuo esposto per poter indurre una reazione di stress. Solo in seguito alla valutazione cognitiva, se lo stimolo induce una reazione emozionale si attivano nell organismo una serie di reazioni adattative (modificazioni neuroendocrine, cognitive e comportamentali) che servono a porre l individuo nelle condizioni di poter affrontare l esposizione allo stimolo. Riveste un ruolo fondamentale anche la vulnerabilità dell individuo agli stressors presenti in ambiente lavorativo o in ambito extralavorativo. Sono particolarmente vulnerabili allo stress i soggetti iperattivi, impulsivi, competitivi, con elevate aspettative verso se stessi e verso gli altri e che sovrappongono il lavoro con la propria identità (tipo A). Al contrario sono relativamente resistenti allo stress gli individui riflessivi, concreti che non identificano se stessi con il lavoro e possono contare su risorse quali la formazione culturale, la coscienza delle proprie capacità e il supporto sociale (tipo B). La somma o il sinergismo degli stressors sul soggetto vulnerabile determinano reazioni psicofisiche che in una prima fase sono finalizzate al mantenimento dell equilibrio omeostatico, ma che in fasi successive possono assumere caratteri francamente patologici. Negli anni cinquanta Seyle, sulla base degli studi effettuati sui meccanismi neuroendocrini di risposta agli stimoli, ha elaborato il concetto di stress come Sindrome Generale di Adattamento (GAS) costituita da tre fasi: allarme, resistenza ed esaurimento, finalizzata a mobilitazioni muscolari, riassunte nell atteggiamento di lotta/fuga ( fight/flight ) a seconda della capacità dell individuo di affrontare o meno lo stimolo stesso. Nella fase di allarme l individuo tenta di neutralizzare gli effetti dannosi degli stressors; a livello molecolare si verifica l attivazione acuta del sistema neurovegetativo mediata da noradrenalina e adrenalina e quella dell asse ipotalamo-ipofisi-surrene con produzione di ACTH e cortisolo, principale mediatore della risposta allo stress. La fase di resistenza è caratterizzata, per un tempo più o meno lungo, dall adattamento alla situazione; in questa fase si assiste alla cronicizzazione dell attivazione neurovegetativa e ormonale, che risulta tuttavia ancora reversibile. Alla resistenza può far seguito la fase di esaurimento caratterizzata da manifestazioni patologiche clinicamente evidenti di tipo psicocomportamentale od organico determinate dalla iperattivazione stabile e non reversibile dei suddetti meccanismi neuroendocrini di compenso. Oltre alla risposta attiva, prevista da Selye di fronte a una situazione minacciosa, è possibile una risposta passiva, caratterizzata da inibizione, che si esprime come giocare a fare il morto ( playing dead reaction ). Nel corso di questo atteggiamento si osservano blocco motorio, vasocostrizione, probabile ipertono vagale e aumentata produzione di testosterone. Bibliografia Linee guida SIMLII Valutazione, prevenzione e correzione degli effetti nocivi dello stress da lavoro Documento di consenso - 3 -

4 Lo stress lavoro correlato Negli ultimi anni è stata posta particolare attenzione allo studio dello stress correlato al lavoro. Lo stress lavorativo è il processo stressogeno che coinvolge l individuo nell interazione con l ambiente lavorativo: si manifesta per uno squilibrio tra le richieste dell organizzazione e le sue capacità, squilibrio la cui risoluzione può essere positiva per la persona e l organizzazione o negativa (strain) per l inadeguatezza delle risposte possibili, con situazione conflittuale e sofferenza sia individuale sia organizzativa. Il lavoro è un valore fondamentale che è in grado di influenzare l uomo e la sua personalità; non risponde solo alle esigenze di guadagno ma nella nostra cultura ha soprattutto una valenza simbolica in quanto è indicatore di successo e risponde al bisogno dell uomo di appartenenza e di relazioni sociali. In virtù del ruolo fondamentale che il lavoro riveste nella vita di un uomo, si comprende come condizioni di stress in ambiente di lavoro possano incidere negativamente sulla qualità di vita e sullo stato di salute del lavoratore (ISPESL, 2003). Il NIOSH (National Institute for Occupational Safety and Health) ha definito lo stress lavorativo come un insieme di reazioni fisiche ed emotive dannose che si manifesta quando le richieste poste dal lavoro non sono commisurate alle capacità, risorse o esigenze del lavoratore. Può influire negativamente sulle condizioni di salute e favorire la comparsa di infortuni (NIOSH, Stress at work, 1999). Lo stress lavorativo è associato alle caratteristiche di contesto e contenuto del lavoro (Hacker, 1991). Nelle caratteristiche di contesto lavorativo rientrano gli aspetti organizzativi del lavoro, la comunicazione, i rapporti interpersonali; nelle caratteristiche di contenuto gli aspetti legati all ambiente di lavoro, alla pianificazione dei compiti, al carico e al ritmo di lavoro, all orario lavorativo. Contesto lavorativo Cultura organizzativa Ruolo nell organizzazione Sviluppo di carriera Autonomia decisionale, controllo Relazioni interpersonali sul lavoro Interfaccia casa-lavoro Scarsa comunicazione, bassi livelli di sostegno per la risoluzione di problemi e lo sviluppo personale, mancanza di definizione degli obiettivi organizzativi Ambiguità e conflitto di ruolo, responsabilità di altre persone Incertezza/blocco della carriera, insufficienza/eccesso di promozioni, bassa retribuzione, insicurezza dell impiego, scarso valore sociale attribuito al lavoro Partecipazione ridotta al processo decisionale, carenza di controllo sul lavoro (il controllo, specie nella forma di partecipazione rappresenta anche una questione organizzativa e contestuale di più ampio respiro) Isolamento fisico o sociale, rapporti limitati con i superiori, conflitto interpersonale, mancanza di supporto sociale Richieste contrastanti tra casa e lavoro, scarso appoggio in ambito domestico, problemi di doppia carriera Contenuti lavorativi Ambiente di lavoro e attrezzature Pianificazione dei compiti Carico/ritmi di lavoro Orario di lavoro Condizioni fisiche di lavoro, problemi inerenti l affidabilità, la disponibilità, l idoneità, la manutenzione o la riparazione di strutture e attrezzature di lavoro Monotonia, cicli di lavoro brevi, lavoro frammentato o inutile, sottoutilizzazione, incertezza elevata Sovraccarico o sottocarico di lavoro, mancanza di controllo sul ritmo, alti livelli di pressione temporale Lavoro a turni, orari di lavoro rigidi, imprevedibili, eccessivamente lunghi o che alterano i ritmi sociali - 4 -

5 La condizione lavorativa stressante si aggrava particolarmente quando il lavoratore non riceve adeguati supporto sociale da parte dei colleghi e dei responsabili e/o ricompensa (intesa non solo come compenso economico, ma anche come riconoscimento sociale). Tra i rischi psicosociali lavorativi in grado di generare una condizione di stress lavorativo sono segnalati quelli che riguardano i rapporti interpersonali (Fourth European Working Condition Survey, febbraio 2007). Nel 6% dei casi sono riportate minacce di violenza (di cui il 4% da parte di utenti), nel 5% dei casi violenza fisica e nel 6% dei casi violenza psichica. Un altro aspetto rilevante in grado di causare stress è la difficoltà di conciliare il lavoro e gli aspetti di vita extralavorativi. Numerosi studi epidemiologici hanno individuato alcune categorie lavorative maggiormente esposte a elevati livelli di stress. In particolare risultano a rischio i lavoratori che hanno contatti con utenze, sia per la gestione della sofferenza (medici, infermieri, assistenti sociali, vigili del fuoco, forze dell ordine, insegnanti), sia per la risoluzione di problemi (operatori di call center, insegnanti), persone che effettuano lavori monotoni o ripetitivi (lavoratori manuali in generale e, soprattutto, gli addetti alle catene di montaggio). Risultano a rischio anche i lavoratori che svolgono attività in cui è elevato soprattutto il rischio di conseguenze gravi o disastrose in relazione a riduzione dell attenzione e della vigilanza e/o a sviste, errori o ritardi decisionali come nel caso dei conducenti di treni e autobus, autotrasportatori, piloti e controllori di volo, naviganti, addetti alle sale controllo di impianti chimici o termo-nucleari. Oltre a queste categorie, molte altre indagini hanno evidenziato elevati livelli di stress tra i manager e i lavoratori che svolgono lavoro a turni e in particolare quello notturno. Considerando le nuove tipologie di lavoro, risulta che gli addetti ai call center svolgono un attività particolarmente stressante. L attività dell addetto al call center impone al lavoratore di sviluppare spiccate capacità di gestione dell imprevisto (problem solving) e rende necessario l accesso a quantità notevoli di informazioni, generando condizioni di sovraccarico cognitivo. I lavoratori dei call center sono costantemente sotto pressione per la frequenza elevata dei contatti con gli utenti, che spesso sono gestiti con difficoltà. Il lavoro ha caratteristiche di ripetitività. Vi è spesso un elevato controllo dei superiori e uno scarso supporto. Sono previste poche pause e l attività è svolta quasi esclusivamente di fronte a un video terminale. I contratti di lavoro degli addetti al call center infine sono spesso sfavorevoli dal punto di vista economico e le possibilità di crescita professionale e di avanzamento di carriera sono quasi nulle. Il grado di soddisfazione nello svolgimento di quest attività è molto basso. Va tenuto presente che lo stress lavorativo può riguardare, potenzialmente, tutte le attività lavorative. Le caratteristiche della postazione di lavoro e quelle ambientali (rumorosità, illuminamento e microclima) possono contribuire all innalzamento del rischio stress (Linee guida SIMLII). Tra i modelli teorici sviluppati per spiegare lo stress lavoro-correlato, uno dei più accreditati è quello proposto da Karasek, Theorell e Johnson che si basa sulla relazione tra domanda e controllo del lavoro e considera inoltre il supporto come ulteriore variabile determinante (apprezzamento e appoggio da parte di superiori e colleghi sia quantitativo sia qualitativo). Karasek sostiene che attività lavorative caratterizzate da elevata domanda (job demand, JD), bassa libertà decisionale (decision latitude, DL) e scarso supporto definiscono una condizione di job strain (Karasek e Theorell 1990, Johnson et al., 1988). La domanda lavorativa (job demand) prevede due sottodimensioni: 1. domanda fisica, che fa riferimento a condizioni lavorative che richiedono attività fisica statica o dinamica; 2. domanda psicologica, che si riferisce a un carico di natura mentale derivante dallo svolgere mansioni che richiedono per esempio lunghi periodi di concentrazione, con scarsa chiarezza organizzativa e forte pressione. L autonomia decisionale (decision latitude, DL) comprende: 1. skill discretion, che identifica condizioni connotate dalla possibilità di imparare cose nuove, dal grado di ripetitività dei compiti e dall opportunità di valorizzare le proprie competenze; 2. decision authority, che individua fondamentalmente il livello di controllo dell individuo sulla programmazione e organizzazione del proprio lavoro. In accordo con questo modello le situazioni più a rischio sono quelle a elevata domanda lavorativa, bassa possibilità decisionale e basso supporto. Queste situazioni sono associate a un maggior rischio di effetti negativi sulla salute

6 Figura 1 Il modello di Karasek Siegrist (Siegrist, 1996) ha elaborato un modello diverso di valutazione dello stress, basato sullo squilibrio tra l impegno (sforzo) messo nel lavoro e il riconoscimento (ricompensa), materiale e immateriale, che da esso si ricava (ERI: effort-reward imbalance model). Lo sforzo può essere: 1. estrinseco: carico di lavoro, interruzioni, pressione del tempo, richiesta di lavoro straordinario, responsabilità; 2. intrinseco: necessità di approvazione, competitività elevata, irritabilità sproporzionata, incapacità di staccare dal lavoro. La ricompensa percepita si valuta in termini di stima da colleghi e superiori, stipendio, prospettive di carriera, possibilità di promozione, sicurezza e stabilità lavorativa. Il modello configura una condizione di reciprocità contrattuale tra sforzo e ricompensa. Quando tale reciprocità viene a mancare, lo squilibrio determina quella che viene definita ingiustizia di scambio o ingiustizia distributiva

7 Conseguenze dello stress sulla salute Condizioni di distress lavorativo protratte nel tempo possono causare la comparsa di patologie a carico della sfera psichica, patologie cardiovascolari, gastrointestinali, cutanee, lombalgia, disturbi del sistema immunitario, disturbi emozionali e del comportamento. In alcuni casi condizioni lavorative normalmente accettabili possono essere ugualmente situazioni di distress per i lavoratori particolarmente fragili, che hanno patologie psichiche o fisiche di tipo cronico, oppure per soggetti diversamente abili o giovani e anziani. Disturbi emozionali e comportamentali Nelle fasi iniziali dello stress l individuo manifesta prevalentemente disturbi socioemotivi e comportamentali. I disturbi emozionali più frequenti sono la comparsa di una depressione del tono dell umore che si alterna a reazioni d ansia, sensazione di pericolo imminente e labilità emotiva. L insonnia è un disturbo comune e si può manifestare sia come alterazione quantitativa del sonno, ovvero difficoltà ad addormentarsi o risveglio precoce, sia qualitativa, ossia con frequenti interruzioni nel corso della notte. Altri sintomi di frequente riscontro sono la difficoltà di concentrazione, i disturbi della memoria, l anedonia, ovvero l incapacità di provare piacere dalla vita, l apatia, ossia il disinteresse per quanto attiene agli affetti familiari e/o sociali fino a una vera e propria anestesia reattiva (Cassitto, 1999). I disturbi comportamentali si esprimono soprattutto come aggressività autolesiva e riguardano l alterazione del rapporto con il cibo che può portare a quadri di anoressia o bulimia, oppure l intensificazione dell abitudine tabagica, l aumento del consumo di alcolici, farmaci o droghe. L aggressività eterolesiva si manifesta soprattutto come tendenza alla litigiosità fino a vere e proprie azioni di violenza nei riguardi di oggetti o persone. Tra le reazioni comportamentali sono da ascrivere anche gli atteggiamenti finalizzati a realizzare un desiderio di fuga dal lavoro, come per esempio l assenteismo. I disturbi del comportamento possono inoltre predisporre il soggetto agli infortuni. Lo stress lavorativo sembra infine essere la causa del 60% degli incidenti mortali sul lavoro (ISPESL, 2008). Disturbi psicosomatici e patologia d organo I sintomi psicosomatici sono una conseguenza della risposta dell organismo a una situazione di stress protratto nel tempo. L attivazione del sistema neurovegetativo mediato dal rilascio dei neurotrasmettitori adrenergici e noradrenergici è responsabile della vasocostrizione periferica e dell aumento della frequenza cardiaca che provocano ipertensione arteriosa e comparsa di tachicardia. L attivazione dell asse ipotalamoipofisi-surrene e il conseguente rilascio di cortisolo comportano effetti a carico del metabolismo, del sistema immunitario, dell apparato digerente. Inizialmente l attivazione neuroendocrina determina alterazioni funzionali che in caso di persistenza della situazione di stress possono strutturarsi in vere e proprie patologie d organo. Il cortisolo è considerato uno dei più importanti indicatori di alterazione dello stato fisiologico in risposta a stimolazioni stressogene e sembra poter spiegare in parte gli effetti patologici dello stress sull organismo: è stata documentata l associazione tra livelli di cortisolo e irritabilità sul posto di lavoro, nervosismo, disturbi del sonno, immunosoppressione. Molti studi si sono focalizzati sulla risposta corticosurrenalica a episodi acuti e transitori di stress, ma solo alcuni hanno documentato la relazione tra innalzamento dei valori di cortisolo e condizioni di stress lavorativo cronico (Lundberg, 1989). I disturbi a carico dell apparato cardiocircolatorio sono rappresentati frequentemente da comparsa di aritmia, ipertensione arteriosa fino a quadri clinici di infarto miocardico acuto. Lo European Heart Network (1998) sostiene che lo stress sul lavoro è associato al rischio di patologie cardiovascolari, soprattutto nei casi in cui l impegno richiesto è elevato, il controllo è scarso, il sostegno sociale è insufficiente e lo sforzo compiuto non viene ricompensato. La percentuale di malattie cardiovascolari dovute allo stress sul lavoro (calcolate sul totale dei casi di patologie cardiovascolari) è valutata intorno al 16% dei lavoratori e al 22% delle lavoratrici (includendo nel calcolo anche il lavoro sedentario la percentuale sale a oltre il 50%). I sintomi legati all interessamento dell apparato gastroenterico sono prevalentemente nausea, vomito, epigastralgia; non di rado compaiono ulcera peptica e colon irritabile. Situazioni di stress prolungato sono associati con l insorgenza e l esacerbazione della sintomatologia in alcune delle più comuni patologie - 7 -

8 croniche del sistema digestivo, quali i disturbi funzionali gastrointestinali (prevalentemente colon irritabile), l ulcera peptica, le malattie infiammatorie intestinali e il reflusso gastroesofageo (Mayer, 2000). Gli stress fisici e mentali sono uno dei principali fattori riconosciuti nell eziopatogenesi dell ulcera peptica insieme all infezione da Helicobacter pylori, l acidità gastrica e l assunzione di farmaci antinfiammatori non steroidei. Lo stress inciderebbe sull insorgenza delle malattie infiammatorie croniche intestinali attraverso disfunzioni del sistema nervoso autonomo e aumentando la risposta del colon all infiammazione indotta da sostanze chimiche. I meccanismi biologici di risposta allo stress sembrano coinvolti nella comparsa o esacerbazione del reflusso gastroesofageo attraverso alterazioni del sistema nervoso autonomo che determinano il rilasciamento transitorio spontaneo dello sfintere esofageo inferiore e il rallentamento dello svuotamento gastrico, oltre a cambiamenti della funzionalità diaframmatica correlati alle modificazioni respiratorie indotte dallo stress. Il coinvolgimento dell apparato genito-urinario si manifesta nella donna con dismenorrea e alterazioni del ciclo mestruale, mentre nell uomo non sono infrequenti disturbi della minzione e dell attività erettile. A carico dell apparato respiratorio possono manifestarsi difficoltà respiratoria, tosse e asma bronchiale. Il sistema endocrino può essere coinvolto con alterazione della funzionalità tiroidea (iper o ipotiroidismo) e del metabolismo glucidico (diabete mellito). La depressione del sistema immunitario mediata dal cortisolo aumenta la suscettibilità dell individuo a contrarre malattie infettive e secondo alcuni studi contribuisce anche all insorgenza di neoplasie. Negli ultimi anni diversi studi di psiconeuroimmunologia hanno concentrato la loro attenzione sulle possibili correlazioni esistenti tra stress e rischio di cancro e sulla sua progressione: la soppressione di alcune componenti specifiche e non della risposta immunitaria, compresa l attività delle cellule NK, la fagocitosi, la produzione di citochine infiammatorie (interleuchina 2, interferone e TNF delle cellule Th1) e l attività delle cellule T citotossiche, compromettendo i più importanti responsabili della risposta immunitaria verso lo sviluppo di tumori e le alterazioni biologiche che possono scaturire dallo stress (incremento della percentuale di danno sul DNA, accumulo di mutazioni somatiche, alterazioni dei meccanismi di riparo del DNA o inibizione dell apoptosi) potrebbero contribuire allo sviluppo o alla progressione di alcuni tipi di cancro. Nonostante ciò i risultati spesso discordanti degli studi in questo delicato settore impediscono di trarre conclusioni univoche e confermano la necessità di ulteriori approfondimenti. E certo che lo stress può contribuire a una serie di comportamenti che aumentano secondariamente il rischio di essere colpiti da una patologia tumorale (alcol, fumo, sovralimentazione, eccessivo consumo di grassi) (Linee guida SIMLII). Numerosi studi hanno rilevato come lo stress possa avere un ruolo nell insorgenza e nell aggravamento delle patologie cutanee; in particolare nell esacerbazione di psoriasi, orticaria, dermatiti eczematose, infezioni da herpes virus e altre patologie cutanee (Kimyai-Asadi, 2001); il ruolo degli eventi stressanti è risultato controverso o non indagato a sufficienza, nello sviluppo/aggravamento di vitiligine, lichen planus, acne, pemfigo e dermatite seborroica (Picardi, 2002). Si ritiene che le caratteristiche psicosociali lavorative siano importanti fattori di rischio per i disturbi muscolo-scheletrici. Alcuni studi mostrano che un elevata domanda lavorativa o uno scarso controllo sono spesso correlati a disturbi o sintomi a carico dell apparato muscolo-scheletrico. Lo stress percepito risulta correlabile in modo consistente con i disturbi del collo e dell arto superiore (NIOSH, 1997). Alcuni autori hanno ipotizzato che la scarsa soddisfazione lavorativa è predittiva di dolore al collo, spalle e arti inferiori (Andersen, 2007). Esiste un crescente consenso sul fatto che i fattori psicosociali giochino un ruolo nell evoluzione del mal di schiena lombare. Uno studio epidemiologico di coorte ha valutato il ruolo dei fattori psicosociali somministrando a un campione di uomini e donne di mezza età un questionario che indagava aspetti psicologici, ponendo in relazione casi prevalenti di lombalgia a un intervallo medio di sei anni e mezzo. Dopo una correzione per fattori di rischio individuali e fisici, la prevalenza di lombalgia era significativamente correlata a uno scarso livello decisionale e a uno scarso supporto sociale al lavoro, non significativamente a un elevato carico di lavoro, alla bassa retribuzione e alla soddisfazione lavorativa, al sentirsi stressato e depresso; l elevata insicurezza lavorativa, il sentirsi stressato al lavoro e depresso non aumentava significativamente il rischio relativo di lombalgia nelle donne (Clays, 2007). Altri studi ipotizzano che i fattori psicosociali abbiano un ruolo importante nell aumentare il rischio di futuri episodi di mal di schiena, nella transizione da dolore acuto a cronico e la relativa disabilità (Manek, 2005)

9 Disturbi psichici Le psicopatologie conseguenti a condizioni di distress si instaurano attraverso l attivazione protratta ed eccessiva del sistema ipofisi-ipotalamo-surrene, che conduce all esaurimento delle risorse psicofisiche. (Piet, 2010). Il legame biologico che collega stress, ansia e depressione è stato identificato, nel corso di una serie di esperimenti condotti prima a livello molecolare, quindi sul modello murino, da un gruppo di ricercatori dell Università del Western Ontario (UWO) (Piet, 2010). Il meccanismo individuato nello studio coinvolge l interazione fra il recettore 1 del fattore di rilascio della corticotropina (CRFR1) un ormone prodotto dalle cellule neuroendocrine dell ipotalamo che partecipa in modo cruciale alla risposta agli stress dell asse ipotalamo-ipofisi-surrene e specifici tipi di recettori della serotonina (5-HTR). In particolare, lo studio rivela che il CRFR1 opera in modo da aumentare il numero di 5- HTR sulla superficie cellulare dei neuroni cerebrali, che può causare un segnale anomalo. Dato che l attivazione di CRFR1 porta all ansia come risposta allo stress, e i 5-HTR sono legati allo sviluppo della depressione, la ricerca mostra come i cammini biochimici sottostanti a stress, ansia e depressione siano fra loro connessi attraverso distinti processi cerebrali. In letteratura sono riportati diversi studi compiuti a partire dagli anni ottanta che riguardano le psicopatologie correlate al lavoro. Emerge che situazioni di distress lavorativo protratto nel tempo possono indurre la comparsa di patologie a carico della sfera psichica rappresentate principalmente da: disturbo dell adattamento (DDA), disturbo d ansia generalizzata (DAG), disturbo ansioso-depressivo misto ed episodio (disturbo) depressivo maggiore, disturbo post traumatico da stress (DPTS). Il DSM-IV (Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders fourth edition) classifica queste patologie nell ambito dei disturbi d ansia (DAG, DPTS, Disturbo ansioso depressivo misto), disturbi dell umore (disturbo depressivo), disturbi dell adattamento (DDA). Mausner (2000) riconosce tre principali forme di depressione associabili a distress lavorativo: sindrome depressiva, episodio depressivo maggiore e disforia. Alcuni autori (Melchior, 2007) ritengono che i lavoratori esposti ad alta richiesta lavorativa (eccessivo carico e scarso tempo per eseguire i compiti assegnati) abbiano un rischio raddoppiato di sviluppare un disturbo depressivo maggiore (MDD) o un disturbo d ansia generalizzato (GAD) rispetto a lavoratori con adeguati carichi di lavoro. Uno studio condotto in Inghilterra per valutare l incidenza di malattie mentali correlate al lavoro che ha coinvolto medici del lavoro, psichiatri e oltre tremila lavoratori ha evidenziato che le psicopatologie più frequentemente riscontrate erano l ansia e la depressione (Cherry, 2009). Tra le cause scatenanti i disturbi mentali sul lavoro, al primo posto si trovavano i fattori intrinseci al lavoro (più frequentemente il sovraccarico lavorativo) seguiti dai problemi nelle relazioni interpersonali e dai cambiamenti lavorativi (per esempio le nuove responsabilità). Il disturbo post traumatico da stress era più frequente nei maschi e nella maggioranza dei casi era legato a specifici eventi traumatico-infortunistici. Nella tabella a pagina seguente sono indicati gli eventi sentinella che possono indurre a pensare che ci sia una forma di disagio psichico individuale

10 Eventi sentinella di disagio psichico individuale 1. Uso di psicofarmaci in soggetti che prima non li utilizzavano, o aumento della loro quantità 2. Abuso di antinfiammatori o antispastici per algie 3. Incremento dei giorni di malattia rispetto a periodi precedenti 4. Eccessivo ricorso a medici o esagerata preoccupazione per la propria salute 5. Incremento di fumo, alcol, caffè 6. Modificazione del ritmo alimentare 7. Disturbi del sonno 8. Riduzione degli interessi al di fuori del lavoro 9. Segni di sarcasmo o di rabbia 10.Riduzione delle relazioni con i colleghi 11.Sensazione soggettiva di richieste esagerate nei propri confronti da parte dei superiori 12.Eccessiva reattività 13.Peso della gestione familiare (lavoratrici donne) 14.Alta resistenza ad andare al lavoro 15.Guardare spesso l orologio durante le ore di lavoro 16.Eccessiva stanchezza dopo il lavoro 17.Disturbi psicosomatici, in particolare cefalea e turbe gastroenteriche 18.Errori frequenti 19.Infortuni frequenti BIBLIOGRAFIA American Psychiatric Association. Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders-fourth edition. Masson, Andersen JH, Haahr JP, Frost P, Risk factors for more severe regional musculoskeletal symptoms: a two year prospective study of a general working population. Arthritis Rheum 2007;56: AA VV. Stress e lavoro nell Europa in espansione. ISPESL WHO Collaborating Centre, Roma, Cassitto M. Mobbing e disturbi emozionali. Atti del 1 e 2 Seminario Nazionale Le molestie morali (mobbing): uno dei rischi derivanti da un alterata interazione psicosociale nell ambiente di lavoro, ISPESL, 1999, Milano e Roma. Cassitto M, Gilioli R. Aspetti emergenti dello stress occupazionale. Med Lav 2002;94: Cherry N, Chen Y, Mc Donald J. Reported incidence and precipitating factors of work related stress and mental illhealth in the United Kingdom ( ). Occupational Medicine 2006;56: Clays E, De Bacquer D, Leynen F, Kornitzer M, Kittel F, De Backer G. The impact of psychosocial factors on low back pain: longitudinal results from the Belstress study. Spine 2007;32: Cox, T, Griffiths A.J. The assessment of psychosocial hazard at work. In M.J.A. Winnubst &CL Cooper Ed. Handbook of Work and Health Psychology. Chichester: Wiley & Sons, European Agency for Safety and Health at Work. New and emerging risks in occupational safety and health. European Risk Observatory, European Foundation for the Improvement of Living and Working Conditions. Fourth European working conditions survey Framework agreement on harassment and violence at work: apr/harassment_violence_at_work_en.pdf Hacker W. Objective work environment: analysis and evaluation of objective work characteristics. Paper presented to: A healtheir work environment : basic concept & methods of measurement. Hogberga, Lidingo, Stockholm, Ispesl. Psychological harassment at work. Roma, Ispesl. Psychosocial risk management. European Framework. Conferenza europea sui rischi psicosociali nel lavoro, Roma, Karasek R, Theorell T. Healthy work: stress, productivity and the reconstruction of the working life. New York Basic Books,1990. Kimyai-Asadi A, Usman A. The role of psychological stress in skin disease. J Cutan Med Surg 2001;5: Johnson JV, Hall EM. Job strain, work place social support and cardiovascular disease: a cross-sectional study of a random sample of the Swedish working population. Am J Public Health 1988;78: Lundberg U, Granqvist M, Hansson T, et al. Psychological and physiological stress responses during repetitive work at an assembly line. Work Stress 1989;3: Maneck NJ, MacGregor AJ. Epidemiology of back disorders: prevalence, risck factors and prognosis. Curr Opin Rheumatol 2005;17: Mayer EA. The neurobiology of stress and gastrointestinal disease. Gut 2000;47: Mausner Dorsch H, Eaton WW. Psychosocial work environment and depression: epidemiologic assessment of the demand-control-social support model. Am J Public Health 2000;90:

11 Melamed S, Bruhis S. The effects of chronic industrial noise exposure on urinary cortisol, fatigue and irritability. J Occup Environ Med 1996;38: Melchior M, Berkman LF, Niedhammer I, Zins M, Goldberg M. The mental health effects of multiple work and family demands. A prospective study of psychiatric sickness absence in the french gazel study. Social Psychiatry and Psychiatric Epidemiology 2007;42: NIOSH, Center for Diseases Control and Prevention. Musculoskeletal disorders and workplace factors. A critical re - view of epidemiologic evidence for wounds of the neck, upper extremity and low back. US Department of Health and Human Services, Picardi A, Abeni D. Stressful life events and skin disease: disentangling evidence from myth. Psychother Psychosom 2002;71: Piet R, Manzoni O. Prime time for stress. Nature Neuroscience 2010;13: Romeo L., Tisato S, Quintarelli E, Pelizza L, Dal Ponte S, Riolfi A, Goio I, Perbellini L. Psychopathologies as workrelated disorders (Chatper VIII). Enviromental psychology: new developments. Editors: Valentin J, Gamez L. Nova Science Publishers Inc., New york, Selye, H. Stress of life. McGraw-Hill, New York, Siegrist J, Peter R. Threat to occupational status control and cardiovascular risk. Isr J Med Sci 1996;32: SIMLII, Linee guida Valutazione, prevenzione e correzione degli effetti nocivi dello stress da lavoro Documento di Consenso. Volume 21,

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Dr.ssa Mara Cristofori FASE O VALUTARE ASPETTATIVE

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

IL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO

IL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO IL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO Dott. Piergiorgio Frasca (Psicologo del lavoro e delle organizzazioni) Dr. Piergiorgio Frasca Il rischio stress lavoro-correlato 1 DOCENTE Dott. Piergiorgio Frasca Psicologo

Dettagli

Le patologie stress lavoro- correlate

Le patologie stress lavoro- correlate Le patologie stress lavoro- correlate Alfonso Cristaudo U.O Medicina Preventiva del Lavoro Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana Lo Stress Cenni Storici HHans Selye (Vienna, 1907 Montreal, 1982) contribuì

Dettagli

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Non è possibile conoscere a priori quale sia la strada giusta per raggiungere un obiettivo se non cominciamo a percorrerla Dott. Marco Broccoli (Ausl di Ravenna)

Dettagli

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa INCONTRO TECNICO GRATUITO Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa Treviso, 17 giugno 2010 Oggi parleremo di: Principali riferimenti normativi e presentazione dell accordo quadro europeo

Dettagli

I rischi da stress lavoro-correlato. A cura di Franca Da Re. Dirigente scolastica Psicologa del Lavoro

I rischi da stress lavoro-correlato. A cura di Franca Da Re. Dirigente scolastica Psicologa del Lavoro I rischi da stress lavoro-correlato A cura di Franca Da Re Dirigente scolastica Psicologa del Lavoro Da diversi anni la psicologia e la medicina del lavoro si occupano delle patologie che possono avere

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

Patologia psichica da stress, mobbing e costrittività organizzativa. LA TUTELA DELL INAIL

Patologia psichica da stress, mobbing e costrittività organizzativa. LA TUTELA DELL INAIL SOVRINTENDENZA MEDICA GENERALE Patologia psichica da stress, mobbing e costrittività organizzativa. LA TUTELA DELL INAIL A cura di: Paolo PAPPONE Alberto CITRO Ornella NATULLO Emanuele DEL CASTELLO ISBN-13:

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

LO STRESS NELLA PSICOLOGIA

LO STRESS NELLA PSICOLOGIA LO STRESS NELLA PSICOLOGIA Sempre più spesso si sente parlare di stress, di persone stressate, di società stressata. La parola inglese stress significa anche pressione, sollecitazione, ed è stata introdotta

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RACCOMANDAZIONE PER PREVENIRE

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato

La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato Maggio 2010 PREFAZIONE Al fine di contribuire ad un adeguata gestione dei rischi psicosociali, negli ultimi anni l ISPESL ha adottato una strategia

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta - WELKOME FITNESS 2013 Evoluzione e ricerca nel mondo degli integratori Vitamina D3: aggiornamenti e nuove applicazioni Dott Marco Neri: Comitato Tecnico Nazionale FIPCF/CONI Comitato scientifico Federazione

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Gruppo di Lavoro del Network Nazionale per la Prevenzione Disagio Psicosociale nei Luoghi di Lavoro

Gruppo di Lavoro del Network Nazionale per la Prevenzione Disagio Psicosociale nei Luoghi di Lavoro Gruppo di Lavoro del Network Nazionale per la Prevenzione Disagio Psicosociale nei Luoghi di Lavoro Coordinatore: Emanuela Fattorini - Dipartimento Medicina del Lavoro Antonia Ballottin, Adriano Barassi,

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE COCAINA COCAINA La cocaina è una sostanza liposolubile che attraversa facilmente qualsiasi membrana, usata per tanto tempo come anestetico locale di superficie. Emivita plasmatica in media inferiore a

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Dipartimento di Sanità Pubblica SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche Giorgio Ghedini Medico

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare Paolo Brambilla ASL Milano 2, Melegnano, Milano email: paolo.brambilla3@tin.it Gruppo di lavoro SIPPS Obesità e Stili di vita Sergio Bernasconi, Paolo

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO

RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO Risultati della valutazione e azioni correttive in Ulss 13 Ottobre Novembre 2013 Ulss 13 Dolo-Mirano-Noale 2013 Irma Seminara Rischi psicosociali: stress da lavoro correlato-

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi eurolettici (antipsicotici) Trovano impiego nel trattamento delle psicosi Rappresentativi della classe

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Qual è la prevalenza dell ADHD?

Qual è la prevalenza dell ADHD? Che cos'è l'adhd (Attention Deficit/Hyperactivity Disorder)? La Sindrome da Deficit di Attenzione ed Iperattività è una patologia neuropsichiatrica che insorge nei bambini in età evolutiva. L ADHD consiste

Dettagli

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN)

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) VALUTAZIONE DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA PER LA CURA DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI IN SOGGETTI CON SINDROME DI PRADER WILLI State per compilare un questionario sull'utilizzo

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

Dopo il cancro: aspetti psicosociali e qualità di vita

Dopo il cancro: aspetti psicosociali e qualità di vita guide CROinforma Piccole Dopo il cancro: aspetti psicosociali e qualità di vita Questa guida fornisce un informazione scientifica generale: soltanto il medico può, in base alla storia clinica e familiare

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

Attrezzature di lavoro, strumenti e addetti alle pulizie

Attrezzature di lavoro, strumenti e addetti alle pulizie 38 Attrezzature di lavoro, strumenti e addetti alle pulizie Gli addetti alle pulizie lavorano in tutti i settori di attività e luoghi di lavoro, dagli alberghi agli ospedali, dalle fabbriche alle aziende

Dettagli

PERCHE CI ARRABIAMO. Perché un automobile che ci impedisce di uscire da un parcheggio ci fa diventare folli di rabbia?

PERCHE CI ARRABIAMO. Perché un automobile che ci impedisce di uscire da un parcheggio ci fa diventare folli di rabbia? Perché un automobile che ci impedisce di uscire da un parcheggio ci fa diventare folli di rabbia? Certamente è una cosa che ci infastidisce, ma a meno che non stiamo vivendo una situazione di emergenza,

Dettagli

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Cosimo Urgesi Università di Udine e IRCCS E. Medea L attenzione Sottende un ampia classe di processi

Dettagli