Canapa Politica e realtà

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Canapa Politica e realtà"

Transcript

1 Liceo di Lugano 2 Lavoro di maturità in Economia e Diritto Politica e società 2011 Canapa Politica e realtà Francisco Rapp 4D Docente responsabile: Prof. Gian Carlo Werner

2 Sommario Introduzione Uso e abuso 1. Evoluzione del consumo Droga alle 8 del mattino? Passaggio ad altre droghe Effetti Ricercati Collaterali momentanei Collaterali reversibili Collaterali permanenti Motivazioni Politica 1. Cronologia della politica svizzera in materia di droga I tre pilastri (1972) Il quarto pilastro (1991) La stagione dei canapai La svolta Considerazioni Messaggio per la modifica della legge sugli stupefacenti (2001) Ultima modifica alla legge (2008) Rapporto ONU (2011) Realtà 1. Indagini sul campo Vendita di marijuana a scuola Reazioni delle autorità scolastiche e statali Antonio Perugini e Dick Marty, opinioni opposte, ma non sempre Conclusioni 1. Problemi di alcuni modi di pensare odierni La mia presa di posizione Bibliografia Francisco Rapp 1

3 Introduzione Attualmente, in Svizzera, una persona su cinque fa uso di marijuana o hascisc, entrambi derivati della canapa indiana (cannabis) 1. Uno studio di una rivista di salute ambientale ha mostrato che nelle urine dei cittadini luganesi ci sono quantitativi di eroina, cocaina ecstasy e marijuana pro capite che concorrono con quelli trovati nelle fogne di Londra e Milano 2. Un dato sulla marijuana, che presenta un interessante differenza rispetto a quelli di altre sostanze, è quello riguardante il consumo in base all et{. A differenza della maggior parte delle altre droghe, che sono usate maggiormente da persone d et{ compresa tra i 24 e i 35 anni, la marijuana viene assunta principalmente da giovani tra i 16 e i 24 anni 3. Di questa fascia d et{ molti sono studenti, i quali, oltre che nel tempo libero, consumano in settimana, spesso all interno del perimetro scolastico. Di recente venti giovani del Mendrisiotto, di cui 17 minorenni, sono finiti nelle maglie della polizia perché progettavano la vendita, per lo più a coetanei, di circa un chilo di marijuana 4. C è chi lancia messaggi allarmistici sulla portata del fenomeno e sulle conseguenze negative che porta con sé e chi minimizza e non ritiene che la situazione debba preoccupare. Charles Baudelaire nei Paradisi artificiali propone un interessante quesito: Ci si può immaginare uno stato in cui tutti i cittadini si ubriachino di hascisc? Nelle altre pagine della sua opera, spiega come la marijuana renda il suo consumatore inutile alla società e questa ultima a lui superflua, inoltre indebolisce la fondamentale volontà umana. Io ritengo si possano dare più risposte differenti perché la domanda è incompleta. La risposta potrebbe essere ben diversa a dipendenza che si parli di uso costante o saltuario. Secondo alcune opinioni, un qualsiasi consumo di droghe è incompatibile con la vita in società e il proseguimento degli studi. Inoltre da un elevato consumo di cannabis ci si deve aspettare future generazioni con un alta percentuale di dementi, invalidi, disadattati e, probabilmente disoccupati, dai quali la società non potrà trarre alcun vantaggio e di cui, piuttosto, dovrà farsi carico. Altri ritengono che un consumatore di qualsiasi sostanza che riesca a non passare ad un abuso potrebbe vivere una vita perfettamente integrata. Alcuni consumatori potrebbero trarre addirittura vantaggi concreti da questo vizio perché, tra gli altri effetti, questa sostanza permette al suo consumatore di liberarsi dai vincoli, dovuti al contesto culturale in cui vive, che condizionano la sua attività mentale. Altri cittadini potrebbero avere bisogno di assumere sostanze per sopportare la realtà in cui vivono. Secondo la sezione droghe e crimini dell ONU, cento anni di politica repressiva nei confronti delle droghe hanno ottenuto una riduzione del consumo mondiale di oppiacei dal 1,5% al 0,25% 5. Molte altre sostanze hanno subito un evoluzione simile, ma non la marijuana. 1 Schweizer Fersehen, servizio Kifferparadies St. Gallen del alle Ettore Zuccato, Chiara Chiabrando, Sara Castiglioni, Renzo Bagnati, Roberto Fanelli, Estimating Community Drug Abuse by Wastewater Analysis, Environ Health Perspect 116 (2008), UNODC, Bulletin on Narcotics, LUBER, Balerna-Coldrerio Venti minorenni nei guai per vandalismi e droga, Corriere del Ticino, , pagina 21. Francisco Rapp 2

4 È risaputo, anche se non quantificabile, che negli anni tra il 1900 e il 1950 il consumo di questa sostanza è aumentato per via della diffusione in paesi dove prima n erano sconosciuti gli effetti psicoattivi. Mentre tra il 1947 e il 1995, i sequestri da parte delle autorità di piante e infiorescenze di cannabis si sono settuplicate a causa, forse, della scarsa importanza attribuitagli dall ONU negli anni 50, periodo dei primi convegni internazionali sulle droghe 5. Ciononostante, negli ultimi anni è nata un idea, condivisa da un numero sempre maggiore di persone, secondo la quale la repressione delle droghe sia controproducente e sia necessario impegnarsi in altri settori e passare ad una commercializzazione di stupefacenti controllata dallo stato. Nel 2011 è uscito un rapporto dell ONU che sosteneva queste idee, in controtendenza con tutte le decisioni finora prese in questo ambito. Le leggi federali sugli stupefacenti hanno subito e subiscono tuttora una costante revisione per cercare di salvaguardare al meglio i cittadini svizzeri. Non è chiaro in che direzione la politica svizzera si voglia muovere, ma gli svizzeri continuano a consumare marijuana 6 e tutti i loro tentativi di legalizzazione sono falliti. Lo stato deve restare vigile perché il lassismo (non far rispettare una legge che vieta un determinato comportamento), oltre a creare confusione a chi per principio è contro le droghe, potrebbe generare ambiguità legali favorendo principalmente quegli individui che cercano un facile guadagno da attività criminose. La disponibilità legale di stupefacenti potrebbe cancellare il mercato sotterraneo e forse permetterebbe alle autorità di controllare meglio il fenomeno del consumo, ma aumentare lo spazio legale delle dipendenze (oltre alle sigarette e gli alcolici, ora anche gli spinelli) vuol dire puntare sulla responsabilità individuale, con, se questa ultima dovesse venir meno, un possibile danno agli individui e alla società. Nell ambito della mia ricerca svolgerò un indagine rilevando dati sul consumo e la vendita di derivati della canapa in tre scuole medie superiori ticinesi, cercando di valutare la portata del fenomeno e la sua pericolosità. Dopo aver studiato alcuni aspetti legati all uso e all abuso di questa sostanza ricostruirò l evoluzione delle leggi e chiarirò cosa oggi è lecito e cosa non lo è, spiegando quali misure prende lo stato per combattere o controllare la situazione. I dati ricavati saranno analizzati con due persone con idee diametralmente opposte attive nell ambito della repressione e legislazione della droga, Antonio Perugini, procuratore pubblico e Dick Marty, consigliere agli Stati. Inoltre parlerò con le autorità scolastiche, forse le più confrontate con questa realtà, per sentire le loro opinioni in merito al fenomeno e le possibili manovre d attuare per combatterlo. Facendo un paragone tra la fotografia della realtà da me scattata e le attuali leggi in vigore e provvedimenti presi dalle autorità, potrò elogiare o criticare determinati aspetti e proporre delle possibili modifiche. 5 UNODC, A century of drug control, Schweizer Fersehen, servizio Kifferparadies St. Gallen del alle Francisco Rapp 3

5 Uso e abuso Francisco Rapp 4

6 1. Evoluzione del consumo Da un sondaggio svolto dal mio compagno Alessio Lavio per un articolo da inserire nel giornale della scuola è emerso che, su 116 studenti interpellati, 57 hanno già provato uno spinello. Il primo contatto può avvenire perché si è in compagnia di persone che fumano spinelli e un giorno ci propongono di provare. I media, i libri, le esperienze trasmesse da altri oppure tutti i discorsi fatti da chi tenta di prevenire il nostro contatto con la droga possono far nascere in noi (esseri umani) la curiosità di provare. Fortunatamente per un giovane, che prende questa decisione spontaneamente e non conosce nessun consumatore o rivenditore, sarà difficile procurarsi la sostanza. Questa difficoltà sparisce se, come afferma il corriere del Ticino, esistono spacciatori che gironzolano tra gli studenti ascoltando le loro conversazioni e offrendo la merce a chi per caso comunica di essere interessato 7. Il fatto che molti giovani consumino a scuola aumenta la probabilità che altra gente entri in contatto col fenomeno e ne diventi parte. Una volta sperimentati gli effetti (le prime volte potrebbero non generarne), l atto assume un significato personale. L individuo potrebbe disinteressarsi dalla sostanza o perché ha avuto una brutta esperienza oppure perché non sente il bisogno di provare quelle sensazioni per essere felice. Qualcuno potrebbe voler rivivere prima o poi gli effetti (descritti nel prossimo capitolo sotto la voce ricercati ), altri ancora potrebbero voler vivere la maggior parte della loro vita sotto gli effetti della canapa. Coloro che hanno gradito gli effetti e ripetono l esperienza in altre situazioni sono detti consumatori saltuari o occasionali. La maggior parte di loro non acquista mai o compra piccole quantità in vista di un determinato evento, se gli viene offerto però consumano volentieri. Altri posseggono una modesta quantità di infiorescenze che dura loro diversi mesi. Nel corso del rilevamento di dati ho raccolto la testimonianza di un ragazzo che faceva crescere due piante in giardino e quello che raccoglieva gli bastava fino alla fioritura successiva, un altro esempio è dato da un giovane che per soddisfare il suo fabbisogno acquista 50 grammi ogni anno. Uno studio 8 ha analizzato l evoluzione del consumo in 2446 giovani di et{ compresa tra 14 e 24 anni nell arco di 4 anni. Il 50% di quelli che avevano già provato, nei 4 anni successivi, non ha più fatto uso della sostanza. In questo periodo il 9.7% di chi prima era un non consumatore è diventato consumatore occasionale (da 1 a 4 volte in 4 anni), l 8,3% dello stesso gruppo è diventato consumatore considerevole (massimo 2 volte a settimana), il 0,8% è diventato consumatore pesante (minimo 3 volte a settimana) e il 0,3% ha sviluppato una dipendenza. Questi ultimi sono 9 e appartengono al gruppo di soggetti più giovani dello studio. Il 44,1% dei consumatori senza complicazioni sono rimasti tali, il 54,7% di questi non ha più consumato e il 0,6% ha sviluppato una dipendenza. Di coloro che abusavano il 13,8% ha smesso, il 42,8% ha ridotto il consumo e il 2,2% ha sviluppato una dipendenza. 7 E.GA/GI.GA, Canapa Così lo spacciatore ingabbia le ignare vittime, Corriere del Ticino, , pagina 13 8 Kirsten von Sydow, Roselind Lieb, Hildegard Pfister, Michael Ho fler, Holger Sonntag, Hans-Ulrich Wittchen, The natural course of cannabis use, abuse and dependence over four years: a longitudinal community study of adolescents and young adults, Drug and Alcohol Dependence 64 (2001) Francisco Rapp 5

7 Il 60% dei soggetti, identificati come dipendenti (la dipendenza è definita come uso di una sostanza nonostante l insorgere di complicazioni) all inizio dello studio, ha interrotto il consumo nell arco di 4 anni. Sono molto pochi coloro che abusano per oltre 4 anni, ma, se la prima esperienza si fa da troppo giovani, c è un rischio molto più alto di voler ripetere l esperienza, diventare consumatori diari e contrarre effetti collaterali irreversibili e/o una dipendenza che, una volta smesso, potrebbe provocare sintomi astinenziali come ansia, irritabilità, tremori, insonnia, perdita di appetito e disturbi gastrointestinali. Nelle scuole medie superiori della Svizzera italiana prese in esame il 7,9% degli studenti fuma almeno una canna ogni settimana all interno del perimetro scolastico. Il 3,3% ne fuma una o più al giorno (dati a pagina 32). Quando si entra in un gruppo che consuma regolarmente marijuana e la si ha a disposizione, alcuni individui tendono ad aumentare le assunzioni settimanali arrivando a più volte al giorno, consumando in qualsiasi momento della giornata anche da soli. Molti studi affermano che, come per qualsiasi sostanza, ripetendo l assunzione il nostro corpo ci si abitua (assuefazione)e per sentire gli stessi effetti è necessaria una dose maggiore. Questo fatto dovrebbe comportare un continuo aumento delle dosi assunte per ottenere gli effetti ricercati. Dalle esperienze dei consumatori però risulta questo trend non si verifica sempre: persone che fanno da anni uso di cannabis hanno affermato di assumere, ancora oggi, dosi minime per ottenere quello che cercano. Spesso si assiste a un aumento esponenziale delle quantità di sostanza assunta, non tanto a causa dell assuefazione, quanto per un inspiegabile e sempre maggiore desiderio di certi individui di alterare completamente il proprio equilibrio psicofisico. Infatti, anche per quanto riguarda l alcol si sentono giovani che bevono con il solo l obbiettivo di devastarsi, forse per scappare da una vita e un corpo che non sopportano. Nel caso della canapa, a differenza dell alcol, si può riuscire ad assumere enormi quantitativi di principio attivo senza riscontrare problemi fisici troppo acuti, ma con effetti potentissimi sui processi mentali. Alcuni di questi individui, dopo qualche mese, cominciano a sentire effetti negativi psichici o fisici durante o anche dopo l intossicazione e si interrogano sul loro agire, passando ad un consumo occasionale (meno di una volta all anno) o smettendo completamente. Del restante gruppo di consumatori pesanti, pochi ci resteranno per diversi anni e quasi tutti interromperanno il consumo prima di compiere 30 anni Droga alle 8 del mattino? Una persona che sente il bisogno di alterare il proprio stato mentale potrebbe assumere la sostanza al mattino e poi ogni volta che l effetto si indebolisce. Per cominciare la giornata ubriachi, bisogna riuscire a ingerire una discreta quantità di alcolici al mattino. I possibili effetti collaterali momentanei come perdita della coordinazione, barcollamenti, vomito e disperazione sommati alla perdita del controllo di se, rendono l ubriaco facilmente riconoscibile e talvolta una spiacevole compagnia. 9 Kirsten von Sydow, Roselind Lieb, Hildegard Pfister, Michael Ho fler, Holger Sonntag, Hans-Ulrich Wittchen, The natural course of cannabis use, abuse and dependence over four years: a longitudinal community study of adolescents and young adults, Drug and Alcohol Dependence 64 (2001) Francisco Rapp 6

8 Successivamente sopraggiungono mal di testa, diarrea e nausea, questa ultima rende particolarmente difficile prolungare l ebbrezza continuando ad assumere alcol e in generale si ha difficoltà a svolgere qualsiasi attività. Dalla mia ricerca risulta che l 1,8% degli studenti, che fanno uso regolare di cannabis, ha già fumato una canna alle 8 del mattino prima di iniziare la scuola. Questo fenomeno si può definire come un evoluzione del consumo. Complice dei problemi che portano una persona ad assumere marijuana più volte al giorno dal mattino sono l assenza di effetti postumi fastidiosi e la capacità (potrebbe essere necessario acquisirla) di mantenere un comportamento normale all occhio delle persone con cui si convive. Si può passare la giornata sotto gli effetti della droga senza essere scoperti né alterando troppo il proprio equilibrio psicofisico, ripetendo l assunzione ogni qualvolta l effetto si indebolisse Passaggio ad altre droghe Se si chiede a un qualsiasi consumatore di una droga definita pesante (eroina, cocaina, allucinogeni, extasy, ecc) se è passato dal consumo di derivati della canapa, molto probabilmente risponderà di sì. Molti studiosi hanno così elaborato la teoria della droga di passaggio. Secondo loro, il consumo di cannabis causerebbe delle modifiche nella persona che la spingerebbero all utilizzo di altre sostanze stupefacenti. Non è stato possibile dare un fondamento scientifico a questa teoria e, allo stato attuale delle conoscenze, non viene presa in considerazione per diversi motivi. Innanzitutto è stato dimostrato che la maggior parte di questi soggetti prima di consumare cannabis aveva fatto uso di alcol e tabacco. Inoltre si può supporre che i tossicomani siano, per motivi genetici o circostanziali, persone delicate con una maggiore probabilità di cadere in pericolosi rituali che cercano l appagamento per mezzo di sostanze. Possono essere presi in causa i dati relativi ai consumatori di droga americani che negli anni hanno evidenziato l assenza di una correlazione tra la diffusione della canapa e dell eroina. Per quanto riguarda la cocaina, su 100 consumatori torinesi, solo 50 aveva usato cannabis in precedenza 10. Esperienze di legalizzazione in alcuni paesi hanno permesso di ricavare dati interessanti per valutare la veridicità della teoria. In Alaska, tra il 1975 e il 1990, i cittadini avevano il diritto di coltivare, possedere e consumare fino a 114 grammi di marijuana. La Corte suprema alaskana riteneva meno dannoso per la salute l uso di derivati della canapa rispetto al consumo di altre droghe o dell alcolismo, molto diffuso in questo paese. In questi anni il consumo di cocaina tra gli adolescenti si è abbassato drasticamente. A questo proposito il direttore della organizzazione nazionale di riforma delle leggi sulla marijuana ha detto che: dal momento in cui i giovani che assumono droghe riescono a procurarsi facilmente la cannabis non hanno più alcun interesse per la cocaina. 10 Arnao Giancarlo, Cannabis uso e abuso, Margini stampa alternativa, Viterbo, 2005 Francisco Rapp 7

9 In Olanda, dove la disponibilità di marijuana è di fatto legale, il numero di eroinomani e cocainomani si è, in parte, ridotto 11. Il governo olandese reputava necessario considerare le droghe definite pesanti separatamente dalla cannabis (così detta leggera), in quanto questa ultima causa meno danni alla salute se paragonata alle sostanze del primo gruppo, stupefacenti che comportano rischi e danni inaccettabili. La nascita di un mercato legale fa sì che i consumatori non entrino in contatto con membri della malavita per procurarsi la droga. Questi incontri potrebbero rovinare la vita di alcune persone, per esempio facendo nascere una dipendenza per una sostanza più pericolosa. Il fatto è che spesso non è chiaro se la cannabis sia da considerare una droga leggera o uguale a tutte le altre. Questo causa, oltre al mercato nero, l associazione mentale della marijuana con tutte le altre droghe (cocaina, eroina e tutte le altre). L individuo educato per non consumarne possiede delle barriere mentali che lo proteggono da certi comportamenti. Se in una determinata circostanza egli supera il confine che lo separa dall assumere canapa, potrebbe risultargli più facile abbattere nuovamente le protezioni costruite negli anni e assumere un altra sostanza da lui associata al termine droga. 11 Gruppo di lavoro sulla canapa istituito dal Consiglio di Stato, Rapporto del 16 maggio 2003 sul problema della canapa in Ticino. Francisco Rapp 8

10 2. Effetti 2.1. Ricercati Baudelaire scrisse: L hascisc si stende su tutta la vita come una vernice magica; la colora solennemente, e ne rischiara tutta la profondità. L occhio interiore trasforma tutto e dà a ogni cosa il complemento di bellezza che le manca per essere veramente degna di piacere. Gli effetti percepiti dai consumatori variano a differenza della tecnica e delle circostanze di assunzione e delle esperienze che il soggetto ha già fatto in questo ambito. Altri fattori che probabilmente influiscono sugli effetti prodotti dalla sostanza sono la cultura della persona e la sua anatomia. Secondo lo studioso Howard Becker, per apprezzare gli effetti bisogna imparare ad assorbire il principio attivo nel modo migliore, riconoscere gli effetti e utilizzarli nel modo più piacevole. Persone della stessa estrazione sociale, con la stessa familiarità con questo rituale, che assumano cannabis nello stesso modo e nelle stesse circostanze, potrebbero comunque vivere esperienze molto diverse. La persona sotto gli influssi di questa droga solitamente percepisce i sensi, vista, udito, tatto, gusto e olfatto più sensibili. Questa accentuazione e talvolta diversa interpretazione degli inputs del mondo attirano molti consumatori. Azioni come ascoltare musica, avere un rapporto sessuale, mangiare, bere o guardare arte risultano ancora più piacevoli. Non si trovano trattati che descrivono un miglioramento a scuola e nello sport dovuti alla marijuana. Tuttavia alcuni consumatori dichiarano di riuscire, dopo aver assunto la sostanza, a focalizzarsi e applicarsi molto più intensamente in queste attività. Sportivi raccontano che i loro tempi di reazione si accorciano riuscendo a compiere gesti atletici al di sopra delle loro aspettative, quasi come una reazione automatica al gioco. Solitamente è difficile rimanere concentrati e leggere attentamente un testo che non ci interessa ricordandone in seguito i punti importanti. Sotto l effetto di marijuana qualsiasi tema è in grado di coinvolgere, interessare, appassionare. Gli eventi e i concetti descritti sono reinterpretati dal cervello e vengono elaborati collegamenti anche stravaganti, ma che rendono più facile ripercorrere mentalmente ciò che si è letto e pensato. Una tempesta di pensieri in cui tutto è collegato e nulla e trascurabile riaccendono la passione di comunicare e meditare. Si è spinti e facilitati a socializzare. Capita di trovare un senso profondo alle cose, capita anche di trovarci un lato comico e ridere di gusto, da soli o assieme al gruppo. Questa esaltazione dell intelletto e l aumento della creativit{ sono stati descritti anche da alcuni letterati francesi, i quali, per il periodo che va dal 1844 al 1849, si riunivano in quello che chiamavano le club de Hashischins per sperimentare gli effetti dell assunzione di hascisc. Baudelaire rivela però che i pensieri scaturiti sotto l influsso del THC non sono nulla di speciale, ma paiono tali a causa della fiducia che l ebbrezza ci fa porre nelle nostre idee. Di un altro avviso è l intellettuale tedesco Walter Benjamin che tra il 1928 e il 1933 ha studiato gli effetti di questa sostanza. Egli ritiene che l hascisc possa diventare uno Francisco Rapp 9

11 strumento per penetrare alcuni aspetti della realtà altrimenti trascurati o inafferrabili. Inoltre, secondo lui, la capacità di svincolare l intelligenza dai condizionamenti della cultura dominante per comprendere complessi nessi fattuali della realtà è acquisibile e trasferibile anche fuori dall ebbrezza. Molti consumatori non disprezzano una serie di effetti che io avrei definito collaterali momentanei: la perdita della cognizione del tempo e del senso di orientamento e, un po di tempo dopo l assunzione, la comparsa di appetito e/o sonnolenza. Accumulando esperienze con questa droga, in molti casi, cambiano gli effetti che essa genera nell individuo. Risulta però che assieme agli effetti cambi anche ciò che si cerca nella sostanza. Infatti molti consumatori, nonostante dichiarino di non ridere più, di non percepire gli inputs in modo particolare e di perdere il legame con gli altri elementi del gruppo, continuano a fumarsi le canne Collaterali momentanei Assieme o in alternativa agli effetti desiderati possono comparirne di meno piacevoli. I consumatori dichiarano di aver sperimentato: secchezza di bocca e gola, vomito, senso di calore, giramenti di testa, svenimenti, stanchezza, mal di testa, battito molto accelerato, pressione sull addome, paranoia (si è convinti che tra tutte le possibilit{ accadr{ la peggiore), paura, depressione, ansia, difficoltà di comunicazione e confusione. Molte persone non hanno mai provato nessuno di questi effetti neanche con dosi elevate, mentre altri ne hanno sofferto già a dosi minime. Ciò significa che, oltre ai dosaggi, alla modalità di assunzione e alla composizione chimica della sostanza, anche determinate caratteristiche anatomiche e psicologiche dell individuo modificano l esperienza. Uno stato d animo triste (set) e un ambiente sgradito (setting) aumentano la probabilità di viverne una negativa. Alcuni consumatori dichiarano di aver imparato a evitare l insorgere di effetti sgraditi. Altri, come già detto nel capitolo evoluzione del consumo, dichiarano che gli effetti sgraditi sono subentrati progressivamente nelle loro esperienze con la droga, fino a farli smettere. Gli effetti collaterali momentanei, come ad esempio il rallentamento dei riflessi, non rappresentano un pericolo per un individuo sano. Se questa persona, entro 24 ora dal consumo 12, si mettesse alla guida (la guida sotto gli influssi della canapa risulta meno compromessa che sotto gli effetti dell alcol 13 ) o a fare attività che richiedono determinate prestazioni per essere eseguite in sicurezza, gli effetti collaterali momentanei possono costituire un rischio mortale. Essi possono portare a situazioni gravi anche laddove il consumatore presenta disfunzioni corporali, che sono aggravate dal consumo di marijuana, come ipertensione o psicosi. 12 Yesavage J., Leirer V.O. et al., Hangover effects of marijuana intoxication on aircraft pilot performance, Am.J. of. Psychiatry 142, Gruppo di lavoro sulla canapa istituito dal Consiglio di Stato, Rapporto del 16 maggio 2003 sul problema della canapa in Ticino. Francisco Rapp 10

12 2.3. Collaterali reversibili Il THC che entra nel corpo fumando un solo spinello impiega dai 5 ai 30 giorni per essere espulso completamente. Esso tende a depositarsi nel grasso, principalmente nel cervello. Un consumo troppo frequente causa l accumulo di grandi quantitativi di principio attivo che potrebbero compromettere sempre di più le capacità cognitive e alcune funzioni vitali. Nei consumatori frequenti si sono riscontrati difficoltà di memoria, applicazione nello studio, concentrazione, apprendimento e astrazione. Questi peggioramenti sono passeggeri e inferiori rispetto alle differenze tra le capacità di diversi individui. In pratica non si diventa stupidi, ma non si rende come si potrebbe. Questi handicap, a giovani in formazione, potrebbero costare la formazione. Altri effetti collaterali che persistono fino alla cessazione del forte consumo sono: un azione repressiva nei confronti del sistema immunitario senza però alcuna conseguenza pratica accertata, un abbassamento del livello di testosterone e della produzione di sperma senza ripercussioni riscontrate sulla capacità di procreare e una restrizione della circolazione sanguigna nel cervello che aumenta il rischio di ictus. Una volta cessato il consumo, c è il rischio di non riuscire bene come si vorrebbe in attività che erano facilitate dall uso di droga. Per esempio per trovare nuovamente l ispirazione, dopo che per molto tempo vi si è acceduti per mezzo di droghe, potrebbe richiedere un grande impegno Collaterali permanenti Penso che la morte si possa definire danno collaterale permanente. Detto questo riporto la frase presente nella maggior parte dei testi sulla marijuana: Nessuno è mai morto di sola canapa. L espressione ti brucia il cervello è falsa, i principi attivi della cannabis non modificano in alcun modo il cervello di un adulto sano. Purtroppo pare non si possa dire lo stesso di un cervello in via di sviluppo. Utilizzando la risonanza magnetica ad alta definizione si è constatato che il cervello di una persona adulta che abbia abusato di marijuana non presenta anomalie. Le persone di anni che avevano, durante l adolescenza, fatto un uso frequente di cannabis per un lungo periodo presentano l ippocampo destro e il sinistro (un po meno) con un volume significativamente inferiore a chi si è astenuto da questo vizio. Si presume che questa anomalia causi un declino delle funzioni mnemoniche, anche se i soggetti compensano con l attivazione di altre zone del cervello. Le persone studiate appartenevano a una classe sociale medio-bassa, riportavano un basso QI e molti di loro consumavano anche alcol e tabacco 14. Inoltre è impossibile affermare con certezza che non siano le persone con volumi naturalmente ridotti dell ippocampo ad avere una maggiore probabilit{ di voler abusare di marijuana. Lo stesso problema di stabilire quale sia la causa e quale l effetto si ripresenta quando si cerca di capire se la maggior parte delle persone geneticamente predisposte ad avere problemi psichici tendano a usare una droga o se i principi attivi della canapa modifichino il 14 David Roofeh, Philip Cook, James Gee, Serge Sevy, Sanjiv Kumra, Medial temporal structures and memory functions in adolescents with heavy cannabis use, Journal of Psychiatric Research 45 (2011) Francisco Rapp 11

13 cervello rendendo più probabile una malattia mentale. Il collegamento tra questo abuso e l insorgenza di psicosi è stato ampiamente dimostrato. L adolescenza è un periodo della vita in cui si scopre se stessi e il mondo e si sceglie cosa cercare di diventare. Ci viene richiesto di essere responsabili e indipendenti, si affrontano sfide, si sbaglia, si soffre, ma si impara, si riprova e si avanza. Possiamo immaginare quali scompensi psichici causi scoprire la realtà e il corpo in cui si vive, interagendo con il mondo esterno, se le percezioni sono alterate da una sostanza stupefacente. Se le prime sofferenze della vita sono soffocate artificialmente, non si trae nessun insegnamento, esse vengono svalutate e minimizzate. Il giovane cercherà di evitare di impegnarsi in qualsiasi sfida futura che potrebbe comportare fallimenti o di reprimere sul nascere, per mezzo di una droga, ogni sensazione spiacevole, credendo erroneamente di avere il controllo su di sé e sul mondo 15. Nel discorso appena concluso si può vedere come il passaggio ad altre droghe o la crisi amotivazionale siano possibili effetti collaterali forse permanenti, forse reversibili, legati al consumo regolare di cannabis in giovane età. La maggior parte delle assunzioni avvengono fumando marijuana e tabacco avvolti da una cartina. Questo fa sì che i fumatori di canne, così come quelli di sigarette, abbiano una maggiore probabilità di contrarre un cancro alle vie respiratorie rispetto ad altre persone. Tuttavia, a causa di questo uso combinato, è difficile scoprire statisticamente chi ha un maggior rischio cancerogeno. Studi di laboratorio hanno riscontrato nelle infiorescenze di canapa, solitamente fumate, una vasta gamma di sostanze cancerogene che quindi suggeriscono un uguale pericolosit{ tra il fumo di marijuana da sola e di tabacco. La lista di sostanze dannose si allunga se le piante sono state trattate con prodotti che mirano a uno scopo, come ottenere una miglior resa dalle piante, senza tener conto delle conseguenze negative per i consumatori. Va aggiunto che i fumatori di cannabis subiscono un danno maggiore agli alveoli perché inalano più profondamente di quelli di tabacco. Per questo motivo il fumo di 3-4 canne al giorno si può equiparare a quello di 20 sigarette 16. Va detto che a parità di canapa in due diversi joint il danno ai polmoni aumenta con l aggiunta di tabacco e che, a parit{ di effetto, è meglio fumare canapa con maggior contenuto di THC 17. Per finire riporto che uno studio ha concluso che il rischio di mortalità è inferiore per il consumo di cannabis rispetto a quello di tabacco 18, mentre esistono studi che collegano l assunzione di canapa con l insorgenza di altri tipi di cancro. 15 Dr Ravera Furio, Psicopatologia e clinica dell abuso e della dipendenza da cannabis e derivati, intervento al convegno internazionale sulla canapa, Lugano Rajinder Singh, Jatinderpal Sandhu, Balvinder Kaur, Tina Juren, William P. Steward, Dan Segerback and Peter B. Farmer, Evaluation of the DNA Damaging Potential of Cannabis Cigarette Smoke by the Determination of Acetaldehyde Derived N2-Ethyl-2 -deoxyguanosine Adducts. Chemical Research in Toxicology, 22 (2009), Arnao Giancarlo, Cannabis uso e abuso, Margini stampa alternativa, Viterbo, Gruppo di lavoro sulla canapa istituito dal Consiglio di Stato, Rapporto del 16 maggio 2003 sul problema della canapa in Ticino. Francisco Rapp 12

14 3. Motivazioni Baudelaire scrisse anche: Ecco dunque la felicità! Occupa lo spazio di un cucchiaino!... Potete inghiottire senza timore; non se ne muore. I vostri organi non riceveranno nessuna grande scossa. Più tardi forse un richiamo troppo frequente al sortilegio diminuirà la vostra forza di volontà, forse sarete meno uomo di quello che siete oggi; ma il castigo è così lontano e il futuro disastro è di una natura così difficile da definirsi! Che cosa rischiate? Un po di stanchezza nervosa all indomani. Non rischiate ogni giorno castighi più grandi per compensi minori? Se qualcuno consuma marijuana ripetutamente, probabilmente, è perché le sostanze contenute nella pianta generano in lui determinati effetti, molti elencati nel capitolo precedente, che gli aggradano. Nel tempo libero ci si vuole separare da tutti quelli che sono gli stress del mondo lavorativo e scolastico: staccare completamente, non pensare un secondo come se si fosse soggetti a valutazioni e si dovessero rispettare termini di consegna. Quello appena descritto è uno stato mentale che è sicuramente raggiungibile senza l ausilio di sostanze. Eppure se si è consapevoli che, come l uomo a sempre fatto, introducendo determinate molecole nel nostro corpo, ci si può sentire bene e divertirsi facilmente, ci si droga! Quindi il motivo per assumere sostanze come alcol o canapa è ottenere facilmente ciò che si cerca nei momenti di svago. A questo proposito voglio citare una testimonianza raccolta dal dottor Giancarlo Arnao: Gli effetti che prediligo nel fumo sono la disponibilità al gioco, concentrazione calda e piacevole con qualsiasi cosa io sto facendo, insomma un rapporto con la realtà che mi ricorda in maniera precisa quello che avevo da bambino 19. La motivazione di molti consumatori saltuari è che questa sostanza permette loro di liberarsi dai vincoli, dovuti al contesto culturale in cui vivono, che condizionano la loro attivit{ mentale. Il fine di questi condizionamenti è agevolare l attivit{ produttiva, ma rischiano di essere incorporati a tal punto da un individuo da influire sulle percezioni e scelte e anche fuori dal loro contesto. L elevata percentuale di persone che ricorrono a una qualunque scorciatoia (il mio lavoro è incentrato sulla canapa, ma non va dimenticato che il 35% dei ragazzi e 30% delle ragazze tra gli studenti quindicenni della Svizzera dichiara di aver consumato almeno una volta, nel mese precedente, cinque o più bevande alcoliche 20 )mostra l assenza di motivazioni morali o salutari che trattengano le persone dal ricorrere a questi sotterfugi. Oltre a essere informati sugli effetti negativi delle sostanze stupefacenti dai programmi di prevenzione, il 50% dei ragazzi e 44% delle ragazze che hanno consumato droga hanno constatato l insorgere di problemi in ambiti diversi: scolastici, personali, relazionali e sessuali. Malgrado questo fatto continuano a consumare Arnao Giancarlo, Cannabis uso e abuso, Margini stampa alternativa, Viterbo, Dipendenze info Svizzera, Nuova inchiesta tra gli scolari: il consumo di alcol, tabacco e canapa resta ad un livello importante, 29 marzo , Droghe I giovani sono consapevoli dei problemi, Corriere del Ticino, , pagina 9 Francisco Rapp 13

15 C è chi sostiene che effetti collaterali più immediati e concreti (l idea di avere i denti gialli e l alito cattivo dopo aver fumato uno spinello)siano un maggior motivo di astinenza 22. Oltre a queste, come si è visto, deboli motivazioni, vi sono riflessioni personali o il legame coi genitori (capita che qualcuno affermi di non consumare solo perché non vuole ferire i genitori) che possono dissuadere dal consumo di droghe. Diversi ex consumatori dichiarano di aver smesso perché hanno imparato, anche grazie all uso di droghe, le potenzialit{ della propria mente e non necessitano più di agenti esterni per accedervi. Altre persone, se gli viene chiesto perché non consumano cannabis, rispondo di non averne bisogno e che è triste pensare che per poter essere felici bisogna farsi del male e cambiare se stessi. Gli stessi individui interpellati risultano essere consumatori regolari di alcol, che evidentemente non ritengono una sostanza dannosa che si assume per sentirsi meglio. Questo perché la nostra cultura, di cui fanno parte anche le leggi, fa sì che il consumo di canapa sia considerato più immorale e dannoso di quello di alcol. Molti fumatori di canne la pensano in questo modo e chiedono che venga loro riconosciuto il diritto di trovare compiacimento nella canapa che solo arbitrariamente si distingue dall alcol, legale e commercializzato. Per tornare a ciò che spinge una persona ad assumere canapa si può parlare dei comportamenti particolari che caratterizzano gli adolescenti. In questa fascia di età i giovani cercano di diventare adulti imitandoli, agendo autonomamente e disobbedendo. Come gli adulti essi fumano sigarette o bevono alcolici e, come gli adulti dicono di non fare, fumano spinelli. Altri elementi che possono rientrare in questo discorso sono la ricerca di legami forti con gruppi di amici che, talvolta, comprendono dei riti come il fumare le canne. Inoltre gli effetti della canapa possono suscitare interesse in un adolescente che è alla ricerca di un identit{ e delle proprie possibilità e limiti mentali. Torniamo ora sull abuso di cannabis poiché vorrei citare uno studio del Early Developmental Stages of Psychopathology (EDSP) fondato dal ministero tedesco di ricerca e tecnologia. Esso ha dimostrato che determinati fattori sociali come, per esempio, avere una madre depressa o perdere un genitore prima di aver compiuto 15 anni, possono incidere sull uso e la progressione all abuso di cannabis 23. Esistono individui senza alle spalle nessuno dei contesti sociali elencati dalla ricerca tedesca che sono desiderosi di estirpare dalla loro vita le emozioni negative e le delusioni, a tal punto da cercare costantemente aiuto nelle droghe. I curatori dello studio di dipendenze info Svizzera citato poco fa si dicono molto preoccupati poiché oltre un terzo dei quindicenni che assume alcolici lo fa per soffocare malesseri psichici. Mentre ingerire alcol in forte quantità debilita fisicamente molto velocemente il corpo, per la canapa è diverso. Ciò può portare una persona fragile a pensare se la mia vita è piena di cose brutte e una canna rende tutto bello, allora mi faccio una canna al mattino e una ogni qualvolta ne sento il bisogno. 22 Cattellino Elena, Adolescenti e fumo di spinelli: implicazione, funzioni e fattori di protezione, intervento al convegno internazionale sulla canapa, Lugano Kirsten von Sydow, Roselind Lieb, Hildegard Pfister, Michael Höfler e Hans-Ulrich Wittchen, A 4-year prospective examination of risk factors in a community sample of adolescents and young adults, Drug and Alcohol Dependence 68 (2002), Francisco Rapp 14

16 Politica Francisco Rapp 15

17 1. Cronologia della politica svizzera in materia di droga Alcuni stupefacenti (come l oppio, le foglie di coca, la morfina, l eroina, la cocaina e i suoi sali) sono vietati in quanto il consumo di droghe illegali rappresenta un pericolo per la salute, intesa nel significato complessivo di qualit{ della vita Nasce la LStup, legge federale sugli stupefacenti in vigore ancora oggi, che, considera stupefacenti " le sostanze e i preparati che inducono uno stato di dipendenza (tossicomania) e producono effetti del tipo della morfina, cocaina e canapa 25. Si riteneva che la repressione, persecuzione di tutte le fasi dalla fabbricazione o importazione fino al consumo bastasse per evitare il consumo di droga. Inoltre si istituì un sistema di autorizzazioni per permettere a chi realmente aveva bisogno di beneficiare delle proprietà di queste sostanze legalmente Inizia la storia recente della politica svizzera in materia di droghe. Nasce il concetto del «modello dei tre pilastri» La legge sugli stupefacenti è rivista. Uno degli obbiettivi è porre le basi legali per offrire provvedimenti assistenziali e una terapia efficace ai tossicodipendenti. Fino a questo momento il consumatore era sottoposto alle stesse pene degli spacciatori, dopo questa modifica, il consumo o possesso per consumo di droga costituiscono un reato minore e talvolta restano impuniti. Queste misure servono a tutelare il cittadino con problemi di droga e piuttosto che punire lo si induce o obbliga a sottoporsi a una terapia. È introdotto (e dovrebbe essere ancora valido) l articolo 19b Chiunque prepara un esigua quantit{ di stupefacenti soltanto per il proprio consumo o ne fornisce gratuitamente un esigua quantit{ a una persona di età superiore ai 18 anni per renderne possibile il simultaneo consumo in comune non è punibile Nasce il modello di provvedimenti dei «quattro pilastri» Respinta col 70% dei voti l iniziativa popolare <<Gioventù senza droghe>> che avrebbe fatto sì che la Confederazione perseguisse una rigorosa politica proibizionista comprendente tutte le misure repressive atte a diminuire l offerta di droga e una prevenzione contro qualsiasi consumo di sostanze stupefacenti Respinta col 73% dei voti l iniziativa <<per una politica ragionevole in materia di droga>> che avrebbe depenalizzato la coltivazione, l acquisto, il possesso e il consumo di stupefacenti. La Confederazione avrebbe dovuto occuparsi di regolare la coltivazione, la produzione, l importazione e il commercio di stupefacenti. Non si sarebbero potuti pubblicizzare in alcun modo questi prodotti, gli sforzi per la prevenzione e la riduzione del danno sarebbero dovuti essere molto grandi. 24 Ledermann Simone, Sager Fritz, La politica svizzera in materia di droghe Terzo pacchetto di misure della Confederazione volte a ridurre i problemi legati alle droghe (PaMiDro III) , Ufficio federale della sanità pubblica, Berna, Legge federale sugli stupefacenti e sulle sostanze psicotrope (LStup) del 3 ottobre Francisco Rapp 16

18 1999- Il Consiglio federale, dopo la consultazione del rapporto di esperti che consigliava la depenalizzazione dell uso di tutti gli stupefacenti, propone due varianti per la modifica alla legge: una che depenalizza l uso di qualsiasi stupefacente e un altra che depenalizza gli atti preparatori e il consumo solo dei derivati della canapa. La seconda variante suscita molti consensi Sull onda della stagione dei canapai (descritta nel capitolo 4) il Consiglio federale propone, con un messaggio alle Camere di adattare la legge alla realtà di questo periodo Il Consiglio nazionale decide di non entrare in materia sul disegno di legge del Consiglio federale Per la seconda volta il Consiglio nazionale decide di non entrare in materia, così le modifiche del messaggio del 2001 sono condannate a restare per sempre solo su carta Del messaggio del 2001 sembrava fossero le modifiche riguardo alla canapa a suscitare maggiori controversie. Si è così si deciso di votare sugli altri elementi della revisione tra cui sancire la legalità della prescrizione medica di eroina. Questo ultimo tema protrarrà le discussioni parlamentari per più di un anno Il Consiglio nazionale accoglie l ultimo progetto di revisione che ha cercato un compromesso tra le parti. I contrari riescono a ottenere il referendum chiamando in causa il popolo che il 30 novembre vota a favore delle modifiche alla LStup La commissione dell ONU sulla politica in materia di droga pubblica War on drugs, un rapporto mirato a informare gli stati su come la guerra alla droga sia fallita e su come, per evitare i danni agli individui alla società causati dal consumo di droghe, si debba regolare legalmente la circolazione di droga. Francisco Rapp 17

19 2. I tre pilastri (1972) Nel 1972 per far fronte al problema sempre più forte del consumo di droghe in Svizzera, venne sviluppato il modello dei tre pilastri, composto da repressione, terapia e prevenzione. Repressione- Se non c è droga, nessuno può drogarsi. I tutori dell ordine fanno rispettare la legge sequestrando le sostanze appartenenti all elenco, delle sostanze psicotrope, dei precursori, dei coadiuvanti chimici e degli stupefacenti nonché i preparati fabbricati a partire da tali sostanze e preparati o aventi un effetto simile a essi (LStup). Tutte le persone che collaborano nel processo che va dalla produzione al consumo di una sostanza illegale sono perseguibili. Tutti i cittadini sono invitati a segnalare un infrazione della legge alla polizia, la quale interviene e raccoglie tutte le informazioni necessarie a indagare sul mercato sotterraneo e arrestare tutti i criminali implicati. Terapia- Alcune droghe fanno nascere in chi le usa dipendenza fisica o psichica, un desiderio irrefrenabile, la necessit{ di ripetere l esperienza. Se una droga è usata per lungo tempo e si riesce a smettere nonostante la dipendenza appaiono sintomi di astinenza come vomito, dolori, delirio, insonnia, diarrea. Per sentirsi meglio il tossicomane è spinto a drogarsi nuovamente. Il consumo di qualsiasi droga, soprattutto ripetuto, comporta l insorgenza di effetti collaterali che possono compromettere la salute e il tenore di vita dell essere umano. I cantoni sono responsabili di avere, nel proprio territorio, sufficienti strutture con personale adeguatamente formato per aiutare chi non può fare a meno di drogarsi e ne soffre. Ogni caso deve essere studiato individualmente per far uscire il soggetto dalla dipendenza e reinserirlo nella vita sociale fornendogli i mezzi per non ricadere in quel circolo autodistruttivo che è la droga. Prevenzione- Lo stato cerca di fornire mezzi che possano essere poi utilizzati dai genitori, dagli educatori e dagli amministratori impegnati nella prevenzione dell uso di droghe. Queste persone promuovono una vita salutare e cercano di far capire che, qualunque sia il motivo che può spingere a drogarsi, esistono altre vie per ottenere quello che si cerca. Si può stare bene senza bisogno di sostanze che agiscano sul nostro cervello, ma bisogna imparare a sviluppare rapporti sociali, essere consapevoli del proprio valore, saper resistere alle pressioni del gruppo e avere fiducia nei mezzi che ognuno di noi possiede per risolvere i problemi e godersi la vita. Per sensibilizzare la popolazione bisogna stabilire un contatto molto forte. Le informazioni devono essere corrette e esposte in modo visibile nei luoghi in cui vive chi si vuole raggiungere. Molti concetti si radicano più solidamente se assimilati in giovane età per questo motivo, sperando di lavorare congiuntamente alle famiglie, la scuola è la principale forza per prevenire l uso di droghe. Programmi statali come <<supra-f>> 26 sono attivi nella ricerca di sistemi di prevenzione sempre più efficaci. 26 Per approfondimenti visitare: Francisco Rapp 18

20 3. Il quarto pilastro (1991) All inizio degli anni ottanta il numero di tossicodipendenti nelle principali citt{ svizzere è molto alto e le loro condizioni di vita sono precarie, il disagio sociale è grande, alcune famiglie si vedono costrette a lasciare città come Zurigo per cercare un ambiente più adatto a dei bambini. In alcune città nascono le così dette scene aperte, si sa che lì ci si droga e spesso si acquistano sostanze illegali, ma la polizia non prende provvedimenti. I servizi sociali pubblici e privati offrono aiuto distribuendo siringhe sterili per proteggere contro AIDS e HIV, promuovendo la vaccinazione contro l epatite e istituendo centri d assistenza. Questa serie di misure rientrano nel quarto pilastro (dopo i tre del 1972), riduzione del danno, che si è quindi delineato spontaneamente in diverse città e Cantoni. Nel febbraio 1991 il Consiglio federale ha varato una strategia innovativa per ridimensionare l atteggiamento delle autorit{ nei confronti della droga, la politica dei 4 pilastri. Il pilastro della repressione può scontrarsi con quelli della terapia e riduzione del danno: se si combatte la droga si fa un danno ai tossicodipendenti in quanto drogandosi nell illegalit{, emarginati, le loro condizioni peggiorano e, anche se si riuscisse improvvisamente a far sparire l offerta, i danni causati dalle crisi di astinenza sarebbero devastanti. La Confederazione è a conoscenza di questa difficoltà e il suo scopo principale è quello di coordinare al meglio gli sforzi di tutte le parti confrontate con questo fenomeno, dalla polizia alle strutture di cura di cantoni, città e comuni. Non ci sono dubbi che si è lungi dal risolvere il problema, per questo motivo lo stato mette a disposizione per il lavoro pratico informazioni e scoperte scientifiche. Dal 1991 al 1999 ha sostenuto circa 300 diversi progetti e programmi innovativi tra i quali si possono menzionare per esempio: i punti in cui si possono consegnare siringhe usate per riceverne di nuove gratuitamente, stanze dove ci si può iniettare eroina sotto la supervisione di personale medico formato riducendo notevolmente il rischio di overdose e di infezione permettendo anche un contatto tra il soggetto con problemi e servizi preposti a aiutarlo, il trattamento a base di metadone per i dipendenti da oppiacei e, dal 1989, il trattamento a base di eroina ha una base legale e fa parte delle terapie riconosciute. Questa causa è stata sostenuta e difesa fortemente in parlamento dal consigliere agli Stati Dick Marty 27 (presentato nella parte Realtà, al capitolo 3.1.). Per la nuova politica sono da considerare successi sia la diminuzione del numero di consumatori, sia l affermarsi di un consumo meno rischioso, l astinenza è d obbligo se, a causa della pericolosit{ della sostanza o di caratteristiche dell individuo (per esempio: problemi psichici), anche il minimo consumo comporterebbe un rischio. Gli obbiettivi della prevenzione sono quindi cambiati. Prima ci si limitava a cercare di evitare il primo consumo di droghe, oggi, tenendo presente il numero elevato di giovani che fanno un unica esperienza con la droga, uno degli obbiettivi è evitare l insorgere di un consumo problematico con dipendenza e rischi per la salute. Questo nuovo approccio è 27 Dick Marty, Intervento in merito alla prescrizione medica di eroina (Prescription médicale d'héroïne.arrêté fédéral), Onzième séance della Session d'automne Conseil des Etats, Mercredi 7 octobre h. Francisco Rapp 19

21 criticato da chi ritiene che adattare la politica alla realtà e quindi accettare un uso saltuario, per esempio, di cannabis, piuttosto che promuovere sempre e solo l astinenza, sia controproducente. Durante eventi come i rave party (feste con musica elettronica) il consumo di droghe è particolarmente diffuso. La polizia interviene principalmente per fermare chi guida in stato alterato e chi vende sostanze illegali. Per i consumatori esistono associazioni come <<danno>> che allestiscono stands nei pressi della festa per informare sui rischi dell assunzione di una determinata sostanza e su come comportarsi se proprio si vuole provare (safer use), inoltre offrono aiuto alle persone intossicate 28. Recentemente una di queste associazioni ha iniziato un programma che ritengo molto interessante. Degli specialisti si sono messi a disposizione di coloro che intendono assumere droghe. I futuri consumatori consegnano le sostanze che desiderano provare agli esperti che le analizzano chimicamente e li informano sui contenuti e sulla posologia. Iniziative del genere possono portare ai minimi livelli le morti per droga tagliata male e per dosaggi sbagliati. Ovviamente la repressione è diventata più complicata a causa, dal 1975, della distinzione tra le pene per i consumatori e quelle per gli spacciatori, inoltre è evidente che con la politica dei quattro pilastri alcuni consumi di droga sono tollerati a determinate condizioni che quindi la polizia deve far rispettare. L idea che lo stato aiuti a drogarsi ha guadagnato terreno in buona parte d Europa, ma trova ancora molti dissensi ovunque nel mondo. Politici italiani non capiscono come si faccia anche solo a pensare a simili progetti e ritengono che la droga vada combattuta senza compromessi. Gli svizzeri, dal canto loro, hanno creduto in questa politica che, col tempo ha avuto, esiti positivi: tra il 1990 e il 2000 il numero di giovani raggiunti dalle informazioni di prevenzione statali è quadruplicato, due terzi dei tossicodipendenti ricevono aiuto con trattamenti all avanguardia, la percentuale di sieropositivi provenienti dal mondo della droga e passata rispettivamente dal 36% al 17% per le donne e dal 40% al 14% per gli uomini, i decessi per overdose sono scesi da 405 a 181, le autorità sono riuscite a combattere meglio il mercato della droga e le denunce per commercio di droga sono cresciute dal 5 al 8%. Fonte: (consultato in data ) 28 Per approfondimenti visitare: Francisco Rapp 20

22 Fonte: Messaggio concernente la modifica della legge sugli stupefacenti del 9 marzo 2001 Francisco Rapp 21

23 4. La stagione dei canapai La legge federale sugli stupefacenti (fino a una sentenza del tribunale federale del 2004) sanciva che non poteva essere coltivata, importata, fabbricata e posta in commercio " la canapa, per estrarne stupefacenti ". Ciò significa che, annunciando scopi leciti, si poteva produrre e vendere canapa. L assenza di criteri legali oggettivi è stata sfruttata dagli ambienti desiderosi di soldi per aggirare la legge. A partire dal 1993, sul territorio ticinese, sono progressivamente comparse coltivazioni e punti vendita di canapa che annunciando finalità lecite, spesso al limite del ridicolo, agivano senza essere soggetti a controlli o restrizioni. La Confederazione, che non percepiva un problema, non è intervenuta e, dopo che il Consiglio degli stati si è espresso a favore della depenalizzazione del consumo di canapa nel 2001, il Consiglio Nazionale ha rinviato la decisione generando incertezza. I prodotti più venduti all interno dei canapai erano i cosiddetti sacchetti odorosi per armadi, contenitori di plastica facilmente apribili (grip) di infiorescenze con caratteristiche favorevoli a essere usate come stupefacente (alti contenuti di THC non hanno alcun influsso sulla qualit{ dell aroma o del prodotto tessile, ma producono effetti più forti se fumata o mangiata). Molte persone hanno intravisto il possibile smisurato guadagno e hanno deciso di investire in questa attività. Inquietante è stato scoprire come, oltre a membri di organizzazioni malavitose sia locali sia internazionali, molte di queste persone non avevano nulla a che fare con il mondo del narcotraffico. Alcuni rispettabili padri di famiglia hanno sorvolato sulla loro morale e sono entrati nel giro attirati dai soldi facili. Essendo il nostro l unico paese a permettere tale situazione, e avendo il Ticino condizioni climatiche ottimali per la coltivazione di questa pianta (ciononostante molte di queste sono sorte indoor, per restare appartati e produrre droga di miglior qualità), gli estimatori di marijuana di tutto il mondo hanno voluto cogliere l occasione al volo partecipando nella produzione ed esportando il prodotto. L'indotto complessivo ticinese si calcola fra i 120 e i 150 milioni di franchi, pari se non superiore a quello dell intero settore agricolo. Circa 1,5 miliardi di franchi è quello stimato a livello svizzero. A causa dell alta redditivit{, di queste piantagioni, il costo dei terreni è cresciuto, tanto da renderli spesso inaccessibili ad agricoltori intenzionati a coltivare altro. I canoni di affitto hanno vissuto un evoluzione analoga creando così delle difficolt{ a commercianti in settori realmente leciti che non possono competere in quanto a guadagni con gli operatori di un settore con una domanda così forte. I dipendenti, spesso clandestini, di queste attività commerciali erano assunti senza contratto, evitando le imposte, e pagati in nero. Le transazioni avvenivano in contanti e senza documenti contabili a norma. Il sopraccitato interesse di altri paesi al prodotto svizzero ha generato un ingente traffico della sostanza, da noi apparentemente legale, ma nei paesi riceventi illegale. La situazione ai valichi era incandescente e molti corrieri intraprendevano le vie classiche del contrabbando, creando non pochi problemi alle relazioni internazionali. I coltivatori godevano di libertà tali da utilizzare qualsiasi metodo per far crescere le proprie piante, come, per esempio, l uso di pesticidi, ottenendo un prodotto con una maggiore percentuale di principio attivo. Queste sostanze chimiche restano sulla marijuana Francisco Rapp 22

24 e vengono inconsciamente assunte dal consumatore, causando un aumento degli effetti negativi. Le barriere etico-morali che dissuadono alcuni, soprattutto giovani, dal drogarsi potrebbero essere venute meno a causa di un messaggio antieducativo veicolato dal lassismo delle autorità nel confronto della proliferazione della canapa. Se tanti consumano per i pochi che si astengono rischia di aggiungersi il fattore di appartenenza al gruppo a favorire il consumo. Questi fattori, sommati all offerta così grande di sostanza stupefacente potrebbero aver fatto aumentare i consumi. Secondo l Istituto svizzero di prevenzione dell'alcolismo e altre tossicomanie, in quattro anni, la percentuale di giovani trai 15 e i 16 anni ad aver già provato la sostanza è passata dal 10% totale al 40% nelle ragazze e 50% nei ragazzi. La statistica più recente mostra che oggi solo un terzo dei quindicenni e un quarto delle loro coetanee hanno già consumato canapa 29. Il rapporto sulla canapa in Ticino redatto dalla commissione istituita dal Consiglio di Stato ha evidenziato che in questo periodo è aumentata la percentuale di persone che ripetono l esperienza da 29,4% a 39,6% per gli uomini e da 23,1% a 32,2% per le donne. Molti genitori e educatori, nell accorgersi che un loro figlio o allievo consumava cannabis, hanno accettato il fatto senza prendere provvedimenti, forse anch essi vittime dell insicurezza provocata dalla realt{ sconvolta. Realtà talmente assurda da far sì che le persone si sentissero libere di consumare quanto, quando e dove volevano, mentre altri cittadini presenti si sentivano impotenti e credevano di dover accettare questa situazione. 4.1 La svolta Dopo anni di proliferazione incontrastata della marijuana in Ticino, le autorità hanno deciso di reagire. Dall inizio del 2003 la polizia si è impegnata a combattere questo fenomeno. Prima di allora solo pochi canapai erano stati chiusi, mentre altri continuavano indisturbati. La magistratura aveva argomentato che la canapa non costituiva la priorità numero uno del Canton Ticino e che, a causa delle poche forze a disposizione, si sarebbe intervenuti per contrastare solo i boss di questo buisness. In quelle chiamate operazioni indoor promosse e dirette dal procuratore Antonio Perugini (presentato nella parte Realtà, al capitolo 3.1.), da marzo 2003 a marzo 2004, sono stati smascherati i reati commessi da chi produceva e vendeva prodotti apparentemente legali che in realtà non avevano altro scopo che essere assunti come stupefacenti. Il Ministero pubblico, nonostante le lacune legali, ha aperto 150 procedimenti per un totale di 270 persone indagate. Nei casi in cui avvenivano chiare infrazioni alla legge la procedura si è svolta normalmente. In altri casi, le persone perseguite ritenevano di star agendo nella legalità, ma i loro ricorsi al Tribunale Federale sono stati tutti respinti. Il TF ha risposto semplicemente usando il buon senso: sostenendo l evidenza (il divieto d accesso ai minorenni nei canapai, le percentuali di THC indicate sui prodotti, la vendita in loco di strumenti utili solo per assumere la sostanza, ecc) del fatto che il prodotto della coltivazione, di per sé legale, sarebbe potuto essere usato come stupefacente. Quindi tutti coloro che hanno intenzionalmente collaborato a mettere a disposizione della popolazione uno stupefacente proibito hanno commesso un reato. 29 Dipendenze info Svizzera, Nuova inchiesta tra gli scolari: il consumo di alcol, tabacco e canapa resta ad un livello importante, 29 marzo Francisco Rapp 23

25 A seguito di questa reazione delle autorità, le coltivazioni e i canapai sono gradualmente scomparsi. 4.2 Considerazioni Le conseguenze della stagione dei canapai si possono distinguere in tre categorie: economiche, qualitative e routinarie. Sono tutti d accordo che dell intera situazione si può incolpare, oltre alle persone pronte a fare di tutto per denaro, il mancato intervento delle autorità di fronte alla comparsa del primo canapaio. Se veramente si fosse stati disposti ad accettare i punti vendita di droga si sarebbe comunque dovuto intervenire per regolare alcuni aspetti evitando le conseguenze economiche e quelle riguardanti la qualità della canapa. Ci vogliono dei limiti alla superficie coltivabile a canapa (una sorta di piano regolatore agricolo) per evitare che l agricoltura si incentri solo sul prodotto dai migliori profitti. Bisogna controllare la composizione chimica dei prodotti e sequestrare quelli contenenti sostanze tossiche che non interessano ai consumatori (pesticidi, fungicidi e altri), impedire l esportazione del prodotto, proibire il fumo nei luoghi pubblici, rafforzare i messaggi di informazione e prevenzione e cercare di impedire il contatto dei giovani con la sostanza. Oltre a criticare il modo di reagire da parte dello stato, c è chi, come Perugini, sostiene che della situazione insopportabile creatasi per la società e per molti individui bisogna incolpare la canapa che di per sé mette in pericolo tutti. C è anche chi, come Dick Marty, si rifiuta di puntare il dito su una sostanza, ma crede che una depenalizzazione o legalizzazione ragionata, non solo non avrebbe avuto le stesse conseguenze, ma avrebbe addirittura portato molti vantaggi. Francisco Rapp 24

26 5. Messaggio per la modifica della legge sugli stupefacenti (2001) Già nel 1983 una commissione incaricata dalla Confederazione, della quale faceva parte Dick Marty, aveva concluso che bisognava depenalizzare il consumo di tutti gli stupefacenti. Dopo anni queste idee sono finalmente presenti in un messaggio per modificare la legge sugli stupefacenti. Uno degli obbiettivi di questa modifica è consolidare la possibilità di attuare provvedimenti nati con la politica dei 4 pilastri, in particolare si vuole incrementare il ruolo di coordinatrice e direttrice della Confederazione perché ci sono differenze cantonali e lacune nella pianificazione dei progetti di aiuto che vanno risolte. Un altro motivo per far passare il messaggio è che il trattamento con la somministrazione di eroina, consolidatosi efficacemente con il pilastro della riduzione dei danni, sarebbe permesso solo fino al 2004 perché in fase di sperimentazione, a meno che non si modifichi la legge sugli stupefacenti. Dall analisi del contesto ( la stagione dei canapai ) nel quale questo messaggio è stato redatto risulta necessaria una revisione delle leggi sulla canapa. Considerando i svizzeri che fanno uso regolare o occasionale di cannabis, non si può far rispettare la legge per quanto riguarda la punibilità del consumo soprattutto perché la mole di lavoro per le autorità sarebbe troppo grande. È dimostrato che un regime di divieti non dissuade le persone dal consumare cannabis, la quale, in caso di consumo moderato, reca danni alla salute che non sono superiori a quelli di altre sostanze ottenibili legalmente 30. Le lacune della legge in vigore per quanto riguarda la coltivazione e la vendita di derivati della canapa hanno generato una zona grigia poco controllabile e la difficoltà di prendere adeguati provvedimenti giuridici nei confronti delle persone implicate. La legge deve stabilire un tasso di THC sotto il quale la canapa venga considerata industriale e non stupefacente permettendone la coltivazione, la vendita e l esportazione, ma anche criteri legali chiari per sapere chi perseguire e chi autorizzare a produrre e vendere canapa da utilizzare come stupefacente all interno della Svizzera. Una delle due varianti volte a modificare la legge propone che le persone con più di 18 anni, che desiderano consumare un qualsiasi stupefacente in contesti non pericolosi per se e gli altri, possono farlo. La seconda variante, oltre a permettere la coltivazione e il commercio di canapa, si limita a depenalizzarne il consumo. Per le altre sostanze è necessaria una prescrizione medica. Chi dovesse mettere a disposizione di minorenni stupefacenti, andrebbe incontro a pene molto severe. La LStup deve sancire come obbiettivi prioritari la lotta alla criminalità e la prevenzione di una dipendenza e delle sue conseguenze. Perseguire e punire maggiormente i trafficanti che hanno come unico scopo quello di realizzare un guadagno. Chi vende droga per finanziare il proprio consumo va trattato in modo diverso. 30 Messaggio concernente la modifica della legge sugli stupefacenti del 9 marzo Francisco Rapp 25

27 Nessuna delle due varianti è riuscita a ottenere di modificare come volevano le leggi svizzere. Una modifica alla legge c è comunque stata, ma le idee originali si sono dovute adattare al pragmatismo svizzero. Dopo anni di discussioni, sono entrate in vigore nuove leggi che contenevano solo qualche traccia del messaggio del Francisco Rapp 26

28 6. Ultima modifica alla legge (2008) La canapa e l eroina restano illegali, ma sono consentite eccezioni per la prescrizione medica. Come già avevano proposto diversi messaggi, da ora in poi si considera caso grave se gli stupefacenti sono forniti per mestiere nelle immediate vicinanze di istituti scolastici e si aumenta la pena in caso di compratori adolescenti. Chi produce, detiene, trasporta e consuma, è punito, a dipendenza di quanto l infrazione sia considerata grave, con una pena pecuniaria o una pena detentiva fino a tre anni. Nel messaggio del 2001 si pensava di introdurre una multa immediata, senza l avvio di una pratica penale e restando nell anonimato, per chiunque sopra i 16 anni fosse colto a consumare o possedere una quantità di marijuana o hascisc inferiore ai 10 grammi. Questa modifica non è stata introdotta ed è tuttora discussa al consiglio Nazionale. Il punto saliente della discussione è se i giovani tra i 16 e i 18 anni debbano essere soggetti a questa misura o segnalati al magistrato dei minorenni. Il procuratore pubblico Antonio Perugini critica duramente questa iniziativa e la vede come un ulteriore banalizzazione del consumo di canapa che potrebbe allentare i freni sociali, soprattutto dei giovani, nei confronti di questa pericolosa sostanza. Uno degli obbiettivi di questo tipo di provvedimenti, secondo il parlamento, sarebbe sgravare le forze di polizia dalle denunce. Secondo la polizia però, queste misure impediscono di condurre indagini per risalire la filiale fino ai pesci grossi i quali realizzano grandi guadagni col commercio di stupefacenti 31. Restano in vigore gli articoli che proteggono il consumatore come quello che permette di abbandonare il procedimento nei casi poco gravi e quello che permettere di prescindere dall azione penale se il consumatore si sottopone a un assistenza sorvegliata dal medico. È sempre lì, Marty lo fa notare con un sorriso, l articolo 19b ( Chiunque prepara un esigua quantità di stupefacenti soltanto per il proprio consumo o ne fornisce gratuitamente un esigua quantit{ a una persona di et{ superiore ai 18 anni per renderne possibile il simultaneo consumo in comune non è punibile. ). Secondo lui questo articolo fornisce le basi legali alla corte per prosciogliere un cittadino che si è procurato (prodotto o acquistato) uno stupefacente e lo abbia consumato senza rischiare di recare un danno a nessuno oltre a sé stesso. Egli può anche condividere la droga con altri adulti consenzienti. Perugini sostiene invece che l articolo sancisce che non è un aggravante (il consumo, la coltivazione e il possesso sono comunque puniti) passare la canna a un amico maggiorenne. Se non esistesse questo articolo, il proprietario della droga consumata in comune andrebbe incontro a pene più severe rispetto a chi ha deciso di assumerla assieme a lui. Una novit{ attribuibile al messaggio del 2001 è che ora l Ufficio federale della sanit{ pubblica può rilasciare autorizzazioni eccezionali per la coltivazione, l importazione, la fabbricazione e la messa in commercio degli stupefacenti proibiti se non vi ostano convenzioni internazionali e se tali stupefacenti sono utilizzati per la ricerca scientifica, per lo sviluppo di medicamenti o per un applicazione medica limitata. 31 Perugini Antonio, Lo spinello fa ballare la Berna federale, Corriere del Ticino, , pagina 2. Francisco Rapp 27

29 7. Rapporto ONU (2011) Sulla base di scarsi dati scientifici dell epoca, nel 1955 l ONU inserisce la cannabis nella lista, comprendente anche l eroina, delle sostanze sottoposte al massimo livello di controllo in quanto produce molti effetti negativi senza vantaggi terapeutici. Non tutti i rappresentanti erano d accordo con questa risoluzione (Olanda, India e altre), ma quasi tutti hanno firmato la Convenzione Unica. La convenzione proibisce la produzione, la vendita, il possesso e il consumo delle sostanze proibite se non sono stati autorizzai per usi medici o scientifici. Gli stati possono decidere se punire severamente o con una multa e che in certi casi si può introdurre gli individui fermati in programmi di educazione, cura e/o reintegrazione. In quegli anni si credeva che queste misure avrebbero ottenuto una diminuzione della portata del fenomeno droghe e meno danni alla salute delle persone. Nel 2009 il dipartimento droghe dell ONU ha pubblicato un documento riportante i gi{ menzionati traguardi raggiunti dalle politiche antidroga nel mondo. Si sottolinea come il fatto che la cannabis sia stata sottovalutata e incriminata in forma minore rispetto ad altre droghe abbia favorito la tolleranza nei confronti di questa droga e causato un aumento dei consumi. Due anni dopo è lo stesso dipartimento a pubblicare un altro documento. La copertina riporta la scritta war on drugs con la parola war cancellata. Nell introduzione si afferma che 50 anni di dispendio di forze e risorse per combattere le persone implicate nel fenomeno droga non hanno portato alla riduzione dei narcotrafficanti (uno studio ha mostrato che l inasprimento delle leggi provoca organizzazioni di narcotraffico più violente che uccidono di più), dei venditori o dei consumatori, ma hanno peggiorato le condizioni di vita di questi ultimi. Per questo motivo affermano che bisogna mettere in discussione i preconcetti, decriminalizzare e elaborare e sperimentare nuove strategie politiche che hanno come obiettivi primari la prevenzione e la riduzione del danno. Dei 250 milioni di persone che fanno uso di droga si stima che solo il 10% siano consumatori problematici. Come si può trattare queste persone comprese tutte quelle coinvolte nella produzione e vendita di stupefacenti come criminali? La maggior parte degli spacciatori incarcerati sono pesci piccoli facilmente sostituibili dall organizzazione criminale, quindi si rovina la vita a una vittima della malavita mentre questa continua le sue attività. I paesi che hanno introdotto la decriminalizzazione, soprattutto di cannabis (Portogallo, Olanda, Australia, alcuni stati USA), hanno vissuto un aumento dei consumi minore rispetto alle nazioni che hanno mantenuto invariate la leggi. È stato dimostrato che gli stati che spendono per programmi di prevenzione e riduzione del danno traggono maggiori benefici sociali rispetto a quelli che investono nella repressione, ma quasi tutti gli stati continuano in via prioritaria a reprimere. Nelle pagine seguenti all introduzione, la Svizzera è menzionata come esempio di nazione in grado di raggiungere traguardi con provvedimenti innovativi che si distanziano da quelli prettamente repressivi. Alla politica dei 4 pilastri si attribuisce il merito di aver ridotto il mercato illegale di eroina fornendola in modi sicuri ai tossicodipendenti con forti problemi. In questo modo, oltre a Francisco Rapp 28

30 migliorare le condizioni di vita dei drogati, si è riusciti a diminuire il numero dei nuovi tossicomani da 850 nel 1990 a 150 nel Per tornare alla repressione: nessuno stato dispone di sufficienti mezzi per combattere simultaneamente tutte le droghe. Concentrandosi su una in particolare si spinge il consumatore della sostanza perseguita a usarne altre, talvolta molto più pericolose, per soddisfare quelli che ritiene i propri bisogni di automedicazione, evasione dalla realtà, apertura mentale e divertimento. L ONU sostiene che bisogna esplorare la possibilit{ di creare un mercato di sostanze ora illegali, regolato e tassato dallo stato. Questa idea non è nuova e suscita sempre reazioni controverse, ma sia chi è contrario che chi è a favore di queste misure sostiene che se si agisce bisogna agire a livello internazionale. Francisco Rapp 29

31 Realtà Francisco Rapp 30

32 1. Indagini sul campo Studiare la politica svizzera in materia di droghe non è così stimolante se paragonato alla possibilità di capire realmente se, come e quando gli svizzeri facciano uso di droga. I giovani sono il futuro ed è scientificamente provato che gli effetti collaterali delle droghe sono maggiormente devastanti sul loro fisico e la loro psiche. Per questo preoccupa che si consumi e si venda persino a scuola. Lo sanno gli allievi, lo sanno i docenti e, talvolta, lo sa la direzione. Dico talvolta perché il direttore di una delle scuole prese in esame ha dichiarato che finché non sarà in possesso di dati statistici che dimostrino il contrario, basandosi sull osservazione quotidiana, continuerà a ritenere che il consumo di cannabis a scuola sia marginale e nascosto. Sui giornali locali appaiono spesso articoli con titoli allarmistici, che dipingono una situazione sempre gravissima per quanto riguarda il consumo giovanile di droghe. La prima pagina del corriere del Ticino del 6 ottobre di questo anno riportava: La verit{ degli studenti <<Uno su tre usa droghe>>. In quanto studente liceale posso raccogliere informazioni e opinioni sul campo meglio di chiunque altro, infatti, molti degli studenti coinvolti nel fenomeno sono miei amici o conoscenti. Ora quantificherò il consumo e la vendita di marijuana da parte di studenti all interno del perimetro di tre scuole medie superiori della Svizzera italiana. È quasi impossibile che qualcuno si faccia una canna al liceo senza che nessun altro ne sia a conoscenza. Ho cominciato parlando con chi conosco, dopodiché mi sono fatto indicare altri studenti nel giro che non conoscevo e così via. Gli approcci erano sempre amichevoli, chiarivo loro l entit{ della mia ricerca e chiedevo ciò che volevo sapere assicurando che tutto sarebbe rimasto nell anonimato. La mia ricerca non è scientifica, non vanta di metodi statistici e potrei non aver raggiunto tutti. Le mie cifre sono un po più piccole di quelle reali, ma forniscono un quadro interessante da analizzare. Francisco Rapp 31

33 Nella tabella sottostante sono presentati i dati raccolti riguardanti il numero di studenti che fumano canapa in zona istituto settimanalmente (almeno una canna a settimana) e giornalmente (almeno una canna al giorno). Conoscendo il numero di allievi nelle scuole in cui ho svolto il sondaggio si può ottenere una cifra che per difetto rappresenta la parte di consumatori regolari sul totale degli studenti. Oltre a queste percentuali ho trovato interessante raccogliere il numero dei consumatori diari che frequentava l ultima classe l anno scorso per vedere se il loro vizio giornaliero impedisse loro di raggiungere i traguardi scolastici. Di quei 46 uno ha ripetuto l anno e tutti gli altri hanno ottenuto la maturità. Inoltre ho raccolto i dati relativi al numero di studenti minorenni o maggiorenni che vendono canapa (illegalmente) ai loro compagni. La raccolta di dati si è svolta nella settimana dal 16 al 20 di Giugno. Gli impegni dell ultimo periodo dell anno scolastico potrebbero dissuadere qualcuno dall assunzione troppo regolare di canapa oppure, se si dovesse essere già sicuri di aver raggiunto gli obbiettivi scolastici, ci sarebbero meno freni al consumo. Inoltre questa settimana è lontana dal periodo di fioritura e raccolta della parte stupefacente delle piante cresciute all aperto. Ciò potrebbe aver influenzato la disponibilità di sostanza e quindi la possibilità di consumare. Numero studenti Totale Min 1 /sett Min 1/gg Min 1/gg (di 4a) Venditori Venditori < Percentuali 7.9% 3.3% 1.8% Francisco Rapp 32

34 2. Vendita di marijuana a scuola La mia ricerca ha permesso di capire in che modo gli studenti si procurano la droga. Chi ha la possibilità dovuta, oltre che alle adeguate conoscenze botaniche, a un ubicazione ideale o al permesso dei genitori per coltivare canapa in giardino o in casa, fa crescere qualche pianta. Essendo interessati solo a soddisfare il proprio fabbisogno e non alla vendita, nessuna delle persone intervistate possedeva più di tre piante. Queste persone raccolgono una volta all anno trai 100 e 400 g di infiorescenze secche per pianta nel caso di coltivazione all esterno (outdoor) e g dalle 2 alle 6 volte all anno se coltivate all interno (indoor) con apposite lampade. Chi coltiva cerca di far durare la sua erba fino alla prossima raccolta. Raramente comprano perché hanno finito le proprie riserve. Oltre a essere indipendenti dagli spacciatori, questi individui condividono spesso la droga prodotta con i membri del gruppo, questi ultimi possono evitare di comprare grazie all amico che la mette a disposizione per l uso in comune e, qualche volta, regala piccole quantità che possono usare a piacimento. Quando non si ha la possibilità di consumare gratis un prodotto di buona qualità e di origine conosciuta, bisogna rivolgersi a un rivenditore. Nessuno studente ha dichiarato di procurarsi la cannabis direttamente da un grande produttore. Gli studenti che acquistano si possono suddividere in due gruppi: acquirenti al dettaglio (tra 0,5 e 5 grammi) e acquirenti all ingrosso (tra i 10 e i 100 grammi). Chiaramente definire questi studenti acquirenti all ingrosso risulterebbe inadeguato fuori dal contesto scolastico dove l unit{ di misura da usare sarebbe il chilogrammo. I primi comprano unicamente per consumare, ma alcuni di loro, se gli fosse chiesto, attingerebbero alla loro modesta riserva per regalare o vendere una o due canne (0,5-1 g). Eccetto per un numero ridotto degli appartenenti al secondo gruppo che comprano grandi quantità perché consumano veramente tanto o per pagarla meno e tenerla da parte, chi compra all ingrosso lo fa per venderne una parte e recuperare i soldi spesi per il proprio vizio. Raramente i componenti sono fissi in un gruppo. Molto spesso i ruoli si invertono e chi, in un certo momento, aveva comprato 100 g e venduto a diversi studenti bustine contenenti 4g di marijuana, il mese successivo, potrebbe trovarsi a comprare un piccola quantità da uno di quelli che aveva acquistato da lui i 4g. La persona alla quale si acquista la canapa ha infatti preferito raccogliere la somma necessaria per impossessarsi di un quantitativo di marijuana superiore al proprio fabbisogno. La maggior parte delle volte gli acquirenti al dettaglio comprano la droga dai compagni e tutti gli acquirenti all ingrosso devono lasciare l istituto per procurarsi la droga. Dalla mia ricerca risulta che l 1,8% degli studenti ha già venduto droga, essi sono tutti consumatori e rappresentano il 22,4% di questo gruppo. Per diventare un venditore è necessario conoscere una persona, fuori dal giro scolastico, che riceva grandi quantità di canapa (diversi chili) da produttori locali o esteri trafficando di persona o utilizzando un corriere. Francisco Rapp 33

35 Un acquirente al dettaglio interessato a diventare un acquirente all ingrosso deve chiedere a uno dei membri del secondo gruppo come contattare il suo fornitore. Per evitare di entrare in contatto con il traffico di stupefacenti ad altri livelli il nuovo acquirente all ingrosso potrebbe chiedere al suo compagno di fare da intermediario tra lui e il fornitore. Una prassi molto usata che permette di ridurre i costi è quella di comprare un grande quantità in comune. Comprando l erba da un grosso rivenditore ai prezzi attualmente più bassi in circolazione, ovvero circa 650 Fr. per 100 g di outdoor e 750 Fr. per indoor, e rivendendola chiedendo il prezzo più alto che un compratore sarebbe disposto a pagare, quindi 12,50 Fr./g per l outdoor e 14 Fr./g per l indoor, il guadagno ammonterebbe rispettivamente a 600 e 670 Fr. 32. Molto difficilmente si trovano prezzi così bassi per la canapa all ingrosso e abbastanza compratori che accettino prezzi così alti per la sostanza al dettaglio. Solitamente capita che chi compra si tenga tra i 10 e 15 g e venda il resto guadagnando quanto ha speso. Come già detto nessuno studente è interessato a ottenere grandi guadagni da questa attività e se può evitare di dover cercare acquirenti è ben contento. Il fornitore (nella figura in nero) vende agli acquirenti all ingrosso (in rosso e in blu nella figura 1) i quali riforniscono i compratori al dettaglio all interno del perimetro scolastico. In un altro momento (figura 2) due acquirenti al dettaglio (in giallo e in verde nella figura 1) diventano gli acquirenti all ingrosso e vendono agli altri, compresi gli ex acquirenti all ingrosso. 32 Dati forniti dai consumatori Francisco Rapp 34

36 3. Reazioni delle autorità scolastiche e statali Per prima cosa trascrivo alcune reazioni, commenti e opinioni di membri della direzione o del corpo docenti delle scuole esaminate. Una docente si diceva sconcertata e spaventata del fatto che aveva sentito che ci sono studenti di quarta che vendono a studenti di prima. La mia analisi ha rilevato che non esiste una vendita regolare da studenti più vecchi a quelli più giovani, ma può capitare che giovani minorenni vendano a compagni maggiorenni. Come già detto, in un caso il direttore di un istituto ha affermato di non possedere dati che gli facciano pensare a una rete di spaccio interstudentesca, ma la direzione è stata costretta ad assumere un agente di sicurezza a causa di presenze estranee nel perimetro scolastico dedite ad attività, molte delle quali illegali, che davano fastidio alla maggior parte dei frequentatori dell istituto. Oltre a questi estranei egli non crede che qualcuno consumi stupefacenti all interno dell istituto perché questo non permetterebbe a nessuno di raggiungere i requisiti scolastici necessari per la frequentazione delle lezioni. Tutte le direzioni sono d accordo che a un problema studentesco all interno dell istituto non si risponde chiamando la polizia, ma con un confronto diretto con lo studente. Un altro direttore, così come molti docenti, hanno detto di non avere dubbi sul fatto che si consumi a scuola. Alcuni di loro sentono l odore di marijuana quando camminano nel perimetro scolastico o dalle aule, attraverso le finestre. Inoltre c è chi dice di aver colto sul fatto alcuni ragazzi. Il gruppo di docenti consapevoli della situazione si divide in chi non se ne cura troppo e chi chiede assolutamente provvedimenti. I primi ritengono che sia un fenomeno marginale, al momento non preoccupante e che visto l uso esclusivamente di droghe leggere non troppo pericolose (visto che se ne permetteva la vendita e si stava per depenalizzarle) non è a rischio la salute o la formazione dei giovani. Inoltre un intervento delle autorità è da escludere perché rovinerebbe il rapporto con i docenti, i quali danno la priorità all educazione che impartiscono e alla maturità che è auspicabile raggiungere per proseguire in questa scuola. Gli altri ritengono che sia imbarazzante e fastidioso sia per loro che per gli studenti e che in una scuola non possa essere tollerato un comportamento del genere. Tra di loro c è chi chiede che, in caso di infrazione alle norme di convivenza, la direzione provveda immediatamente ad applicare le sanzioni disciplinari previste, saltando la parte che comprende la segnalazione dell accaduto al docente di classe perché ritengono che sia un espediente per evitare di affrontare il problema. Uno di loro ha scritto al collegio docenti a questo proposito, ma quando gli è capitato di trovarsi di fronte a uno studente intento a fumarsi una canna si è limitato ad allontanarlo e ad andare in direzione ad annunciare il fatto senza però essere preso sul serio e lasciando cadere la questione. Esso propone di chiudere le zone nelle quali avvengono i rituali illegali e non esclude l eventualit{ di mettere al corrente i mas media. In collaborazione con gruppi di lavoro cantonali e nazionali, nel 2006 la polizia cantonale ha creato visione giovani 33, che è a disposizione delle scuole per interventi preventivi e mediativi prima di una denuncia in caso di attività illegali. 33 Per approfondimenti visitare: Francisco Rapp 35

37 Anche se si è a conoscenza di questa possibilità non è stata adottata nessuna misura di carattere ammonitivo, punitivo o preventivo, oltre a due o tre giornate ogni anno che in tutte le scuole in esame sono dedicate alla prevenzione dell uso e dell abuso di stupefacenti e alcol con conferenze e attività Antonio Perugini e Dick Marty, opinioni opposte, ma non sempre Facciamo ora conoscenza con le due personalità più volte citate in questo mio elaborato, Antonio Perugini e Dick Marty. L avvocato Perugini è procuratore pubblico dal 1990 e sostituto procuratore generale dal 2011, promotore diretto e titolare delle inchieste che hanno portato alla chiusura dei canapai ticinesi, è sempre stato in prima linea nella lotta contro le droghe illegali. Secondo lui le sostanze illegali sono impossibili da dosare adeguatamente e impossibili da usare senza riscontrare conseguenze negative. Egli segue la via della repressione che appartiene al suo campo e che riconosce essere una causa persa, ma sostiene però che non bisogna allentare neanche un istante la presa perché oltre che frenare la proliferazione incontrastata della droga veicola un messaggio importante verso la popolazione. Anche a livello scolastico egli mette in guardia di non sottovalutare il fenomeno che come dimostrato è presente e l ultima cosa da fare sarebbe lasciar correre. Il senso di impunità che percepiscono gli studenti è antieducativo e ogni docente della scuola, istituita appositamente per educare, non deve passare la patata bollente a un collega, bensì deve affrontare il problema lui stesso prima con il dialogo e poi mettendo in atto le sanzioni previste dalle regole di convivenza dell istituto. Inoltre egli fa notare la pericolosità della situazione degli studenti che vendono droga a scuola i quali, anche se non vendono per mestiere (la LStup definisce come criterio chi ricava un grande guadagno dalla vendita di stupefacenti), se sono maggiorenni che vendono a minorenni (29 casi) rischiano da pene pecuniarie fino a tre anni di carcere e, nel caso in cui il tribunale decidesse che lo studente ha tratto abbastanza profitti dall attività di vendita da essere definito spacciatore per mestiere, viene punito con minimo un anno di carcere. Dick Marty è stato procuratore pubblico del Canton Ticino dal 1975 al 1989, anno in cui venne eletto al Consiglio di Stato. Dal 1995 è Consigliere agli Stati a Berna. Attivo in vari ambiti si è distinto per la sua lotta alla criminalità organizzata (ha contribuito al maggior sequestro di eroina della storia svizzera) e per il suo impegno nel migliorare le politiche sulla droga anche a livello internazionale (nel 1998 diventa deputato all assemblea parlamentare del consiglio d Europa). Nel 1987 ha ricevuto un onorificenza dal dipartimento di giustizia statunitense e un premio dalla International Narcotic Officers Association per la sua dedizione e i risultati ottenuti nell ambito delle leggi sulla droga. Francisco Rapp 36

La dipendenza psicologica. Dott.ssa Aurora Martina Meneo aurora.meneo@gmail.com 328 92 88 660 www.lifeofbrain.com

La dipendenza psicologica. Dott.ssa Aurora Martina Meneo aurora.meneo@gmail.com 328 92 88 660 www.lifeofbrain.com La dipendenza psicologica Dott.ssa Aurora Martina Meneo aurora.meneo@gmail.com 328 92 88 660 www.lifeofbrain.com E una condizione in cui il consumatore ha bisogno di assumere frequentemente una sostanza:

Dettagli

INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI

INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI Indagine sui comportamenti a rischio degli adolescenti INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI di Luigi Minerba, Paolo Contu, Carlo Pintor In questo articolo vengono presentati alcuni risultati

Dettagli

Come uscire. dalle droghe

Come uscire. dalle droghe Come uscire dalle droghe Uscire dalle droghe è possibile in ogni Ho perso il controllo Un giovane può cadere facilmente nella trappola della droga, sia per curiosità, sia per una particolare situazione

Dettagli

Libera volontà del consumo o dell azione. l effetto piacevole viene in prima linea:

Libera volontà del consumo o dell azione. l effetto piacevole viene in prima linea: Segni dell uso Libera volontà del consumo o dell azione azioni occasionali azioni misurate l effetto piacevole viene in prima linea: - è piacevole e divertente - viviamo qualcosa con tutti i nostri sensi

Dettagli

DIPARTIMENTO POLITICHE ANTIDROGA. Informazioni per i giovani. www.droganograzie.it

DIPARTIMENTO POLITICHE ANTIDROGA. Informazioni per i giovani. www.droganograzie.it DIPARTIMENTO POLITICHE ANTIDROGA? s i b a cann Informazioni per i giovani www.droganograzie.it CANNABIS Anno 2009 A cura di: Dipartimento Politiche Antidroga - Presidenza del Consiglio dei Ministri Tratto

Dettagli

Da una parte. D altra parte. Tutto quello che occorre sapere su alcol e droghe nei luoghi di lavoro.

Da una parte. D altra parte. Tutto quello che occorre sapere su alcol e droghe nei luoghi di lavoro. Da una parte. D altra parte. Tutto quello che occorre sapere su alcol e droghe nei luoghi di lavoro. Alcol e droghe sul lavoro Perché dire NO Non vogliamo vietare nulla Mettiamo le cose in chiaro: non

Dettagli

Tipologie di consumo Informazioni per il PD

Tipologie di consumo Informazioni per il PD Informazioni per il PD 1/5 Compito Gli alunni fanno un esperimento volto a illustrare le differenze tra un «consumo occasionale» e un «consumo problematico». Gli alunni riassumono le caratteristiche che

Dettagli

Alcol, droghe e comportamenti a rischio

Alcol, droghe e comportamenti a rischio 26 marzo 2014 h. 09.10-11.00: LEZIONE DI LEGALITA Alcol, droghe e comportamenti a rischio prof.ssa Alessandra Busulini Mosaico - classi 1 e : prevenzione all uso di alcol Mosaico - classi 2 e : prevenzione

Dettagli

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto La prevenzione delle droghe prof.ssa Carla Buonaiuto L adolescenza inizia con l ingresso alla scuola media inferiore e in questo periodo avvengono cambiamenti psicofisici e nelle relazioni con la famiglia,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA SOLARO SCUOLA MEDIA LUIGI PIRANDELLO. RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO LIFE SKILLS TRAINING a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA SOLARO SCUOLA MEDIA LUIGI PIRANDELLO. RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO LIFE SKILLS TRAINING a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA SOLARO SCUOLA MEDIA LUIGI PIRANDELLO RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO LIFE SKILLS TRAINING a.s. 2012/2013 Nel corrente anno scolastico, la Scuola Media L. Pirandello ha organizzato,

Dettagli

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Il capitolo illustra in che modo i fattori di rischio e i fattori di protezione influenzano i comportamenti di abuso, i segnali precoci di rischio, i

Dettagli

redditizia della criminalità organizzata, il tentativo di stroncarla è ancora in fase di estenuante lavoro, aggravato anche dalle complicità e

redditizia della criminalità organizzata, il tentativo di stroncarla è ancora in fase di estenuante lavoro, aggravato anche dalle complicità e LA DROGA La diffusione del fenomeno droga ha assunto dimensioni allarmanti. Quali le cause di questo gravissimo male della società moderna? Quali possibili rimedi? Bisogna considerare il drogato un reo

Dettagli

Tabacco, alcool, droghe

Tabacco, alcool, droghe Tabacco e prestaziome Tabacco, alcool, droghe Essere in pieno possesso delle proprie capacità cardio respiratorie e muscolari è indispensabile per la pratica di uno sport, qualunque esso sia. Alcune sigarette

Dettagli

Adolescenza e Droga. dr.giuseppe Mascarella

Adolescenza e Droga. dr.giuseppe Mascarella Adolescenza e Droga dr.giuseppe Mascarella L uso di droghe è una scelta individuale a cui concorrono fattori personali ed ambientali Prima di operare una scelta è bene conoscere le due facce della medaglia

Dettagli

Città di San Benedetto del Tronto Settore attività sociali Servizio Risposte Alcologiche

Città di San Benedetto del Tronto Settore attività sociali Servizio Risposte Alcologiche Città di San Benedetto del Tronto Settore attività sociali Servizio Risposte Alcologiche V.le A. De Gasperi, 51 800-239220 sralcologiche@libero.it LE ABITUDINI ALCOLICHE DEGLI ADOLESCENTI A.S. 2006-07

Dettagli

Le Droghe Alcune cose che vale la pena sapere A cura del Dipartimento Dipendenze

Le Droghe Alcune cose che vale la pena sapere A cura del Dipartimento Dipendenze Le Droghe Alcune cose che vale la pena sapere A cura del Dipartimento Dipendenze Az. ULSS 20 Verona Cosa sono? Le Sostanze Psicoattive Sono tutte quelle sostanze legali ed illegali che: 1. Agiscono sul

Dettagli

L ALCOLISMO. Un problema risolvibile

L ALCOLISMO. Un problema risolvibile L ALCOLISMO Un problema risolvibile MAPPA INTRODUZIONE DIPENDENZA PERCHÈ SI ABUSA? ASPETTI SOCIALI 1. GIOVANILE 2. VIOLENZA TERAPIE ASSOCIAZIONI UTILI L ALCOLISMO INTRODUZIONE È LA PIÙ ANTICA E DIFFUSA

Dettagli

Droghe, riduzione del danno, politiche delle città

Droghe, riduzione del danno, politiche delle città Droghe, riduzione del danno, politiche delle città Matteo Ferrari Divisione della salute pubblica, Delegato cantonale per le tossicomanie, Canton Ticino Milano, 13 aprile 2012 Barometro delle apprensioni

Dettagli

(In) dipendenza a scuola e nella vita

(In) dipendenza a scuola e nella vita (In) dipendenza a scuola e nella vita 1 L Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) definisce la salute come uno stato di benessere fisico, mentale e sociale e non soltanto l assenza di malattia o infermità

Dettagli

01 La dipendenza: aspetti generali 2

01 La dipendenza: aspetti generali 2 VI Sommario Parte prima Che cos è la dipendenza Non tutte le dipendenze sono uguali: si può dipendere da una sostanza, da una persona, da un comportamento. Il risultato, comunque, è sempre lo stesso: l

Dettagli

Cannabis. Il mito di una droga per nulla «leggera» Una presentazione di Alleanza Cattolica. Foto: graffiti, Cannabis Club, Venice, California

Cannabis. Il mito di una droga per nulla «leggera» Una presentazione di Alleanza Cattolica. Foto: graffiti, Cannabis Club, Venice, California Cannabis Il mito di una droga per nulla «leggera» Una presentazione di Alleanza Cattolica Foto: graffiti, Cannabis Club, Venice, California Marijuana: che cos è? La marijuana è ricavata dalle foglie e

Dettagli

Aspetti operativi della sorveglianza sanitaria su tossicodipendenza

Aspetti operativi della sorveglianza sanitaria su tossicodipendenza Aspetti operativi della sorveglianza sanitaria su tossicodipendenza Dott. Giuseppe Giubbarelli Medico del lavoro UO Medicina del lavoro Ospedale di Sassuolo Cosa sono le droghe Sostanze : Psicoattive :(agiscono

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Prevenzione delle dipendenze: qualche consiglio per i genitori

Prevenzione delle dipendenze: qualche consiglio per i genitori Prevenzione delle dipendenze: qualche consiglio per i genitori 1 Contenuti della presentazione I motivi del consumo Tabacco, alcol, canapa I comportamenti problematici: l esempio della ciberdipendenza

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

CHE I GENITORI POTREBBERO NON SAPERE RIGUARDO ALLA

CHE I GENITORI POTREBBERO NON SAPERE RIGUARDO ALLA 10 COSE CHE I GENITORI POTREBBERO NON SAPERE RIGUARDO ALLA Marijuana PREVENZIONE E RIABILITAZIONE DALLE DROGHE CONOSCI LE RISPOSTE A QUESTE DOMANDE SULLA MARIJUANA? 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 L uso di marijuana

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati 7 Area di indagine: Io e il fumo Analisi e commento dei dati All interno di questa prima area di indagine le asserzioni fra cui gli alunni erano chiamati

Dettagli

Gli anziani e l alcol

Gli anziani e l alcol Informazioni per gli anziani e le persone coinvolte Gli anziani e l alcol Come comportarsi con l alcol in età avanzata senza avere problemi? Quali segnali possono indicare la presenza di un problema di

Dettagli

Consumo di bevande alcoliche. Indagine statistica tra gli studenti dell Istituto Scalcerle. svolta nell a.s. 2014/15 dalle classi 4 e sanitario

Consumo di bevande alcoliche. Indagine statistica tra gli studenti dell Istituto Scalcerle. svolta nell a.s. 2014/15 dalle classi 4 e sanitario Consumo di bevande alcoliche Indagine statistica tra gli studenti dell Istituto Scalcerle svolta nell a.s. 2014/15 dalle classi 4 e sanitario Presentazione del lavoro Nel corso dell anno scolastico 2014/15,

Dettagli

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti La perdita di una persona cara è un esperienza emotiva tra le più dolorose per gli esseri umani e diventa ancora

Dettagli

La canapa: domande e risposte

La canapa: domande e risposte La canapa: domande e risposte Quanto è nociva la canapa? È difficile dare una risposta semplice a questa domanda. I rischi, infatti, possono variare a seconda del consumatore, del luogo di consumo, della

Dettagli

Istituto Santelia Cantù

Istituto Santelia Cantù 30 gennaio 2012; primo incontro (Riccardo) Istituto Santelia Cantù Classe 1 f liceo scientifico Brain storming DIPENDENZA: droga, alcool, farsi figo, fumare, monotonia, dimenticare, gioco, isolamento,

Dettagli

Un atteggiamento strano non significa sempre che ci sia un problema di dipendenza o di abuso di droghe, ma può essere dovuto a molte altre ragioni.

Un atteggiamento strano non significa sempre che ci sia un problema di dipendenza o di abuso di droghe, ma può essere dovuto a molte altre ragioni. Promemoria 210 Dipendenza Se sentite dire o osservate che la persona in formazione si comporta in modo diverso e ne deducete che abbia problemi di dipendenza, in quanto formatori siete tenuti a reagire

Dettagli

LA DROGA DROGA: tutte le sostanze, naturali o artificiali che modificano il funzionamento del sistema nervoso

LA DROGA DROGA: tutte le sostanze, naturali o artificiali che modificano il funzionamento del sistema nervoso LA DROGA DROGA: tutte le sostanze, naturali o artificiali che modificano il funzionamento del sistema nervoso in genere agiscono sulle sinapsi, alterando la trasmissione dell impulso nervoso e provocando

Dettagli

IL FUMO DELLA SIGARETTA. PERCHE FA MALE E COSA DICE LABIBBIA IMMAGINE - 21 agosto 2015

IL FUMO DELLA SIGARETTA. PERCHE FA MALE E COSA DICE LABIBBIA IMMAGINE - 21 agosto 2015 IL FUMO DELLA SIGARETTA PERCHE FA MALE E COSA DICE LABIBBIA IMMAGINE - 21 agosto 2015 1 Introduzione Il FUMO COSA SI FUMA? Le sostanze che si aspirano dalle sigarette sono parecchie e ognuna di queste

Dettagli

MINERVA Studio sulla popolazione giovanile in tema di sostanze stupefacenti

MINERVA Studio sulla popolazione giovanile in tema di sostanze stupefacenti MINERVA Studio sulla popolazione giovanile in tema di sostanze stupefacenti Il presente questionario mira a comprendere le conoscenze, le rappresentazioni e i comportamenti degli adolescenti in relazione

Dettagli

La canapa: domande e risposte

La canapa: domande e risposte La canapa: domande e risposte Quanto è nociva la canapa? È difficile dare una risposta semplice a questa domanda. I rischi, infatti, variano a seconda del consumatore, delle situazioni, della quantità,

Dettagli

CANNABIS. Generazione In- Dipendente

CANNABIS. Generazione In- Dipendente CANNABIS Generazione In- Dipendente CANNABIS Introduzione CANAPA (CANNABIS SATIVA) Principi attivi: tetraidrocannabinolo (Δ 9 -THC) Altri Principi non attivi: cannabinolo, cannabidiolo Con i termini hashis

Dettagli

ADOLESCENTI E COMPORTAMENTI A RISCHIO. A cura di Marina Giampietro Università Cattolica del Sacro Cuore Milano

ADOLESCENTI E COMPORTAMENTI A RISCHIO. A cura di Marina Giampietro Università Cattolica del Sacro Cuore Milano ADOLESCENTI E COMPORTAMENTI A RISCHIO A cura di Marina Giampietro Università Cattolica del Sacro Cuore Milano Una nuova rappresentazione dell adolescenza Furia di ormoni? Condizione di disagio e sofferenza?

Dettagli

DIPENDENZA DA DROGHE O TOSSICODIPENDENZA

DIPENDENZA DA DROGHE O TOSSICODIPENDENZA DIPENDENZA DA DROGHE O TOSSICODIPENDENZA L Organizzazione Mondiale della Salute ha definito la tossicodipendenza come uno stato di intossicazione periodico o cronico generato dal consumo ripetuto di una

Dettagli

Sintesi. Indagine Ipsos per San Patrignano Genitori e figli allo specchio

Sintesi. Indagine Ipsos per San Patrignano Genitori e figli allo specchio Embargo: 12 novembre 2008 ore 11.30 Sintesi Indagine Ipsos per San Patrignano Genitori e figli allo specchio Padri e madri incerti, insicuri, in difficoltà, incapaci di lottare contro una società che sembra

Dettagli

Elaborazione di un programma di disassuefazione dal fumo apposto per i giovani. Riassunto-conclusioni-raccomandazioni

Elaborazione di un programma di disassuefazione dal fumo apposto per i giovani. Riassunto-conclusioni-raccomandazioni Consultation Santé Jeunes Elaborazione di un programma di disassuefazione dal fumo apposto per i giovani Riassunto-conclusioni-raccomandazioni «La dépendance, elle ne me semble pas réelle. Elle n est qu

Dettagli

Domande frequenti sull elaborazione del lutto

Domande frequenti sull elaborazione del lutto Domande frequenti sull elaborazione del lutto La situazione in cui ti trovi è straordinaria e probabilmente molto lontano da qualsiasi esperienza tu abbia avuto prima. Quindi, potresti non sapere cosa

Dettagli

I segreti della mente

I segreti della mente Vittorino Andreoli I segreti della mente Capire, riconoscere, affrontare i segnali della psiche Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06413-2 Prima edizione:

Dettagli

Il nostro percorso...verso la scelta giusta!

Il nostro percorso...verso la scelta giusta! Il nostro percorso......verso la scelta giusta! Questo testo è nato dalle relazioni che la nostra prof di lettere ci ha assegnato come verifica finale del lavoro; descrive il percorso che abbiamo seguito,

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

Il termine inglese per indicare la tossicomania, addiction, deriva dal latino addicere cioè condannare. Un tossicomane è, in un certo senso,

Il termine inglese per indicare la tossicomania, addiction, deriva dal latino addicere cioè condannare. Un tossicomane è, in un certo senso, Il termine inglese per indicare la tossicomania, addiction, deriva dal latino addicere cioè condannare. Un tossicomane è, in un certo senso, condannato ad una schiavitù involontaria, essendo obbligato

Dettagli

staminali Ricercatore su cellule

staminali Ricercatore su cellule Ricercatore su cellule staminali Ci sono molte buone ragioni per accettare questo progetto: La ricerca sulle cellule staminali embrionali offre la possibilità di accrescere le nostre conoscenze sulle cellule

Dettagli

Dott.ssa Mariarosaria Sannino. Scuola Primaria Classe V

Dott.ssa Mariarosaria Sannino. Scuola Primaria Classe V Dott.ssa Mariarosaria Sannino Scuola Primaria Classe V DROGA è Con il termine droga si indica ogni sostanza capace di agire sui meccanismi e sui processi del cervello. Modifica le emozioni, i ricordi,

Dettagli

servizi per le dipendenze PROGETTO COCAINA Corso di aggiornamento 2009 per medici, farmacisti ed operatori sociosanitari BELLINZONA

servizi per le dipendenze PROGETTO COCAINA Corso di aggiornamento 2009 per medici, farmacisti ed operatori sociosanitari BELLINZONA Corso di aggiornamento 2009 per medici, farmacisti ed operatori sociosanitari BELLINZONA Mercoledì 28 ottobre 2009 1 Criteri per la descrizione dei diversi profili di consumatori Cocaina CARATTERISTICHE

Dettagli

Non scordiamoci di aprire gli occhi. Rotary Club Monza Est

Non scordiamoci di aprire gli occhi. Rotary Club Monza Est Non scordiamoci di aprire gli occhi ROTARY INTERNATIONAL Rotary Club Monza Est Il Rotary e perchè il progetto Open your eyes Il Rotary International è una rete mondiale di volontari al servizio delle comunità.

Dettagli

Crisi convulsive Sostanze psicoattive

Crisi convulsive Sostanze psicoattive CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA Crisi convulsive Sostanze psicoattive CROCE ROSSA ITALIANA - a cura del Capo Monitore V.d.S. Iannozzi Emanuela CRISI CONVULSIVE Susseguirsi di movimenti

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

Lotta alla produzione industriale di marijuana tra miti, coperture e dubbi. G. M. Zanini Convegno internazionale sulla canapa Lugano, 10 ottobre 2003

Lotta alla produzione industriale di marijuana tra miti, coperture e dubbi. G. M. Zanini Convegno internazionale sulla canapa Lugano, 10 ottobre 2003 Lotta alla produzione industriale di marijuana tra miti, coperture e dubbi G. M. Zanini Convegno internazionale sulla canapa Lugano, 10 ottobre 2003 Panoramica sulla canapa e i suoi derivati 1. la pianta

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

Campagna informativa sulle dipendenze patologiche. Abruzzo Sanità: il nostro impegno per la tua salute.

Campagna informativa sulle dipendenze patologiche. Abruzzo Sanità: il nostro impegno per la tua salute. Campagna informativa sulle dipendenze patologiche Abruzzo Sanità: il nostro impegno per la tua salute. Cari cittadini, è con orgoglio che vi presento la prima di dieci Campagne di Comunicazione sanitaria

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo.

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Gli sembrava di scalare il mondo e di salire in alto nel cielo, oltre le nuvole, per vedere la terra dallo spazio.

Dettagli

IL COACHING. MOTIVAZIONE E POTENZIALITA.

IL COACHING. MOTIVAZIONE E POTENZIALITA. IL COACHING. MOTIVAZIONE E POTENZIALITA. INDICE a cura di: Domenico Nigro Direttore Didattico e Trainer della Scuola IN Counseling Consulente aziendale - Life e Business Coach Cap.1: Coaching & Counseling.

Dettagli

SHY-SR Ultimo Mese VERSIONE 25 LUGLIO, 2001. Studio Iniziali/codice pz Data Medico _ / _/ / Istruzioni

SHY-SR Ultimo Mese VERSIONE 25 LUGLIO, 2001. Studio Iniziali/codice pz Data Medico _ / _/ / Istruzioni SHY-SR Ultimo Mese VERSIONE 25 LUGLIO, 2001 Studio Iniziali/codice pz Data Medico _ / _/ / Istruzioni Le domande che seguono si riferiscono a situazioni che possono essersi verificate nel corso dell ultimo

Dettagli

Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente!

Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente! Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente!, in un ottica di prevenzione della salute, si è proposto di offrire ai ragazzi del secondo anno un occasione di discussione e di riflessione all interno

Dettagli

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Sofferenza, disagio, disturbi psichici e del comportamento di adolescenti e giovani: i servizi si confrontano Varese, 16 novembre 2011 USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Marcello Diurni RELAZIONE ANNUALE

Dettagli

il paradiso, mandale all inferno.

il paradiso, mandale all inferno. i c e b e r g Unità Mobile Territoriale umt@email.it Unità Operativa Dipendenze Patologiche tel 0733 257597 fax 0733 257596 Ausl9 Macerata Regione Marche www.stammibene.marche.it stammibene@email.it il

Dettagli

GRAFOLOGIA & PERSONALITA

GRAFOLOGIA & PERSONALITA GRAFOLOGIA & PERSONALITA a cura della Dott.ssa Marialuisa IARUSSI La scrittura è un filo nero che emerge dal bianco del foglio rivelando qualcosa di noi. La mano è lo strumento del pensiero che dirige

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

GIACOMO GRANATIERO. La mappa segreta per smettere di fumare

GIACOMO GRANATIERO. La mappa segreta per smettere di fumare GIACOMO GRANATIERO La mappa segreta per smettere di fumare www.miniebook.it Il portale degli e-book informativi più economici del web Scopri tutti gli indizi che ti permetteranno di arrivare al tesoro

Dettagli

Nuove droghe, nuovi problemi. Sostanze ricreazionali e ricerca di territorio. Sintesi dello studio

Nuove droghe, nuovi problemi. Sostanze ricreazionali e ricerca di territorio. Sintesi dello studio Nuove droghe, nuovi problemi. Sostanze ricreazionali e ricerca di territorio. Sintesi dello studio I luoghi di consumo La discoteca non è l unico luogo in cui si assumono droghe ricreazionali. Le percentuali

Dettagli

Somministrazione del test e attribuzione dei punteggi

Somministrazione del test e attribuzione dei punteggi SOMMINISTRAZIONE DEL TEST E ATTRIBUZIONE DEI PUNTEGGI 19 2 Somministrazione del test e attribuzione dei punteggi Criteri di idoneità Il TAD misura una gamma di sintomatologie associate a depressione e

Dettagli

IL CARICO ASSISTENZIALE DELLA PERSONA CHE SOFFRE DI UN DELIRIO ACUTO

IL CARICO ASSISTENZIALE DELLA PERSONA CHE SOFFRE DI UN DELIRIO ACUTO IL CARICO ASSISTENZIALE DELLA PERSONA CHE SOFFRE DI UN DELIRIO ACUTO Gorizia, 13 novembre 2012 DISTURBI PSICOTICI Psicosi è un termine generale, che indica una grossolana compromissione nella verifica

Dettagli

Cosa fare dopo un grave infortunio sul lavoro? Pronto soccorso psicologico

Cosa fare dopo un grave infortunio sul lavoro? Pronto soccorso psicologico Cosa fare dopo un grave infortunio sul lavoro? Pronto soccorso psicologico Siete un datore di lavoro o un responsabile della sicurezza in azienda e vi siete già chiesti quali conseguenze psicologiche può

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

ORIENTAMENTI E STRATEGIE nel campo della prevenzione

ORIENTAMENTI E STRATEGIE nel campo della prevenzione ORIENTAMENTI E STRATEGIE nel campo della prevenzione 2 approcci concettuali: quello che persegue l astinenza dalle sostanze psicoattive proibizionismo a livello sociale e nel campo personale evitando di

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

D a luglio 2015 in Parlamento è stata presentata da un

D a luglio 2015 in Parlamento è stata presentata da un D a luglio 2015 in Parlamento è stata presentata da un intergruppo formato da oltre 200 parlamentari di tutti i partiti, una proposta di legalizzazione della cannabis e dei suoi derivati. Una proposta

Dettagli

Uso di droghe tra i giovani sempre più frequente

Uso di droghe tra i giovani sempre più frequente Uso di droghe tra i giovani sempre più frequente Le droghe sono sostanze in grado di modificare lo stato di coscienza delle persone che le assumono e fanno provare loro piacere ed emozioni forti. QUALI

Dettagli

NON FARTI DI SOSTANZE FATTI LA TUA VITA!

NON FARTI DI SOSTANZE FATTI LA TUA VITA! S E R T P R O M E C O I.T.C. V. BACHELET FERRARA 2010-2011 NON FARTI DI SOSTANZE FATTI LA TUA VITA! I N T R O D U Z I O N E Cosa sono le droge? Qualsiasi sostanza vegetale o chimica ad azione eccitante,

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

COME RILEVARE IL FENOMENO DEL BULLISMO?

COME RILEVARE IL FENOMENO DEL BULLISMO? COME RILEVARE IL FENOMENO DEL BULLISMO? Perché cercare di prevenire il bullismo? Aggressività e passività sono condotte reattive, modalità inadeguate di rapportarsi agli altri. Nell immediato comportano

Dettagli

812.121.6 Ordinanza sulla dipendenza da stupefacenti e sulle altre turbe legate alla dipendenza

812.121.6 Ordinanza sulla dipendenza da stupefacenti e sulle altre turbe legate alla dipendenza Ordinanza sulla dipendenza da stupefacenti e sulle altre turbe legate alla dipendenza (Ordinanza sulla dipendenza da stupefacenti, ODStup) del 25 maggio 2011 (Stato 1 luglio 2011) Il Consiglio federale

Dettagli

concretizzare le nostre aspirazioni, trasformare i nostri sogni in realtà.

concretizzare le nostre aspirazioni, trasformare i nostri sogni in realtà. Q uando negli anni sessanta la società cominciò a prendere coscienza di quanto fosse diffuso tra i giovani l uso di stupefacenti, si pensò che per contrastarne l uso sarebbe bastato informare i ragazzi

Dettagli

Cap. III - Perché le persone assumono droghe - Vettorato G. Psicosociologia della tossicodipendenza. (Montagne e Scott)

Cap. III - Perché le persone assumono droghe - Vettorato G. Psicosociologia della tossicodipendenza. (Montagne e Scott) Le persone normalmente assumono delle droghe per stare bene; gli stati alterati di coscienza sono sempre stati ricercati con o senza l ausilio delle droghe; il piacere e le gratificazioni che derivano

Dettagli

QUINTO VOLUME: GENITORI E INSEGNATI

QUINTO VOLUME: GENITORI E INSEGNATI QUINTO VOLUME: GENITORI E INSEGNATI La motivazione e la creatività, bambini disattenti e iperattivi, integrare gli alunni stranieri nella scuola a cura di Marco Rossi Doria Presentazione Tutti i bambini

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto IL SISTEMA NERVOSO Sistema nervoso centrale Sistema nervoso periferico encefalo midollo spinale sensoriale motorio -Cervello -Cervelletto somatico simpatico autonomo parasimpatico -Midollo allungato Il

Dettagli

L uso di sostanze tra i giovani svizzeri

L uso di sostanze tra i giovani svizzeri Informazioni per i media del 1 luglio 8 L uso di sostanze tra i giovani svizzeri Introduzione Il progetto "The European School Survey Project on Alcohol and Other Drugs" (ESPAD) è un inchiesta che viene

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Tecniche di presenza Lightin. Tecniche di Presenza. Associazione Culturale Lightin

Tecniche di presenza Lightin. Tecniche di Presenza. Associazione Culturale Lightin Tecniche di Presenza Associazione Culturale Lightin 1 L energia della Natura Si dice che la Natura sia in perfetto equilibrio e di conseguenza anche noi che ne facciamo parte, dovremmo esserlo. L albero

Dettagli

Gli incidenti stradali

Gli incidenti stradali Nel mondo ogni anno ci sono Gli incidenti stradali 1 milione 200 mila morti (1 ogni 25 secondi) 50 milioni feriti (1 al secondo circa) In Italia in un giorno ci sono 633 incidenti stradali in media con

Dettagli

Sostanze generanti dipendenza sul luogo di lavoro: aspetti giuridici

Sostanze generanti dipendenza sul luogo di lavoro: aspetti giuridici Sostanze generanti dipendenza sul luogo di lavoro: aspetti giuridici Sommario 1 Principio 3 2 Articoli di legge sul tema delle sostanze generanti dipendenza 4 2.1 Obblighi dei lavoratori 4 2.2 Obblighi

Dettagli

EDUCARE LE EMOZIONI. Principi ed attività per lo sviluppo. socio-emotive nella scuola. delle competenze

EDUCARE LE EMOZIONI. Principi ed attività per lo sviluppo. socio-emotive nella scuola. delle competenze EDUCARE LE EMOZIONI Principi ed attività per lo sviluppo delle competenze socio-emotive nella scuola CHI S I A M O Sperimentiamo e valutiamo in quale modo competenze trasversali come quelle sociali ed

Dettagli

Dott.ssa M.Versino 1

Dott.ssa M.Versino 1 Dott.ssa M.Versino 1 Stress lo stress è inteso come risposta aspecifica dell organismo a tutto ciò che lo costringe ad uno sforzo di adattamento lo stress è la risposta a una o più stimolazioni fisiche

Dettagli

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO Se qualcuno è disposto ad ascoltare le lacrime di una madre, quello sarà il momento

Dettagli