2007 SERVIZIO SANITARIO REGIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2007 SERVIZIO SANITARIO REGIONALE"

Transcript

1 2007 SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini PRESENTAZIONE DELLA CHIRURGIA SENOLOGICA AGGIORNAMENTO OBBLIGATORIO PER I MMG di RIMINI e RICCIONE Quaderni ASRI Sabato 9 Giugno dalle ore alle Sala Conferenze SGR Via Chiabrera, 34 - Rimini 97 relazioni del convegno - prima sessione

2

3 Programma della giornata Ore 08:30 Registrazione partecipanti SECONDA PARTE Moderatori: Giorgio Ballardini, Luigi Solmi, Vico Vecchi Ore 09:00 Presentazione e introduzione della giornata Lorena Angelini, Riccardo Varliero PRIMA PARTE Moderatore: Massimo Montesi Ore 09:10 Presentazione della Chirurgia Senologica dell'ausl di Rimini Massimo Montesi Ore 09:20 Attività della Chirurgia Senologica Antonio Manzo Ore 09:30 Introduzione di nuove tecniche chirurgiche in campo senologico Domenico Samorani DISCUSSIONE Ore 10:00 Il fascino della Celiachia Renzo Pini, Laura Viola Ore 10:30 Come e quando cercare la Celiachia nell'adulto Marco Di Marco DISCUSSIONE Ore 11:00 La malattia infiammatoria cronica intestinale: Diagnosi Francesco Santilli Terapia medica Alberto Grassi Terapia chirurgica Luigi Veneroni Aspetti normativi sulla malattia Celiaca e sulle Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali Loredana Ciacci DISCUSSIONE Compilazione Questionari di valutazione e apprendimento Ore 13:00 Conclusione lavori

4

5 La domanda di salute che dall universo femminile, e non solo, in questo particolare ambito si leva, deve trovar da parte delle istituzioni sanitarie locali risposte precise, adeguate e trasparenti. I criteri principali che devono essere alla base di questa risposta sono i seguenti: 1. Il principio della centralità del benessere della donna nel percorso diagnostico terapeutico tutelandone dignità personale ed autonomia di scelta

6 2. Il principio di continuità dell assistenza con la presa in carico della paziente da parte di un medico dell unità di senologia che stabilisce un rapporto fiduciario conducendola attraverso percorsi clinici ed assistenziali predefiniti, in adesione ai più moderni orientamenti scientifici, fino al termine dell iter stabilito 3. Il principio della multidisciplinarietà dell equipe dedicata alla quale afferiscono il senologo-chirurgo, il radiologo, il radioterapista, l oncologo clinico, il chirurgo plastico, il fisiatra e lo psicologo

7 Da questi principi deriva un assetto organizzativo costituito da due precisi, diversi livelli Il PRIMO LIVELLO che si occupa di prevenzione secondaria e diagnosi precoce attraverso:

8 a) la sensibilizzazione e l aggiornamento ed il quotidiano lavoro dei medici di medicina i generale; b) L attività degli ambulatori periferici di libero accesso (senologici, chirurgici, oncologici); c) adesione a programmi locali (provinciali, regionali) di screening (mammografia). Il SECONDO LIVELLO si configura come attività di diagnostica e terapia nelle donne che provengono dal primo livello con una indicazione all approfondimento. approfondimento.

9 Incontro di aggiornamento Post St. Gallen 2007 La chirurgia della mammella a Rimini. Risultati. A. Manzo, D. Samorani, G.Frisoni U.O. Chirurgia - Presidio Ospedaliero Santarcangelo di Romagna Direttore Dott. M. Montesi RIMINI SABATO 19 MAGGIO 2007 La chirurgia della mammella a Rimini. Risultati Esiste un protocollo regionale diagnostico terapeutico per i tumori della mammella (edizione ). In tale protocollo vi sono indicazioni al trattamento chirurgico sia per le lesioni diagnosticate nello screening (Screen decected), sia per le neoplasie diagnosticate al di fuori dallo screening.

10 La chirurgia della mammella a Rimini. Risultati I dati in letteratura dimostrano che la sopravvivenza delle pazienti è influenzata dal chirurgo che esegue l intervento sulla base delle sue esperienze e del numero di casi operati in un anno. Vari documenti regionali, nazionali ed internazionali di accreditamento per quelle strutture sanitarie che si occupano del carcinoma della mammella (RER, EUSOMA) introducono il concetto di consuetudine secondo il quale è fondamentale trattare un numero adeguato di casi/anno. La chirurgia della mammella a Rimini. Risultati La qualità del trattamento chirurgico deve essere valutabile anche in termini prospettici per poter garantire alle pazienti in miglior tipo di cura. E pertanto indispensabile definire degli indicatori di efficacia al trattamento. Questi indicatori sono stati puntualizzati dalla FONCaM, GISMa e Comunità Europea. Tali valori a cui iilil chirurgo deve fare riferimento i sono utili anche al fine di porre eventuali rimedi sia di tipo organizzativo che pratico, laddove esistono degli scostamenti.

11 La chirurgia della mammella a Rimini. Risultati TRATTAMENTO CHIRIGICO Per Ca infiltranti < di 3 Cm l intervento standard è rappresentato dalla quadrantectomia. Anche per tumori fino a 3 Cm, dove il rapporto volume tumore/volume mammella consente un intervento oncologicamente radicale e con buon risultato estetico, deve essere proposto un intervento conservativo. La diagnosi deve possibilmente essere posta per i Ca con la mammografia, la clinica, la citologia o microistologia. La chirurgia della mammella a Rimini. Risultati Tecnicamente nella chirurgia conservativa deve essere garantita la radicalità chirurgica, con la negatività dei margini di resezione con il miglior risultato estetico. Posizionamento di clips al titanio a definire il letto tumorale per una migliore RT. Per i carcinomi i non palpabili è indispensabile una localizzazione preoperatoria (filo guida, polvere di carbone, ROLL).

12 La chirurgia della mammella a Rimini. Risultati A. Manzo, D. Samorani, G Frisoni Per i Ca infiltranti > di 3 Cm una possibile alternativa alla mastectomia è rappresentata dalla chemioterapia adiuvante per poter trasformare l intervento in conservativo. Si è riscontrato infatti, nell 80% dei casi, una risposta alla chemio con riduzione della neoplasia > 50% cosa che ha consentito il trattamento conservativo. La chirurgia della mammella a Rimini. Risultati Carcinomi localmente avanzati: cioè neoplasie >5 Cm o con interessamento della parete toracica o di qualsiasi dimensione ma con linfonodi ascellari adesi alle pareti del cavo (N2) o linfonodi sottoclaveari clinicamente e/o citologicamente positivi o i carcinomi infiammatori; per queste neoplasie vale il trattamento sistemico seguito dalla mastectomia.

13 La chirurgia della mammella a Rimini. Risultati Carcinoma in situ Lobulare in situ: reperto occasionale per cui non è necessario nessun trattamento dopo l exeresi della ghiandola contenete la neoplasia. La chirurgia della mammella a Rimini. Risultati Ca duttale in situ: può essere precursore di Ca infiltrante per cui occorre eseguire un intervento oncologicamente corretto per prevenire recidive. Poiché questa neoplasia si manifesta prevalentemente con microcalcificazioni, in cluster multipli o >3 Cm, si può eseguire una mastectomia.

14 La chirurgia della mammella a Rimini. Risultati Ca microinvasivo: neoplasia con componete dominante in situ e con uno o più focolai di invasività <1 mm. Il trattamento chirurgico è analogo a quello per il Ca in situ; se vi è una componente microinvasiva diagnosticata con Core Biopsy pyo all esame istologico definitivo, è indicata anche la BLS. La chirurgia della mammella a Rimini. Risultati CHIRURGIA DEL CAVO ASCELLARE Lo stato t istologico i linfonodale l ascellare, rappresenta ancora oggi un parametro prognostico importante ed è dimensione/dipendente. Poiché l 80% dei tumori mammari diagnosticati è <3 cm, in tali casi la probabilità di metastasi ascellari è del 25%.

15 La chirurgia della mammella a Rimini. Risultati In considerazione di ciò trova una logica applicazione la BLS per neoplasie fino a 3 cm con cavo clinicamente negativo. Nei casi in cui si deve eseguire la dissezione ascellare ci si può limitare alla asportazione dei linfonodi di I e II livello in numero non inferiore a 10. La chirurgia della mammella a Rimini. Risultati INDICATORI DI QUALITÀ Sono uno strumento che consente di misurare per ciascuna fase di cura, l applicazione delle linee guida. Gli indicatori devono essere valutati rispetto ai risultati delle attività svolte, tenendo conto della loro evoluzione temporale e nel loro scostamento rispetto ai valori standard. Gli indicatori rappresentano quindi uno strumento per la revisione ed il miglioramento della qualità delle prestazioni erogate.

16 La chirurgia della mammella a Rimini. Risultati Diagnosi preoperatoria positiva Percentuale di pazienti con Ca che giungono all intervento con diagnosi citologica o microistologica positiva C5-B5. Standard: accettabile > 70%; desiderabile > 50%. Escissione corretta alla prima biopsia chirurgica (lesioni non palpabili) Percentuale di pazienti con lesione non palpabile ove la stessa viene effettivamente asportata, ovvero alla prima mammografia dopo l intervento, la lesione non è più presente. Standard > 95%. La chirurgia della mammella a Rimini. Risultati Un unico intervento a seguito di diagnosi preoperatoria positiva Percentuali di pazienti ove non si è provveduto ad ulteriori interventi per escissione incompleta dopo diagnosi preoperatoria cito-istologica positiva C5-B5 Standard > 90% Interventi conservativi nei casi di pt1 Standard > 80%

17 La chirurgia della mammella a Rimini. Risultati Interventi conservativi nei DCIS < 2 cm Standard > 80% Non effettuazione dell esame istologico intraoperatorio nei Ca infiltranti < 1 cm Standard > 95% Margini indenni all intervento definitivo Percentuale di pazienti con Ca invasivo o in situ con margini distanti dalla neoplasia più di 1 mm Standard > 95 % La chirurgia della mammella a Rimini. Risultati Pezzo operatorio non aperto dal chirurgo Standard > 95% Pezzo operatorio orientato dal chirurgo per l anatomo-patologo Standard > 99% Radiografia del pezzo operatorio nelle lesioni non palpabili Standard > 95%

18 La chirurgia della mammella a Rimini. Risultati Numero linfonodi ascellari asportati nella dissezione ascellare >9 Standard > 95% Non esecuzione della dissezione ascellare nei DCIS Standard > 95% Tasso di identificazione del linfonodo sentinella Standard > 90% La chirurgia della mammella a Rimini. Risultati Esecuzione di dissezione ascellare dopo diagnosi istologica di linfonodo sentinella positivo Standard > 95% Attesa per intervento chirurgico dalla prescrizione chirurgica (accettabile 4 settimane); desiderabile 3 settimane Standard > 80%

19 La chirurgia della mammella a Rimini. Risultati CONSULENZA PSICOLOGICA Il colloquio preoperatorio viene proposto a tutte le pazienti in attesa di intervento chirurgico di quadrantectomia o mastectomia. Tale attività è svolta dalla D.ssa Cinzia Livi presso l U.O. di Santarcangelo e si articola su due momenti La chirurgia della mammella a Rimini. Risultati Consulenza psicologica precoce alle pazienti: in lista per intervento chirurgico; ricoverate per intervento chirurgico; afferenti all ambulatorio del controllo chirurgico

20 La chirurgia della mammella a Rimini. Risultati obiettivi: Consulenza psicologica precoce contenere l ansia (ammorbidire i meccanismi di negazione troppo rigidi) informare sulle attività aziendali di supporto psicologico e riabilitativo Cogliere eventuali aspetti di bisogno favorire la comunicazione La chirurgia della mammella a Rimini. Risultati La psicologa può seguire le pazienti anche dopo l intervento chirurgico con organizzazione di gruppi socio-educazionali dove trovano spazio il chirurgo, l oncologo, il radioterapista ed il fisiatra.

21 La chirurgia della mammella a Rimini. Risultati Consulenza fisiatrica Tutte le epazienti operate opeaedi mastectomia aseco ae quadrantectomia eseguono la prima seduta fisiatrica nell immediato postoperatorio. Le visite fisiatriche continueranno anche a domicilio previa programmazione prima della dimissione. La chirurgia della mammella a Rimini. Risultati CHIRURGIA PLASTICA L U.O. di Chirurgia di Santarcangelo si avvale anche della consulenza di chirurgia plastica per completare il trattamento chirurgico alle pazienti sottoposte ad interventi demolitivi e ricostruttivi.

22 La chirurgia della mammella a Rimini. Risultati AMBULATORIO CHIRURGIA SENOLOGICA POST INTERVENTO L U.O. di Chirurgia di Santarcangelo ha istituito un ambulatorio chirurgico dedicato al controllo delle paz. operate per patologia mammaria. La chirurgia della mammella a Rimini. Risultati 26% 10% 2% Mastectomia subtotale + BLS Mastectomia + DA Mastectomia subtotale + DA Mastectomia semplice 62%

23 La chirurgia della mammella a Rimini. Risultati Mastectomia + DA senza Skin con Skin La chirurgia della mammella a Rimini. Risultati Mastectomia + mastectomia subtotale BE LS con DA 0

24 La chirurgia della mammella a Rimini. Risultati Grazie ugualmente per l attenzione

25 Istituto Oncologico Romagnolo Incontro di aggiornamento Post St. Gallen 2007 Rimini, Sabato 19 Maggio 2007 La CHIRURGIA CONSERVATIVA nella Terapia del CARCINOMA della MAMMELLA D.SAMORANI U.O. Chirurgia Generale Ospedale Infermi di Rimini La CHIRURGIA CONSERVATIVA nella Terapia del CARCINOMA della MAMMELLA Raggio divino al mio pensier apparve, donna, la tua beltà (G.Leopardi ) Rimini 19/5/2007

26 TEORIA di HALSTED (XIX SEC.) malattia locale, di organo, a diffusione linfatica per permeabilità > La terapia chirurgica era molto demolitiva, deturpante > La sopravvivenza a 5 anni era pari al 42%. HALSTED 1886 : MASTECTOMIA SALVA VITA MUTILAZIONE

27 TEORIA ATTUALE malattia sistemica a diffusione linfatica embolica. > la mastectomia è meno adeguata di quanto si pensi > la sopravvivenza a 10 anni è del 30% in paz. con N+ ; del 70% con N- Terapia Conservativa: la QUADRANTECTOMIA VERONESI 1981: QUADRANTECTOMIA + Dissezione ascellare La QUADRANTECTOMIA + RT è equivalente alla Mastectomia in termini di sopravvivenza.

28 VERONESI 1997 : 1997 : LINFONODO SENTINELLA Dissezione ascellare: 70 donne su 100 con N- Linfedema Parestesie Dl Dolore VERONESI 1997 : 1997 : LINFONODO SENTINELLA La biopsia del linfonodo sentinella negativa evita la dissezione del cavo ascellare a 70 donne su 100.

29 EVOLUZIONE DEL TRATTAMENTO CONSERVATIVO 2003 : T1 N0 QUA + LNSB 1975: T1 N0 HALSTED La Quadrantectomia con Dissezione del cavo ascellare ai tempi recenti della BIOPSIA ESTEMPORANEA Incisione del Quadrante che si prolunga sul cavo ascellare

30 DIAGNOSI PRE-OPERATORIA Core Biopsy py Lesioni palpabili Mammotome Lesioni NON palpabili Certezza della diagnosi Condivisione del percorso chirurgico Migliorare trattamento Evitare interventi in più tempi Predisporre terapie neo-adiuvanti.. La biopsia estemporanea è segno di bassa qualità.. Cavità Residua dopo Quadrantectomia S.E. + Dissezione Ascellare

31 Quadrantectomia supero-centrale Quadrantectomia Supero-Esterna Quadrantectomia Interna La Chirurgia Conservativa è anche una Chirurgia Ricostruttiva. Incisione Peri-areolare consente di eseguire nodulectomie o quadrantectomia. Esempio : mammella dx con incisione periareolare sup. per lesione QSE.

32 QUANDO BISOGNA FARE LA MASTECTOMIA? Le indicazioni assolute rispetto ai protocolli sono note ma vanno di caso in caso riconsiderate per esempio in funzione della : CHT. NEO-ADIUVANTE RIDUZIONE DI MASSA ANCHE DEL 100% ETA DIMENSIONI della mammella RECIDIVE LOCALI dopo terapia conservativa Quale Mastectomia?

33 Quando si può conservare il capezzolo? Tumori ad almeno 0,5 cm dall areola Carcinomi in situ Mastectomia profilattiche Quando NON si può conservare il capezzolo?

34 Skin Sparing Mastectomy Additiva a Dx Protesi Sn Ricostruzione e tatuaggio di areola e capezzolo Nipple Sparing Mastectomy A 3 mesi dall intervento Additiva a Dx A 1 anno dall intervento Protesi Sn

35 Nipple Sparing Mastectomy A 1 mese Additiva a Dx A 1 anno dall intervento Protesi Sn DUNQUE LA CHIRUGIA CONSERVATIVA E OGGI UN DOVERE. Noi dobbiamo lottare per la bellezza, perché senza la bellezza non si vive. E questa lotta deve coinvolgere ogni particolare. L.Giussani

36 grazie

37

38 Unità Operativa Risorse Intangibili via Flaminia, Rimini

CARCINOMA DELLA MAMMELLA

CARCINOMA DELLA MAMMELLA CARCINOMA DELLA MAMMELLA TRATTAMENTO LOCO REGIONALE e ADIUVANTE NEOPLASIE INTRAEPITELIALI DELLA MAMMELLA Neoplasia Lobulare Intraepiteliale (LIN 2-3) Nessun trattamento (dopo la diagnosi) Resezione mammaria

Dettagli

Chirurgia oncoplastica nel trattamento del cancro mammario: una nuova filosofia

Chirurgia oncoplastica nel trattamento del cancro mammario: una nuova filosofia Chirurgia oncoplastica nel trattamento del cancro mammario: una nuova filosofia E dopo la diagnosi? la paura La mastectomia! Lo spettro della mastectomia ha, per anni, allontanato la donna dalla diagnosi

Dettagli

CARCINOMA MAMMARIO: terapia chirurgica. Dott. Luca Rotunno

CARCINOMA MAMMARIO: terapia chirurgica. Dott. Luca Rotunno CARCINOMA MAMMARIO: terapia chirurgica Dott. Luca Rotunno LE DONNE VANNO INFORMATE SU: Scopi della terapia chirurgica. Possibili opzioni (chirurgia conservativa-demolitiva demolitiva- ricostruttiva). Vantaggi

Dettagli

Unità Multidisciplinare di Senologia. Dedicato a te, donna. Percorso Senologico. con la collaborazione dell'associazione

Unità Multidisciplinare di Senologia. Dedicato a te, donna. Percorso Senologico. con la collaborazione dell'associazione Percorso Senologico Dedicato a te, donna Unità Multidisciplinare di Senologia con la collaborazione dell'associazione Percorso Senologico dedicato a te, donna Percorso senologico E' un percorso di accoglienza

Dettagli

11 Incontro di Oncologia ed Ematologia

11 Incontro di Oncologia ed Ematologia 11 Incontro di Oncologia ed Ematologia Sestri Levante, 18 maggio 2013 Maria Sironi C è ancora un ruolo per la citologia da agoaspirato con ago sottile nella diagnostica dei noduli mammari? 1 mm Quali tecniche

Dettagli

PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA 1. Background Epidemiologico Il tumore della mammella, all interno del gruppo delle malattie neoplastiche, rappresenta di gran lunga il

Dettagli

Il TRATTAMENTO CHIRURGICO DEL CARCINOMA DELLA MAMMELLA NELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

Il TRATTAMENTO CHIRURGICO DEL CARCINOMA DELLA MAMMELLA NELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Direzione generale sanità e politiche sociali Agenzia sanitaria e sociale regionale Il TRATTAMENTO CHIRURGICO DEL CARCINOMA DELLA MAMMELLA NELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Dicembre 2007 - pag. 2 - TRATTAMENTO

Dettagli

1IEO - Istituto Europeo di Oncologia. Il tumore al seno

1IEO - Istituto Europeo di Oncologia. Il tumore al seno la Speranza, l Amore, la cura 1 Il tumore al seno Il tumore al seno 2 Introduzione La mammella è una ghiandola con funzioni importanti: produce il latte, ma è anche un organo in cui alcuni ormoni si trasformano

Dettagli

ore al Tumore al seno: dalla prevenzione alla terapia

ore al Tumore al seno: dalla prevenzione alla terapia ore al Tumore al seno: dalla prevenzione alla terapia rapia RCCS ultimedica Cosa è un Centro di Senologia Il Centro di Senologia dell Ospedale MultiMedica di Castellanza è un luogo di cura studiato per

Dettagli

LA RETE REGIONALE DEI CENTRI DI SENOLOGIA

LA RETE REGIONALE DEI CENTRI DI SENOLOGIA Premessa LA RETE REGIONALE DEI CENTRI DI SENOLOGIA ALLEGATO A Il rinnovamento e le trasformazioni organizzative dei sistemi sanitari sono posti da tutti i paesi industrializzati come elementi fondamentali

Dettagli

Informazione per pazienti. Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella

Informazione per pazienti. Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella Informazione per pazienti Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella Questo opuscolo è stato realizzato per fornire alcune utili informazioni sul percorso seguito

Dettagli

Workshop RISULTATI DEL PROGRAMMA REGIONALE DI SCREENING MAMMOGRAFICO Torino 27 Maggio 2009 FIM

Workshop RISULTATI DEL PROGRAMMA REGIONALE DI SCREENING MAMMOGRAFICO Torino 27 Maggio 2009 FIM Workshop RISULTATI DEL PROGRAMMA REGIONALE DI SCREENING MAMMOGRAFICO Torino 27 Maggio 2009 FIM Francesca Pietribiasi a.s.l. to 5 Anatomia Patologica Ospedale Santa Croce Moncalieri FIM: FORMAZIONE INTERATTIVA

Dettagli

SENOLOGIA: un percorso completo di prevenzione, diagnosi e cura

SENOLOGIA: un percorso completo di prevenzione, diagnosi e cura SENOLOGIA: un percorso completo di prevenzione, diagnosi e cura G. B. Mangioni Lecco Sistema Sanitario UN PERCORSO DEDICATO PER IL TUMORE AL SENO Il tumore al seno, la neoplasia più frequente nella donna,

Dettagli

Innovazioni tecnologiche ed applicazioni nel trattamento radioterapico dei tumori mammari: CASO CLINICO

Innovazioni tecnologiche ed applicazioni nel trattamento radioterapico dei tumori mammari: CASO CLINICO Innovazioni tecnologiche ed applicazioni nel trattamento radioterapico dei tumori mammari: CASO CLINICO O. Lora, F. Gregucci, A. Negri* U.O. di Radioterapia e Medicina Nucleare *U.O. Di Fisica Sanitaria

Dettagli

Approccio riabilitativo nelle donne operate al seno

Approccio riabilitativo nelle donne operate al seno Approccio riabilitativo nelle donne operate al seno La perdita del seno comporta per la Donna un grave danno psicologico con le conseguenze che nella sua vita di relazione tutto si sconvolge, e spesso

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO IN STADIO INIZIALE.

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO IN STADIO INIZIALE. PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO IN STADIO INIZIALE. 1. Stadiazione La stadiazione della paziente con tumore della mammella iniziale comprende l esame obiettivo, un emocromo e un

Dettagli

PUGLIA. Istituto dei Tumori Giovanni Paolo II

PUGLIA. Istituto dei Tumori Giovanni Paolo II Istituto dei Tumori Giovanni Paolo II Via F. S. Hahneman, 10 Bari Tel. 0805555111 Prenotazioni 800290848 www.oncologico.bari.it Direttore Generale Dott. Nicola Pansini Direttore Sanitario Dott. Giuseppe

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2005-2007 REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Settore Livelli di Assistenza

Dettagli

Tumore al seno risposte alle domande più frequenti

Tumore al seno risposte alle domande più frequenti risposte al Un opuscolo informativo di mamazone - Alto Adige Frauen und Forschung gegen Brustkrebs Onlus Donne e ricerca contro il tumore al seno A un certo momento della nostra esistenza, perdiamo il

Dettagli

IL CANCRO DELLA MAMMELLA MASCHILE. A. Sardaro

IL CANCRO DELLA MAMMELLA MASCHILE. A. Sardaro IL CANCRO DELLA MAMMELLA MASCHILE A. Sardaro Epidemiologia Rappresenta circa 1% di tutti i carcinomi mammari e

Dettagli

.E SE MI DEVO OPERARE?

.E SE MI DEVO OPERARE? Regione Lazio A cura di: U.O.C. Screening Oncologici dell ASL Roma C, via Monza2 U.O.C. Oncologia Medica Ospedale S. Eugenio.E SE MI DEVO OPERARE? Tel. 06.51008021 fax 06.51003771 email: screening.mammografico@aslrmc.it

Dettagli

INFORMAZIONI PER LA PAZIENTE AFFETTA DA NEOPLASIA MALIGNA DELLA MAMMELLA CANDIDATA A INTERVENTO CHIRURGICO

INFORMAZIONI PER LA PAZIENTE AFFETTA DA NEOPLASIA MALIGNA DELLA MAMMELLA CANDIDATA A INTERVENTO CHIRURGICO INFORMAZIONI PER LA PAZIENTE AFFETTA DA NEOPLASIA MALIGNA DELLA MAMMELLA CANDIDATA A INTERVENTO CHIRURGICO DIPARTIET AD ATTIVITA ITEGRATA DI CHIRURGIA GEERAE E TRACICA Direttre Prf. ic de a!i i UERI UTII

Dettagli

L impatto dello screening nei tumori femminili in Emilia-Romagna

L impatto dello screening nei tumori femminili in Emilia-Romagna L impatto dello screening nei tumori femminili in Emilia-Romagna Dott. Fabio Falcini Responsabile U.O. Prevenzione Oncologica-AUSL Forlì- Ravenna Direttore U.O. Registro Tumori della Romagna-R.T.Ro-IRST

Dettagli

II MEETING DI SENOLOGIA TERRITORIALE La. Senologia tra Territorio Ospedale e Università

II MEETING DI SENOLOGIA TERRITORIALE La. Senologia tra Territorio Ospedale e Università II MEETING DI SENOLOGIA TERRITORIALE La Senologia tra Territorio Ospedale e Università Centro Congressi Hotel Sakura Torre del Greco (Napoli) - 13-15 15 Maggio 2004 La Tecnica del Linfonodo Sentinella:

Dettagli

TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI

TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI 14 TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE

Dettagli

Per vincere la paura del tumore al seno. Pianeta Donna

Per vincere la paura del tumore al seno. Pianeta Donna POLIAMBULATORIO Per vincere la paura del tumore al seno Pianeta Donna DIAGNOSTICA FISIOTERAPIA RADIOLOGIA Pianeta Donna Iter senologico preventivo-diagnostico, terapeutico e riabilitativo del tumore al

Dettagli

LA CHIRURGIA RICOSTRUTTIVA DELLA MAMMELLA Prof. L. Valdatta

LA CHIRURGIA RICOSTRUTTIVA DELLA MAMMELLA Prof. L. Valdatta UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA S.S.D. Chirurgia Plastica Ricostruttiva Direttore L. Valdatta Dipartimento di Biotecnologie e Scienze della Vita LA CHIRURGIA RICOSTRUTTIVA DELLA MAMMELLA Prof. L.

Dettagli

LE MASTOPLASTICHE E GLI INTERVENTI DI SIMMETRIZZAZIONE CONTROLATERALI ALLA RICOSTRUZIONE POSSONO OSTACOLARE L IMAGING NEL FOLLOW UP?

LE MASTOPLASTICHE E GLI INTERVENTI DI SIMMETRIZZAZIONE CONTROLATERALI ALLA RICOSTRUZIONE POSSONO OSTACOLARE L IMAGING NEL FOLLOW UP? LE MASTOPLASTICHE E GLI INTERVENTI DI SIMMETRIZZAZIONE CONTROLATERALI ALLA RICOSTRUZIONE POSSONO OSTACOLARE L IMAGING NEL FOLLOW UP? Carlo Alberto Mori Dipartimento di Diagnostica per Immagini Azienda

Dettagli

Il percorso della donna con diagnosi di neoplasia maligna della mammella

Il percorso della donna con diagnosi di neoplasia maligna della mammella Il percorso della donna con diagnosi di neoplasia maligna della mammella AMBULATORIO DI SENOLOGIA CHIRURGICA Ospedale S. Giacomo - NOVI LIGURE Michelangelo Merisi da Caravaggio: La morte della vergine

Dettagli

IL CARCINOMA MAMMARIO. Percorso clinico-organizzativo

IL CARCINOMA MAMMARIO. Percorso clinico-organizzativo IL CARCINOMA MAMMARIO Percorso clinico-organizzativo ASL RIETI Introduzione Il carcinoma della mammella è la principale causa di morte nelle donne fra i 35 e i 54 anni. Il tasso di sopravvivenza a cinque

Dettagli

Carcinoma mammario nelle giovani donne

Carcinoma mammario nelle giovani donne Carcinoma mammario nelle giovani donne RELATORI E MODERATORI Eraldo O. Bucci Responsabile - UO Oncologia Medica MultiMedica Castellanza Azzurra Cangiano Psicooncologia UO Oncologia Medica MultiMedica Castellanza

Dettagli

Senonetwork : stato dell arte dei centri di senologia in Italia

Senonetwork : stato dell arte dei centri di senologia in Italia Senonetwork : stato dell arte dei centri di senologia in Italia Luigi Cataliotti Presidente Associazione Senonetwork Italia Onlus WORKSHOP CONGIUNTO GISMA-SIRM-SENONETWORK Centri di senologia / programmi

Dettagli

LA MICROBIOPSIA CON MMT CARATTERIZZA IN MODO DEFINITIVO UNA LESIONE INDIRIZZANDO AL CHIRURGO SOLO MALATTIE MALIGNE CON LA TIPIZZAZIONE DELLA LESIONE

LA MICROBIOPSIA CON MMT CARATTERIZZA IN MODO DEFINITIVO UNA LESIONE INDIRIZZANDO AL CHIRURGO SOLO MALATTIE MALIGNE CON LA TIPIZZAZIONE DELLA LESIONE IL MAMMOTOME E UNO STRUMENTO DI GRANDE CAPACITA DIAGNOSTICA QUESTO TIPO DI BIOPSIA E MOLTO BEN TOLLERATA E NON PROVOCA CONSEGUENZE SE NON UN PICCOLO EMATOMA CHE SI RIASSORBE NEL GIRO DI POCHI GIORNI INOLTRE

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 4882 Seduta del 21/02/2013

DELIBERAZIONE N IX / 4882 Seduta del 21/02/2013 DELIBERAZIONE N IX / 4882 Seduta del 21/02/2013 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente VALENTINA APREA GIOVANNI BOZZETTI ROMANO COLOZZI GIUSEPPE ANTONIO RENATO

Dettagli

I CARCINOMI DELLA MAMMELLA : CLASSIFICAZIONE T.N.M. CLASSIFICAZIONE CLINICA (prima del trattamento -preoperatoria)

I CARCINOMI DELLA MAMMELLA : CLASSIFICAZIONE T.N.M. CLASSIFICAZIONE CLINICA (prima del trattamento -preoperatoria) I CARCINOMI DELLA MAMMELLA : CLASSIFICAZIONE T.N.M A cura del Dott. G.Antonini RIASSUNTO La classificazione della Unione Internazionale Contro il Cancro ha proposto una classificazione in base alle dimensioni

Dettagli

PREMESSA INTRODUZIONE

PREMESSA INTRODUZIONE PREMESSA Nell ambito dell attività di analisi delle criticità e di miglioramento dei programmi di screening, di cui al documento già licenziato dall ASP e intitolato Relazione sui risultati del seminario

Dettagli

SERVIZIO DI SENOLOGIA E MAMMOGRAFIA

SERVIZIO DI SENOLOGIA E MAMMOGRAFIA SERVIZIO DI SENOLOGIA E MAMMOGRAFIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA Questo testo intende fornire in maniera semplice utili informazioni su un tema di particolare importanza

Dettagli

Cos'è il tumore al seno

Cos'è il tumore al seno Cos'è il tumore al seno Il seno è costituito da un insieme di ghiandole e tessuto adiposo ed è posto tra la pelle e la parete del torace. In realtà non è una ghiandola sola, ma un insieme di strutture

Dettagli

Progressione dello screening in vista di una copertura effettiva superiore al 95% entro la fine del progetto (31/12/2007)

Progressione dello screening in vista di una copertura effettiva superiore al 95% entro la fine del progetto (31/12/2007) Allegato A In risposta alle osservazioni sul progetto di screening colorettale della Regione Emilia- Romagna: Progressione dello screening in vista di una copertura effettiva superiore al 95% entro la

Dettagli

LA PATOLOGIA MAMMARIA

LA PATOLOGIA MAMMARIA LA PATOLOGIA MAMMARIA Dott. P. Rossi, Dott. A. De Majo U.O. Chirurgia Generale (Dir. Prof. A. Gaspari), Università Tor Vergata - Roma Indice 1.0Scopo......1 2.0Campo di applicazione...2 3.0Terminologia

Dettagli

SERVIZIO SANITARIO NAZIONEALE REGIONE SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 5 - ORISTANO

SERVIZIO SANITARIO NAZIONEALE REGIONE SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 5 - ORISTANO SERVIZIO SANITARIO NAZIONEALE REGIONE SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 5 - ORISTANO PREMESSA 1. Background epidemiologico Il tumore alla mammella è il più frequente tumore nel sesso femminile ed il

Dettagli

MANAGEMENT MULTIDISCIPLINARE NEL TRATTAMENTO PERSONALIZZATO DEL CARCINOMA DELLA MAMMELLA VIII EDIZIONE

MANAGEMENT MULTIDISCIPLINARE NEL TRATTAMENTO PERSONALIZZATO DEL CARCINOMA DELLA MAMMELLA VIII EDIZIONE MANAGEMENT MULTIDISCIPLINARE NEL TRATTAMENTO PERSONALIZZATO DEL CARCINOMA DELLA MAMMELLA VIII EDIZIONE Presidenti Donatella Santini Mario Taffurelli BOLOGNA, 3-4 DICEMBRE 2015 Hotel Europa PROGRAMMA INFORMAZIONI

Dettagli

tumore al seno Ciss Consorzio intercomunale per i servizi socio sanitari

tumore al seno Ciss Consorzio intercomunale per i servizi socio sanitari tumore al seno Ciss Consorzio intercomunale per i servizi socio sanitari Il Ciss, Consorzio Intercomunale per i Servizi Socio Sanitari, ha un ruolo strategico all interno dei Comuni associati, poiché attraverso

Dettagli

INTERVENTI CHIRURGICI in SENOLOGIA

INTERVENTI CHIRURGICI in SENOLOGIA INTERVENTI CHIRURGICI in SENOLOGIA A cura del Dott. Giacomo Antonini In questo capitolo saranno trattati i differenti interventi chirurgici a carico della mammella, con alcuni cenni sulle loro indicazioni.

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE NEOPLASIE DELLA MAMMELLA

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE NEOPLASIE DELLA MAMMELLA PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE NEOPLASIE DELLA MAMMELLA Rev. n Descrizione modifica Data Rev. n 0 Novembre 2012 Preparato da: Gruppo di Lavoro Interdipartimentale per il PDTA delle Neoplasie

Dettagli

PERCORSO CLINICO PER CASI CHE NECESSITANO DI UN TRATTAMENTO CHIRURGICO (III LIVELLO)... 5

PERCORSO CLINICO PER CASI CHE NECESSITANO DI UN TRATTAMENTO CHIRURGICO (III LIVELLO)... 5 AZIENDA SANITARIA LOCALE ROMA F Via Terme di Traiano 39/A - 00053 Civitavecchia (RM) www.aslrmf.it P.E.C.: protocollo@pec.aslrmf.it aggiornata al 13 novembre 2015 1 Sommario INTRODUZIONE... 3 1) FATTORI

Dettagli

Profilo dei candidati Elezioni GISMa 2015 Reggio Emilia 7 maggio 2015

Profilo dei candidati Elezioni GISMa 2015 Reggio Emilia 7 maggio 2015 Profilo dei candidati Elezioni GISMa 2015 Reggio Emilia 7 maggio 2015 Presidenza Gianni Saguatti (Bologna) Ente di appartenenza: AUSL di Bologna Specializzazione: Radiologo Motivazione della candidatura:

Dettagli

OBIETTIVO SCONFIGGERE IL TUMORE CON LA PREVENZIONE SI PUÒ...PASSAPAROLA FRANCESCA SENETTE

OBIETTIVO SCONFIGGERE IL TUMORE CON LA PREVENZIONE SI PUÒ...PASSAPAROLA FRANCESCA SENETTE OBIETTIVO SCONFIGGERE IL TUMORE CON LA PREVENZIONE SI PUÒ...PASSAPAROLA FRANCESCA SENETTE AMBULATORIO DI SENOLOGIA PRESIDIO OSPEDALIERO DI TERAMO 15 e 29 OTTOBRE ORE 15:00-20:00 Testo a cura dell Area

Dettagli

Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale - Mammella

Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale - Mammella Opuscolo informativo Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale PDTA Mammella 1 Gentilissima Signora, lei è stata invitata ad eseguire esami di accertamento perché dopo aver visto l ultima mammografia

Dettagli

I TUMORI DELLA MAMMELLA

I TUMORI DELLA MAMMELLA I TUMORI DELLA MAMMELLA A cura del Dr.G.Antonini in Italia ogni anno sopravvengano oltre 30 000 nuovi casi di carcinoma della mammella (CM): circa 7-8000 in età inferiore a 50 anni, 13-14 000 tra i 50

Dettagli

Il Tumore al seno Saperne di più

Il Tumore al seno Saperne di più Il Tumore al seno Saperne di più Il seno è un insieme di ghiandole e tessuto adiposo. Le strutture ghiandolari sono unite tra loro a formare un lobo. In un seno ci sono tra 15 e 20 lobi. Il latte giunge

Dettagli

Patologie Mammarie estreme in aree socioculturali svantaggiate Master II Livello in Senologia Università La Sapienza- Roma A.A.

Patologie Mammarie estreme in aree socioculturali svantaggiate Master II Livello in Senologia Università La Sapienza- Roma A.A. Patologie Mammarie estreme in aree socioculturali svantaggiate Master II Livello in Senologia Università La Sapienza- Roma A.A. 2008/2009 Dr.ssa Ileana Parascandolo La prognosi quoad vitam delle patologie

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE DELLA DONNA CON CARCINOMA MAMMARIO

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE DELLA DONNA CON CARCINOMA MAMMARIO PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE DELLA DONNA CON CARCINOMA MAMMARIO Gruppo di lavoro Nicola Delli Quadri Direttore Generale (ASS1) - Coordinatore Giulia Abram SC Centro Sociale Oncologico

Dettagli

Mediamente una donna su otto sviluppa un carcinoma mammario nel corso della propria vita:

Mediamente una donna su otto sviluppa un carcinoma mammario nel corso della propria vita: VI Congresso Nazionale AICM: Le Reti Assistenziali e il Case Management per favorire la continuità di cura. Percorso della paziente affetta da cancro della mammella :esperienza lombarda M. Gjeloshi Riccione,25-26

Dettagli

Il seno è costituito da un insieme di ghiandole e tessuto adiposo ed è posto tra la pelle e la parete del torace.

Il seno è costituito da un insieme di ghiandole e tessuto adiposo ed è posto tra la pelle e la parete del torace. COS'È IL TUMORE AL SENO Il seno è costituito da un insieme di ghiandole e tessuto adiposo ed è posto tra la pelle e la parete del torace. In realtà non è una ghiandola sola, ma un insieme di strutture

Dettagli

GRUPPO SENOLOGICO MULTIDISCIPLINARE: UNITI PER LE DONNE

GRUPPO SENOLOGICO MULTIDISCIPLINARE: UNITI PER LE DONNE BENFATTO! 2012 1. TITOLO DELLA BUONA PRATICA: GRUPPO SENOLOGICO MULTIDISCIPLINARE: UNITI PER LE DONNE 2. AMBITO DI APPLICAZIONE DELLA BUONA PRATICA: 1. sanitario-ospedaliero in generale (gruppi interni

Dettagli

La stadiazione dei tumori

La stadiazione dei tumori La stadiazione dei tumori Reggio Emilia 2-5 dicembre 2007 Silvia Patriarca Registro tumori Piemonte Cosa è lo stadio di un tumore? E la rappresentazione sintetica dell estensione anatomica del tumore.

Dettagli

Quali terapie affrontare? 16 Chirurgia 17 Radioterapia 17 Terapie farmacologiche 18. Dopo le terapie 19

Quali terapie affrontare? 16 Chirurgia 17 Radioterapia 17 Terapie farmacologiche 18. Dopo le terapie 19 Indice Lettera del Presidente 4 La mammella 5 Conoscere il tumore al seno 6 Le lesioni preneoplastiche 8 Prevenzione del tumore al seno: come ridurre il rischio 8 C è qualcos altro che puoi fare per ridurre

Dettagli

nastro rosa Ministero della Salute Sconfiggiamo il tumore al seno. SIAMO PIÙ FORTI INSIEME. www.lilt.it

nastro rosa Ministero della Salute Sconfiggiamo il tumore al seno. SIAMO PIÙ FORTI INSIEME. www.lilt.it SOTTO L ALTO PATRONATO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Con il Patrocinio di Ministero della Salute Sconfiggiamo il tumore al seno. SIAMO PIÙ FORTI INSIEME. Margherita Buy per LILT Foto: Francesca Moscheni

Dettagli

LA PREVENZIONE SENOLOGICA A TUTTE LE ETÀ

LA PREVENZIONE SENOLOGICA A TUTTE LE ETÀ LA PREVENZIONE SENOLOGICA A TUTTE LE ETÀ 1 2 3 SOMMARIO 3 Il tumore della mammella: dati epidemiologici 4 I fattori di rischio 6 I sintomi 7 La prevenzione 12 La terapia e la prognosi 15 Domande&Risposte

Dettagli

Questa tecnica trova primaria indicazione nelle pazienti con mammelle di qualunque dimensione affette da:

Questa tecnica trova primaria indicazione nelle pazienti con mammelle di qualunque dimensione affette da: 1/8 QUADRANTECTOMIA MAMMARIA La Quadrantectomia mammaria è una tecnica chirurgica che prevede la asportazione limitata di ghiandola mammaria per le pazienti affette da neoplasia mammaria. L obiettivo della

Dettagli

BIOLOGIA MOLECOLARE E DIAGNOSI DELLE NEOPLASIE VESCICALI: FOLLOW-UP ED IMPLICAZIONI PROGNOSTICHE

BIOLOGIA MOLECOLARE E DIAGNOSI DELLE NEOPLASIE VESCICALI: FOLLOW-UP ED IMPLICAZIONI PROGNOSTICHE Con Il Patrocinio BIOLOGIA MOLECOLARE E DIAGNOSI DELLE NEOPLASIE VESCICALI: FOLLOW-UP ED IMPLICAZIONI PROGNOSTICHE PRESIDENTI DEL CONVEGNO: Prof. Vito Pansadoro Dott. Vittorio Grazioli ROMA 12 aprile 2013

Dettagli

Il tumore della mammella

Il tumore della mammella Il tumore della mammella LA RIABILITAZIONE Deborah Ferro 17 gennaio 2014 DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE ULSS7 Direttore Dott.ssa FRANCESCA GATTINONI Emanue la Farina fisioterapist e IL RUOLO DELLA RIABILITAZIONE

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA INTERVENTO DI MASTECTOMIA

SCHEDA INFORMATIVA INTERVENTO DI MASTECTOMIA La chirurgia dei tumori della mammella rappresenta ancora oggi il principale momento terapeutico della malattia. La maggiore anticipazione diagnostica consente l attuazione di interventi per lo più conservativi

Dettagli

Epidemiologia dei tumori A. Spitale

Epidemiologia dei tumori A. Spitale Epidemiologia dei tumori A. Spitale 03 aprile 2007 Che cos è l Epidemiologia? Kleinbaum et al. (1982): L Epidemiologia è la scienza che studia lo stato di salute o di malattia nelle popolazioni umane I

Dettagli

NEWSLETTER Screening Mammografico provincia di Trento

NEWSLETTER Screening Mammografico provincia di Trento NEWSLETTER Screening Mammografico provincia di Trento Anno 2003 A cura del gruppo tecnico di valutazione Screening Mammografico Direzione per la Promozione e l'educazione alla Salute Giugno 2004 Gruppo

Dettagli

CENTRO DI SENOLOGIA ULSS 9 TREVISO

CENTRO DI SENOLOGIA ULSS 9 TREVISO CENTRO DI SENOLOGIA ULSS 9 TREVISO ORGANIZZATO DA LILT SEZIONE PROVINCIALE DI TREVISO ONLUS IN COLLABORAZIONE CON: CENTRO DI SENOLOGIA, CHIRURGIA PLASTICA E DERMATOLOGIA AZIENDA ULSS9 TV CENTRO NAZIONALE

Dettagli

Comunicato stampa Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori Sezione Provinciale di Campobasso Campagna NASTRO ROSA 2013

Comunicato stampa Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori Sezione Provinciale di Campobasso Campagna NASTRO ROSA 2013 Regione Molise Comunicato stampa Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori Sezione Provinciale di Campobasso Campagna NASTRO ROSA 2013 A OTTOBRE PARTE LA XXI EDIZIONE INTERNAZIONALE DELLA CAMPAGNA NASTRO

Dettagli

Il caso Jolie: Ereditarietà e prevenzione cosa e come scegliere?

Il caso Jolie: Ereditarietà e prevenzione cosa e come scegliere? Il caso Jolie: Ereditarietà e prevenzione cosa e come scegliere? Uni-A.T.E.Ne.O. "Ivana Torretta" Sergio Fava Oncologia Medica Legnano 22.10.2013 I nuovi casi di tumore Quali tumori più frequenti? Primi

Dettagli

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita La Quadrantectomia mammaria è una tecnica chirurgica che prevede la asportazione limitata di ghiandola mammaria per le pazienti affette da neoplasia mammaria. L obiettivo della Quadrantectomia mammaria

Dettagli

SEGRETERIA SCIENTIFICA Lorenzo Pavesi Fondazione IRCCS Fondazione Maugeri, Pavia Paolo Pedrazzoli Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo, Pavia

SEGRETERIA SCIENTIFICA Lorenzo Pavesi Fondazione IRCCS Fondazione Maugeri, Pavia Paolo Pedrazzoli Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo, Pavia 2 SEGRETERIA SCIENTIFICA Lorenzo Pavesi Fondazione IRCCS Fondazione Maugeri, Pavia Paolo Pedrazzoli Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo, Pavia Andrea Sagona Istituto Clinico Humanitas, Milano Adele

Dettagli

TUMORI MALIGNI DELLE CAVITA NASALI E SENI PARANASALI

TUMORI MALIGNI DELLE CAVITA NASALI E SENI PARANASALI TUMORI MALIGNI DELLE CAVITA NASALI E SENI PARANASALI UNIVERSITA DI ROMA LA SAPIENZA CATTEDRA DI CHIRURGIA MAXILLO-FACCIALE Prof. Giorgio Iannetti TUMORI MALIGNI DELLE CAVITA NASALI E SENI PARANASALI ANATOMIA

Dettagli

LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE

LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE Fondazione Umberto Veronesi - Piazza Velasca 5, 20122 Milano Tel. +39 02 76018187 - Fax +39 02 76406966 info@fondazioneveronesi.it - www.fondazioneveronesi.it TUMORE

Dettagli

Eventi formativi in programmazione nell ambito del PRF (Tutti i corsi sono stati validati per l accreditamento E.C.M.)

Eventi formativi in programmazione nell ambito del PRF (Tutti i corsi sono stati validati per l accreditamento E.C.M.) Eventi formativi in programmazione nell ambito del PRF (Tutti i corsi sono stati validati per l accreditamento E.C.M.) APRILE 2003 Mer. 2 Dipartimento di prevenzione via Garbini - Viterbo Screening del

Dettagli

MULTIDISCIPLINARIETA E PROCESSO GISMa 26-27 settembre 2013

MULTIDISCIPLINARIETA E PROCESSO GISMa 26-27 settembre 2013 Antonio Maestri UOC Oncologia/Hospice Ospedale Santa Maria della Scaletta Azienda USL di Imola PERCORSI E RIPERCORSI SENOL RT CHIR AN PAT ONCO DIAGNOSTICA SENOLOGICA MULTIDISCIPLINARIETA E PROCESSO CHIRURGIA

Dettagli

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC (*risponde l infermiera / l ostetrica/ il medico) AGGIORNATO A Maggio 2009 1 CHE COSA E UN PROGRAMMA

Dettagli

TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI

TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI 14 Fondazione Umberto Veronesi - Piazza Velasca 5, 20122 Milano Tel. +39 02

Dettagli

CENTRO ACCOGLIENZA E SERVIZI

CENTRO ACCOGLIENZA E SERVIZI Franco Testore SOC Oncologia Ospedale Cardinal Massaia ASTI Rete Oncologica Piemonte e Valle d Aosta Un modello innovativo di assistenza sanitaria Il modello organizzativo La Rete tra specialisti diversi

Dettagli

Le Lesioni Occulte: Individuazione e Trattamento

Le Lesioni Occulte: Individuazione e Trattamento Controversie e Innovazioni in Senologia Bari 23-25 Febbraio 2005 HOTEL AMBASCIATORI - BARI LA RICERCA E LA DIAGNOSI PRECOCE Le Lesioni Occulte: Individuazione e Trattamento Stefania Di Carlo Studio Radiologico

Dettagli

GRUPPO INTEGRATO OSPEDALE TERRITORIO (D.G.R. N. 3535/2004) Raggruppamenti di Attesa Omogenei RADIOLOGIA

GRUPPO INTEGRATO OSPEDALE TERRITORIO (D.G.R. N. 3535/2004) Raggruppamenti di Attesa Omogenei RADIOLOGIA GRPPO INTEGRATO OSPEDALE TERRITORIO (D.G.R. N. 3535/2004) Raggruppamenti di Attesa Omogenei RADIOLOGIA ECOGRAFIA ADDOME SPERIORE NELL ADLTO 3 gg Colica reno-ureterale. Macroematuria Colica biliare con

Dettagli

Regione Toscana e ASL 1 di Massa e Carrara Servizio Sanitario della Toscana Liceo Artistico Statale Artemisia Gentileschi Progetto per migliorare l informazione ed il rapporto con i cittadini, attuato

Dettagli

Il Ruolo del Chirurgo Federico Rea

Il Ruolo del Chirurgo Federico Rea Il Ruolo del Chirurgo Federico Rea UOC CHIRURGIA TORACICA Università degli Studi di Padova Ruolo della chirurgia nel PDTA del tumore polmonare DIAGNOSTICO TERAPEUTICO Interventi Diagnostici Se possibile

Dettagli

Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica

Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica Domanda #1 (codice domanda: n.541) : Cosa caratterizza il grado T2 del colangiocarcinoma? A: Interessamento del connettivo periduttale B: Coinvolgimento

Dettagli

Ricostruzione del seno. breve guida per le donne operate di carcinoma mammario

Ricostruzione del seno. breve guida per le donne operate di carcinoma mammario Ricostruzione del seno breve guida per le donne operate di carcinoma mammario 2 Con questa guida ADOCM Crisalide ha inteso offrire un aiuto a tutte le donne operate di carcinoma mammario e metterle in

Dettagli

Il ruolo dell approccio psicologico nella cura del tumore alla mammella

Il ruolo dell approccio psicologico nella cura del tumore alla mammella Torino, 10 giugno 2014 La donna con il tumore al seno: Assistenza a 360 gradi. Aggiornamento e novità Il ruolo dell approccio psicologico nella cura del tumore alla mammella Dott. Maria Rosa STANIZZO Direttore

Dettagli

III edizione 2008 II edizione 2005 I edizione 2002 Tutti i diritti sono riservati per tutti i Paesi. Nessuna parte del presente volume può essere

III edizione 2008 II edizione 2005 I edizione 2002 Tutti i diritti sono riservati per tutti i Paesi. Nessuna parte del presente volume può essere 1 2 III edizione 2008 II edizione 2005 I edizione 2002 Tutti i diritti sono riservati per tutti i Paesi. Nessuna parte del presente volume può essere riprodotta, tradotta o adattata con alcun mezzo (compresi

Dettagli

ANALISI DI ALCUNI INDICATORI DI FOLLOW-UP NEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE ANNO 2009

ANALISI DI ALCUNI INDICATORI DI FOLLOW-UP NEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE ANNO 2009 ANALISI DI ALCUNI INDICATORI DI FOLLOW-UP NEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE ANNO 2009 A cura di: Dr.ssa M. Gambino, Dr.ssa Ass. San. L. Balconi, Dr. S. Pisani U. O. S. Sorveglianza

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI - INDAGINI DIAGNOSTICHE

INFORMAZIONI GENERALI - INDAGINI DIAGNOSTICHE INFORMAZIONI GENERALI - INDAGINI DIAGNOSTICHE A cura del Dr.G.Antonini RIASSUNTO In questo capitolo sarà trattato in maniera sintetica lo stato dell arte delle indagini diagnostiche impiegate per lo studio

Dettagli

Corso di Risonanza Magnetica

Corso di Risonanza Magnetica Parma 28 Maggio 2011 Corso di Risonanza Magnetica IL REFERTO Pietro Panizza UO Radiologia H S.Raffaele - Milano INTERLOCUTORI DONNA MEDICO DI MED. GENERALE/GINECOLOGO MEDICO SPECIALISTA GIUDICE INTERLOCUTORI

Dettagli

Linfedema dell arto superiore nei 24 mesi successivi al trattamento chirurgico

Linfedema dell arto superiore nei 24 mesi successivi al trattamento chirurgico FOLLOW-UP 01 Linfedema dell arto superiore nei 24 mesi successivi al trattamento chirurgico 100 A S L 20 DESCRIZIONE: stima la proporzione di pazienti che sviluppano un linfedema dell arto superiore nei

Dettagli

Screening per il tumore al seno e al collo dell utero

Screening per il tumore al seno e al collo dell utero Screening per il tumore al seno e al collo dell utero SCREENING PER LA PREVENZIONE E LA DIAGNOSI PRECOCE DEL TUMORE DEL SENO E DEL COLLO DELL UTERO. UN APPUNTAMENTO DA RICORDARE La Regione Valle d Aosta,

Dettagli

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON DATA DI AGGIORNAMENTO: MARZO 2012 Adenoma con displasia alto grado o severa (1) Escissione locale completa endoscopica in unica escissione (non piecemeal) Resezione

Dettagli

Prefazione pag. 3. Cos'è il tumore della mammella? pag. 4. Quali sono i principali fattori di rischio? pag. 5

Prefazione pag. 3. Cos'è il tumore della mammella? pag. 4. Quali sono i principali fattori di rischio? pag. 5 Indice Prefazione pag. 3 Cos'è il tumore della mammella? pag. 4 Quali sono i principali fattori di rischio? pag. 5 È possibile prevenire il tumore della mammella? pag. 8 Quali sono i segni che devono indurre

Dettagli

Anna Sapino Appropriatezza diagnostica e ruolo dell anatomia patologica del cancro mammario

Anna Sapino Appropriatezza diagnostica e ruolo dell anatomia patologica del cancro mammario Anna Sapino Appropriatezza diagnostica e ruolo dell anatomia patologica del cancro mammario Dipartimento di Scienze Mediche Università di Torino Dipartimento di Medicina di Laboratorio AOU Citta della

Dettagli

PERCORSO UNITA PROSTATA. POLICLINICO UMBERTO I v.le Regina Elena, 324 Roma

PERCORSO UNITA PROSTATA. POLICLINICO UMBERTO I v.le Regina Elena, 324 Roma PERCORSO UNITA PROSTATA POLICLINICO UMBERTO I v.le Regina Elena, 324 Roma COORDINAMENTO DIAGNOSTICO: Dott.ssa Valeria Panebianco, UOC Radiologia Centrale (Dir.Prof.C.Catalano) Dipartimento di Scienze Radiologiche,

Dettagli

INDICE. Lettera del Presidente 4 Prefazione del Ministro della Salute 6. La mammella 8

INDICE. Lettera del Presidente 4 Prefazione del Ministro della Salute 6. La mammella 8 1 INDICE Lettera del Presidente 4 Prefazione del Ministro della Salute 6 La mammella 8 Conoscere il tumore al seno 9 Il cancro al seno 9 Le lesioni preneoplastiche 11 E possibile prevenire il tumore della

Dettagli

Convegno. Hotel Duchessa Isabella Via Palestro 68/70, Ferrara. Ferrara, 20 gennaio 2012

Convegno. Hotel Duchessa Isabella Via Palestro 68/70, Ferrara. Ferrara, 20 gennaio 2012 Dipartimento di Diagnostica per Immagini e Medicina di Laboratorio U.O. di Medicina Nucleare Direttore: Dott. Luciano Feggi Dipartimento di Scienze Chirurgiche, Anestesiologiche e Radiologiche Sezione

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SCREENING MAMMOGRAFICO

IL PROGRAMMA DI SCREENING MAMMOGRAFICO IL PROGRAMMA DI SCREENING MAMMOGRAFICO PROVINCIA DI VARESE Il TERRITORIO di riferimento ESTENSIONE TERRITORIALE: 1.1.99 Kmq DENSITÀ ABITATIVA: 740,39 abitanti per Kmq TOTALE COMUNI: 141 POPOLAZIONE RESIDENTE

Dettagli

Neoplasie della mammella - 2

Neoplasie della mammella - 2 Neoplasie della mammella - 2 Fattori prognostici Numero di N+ : >3 Età e stato menopausale Diametro di T Invasione linfatica e vascolare Tipo istologico Grading Recettore per Estrogeni/Progesterone Amplificazione

Dettagli