Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "-------------------------"

Transcript

1 Daa formazione a distanza ae comunità di pratica attraverso 'apprendimento in rete Lo spettro dei possibii usi dee reti nea formazione continua e a distanza INTRODUZIONE Gi iter formativi di tipo tradizionae sempre più dovranno essere intesi come momenti di avvio di un percorso di apprendimento che deve durare ne tempo sotto a diretta responsabiità de singoo. In questo scenario può quindi assumere un ruoo determinante 'utiizzo di tecnoogie dea comunicazione, risorse in grado di offrire nuove opportunità a fruitore di partecipare attivamente a processo educativo. Questa prospettiva richiama 'esigenza di offerte formative basate su metodiche nuove che sfruttino efficacemente e potenziaità dee tecnoogie teemediai, proponendo percorsi sia personaizzati sia inseriti ne'ambito di comunità virtuai che apprendono coaborativamente. Lo spettro dei possibii contesti di appicazione è praticamente iimitato e proprio tae vastità impone o studio approfondito dee condizioni che possono determinare a sceta (o a messa a punto) dei metodi e dee tecnoogie più efficaci. Si pensi ad esempio aa formazione in servizio de personae dea Scuoa, aa formazione a distanza nea PMI, ai corsi a distanza e aa "didattica integrata" offerti da'università. Merita poi un discorso a parte i settore imprenditoriae che, sotto a pressione de'innovazione e dei mercati in continua evouzione, tende sempre più a infrangere a proceduraità dea formazione tradizionae a favore di processi di crescita endogena attraverso a circoazione e a capitaizzazione de proprio know-how. Anche in questo caso un ottimo supporto è offerto dae tecnoogie di rete, quando abbinate ae metodiche de knowedge management e a'organizzazione di comunità di pratica che apprendono coaborativamente. Si tratta di comunità di apprendimento auto-gestite, dove cioè a crescita professionae non si basa tanto su un percorso formativo "tracciato " (un corso in presenza o a distanza) quanto piuttosto sua condivisione dee esperienze, su'individuazione dee migiori pratiche e su'aiuto reciproco ne'affrontare i probemi quotidiani dea propria professione. Per questa ragione si preferisce parare di apprendimento mutuato (o reciproco) proprio per distinguero dae atre strategie di apprendimento coaborativo, quee per così dire, dirette, dove cioè quacuno ha a regia, a direzione, de processo formativo (vedi i caso dea formazione in rete, organizzata in veri e propri corsi interattivi). Si tratta di un approccio che sta sempre più interessando a PMI (in particoare consorzi di PMI), in genere riuttante a Investire nea formazione cosiddetta "formae " (ritenuta costosa e poco efficace) e più Incine a vaorizzare processi di apprendimento on-the-job, più fessibii e continui ne tempo. Scopo di questo avoro è cercare di tracciare una possibie tassonomia degi approcci metodoogici a'uso dee tecnoogie di rete nea formazione continua e a distanza, mettendone in evidenza e specificità e e condizioni di appicabiità. Con questo non si vuoi tanto definire una nuova categorizzazione dee appicazioni FaD, aternativa a quea ormai storicamente acquisita e che e vede distinte in Gugiemo Trentin ITD-CNR, Genova it TD n. 20 numero

2 tre diverse generazioni [Nipper, 1989]. quanto piuttosto proporne una ad essa compementare e che si riferisca escusivamente agi approcci basati su'uso dee tecnoogie di rete. Per faciitare i ettore nea focaizzazione di acuni concetti chiave che verranno di seguito discussi, in Appendice è riportata a veduta d'insieme dea tassonomia a cui convergerà questo avoro.. FORMAZIONE CONTINUA E A DISTANZA: IL RUOLO DELLA TELEMATICA L'uso dea teematica nea formazione a distanza (FaD) è stato spesso interpretato come un modo rapido ed economico per raggiungere i potenziai fruitori de prodotto formativo, intendendo in questo senso, e reti, prioritariamente come canai di distribuzione di massa. Negi utimi anni, tuttavia, si sta consoidando 'idea che 'efficacia didattica dea teematica si concretizzi non tanto ne sostituire i teefono o i servizio postae, quanto piuttosto nea capacità di reaizzare nuove forme di interazione a distanza, attraverso 'aestimento di aue virtuai che consentano a singoo un'attiva partecipazione a processo formativo daa propria residenza, sede di avoro o di studio. La rete quindi intesa non soo come strumento di trasmissione dei materiai didattici ma anche e soprattutto come "uogo" dove dar vita a un processo di Insegnamento/ apprendimento connotato da un eevato iveo di interattivtà fra tutti gi attori coinvoti (partecipanti, tutar, esperti, ecc.) [Trentin, 1999]. Da questa prima osservazione possiamo già Individuare due macra-categorie in cui coocare diversi usi dee reti nea formazione continua e a distanza: quei In cui a teematica è vista prevaentemente come strumento per accedere a materiae educativo da usarsi in autoistruzione e quei invece in cui a rete è intesa come ambiente virtuae entro cui i partecipanti a un evento formativo nteragiscono in vere e proprie comunità di apprendimento. 2. APPRENDIMENT O INDIVIDUALE E APPRENDIMENT O COLLABORATIVO Come tutte e categorizzazioni, anche quea proposta a concusione de precedente paragrafo denota un certo iveo di rigidità, soprattutto ne distinguere perentoriamente fra apprendimento basato su soo uso individuae di materiae didattico e apprendimento coaborativo. È evidente Infatti che e due strategie non sono necessariamente in antitesi; si pensi ad esempio ai processi basati su'apprendimento coaborativo, dove spesso si fa anche uso di materiae didattico strutturato, pensato per essere fruito individuamente e distribuito (o utiizzabie direttamente) via Web [Khan, 1997]. I motivo dea netta distinzione proposta In questa fase Iniziae dea nostra anaisi, è egato a'esigenza (e o vedremo megio ne seguito) di sottoineare come i maggiore o minore iveo di interattivtà fra gi attori de processo (tutor, corsisti, esperti, ecc.). introdotto da'uno o da'atro approccio, si rifetta sua sceta dee strategie educative da adottare ne proporre e attività corsua e sue condizioni di appicabiità de'approccio stesso. E a proposito dee strategie educative, possiamo già Individuare una diversificazione fra strategie di autoapprendimento (vedi 'uso di materiae didattico strutturato) e strategie di apprendimento in rete gestite da'erogatore de corso o autogestite daa stessa comunità di apprendimento (vedi rispettivamente In caso dei corsi onine e dee comunità di pratica). Prima però di procedere ne'anaisi di queste due macra-categorie è opportuno osservare come qui i termine apprendimento in rete non stia tanto a significare che i processo formativo faccia uso di una rete di computer, quanto piuttosto che si basi su una rete di interreazion fra partecipanti a processo stesso; nterreazoni funzionai ae attività di una comunità cooperante ne raggungmento di uno specifico obiettivo educativo [Trentin, 1998]. Quindi, a rete, prima di tutto come rete di Individui ancorché rete teematica necessaria aa comunicazione a distanza fra quegi stessi individui. Ma riprendiamo i discorso a partire dae due macra-categorie appena Individuate. 2.1 Formarsi utiizzando i materiai disponibii in rete Innanzi tutto è bene definire quai materiai: tutto ciò che si Incontra navigando 22 TD n. 20 numero

3 a rete oppure materiai strutturati in modui didattici finaizzati a raggiungimento di precisi obiettivi educativi? Voendo fare dei paragoni i primo caso corrisponde a'andare in una bibioteca e consutare più o meno casuamente dei testi su uno specifico argomento; i secondo a recuperare (o farsi inviare) materiai didattici organizzati secondo un ben preciso percorso formativo. Vediamo di chiarire megio questi due aspetti. Imparare navigando 'informazione - La rete, si sa, è un immenso serbatoio di materiai archiviati in forma digitae. Navigandoa è possibie trovare informazioni che quacuno ha depositato sui vari nodi e che sono d'interesse per una grande varietà di settori discipinari, professionai, ecc. La domanda a questo punto potrebbe essere: è possibie imparare navigando iberamente a rete? Sicuramente c'è a probabiità che si producano degi apprendimenti, a stessa di quando, interagendo con dee informazioni nuove, si cerca di coocare nea propria preesistente struttura conoscitiva. Di fatto in questi casi si preferisce parare di incidenta Jearning, 'informazione recuperata in rete cioè non è di per sé sufficiente a garantire e condizioni per ' apprendimento di quacosa di nuovo: se ciò avviene, in genere è effetto dea casuaità. In sostanza è un po' come quando ci si reca in una bibioteca per cercare ibri e riviste che trattino un particoare argomento dai quai poi attingere informazioni ne quadro di un più preciso e ampio percorso formativo. La possibiità di imparare navigando a rete è comunque un aspetto da non sottovautare, soprattutto ne caso dea formazione e aggiornamento permanenti, dove diventa strategica 'abitudine e a capacità di provvedere autonomamente ai propri bisogni conoscitivi. È necessario però stare moto attenti. Infatti, se da un ato è possibie andare iberamente aa ricerca di documenti e materiai, da'atro i muoversi sua rete sensatamente e proficuamente (ameno da punto di vista educativo) impica i dover acquisire competenze specifiche ne'individuazione dee sorgenti informative più appropriate, ne saperne vautare 'autorevoezza e ne'utiizzare ocuatamente ciò che si riesce a recuperare. Se tai abiità mancano, si rischia di sprecare moto tempo e moti sforzi a fronte di modestissimi benefici. Imparare utiizzando materiai didattici strutturati - E veniamo a caso dei materiai reperibii in rete e organizzati in forma di vero e proprio corso testuae o mutimediae. Qui siamo in presenza di un progetto didattico e quindi chi accede e interagisce con quei materiai si trova in una situazione ben diversa da sempice navigare contenuti archiviati in rete con scopi non necessariamente educativi. Come vedremo megio in seguito questo tipo di approccio è moto simie a queo adottato daa formazione a distanza di tipo tradizionae: 'unica differenza è che, Invece di ricevere i materiai per posta, è cura de corsista andari a recuperare su uno specifico sito. La rete quindi, come servizio di "posta veoce" più che come ambiente in cui dar vita a vero e proprio processo di apprendimento. Va tuttavia rievato come sempre più frequentemente anche chi propone percorsi formativi basati prevaentemente suo studio individuae di materiae didattico tenda a offrire forme di supporto a distanza, attraverso 'azione di tutor che faciitino i singoo fruitore ne'uso dei materiai e nea sceta dei percorsi educativi; o scopo evidente è queo di dar vita a processi di apprendimento assistito. Resta tuttavia a pecuiarità di un processo basato prevaentemente sua mediazione dei materiai, che devono essere progettati e reaizzati ne!' ottica di una fruizione individuaizzata, quindi con i compito non soo di veicoare i contenuti, ma anche di chiarire, vota per vota, obiettivi e struttura de'intervento didattico nonché proporre strumenti d i aut ovautazione [Rowntree, 1994]. Nua infatti può essere dato per impicito ao studente a distanza, che ha 'esigenza di capire, in quaunque momento de percorso formativo, i punto in cui si trova, 'obiettivo dee attività che via via gi vengono proposte e i iveo di progressione dee proprie conoscenze sui contenuti de corso. In atre paroe, a reaizzazione di un corso da depositare in rete e basato sua me- TD n. 20 numero

4 ".. tee-insegnamento a...,. gj g A LJ.. \/ u u... U--].-.E...., /.~r ~~,!!~ CL t... \.~u formazione in rete Figura Due strategie didattiche usate nea formazione per via teematica. diazione dei materiai non può imitarsi aa digitaizzazione di quacosa di già esistente e aa sua disposizione più o meno ordinata su un server di rete. 2.2Formarsi interattivamente in rete: da tee-insegnamento aa formazione in rete A prima vista non sembrerebbero esserci differenze significative fra 'una e 'atra strategia ("tee-insegnamento" e "formazione in rete"). In reatà una distinzione esiste ed è anche abbastanza marcata. Si prenda ad esempio i tee-insegnamento (figura 1). Qui 'azione de' " insegnare" viene espicitamente condotta per via teematica attraverso una dinamica comunicativa prevaentemente di tipo uno-a-moti: da una parte i docente (spesso in conferenza testuae o mutimediae) e da'atra i corsisti, che possono fare domande e tavota interagire fra oro. In un tae assetto, tuttavia, i "centro-stea" dea comunicazione, i protagonista dea ezione, resta sempre i docente. Diverso è i caso dea formazione in rete propriamente detta, dove invece 'Imparare ha uogo perché 'attività didattica viene impostata in modo che sia 'interazione fra partecipanti a favorire a crescita coettiva de gruppo. Ribadiamo che qui, i termine "in rete", non evoca soo 'uso di una "rete di computer" quanto piuttosto 'adozione di strategie didattiche coaborative che esatino a componente sociae de processo di apprendimento attraverso 'attivazione di una "rete di individui". In una situazione de genere 'azione de'insegnare si concretizza ne progettare, ne'aestire e ne far funzionare un impianto didattico basato su protagonismo di cooro che devono imparare e sua oro coaborazione. Non si ha quindi un'azione diretta ed espicita di insegnamento da parte de docente quanto piuttosto di faciitazione nei confronti dei corsisti. In sostanza, non tanto un uso dea rete per surrogare/repicare interventi tradizionai (ad esempio con ezioni in videoconferenza) quanto piuttosto un uso di approcci pedagogici nuovi che, facendo eva sue funzionaità e e dinamiche dea computer mediated communication (CM C), gettino e basi per impostare una vera e propria "pedagogia di rete" [Haughey e Anderson, 1998]. 3. TELEMATICA E APPRENDIMENTO COLLABORATIVO Lo spettro di appicabiità dee tecnoogie di rete ne processi di apprendimento coaborativo è piuttosto vasto [Savin, 1990] [Light e Mevarech, 1992]. Voendo anche in questo caso tentare una seppur rozza cassificazione, possiamo individuare due principai categorie in cui a rete è vista rispettivamente come: ambiente dove si sviuppa 'attività di apprendimento (formazione in rete) o parte di essa (mista o integrata). sotto a gestione di un erogatore de corso; strumento in grado di favorire 'attivazione dee cosiddette comunità di pratica che, attraverso 'interazione aa pari dei componenti e a sociaizzazione di conoscenze, situazioni probematiche, souzioni, ecc.. mirino ao sviuppo di nuovi apprendimenti basati su processi coaborativi "autogestiti". 3.1 Formazione in rete La formazione in rete, organizzata in una o più cassi virtuai, si sviuppa In un'aternanza fra momenti di studio individuae e interazione a distanza. Si tratta quindi di un approccio che richiama aspetti sia dea formazione a distanza di tipo tradizionae (studio individuae ed eventuae coegamento remoto con i tutor) sia a formazione In presenza, più centrata su'interazione fra tutti i par- 24 TD n. 20 numero

5 tecipanti (docenti, corsisti, esperti). L'approccio non prevede momenti in presenza, a parte casi particoari come 'evento di inizio e tavota di fine corso. In rete i partecipanti sono organizzati in vere e proprie comunità di apprendimento, tese non soo a ridurre 'isoamento de singoo, ma anche (forse soprattutto) a vaorizzarne e conoscenze pregresse a favore dea crescita coettiva de gruppo [Harasim, 1990 ]. Questo tipo di approccio ben si adatta aa formazione de'aduto dove a condivisione de vissuto personae, in reazione a'argomento di studio, può effettivamente giocare un ruoo moto forte a vantaggio de'intero processo formativo. La comunicazione a'interno dei gruppi virtuai è in genere gestita attraverso a computer conference [Berge, 1995] e quindi su'invio e a ricezione di messaggi eettronici organizzati per aree tematiche (i capitoi de corso). Quando è possibie, questo tipo di tecnoogia viene integrata con a videoconference [Kaye, 1994]. per quanto ancora poco diffusa a causa dei costi non sempre accessibii quando si vogiano ottenere accettabii ivei quaitativi dea comunicazione. La strategia educativa maggiormente utiizzata è quea de'apprendimento coaborativo favorito da uno staff di tutor che di vota in vota assumono i ruoo di moderatori di discussione, di faciitatori di attività esercitative, di organizzatori di avoro di gruppo, ecc. I corsi di formazione in rete, che si sviuppano in un arco di tempo più ungo rispetto a queo de corsi tradizionai, impicano un processo fortemente strutturato e articoato che in genere porta a risutati quaitativamente moto eevati. 3.2Formazione mista (presenza/ distanza) Le strategie "pure" di formazione in rete, non sempre sono proponibii e questo per diverse ragioni. Ci sono contenuti che poco si prestano ad essere trattati via rete, e ancora, i destinatari d ei' azione formativa potrebbero adattarsi con difficotà (o affatto) ae modaità di comunicazione tipiche dea CMC, basate prevaentemente su'interazione in testo scritto. Di qui 'esigenza di strategie miste (presenza/ distanza) articoate sua compementarità di momenti formativi In presenza e di attività in rete [Benigno e Trentin, 1998]. Con "mista" (o "integrata") intendiamo a possibiità di condurre un'azione formativa che possa avvaersi dee caratteristiche proprie sia dea formazione in presenza (ezione frontae, avoro di gruppo, ecc.) sia di quea in rete (discussioni, esercitazioni assistite a distanza, progettazione coaborativa, ecc.). La formazione mista prevede un processo cicico articoato in tre momenti: un intervento in presenza di tipo tradizionae; una fase di apprendimento individuae, basato di soito su'uso di materiai d 'appoggio, strutturati e non; un momento di attività in rete centrato su discussioni, esercitazioni, produzioni coaborative, ecc. Un aspetto da non sottovautare nea conduzione di corsi misti è a forte compementarietà fra i momenti in presenza e quei a distanza. Per questo, durante a progettazione de corso, deve essere garantito un buon bianciamento fra e attività in presenza e quee da proporre a distanza, in modo tae che e une siano funzionai ae atre e viceversa. In atre paroe, e attività in presenza non dovrebbero imitarsi a seminari o ezioni frontai, ma contribuire a gettare e basi per a successiva attività a distanza, chiarendo obiettivi, assegnazioni, tempi e risutati attesi. Ao stesso modo e attività a distanza dovrebbero essere Impostate In modo tae da risutare funzionai (se non Indispensabii) a successivo Incontro in presenza. Ad esempio potrebbero offrire ' occasione per un primo brainstormng su'argomento previsto per una seguente discussione In aua. Otre a beneficio di una prima rifessione Individuae, indotta da fatto stesso di scrivere quacosa per gi atri [Mason, 1993]. una preiminare circoazione di idee contribuirebbe a ottimizzare n tempo a disposizione per ' incontro, consentendo a tutti i partecipanti, una vota in aua, di entrare immediatamente ne merito dea discussione e de confronto. Anche se questo esempio, nea sua sempicità, può apparire banae, di fatto non TD n. 20 numero

6 o è, soprattutto se o si interpreta ne'ottica de'economia gobae dei tempi di un processo formativo indirizzato agi aduti. 3.3Le comunità di pratica Finora ci siamo occupati di approcci basati su processi di apprendimento coaborativo che potremo definire di tipo "diretto", dove cioè quacuno gestisce 'intervento formativo proponendo attività coaborative. Esiste però un atro modo di Intendere a coaborazione (in rete e non) come nuceo fondante de'apprendimento fra individui, queo cioè basato sua condivisione dee esperienze, su'individuazione dee migiore pratiche e su'aiuto reciproco ne'affrontare i probemi quotidiani dea propria professione. I concetto a cui ci si ispira è tanto sempice quanto efficace: se ho un probema, chiedo aiuto a chi probabimente o ha già affrontato (un coega o un gruppo di coeghi); se mi viene data una souzione e a comprendo, ho imparato una cosa nuova; se non mi viene data, provo a cercara insieme ad atri che hanno (o potrebbero In futuro avere) i mio stesso probema. Definiamo questo tipo di apprendimento coaborativo, mutuato (o reciproco), per distinguero da queo, per così dire, diretto, basato cioè su un processo governato da quacuno e che segue un ben preciso programma formativo. Ma come potremmo definire una comunità di pratica? Wenger [ 1996] scrive: Le comunità di pratica sottendono una teoria de'apprendimento che parte daa seguente assunzione: 'impegno in una pratica sociae è i processo fondamentae attraverso i quae noi apprendiamo e in ta modo diveniamo chi siamo. I primo eemento di anaisi non è né 'individuo né e istituzioni sociai quanto piuttosto 'informae "comunità di pratica" che e persone creano per condividere ne tempo e oro esperienze. Per denotare a caratteristica sociae de'apprendimento, a teoria espora in modo sistematico J'intersezione fra aspetti concettuai che riguardano a comunità, a pratica sociae, i significato e 'identità personae. Ciò che ne deriva è un ampio quadro di riferimento concettuae che individua ne'apprendimento un processo di partecipazione sociae. Fra i primi sperimentatori dee comunità di pratica si annovera 'Institute far Research an Learnng (IRL), che in cooperazione con a Xerox Corportation di Pao Ato anciò uno studio per osservare come i propri dipendenti reamente sviuppavano i oro avoro. Da queste esperienze, ecco come Brown e Gary (1995) sottoineano i tratti distintivi dee comunità di pratica:... piccoi gruppi di persone che avorano insieme durante un periodo di tempo... non si tratta di un team, né di una task force, né necessariamente di un gruppo ben deìnito e inquadrato... svogono a stessa funzione... coaborano ao sviuppo di un avoro comune. Fanno questo agendo aa pari e ciò che i tiene uniti è a comune percezione di avere ciascuno 'esigenza di sapere ciò che gi atri sanno. In concetto di comunità di pratica possiamo dire quindi si basi sui seguenti assunti2:. L 'apprendimento è fondamentamente un fenomeno sociae. L'individuo accresce e proprie conoscenze attraverso e comunità sociai a cui partecipa. La scuoa è un potente ambiente di apprendimento soo per chi a riconosce (vive) come comunità sociae. 2. La conoscenza è integrata nea vita dea comunità che condivide vaori, credenze, inguaggi e modi di fare. Questa è detta comunità di pratica. La conoscenza reae è integrata ne fare, nee reazioni sociai e ne'esperienza dea comunità. 3. II processo di apprendimento e i proce~o di appartenenza aa comunità di pratica sono inseparabii. L'apprendimento è inseparabimente intrecciato con ' appartenenza aa comunità. Questo ci consente di esserne membri adeguando i nostro status a gruppo. A cambiamento dei nostri apprendimenti, cambia a nostra identità e conseguentemente a nostra reazione co gruppo. 4. La conoscenza e pratica sono inseparabii. Non è possibie "sapere" se non si sa "fare". Noi apprendiamo facendo. 5. La capacità di contribuire aa comunità crea e potenziaità per 'apprendimento. Le circostanze che c impegna- / rg/ (Institute for Research on Learning) 2 /Ss.uno.edu / ss/ theory/compract.ht mi (U niversity o f New Oreans, Socia Studies Resources) 26 TD n. 20 numero

7 e cioè nea creazione di una comunità di no in azioni reai che hanno conseguenze sia per noi sia per 1a comunità di cui facciamo parte, creano i più efficace ambiente di apprendimento. Esistono ameno due situazioni in cui 'apprendimento coaborativo può essere favorito da'attivazione di una comunità di pratica: 'esigenza, a vae di un'azione formativa (non importa se condotta in presenza o a distanza), di dare continuità aa stessa attraverso forme di assistenza reciproca fra i neo-formati; 'esigenza di creare comunità professionai ispirate ai modei dea cosiddetta "condivisione dea conoscenza" Le comunità de2i ex-corsisti Spesso i corsi di formazione, in particoare quei residenziai, sono sviuppati in un arco di tempo insufficiente a garantire a competa acquisizione dee conoscenze e dee competenze previste, tanto è vero che mote vote più che di "intervento formativo" si dovrebbe parare di "intervento informativo". E a situazione non è moto diversa per chi partecipi a corsi a distanza. I momento di maggior criticità si ha in "ex-corsisti" che si mantengono in contatto, a vae de'intervento formativo, per aiutarsi e sostenersi ne'appicazione di quanto appreso, sociaizzando i probemi e, ancor megio, e souzioni e e strategie d'impiego dee nuove conoscenze Le comunità professionai Se ne caso degi "ex-corsisti" ' attivazione dea comunità di pratica avviene a vae di un intervento formativo, quando si para di apprendimento in rete ispirato ai modei dea amdivisione dea conoscenza ci si riferisce aa costituzione "spontanea" di gruppi di professionisti che, attraverso strategie coaborative, mirano ad arricchire i oro bagagio conoscitivo e/ o di competenze. La genesi dea comunità è quindi diversa nei due casi così come sono sensibimente diversi i motivi che spingono a parteciparvi. Mentre ne caso degi "ex-corsisti" 'aggregazione in comunità di pratica è favorito da una sorta di "effetto scia" dovuto aa comune esperienze di partecipanti ao stesso intervento formativo, ne caso dee comunità professionai a costituzione de gruppo è principamente determi particoare quando, terminata 'azione formativa, n partecipante prova ad appicare nata da percepire a condivisione di esperienze ciò che ha appreso basandosi escusinata vamente sue proprie forze e sue proprie abiità. Per quanto egi possa essersi impadronito dei contenuti principai de corso, questo non sempre si traduce in capacità appicativa3. E con 'insorgere dee eventuai prime difficotà, i senso di isoamento, sempre in agguato in questi casi, può indurre demotivazione e conseguentemente a vanifìcazione di quegi investimenti (in termini sia economici che formativi) che su corsista si sono fatti. Esiste quindi a forte esigenza di creare momenti di continuità fra 'attività di formazione/ aggiornamento e e attività di trasferimento, con azioni di sostegno in rete. Tai azioni possono essere previste e conoscenze (soprattutto quee "tacite") come grossa opportunità di crescita coettiva [Cortada e Wodds, 1999]. Qui infatti sono sostanziamente 'interesse verso e probematiche via via soevate e a stima reciproca a fungere da cataizzatori di una comunità i cui membri sono geograficamente distribuiti e non fanno necessariamente parte dea stessa organizzazione o settore produttivo. Perché poi a coaborazione si autoaimenti e sia duratura è necessario che ogni membro dea comunità non si imiti a beneficiare dee esperienze atrui, ma assuma un ruoo attivo e propositivo ne coaborare a sviuppare nuove e migiori pratiche professionai, contribuendo così da percorso formativo o attivate spontaneamente dagi stessi corsisti [Eastmond, visa dea comunità di cui fa parte. dae comunità d i pratica a incrementare a base di conoscenza condi 3 Q ui emerge uno dei concetti ch iave sot tesi 1995]. e cioè de'inseparabiità Ne primo caso è 'erogatore de corso 4. CONCLUSIONI fra conoscenza e pratica. che si fa carico di assistere via rete a cosiddett a fase di accompagnamento dei zione de mondo dea formazione su'u Negi utimi anni si è intensificata 'atten 4 È questo i caso de' appro ccio sviuppato e sp e rimentato dai'itdcorsisti4tiizzo sistematico dee reti di computer a C NR ne corso de prog etto Poaris per a for Ne secondo caso i sostegno si concretizza ne "sef-hep" fra gi stessi partecipanti più in generae dea formazione conti- docenti [Trentin, 1999]. supporto dea formazione in servizio e mazione in servizio dei TD n. 20 numero

8 nua. Si sono e si stanno tuttora studiando, definendo e sperimentando diversi possibii approcci che vanno da'uso dea rete come risorsa in grado di favorire percorsi di autoaggiornamento basato su'uso di materiai didattici (strutturati per essere fruiti in autoistruzione), aa gestione di veri e propri corsi interattivi basati su'apprendimento coaborativo fino a 'uso di strategie di apprendimento mutuato (o reciproco). tipico dee cosiddette comunità di pratica. In questo articoo si è cercato di definire una possibie tassonomia di tai approcci metodoogici (vedi i diagramma Appendice) mettendone in evidenza e specificità e e diverse strategie educative adottate e che possono essere sintetizzate ne'uso. ibero dea rete per 'accesso a materiai non strutturati secondo un espicito percorso formativo (si è citata 'anaogia con 'andare in un immensa bibioteca); 2. di materiai didattici strutturati pensati per essere fruiti a distanza in autoistruzione; 3. di materiai didattici strutturati per essere fruiti a distanza, prevaentemente in autoistruzione, ma con un minimo supporto da parte de'erogatore; 4. di materiai didattici, non necessariamente strutturati in un vero e proprio corso autoistruzionae, con assistenza di tutor e di docenti messi a disposizione da'erogatore (acune vote con funzioni di gestori di eventi, quai brevi workshop/ seminari in rete sui temi de corso); 5. di approcci misti (presenza/ distanza) basati sua compementarietà fra momenti formativi in presenza e attività a distanza; 6. di approcci "puri" aa formazione in rete basati sua fo rte interazione di tutte e componenti de processo (partecipanti, tutor, esperti); 7. dee comunità di pratica, teso aa costituzione di gruppi coaborativi composti, per esempio, da ex-corsisti o professionisti, che condividono esperienze, conoscenze e migiore pratiche ne'ottica di una crescita coettiva de'intero gruppo. Sintetizzando uteriormente, gi usi indicati ai punti e 2 sono tipici di un processo di apprendimento individuaizzato; 3 e 4 di un apprendimento assistito; 5 e 6 di un apprendimento coaborativo basato su un processo formativo strutturato; 7 di un apprendimento reciproco basato sua condivisione di esperienze, conoscenze e migiori pratiche. Da sottoineare come i iveo di interattività fra gi attori de processo tenda a crescere passando dagi approcci basati escusivamente suo studio di materiae didattico, a quei che invece adottano strategie di apprendimento coaborativo. È quindi evidente 'importanza dea reazione fra iveo di interattività impicato da un particoare approccio e condizioni per un'efficace appicabiità de'approccio stesso. Nea sceta di quest'utimo si dovranno perciò tener presenti acuni aspetti chiave, quai a reae esigenza di mettere in atto strategie di apprendimento attive e coaborative; a consistenza numerica de'utenza. che determina a sceta fra interventi estensivi e interventi intensivi; i iveo quaitativo che si desidera raggiungere, spesso direttamente proporzionae aiveo di interattività de processo messo in atto; i costi che 'interattività comporta e i ritorno d 'investimento. E i maggiore o minore iveo di interattività, proprio de'uno o de'atro approccio, è uno degi eementi chiave che guida nea progettazione de'intervento, in particoare nea definizione dee attività e dee strategie didattiche da proporre a corsista per i raggiungiment o degi obiettivi educativi dichiarati ne piano formativo. Ma non è soo qui che si risente dea differenza fra a progettazione di un corso basato su'uso di materiai didattici strutturati (estensivo e poco o nua nterattvo) e uno invece ispirato a'onine education (intensivo e moto interattivo). Basti pensare ae questioni che riguardano i tipo di supporto da offrire a corsista, a definizione de metodi e degi strumenti di vautazione, a reaizzazione de kit dei materiai corsuai nonché a sceta dei servizi di rete più idonei per a gestione dea comunicazione interpersonae e/ o a distribuzione de materiae didattico. Come si vede i campo di studio è ancora 28 TD n. 20 numero

9 vastissimo e non investe soo questioni puramente didattiche, ma anche economiche e cuturai. Va infine rievato come a fronte di studi sempre più approfonditi sue metodooge didattiche dea formazione continua e a distanza, non vi sia una corrispondente diffusione dee pratiche egate a tai modei. È probabie che questo dipenda anche dai' acquisizione di una nuova cutura che veda a formazione a distanza non tanto in antagonismo o in aternativa aa formazione in presenza quanto puttosto come un uteriore possibiità, soprattutto in quee situazioni in cui a formazione tradizionae dimostra suoi imiti. Si pensi ad esempio a casi in cui 'unità spazio-temporae diventi un vincoo forte per a partecipazione a un evento formativo o quando e metodiche FaO producono effetti più efficaci e questo non perché reaizzino megio 'unità spazio-temporae, quanto piuttosto perché permettono di smontare e di giocare separatamente proprio sue due campo- apprendimento basato sui materiai reperibii in rete apprendimento in rete ~ ~ navigazione ibera dea rete uso dei materiai didattici struttura h uso dei materiai didattici strutturai+assistenza uso dei materiai didattici + tutonng uso di approcci misti {presenza/distanza) uso di approcci on ine 'puri' (formazione in rete) uso di approcci basti sue comunità di pratica n enti di "spazio" (faccio i più possibie da me, ocamente, magari assistito a distanza o coinvoto in una casse virtuae) e di "tempo" (quando e condizioni a contorno me o permettono). apprendimento individuae apprendimenta assistito apprendimento coaborativo Appendice Lo spettro dei possibii usi dee reti nea formazione continua e a distanza. Riferimenti Bibiografici Benigno, V. e Trentin, G. (1 998), Formazione mista presenza/distanza, in TD - Tecnoogie Didattiche, 2(14), pp , Edizioni Menabò, Ortona (C h). Berge, Z.L. (1995), Faciitat ing computer conferencing: recommendations from the fied, Educationa Technoogy. 35(1 ). pp Brown, J. S. e Gray. E.S. (1 995). After reengineering: the peope are the company. Fast Company. Premier Edition. Cortada, J.W. e Woods, J.A. (1 999). The Knowedge Management Yearbook , Butterworth-Heineman n. Boston. Eastmond, D. V. (1995), Aone but together, Hampton Press. New Jersey. H arasi m, L. M. (1 990). Onine education: perspectives an a new environment, Praeger. NewYork. Haughey, M. e Anderson, T. (1 998). Networked earning: the pedagogy ofthe Internet. McGraw Hi, Toronto. Kaye. A.R. (1994), Coearn: an ISDN-based mutimedia environment for coaborative earning, in: R.D. Mason e P. D. Bacsich, (eds). ISDN Appications in education and training, The nstitute of Eectrica Engineers, London, pp Khan, B. H. (ed) (1 997), Web-based instruction, Educationa Technoogy Pubications, New Jersey. Light, P. H. e Mevarech, Z.R. (1992), Cooperative earning w ith computers: an introduction, Learning and nstruction, 2(3), pp Mason, R. (1993). Written interactions, i n R. Mason (ed), Computer Conferencing: the Last Word... British Coumbia, Beach Home Pubishers Limited. N ipper, S. (1989), Third generat ion distance earning and computer conferencing. in R.D. Mason e A.R. Kaye (eds). Mindweave: communication, computers and distance education, cap.5, Pergamon Press. Oxford. Rowntree, D. (1 994). Preparing materia/ far open distance and nexibe tearnig, Kogan Page. London. Savi n, R.E. (1 990). Co-operative earning: theory. research, and practice, Prentice Ha, New Jersey. Trentin, G. (1 998), Insegnare e apprendere in rete, Zanichei, Boogna. Trentin, G. (1999), Teematica e formazione a distanza: i caso Poaris, Franco Angei, Miano. Wenger. E. (1 996). Communities of practice: the socia fabric of a earning organization, Heathcare Forum Journa, 39(4). pp TD n. 20 numero

ALLEGATO SUB B) ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 64 DEL 11.07.20ll SCHEDE DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE

ALLEGATO SUB B) ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 64 DEL 11.07.20ll SCHEDE DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE ALLEGATO SUB B) ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 64 DEL 11.07.20 SCHEDE DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE VALUTAZIONE ANNO DIPENDENTE: CATEGORIA: B (amministrativo)

Dettagli

Un mondo di vantaggi. Un offerta personalizzata. Là dove i Papi vanno in vacanza CREVALMAGAZINE SOCIOINCREVAL TECNOLOGIA PER IL CLIENTE

Un mondo di vantaggi. Un offerta personalizzata. Là dove i Papi vanno in vacanza CREVALMAGAZINE SOCIOINCREVAL TECNOLOGIA PER IL CLIENTE ECONOMIA CULTURA SOLIDARIETÀ TERRITORIO SPORT PLEIADI N 62 - Semestrae - Aprie 2013 CREVALMAGAZINE SOCIOINCREVAL Un mondo di vantaggi TECNOLOGIA PER IL CLIENTE Un offerta personaizzata CASTELLI ROMANI

Dettagli

PIANO DI LAVORO. docente: Lancellotti Canio. classe: 5^ A IGEA. disciplina: ECONOMIA AZIENDALE. consegnato in data: 11 dicembre 2012

PIANO DI LAVORO. docente: Lancellotti Canio. classe: 5^ A IGEA. disciplina: ECONOMIA AZIENDALE. consegnato in data: 11 dicembre 2012 ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO STATALE DI SAN DANIELE DEL FRIULI Istituto Statae d Istruzione Superiore Vincenzo Manzini di San Daniee de Friui Piazza IV Novembre 33038 SAN DANIELE DEL FRIULI (prov. di Udine)

Dettagli

IMPRESAPERTA IIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII

IMPRESAPERTA IIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII IMPRESAPERTA IIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII Un modo migiore di avorare, attraverso un coinvogimento che iberi energie, capacità e potenziaità per a crescita dea motivazione, dea partecipazione e dea

Dettagli

Guida alla gestione d'impresa. Governare un'impresa

Guida alla gestione d'impresa. Governare un'impresa Guida aa gestione d'impresa Governare un'impresa Edizione 2010 Copyright 2010 Berardino & Partners S.r.. Via Morosini 19 10128 Torino Diritti di riproduzione, con quasiasi mezzo, concessi aa Camera di

Dettagli

PIANO ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE anno scolastico 2014-15

PIANO ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE anno scolastico 2014-15 PIANO ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE anno scoastico 2014-15 CORSO: DOCENTE COORDINATORE: DOCENTE SOSTEGNO: ASSISTENTE FISICA: 8 9 10 11 12 14 15 16 17 1. ORARIO DEFINITIVO DELLA CLASSE(in giao:orario

Dettagli

Risoluzione di travature reticolari iperstatiche col metodo delle forze. Complemento alla lezione 43/50: Il metodo delle forze II

Risoluzione di travature reticolari iperstatiche col metodo delle forze. Complemento alla lezione 43/50: Il metodo delle forze II Risouzione di travature reticoari iperstatiche co metodo dee forze ompemento aa ezione 3/50: I metodo dee forze II sercizio. er a travatura reticoare sotto riportata, determinare gi sforzo nee aste che

Dettagli

Lexmark Print Management

Lexmark Print Management Lexmark Print Management Ottimizzate a stampa in rete e create un vantaggio informativo con una souzione di gestione dee stampe che potrete impementare in sede o attraverso coud. Riascio stampe sicuro

Dettagli

E ANTROPOLOGIA ESISTENZIALE Anno accademico 2015-16

E ANTROPOLOGIA ESISTENZIALE Anno accademico 2015-16 COME RAGGIUNGERE L ATENEO n In treno Da stazione Termini, prendere i treno direzione Civitavecchia e scendere a stazione Aureia. Proseguire a piedi per un breve tratto fino ad arrivare in via de Bazo e

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA: LE NOVITÀ PER IL DATORE DI LAVORO SUGLI IMPIANTI E SULLE APPARECCHIATURE

SICUREZZA ELETTRICA: LE NOVITÀ PER IL DATORE DI LAVORO SUGLI IMPIANTI E SULLE APPARECCHIATURE Focus TU Articoo SICUREZZA ELETTRICA: LE NOVITÀ PER IL DATORE DI LAVORO SUGLI IMPIANTI E SULLE APPARECCHIATURE di Fausto Di Tosto, primo tecnoogo, Sezione Impianti e apparecchiature eettriche - ISPESL

Dettagli

Isolamento termico. Gamma di prodotti basso emissivi Pilkington. Pilkington K Glass Pilkington Optitherm

Isolamento termico. Gamma di prodotti basso emissivi Pilkington. Pilkington K Glass Pilkington Optitherm Isoamento termico Gamma di prodotti basso emissivi Pikington Pikington K Gass Pikington Optitherm Pikington Optitherm S3 Introduzione a vetro basso emissivo I vetro è uno dei materiai da costruzione più

Dettagli

Giovani e NEET in Europa: primi risultati

Giovani e NEET in Europa: primi risultati Fondazione europea per i migioramento dee condizioni di vita e di avoro Giovani e NEET in Europa: primi risutati > Sintesi < Se i giovani non hanno sempre ragione, a società che i ignora e i emargina ha

Dettagli

LA LEADERSHIP ARCHETIPALE. Pagina 5. Pagina 7. Pagina 3. Consulenza Formazione Coaching. Numero 2 - Marzo/Aprile 2013

LA LEADERSHIP ARCHETIPALE. Pagina 5. Pagina 7. Pagina 3. Consulenza Formazione Coaching. Numero 2 - Marzo/Aprile 2013 Pioe Numero 2 - Marzo/Aprie 2013 Consuenza Formazione Coaching LA LEADERSHIP ARCHETIPALE Quae è a distinzione tra un eader e un manager? Leader si nasce o si diventa? I tema dea eadership da sempre affascina

Dettagli

Isolamento termico. Gamma di prodotti basso emissivi Pilkington. Pilkington K Glass Pilkington Optitherm

Isolamento termico. Gamma di prodotti basso emissivi Pilkington. Pilkington K Glass Pilkington Optitherm Isoamento termico Gamma di prodotti basso emissivi Pikington Pikington K Gass Pikington Optitherm Pikington Optitherm S3 Introduzione a vetro basso emissivo I vetro è uno dei materiai da costruzione più

Dettagli

Sistemi di gestione per la qualità UNI EN ISO 9001. (edizione 2015)

Sistemi di gestione per la qualità UNI EN ISO 9001. (edizione 2015) Sistemi di gestione per a quaità UNI EN ISO 9001 (edizione 2015) 1 4) CONTESTO DELL'ORGANIZZAZIONE 4.1 Comprendere 'organizzazione e i suo contesto L'organizzazione deve determinare i fattori esterni ed

Dettagli

Guida alle applicazioni ESF Lexmark

Guida alle applicazioni ESF Lexmark Guida ae appicazioni ESF Lexmark Aiutate i vostri cienti a sfruttare a massimo e stampanti e e mutifunzione Lexmark abiitate per e souzioni Le appicazioni Lexmark sono state progettate per consentire ae

Dettagli

Contenuti. Espresso 1 8. Espresso 2 23. Prefazione 4. Indice delle attività 6. Materiale fotocopiabile 37. Soluzioni 91

Contenuti. Espresso 1 8. Espresso 2 23. Prefazione 4. Indice delle attività 6. Materiale fotocopiabile 37. Soluzioni 91 Contenuti Prefazione 4 Indice dee attività 6 Espresso 1 8 Espresso 2 23 Materiae fotocopiabie 37 Souzioni 91 3 Prefazione Le attività presentate in questo voume offrono agi insegnanti nuovi spunti per

Dettagli

e data la sua specifica finalità, può essere usata come mappa degli argomenti trattati qui di seguito.

e data la sua specifica finalità, può essere usata come mappa degli argomenti trattati qui di seguito. Formazione a distanza di terza generazione a cura di G. Trentin INTRODUZIONE L uso delle reti telematiche a supporto dei processi formativi è in costante evoluzione e da diversi anni ormai si stanno studiando,

Dettagli

Il Preposto. Stress da lavoro correlato, gestanti, sicurezza negli uffici. Materiale didattico per la formazione dei Preposti

Il Preposto. Stress da lavoro correlato, gestanti, sicurezza negli uffici. Materiale didattico per la formazione dei Preposti Materiae didattico per a formazione dei Preposti I Preposto Stress da avoro correato, gestanti, sicurezza negi uffici Cutura dea sicurezza patrimonio comune de mondo de avoro: impresa, avoratori e parti

Dettagli

RSU ELEZIONI DEL 3-4-5 MARZO 2015 BREVI NOTE SULLA CONTRATTAZIONE D ISTITUTO

RSU ELEZIONI DEL 3-4-5 MARZO 2015 BREVI NOTE SULLA CONTRATTAZIONE D ISTITUTO RSU ELEZIONI DEL 3-4-5 MARZO 2015 BREVI NOTE SULLA CONTRATTAZIONE D ISTITUTO RSU eezioni de 3-4-5 marzo 2015 3 Caendario e tempistica dee procedure eettorai e termine per e adesioni 13 gennaio 2015 annuncio

Dettagli

Personal Mastery Report

Personal Mastery Report Persona Mastery Report Profio base Esempio nome società Esempio dipartimento Esempio posizione avoro Mario Esempio 28 aprie 1 Report di Mario Esempio - 28 aprie 1 Indice 1 Persona Mastery Report 3 11 omprendere

Dettagli

La bonifica dei siti contaminati è un tema sul quale, da diversi anni, si confrontano soggetti

La bonifica dei siti contaminati è un tema sul quale, da diversi anni, si confrontano soggetti Tra i tanti, acque di fada e terre e rocce, MISE e Conferenza dei Servizi Bonifiche in siti produttivi: quai gi aspetti più critici? La bonifica dei siti contaminati è un tema su quae, da diversi anni,

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N. 8258

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N. 8258 PROVINCIA DI ASTI VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N. 8258 OGGETTO APPROVAZIONE REGOLAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE 20/62 L anno duemiasei i giorno trenta de

Dettagli

il DM 27012004 "Modifiche al Regolamento recante norme concernenti l'autonomia

il DM 27012004 Modifiche al Regolamento recante norme concernenti l'autonomia carica presso a sede de'università; e La Federazione CONFAL-UNSA Coordinamento Nazionae Beni Cuturai (di seguito denominata Federazione) con sede c/o Ministero per i Beni e e AttivitA Cuturai. Via de Coegio

Dettagli

Atto costitutivo dell'associazione di volontariato

Atto costitutivo dell'associazione di volontariato Esente da imposte di boo e registro ex artt. 6-8 Legge 266/1991. Atto costitutivo de'associazione di voontariato ART. 1 - È costituita fra i suddetti comparenti 'associazione di voontariato costituita

Dettagli

La solarità nelle varie zone italiane per il fotovoltaico

La solarità nelle varie zone italiane per il fotovoltaico Energia e Ambiente La soarità nee varie zone itaiane per i fotovotaico Modena 5 marzo 2008 Gianni Leanza Energia e Ambiente QUANTA ENERGIA ARRIVA DAL SOLE? Da Soe, si iberano enormi quantità di energia

Dettagli

La Carta della statistica pubblica svizzera

La Carta della statistica pubblica svizzera La Carta dea statistica pubbica svizzera Fritz Faser, Ufficio di statistica de Canton Argovia La Carta I frontaieri I 24 maggio 2002 a Conferenza svizzera degi uffici regionai di statistica (CORSTAT) ha

Dettagli

la newsletter per l insegnante di storia marzo 2012 Numero 50 PERLASTORIA Progetto Storia 2012

la newsletter per l insegnante di storia marzo 2012 Numero 50 PERLASTORIA Progetto Storia 2012 a newsetter per insegnante di storia marzo 2012 Numero 50 PERLA mai Strumenti e proposte per i avoro in casse e aggiornamento In base ae nuove Indicazioni nazionai e Linee guida Progetto Storia 2012 Edizioni

Dettagli

COMUNE DI SPINO D ADDA LISTA PROGETTO PER SPINO PAOLO RICCABONI SINDACO PAOLO RICCABONI SINDACO. ELEZIONI COMUNALI 15/16 Maggio 2011

COMUNE DI SPINO D ADDA LISTA PROGETTO PER SPINO PAOLO RICCABONI SINDACO PAOLO RICCABONI SINDACO. ELEZIONI COMUNALI 15/16 Maggio 2011 COMUNE DI SPINO D ADDA ELEZIONI COMUNALI 15/16 Maggio 2011 LISTA PROGETTO PER SPINO Disponibiità a servizio Metteremo i singoi cittadini e a coettività a primo posto quai destinatari de nostro avoro. Tutti

Dettagli

Children in Crisis Italy

Children in Crisis Italy Chidren in Crisis Itay Istruzione per i bambini piu indifesi a mondo Chidren in Crisis Itay è un associazione non profit (Onus), fondata in Itaia ne 1999 ed originariamente ne Regno Unito ne 1993, per

Dettagli

Lexmark Solutions Platform: soluzioni software

Lexmark Solutions Platform: soluzioni software Lexmark Soutions Patform Lexmark Soutions Patform: souzioni software Lexmark Soutions Patform è i framework d appicazione creato e sviuppato da Lexmark per fornire efficienti e accessibii souzioni software

Dettagli

Le imprese agrituristiche e gli alberghi diffusi per la competitività della Destinazione Italia

Le imprese agrituristiche e gli alberghi diffusi per la competitività della Destinazione Italia Le imprese agrituristiche e gi aberghi diffusi per a competitività dea Destinazione Itaia MARCO VALERI Sintesi de avoro Obiettivi Obiettivo de avoro è evidenziare i ruoo di formue di business ricettivo

Dettagli

Fare riferimento ad ambienti confinati e sospetti di inquinamento vuol dire contemplare una

Fare riferimento ad ambienti confinati e sospetti di inquinamento vuol dire contemplare una Articoo In arrivo una nuova norma per a quaificazione dee imprese Le procedure di avoro per garantire a sicurezza negi ambienti confinati Fare riferimento ad ambienti confinati e sospetti di inquinamento

Dettagli

Pilkington Optilam Pilkington Optiphon Linee guida per l utilizzo

Pilkington Optilam Pilkington Optiphon Linee guida per l utilizzo Pikington Optiam Pikington Optiphon Linee guida per utiizzo Pikington Optiam Pikington Optiphon Introduzione I vetro stratificato è prodotto assembando due o più astre di vetro foat con uno o più intercaari.

Dettagli

G278 AVVISO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE

G278 AVVISO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE -~ ' UNIVERSITÀ AREA AFFARI GENERAU mtuzionali E LEGAU Ufficio Ediizia Universitaria e Contratti prot SòeaA dei cd?;\ o:t..wx::. G278 AVVISO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ART, -OGGETTO, 1. L'Università

Dettagli

Ricerca Aviva sui comportamenti dei consumatori

Ricerca Aviva sui comportamenti dei consumatori Ricerca Aviva sui comportamenti dei consumatori Contenuto 1. Prefazione di Amanda Mackenzie OBE,Direttore Marketing e Comunicazione, Aviva pc. (p3) 2. Principai evidenze (p4) 3. CAS 2004 - uno sguardo

Dettagli

Elementi di modellazione e programmazione di contenuti digitali

Elementi di modellazione e programmazione di contenuti digitali Eementi di modeazione e programmazione di contenuti digitai Corso di Laurea Magistrae in Metodoogie informatiche per e discipine umanistiche Ing. Michea Paoucci Department of Systems and Informatics University

Dettagli

Personal Mastery Report

Personal Mastery Report Persona Mastery Report Profio base Descrizione profii comportamentai Esempio nome società Esempio dipartimento Esempio posizione avoro Mario Esempio 18 ugio 14 Report di Mario Esempio - 18 ugio 14 Indice

Dettagli

Interazione tra forze verticali e longitudinali: effetti anti 5.5 aggiornato 19-11-2013

Interazione tra forze verticali e longitudinali: effetti anti 5.5 aggiornato 19-11-2013 Interazione tra forze verticai e ongitudinai: effetti anti 5.5 aggiornato 19-11-2013 Ne piano frontae si studia interazione tra forze verticai Fz e forze aterai Fy sviuppate a iveo de impronta a terra.

Dettagli

Le grandi imprese. nascono da piccole opportunita...

Le grandi imprese. nascono da piccole opportunita... Le grandi imprese nascono da piccoe opportunita... CHI SIAMO Direzione Lavoro è una Società speciaizzata in Ricerca & Seezione, Formazione e Gestione Risorse Umane. Nasce da unione di un gruppo di professionisti

Dettagli

74 Quadro RF. Unico 2009 Società di capitali ed enti commerciali

74 Quadro RF. Unico 2009 Società di capitali ed enti commerciali 74 Per i beni mobii registrati, con costo ammortizzabie ai fini fiscai in un periodo non inferiore a dieci anni, a cui utiizzazione richieda un equipaggio di ameno sei persone, quaora siano concessi in

Dettagli

LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE SUI LAVORI ELETTRICI SOTTO TENSIONE

LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE SUI LAVORI ELETTRICI SOTTO TENSIONE LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE SUI LAVORI ELETTRICI SOTTO TENSIONE di Fausto Di Tosto dipartimento Certificazione e Conformità dei Prodotti e Impianti INAIL, ex ISPESL Osservatorio a cura de Ufficio Reazioni

Dettagli

Lexmark OfficeEdge Stampanti e dispositivi MFP professionali a colori

Lexmark OfficeEdge Stampanti e dispositivi MFP professionali a colori Lexmark OfficeEdge Stampanti e dispositivi MFP professionai a coori La nuova generazione dea stampa aziendae. La serie OfficeEdge è una nuova categoria di dispositivi progettata con componenti professionai

Dettagli

Determinazione nr. 3 -i del 21 APR. 20!4

Determinazione nr. 3 -i del 21 APR. 20!4 CITTA' DI CASTELLAMMARE DI STABIA AMBITO 27 egge 328/00 Determinazione nr. 3 -i de 21 APR. 20!4 N 3't L; de Registro Generae de 2 3 APR. 2014 Oggetto: Tirocinante Di Maio Serena : autorizzazione ad effettuare

Dettagli

SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI

SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI La sicurezza ne azienda agricoa e nei cantieri forestai Le opportunità per i dottori agronomi e forestai SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI Prof. Danio MONARCA Art. 26 Obbighi connessi ai contratti

Dettagli

Come fare un orto o un giardino condiviso

Come fare un orto o un giardino condiviso Come fare un orto o un giardino condiviso Guida pratica per cominciare Zappata Romana studiouap COLOPHON Testi e grafica studiouap Sivia Cioi Luca D Eusebio Andrea Mangoni con aiuto di Annaisa Abbondanza

Dettagli

Insiemi e funzioni CAPITOLO 1 1. GLI INSIEMI CON DERIVE. Come creare un insieme

Insiemi e funzioni CAPITOLO 1 1. GLI INSIEMI CON DERIVE. Come creare un insieme CAPITOLO 1 Insiemi e funzioni 1. GLI INSIEMI CON DERIVE Come creare un insieme I modo piuá sempice per creare un insieme con Derive eá queo di eencare i suoi eementi racchiudendoi a'interno di una coppia

Dettagli

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELL ISTITUTO BANCARIO SAN PAOLO DI TORINO

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELL ISTITUTO BANCARIO SAN PAOLO DI TORINO Newsetter n.7 - (1/2014) CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELL ISTITUTO BANCARIO SAN PAOLO DI TORINO presente numero dea newsetter dea Cassa iustra una rapida situazione de andamento de

Dettagli

Emissione imposte di circolazione e di navigazione 2012

Emissione imposte di circolazione e di navigazione 2012 Sezione dea circoazione, Camorino 1 Emissione imposte di circoazione e di navigazione 2012 L importo totae fatturato per anno 2012 è di: Frs. 120'788'224.-- Così suddiviso: imposte di circoazione Frs.

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 5 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 5 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... VOLUME 2 CAPITOLO 5 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE LA POPOLAZIONE 1. Paroe per capire Aa fine de capitoo scrivi i significato di queste paroe nuove: popoazione... uogo di provenienza... immigrato...

Dettagli

FASCICOLO 1. fondazione CENTRO DI ORIENTAMENTO Alessandria

FASCICOLO 1. fondazione CENTRO DI ORIENTAMENTO Alessandria FASCICOLO 1 fondazione CENTRO DI ORIENTAMENTO Aessandria INDICE Introduzione Capitoo I. I bambino nea scuoa eementare 1. Che cosa avviene su piano fisico-motorio? 2. Come si sviuppano inteigenza e i pensiero?

Dettagli

SEITORE POLITICHE GIOVANILI E PUBBLICA ISTRUZIONE

SEITORE POLITICHE GIOVANILI E PUBBLICA ISTRUZIONE Gim 41 Cutrtt ""mare d s.a ; ~rmrr ~,.,,tj,,mi~:u Finauiario 'rofocoo N. 'i. 8 DI C 2011 CITTA' DI CASTELLAMMARE DI STABIA Provincia di Napoi SEITORE POLITICHE GIOVANILI E PUBBLICA ISTRUZIONE Determinazione

Dettagli

FAX Canon B230C FAX Canon B210C. Suite FAX Canon Versione 3.10 Manuale per l utente

FAX Canon B230C FAX Canon B210C. Suite FAX Canon Versione 3.10 Manuale per l utente FAX Canon B230C FAX Canon B210C Suite FAX Canon Versione 3.10 Manuae per utente Copyright 1999 Canon, Inc. Tutti i diritti riservati. Non è consentito riprodurre i presente manuae in acuna forma, competa

Dettagli

Provincia di Pistoia Economato, Provveditorato e Patrimonio Mobiliare

Provincia di Pistoia Economato, Provveditorato e Patrimonio Mobiliare Provincia di Pistoia Economato, Provveditorato e Patrimonio Mobiiare Convenzione fra 'Amministrazione provinciae di Pistoia e a PROD. 84 di Pistoia (PT) ai sensi de'art. 5 Legge 381191 e S. di puizia dei

Dettagli

U.N.I.T.A.L.S.I. REGOLAMENTO GENERALE REGOLAMENTO ELETTORALE

U.N.I.T.A.L.S.I. REGOLAMENTO GENERALE REGOLAMENTO ELETTORALE U.N.I.T.A.L.S.I. Unione Nazionae Itaiana Trasporto Ammaati a Lourdes e Santuari Internazionai REGOLAMENTO GENERALE * * * * REGOLAMENTO ELETTORALE * * * * SECONDA EDIZIONE INDICE GENERALE PREFAZIONE ALLA

Dettagli

BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO. Standard Internazionali di Valutazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) calcolo dei prezzi marginali

BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO. Standard Internazionali di Valutazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) calcolo dei prezzi marginali BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO Standard Internazionai di Vautazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) cacoo dei prezzi marginai Docente: geom. Antonio Eero CORSO PRATICANTI 205 I PREZZI MARGINALI I prezzo

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO 1tEGIONiì CAABR ~~~."fscoastico Regionae ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLE DELL'INFANZIA, PRIMARIE, SECONDARIE DI 1 GRADO DI AMENDOLARA, ORIOLO E ROSETO CAPO SPULICO Via Roma, 1-87071- AMENDOLARA (CS) I PROT.

Dettagli

QUADRI ELETTRICI BT: GARANTIRE LA SICUREZZA CON LA CONFORMITÀ ALLA NORMATIVA TECNICA

QUADRI ELETTRICI BT: GARANTIRE LA SICUREZZA CON LA CONFORMITÀ ALLA NORMATIVA TECNICA Osservatorio CEI Articoo QUADRI ELETTRICI BT: GARANTIRE LA SICUREZZA CON LA CONFORMITÀ ALLA NORMATIVA TECNICA di Cristina Timò diret tecnico - CEI Angeo Baggini membro comitato - CEI Con i 2012 i periodo

Dettagli

tni. 1994-2002 Costituzione istituto A. Cleopatra - -' Istituto di formazione professionale aut. Reg. Campania LR. 19/87 1

tni. 1994-2002 Costituzione istituto A. Cleopatra - -' Istituto di formazione professionale aut. Reg. Campania LR. 19/87 1 Curricuum Vitae : Europass i! Informazioni personai ; Nome(i) Cognome(i) ; Antonio Ceopatra ndirizzo(i)! -Pomigiano darco Na!-..:=-- Teefono(i) i~ Ceuare i_.swii-.._. E-mai i "p L 1: &Hbffi Qiìijit Codice

Dettagli

DIVERSITY MANAGEMENT LAB

DIVERSITY MANAGEMENT LAB MianO itay EMPOWER YOUR knowedge DIVERSITY MANAGEMENT LAB MAppARE, condividere, AGIRE 2015 sdabocconi.it/diversity Mappare, condividere, agire: un percorso in tre tappe per far crescere azienda su fronte

Dettagli

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA art.. 146 Decreto Legisativo 22/01/200 n. 42 AL COMUNE DI FARRA DI SOLIGO SPORTELLO UNICO EDILIZIA RESIDENZIALE SPAZIO RISERVATO ALL UFFICIO PROTOCOLLO ATTIVITÀ

Dettagli

Comune di Bastia Umbra

Comune di Bastia Umbra Comune di Bastia Umbra PIANO DI INFORATIZZAZIONE dee procedure per a presentazione di istanze, dichiarazioni e segnaazioni che permetta a compiazione on ine con procedure guidate accessibii tramite autenticazione

Dettagli

www.alldigitalexpo.it Con il patrocinio di In collaborazione con COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO

www.alldigitalexpo.it Con il patrocinio di In collaborazione con COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO www.adigitaexpo.it In coaborazione con Con i patrocinio di COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO ALL DIGITAL da vent anni è evento fieristico itaiano di riferimento per instaazione professionae - tv digitae

Dettagli

C12-C32-C42-C52 25 10,5 24,4 26,9 10,1 10,7 97,6 108,7 2,643 3,0745 1,97 1,941 20/25 20 29 37 70 47 8 190 (classe 2) 2,8 0,2 0,5 42,09

C12-C32-C42-C52 25 10,5 24,4 26,9 10,1 10,7 97,6 108,7 2,643 3,0745 1,97 1,941 20/25 20 29 37 70 47 8 190 (classe 2) 2,8 0,2 0,5 42,09 DATI TECNICI Tipo Portata Termica Nominae rif. PCI (80/60) Portata Termica Minima rif. PCI (80/60) Potenza Nominae rif. PCI (80/60) Potenza Nominae di condensazione rif. PCI (50/30) Potenza Minima rif.

Dettagli

Sicurezza dei pazienti e Gestione del Rischio clinico: la Qualità dell assistenza farmaceutica

Sicurezza dei pazienti e Gestione del Rischio clinico: la Qualità dell assistenza farmaceutica Ministero dea Saute Federazione Ordini Farmacisti Itaiani (FOFI) Società Itaiana di Farmacia Ospedaiera e dei Servizi farmaceutici dee Aziende sanitarie (SIFO) Sicurezza dei pazienti e Gestione de Rischio

Dettagli

Per la gestione automatica. delle forniture telematiche. Tante forniture un unica soluzione

Per la gestione automatica. delle forniture telematiche. Tante forniture un unica soluzione TuttoTe Per a gestione automatica Tante forniture un unica souzione dee forniture teematiche. La souzione competa per e forniture teematiche di dichiarazioni e deeghe. Per gestire in maniera automatica

Dettagli

Provincia di Terni DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Repertorio Generale delle Determinazioni dirigenziali n. 114 del 27/02/2015

Provincia di Terni DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Repertorio Generale delle Determinazioni dirigenziali n. 114 del 27/02/2015 Tit. SETTRE: DIRIGENTE: SERVIZI: Ambiente e Difesa de Suoo Arch. Donatea Venti Gestione amm.va contabie Repertorio U.. dee determinazioni dirigenziai n. 2 de 26/01/2015 GGETT: Piano di Azione Ambientae

Dettagli

J yy > Jxx. l o H A R A R B

J yy > Jxx. l o H A R A R B oitecnico di Torino I cedimento di una struttura soggetta a carichi statici può avvenire in acuni casi con un meccanismo diverso da queo di superamento dei imiti di resistena de materiae. Tae meccanismo

Dettagli

Costi del ciclo di vita (LCC) dei sistemi di pompaggio per le acque reflue

Costi del ciclo di vita (LCC) dei sistemi di pompaggio per le acque reflue WHITE PAPER Costi de cico di vita (LCC) dei sistemi di pompaggio per e acque refue Giugno 215. Costi de cico di vita (LCC) dei sistemi di pompaggio per e acque refue Questo white paper si prefigge o scopo

Dettagli

SETTORE : AMBIENTE. DETERMINAZIONE N. 0 s-- DEL '2.3 GEN. 2015

SETTORE : AMBIENTE. DETERMINAZIONE N. 0 s-- DEL '2.3 GEN. 2015 CITTÀ DI CASTELLAMMARE DI STABIA (Provincia di Napoi ) SETTORE AMBIENTE Via De Turris n.16 "Paazzo S.Anna" Te. 081 3900212 Fax 081 39005382 PEC: ambiente.stabia@asmepec.it SETTORE : AMBIENTE DETERMINAZIONE

Dettagli

D.M. 23 LUGLIO 2009 E ASCENSORI: PIÙ SICUREZZA PER LE INSTALLAZIONI ANTE D.P.R. N. 162/1999

D.M. 23 LUGLIO 2009 E ASCENSORI: PIÙ SICUREZZA PER LE INSTALLAZIONI ANTE D.P.R. N. 162/1999 D.M. 23 LUGLIO 2009 E ASCENSORI: PIÙ SICUREZZA PER LE INSTALLAZIONI ANTE D.P.R. N. 162/1999 di Laura Tomassini Dipartimento Tecnoogie di Sicurezza ISPESL Osservatorio a cura de Ufficio Reazioni con i Pubbico

Dettagli

Smalti. Protezione ottimale, fascino assoluto. Qualità da vivere.

Smalti. Protezione ottimale, fascino assoluto. Qualità da vivere. Smati Protezione ottimae, fascino assouto Quaità da vivere. 2 Sostenibii, resistenti e innovative Le pitture hanno da sempre aiutato uomo a vaorizzare gi ambienti abitativi e a proteggere i propri beni

Dettagli

SEZIONE 1 INTRODUZIONE

SEZIONE 1 INTRODUZIONE SEZIONE 1 INTRODUZIONE Sezione 1 INTRODUZIONE Gi argomenti trattati in questa sezione sono Veicoi commerciai Cassi, autorizzazioni e imitazioni dea patente di guida per uso commerciae Requisiti per a patente

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI

INFORMAZIONI GENERALI INFORMAZIONI GENERALI SEDE Ergife Paace Hote Roma Via Aureia, 619-00165 ROMA Come raggiungere a sede IN AEREO: Da Aeroporto Internazionae Leonardo da Vinci di Fiumicino a km.25 taxi treno Fiumicino/Roma

Dettagli

PostDoc Diario di viaggio. Supporto per insegnanti

PostDoc Diario di viaggio. Supporto per insegnanti PostDoc Diario di viaggio Supporto per insegnanti Diario di viaggio Supporto per insegnanti 0 / 201 Indice 1 Panoramica de offerta 1.1 Contesto e obiettivi 1.2 Gruppi target e d interesse 1. Panoramica

Dettagli

Demolire: una passione di famiglia

Demolire: una passione di famiglia r~ 581 aprie 05 i cantiere di demoizione P ressoviene aestito un centro di ricicaggio provvisorio per processare e macerie di risuta dae demoizioni. I materiae inerte di quaità viene frantumato e recuperato

Dettagli

Caldaia Murale a CONDENSAZIONE Miniaturizzata Digitale

Caldaia Murale a CONDENSAZIONE Miniaturizzata Digitale La nuova dimensione de caore Cadaia Murae a CONDENSAZIONE Miniaturizzata Digitae MARCATURA DI RENDIMENTO (92/42/CE) La nuova cadaia a condensazione miniaturizzata con tecnoogia eettronica digitae di STEP.

Dettagli

Stampa elegante. Colore brillante. Stampante a colori Lexmark C950de

Stampa elegante. Colore brillante. Stampante a colori Lexmark C950de Stampante a coori Lexmark C950de Stampa eegante. Coore briante Stampante a coori Lexmark C950de Progettata per gruppi di avoro, a stampante Lexmark C950de offre stampa a coori A3 di quaità professionae,

Dettagli

UOC: Sviluppo Competenze e Formazione DIRETTORE: Dott. M. Bizzoca Te!' 0746 278769 - FAX 0746 278742 - e-mail: formazione@as!.rieti.

UOC: Sviluppo Competenze e Formazione DIRETTORE: Dott. M. Bizzoca Te!' 0746 278769 - FAX 0746 278742 - e-mail: formazione@as!.rieti. +ASL RET AZENDA UNTÀ SANTARA LOCALE RET Via de Terminio, 42-02100 RET - Te. 0746.2781 - PEe: as.rieti@pec.it C.F. e P.1. 00821180577 REGONE T LAZO.. UOC: Sviuppo Competenze e Formazione DRETTORE: Dott.

Dettagli

Domande e risposte inerenti il cambio di piano della Cassa pensione Novartis

Domande e risposte inerenti il cambio di piano della Cassa pensione Novartis CASSA PENSIONE NOvArtIS basiea, giugno 2010 Domande e risposte inerenti i cambio di piano dea Cassa pensione Novartis 1 Domande generai... 3 1.01 Quai sono e differenze principai tra i primato di prestazioni

Dettagli

NUANCE The experience speaks for itself

NUANCE The experience speaks for itself NUANCE The experience speaks for itsef Confronto dee souzioni PDF - Riepiogo sintetico FUNZIONI DI COMPATIBILITÀ Compatibiità con Microsoft Windows XP (a 32 bit), Vista (a 32 e 64 bit), Windows 7 (a 32

Dettagli

SIMFER 43 CONGRESSO NAZIONALE FERRARA, 4-7 OTTOBRE 2015

SIMFER 43 CONGRESSO NAZIONALE FERRARA, 4-7 OTTOBRE 2015 SIMFER 43 CONGRESSO NAZIONALE FERRARA, 4-7 OTTOBRE 2015 SIMFER 1985 San Giorgio e i drago di Cosmè Tura > Nuove acquisizioni nea riabiitazione dee persone con esioni cerebrai > Modei organizzativi dea

Dettagli

Ponteggi e ancoraggi: quali tecniche utilizzare per il montaggio e l uso?

Ponteggi e ancoraggi: quali tecniche utilizzare per il montaggio e l uso? Articoo Sicurezza in cantiere. La posa de parapetto è effettuata da basso verso ato Ponteggi e ancoraggi: quai tecniche utiizzare per i montaggio e uso? I comparto ponteggi ne ambito de ediizia riveste

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna Direzione Generale Ufficio 4

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna Direzione Generale Ufficio 4 Ministero de struzione, de Università e dea Ricerca Ufficio Scoastico Regionae per a Sardegna Direzione Generae Ufficio 4 AOODRSA.REG.UFF. prot. n. 7373 Cagiari, 9 maggio 206 Ai Dirigenti Scoastici Direzioni

Dettagli

Il collegamento negoziale

Il collegamento negoziale I coegamento negoziae Sommario 1 Introduzione. 2 Discipina dei negozi coegati. 3 Fattispecie di coegamento negoziae. 1 Introduzione I fenomeno de coegamento negoziae consiste in un nesso di interdipendenza

Dettagli

DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generale delle Risorse Materiali, dei Beni e dei Servizi Ufficio I - Sezione I

DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generale delle Risorse Materiali, dei Beni e dei Servizi Ufficio I - Sezione I MOD. 40/255 DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generae dee Risorse Materiai, dei Beni e dei Servizi Ufficio I - Sezione I LETTERA CIRCOLARE Ai Proweditori Regionai LORO SEDI AUfficio

Dettagli

Eccezionali prestazioni a colori per il vostro gruppo di lavoro. Stampante multifunzione a colori Lexmark serie X950

Eccezionali prestazioni a colori per il vostro gruppo di lavoro. Stampante multifunzione a colori Lexmark serie X950 Stampante mutifunzione a coori Lexmark serie X950 Eccezionai prestazioni a coori per i vostro gruppo di avoro Serie Lexmark X950 Ottimizzate ambiente di avoro de vostro ufficio e aumentate a produttività

Dettagli

SEGMENTAZIONE DELLE IMMAGINI

SEGMENTAZIONE DELLE IMMAGINI EGMENTAZIONE DELLE IMMAGINI Introduzione Generamente una immagine contiene diversi oggetti presenti nea scena. Per esempio, in una cea robotizzata di assembaggio, i sistema di visione acuisisce automaticamente

Dettagli

Introduzione alla spettroscopia. Spettroscopia infrarossa e spettrometria di massa

Introduzione alla spettroscopia. Spettroscopia infrarossa e spettrometria di massa 12 12 Introduzione aa spettroscopia. Spettroscopia infrarossa e spettrometria di massa Neo studiare a chimica organica, abbiamo finora dato per scontato che, quando si isoa da una reazione un composto

Dettagli

Windows. Per il Servizio assistenza clienti mondiale di ArcSoft Inc. contattare:

Windows. Per il Servizio assistenza clienti mondiale di ArcSoft Inc. contattare: Windows Per i Servizio assistenza cienti mondiae di ArcSoft Inc. contattare: Nord America 46601 Fremont Bvd. Fremont, CA 94538 Te: 1-510-440-9901 Fax: 1-510-440-1270 Website: www.arcsoft.com Emai: feedback@arcsoft.com

Dettagli

Funzioni di 5240 IP Appliance 2. Non sorreggere il ricevitore tra spalla e orecchio 3 Per proteggere l'udito 3 Regolazione dell'angolo visivo 4

Funzioni di 5240 IP Appliance 2. Non sorreggere il ricevitore tra spalla e orecchio 3 Per proteggere l'udito 3 Regolazione dell'angolo visivo 4 MANUALE D' UTENTE 3300 ICP - 4.0 Indice INFORMAZIONI SU 5240 IP APPLIANCE 1 Funzioni di 5240 IP Appiance 2 SUGGERIMENTI PER UNA MAGGIORE PRATICITÀ E SICUREZZA 3 Non sorreggere i ricevitore tra spaa e orecchio

Dettagli

MESA entra all Università: al Politecnico di Milano

MESA entra all Università: al Politecnico di Milano www.mesa-sic.com www.mesa-nord. com Anno 0 - numero 3 SETTEMBRE 2014 Dir. Resp. Orietta Mavisi Moretti MESA entra a Università: a Poitecnico di Miano a Mesa Group ampia a propria attività formativa rivota

Dettagli

Elementi di modellazione e programmazione di contenuti digitali

Elementi di modellazione e programmazione di contenuti digitali Eementi di modeazione e programmazione di contenuti digitai Corso di Laurea Magistrae in Metodoogie informatiche per e discipine umanistiche Ing. Michea Paoucci Department of Systems and Informatics University

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... VOLUME 2 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE I TRASPORTI 1. Paroe per capire Aa fine de capitoo scrivi i significato di queste paroe nuove: vie di comunicazione... mezzi di trasporto... autostrada...

Dettagli

OTTAVIO SERRA. Consentirà anche di collegarci ai temi di informatica e di sperimentare sul campo questioni relative alla propagazione degli errori.

OTTAVIO SERRA. Consentirà anche di collegarci ai temi di informatica e di sperimentare sul campo questioni relative alla propagazione degli errori. OTTAVIO SERRA GEOMETRIA PROBABILITA INFORMATICA Reazione tenuta nea Saa consiiare de Comune di Diamante i 7 giugno 000 Ne ambito de Convegno su L insegnamento dea matematica:quae, Perché, Come Organizzato

Dettagli

Quarta Lezione. Il prospettografo. Il vetro è dotato di una griglia che permette al pittore di riportare il punto traguardato su un foglio di carta.

Quarta Lezione. Il prospettografo. Il vetro è dotato di una griglia che permette al pittore di riportare il punto traguardato su un foglio di carta. Quarta Lezione I prospettografo La ezione inizia facendo e prime esperienze pratiche co prospettografo. I prospettografo è uno strumento di uso rinascimentae che aiuta a studiare a geometria dea proiezione

Dettagli

Assicurazione Infortuni Cumulativa

Assicurazione Infortuni Cumulativa FS FMV ontratto di ssicurazione de amo Danni ssicurazione nfortuni umuativa presente Fascicoo nformativo contiene: nformativa ex art.13 de D.gs.196 de 30/6/2003 ota nformativa Gossario ondizioni di Poizza

Dettagli

Come le nuove tecnologie digitali rivoluzioneranno il modo di fare business

Come le nuove tecnologie digitali rivoluzioneranno il modo di fare business Digita manufacturing Come e nuove tecnoogie digitai rivouzioneranno i modo di fare business di Andrea Bacchetti e Massimo Zanardini* Le aziende itaiane (ma non soo), stanno affrontando un periodo ricco

Dettagli

Le pensioni dal 1 gennaio 2014

Le pensioni dal 1 gennaio 2014 Argomento A cura deo Spi-Cgi de Emiia-Romagna n. 1 gennaio 2014 Le pensioni da 1 gennaio 2014 Perequazione automatica 2014 pensioni, assegni e indennità civii assistenziai importo aggiuntivo per anno 2013

Dettagli