Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation"

Transcript

1 ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation 20 Dicembre

2 L ABI ha esaminato con uno specifico gruppo di lavoro interbancario il Working Paper - recentemente emanato dal Comitato di Basilea (di seguito Comitato) il 28 ottobre sul trattamento prudenziale delle operazioni di cartolarizzazione (classiche e sintetiche) nell ambito degli approcci Standardised e Internal Rating. Al riguardo, si riportano di seguito una serie di considerazioni sulla nuova proposta di regolamentazione. Prima di passare all analisi delle singole caratteristiche della proposta di Basilea, vi è l esigenza da parte del sistema bancario italiano di una chiara definizione di cosa si intenda per operazione di cartolarizzazione. Tale definizione deve riflettere la sostanza economica dell operazione più che òla forma ( banks are expected to look to the economic substance of a transaction rather than its legal form 1 ). 1. Clausole clean up e time call 2 Il sistema bancario italiano esprime perplessità sull ipotesi di penalizzazione prevista per la banca originator (un coefficiente prudenziale pari a quello applicabile al portafoglio sottostante come se l operazione di cartolarizzazione non fosse avvenuta) in caso di (i) clausole che possono consentire alla banca cedente di rimborsare anticipatamente i titoli ABS e di riacquistare gli attivi cartolarizzati qualora il portafoglio residuo superi il 10% del valore originario (ii) e/o quando tali clausole consentano il rimborso di titoli rivenienti da cartolarizzazioni di crediti non performing. Al riguardo, non è chiaro in primo luogo il criterio in base al quale è stato individuato il limite del 10% anzidetto. La quantificazione di questa soglia sembra, infatti, essere il frutto di una prassi di mercato, più che il risultato di specifici test che dimostrino effettivamente che al di sotto di tale floor l esercizio della call non rappresenti un credit enhancement, ma un mezzo per la riduzione dei costi dell operazione nella fase di chiusura. Inoltre, risulta di difficile applicazione il principio 3 secondo il quale per evitare la penalizzazione in discorso - la clausola debba essere esercitata solo quando i costi del servicing delle outstanding securities superino i benefici del servicing delle underlying credit exposures, in quanto per le banche la determinazione certa di tali costi/benefici non risulta sempre possibile ed è difficilmente inquadrabile comre requisito oggettivo per potere esercitare tale opzione. Non è poi condivisibile l ipotesi di cui al punto (ii), in quanto anche nel caso di portafogli di attivi performing è sempre possibile l insorgere di alcune posizioni a sofferenza, ma ciò non inficia la qualità totale del portafoglio residuo. Si potrebbe quindi individuare una soglia di materiality per consentire il capital relief anche per i portafogli che comprendono posizioni non performing. Eventualmente le Autorità di Vigilanza nazionali potrebbero valutare caso per caso il grado di rischio implicito derivante dalla previsioni di tali clausole. È utile ricordare per un opportuno confronto - che la nuova bozza di disciplina del CAD 3 (Capital Adequacy Directive) non prevede espressamente il divieto al riacquisto di non-performing asset ma sostiene che i riacquisti non debbano essere effettuati a prezzi superiori a quelli di mercato ( above market price ). 1 Cfr. Second Working Paper on Securitisation, par. B, pag.2. 2 Si definiscono time call le call di tipo europeo esercitabili a determinate date. Cfr. Second Working Paper on Securitisation, Pillar II, par. 13, pag Cfr. Op. Cit. par. 506, pag

3 La normativa proposta dovrebbe inoltre tenere in considerazione il caso in cui se le opzioni call non vengano esercitate dall originator: secondo l attuale proposta continuerebbe ad applicarsi un requisito patrimoniale pari a quello previsto per il portafoglio oggetto di cartolarizzazione. Per tali situazioni si potrebbe immaginare un capital relief per la banca originator o applicabile retroattivamente o, in alternativa, applicabile solamente dal momento in cui l opzione stessa non venisse esercitata per la rimanente durata della cartolarizzazione. L applicazione della normativa proposta, inoltre, potrebbe anche portare a significative distorsioni nell ammontare di capitale assorbito a livello di sistema; l esistenza di clausole di clean-up calls potrebbe, infatti, causare l applicazione del requisito secondo un fattore 1:1 sia nei confronti dell originator che nei confronti degli eventuali investitori della junior tranche, a meno che non venga esplicitamente regolato il fatto che applicandosi all originator il requisito 1:1 non si applica anche agli investitori di tale tranche. Si esprime invece apprezzamento per la previsione di trattare le time call nel secondo pilastro, in modo che le operazioni perfezionate con queste clausole possano essere valutate case by case dalla Supervisory Authority; evitando, quindi, un eventuale trattamento penalizzante non giustificato per le transazioni che prevedono formule di estinzione anticipata della specie in discorso (come invece avviene nell ipotesi di clausole clean up call). 2. Clausole di early amortisation Il limite minimo di excess spread fissato dal Comitato di Basilea per beneficiare di un fattore di conversione (CCF) pari allo 0% (ossia quando l excess spread superi 450 b.p.) risulta nell esperienza italiana - eccessivamente elevato. Il criterio su cui si basa tale quantificazione sembra derivare infatti dai risultati di analisi statistiche realizzate sul mercato americano che non sono necessariamente in linea con la realtà europea. Si richiede pertanto di approfondire ulteriormente la questione lasciando la possibilità alle banche italiane/europee di raccogliere le necessarie evidenze statistiche. 3. Eligible liquidity facilities Il trattamento previsto per i fornitori delle linee di liquidità 4 appare troppo penalizzante come troppo stringenti sembrano i requisiti imposti dal Comitato di Basilea per riconoscerne l eligibilita (cioè 4 Op. cit. par. 529, pag.27. Tali esposizioni sono considerate linee di liquidità esigibili (eligible liquidity facilities) se soddisfano i seguenti requisiti minimi: la facility deve chiaramente identificare e limitare le circostanze in base alle quali può essere tirata. In particolare, la facility non deve essere usata per fornire supporto del credito, coprire le perdite sostenute (es. acquisto di attivi sopra il fair value) o servire come strumenti di funding permanente della cartolarizzazione; i tiraggi sulle facility (es. attivi acquistati sotto un accordo di acquisto o crediti erogati sotto un lending agreement) non devono essere subordinati ad interessi di investitori e le commissioni per la facility non dovrebbero essere subordinate o soggette a differimenti o recessi; la facility non può essere tirata dopo che il programma di credit enhancement - da cui la facility deriva si è esaurito; la facility deve includere un asset quality test che lo precluda dall essere tirata con la finalità di coprire esposizioni di credito in default; la facility deve includere una clausola che riduca l ammontare che può essere tirato quando la qualità media del pool sia al di sotto dell investment grade. Se questi requisiti sono soddisfatti, la banca che fornisce le linee di liquidità applica un CCF del 20% all ammontare dell eligible liquidity facilities con una scadenza inferiore o uguale ad un anno, del 50% se la maturity è maggiore di un anno dello 0% se le facility sono permesse solo in caso di evento di market disruption (Standardised Approch). 3

4 l esclusione dall obbligo del requisito). Inoltre si reputano necessari maggiori chiarimenti riguardo alla definizione di market disruption cioè alle situazioni di mercato nelle quali è previsto che alle linee di liquidità si applichi un CCF pari allo 0% o al 20% a seconda degli approcci utilizzati (Standardised e IRB Approach). 4. Standardised Approach Il sistema bancario italiano continua a nutrire delle perplessità, in termini di risk management, riguardo il diverso trattamento attribuito a parità di rating inferiore a BBB- - alle ABS detenute in portafoglio dalle banche investitrici rispetto ai titoli corporate. Si rileva inoltre che i coefficienti prudenziali previsti nel Second Working Paper per questa categoria di ABS risultano ancora più penalizzanti di quelli precedentemente previsti nel documento di consultazione del gennaio 2001 (350% invece di 150%). Per quanto riguarda l impiego del look through approach per le tranche super senior unrated, si ritiene fortemente penalizzante l applicazione di un risk weight medio delle esposizioni sottostanti, ove normalmente detta tranche ha una seniority maggiore rispetto a tranche con rating AAA. In questo caso risulta disincentivante acquistare una tranche supersenior per una banca che utilizzi l Approccio Standardised. Inoltre, si sottolinea che la tranche super senior è contenuta all interno della tranche AAA ed il tranching viene effettuato per le esigenze commerciali dell originator: si tratta, quindi, formalmente di un rischio rientrante all interno di una tranche AAA. A quest ultima viene applicato un re-tranching e si creano due tranche di cui una con un livello di subordinazione maggiore (la super senior, appunto). Infine si ritiene opportuno prevedere anche nello Standardised Approach un cap 5 sul requisito di capitale, parallelamente a quanto previsto nell IRB Approach (Supervisory Formula Approach). 5. Internal Rating Approach 5.1 Rating Based Approach Il sistema bancario esprime apprezzamento per l approccio proposto, che consente il calcolo dei requisiti patrimoniali per le ABS anche per le banche IRB investitrici che non hanno le informazioni necessarie per valutare internamente la qualità creditizia degli asset sottostanti. Suscita tuttavia talune perplessità l introduzione dei coefficienti di granularità (N) e di densità delle classi high rated (Q) per il calcolo dei coefficienti prudenziali nel Rating Based Approach (RBA). Tali valori, difatti, dovrebbero già essere considerati nel giudizio di rating espresso dalle ECAIs: una loro introduzione nel computo dei requisiti prudenziali comporterebbe un fenomeno di double counting degli stessi elementi di valutazione. 5.2 Supervisory Formula Approach Nell SFA CCF=20% in caso di market disruption. Se la eligible facility ha un rating esterno, si applica l approccio RBA ed un CCF=100%. 5 Cfr. Op. cit, par. 565, pag

5 L ipotesi di porre un cap al capitale detenuto pari al KIRB (cioè al requisito prudenziale da applicare al portafoglio di asset sottostante qualora non fosse stato cartolarizzato) è ampiamente condivisibile. In caso contrario, infatti, si potrebbe verificare la situazione in cui la banca originator che trattenesse in portafoglio tutte le ABS emesse in relazione ad una operazione di cartolarizzazione, vedrebbe applicarsi un requisito patrimoniale maggiore rispetto al caso in cui il relativo pool di asset non fosse stato oggetto di cartolarizzazione. Ciò rappresenterebbe di fatto un disincentivo all impiego della securitisation e sarebbe quindi in contrasto con i principi generali della regolamentazione proposta. In merito al riconoscimento delle tecniche di mitigazione del rischio nell IRB approach, non è condivisa la proposta di considerare eligible solo le garanzie (individuali, reali e credit derivatives) che rispondano ai requisiti imposti nello Standardised Approach. Si richiede inoltre di considerare gli strumenti di garanzia a riduzione del risk weight della tranche detenuta in portafoglio e non del solo requisito previsto per il pool cartolarizzato (KIRB). 6. Requisiti operativi per il trattamento prudenziale delle operazioni di cartolarizzazione Tra i requisiti minimi per il riconoscimento di un operazione di cartolarizzazione come sintetica il Working Document pone il divieto all impiego di eventuali clausole che sotto una significativa soglia di materiality 6 limitano la protezione e/o il trasferimento del rischio di credito. Il sistema bancario italiano esprime la necessità di un chiarimento in relazione all effettiva quantificazione della significativa soglia di materiality. Inoltre si ritiene che in ogni caso potrebbe riconoscere il trasferimento del rischio per la parte eccedente tale materiality. Poiché sui contratti, con documentazione ISDA, viene generalmente indicate delle soglie per il failure to pay e sull evento di restructuring, si chiede se tali soglie rientrino nel concetto di soglia di significant materiality. 6 Cfr. Op. Cit. Par. 505, pag 22...Clauses that materially limit the credit protection or credit risk tranference (e.g. significant materiality thresholds below which credit protection is deemed not to be triggered even if a credit event occurs or those that allow for the termination of the protection due to deterioration in the credit quality of the underlying credit exposures. 5

Position paper del sistema bancario italiano sul Documento di consultazione Nuovo Accordo di Basilea

Position paper del sistema bancario italiano sul Documento di consultazione Nuovo Accordo di Basilea Position paper del sistema bancario italiano sul Documento di consultazione Nuovo Accordo di Basilea Luglio 2003 Il documento nasce dai contributi inviati da singoli Associati, nonché da riunioni tenutesi

Dettagli

Position paper del sistema bancario italiano sul Documento di consultazione Nuovo Accordo di Basilea

Position paper del sistema bancario italiano sul Documento di consultazione Nuovo Accordo di Basilea Position paper del sistema bancario italiano sul Documento di consultazione Nuovo Accordo di Basilea Luglio 2003 Il documento nasce dai contributi inviati da singoli Associati, nonché da riunioni tenutesi

Dettagli

Rischi di credito: approccio di vigilanza

Rischi di credito: approccio di vigilanza Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Rischi di credito: approccio di vigilanza Corso di Risk Management Milano, 5 Marzo 2008 Misurazione assorbimenti patrimoniali Basilea I Ai pesi si

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Le regole di Basilea II per il credito immobiliare

Le regole di Basilea II per il credito immobiliare Le regole di Basilea II per il credito immobiliare Convegno ABI Credito alle Famiglie 2008 Mario Marangoni Banca d Italia Roma, 10 giugno 2008 1 Le regole di Basilea II per il credito immobiliare L impatto

Dettagli

Documento per la consultazione DISPOSIZIONI DI VIGILANZA OPERAZIONI DI CARTOLARIZZAZIONE ASSET ENCUMBRANCE: INFORMATIVA AL PUBBLICO

Documento per la consultazione DISPOSIZIONI DI VIGILANZA OPERAZIONI DI CARTOLARIZZAZIONE ASSET ENCUMBRANCE: INFORMATIVA AL PUBBLICO Vigilanza bancaria e finanziaria Documento per la consultazione DISPOSIZIONI DI VIGILANZA OPERAZIONI DI CARTOLARIZZAZIONE ASSET ENCUMBRANCE: INFORMATIVA AL PUBBLICO Il presente documento contiene revisioni

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Argomenti I prestiti e la gestione del rischio di credito Da Basilea 1 a Basilea 2 Il Basilea 3 2 Da Basilea 1 a Basilea 2

Dettagli

* Claudio D Auria. c.dauria1@lumsa.it. Roma, 26 novembre 2015

* Claudio D Auria. c.dauria1@lumsa.it. Roma, 26 novembre 2015 * * Claudio D Auria c.dauria1@lumsa.it Roma, 26 novembre 2015 1 * 2 DEFINIZIONI Definizione ampia che ricomprende tutte le tipologie di cartolarizzazioni Operazione che suddivide il rischio di credito

Dettagli

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Gli Strumenti Finanziari secondo i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Relatore: Dott. Stefano Grumolato Verona, aprile 2008 Overview dell intervento Strumenti finanziari e tecniche di valutazione

Dettagli

Le operazioni di cartolarizzazione. Principali strutture e caratteristiche operative

Le operazioni di cartolarizzazione. Principali strutture e caratteristiche operative Le operazioni di cartolarizzazione. Principali strutture e caratteristiche operative Banca d Italia d - Roma 2/3 dicembre 2002 A cura di Giovan Battista Sala - Servizio VEC - Divisione Analisi 1 (06-4792.4625)

Dettagli

AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2

AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2 AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2 Informativa al pubblico sui requisiti patrimoniali individuali al 31 dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 INFORMATIVA

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Policy di pricing dei Prestiti Obbligazionari

Policy di pricing dei Prestiti Obbligazionari Policy di pricing dei Prestiti Obbligazionari Versione settembre 2012 La Comunicazione Consob 9019104 del 2 marzo 2009 ha imposto la necessità per le banche di definire un approccio che consenta di individuare

Dettagli

Mitigazione del rischio PMI e interventi FEI

Mitigazione del rischio PMI e interventi FEI San Miniato, 13 maggio 2011 Alessandro Tappi Head, Guarantees & Securitisation Crisi finanziaria e gestione dei rischi negli intermediari finanziari Mitigazione del rischio PMI e interventi FEI Indice

Dettagli

POSITION PAPER DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO SULLA REVISIONE DELLA DISCIPLINA DEI REQUISITI MINIMI PATRIMONIALI

POSITION PAPER DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO SULLA REVISIONE DELLA DISCIPLINA DEI REQUISITI MINIMI PATRIMONIALI ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA POSITION PAPER DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO SULLA REVISIONE DELLA DISCIPLINA DEI REQUISITI MINIMI PATRIMONIALI 31 maggio 2001 Gli Uffici dell ABI, al fine di elaborare la

Dettagli

IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni. Raffaele Mazzeo KPMG

IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni. Raffaele Mazzeo KPMG IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni KPMG 0 0 Indice IAS e Basilea 2: i punti di convergenza IAS 39 Il trattamento dei crediti Il nuovo accordo di Basilea sul Capitale

Dettagli

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI VERGATO (BO) S.c.

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI VERGATO (BO) S.c. BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI VERGATO (BO) S.c. Metodologia di pricing e Regole Interne per la negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla BCC Adottata ai sensi delle Linee Guida interassociative

Dettagli

Politica di valutazione e pricing per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari emessi dalla

Politica di valutazione e pricing per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Politica di valutazione e pricing per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Banca di Credito Cooperativo San Giuseppe di Petralia Sottana Adottata con delibera del C.d.A. del

Dettagli

Documento per la consultazione

Documento per la consultazione Documento per la consultazione Disciplina prudenziale delle cessioni di immobili a uso funzionale delle banche e dei gruppi bancari Il documento illustra il trattamento prudenziale delle operazioni di

Dettagli

CONTENUTI. 1. Area di copertura dell accordo. 2. Ponderazione del rischio di credito. 3. Tecniche di attenuazione del rischio

CONTENUTI. 1. Area di copertura dell accordo. 2. Ponderazione del rischio di credito. 3. Tecniche di attenuazione del rischio POSITION PAPER ABI SUL PROCESSO DI REVISIONE DELLA DISCIPLINA SUI REQUISITI MINIMI DI CAPITALE DELLE BANCHE Gli Uffici dell ABI, al fine di elaborare la posizione del sistema bancario italiano con riferimento

Dettagli

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI Massimo Pacella Dottore Commercialista Revisore Contabile Relazione Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo I CONFIDI alleati delle PMI Premessa Il 26 giugno

Dettagli

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO Situazione al 31 marzo 2013 1 Credito Emiliano Spa Gruppo Bancario Credito Emiliano - Credem 3032 - Società per Azioni Sede Sociale e Direzione: Via Emilia San Pietro

Dettagli

Banca Atestina di Credito Cooperativo società cooperativa

Banca Atestina di Credito Cooperativo società cooperativa Policy di valutazione e pricing dei Prestiti Obbligazionari della BCC Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 17/02/2011 Aggiornato con delibera del Consiglio di Amministrazione del

Dettagli

PMI Mortgage Insurance Company Limited

PMI Mortgage Insurance Company Limited Gestione dei rischi e ottimizzazione del capitale PMI Mortgage Insurance Company Limited Andrea Giorio Mortgage Day Roma, 30 ottobre 2007 PMI Mortgage Insurance Company Ltd Regulated by the Irish Financial

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE PARTE SECONDA Capitolo 6 OPERAZIONI DI CARTOLARIZZAZIONE Circolare n. 285 del 17 dicembre 2013 Sezione I Fonti normative Capitolo 6 OPERAZIONI DI CARTOLARIZZAZIONE

Dettagli

TRANCHED COVER E NUOVI STRUMENTI FINANZIARI DELLA UE

TRANCHED COVER E NUOVI STRUMENTI FINANZIARI DELLA UE TRANCHED COVER E NUOVI STRUMENTI FINANZIARI DELLA UE Convention FEDART 25 September 2015 The material in this presentation has been prepared by EIF and is general background information about the EIF Instruments,

Dettagli

Policy di valutazione e di pricing dei prodotti finanziari emessi dalla Bcc Monterenzio

Policy di valutazione e di pricing dei prodotti finanziari emessi dalla Bcc Monterenzio Policy di valutazione e di pricing dei prodotti finanziari emessi dalla Bcc Monterenzio (ai sensi delle Linee guida interassociative per l applicazione delle misure Consob di livello 3 in tema di prodotti

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 3 al 31 marzo 2014 Introduzione A partire dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova disciplina per le banche e le imprese di investimento che ha

Dettagli

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Giacomo Morri Antonio Mazza Capitolo 6 GLI ACCORDI DI BASILEA E I FINANZIAMENTI IMMOBILIARI STRUTTURATI Il Nuovo Accordo Obiettivi

Dettagli

Metodologia di Analisi Residential Mortgage Backed Securities. Lara Patrignani 16 Marzo 2004

Metodologia di Analisi Residential Mortgage Backed Securities. Lara Patrignani 16 Marzo 2004 Metodologia di Analisi Residential Mortgage Backed Securities Lara Patrignani 16 Marzo 2004 Agenda RMBS in Europa Metodologia di Analisi RMBS Portafoglio Immobiliare Struttura Mortgaged Covered Bonds Dimensione

Dettagli

Policy di Valutazione e Pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione

Policy di Valutazione e Pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione Policy di Valutazione e Pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione Approvazione Consiglio di Amministrazione Data 17/11/2014 Versione 14.01 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. POLITICA DI VALUTAZIONE

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006)

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006) Deutsche Bank S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006) al 31 dicembre 2013 Banca d Italia, sulla base

Dettagli

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO La banca che accorda la concessione di un credito deve effettuare una preventiva valutazione della qualità/affidabilità del cliente nonché quantificare la qualità/rischiosità

Dettagli

ABI, Consumer Credit 2003. La Gestione efficiente del Portafoglio di Credito al Consumo SECURITISATION SAVA. Roma, 26 marzo 2003

ABI, Consumer Credit 2003. La Gestione efficiente del Portafoglio di Credito al Consumo SECURITISATION SAVA. Roma, 26 marzo 2003 ABI, Consumer Credit 2003. La Gestione efficiente del Portafoglio di Credito al Consumo SECURITISATION SAVA Roma, 26 marzo 2003 Antonella Tornavacca Responsabile Amministrazione e Controllo 1 INDICE DEGLI

Dettagli

Rating interni e controllo del rischio di credito

Rating interni e controllo del rischio di credito Rating interni e controllo del rischio di credito La valutazione del rischio delle operazioni di project finance Stefano Gatti Newfin Bocconi Milano, 31 marzo 2004 1 Agenda Introduzione: Basilea 2 e operazioni

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle famiglie 2007 Sessione Parallela A2 L efficienza nel credito

Dettagli

Le auto-cartolarizzazioni

Le auto-cartolarizzazioni Le auto-cartolarizzazioni Esame delle principali strutture contrattuali Avv. Marco Zechini Indice q L'auto-cartolarizzazione: struttura ed esempio q I principali soggetti coinvolti q Principali strutture

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 2 al 31 dicembre 2009 Le disposizioni emanate dalla Banca d Italia in applicazione della normativa europea in materia di Convergenza internazionale della

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Basilea II Corso di Finanza aziendale Elementi del nuovo accordo di Basilea Basilea II? Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla

Dettagli

Analisi della performance degli intermediari creditizi

Analisi della performance degli intermediari creditizi Analisi della performance degli intermediari creditizi Lezione 4 L analisi dei rischi e del patrimonio di vigilanza: il Terzo Pilastro di Basilea 2 Università di Bologna Facoltà di Economia, Forlì 11 dicembre

Dettagli

POLICY DI PRICING E REGOLE INTERNE PER LA NEGOZIAZIONE / EMISSIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI

POLICY DI PRICING E REGOLE INTERNE PER LA NEGOZIAZIONE / EMISSIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI Data documento 24/07/2012 Pagina 1/9 POLICY DI PRICING E REGOLE INTERNE PER LA NEGOZIAZIONE / EMISSIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI EMESSI DALLA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO SC Redatto da In collaborazione

Dettagli

Operazioni di Project Finance

Operazioni di Project Finance Università degli Studi di Milano-Bicocca Anno Accademico 2005 / 2006 Operazioni di Project Finance Corso di Risk Management S Milano, 22 Marzo 2006 definizione Finanziamento tipicamente di natura bancaria:

Dettagli

Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Saturnia e Costa d Argento Credito Cooperativo

Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Saturnia e Costa d Argento Credito Cooperativo Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Saturnia e Costa d Argento Credito Cooperativo Delibera CDA n. 35 del 16/12/2013 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 CARATTERISTICHE DELLE

Dettagli

Sistema bancario. Angelo Baglioni. Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 15/4/2014 1

Sistema bancario. Angelo Baglioni. Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 15/4/2014 1 Sistema bancario Angelo Baglioni Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 1 Schema della presentazione Credit crunch Rischio di credito - sovrano Patrimonio Funding, liquidità Prospettive: vie d uscita?

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 3 al 30 settembre 2014 Introduzione A partire dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova disciplina per le banche e le imprese di investimento che

Dettagli

BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa POLITICA DI PRICING

BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa POLITICA DI PRICING BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa POLITICA DI PRICING Edizione dicembre 2010 Aggiornamento novembre 2011 Aggiornamento febbraio 2015 INDICE Pag. 1 APPROCCIO METODOLOGICO 3 1.1

Dettagli

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa Indice 3 PREFAZIONE 5 INTRODUZIONE - Tendenze evolutive del rapporto banca-impresa 5 I.1 Premessa 6 I.2 Le recenti riforme dell ordinamento bancario 9 I.2.1 Le direttive del Comitato di Basilea 12 I.2.2

Dettagli

Convegno ABI Credit & Operational Risk 2007 Tavola rotonda: allocazione del capitale e capital budgeting

Convegno ABI Credit & Operational Risk 2007 Tavola rotonda: allocazione del capitale e capital budgeting FINANCIAL SERVICES Convegno ABI Credit & Operational 2007 Tavola rotonda: allocazione del capitale e capital budgeting Un primo approccio alla quantificazione dei rischi non compresi nel pillar I ADVISORY

Dettagli

Il rischio di credito

Il rischio di credito Il rischio di credito Componenti e modalità di gestione secondo Basilea 2 1 Il rischio di credito le diverse accezioni Tipologia Rischio di insolvenza Rischio di migrazione Rischio di spread Rischio di

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006)

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006) Deutsche Bank S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006) al 31 dicembre 2012 Banca d Italia, sulla base

Dettagli

Politica di valutazione e pricing dei Prestiti Obbligazionari

Politica di valutazione e pricing dei Prestiti Obbligazionari Politica di valutazione e pricing dei Prestiti Obbligazionari BCC DI ARBOREA delibera CDA del 28/01/2011 modificata con delibera CDA del 15/02/2012 Indice Premessa...... 3 1. Politica di valutazione e

Dettagli

Il rischio di credito

Il rischio di credito Il rischio di credito Componenti e modalità di gestione secondo Basilea 2 Giuseppe G. Santorsola 1 Il rischio di credito le diverse accezioni Tipologia Rischio di insolvenza Rischio di migrazione Rischio

Dettagli

La cartolarizzazione dei crediti e la cartolarizzazione immobiliare : strutture contrattuali e modalità operative

La cartolarizzazione dei crediti e la cartolarizzazione immobiliare : strutture contrattuali e modalità operative La cartolarizzazione dei crediti e la cartolarizzazione immobiliare : strutture contrattuali e modalità operative Università di Parma Prof. Claudio Cacciamani 1 Dove e perché nasce la cartolarizzazione?

Dettagli

Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari

Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari Modena, 4 ottobre 2008 Michele Campanardi Vice Direttore Divisione Corporate michele.campanardi@bper.it

Dettagli

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012 PREMESSA La Circolare 216 di Banca d Italia del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, al Capitolo V, al fine di rafforzare la disciplina prudenziale per gli Intermediari Finanziari iscritti

Dettagli

Informativa al pubblico. III Pilastro. Anno 2014

Informativa al pubblico. III Pilastro. Anno 2014 Informativa al pubblico III Pilastro Anno 2014 Indice Premessa... 3 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale... 4 Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali... 6 Tavola 3 - Rischio di credito: informazioni

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39

GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39 GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39 Indice: 1. Gli strumenti finanziari cui si applica lo IAS 39 2. Rilevazione contabile 3. Misurazione iniziale 4. Valutazione successiva di

Dettagli

La cartolarizzazione dei crediti e

La cartolarizzazione dei crediti e La cartolarizzazione dei crediti e degli immobili Università di Parma Prof. Claudio Cacciamani 1 Dove e perché nasce la cartolarizzazione? Incapacità del sistema bancario americano di far fronte alla forte

Dettagli

Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Cascina Credito Cooperativo **********

Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Cascina Credito Cooperativo ********** Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Cascina Credito Cooperativo ********** Delibera CDA del 26 settembre 2011 1 INDICE 1. PREMESSA...3 1.1 CARATTERISTICHE DELLE METODOLOGIE

Dettagli

Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di

Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di assicurazione sulla vita di cui all art. 28, comma 1,

Dettagli

Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2

Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2 Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2 Roberto Di Salvo Federcasse VIII Convention ABI Roma, 29-30 novembre 2004 La filosofia di Basilea2 In linea generale, il Nuovo

Dettagli

Orientamenti. sull elenco minimo degli indicatori qualitativi e quantitativi dei piani di risanamento EBA/GL/2015/02 23.07.2015

Orientamenti. sull elenco minimo degli indicatori qualitativi e quantitativi dei piani di risanamento EBA/GL/2015/02 23.07.2015 EBA/GL/2015/02 23.07.2015 Orientamenti sull elenco minimo degli indicatori qualitativi e quantitativi dei piani di risanamento 1 Indice 1. Orientamenti ABE sull elenco minimo degli indicatori qualitativi

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLA DEFINIZIONE DI ATTIVITÀ DETERIORATE (bozza che sostituisce integralmente la bozza pubblicata lo scorso 12 gennaio)

AGGIORNAMENTO DELLA DEFINIZIONE DI ATTIVITÀ DETERIORATE (bozza che sostituisce integralmente la bozza pubblicata lo scorso 12 gennaio) GRUPPI PUMA2 AGGIORNAMENTO DELLA DEFINIZIONE DI ATTIVITÀ DETERIORATE (bozza che sostituisce integralmente la bozza pubblicata lo scorso 12 gennaio) Roma, gennaio 2015 BANCA D ITALIA Servizio Rilevazioni

Dettagli

Politica di pricing e Regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari emessi dalla BCC di Roma

Politica di pricing e Regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari emessi dalla BCC di Roma Politica di pricing e Regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari emessi dalla BCC di Roma (assunte in attesa delle definitive Linee Guida Interassociative per l applicazione

Dettagli

IAS/IFRS: le implicazioni per il credit risk management

IAS/IFRS: le implicazioni per il credit risk management IAS/IFRS: le implicazioni per il credit risk management Fabio Arnaboldi - Francesco Saita Convegno IAS/IFRS e imprese bancarie Università Bocconi-FITD, 8 aprile 2005 Introduzione Il credit risk management

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da MARANGONI MARIO Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale

Dettagli

La gestione della raccolta bancaria (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012

La gestione della raccolta bancaria (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 La gestione della raccolta bancaria (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 Le funzioni d investimento delle passività bancarie Esistono diverse tipologie

Dettagli

La cartolarizzazione dei crediti al consumo. Claudio Porzio Università Parthenope Roma 26 marzo 2003

La cartolarizzazione dei crediti al consumo. Claudio Porzio Università Parthenope Roma 26 marzo 2003 La cartolarizzazione dei crediti al consumo Claudio Porzio Università Parthenope Roma 26 marzo 2003 Indice Introduzione La struttura dell operazione Le operazioni concluse La normativa Conclusioni Indice

Dettagli

Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari emessi (P.O.) Delibera CdA del 30/03/2012

Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari emessi (P.O.) Delibera CdA del 30/03/2012 Sede legale e amministrativa: Via Madonna di Pompei, 4-81022 Casagiove (CE) Iscritta all Albo degli Enti creditizi al n. 562.9.0 Iscrizione al Registro delle Imprese di Caserta al n. 00094970613 Iscrizione

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA SULLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE RESOCONTO DELLA CONSULTAZIONE

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA SULLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE RESOCONTO DELLA CONSULTAZIONE Nella presente tavola sono riportati i nominativi di tutti i soggetti che hanno partecipato alla consultazione e che non abbiano richiesto la non divulgazione. Rispondenti Hanno risposto alla consultazione:

Dettagli

Provvedimento del 28 dicembre 2011 Modifiche al Regolamento del 24 ottobre 2007 in materia di vigilanza prudenziale per le SIM LA BANCA D ITALIA

Provvedimento del 28 dicembre 2011 Modifiche al Regolamento del 24 ottobre 2007 in materia di vigilanza prudenziale per le SIM LA BANCA D ITALIA Provvedimento del 28 dicembre 2011 Modifiche al Regolamento del 24 ottobre 2007 in materia di vigilanza prudenziale per le SIM LA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58

Dettagli

Informativa al pubblico - Pillar III -

Informativa al pubblico - Pillar III - Informativa al pubblico - Pillar III - Indice Premessa...2 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale...3 Tavola 2 - Rischio di credito - Informazioni generali...5 Tavola 3 - Rischio di credito - Informazioni

Dettagli

ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI DETERIORATE: ADOZIONE DEL LIMITE DI 90 GIORNI IN LUOGO DI QUELLO DI 180 GIORNI

ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI DETERIORATE: ADOZIONE DEL LIMITE DI 90 GIORNI IN LUOGO DI QUELLO DI 180 GIORNI VIGILANZA BANCARIA E FINANZIARIA ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI DETERIORATE: ADOZIONE DEL LIMITE DI 90 GIORNI IN LUOGO DI QUELLO DI 180 GIORNI DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE Eventuali osservazioni,

Dettagli

Documento per la consultazione DISPOSIZIONI DI VIGILANZA

Documento per la consultazione DISPOSIZIONI DI VIGILANZA Vigilanza bancaria e finanziaria Documento per la consultazione DISPOSIZIONI DI VIGILANZA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI DA PARTE DI SOCIETÀ VEICOLO PER LA CARTOLARIZZAZIONE EX LEGGE 130/1999 Il presente

Dettagli

ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III 31/12/2013

ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III 31/12/2013 ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III INTRODUZIONE La disciplina di Basilea II è una iniziativa internazionale in base alla quale gli istituti finanziari dei Paesi aderenti vengono

Dettagli

The Economics of Structured Finance. Economia delle scelte di portafoglio

The Economics of Structured Finance. Economia delle scelte di portafoglio The Economics of Structured Finance Economia delle scelte di portafoglio La finanza strutturata è il pooling di attività (e.g. prestiti, obbligazioni, mutui) e la conseguente emissione di trance con differenti

Dettagli

FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2

FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2 FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31 DICEMBRE 2011 Indice Introduzione... 2 Tavola 3 - Composizione del patrimonio di vigilanza... 4 Tavola 4 - Adeguatezza patrimoniale...

Dettagli

Dott. Antonio Renzi. Banca d Italia Servizio Vigilanza sugli Enti Creditizi Vigilanza Creditizia e Finanziaria

Dott. Antonio Renzi. Banca d Italia Servizio Vigilanza sugli Enti Creditizi Vigilanza Creditizia e Finanziaria Il quadro di riferimento per l entrata in vigore delle nuove disposizioni di Vigilanza per le Banche e per gli Intermediari Finanziari iscritti nell Assilea, Assifact, Assofin Le nuove

Dettagli

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale FINDOMESTIC GRUPPO Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale Aggiornamento al 31 dicembre 2013 * * * Terzo Pilastro dell accordo di

Dettagli

Documento Banca d Italia/Consob/IVASS n. 6 dell 8 marzo 2013

Documento Banca d Italia/Consob/IVASS n. 6 dell 8 marzo 2013 Documento Banca d Italia/Consob/IVASS n. 6 dell 8 marzo 2013 Tavolo di coordinamento fra Banca d Italia, Consob ed IVASS in materia di applicazione degli IAS/IFRS Trattamento contabile di operazioni di

Dettagli

Convegno ABI Basilea 3 2013 Sessione parallela Rischio di Mercato e IRC. Rischio di mercato: la revisione del framework prudenziale

Convegno ABI Basilea 3 2013 Sessione parallela Rischio di Mercato e IRC. Rischio di mercato: la revisione del framework prudenziale Convegno ABI Basilea 3 2013 Sessione parallela Rischio di Mercato e IRC Rischio di mercato: la revisione del framework prudenziale Christian Mahlknecht Servizio Normativa e politiche di vigilanza Roma,

Dettagli

UBI BANCA. Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea Commissione Finanza e Tesoro del Senato

UBI BANCA. Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea Commissione Finanza e Tesoro del Senato UBI BANCA Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea Commissione Finanza e Tesoro del Senato 21 Aprile 2015 Il Contesto Normativo Europeo CONCETTUALE In

Dettagli

Policy di valutazione e pricing delle obbligazioni

Policy di valutazione e pricing delle obbligazioni Banca Area Pratese Credito Cooperativo Società Cooperativa Policy di valutazione e pricing delle obbligazioni Aggiornata con delibera CdA del 13/04/2015 1 INDICE 1. PEMESSA.3 1.1 CARATTERISTICHE DELLE

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2014 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6 TAVOLA

Dettagli

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II Massimo Buongiorno Convegno ARGI Milano, 27 ottobre 2004 Perché Basilea II, esisteva un Basilea I? Nel 1988 il Comitato di Basilea stabilisce una quota

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014 Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale La nuova normativa di vigilanza prudenziale si basa, in linea con

Dettagli

La nuova normativa segnaletica in materia di rischio di credito, di controparte e tecniche di attenuazione del rischio di credito

La nuova normativa segnaletica in materia di rischio di credito, di controparte e tecniche di attenuazione del rischio di credito La nuova normativa segnaletica in materia di rischio di credito, di controparte e tecniche di attenuazione del rischio di credito Assilea, Assifact, Assofin Le nuove disposizioni di Vigilanza della Banca

Dettagli

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare danilo.mascia@gmail.com 1 Credit spread products I credit spread products

Dettagli

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Milano 12 marzo Fondazione Ambrosianeum Via delle Ore 3 Un Azienda ha la necessità di finanziare la sua attività caratteristica per un importo

Dettagli

Terzo Pilastro di Basilea 3 Informativa al pubblico al 30 giugno 2014

Terzo Pilastro di Basilea 3 Informativa al pubblico al 30 giugno 2014 Terzo Pilastro di Basilea 3 Informativa al pubblico al 30 giugno 2014 Banca Nazionale del Lavoro SpA - Iscritta all Albo delle banche e capogruppo del gruppo bancario BNL iscritto all Albo dei gruppi bancari

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Argomenti Le operazioni di cartolarizzazione Le operazioni di cartolarizzazione nelle banche Evoluzioni recenti 2 Le operazioni

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. La definizione di capitale contenuta in Basilea 3: domande frequenti

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. La definizione di capitale contenuta in Basilea 3: domande frequenti Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria La definizione di capitale contenuta in Basilea 3: domande frequenti Dicembre 2011 (aggiornamento del documento pubblicato nell ottobre 2011) Il presente documento

Dettagli

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale : il processo di controllo prudenziale! Il processo di controllo prudenziale (Supervisory Review Process SRP) si articola in due fasi integrate! La prima è rappresentata dal processo interno di determinazione

Dettagli

ANALISI D IMPATTO SULL ARCHIVIO DELLE PERDITE STORICAMENTE REGISTRATE SULLE POSIZIONI IN DEFAULT

ANALISI D IMPATTO SULL ARCHIVIO DELLE PERDITE STORICAMENTE REGISTRATE SULLE POSIZIONI IN DEFAULT ANALISI D IMPATTO SULL ARCHIVIO DELLE PERDITE STORICAMENTE REGISTRATE SULLE POSIZIONI IN DEFAULT Indice 1. Introduzione... 1 2. Gli obiettivi del regolatore... 1 3. Aree informative e opzioni segnaletiche...

Dettagli

Trasferimento del Rischio e Liberazione di Capitale

Trasferimento del Rischio e Liberazione di Capitale Trasferimento del Rischio e Liberazione di Capitale Giuliano Giovanne+ Arch MI Convegno ABI Basilea 3 17 Giugno 2014 1 Trasferire il rischio Perché è importante in questa crisi InfrastruFura bancaria già

Dettagli

Premessa. Tavola 1 Adeguatezza patrimoniale. Informativa qualitativa

Premessa. Tavola 1 Adeguatezza patrimoniale. Informativa qualitativa INFORMATIVA AL PUBBLICO - Terzo Pilastro di Basilea 2 - Situazione al 31 dicembre 2014 Premessa La Sezione XII Informativa al pubblico Cap. V Vigilanza Prudenziale 9 aggiornamento del 28/02/2008 della

Dettagli

La gestione del portafoglio titoli di un Confidi: soluzioni per ottimizzare il rapporto rendimento/rischio

La gestione del portafoglio titoli di un Confidi: soluzioni per ottimizzare il rapporto rendimento/rischio La gestione del portafoglio titoli di un Confidi: soluzioni per ottimizzare il rapporto rendimento/rischio Firenze, 27 febbraio 2014 Prof. Lorenzo Gai Agenda Le operazioni di tranched cover Ottimizzazione

Dettagli