Porta di Dominio Manuale di Installazione e Configurazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Porta di Dominio Manuale di Installazione e Configurazione"

Transcript

1 Porta di Dominio Manuale di Installazione e Configurazione Versione 1.0 del 25/08/2009

2 Sommario 1 Introduzione Requisiti Software ORACLE DBMS PostgreSQL DBMS Gestore Eventi JBOSS MQ ACTIVE MQ Installazione e deploy Configurazione Database di configurazione PDDEDA Parametri di Configurazione HANDLER TRATTAMENTI Configurazione degli Handler con funzionalità di sicurezza Firma Digitale Token SAML non firmato Token SAML firmato Cifratura Parametri di configurazione della PDD EDA Monitoraggio Transazioni attive Storico transazioni Configurazione certificati Creazione di KeyStore Import di un certificato nel KeyStore Import di una Certification Authority nel KeyStore Configurazione Trasporto over HTTPS Configurare JBOSS in HTTPS v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 2

3 IL CONTENUTO DEL PRESENTE DOCUMENTO PUÒ ESSERE RIPRODOTTO, IN TOTO O IN PARTE, PER TUTTI GLI SCOPI FUNZIONALI ALL ADESIONE AL SISTEMA SPICCA DI REGIONE CAMPANIA ED È ESCLUSO L UTILIZZO A FINI DI LUCRO. PER L UTILIZZO DI QUANTO DI SEGUITO RIPORTATO SI DOVRÀ, IN TUTTI I CASI, CITARE COME FONTE IL PRESENTE DOCUMENTO. v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 3

4 1 Introduzione Questo documento descrive le procedure di installazione e configurazione della Porta di Dominio. Il medesimo è stato realizzato in collaborazione con Vitrociset S.p.a. in quanto ditta aggiudicataria dell appalto concorso per la realizzazione del Sistema Regionale per la Cooperazione Applicativa in Sicurezza della Regione Campania. 2 Requisiti Software I requisiti software necessari alla PDD sono: DBMS Oracle (e/o PostgreSQL) Application Server Jboss 4.0.x AXIS 1.4 Preparazione Base Dati 2.1 ORACLE DBMS La presente descrizione è basata sull utilizzo del DBMS ORACLE. C e da notare, però, che la PDD è stata testata anche con MySQL. Per poter essere utilizzata anche con MySQL è necessario però, effettuare alcune conversioni degli script SQL, non oggetto della presente guida 1. I passi da seguire per la preparazione della base dati sono: Procedura Manuale 1. Creazione di un utenza per la PDD (per es. PDD) 2. Caricare una qualunque shell per il caricamento di file di comandi SQL 3. Lanciare il file di script sql: load pdd db.sql presente nella directory %PDD_HOME%/sql/. Questo script crea il nuovo schema con tutte le tabelle, sequence, trigger... e crea l utenza PDDUSER/PDDUSER. Qualora si decida di creare un utenza differente, modificare i file: %PDD_SRC_DIR%/Software/sql/create_user.sql e %JBOSS_HOME%\server\default\deploy\PDDds.xml. 1 Nella stessa directory è presente un file batch che effettua la maggior parte delle conversioni tra ORACLE e MYSQL. Per poter funzionare, il file batch (build_mysql_data.bat) necessita di trovare nel path i comandi open source (stile unix) cat e sed gratuitamente scaricabili da internet all indirizzo: v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 4

5 Procedura Automatica 1. Posizionarsi nella directory: %PDD_HOME%/sql e lanciare il batch: setupdb.bat. Lo script provvederà a creare l utenza e a lanciare lo script load db.sql. 2. Qualora il SID del database non sia ORCL, modificare il file %PDD_HOME%/Software/descriptor/db/PDD ds.xml opportunamente. 2.2 PostgreSQL DBMS La presente descrizione è basata sull utilizzo del DBMS PostgreSQL 8.1. I passi da seguire per la preparazione della base dati sono: Procedura Automatica 1. Posizionarsi nella directory: %PDD_HOME%/sql/postgres e lanciare il batch: setupdb.bat. Lo script provvederà a creare l utenza e a lanciare lo script di creazione della base dati PDD per PostgreSQL. Nota, che la password dell utenza PDDUSER della BaseDati PDD verrà chiesta in fase di creazione dall apposito script (setupdb.bat). 2. Qualora il DB_NAME del database non sia PDD, modificare il file %PDD_HOME%/Software/ sql/postgresql/setupdb.bat opportunamente: - Modificare la seguente riga createdb U pdduser pdd, dove pdduser è l utenza del DataBase e pdd è il DB_NAME della BaseDati. 3. Modificare la variabile DBHOST con il nome/indirizzo IP del db server v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 5

6 2.3 Gestore Eventi Qualora fosse richiesto alla PDD di effettuare cooperazione applicativa secondo il paradigma Publish&Subscribe, risulta necessario installare/configurare un gestore eventi supportato dalla PDD. I gestori eventi attualmente supportati dalla PDD sono JBOSS MQ e ACTIVE MQ. Di seguito sono descritte le fasi di configurazione ed installazione. E da notare come la configurazione per JBOSS MQ risulti molto più semplice in quanto già presente nella distribuzione di JBOSS utilizzata dalla PDD JBOSS MQ Settare tramite il configuratore ( le seguenti variabili: MQ_ENGINE = JBOSS_MQ PS_ADAPTER_URI = Settare nel file build.properties nella directory %INSTALL_DIR%\build le seguenti proprietà: mq.version.dir = jboss_mq mq.engine = jboss_mq ACTIVE MQ Per la seguente configurazione è richiesto come requisito base ActiveMQ Version 4.0.x Copiare nella cartella di deploy della versione utilizzata di JBOSS il file activemq ra 4.0.rar presente nella directory %ACTIVE_MQ_INSTALL%\lib\optional Settare tramite il configuratore le seguenti variabili: MQ_ENGINE = ACTIVE_MQ PS_ADAPTER_URI = Settare nel file build.properties nella directory %INSTALL_DIR%\build le seguenti proprietà: mq.version.dir = active_mq mq.engine = active_mq v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 6

7 Aggiungere al file di configurazione activemq.xml presente nella directory %ACTIVE_MQ_INSTALL%\conf la seguente riga indicata in grassetto: <bean class="org.springframework.beans.factory.config.propertyplaceholderconfigurer" /> <broker brokername="receiver1" usejmx="false"> <plugins> <! use JAAS to authenticate using the login.config file on the classpath to configure JAAS > <jaasauthenticationplugin configuration="activemq domain" /> <authorizationplugin> <map> <authorizationmap> <authorizationentries> <authorizationentry topic="topic.pddtopic" read="users" write="users,pull" admin="users" /> <authorizationentry topic="activemq.advisory.>" read="users" write="users" admin="users"/> </authorizationentries> </authorizationmap> </map> </authorizationplugin> </plugins> PERSISTENZA DEI MESSAGGI IN ACTIVEMQ CON IL DMBS DERBY Per default, ActiveMQ utilizza DERBY per la persistenza dei dati. Non è quindi necessario apportare alcuna modifica. In ogni caso, editare il file activemq.xml e verificare le seguenti righe: <persistenceadapter> v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 7

8 <journaledjdbc datadirectory="../activemq- data"/> </persistenceadapter> journallogfiles="5" PERSISTENZA DEI MESSAGGI IN ACTIVEMQ CON IL DMBS POSTGRESQL Per gestire la persistenza dei messaggi è necessario creare un utenza e un database sotto PostgreSQL. Per default l utenza da creare è utente:activemq password:activemq ed il nome del database è activemq. Editare, in seguito, il file activemq.xml e aggiungere le seguenti righe: <persistenceadapter> <!-- <journaledjdbc journallogfiles="5" datadirectory="../activemqdata"/> --> <!-- To use a different datasource, use th following syntax : --> <journaledjdbc journallogfiles="5" datasource="#postgres-ds"/> </persistenceadapter> ed i parametri di connessione al database: <!-- Postgres DataSource Sample Setup --> <bean id="postgres-ds" class="org.postgresql.ds.pgpoolingdatasource"> <property name="servername" value="{hostserver}"/> <property name="databasename" value="activemq"/> <property name="portnumber" value="0"/> <property name="user" value="activemq"/> <property name="password" value="activemq"/> <property name="datasourcename" value="postgres"/> <property name="initialconnections" value="1"/> <property name="maxconnections" value="10"/> </bean> Nella directory %ACTIVE_MQ_INSTALL%\conf, se non esiste il file login.config crearlo. v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 8

9 Editarlo e scrivere le seguenti righe: activemq domain { org.apache.activemq.jaas.propertiesloginmodule required debug=true org.apache.activemq.jaas.properties.user="users.properties" org.apache.activemq.jaas.properties.group="groups.properties"; }; Nella directory %ACTIVE_MQ_INSTALL%\conf, editare il file groups.properties e aggiungere i seguenti utenti: users=push,pull Nella directory %ACTIVE_MQ_INSTALL%\conf, editare il file users.properties e aggiungere i seguenti utenti: NB: la simbologia è da intendere USER=PASSWORD push=push pull=pull STARTUP Prima di lanciare JBOSS bisogna lanciare il Listener di ACTIVE MQ. Lanciare il seguente script: %ACTIVE_MQ_INSTALL%\bin\activemq.bat (.sh) Dopo sarà possibile lanciare lo startup di JBOSS nel modo canonico. v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 9

10 3 Installazione e deploy I passi da seguire per installare la PDD sono i seguenti: - Estrarre jboss4.0.5.zip nella directory di installazione (Installazione JBoss). Viene creata la dir <directory di installazione>/jboss Settare la variabile di ambiente JBOSS_HOME con <directory di installazione>/jboss Settare la variabile di ambiente JBOSS_SERVER_NAME con il nome del server utilizzato (JBOSS_SERVER_NAME=default) - Posizionarsi nella directory %PDD_HOME%/build - ant 2 clean - ant all - ant axis_dist_install - ant install - Avviare JBoss ant deploy testare axis all'url: 2 ANT è richiesto per la sola installazione e compilazione. Supportata dalla versione ant in poi. v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 10

11 4 Configurazione Gli elementi di configurazioni sono di seguito riportati. 4.1 Database di configurazione PDDEDA Questo documento descrive il DataBase di configurazione della Porta di Dominio EDA in fase di installazione. Gli elementi che compongono il DataBase sono i seguenti: PORTE HANDLER INVOKER LOGGER TRATTAMENTI PDD_CONFIG (Parametri di configurazione della Porta di Dominio EDA) COMPONENTI OBBLIGATORI PER IL CORRETTO START UP DELLA PDD EDA Porta Tipologia Profilo Invoker I_PS_PUBLISH APPLICATIVA SINCRONO INTEGRATION_MANAGER I _PS_SUBSCRIBE_PUSH APPLICATIVA SINCRONO INTEGRATION_MANAGER I _PS_SUBSCRIBE_PULL APPLICATIVA SINCRONO INTEGRATION_MANAGER I_PS_GETEVENT APPLICATIOVA SINCRONO INTEGRATION_MANAGER I_PORTA_DEL_GEN DELEGATA SINCRONO COOPERATION_MANAGER I _PS_CALLBACK APPLICATIVA SINCRONO INTEGRATION_MANAGER I _PORTA_DEL_ASINC_SIMM_GEN DELEGATA A SINCRONO_SIMM COOPERATION_MANAGER I _PORTA_APPL_ASINC_SIMM_GEN APPLICATIVA A SINCRONO_SIMM ASAP_INTEGRATION_MANAGER EPROXY_INIT_HANDLER EGOV_HANDLER VALIDATION_HANDLER com.enterpriseda.pdd.level1.handler.common.eproxyinithandler com.enterpriseda.pdd.level1.handler.common.egovhandler com.enterpriseda.pdd.level1.handler.common.validationhandler PDD_LOG org.apache.logger.logger v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 11

12 4.2 Parametri di Configurazione PORTE Porta Tipologia Profilo Invoker S_SINCRONO APPLICATIVA SINCRONO INTEGRATION_MANAGER S_SINCRONO_DEL DELEGATA SINCRONO COOPERATION_MANAGER I_PS_PUBLISH APPLICATIVA SINCRONO INTEGRATION_MANAGER I _PS_SUBSCRIBE_PUSH APPLICATIVA SINCRONO INTEGRATION_MANAGER I _PS_SUBSCRIBE_PULL APPLICATIVA SINCRONO INTEGRATION_MANAGER I_PS_GETEVENT APPLICATIOVA SINCRONO INTEGRATION_MANAGER I_PORTA_DEL_GEN DELEGATA SINCRONO COOPERATION_MANAGER S _PS_GETEVENT_DEL DELEGATA SINCRONO COOPERATION_MANAGER I _PS_CALLBACK APPLICATIVA SINCRONO INTEGRATION_MANAGER S_ASINC_ASIM APPLICATIVA A SINCRONO ASAP_INTEGRATION_MANAGER S_ASINC_ASIM_DEL DELEGATA A SINCRONO COOPERATION_MANAGER S_ASINC_SIM APPLICATIVA A SINCRONO ASAP_INTEGRATION_MANAGER S_ASINC_SIM_DEL DELEGATA A SINCRONO COOPERATION_MANAGER Porta Tipologia Profilo Invoker S_PKCS7 APPLICATIVA SINCRONO INTEGRATION_MANAGER S_PKCS7_DEL DELEGATA SINCRONO COOPERATION_MANAGER v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 12

13 Porta Tipologia Profilo Invoker I _PORTA_DEL_ASINC_SIMM_GEN DELEGATA A SINCRONO_SIMM COOPERATION_MANAGER I _PORTA_APPL_ASINC_SIMM_GEN APPLICATIVA A SINCRONO_SIMM ASAP_INTEGRATION_MANAGER NB: In neretto sono contrassegnati gli Handler OBBLIGATORI per il funzionamento dell PDD EDA DETTAGLIO PORTE S_SINCRONO wsdl operationna me endpoint contentmode RFU echo vice 2 e operationstyl RFU ode descrizionem 0 S_SINCRONO_DEL class patype descrizionemode com.enterpriseda.pdd.level2.pddportadelegatasincrona TIPO PA 0 v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 13

14 pacode ALTRA PA contentmode 2 endpoint operationname patelematicaddr ess servizio.tipo ONO echo TIPO_SERVIZIO I_PS_PUBLISH e class operationnam endpoint contentmode com.enterpriseda.pdd.level2.pddportaapplicativasincr ona publish 2 operationstyle RFU Mode escrizione 0 false I_PS_SUBSCRIBE_PUSH v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 14

15 e class operationnam endpoint contentmode com.enterpriseda.pdd.level2.pddportaapplicativasincr ona subscribepush 2 operationstyle RFU Mode escrizione 0 I_PS_SUBSCRIBE_PULL e class operationnam endpoint contentmode com.enterpriseda.pdd.level2.pddportaapplicativasincr ona subscribepull 2 operationstyle RFU Mode escrizione 0 false v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 15

16 I_PS_GETEVENT e class operationnam contentmode com.enterpriseda.pdd.level2.pddportaapplicativasincr ona getevent 2 operationstyle RFU Mode escrizione 0 false endpoint S_PS_GETEVENT_DEL patype escrizione Mode patelematicaddr ess operationname PA_TYPE 0 getevent contentmode 2 class com.enterpriseda.pdd.level2.pddportadelegatasincrona v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 16

17 endpoint servizio.tipo VENT TIPO_SERVIZIO I_PS_CALLBACK e yle class contentmod operationst endpoint com.enterpriseda.pdd.level2.pddportaapplicativasincr ona 2 RFU me operationna putevent I_PORTA_GEN_DEL patelematicaddress contentmode 2 patype operationname class PA TO_SET com.enterpriseda.pdd.level2.pddportadelegatasincrona descrizionemode 0 endpoint v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 17

18 pacode servizio.tipo PA TIPO_SERVIZIO S_ASINC_ASIM class wsdl operationname servizio.operazione.richiesta.suc cessiva endpoint com.enterpriseda.pdd.level2.pddportaapplicativaasincronaasi mmetrica RFU sum checksum contentmode 2 operationstyle asap.factory.actor.uri asap.instance.actor.uri RFU uri:factory uri:instance descrizionemode 0 S_ASINC_ASIM_DEL class com.enterpriseda.pdd.level2.pddportadelegataasincronaasimmetrica patype Pubblica Amministrazione v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 18

19 patelematicaddress pacode PDD Regione Lazio contentmode 2 endpoint operationname sum descrizionemode 0 ResultDataType <complextype name="resultdatatype"> <sequence> <element name="sum" type="xsd:string"/> </sequence> </complextype> <complextype name="contextdatatype"> <sequence> <element ContextDataType servizio.tipo name="x" type="int"/> <element name="y" type="int"/> </sequence> </complextype> TIPO_SERVIZIO S_ASINC_SIM class wsdl operationname endpoint com.enterpriseda.pdd.level2.pddportaapplicativaasincronasimmet rica RFU TO_FILL TO_FILL contentmode 2 operationstyle RFU v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 19

20 uri asap.factory.actor. uri:factory.uri asap.instance.actor uri:instance descrizionemode 0 back isportaapplicativacall servizio.nome true Nome_servizio S_ASINC_SIM_DEL endpoint TO_FILL operationname TO_FILL descrizionemode 0 class com.enterpriseda.pdd.level2.pddportadelegataasincronasimmetrica patype TO_FILL patelematicaddr TO_FILL pacode TO_FILL contentmode 2 servizio.tipo TIPO_SERVIZIO S_PKCS7 v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 20

21 class wsdl operationna me endpoint contentmode com.enterpriseda.pdd.level2.pddportaapplicativasincr ona RFU uploadfile 2 e operationstyl RFU descrizionem ode pkcs7.apply.cr ypt 0 true gn n n pkcs7.apply.si x509.apply.sig x509.verify.sig true true false S_PKCS7_DEL class com.enterpriseda.pdd.level2.pddportadelegatasincrona v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 21

22 patype descrizionemode TIPO PA 0 ess patelematicaddr pacode ALTRA PA contentmode 2 t endpoint operationname pkcs7.apply.cryp pkcs7.apply.sign CS7 uploadfile true true x509.apply.sign x509.verify.sign servizio.tipo true true TIPO_SERVIZIO patype pacode I_PORTA_DEL_ASINC_ASIMM_GEN Toset Toset operationname toset v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 22

23 patelematicaddress class com.enterpriseda.pdd.level2.pddportaapplicativasincrona I_PORTA_DEL_ASINC_ASIMM_GEN asap.factory.actor.uri asap.instance.actor.uri operationname endpoint class uri:toactoruri uri:toactoruri toset com.enterpriseda.pdd.level2.pddportaapplicativasincrona v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 23

24 4.3 HANDLER Handler Classe EPROXY_INIT_HANDLER com.enterpriseda.pdd.level1.handler.common.eproxyinithandler EGOV_HANDLER com.enterpriseda.pdd.level1.handler.common.egovhandler VALIDATION_HANDLER com.enterpriseda.pdd.level1.handler.common.validationhandler11 PKCS7_HANDLER com.enterpriseda.pdd.level1.handler.security.pkcs7handler EnvelopeLoggerHandler WSDOALLSENDER_HANDLER WSDOALLRECEIVER_HANDLER com.enterpriseda.pdd.level1.handler.common.envelopeloggerhandler org.apache.ws.axis.security.wsdoallsender org.apache.ws.axis.security.wsdoallreceiver NB: In neretto sono contrassegnati gli Handler OBBLIGATORI per il funzionamento dell PDD EDA DETTAGLIO HANDLER EPROXY_INIT_HANDLER ass cl dler com.enterpriseda.pdd.level1.handler.common.eproxyinithan EGOV_HANDLER v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 24

25 class dler com.enterpriseda.pdd.level1.handler.common.egovhan ass cl er11 VALIDATION_HANDLER com.enterpriseda.pdd.level1.handler.common.validationhandl ENVELOPE_LOGGER_HANDLER ass cl dler com.enterpriseda.pdd.level1.handler.common.envelopeloggerhan PKCS7_HANDLER ass cl dler com.enterpriseda.pdd.level1.handler.security.pkcs7han WS_DO_ALL_SENDER ass cl nder org.apache.ws.axis.security.wsdoallse ass cl iver WS_DO_ALL_RECEIVER org.apache.ws.axis.security.wsdoallrece v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 25

26 v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 26

27 INVOKER Invoker INTEGRATION_MANAGER COOPERATION_MANAGER Classe com.enterpriseda.pdd.invoker.integrationinvokerimpl com.enterpriseda.pdd.invoker.cooperationinvokerimpl ASAPIntegrationManager com.enterpriseda.pdd.invoker.asapintegrationinvokerimpl PDD_LOG log4j.additivity.pdd log4j.appender.pddfile.datepattern log4j.appender.pddfile.layout log4j.appender.pddfile.layout.convers ionpattern log4j.appender.pddfile.file log4j.appender.pddfile log4j.appender.pddjms.datepattern log4j.appender.pddjms.layout log4j.appender.pddjms.layout.conver sionpattern log4j.appender.pddjms log4j.appender.pddjms.errorhandler FALSE yyyy MM dd org.apache.log4j.patternlayout %d{dd MM yyyy HH:mm:ss} %p [%C{1} %M] %m%n /home/pdd/pdd/logs/pdd.log org.apache.log4j.dailyrollingfileappender yyyy MM dd org.apache.log4j.patternlayout %d{dd MM yyyy HH:mm:ss} %p [%C{1} %M] %m%n com.enterpriseda.spicca.sensoreterminale.appender.jms.jmsapp ender com.enterpriseda.spicca.sensoreterminale.appender.handler.fail v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 27

28 overerrorhandler log4j.appender.pddjms.errorhandler.l ogger ref.ref log4j.appender.pddjms.errorhandler. appender ref.ref log4j.appender.backup.threshold log4j.appender.backup log4j.appender.pddjms.threshold log4j.appender.pddjms.queueconnec tionfactorybindingname log4j.appender.pddjms.initialcontext FactoryName log4j.appender.pddjms.providerurl log4j.appender.pddjms.username log4j.appender.pddjms.password log4j.appender.pddjms.queuebinding Name log4j.appender.pddjms.locationinfo log4j.appender.backup.path log4j.appender.backup.basenomefile pdd BACKUP DEBUG com.enterpriseda.spicca.sensoreterminale.appender.file.logginge ventfileappender DEBUG ConnectionFactory org.apache.activemq.jndi.activemqinitialcontextfactory tcp:// :61616 pdd pdd queue.pddqueue true /tmp/ BackupProvaLog log4j.logger.pdd INFO, pddfile v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 28

29 4.4 TRATTAMENTI In questa sezione si affronterà la configurazione delle proprietà dei singoli trattamenti associabili ad una Porta. Di seguito un esempio di configurazione dei due Handler delegati alla Sicurezza (WsDoAllSender, WsDoAllReceiver). WsDoAllSender Dettaglio passwordcallbackclass org.apache.ws.security.crypto.merlin.keys tore.password action org.apache.ws.security.crypto.provider org.apache.ws.security.crypto.merlin.keys tore.type user signaturekeyidentifier org.apache.ws.security.crypto.merlin.file com.enterpriseda.pdd.level1.wsutils.passwordcallback security Signature Timestamp org.apache.ws.security.components.crypto.merlin jks wss4jcertdsa DirectReference /home/pdd/pdd/security/keystore/wss4j.keystore WsDoAllReceiver Dettaglio passwordcallbackclass org.apache.ws.security.crypto.merlin.key store.password action com.enterpriseda.pdd.level1.wsutils.passwordcallback security Signature Timestamp v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 29

30 org.apache.ws.security.crypto.provider org.apache.ws.security.crypto.merlin.key store.type org.apache.ws.security.crypto.merlin.file org.apache.ws.security.components.crypto.merlin jks c:/pdd/security/keystore/wss4j.keystore S_SINCRONO ( Porta Applicativa con profilo di comunicazione Sincrono ) NO S_SINCRO WsDoAllSender Server nse Respo Disabilitato S_SINCRO NO wsdoallreceiver Server st Reque Disabilitato S_SINCRO NO Validation Server st Reque Abilitato S_SINCRO NO PKCS7Handler Server st Reque Disabilitato NO S_SINCRO PKCS7Handler Server nse Respo Disabilitato S_SINCRONO_DEL ( Porta Delegata con profilo di comunicazione Sincrono ) DEL S_SINCRONO_ WsDoAllSender Client est Requ Disabilitato S_SINCRONO_ DEL wsdoallreceiver Client Resp onse Disabilitato S_SINCRONO_ DEL Validation Client Resp onse Abilitato v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 30

31 S_SINCRONO_ DEL EGovHandler Client est Requ Abilitato S_SINCRONO_ DEL PKCS7Handler Client est Requ Disabilitato DEL S_SINCRONO_ PKCS7Handler Client onse Resp Disabilitato I_PS_PUBLISH ISH S_PS_PUBL Validation Client onse Resp Abilitato ISH S_PS_PUBL EGovHandler Client est Requ Abilitato I_PS_SUBSCRIBE_PUSH S_PS_SUBSCRIBE_P Validatio C Resp Abilit USH n lient onse ato S_PS_SUBSCRIBE_P EGovHa C Requ Abilit USH ndler lient est ato I_PS_SUBSCRIBE_PULL S_PS_SUBSCRIBE_P Validatio C Resp Abilit ULL n lient onse ato S_PS_SUBSCRIBE_P EGovHa C Requ Abilit ULL ndler lient est ato v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 31

32 I_PS_GETEVENT_DEL S_PS_GETEVENT_ Validatio C Resp Abilit DEL n lient onse ato S_PS_GETEVENT_ EGovHa C Requ Abilit DEL ndler lient est ato I_PS_GETEVENT S_PS_GETEVENT Validation Server uest Req Abilitato I_PORTA_DEL_GEN I_PORTA_DEL_ Validatio C Resp Abilit GEN n lient onse ato I_PORTA_DEL_ EGovHa C Requ Abilit GEN ndler lient est ato I_PORTA_DEL_ASINC_SIMM_GEN I_PORTA_DEL_ASINC_SIMM_ Validatio C Resp Abilit GEN n lient onse ato I_PORTA_DEL_ASINC_SIMM_ EGovHa C Requ Abilit GEN ndler lient est ato v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 32

33 S_ASINC_SIMM_DEL S_ASINC_SIMM_DEL n Validatio lient C onse Resp ato Abilit S_ASINC_SIMM_DEL ndler EGovHa lient C est Requ ato Abilit S_PS_CALLBACK S_PS_CALLABCK n Validatio rver Se est Requ ato Abilit S_PS_CALLBACK ndler EGovHa rver Se est Requ ato Abilit 4.5 Configurazione degli Handler con funzionalità di sicurezza In questa sezione descriveremo le procedure necessarie alla configurazione delle funzionalità di sicurezza della PDD, realizzate attraverso una personalizzazione dell'implementazione open suorce WSS4j delle specifiche Web Service Security. Le diverse funzionalità di sicurezza sono implementate da due Handler, WSDoAllSender e WsDoAllReceiver, che vanno opportunamente configurati nella porta di dominio. L'handler WsDoAllSender è da utilizzare nei messaggi in uscita dalla Porta di Dominio (Contesto Client/Flusso Request e Contesto Server/Flusso Response), mentre l'handler WsDoAllReceiver è da utilizzare nei messagi in entrata nella Porta di Dominio (Contesto Client/Flusso Response e Contesto Server/Flusso Request). Relativamente al corretto posizionamento degli Handler nel chain handlers, ovvero nella catena di handler che elabora un messaggio in transito da e verso la PDD, si osservi che l'handerl WsDoAllSender deve essere sempre l'ultimo handler che elabora un messaggio in uscita dalla PDD, mentre l'handler WsDoAllReceiver deve essere sempre il primo handler che elabora un messaggio in ingresso alla PDD. Prima di descrivere nel dettaglio le procedure per la configurazione degli handler di sicurezza, è opportuno sottolineare che WSS4j, come è naturale immaginare, è basata su un infrastruttura di sicurezza a chiave pubblica. Per un agevole gestione delle chiavi private/pubbliche e dei certificati digitali, WSS4j fa uso dei Keystore, che rappresentano Repository (protetti da password) per la memorizzazione ed il recupero di chiavi e certificati. A partire dalla versione 1.2, JDK fornisce un utility, denominata keytool, per la gestione dei Keystore che consente di effettuare operazioni quali, a titolo esemplificativo, la creazione v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 33

34 di una coppia chiave privata/pubblica, l import ed export di chiavi, l import di certificati rilasciati da Certification Authority e così via. Nella parte finale di questo documento è previsto un paragrafo relativo alle funzionalità offerte dal keytool. Configurazione WSDoAllSender e WsDoAllReceiver Le funzionalità di sicurezza implementate nella PDD sono le seguenti: firma digitale, token SAML. Per ogni funzionalità, mostreremo come configurare opportunamente gli handler WSDoAllSender e WsDoAllReceiver rispettivamente per una porta delegata ed una porta applicativa. Il contesto che prenderemo di riferimento è quello di una porta delegata sincrona (denominata S_SINCRONO_DEL) che invoca una porta applicativa (denominata S_SINCRONO). In questo contesto, a valle delle osservazioni riportate in precedenza in merito al corretto posizionamento degli Handler, configureremo l handler WSDoAllSender per i messaggi in uscita dalla PDD delegata (Contesto Client / Flusso Request) e l handler WsDoAllReceiver per i messaggi in ingresso alla PDD applicativa (Contesto Server / Flusso Request) Firma Digitale Configurazione dell Handler WSDoAllSender per la PDD delegata (Contesto Client / Flusso Request) v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 34

35 Descrizione dei parametri dell Handler passwordcallbackclass = com.enterpriseda.pdd.level1.wsutils.passwordcallback: il parametro si riferisce ad una classe contenente un insieme di coppie (user, pwduser). Nel caso della firma digitale, user è l'identificativo, nell'ambito del keystore della chiave privata con cui firmare il messaggio e pwduser è la pwd della chiave privata identificata da user. org.apache.ws.security.crypto.merlin.keystore.password" = "security": è la password del keystore org.apache.ws.security.crypto.merlin.file = c://pdd//security//keystore//wss4j.keystore: è il file del keystore action = Signature Timestamp: è il parametro che determina l'azione effettuata dagli handler WSS. In particolare specificando Signature Timestamp l handler applicherà una firma digitale ed un timestemp al messaggio in uscita org.apache.ws.security.crypto.provider=org.apache.ws.security.components.crypto.merli: è la classe del motore di cifratura utilizzato org.apache.ws.security.crypto.merlin.keystore.type = jks: è il tipo di keystore v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 35

36 user =wss4jcertdsa: è l'identificativo della chiave privata, nell'ambito del keystore, da utilizzare per la firma signaturekeyidentifier=directreference v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 36

37 Configurazione dell Handler WsDoAllReceiver per la PDD Applicativa (Contesto Server / Flusso Request) Descrizione dei parametri dell Handler action = Signature Timestamp: è il parametro che determina l'azione effettuata dagli handler WSS. In particolare specificando Signature Timestamp l handler verificherà la firma digitale ed il timestemp del messaggio ricevuto org.apache.ws.security.crypto.provider=org.apache.ws.security.components.crypto.merli: è la classe del motore di cifratura utilizzato org.apache.ws.security.crypto.merlin.keystore.type = jks: è il tipo di keystore org.apache.ws.security.crypto.merlin.file = c://pdd//security//keystore//wss4j.keystore: è il file del keystore org.apache.ws.security.crypto.merlin.keystore.password" = "security": è la password del keystore v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 37

38 4.5.2 Token SAML non firmato Configurazione dell Handler WSDoAllSender per la PDD delegata (Contesto Client / Flusso Request) Descrizione dei parametri dell Handler org.apache.ws.security.saml.issuerclass = org.apache.ws.security.saml.samlissuerimpl: è la classe che genera l asserzione SAML org.apache.ws.security.saml.issuer = PDDASLNA1 : è l ISSUER dell asserzione SAML. org.apache.ws.security.saml.authenticationmethod = password : è il meccanismo d autenticazione utilizzato dal Subject dell asserzione SAML org.apache.ws.security.saml.confirmationmethod = sendervouches : è il metodo di utilizzato per la verifica del contenuto dell Asserzone SAML. Sender Vouches indica che l Issuer si fa da garante per la verifica del Subject. Il ricevitore dell asserzione SAML, che ha stabilito una relazione di fiducia con l Issuer, si fida di quanto affermato dal Issuer. v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 38

39 org.apache.ws.security.saml.subjectnameid.name: è l identificativo del Subject nell ambito di un dominio. action = SAMLTokenUnsigned: è il parametro che determina l'azione effettuata dagli handler WSS. In particolare specificando SAMLTokenUnsigned genererà un Token SAML non firmato Configurazione dell Handler WsDoAllReceiver per la PDD Applicativa (Contesto Server / Flusso Request) Descrizione dei parametri dell Handler action SAMLTokenUnsigned: è il parametro che determina l'azione effettuata dagli handler WSS. In particolare specificando SAMLTokenUnsigned l Handler verificherà l esistenza di un Token SAML non firmato nel messaggio ricevuto v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 39

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato Un protocollo è un insieme di regole che permettono di trovare uno standard di comunicazione tra diversi computer attraverso la rete. Quando due o più computer comunicano tra di loro si scambiano una serie

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone è pronto per le aziende. Supporta Microsoft Exchange ActiveSync, così come servizi basati su standard, invio e ricezione di e-mail, calendari

Dettagli

RSYNC e la sincronizzazione dei dati

RSYNC e la sincronizzazione dei dati RSYNC e la sincronizzazione dei dati Introduzione Questo breve documento intende spiegare come effettuare la sincronizzazione dei dati tra due sistemi, supponendo un sistema in produzione (master) ed uno

Dettagli

Museo&Web CMS Tutorial: installazione di Museo&Web CMS Versione 0.2 del 16/05/11

Museo&Web CMS Tutorial: installazione di Museo&Web CMS Versione 0.2 del 16/05/11 Museo&Web CMS Tutorial: installazione di Museo&Web CMS Versione 0.2 del 16/05/11 Museo & Web CMS v1.5.0 beta (build 260) Sommario Museo&Web CMS... 1 SOMMARIO... 2 PREMESSE... 3 I PASSI PER INSTALLARE MUSEO&WEB

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

LA CRITTOGRAFIA Le applicazioni della crittografia e della firma digitale a cura di Sommaruga Andrea Guido

LA CRITTOGRAFIA Le applicazioni della crittografia e della firma digitale a cura di Sommaruga Andrea Guido INDICE LA FIRMA DIGITALE O ELETTRONICA...2 LA LEGISLAZIONE IN MATERIA...5 NOTA SUI FORMATI DI FILE...6 COME FUNZIONA IL MECCANISMO DELLE FIRME ELETTRONICHE...7 FIRMA DI PIÙ PERSONE... 7 DOCUMENTO SEGRETO...

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Manuale installazione KNOS

Manuale installazione KNOS Manuale installazione KNOS 1. PREREQUISITI... 3 1.1 PIATTAFORME CLIENT... 3 1.2 PIATTAFORME SERVER... 3 1.3 PIATTAFORME DATABASE... 3 1.4 ALTRE APPLICAZIONI LATO SERVER... 3 1.5 ALTRE APPLICAZIONI LATO

Dettagli

Gestione posta elettronica (versione 1.1)

Gestione posta elettronica (versione 1.1) Gestione posta elettronica (versione 1.1) Premessa La presente guida illustra le fasi da seguire per una corretta gestione della posta elettronica ai fini della protocollazione in entrata delle mail (o

Dettagli

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Introduzione I destinatari di questa guida sono gli amministratori di sistema che configurano IBM SPSS Modeler Entity Analytics (EA) in modo

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor NetMonitor Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor Cos è NetMonitor? NetMonitor è un piccolo software per il monitoraggio dei dispositivi in rete. Permette di avere una panoramica sui dispositivi

Dettagli

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica PHP: form, cookies, sessioni e mysql Pasqualetti Veronica Form HTML: sintassi dei form 2 Un form HTML è una finestra contenente vari elementi di controllo che consentono al visitatore di inserire informazioni.

Dettagli

AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD

AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD 1.1 Premessa Il presente documento è una guida rapida che può aiutare i clienti nella corretta configurazione del software MOZILLA THUNDERBIRD

Dettagli

MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO

MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO Versione 1.1 INDICE 1. PREFAZIONE 3 1.1 Autori 3 1.2 Modifiche Documento 3 1.3 Riferimenti 4 1.4 Acronimi e Definizioni 4 2. OBIETTIVI E CONTESTO DI RIFERIMENTO

Dettagli

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte)

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 10 CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) WEB SERVER PROXY FIREWALL Strumenti di controllo della rete I contenuti di questo documento, salvo diversa indicazione, sono rilasciati

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici Sommario Sommario... 1 Parte 1 - Nuovo canale di sicurezza ANPR (INA-AIRE)... 2 Parte 2 - Collegamento Client INA-SAIA... 5 Indicazioni generali... 5 Installazione e configurazione... 8 Operazioni di Pre-Installazione...

Dettagli

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Web Hosting. Introduzione

Web Hosting. Introduzione Introduzione Perchè accontentarsi di un web hosting qualsiasi? Tra i fattori principali da prendere in considerazione quando si acquista spazio web ci sono la velocità di accesso al sito, la affidabilità

Dettagli

Iphone e Zimbra 7 FOSS Edition: Mail, Contatti ed Agenda

Iphone e Zimbra 7 FOSS Edition: Mail, Contatti ed Agenda Iphone e Zimbra 7 FOSS Edition: Mail, Contatti ed Agenda mailto:beable@beable.it http://www.beable.it 1 / 33 Questo tutorial è rilasciato con la licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-non

Dettagli

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP FileMaker Server 13 Pubblicazione Web personalizzata con PHP 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker

Dettagli

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5 Guida introduttiva Rivedere i requisiti di sistema e seguire i facili passaggi della presente guida per distribuire e provare con successo GFI FaxMaker. Le informazioni e il contenuto del presente documento

Dettagli

CA Asset Portfolio Management

CA Asset Portfolio Management CA Asset Portfolio Management Guida all'implementazione Versione 12.8 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in

Dettagli

TeamPortal. Servizi integrati con ambienti Gestionali

TeamPortal. Servizi integrati con ambienti Gestionali TeamPortal Servizi integrati con ambienti Gestionali 12/2013 Modulo di Amministrazione Il modulo include tutte le principali funzioni di amministrazione e consente di gestire aspetti di configurazione

Dettagli

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Zabbix 4 Dummies Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Relatore Nome: Biografia: Dimitri Bellini Decennale esperienza su sistemi operativi UX based, Storage Area Network, Array Management e tutto

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key.

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key. 1 Indice 1 Indice... 2 2 Informazioni sul documento... 3 2.1 Scopo del documento... 3 3 Caratteristiche del dispositivo... 3 3.1 Prerequisiti... 3 4 Installazione della smart card... 4 5 Avvio di Aruba

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida introduttiva

FileMaker Server 13. Guida introduttiva FileMaker Server 13 Guida introduttiva 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

Guida al portale produttori

Guida al portale produttori GUIDA AL PORTALE PRODUTTORI 1. SCOPO DEL DOCUMENTO... 3 2. DEFINIZIONI... 3 3. GENERALITA... 4 3.1 CREAZIONE E STAMPA DOCUMENTI ALLEGATI... 5 3.2 INOLTRO AL DISTRIBUTORE... 7 4. REGISTRAZIONE AL PORTALE...

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Microsoft Windows 30/10/2014 Questo manuale fornisce le istruzioni per l'utilizzo della Carta Provinciale dei Servizi e del lettore di smart card Smarty sui sistemi operativi

Dettagli

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL.

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL. Data: 8 Ottobre 2013 Release: 1.0-15 Feb 2013 - Release: 2.0 - Aggiunta procedura per inviare email da Windows con php Release: 2.1-20 Mar 2013 Release: 2.2-8 Ottobre 2013 - Aggiunta procedura per inviare

Dettagli

CMN4i (Vers. 1.1.0 del 27/02/2014)

CMN4i (Vers. 1.1.0 del 27/02/2014) CMN4i (Vers. 1.1.0 del 27/02/2014) Il monitoring che permette di avere la segnalazione in tempo reale dei problemi sul vostro sistema IBM System i Sommario Caratterisitche... Errore. Il segnalibro non

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server FileMaker Server 13 Guida di FileMaker Server 2010-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono

Dettagli

AVCP Generatore di XML

AVCP Generatore di XML AVCP Generatore di XML Perché è necessario... 2 Come Funziona... 3 Appalto... 3 Indice... 5 Anagrafiche... 6 Lotto... 7 Partecipanti... 9 Partecipante in Solitario (Partecipante)... 9 Partecipante in Raggruppamento...

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it PROCEDURA E-COMMERCE BUSINESS TO BUSINESS Guida alla Compilazione di un ordine INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it INDICE 1. Autenticazione del nome utente

Dettagli

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Guida all Uso L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Cos è la Business Key La Business Key è una chiavetta USB portatile, facile da usare, inseribile

Dettagli

explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012

explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012 explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012 1 Indice 1. Descrizione del sistema e Requisiti hardware e software per l installazione... 4 1.1 Descrizione del

Dettagli

Porta di Accesso versione 5.0.12

Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 1 di 22 Controlli da effettuare in seguito al verificarsi di ERRORE 10 nell utilizzo di XML SAIA Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 2 di 22 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. VERIFICHE DA ESEGUIRE...3

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

CA Business Intelligence

CA Business Intelligence CA Business Intelligence Guida all'implementazione Versione 03.2.00 La presente documentazione ed ogni relativo programma software di ausilio (di seguito definiti "Documentazione") vengono forniti unicamente

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers La procedura di installazione è divisa in tre parti : Installazione dell archivio MySql, sul quale vengono salvati

Dettagli

Programma Servizi Centralizzati s.r.l.

Programma Servizi Centralizzati s.r.l. Via Privata Maria Teresa, 11-20123 Milano Partita IVA 09986990159 Casella di Posta Certificata pecplus.it N.B. si consiglia di cambiare la password iniziale assegnata dal sistema alla creazione della casella

Dettagli

Arcserve Replication and High Availability

Arcserve Replication and High Availability Arcserve Replication and High Availability Guida operativa per Oracle Server per Windows r16.5 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente

Dettagli

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail Configurare un programma di posta con l account PEC di Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account ii nel programma di

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE IN RETE

GUIDA DELL UTENTE IN RETE GUIDA DELL UTENTE IN RETE Memorizza registro di stampa in rete Versione 0 ITA Definizione delle note Nella presente Guida dell'utente viene utilizzata la seguente icona: Le note spiegano come intervenire

Dettagli

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA Avvio di Atlas 2.x sul server CONTESTO La macchina deve rispecchiare le seguenti caratteristiche MINIME di sistema: Valori MINIMI per Server di TC con 10 postazioni d'esame

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Manuale di KDE su Geert Jansen Traduzione del documento: Dario Panico Traduzione del documento: Samuele Kaplun Traduzione del documento: Daniele Micci

Manuale di KDE su Geert Jansen Traduzione del documento: Dario Panico Traduzione del documento: Samuele Kaplun Traduzione del documento: Daniele Micci Geert Jansen Traduzione del documento: Dario Panico Traduzione del documento: Samuele Kaplun Traduzione del documento: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Usare KDE su 6 3 Funzionamento interno 8

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Progettisti dentro e oltre l impresa MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Pag 1 di 31 INTRODUZIONE Questo documento ha lo scopo di illustrare le modalità di installazione e configurazione dell

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it Il Gruppo Aruba La nostra storia 1994 : Fondazione 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it 2000: Nascita del brand Aruba come fornitore di servizi hosting, registrazione

Dettagli

Sommersi dalle informazioni?

Sommersi dalle informazioni? Sommersi dalle informazioni? Centro Dir. Colleoni Viale Colleoni, 1 Pal. Taurus 1 20041 Agrate Brianza (MI) T: +39 039 5966 039 F: +39 039 5966 040 www.tecnosphera.it DOCUMENT MANAGEMENT GESTIONE DOCUMENTALE

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER

Installazione ed attivazione della SUITE OFFIS versione SERVER Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER Premessa La versione server di OFFIS può essere installata e utilizzata indifferentemente da PC/Win o Mac/Osx e consente l'accesso contemporaneo

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

Manuale di configurazione per l accesso alla rete wireless Eduroam per gli utenti dell Università degli Studi di Cagliari

Manuale di configurazione per l accesso alla rete wireless Eduroam per gli utenti dell Università degli Studi di Cagliari Manuale di configurazione per l accesso alla rete wireless Eduroam per gli utenti dell Università degli Studi di Cagliari Rev 1.0 Indice: 1. Il progetto Eduroam 2. Parametri Generali 3. Protocolli supportati

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

Firma Digitale Remota. Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo

Firma Digitale Remota. Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo Firma Digitale Remota Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo Versione: 0.3 Aggiornata al: 02.07.2012 Sommario 1. Attivazione Firma Remota... 3 1.1 Attivazione Firma Remota con Token YUBICO... 5

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Configurazione Area51 e Bilance Bizerba

Configurazione Area51 e Bilance Bizerba Configurazione Area51 e Bilance Bizerba Ultimo Aggiornamento: 20 settembre 2014 Installazione software Bizerba... 1 Struttura file bz00varp.dat... 5 Configurazione Area51... 6 Note tecniche... 8 Gestione

Dettagli

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web Attenzione!! Rif. Rev. 2.2 www.cws32.it Questa presentazione non sostituisce il manuale operativo del prodotto, in quanto

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

R.Focardi Laboratorio di Ingegneria del Software 6. 1

R.Focardi Laboratorio di Ingegneria del Software 6. 1 Networking Java permette comunicazioni in rete basate sul concetto di socket, che permette di vedere la comunicazione in termini di flusso (stream), in modo analogo all input-output di file, usando Stream

Dettagli

Guida dell amministratore

Guida dell amministratore Guida dell amministratore Maggiori informazioni su come poter gestire e personalizzare GFI FaxMaker. Modificare le impostazioni in base ai propri requisiti e risolvere eventuali problemi riscontrati. Le

Dettagli

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace:

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Overview tecnica Introduzione E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Introduce un architettura ESB nella realtà del cliente Si basa su standard aperti Utilizza un qualsiasi Application

Dettagli

Installazione LINUX 10.0

Installazione LINUX 10.0 Installazione LINUX 10.0 1 Principali passi Prima di iniziare con l'installazione è necessario entrare nel menu di configurazione del PC (F2 durante lo start-up) e selezionare nel menu di set-up il boot

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY Interfaccia Full Ascii Con questa interfaccia è possibile inviare i dati al Server utilizzando solo caratteri Ascii rappresentabili e solo i valori che cambiano tra un sms e l altro, mantenendo la connessione

Dettagli

Parallels Plesk Panel

Parallels Plesk Panel Parallels Plesk Panel Notifica sul Copyright ISBN: N/A Parallels 660 SW 39 th Street Suite 205 Renton, Washington 98057 USA Telefono: +1 (425) 282 6400 Fax: +1 (425) 282 6444 Copyright 1999-2009, Parallels,

Dettagli

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli