Lo scenario dei mercati internazionali: opportunità, rischi e nuove strategie

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lo scenario dei mercati internazionali: opportunità, rischi e nuove strategie"

Transcript

1 Lo scenario dei mercati internazionali: opportunità, rischi e nuove strategie Luigi Dante - Rappresentate esecutivo in Italia di EBRD Giovedi 21 giugno 2012 European Bank for Reconstruction and Development 2010

2 Agenda I. Situazione degli investimenti diretti italiani all'estero II. La situazione delle imprese, competività e rischi. Il supporto degli intermediari creditizi e delle istituzioni italiane III. La Banca Europea per la Ricostruzione e lo sviluppo ( EBRD ): ruolo e supporto per le imprese sui paesi di intervento 2

3 Il tema degli investimenti italiani all'estero (FDI) è stato oggetto nel corso del tempo di numerose ed accurate analisi. Pur tuttavia renderne una chiara rappresentazione implica indagini complesse e basandosi su dati fortemente disomogenei Il flusso di FDI italiani è iniziato storicamente a partire dagli anno '60, con modeste performance in relazione a quanto avveniva da parte degli altri Paesi dell'unione Europea Tale situazione era strutturalmente dovuta al marginale numero di grandi imprese e per la tradizionale specializzazione in produzioni industriali di beni a basso e medio contenuto tecnologico Arrivando all'ultima decade, a partire dagli anni 2000 lo stock degli investimenti (OFDI) si è incrementato signicativamente da US $ 180 a 578 miliardi alla fine del

4 Flussi FDI italiani - periodo In ogni caso il grado di internazionalizzazione dell'italia è stato storicamente più basso dei suoi principali partner europei, sia sul lato degli investimenti in uscita che in quelli in entrata Guardando a quelli in uscita, essi rappresentavano il 27,4 % del PIL nel 2009, contro il 57,8 % della media europea, il 64,9 % della Francia, il 41,2 % della Germania ed il 44,2 % della Spagna Alcune cifre: le imprese all'estero partecipate da imprese italiane erano alla data detenute da tra Gruppi ed imprese autonome I dipendenti all'estero con un fatturato di 460 miliardi di euro Le partecipazioni di controllo ammontavano all'82,3 % delle imprese partecipate, il 74,8% dei loro dipendenti ed il 79,7% del fatturato Fonte: Banca dati Reprint - Politecnico di Milano ICE dati all

5 Uno sguardo sui flussi FDI Italiani Osservando i flussi, questi sono saliti considerevolmente dopo il 2004, soprattutto a causa di operazioni di M&A fatte da un selezionato numero di grandi imprese italiane ( a solo titolo di esemplificazione, Fiat Group, ENI, Finmeccanica, Enel, Telecom Italia, STM Electronics, Benetton, Riva, Italmobiliare, Luxottica, Pirelli, Prysmian, Indesit, Ferrero ) oltre ad acquisizioni fatte da intermediari creditizi ( a partire dal Gruppo Intesa ed Unicredit ) Italian Outward FDI Flows Source: UNCTAD s FDI/TNC 5

6 Analisi dell'industria : No. di progetti FDI da parte di entità italiane suddivisi per attività 6

7 Analisi dell'industria : No. di progetti FDI da parte di entità italiane suddivisi per attività 7

8 Aalisi sulla destinazione di mercato: FDI Italiani 1 Destinazione di mercato: i Paesi Tra gennaio 2003 e giugno 2009, il Paese che ha attratto il maggior numero di investimenti in progetti e stata la Russia con 160 progetti di investimento. Questi rappresentano il 17% di tutti gli investimenti in entrata. Il Paese che ha registrato il piu elevato sviluppo di investimenti in entrata e la Serbia, con una media annua di crescita del 30 %. 8

9 Aalisi sulla destinazione di mercato: FDI Italiani 2 Secondo le stime del FT, 103 aziende italiane hanno effettuato investimenti in Russia ( il % ); in termini di progetti, 160, ovvero il %, sempre sullo stesso Paese. I principali 10 Paesi per destinazione rappresentano l 80 % di tutti i progetti di investimento in entrata. 9

10 Mercati di destinazione: FDI Italiani Per quanto si riferisce ai mercati regionali serviti attraverso i FDI, sono stati raggruppati su base 100; di questi, il 33% sono dedicati all'est Europa, il 29 % ai propri mercati domestici di provenienza ed il 17 % a mercati europei limitrofi. 10

11 Analisi sulla destinazione di mercato: le Città I dati nel periodo Gennaio 2003 giugno 2012: Mosca ha attratto 50 investimenti da parte di 46 aziende. Le prime 10 città rappresentano il 20% del totale 11

12 Il coinvolgimento delle PMI (SME ) La dimensione quale limite allo sviluppo Supporto a partire dagli ultimi anni '80 dal governo per supportare gli FDI italiani, con attenzione particolare verso le PMI. ICE, Simest, Finest, Sace, Informest attori principali Nell Export: Italia all 8^ posto su 221 Paesi esportatori La competizione tuttavia è sempre più forte ed occorre avere una politica industriale che accompagni le imprese in questo sforzo significativo 12

13 Elementi trainanti dei FDI Italiani I grandi Gruppi sono stati i principali soggetti coinvolti. La motivazione di presidio dei mercati è stato il più importante driver per questo limitato numero di grandi imprese Strategie mirate alla ricerca di efficienza sono state, solo a volte, importanti motivazioni per le PMI: una recente ricerca su un campione di aziende di minore dimensione conferma che meno del 40 % delle imprese italiane che hanno fatto investimenti all'estero li hanno realizzati con l'esplicita motivazione di vendere i propri prodotti nei paesi ospiti o di utilizzare la nuova piattaforma produttiva per esportare sui paesi limitrofi, dato che larga parte della produzione realizzata veniva ridestinata al mercato italiano I nostri competitori: le aziende Tedesche, per il 65 % le strategie di presidio dei mercati; le Francesi, per il 45 % la costituzione di piattaforme di esportazione Provenienza Regionale: 80 % PMI dal Nord Italia, il 15% dal Centro e marginalmente dal Mezzogiorno 13

14 Alcune osservazioni di interesse Se osserviamo i flussi nel periodo , questi sono stati stagnanti; ma poi a partire dal 2005 hanno avuto un costante incremento fino al Nonostante la crisi, le imprese italiane non hanno effettuato disinvestimenti su larga scala; al contrario vi è stato un continuo sviluppo Possiamo anche osservare come il recente andamento dei flussi sia caratterizzato da: - un rinnovato ruolo di traino da parte di imprese più grandi; - un importo incrementale di investimenti nel settore dei servizi e - una presenza ancor più significativa nelle economie dei paesi emergenti Il ruolo delle PMI è poi in crescita: infatti operano anche indipendentemente dalle imprese "apripista", traggono vantaggi competitivi nelle nicchie di mercato ad elevato valore aggiunto e conducono attività di M&A per accrescere competitivita EBRD molto interessata a questo processo perche fondamentale per la crescita dei mercati in transizione 14

15 Agenda I. Situazione degli investimenti diretti italiani all'estero II. La situazione delle imprese, competività e rischi. Il supporto degli intermediari creditizi e delle istituzioni italiane III. La Banca Europea per la Ricostruzione e lo sviluppo ( EBRD ): ruolo e supporto per le imprese sui paesi di intervento 15

16 Contributi di riflessione per un dibattito a beneficio delle nostre imprese, banche e soggetti istituzionali interessati 16

17 Contributi per un dibattito Una opinione da un osservatore specializzato - Esperienza di istituzioni pubbliche - Banchiere italiano ed internazionale - Esperienza di aziende e mercati Il dibattito è quanto mai di interesse soprattutto in questi giorni in cui il Governo Italiano presenta iniziative di politica industriale dedicate all'internazionalizzazione delle imprese ed al riordino dei soggetti istituzionali dedicati 17

18 Contributi per un dibattito Osservazioni di partenza: La dinamica della mondializzazione delle economie è un dato di fatto La competizione non ha frontiere e quindi L internazionalizzazione non è una scelta: e un obbligo 18

19 Contributi per un dibattito Delocalizzazione - Non decolalizzazione: un falso problema ed un inutile dibattito Si crea occupazione investendo sulla filiera in Italia ed all estero I fattori competitivi degli anni '90 in termini di costo di lavoro su alcuni mercati limitrofi rapidamente si riducono e perdono attrattiva I mercati di interesse si presidiano direttamente o si perdono Al nostro modello di sviluppo basato sulle esportazioni va affiancata con determinazione una politica di deciso supporto agli investimenti: da modello di export a modello di presidio dei mercati con DFI Dove non ci siamo si collocano altri con presidi diretti e rientrare e difficile 19

20 Contributi per un dibattito Domanda internazionale ancora elevata ma selettiva; per quanto riguarda i mercati dell'est, Russia e Turchia nei prossimi 3 anni sono ancora quelli trainanti. Dal Rapporto ICE Prometeia chiare indicazioni in tal senso Le politiche industriali dei Paesi su cui vendiamo: favorire gli investimenti per la creazione di know how interno, cultura industriale e lavoro per i propri cittadini Il nostro sistema è "in mezzo al guado". Non possiamo fermarci ora: presidio diretto, anche produttivo, sui mercati in cui operiamo come esportatori 20

21 Contributi per un dibattito Siamo capaci di fare grandi lavori all'estero; la verticalizzazione dei comparti produttivi in Italia sta proseguendo.occorrono capitali per operare in forte competizione con i principali player mondiali Siamo capaci di vendere all'estero tecnologia inserita nei nostri impianti "chiavi in mano " ma abbiamo anche qui il fiato corto in termini di capitali e condizioni competitive Vendiamo beni durevoli e tecnologia di processo e di prodotto in molti settori (meccanica, meccatronica, etc) esportando in Germania; di lì, la competizione tedesca acquisisce vantaggio competitivo nei bid a livello mondiale. Ne siamo soddisfatti? 21

22 Contributi per un dibattito Guardando alle imprese industriali e di servizi Sappiamo quali sono le criticità delle imprese italiane (e non solo delle PMI): Insufficiente capitalizzazione derivante anche, ma non solo, dalla propria limitata dimensione Limitata crescita di cash flow in Italia per alimentare i mezzi propri aziendali Accounting system spesso arretrato e non trasparente ad una lettura comparata internazionale Redazione di BP non adeguati alla domanda internazionale 22

23 Contributi per un dibattito Difficoltà di valorizzazione degli investimenti in ricerca e sviluppo spesso non riscontrabili in bilancio per motivazioni fiscali Difficoltà conseguente di una piena valorizzazione dei valori intangibili - e ce ne sono - dell'azienda Forte "egoismo" all'interno della Filiera produttiva: non ci ricordiamo più della valenza competitiva dei distretti... Scarsità di risorse manageriali "famigliari" dedicate al management delle imprese in particolare all'estero; Gap culturale sistematico per passare da dimensione artigianale a quella industriale Visione spesso di breve e non di lungo periodo (tattica contro strategia )... 23

24 Contributi per un dibattito Guardando agli intermediari creditizi e finanziari: Marginale propensione dei nostri intermediari creditizi ad essere "partner reali" delle nostre imprese sui processi di internazionalizzazione La dimensione globale raggiunta dai nostri principali Gruppi Bancari non ha colmato il gap tra domanda ed offerta di internazionalizzazione. In molti casi l'ha acuita La scarsa liquidità non favorisce la propensione all'investimento La despecializzazione degli intermediari creditizi ha fatto perdere l'attenzione prioritaria alle risorse professionali che possano guardare ai progetti ed alle imprese con un'ottica più tipicamente industriale I Fondi di private equity non sono per molti operatori il partner ideale nel processo di internazionalizzazione 24

25 Contributi per un dibattito Guardando ai soggetti istituzionali coinvolti nei processi di internazionalizzazione Carenza di una politica industriale: la nostra politica industriale coincideva spesso con il management di casi di crisi... Frammentazione degli interventi e dei soggetti a ciò dedicati Limitazione di mezzi propri per seguire in modo adeguato l'internazionalizzazione dell'impresa La semplificazione delle procedure: percorso avviato ma mai concluso Penetrazione sui mercati internazionali: è un obiettivo solo dell'impresa od anche del soggetto istituzionale? Chi fa il vero business scouting? Cosa fanno i nostri competitori 25

26 Contributi per un dibattito I vincoli/ la scusa degli aiuti di stato: molto forti con noi e meno con altri Paesi.. Le Associazioni di categoria ed il sistema Camerale: diventare sempre più un vantaggio reale per l'impresa I sistemi pubblici di garanzia: molto domandati ed utilizzati. Ma se non si parte dal mercato e quindi dalla dimensione competitiva del soggetto richiedente, si escludono a priori molte aziende frenandone lo sviluppo internazionale Non abbiamo sistemi distributivi a dimensione competitiva né regionale né mondiale Non abbiamo Parchi Industriali sui Paesi di interesse dove i nostri operatori possano lavorare senza preoccuparsi di tutto il resto (dogane, energia, burocrazie.). E un compito del pubblico o dei privati? 26

27 Contributi per un dibattito Conosciamo quindi i nostri punti di debolezza ma sappiamo anche i nostri punti di forza: Flessibilità aziendale e di filiera Elevata qualità Forte vocazione commerciale Ci siamo cimentati negli ultimi 10 anni a lavorare con cambi fissi; l'euro debole e una opportunità o un handicap? Abbiamo operato in molti settori consistenti attività di riorganizzazione e di investimenti in ricerca e sviluppo... Siamo consapevoli della necessità di capitalizzazione e dobbiamo ricercare margini industriali che lo consentano 27

28 Contributi per un dibattito Riorganizzazione della catena della creazione di valore a livello internazionale: chi si è mosso prima ha oggi significativi vantaggi competitivi Sperimentiamo il nuovo ruolo delle Reti d'impresa Non siamo così "invasivi" come altri Paesi e la presenza dei propri sistemi di impresa Forte radicamento territoriale con i soggetti di sviluppo: l'esempio di FINEST nel Triveneto è una opportunità da cogliere Progressiva vicinanza strategica degli intermediari creditizi agli strumenti di internazionalizzazione ( SACE, SIMEST, CDP ) 28

29 Contributi per un dibattito La costruzione del rilancio competitivo: proposte concrete La Cabina di Regia: una visione strategica chiara e decisa, follow up intelligente della politica industriale del nostro Paese Forte commitment politico e chiarezza di percorso nel dialogo con l'europa (Commissione Europea) per evitare accuse di unfair competion e problematiche di aiuti di stato 29

30 Contributi per un dibattito Creazione di un unico operatore istituzionale che interfacci l'impresa nel proprio processo di internazionalizzazione La creazione della "Banca per l'estero" in CDP è una straordinaria opportunità per mettere a fattor comune tutti i punti di forza acquisiti da SACE, SIMEST, FINEST e dagli altri soggetti interessati (inclusa l'attrazione degli investimenti in Italia). Decisiva la prossima fase di strutturazione operativa dei diversi soggetti all'interno della CDP Il sistema bancario deve guardare a questo progetto in un'ottica di forte e trasparente sinergia con la CDP non solo per finanziarsi ma per cambiare il passo nell accompagnamento dell impresa 30

31 Contributi per un dibattito Ruolo dei fondi per la capitalizzazione: positiva l'esperienza del Fondo Italiano di investimento nell'offerta di capitale di rischio per le imprese con un fatturato tra i 50 ed i 250 milioni di euro. Esempio da imitare La "nuova CDP" consideri la partecipazione ( direttamente o tramite partecipazioni ) a specifici aumenti di capitale in Italia di aziende italiane, dedicati a finanziare progetti di internalizzazione Vantaggi per tutti: si presidiano meglio i progetti, si limita la richiesta di garanzie e si ha anche un benefico effetto sulla riduzione della leva finanziaria da attivare sui mercati internazionali e del relativo pricing 31

32 Contributi per un dibattito L'attività di Business scouting Nel confronto internazionale il nostro sistema è del tutto marginale in tale attività che è al contrario strategica per il nostro sistema d impresa Su questo terreno si confronteranno le capacità del Sistema Camerale e dalle Associazioni di Categoria: creazione di opportunita di lavoro, che è valore per le imprese associate ed accompagnamento in modo integrato e non competitivo La nuova Ice potrebbe svolgere anche questo compito? Perche non attingere alle esperienze gia maturate dai soggetti che confluiscono in CDP? Sviluppare con decisione l'analisi delle opportunità di bid presenti sui mercati, anche attraverso la ricognizione presso le banche di sviluppo che operano nelle diverse aree mondiali ed offrirle alle imprese. 32

33 Contributi per un dibattito Vi sono quindi opportunità che vanno colte attraverso una lettura attenta degli sviluppi sui/dei diversi mercati internazionali Attenzione alla creazione di valore per l impresa, serietà, senso del servizio pubblico, etica corrispondente: ripartire con determinazione nella creazione di valore per il sistema produttivo e dei servizi del nostro Paese Il Triveneto Italiano con Finest, Friulia, Veneto Sviluppo, Informest e gli altri soggetti interessati e in posizione ideale per prenderne la leadership Coinvolgere quindi attivamente nei progetti di investimento le Banche di sviluppo in cui abbiamo partecipato con rilevanti capitali Per l'est Europa, la EBRD di cui vi segnalo brevemente in questa terza parte le opportunità di partnership offerte. 33

34 Agenda I. Situazione degli investimenti diretti italiani all'estero II. La situazione delle imprese, competività e rischi. Il supporto degli intermediari creditizi e delle istituzioni italiane III. La Banca Europea per la Ricostruzione e lo sviluppo ( EBRD ): ruolo e supporto per le imprese sui paesi di intervento 34

35 Billion Che cos è la EBRD? È un istituzione finanziaria internazionale che promuove la transizione all economia di mercato in 29 Paesi, dall Europa centrale all Asia centrale. Dal 2012 la Banca ha deciso di espandere la propria attività in Egitto, Marocco, Tunisia e Giordania (Area del Mediterraneo meridionale e orientale Regione SEMED). Il capitale sociale è stato sottoscritto da 63 Paesi e da 2 istituzioni intergovernative EU e la BEI. Il capitale sociale ammonta a 30 miliardi di euro.* '00 '01 '02 '03 '04 '05 '06 '07 '08 '09 '10 '11 Cumulative commitments of 71.1bn Note: Unaudited as at 31 Dec 2011

36 La EBRD è Un partner che condivide i rischi. Orientata al settore privato. Un ampia gamma di prodotti, valute, operazioni a termine. Agevola (non attraverso sussidi finanziari) gli investimenti interni e transfrontalieri della regione. Promuove il dialogo politico in materia di clima di investimenti e di politica aziendale. Valutazione AAA, orientamento commerciale. 36

37 Composizione del capitale sociale USA 10.1% Shareholders Breakdown Japan 8.6% Others 11.3% EBRD region excluding EU (2) 7.3% EU 27 Countries (1) 62.7% Note: As at 1 September 2010 Footnotes (1) Includes European Community and European Investment Bank each at 3%; Italy, France, Germany and UK each at 8.6% (2) Russia at 4% 37

38 Obiettivi di EBRD Promozione della transizione all economia di mercato tramite investimenti indirizzati, in particolare, al settore privato. Mobilizzazione di significativi investimenti diretti stranieri. Sostegno alla privatizzazione, alla ristrutturazione e allo sviluppo dei servizi pubblici locali per migliorare la vita delle persone. Promozione di uno sviluppo ambientale valido e sostenibile. 38

39 Annual business volume (ABV) Net cumulative business volume Obiettivi di EBRD raggiunti con il finanziamento del settore privato Banca di sviluppo multilaterale, con valutazione AAA/Aaa 12 billion Investimenti per oltre 71,1 miliardi di euro in più di 3389 progetti dal ,0 miliardi di euro investiti nel 2010 in 386 progetti Alla fine di dicembre 2011: 9,1 miliardi di euro investiti in 380 progetti Il settore privato copre una quota del 77% Finanziamenti diretti 85% e azionari 15% Note: Provisional data as at 30 Dec Debt ABV Equity ABV Net Cumulative Business Volume

40 EBRD finanzia diverse tipologie di attività imprenditoriali Telecoms Informatics & Media 4% Transport 13% Agribusiness 9% Equity Funds 4% Property & Tourism 3% Power and Energy 9% Natural Resources 6% Financial Institutions 35% Municipal & Env Inf 6% Manufacturing and Services 11% Unaudited as at 31 Dec 2011 Cumulative commitments 36.9 bn 40

41 41

42 Previsioni di interventi nel 2012 Central Europe & Baltics Turkey 8% 4% Central Asia 13% Russia 47% Eastern Europe & Caucasus 8% South-eastern Europe 20% 42

43 Flessibilità dei prodotti EBRD per adeguarsi alle esigenze del progetto Finanziamenti diretti Primo grado, subordinati, convertibili LT (fino a 10 anni, o più), oppure BT rotativi Tassi variabili/fissi Scelta della valuta (, $ USA, RUB ecc.) Azioni ordinarie o privilegiate Solo posizioni minoritarie (fino al 35%) Mezzanino Altro fideiussioni Azionari swap su valute 43

44 Forza istituzionale di EBRD Solido partner finanziario, riconosciuto internazionalmente, con prospettive sul lungo termine Strette relazioni operative con i Governi e con gli azionisti Possibilità di influenza politica grazie all unicità del mandato e della struttura azionaria di EBRD Valutazione creditizia AAA Stretta operatività con le fonti del mercato dei capitali per coprire i gap del mercato 44

45 Espansione geografica dell area operativa della Banca Nel 2011, il Consiglio di amministrazione di EBRD ha deciso di espandere l area operative della Banca all Egitto, al Marocco, alla Tunisia e alla Giordania. Il Consiglio di amministrazione ha attualmente approvato l uso, nella regione, dei Fondi di cooperazione tecnica e la Banca ha già avviato trattative con alcune società locali per fornire loro assistenza tecnica e per preparare progetti di investimento. Nella seconda metà del 2012, si prevede che EBRD sarà in grado di effettuare i primi investimenti, sotto forma di credito diretto o azionario. In Marocco e in Egitto sono già stati aperti uffici temporanei. Gli uffici in Tunisia e in Giordania, in fase di costituzione, saranno operativi nei prossimi mesi. 45

46 EBRD e l Italia 46

47 Cooperazione congiunta fra EBRD e Italia Valore totale dei progetti che hanno coinvolto EBRD e Italia: 40,1 miliardi di euro. Valore dell investimento congiunto di EBRD-Italia: 15,5 miliardi di euro al 31 dicembre Investimento EBRD: 8,6 miliardi di euro. Investimento italiano: 6,9 miliardi di euro. Regioni maggiormente beneficiate: Russia, Polonia, Ungheria. Settori di investimento dominanti: Industria, commercio e attività agricole. Energia. Infrastrutture. Istituzioni finanziarie. 47

48 Gli obiettivi della EBRD in partnership con operatori italiani Aumentare quanto piu possibile la partecipazione a progetti e finanziamenti su base corporate a beneficio di aziende italiane che operano nella regione EBRD ha prodotti dedicati anche a clienti di medie dimensioni che intendono operare nella regione Far beneficiare le aziende delle possibilita di procurement collegate a progetti finanziati dalla Banca Far utilizzare dalle imprese italiane i programmi dedicati alla presenza di PMI nella regione Far comprendere agli operatori italiani che la Banca non e utile solo per i grandi progetti ma puo finanziare sui diversi Paesi operazioni di importo compreso tra 0.5 e 200 milioni di euro Far utilizzare i supporti finanziari e le garanzie ideate per incentivare lo scambio commerciale verso e tra i Paesi della regione (TFP trade facilitation program) 48

49 Come contattarci Luigi Dante Rappresentate esecutivo in Italia di EBRD Tel: /

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Gli Strumenti Finanziari a Supporto delle Imprese

Gli Strumenti Finanziari a Supporto delle Imprese Gli Strumenti Finanziari a Supporto delle Imprese La presente pubblicazione è stata elaborata nell ambito del progetto Facility for SMEs and Capacity Building (cod. 30), finanziato dall Unione Europea

Dettagli

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA IL RUOLO STRATEGICO DELLE AZIENDE COME ACCELERATORI DEL SISTEMA ECONOMICO E DELL OCCUPAZIONE: IL CASO " LA CREAZIONE DI VALORE CONDIVISO SI FOCALIZZA SULL

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

La carta dei servizi al cliente

La carta dei servizi al cliente La carta dei servizi al cliente novembre 2013 COS E LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi dell ICE Agenzia si ispira alle direttive nazionali ed europee in tema di qualità dei servizi e rappresenta

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Reti, Accordi e Cooperazioni interaziendali a.a. 2008-2009 INDICE

Reti, Accordi e Cooperazioni interaziendali a.a. 2008-2009 INDICE INDICE 1. Crescita aziendale e contesto esterno 2. Crescita aziendale e contesto interno 3. Crescita quantitativa e sviluppo qualitativo 4. Le dimensioni rilevanti dello sviluppo qualitativo 5. Le modalità

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Il Cloud Computing Lo strumento per un disaster recovery flessibile Giorgio Girelli Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Agenda Il Gruppo Aruba Disaster Recovery: costo od opportunità? L esperienza Aruba

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E. L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.) Milano, 25 marzo 2004 p. 1 L import-export dei diritti d autore

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda COMUNICATO STAMPA Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda Al convegno L Italian Style nei paesi emergenti: mito o realtà? - Russia, India e Cina - presentata la quarta

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Cos è la Banca europea per gli investimenti?

Cos è la Banca europea per gli investimenti? Cos è la Banca europea per gli investimenti? La BEI è la banca dell Unione europea. Come principale mutuatario e finanziatore multilaterale, eroghiamo finanziamenti e consulenze tecniche per progetti d

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Una Crescita Possibile

Una Crescita Possibile Accordo 2014/2015 Intesa Sanpaolo e Confindustria Piccola Industria Una Crescita Possibile INTESA SANPAOLO S.p.A. in seguito denominata Intesa Sanpaolo o "Banca" con sede in Torino, Piazza San Carlo 156,

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale?

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? HELPDESK PER LE AZIENDE AZIENDE OSPITANTI 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? E un tipo di formazione sul lavoro che si realizza in aziende di un Paese diverso da quello nel quale il giovane

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

La Banca europea per gli investimenti in sintesi

La Banca europea per gli investimenti in sintesi La Banca europea per gli investimenti in sintesi Come banca dell Unione europea (UE), forniamo finanziamenti e consulenza per progetti d investimento validi e sostenibili situati in Europa e nei Paesi

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE Procedure per il controllo e la gestione delle irregolarità Lunedì 17 giugno 2013 Unioncamere Sala Convegni De Longhi Horti Sallustiani, Piazza

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7 Rapporto annuale n. 7 Direzione Studi e Ricerche Dicembre 214 Dicembre 214 Executive Summary 3 Introduzione 5 1. I bilanci dei distretti industriali italiani nel quinquennio 28-13 19 2. Internazionalizzazione,

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd Workshop Career Management: essere protagonisti della propria storia professionale Torino, 27 febbraio 2013 L evoluzione del mercato del lavoro L evoluzione del ruolo del CFO e le competenze del futuro

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli