Diritti reali - diritti obbligatori

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Diritti reali - diritti obbligatori"

Transcript

1 N O E S Percorso D I diritti reali Approfondimenti Diritti reali - diritti obbligatori I diritti reali, per le loro caratteristiche, differiscono sostanzialmente dai diritti di credito (o di obbligazione o obbligatori) in quanto: il diritto reale è caratterizzato dalla immediatezza, giacché consente al titolare l immediata realizzazione dell interesse attraverso la cosa; per soddisfare il diritto di credito occorre, invece, la cooperazione del debitore. Tale distinzione si riverbera sul piano della tutela: il diritto reale può essere fatto valere contro chiunque (c.d. actio in rem), il diritto di credito invece soltanto nei confronti del soggetto obbligato (c.d. actio in personam); altra differenza è data dalla normale perpetuità dei diritti reali (con la sola eccezione di usufrutto, uso ed abitazione) in contrapposizione alla temporaneità dei diritti di credito. La dicotomia diritti reali - diritti obbligatori appare oggi meno netta che in passato, perché: alcuni caratteri peculiari dei diritti reali non si riscontrano in tutti i «diritti reali», ad esempio l immediatezza del potere del titolare sulla cosa non si riscontra nella ipoteca, che pure rientra tra i diritti reali di garanzia, poiché il creditore ipotecario non può soddisfare il suo interesse immediatamente sulla cosa, ma può farlo solo mediante l instaurazione di un processo di espropriazione: (art. 2808) che si conclude con la vendita del bene e con il soddisfacimento del creditore sul prezzo ottenuto; alcuni caratteri peculiari dei diritti reali si riscontrano anche in situazioni che si collocano al di fuori dei diritti reali: nella locazione, ad esempio, in base alla regola, propria del diritto romano, «emptio non tollit locatum» (la vendita non tocca la locazione) ed in applicazione della legislazione vigente, il diritto del conduttore a permanere nel godimento dell immobile fino alla scadenza del contratto prevale di fronte a qualunque proprietario che sia divenuto successivamente acquirente dello stesso; alcuni caratteri peculiari dei diritti di credito si riscontrano anche in situazioni di diritti reali (serie di diritti ed obblighi che fanno capo a due soggetti determinati, es: tra proprietario ed enfiteuta). L evoluzione storica della proprietà La concezione romana arcaica della proprietà risentiva della struttura fortemente centralizzata della famiglia, che costituiva un nucleo chiuso e intangibile a qualsiasi interferenza esterna, rigidamente sottoposto all autorità del pater familias. Questi era l esclusivo ed assoluto titolare del dominium sulle cose e sui servi, della patria potestas sui figli, della manus maritalis sulla moglie. Il diritto di proprietà, dunque, era assoluto, illimitato ed intangibile anche da parte dello stesso Stato. Tale concezione si andò affievolendo con l evolversi della repubblica e dell impero, fino alla nascita e all affermarsi dei primi vincoli pubblicistici (imposte, canoni etc.) e privatistici (enfiteusi) alla proprietà. La concezione germanica e longobarda, per quanto riguarda i beni immobili, fu invece agli antipodi. Originariamente, infatti, la proprietà immobiliare spettava all aggregato politico al quale i singoli apparte-

2 nevano. Esisteva, dunque, un tipo di proprietà collettiva cui si andò affiancando, dopo l impatto con il sistema romano, anche una proprietà di tipo privato sottoposta, però, a vincoli e limiti pubblicistici. Il codice Napoleonico (1804) riconobbe il diritto di proprietà, quale simbolo della libertà e sovranità individuale, come il più esteso, pieno e assoluto dei diritti, limitabile solo per motivi di convivenza civile. Con l affermarsi del liberalismo questa concezione si andò rafforzando e la proprietà, nata come liberazione dell individuo dal privilegio feudale, assunse sempre più il carattere della esclusività e della illimitatezza. Questi caratteri furono confermati dal nostro codice civile nel 1865 che, agli artt. 436 e 440, definì il diritto di «proprietà» come il «diritto di godere e disporre delle cose nella maniera più assoluta, purché non se ne faccia un uso vietato dalle leggi e dai regolamenti», stabilendo che «la proprietà si estende allo spazio sovrastante e a tutto ciò che si trova sopra o sotto la superficie». La illimitatezza del diritto di proprietà, in particolare, incontrava un solo limite negativo nelle leggi e nei regolamenti. La illimitatezza del diritto di proprietà è stata in qualche modo ridimensionata prima dall art. 832 del codice del 1942 (l attuale codice civile) e poi dall art. 42 della Costituzione. La proprietà agricola Anche la proprietà della terra è considerata, nella Costituzione e nelle leggi ordinarie, come un problema che coinvolge interessi pubblici fondamentali: lo «sfruttamento razionale del suolo» e gli «equi rapporti sociali» sono, secondo l art. 44, 1 comma, Cost., gli obiettivi finali, cui la legge deve tendere anche fissando limiti e vincoli e imponendo obblighi ai proprietari, limitando l estensione della proprietà, promuovendo o imponendo la bonifica delle terre, la trasformazione del latifondo etc. Il codice civile prevede, in tre sezioni (artt ) alcuni interventi di questo tipo: fissa la «minima unità colturale», cioè un area minima da non dividere nemmeno in caso di successione ereditaria (artt. 846 ss.); prevede l obbligo di esecuzione di opere per i proprietari di terreni dichiarati soggetti a bonifica (artt. 857 ss.), o sottoposti a vincoli per scopi idrogeologici (artt. 866 e ss.); in particolare, sia per scopi di bonifica che di difesa fluviale, i proprietari possono essere riuniti obbligatoriamente in consorzi, che sono persone giuridiche pubbliche, il cui scopo è provvedere all esecuzione, alla manutenzione e all esercizio delle opere necessarie (artt. 857, 868). Ma nel dopoguerra, alcuni interventi legislativi hanno parzialmente attuato il programma costituzionale: così le leggi di riforma agraria del 1950, che hanno espropriato i latifondi per distribuire la terra fra i coltivatori; le «disposizioni per lo sviluppo della proprietà coltivatrice» contenute nella L , n. 590, che ha introdotto forme di credito agevolato ai coltivatori per l acquisto di fondi rustici, e ha istituito il diritto di prelazione a favore dei coltivatori per il caso di alienazione del fondo; di recente, la legislazione sulle terre incolte, che ne ha previsto l assegnazione in affitto forzoso a chi ne faccia richiesta (L , n. 440): ma già l art. 838 c.c., come si è detto, prevedeva in casi simili l espropriazione. La disciplina della proprietà agricola, però, è influenzata soprattutto dalla disciplina dei contratti agrari, cioè dei contratti tra il proprietario e l imprenditore, grande o piccolo, che lavora la terra. Il diritto di sopraelevazione La sopraelevazione consiste nella costruzione di uno o più piani ovvero di nuove fabbriche sull ultimo piano dell edificio. Tale diritto è disciplinato dall art c.c. che è una regola speciale dettata per il proprietario dell ultimo piano dell edificio, al quale, salvo che diversamente risulti dal titolo (ossia dall atto costitutivo della proprietà), è attribuita la facoltà di sopraelevare previa corresponsione di un indennità agli altri condomini, e fermo restando l obbligo di ricostruire il lastrico solare di cui tutti o parte dei condomini avevano il diritto di usare soltanto quando le condizioni statiche dell edificio consentano la sopraelevazione e purché questa non pregiudichi l aspetto architettonico dell edificio né provochi una diminuzione notevole dell aria o della luce dei piani sottostanti. Si può affermare, più precisamente, che titolare del diritto di sopraelevazione è chi ha nell edificio la proprietà della porzione sita alla massima quota altimetrica e, qualora all ultimo piano vi siano più appartamenti, ciascun proprietario può sopraelevare soltanto nell area sovrastante la superficie del proprio appartamento. 2 percorso D I diritti reali

3 Molto discussa è la natura di tale diritto. Alcuni autori hanno ritenuto che il proprietario dell ultimo piano sarebbe nel contempo titolare di due diritti e cioè del diritto di proprietà dell ultimo piano e del diritto di sopraelevazione che assumerebbe la connotazione giuridica del diritto di superficie. Altri, invece, ritengono che il diritto di sopraelevazione sia una emanazione del diritto di proprietà e, precisamente, rientri nelle facoltà del proprietario dell ultimo piano il quale, per la posizione in cui si trova, è preferito agli altri condomini. Tuttavia sembra inquadrare esattamente l istituto la giurisprudenza allorquando distingue a seconda che il diritto di sopraelevazione resti nella titolarità del proprietario dell ultimo piano (o del lastrico solare), ovvero sia da quest ultimo trasferito a terzi. Nel primo caso esso rientrerebbe in una delle facoltà del proprietario; nel secondo caso si configurerebbe come un vero e proprio diritto di superficie. Si è detto che titolare del diritto di sopraelevare è il proprietario dell ultimo piano, ma la circostanza che costui debba un indennizzo agli altri condomini, commisurato al valore attuale dell area da occupare, induce la dottrina a ritenere che, nel caso in cui detto proprietario rinunci al diritto di sopraelevare, tale diritto spetti agli altri condomini. Occorre, però, a tal fine, una rinuncia espressa da parte del proprietario, non ritenendosi sufficiente la semplice astensione dell esercizio del diritto. Data l autonomia del diritto di sopraelevazione il relativo titolare non abbisogna, per poterlo esercitare, del consenso degli altri condomini, i quali possono soltanto opporsi nel caso in cui la sopraelevazione venga effettuata nel mancato rispetto dei limiti previsti dalla legge. In realtà l ordinamento pone soltanto un limite obiettivo all esercizio del diritto in questione, che deriva dalla compatibilità o meno della nuova costruzione con le condizioni statiche dell edificio. Alcuni autori ritengono che tale limite sia di ordine pubblico, sì che esso, in caso di inerzia degli altri condomini, potrebbe venire opposto dall autorità amministrativa. Tale tesi trova il conforto della giurisprudenza della Suprema Corte che ha ritenuto che l accertamento delle condizioni statiche dell edificio non costituisce un limite all esercizio del diritto, ma un presupposto della sua esistenza. Gli altri limiti cui la legge subordina l esercizio del diritto di sopraelevare, sono, invece, rimessi alla discrezionale facoltà dei condomini dell edificio, i quali, appunto, «possono opporsi alla sopraelevazione, se questa pregiudica l aspetto architettonico dell edificio, ovvero diminuisca notevolmente l aria o la luce dei piani sottostanti» (art. 1127, 3 comma, c.c.). Il diritto alla sopraelevazione, avendo natura reale, si trasferisce automaticamente con il trasferimento dell ultimo piano o della proprietà esclusiva del lastrico solare. Il proprietario dell ultimo piano può anche alienare a terzi il solo diritto alla sopraelevazione, conservando per sé la proprietà del piano, come pure può alienare la proprietà di quest ultimo riservandosi il diritto di sopraelevare. Obbligato al pagamento dell indennità, in questo caso, è colui che costruisce. La dottrina ravvisa la ratio dell obbligo di indennizzo gravante sul costruttore piuttosto che nella esigenza di compensare gli altri condomini per i danni o le molestie che potranno derivare ai beni di loro proprietà esclusiva dalla nuova costruzione, nella necessità di far luogo ad una nuova ripartizione, tra i condomini, del valore dell area su cui l edificio sorge. Da ciò il complesso calcolo di essa, previsto dall art c.c., che deve tener conto del valore attuale dell area che verrà occupata con la nuova costruzione, determinazione oggetto di una complessa operazione aritmetica (art. 1127, 4 comma, c.c.). Usufrutto improprio o quasi usufrutto Il titolare dell usufrutto ha l obbligo di rispettare la destinazione economica della cosa e, alla fine dell usufrutto, di restituire la cosa stessa al proprietario. Da ciò consegue che oggetto di usufrutto possono essere soltanto i beni inconsumabili. La legge ammette, tuttavia, che l usufrutto possa avere ad oggetto anche beni consumabili, facendone derivare effetti notevolmente diversi; in questo caso, infatti, l usufruttuario acquista la proprietà dei beni e, di conseguenza, non è più tenuto a rispettarne la destinazione economica, salvo l obbligo di pagarne il valore, secondo la stima convenuta, al termine dell usufrutto (art. 995). L usufrutto su cose consumabili è pertanto una forma impropria di usufrutto, che viene denominata «quasi usufrutto». percorso D I diritti reali 3

4 Da non confondere col quasi-usufrutto è l usufrutto avente ad oggetto beni deteriorabili. Beni deteriorabili sono quelli che, pur se con l uso continuato subiscono una diminuzione nel loro valore economico, possono essere usati più volte e, perciò, sono inconsumabili (es.: l uso di un abito comporta necessariamente il suo logorio e deterioramento, ma non certo la sua distruzione). L usufruttuario di cose deteriorabili ha diritto di servirsene secondo l uso al quale sono destinate ed alla fine è soltanto tenuto a restituirle nello stato in cui si trovano. La multiproprietà La multiproprietà consiste nella comproprietà da parte di più soggetti di uno stesso bene immobile di cui però possono godere solo per un determinato periodo dell anno. Il diritto di ciascun soggetto sull immobile è individuale e non collettivo ma limitato ad un certo periodo dell anno. La natura di tale diritto è oggetto di discussione. Si esclude ovviamente che si tratti di un diritto reale su cosa altrui ma allo stesso tempo si ha difficoltà anche a configurarlo come un vero diritto di proprietà per i limiti e i vincoli a cui è sottoposto il diritto di proprietà. Il multiproprietario, infatti, non può godere a proprio piacimento dell immobile. Risponde di ogni deteriramento che ecceda l uso normale della cosa e deve destinare l immobile all esclusivo uso fissato nel contratto. Per quanto riguarda il potere di disporre del suo diritto, può farlo con i limiti sostanziali e temporali che lo caratterizzano. Numerose sono state le teorie esposte dalla dottrina per individuare l esatta natura giuridica del fenomeno anche per le difficoltà poste dal principio che sancisce il numero chiuso dei diritti reali impedendo quindi ai privati di crearne di nuovi. Una parte della dottrina e anche la giurisprudenza ha inquadrato la multiproprietà nella comunione, ritenendo che si tratti di una comunione particolare anche perché l alienante di solito predispone un regolamento della comunione con cui disciplina il regolamento turnario tra i multiproprietari. Tuttavia il fenomeno della multiproprietà sembra contrastare con la nozione e la disciplina della comunione, dal momento che è immodificabile la destinazione del bene, è inammissibile la divisione e l uso turnario è un aspetto essenziale e necessario dell istituto. Anche la tesi della proprietà temporanea è stata criticata poiché si è evidenziato che le ipotesi di proprietà temporanea si caratterizzano per la presenza di un termine iniziale e di un termine finale. La multiproprietà invece si atteggia quale diritto perpetuo anche se ciclico e turnario, di qui la non assimilabilità con le ipotesi di proprietà temporanea. Altra dottrina ritiene che la multiproprietà è una proprietà avente ad oggetto una frazione spazio-temporale del bene. «Più coerente ricostruzione del fenomeno è quella che fa capo all idea di una proprietà individuale su un bene, identificato non solo nello spazio ma anche nel tempo e definito come bene spaziotemporale. Da questo punto di vista l invenzione della multiproprietà non ha dato vita ad un nuovo diritto reale sulle cose (ciò che è reso inammissibile dal ben noto numero chiuso dei diritti reali) ma ad una cosa nuova (ciò che è pienamente ammissibile), oggetto pur sempre del comune diritto di proprietà. Essendo pur sempre l interesse degli uomini la misura di ciò che è bene e di ciò non lo è, nulla vieta di concepire un bene che non ha solo confini nello spazio ma anche, se ciò ne fa un entità idonea a realizzare interessi, limiti nel tempo» (GALGANO). Altra dottrina ritiene preferibile configurare la multiproprietà come proprietà immobiliare speciale «con un particolare statuto che tenga conto della natura del bene, del collegamento tra spazio e tempo, e del problema fondamentale dei servizi. Tale statuto è pattizio, ossia risiede nel regolamento convenzionale che le parti hanno l autonomia di dare al contenuto del diritto reale» (COMPORTI). Con il D.Lgs , n. 206 (Codice del consumo), poi modificato dal D.Lgs. 79/2011 (Codice del turismo), si è provveduto a disciplinare il contratto di multiproprietà, ossia il «contratto di durata superiore a un anno tramite il quale un consumatore acquisisce a titolo oneroso il diritto di godimento su uno o più alloggi per il pernottamento per più di un periodo di occupazione». 4 percorso D I diritti reali

5 La proprietà nell ordinamento inglese Property e Law of property La disciplina della proprietà nei sistemi anglosassoni, ed in particolare nel diritto inglese, è da sempre al centro dell attenzione degli studiosi di diritto comparato, per l estrema complessità e possibilità di obsolescenza della disciplina della common law in materia (MOCCIA) e, soprattutto, per la notevole diversità, concettuale e di disciplina, della proprety inglese rispetto alla proprietà come intesa nei sistemi di civil law (in particolare la proprietè francese e la eigentum germanica). Sin dalla conquista dell Inghilterra da parte dei Normanni, il connotato tipico della proprietà di tradizione romanistica, l esclusività, fu ridimensionato a causa del moltiplicarsi di singoli rapporti di utilizzazione della medesima res da parte di più soggetti (es.: servitù pubbliche), con il conseguente attenuarsi della distinzione tra dominium e iura in re. La continuità della tradizione giuridica inglese ha mantenuto il concetto di proprietà (specie immobiliare) fedele al suo carattere antico. Nel modello romanistico, la proprietà è un diritto assoluto ed esclusivo di un soggetto su una determinata cosa mobile o immobile, classificato nell ambito della più ampia categoria cd. diritti reali. Nel modello inglese, invece, il temine property assume una doppia connotazione patrimonialistica: in senso soggettivo, con riguardo ad una serie di diritti reali concernenti l utilità di una cosa; in senso oggettivo, considerando tutti i beni (materiali, immateriali, diritti personali) che possono formarne oggetto e che, insieme, costituiscono il patrimonio di un determinato soggetto. Con la conseguenza che la property inglese può riferirsi tanto al dominio esclusivo quanto ad una serie di diritti meno intensi che fanno capo al titolare nei confronti del bene. Inoltre, mentre nel diritto continentale la principale distinzione relativa alla proprietà riguarda il piano sostanziale (beni mobili ed immobili), nel diritto anglosassone si distingue, sul piano processuale, tra: real property, ovvero le situazioni di carattere possessorio aventi ad origine il libero godimento (freehold) del bene immobile in virtù delle antiche concessioni feudali (tenures), tutelate attraverso le cd. real actions, dirette ad ottenere la reintegrazione nel possesso ed il recupero effettivo del bene; personal property, che rappresenta una categoria residuale avente ad oggetto una ampia gamma di beni mobili o diritti (cd. goods), tutelata attraverso le cd. personal actions, che non assicurano sempre il recupero specifico del bene ma solo la possibilità di ottenere il pagamento del controvalore a titolo di risarcimento (detinue o trover) o la restituzione in forma specifica. Nell ambito delle due categorie, si distinguono le cose corporali da quelle incorporali, tra le quali rientrano i crediti (debts, rents), suscettibili di tutela mediante azione diretta ad ottenere la condanna al pagamento di una somma di danaro. Inoltre nell ambito delle res incorporales rientra la cd. new property, comprendente, ad esempio, i diritti all assistenza sociale derivanti da provvedimenti delle pubbliche amministrazioni. Oggi tale distinzione è notevolmente attenuata, mentre ha acquisito maggiore rilevanza la distinzione tra beni mobili ed immobili. Mentre nei modelli di derivazione romanistica è marcata la distinzione tra diritti reali (tra i quali il dominium del proprietario) ed obbligazioni, nel diritto anglosassone il concetto stesso di dominio non rimanda ad una appartenenza piena ed esclusiva della res bensì al complesso di tutti i diritti che fanno capo alla stessa, concernenti non solo il godimento ma anche posizioni sociali, giurisdizionali, privilegi, titoli o uffici. Nel diritto feudale, la real property era articolata in due classi di beni e diritti: beni corporali (cd. corporeal) nei quali rientravano tutti i maggiori diritti sulla terra (estates in the land), che implicavano un godimento effettivo del fondo; la materialità o corporeità costituiva una estensione della fisicità del bene sul quale cadevano e veniva certificata da un solenne atto di costituzione (cd. seisin o livery of seisin), consistente in una cerimonia di infeudazione con consegna materiale del possesso del bene; beni incorporali (cd. incorporeal), ovvero diritti rientranti nei rapporti di concessione feudale ma insuscettibili di consegna reale, che traevano origine in un atto unilaterale di concessione (cd. grant) effet- percorso D I diritti reali 5

6 tuato anch esso in forma solenne (deed) ma senza la consegna materiale del bene. Tra gli incorporeal rientravano, tra l altro, diritti di patronato, franchigie, decime, servitù prediali (easements), diritti di trarre i frutti (profits a prendre) etc. Ownership e possession Anche il concetto anglosassone di ownership, letteralmente possesso in nome proprio, titolarità (MOCCIA), appare poco compatibile con gli istituti continentali, anche perchè l istituto assume significati e valenze tra loro ben distinti negli ordinamenti di derivazione romanistica; owner è infatti il proprietario di un bene, ma anche il titolare di uno o più interessi di tipo proprietario aventi rilevanza patrimoniale (cd. estate owner). La ownership degli ordinamenti anglosassoni non corrisponde assolutamente, né sul piano concettuale né su quello sistematico, alla proprietà dei sistemi di civil law, ma assume valore descrittivo di una mera titolarità di diritti, di qualsiasi tipo, su beni mobili o immobili. Le ragioni di tale distinzione di fondo sono ancora una volta di ordine storico. All epoca della conquista dei Normanni, in Inghilterra la terra era tutta di proprietà della corona (terra regis), sicché ogni privato proprietario terriero, chiamato appunto land owner, altro non era che un mero possessore di un bene altrui (del sovrano), ed il relativo diritto non poteva che essere esercitato sotto le dipendenze del sovrano stesso, al quale andavano resi oneri e servigi. In epoca medioevale, partendo dal presupposto della pienezza dei poteri riguardo al fondo, molti autori (GLANVILL, BRANCTON) omologarono la posizione del land owner a quella del dominus rei di stampo romanistico. Tale avvicinamento, tuttavia, nasceva da una confusione tra la sfera privata (proprietà dei territori) e quella pubblica (governo dei territori). Nel 1660 (Tenures abolition Act), gli obblighi tipicamente feudali di prestare oneri e servigi al sovrano vennero convertiti nel cd. free and common socage (ovvero nell unica obbligazione di pagare una rendita), il che sancì la decadenza dell antico sistema feudale e l affermarsi di una sistema borghese fondato sulle libertà economiche e civili, con un conseguente rafforzamento del concetto di «signoria generale» in capo al proprietario. Il principio feudale del dominio eminente della corona, tuttavia, rimase sempre concettualmente in vigore, sicché la property immobiliare rimase ben distinta dalla proprietà assoluta (absolute ownership). La ownership anglosassone, ben distinta dalla proprietà dei sistemi continentali, presenta invece una strettissima connessione con la possession di stampo romanistico. Mentre nei sistemi di civil law proprietà e possesso rappresentano concetti ben distinti sia sul piano sostanziale sia processualmente (in quanto diversamente tutelate da azioni petitorie e possessorie), nel modello inglese si instaura tra le due figure un rapporto di implicazione reciproca, ben rappresentato dalla formula possessory ownership (possesso come presunzione di proprietà). Non vi è, comunque, assoluta identità tra ownership e possession: la prima, infatti, costituisce pur sempre una situazione di diritto, mentre il rapporto possessorio resta relegato tra quelli di fatto. Dal che deriva, processualemnte, che solo la absolute ownership è oggetto di apposita tutela mediante declaratory judgement (giudizio di accertamento). Nel sistema immobiliare della real property, alla posizione di «proprietario» (landowner) compete il diritto di ownership che, come detto, non costituisce una proprietà assoluta ma solo un diritto al possesso del bene (right to possess). Si parla, perciò, di titolarità al possesso (title to land) e non direttamente di titolarità del bene (ownership to land). Il possesso conferisce pertanto un titolo valido erga omnes (ad eccezione di chi può vantare un diritto superiore al possesso). Tale concezione possessoria del tilte to land ha origine da un atto formale di attribuzione e riconoscimento, la cd. seisin. Gli Estates Accanto alla seisin-possession, l altra componente fondamentale del modello inglese di real property è rappresentata dall estate, ovvero lo status giuridico di cui taluno è investito in relazione ad un determinato bene. L idea si «estate» presuppone un altra delle fondamentali caratteristiche del modello inglese di proprietà, ovvero la frazionabilità (cd. fragmentation of ownership) dei diritti connessi alla proprietà. 6 percorso D I diritti reali

7 L origine dalla doctrine of estates risale all epoca medioevale, nella quale si sostituiva alla materialità dell oggetto l effettivo godimento delle utilità relative allo stesso: nacque così una moltiplicazione di rapporti di appartenenza relativi (e non assoluti) facenti capo a soggetti diversi in relazione al medesimo bene. La dominazione normanna, con l affermarsi della monarchia e dell idea del sovrano come unico proprietario assoluto del suolo, favorirono il proliferare dei rapporti relativi, nascenti da una formale concessione ed aventi ad oggetto possesso e godimento dei fondi. Mentre nel resto dell Europa il modello feudale veniva progressivamente abbandonato, tuttavia, in Inghilterra si verificò l omologazione, e la successiva evoluzione, di un modello di tipo feudale derivato dal rifiuto dell idea romanistica di proprietà: anziché concentrarsi su chi fosse il proprietario del bene in senso fisico, l attenzione si concentrò sulla utilizzazione effettiva della cosa e sui diritti relativi. Da qui nacque la caratteristica flessibilità dei property rights, e, in luogo di quella del proprietario, si affermarono altre figure di titolari di posizioni tutt altro che assolute dalle quali derivavano diritti assolutamente analoghi a quelli del proprietario (come inteso nei sistemi di civil law); tra queste, vanno ricordate: il tenant in fee, ovvero colui che possedeva (tenant) il fondo per sé e per i suoi eredi in forza di una concessione di godimento ad infinitum e che poteva definirsi owner of the land in quanto, avendone il possesso, poteva usarlo, finanche abusarne e comunque escludere ingerenze altrui; il tenant for life, ovvero colui che aveva diritto di possedere il fondo fino al termine della sua vita in virtù di una concessione del proprietario o del tenant in fee; al termine della vita del tenant, il possesso del fondo tornava al concedente (istituto paragonabile all usufrutto). La ownership inglese era pertanto strettamente connessa ad una concezione temporalmente limitata dei diritti reali ed all effettività del godimento del bene, mentre era del tutto svincolata dalla corporeità del bene. Le situazioni soggettive di godimento della terra (estates o, in latino, status) qualificavano appunto lo status giuridico di cui taluno era investito e non erano diversificate dal punto di vista qualitativo, ma solo in relazione all aspetto quantitativo della durata. Essendo così ripartito tra più soggetti il godimento di un fondo, risultava impossibile assimilare tali posizioni al concetto di proprietà assoluta del diritto romano ed affermare che ogni appezzamento dovesse avere un unico proprietario: dal che l affermazione che ognuno dei titolari di un estate era proprietario di un proprio interesse (CROSSLEY VANES), ovvero titolare di un proprio status rispetto al bene stesso che lo legittimava, per un periodo più o meno lungo, all esercizio dei relativi poteri di godimento. La doctrine of estates, sulla quale si fonda gran parte dell istituto della real property inglese, muovendo dalle esigenze, tipicamente feudali, di godimento della terra, tendeva quindi a pianificare la distribuzione del possesso e del godimento dei fondi sullo schema delle vigenti gerarchie sociali. Preliminarmente, è opportuno distinguere (GRAY, MOCCIA) la terra intesa come oggetto fisico (land) dai diritti sulla stessa, oggetto di property e, pertanto, qualificabili come estates. Distinzioni derivanti Molteplici sono le distinzioni tra i vari estates proposte dalla dottrina, tutte imperniate sulla qualità e sulla durata del diritto del titolare: Innanzitutto vanno distinti gli estates riconosciuti in law (cd. legal estates) da quelli disciplinati dall equity (cd. equitables estates). Tale distinzione, a seguito della fusione in un unico apparato giuridico delle corti di common law ed equity operata dai Judicature Acts del , assume oggi rilevanza solo in relazione ai mezzi di tutela: difatti solo i legal remedies (come ad es. la liquidazione di danni) conseguono di diritto (automaticamente: MOCCIA) all accertamento giudiziale dei fatti, mentre gli equitable remedies (come l esecuzione in forma specifica) sono concessi discrezionalmente all esito di una valutazione di opportunità operata dal giudice. Tra i legal estates, in origine riconosciuti e tutelati dalle corti di Westminster ed a numero chiuso, possono annoverarsi: estates in fee simple, caratterizzati da una durata potenzialmente indefinita in quanto ereditabili da tutta la discendenza; degli stessi il titolare poteva disporre anche per testamento; nella disciplina attua- percorso D I diritti reali 7

8 le, è indivisibile e non può essere frazionato dal titolare in una molteplicità di diritti dello stesso genere (anche se, in equity, ammette una divisione sotto forma di trust); estates in fee simple conditional (o fee tail), ugualmente ereditario, ma limitato nella durata dalla predeterminazione della classe di eredi idonei alla successione (ad esempio, solo la linea maschile o quella femminile); estates for life, di durata limitata alla durata della vita del titolare; term of years, ovvero il diritto di possesso esclusivo di un fondo per un periodo di tempo determinato. Al di fuori dei diritti relativi al libero possesso del fondo in precedenza elencati (cd. estates of freehold), troviamo altre situazioni comunque caratterizzate da un diritto di possedere un fondo: tenancy at will («a volontà»), che ciascuna della parti poteva liberamente far cessare in qualsiasi momento; tenancy at sufferance («per tolleranza»), caratterizzato da un primo periodo di concessione al termine del quale il tenant poteva continuare a rimanere in possesso del fondo sino a quando il concedente non avesse manifestato esplicito dissenso; leasehold (tramite il quale si costituiva comunque un term of years), ovvero l affitto delle terre per un tempo già inizialmente determinato. Altra rilevante distinzione tra gli estates è tra: presenti (etsates in possession), caratterizzati dal godimento immediato del bene; futuri (estates in expectancy), nei quali il godimento è posticipato e solo eventuale. La notevole frazionabilità degli estates in capo ad una pluralità di titolari determinava pesanti riflessi sui trasferimenti immobiliari e sull attività negoziale, costringendo l acquirente a ricerche spesso estenuanti per ricostruire tutte le vicende traslative e costitutive intervenute tra tutti i possibili co-titolari del bene. Allo scopo di ridurre l elevata frammentazione dell uso e del godimento dei beni e, soprattutto, di garantire maggiore sicurezza nelle situazioni proprietarie e nella loro trasferibilità, la Law of property Act del 1925 ha distinto nettamente tra: legal estates (estates at law), indicati come i soli estates capaci di sussistere o di essere trasferiti o costituiti secondo lo stretto diritto: tra tali estates rientrano l estate in fee simple absolute ed il term of year absolute; legal interest (o charges), ovvero interessi o oneri relativi a beni immobili che, pur non assimilabili a veri e propri diritti, sono comunque idonei ad essere trasferiti secondo diritto (at law). Tra questi vi sono i diritti su fondo altrui (servitù prediali, diritti di pascolo, di raccolta prodotti, di pesca), le rendite, gli oneri costituiti con garanzia reale, ed i cd. rights of entry che, in ipotesi di rapporti d affitto con annessa rendita fondiaria, attribuiscono al concedente il diritto di rientrare in possesso dell immobile in caso di inadempimento. A differenza dei legal estates, i legal interest non attribuiscono potere di uso e godimento diretto dell immobile e, pertanto, prescindono da un possesso diretto del bene da parte del titolare (cd. non possessory rights). 8 percorso D I diritti reali

Si tratta di diritti che consentono varie forme di utilizzazione della res: Superficie Enfiteusi Usufrutto Uso Abitazione Servitù prediali.

Si tratta di diritti che consentono varie forme di utilizzazione della res: Superficie Enfiteusi Usufrutto Uso Abitazione Servitù prediali. DIRITTI REALI DI GODIMENTO SU COSA ALTRUI Funzione: attribuiscono ad un soggetto diverso dal proprietario della res alcune delle facoltà e/o dei poteri che tipicamente spettano al proprietario. Si tratta

Dettagli

Indice. Comparazione giuridica e unificazione del diritto di Michael Joachim Bonell 3

Indice. Comparazione giuridica e unificazione del diritto di Michael Joachim Bonell 3 Indice Comparazione giuridica e unificazione del diritto di Michael Joachim Bonell 3 Introduzione, p. 3 1. Cenni storici sul movimento di unificazione internazionale del diritto, p. 4 2. Le diverse forme

Dettagli

6. I soggetti del procedimento di convalida.

6. I soggetti del procedimento di convalida. AMBITO OGGETTIVO E SOGGETTIVO DEL PROCEDIMENTO DI CONVALIDA 229 6. I soggetti del procedimento di convalida. I soggetti del procedimento di convalida sono, ovviamente, le parti del rapporto sostanziale

Dettagli

A P P R O F O N D I M E N T O

A P P R O F O N D I M E N T O A P P R O F O N D I M E N T O IL CONTRATTO DI COMODATO NOZIONE Il legislatore definisce il comodato come il contratto con cui una parte (c.d. comodante) consegna all altra (c.d. comodatario) una cosa mobile

Dettagli

GLI IMMOBILI PARROCCHIALI CONCESSI

GLI IMMOBILI PARROCCHIALI CONCESSI GLI IMMOBILI PARROCCHIALI CONCESSI IN USO A TERZI I Venerdì dell Avvocatura 10-11 aprile 2014 Curia Arcivescovile Piazza Fontana, 2 - Milano Elisabetta Mapelli IMMOBILI: USO DIRETTO E CESSIONE A TERZI

Dettagli

Nuovi percorsi di diritto ed economia 1

Nuovi percorsi di diritto ed economia 1 O E S S332 Collana giuridico-economica per la scuola riformata diretta da Federico del Giudice A cura delle Redazioni Simone per la Scuola Nuovi percorsi di diritto ed economia 1 Per il secondo biennio

Dettagli

LEASING NOZIONE > TIPOLOGIE > Leasing operativo:

LEASING NOZIONE > TIPOLOGIE > Leasing operativo: LEASING - NOZIONE > è il contratto con il quale una parte (concedente) concede all altra (utilizzatore) il godimento di un bene mobile o immobile, per un tempo determinato, verso corrispettivo rateale

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

Tutti gli atti mediante i quali la proprietà o un altro diritto reale viene trasferito (o costituito) da un

Tutti gli atti mediante i quali la proprietà o un altro diritto reale viene trasferito (o costituito) da un Tutti gli atti mediante i quali la proprietà o un altro diritto reale viene trasferito (o costituito) da un coniuge a favore dell altro o a favore dei figli, allo scopo di regolamentare i rapporti patrimoniali

Dettagli

4. L azienda e la concorrenza tra le imprese

4. L azienda e la concorrenza tra le imprese 4. L azienda e la concorrenza tra le imprese Di cosa parleremo L azienda rappresenta il complesso dei beni organizzati dall imprenditore per l esercizio dell impresa. Di essa, pertanto, fanno parte sia

Dettagli

RISOLUZIONE N. 26/E. Roma, 6 marzo 2015

RISOLUZIONE N. 26/E. Roma, 6 marzo 2015 RISOLUZIONE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica applicabilità delle agevolazioni in materia di piccola proprietà contadina alle pertinenze dei terreni

Dettagli

Indice PARTE PRIMA LA TRASCRIZIONE. Capitolo I Cenni generali sulla pubblicità. 1.1. Nozione e concetti generali... 3 1.2. Tipi di pubblicità...

Indice PARTE PRIMA LA TRASCRIZIONE. Capitolo I Cenni generali sulla pubblicità. 1.1. Nozione e concetti generali... 3 1.2. Tipi di pubblicità... PARTE PRIMA LA TRASCRIZIONE Cenni generali sulla pubblicità 1.1. Nozione e concetti generali... 3 1.2. Tipi di pubblicità... 4 I Principi generali e natura della trascrizione 2.1. Nozione e cenni storici....

Dettagli

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE DPR 131/86 1 Prassi C.M. 11.7.91 n. 37; Circ. Agenzia delle Entrate 22.1.2008 n. 3 Giurisprudenza Cass. 5.2.90 n. 1963

Dettagli

DISCIPLINA DELL AZIENDA

DISCIPLINA DELL AZIENDA Prefazione alla seconda edizione....................... VII Prefazione alla prima edizione........................ IX Avvertenze................................ XIII PARTE PRIMA DISCIPLINA DELL AZIENDA

Dettagli

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO Prot. 795 Salerno, lì 9 Luglio 2014 A tutti gli iscritti all Albo e nell Elenco Speciale LORO SEDI OGGETTO: Circolare n 122/2014. Libera professione. Diritto Civile La Comunione legale dei beni Comunione

Dettagli

AGEVOLAZIONI PRIMA CASA: analisi dei profili fiscali di una fattispecie particolare di trasferimento immobiliare tra privati

AGEVOLAZIONI PRIMA CASA: analisi dei profili fiscali di una fattispecie particolare di trasferimento immobiliare tra privati AGEVOLAZIONI PRIMA CASA: analisi dei profili fiscali di una fattispecie particolare di trasferimento immobiliare tra privati di Alessandra Loiacono Il governo italiano ha da tempo introdotto una serie

Dettagli

Possesso e usucapione dell azienda

Possesso e usucapione dell azienda 14. Cassazione Civile, Sezioni Unite, 5 marzo 2014, n. 5087 Possesso e usucapione dell azienda Articoli dei quali si consiglia la lettura prima dell approfondimento giurisprudenziale: Artt. 816 cod. civ.

Dettagli

DIRITTO PRIVATO DIRITTO PRIVATO. Prof. Raffaele Tuccillo. Anno accademico 2014/2015 II semestre Pubblicità e diritti reali di garanzia

DIRITTO PRIVATO DIRITTO PRIVATO. Prof. Raffaele Tuccillo. Anno accademico 2014/2015 II semestre Pubblicità e diritti reali di garanzia DIRITTO PRIVATO DIRITTO PRIVATO Prof. Raffaele Tuccillo Anno accademico 2014/2015 II semestre Pubblicità e diritti reali di garanzia Pubblicità La PUBBLICITÀ è il sistema predisposto dal legislatore per

Dettagli

Circolare del Ministero delle Finanze (CIR) n. 221 /E del 30 novembre 2000

Circolare del Ministero delle Finanze (CIR) n. 221 /E del 30 novembre 2000 Circolare del Ministero delle Finanze (CIR) n. 221 /E del 30 novembre 2000 by www.finanzaefisco.it OGGETTO: Trattamento tributario degli atti di costituzione del fondo patrimoniale. L argomento oggetto

Dettagli

Atti di destinazione ex 2645ter cc

Atti di destinazione ex 2645ter cc Atti di destinazione ex 2645ter cc - Introdotto nel 2006 (L. 23.02.2006 n. 91); - Riguarda: Immobili e beni mobili registrati; - Durata: massimo 90 anni, ovvero quanto la vita della persona beneficiaria;

Dettagli

LA PRELAZIONE AGRARIA VADEMECUM PER EVITARE ERRORI

LA PRELAZIONE AGRARIA VADEMECUM PER EVITARE ERRORI Gianni Moscardini LA PRELAZIONE AGRARIA VADEMECUM PER EVITARE ERRORI NELLE FASI DI COMPRAVENDITA DEI TERRENI @ SERVIZI GRATUITI ON LINE Questo libro dispone dei seguenti servizi gratuiti disponibili on

Dettagli

QUESITO SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE

QUESITO SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE RISOLUZIONE N. 169/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 luglio 2009 OGGETTO: Consulenza giuridica - Trattamento IVA applicabile alla gestione del patrimonio immobiliare. Art. 4, primo comma,

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/2007

CIRCOLARE N. 13/2007 PROT. n. 90575 ENTE EMITTENTE: CIRCOLARE N. 13/2007 Direzione dell Agenzia OGGETTO: Cancellazione di ipoteche ex art. 13, commi da 8-sexies a 8- quaterdecies, del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito,

Dettagli

Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione. perché in presenza di un procedimento annullato in sede giudiziale o per l infruttuosa

Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione. perché in presenza di un procedimento annullato in sede giudiziale o per l infruttuosa Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione Premessa La disciplina del risarcimento del danno arrecato dalla Pubblica Amministrazione, qualora la stessa avesse occupato aree di proprietà

Dettagli

Terra nuda. Opere di miglioramento fondiario ESEMPI DI MIGLIORAMENTI FONDIARI

Terra nuda. Opere di miglioramento fondiario ESEMPI DI MIGLIORAMENTI FONDIARI STIMA DEI MIGLIORAMENTI FONDIARI (CAP. 12) Cosa sono i miglioramenti fondiari Un miglioramento fondiario è dato da qualsiasi investimento stabile e duraturo di capitale e lavoro effettuato su un terreno

Dettagli

IL TRUST ED I VINCOLI DI DESTINAZIONE PATRIMONIALE

IL TRUST ED I VINCOLI DI DESTINAZIONE PATRIMONIALE IL TRUST ED I VINCOLI DI DESTINAZIONE PATRIMONIALE IL TRUST La Repubblica Italiana con la legge n. 364 del 16 ottobre 1989, entrata in vigore il 1 gennaio 1992, ha ratificato la sottoscrizione della Convenzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 5. OGGETTO: Ipoteca frazionata Surrogazione - Profili interpretativi Esecuzione delle formalità ipotecarie.

CIRCOLARE N. 5. OGGETTO: Ipoteca frazionata Surrogazione - Profili interpretativi Esecuzione delle formalità ipotecarie. PROT. n. 55739 ENTE EMITTENTE: CIRCOLARE N. 5 Direzione dell Agenzia OGGETTO: Ipoteca frazionata Surrogazione - Profili interpretativi Esecuzione delle formalità ipotecarie. DESTINATARI: Direzioni Centrali,

Dettagli

La Collazione Ereditaria.

La Collazione Ereditaria. Avv. Monica La Rocca monica.larocca@ssalex.com La collazione è l atto con il quale determinati soggetti, che hanno accettato l eredità conferiscono alla massa ereditaria le liberalità ricevute in vita

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano impresa attività di impresa stagionale

Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano impresa attività di impresa stagionale Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano L impresa...1 L azienda...2 Avviamento...2 Trasferimento di azienda...3 Usufrutto e affitto di azienda...3 Classificazione dell attività

Dettagli

Domvs Consulting S.r.l.s.

Domvs Consulting S.r.l.s. Approfondimenti in Condominio n. 020/2015 Per realizzare un impianto ascensore in un edificio in condominio che ne sia sprovvisto, vi sono due strade: quella collegiale - condominiale che nella disciplina

Dettagli

Parte Prima INTRODUZIONE. Capitolo 1 L ORDINAMENTO GIURIDICO

Parte Prima INTRODUZIONE. Capitolo 1 L ORDINAMENTO GIURIDICO Parte Prima INTRODUZIONE Capitolo 1 L ORDINAMENTO GIURIDICO 1. Le parole del diritto... pag. 1 2. Prescrizioni, regole, norme...» 3 3. L idea di «fonti del diritto»...» 7 4. L ordinamento giuridico...»

Dettagli

Il frazionamento del mutuo e della ipoteca a garanzia

Il frazionamento del mutuo e della ipoteca a garanzia Il presente contributo trae spunto dalla Circolare dell Agenzia del Territorio n. 5 del 28 luglio 2008, alla luce delle recenti disposizioni introdotte dall articolo 8 del decreto legge 31 gennaio 2007,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 107/E. Roma, 3 agosto 2004

RISOLUZIONE N. 107/E. Roma, 3 agosto 2004 RISOLUZIONE N. 107/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 3 agosto 2004 Oggetto: Trattamento ai fini Iva delle prestazioni di concessione in uso di vagoni ferroviari per l esecuzione di trasporti

Dettagli

Parere n. 1/2010 - Ristrutturazione edilizia attuata con demolizione e ricostruzione. Onerosità

Parere n. 1/2010 - Ristrutturazione edilizia attuata con demolizione e ricostruzione. Onerosità Parere n. 1/2010 - Ristrutturazione edilizia attuata con demolizione e ricostruzione. Onerosità Si chiede parere in merito all onerosità ovvero all eventuale gratuità di un intervento di ristrutturazione

Dettagli

DETRAZIONI PER ABITAZIONE PRINCIPALE. D.L. N. 93/2008 (G.U.)

DETRAZIONI PER ABITAZIONE PRINCIPALE. D.L. N. 93/2008 (G.U.) ALIQUOTE I.C.I. ANNO 2011. aliquota ordinaria I.C.I. del 5 per mille; aliquota del 6,5 per mille per i terreni agricoli e le aree edificabili; aliquota del 6,5 per mille per i fabbricati, da chiunque posseduti,

Dettagli

SOGGETTI PASSIVI. Giurisprudenza Cass. 13.9.63 n. 2502; Cass. 6.7.84 n. 3974; Cass. 27.9.87 n. 8815; Cass. 31.7.89 n. 3565; Cass. 24.7.2003 n.

SOGGETTI PASSIVI. Giurisprudenza Cass. 13.9.63 n. 2502; Cass. 6.7.84 n. 3974; Cass. 27.9.87 n. 8815; Cass. 31.7.89 n. 3565; Cass. 24.7.2003 n. 10 SOGGETTI PASSIVI Prassi C.M. 8.10.76 n. 31/250873; R.M. 7.6.80 n. 7/441; R.M. 13.12.89 n. 460196; C.M. 10.6.93 n. 7/1106; C.M. 7.8.2000 n. 156; Ris. Agenzia delle Entrate 7.8.2002 n. 272; Ris. DRE Emilia

Dettagli

CONVEGNO Convivenze tutelate e funzione notarile

CONVEGNO Convivenze tutelate e funzione notarile CONVEGNO Convivenze tutelate e funzione notarile Milano, 7 marzo 2014 TECNICHE REDAZIONALI E CONVIVENZE (ovvero come ovviare sul piano negoziale all assenza di una normativa sulla convivenza) Giovanni

Dettagli

Il nuovo Codice Civile facile da comprendere

Il nuovo Codice Civile facile da comprendere Il nuovo Codice Civile facile da comprendere SMEMBRAMENTI DEL DIRITTO DI PROPRIETA Gli smembramenti del diritto di proprietà sono regolamentati dal Nuovo Codice Civile al titolo III, art. 693-772. Questi

Dettagli

Prefazione... 1.1 Introduzione al contratto di vendita... 3

Prefazione... 1.1 Introduzione al contratto di vendita... 3 INDICE Prefazione... XVII I LA VENDITA 1 La vendita... 3 1.1 Introduzione al contratto di vendita... 3 2 Obbligazioni del compratore... 7 2.1 Il prezzo: aspetti generali e modalità di adempimento... 7

Dettagli

SOTTOTIPI: LEASING DI GODIMENTO E LEASING TRASLATIVO

SOTTOTIPI: LEASING DI GODIMENTO E LEASING TRASLATIVO NOZIONE DI LEASING Il Leasing o locazione finanziaria è una nuova tecnica contrattuale nata per soddisfare una specifica esigenza dell'impresa: quella di disporre dei beni strumentali necessari per l'attività

Dettagli

IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni

IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni REGIMI PATRIMONIALI TIPICI COMUNIONE DEI BENI: disciplina della

Dettagli

SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE

SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE Situazioni giuridiche soggettive - dispense 1 DIRITTO PRIVATO LE SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE (dispense a cura di Carlo Dore) SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE Premesso che la principale funzione della

Dettagli

De verbis quibusdam legalibus (1100 ca.)

De verbis quibusdam legalibus (1100 ca.) Il dominio diviso De verbis quibusdam legalibus (1100 ca.) Si quaeratur de superficiario et emphiteoticario an sint fructuari, quia fruuntur utuntur, dicimus quia non, quia fruuntur utuntur rebus alienis,

Dettagli

FAQ IMU/TASI PROBLEMI APPLICATIVI DI CARATTERE GENERALE

FAQ IMU/TASI PROBLEMI APPLICATIVI DI CARATTERE GENERALE FAQ IMU/TASI Di seguito vengono messe a disposizione le risposte ad alcune domande frequentemente poste all amministrazione finanziaria da contribuenti, operatori professionali e dai soggetti che realizzano

Dettagli

La divisione ereditaria

La divisione ereditaria La divisione ereditaria La divisione ereditaria è diretta a far cessare lo stato di comunione sui beni della massa ereditaria tra tutti i soggetti che partecipano alla comunione; ha natura dichiarativa

Dettagli

Redatto in collaborazione con il Consiglio Notarile di Milano

Redatto in collaborazione con il Consiglio Notarile di Milano Il modello Redatto in collaborazione con il Consiglio Notarile di Milano CONTRATTO PRELIMINARE DI COMPRAVENDITA Tra le sottoscritte parti: Parte promittente venditrice. nato a provincia di., il. residente

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

CONTRATTI DI OSPITALITA

CONTRATTI DI OSPITALITA CONTRATTI DI OSPITALITA Definizione Possibilità offerta a qualcuno di alloggiare temporaneamente in un luogo diverso dalla propria casa -> due forme: 1. rapporto di cortesia privo di carattere patrimoniale

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Premessa... TASSAZIONE DEI REDDITI PARTE PRIMA

INDICE SOMMARIO. Premessa... TASSAZIONE DEI REDDITI PARTE PRIMA INDICE SOMMARIO Premessa... XVII PARTE PRIMA TASSAZIONE DEI REDDITI CAPITOLO 1 I REDDITI DELLE PERSONE FISICHE 1. Introduzione... 3 2. I soggetti passivi residenti in Italia: nozione di residenza delle

Dettagli

Il Regolamento di Condominio

Il Regolamento di Condominio Il Regolamento di Condominio Aspetti giuridici (vedi articoli 1129 e seguenti del codice civile) E' obbligatorio nominare un amministratore quando il numero dei condomini in un edificio è maggiore di quattro.

Dettagli

INDICE SOMMARIO TITOLO VII DELLA COMUNIONE. Capo I DELLA COMUNIONE IN GENERALE

INDICE SOMMARIO TITOLO VII DELLA COMUNIONE. Capo I DELLA COMUNIONE IN GENERALE INDICE SOMMARIO Presentazione... Gli autori... Abbreviazioni delle principali riviste.... VII XI XXIII TITOLO VII DELLA COMUNIONE Capo I DELLA COMUNIONE IN GENERALE Art. 1100. Norme regolatrici... 1 Sezione

Dettagli

IL CONTRATTO DI RETE ED IL RUOLO DEL NOTAIO. Massimo Stefani Vicenza, 23 gennaio 2012

IL CONTRATTO DI RETE ED IL RUOLO DEL NOTAIO. Massimo Stefani Vicenza, 23 gennaio 2012 IL CONTRATTO DI RETE ED IL RUOLO DEL NOTAIO Massimo Stefani Vicenza, 23 gennaio 2012 CONTRATTI DI RETE Art. 3, comma 4-ter D.L. 5/2009, convertito, con modificazioni, dalla Legge 33/2009, norma successivamente

Dettagli

Circolare n. 32. del 10 ottobre 2013

Circolare n. 32. del 10 ottobre 2013 Circolare n. 32 del 10 ottobre 2013 Responsabilità solidale tra committente, appaltatore e subappaltatore per i debiti retributivi e contributivi - Novità del DL 28.6.2013 n. 76 conv. L. 9.8.2013 n. 99

Dettagli

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara Iengo Foro di Bergamo

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara Iengo Foro di Bergamo Seminario IL BREVETTO LA PROTEZIONE DELLA CREATIVITÀ INTELLETTUALE NEL CAMPO DELL INVENZIONE INDUSTRIALE Lunedì 21 maggio 2007 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara

Dettagli

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE Nel corso del 2009 sono state pubblicate numerose sentenze delle Sezioni Unite della Suprema

Dettagli

2. Il servizio di pubblica illuminazione e le procedure di riscatto

2. Il servizio di pubblica illuminazione e le procedure di riscatto Divieto di acquisizione di beni per gli enti locali e possibili effetti sulle procedure per il riscatto degli impianti di illuminazione pubblica A cura di Maria Cristina Colombo Avvocato Professore a contratto

Dettagli

L'ATTO DI DISPOSIZIONE DELLA CD. QUOTINA ALLA LUCE DELLA SENTENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE S.U. N. 5068/2016

L'ATTO DI DISPOSIZIONE DELLA CD. QUOTINA ALLA LUCE DELLA SENTENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE S.U. N. 5068/2016 SCUOLA DI NOTARIATO DI CATANIA JACOPO DA LENTINI * * * * * CORSO DI SPECIALIZZAZIONE DI DIRITTO DELLE SUCCESSIONE 2015/2016 * * * * * L'ATTO DI DISPOSIZIONE DELLA CD. QUOTINA ALLA LUCE DELLA SENTENZA DELLA

Dettagli

Aspetti civilistici; cenni generali e inquadramento delle fattispecie

Aspetti civilistici; cenni generali e inquadramento delle fattispecie S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Tutela del patrimonio: le successioni e le donazioni Aspetti civilistici; cenni generali e inquadramento delle fattispecie Avv. Mario Cozza 23 ottobre 2014

Dettagli

Introduzione alle società di capitali

Introduzione alle società di capitali Appunti di Economia Società per azioni Introduzione alle società di capitali... 1 Società per azioni (S.p.A.)... 2 Diritto di voto... 3 Diritto agli utili ed al dividendo... 4 Diritto di opzione... 5 Le

Dettagli

IL REGOLAMENTO DI CONDOMINIO. Maurizio Voi

IL REGOLAMENTO DI CONDOMINIO. Maurizio Voi IL REGOLAMENTO DI CONDOMINIO Maurizio Voi Il regolamento di condominio è previsto dal codice civile all art. 1138 c.c. L articolo è l unico, nel capo dedicato al condominio, che prevede la necessità del

Dettagli

Prot. n 154 Salerno, lì 12 Febbraio 2014

Prot. n 154 Salerno, lì 12 Febbraio 2014 Prot. n 154 Salerno, lì 12 Febbraio 2014 A tutti gli iscritti all Albo e nell Elenco Speciale LORO SEDI OGGETTO: Circolare n 32/2013. Libera Professione. Trasferimento di beni immobili: l'imposta di registro

Dettagli

INDICE-SOMMARIO PARTE PRIMA. Capitolo Primo NOZIONI GENERALI

INDICE-SOMMARIO PARTE PRIMA. Capitolo Primo NOZIONI GENERALI VII INDICE-SOMMARIO PARTE PRIMA INTRODUZIONE ALLA FIGURA DEL CONTRATTO PRELIMINARE Capitolo Primo NOZIONI GENERALI 1. Il contratto preliminare secondo gli interpreti.... pag. 3 2. La contrattazione in

Dettagli

1.1. Il condominio, in genere.

1.1. Il condominio, in genere. 1. Natura, struttura e tipologie del condominio. 1.1. Il condominio, in genere. La giurisprudenza è costante nell affermare che il condominio è un ente di gestione sfornito di personalità giuridica distinta

Dettagli

SEGNALAZIONE NOVITA NORMATIVE. Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 (decreto Sblocca Italia )

SEGNALAZIONE NOVITA NORMATIVE. Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 (decreto Sblocca Italia ) SEGNALAZIONE NOVITA NORMATIVE Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 (decreto Sblocca Italia ) Art. 23 (Disciplina dei contratti di godimento in funzione della successiva alienazione di immobili) 1. I

Dettagli

TerniEnergia S.p.A. Entità del beneficio (voto doppio), vesting period e diritto reale legittimante.

TerniEnergia S.p.A. Entità del beneficio (voto doppio), vesting period e diritto reale legittimante. TerniEnergia S.p.A. Relazione illustrativa degli Amministratori sulla proposta concernente la materia posta all ordine del giorno redatta ai sensi dell articolo 125-ter del Testo Unico della Finanza (D.

Dettagli

B. Situazioni reali di godimento.

B. Situazioni reali di godimento. B. Situazioni reali di godimento. 18 I beni. I beni sono le cose che possono formare oggetto di diritto (art. 810 c.c.). Per cose non s intendono solo le cose materiali, ma anche quelle immateriali. Il

Dettagli

OGGETTO: Tassazione delle divisioni contenenti masse plurime - Art. 34 del D.P.R 131/86 Istruzioni operative

OGGETTO: Tassazione delle divisioni contenenti masse plurime - Art. 34 del D.P.R 131/86 Istruzioni operative Direzione Regionale delle Marche Ufficio Fiscalità All Agenzia delle Entrat Ancona, 10 novembre 2008 Agli Uffici locali Loro sedi e, p.c. Agli Uffici interni Settore Accertamento Audit Interno Contenzioso

Dettagli

INFORMATIVA N. 23/2013. Novità concernenti le imposte d atto applicabili agli atti immobiliari dall 1.1.2014

INFORMATIVA N. 23/2013. Novità concernenti le imposte d atto applicabili agli atti immobiliari dall 1.1.2014 STUDIO RENZO GORINI DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE LEGALE COMO 5.11.2013 22100 COMO - VIA ROVELLI, 40 TEL. 031.27.20.13 www.studiogorini.it FAX 031.27.33.84 E-mail: segreteria@studiogorini.it INFORMATIVA

Dettagli

Diritto Civile Contemporaneo

Diritto Civile Contemporaneo Diritto Civile Contemporaneo Rivista trimestrale online ad accesso gratuito ISSN 2384-8537 Anno I, numero II, luglio/settembre 2014 Le Sezioni Unite sul rapporto tra azione di rivendica ed azione di restituzione

Dettagli

Corso di Diritto Commerciale

Corso di Diritto Commerciale Corso di Diritto Commerciale Anno accademico 2014-2015 Powered by PROF. MASSIMO RUBINO DE RITIS Control Editing dott. Mario Passaretta Il diritto d impresa Le norme utilizzate sono reperibili, gratuitamente,

Dettagli

Le vicende della quota nelle società personali

Le vicende della quota nelle società personali Le vicende della quota nelle società personali A causa dell INTUITUS PERSONAE, nelle società di persone le variazioni nella composizione soggettiva della compagine sociale sono apprezzate come vere e proprie

Dettagli

FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA

FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA Il Fondo patrimoniale: profili di (in)utilità? Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta Data 02/07/2015 FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA Negozio di destinazione(costituente)

Dettagli

PARERE TECNICO GIURIDICO. Di Romano Mosconi

PARERE TECNICO GIURIDICO. Di Romano Mosconi PARERE TECNICO GIURIDICO SUL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICAZIONE DI IMPRESA ARTIGIANA AD UNA COOPERATIVA DI LAVORO E VALENZA DEI LIMITI DIMENSIONALI DOPO L EMANAZIONE DELLA LEGGE 14 FEBBRAIO 2003, N. 30

Dettagli

GENTE MONEY 24 LUGLIO 2013

GENTE MONEY 24 LUGLIO 2013 GENTE MONEY 24 LUGLIO 2013 (SEZIONE ECONOMIA PORTALE LEONARDO.IT) Proteggere il patrimonio: che cosa è e quando conviene il Fondo Patrimoniale avv. Roberto lenzi Lenzi e Associati Una recente sentenza

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 20 20.03.2014 Benefici prima casa e separazione dei coniugi I recenti approdi della giurisprudenza di legittimità Categoria: Agevolazioni Sottocategoria:

Dettagli

CONTRATTI DI LOCAZIONE: GIURISPRUDENZA

CONTRATTI DI LOCAZIONE: GIURISPRUDENZA CONTRATTI DI LOCAZIONE: GIURISPRUDENZA INDICE: Recesso dal contratto anzitempo per gravi motivi. Locazione di immobili commerciali. Prelazione e riscatto Durata del contratto Locazione di immobile realizzato

Dettagli

Capitolo Ottavo La patologia del negozio giuridico

Capitolo Ottavo La patologia del negozio giuridico Capitolo Ottavo La patologia del negozio giuridico Sommario: 1. Generalità. - 2. L inesistenza del negozio. - 3. L invalidità del negozio: nullità ed annullabilità. Fondamento. - 4. La nullità del negozio.

Dettagli

Avv. Gian Carlo Sessa

Avv. Gian Carlo Sessa S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LE LITI SUCCESSORIE: LE CONTROVERSIE TIPICHE E QUELLE ATIPICHE, IN PARTICOLARE SOCIETARIE. (Le principali tipologie di liti tipiche e le liti atipiche ) Avv.

Dettagli

Mariagrazia GALATI. TRACCE di PARERI. con PARERI SVOLTI CASI PROBABILI TECNICHE DI REDAZIONE

Mariagrazia GALATI. TRACCE di PARERI. con PARERI SVOLTI CASI PROBABILI TECNICHE DI REDAZIONE Mariagrazia GALATI TRACCE di PARERI con PARERI SVOLTI CASI PROBABILI TECNICHE DI REDAZIONE SOMMARIO Premessa V SEZIONE I - I SOGGETTI DI DIRITTO PARTE PRIMA TRACCIA 1 L amministrazione di sostegno. Inquadramento

Dettagli

LOMBARDIA/16/2009/PAR

LOMBARDIA/16/2009/PAR LOMBARDIA/16/2009/PAR REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Antonio Caruso dott. Giorgio

Dettagli

APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI

APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI 1. Premessa La disciplina antiriciclaggio contenuta, in particolare, nel Decreto Legge 3 maggio 1991,

Dettagli

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE INFORMA. Circolare informativa - ottobre 2009 Materia Giuridica: Mediazione tipica e mediazione atipica: i nuovi profili di responsabilità delineati dalla pronuncia della Cassazione civile 14.07.2009 n.

Dettagli

CODICE CIVILE E LE ALTRE FONTI DEL DIRITTO PRIVATO

CODICE CIVILE E LE ALTRE FONTI DEL DIRITTO PRIVATO INDICE-SOMMARIO XI PREFAZIONE Capitolo Primo IL CODICE CIVILE E LE ALTRE FONTI DEL DIRITTO PRIVATO 1 Presentazione 2 1.1. Diritto privato e diritto pubblico 5 1.2. Fonti del diritto privato 6 1.3. La Costituzione

Dettagli

OGGETTO: definizione, storia e natura giuridica degli USI CIVICI.

OGGETTO: definizione, storia e natura giuridica degli USI CIVICI. OGGETTO: definizione, storia e natura giuridica degli USI CIVICI. Gli usi civici sono i diritti spettanti a una collettività (e ai suoi componenti), organizzata e insediata su un territorio, il cui contenuto

Dettagli

Circolare N. 151 del 18 Novembre 2014

Circolare N. 151 del 18 Novembre 2014 Circolare N. 151 del 18 Novembre 2014 DL Sblocca Italia: le novita dopo la conversione in legge (DL n. 133/2014 convertito con legge n. 16/2014) Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

CORSO AVVOCATO FGLAW 2014 CORSO FGLAW ESAME AVVOCATO 2014 PARERE IN DIRITTO CIVILE CASO I (16 DICEMBRE 2014)

CORSO AVVOCATO FGLAW 2014 CORSO FGLAW ESAME AVVOCATO 2014 PARERE IN DIRITTO CIVILE CASO I (16 DICEMBRE 2014) CORSO FGLAW ESAME AVVOCATO 2014 PARERE IN DIRITTO CIVILE CASO I (16 DICEMBRE 2014) Tizio, proprietario di un terreno, concede a Caio, proprietario del fondo confinante, di parcheggiare la propria autovettura

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust.

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 dicembre 2010 OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. PREMESSA Come noto, l articolo 1, commi da 74 a 76, della

Dettagli

MUTUO IPOTECARIO E FONDIARIO PRIMA CASA destinato all acquisto di abitazione principale (Tasso Indicizzato)

MUTUO IPOTECARIO E FONDIARIO PRIMA CASA destinato all acquisto di abitazione principale (Tasso Indicizzato) FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO E FONDIARIO PRIMA CASA destinato all acquisto di abitazione principale (Tasso Indicizzato) Sezione I - Informazioni sulla banca Denominazione e forma giuridica: BANCA

Dettagli

INDICE. Art. 215 (Separazione dei beni) SEZIONE I: GENERALITAv. INSTAURAZIONE AUTOMATICA DEL REGIME DI SEPARAZIONE DEI

INDICE. Art. 215 (Separazione dei beni) SEZIONE I: GENERALITAv. INSTAURAZIONE AUTOMATICA DEL REGIME DI SEPARAZIONE DEI Art. 215 (Separazione dei beni) SEZIONE I: GENERALITAv. INSTAURAZIONE AUTOMATICA DEL REGIME DI SEPARAZIONE DEI BENI TRA CONIUGI 1. Premesse. Il rilievo sociale del regime di separazione dei beni... 3 2.

Dettagli

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi Carismi Convegni CARISMICONVEGNI IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Centro Studi I Cappuccini 22 Febbraio 2013 Avv. Francesco Napolitano DONAZIONE DI AZIENDA IMPOSTE DIRETTE La donazione di azienda da parte di

Dettagli

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi TUTTO SUL DEMANSIONAMENTO (Parte 3 di 4) 6 IL DANNO ALLA PROFESSIONALITÀ L articolo 2103 cod. civ. afferma pertanto il diritto del lavoratore all effettivo svolgimento

Dettagli

4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore

4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore 4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore Testo in vigore Art. 8 Contenuto dell accordo o del piano del consumatore 1. La proposta di accordo o di piano del consumatore prevede la ristrutturazione

Dettagli

AFFITTO AZIENDA. a cura del Dott. Diego Boschiroli e del Dott. Francesco Monaco

AFFITTO AZIENDA. a cura del Dott. Diego Boschiroli e del Dott. Francesco Monaco AFFITTO AZIENDA a cura del Dott. Diego Boschiroli e del Dott. Francesco Monaco 1 ASPETTI CIVILISTICI } L affitto d azienda non ha una disciplina ad hoc NORME DEL CODICE CIVILE APPLICABILI : } L art. 2562

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

PARTE PRIMA LA COMPRAVENDITA. Capitolo I La compravendita in generale

PARTE PRIMA LA COMPRAVENDITA. Capitolo I La compravendita in generale Indice sommario Prefazione alla prima edizione............................... Prefazione alla seconda edizione.............................. VII IX PARTE PRIMA LA COMPRAVENDITA Capitolo I La compravendita

Dettagli

36%. Chiarimenti ministeriali.

36%. Chiarimenti ministeriali. SERVIZIO INFORMATIVO ANGAISA 36%. Chiarimenti ministeriali. Circolare Agenzia Entrate n. 24 del 10.06.2004 Circolare Ministerale - Agenzia delle Entrate Direzione Centrale Normativa e Contenzioso - 10

Dettagli