PIANO EMERGENZE DEL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DELL AZIENDA USL7 DI SIENA DIPPP 02

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO EMERGENZE DEL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DELL AZIENDA USL7 DI SIENA DIPPP 02"

Transcript

1 DI PREVENZIONE DELL AZIENDA DI Pag. 1 di 78 DI PREVENZIONE DELL AZIENDA DI Revisione Data emissione Motivo della revisione 1 17/12/2007 Prima emissione 2 22/05/12 Seconda emissione DOCUMENTO DISTRIBUITO IN FORMA: CONTROLLATA NON CONTROLLATA

2 DI PREVENZIONE DELL AZIENDA DI Pag. 2 di 78 1 SCOPO pag CAMPO DI APPLICAZIONE pag. 3 3 RESPONSABILITA pag DEFINIZIONI pag. 3 5 RIFERIMENTI pag. 4 6 CRITERI OPERATIVI pag Composizione Unità di Crisi Dipartimentale pag PIANO DI EMERGENZA DEL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE pag Verifiche Piano di Emergenza pag DOCUMENTAZIONE RICHIAMATA pag. 78

3 DI PREVENZIONE DELL AZIENDA DI Pag. 3 di SCOPO Lo scopo della presente Procedura è quello di definire le modalità operative e le responsabilità per individuare e rispondere a potenziali incidenti e situazioni di emergenza al fine di prevenire ed attenuare l impatto che ne può conseguire. Ha lo scopo, inoltre, di creare uno strumento utile a fornire al 118, o alla Protezione Civile e ad ogni altro organismo addetto, le informazioni necessarie per attivare il sistema di intervento del Dipartimento di previsto per le situazioni di emergenza, sia epidemiche che non epidemiche, al fine di: - Assicurare un intervento tempestivo - Attivare gli operatori adeguati alla valutazione del caso - Rispettarte le norme vigenti - Evitare manovre o atti impropri 2 - CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura si applica ogni qualvolta si verificano situazioni di emergenza, sia epidemica che non epidemica, e si ravveda l esigenza di attivare il Dipartimento di 3 RESPONSABILITA La gestione delle emergenze prevede vari scenari delle situazioni di emergenza che si possono creare. A seconda del tipo di intervento necessario e dell ubicazione all interno del territorio di competenza dell Azienda USL 7, si individuano le responsabilità e il coordinamento. Il Dirigente medico o veterinario, o il tecnico della possono essere i titolari del primo intervento Il DP coordina le UU.FF. Dipartimentali (a bacino provinciale) e quelle afferenti a Zone diverse di competenza, coadiuvato da i loro RUF e Direttori di U.O. Il RUF collabora con il coordinatore dell intervento quando la propria U.F. è chiamata ad operare Il Direttore di U.O. coadiuva il coordinatore dell intervento quando la propria U.O. è chiamata ad operare. 4 - DEFINIZIONI Emergenza è un evento improvviso e imprevedibile che faccia interrompere o crei danno alla vita e alla salute della popolazione. Emergenza è una situazione, un momento critico, un imprevisto che comporta un possibile rischio per le persone. Si possono verificare emergenze di tipo epidemico e non epidemico. Tra i vari tipi di emergenza in cui è richiesto l intervento del Dipartimento di ci sono anche: - Alluvione - Bioterrorismo - Black-out

4 DI PREVENZIONE DELL AZIENDA DI Pag. 4 di 78 - Eventi atmosferici eccezionali (neve, gelo, siccità, ondata di calore) - Frana - Incendio - Incidente chimico - Incidente rilevante - Terremoto 5 RIFERIMENTI Delibera Regionale n. 818 del 6/11/2006 Integrazione delle direttive alle Aziende Sanitarie Locali di cui alla D.G.R.T. n. 1390/2004. Direttive per l aggiornamento dei Piani sanitari per le emergenze da parte dei Dipartimenti di prevenzione. PA 13 gestione delle emergenze PG01 di PA13 Def. Aggiornamento Piani Emergenza in materia di ambiente e tutela lavoratori PG 04 Emergenze Organizzative PA 36 del rischio d insorgenza e trasmissione delle infezioni negli operatori e nei pazienti Adozione Manuali d informazione sui rischi lavorativi dell USL 7 D. Lgs. 626/94 6 CRITERI OPERATIVI 6.1 Composizione Unità di Crisi del Dipartimento di L Unità di Crisi del Dipartimento di è composto da: Direttore del Dipartimento di Responsabili di Unità Funzionale di Zona Distretto e Dipartimentali Direttore di U.O. Igiene e Sanità Pubblica Direttore di U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Direttore di U.O. Sanità Animale Direttore di U.O. Igiene degli Alimenti di Origine Animale Direttore di U.O. Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche Direttore di U.O. Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Direttori di U.O. e Sicurezza Direttore di U.O. Tecnici di in ambito ISP Direttore di U.O. Tecnici di in ambito Veterinario Direttore di U.O. Tecnici di in ambito PISLL Direttore di U.O. Tossicologia Occupazionale e Ambientale Responsabile Sezione Biotossicologia Responsabile Sezione Igiene Industriale Responsabile Sezione Tecnici di Laboratorio 6.2 Piano di Emergenza

5 DI PREVENZIONE DELL AZIENDA DI Pag. 5 di 78 Azienda Sanitaria delle Zone: Senese, Alta Val d'elsa, Val di Chiana, Amiata Senese Medicina dello Sport Comuni di competenza: LA PREVENZIONE ZONA SENESE Asciano, Buonconvento, Castellina in Chianti, Castelnuovo Berardenga, Chiusdino, Gaiole in Chianti, Monteriggioni, Monteroni d Arbia, Monticiano, Murlo, Radda in Chianti, Rapolano Terme, San Giovanni d Asso, Siena, Sovicille LA PREVENZIONE ZONA VAL D ELSA Casole d Elsa, Colle di Val d Elsa, Poggibonsi, Radicondoli, San Gimignano LA PREVENZIONE ZONA VAL DI CHIANA Cetona, Chianciano, Chiusi, Montepulciano, Pienza, San Casciano dei Bagni, Sarteano, Sinalunga, Torrita, Trequanda LA PREVENZIONE ZONA AMIATA Val d'orcia Abbadia S. Salvatore, Castiglione d Orcia, Piancastagnaio, Radicofani, Montalcino, San Quirico d Orcia

6 DI PREVENZIONE DELL AZIENDA DI Pag. 6 di 78 Dipartimento di Dipartimento di A.Saragosa A.F. Zona Senese A.Saragosa A.F. Zona Valdichiana A.Saragosa A.F. Zona Val d Elsa F. Strambi A.F. Zona Amiata L. Centi UU.FF. Dipartimentali U.F. ISP Strada del Ruffolo, 4 Siena A.Bagnoli U.F. ISP Via O. Maestri, 1 Torrita G. Provvisiero U.F. ISP Via Della Costituzione, 30 - Poggibonsi I. Lezzi U.F. ISP Piazzale Michelangelo Abbadia S. Salvatore R. Frazzetta U.F. Medicina Legale Via Pian d Ovile Siena G. Mandriani U.F. SPV Strada del Ruffolo, 4 Siena G. Buonincontro U.F. SPV Via O. Maestri, 1 Torrita A.Saragosa U.F. SPV Via XXV Aprile, 1 Colle di Val d Elsa M. Morelli U.F. SPV Piazzale Michelangelo Abbadia S. Salvatore C. Facciotto Lab. Sanità Pubblica Strada del Ruffolo, 4 Siena G. Sciarra U.F. PISLL Strada del Ruffolo, 4 Siena R. Mancini U.F. PISLL Via O. Maestri, 1 Torrita R. Pulcinelli U.F. PISLL Via Carducci, 4 Poggibonsi F. Strambi U.F. PISLL Piazzale Michelangelo Abbadia S. Salvatore L. Centi U.F. Impiantistica Strada del Ruffolo, 4 Siena L. Albizzi U.F. Medicina Sport Via A. Moro Siena M. Capitani Direttore telefono cellulare fax Alberto Saragosa Sostituto in caso di assenza del Direttore G Gianfranco Sciarra

7 DI PREVENZIONE DELL AZIENDA DI Pag. 7 di 78 I RESPONSABILE telefono cellulare fax ZONA SENESE Alberto Saragosa ZONA VAL D ELSA Fabio Strambi ZONA VAL DI CHIANA Alberto Saragosa ZONA AMIATA Letizia Centi Il Dipartimento di è composto, inoltre, da Unità Funzionali a bacino provinciale: Unità Funzionale MEDICINA LEGALE LABORATORIO DI SANITA PUBBLICA RESPONSABILE telefono cellulare fax Giovanni Mandriani Gianfranco Sciarra IMPIANTISTICA Luca Albizzi MEDICINA DELLO SPORT Massimo Capitani In caso di necessità di un coinvolgimento a livello di Area Vasta: Az USL e Direttore telefono cellulare fax USL 8 Arezzo Dr.ssa Gabriella Bidini USL 9 Grosseto Dr. Paolo Madrucci Il Dipartimento di è articolato in Strutture funzionali multi-professionali a valenza zonale ed altre a valenza provinciale.

8 DI PREVENZIONE DELL AZIENDA DI Pag. 8 di 78 Igiene e Sanità Pubblica Valutazioni sull idoneità degli ambienti di vita Valutazioni sulla potabilità delle acque Controllo su approvvigionamenti potabili sostitutivi (autobotti) Effettuazione vaccini Vigilanza igienico-sanitaria sulla popolazione Vigilanza igienico-sanitaria sulle strutture campali Vigilanza igienico-sanitaria su strutture speciali (anziani, rifugiati, ecc.) Controllo e vigilanza su attività di disinfezione, disinfestazione e derattizzazione UU.FF. ISP Responsabile telefono cellulare fax ZONA SENESE ZONA VAL D ELSA ZONA VALDICHIANA ZONA AMIATA Direttore U.O. Tecnici della Alessandra Bagnoli Iorio Lezzi Gerardo Provvisiero Riccardo Frazzetta Giacomo Redi Medicina Legale Effettua attività di medicina necroscopica Certificazioni medico-legali e polizia mortuaria U.F. Medicina Legale PROVINCIALE Responsabile telefono cellulare fax Giovanni Mandriani Igiene degli Alimenti Valutazioni sull idoneità delle industrie alimentari a mantenere l attività produttiva Valutazioni sull idoneità alimentare delle derrate stoccate Assicura l igiene degli alimenti, delle bevande e dei prodotti e avanzi di origine animale, per le implicazioni che attengono alla salute dell uomo

9 DI PREVENZIONE DELL AZIENDA DI Pag. 9 di 78 Sono funzioni assicurate in collaborazione tra il Settore Veterinario e quello di Igiene e Sanità Pubblica Z O N A U.F. ISP Responsabile telefono cellulare fax Alessandra Bagnoli S E N E S E Z O N A V A L D E L S A Z O N A U.F. SPV Grazia Buonincontro f.f a.it U.F. ISP Iorio Lezzi U.F. SPV Marco Morelli U.F. ISP Gerardo Provvisiero V A L D I C H I A N A Z O N A U.F. SPV U.F. ISP Fanti Giovanni f.f Riccardo Frazzetta A M I A T A U.F. SPV Direttore U.O. Tecnici della ISP Responsabile Aziendale Emergenze veterinarie Direttore U.O. Tecnici della SPV Cristina Facciotto Giacomo Redi Giampiero Mariotti Marco Fanti

10 DI PREVENZIONE DELL AZIENDA DI Pag. 10 di 78 Laboratori di Sanità Pubblica Effettua analisi e valutazioni dei fattori chimici, fisici e biologici di inquinamento Supporto di laboratorio all U.F. Igiene e Sanità Pubblica per le valutazioni sull idoneità di alimenti e acque potabili Supporto alle UU.FF. Igiene e Sanità Pubblica e Sanità Pubblica Veterinaria per valutare la presenza di artropodi Laboratorio di Sanità Pubblica PROVINCIALE AREA VASTA Sud Est Direttore U.O. Igiene Industriale Resp. Sezione Tossicologia Occupazionale e Ambientale Resp. Sezione Biotossicologia Resp. Sezione Tecnici di Laboratorio vettori imputati della trasmissione di malattie per uomo ed animali (disinfezioni, disinfestazioni) Responsabile telefono cellulare fax Gianfranco Sciarra Gianfranco Sciarra Cristina Aprea Anna Maria Sorrentino Bozzi Nanda Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Valutazioni sull idoneità dei Luoghi di Lavoro a mantenere l attività produttiva con adeguate garanzie di sicurezza ed igienicità per i lavoratori UU.FF. PISLL Responsabile telefono cellulare fax ZONA SENESE Rossana Mancini ZONA VAL D ELSA Fabio Strambi ZONA VALDICHIANA Roberto Pulcinelli ZONA AMIATA Letizia Centi Direttore U.O. PISLL Fabio Strambi Resp. U.F. Impiantistica Direttore U.O. e Sicurezza - Provinciale Direttore U.O. e Sicurezza Zona Val d Elsa Luca Albizzi Roberto Pulcinelli Corrado Barone

11 DI PREVENZIONE DELL AZIENDA DI Pag. 11 di 78 Direttore U.O. Tecnici della PISLL Marco Fanti Sanità Pubblica Veterinaria Valutazioni sull idoneità degli allevamenti ad ospitare animali in produzione Certificazioni medico-legali sui danni ad animali e impianti di allevamento Certificazioni medico-legali per smaltimento carcasse di animali UU.FF. SPV Responsabile telefono cellulare fax ZONA SENESE ZONA VAL D ELSA ZONA VALDICHIANA ZONA AMIATA Direttore U.O. Sanità Animale Direttore U.O. Alimenti di Origine Animale Direttore U.O. Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche Responsabile Aziendale Emergenze veterinarie Direttore U.O. Tecnici della SPV Alberto Saragosa Marco Morelli Fanti Giovanni f.f Cristina Facciotto Alberto Saragosa Marco Morelli Giampiero Mariotti Marco Fanti Le emergenze di rilevanza dipartimentale o comunque tali da coinvolgere più Centri di responsabilità sono coordinate dal Direttore del Dipartimento o dal suo sostituto. Durante e/o dopo l evento calamitoso le strutture del Dipartimento della vengono allertate, per le varie funzioni di competenza, dalla Centrale del 118, titolare delle attivazioni delle diverse

12 DI PREVENZIONE DELL AZIENDA DI Pag. 12 di 78 reperibilità sia per il personale della dirigenza medica e veterinaria, sia per il personale sanitario e tecnico del comparto. Z O N A S E N E S E Z O N A V AL D EL S A Z O N A V AL DI C HI A N A Z O N A A MI AT A Struttura Medici Veterinari Tecnici U.F. ISP X X U.F. PISLL X Operatori Tecnici U.F. SPV X X X U.F. Med. Legale X U.F. ISP X X U.F. PISLL U.F. SPV X X X U.F. Med. Legale X U.F. ISP X X U.F. PISLL U.F. SPV X X X U.F. Med. Legale X U.F. ISP X X U.F. PISLL U.F. SPV X X X U.F. Med. Legale X X X X

13 DI PREVENZIONE DELL AZIENDA DI Pag. 13 di 78 Dipartimento di In caso di stato di emergenza dichiarato dalla Sala Operativa Provinciale della Protezione Civile, la Centrale Operativa del 118 allerta direttamente le Unità Funzionali territoriali che fanno capo alle strutture del Dipartimento coinvolte nell emergenza per le funzioni di cui sono titolari, al fine di consentire una reazione immediata e contestuale al realizzarsi dell emergenza. Nel caso di emergenze gravi che prevedono una risposta integrata delle varie Unità Funzionali di una specifica, ne viene contemporaneamente informato il Direttore del dipartimento., che deve coordinare gli interventi operativi sia a livello territoriale che professionale. Igiene e Sanità Pubblica Il Dirigente medico o il tecnico della prevenzione che riceve la notizia dello stato di emergenza in normale turno di lavoro (orario antimeridiano o postmeridiano) o in pronta disponibilità (orario notturno, prefestivo e festivo) è titolare del primo intervento che deve assicurare l Unità Funzionale territoriale coinvolta dall emergenza, con il contributo del personale delle varie professionalità presenti o attivabili tramite i turni di reperibilità. Nel più breve tempo possibile deve poi essere trasferita al Responsabile dell Unità Funzionale la direzione dell operatività della Struttura, se del caso anche con il richiamo in servizio del personale rintracciabile. Di fronte ad una emergenza di grave entità o che coinvolge più Unità Funzionali dell Igiene e Sanità Pubblica sarà rapidamente ricondotto al Direttore del Dipartimento di, con il supporto dei Direttori delle UU.OO. del settore, il coordinamento degli interventi delle varie Unità Funzionali. Nell ordine le figure elencate si avvicendano come rappresentanti del settore Igiene e Sanità Pubblica presso la Sala Operativa Provinciale della Protezione Civile, se formalmente viene lì richiesto il contributo del settore. Emergenza per calamità naturale o evento calamitoso Il Dirigente medico o il tecnico della prevenzione titolare del primo intervento dell Unità Funzionale coinvolta nell emergenza, poi il Responsabile dell Unità Funzionale e infine il Direttore del Dipartimento di, con il supporto dei Direttori delle UU.OO. del settore, nelle varie fasi dell emergenza valutano le priorità dei seguenti interventi operativi in base alle caratteristiche ed alla gravità dell intervento nonché in base alla sua diffusione territoriale:

14 DI PREVENZIONE DELL AZIENDA DI Pag. 14 di stabilizzazione del supporto logistico alla Struttura (autoparco, sistemi di comunicazione, ecc.) 2. mappatura territoriale delle attività produttive e degli ambienti di vita interessate dalle calamità 3. verifiche dirette in campo per la valutazione sull idoneità igienico sanitaria degli impianti primari e secondari a proseguire l attività produttiva 4. individuazione degli impianti produttivi e degli ambienti di vita da sottoporre a disinfezioni e disinfestazioni 5. comunicazione al dell Az. USL 7 delle informazioni opportune da diffondere alla popolazione, alle Associazioni professionali ed alle Associazioni di volontariato (cosa è successo / perché è successo / provvedimenti) 6. comunicazione alle Autorità di particolari situazioni a rischio per i provvedimenti di competenza 7. formalizzazione degli atti amministrativi di supporto alle competenze degli Enti Locali preposti al governo delle emergenze e all erogazione degli aiuti Emergenza per epidemia nella popolazione umana Il Dirigente medico titolare del primo intervento dell Unità Funzionale coinvolta nell emergenza, poi il Responsabile dell U.F. e infine il Direttore del Dipartimento di, con il supporto del Direttore dell U.O. del settore, nelle varie fasi dell emergenza valutano le priorità dei seguenti interventi operativi in base alle caratteristiche ed alla gravità dell intervento nonché in base alla sua diffusione territoriale; diramano le opportune direttive al personale per minimizzare le possibilità di diffusione iatrogena dell agente infettivo: 1. stabilizzazione del supporto logistico alla Struttura (autoparco, sistemi di comunicazione, ecc.) 2. mappatura territoriale del focolaio infettivo 3. richiesta di assistenza e consulenza alle Strutture Aziendali e Ospedaliere di diagnosi e cura 4. coordinamento e collaborazione con i Medici di Medicina Generale e con i Pediatri di Libera Scelta in caso di epidemie di grandi proporzioni 5. richiesta di assistenza e consulenza all Unità Funzionale Veterinaria competente per territorio nel caso di antropo/zoonosi 6. verifiche dirette in campo per la valutazione sui provvedimenti di contumacia da attuare 7. predisposizione dell indagine epidemiologica preliminare ed immediata trasmissione delle risultanze agli altri Servizi territoriali eventualmente interessati 8. attivazione ditte per disinfezione e disinfestazione 9. emanazione provvedimenti di isolamento territoriale mediante la definizione delle Zone di sorveglianza e di protezione 10. comunicazione al dell Az. USL 7 delle informazioni opportune da diffondere alla popolazione ed alle Associazioni professionali (cosa è successo / perché è successo / provvedimenti) 11. comunicazione alle Autorità di particolari situazioni a rischio per i provvedimenti di competenza 12. formalizzazione degli atti amministrativi di supporto alle competenze degli Enti Locali preposti al governo delle emergenze e all erogazione degli aiuti

15 DI PREVENZIONE DELL AZIENDA DI Medicina Legale Pag. 15 di 78 Il Dirigente medico che riceve la notizia dello stato di emergenza in normale turno di lavoro (orario antimeridiano o postmeridiano) o in pronta disponibilità (orario notturno, prefestivo e festivo) è titolare del primo intervento che deve assicurare l Unità Funzionale territoriale coinvolta dall emergenza, con il contributo del personale delle varie professionalità presenti o attivabili tramite i turni di reperibilità. Nel più breve tempo possibile deve poi essere trasferita al Responsabile dell Unità Funzionale la direzione dell operatività della Struttura, se del caso anche con il richiamo in servizio del personale rintracciabile. Di fronte ad una emergenza di grave entità sarà rapidamente ricondotto al Direttore del Dipartimento di stesso il coordinamento degli interventi delle varie Unità Funzionali. Nell ordine le figure elencate si avvicendano come rappresentanti del settore Medicina Legale presso la Sala Operativa Provinciale della Protezione Civile, se formalmente viene lì richiesto il contributo del settore. Emergenza per calamità naturale o evento calamitoso Il Dirigente medico titolare del primo intervento dell Unità Funzionale coinvolta nell emergenza, poi il Responsabile dell Unità Funzionale e infine il Direttore del Dipartimento di nelle varie fasi dell emergenza valutano le priorità dei seguenti interventi operativi in base alle caratteristiche ed alla gravità dell intervento nonché in base alla sua diffusione territoriale: 1. stabilizzazione del supporto logistico alla Struttura (autoparco, sistemi di comunicazione, ecc.) 2. mappatura territoriale dell evento calamitoso 3. verifiche dirette in campo per l espletamento dell attività certificativi e di polizia mortuaria 4. individuazione degli ambienti da sottoporre a disinfezioni e disinfestazioni 5. comunicazione al dell Az. USL 7 delle informazioni opportune da diffondere alla popolazione ed alle Associazioni professionali (cosa è successo / perché è successo / provvedimenti) 6. comunicazione alle Autorità di particolari situazioni a rischio per i provvedimenti di competenza 7. formalizzazione degli atti amministrativi di supporto alle competenze degli Enti Locali preposti al governo delle emergenze e all erogazione degli aiuti Igiene degli Alimenti Il Dirigente medico o veterinario o il tecnico della prevenzione che riceve la notizia dello stato di emergenza in normale turno di lavoro (orario antimeridiano o postmeridiano) o in pronta disponibilità (orario notturno, prefestivo e festivo) è titolare del primo intervento che deve assicurare l Unità Funzionale territoriale coinvolta dall emergenza, con il contributo del personale delle varie professionalità presenti o attivabili tramite i turni di reperibilità.

16 DI PREVENZIONE DELL AZIENDA DI Pag. 16 di 78 Nel più breve tempo possibile deve poi essere trasferita al Responsabile dell Unità Funzionale (Igiene e Sanità Pubblica o Sanità Pubblica Veterinaria) la direzione dell operatività della Struttura, se del caso anche con il richiamo in servizio del personale rintracciabile. Di fronte ad una emergenza di grave entità che coinvolge sia l U.F. Igiene e Sanità Pubblica che l U.F. Sanità Pubblica Veterinaria sarà rapidamente ricondotto al Direttore del Dipartimento di (nel caso siano coinvolte due o più Zone), supportati entrambi dai Direttori di U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione, U.O. Igiene degli Alimenti di Origine Animale e U.O. Tecnici della in ambito veterinario, il coordinamento degli interventi delle rispettive Unità Funzionali. Nell ordine le figure elencate si avvicendano come rappresentanti dei settori Igiene e Sanità Pubblica / Veterinaria presso la Sala Operativa Provinciale della Protezione Civile, se formalmente viene lì richiesto il contributo del Settore. Emergenza per calamità naturale o evento calamitoso Il Dirigente medico o veterinario o il tecnico della prevenzione titolare del primo intervento dell Unità Funzionale coinvolta nell emergenza, poi il Responsabile dell Unità Funzionale e il Direttore del Dipartimento di (nel caso siano coinvolte due o più Zone) nelle varie fasi dell emergenza valutano le priorità dei seguenti interventi operativi in base alle caratteristiche ed alla gravità dell intervento nonché in base alla sua diffusione territoriale: 1. stabilizzazione del supporto logistico alla Struttura (autoparco, sistemi di comunicazione, ecc.) 2. mappatura territoriale delle attività produttive primarie (allevamenti) e delle fonti di approvvigionamento idropotabile interessate dalla calamità. 3. mappatura territoriale delle attività produttive secondarie (industrie di trasformazione e centri di deposito o smercio di alimenti) interessate dalla calamità 4. verifiche dirette in campo per la valutazione sull idoneità degli impianti primari e secondari a proseguire l attività produttiva 5. verifiche dirette in campo per la valutazione sull idoneità al consumo umano diretto (senza un eventuale risanamento) degli alimenti già stoccati e delle acque potabili 6. verifiche dirette in campo per la valutazione sull idoneità al consumo animale diretto (senza un eventuale risanamento) dei mangimi già stoccati 7. adozione di provvedimenti di sequestro di alimenti inidonei al consumo umano 8. adozione di provvedimenti di sequestro di mangimi inidonei al consumo animale 9. supporto di consulenza agli Enti Locali competenti alla distruzione di alimenti e carcasse animali 10. individuazione degli impianti produttivi primari e secondari da sottoporre a disinfezioni e disinfestazioni 11. comunicazione al dell Az. USL 7 delle informazioni opportune da diffondere alla popolazione ed alle Associazioni professionali degli Allevatori ed alle Associazioni dei produttori di alimenti (cosa è successo / perché è successo / provvedimenti) 12. comunicazione alle Autorità di particolari situazioni a rischio per i provvedimenti di competenza 13. formalizzazione degli atti amministrativi di supporto alle competenze degli Enti Locali preposti al governo delle emergenze e all erogazione degli aiuti

17 DI PREVENZIONE DELL AZIENDA DI Pag. 17 di 78 Laboratori di Sanità Pubblica Il Dirigente chimico/medico/biologo che riceve la notizia dello stato di emergenza è titolare del primo intervento che deve assicurare l Unità Funzionale territoriale coinvolta dall emergenza, con il contributo del personale delle varie professionalità presenti o attivabili tramite i turni di reperibilità. Nel più breve tempo possibile deve poi essere trasferita al Responsabile dell Unità Funzionale la direzione dell operatività della Struttura, se del caso anche con il richiamo in servizio del personale rintracciabile. Di fronte ad una emergenza di grave entità o che coinvolge più Unità Funzionali sarà rapidamente ricondotto al Direttore del Dipartimento di stesso il coordinamento degli interventi delle varie Unità Funzionali. Nell ordine le figure elencate si avvicendano come rappresentanti del Laboratorio di Sanità Pubblica presso la Sala Operativa Provinciale della Protezione Civile, se formalmente viene lì richiesto il contributo del settore. Emergenza per calamità naturale o evento calamitoso Il Dirigente chimico/medico/biologo titolare del primo intervento dell Unità Funzionale coinvolta nell emergenza, poi il Responsabile dell Unità Funzionale e infine il Direttore del Dipartimento di nelle varie fasi dell emergenza valutano le priorità dei seguenti interventi operativi in base alle caratteristiche ed alla gravità dell intervento nonché in base alla sua diffusione territoriale: 1. supporto per le verifiche dirette in campo ed in laboratorio per la valutazione sull idoneità igienico sanitaria degli impianti primari e secondari a proseguire l attività produttiva 2. supporto per l individuazione degli impianti produttivi primari e secondari e degli ambienti di vita da sottoporre a disinfezioni e disinfestazioni 3. comunicazione alle Autorità di particolari ulteriori situazioni a rischio per i provvedimenti di competenza 4. formalizzazione degli atti amministrativi di supporto alle competenze degli Enti Locali preposti al governo delle emergenze e all erogazione degli aiuti. Emergenza per epidemia nella popolazione umana Il Dirigente chimico/medico/biologo titolare del primo intervento dell Unità Funzionale coinvolta nell emergenza, poi il Responsabile della dell Unità Funzionale e infine il Direttore del Dipartimento di nelle varie fasi dell emergenza valutano le priorità dei seguenti interventi operativi in base alle caratteristiche ed alla gravità dell intervento nonché in base alla sua diffusione territoriale; diramano le opportune direttive al personale per minimizzare le possibilità di diffusione iatrogena dell agente infettivo: 1. richiesta di assistenza alle Unità Funzionali di Igiene e Sanità Pubblica e di Sanità Pubblica Veterinaria competenti per territorio nel caso di antropozoonosi, zoonosi e tossinfezioni alimentari 2. verifiche in campo ed in laboratorio per la valutazione sui provvedimenti di isolamento da attuare in collaborazione con le UU.FF. di cui sopra

18 DI PREVENZIONE DELL AZIENDA DI Pag. 18 di predisposizione dell indagine epidemiologica preliminare ed immediata trasmissione delle risultanze agli altri Servizi territoriali eventualmente interessati 4. supporto alle Unità Funzionali di Igiene e Sanità Pubblica e di Sanità Pubblica Veterinaria competenti per territorio, per l emanazione di provvedimenti di isolamento territoriale mediante la definizione di Zone di sorveglianza e di protezione 5. comunicazione alle Autorità di particolari situazioni a rischio per i provvedimenti di competenza 6. formalizzazione degli atti amministrativi di supporto alle competenze degli Enti Locali preposti al governo delle emergenze e all erogazione degli aiuti Igiene e Sicurezza nei luoghi di lavoro Il Dirigente medico o ingegnere oppure il tecnico della prevenzione che riceve la notizia dello stato di emergenza in normale turno di lavoro (orario antimeridiano o postmeridiano) o in pronta disponibilità (orario notturno, prefestivo e festivo) è titolare del primo intervento che deve assicurare l Unità Funzionale territoriale coinvolta dall emergenza, con il contributo del personale delle varie professionalità presenti o attivabili tramite i turni di reperibilità. Nel più breve tempo possibile deve poi essere trasferita al Responsabile dell Unità Funzionale la direzione dell operatività della Struttura, se del caso anche con il richiamo in servizio del personale rintracciabile. Di fronte ad una emergenza di grave entità o che coinvolge più Unità Funzionali del l U.F. PISLL (, Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro) sarà rapidamente ricondotto al Direttore del Dipartimento di, con il supporto dei Direttori delle UU.OO. del settore, il coordinamento degli interventi delle varie Unità Funzionali. Nell ordine le figure elencate si avvicendano come rappresentanti del settore Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro presso la Sala Operativa Provinciale della Protezione Civile, se formalmente viene lì richiesto il contributo del Settore. Emergenza per calamità naturale o evento calamitoso Il titolare del primo intervento dell Unità Funzionale coinvolta nell emergenza, poi il Responsabile dell Unità Funzionale e infine il Direttore del Dipartimento di nelle varie fasi dell emergenza valutano le priorità dei seguenti interventi operativi in base alle caratteristiche ed alla gravità dell intervento nonché in base alla sua diffusione territoriale: 1. stabilizzazione del supporto logistico alla Struttura (autoparco, sistemi di comunicazione, ecc.) 2. mappatura territoriale delle attività produttive (ad alto rischio) interessate dalle calamità 3. verifiche dirette in campo per la valutazione sull idoneità degli impianti (ad alto rischio) interessati dalla calamità a proseguire l attività produttiva 4. comunicazione al dell Az. USL 7 delle informazioni opportune da diffondere alla popolazione, alle Associazioni dei datori di lavoro e alle organizzazioni sindacali 5. comunicazione alle Autorità di particolari situazioni a rischio per i provvedimenti di competenza

19 DI PREVENZIONE DELL AZIENDA DI Sanità Pubblica Veterinaria Pag. 19 di 78 Il Dirigente veterinario o il tecnico della prevenzione che riceve la notizia dello stato di emergenza in normale turno di lavoro (orario antimeridiano o postmeridiano) o in pronta disponibilità (orario notturno, prefestivo e festivo) è titolare del primo intervento che deve assicurare l Unità Funzionale territoriale coinvolta dall emergenza, con il contributo del personale delle varie professionalità presenti o attivabili tramite i turni di reperibilità. Nel più breve tempo possibile deve poi essere trasferita al Responsabile dell Unità Funzionale la direzione dell operatività della Struttura, se del caso anche con il richiamo in servizio del personale rintracciabile. Di fronte ad una emergenza di grave entità o che coinvolge più Unità Funzionali della Sanità Pubblica Veterinaria sarà rapidamente ricondotto al Direttore del Dipartimento di, con il supporto dei Direttori delle UU.OO. del settore, il coordinamento degli interventi delle varie Unità Funzionali. Nell ordine le figure elencate si avvicendano come rappresentanti del settore Veterinario presso la Sala Operativa Provinciale della Protezione Civile, se formalmente viene lì richiesto il contributo del settore. Emergenza per calamità naturale o evento calamitoso Il Dirigente veterinario o il tecnico della prevenzione titolare del primo intervento dell Unità Funzionale coinvolta nell emergenza, poi il Responsabile dell Unità Funzionale e infine il Direttore del Dipartimento di nelle varie fasi dell emergenza valutano le priorità dei seguenti interventi operativi in base alle caratteristiche ed alla gravità dell intervento nonché in base alla sua diffusione territoriale: 1. stabilizzazione del supporto logistico alla Struttura (autoparco, sistemi di comunicazione, ecc.) 2. mappatura territoriale delle attività produttive primarie (allevamenti) interessate dalla calamità. 3. verifiche dirette in campo per la valutazione sull idoneità degli impianti primari e secondari a proseguire l attività produttiva 4. supporto di consulenza agli Enti Locali competenti alla distruzione di alimenti e carcasse animali 5. individuazione degli impianti produttivi primari da sottoporre a disinfezioni e disinfestazioni 6. comunicazione al dell Az. USL 7 delle informazioni opportune da diffondere alla popolazione ed alle Associazioni professionali degli Allevatori 7. coordinamento dei veterinari libero-professionisti per assicurare l assistenza zooiatrica alla popolazione animale nel caso di calamità naturali di vaste proporzioni 8. sopralluoghi per il sequestro ed il riconoscimento ufficiale della proprietà di carcasse di animali morti o di animali vivi in condizioni di temporaneo abbandono 9. comunicazione al dell Az. USL 7 delle informazioni opportune da diffondere alla popolazione, alle Associazioni professionali ed alle Associazioni di volontariato (cosa è successo / perché è successo / provvedimenti) 10. comunicazione alle Autorità di particolari situazioni a rischio per i provvedimenti di competenza 11. formalizzazione degli atti amministrativi di supporto alle competenze degli Enti Locali preposti al governo delle emergenze e all erogazione degli aiuti Emergenza per epidemia nella popolazione umana

20 DI PREVENZIONE DELL AZIENDA DI Pag. 20 di 78 Il Dirigente veterinario o il tecnico della prevenzione titolare del primo intervento dell Unità Funzionale coinvolta nell emergenza, poi il Responsabile dell Unità Funzionale e infine il Direttore del Dipartimento di nelle varie fasi dell emergenza valutano le priorità dei seguenti interventi operativi in base alle caratteristiche ed alla gravità dell intervento nonché in base alla sua diffusione territoriale; diramano le opportune direttive al personale per minimizzare le possibilità di diffusione iatrogena dell agente infettivo: 1. stabilizzazione del supporto logistico alla Struttura (autoparco, sistemi di comunicazione, ecc.) 2. mappatura territoriale delle attività produttive primarie (allevamenti) interessate dall epidemia 3. mappatura territoriale delle attività produttive secondarie (industrie di trasformazione e centri di deposito o smercio di alimenti) interessate dall epidemia 4. richiesta di assistenza e consulenza alle Strutture Aziendali di diagnosi e cura 5. richiesta di assistenza e consulenza al Dipartimento Territoriale dell Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Lazio e Toscana 6. richiesta di assistenza e consulenza all Unità Funzionale Igiene e Sanità Pubblica competente per territorio nel caso di zoonosi 7. verifiche dirette in campo per la valutazione sui provvedimenti di isolamento da attuare per gli impianti primari e secondari 8. predisposizione dell indagine epidemiologica preliminare (contatti con l esterno degli allevamenti o degli stabilimenti di trasformazione interessati) ed immediata trasmissione delle risultanze agli altri Servizi territoriali eventualmente interessati 9. attivazione ditte per disinfezione e disinfestazione presso gli impianti produttivi coinvolti dall emergenza 10. verifiche dirette in campo per la valutazione sui provvedimenti di abbattimento degli animali da attuare presso gli impianti primari 11. supporto di consulenza agli Enti Locali competenti alla distruzione delle carcasse di animali, degli alimenti a loro destinati e delle attrezzature zootecniche 12. emanazione provvedimenti di isolamento territoriale mediante la definizione delle Zone di sorveglianza e di protezione 13. comunicazione al dell Az. USL 7 delle informazioni opportune da diffondere alla popolazione ed alle Associazioni professionali degli allevatori (cosa è successo / perché è successo / provvedimenti) 14. verifiche dirette in campo per la valutazione sulla idoneità al consumo animale diretto (senza un eventuale risanamento) dei mangimi già stoccati 15. adozione di provvedimenti di sequestro di mangimi inidonei al consumo animale 16. sopralluoghi per il segnalamento ed il riconoscimento ufficiale della proprietà di carcasse di animali morti 17. comunicazione alle Autorità di particolari situazioni a rischio per i provvedimenti di competenza 18. formalizzazione degli atti amministrativi di supporto alle competenze degli Enti Locali preposti al governo delle emergenze e all erogazione degli aiuti

SCUOLE PRIMARIE PROVINCIA DI SIENA SIEE000VT8 PROVINCIA DI SIENA

SCUOLE PRIMARIE PROVINCIA DI SIENA SIEE000VT8 PROVINCIA DI SIENA SCUOLE PRIMARIE PROVINCIA DI SIENA SIEE000VT8 PROVINCIA DI SIENA SIEE026ZA3 DISTRETTO 026 SICT700002 CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE - ISTRUZIONE IN ETA' ADULTA POGGIBONSI - VIA PIERACCINI N. 5 (NON ESPRIMIBILE

Dettagli

SPORTELLI UNICI PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE

SPORTELLI UNICI PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE SPORTELLI UNICI PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE S.U.A.P. Colle Val D'Elsa Responsabile SUAP Alberto Rabazzi Indirizzo PEC : comune.collevaldelsa@postecert.it Indirizzo mail : suap@comune.collevaldelsa.it Tel

Dettagli

PRIMARIE 2012 25 NOVEMBREE DALLA 8 ALLE 20** ABBADIA SAN SALVATORE Via Adua, 9 * ASCIANO Saletta comunale, Via Mameli (sezioni elettorali n.

PRIMARIE 2012 25 NOVEMBREE DALLA 8 ALLE 20** ABBADIA SAN SALVATORE Via Adua, 9 * ASCIANO Saletta comunale, Via Mameli (sezioni elettorali n. PRIMARIE 2012 25 NOVEMBREE DALLA 8 ALLE 20** ABBADIA SAN SALVATORE Via Adua, 9 * ASCIANO Saletta comunale, Via Mameli (sezioni elettorali n. 1, 2, 3 e 6)* Centro Sociale "Asciano Scalo", Via Martiri della

Dettagli

Elenco aggiornato al 18 settembre 2014

Elenco aggiornato al 18 settembre 2014 Elenco aggiornato al 18 settembre 2014 Descrizione immobile Ubicazione Comune AUTORIMESSA LOCALITA' BADESSE MONTERIGGIONI 54 694 5 LOCALITA' BADESSE 54 694 10 D/1 2.140,00 AUTORIMESSA LOCALITA' BASCIANO

Dettagli

Iniziativa della. Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Siena. in collaborazione con la

Iniziativa della. Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Siena. in collaborazione con la BANDO PER LA CONCESSIONE ALLE PMI DEL SETTORE AGRICOLO DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU FINANZIAMENTI FINALIZZATI AGLI INVESTIMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI PER LA PRODUZIONE, LA TRASFORMAZIONE

Dettagli

Iniziativa della. Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Siena. in collaborazione con la

Iniziativa della. Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Siena. in collaborazione con la BANDO PER LA CONCESSIONE ALLE PMI DEI SETTORI INDUSTRIA E ARTIGIANATO DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU FINANZIAMENTI PER LA RICERCA INDUSTRIALE E LO SVILUPPO PRECOMPETITIVO, PER INTERVENTI DI CAPITALIZZAZIONE

Dettagli

RINA. DIREZIONE GENERALE Via Corsica, 12 16128 GENOVA

RINA. DIREZIONE GENERALE Via Corsica, 12 16128 GENOVA 1 RINA DIREZIONE GENERALE Via Corsica, 12 16128 GENOVA CONVALIDA PER CONFORMITA AL REGOLAMENTO CE N 761/01 del 19.03.2001 ( Accreditamento IT - V - 0002 ) N. _ 171 _ Dr. Roberto Cavanna Direttore Divisione

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA Allegato B) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA ENTE 1) Ente proponente il progetto: AZIENDA SANITARIA LOCALE 7 SIENA 2) Codice regionale: RT1S00051 RT 2bis)

Dettagli

118. 32. IOS. 14 PIANO RISCHIO IDROGEOLOGICO E IDRAULICO

118. 32. IOS. 14 PIANO RISCHIO IDROGEOLOGICO E IDRAULICO Pagina 1 di 11 Rev. Data Motivo revisione Redazione Verificato Approvato Resp. Uff. Processi e Procedure Accreditamento - S. Zanchi 0 20-02-2014 Ref. Med. Maxiemergenze - G. Panzardi. SS Protocolli - F.

Dettagli

ELENCO SCUOLE DELLA PROVINCIA DI SIENA A.S. 2011/2012

ELENCO SCUOLE DELLA PROVINCIA DI SIENA A.S. 2011/2012 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana UFFICIO XVIII Ambito Territoriale della Provincia di SIENA Piazza Amendola 29, 53100 SIENA - Tel.

Dettagli

Disegnare il proprio futuro. L'offerta di istruzione in provincia di Siena nell'anno scolastico 2010/11

Disegnare il proprio futuro. L'offerta di istruzione in provincia di Siena nell'anno scolastico 2010/11 Disegnare il proprio futuro 'offerta di istruzione in provincia di nell'anno scolastico 2010/11 San Gimignano oggibonsi Castellina in Chianti Radda in Chianti Gaiole in Chianti Mappa Offerta Monteriggioni

Dettagli

3.Comunicazioni del Comitato Regionale Toscana

3.Comunicazioni del Comitato Regionale Toscana C.U. N. 10 pag 98 Federazione Italiana Giuoco Calcio Lega Nazionale Dilettanti DELEGAZIONE PROVINCIALE DI SIENA PIAZZALE F.LLI ROSSELLI, 13 53100 SIENA TELEFONO: 0577 51889 FAX: 0577 51920 Casella Postale

Dettagli

SIENA - PIEVASCIATA - PONTE DI PIANELLA

SIENA - PIEVASCIATA - PONTE DI PIANELLA Linea 102 /A SIENA - PIEVASCIATA - PONTE DI PIANELLA 2852 11360 2854 SIENA FS BOTTEGA NUOVA COLLECCHIO GEGGIANO CATIGNANO PIEVASCIATA MONTEROPOLI LE BARBOCCE CANONICA PIANELLA 12:50 12:52 13:03 13:06 13:10

Dettagli

Disegnare il proprio futuro

Disegnare il proprio futuro Ufficio Scolastico Provinciale di Siena Disegnare il proprio futuro Guida alla scelta della scuola superiore nella Provincia di Siena Indice Una guida per aiutarti nella scelta della scuola superiore 3

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA Allegato A, parte integrante e sostanziale della Delibera G.P. n 288 del 26.10.2010 TRA Provincia di Siena Prefettura di Siena Comunità Montana Amiata Val D Orcia Unione de Comuni della

Dettagli

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2011-2013

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2011-2013 RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2011-2013 SOMMARIO 1 Sezione I - CARATTERISTICHE GENERALI DELLA POPOLAZIONE, DEL TERRITORIO, DELL ECONOMIA INSEDIATA E DEI SERVIZI DELL ENTE pag. 1 1.1 Popolazione

Dettagli

UTG-Prefettura Bari. Il Metodo AUGUSTUS. La Funzione 2. Nella Sala Operativa - CCS. Brevi note riassuntive sui compiti del responsabile della funzione

UTG-Prefettura Bari. Il Metodo AUGUSTUS. La Funzione 2. Nella Sala Operativa - CCS. Brevi note riassuntive sui compiti del responsabile della funzione UTG-Prefettura Bari Il Metodo AUGUSTUS La Funzione 2 Nella Sala Operativa - CCS Brevi note riassuntive sui compiti del responsabile della funzione Le funzioni di supporto: SALA OPERATIVA CENTRO COORDINAMENTO

Dettagli

LA GIUNTA PROVINCIALE

LA GIUNTA PROVINCIALE COPIA Amministrazione Provinciale di Siena VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE Adunanza del 27 FEBBRAIO 2007 N. 28 Oggetto: Programma di incentivi finalizzato alla sostituzione ed all adeguamento

Dettagli

Premessa...3. La composizione dell offerta ricettiva provinciale...4. Evoluzione dell offerta ricettiva in provincia di Siena...8

Premessa...3. La composizione dell offerta ricettiva provinciale...4. Evoluzione dell offerta ricettiva in provincia di Siena...8 Il Sistema della ricettività turistica in Provincia di Siena: aspetti strutturali e qualitativi Gennaio 2015 Sommario Premessa...3 La composizione dell offerta ricettiva provinciale...4 Evoluzione dell

Dettagli

OGGETTO: Pubblico incanto per la fornitura di Gas Metano per l Anno Termico 2013-14 alla Società

OGGETTO: Pubblico incanto per la fornitura di Gas Metano per l Anno Termico 2013-14 alla Società Firenze, 18 settembre 2013 OGGETTO: Pubblico incanto per la fornitura di Gas Metano per l Anno Termico alla Società Consortile Energia Toscana. Esito gara. Il giorno 14 Agosto 2013, si è formalmente chiusa

Dettagli

1 di 3 07/03/2014 10.07

1 di 3 07/03/2014 10.07 Sport e cultura per 300 studenti alla scoperta di Asciano e Rapolano - a... http://ilcittadinoonline.it/news/169861/sport_e_cultura_per stude... HOME CRONACA SPORT PALIO CULTURA E SPETTACOLI EDITORIALI

Dettagli

C è una novità in Biblioteca!

C è una novità in Biblioteca! C è una novità in Biblioteca! Pensi che in biblioteca ci siano solo libri Vieni in una delle biblioteche o istituti culturali della provincia di Siena e iscriviti a Medialibraryonline (basta una e-mail

Dettagli

IL SISTEMA INFORMATIVO GEOGRAFICO INTEGRATO DEL TERRITORIO SENESE

IL SISTEMA INFORMATIVO GEOGRAFICO INTEGRATO DEL TERRITORIO SENESE IL SISTEMA INFORMATIVO GEOGRAFICO INTEGRATO DEL TERRITORIO SENESE Paolo Menicori responsabile del SIT dell Amministrazione Provinciale di Siena - tel. 0577/241457 fax 0577/241470 e-mail menicori@provincia.siena.it

Dettagli

AGENDA PREDISPOSIZIONE DELL INDAGINE. RISULTATI DELL INDAGINE Flussi di utenza RISULTATI DELL INDAGINE. Caratteristiche degli utenti

AGENDA PREDISPOSIZIONE DELL INDAGINE. RISULTATI DELL INDAGINE Flussi di utenza RISULTATI DELL INDAGINE. Caratteristiche degli utenti FLUSSI DI UTENZA DELLA BIBLIOTECA COMUNALE Risultati indagine campionaria febbraio marzo 2010 Siena, marzo 2010 AGENDA PREDISPOSIZIONE DELL INDAGINE Gruppo di lavoro, redazione questionario, test, formazione

Dettagli

PROGETTO NUOVA ORGANIZZAZIONE DELLA SEGNALETICA ALBERGHIERA

PROGETTO NUOVA ORGANIZZAZIONE DELLA SEGNALETICA ALBERGHIERA PROGETTO NUOVA ORGANIZZAZIONE DELLA SEGNALETICA ALBERGHIERA 2011 schede 1-22 1 L 1-010 NUOVA SEGNALETICA 1-009 I M 1-012 STRADA DI PESCAIA G 1-007 STRADA DI MONTALBUCCIO via fraiese N 1-011 H 1-008 STRADA

Dettagli

COGNOME NOME LUOGO NASCITA DATA NASCITA

COGNOME NOME LUOGO NASCITA DATA NASCITA CONVOCATI ORE 9,00 1 BANDINI DANIELE COLLE DI VAL D'ELSA 18/04/1964 2 BANI LUCIANO SAN GIMIGNANO 08/11/1963 3 BARDERI ALESSIO COLLE DI VAL D'ELSA 13/11/1979 4 BARDERI MAURO POGGIBONSI 09/09/1949 5 BARTALESI

Dettagli

Spett.le Siena Casa Spa Via B. Monteluc,2 53100 Siena (SI)

Spett.le Siena Casa Spa Via B. Monteluc,2 53100 Siena (SI) Spett.le Siena Casa Spa Via B. Monteluc,2 53100 Siena (SI) II sottoscritto MARI MARCO nato a SAN GIMIGNANO il 04/08/1965, iscritto all Albo Ingegneri della prov. di Siena al N. 576 socio dello STUDIO TECNICO

Dettagli

La nostra associazione ha realizzato alcune convenzioni in favore dei soci con alcuni studi medici e con alcuni privati a tariffe agevolate...

La nostra associazione ha realizzato alcune convenzioni in favore dei soci con alcuni studi medici e con alcuni privati a tariffe agevolate... La nostra associazione ha realizzato alcune convenzioni in favore dei soci con alcuni studi medici e con alcuni privati a tariffe agevolate... SERVIZI CONVENZIONATI SERVIZI CONVENZIONATI A.S.P. Siena Farmacia

Dettagli

118. 32. PS. 08 ATTIVAZIONE ENTI

118. 32. PS. 08 ATTIVAZIONE ENTI Pagina 1 di 6 Rev. Data Redazione Verificato Approvato 0 15/03/2012 Resp. Protocolli - S. Dami Coord. Inf. R. Montalbano UO Assicurazione Qualità Resp UO EST F. Palumbo Resp. DEU F. Palumbo Pagina 2 di

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE " G a l i l e o G a l i l e i " SIENA

LICEO SCIENTIFICO STATALE  G a l i l e o G a l i l e i  SIENA 1 ) C a r t a, c a n c e l l e r i a, s t a m p a t i e c o n s u m a b i l i p e r u f f i c i o Cancelli Srl TuttoUfficio Strada di Cerchiaia 32 53100 Siena MondOffice Srl Via per Gattinara 17 13851

Dettagli

Rapporto sulle lingue e le imprese nella provincia di Siena

Rapporto sulle lingue e le imprese nella provincia di Siena Rapporto sulle lingue e le imprese nella provincia di Siena Al fine di comprendere quali siano le lingue utilizzabili dal sistema economico della provincia di Siena per l internazionalizzazione delle imprese,

Dettagli

STUDIO TECNICO DOTT.ING. VINCENZO PAGANO

STUDIO TECNICO DOTT.ING. VINCENZO PAGANO CURRICULUM VITAE ATTIVITA' PROFESSIONALE DOTT. ING. VINCENZO PAGANO nato a: NAPOLI IL 07/01/1957 residente a: SIENA-VIA CADUTI DI VICOBELLO N 31 studio in: SIENA-PIAZZA S. GIOVANNI N 4 Codice fiscale:

Dettagli

Servono maggiori risorse per tutelare il nostro settore

Servono maggiori risorse per tutelare il nostro settore Servono maggiori risorse per tutelare il nostro settore Il nostro obiettivo quotidiano è quello di difendere il settore dei trasporti pubblici dai continui tagli di risorse che ci vengono e quindi evitare

Dettagli

INDICE. DICE Sezione 1 - Caratteristiche generali della popolazione, del territorio, dell economia insediata e dei servizi dell Ente

INDICE. DICE Sezione 1 - Caratteristiche generali della popolazione, del territorio, dell economia insediata e dei servizi dell Ente INDICE DICE Sezione 1 - Caratteristiche generali della popolazione, del territorio, dell economia insediata e dei servizi dell Ente 1.1 Popolazione......5 1.2 Territorio...11 1.3 Servizi 1.3.1 Risorse

Dettagli

Tabella 1 - Elenco e quantificazione degli spazi e delle attrezzature pubbliche e di interesse pubblico presenti sul territorio - Dicembre 2008

Tabella 1 - Elenco e quantificazione degli spazi e delle attrezzature pubbliche e di interesse pubblico presenti sul territorio - Dicembre 2008 Tabella 1 - Elenco e quantificazione degli spazi e delle attrezzature pubbliche e di interesse pubblico presenti sul territorio - Dicembre 2008 Tipologia del servizio livello territoriale Indirizzo Proprietà

Dettagli

Piano interprovinciale di gestione dei rifiuti dell ATO Toscana sud. Proposta di Piano

Piano interprovinciale di gestione dei rifiuti dell ATO Toscana sud. Proposta di Piano AREZZO GROSSETO SIENA Piano interprovinciale di gestione dei rifiuti dell ATO Toscana sud Proposta di Piano Allegato Impianti esistenti Provincia di Impianti autorizzati in Provincia di Impianti autorizzati

Dettagli

OGGETTO: nomina componenti organismi dedicati alla prevenzione, sorveglianza e controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza (I.C.A.).

OGGETTO: nomina componenti organismi dedicati alla prevenzione, sorveglianza e controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza (I.C.A.). Deliberazione n. 916 del 29 07 2009 OGGETTO: nomina componenti organismi dedicati alla prevenzione, sorveglianza e controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza (I.C.A.). IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO

Dettagli

Siena, 18 Febbraio 2013 SIHOTEL MONTAPERTI SRL SIHOTEL MONTAPERTI SRL 53041 ASCIANO (SI) Sezione Provinciale di Siena. Spett.le

Siena, 18 Febbraio 2013 SIHOTEL MONTAPERTI SRL SIHOTEL MONTAPERTI SRL 53041 ASCIANO (SI) Sezione Provinciale di Siena. Spett.le SIHOTEL MONTAPERTI SRL SIHOTEL MONTAPERTI SRL STRADA DI POGGIO AL VENTO 1/A 53041 ASCIANO (SI) RELAIS LA SUVERA SRL RELAIS LA SUVERA LOCALITA' LA SUVERA - PIEVESCOLA 70 53031 CASOLE D'ELSA (SI) ANTICA

Dettagli

Disegnare il proprio futuro

Disegnare il proprio futuro Ufficio Scolastico XVIII Ambito Territoriale della provincia di Siena Disegnare il proprio futuro Guida alla scelta della scuola superiore nella provincia di Siena - a. s. 2011/2012 Indice Una guida per

Dettagli

Premessa...3. L Imposta di Soggiorno in Italia...5. L Imposta di Soggiorno in Toscana...7. L imposta di Soggiorno in Provincia di Siena...

Premessa...3. L Imposta di Soggiorno in Italia...5. L Imposta di Soggiorno in Toscana...7. L imposta di Soggiorno in Provincia di Siena... L imposta di soggiorno nei comuni della provincia di Siena: i riflessi sul mercato a due anni dall introduzione del tributo Sommario Premessa...3 L Imposta di Soggiorno in Italia...5 L Imposta di Soggiorno

Dettagli

La preparazione e la gestione della risposta alle emergenze sanitarie Genova 12-13 Dicembre 2006

La preparazione e la gestione della risposta alle emergenze sanitarie Genova 12-13 Dicembre 2006 La preparazione e la gestione della risposta alle emergenze sanitarie Genova 12-13 Dicembre 2006 Dott.ssa Speranza Sensi ASL 3 Genovese - Regione Liguria SICUREZZA SANITARIA GLOBALE gli impegni assunti

Dettagli

Abbadia Ardenga Il Poggio Via Romana, 139 SIENA (SI) 0577834150 info@abbadiardengapoggio.it

Abbadia Ardenga Il Poggio Via Romana, 139 SIENA (SI) 0577834150 info@abbadiardengapoggio.it Abbadia Ardenga Il Poggio Via Romana, 139 SIENA (SI) 0577834150 info@abbadiardengapoggio.it Agricola Tamburini via Catignano n. 106 GAMBASSI TERME (FI) 0571680235 emanuela@agricolatamburini.it Agricoltori

Dettagli

SPETT. LE FINANZIARIA SENESE DI SVILUPPO SPA PIAZZA MATTEOTTI N. 30 53100 SIENA

SPETT. LE FINANZIARIA SENESE DI SVILUPPO SPA PIAZZA MATTEOTTI N. 30 53100 SIENA Si richiede l apposizione del timbro postale per la data certa../../. Documento unico formato da n. pagine 1 SPETT. LE FINANZIARIA SENESE DI SVILUPPO SPA PIAZZA MATTEOTTI N. 30 53100 SIENA Condizioni che

Dettagli

Ruolo della Sanità Pubblica Veterinaria nelle emergenze non epidemiche

Ruolo della Sanità Pubblica Veterinaria nelle emergenze non epidemiche Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali della Regione Emilia Romagna Ruolo della Sanità Pubblica Veterinaria nelle emergenze non epidemiche Bologna 8 maggio 2012 Giuseppe Diegoli Servizio Veterinario

Dettagli

SOCIETÀ DELLA SALUTE l evoluzione dei servizi territoriali in Toscana

SOCIETÀ DELLA SALUTE l evoluzione dei servizi territoriali in Toscana SOCIETÀ DELLA SALUTE l evoluzione dei servizi territoriali in Toscana Mettere insieme soggetti e competenze per avvicinare i servizi alle persone. Realizzazione e stampa Centro stampa Giunta Regione Toscana

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 17-11-2008 (punto N. 12 ) Delibera N.932 del 17-11-2008 DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 17-11-2008 (punto N. 12 ) Delibera N.932 del 17-11-2008 DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 17-11-2008 (punto N. 12 ) Delibera N.932 del 17-11-2008 Proponente ANNA RITA BRAMERINI ENRICO ROSSI DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA

Dettagli

NUMERI UTILI: GUARDIA MEDICA Presidio di Firenzuola tel. 055819752 Firenzuola - Piazza della Misericordia tel. 055819467

NUMERI UTILI: GUARDIA MEDICA Presidio di Firenzuola tel. 055819752 Firenzuola - Piazza della Misericordia tel. 055819467 PROVINCIA DI FIRENZE Tel. (055) 819941 NUMERI UTILI: CARABINIERI Pronto Intervento tel. 112 POLIZIA di STATO Pronto Intervento tel. 113 EMERGENZA INFANZIA - maltrattamento minori tel. 114 VIGILI del FUOCO

Dettagli

SPETT. LE FINANZIARIA SENESE DI SVILUPPO SPA PIAZZA MATTEOTTI N. 30 53100 SIENA

SPETT. LE FINANZIARIA SENESE DI SVILUPPO SPA PIAZZA MATTEOTTI N. 30 53100 SIENA Si richiede l apposizione del timbro postale per la data certa../../. Documento unico formato da n. pagine SPETT. LE FINANZIARIA SENESE DI SVILUPPO SPA PIAZZA MATTEOTTI N. 30 53100 SIENA Condizioni che

Dettagli

Domanda di attivazione del procedimento di assoggettabilità a V.I.A.

Domanda di attivazione del procedimento di assoggettabilità a V.I.A. Domanda di attivazione del procedimento di assoggettabilità a V.I.A. Regione Toscana Settore Valutazione di Impatto Ambientale della Direzione Generale Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e

Dettagli

COMPITI DEI DIRIGENTI, DEI PREPOSTI E DEI LAVORATORI

COMPITI DEI DIRIGENTI, DEI PREPOSTI E DEI LAVORATORI GRUPPO DI RIFERIMENTO PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO COMPITI DEI DIRIGENTI, DEI PREPOSTI E DEI LAVORATORI REV. DATA 0 8.03.2011 1 24.06.2013 2 3 IL REFERENTE DEL GRUPPO Ing. Alessandro Selbmann

Dettagli

GRUPPO INTESA CARTA DEI SERVIZI

GRUPPO INTESA CARTA DEI SERVIZI GRUPPO INTESA CARTA DEI SERVIZI Edizione n. 1 del 12-3-1996 Revisione n. 2 del 22-2-2005 Valida dal 3 marzo 2005 Approvata il 2 marzo 2005 dal CdA di Intesa Spa, dal CdA di IntesaCom e da IntesaGpl, 1/41

Dettagli

Salvaguardare il confronto e il dialogo con l utenza

Salvaguardare il confronto e il dialogo con l utenza Salvaguardare il confronto e il dialogo con l utenza Gestire i servizi di Trasporto Pubblico Locale è diventato sempre più complesso e difficile. Non possiamo negarlo. Sono, infatti, tante le criticità

Dettagli

Annuario Statistico 2013

Annuario Statistico 2013 Annuario Statistico 2013 PROVINCIA DI SIENA A cura Dell Ufficio Statistica Presentazione L Annuario Statistico della Provincia di Siena si sta affermando come un utile punto di riferimento per chi è interessato

Dettagli

DALLA PRODUZIONE AL CONSUMO

DALLA PRODUZIONE AL CONSUMO 1 IGIENE DEGLI ALIMENTI E DELL ALIMENTAZIONE: DALLA PRODUZIONE AL CONSUMO Il ruolo dell Università ità Prof.ssa Maria Triassi Dipartimento di Igiene e Medicina Preventiva Università degli Studi di Napoli

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Dentro e Fuori le Mura 2014 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A 08 Pazienti affetti da patologie temporaneamente e/o permanentemente invalidanti

Dettagli

Elenco dei laboratori di riferimento regionali

Elenco dei laboratori di riferimento regionali Elenco dei laboratori di riferimento regionali 1. Abruzzo ARTA ABRUZZO Dott.ssa R. Cialfi Via Nizza,15 67100 l Aquila Tel: 0862 579703 Fax: 0862579729 e-mail: r.cialfi@artaabruzzo.it 2.Basilicata ARPA

Dettagli

PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO DELLA PROVINCIA DI SIENA DISCIPLINA

PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO DELLA PROVINCIA DI SIENA DISCIPLINA PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO DELLA PROVINCIA DI SIENA DISCIPLINA Sommario Titolo I Disposizioni generali... 5 Capo I Natura, contenuti, efficacia e validità del Piano... 5 Art. 1 Natura e oggetto

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome. De Martinis Antonio Giuseppe. Data di nascita 15/06/1953. Qualifica

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome. De Martinis Antonio Giuseppe. Data di nascita 15/06/1953. Qualifica CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome De Martinis Antonio Giuseppe Data di nascita 15/06/1953 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Dirigente con contratto a tempo indeterminato Provincia di

Dettagli

Malattie croniche e qualità della vita.

Malattie croniche e qualità della vita. Servizio Sanitario della Toscana Malattie croniche e qualità della vita. Modelli e innovazioni SIENA 12-13 Ottobre 2007 S. Maria della Scala - P.zza Duomo, 2 Dal predisponendo Piano Sanitario Regionale

Dettagli

ACQUEDOTTO DEL FIORA SPA

ACQUEDOTTO DEL FIORA SPA ACQUEDOTTO DEL FIORA SPA ACQUEDOTTO DEL FIORA S.p.A. Sede legale Via G. Mameli 10 58100 Grosseto Sito web http://www.fiora.it/ Attività gestore dei servizio idrico integrato quale titolare di concessione

Dettagli

ALBO PROVINCIALE PRO LOCO

ALBO PROVINCIALE PRO LOCO ALBO PROVINCIALE PRO LOCO L.R. della Toscana n. 42 del 23 marzo 2000 Regolamento n. 18/R del 23 aprile 2001 Atto Dirigenziale della Provincia di Firenze n. 507 del 4 febbraio 2002 (aggiornato al 13 novembre

Dettagli

Allegato B_3/e. Formato europeo per il curriculum vitae. Informazioni personali

Allegato B_3/e. Formato europeo per il curriculum vitae. Informazioni personali Formato europeo per il curriculum vitae Informazioni personali Nome Vivaldi Sergio Indirizzo Quartiere Gobetti 1-54011 Aulla (MS) Telefono 0187/406413 Fax 0187/406419 E-mail s.vivaldi@usl1.toscana.it Istruzione

Dettagli

COMUNE DI POGGIBONSI PROVINCIA DI SIENA

COMUNE DI POGGIBONSI PROVINCIA DI SIENA COMUNE DI POGGIBONSI PROVINCIA DI SIENA Copia deliberazione della Giunta Comunale N. 58 Data 13/03/2012 Oggetto: APPROVAZIONE IN LINEA TECNICA DEI PROGETTI DI FORNITURA PER LA COSTITUZIONE DI: - PROGETTO

Dettagli

Nuovi autobus per un trasporto più in linea con le vostre esigenze

Nuovi autobus per un trasporto più in linea con le vostre esigenze Nuovi autobus per un trasporto più in linea con le vostre esigenze Il trasporto pubblico locale è tornato al centro dell attenzione del Governo nazionale ma ciò che chiediamo è coerenza nei vari provvedimenti

Dettagli

Art. 1 Oggetto del regolamento

Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 1 Oggetto del regolamento Allegato alla Delibera n Il presente regolamento disciplina l organizzazione interna del Dipartimento della Prevenzione (di seguito chiamato Dipartimento), ai sensi di quanto

Dettagli

COMUNE DI CASTELLINA IN CHIANTI Provincia di Siena

COMUNE DI CASTELLINA IN CHIANTI Provincia di Siena Pubblicazione dell elenco delle società partecipate dal Comune di Castellina in Chianti, degli incarichi conferiti da soci pubblici e relativi compensi Adempimenti ai sensi della Legge 27/12/2006 n. 296

Dettagli

INDIRIZZI COMITATI ZONALI

INDIRIZZI COMITATI ZONALI INDIRIZZI COMITATI ZONALI Inviati direttamente dagli Ordini VIBO VALENTIA Comitato Zonale di VIBO VALENTIA c/o A.S.L. n.8 di VIBO VALENTIA Via Dante Alighieri 89900 VIBO VALENTIA CATANZARO Comitato Zonale

Dettagli

La valutazione dei rischi

La valutazione dei rischi Corsi di aggiornamento per medici competenti e R.S.P.P. La valutazione dei rischi alla luce del D.lgs. 81/08 Aprile Giugno 2011 www.usl4.toscana.it www.poloprato.unifi.it/it/alta-formazione.html Finalità

Dettagli

NUMERI UTILI. Aggiornato al 05 agosto 2015 - Rubrica a cura dell'u.r.p.

NUMERI UTILI. Aggiornato al 05 agosto 2015 - Rubrica a cura dell'u.r.p. A nome A.U.S.L. di IMOLA - Ufficio Relazioni con il Pubblico indirizzo V. le Amendola 8 telefono 0542 604121 fax 0542 604247 numero verde 800 040606 urp@auslimola.bo.it nome ACI Delegazione di Medicina

Dettagli

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO DI FORMAZIONE PER OPERATORE SOCIO SANITARIO 1000 ORE - Anno Formativo 2015/2016

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO DI FORMAZIONE PER OPERATORE SOCIO SANITARIO 1000 ORE - Anno Formativo 2015/2016 Azienda Sanitaria delle Zone: Senese, Alta Val d Elsa, Val di Chiana Senese, Amiata Val d Orcia Allegato 1.a Scadenza 30 Dicembre 2015 AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO DI FORMAZIONE

Dettagli

- 01.10.1993 al 30.12.1993 servizio presso la usl 21 Casentino in qualità di Veterinario Collaboratore.

- 01.10.1993 al 30.12.1993 servizio presso la usl 21 Casentino in qualità di Veterinario Collaboratore. MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome Fornai Gianna Data di nascita 30 maggio 1961 Qualifica Dirigente Veterinario a rapporto esclusivo Sanità Animale ed Igiene Allevamento

Dettagli

PROGETTI AREA GENERALE

PROGETTI AREA GENERALE PROGETTI AREA GENERALE N PROGETTO CODICE RT ENTE TITOLO PROGETTO N VOLONTARI RICHIESTI 1 RT1S00091 Comune di Monsummano Terme Culture in trasparenza 8 RT1S00139 Istituto di ricerche storiche e archeologiche

Dettagli

ASSOCIAZIONE MEDICI PER L AMBIENTE (ISDE)

ASSOCIAZIONE MEDICI PER L AMBIENTE (ISDE) ASSOCIAZIONE MEDICI PER L AMBIENTE (ISDE) insieme a ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI CASERTA SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI AORN SANT ANNA E SAN SEBASTIANO CASERTA SITOX SOCIETÀ ITALIANA DI TOSSICOLOGIA

Dettagli

LE AZIENDE E GLI EXTRAVERGINE

LE AZIENDE E GLI EXTRAVERGINE LE AZIENDE E GLI EXTRAVERGINE ACCADEMIA OLEARIA s.r.l. Via De Muro snc 07041 Alghero (SS) Tel. 079 980394 Fax 079 970951 e-mail: accademia@accademiaolearia.it www.accademiaolearia.it DOP Chianti Classico

Dettagli

P R O G E T T O (Ver. 0 del 14-07-2014)

P R O G E T T O (Ver. 0 del 14-07-2014) TITOLO MOBILITA SOCIALE P R O G E T T O (Ver. 0 del 14-07-2014) PREMESSA La Società della Salute (SdS) della Valdichiana risulta costituita da 11 soggetti consorziati : Comune di Cetona, Comune di Chianciano

Dettagli

Masterplan della Mobilità Dolce

Masterplan della Mobilità Dolce AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA Coordinamento Assessorato alla Pianificazione territoriale Assessore Marco Macchietti Masterplan della Mobilità Dolce Dirigente responsabile Progetto: Luca Rossi Settore

Dettagli

SICUREZZA ALIMENTARE. LO STRUMENTO DELL AUDIT E IL VETERINARIO AZIENDALE NELLA SANITA PUBBLICA: un sistema a garanzia del consumatore

SICUREZZA ALIMENTARE. LO STRUMENTO DELL AUDIT E IL VETERINARIO AZIENDALE NELLA SANITA PUBBLICA: un sistema a garanzia del consumatore PG FOD 004/9 rev. 10 pag. 1 di 5 SICUREZZA ALIMENTARE. LO STRUMENTO DELL AUDIT E IL VETERINARIO AZIENDALE NELLA SANITA PUBBLICA: un sistema a garanzia del consumatore Sanit Forum Internazionale della Salute

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE Servizio Emergenza Sanitaria

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE Servizio Emergenza Sanitaria PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE Servizio Emergenza Sanitaria ESERCITAZIONE NAZIONALE DI PROTEZIONE CIVILE PO 2001 GRUPPO DI LAVORO SANITA E ASSISTENZA ALLA POPOLAZIONE

Dettagli

EVENTI ALLUVIONALI VERIFICATISI NELLA REGIONE TOSCANA IL 20, 21 E 24 OTTOBRE 2013.

EVENTI ALLUVIONALI VERIFICATISI NELLA REGIONE TOSCANA IL 20, 21 E 24 OTTOBRE 2013. EVENTI ALLUVIONALI VERIFICATISI NELLA REGIONE TOSCANA IL 20, 21 E 24 OTTOBRE 2013. In attuazione della delibera del Consiglio dei Ministri del 15 novembre 2013 che ha dichiarato lo stato di emergenza per

Dettagli

I Livelli Essenziali di Assistenza per la Prevenzione e la Sanità Pubblica. Renato Pizzuti SANIT Roma, 25 giugno 2008

I Livelli Essenziali di Assistenza per la Prevenzione e la Sanità Pubblica. Renato Pizzuti SANIT Roma, 25 giugno 2008 I Livelli Essenziali di Assistenza per la Prevenzione e la Sanità Pubblica Renato Pizzuti SANIT Roma, 25 giugno 2008 1 Questa presentazione Informazioni sui LEA Processo di revisione Risultati Punti di

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore Giovanni Caselli

Istituto Statale di Istruzione Superiore Giovanni Caselli CASELLI Istituto Professionale Statale per i Servizi Commerciali e Turistici Siena Via Roma, 67 Istituto Statale di Istruzione Superiore Giovanni Caselli sede legale Via Roma, 67 Siena tel. 0577/40394

Dettagli

ALLEGATO A TURNI DICEMBRE 2013

ALLEGATO A TURNI DICEMBRE 2013 TURNI DICEMBRE 2013 AZIENDA USL 8 DI AREZZO - PUBBLICAZIONE TURNI DI SPECIALISTICA AMBULATORIALE INTERNA DA ASSEGNARE A TEMPO INDETERMINATO E, IN SUBORDINE, A TEMPO DETERMINATO, AI SENSI DELL ART.23 DELL

Dettagli

CONVENZIONI 2014/2015

CONVENZIONI 2014/2015 CONVENZIONI 2014/2015 ABBIGLIAMENTO e CALZATURE CISALFA - Abbigliamento Sport Siena vantaggi ai soci con tessera Cisalfa (per i possessori di vecchie tessere le stesse sono tacitamente rinnovate, per tutti

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 14 marzo 2013 n. 33 (Art. 30)

DECRETO LEGISLATIVO 14 marzo 2013 n. 33 (Art. 30) DECRETO LEGISLATIVO 14 marzo 2013 n. 33 (Art. 30) Natura del bene aree Denominazione del bene Indirizzo P.lla Sub. terreno in Tipologia Tipologia del terreno Utilizzo del bene immobile Finalità (Fabbricati)

Dettagli

COMUNE DI RAPOLANO TERME DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI RAPOLANO TERME DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI RAPOLANO TERME COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Seduta del 01 settembre 2011 ore 16,40 Presso il Palazzo Comunale di Rapolano Terme Presiede SPANU Emiliano, Sindaco - Assiste Dr. CUCINOTTA

Dettagli

Azienda Sanitaria delle Zone: Senese, Alta Val d Elsa, Val di Chiana Senese, Amiata Val d Orcia

Azienda Sanitaria delle Zone: Senese, Alta Val d Elsa, Val di Chiana Senese, Amiata Val d Orcia Azienda Sanitaria delle Zone: Senese, Alta Val d Elsa, Val di Chiana Senese, Amiata Val d Orcia Allegato 1.a Scadenza 30 Dicembre 2015 AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO ABBREVIATO

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome SANNA LUIGI Data di nascita 27.08.60 Qualifica Amministrazione Dirigente Medico Azienda Sanitaria Locale

Dettagli

MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE

MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome Schiavoni Ugo Carlo Data di nascita 26/07/1959 Qualifica Dirigente Ingegnere Incarico attuale Responsabile Setting Zona di Arezzo -

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 20-10-2008 (punto N. 21 ) Delibera N.839 del 20-10-2008 DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 20-10-2008 (punto N. 21 ) Delibera N.839 del 20-10-2008 DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 20-10-2008 (punto N. 21 ) Delibera N.839 del 20-10-2008 Proponente ANNA RITA BRAMERINI ENRICO ROSSI DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA

Dettagli

Servizio Igiene e Sanità Pubblica (SIP)

Servizio Igiene e Sanità Pubblica (SIP) Servizio Igiene e Sanità Pubblica (SIP) Dipartimento di Sanità Pubblica www.ausl.re.it Il Servizio di Igiene e Sanità Pubblica (SIP) fa parte del Dipartimento di Sanità Pubblica dell Azienda USL di Reggio

Dettagli

e-mail: capotorti@geosol.it

e-mail: capotorti@geosol.it GEOLOGO CURRICULUM VITAE QUALIFICA cognome: CAPOTORTI nome: ANDREA luogo di nascita: Siena data di nascita: 15 novembre 1966 cittadinanza: italiana stato civile: coniugato indirizzo ufficio: 53100 SIENA

Dettagli

HEALTH SERVICES MANAGEMENT Epidemiologia, Economia e Sociologia per l Amministrazione in Sanità Pubblica

HEALTH SERVICES MANAGEMENT Epidemiologia, Economia e Sociologia per l Amministrazione in Sanità Pubblica UNIVERSITA' DI SIENA DIPARTIMENTO FISIOPATOLOGIA, MEDICINA SPERIMENTALE E SANITA PUBBLICA Laboratorio di Programmazione ed Organizzazione dei Servizi Sanitari MASTER di 2 livello HEALTH SERVICES MANAGEMENT

Dettagli

Toscana: Monte Amiata

Toscana: Monte Amiata Toscana: Monte Amiata Considerata fin dai tempi degli Etruschi come montagna sacra, l Amiata con le sue rigogliose faggete, le rocche dalle forme inconsuete, le ricche e fresche sorgenti, le miniere, e

Dettagli

BUONCONVENTO: Duecento borghi piu' belli d'italia s'incontrano Il Programma dettagliato VENERDI 21 maggio

BUONCONVENTO: Duecento borghi piu' belli d'italia s'incontrano Il Programma dettagliato VENERDI 21 maggio BUONCONVENTO: Duecento borghi piu' belli d'italia s'incontrano Il Programma dettagliato VENERDI 21 maggio Asilo Grisaldi del Taja ore 15,00 Segreteria Assemblea (reception, assistenza ospiti e relatori:

Dettagli

118. 32. PS. 09. ATTIVAZIONE REPERIBILITA INFERMIERISTICA Adi Adoi - Aid

118. 32. PS. 09. ATTIVAZIONE REPERIBILITA INFERMIERISTICA Adi Adoi - Aid Pagina 1 di 6 Adi Adoi - Aid Rev. Data Redazione Verificato Approvato 0 15/03/2012 Resp. Protocolli - S. Dami Coord. Inf. R. Montalbano UO Assicurazione Qualità Resp. UO EST F. Palumbo Resp. DEU F. Palumbo

Dettagli

Cosa deve fare il SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE COMPITI

Cosa deve fare il SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE COMPITI Rappresenta lo spazio organizzativo che all interno dell impresa agricola deve occuparsi della gestione della sicurezza. Il responsabile del SPP viene nominato dal datore di lavoro tra i propri dipendenti

Dettagli

Terre del gusto. Autunno 2015 Calendario del Gusto. www.terresiena.it

Terre del gusto. Autunno 2015 Calendario del Gusto. www.terresiena.it Terre del gusto Autunno 2015 Calendario del Gusto www.terresiena.it Autunno 2015 Calendario del Gusto L autunno, nelle Terre di Siena, ha tutti quei colori che normalmente sono presenti solo nell immaginazione

Dettagli

Elenco dei comuni appartenenti alla conferenza territoriale n. 1, denominata "Toscana Nord"

Elenco dei comuni appartenenti alla conferenza territoriale n. 1, denominata Toscana Nord Elenco dei comuni appartenenti alla conferenza territoriale n. 1, denominata "Toscana Nord" Abetone Aulla Bagni Di Bagnone Barga Borgo A Mozzano Camaiore Camporgiano Careggine Carrara Casola In Lunigiana

Dettagli

strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico

strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico Corso per Direttori Sanitari di strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico ORDINE PROVINCIALE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI MODENA 8 MAGGIO 2007 Dr

Dettagli

Piano Comunale di Emergenza

Piano Comunale di Emergenza Comune di Genova Assessorato alla Protezione Civile Direzione Polizia Municipale Protezione Civile Funzioni Speciali Sezione Protezione Civile Pubblica Incolumità Piano Comunale di Emergenza Schema Operativo

Dettagli