PIANO EMERGENZE DEL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DELL AZIENDA USL7 DI SIENA DIPPP 02

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO EMERGENZE DEL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DELL AZIENDA USL7 DI SIENA DIPPP 02"

Transcript

1 DI PREVENZIONE DELL AZIENDA DI Pag. 1 di 78 DI PREVENZIONE DELL AZIENDA DI Revisione Data emissione Motivo della revisione 1 17/12/2007 Prima emissione 2 22/05/12 Seconda emissione DOCUMENTO DISTRIBUITO IN FORMA: CONTROLLATA NON CONTROLLATA

2 DI PREVENZIONE DELL AZIENDA DI Pag. 2 di 78 1 SCOPO pag CAMPO DI APPLICAZIONE pag. 3 3 RESPONSABILITA pag DEFINIZIONI pag. 3 5 RIFERIMENTI pag. 4 6 CRITERI OPERATIVI pag Composizione Unità di Crisi Dipartimentale pag PIANO DI EMERGENZA DEL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE pag Verifiche Piano di Emergenza pag DOCUMENTAZIONE RICHIAMATA pag. 78

3 DI PREVENZIONE DELL AZIENDA DI Pag. 3 di SCOPO Lo scopo della presente Procedura è quello di definire le modalità operative e le responsabilità per individuare e rispondere a potenziali incidenti e situazioni di emergenza al fine di prevenire ed attenuare l impatto che ne può conseguire. Ha lo scopo, inoltre, di creare uno strumento utile a fornire al 118, o alla Protezione Civile e ad ogni altro organismo addetto, le informazioni necessarie per attivare il sistema di intervento del Dipartimento di previsto per le situazioni di emergenza, sia epidemiche che non epidemiche, al fine di: - Assicurare un intervento tempestivo - Attivare gli operatori adeguati alla valutazione del caso - Rispettarte le norme vigenti - Evitare manovre o atti impropri 2 - CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura si applica ogni qualvolta si verificano situazioni di emergenza, sia epidemica che non epidemica, e si ravveda l esigenza di attivare il Dipartimento di 3 RESPONSABILITA La gestione delle emergenze prevede vari scenari delle situazioni di emergenza che si possono creare. A seconda del tipo di intervento necessario e dell ubicazione all interno del territorio di competenza dell Azienda USL 7, si individuano le responsabilità e il coordinamento. Il Dirigente medico o veterinario, o il tecnico della possono essere i titolari del primo intervento Il DP coordina le UU.FF. Dipartimentali (a bacino provinciale) e quelle afferenti a Zone diverse di competenza, coadiuvato da i loro RUF e Direttori di U.O. Il RUF collabora con il coordinatore dell intervento quando la propria U.F. è chiamata ad operare Il Direttore di U.O. coadiuva il coordinatore dell intervento quando la propria U.O. è chiamata ad operare. 4 - DEFINIZIONI Emergenza è un evento improvviso e imprevedibile che faccia interrompere o crei danno alla vita e alla salute della popolazione. Emergenza è una situazione, un momento critico, un imprevisto che comporta un possibile rischio per le persone. Si possono verificare emergenze di tipo epidemico e non epidemico. Tra i vari tipi di emergenza in cui è richiesto l intervento del Dipartimento di ci sono anche: - Alluvione - Bioterrorismo - Black-out

4 DI PREVENZIONE DELL AZIENDA DI Pag. 4 di 78 - Eventi atmosferici eccezionali (neve, gelo, siccità, ondata di calore) - Frana - Incendio - Incidente chimico - Incidente rilevante - Terremoto 5 RIFERIMENTI Delibera Regionale n. 818 del 6/11/2006 Integrazione delle direttive alle Aziende Sanitarie Locali di cui alla D.G.R.T. n. 1390/2004. Direttive per l aggiornamento dei Piani sanitari per le emergenze da parte dei Dipartimenti di prevenzione. PA 13 gestione delle emergenze PG01 di PA13 Def. Aggiornamento Piani Emergenza in materia di ambiente e tutela lavoratori PG 04 Emergenze Organizzative PA 36 del rischio d insorgenza e trasmissione delle infezioni negli operatori e nei pazienti Adozione Manuali d informazione sui rischi lavorativi dell USL 7 D. Lgs. 626/94 6 CRITERI OPERATIVI 6.1 Composizione Unità di Crisi del Dipartimento di L Unità di Crisi del Dipartimento di è composto da: Direttore del Dipartimento di Responsabili di Unità Funzionale di Zona Distretto e Dipartimentali Direttore di U.O. Igiene e Sanità Pubblica Direttore di U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Direttore di U.O. Sanità Animale Direttore di U.O. Igiene degli Alimenti di Origine Animale Direttore di U.O. Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche Direttore di U.O. Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Direttori di U.O. e Sicurezza Direttore di U.O. Tecnici di in ambito ISP Direttore di U.O. Tecnici di in ambito Veterinario Direttore di U.O. Tecnici di in ambito PISLL Direttore di U.O. Tossicologia Occupazionale e Ambientale Responsabile Sezione Biotossicologia Responsabile Sezione Igiene Industriale Responsabile Sezione Tecnici di Laboratorio 6.2 Piano di Emergenza

5 DI PREVENZIONE DELL AZIENDA DI Pag. 5 di 78 Azienda Sanitaria delle Zone: Senese, Alta Val d'elsa, Val di Chiana, Amiata Senese Medicina dello Sport Comuni di competenza: LA PREVENZIONE ZONA SENESE Asciano, Buonconvento, Castellina in Chianti, Castelnuovo Berardenga, Chiusdino, Gaiole in Chianti, Monteriggioni, Monteroni d Arbia, Monticiano, Murlo, Radda in Chianti, Rapolano Terme, San Giovanni d Asso, Siena, Sovicille LA PREVENZIONE ZONA VAL D ELSA Casole d Elsa, Colle di Val d Elsa, Poggibonsi, Radicondoli, San Gimignano LA PREVENZIONE ZONA VAL DI CHIANA Cetona, Chianciano, Chiusi, Montepulciano, Pienza, San Casciano dei Bagni, Sarteano, Sinalunga, Torrita, Trequanda LA PREVENZIONE ZONA AMIATA Val d'orcia Abbadia S. Salvatore, Castiglione d Orcia, Piancastagnaio, Radicofani, Montalcino, San Quirico d Orcia

6 DI PREVENZIONE DELL AZIENDA DI Pag. 6 di 78 Dipartimento di Dipartimento di A.Saragosa A.F. Zona Senese A.Saragosa A.F. Zona Valdichiana A.Saragosa A.F. Zona Val d Elsa F. Strambi A.F. Zona Amiata L. Centi UU.FF. Dipartimentali U.F. ISP Strada del Ruffolo, 4 Siena A.Bagnoli U.F. ISP Via O. Maestri, 1 Torrita G. Provvisiero U.F. ISP Via Della Costituzione, 30 - Poggibonsi I. Lezzi U.F. ISP Piazzale Michelangelo Abbadia S. Salvatore R. Frazzetta U.F. Medicina Legale Via Pian d Ovile Siena G. Mandriani U.F. SPV Strada del Ruffolo, 4 Siena G. Buonincontro U.F. SPV Via O. Maestri, 1 Torrita A.Saragosa U.F. SPV Via XXV Aprile, 1 Colle di Val d Elsa M. Morelli U.F. SPV Piazzale Michelangelo Abbadia S. Salvatore C. Facciotto Lab. Sanità Pubblica Strada del Ruffolo, 4 Siena G. Sciarra U.F. PISLL Strada del Ruffolo, 4 Siena R. Mancini U.F. PISLL Via O. Maestri, 1 Torrita R. Pulcinelli U.F. PISLL Via Carducci, 4 Poggibonsi F. Strambi U.F. PISLL Piazzale Michelangelo Abbadia S. Salvatore L. Centi U.F. Impiantistica Strada del Ruffolo, 4 Siena L. Albizzi U.F. Medicina Sport Via A. Moro Siena M. Capitani Direttore telefono cellulare fax Alberto Saragosa Sostituto in caso di assenza del Direttore G Gianfranco Sciarra

7 DI PREVENZIONE DELL AZIENDA DI Pag. 7 di 78 I RESPONSABILE telefono cellulare fax ZONA SENESE Alberto Saragosa ZONA VAL D ELSA Fabio Strambi ZONA VAL DI CHIANA Alberto Saragosa ZONA AMIATA Letizia Centi Il Dipartimento di è composto, inoltre, da Unità Funzionali a bacino provinciale: Unità Funzionale MEDICINA LEGALE LABORATORIO DI SANITA PUBBLICA RESPONSABILE telefono cellulare fax Giovanni Mandriani Gianfranco Sciarra IMPIANTISTICA Luca Albizzi MEDICINA DELLO SPORT Massimo Capitani In caso di necessità di un coinvolgimento a livello di Area Vasta: Az USL e Direttore telefono cellulare fax USL 8 Arezzo Dr.ssa Gabriella Bidini USL 9 Grosseto Dr. Paolo Madrucci Il Dipartimento di è articolato in Strutture funzionali multi-professionali a valenza zonale ed altre a valenza provinciale.

8 DI PREVENZIONE DELL AZIENDA DI Pag. 8 di 78 Igiene e Sanità Pubblica Valutazioni sull idoneità degli ambienti di vita Valutazioni sulla potabilità delle acque Controllo su approvvigionamenti potabili sostitutivi (autobotti) Effettuazione vaccini Vigilanza igienico-sanitaria sulla popolazione Vigilanza igienico-sanitaria sulle strutture campali Vigilanza igienico-sanitaria su strutture speciali (anziani, rifugiati, ecc.) Controllo e vigilanza su attività di disinfezione, disinfestazione e derattizzazione UU.FF. ISP Responsabile telefono cellulare fax ZONA SENESE ZONA VAL D ELSA ZONA VALDICHIANA ZONA AMIATA Direttore U.O. Tecnici della Alessandra Bagnoli Iorio Lezzi Gerardo Provvisiero Riccardo Frazzetta Giacomo Redi Medicina Legale Effettua attività di medicina necroscopica Certificazioni medico-legali e polizia mortuaria U.F. Medicina Legale PROVINCIALE Responsabile telefono cellulare fax Giovanni Mandriani Igiene degli Alimenti Valutazioni sull idoneità delle industrie alimentari a mantenere l attività produttiva Valutazioni sull idoneità alimentare delle derrate stoccate Assicura l igiene degli alimenti, delle bevande e dei prodotti e avanzi di origine animale, per le implicazioni che attengono alla salute dell uomo

9 DI PREVENZIONE DELL AZIENDA DI Pag. 9 di 78 Sono funzioni assicurate in collaborazione tra il Settore Veterinario e quello di Igiene e Sanità Pubblica Z O N A U.F. ISP Responsabile telefono cellulare fax Alessandra Bagnoli S E N E S E Z O N A V A L D E L S A Z O N A U.F. SPV Grazia Buonincontro f.f a.it U.F. ISP Iorio Lezzi U.F. SPV Marco Morelli U.F. ISP Gerardo Provvisiero V A L D I C H I A N A Z O N A U.F. SPV U.F. ISP Fanti Giovanni f.f Riccardo Frazzetta A M I A T A U.F. SPV Direttore U.O. Tecnici della ISP Responsabile Aziendale Emergenze veterinarie Direttore U.O. Tecnici della SPV Cristina Facciotto Giacomo Redi Giampiero Mariotti Marco Fanti

10 DI PREVENZIONE DELL AZIENDA DI Pag. 10 di 78 Laboratori di Sanità Pubblica Effettua analisi e valutazioni dei fattori chimici, fisici e biologici di inquinamento Supporto di laboratorio all U.F. Igiene e Sanità Pubblica per le valutazioni sull idoneità di alimenti e acque potabili Supporto alle UU.FF. Igiene e Sanità Pubblica e Sanità Pubblica Veterinaria per valutare la presenza di artropodi Laboratorio di Sanità Pubblica PROVINCIALE AREA VASTA Sud Est Direttore U.O. Igiene Industriale Resp. Sezione Tossicologia Occupazionale e Ambientale Resp. Sezione Biotossicologia Resp. Sezione Tecnici di Laboratorio vettori imputati della trasmissione di malattie per uomo ed animali (disinfezioni, disinfestazioni) Responsabile telefono cellulare fax Gianfranco Sciarra Gianfranco Sciarra Cristina Aprea Anna Maria Sorrentino Bozzi Nanda Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Valutazioni sull idoneità dei Luoghi di Lavoro a mantenere l attività produttiva con adeguate garanzie di sicurezza ed igienicità per i lavoratori UU.FF. PISLL Responsabile telefono cellulare fax ZONA SENESE Rossana Mancini ZONA VAL D ELSA Fabio Strambi ZONA VALDICHIANA Roberto Pulcinelli ZONA AMIATA Letizia Centi Direttore U.O. PISLL Fabio Strambi Resp. U.F. Impiantistica Direttore U.O. e Sicurezza - Provinciale Direttore U.O. e Sicurezza Zona Val d Elsa Luca Albizzi Roberto Pulcinelli Corrado Barone

11 DI PREVENZIONE DELL AZIENDA DI Pag. 11 di 78 Direttore U.O. Tecnici della PISLL Marco Fanti Sanità Pubblica Veterinaria Valutazioni sull idoneità degli allevamenti ad ospitare animali in produzione Certificazioni medico-legali sui danni ad animali e impianti di allevamento Certificazioni medico-legali per smaltimento carcasse di animali UU.FF. SPV Responsabile telefono cellulare fax ZONA SENESE ZONA VAL D ELSA ZONA VALDICHIANA ZONA AMIATA Direttore U.O. Sanità Animale Direttore U.O. Alimenti di Origine Animale Direttore U.O. Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche Responsabile Aziendale Emergenze veterinarie Direttore U.O. Tecnici della SPV Alberto Saragosa Marco Morelli Fanti Giovanni f.f Cristina Facciotto Alberto Saragosa Marco Morelli Giampiero Mariotti Marco Fanti Le emergenze di rilevanza dipartimentale o comunque tali da coinvolgere più Centri di responsabilità sono coordinate dal Direttore del Dipartimento o dal suo sostituto. Durante e/o dopo l evento calamitoso le strutture del Dipartimento della vengono allertate, per le varie funzioni di competenza, dalla Centrale del 118, titolare delle attivazioni delle diverse

12 DI PREVENZIONE DELL AZIENDA DI Pag. 12 di 78 reperibilità sia per il personale della dirigenza medica e veterinaria, sia per il personale sanitario e tecnico del comparto. Z O N A S E N E S E Z O N A V AL D EL S A Z O N A V AL DI C HI A N A Z O N A A MI AT A Struttura Medici Veterinari Tecnici U.F. ISP X X U.F. PISLL X Operatori Tecnici U.F. SPV X X X U.F. Med. Legale X U.F. ISP X X U.F. PISLL U.F. SPV X X X U.F. Med. Legale X U.F. ISP X X U.F. PISLL U.F. SPV X X X U.F. Med. Legale X U.F. ISP X X U.F. PISLL U.F. SPV X X X U.F. Med. Legale X X X X

13 DI PREVENZIONE DELL AZIENDA DI Pag. 13 di 78 Dipartimento di In caso di stato di emergenza dichiarato dalla Sala Operativa Provinciale della Protezione Civile, la Centrale Operativa del 118 allerta direttamente le Unità Funzionali territoriali che fanno capo alle strutture del Dipartimento coinvolte nell emergenza per le funzioni di cui sono titolari, al fine di consentire una reazione immediata e contestuale al realizzarsi dell emergenza. Nel caso di emergenze gravi che prevedono una risposta integrata delle varie Unità Funzionali di una specifica, ne viene contemporaneamente informato il Direttore del dipartimento., che deve coordinare gli interventi operativi sia a livello territoriale che professionale. Igiene e Sanità Pubblica Il Dirigente medico o il tecnico della prevenzione che riceve la notizia dello stato di emergenza in normale turno di lavoro (orario antimeridiano o postmeridiano) o in pronta disponibilità (orario notturno, prefestivo e festivo) è titolare del primo intervento che deve assicurare l Unità Funzionale territoriale coinvolta dall emergenza, con il contributo del personale delle varie professionalità presenti o attivabili tramite i turni di reperibilità. Nel più breve tempo possibile deve poi essere trasferita al Responsabile dell Unità Funzionale la direzione dell operatività della Struttura, se del caso anche con il richiamo in servizio del personale rintracciabile. Di fronte ad una emergenza di grave entità o che coinvolge più Unità Funzionali dell Igiene e Sanità Pubblica sarà rapidamente ricondotto al Direttore del Dipartimento di, con il supporto dei Direttori delle UU.OO. del settore, il coordinamento degli interventi delle varie Unità Funzionali. Nell ordine le figure elencate si avvicendano come rappresentanti del settore Igiene e Sanità Pubblica presso la Sala Operativa Provinciale della Protezione Civile, se formalmente viene lì richiesto il contributo del settore. Emergenza per calamità naturale o evento calamitoso Il Dirigente medico o il tecnico della prevenzione titolare del primo intervento dell Unità Funzionale coinvolta nell emergenza, poi il Responsabile dell Unità Funzionale e infine il Direttore del Dipartimento di, con il supporto dei Direttori delle UU.OO. del settore, nelle varie fasi dell emergenza valutano le priorità dei seguenti interventi operativi in base alle caratteristiche ed alla gravità dell intervento nonché in base alla sua diffusione territoriale:

14 DI PREVENZIONE DELL AZIENDA DI Pag. 14 di stabilizzazione del supporto logistico alla Struttura (autoparco, sistemi di comunicazione, ecc.) 2. mappatura territoriale delle attività produttive e degli ambienti di vita interessate dalle calamità 3. verifiche dirette in campo per la valutazione sull idoneità igienico sanitaria degli impianti primari e secondari a proseguire l attività produttiva 4. individuazione degli impianti produttivi e degli ambienti di vita da sottoporre a disinfezioni e disinfestazioni 5. comunicazione al dell Az. USL 7 delle informazioni opportune da diffondere alla popolazione, alle Associazioni professionali ed alle Associazioni di volontariato (cosa è successo / perché è successo / provvedimenti) 6. comunicazione alle Autorità di particolari situazioni a rischio per i provvedimenti di competenza 7. formalizzazione degli atti amministrativi di supporto alle competenze degli Enti Locali preposti al governo delle emergenze e all erogazione degli aiuti Emergenza per epidemia nella popolazione umana Il Dirigente medico titolare del primo intervento dell Unità Funzionale coinvolta nell emergenza, poi il Responsabile dell U.F. e infine il Direttore del Dipartimento di, con il supporto del Direttore dell U.O. del settore, nelle varie fasi dell emergenza valutano le priorità dei seguenti interventi operativi in base alle caratteristiche ed alla gravità dell intervento nonché in base alla sua diffusione territoriale; diramano le opportune direttive al personale per minimizzare le possibilità di diffusione iatrogena dell agente infettivo: 1. stabilizzazione del supporto logistico alla Struttura (autoparco, sistemi di comunicazione, ecc.) 2. mappatura territoriale del focolaio infettivo 3. richiesta di assistenza e consulenza alle Strutture Aziendali e Ospedaliere di diagnosi e cura 4. coordinamento e collaborazione con i Medici di Medicina Generale e con i Pediatri di Libera Scelta in caso di epidemie di grandi proporzioni 5. richiesta di assistenza e consulenza all Unità Funzionale Veterinaria competente per territorio nel caso di antropo/zoonosi 6. verifiche dirette in campo per la valutazione sui provvedimenti di contumacia da attuare 7. predisposizione dell indagine epidemiologica preliminare ed immediata trasmissione delle risultanze agli altri Servizi territoriali eventualmente interessati 8. attivazione ditte per disinfezione e disinfestazione 9. emanazione provvedimenti di isolamento territoriale mediante la definizione delle Zone di sorveglianza e di protezione 10. comunicazione al dell Az. USL 7 delle informazioni opportune da diffondere alla popolazione ed alle Associazioni professionali (cosa è successo / perché è successo / provvedimenti) 11. comunicazione alle Autorità di particolari situazioni a rischio per i provvedimenti di competenza 12. formalizzazione degli atti amministrativi di supporto alle competenze degli Enti Locali preposti al governo delle emergenze e all erogazione degli aiuti

15 DI PREVENZIONE DELL AZIENDA DI Medicina Legale Pag. 15 di 78 Il Dirigente medico che riceve la notizia dello stato di emergenza in normale turno di lavoro (orario antimeridiano o postmeridiano) o in pronta disponibilità (orario notturno, prefestivo e festivo) è titolare del primo intervento che deve assicurare l Unità Funzionale territoriale coinvolta dall emergenza, con il contributo del personale delle varie professionalità presenti o attivabili tramite i turni di reperibilità. Nel più breve tempo possibile deve poi essere trasferita al Responsabile dell Unità Funzionale la direzione dell operatività della Struttura, se del caso anche con il richiamo in servizio del personale rintracciabile. Di fronte ad una emergenza di grave entità sarà rapidamente ricondotto al Direttore del Dipartimento di stesso il coordinamento degli interventi delle varie Unità Funzionali. Nell ordine le figure elencate si avvicendano come rappresentanti del settore Medicina Legale presso la Sala Operativa Provinciale della Protezione Civile, se formalmente viene lì richiesto il contributo del settore. Emergenza per calamità naturale o evento calamitoso Il Dirigente medico titolare del primo intervento dell Unità Funzionale coinvolta nell emergenza, poi il Responsabile dell Unità Funzionale e infine il Direttore del Dipartimento di nelle varie fasi dell emergenza valutano le priorità dei seguenti interventi operativi in base alle caratteristiche ed alla gravità dell intervento nonché in base alla sua diffusione territoriale: 1. stabilizzazione del supporto logistico alla Struttura (autoparco, sistemi di comunicazione, ecc.) 2. mappatura territoriale dell evento calamitoso 3. verifiche dirette in campo per l espletamento dell attività certificativi e di polizia mortuaria 4. individuazione degli ambienti da sottoporre a disinfezioni e disinfestazioni 5. comunicazione al dell Az. USL 7 delle informazioni opportune da diffondere alla popolazione ed alle Associazioni professionali (cosa è successo / perché è successo / provvedimenti) 6. comunicazione alle Autorità di particolari situazioni a rischio per i provvedimenti di competenza 7. formalizzazione degli atti amministrativi di supporto alle competenze degli Enti Locali preposti al governo delle emergenze e all erogazione degli aiuti Igiene degli Alimenti Il Dirigente medico o veterinario o il tecnico della prevenzione che riceve la notizia dello stato di emergenza in normale turno di lavoro (orario antimeridiano o postmeridiano) o in pronta disponibilità (orario notturno, prefestivo e festivo) è titolare del primo intervento che deve assicurare l Unità Funzionale territoriale coinvolta dall emergenza, con il contributo del personale delle varie professionalità presenti o attivabili tramite i turni di reperibilità.

16 DI PREVENZIONE DELL AZIENDA DI Pag. 16 di 78 Nel più breve tempo possibile deve poi essere trasferita al Responsabile dell Unità Funzionale (Igiene e Sanità Pubblica o Sanità Pubblica Veterinaria) la direzione dell operatività della Struttura, se del caso anche con il richiamo in servizio del personale rintracciabile. Di fronte ad una emergenza di grave entità che coinvolge sia l U.F. Igiene e Sanità Pubblica che l U.F. Sanità Pubblica Veterinaria sarà rapidamente ricondotto al Direttore del Dipartimento di (nel caso siano coinvolte due o più Zone), supportati entrambi dai Direttori di U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione, U.O. Igiene degli Alimenti di Origine Animale e U.O. Tecnici della in ambito veterinario, il coordinamento degli interventi delle rispettive Unità Funzionali. Nell ordine le figure elencate si avvicendano come rappresentanti dei settori Igiene e Sanità Pubblica / Veterinaria presso la Sala Operativa Provinciale della Protezione Civile, se formalmente viene lì richiesto il contributo del Settore. Emergenza per calamità naturale o evento calamitoso Il Dirigente medico o veterinario o il tecnico della prevenzione titolare del primo intervento dell Unità Funzionale coinvolta nell emergenza, poi il Responsabile dell Unità Funzionale e il Direttore del Dipartimento di (nel caso siano coinvolte due o più Zone) nelle varie fasi dell emergenza valutano le priorità dei seguenti interventi operativi in base alle caratteristiche ed alla gravità dell intervento nonché in base alla sua diffusione territoriale: 1. stabilizzazione del supporto logistico alla Struttura (autoparco, sistemi di comunicazione, ecc.) 2. mappatura territoriale delle attività produttive primarie (allevamenti) e delle fonti di approvvigionamento idropotabile interessate dalla calamità. 3. mappatura territoriale delle attività produttive secondarie (industrie di trasformazione e centri di deposito o smercio di alimenti) interessate dalla calamità 4. verifiche dirette in campo per la valutazione sull idoneità degli impianti primari e secondari a proseguire l attività produttiva 5. verifiche dirette in campo per la valutazione sull idoneità al consumo umano diretto (senza un eventuale risanamento) degli alimenti già stoccati e delle acque potabili 6. verifiche dirette in campo per la valutazione sull idoneità al consumo animale diretto (senza un eventuale risanamento) dei mangimi già stoccati 7. adozione di provvedimenti di sequestro di alimenti inidonei al consumo umano 8. adozione di provvedimenti di sequestro di mangimi inidonei al consumo animale 9. supporto di consulenza agli Enti Locali competenti alla distruzione di alimenti e carcasse animali 10. individuazione degli impianti produttivi primari e secondari da sottoporre a disinfezioni e disinfestazioni 11. comunicazione al dell Az. USL 7 delle informazioni opportune da diffondere alla popolazione ed alle Associazioni professionali degli Allevatori ed alle Associazioni dei produttori di alimenti (cosa è successo / perché è successo / provvedimenti) 12. comunicazione alle Autorità di particolari situazioni a rischio per i provvedimenti di competenza 13. formalizzazione degli atti amministrativi di supporto alle competenze degli Enti Locali preposti al governo delle emergenze e all erogazione degli aiuti

17 DI PREVENZIONE DELL AZIENDA DI Pag. 17 di 78 Laboratori di Sanità Pubblica Il Dirigente chimico/medico/biologo che riceve la notizia dello stato di emergenza è titolare del primo intervento che deve assicurare l Unità Funzionale territoriale coinvolta dall emergenza, con il contributo del personale delle varie professionalità presenti o attivabili tramite i turni di reperibilità. Nel più breve tempo possibile deve poi essere trasferita al Responsabile dell Unità Funzionale la direzione dell operatività della Struttura, se del caso anche con il richiamo in servizio del personale rintracciabile. Di fronte ad una emergenza di grave entità o che coinvolge più Unità Funzionali sarà rapidamente ricondotto al Direttore del Dipartimento di stesso il coordinamento degli interventi delle varie Unità Funzionali. Nell ordine le figure elencate si avvicendano come rappresentanti del Laboratorio di Sanità Pubblica presso la Sala Operativa Provinciale della Protezione Civile, se formalmente viene lì richiesto il contributo del settore. Emergenza per calamità naturale o evento calamitoso Il Dirigente chimico/medico/biologo titolare del primo intervento dell Unità Funzionale coinvolta nell emergenza, poi il Responsabile dell Unità Funzionale e infine il Direttore del Dipartimento di nelle varie fasi dell emergenza valutano le priorità dei seguenti interventi operativi in base alle caratteristiche ed alla gravità dell intervento nonché in base alla sua diffusione territoriale: 1. supporto per le verifiche dirette in campo ed in laboratorio per la valutazione sull idoneità igienico sanitaria degli impianti primari e secondari a proseguire l attività produttiva 2. supporto per l individuazione degli impianti produttivi primari e secondari e degli ambienti di vita da sottoporre a disinfezioni e disinfestazioni 3. comunicazione alle Autorità di particolari ulteriori situazioni a rischio per i provvedimenti di competenza 4. formalizzazione degli atti amministrativi di supporto alle competenze degli Enti Locali preposti al governo delle emergenze e all erogazione degli aiuti. Emergenza per epidemia nella popolazione umana Il Dirigente chimico/medico/biologo titolare del primo intervento dell Unità Funzionale coinvolta nell emergenza, poi il Responsabile della dell Unità Funzionale e infine il Direttore del Dipartimento di nelle varie fasi dell emergenza valutano le priorità dei seguenti interventi operativi in base alle caratteristiche ed alla gravità dell intervento nonché in base alla sua diffusione territoriale; diramano le opportune direttive al personale per minimizzare le possibilità di diffusione iatrogena dell agente infettivo: 1. richiesta di assistenza alle Unità Funzionali di Igiene e Sanità Pubblica e di Sanità Pubblica Veterinaria competenti per territorio nel caso di antropozoonosi, zoonosi e tossinfezioni alimentari 2. verifiche in campo ed in laboratorio per la valutazione sui provvedimenti di isolamento da attuare in collaborazione con le UU.FF. di cui sopra

18 DI PREVENZIONE DELL AZIENDA DI Pag. 18 di predisposizione dell indagine epidemiologica preliminare ed immediata trasmissione delle risultanze agli altri Servizi territoriali eventualmente interessati 4. supporto alle Unità Funzionali di Igiene e Sanità Pubblica e di Sanità Pubblica Veterinaria competenti per territorio, per l emanazione di provvedimenti di isolamento territoriale mediante la definizione di Zone di sorveglianza e di protezione 5. comunicazione alle Autorità di particolari situazioni a rischio per i provvedimenti di competenza 6. formalizzazione degli atti amministrativi di supporto alle competenze degli Enti Locali preposti al governo delle emergenze e all erogazione degli aiuti Igiene e Sicurezza nei luoghi di lavoro Il Dirigente medico o ingegnere oppure il tecnico della prevenzione che riceve la notizia dello stato di emergenza in normale turno di lavoro (orario antimeridiano o postmeridiano) o in pronta disponibilità (orario notturno, prefestivo e festivo) è titolare del primo intervento che deve assicurare l Unità Funzionale territoriale coinvolta dall emergenza, con il contributo del personale delle varie professionalità presenti o attivabili tramite i turni di reperibilità. Nel più breve tempo possibile deve poi essere trasferita al Responsabile dell Unità Funzionale la direzione dell operatività della Struttura, se del caso anche con il richiamo in servizio del personale rintracciabile. Di fronte ad una emergenza di grave entità o che coinvolge più Unità Funzionali del l U.F. PISLL (, Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro) sarà rapidamente ricondotto al Direttore del Dipartimento di, con il supporto dei Direttori delle UU.OO. del settore, il coordinamento degli interventi delle varie Unità Funzionali. Nell ordine le figure elencate si avvicendano come rappresentanti del settore Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro presso la Sala Operativa Provinciale della Protezione Civile, se formalmente viene lì richiesto il contributo del Settore. Emergenza per calamità naturale o evento calamitoso Il titolare del primo intervento dell Unità Funzionale coinvolta nell emergenza, poi il Responsabile dell Unità Funzionale e infine il Direttore del Dipartimento di nelle varie fasi dell emergenza valutano le priorità dei seguenti interventi operativi in base alle caratteristiche ed alla gravità dell intervento nonché in base alla sua diffusione territoriale: 1. stabilizzazione del supporto logistico alla Struttura (autoparco, sistemi di comunicazione, ecc.) 2. mappatura territoriale delle attività produttive (ad alto rischio) interessate dalle calamità 3. verifiche dirette in campo per la valutazione sull idoneità degli impianti (ad alto rischio) interessati dalla calamità a proseguire l attività produttiva 4. comunicazione al dell Az. USL 7 delle informazioni opportune da diffondere alla popolazione, alle Associazioni dei datori di lavoro e alle organizzazioni sindacali 5. comunicazione alle Autorità di particolari situazioni a rischio per i provvedimenti di competenza

19 DI PREVENZIONE DELL AZIENDA DI Sanità Pubblica Veterinaria Pag. 19 di 78 Il Dirigente veterinario o il tecnico della prevenzione che riceve la notizia dello stato di emergenza in normale turno di lavoro (orario antimeridiano o postmeridiano) o in pronta disponibilità (orario notturno, prefestivo e festivo) è titolare del primo intervento che deve assicurare l Unità Funzionale territoriale coinvolta dall emergenza, con il contributo del personale delle varie professionalità presenti o attivabili tramite i turni di reperibilità. Nel più breve tempo possibile deve poi essere trasferita al Responsabile dell Unità Funzionale la direzione dell operatività della Struttura, se del caso anche con il richiamo in servizio del personale rintracciabile. Di fronte ad una emergenza di grave entità o che coinvolge più Unità Funzionali della Sanità Pubblica Veterinaria sarà rapidamente ricondotto al Direttore del Dipartimento di, con il supporto dei Direttori delle UU.OO. del settore, il coordinamento degli interventi delle varie Unità Funzionali. Nell ordine le figure elencate si avvicendano come rappresentanti del settore Veterinario presso la Sala Operativa Provinciale della Protezione Civile, se formalmente viene lì richiesto il contributo del settore. Emergenza per calamità naturale o evento calamitoso Il Dirigente veterinario o il tecnico della prevenzione titolare del primo intervento dell Unità Funzionale coinvolta nell emergenza, poi il Responsabile dell Unità Funzionale e infine il Direttore del Dipartimento di nelle varie fasi dell emergenza valutano le priorità dei seguenti interventi operativi in base alle caratteristiche ed alla gravità dell intervento nonché in base alla sua diffusione territoriale: 1. stabilizzazione del supporto logistico alla Struttura (autoparco, sistemi di comunicazione, ecc.) 2. mappatura territoriale delle attività produttive primarie (allevamenti) interessate dalla calamità. 3. verifiche dirette in campo per la valutazione sull idoneità degli impianti primari e secondari a proseguire l attività produttiva 4. supporto di consulenza agli Enti Locali competenti alla distruzione di alimenti e carcasse animali 5. individuazione degli impianti produttivi primari da sottoporre a disinfezioni e disinfestazioni 6. comunicazione al dell Az. USL 7 delle informazioni opportune da diffondere alla popolazione ed alle Associazioni professionali degli Allevatori 7. coordinamento dei veterinari libero-professionisti per assicurare l assistenza zooiatrica alla popolazione animale nel caso di calamità naturali di vaste proporzioni 8. sopralluoghi per il sequestro ed il riconoscimento ufficiale della proprietà di carcasse di animali morti o di animali vivi in condizioni di temporaneo abbandono 9. comunicazione al dell Az. USL 7 delle informazioni opportune da diffondere alla popolazione, alle Associazioni professionali ed alle Associazioni di volontariato (cosa è successo / perché è successo / provvedimenti) 10. comunicazione alle Autorità di particolari situazioni a rischio per i provvedimenti di competenza 11. formalizzazione degli atti amministrativi di supporto alle competenze degli Enti Locali preposti al governo delle emergenze e all erogazione degli aiuti Emergenza per epidemia nella popolazione umana

20 DI PREVENZIONE DELL AZIENDA DI Pag. 20 di 78 Il Dirigente veterinario o il tecnico della prevenzione titolare del primo intervento dell Unità Funzionale coinvolta nell emergenza, poi il Responsabile dell Unità Funzionale e infine il Direttore del Dipartimento di nelle varie fasi dell emergenza valutano le priorità dei seguenti interventi operativi in base alle caratteristiche ed alla gravità dell intervento nonché in base alla sua diffusione territoriale; diramano le opportune direttive al personale per minimizzare le possibilità di diffusione iatrogena dell agente infettivo: 1. stabilizzazione del supporto logistico alla Struttura (autoparco, sistemi di comunicazione, ecc.) 2. mappatura territoriale delle attività produttive primarie (allevamenti) interessate dall epidemia 3. mappatura territoriale delle attività produttive secondarie (industrie di trasformazione e centri di deposito o smercio di alimenti) interessate dall epidemia 4. richiesta di assistenza e consulenza alle Strutture Aziendali di diagnosi e cura 5. richiesta di assistenza e consulenza al Dipartimento Territoriale dell Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Lazio e Toscana 6. richiesta di assistenza e consulenza all Unità Funzionale Igiene e Sanità Pubblica competente per territorio nel caso di zoonosi 7. verifiche dirette in campo per la valutazione sui provvedimenti di isolamento da attuare per gli impianti primari e secondari 8. predisposizione dell indagine epidemiologica preliminare (contatti con l esterno degli allevamenti o degli stabilimenti di trasformazione interessati) ed immediata trasmissione delle risultanze agli altri Servizi territoriali eventualmente interessati 9. attivazione ditte per disinfezione e disinfestazione presso gli impianti produttivi coinvolti dall emergenza 10. verifiche dirette in campo per la valutazione sui provvedimenti di abbattimento degli animali da attuare presso gli impianti primari 11. supporto di consulenza agli Enti Locali competenti alla distruzione delle carcasse di animali, degli alimenti a loro destinati e delle attrezzature zootecniche 12. emanazione provvedimenti di isolamento territoriale mediante la definizione delle Zone di sorveglianza e di protezione 13. comunicazione al dell Az. USL 7 delle informazioni opportune da diffondere alla popolazione ed alle Associazioni professionali degli allevatori (cosa è successo / perché è successo / provvedimenti) 14. verifiche dirette in campo per la valutazione sulla idoneità al consumo animale diretto (senza un eventuale risanamento) dei mangimi già stoccati 15. adozione di provvedimenti di sequestro di mangimi inidonei al consumo animale 16. sopralluoghi per il segnalamento ed il riconoscimento ufficiale della proprietà di carcasse di animali morti 17. comunicazione alle Autorità di particolari situazioni a rischio per i provvedimenti di competenza 18. formalizzazione degli atti amministrativi di supporto alle competenze degli Enti Locali preposti al governo delle emergenze e all erogazione degli aiuti

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

DECRETO N. 20 del 09.07.2013

DECRETO N. 20 del 09.07.2013 L Assessore DECRETO N. 20 del 09.07.2013 Oggetto: Modifiche al Decreto attuativo del Piano straordinario di eradicazione della Peste Suina Africana. Anni 2012 e 2013. VISTO lo Statuto Speciale della Regione

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Foglio1. PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI Art. 23, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 14 Marzo 2013, n. 33 (Ufficio Tributi)

Foglio1. PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI Art. 23, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 14 Marzo 2013, n. 33 (Ufficio Tributi) PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI Art. 23, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 14 Marzo 2013, n. 33 (Ufficio Tributi) Autorizzazione/Atto Contenuto Destinatario Documentazione ANNA MARCHI MAZZINI Autorizzazione

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL PIEMONTE UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : CUNEO

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL PIEMONTE UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : CUNEO GRADUATORIA TITOLARI SU DOTAZIONE ORGANICA PROVINCIALE - SC. SEC. DI II GRADO PAG. 1 SI COMUNICANO, ORDINATI PER DATI ANAGRAFICI E DISTINTI PER CLASSE DI CONCORSO, I SEGUENTI DATI RELATIVI AI DOCENTI TITOLARI

Dettagli

SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2013/2015 DELL'AMMINISTRAZIONE PROVINCIA DI SIENA

SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2013/2015 DELL'AMMINISTRAZIONE PROVINCIA DI SIENA CHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2013/2015 DELL'AMMINITRAZIONE PROVINCIA DI IENA QUADRO DELLE RIORE DIPONIBILI ARCO TEMPORALE DI VALIDITÀ DEL PROGRAMMA TIPOLOGIE RIORE Disponibilità finanziaria

Dettagli

STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI. Indirizzo Telefono e Fax E-mail Tipologia Accreditamento. ilgignoro@diaconia valdese.org. Tel.

STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI. Indirizzo Telefono e Fax E-mail Tipologia Accreditamento. ilgignoro@diaconia valdese.org. Tel. Denominazione Anna Lapini - Povere glie dalle Sacre Stimmate Il Gignoro - C.S.D. Diaconia Valdese orentina L. F. Orvieto - Suore Passioniste Paolo VI - glie della carità di San Vincenzo de Paoli Santa

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 ART. 1 SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI 1. Ai sensi della legge 12 giugno 1990, n. 146, i servizi pubblici da considerare

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Elenco Ditte. : (A1) : MILANO - NAPOLI Tratto : Barberino di Mugello - Incisa Valdarno Lotto 7 : [I1AA] FIRENZE (FI) Ditta

Elenco Ditte. : (A1) : MILANO - NAPOLI Tratto : Barberino di Mugello - Incisa Valdarno Lotto 7 : [I1AA] FIRENZE (FI) Ditta N. ORDINE 1 Commessa 110110-19 (A1) MILANO - NAPOLI Tratto Barberino di Mugello - Incisa Valdarno Lotto 7 Ditta BONCOMPAGNI Giuseppe n. a Citerna il 07.01.1952 propr. per 1/2;BONCOMPAGNI Luigi n. a Citerna

Dettagli

TURNI DI GUARDIA FARMACEUTICA NOTTURNA E FESTIVA Orario di apertura delle farmacie:

TURNI DI GUARDIA FARMACEUTICA NOTTURNA E FESTIVA Orario di apertura delle farmacie: Pagina 1 di 2 T U R N O N 1 : DAL 27/02/2015 AL 06/03/2015 CAMPAGNALTA DI SAN MARTINO DI LUPARI Via Brenta, 35 FARMACIA COMUNALE CAMPAGNALTA 049-595.21.29 S.MICHELE D/BADESSE di BORGORICCO Piazza Giovanni

Dettagli

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO DELL

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

+ + + Servizi e Risorse Umane. per Aziende Private e Pubbliche

+ + + Servizi e Risorse Umane. per Aziende Private e Pubbliche c o r d u s i o + + + Servizi e Risorse Umane per Aziende Private e Pubbliche La Nostra Storia e i nostri Servizi Con oltre 250 professionisti la Cordusio Servizi S.C.P.A. opera su tutto il territorio

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Partner unico, vantaggi infiniti.

Partner unico, vantaggi infiniti. Partner unico, vantaggi infiniti. Affidabilità, la nostra missione. Un unico interlocutore per molteplici servizi: è questa la forza di Tre Sinergie, azienda che opera nel settore del global service e

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

PERSONALE DOCENTE SCUOLA PRIMARIA - POSTI SOSTEGNO MINORATI PSICOFISICI

PERSONALE DOCENTE SCUOLA PRIMARIA - POSTI SOSTEGNO MINORATI PSICOFISICI PERSONALE DOCENTE SCUOLA PRIMARIA - POSTI SOSTEGNO MINORATI PSICOFISICI Giovedì 28 agosto 2014: inizio operazioni ore 10,00 PROV. 1 CISCO EMANUELA 02/02/1982 VI 2 RONCAGLIA FRANCESCA 06/03/1983 VI 3 PAGLIAMINUTA

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE dott. Renato Mason, nominato con D.P.G.R. n. 245 del 31.12.2007

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE dott. Renato Mason, nominato con D.P.G.R. n. 245 del 31.12.2007 Servizio Sanitario Nazionale - Regione del Veneto AZIENDA UNITÀ LOCALE SOCIO - SANITARIA N. 8 Sede Legale: Via Forestuzzo, 41 Asolo (TV) Comuni: Altivole, Asolo, Borso del Grappa, Caerano di San Marco,

Dettagli

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo o Mobilitare la società locale per garantire la qualità dell istruzione Obiettivi Linee

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

MODALITA DI PRENOTAZIONE

MODALITA DI PRENOTAZIONE DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA MEDICINA DELLO SPORT MODALITA DI PRENOTAZIONE U.O.C.- CENTRO DI MEDICINA DELLO SPORT DI 2 LIVELL O CASALECCHIO DI RENO AMBULATORI DI 1 LIVELLO Per prenotare le visite di

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA ROMA

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA ROMA ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA ROMA DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n..243. del 21.05.2013 OGGETTO: Elenco dei fornitori e dei prestatori di servizi di fiducia

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

STUDIO E REALIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI GESTIONE INTEGRATO DEI COLOMBI DI CITTÀ

STUDIO E REALIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI GESTIONE INTEGRATO DEI COLOMBI DI CITTÀ Il 6 e 7 novembre 2014 INFFU organizza a Roma il I corso nazionale di Igiene Urbana: STUDIO E REALIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI GESTIONE INTEGRATO DEI COLOMBI DI CITTÀ Accreditato ECM dall Istituto Zooprofilattico

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 38.83,47.000,00 75.86,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 04 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0,00 980,00 9.007,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 6.40,57.44,00 38.640,43

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

http://www.tassisto.it/

http://www.tassisto.it/ F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TASSISTO FRANCESCO Indirizzo VIA MARTIRI DELLA LIBERAZIONE, 80/2A 16043 CHIAVARI Telefono 0185325331 Cellulare

Dettagli

Arpa Emilia-Romagna. Elenco incarichi conferiti ai Consulenti e Collaboratori esterni nell'anno 2006 - periodo annuale

Arpa Emilia-Romagna. Elenco incarichi conferiti ai Consulenti e Collaboratori esterni nell'anno 2006 - periodo annuale Arpa Emilia-Romagna. Elenco incarichi conferiti ai Consulenti e Collaboratori esterni nell'anno 2006 - periodo annuale Nominativo / SCS AZIONINNOVA SPA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BOLOGNA UNIVERSITA' LA

Dettagli

ricongiungim. altri Barbini Beatrice 02.03.1959 6 Grosseto ITC Albinia Guerrini Cristina 28.06.1969 6 Castell Azzara IC Albinia Altro ruolo

ricongiungim. altri Barbini Beatrice 02.03.1959 6 Grosseto ITC Albinia Guerrini Cristina 28.06.1969 6 Castell Azzara IC Albinia Altro ruolo Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Ufficio XI Ambito territoriale della provincia di Grosseto ASSEGNAZIONE PROVVISORIA PROVINCIALE 17/A

Dettagli

Con l Europa investiamo nel vostro futuro

Con l Europa investiamo nel vostro futuro Facilitatore ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE ELENA DI SAVOIA PIERO CALAMANDREI ISTITUTO TECNICO STATALE TECNOLOGICO ECONOMICO CHIMICA MATERIALI E BIOTECNOLOGIE SANITARIE AMBIENTALI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira Sardegna Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas Su Balente e sa Emina con Michelangelo Pira presentazione di Bachisio Bandinu Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

DECRETO n. 375 del 11/07/2014

DECRETO n. 375 del 11/07/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

CONVENZIONI CARTA GIOVANI

CONVENZIONI CARTA GIOVANI CONVENZIONI CARTA GIOVANI I POSSESSORI DELLA CARTA GIOVANI POSSONO USUFRUIRE DELLE CONVENZIONI ATTIVE A LIVELLO NAZIONALE (4.600) ED INTERNAZIONALE (100.000) CHE SI TROVANO SUI SITI WEB www.cartagiovani.it

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

VERBALE DI DETERMINA

VERBALE DI DETERMINA ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA SARDEGNA "G. Pegreffi" SASSARI VERBALE DI DETERMINA N. 116 del 20/02/2013 OGGETTO: Autorizzazione preventivo per il trasloco dell'oevr - CIG Z49089DEFB L'anno

Dettagli

STRADARIO DI ISEO: A Airone Via. Alighieri Dante Via. Bedeschi Via Beloardo Via del. Bonardi X Traversa. Bonomelli IV Traversa.

STRADARIO DI ISEO: A Airone Via. Alighieri Dante Via. Bedeschi Via Beloardo Via del. Bonardi X Traversa. Bonomelli IV Traversa. COPYRIGHT TutiicontenutidelepaginecostituentiilpresentedocumentosonoCopyright 2008.Tutiidiritiriservati. Icontenutiqualiadesempio,cartografie,testi,graficiicone,sonodiesclusivaproprietàdiGeoplans.r.l.esonoprotetidaleleggiitalianeedinternazionalisuldiritod

Dettagli

SESTRIERE - PEROSA A. - PINEROLO - TORINO Orario in vigore dal 23 Febbraio 2015 integrato con

SESTRIERE - PEROSA A. - PINEROLO - TORINO Orario in vigore dal 23 Febbraio 2015 integrato con SESTRIERE - PEROSA A. - PINEROLO - TORINO Frequenza 123456 12345 GG 123456 12345 6 12345 78 12345 12345 12345 12345 6 123456 6 12345 12345 12345 12345 12345 Note A A A A A Scol A A V A A SESTRIERE PRAGELATO

Dettagli

CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale 100 METRI MASTER F SERIE - RISULTATI. Clas. Cors. Pett. Atleta Anno Cat. Società Prestazione Punti

CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale 100 METRI MASTER F SERIE - RISULTATI. Clas. Cors. Pett. Atleta Anno Cat. Società Prestazione Punti CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale CDS Master Organizzazione: Trionfo Ligure - Genova RISULTATI 100 METRI MASTER F Serie Unica VILLA GENTILE - 18 Maggio 2013 Ora Inizio: 16:26 - Vento: +0.4 1 4

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI CONFERITI DAL COMUNE DI DESIO

INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI CONFERITI DAL COMUNE DI DESIO Area Affari Generali Servizio Società Partecipate INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI CONFERITI DAL COMUNE DI DESIO Di seguito si riportano i dati relativi alle partecipazioni in società

Dettagli

ACCETTAZIONE O RINUNCIA FIRMA(*)

ACCETTAZIONE O RINUNCIA FIRMA(*) Prot. AOOUSPNO 5969/U Novara, 22/08/2013 IL DIRIGENTE la CM n. 8004 del 02/08/2013 e il relativo contingente assegnato a questa provincia per l attribuzione di contratto a tempo indeterminato per il PERSONALE

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA BASILICATA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : MATERA

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA BASILICATA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : MATERA GRADUATORIA TITOLARI SU DOTAZIONE ORGANICA PROVINCIALE - SC. SEC. DI II GRADO PAG. 1 SI COMUNICANO, ORDINATI PER DATI ANAGRAFICI E DISTINTI PER CLASSE DI CONCORSO, I SEGUENTI DATI RELATIVI AI DOCENTI TITOLARI

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Archivio storico comunale di Putignano (1950-1970). Inventario 4. SANITA E IGIENE. 4.1.1 Ufficio sanitario, personale, sindacati (cl.

Archivio storico comunale di Putignano (1950-1970). Inventario 4. SANITA E IGIENE. 4.1.1 Ufficio sanitario, personale, sindacati (cl. 4. SANITA E IGIENE Busta 6 (1960 1961), fascc. 2 4.1 1960, s.fascc. 5 4.1.1 Ufficio sanitario, personale, sindacati (cl. 1) 1. Comunicazioni del sindaco relative alle prescrizioni di medicinali e cure

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Al Comune di Padova Settore Servizi Sportivi Ufficio Impianti Sportivi Viale N. Rocco, 60 35135 PADOVA

Al Comune di Padova Settore Servizi Sportivi Ufficio Impianti Sportivi Viale N. Rocco, 60 35135 PADOVA Spazio Marca da bollo Al Comune di Padova Settore Servizi Sportivi Ufficio Impianti Sportivi Viale N. Rocco, 60 35135 PADOVA Spazio Protocollo Oggetto: Richiesta concessione temporanea Impianto Sportivo

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 203 Funzion Servizi. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizi 0. 02 Segreteria generale,personale e organizzazione Servizi 0. 03

Dettagli

DETERMINAZIONE N 1 DEL 2009

DETERMINAZIONE N 1 DEL 2009 Oggetto: approvazione graduatoria finale della selezione pubblica per titoli per il reperimento di figure professionali necessarie al funzionamento dell ufficio di Piano e per attività e servizi previsti

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Al SUAP. Denominazione società/ditta

Al SUAP. Denominazione società/ditta COMUNICAZIONE SUBINGRESSO DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO L.R. 28/2005 e s.m.i. Codice del Commercio art.74 e D.P. G.R. n. 15/R del 1 aprile 2009 Regolamento di attuazione della legge n. 28/2005

Dettagli

Esordienti 2004-05 Maschi (50 mt) anno Società TEMPO 1 SARTORI ETTORE 2004 A PC 10''8 2 BOZZO ANDREA 2005 A5C 11''9 3 ZILIANI LUCA 2006 APC 12''2

Esordienti 2004-05 Maschi (50 mt) anno Società TEMPO 1 SARTORI ETTORE 2004 A PC 10''8 2 BOZZO ANDREA 2005 A5C 11''9 3 ZILIANI LUCA 2006 APC 12''2 Esordienti 2004-05 Maschi (50 mt) anno Società TEMPO 1 SARTORI ETTORE 2004 A PC 10''8 2 BOZZO ANDREA 2005 A5C 11''9 3 ZILIANI LUCA 2006 APC 12''2 Esordienti 2004-05 Femmine (50 mt) anno Società TEMPO 1

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990)

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990) Scia/82 ¹ Segnalazione certificata di inizio dell attività pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione (Legge n. 82 del 25/1/94) La/il sottoscritta/o nata/o a (Prov. ) il in

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

D E C R E T A 3 D ADDARIO TEODOLINDA AD01 ITC CASALBORDINO 5 DI BIASE LUCIA AD01 IM LANCIANO 6 DI BLASIO TERESA AD01 ITIS VASTO

D E C R E T A 3 D ADDARIO TEODOLINDA AD01 ITC CASALBORDINO 5 DI BIASE LUCIA AD01 IM LANCIANO 6 DI BLASIO TERESA AD01 ITIS VASTO Prot. n. AOOUSPCH2813 IL RESPONSABILE DELL UFFICIO VI VISTO il proprio atto n. 2462 del 22 luglio 2013, con il quale sono stati individuati i posti di sostegno agli alunni in situazione di handicap negli

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. ALEMANNO RICCARDO Data di nascita 21/02/1971

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. ALEMANNO RICCARDO Data di nascita 21/02/1971 INFORMAZIONI PERSONALI Nome ALEMANNO RICCARDO Data di nascita 21/02/1971 Qualifica I Fascia Amministrazione ASL CASERTA (EX ASL 1 e 2) Incarico attuale Dirigente ASL I fascia - Unità Operativa Veterinaria

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Approvato con atto deliberativo n. 105 del 29.3.2011 REGOLAMENTO AZIENDALE per la DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE per il Personale Dipendente dell Area del COMPARTO FINALITA : Il presente

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 DETERMINAZIONE

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

Convegno. riflessioni PRESENTAZIONE. Copernico, 38. Via. Rev. 0 del 19/10/2010. pag. 1 di 6

Convegno. riflessioni PRESENTAZIONE. Copernico, 38. Via. Rev. 0 del 19/10/2010. pag. 1 di 6 Convegno AL TERMINE DI TELEMACO riflessioni a margine dell esperienza svolta www.telemaco.regione.lombardia.it Codice evento: SDSS 10092/AE VENERDI 12 NOVEMBRE 2010, ore 10.000 18.00 Politecnico di Milano

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

Azienda ULSS n. 9 Treviso Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene e Sanità Pubblica

Azienda ULSS n. 9 Treviso Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene e Sanità Pubblica ULSS9 Azienda ULSS n. 9 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene e Sanità Pubblica ELEZIONI EUROPEE E AMMINISTRATIVE DEL 25 MAGGIO 2014 DESIGNAZIONE dei DIRIGENTI MEDICI AUTORIZZATI al RILASCIO dei

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

GARA CICLISTICA per ELITE e UNDER 23

GARA CICLISTICA per ELITE e UNDER 23 GARA CICLISTICA per ELITE e UNDER 23 domenica 7 Ottobre 2012 - ore 9.45 GORLE - BERGAMO ARRIVEDERCI alla 42a Settimana Ciclistica Bergamasca dal 2 al 7 settembre 2013 REGOLAMENTO SPECIALE DI CORSA SU STRADA

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Individuazione delle aree a maggior rischio di incidenti stradali

Individuazione delle aree a maggior rischio di incidenti stradali Convegno PREVENZIONE E SALUTE UN BINOMIO INSCINDIBILE SANIT Roma, 25 giugno 2009 Individuazione delle aree a maggior rischio di incidenti stradali I Ciaramella SISP - ASL RM B In collaborazione con D D

Dettagli

PESATURA CUMULATIVA in fase previsionale OBIETTIVI di PEG 2014

PESATURA CUMULATIVA in fase previsionale OBIETTIVI di PEG 2014 PESATURA CUMULATIVA in fase previsionale di PEG 2014 AI SENSI DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE APPROVATO CON DGP N. 25 DEL 1/02/2011 DIRIGENTE BALOCCO PAOLO Contribuire a migliorare

Dettagli

Unione di Comuni della Romagna forlivese. Corpo Unico di Polizia Municipale. Unità Operativa Giro d'italia 2015. Martedì 19/05/2015

Unione di Comuni della Romagna forlivese. Corpo Unico di Polizia Municipale. Unità Operativa Giro d'italia 2015. Martedì 19/05/2015 Martedì 9/05/05 (semaforica) Libertà/ Oriani/Marconi Presidi fissi di viabilità: 07.5-.45 07.5-0.45.5-fine Via Oriani 07.5-.45 07.5-.45 Informazioni+viabilità (rimozioni dalle ore 08.00) Via Oriani (parcheggi

Dettagli