CONSORZIO ITALIANO BIOGAS

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSORZIO ITALIANO BIOGAS"

Transcript

1 CONSORZIO ITALIANO BIOGAS Rassegna Stampa del 04/03/2013 La proprietà intellettuale degli articoli è delle fonti (quotidiani o altro) specificate all'inizio degli stessi; ogni riproduzione totale o parziale del loro contenuto per fini che esulano da un utilizzo di Rassegna Stampa è compiuta sotto la responsabilità di chi la esegue; MIMESI s.r.l. declina ogni responsabilità derivante da un uso improprio dello strumento o comunque non conforme a quanto specificato nei contratti di adesione al servizio.

2 INDICE CONSORZIO ITALIANO BIOGAS 03/03/2013 La Termotecnica BIOENERGY ITALY 2013: per incontrare i maggiori investitori in fonti rinnovabili 03/03/2013 La Provincia di Cremona - Nazionale Finale col botto: +20% di visitatori 01/03/2013 Infoimpianti.it 00:04 Biogas. Le 5 richieste del CIB al Governo per lo sviluppo del settore ENERGIE RINNOVABILI 03/03/2013 Il Sole 24 Ore Energia troppo cara in Sicilia 04/03/2013 Il Sole 24 Ore Stop alle compravendite senza stima dei consumi 04/03/2013 Il Sole 24 Ore Standard di calcolo e sanzioni ad hoc in sette Regioni 02/03/2013 La Repubblica - Palermo Bioenergie e motori a metano due nuove proposte per l'ex Fiat 04/03/2013 La Stampa - Nazionale I Garrone: "Dal petrolio al vento Ecco la svolta verde della Erg" 04/03/2013 La Stampa - Asti "Possiamo ricavare gasolio dalle bottiglie di plastica" 02/03/2013 QN - Il Resto del Carlino - Ancona La discarica di Barchi ora solleva diversi interrogativi 02/03/2013 QN - Il Resto del Carlino - Pesaro Impianto biogas: attesa sentenza della Corte Costituzionale 03/03/2013 QN - Il Resto del Carlino - Ferrara Studenti a lezione di energia sostenibile 03/03/2013 QN - Il Resto del Carlino - Modena «Verremo consultati dal Comune sui temi ambientali»

3 04/03/2013 QN - Il Resto del Carlino - Ancona Biogas, la pratica affidata a un legale 03/03/2013 Il Gazzettino - Padova Bacardi fa shopping di caldaie a biomasse alla Uniconfort 04/03/2013 Il Gazzettino - Rovigo Biomasse, la polemica arriva in consiglio 02/03/2013 QN - Il Giorno - Legnano Pressing della Provincia La centrale di Bernate rinuncia all'uso dei liquami 02/03/2013 Libero - Nazionale Come evitare la Tobin Tax 02/03/2013 Il Foglio I grillini vogliono precipitarci in una cultura pre industriale 04/03/2013 Il Foglio Anche JP Morgan studia, perplessa, la «Grillonomics» 02/03/2013 ItaliaOggi - Nazionale Il manager che dà energia 02/03/2013 L Unita - Nazionale Via al gasdotto Il metano arriverà a Procida 03/03/2013 La Gazzetta Del Mezzogiorno - Lecce Lecce è la regina delle «città dell'energia» 02/03/2013 QN - La Nazione - Arezzo Baraclit: in Svizzera mega-impianto fotovoltaico 02/03/2013 QN - La Nazione - Lucca Alce, la «New.co» realizzerà la centrale a biomasse 03/03/2013 Gazzetta di Mantova - Nazionale Centrale a biomasse, via ai lavori 04/03/2013 Il Centro - Chieti No alla centrale biomasse primo giorno, 300 firme 02/03/2013 Il Denaro AgroEnergy, fonti energetiche 02/03/2013 Il Mattino di Padova - Nazionale Un impianto a biogas all'agricola Berica 02/03/2013 Il Mattino di Padova - Nazionale «Le aziende sfruttino il biogas per produrre energia pulita»

4 03/03/2013 Il Mattino di Padova - Nazionale «Il progetto biogas porterà solo miglioramenti» 04/03/2013 Il Mattino di Padova - Nazionale Domani assemblea infuocata sul biogas 02/03/2013 L'Arena di Verona Dalla Bassa all Est e alla Valpolicella 02/03/2013 L'Arena di Verona Centrale a biomasse, progetto addio 03/03/2013 L' Adige Biomassa, in arrivo nuovi impianti 02/03/2013 La Nuova Sardegna - Nazionale Paes: più solare e minieolico meno anidride carbonica 03/03/2013 La Nuova Sardegna - Nazionale Stop al fotovoltaico Restituire la terra a chi la lavora 04/03/2013 La Repubblica - Affari Finanza Decrescita ed energia verde le ricette della Grillonomics 04/03/2013 La Repubblica - Affari Finanza Il miracolo di Frendy Energy Più 88% dalla quotazione 04/03/2013 Corriere Economia Grillo e il cuore verde di Piazza Affari 02/03/2013 Milano Finanza - Nazionale IN PILLOLE 03/03/2013 La Termotecnica GUASCOR ITALIA S.p.A. 03/03/2013 La Termotecnica II grande potenziale delle FER IN MESSICO 03/03/2013 La Termotecnica RINNOVABILI ED EFFICIENZA ENERGETICA: ICE, GSi E ANIE CONFINDUSTRIA ALLA CONQUISTA DI ABU DHABI ICE, 03/03/2013 La Termotecnica Nel segno dell'acqua e dell'energia 03/03/2013 La Termotecnica Sviluppo di un processo termico per la generazione di calore ed energia da sansa vergine di oliva

5 01/03/2013 ADN Kronos 17:06 Le dieci priorità per rilanciare la green economy secondo la Fiper 01/03/2013 ADN Kronos 22:27 Ukraine Increases Its Energy Independence - Ukrainian President 01/03/2013 ANSA 18:28 Annunciata da Silex Power auto con km autonomia 01/03/2013 ANSA 21:04 Legambiente, Ministero incoerente 02/03/2013 Data Manager online Le fonti low carbon domineranno il mix energetico europeo entro il /03/2013 FinanzaOnline 13:51 Prysmian: nuova commessa da oltre 50 milioni di euro per il collegamento di un parco eolico in Germania 25/02/2013 ilb2b.it 08:39 Accordo strategico tra Punto Fotovoltaico e Riello Group 01/03/2013 WallStreetItalia 16:13 I boschi abbandonati, malati o incendiati sono il 'petrolio verde' d'italia 01/03/2013 WallStreetItalia 17:06 Le dieci priorità per rilanciare la green economy secondo la Fiper 02/03/2013 WallStreetItalia 09:18 Elezioni 2013, con i 5 Stelle un modello di sviluppo diverso 02/03/2013 Osservatore Romano Cina migliore mercato al mondo per le energie rinnovabili 04/03/2013 Giornale dell'umbria TerniEnergia completa l'acquisizione di Alchimia Energy 3, impianto in Umbria 01/03/2013 Il Risveglio Popolare - N.8-28 febbraio 2013 Sulla centrale a biomasse rispondono le istituzioni 02/03/2013 Il Roma Ecco le nuove metodologie per lo smaltimento dei rifiuti 02/03/2013 La Provincia di Cremona - Nazionale BioEnergy Italy 2013 Ribalta internazionale 02/03/2013 La Provincia di Cremona - Nazionale Biocarburanti e certificazione

6 03/03/2013 La Provincia di Cremona - Nazionale Nitrati, buone prospettive dal progetto Equizoo 01/03/2013 LatinaOggi Energia solare a scuola Il fotovoltaico si fa strada 03/03/2013 Prima Pagina Biomasse, no del Comitato al Consiglio di Stato 02/03/2013 LaGazzettaMarittima.it 05:00 ALOT lancia progetto AlpStore 01/03/2013 Yahoo Finanza 06:30 Wall Street alle prese col "sequester"

7 CONSORZIO ITALIANO BIOGAS 3 articoli

8 03/03/2013 La Termotecnica - 1 gen/feb 2013 Pag. 88 (diffusione:9000, tiratura:9000) Eventi Mostre & Convegni BIOENERGY ITALY 2013: per incontrare i maggiori investitori in fonti rinnovabili Anche quest'anno, BioEnergy Italy, in programma dal 28 febbraio al 2 marzo a Cremona, punta tutto sulla specializzazione e la professionalità. La Manifestazione non si limita a un'esposizione internazionale di alto livello, ma propone ogni anno un programma di eventi progettato per fornire spunti concreti agli operatori, che qui trovano un laboratorio non solo tecnologico, ma anche di idee e soluzioni innovative, perché BioEnergy Italy organizzata insieme a DLG (titolare delle fiere agroalimentari più importanti del mondo) si avvale della collaborazione di prestigiose realtà quali: Legambiente, Confagricoltura, AITA, AIIPA, ENEA, Consorzio Italiano Biogas, Chimica Verde, Università di Torino e di Milano. Grazie alla presenza degli specialisti più qualificati a livello internazionale, la Manifestazione offre una serie di appuntamenti per approfondire le principali tematiche del settore dal punto di vista tecnico, economico, scientifico e politico, come: lo sfruttamento degli scarti dell'industria alimentare, la normativa più recente, il fotovoltaico di ultima generazione, la bietola da biogas, il rapporto energia-territorio, la produzione di bioplastiche e l'offerta formativa e professionale. Da non dimenticare i workshop di presentazione degli espositori sui temi tecnici di maggior interesse. Durante il periodo della manifestazione, sono inoltre previste visite guidate a impianti biogas e fotovoltaici in attività: un'opportunità speciale per osservare dal vivo l'attività di un impianto in funzione e confrontarsi con i gestori. CREMONA FIERE - CONSORZIO ITALIANO BIOGAS - Rassegna Stampa 04/03/2013 8

9 03/03/2013 La Provincia di Cremona - Ed. nazionale Pag. 31 (diffusione:22748, tiratura:28110) Finale col botto: +20% di visitatori L quinto conto energia e un diverso (oltrechè meno premiante) scenario degli incentivi per la produzione delle rinnovabili non frenano l'interesse delle aziende agricole, dell'industria alimentare e degli amministratori pubblici verso un settore che ha ancora ampi margini di sviluppo. Lo dimostra il forte successo di Bioenergy Italy, il salone dedicato a biomasse e rinnovabili concluso ieri a CremonaFiere con risultati lusinghieri e per certi aspetti perfino superiori alle migliori aspettative: grande interesse per le proposte tecniche sviluppate in 35 fra seminari e workshop, e per le attrezzature esposte da 149 marchi provenienti da tutta Europa; ed un numero di visitatori attestato di poco sotto quota diecimila (9.884), con un incremento a due cifre - più 20 per cento - rispetto all'edizione Risultato che ha sorpreso molto favorevolmente gli stessi espositori, particolarmente soddisfatti anche per la qualità degli operatori professionali che hanno varcato i cancelli del quartiere fieristico. «BioEnergy si sta evolvendo», ha commentato il presidente di Cremona Fiere, Antonio Piva, tracciando un bilancio della manifestazione. «Fino ad oggi era importante soprattutto capire i sistemi produttivi nel settore delle rinnovabili, ma ora bisogna andare oltre: è necessario fornire strumenti tecnici e scientifici che consentano di ottimizzare la produzione e la gestione dell'energia, e soprattutto sperimentare per trovare soluzioni sempre più efficienti. Così, da quest'anno abbiamo proposto per primi temi di grande attualità: come la costituzione delle smart grid (le reti intelligenti di gestione dell'energia, ndr ), l'utilizzo degli scarti dell'industria alimentare nei settori della farmaceutica e della cosmesi, o la produzione di energia da pollina». Per arrivare ai buoni risultati di BioEnergy 2013, CremonaFiere e DLG, partner tedesco nell'organizzazione della manifestazione, hanno lavorato molto per riunire e coinvolgere (anche e soprattutto attraverso il programma convegnistico-seminariale) molte categorie professionali collegate anche solo indirettamente alla produzione di energia da fonti rinnovabili. Nella consapevolezza che spesso proprio grazie al confronto si sviluppano le soluzioni più innovative. «Per questo - conclude il presidente Piva - tengo a sottolineare le importanti collaborazioni che abbiamo posto in essere grazie a BioEnergy Itaky: da Legambiente all'associazione italiana di tecnologia alimentare, dalle maggiori Università italiane a Confagricoltura, passando per realtà importanti come Crpa, Enea, Consorzio Italiano Biogas, CNR e Chimica Verde; il loro apporto è stato fondamentale per dare vita ad una manifestazione così variegata e qualificata in ogni suo aspetto». Grande soddisfazione anche da parte del direttore generale di CremonaFiere, Massimo Bianchedi. «Tra gli stand di BioEnergy, in questi tre giorni si è respirata un'aria da boom economico, altro che crisi e recessione...ad ulteriore riprova della straordinaria vitalità del comparto agricolo e di quanto vi gira intorno. Pure i nostri partner tedeschi sono molto compiaciuti per ciò che hanno visto e toccato con mano a Cremona. Da qui parte dunque un messaggio di ragionevole ottimismo, insieme alla constatazione che - puntando su qualità, innovazione ed il giusto approccio imprenditoriale - anche le fasi più difficili possono essere superate». CONSORZIO ITALIANO BIOGAS - Rassegna Stampa 04/03/2013 9

10 01/03/ :04 Infoimpianti.it Sito Web Biogas. Le 5 richieste del CIB al Governo per lo sviluppo del settore News Il Consorzio Italiano Biogas e Gassificazione (CIB) ha presentato un documento con le aspettative del settore alle forze politiche che guideranno il Paese nei prossimi anni. Il potenziale produttivo del biogas è pari a circa 8 miliardi di gas metano equivalenti, circa il 10% del consumo attuale di gas naturale in Italia, un potenziale di circa 4 volte quello proposto dal PAN per il biogas al 2020: se si sfruttasse il reale potenziale di questa risorsa si otterrebbero risparmi sulle importazioni, con una conseguente opportunità per le imprese agricole e zootecniche italiane, contribuendo a far crescere il PIL dell'agricoltura sino al 5% circa (2 miliardi di euro/anno). Tale obiettivo da oggi è raggiungibile facendo ricorso a biomasse che oggi non hanno valore, ovvero che non sono oggi coltivate o sono uno scarto (colture di secondo raccolto, effluenti zootecnici, sottoprodotti agricoli e agroindustriali, colture su terreni marginali oggi non più utilizzati). Il CIB propone in 5 punti le richieste del settore al prossimo Governo per la crescita di un settore che può rappresentare per l'italia l'opportunità di creare una leadership a livello mondiale nella green economy. Già ora l'industria del biogas italiana è la seconda in Europa, dopo la Germania. 1 - Transazione al nuovo sistema incentivante: per l'accompagnamento verso la transizione al nuovo sistema incentivante (DM 6 luglio 2012) è indispensabile restino stabili le considerazioni sulla nozione di entrata in esercizio degli impianti, con particolare riferimento ai chiarimenti pubblicati dal GSE. 2 - Veloce applicazione delle norme per la promozione del biometano: per consentire lo sviluppo del settore è necessario applicare interamente quanto stabilito dal decreto legislativo n. 28/2011 sull'incentivazione della produzione di biometano introducendo semplificazioni riguardanti in primis la regolamentazione di tipo tecnico. 3 - Innovazione, ricerca, integrazione e sviluppo: si richiede che siano poste in essere misure per l'impiego di risorse pubbliche che privilegino la cooperazione tra i migliori centri di ricerca in Italia e in Europa. Il CIB si farà portatore di una campagna per stimolare anche i propri soci a cofinanziare progetti che abbiano una reale ricaduta sul mondo dell'impresa. 4 - Una gestione virtuosa delle iniziative imprenditoriali (digestato ed emissioni): si richiede una rapida approvazione del DM predisposto dal Mipaaf (Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali) che attua l'art. 52, comma 2 bis, della Legge 134/2012 con l'obiettivo di definire le caratteristiche e le modalità di impiego del digestato. 5 - Emissioni impianti a biogas: è necessario che per gli impianti di potenza inferiore al MWe siano imposti limiti di emissione in linea con quelli richiesti dai Paesi della Comunità europea, che considera dette installazioni assolutamente non significative dal punto di vista emissivo. Foto in apertura tratta da e-gazette.it (RQ) CONSORZIO ITALIANO BIOGAS - Rassegna Stampa 04/03/

11 ENERGIE RINNOVABILI 64 articoli

12 03/03/2013 Il Sole 24 Ore Pag. 22 (diffusione:334076, tiratura:405061) SICILIA Sviluppo bloccato. In ritardo il collegamento Sorgente-Rizziconi - Danni al Paese per 3,5 miliardi Energia troppo cara in Sicilia Montante (Confindustria): «Elettrodotto opera indispensabile» L'AUTHORITY Nell'isola il sovrapprezzo della corrente elettrica dovuto «all'obsoleto e mediamente più costoso parco di generazione» Nino Amadore Nino Amadore PALERMO In Sicilia l'energia costa di più e ciò è ormai insopportabile. Lo dice l'autorità per l'energia elettrica e il gas, lo ribadisce il presidente degli industriali siciliani e delegato nazionale di Confindustria alla Legalità Antonello Montante, che lancia un appello alla responsabilità. Serve, è opinione comune, il raddoppio dell'elettrodotto tra Sorgente (sul lato siciliano) e Rizziconi (sul lato calabrese), il cosiddetto Ponte elettrico tra la Sicilia e la Calabria che metterebbe in sicurezza il sistema elettrico nazionale e soprattutto quello siciliano: investimento di 700 milioni e posa di un cavo di 105 chilometri di cui 35 sottomarini. Opera già avviata ma finita nel mirino di comitati locali soprattutto sul lato siciliano. E il governo regionale guidato da Rosario Crocetta, cedendo alle pressioni, ha chiesto chiarimenti nonostante tutte le autorizzazioni siano state rilasciate. Ecco, secondo alcuni calcoli, il ritardo nella realizzazione di quest'opera è costata fin qui al sistema Paese oltre 3,5 miliardi: un valore che rappresenta il sovracosto dell'energia elettrica in Sicilia negli ultimi cinque anni. In dettaglio, nel rapporto dell'autorità si legge che nel 2011 la differenza di prezzo a Mwh tra la Sicilia e la zona Sud è stato mediamente di 24 euro e in particolare il prezzo medio mensile nell'isola è stato di 93,11 euro per Mwh mentre nella zona Sud il prezzo medio mensile è stato di 69,04 euro per Mwh. Non solo. Da un'analisi fatta la scorsa settimana su dati della Borsa elettrica nazionale nella fascia oraria che va dalle 19 alle 21 il costo dell'energia in Sicilia è stato di oltre 160 euro per Mwh mentre nella zona Sud è stato di 75 euro per Mwh. Nel mese di gennaio il prezzo medio dell'energia elettrica in Sicilia è stato di 90 euro per Mwh mentre nella zona Sud è stato di 60 euro. Nel periodo si parte con un prezzo medio per la Sicilia di 88 euro per Mwh e di 59 nella zona Sud, e si arriva al 2012 con un prezzo medio nell'isola di 95 euro per Mwh e di 70 nella zona Sud. Una crescita del prezzo medio quasi dell'8 per cento. La realizzazione del raddoppio, secondo i tecnici, aiuterebbe la concorrenza e dunque il calo dei prezzi integrando la Sicilia con il resto del paese. Lo dice, anche, l'autorità per l'energia in una segnalazione inviata al governo a ottobre 2012 nella quale, tra l'altro, precisa che il maggior costo dell'energia elettrica in Sicilia è «riconducibile prevalentemente all'obsoleto e mediamente più costoso parco di generazione». L'elettrodotto sottomarino fa parte dell'elenco di opere strategiche stilato da Terna e Autorità per l'energia e che sarà oggetto di costante monitoraggio da parte dell'authority: il cronoprogramma prevede che l'opera sia consegnata nel giugno del 2015 anticipandolo di sei mesi. Su questo fronte si inserisce il richiamo di Montante il quale si appella al buon senso di tutti: «Le notizie sul costo dell'energia elettrica in Sicilia, a causa della mancata realizzazione dell'elettrodotto Sorgente-Rizziconi, sono diventate allarmanti e non necessitano di alcun commento - dice il leader degli imprenditori siciliani -. È necessario trovare al più presto un punto d'incontro per sgombrare il campo dalle remore e dagli ostacoli che ancora si frappongono alla realizzazione dell'elettrodotto, un'opera indispensabile, peraltro, anche per lo sviluppo dell'energia da fonti rinnovabili, che rappresentano per la nostra Regione una grande opportunità. Sono certo che tutti gli attori coinvolti riusciranno ad individuare soluzioni idonee che consentano la realizzazione di questa opera infrastrutturale strategica salvaguardando al contempo la salute dei cittadini e dell'ambiente». RIPRODUZIONE RISERVATA Foto: Presidente. Antonello Montante ENERGIE RINNOVABILI - Rassegna Stampa 04/03/

13 04/03/2013 Il Sole 24 Ore Pag. 26 (diffusione:334076, tiratura:405061) Gli adempimenti Stop alle compravendite senza stima dei consumi Ogni immobile deve essere dotato del certificato LA STRETTA Vietato autodichiarare che il fabbricato è in classe G La prestazione va indicata anche negli annunci su carta e online Augusto Cirla La certificazione energetica si allinea agli obblighi europei. Dallo scorso 28 dicembre il venditore non può più dichiarare che il proprio immobile è un "colabrodo termico" per evitare di predisporre la pagella verde. La possibilità era stata introdotta dalle linee guida nazionali (Dm 26 giugno 2009), che consentivano al proprietario del l'immobile di superficie utile inferiore o uguale a metri quadrati di optare per una autodichiarazione sulla classe energetica più bassa, affermando cioè che l'immobile oggetto della compravendita è di classe energetica «G» e che i costi per la gestione energetica dell'edificio sono molto alti. Questa norma non si applicava in alcune Regioni - come Lombardia e Piemonte - dove esistono regole locali più severe di quelle nazionali, ma in buona parte del Paese consentiva di aggirare l'obbligo di dotare gli immobili della certificazione. Da qui una procedura di infrazione aperta da Bruxelles, per incompleta e non conforme attuazione della Direttiva 2002/91/Ce sull'efficienza energetica, alla quale ha posto rimedio il Dm del 22 novembre 2012 (pubblicato sulla «Gazzetta ufficiale» n. 290 del 13 dicembre 2012) ed entrato in vigore appunto il 28 dicembre. Queste ultime vicende vanno lette in parallelo con le altre che regolano la materia. Infatti, dopo un iniziale rigore da parte del legislatore, manifestatosi attraverso la previsione della nullità di tutti gli atti di trasferimento degli immobili a titolo oneroso qualora agli stessi non fosse stata allegato l'attestato di certificazione energetica (Ace), si è ritenuto di attenuare tale severità e di abrogare dunque le norme che avevano previsto l'obbligo di «allegazione» a carico del venditore. Pertanto, in base alla normativa nazionale, oggi l'obbligo è quello di «dotare» di Ace gli immobili in caso di trasferimento a titolo oneroso, senza poter più ricorrere all'autocertificazione in classe «G». Salvo i casi di compravendita di immobili nuovi, dove l'obbligo è per legge posto in capo al costruttore e la consegna del certificato energetico deve avvenire contestualmente a quella dell'immobile (si veda l'articolo a fianco), l'onere di dotazione ben può essere posto contrattualmente a carico dell'acquirente, che se ne addossa i costi, in deroga alla disposizione (articolo 6 del Dlgs 192/05) che prevede che la certificazione energetica avvenga «con onere a carico del venditore». Tutto è possibile quindi, purché resti ferma l'assoluta inderogabilità dell'obbligo di fare circolare l'immobile solo se dotato della certificazione energetica, quand'anche l'acquirente intenda espressamente rinunciarvi. Di conseguenza ora i proprietari di immobili devono comunque produrre l'attestato di certificazione energetica per il trasferimento di immobili, fatta eccezione per box auto, cantine, autorimesse, depositi, ruderi oppure immobili venduti nello stato di «scheletro strutturale», cioè privi delle pareti verticali esterne, o al rustico, cioè mancanti delle rifiniture e degli impianti tecnologici, sempre che così siano qualificati nell'atto notarile. A livello pratico, è il notaio che assume il ruolo di controllore dell'esistenza del certificato ai fini del rispetto dell'obbligo di dotazione, assumendo il compito di garante della legalità. In tale sua veste, il notaio ha dunque il dovere di informare adeguatamente le parti dei loro diritti e dei loro obblighi in materia di certificazione energetica e di illustrare loro le principali caratteristiche della normativa relativa al risparmio energetico degli edifici. Quelle descritte finora sono le norme nazionali, che però vanno coordinate con gli obblighi eventualmente previsti a livello regionale (si veda la tabella nella pagina seguente). Ad esempio, per un alloggio venduto a Roma si seguiranno fedelmente le norme statali. Per un altro venduto a Milano o Torino, l'ace dovrà essere allegato al rogito. ENERGIE RINNOVABILI - Rassegna Stampa 04/03/

14 04/03/2013 Il Sole 24 Ore Pag. 26 (diffusione:334076, tiratura:405061) A questo mosaico normativo, va poi aggiunto un altro tassello. Recependo la direttiva n. 2009/28/CE sulla promozione delle energie rinnovabili, l'articolo 13 del decreto rinnovabili (Dlgs 28/2011) ha previsto - a partire dal 1 gennaio l'obbligo di riportare l'indice di prestazione energetica contenuto nell'attestato di certificazione energetica anche negli annunci economici di vendita di edifici o di unità immobiliari (su riviste o volantini, su internet o affissioni a muri e portoni). A questo proposito, bisogna sottolineare che - alla lettera - va indicato l'indice di prestazione energetica (Ipe) e non anche la classe energetica, da «A» a «G», che pure risulta più facile da comprendere per il consumatore. Inoltre, la mancata indicazione dell'ipe non è sanzionata a livello nazionale, ma solo da eventuali norme locali. Particolarmente severe quelle della Lombardia, in cui sono previste sanzioni da mille a 5mila euro per unità immobiliare. RIPRODUZIONE RISERVATA IN SINTESI L'obbligo Nel momento della compravendita l'immobile deve essere dotato dell'attestato di certificazione energetica (Ace) che indica in quale classe di efficienza si colloca e rende noto l'indice di prestazione energetica (in pratica, i consumi) I soggetti Il proprietario deve far redigere l'attestato da professionisti o società abilitate. È ammessa anche la possibilità che l'onere di dotare il bene dell'ace sia contrattualmente posto a carico dell'acquirente Quale documento Dal 28 dicembre scorso non c'è alternativa all'ace, all'attestato redatto cioè dai tecnici abilitati, o con le regole nazionali o, se presenti, con quelle regionali. L'autocertificazione del proprietario sul fatto che l'immobile si trova nella classe energetica più bassa è stata cancellata I controlli Esclusa la possibilità di dichiarare nullo il rogito senza l'attestato, spetta al notaio informare le parti sull'obbligo e vigilare sul rispetto ENERGIE RINNOVABILI - Rassegna Stampa 04/03/

15 04/03/2013 Il Sole 24 Ore Pag. 27 (diffusione:334076, tiratura:405061) Gli obblighi per i cittadini Standard di calcolo e sanzioni ad hoc in sette Regioni Le norme locali ampliano anche i casi in cui va elaborato l'attestato A CURA DI Maria Chiara Voci La funzione dell'attestato di certificazione energetica (Ace) è rendere immediatamente visibile, a chi acquista o affitta una casa, quali siano i consumi a cui dovrà far fronte in termini di riscaldamento e produzione di acqua calda sanitaria. Tuttavia, a discapito del l'obiettivo di trasparenza auspicato dalle direttive europee (la 2002/91/CE prima e la 2010/31/CE poi), l'applicazione della disciplina per il rilascio dell'ace - almeno in Italia - è ancora ben lontana dal l'aver centrato lo scopo informativo che il legislatore si era prefisso. Le regole regionali Innanzitutto, il certificato è di difficile lettura per un comune cittadino, digiuno di nozioni tecniche. Troppo difficile, non solo interpretare i valori, ma anche verificare la rispondenza delle analisi alla realtà dei fatti. In secondo luogo, l'italia - che pure era stata la prima nazione Ue a recepire con il Dlgs 192/2005 la direttiva emanata nel 2002 da Bruxelles - ha successivamente tardato a dettare regole operative univoche di funzionamento del sistema. Un ritardo che ha spinto le Regioni, soprattutto quelle del centro-nord, a muoversi in totale autonomia per mettere a punto meccanismi locali per il rilascio dei certificati. Con il risultato di un fiorire di norme differenti, anche nei metodi di calcolo utilizzati, che si trovano ora a stridere rispetto a quanto è stato deciso a livello statale. Gli indici presi a parametro cambiano infatti a seconda dei territori. Anche fisicamente, il modello di certificato rilasciato è del tutto differente a seconda che l'unità immobiliare sia ubicata in Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna o, ad esempio, nel Sud Italia. La pagella energetica Nell'attestato di certificazione energetica (almeno questo accade ovunque) è riportata una scala, con differenti tacche colorate, che indicano la classe dell'edificio, contrassegnata con le lettere da A+ (la classe più efficiente) a G (la meno performante). Come si arrivi però a determinare questa classe non è univoco. Gli indici numerici, espressi in chilowattora per metro quadrato all'anno (kwh/m2 anno), cambiano da territorio a territorio. In linea generale, dando qualche indicazione per la lettura delle sigle, l'epi è l'indice più importante ed è quello che riferisce l'energia primaria per il riscaldamento invernale. Rappresenta, cioè, l'energia che si consuma in un anno per riscaldare un metro quadro di unità immobiliare. L'EPacs è, invece, l'indice energia primaria per la produzione di acqua calda sanitaria. Il suo valore dipende in gran parte dal modo con cui l'energia viene prodotta: se con caldaia autonoma, con boiler a gas o elettrico o con altri impianti, alimentati magari con pompa di calore o con fonti rinnovabili (ad esempio, i pannelli solari termici, eventualmente abbinati a una caldaia a gas). La somma dei due indici (cioè EPi+EPacs) fornisce quello che viene definito come EPgl o indice energia primaria globale. L'EPgl colloca l'immobile in una classe da A a G. Non ovunque però è così. Solo per fare un esempio, in Lombardia, l'ace riporta due indici che determinano l'efficienza energetica, cioè l'eph o indice di prestazione per la climatizzazione invernale, che non comprende il fabbisogno per la produzione di acqua calda sanitaria e l'etc per le prestazioni dell'involucro in regime estivo. E il discorso potrebbe continuare spostandosi in altre realtà. Nel caso di edifici esistenti (questo ovunque) l'ace, oltre a indicare la classe energetica, deve riportare anche i possibili interventi che possono essere realizzati per migliorare la prestazione dell'edificio. Un'indicazione importante, anche se spesso trascurata da chi acquista l'immobile. I criteri di calcolo ENERGIE RINNOVABILI - Rassegna Stampa 04/03/

16 04/03/2013 Il Sole 24 Ore Pag. 27 (diffusione:334076, tiratura:405061) Lo "spezzatino" regionale dipende da scelte, anche di approccio, effettuate negli anni dalle Regioni. Innanzitutto sulla decisione di seguire o meno il sistema di calcolo definito dallo Stato e molto criticato da alcune amministrazioni. Così Lombardia, Provincia di Trento e Valle d'aosta hanno deciso di procedere per la propria strada, non adeguandosi alle norme Uni/Ts Con il risultato che, a Milano, ad esempio, si segue il Cened+ (che appunto ha indici differenti come l'eph) mentre in Valle d'aosta con il sistema Beauclimat viene presa in esame anche la performance dell'edificio in termini di climatizzazione estiva e di illuminazione, ma solo se si parla di non residenziale. Ancora più distante la situazione in Provincia di Bolzano, dove lo standard Cacaclima calcola, prima del risparmio garantito dagli impianti di riscaldamento e produzioni di acqua calda, l'efficienza dell'isolamento dell'involucro. Perché, spiegano dal l'alto Adige, «il modo migliore per risparmiare, in fondo, è evitare di consumare». Dove non esistono regole locali - quindi in tutto il Centro-Sud - ci si attiene invece alle regole nazionali di calcolo. RIPRODUZIONE RISERVATA GLOSSARIO ACE Acronimo di attestato di certificazione energetica: è il certificato redatto da un tecnico abilitato che comprende la diagnosi energetica dell'immobile, indica i consumi e la classe in cui si colloca CASACLIMA Modello di certificazione energetica obbligatorio a Bolzano, ma utilizzato anche altrove perché con parametri più severi che valutano soprattutto l'isolamento dell'intero edificio DLGS 192/2005 È il testo base della certificazione energetica nazionale. Da integrare con le regole regionale, se presenti EPI Indice di energia necessaria per il riscaldamento invernale all'anno per mq EPACS Indice di energia necessaria per l'acqua calda sanitaria all'anno per mq IPE L'indice di prestazione energetica è l'energia totale consumata dall'edificio climatizzato per metro quadro di superficie ogni anno LEED Protocollo americano che oltre a valutare l'efficienza energetica misura l'impatto ambientale e la salubrità della costruzione NORMA UNI Si tratta di una norma di tipo tecnico, volontaria. Quella utilizzata come standard per il calcolo delle prestazioni energetiche dell'edificio è la Uni/Ts PROTOCOLLO ITACA Modello regionale che valuta l'edificio, oltre che sotto il profilo dei consumi, anche sotto quello della sostenibilità ambientale ENERGIE RINNOVABILI - Rassegna Stampa 04/03/

17 02/03/2013 La Repubblica - Palermo Pag. 2 (diffusione:556325, tiratura:710716) Trattative in corso sul futuro dello stabilimento di Termini. I nomi delle aziende? "Top secret" Il caso Bioenergie e motori a metano due nuove proposte per l'ex Fiat Vancheri: "Stiamo lavorando per gli operai e i loro figli" I dubbi della Fiom "Soltanto annunci" Spuntano le ipotesi Ecogen e Newcoop Davanti a Palazzo d'orleans sit-in dei dipendenti Gesip MANUELA MODICA UPGRADING per i motori e bioenergia. Sono i paroloni sul tavolo del rilancio occupazionale dello stabilimento ex Fiat di Termini Imerese. Dopo il viaggio romano di Crocetta, giovedì scorso, per incontrare il ministro del Lavoro Elsa Fornero, il presidente della Regione annuncia in conferenza stampa le nuove proposte per i cassintegrati Fiat. Green economy da un lato e dall'altro upgrading, che in inglese vuol dire aggiornamento, e in questo caso conversione dei motori per il consumo a metano. Impossibile per il momento conoscere i nomi delle aziende, sicuramente italiane, per non turbare le trattative in corso. Di chiaro c'è soprattutto lo sfondo. Rilancio del lavoro da Termini Imerese a tutta l'isola. Le ambizioni dell'assessore alle Attività produttive, Linda Vancheri, sono ampie: «Dobbiamo sfruttare la crisi e trasformarla in un'occasione di rilancio per la Sicilia. Stiamo lavorando per garantire l'occupazione non solo agli operai Fiat ma anche ai loro figli». Sul tavolo più proposte per ricollocare i operai ex Fiat. Ritornano i nomi, gli unici rivelati, di Ecogen e Newcoop, che partecipano con un'offerta unica: «Avevano incontrato difficoltà burocratiche nella loro prima proposta, legate più che altro a un vuoto amministrativo. Difficoltà adesso rimosse». Novità di fronte alle quali fa spallucce Roberto Mastrosimone, segretario provinciale della FiomCgil: «Sono nomi già sentiti, di nuovo non c'è nulla. Finora abbiamo ascoltato solo annunci. È chiaro che siamo aperti a ogni genere di dialogo col governo, ma se non dovessero essere proposte in grado di assorbire tutti i cassintegrati, non otterranno gli stabilimenti dalla Fiat e neanche la nostra collaborazione». Delle duemila tute blu, sono adesso quelle senza lavoro, con la sola garanzia della cassa integrazione in scadenza il prossimo 31 dicembre. Prossimi alla mobilità ben 600. Con la scadenza di fine anno davanti e i precedenti dietro le spalle, Mastrosimone non si entusiasma: «Abbiamo sentito di tutto finora, dai vivai alle protesi mediche, alle macchine elettriche. Abbiamo sentito i nomi, da Rossignolo a De Risio, da Ciccolella a Cimino, e molti poi hanno avuto problemi con la giustizia. In più occasioni abbiamo chiesto di conoscere le linee concrete di queste nuove prospettive, non ne sappiamo ancora niente». Ma la Vancheri rassicura: «Sono iniziative di grossa portata che hanno già attivi protocolli con il ministero dell'ambiente. Il cordone istituzionale è già in atto. Abbiamo voluto alzare il livello del tavolo in previsione di un ampio sviluppo industriale che vedrà la Sicilia tra le prime regioni d'italia per innovazione. Lo scopoè riattivare economicamente tutta l'area, e non solo. Nel caso delle bioenergie, per esempio, occorrerà servirsi di biomassee così coinvolgerei terreni agricoli. Una spinta per tutti, ma soprattutto per il futuro». Nel frattempo, il presente è fuori dal Palazzo. Davanti alla presidenza della Regione si radunano un centinaio di dipendenti della Gesip, la partecipata del Comune che ha cessato ogni attività lo scorso 31 dicembre. Una delegazione ha avuto un colloquio con l'assessore al Lavoro, Ester Bonafede. RIPRODUZIONE RISERVATA ENERGIE RINNOVABILI - Rassegna Stampa 04/03/

18 04/03/2013 La Stampa - Ed. nazionale Pag. 23 (diffusione:309253, tiratura:418328) L'INTERVISTA I Garrone: "Dal petrolio al vento Ecco la svolta verde della Erg" EDOARDO E ALESSANDRO In Europa siamo tra i primi gruppi nell' energia rinnovabile E investiremo circa 160 milioni sulla rete di stazioni di servizio ALL'ESTERO Ottime opportunità, abbiamo speso 90 milioni in Bulgaria e ne investiremo 160 in Romania. Siamo pronti a fare acquisizioni L'INTERVISTA DI TEODORO CHIARELLI A PAGINA 24 E 25 Pochi se ne sono accorti, ma la più grossa trasformazione industriale degli ultimi cinque anni fatta in Italia è passata da Genova, dal grattacielo del Wtc affacciato sul porto dove ha sede il gruppo Erg della famiglia Garrone. Pochi se ne sono accorti, ma la più grossa trasformazione industriale degli ultimi cinque anni fatta in Italia è passata da Genova, dal grattacielo del Wtc affacciato sul porto dove ha sede il gruppo Erg della famiglia Garrone. Qui, dagli uffici al ventitreesimo piano dai quali si gode una vista impareggiabile sulla città, è stato pianificato e poi realizzato il passaggio da operatore leader nella raffinazione, a gruppo leader nelle energie rinnovabili, da petroliere a imprenditore dell'eolico, dalla benzina al vento. Petroliere verde, si potrebbe azzardare. Se non fosse che, per quando difficile da immaginare, potrebbe addirittura essere riduttivo. Con la cessione, in varie fasi, dell'80% della raffineria Isab in Sicilia ai russi di Lukoil, la Erg ha incassato qualcosa come 2,4 miliardi di euro. Altri 350 milioni verranno a breve con la vendita del restante 20%. Contemporaneamente, ridotto l'indebitamento e coperte le perdite degli ultimi due anni che a causa della crisi economica hanno penalizzato duramente il settore petrolifero, Erg ha investito 2,5 miliardi di euro (1.064 milioni solo nel 2012) per sviluppare il settore eolico. Certo, al gruppo rimane comunque la terza rete nazionale di distribuzione di benzina e gasolio (3.100 stazioni di servizio, 11% di quota di mercato), ma la trasformazione-rivoluzione dei petrolieri genovesi è clamorosa, soprattutto per il breve tempo impiegato. Una trasformazione voluta dalla terza generazione dei Garrone presente in azienda, ma benedetta dal patriarca Riccardo poco prima della scomparsa, il 21 gennaio scorso, all'età di 76 anni. Edoardo Garrone è il presidente di Erg e della Sampdoria, primo dei sei figli di Ric cardo. Gli altri sono Alessandro, Vittorio, Filippo, Laura e Costanza e poi nel gruppo c'è il cugino Giovanni Mondini. Terza generazione che ricorda con grande affetto il patriarca Riccardo Edoardo Garrone racconta: «E pensare che solo dieci anni fa, nel Natale del 2002 papà ci aveva convocato tutti, compreso mio cugino Giovanni Mondini, per dirci che era deluso dall'italia, che bisognava valutare se vendere tutto. Nel frattempo io avrei fatto il presidente e Alessandro l'amministratore delegato». Interviene Alessandro: «In realtà aveva già tutto pronto: l'acquirente e il contratto da firmare. Ci abbiamo pensato, non è stato facile, ma poi abbiamo risposto che volevamo fare gli industriali e non i figli di papà con le tasche piene di soldi. Io, allora come amministratore delegato, mi sono caricato sulle spalle una responsabilità enorme. Papà non era convinto di esplorare la strada dell'eolico, è stata dura. Però, alla fine, è stato più che contento». Conclude Vittorio insieme a Giovanni Mondini: «Lui subito non ha detto niente, come al solito. Ma poi, qualche tempo dopo, abbiamo capito che aveva gradito». Poi ci fu l'offerta dei russi della Lukoil. Alessandro: «Quando è venuta fuori l'offerta di Lukoil temevo che papà si mettesse di traverso». Edoardo: «Per forza andavi a toccare la sua storia: lui era cresciuto nel petrolio e per il petrolio». Giovanni Mondini: «E invece no, è stato coerente con quanto andava dicendo da tempo: per essere un gruppo familiare indipendente eravamo arrivati al top, impossibile avere le risorse necessarie a competere con i colossi multinazionali». Vittorio: «Alla fine ci ha confortati nell'idea di andare avanti nella trasformazione del gruppo». Un'eredità comunque impegnativa quella lasciata da Riccardo Garrone alla terza generazione. Edoardo, Alessandro, Vittorio Garrone e Giovanni Mondini: «Ci restano i suoi valori: etica, trasparenza e libertà. Aveva una grande tenacia a difendere le proprie idee: posso farlo, sosteneva, perché non ho scheletri nascosti. Non è stato un maestro in senso tradizionale. Non parlava molto. Noi da piccoli ne abbiamo sofferto: puoi anche dirci qualcosa ogni tanto, mugugnavamo. Preferiva essere guida con l'esempio, senza intervenire direttamente. Era serio più che severo, ma sapeva tutto di noi tutti, sapeva essere presente. Preferiva il fare e l'essere al dire. Solo crescendo abbiamo capito. Così come abbiamo iniziato ad apprezzare ENERGIE RINNOVABILI - Rassegna Stampa 04/03/

19 04/03/2013 La Stampa - Ed. nazionale Pag. 23 (diffusione:309253, tiratura:418328) quel suo non essere mai servile coi potenti, né snob con le persone più umili. Certo, non era una persona facile. Tutti abbiamo litigato con lui: quando si metteva in testa una cosa, fargli cambiare idea era un'impresa, anche se gli dimostravi che stava sbagliando. Ora che non c'è più, però, è scomparso anche il nostro punto di riferimento. Ci ha trasmesso il senso del dovere». Nel frattempo la rivoluzione "verde" della Erg è ormai una realtà. Alessandro: «Con MW installati siamo uno dei primi gruppi privati indipendenti in Europa, che oggi è vicepresidente operativo del gruppo - In Italia abbiamo una capacità doppia rispetto al secondo operatore, ossia l'enel. Ma vogliamo continuare a crescere: non in Italia, perché il nostro Paese per quanto riguarda l'eolico è ormai saturo. Ma all'estero ci sono ancora ottime opportunità. Con Lukoil abbiamo appena speso 90 milioni in Bulgaria e ne investiremo 160 in Romania. Entro il 2015 prevediamo di investire 300 milioni. A quel punto contiamo di essere fra i primi cinque in Europa». Edoardo: «Continueremo a investire anche sulla rete delle stazioni di servizio. Almeno 160 milioni nei prossimi tre anni. L'obiettivo è aumentarne l'efficienza, puntando insieme al partner Total su razionalizzazione e innovazione. Questo vuol dire anche ridurre del 15% i nostri distributori. Se poi si presenteranno occasioni per crescere, non escludiamo acquisizioni». E il fotovoltaico, l'energia solare? Vittorio: «Non siamo interessati al solare tradizionale - dice Vittorio Garrone - Non ci crediamo. Stiamo investendo con alcuni partner nel fotovoltaico organico, una tecnologia che potrebbe avere sviluppi interessanti. Vedremo». Il gruppo in cifre Anno di fondazione Totale Punti vendita TotalErg Totale Megawatt (MW) installati eolico Totale MW installati termoelettrico Margine Operativo Lordo dei primi nove mesi del 2012 Le stazioni TotalErg Continueremo a investire anche sulla rete delle stazioni di servizio. Almeno 160 milioni di euro nei prossimi tre anni. L'obiettivo è quello di aumentarne l'efficienza, puntando insieme al partner francese Total sulla razionalizzazione e l'innovazione. Questo vuol dire anche ridurre del 15% i nostri distributori. Se poi si presenteranno delle occasioni per crescere, non escludiamo acquisizioni. L'energia solare Papà non era convinto di esplorare la strada dell'eolico, è stata dura. Però, alla fine, è stato più che contento. Ora in Italia abbiamo una capacità doppia rispetto al secondo operatore, ossia l'enel. Non siamo interessati al solare tradizionale, non ci crediamo. Stiamo investendo con alcuni partner nel fotovoltaico organico, una tecnologia che potrebbe avere sviluppi interessanti. Vedremo. Foto: Da sinistra i fratelli Alessandro ed Edoardo Garrone Foto: Edoardo Garrone Alessandro Garrone È il presidente del gruppo Erg É il vice presidente esecutivo gruppo Erg Riccardo Garrone ( ) Vittorio Garrone Giovanni Mondini È il vice presidente di Erg Renew Cugino dei fratelli Garrone, è il vice presidente del gruppo Erg Il presidente onorario della Erg è nato il 23 gennaio 1936 ed è scomparso il 21 gennaio di quest'anno Le energie rinnovabili Il Parco eolico del gruppo Erg Renew di Fossa del Lupo in Calabria in provincia di Catanzaro L'impianto è da circa 100 Mw ENERGIE RINNOVABILI - Rassegna Stampa 04/03/

20 04/03/2013 La Stampa - Asti Pag. 52 (diffusione:309253, tiratura:418328) "Possiamo ricavare gasolio dalle bottiglie di plastica" Mirko Garbero Produrre gasolio dalla plastica riciclata non è più un argomento da fantascienza. Un gruppo di lavoro della Demont di Millesimo (azienda specializzata nel riciclaggio e bonifica), ha brevettato il sistema e realizzato un impianto pilota dimostrativo. Alla guida del team c'è l'astigiano Mirko Garbero, 36 anni, una laurea in ingegneria al Politecnico di Torino conseguita a pieni voti e la passione per i rally (è navigatore). La tecnologia che potrebbe offrire nuove prospettive al mercato energetico è stata sviluppata dopo studi e ricerche di laboratorio durati 5 anni. Il procedimento impiega poliolefine riciclate, note anche come densificato di scarto, che hanno ormai raggiunto la fine del loro ciclo vita, per produrre olio combustibile nel rapporto di un litro di gasolio ottenuto per ogni chilo di plastica utilizzato. I ricercatori indicano che il costo del gasolio così ottenuto, in un impianto medio piccolo come quello in cui hanno lavorato, è inferiore a 0,65 euro al litro, ma potrebbe scendere lavorando su scale maggiori. Un costo sicuramente competitivo e, quindi, economicamente sostenibile rispetto a quello ottenuto dalle raffinerie. «Il nostro gasolio però - spiega Garbero - è ricavato con il riutilizzo di sostanze che altrimenti finirebbero nelle discariche o negli inceneritori. Si tratta, quindi, di un sistema che produce energia pulita e questo a nostro parere potrà portare a interessanti sviluppi, circa il suo utilizzo, sia in Italia sia all'estero. Certo, abbiamo anche bisogno di una legislazione che consideri il nostro modo di produrre energia come un'opportunità per il Paese. Un concetto, questo, facile da spiegare, ma più difficile da concretizzarsi». Per ora l'ostacolo principale è proprio il modo di fare la raccolta differenziata: per le aziende che se ne occupano le plastiche sono tutte uguali e un'azienda che avesse necessità di grandi quantità di poliolefine riciclate troverebbe molte difficoltà. La Demont opera sul mercato internazionale come partner per la progettazione, fornitura, installazione, messa in servizio e manutenzione di impianti industriali e civili, soprattutto di impianti di produzione, trasformazione e distribuzione di energia, di impianti chimici e petrolchimici. Inoltre progetta, costruisce ed installa generatori di vapore, forni, impianti di dissalazione, componenti in pressione, carpenterie e arredamenti navali. Mirko Garbero, originario di Roccaverano, dove vivono i genitori, si è trasferito a Bubbio dopo il matrimonio con Erika, e tutte le sere torna a casa per passare qualche ora con i suoi figlioletti, Vittorio e Anna. «Ho ripreso e sviluppato l'idea di Ottavio Colombo - ricorda Garbero che su questo tipo di ricerca aveva avviato i primi esperimenti. Attualmente, del gruppo di ricerca che sostiene il nostro progetto fa anche parte la Ferrari». E conclude: «Per noi sarebbe veramente molto bello poter completare le nostre ricerche e metterle a disposizione del nostro Paese che potrebbe così migliorare l'ambiente e ridurre drasticamente la nostra dipendenza energetica dall'estero». ENERGIA PULITA «Si riutilizzano sostanze che finirebbero in discarica o negli inceneritori» ENERGIE RINNOVABILI - Rassegna Stampa 04/03/

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Sintesi del decreto legislativo sulla promozione della cogenerazione ad alto rendimento PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Il decreto

Dettagli

Certificazione Energetica degli edifici 1991-2011 ING. Vincenzo Triunfo

Certificazione Energetica degli edifici 1991-2011 ING. Vincenzo Triunfo Certificazione Energetica degli edifici 1991-2011 ING. Vincenzo Triunfo 1991 - La certificazione energetica degli edifici in Italia è un idea che parte da lontano, tanto che il percorso compie proprio

Dettagli

A mio avviso, più che parlare di riforma degli incentivi per le agro-energie io parlerei di miglioramento. Vorrei ricordare a tutti che fino a due

A mio avviso, più che parlare di riforma degli incentivi per le agro-energie io parlerei di miglioramento. Vorrei ricordare a tutti che fino a due Donato ROTUNDO A mio avviso, più che parlare di riforma degli incentivi per le agro-energie io parlerei di miglioramento. Vorrei ricordare a tutti che fino a due anni fa se ci fossimo trovati in questa

Dettagli

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO Uno studio del GSE rivela che già nel 2010 l Italia sarebbe in grado di aumentare del settanta per cento il calore prodotto in cogenerazione

Dettagli

C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO

C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Allegato C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Il decreto legislativo approvato il 7 febbraio 2007 in via definitiva dal Consiglio dei ministri in attuazione della

Dettagli

Art. 6. (Attestato di prestazione energetica, rilascio e affissione).

Art. 6. (Attestato di prestazione energetica, rilascio e affissione). 1 di 5 29/12/2013 18.25 (agg.5) Testo in vigore dal: 24-12-2013 Art. 6. (Attestato di prestazione energetica, rilascio e affissione). 1. A decorrere dalla data di entrata in vigore della presente disposizione,

Dettagli

Milano, 4 giugno 2015 Le politiche energetiche ambientali: nuovi obiettivi occupazionali Lavoro Formazione Sicurezza INTRODUZIONE

Milano, 4 giugno 2015 Le politiche energetiche ambientali: nuovi obiettivi occupazionali Lavoro Formazione Sicurezza INTRODUZIONE Milano, 4 giugno 2015 Le politiche energetiche ambientali: nuovi obiettivi occupazionali Lavoro Formazione Sicurezza INTRODUZIONE La liberalizzazione del mercato dell energia elettrica e del gas in Italia

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA (1)

EFFICIENZA ENERGETICA (1) Tutti gli incentivi per i cittadini: - La detrazione fiscale del 55% per rinnovabili e risparmio energetico nelle abitazioni - Il Conto Energia per il Fotovoltaico - La tariffa omnicomprensiva e i certificati

Dettagli

Prezzi elettrici: l'effetto curativo del fotovoltaico sul problema Sicilia

Prezzi elettrici: l'effetto curativo del fotovoltaico sul problema Sicilia Prezzi elettrici: l'effetto curativo del fotovoltaico sul problema Sicilia Nella prima settimana di maggio nelle ore di picco il MWh nella zona Sicilia è costato 9 euro meno del prezzo unico nazionale:

Dettagli

Paolo Marzialetti - Ce.Spe.Vi. Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica - Un Volano per lo Sviluppo Economico Pistoiese?

Paolo Marzialetti - Ce.Spe.Vi. Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica - Un Volano per lo Sviluppo Economico Pistoiese? Il Riutilizzo degli Scarti Verdi dei Vivai Paolo Marzialetti - Ce.Spe.Vi. Centro Sperimentale Vivaismo di Pistoia Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica - Un Volano per lo Sviluppo Economico Pistoiese?

Dettagli

Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico.

Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico. Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico. Nocera Torinese ( Cz ) Intervento di Luigi Sbarra Segretario Generale Cisl Calabria. Quando si osservano i dati statistici riguardanti la

Dettagli

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana Università degli Studi di Perugia Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana 2 La situazione energetica italiana Domanda e offerta di energia Consumi di energia Fonti Energetiche Rinnovabili

Dettagli

Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA

Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA ISTITUTO DI RICERCHE ECONOMICHE E SOCIALI Osservatorio Energia Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA PREMESSA Nel marzo 2007, l Unione europea ha varato il primo concreto

Dettagli

Il solare termico. Il solare fotovoltaico. Le pompe di calore. Come funzionano? A cosa mi servono? Quanto si risparmia e cosa ci guadagno?

Il solare termico. Il solare fotovoltaico. Le pompe di calore. Come funzionano? A cosa mi servono? Quanto si risparmia e cosa ci guadagno? Il solare fotovoltaico Il solare termico Le pompe di calore Come funzionano? A cosa mi servono? Quanto si risparmia e cosa ci guadagno? ENERGIE RINNOVABILI COME FUNZIONANO? QUANTO SI RISPARMIA? A COSA

Dettagli

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Indice EXECUTIVE SUMMARY... 4 1. IL CONTESTO... 7 1.1 QUADRO INTERNAZIONALE DI RIFERIMENTO... 7 1.2 CONSIDERAZIONI SULLA TRANSIZIONE VERSO

Dettagli

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue Rassegna Stampa del 3 aprile 2015 Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue E' QUANTO EMERGE DALL ANALISI CONDOTTA A LIVELLO MONDIALE DALLA SOCIETÀ GLOBALE DI CONSULENZA

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

A TUTTI GLI ISCRITTI. Trieste, 12/06/2013 OGGETTO: INFORMAZIONI SUL DECRETO LEGGE 63/2013

A TUTTI GLI ISCRITTI. Trieste, 12/06/2013 OGGETTO: INFORMAZIONI SUL DECRETO LEGGE 63/2013 A TUTTI GLI ISCRITTI Trieste, 12/06/2013 OGGETTO: INFORMAZIONI SUL DECRETO LEGGE 63/2013 L ARES informa che ha predisposto un testo coordinato del Decreto Legislativo 192/2005 con le modifiche introdotte

Dettagli

riqualificare risparmiare guadagnare

riqualificare risparmiare guadagnare riqualificare risparmiare guadagnare Il valore da proteggere Spesa annua per il riscaldamento domestico Francia 1150 Spagna 1116 Germania 1104 Ambiente, Energia e Casa. Tre parole unite da un unico comune

Dettagli

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica Corso di Impatto ambientale Modulo Pianificazione Energetica a.a. 2012/13 Prof. Ing. Francesco

Dettagli

Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico

Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico La Provincia di Lucca esercita le competenze in materia energetica assegnatele dalla normativa nazionale e regionale in materia sia nel

Dettagli

Agenzia delle Entrate: risoluzione 22/E del 2 aprile 2013

Agenzia delle Entrate: risoluzione 22/E del 2 aprile 2013 Agenzia delle Entrate: risoluzione 22/E del 2 aprile 2013 La risoluzione 22/E del 2 aprile 2013 dell Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti interpretativi sull applicabilità della detrazione alle spese

Dettagli

DICHIARAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI OGGETTO DI ANNUNCIO COMMERCIALE

DICHIARAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI OGGETTO DI ANNUNCIO COMMERCIALE DICHIARAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI OGGETTO DI ANNUNCIO COMMERCIALE Delibera IX/2555 del 24/11/2011 della Giunta regionale della Lombardia L obbligo dell indicazione della classe

Dettagli

Norme in materia di dimensionamento energetico

Norme in materia di dimensionamento energetico Norme in materia di dimensionamento energetico Evoluzione della normativa europea La situazione italiana Le detrazioni fiscali Certificazione e classificazione energetica degli edifici L Attestato e la

Dettagli

Fonti normative per lo sviluppo delle biomasse D. Lgs. 3 Marzo 2011 (Decreto Romani)

Fonti normative per lo sviluppo delle biomasse D. Lgs. 3 Marzo 2011 (Decreto Romani) Rechtsanwälte Steuerberater Wirtschaftsprüfer Unternehmensberater Fonti normative per lo sviluppo delle biomasse D. Lgs. 3 Marzo 2011 (Decreto Romani) Tecnologie innovative per le bioenergie Italia e Germania

Dettagli

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 OGGETTO: ADESIONE AL PROGETTO METANO PROMOSSO DAL COMUNE DI TORINO E PREORDINATO A LIMITARE GLI EFFETTI INQUINANTI SULL AMBIENTE DEI TRADIZIONALI GAS DI SCARICO.

Dettagli

2012/27/UE INTEGRARE EFFICIENZA ENERGETICA E CRESCITA

2012/27/UE INTEGRARE EFFICIENZA ENERGETICA E CRESCITA Le proposte degli Amici della Terra Italia sul recepimento della Direttiva 2012/27/UE INTEGRARE EFFICIENZA ENERGETICA E CRESCITA Un nuovo obiettivo di riduzione dell intensità energetica per coniugare

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

Incontro con le aziende del settore industriale e terziario

Incontro con le aziende del settore industriale e terziario Comuni di Airuno, Brivio Incontro con le aziende del settore industriale e terziario Brivio, 25 giugno 2015 Sportello Energia Dal mese di maggio 2015 è aperto lo sportello energia : lo Sportello Energia

Dettagli

Detrazione del 36-50% per le spese relative all acquisto e installazione di impianti fotovoltaici

Detrazione del 36-50% per le spese relative all acquisto e installazione di impianti fotovoltaici Detrazione del 36-50% per le spese relative all acquisto e installazione di impianti fotovoltaici Con la presente si analizzano i chiarimenti recentemente forniti dall Agenzia delle Entrate con la Risoluzione

Dettagli

INTERVENTI AMMISSIBILI L'energia che viene auto consumata dal richiedente deve avere come destinazione esclusiva i fabbricati rurali o può servire la

INTERVENTI AMMISSIBILI L'energia che viene auto consumata dal richiedente deve avere come destinazione esclusiva i fabbricati rurali o può servire la INTERVENTI AMMISSIBILI L'energia che viene auto consumata dal deve avere come destinazione esclusiva i fabbricati rurali o può servire la casa d'abitazione dell'imprenditore? L'energia auto consumata dal

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. SCUOLA Festa alle industriali, l istituto Angioy premia le eccellenze La Nuova Sardegna pag. 13 del 30/11/2015

RASSEGNA STAMPA. SCUOLA Festa alle industriali, l istituto Angioy premia le eccellenze La Nuova Sardegna pag. 13 del 30/11/2015 lunedì 30 novembre 2015 RASSEGNA STAMPA SCUOLA Festa alle industriali, l istituto Angioy premia le eccellenze La Nuova Sardegna pag. 13 del 30/11/2015 PREVIDENZA In pensione prima del previsto Italia Oggi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 22/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 22/E QUESITO RISOLUZIONE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 2 aprile 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica. Applicabilità della detrazione fiscale del 36 per cento, prevista dall art. 16-bis del TUIR, alle spese

Dettagli

Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile

Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile Indirizzi del settore energia nella provincia di Livorno Roberto Bianco 19 giugno 2007 1 Pianificazione energetica provinciale: di linee di indirizzo

Dettagli

Efficienza energetica degli immobili

Efficienza energetica degli immobili Efficienza energetica degli immobili Di cosa ci occupiamo? Horus Energia Ambiente s.r.l., specializzata nel campo dell efficienza energetica degli edifici civili ed industriali, offre ai propri clienti

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 13 settembre 2013 Termini e condizioni di partecipazione del settore termoelettrico nelle situazioni di emergenza alla riduzione dei consumi di gas per l'anno

Dettagli

INFORMATIVA 01/2009. Incentivazione della produzione di energia elettrica da biomasse e biogas

INFORMATIVA 01/2009. Incentivazione della produzione di energia elettrica da biomasse e biogas INFORMATIVA 01/2009 Incentivazione della produzione di energia elettrica da biomasse e biogas Realizzato da: TIS Area Energia & Ambiente Data: Bolzano, 06/08/2009 Indice 1 Introduzione... 3 2 Incentivazione

Dettagli

UniCredit Banca a sostegno del fotovoltaico Stefano Rossetti Direttore Regionale Emilia Est e Romagna UniCredit Banca

UniCredit Banca a sostegno del fotovoltaico Stefano Rossetti Direttore Regionale Emilia Est e Romagna UniCredit Banca UniCredit Banca a sostegno del fotovoltaico Stefano Rossetti Direttore Regionale Emilia Est e Romagna UniCredit Banca 30 settembre 2007 Agenda La situazione della produzione di energia rinnovabile in Italia

Dettagli

Efficienza energetica e condomini Una visione di insieme. Ing. Emanuele Bulgherini Project Manager EfficiencyKNow srl

Efficienza energetica e condomini Una visione di insieme. Ing. Emanuele Bulgherini Project Manager EfficiencyKNow srl Efficienza energetica e condomini Una visione di insieme Ing. Emanuele Bulgherini Project Manager EfficiencyKNow srl Il quadro normativo sull efficienza energetica e gli strumenti incentivanti o Legge

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare di concerto con Ministero dell ambiente e della tutela del territorio

Dettagli

Normative, obblighi e procedure per la certificazione energetica

Normative, obblighi e procedure per la certificazione energetica Normative, obblighi e procedure per la certificazione energetica La certificazione energetica, oggi, è tra i documenti più importanti e tra quelli obbligatori nel mercato immobiliare. Cosa bisogna sapere?

Dettagli

L audit energetico e la norma ISO 50001 nel settore cartario: un obbligo che diventa un opportunità

L audit energetico e la norma ISO 50001 nel settore cartario: un obbligo che diventa un opportunità KEY ENERGY - 06 NOVEMBRE 2014 - RIMINI Recepimento della Direttiva UE 2012/27: casi pratici e relativi impatti ed opportunità per le aziende industriali L audit energetico e la norma ISO 50001 nel settore

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO NELL EDILIZIA

IL RISPARMIO ENERGETICO NELL EDILIZIA IL RISPARMIO ENERGETICO NELL EDILIZIA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO INDUSTRIA Palermo 9 marzo 2005 L uso razionale delle risorse energetiche è un tema di crescente rilevanza nelle politiche di sviluppo

Dettagli

VIII Commissione permanente Camera. Esame del disegno di legge C-2629 (DL 133/2014 Sblocca Italia ) Memoria

VIII Commissione permanente Camera. Esame del disegno di legge C-2629 (DL 133/2014 Sblocca Italia ) Memoria VIII Commissione permanente Camera Audizione Esame del disegno di legge C-2629 (DL 133/2014 Sblocca Italia ) Memoria Alessandro Pascucci 29 settembre 2014 1 Egr. Presidente, in qualità di Federesco (Federazione

Dettagli

BIOMASSE: TRAGUARDARE IL FUTURO CON L ESPERIENZA DEL PASSATO

BIOMASSE: TRAGUARDARE IL FUTURO CON L ESPERIENZA DEL PASSATO Presentazione BIOMASSE: TRAGUARDARE IL FUTURO CON L ESPERIENZA DEL PASSATO Marco Manchisi TERA Bari, Convegno Fiera del Levante, 12 Settembre 2011 V^ GIORNATA DELL ENERGIA PULITA RIFLESSIONI Il quadro

Dettagli

Stati Generali della Green Economy

Stati Generali della Green Economy Stati Generali della Green Economy Le misure e le riforme economiche e fiscali necessarie per attivare un green new deal Romano Stasi Segretario Generale, ABI Lab r.stasi@abilab.it www.abilab.it ABI Energia

Dettagli

RES RETE EFFICIENZA SOSTENIBILE

RES RETE EFFICIENZA SOSTENIBILE RES RETE EFFICIENZA SOSTENIBILE "I venti dell'innovazione La sfida per l'energia del futuro" Lunedì 21 maggio Centro Congressi Ville Ponti di Varese PERCHE UNA RETE SULLA EFFICIENZA SOSTENIBILE Nasce dalla

Dettagli

Impianti eolici (produzione di energia elettrica)

Impianti eolici (produzione di energia elettrica) Autorizzazioni BOZZA Le procedure autorizzative da seguire per richiedere l installazione di un impianto, anche se semplificate al massimo, variano in base alla tipologia, alla sua grandezza e alla sua

Dettagli

A voti unanimi e palesi delibera:

A voti unanimi e palesi delibera: Vista la Direttiva 2002/91/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 16 dicembre 2002 sul rendimento energetico nell'edilizia, mediante la cui applicazione l Unione Europea ha inteso promuovere il

Dettagli

BOZZA BOLOGNA, 12 NOVEMBRE 2015. Comitato Paritetico Regione Emilia Romagna Confservizi Emilia Romagna

BOZZA BOLOGNA, 12 NOVEMBRE 2015. Comitato Paritetico Regione Emilia Romagna Confservizi Emilia Romagna Comitato Paritetico Regione Emilia Romagna Confservizi Emilia Romagna Contributo di CONFSERVIZI alla individuazione dei temi oggetto dell attività del Comitato Paritetico BOLOGNA, 12 NOVEMBRE 2015 BOZZA

Dettagli

Il Conto Termico per la promozione dell efficienza energetica nei condomini. Ing. Emanuela Peruzzi

Il Conto Termico per la promozione dell efficienza energetica nei condomini. Ing. Emanuela Peruzzi Il Conto Termico per la promozione dell efficienza energetica nei condomini Ing. Emanuela Peruzzi Roma - Smart Energy Expo, 8 luglio 2015 Agenda La Strategia Energetica Nazionale: il ruolo del Conto Termico

Dettagli

8,5 7,9 7,3 6,3 5,7 5,1 5,2 4,2 2,4 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010-1,3

8,5 7,9 7,3 6,3 5,7 5,1 5,2 4,2 2,4 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010-1,3 Panoramica del settore delle energie rinnovabili in Romania La Romania si trova nel centro geografico d'europa (nel sud-ovest del centro Europa). Il paese ha 21,5 milioni di abitanti e si estende su una

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI PER L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA E DELLE PERTINENZE

LE AGEVOLAZIONI PER L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA E DELLE PERTINENZE LE AGEVOLAZIONI PER L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA E DELLE PERTINENZE Chi acquista la prima casa da un privato (o comunque da un soggetto diverso dall'impresa costruttrice) paga l imposta di registro del

Dettagli

Il cammino del D.Lgs. 192/05

Il cammino del D.Lgs. 192/05 Convegno Il mercato dell efficienza efficienza energetica: evoluzione, orientamenti ed opportunità legate all incontro fra gli attori Il cammino del D.Lgs. 192/05 Ing. Sandro Picchiolutto Il cammino del

Dettagli

l energia che immagini

l energia che immagini il futuro è rinnovabile l energia che immagini le opportunità di un settore in continua crescita eolico fotovoltaico L'energia eolica è ottenuta dal vento e il suo sfruttamento è attuato tramite macchine

Dettagli

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06)

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Nuovo ambito di applicazione Certificazione energetica Controllo e manutenzione degli impianti termici Verifiche del

Dettagli

Tutte le soluzioni per garantire negli edifici il Risparmio Energetico LE NUOVE ENERGIE PER IL CLIMA

Tutte le soluzioni per garantire negli edifici il Risparmio Energetico LE NUOVE ENERGIE PER IL CLIMA Tutte le soluzioni per garantire negli edifici il Risparmio Energetico LE NUOVE ENERGIE PER IL CLIMA Riello nuove energie per il clima TUTTE LE SOLUZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO. La tecnologia per

Dettagli

SOLARE TERMICO. Solare termico prospettive Nuova legislazione:d.lgs 311. Detrazioni fiscali 2007 e succ. modifiche. Impianti solari.

SOLARE TERMICO. Solare termico prospettive Nuova legislazione:d.lgs 311. Detrazioni fiscali 2007 e succ. modifiche. Impianti solari. SOLARE TERMICO Solare termico prospettive Nuova legislazione:d.lgs 311 Detrazioni fiscali 2007 e succ. modifiche Impianti solari Offerta V Via Kennedy, 7 25028 Verolanuova(BS) Tel. +39 030 931167 Fax 030

Dettagli

Rinnovabili ed efficienza energetica negli edifici: obiettivi e prospettive

Rinnovabili ed efficienza energetica negli edifici: obiettivi e prospettive Rinnovabili ed efficienza energetica negli edifici: obiettivi e prospettive prof. Livio de Santoli Sapienza Università di Roma livio.desantoli@uniroma1.it MISE, 2012 CPL, anno 2010 e proiezione 2020 Impieghi

Dettagli

LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10

LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10 LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10 Norme per l'attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell'energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia. La

Dettagli

«Siamo una società che crede nell energia pulita, impegnata a diffondere soluzioni orientate al risparmio energetico per accrescere il

«Siamo una società che crede nell energia pulita, impegnata a diffondere soluzioni orientate al risparmio energetico per accrescere il «Siamo una società che crede nell energia pulita, impegnata a diffondere soluzioni orientate al risparmio energetico per accrescere il benessere dei nostri figli. Tutte le donne e gli uomini che lavorano

Dettagli

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 TELEFONO 47531 1000 BRUXELLES TELEX 622425 TELEFONO 00322 / 2178838

Dettagli

La sostenibilità ambientale delle filiere di approvvigionamento dell impianto di Piombino e la loro compatibilità rispetto ai principi comunitari

La sostenibilità ambientale delle filiere di approvvigionamento dell impianto di Piombino e la loro compatibilità rispetto ai principi comunitari La sostenibilità ambientale delle filiere di approvvigionamento dell impianto di Piombino e la loro compatibilità rispetto ai principi comunitari La Direttiva 2009/28/CE fissa un quadro di riferimento

Dettagli

Serramenti a risparmio energetico: prospettive future

Serramenti a risparmio energetico: prospettive future Serramenti a risparmio energetico: prospettive future Quanto inquiniamo? U.S.A. ogni persona produce 22 tonnellate di CO2 all anno. anno. EUROPA ogni persona produce 8 tonnellate di CO2 all anno. anno.

Dettagli

Biogas: chimera o realtà?

Biogas: chimera o realtà? Biogas: chimera o realtà? La produzione di energia verde da biogas può essere sostenibile solo se gestita in modo professionale Collecchio, Green Days 21 Settembre 2013 Il biogas in Italia Impianti in

Dettagli

Risparmio energetico in edilizia Decreto Legge numero 63 del 4 Giugno 2013

Risparmio energetico in edilizia Decreto Legge numero 63 del 4 Giugno 2013 1/5 Risparmio energetico in edilizia Decreto Legge numero 63 del 4 Giugno 2013 Il decreto legge D.L. 63/2013 varato dal Governo Letta e pubblicato in Gazzetta Ufficiale numero 130 del 5 Giugno 2013, attua

Dettagli

GUALDO 2020 La tua terra, la tua energia

GUALDO 2020 La tua terra, la tua energia GUALDO 2020 La tua terra, la tua energia Centrale eolica e a biomasse CUORE VERDE Azienda agricola e forestale LO.MA. engineering Scenario L'energia prodotta da fonti rinnovabili (eolica, solare, idraulica,

Dettagli

PROGETTO MALENA GLI INCENTIVI PER LA PRODUZIONE DI BIOMETANO

PROGETTO MALENA GLI INCENTIVI PER LA PRODUZIONE DI BIOMETANO PROGETTO MALENA GLI INCENTIVI PER LA PRODUZIONE DI BIOMETANO Roberto Murano Catania, Venerdì 14 Marzo 2014 Biometano: che cosa è? Il biogas è prodotto attraverso la decomposizione biologica di sostanza

Dettagli

CONSULTAZIONE IN MERITO AI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLE FONTI RINNOVABILI

CONSULTAZIONE IN MERITO AI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLE FONTI RINNOVABILI CONSULTAZIONE IN MERITO AI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLE FONTI RINNOVABILI Documento di Osservazioni e Proposte R.ETE. Imprese Italia (Confartigianato, CNA, Casartigiani,

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali COMUNICATO STAMPA CREDITO, CATANIA: NUOVI STRUMENTI PER L AGRICOLTURA ITALIANA Il nostro Paese sta attraversando una congiuntura difficile ed uno

Dettagli

Ren Italia. L energia che ti serve

Ren Italia. L energia che ti serve Ren Italia. L energia che ti serve La tua energia, il tuo futuro. La tua piccola centrale elettrica per un mondo più pulito Il mondo è cambiato, e continua a cambiare sempre più velocemente. Lo sviluppo

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE POLIDORI, VIGNALI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE POLIDORI, VIGNALI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 999 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI POLIDORI, VIGNALI Disposizioni per la razionalizzazione della gestione delle acque e istituzione

Dettagli

Legge Regionale 24 febbraio 2005, n. 39 - Disposizioni in materia di energia

Legge Regionale 24 febbraio 2005, n. 39 - Disposizioni in materia di energia Legge Regionale 24 febbraio 2005, n. 39 - Disposizioni in materia di energia (come modificata dalla LR 23 novembre 2009, n. 71 e s.m.i.) Capo IV Razionalizzazione della produzione e dei consumi, risparmio

Dettagli

"Pure Performance" per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune

Pure Performance per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune "Pure Performance" per i Partner Una direzione chiara per una crescita comune 2 "Pure Performance" per i Partner "Pure Performance" per i Partner 3 Alfa Laval + Partner Valore per il Cliente Partner per

Dettagli

Il PEAR punta a un tendenziale pareggio del deficit elettrico al 2015 e nello stesso tempo a ridurre le emissioni di CO 2

Il PEAR punta a un tendenziale pareggio del deficit elettrico al 2015 e nello stesso tempo a ridurre le emissioni di CO 2 Il PEAR punta a un tendenziale pareggio del deficit elettrico al 2015 e nello stesso tempo a ridurre le emissioni di CO 2 nel rispetto degli obiettivi di Kyoto A solo due anni dalla sua approvazione è

Dettagli

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE Manifesto per l energia del futuro È in discussione in Parlamento il disegno di legge sulla concorrenza, che contiene misure che permetteranno il completamento del

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico BIOEDILIZIA PER CONSUMARE MENO ENERGIA Dopo le misure per l efficienza energetica contenute in finanziaria arriva un decreto legislativo che spinge l industria italiana

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 4, COMMA 1, LETTERA C), DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N. 192, E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI, CONCERNENTE ATTUAZIONE

Dettagli

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin Comunicato stampa Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin La sfida del regime di free zone per i punti franchi di Trieste lanciata dal presidente Marina Monassi. Il messaggio

Dettagli

L Agenzia CasaClima sensibilizza, informa e crea trasparenza per costruire in modo energeticamente efficiente e sostenibile.

L Agenzia CasaClima sensibilizza, informa e crea trasparenza per costruire in modo energeticamente efficiente e sostenibile. AGENZIA CASACLIMA L Agenzia CasaClima di Bolzano è un ente pubblico che si occupa della certificazione energetica e ambientale degli edifici, sia di nuova costruzione che risanati, e della formazione degli

Dettagli

L ITALIA riparte con ENERGIA

L ITALIA riparte con ENERGIA L ITALIA riparte con ENERGIA Schema di disegno di legge recante misure per la liberalizzazione del mercato dell energia, per la razionalizzazione dell approvvigionamento, per il risparmio energetico e

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e con il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti IL MINISTRO DELLA SALUTE (per

Dettagli

Anno 2004. Recensioni

Anno 2004. Recensioni Anno 2004 Recensioni AI CONSUMATORI PIACE L ENERGIA SOLARE 3 marzo lancio di agenzia I consumatori italiani credono nell energia solare, la considerano la principale fonte di energia pulita. È quanto emerge

Dettagli

Lo stato dell Ambiente in Liguria 69

Lo stato dell Ambiente in Liguria 69 Una corretta analisi del sistema energetico regionale non può prescindere dalla funzione paese che la Liguria svolge in ambito nazionale. Essa dispone infatti di un importante industria termoelettrica

Dettagli

Il prodotto. Taglia la bolletta. Rispetta l ambiente. Partecipa alla rivoluzione energetica. Chi siamo

Il prodotto. Taglia la bolletta. Rispetta l ambiente. Partecipa alla rivoluzione energetica. Chi siamo IL TandEM PERCHE New! Taglia la bolletta Installando il TandEM di asjagen puoi generare contemporaneamente energia elettrica e calore (cogenerazione ad alto rendimento) utilizzando un unico combustibile.

Dettagli

Termotecnica Pompe di Industriale

Termotecnica Pompe di Industriale Termotecnica Pompe di Industriale Calore QUARTA CONFERENZA SULL EFFICIENZA ENERGETICA Milano, 24/05/2012 Il ruolo delle pompe di calore alla luce degli obiettivi al 2020 e dell attuale situazione economica

Dettagli

Il quadro autorizzativo per impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Ricognizione della normativa nazionale e regionale

Il quadro autorizzativo per impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Ricognizione della normativa nazionale e regionale Il quadro autorizzativo per impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Ricognizione della normativa nazionale e regionale PUGLIA - Inquadramento generale Pianificazione energetica

Dettagli

La sostenibilitä degli impianti biogas nella pianificazione energetica

La sostenibilitä degli impianti biogas nella pianificazione energetica Dipartimento di Chimica Industriale ÄToso MontanariÅ UNIVERSITA DI BOLOGNA La sostenibilitä degli impianti biogas nella pianificazione energetica Leonardo Setti UniversitÄ di Bologna CIRI ENERGIA& AMBIENTE

Dettagli

IL MADE IN ITALY ABITA IL FUTURO IL LEGNO ARREDO VERSO L ECONOMIA CIRCOLARE : IL RAPPORTO DI FONDAZIONE SYMBOLA E FEDERLEGNOARREDO

IL MADE IN ITALY ABITA IL FUTURO IL LEGNO ARREDO VERSO L ECONOMIA CIRCOLARE : IL RAPPORTO DI FONDAZIONE SYMBOLA E FEDERLEGNOARREDO IL MADE IN ITALY ABITA IL FUTURO IL LEGNO ARREDO VERSO L ECONOMIA CIRCOLARE : IL RAPPORTO DI FONDAZIONE SYMBOLA E FEDERLEGNOARREDO Il Legno Arredo italiano il più efficiente e sostenibile in Europa: consumiamo

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA la certificazione energetica: stato attuale e prospettive

IL RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA la certificazione energetica: stato attuale e prospettive Regione Lombardia IL RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA la certificazione energetica: stato attuale e prospettive REGIONE LOMBARDIA Reti e Servizi di Pubblica Utilità e Sviluppo Sostenibile I CONSUMI DEL

Dettagli

Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8. Corte dei conti Italia. Sicurezza energetica

Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8. Corte dei conti Italia. Sicurezza energetica Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8 7 giugno 2006 Corte dei conti Italia Sicurezza energetica 1. L Italia e la sicurezza energetica Il tema della sicurezza

Dettagli

Il mondo produttivo e la Green Economy

Il mondo produttivo e la Green Economy Bologna Venerdì, 22 ottobre 2010 Verso un nuovo PER: linee di indirizzo per un Piano partecipato Il mondo produttivo e la Green Economy LA POLITICA ENERGETICA EUROPEA, LE GREEN TECHNOLOGIES, IL PIANO ANTICRISI

Dettagli

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA Allegato alla Delib.G.R. n. 63/7 del 15.12.2015 PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Piano Nazionale di edilizia abitativa Visto il decreto legge 25 giugno 2008, n 112 convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n 133, recante

Dettagli

Legislatura 17 ATTO CAMERA

Legislatura 17 ATTO CAMERA Camera dei Deputati Legislatura 17 ATTO CAMERA Sindacato Ispettivo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IMMEDIATA IN COMMISSIONE : 5/03940 presentata da GEBHARD RENATE il 04/11/2014 nella seduta numero 324 Assegnato

Dettagli

Legge 311. La ristrutturazione dei condomini nel rispetto della Legge 311 sull'efficienza Energetica degli Edifici. 1,3 tonnellate di CO 2 all anno

Legge 311. La ristrutturazione dei condomini nel rispetto della Legge 311 sull'efficienza Energetica degli Edifici. 1,3 tonnellate di CO 2 all anno La ristrutturazione dei condomini nel rispetto della Legge 311 sull'efficienza Energetica degli Edifici Legge 311 relativa all EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI UNA GRANDE OPPORTUNITA PER IL CONDOMINIO

Dettagli

LA SITUAZIONE IMPIANTISTICA IN ITALIA Introduzione

LA SITUAZIONE IMPIANTISTICA IN ITALIA Introduzione LA SITUAZIONE IMPIANTISTICA IN ITALIA Introduzione INTRODUZIONE SITUAZIONE PARCO IMMOBILIARE IN ITALIA Edifici residenziali STATISTICHE 2013 11,7 milioni di EDIFICI RESIDENZIALI 29 milioni di ABITAZIONI

Dettagli

ENERGIA E AMBIENTE UN OFFERTA COMPLETA DI PRODOTTI E SERVIZI INNOVATIVI

ENERGIA E AMBIENTE UN OFFERTA COMPLETA DI PRODOTTI E SERVIZI INNOVATIVI Energia e Ambiente UN OFFERTA COMPLETA DI PRODOTTI E SERVIZI INNOVATIVI uroshunt propone soluzioni avanzate nel campo della produzione di energia, del riscaldamento e del raffreddamento. uroshunt, in partnership

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

Lo sviluppo della produzione di energia da biomassa in Piemonte

Lo sviluppo della produzione di energia da biomassa in Piemonte FORLENER 2013 FORESTA_LEGNO_ENERGIA TERRE ALTE E FORESTE: LA STRATEGICA ENERGIA PER L ECONOMIA MONTANA VERCELLI, 27 SETTEMBRE 2013 Lo sviluppo della produzione di energia da biomassa in Piemonte Mauro

Dettagli