SISTEMA TELEFONICO TELEFONIA, VIDEOCITOFONIA E DOMOTICA IN UN UNICA SOLUZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SISTEMA TELEFONICO TELEFONIA, VIDEOCITOFONIA E DOMOTICA IN UN UNICA SOLUZIONE"

Transcript

1 SISTEMA TELEFICO TELEFIA, VIDEOCITOFIA E DOMOTICA U UICA SOLUZIE

2 Indice -7 Caratteristiche generali 8-9 Catalogo e servizi Una soluzione integrata Le applicazioni nel residenziale 6 Le applicazioni nel piccolo terziario 8 Una soluzione scalabile 0 Centralino PABX 0-7 orme generali di installazione 8-9 Configurazione e programmazione -5 Schemi di collegamento Impianto monofamiliare senza PABX Impianto monofamiliare senza PABX e cablaggio misto (Entra Esci - Stella) Impianto monofamiliare con PABX Impianto monofamiliare con PABX e telecamere 5 Impianto abitazione/ufficio con PABX 6 Impianto plurifamiliare con telecamera senza PABX 8 Impianto plurifamiliare con telecamera e PABX Impianto per il collegamento tra l e alimentatore con batteria tampone 5 Impianto per il collegamento del PABX con accessori, allatteria tampone 5 Impianto per il collegamento alimentazione accessori Schede tecniche 0-56 Centralino PABX Accessorio per linee urbane Accessorio per 8 derivati aggiuntivi

3 CARATTERISTICHE GEERALI Una soluzione Telefonia, videocitofonia e domotica in un unica soluzione integrata Telefonare, gestire l impianto domotico e videocitofonico di casa, del negozio o dell ufficio oggi è possibile, in un unica soluzione, grazie al nuovo sistema telefonico BTicino.Scegliere di installare il nuovo telefono, perfettamente integrabile con il sistema di videocitofonia fili BTicino, garantisce in qualsiasi momento la possibilità di espandere il proprio impianto anche alle funzioni domotiche e telefoniche evolute grazie all utilizzo del nuovo centralino telefonico PABX. Il nuovo sistema telefonico si contraddistingue dunque per essere un sistema perfettamente scalabile; passo così dal gestire la semplice telefonata fino a regolare la temperatura in una zona della casa. TELEFIA Visualizzazione del numero del chiamante su tutti gli interni, anche in intercom (servizio CID) Chiamata generale a tutti i derivati Servizio Cerca persone, per fare annunci in viva voce a tutti gli amplificatori. Selezione del posto interno da linea telefonica tramite menù vocale (servizio DISA) Funzioni tipiche del centralino PABX VIDEOCITOFIA Trasferimento chiamata citofonica su linea telefonica o dispositivo mobile (servizio DOSA) Apertura serratura da remoto Intercomunicazione illimitata nell appartamento Risposta a chiamata citofonica da telefono DOMOTICA MY HOME Gestione da remoto con guida vocale Gestione da apparati Cordless (aprire serratura e rispondere a chiamata videocitofonica) Gestione dei sistemi: Automazione, Diffusione sonora, Termoregolazione e Antifurto IRYDE TOUCH PHE ERO IRYDE TOUCH PHE BIACO CETRALO PABX SISTEMA TELEFICO CARATTERISTICHE GEERALI 5

4 Cordless Cellulare Cordless Cellulare Posto esterno Cordless PABX Le applicazioni nel residenziale TERCOMUICAZIE È possibile effettuare chiamate tra i diversi dispositivi installati nella stessa abitazione. Il centralino PABX può essere programmato inoltre per il funzionamento con due partizioni per distinguere i servizi verso l abitazione da quelli, ad esempio, di un ufficio facente parte della stessa unità abitativa. È possibile anche in intercom visualizzare il numero del chiamante CID. FUZII MY HOME In un impianto domotico My Home è possibile, attraverso il touch screen del : inviare comandi per la gestione di scenari domotici gestire le sorgenti dell impianto diffusione sonora visualizzare lo storico degli allarmi dell impianto antifurto gestire l impianto di termoregolazione Trasferimento chiamata citofonica (Funzionalità DOSA) Le chiamate provenienti da posto esterno possono essere trasferite ad un numero di telefono fisso o cellulare precedentemente memorizzato nella rubrica del centralino telefonico PABX come numero breve. Ciò consente di essere sempre reperibili. Attivazioni domotiche da remoto Attraverso guida vocale personalizzabile è possibile comandare, da telefono fisso o cellulare, l attivazione di scenari/funzioni domotiche, quali attivare da fuori casa la discesa delle tapparelle quando il maltempo di avvicina(). ota () : la fornitura del servizio è legata al provider telefonico utilizzato (gestione toni DTMF) 6 SISTEMA TELEFICO CARATTERISTICHE GEERALI 7

5 PARTIZIE - UFFICIO PARTIZIE - ABITAZIE Cordless Cordless Cordless Cordless Posto esterno Fax PABX Iryde touch Phone Installazione da tavolo Installazione a parete Le applicazioni nel piccolo terziario Il centralino PABX consente di realizzare due partizioni per distinguere le chiamate verso l abitazione (partizione) da quelle verso l ufficio (partizione ). Le due partizioni sono indipendenti per le chiamate videocitofoniche, i servizi e le chiamate telefoniche, ma i loro apparecchi derivati interni sono intercomunicanti tra loro. Tra le pricipali funzioni e servizi troviamo: DISA con guida vocale CID oltre che dalla linea telefonica anche da intercom (per visualizzare: nome ufficio, camera d albergo, magazzino etc.) FAX-SWITCH servizio di derivazione delle chiamate al fax. 8 SISTEMA TELEFICO CARATTERISTICHE GEERALI 9

6 Una soluzione scalabile L può essere installato Stand-alone e utilizzato in un impianto telefonico o videocitofono, con funzioni di telefono e/o di posto interno. Se installato in un impianto telefonico, videocitofonico e domotico può integrarsi con il sistema MY HOME. Infine, quando nell impianto è presente anche il nuovo centralino PABX, può svolgere funzioni di telefonia e videocitofonia evolute. Soluzione base Soluzione evoluta PLT PLT F PLT F PABX Posto esterno Posto esterno Posto esterno Posto esterno Funzioni Videocitofoniche Funzioni Videocitofoniche Funzioni Telefoniche () Funzioni Videocitofoniche Funzioni Telefoniche () Funzioni Domotiche - Interfacciamento con impianto My Home Funzioni Videocitofoniche EVOLUTE Funzioni Telefoniche EVOLUTE (fino a ITP) Funzioni Domotiche - Interfacciamento con impianto MY HOME ota () : verificare con il gestore telefonico il numero massimo di dispositivi telefonici installabili, in parallelo, direttamente sulla linea telefonica. 0 SISTEMA TELEFICO CARATTERISTICHE GEERALI

7 IrYde Funzioni principali: TOUCH phone Caratteristiche principali è un dispositivo che permette di integrare le funzioni di videocitofonia a quelle telefoniche e può essere installato a parete, con apposita staffa metallica, o su base da tavolo. È dotato di tecnologia Touch Screen con un display LCD da, a colori, tastiera retroilluminata e menù di navigazione, personalizzabile tramite PC, per la gestione delle seguenti funzioni: Videocitofonia Telefonia Automazione Termoregolazione Diffusione sonora Antifurto Telefoniche Rubrica con personalizzazione contatto (foto) Identificativo chiamante da derivato Suonerie melodiche personalizzabili Storico chiamate: perse, ricevute, effettuate. Attivazione e disattivazione vivavoce Inoltro e ripetizione chiamata Esclusione chiamata Trasferta telefonica Videocitofoniche Accensione posto esterno Ciclamento telecamere Accensione luci scale Apertura serratura Videocitofoniche Programmazione e gestione sorgenti diffusione sonora Visualizzazione storico allarmi Gestione centrale termoregolazione Gestione scenari My Home Altoparlante (vivavoce) Display LDC a colori TOUCH SCREE Microfono (vivavoce) Cornetta Tastiera con comandi telefonici e videocitofonici Mini USB per collegamento PC Schermata videocitofonia Schermata termoregolazione Schermata diffusione sonora SISTEMA TELEFICO CARATTERISTICHE GEERALI

8 CETRALO PABX Caratteristiche principali Il nuovo centralino telefonico, oltre alle molteplici funzioni telefoniche, permette un incremento delle funzioni videocitofoniche e domotiche dell impianto. L utilizzo del centralino telefonico in un impianto video/citotelefonico consente inoltre l intercomunicazione tra tutti i telefoni installati, funzioni di videocontrollo e di attivazione da remoto: è possibile inviare comandi all impianto My Home utilizzando l IrydeTouch Phone (con telefoni interni non è possibile inviare all impianto My Home solo l attivazione della serratura del Posto Esterno principale o l accensione delle luci) o effettuando una semplice chiamata da linea telefonica attraverso menù vocale. Il centralino permette di interagire con l impianto My Home tramite 9 differenti comandi vocali personalizzabili. Per la facilità d uso e la flessibilità dei servizi, il centralino è particolarmente adatto per l impiego in abitazioni, negozi, uffici e piccolo terziario. È infatti garantita la piena compatibilità con tutti gli apparecchi telefonici, i telefoni multifrequenza, modem, Fax, cordless e segreterie telefoniche. Alimentazione 0-0 Vac Connessione posti interni videocitofonia Porta seriale per collegamento PC Ingresso SCS Funzioni principali: Funzioni telefoniche: messa in attesa e trasferimento di chiamata, chiamata verso interni, risposta a una seconda chiamata. Funzioni videocitofoniche evolute: servizio DOSA con il quale è possibile trasferire una chiamata citofonica a un cellulare/telefono fisso e comandare l apertura serratura del posto esterno. Funzioni per comandi My Home: inviare fino a 9 differenti comandi all impianto domotico di casa attraverso una linea telefonica, con l ausilio di guida vocale. Funzioni supplementari: riconoscimento automatico delle chiamate di tipo fax da quelle telefoniche e videocitofoniche. ALTRE Funzioni: Apertura serratura da telefono. Risposta per assente. Divisione in partizioni: il centralino può essere programmato per distinguere le chiamate (video-citofoniche e telefoniche ) ed i servizi diretti verso l abitazione da quelle dirette ad un ufficio facente parte della stessa unità abitativa. Identificativo del chiamante (CID) su tutti i telefoni derivati del PABX, da linea telefonica e da chiamata intercomunicante. Scelta dell interno con il quale si desidera entrare direttamente in comunicazione da linea telefonica con l ausilio di una guida vocale (DISA). Per avere l elenco completo delle funzioni del PABX, vedere tabella dedicata. Connettore per ampliamento impianto con accessori Batteria tampone Connessione telefoni Ingresso linee telefoniche Porta USB per collegamento PC Accessori del centralino PABX Il nuovo centralino telefonico 589 è in grado di gestire, nella sua versione base, due linee telefoniche e fino a 8 derivati telefonici o. Sono previsti una serie di accessori che, collegati al centralino (direttamente o tramite cavo a capo su guida D), consentono di ampliarne le prestazioni e le potenzialità in base alle esigenze dell utente. Grazie a questi accessori di impianto è possibile aumentare: il numero di derivati (massimo accessori, per un totale di 6 derivati aggiuntivi). le linee telefoniche fino ad un massimo di. SISTEMA TELEFICO CARATTERISTICHE GEERALI 5

9 Funzioni realizzabili dal centralino PABX Servizi Telefonici Servizi Videocitofonici Servizi Vari Chiamate verso la linea telefonica : è possibile abilitare/disabilitare il singolo derivato ad effettuare chiamate verso la linea telefonica. L abilitazione/disabilitazione è singola per ognuna delle linee telefoniche presenti nell impianto. Chiamate dalla linea telefonica : è possibile abilitare/disabilitare il singolo derivato a ricevere le chiamate dalla linea telefonica. L abilitazione/ disabilitazione è singola per ognuna delle linee telefoniche presenti nell impianto. Chiamata di un numero su linea telefonica : Il derivato può chiamare ed effettuare conversazioni con un numero telefonico sulla linea telefonica. È possibile, tramite apposito comando da tastiera, scegliere la linea telefonica sulla quale si vuole chiamare (codici da usare e ). Risposta ad una chiamata: Quando il telefono squilla, indipendente dal tipo di chiamata, è possibile entrare in comunicazione con il chiamante sollevando la cornetta. L utente può individuare la provenienza della chiamata, con il servizio di Chiamata differenziata o con un messaggio visualizzato sul display (servizio CID per i soli derivati abilitati). Messa in attesa e ripresa di una conversazione su linea telefonica : Il derivato in conversazione può, con apposito comando (tasto R), mettere in posizione di attesa l utente della linea telefonica. L utente riceve un tono di attesa. Durante l attesa il derivato può chiamare un altro interno, attivare un servizio consentito oppure riprendere la conversazione con lo stesso comando di messa in attesa (tasto R). è possibile mettere in attesa una chiamata intercomunicante con un altro derivato ma non una chiamata dell impianto videocitofonico fili. Trasferta, ad altro derivato, di una conversazione su linea telefonica : Il derivato (o chiamante) può trasferire una conversazione su linea telefonica, precedentemente messa in attesa, ad un altro derivato. Il chiamante effettua il servizio di chiamata intercomunicante, chiamata generale o cerca persone verso altro derivato eseguendo la trasferta. Risposta ad una seconda chiamata durante la conversazione su linea telefonica (toni di avviso chiamata): Durante una conversazione, l arrivo di una seconda chiamata è segnalato da un tono di avviso in cornetta. Il derivato può interrompere la conversazione in corso riagganciando e rispondere alla nuova chiamata sollevando la cornetta. Qualora invece non volesse interrompere la conversazione in corso, può rispondere alla seconda chiamata con il servizio di cambio corrispondente. Cambio corrispondente: Durante una conversazione con linea telefonica, all arrivo di una seconda chiamata il derivato può, con apposito comando da tastiera, mettere in attesa la conversazione e rispondere alla seconda chiamata. Con lo stesso comando può mettere in attesa la seconda chiamata e ritornare alla prima. Funzionamento in emergenza: In mancanza di alimentazione solo i derivati e, collegati rispettivamente alla linea telefonica e, possono ricevere e effetuare chiamate. on sono possibili altri servizi e tutti gli altri derivati non funzionano. Accesso diretto alla linea telefonica : All impegno il derivato è collegato direttamente sulla linea telefonica e può selezionare direttamente un numero telefonico. In questa modalità, i servizi interni (intercom, ecc ) vanno richiesti premendo il tasto R dopo l impegno. Svincolo dalla connessione su linea telefonica : Se il derivato che richiede la linea non seleziona alcun numero entro 0 secondi, questo viene scollegato e la linea è resa disponibile al sistema. Servizio di Fax Switch: Il servizio è attivabile su ognuna delle due linee telefoniche. Se la chiamata entrante è di tipo FAX, verrà rediretta sui derivati predisposti, altrimenti verranno fatti suonare i telefoni abilitati. el caso di chiamata di tipo VOCE l utente verrà pregato di attendere, tramite messaggio vocale, perchè il centralino deve riconoscere il tipo di chiamata entrante. Servizio DOSA: Il servizio consente di poter comporre un numero telefonico su linea telefonica mediante chiamata citofonica da PE. È possibile associare un numero telefonico per le chiamate di tipo CITO DOSA (voce della rubrica 8), un numero per le chiamate CITO (voce della rubrica 9). A seguito di una chiamata (CITO, CH_GE, CITO), proveniente da PE, squillano i derivati abilitati e contemporaneamente, se la linea telefonica è libera, viene composto il numero presente in rubrica in posizione (9-). Se risponde un derivato o un PI la chiamata verso la linea telefonica viene abbattuta. Se entro 5 secondi nessuno risponde, il PABX risponde automaticamente alla chiamata e permettere al telefono remoto di decidere se accettare o rifiutare la conversazione. Servizio DOSA serratura: Il telefono remoto può richiedere l apertura della serratura digitando il codice 97. Servizio DISA: Il servizio consente ad un telefono remoto di entrare direttamente in conversazione con un derivato collegato al PABX. A seguito di una chiamata entrante su LU o LU, il centralino risponde automaticamente e invia al telefono remoto un menù vocale in cui spiega come entrare in conversazione con uno dei derivati del PABX. CID: Identificativo del chiamante su tutti i telefoni derivati del PABX, da linea telefonica e da chiamata intercomunicante. Servizi citofonici: è possibile abilitare/disabilitare il derivato all apertura della serratura del PE (anche indirizzata) e all attivazione delle luci scale. Chiamate dai posti esterni (PE): è possibile abilitare/disabilitare il singolo derivato alla ricezione della chiamata dal posto esterno. è possibile abilitare /disabilitare in modo indipendente, la ricezione di ogni singolo indirizzo di chiamata configurato nel PABX (CITO e CITO) e della chiamata generale. Chiamate intercomunicanti da altro appartamento: on è possibile abilitare/disabilitare il singolo appartamento alla ricezione della chiamata intercomunicanti fra gli interni dell impianto videocitofonia fili. Chiamate intercomunicanti da PI dello stesso appartamento: Un PI può chiamare un singolo derivato del PABX effettuando una chiamata intercomunicante con un indirizzo compreso tra e 8 (gli indirizzi per CITO e CITO non sono considerati per chiamate provenienti da PI). Apertura serratura del posto esterno PE principale: Da un qualsiasi derivato a riposo è possibile attivare la serratura del posto esterno principale. L indirizzo del posto esterno principale può essere configurato dall utente. Accensione delle luci scale: Da un qualsiasi derivato a riposo o in conversazione, è possibile attivare le luci scale. I derivati (es. ITP) sono provvisti di tasto dedicato per l attivazione del servizio. Chiamata intercomunicante tra interni del sistema fili: I derivati possono effettuare o ricevere chiamate da altri interni del sistema fili. La chiamata verso l interno avviene selezionando un codice da tastiera (da 09 a 99). La chiamata proveniente dal PI dovrà avere indirizzo compreso tra e 8 e farà suonare il singolo derivato. Chiamata intercomunicante fra due appartamenti del sistema fili: I derivati possono effettuare o ricevere chiamate da PI appartenenti ad altri appartamenti al sistema fili. La chiamata verso l altro appartamento avviene selezionando un codice da tastiera (da a 9). La chiamata provenientedall altro appartamento avrà indirizzo Generale e farà suonare tutti i derivati. Chiamata generale in viva voce (cerca persone): L utente può effettuare un annuncio in viva voce attraverso gli amplificatori di tutti i PI e gli accessori predisposti al funzionamento con la Diffusione Sonora (es. Videostation, ITP ecc ). Il servizio è attivabile da un qualsiasi derivato premendo il tasto #. La persona cercata può entrare in conversazione con il chiamante da un qualsiasi derivato del sistema. Per terminare il servizio è sufficiente disimpegnare. Gestione delle chiamate dal sistema fili (videocitofonia): Il sistema risponde alle chiamate dus fili con indirizzo 0, 0 e generale. Gli indirizzi sono personalizzabili mediante programma di configurazione (TiPABAX). 6 SISTEMA TELEFICO CARATTERISTICHE GEERALI 7 Incapsulamento del derivato: Il derivato che esegue una manovra errata o che rallenta le operazioni del sistema, viene svincolato (scollegato) da ogni risorsa. el microtelefono del derivato è inviato un tono di dissuasione per invitarlo a riagganciare. Modalità di selezione del derivato: Il PABX è in grado di rilevare segnalazioni, inviate da derivato, nella modalità diselezione multifrequenza (DTMF). Le segnalazioni in modalità dedicata (DC) non sono rilevate. Classificazione dei derivati: Possibilità di abilitare o disabilitare il singolo derivato a determinati servizi, alle chiamate a lui indirizzate o alle chiamate da lui generate. La configurazione di fabbrica prevede che i derivati siano abilitati a tutti i servizi e a tutti i tipi di chiamate in entrata e in uscita. Chiamata di un derivato (chiamata intercomunicante): I derivati possono effettuare conversazioni tra loro. La scelta del derivato da chiamare avviene tramite selezione da tastiera (0x, con x compreso tra e 8). Chiamata generale di tutti i derivati: Il derivato può effettuare una chiamata contemporanea a tutti gli altri derivati e PI dell appartamento. Il primo derivato o PI che impegna entrerà in conversazione con il chiamante (digitare il 00). Chiamata differenziata: L utente può distinguere il tipo di chiamata in arrivo (intercomunicante, da linea telefonica, da SCS) associando una diversa cadenza della suoneria sui derivati BCA. Servizio attivazione da remoto My Home: Il servizio consente ad un utente remoto di inviare dei comandi open attraverso una chiamata su linea telefonica diretta al PABX. I comandi open possono riguardare gli scenari (CHI0), le luci (CHI) e le automazioni (CHI) ma anche la gestione di termoregolazione, diffusione sonora e comandi CE e CE plus. A seguito di una chiamata proveniente da linea telefonica, il centralino risponde automaticamente dopo un numero di squilli configurabile dall utente(5 di default). Il telefono remoto riceve un messaggio vocale che invita a digitare una password per accedere ad un menù vocale che consente di inviare i comandi open impostati in precedenza. L utente può effettuare un massimo di 5 attivazioni premendo un numero compreso tra e 9. Il PABX invia un messaggio vocale che informa l utente se l azione è andata o meno uon fine. Personalizzazione dei messaggi direttamente da qualsiasi derivato telefonico. Funzione studio medico. Gestione della segreteria telefonica quando è attivo il servizio MY HOME.

10 catalogo e servizi CATALOGO SOFTWARE di progettazione e preventivazione Software YouDiagram per la progettazione e la preventivazione - scaricabile gratuitamente dal sito Servizio tecnico software e schemari You Diagram è il software BTicino per la progettazione di impianti telefonici, videocitofonici FILI mono e plurifamiliari e TVCC. Consente il disegno dello schema di impianto, la scelta/vestizione di posti esterni, posti interni e telecamere, la configurazione degli apparati e la verifica degli assorbimenti sul di sistema. Articolo Descrizione 589 Centralino telefonico PABX fili, linee telefoniche, 8 derivati, espandibile - 0 moduli D 0 bianco nero Base da tavolo Staffa per installazione a parete 580 Accessorio di espansione 8 derivati aggiuntivi - moduli D 58 Accessorio d espansione linee telefoniche aggiuntive - moduli D 58 Cavo a capo su guida D per collegamento accessori 600 Alimentatore supplementare compatto - moduli D 698 Presa 8 vie serie LIVGLIGHT BIACA 698 Presa 8 vie serie LIVGLIGHT TECH 698 Presa 8 vie serie LIVGLIGHT ATRACITE 68 Cavo di collegamento Dati dimensionali: 0mm Articolo 58/ T58/ L58/ Descrizione Connettore telefonico Rj - connessione K0 - coppie serie LIVGLIGHT BIACA Connettore telefonico Rj - connessione K0 - coppie serie LIVGLIGHT TECH Connettore telefonico Rj - connessione K0 - coppie serie LIVGLIGHT ATRACITE 58/ Connettore telefonico Rj - connessione K0 - coppie serie LIVGLIGHT BIACA T58/ Connettore telefonico Rj - connessione K0 - coppie serie LIVGLIGHT TECH L58/ Connettore telefonico Rj - connessione K0 - coppie serie LIVGLIGHT ATRACITE PLT Protezione per linea telefonica - moduli D C9/5 Permutatore per linee telefoniche e trasmissione dati, con prese Rj5-6 moduli D - categoria 5 F6/ Attuatore telefonico a relè indipendenti con contatto di scambio, alimentazione 0 Vac - moduli D E7/ Alimentatore tamponato - ingombro 8 moduli D - realizzato per il collegamento di batteria V 6,5- Ah per l alimentazione di dispositivi V E7ADC Alimentatore - ingresso 0 Vac uscita 7 Vdc SELV - corrente massima assorbita ma - ingombro 8 moduli D - realizzato per il collegamento di unatteria tampone V 7// Ah 5/ Batteria V Ah. Esempio schermata software YouDiagram SERVIZI DI SUPPORTO E POST VEDITA Per la realizzazione di impianti telefonici/citofonici/ videocitofonici FILI e TVCC BTicino supporta i professionisti del settore con strumenti di preventivazione e progettazione dedicati: SERVIZIO di PREVETIVAZIE chiamata gratuita al umero Verde Gli operatori BTicino sono in grado di individuare ed elaborare la migliore soluzione per le richieste dei clienti, fornendo per ciascun preventivo: Elenco dettagliato dei materiali. Schema locchi di impianto e schemi di collegamento multifilare dei singoli dispositivi. Configurazione dei dispositivi di tutto l impianto. Verifica degli assorbimenti di corrente. Servizio Preventivazione GRATUITO Il servizio è attivo dal lunedi a venerdi dalle ore 8.0 alle 9.00 e il sabato dalle 8.0 alle.0 IL SERVIZIO SPECIALIZZATO SEMPRE AL TUO FIACO: preventivi personalizzati schemi di collegamento e note tecniche consulenza nell installazione e configurazione dei dispositivi invio documentazione tecnica possibilità di aderire a promozioni dedicate CITOFIA E VIDEOCITOFIA QUADRI E ARMADI MAS ORA ACHE TVCC 5mm mm 8 SISTEMA TELEFICO CATALOGO E SERVIZI 9

11 orme generali di installazione Regole installative per impianti telefonici e videocitofonici Mono/Plurifamiliare senza centralino PABX L impianto è classificato SELV (Safety Extra Low Voltage) in quanto alimentato con alimentatori indipendenti a doppio isolamento di sicurezza non connessi alla terra e con tensione di funzionamento massima di 5 Vac (efficace), oppure 60 Vdc non ondulata. Inoltre, tutti i dispositivi sono a doppio isolamento. La rispondenza alla classificazione SELV è garantita solo con il COMPLETO RISPETTO delle normative di installazione vigenti e delle ORME GEERAL I DI STALLA ZIE dei singoli dispositivi e cavi di cui è costituito l impianto. Di seguito un elenco di termini che verranno utilizzati in questa sezione della guida: ITP:. È il terminale telefonico che racchiude in un unico apparecchio le funzioni di derivato BCA e di videocitofono fili. Il collegamento del ITP si effettua con fili, per la parte del derivato BCA e per la parte videocitofonia. PABX: centralino telefonico che, oltre alle molteplici funzioni telefoniche, permette l integrazione con l impianto videocitofonico fili BTicino. BCA: Batteria centrale automatica. Tradizionale terminale telefonico in commercio, così denominato perché alimentato direttamente dalla centrale telefonica dove è collegato: telefoni, cordless, fax, modem, segreterie telefoniche, accessori per servizi quali CID o SMS. Tutti i BCA devono essere conformi alle norme telefoniche in vigore. Il collegamento si effettua con fili (doppino telefonico). In un unico impianto monofamiliare è possibile installare fino ad un massimo di ITP collegati tra loro e l adattatore video (cablaggio entra/esci), o nodo /audio video (cablaggio stellare), attraverso il cavo. Il collegamento con la linea telefonica avviene collegando direttamente la linea telefonica nell apposito connettore posto dietro il telefono. Se non viene utilizzato un alimentatore supplementare, nel caso di accensione contemporanea di più di un menù, interviene la limitazione della luminosità dei display. ello schema rappresentato è possibile sostituire uno o più ITP con un terminale telefonico BCA ( fax, cordless ecc.). Funzionamento dell impianto in modalità emergenza: nel caso in cui venisse a mancare l alimentazione da SCS, è possibile, con un alimentazione supplementare, garantire tutte le sole funzioni telefoniche del ITP. L alimentazione supplementare è fornita dall alimentatore tamponato E7ADC + 5/, da collegare al telefono da tamponare. Per il collegamento dei derivati interni utilizzare il cavo SCS BTicino o il doppino twistato singolo con sezione maggiore o uguale a 0,8 mm. Per distanze particolarmente elevate tra i dispositivi e i telefoni ITP è buona norma prevedere una tubazione (tubo corrugato di colore verde) per ogni singolo doppino telefonico twistato o cavo SCS BTicino. Per la realizzazione di un impianto plurifamiliare permangono le stesse regole con la differenza che a monte del nodo audio/video si deve installare l interfaccia di appartamento 68. Linea telefonica : rete telefonica analogica pubblica. PI: posto interno. Qualsiasi dispositivo dell impianto SCS fili per la ricezione audio video delle chiamate da posto esterno. Protezione linea telefonica PE: posto esterno. Dispositivo dell impianto SCS fili con pulsantiera e telecamera per effettuare le chiamate verso i posti interni (PI). Adattatore Video Alimentatore Posto Esterno Video 0 SISTEMA TELEFICO ORME GEERALI DI STALLAZIE

12 Mono/plurifamiliare con centralino PABX In un impianto monofamiliare con PABX i dispositivi ITP vengono collegati al centralino PABX attraverso la terminazione di derivato del centralino e la terminazione SCS AV. E possibile collegare fino a 8 ITP (o con accessori); fino a ITP senza l utilizzo dell alimentazione supplementare, nel caso di accensione contemporanea di più di un menù, interviene la limitazione della luminosità dei display. ello schema rappresentato è possibile sostituire un o più ITP con un terminale telefonico BCA ( fax, cordless ecc.). È necessario configurare il PABX tramite software di configurazione, in modo da indicare in che posizione sono stati istallati gli Iryde Touch Phone. Le regole generali per l installazione del PABX sono: Protezione della linea telefonica : per garantire un elevato grado di protezione dalle sovratensioni sulla linea telefonica occorre installare a monte del PABX il dispositivo PLT. Il collegamento di terra sul PLT deve essere eseguito rispettando le norme vigenti in materia. Protezione della rete di alimentazione: per garantire un elevato grado di protezione da sovratensioni provenienti dalla rete di alimentazione AC occorre installare a monte del PABX una protezione scelta e collegata a terra rispettando le norme vigenti in materia. Comunicatore telefonico: è possibile collegare fino a terminali telefonici BCA sulla singola uscita derivati. el caso dei dispositivi ITP è possibile collegare un unico apparecchio per ogni singola linea derivati. Comunicatore telefonico: se è presente nell impianto deve sempre essere installato sulla linea telefonica a monte del PABX e a valle della protezione PLT. La linea telefonica al PABX (slave) è scollegata nel caso di chiamata da parte del comunicatore (master). Si consiglia di non collegare il comunicatore in parallelo al centralino oppure su una terminazione di derivato. Alimentatore supplementare Linea telefonica Protezione linea telefonica Protezione linea telefonica Impianti ADSL: se la linea telefonica è ADSL, occorre installare un filtro o splitter in grado di separare i dati (uscita del modem su filtro) dal segnale telefonico (uscita del telefono su filtro). Il dispositivo deve essere collegato a valle della protezione PLT mentre l impianto telefonico interno (PABX o comunicatore) deve essere collegato sull uscita del telefono. Per garantire un corretto funzionamento dell impianto, occorre rispettare le note installative fornite dal gestore del servizio ADSL ed utilizzare un filtro o uno splitter conforme alle norme di prodotto in vigore. Collegamento linea telefonica : il tratto di conduttura fra il punto di ingresso della linea telefonica (borchia tripolare del gestore telefonico)e la protezione PLT, deve essere dedicato esclusivamente al passaggio del doppino della linea telefonica. Collegamento allorchia ISD: collegare l uscita BCA dellorchia ai morsetti della linea telefonica del PABX, e l uscita telefonica BCA dellorchia ISD ai morsetti della linea telefonica del PABX. Verificare che lorchia ISD sia configurata nella modalità Distribuzione Alternata o Preferenziale delle chiamate da linea telefonica. Collegamento dei terminali telefonici: con cavo BTicino 690, la massima distanza fra il PABX e il terminale telefonico è di 700 m, con altri cavi (vedi tabella cavi) la distanza massima è di 0 m. La distanza massima con ITP e cavo BTicino è di 0 m e 00 m con alimentazione locale. Si consiglia l uso di tubi corrugati dedicati per ogni singolo derivato (cablaggio stellare) per evitare eventuali problemi di diafonia. on possono essere utilizzati cavi multicoppia per il collegamento di più derivati, per il singolo derivato è possibile usare cavi multicoppia. Funzionamento dell impianto in modalità emergenza: In mancanza di alimentazione a tutto il sistema (PABX e SCS) i derivati e possono ricevere e chiamare sulla linea telefonica e a cui sono collegati. on sono possibili altri servizi, e nessun altro derivato funziona. Se i deirvati sono degli ITP devono essere alimentati con l alimentatore tamponato E7ADC+5/. Per tamponare il centralino PABX si deve utilizzare l alimentatore E7/+5/. Vedi schemi nella sezione Schemi di collegamento. Elenco delle funzioni che possono essere svolte dall impianto:. I BCA e gli ITP possono effettuare chiamate: Intercomunicanti con altri BCA/ITP (00, 0 ) Intercomunicanti con i PI (videocitofoni su impianto fili SCS), se presenti nell impianto, (09, 0 ) Su linea telefonica.. I BCA e GLI ITP dell impianto possono ricevere chiamate: Intercomunicanti da altri BCA/ITP Intercomunicanti da PI (videocitofoni su impianto fili SCS), se presenti nell impianto, (chiamata con indirizzo chiama il derivato ) Da linea telefonica Da PE (posto esterno su bus fili SCS). Con chiamata generale i derivati e gli ITP dell impianto possono: - attivare la serratura del PE principale - attivare la luce scale - trasferire una conversazione su un altro derivato/itp - mettere in attesa una conversazione (non SCS) e rispondere ad un altra chiamata.. I derivati e GLI ITP dell impianto possono: Attivare la serratura del PE principale Attivare la luce scale Trasferire una conversazione su un altro derivato/itp Mettere in attesa una conversazione (non SCS) e rispondere a un altra chiamata. Visualizzare il numero del chiamante CID su tutti gli interni.. Il PABX consente inoltre di utilizzare dei servizi evoluti come: DOSA DISA FAX_SWITCH MY HOME CERCA PERSE. OTA: on è possibile da derivato (non ITP) effettuare un autoaccensione di un PE. Per la realizzazione di un impianto plurifamiliare permangono le stesse regole con la differenza che a monte del nodo audio/video si deve installare l interfaccia di appartamento 68. Adattatore Video Posto Esterno Video Alimentatore Fax Cordless Telefono SISTEMA TELEFICO ORME GEERALI DI STALLAZIE

13 Composizione dell impianto Linea telefonica Linea telefonica ELEMETI BASE DELL IMPIATO VIDEO PLT Per realizzare un impianto video è necessario acquistare, oltre a posto esterno e posto interno, l adattatore video 680 o il nodo audio/video F. ODO AUDIO/VIDEO ll nodo audio/video F è da utilizzare, in alternativa all adattatore video, quando nell impianto devono essere installati più di posti esterni o quando sono necessari più di montanti. Si consiglia comunque l utilizzo del nodo audio/video come predisposizione per future integrazioni MY HOME, espansioni di impianto e/o aggiunta di telecamere. Dedicare un uscita del nodo audio/video per ogni posto interno videocitofonico installato da tavolo. PLT Alimentatore TK IRyde Touch Phone PI SCS Posto Esterno video Alimentatore Adattatore video Posti Esterni Posto Esterno video Posti Interni TK Ai Posti Interni Alimentatore odo audio/video PI SCS Ai Posti Esterni/ telecamere Alimentatore 6000 ADATTATORE VIDEO L adattatore video è da utilizzare per collegare ad un impianto video fili posti esterni ed interni. Sull adattatore video possono essere effettuate max connessioni. MATRICE MULTICAALE Sull'adattatore video possono essere effettuate max connessioni (*) Posti Esterni TK Posti Interni PI Collegamento di Posti Esterni e di un montante per i Posti Interni Posto Posti Esterno Interni TK La matrice multicanale FM è da utilizzare in alternativa al nodo audio/video quando, oltre al segnale video proveniente dai posti esterni o dalle telecamere, si necessita di distribuire fino a sorgenti sonore. Gestisce infatti fino a ingressi audio/ video e fino a ingressi sorgenti sonore. 8 Uscite Audio/Video Alimentatore PI videocitofoni fili o telecamere Collegamento di Posto Esterno e di montanti per i Posti Interni Ingressi sorgenti sonore (*) Se in alternativa al Posto Esterno viene collegata un interfaccia, è possibile una sola connessione sul morsetto TK d ell adattatore video. SISTEMA TELEFICO ORME GEERALI DI STALLAZIE 5

14 SC S SC S SC S SC S Composizione dell impianto DERIVATORE DI PIAO 68 Dedicare un uscita del derivatore di piano o del nodo audio/video per ogni posto interno videocitofonico installato da tavolo. el caso di ITP a valle del derivatore di piano prevedere un alimentazione locale per lo stesso. MODULO ESPASIE IMPIATO 685 In modalità MOD 0 (ESPASIE impianto) È da utilizzare per espandere l impianto in modo da: Rigenerare il segnale video ed avere disponibili dopo l interfaccia altri 00 m (con cavo 690) Aumentare il numero di dispositivi collegati al Utilizzare max moduli configurati con MOD 0 in cascata ella sezione impianto ai fini della composizione impianto, delle distanze e della topologia, il modulo espansione impianto 685 è da considerarsi come un posto interno. ella sezione impianto è invece da considerarsi come un posto esterno. MOD 0 Appartamento Appartamento Posto Esterno Sezione impianto Sezione impianto F F 6000 Appartamento Appartamento Per ogni uscita: Max videocitofoni o suonerie nello stesso appartamento Max videocitofono in accensione contemporanea Max videocitofono installato da tavolo ART m 00 m max 685 con MOD 0 per uscita 6000 Montante Posto Esterno F 6000 Montante FILI F Il morsetto dei moduli espansione impianto configurati con MOD 0 deve essere collegato su un uscita dedicata del nodo audio/video F o del derivatore di piano 68 (come un Posto Interno in alimentazione locale). 6 SISTEMA TELEFICO ORME GEERALI DI STALLAZIE 7

15 SC S SC S SC S SC S SC S Composizione dell impianto MODULO ESPASIE IMPIATO 685 In modalità MOD 5 (ESPASIE impianto) È da utilizzare in complessi condominiali per avere montanti con posti esterni piè di scala, fonica e video indipendenti. TERFACCIA di appartamento 68 È da utilizzare per avere un impianto in appartamento indipendente da quello condominiale. In questo modo l impianto di appartamento può avere telecamere e posti esterni privati ed essere integrato con tutte le applicazioni MY HOME. egli appartamenti dove sono presenti il centralino PABX e/o l ITP, deve essere installata obbligatoriamente l interfaccia di appartamento. egli impianti plurifamiliari, solo videocitofonici, con ITP prevedere solo l alimentazione supplementare. MOD 5 ell impianto condominiale ai fini della composizione impianto, delle distanze e della topologia l interfaccia 68 è da considerarsi come un posto interno. ell impianto di appartamento è invece da considerarsi come un posto esterno configurato con P 0. Sezione impianto montante (con fonica indipendente) Sezione impianto montante (con fonica indipendente) Sezione impianto condominiale Sezione impianto di appartamento Montante Montante F 6000 F 6000 Posto Esterno piè di scala Posto Esterno piè di scala Per realizzare un impianto può essere utilizzato qualsiasi cavo (anche già esistente). Le prestazioni e le distanze massime vengono raggiunte utilizzando il cavo 690. Posto Esterno F 6000 T EXT F 6000 Sezione impianto comune Telecamera di appartamento Posto Esterno Posto Esterno di appartamento F 6000 ella sezione impianto comune, ai fini della composizione impianto, delle distanze e della topologia i moduli espansione impianto sono da considerarsi come Posti interni. elle sezioni impianto montante sono invece da considerarsi come un Posto esterno. Il Posto Esterno condominiale deve essere obbligatoriamente realizzato con modulo a chiamata numerica o alfanumerica. 8 SISTEMA TELEFICO ORME GEERALI DI STALLAZIE 9

16 PREDISPOsizione dell impianto IL CAVO GEERALITà Il primo passo per l installazione di un impianto è quello di progettare e realizzare unuona predisposizione di base. Infatti, una accurata predisposizione di cavi, canalizzazioni, scatole, vani tecnici e punti di comando, permette di seguire più agevolmente l evoluzione dei dispositivi già presenti in casa e di inserirne di nuovi in futuro. Indipendentemente dal tipo di impianto e dalle applicazioni richieste, è indispensabile che l installatore disponga della planimetria dell abitazione e di una sommaria ipotesi d arredo. È altresì importante verificare la corrispondenza tra quanto previsto in preventivo e la realtà del cantiere. ella realizzazione di un impianto devono essere considerati i fattori dipendenti dalle caratteristiche installative di un impianto a : la tracciatura delle condutture; la tipologia di cablaggio; la coesistenza dei cavi nelle condutture Cablaggio con struttura libera Dispositivo Scatola derivazione Alimentatore Cavo SCS di colore bianco, 690 è stato appositamente progettato e costruito per la realizzazione degli impianti di Videocitofonia, Diffusione Sonora e Telefonia. Attraverso questo cavo vengono distribuite le alimentazioni ed i segnali di funzionamento a tutti i dispositivi a dei sistemi. è costituito da una guaina esterna di colore bianco e due conduttori flessibili intrecciati tra loro di sezione 0,mm di colore marrone e marrone/ bianco. Viene commercializzato in matasse da 00m. Risulta quindi adatto per essere impiegato in: Aria libera all interno di canaline, passerelle e tubazioni All interno di opere murarie tramite adeguate tubazioni Interrato tramite adeguate tubazioni. Per il collegamento del modulo fonico dedicato audio (ITP) e per i posti interni derivati audio usare il doppino Telefonico Twistato. Coabitazione con altri cavi Sebbene il cavo bianco garantisca costruttivamente l isolamento elettrico necessario per coabitare con cavi di sistemi /7V non è comunque garantita l immunità ai disturbi elettromagnetici che potrebbero accoppiarsi qualora il cavo medesimo venisse posato nelle stesse tubazioni dove transitano i cavi energia. Si consiglia vivamente di installare il cavo bianco -SCS ed i cavi di alimentazione in tubazioni diverse. Si consiglia di non inserire più di un cavo da derivato fonico nella singola tubazione per evitare spiacevoli situazioni di diafonia. Interrabilità del cavo Il cavo SCS 690 può essere interrato (protetto da adeguate tubazioni), insieme con altri cavi di segnalazione qualora le tensioni in gioco siano < V. È assolutamente vietato far transitare il cavo 690 insieme con i cavi di energia, dove le tensioni in gioco siano > V. Il mancato rispetto delle norme installative autorizza BTicino a declinare ogni responsabilità circa il funzionamento degli impianti realizzati. Cavo 690 Il cavo 690 permette di raggiungere le maggiori distanze tra posto esterno e ultimo posto interno. Cavi utilizzati per bus scs e derivati telefonici Tipo di cavo Articolo Interrabile Impianti audio Impianti video Impianto telefonico Cavo BTicino twistato Sez. 0, mm 690 SI Consigliato Consigliato Consigliato Cavo BTicino twistato Sez. 0,5 mm L669 O Impiegabile Impiegabile Impiegabile Doppino telefonico twistato Sez. 0,8 mm < mm O Impiegabile Impiegabile Impiegabile OTA: la distanza posto esterno - posto interno più lontano dipende dal tipo di cavo utilizzato. Cablaggio con struttura a stella 0 SISTEMA TELEFICO ORME GEERALI DI STALLAZIE

17 Scelta e posizione del quadro elettrico La disposizione dei sistemi elettrici nell edificio comporta la necessità di raggruppare in un unico punto centrale tutti quei dispositivi attivi (alimentatori, interfacce, centralini telefonici ecc.) che concorrono al controllo ed alla gestione di tutte le funzioni. Questo punto costituisce in effetti il cervello di tutto il sistema dell edificio e dovrà essere dimensionato tenendo conto delle seguenti regole generali: prevedere spazio disponibile in eccesso per consentire l installazione di ulteriori dispositivi richiesti da nuove e diverse esigenze; installare gli alimentatori nella posizione più bassa del centralino in modo da agevolare la dissipazione termica; il centralino dovrà essere in grado di dissipare una potenza superiore alla somma delle potenze dissipate da tutti i dispositivi che ospiterà BTicino offre una grande varietà di centralini idonei ad ogni esigenza, differenziati per capienza e modalità installative (ad incasso o a parete). Un criterio di scelta utile ai fini dell installazione è il seguente: per installazioni in stabili nuovi o esistenti (ristrutturazione) ad un piano o multipiano ove è previsto eventualmente un locale tecnico per il quadro elettrico dell abitazione, è possibile scegliere tra le diverse soluzioni di quadro o centralino con montaggio a parete o ad incasso della serie Multiboard e Idroboard. Ai fini del calcolo della potenza dissipata, tutti i centralini e i quadri BTicino, soddisfano i requisiti della orma CEI -5. La posizione del quadro/i elettrico deve essere valutata in base alla tipologia dell immobile. È opportuno accordarsi con l installatore per la definizione della posizione più idonea del quadro (se non già predisposto). ambiente terziario Installare all interno di un locale tecnico un quadro dedicato dove centralizzare tutti i dispositivi su guida D. Immobile ad un piano, o locali + servizi: predisporre un unico quadro disposto in posizione baricentrica dove centralizzare tutti i dispositivi D. Più di locali piu servizi predisporre un unico quadro disposto in posizione baricentrica. I dispositivi D verranno in parte centralizzati nel quadro ed in parte distribuiti. immobile a piu piani Predisporre un quadro principale posizionato in un locale tecnico o sottoscala ed un quadro per ogni piano dislocato in posizione baricentrica. I dispositivi D verranno in parte centralizzati ed in parte distribuiti. Scelta delle condutture All interno dell unità abitativa i cavi devono essere posati entro tubi protettivi di materiale isolante incassati nei pavimenti, nelle pareti o nei soffitti. Per i locali box e cantina, considerata la difficoltà di incassare i componenti nelle pareti (calcestruzzo nei box e spessore inferiore a 0 cm nelle cantine), è preferibile installare i tubi e le scatole di contenimento degli apparecchi a vista. Il percorso delle condutture deve tenere conto della possibilità di far transitare cavi che collegano impianti diversi. Per le installazioni da incasso, prevedere l utilizzo di tubi corrugati di diverso colore, facilitando l installazione e l individuazione dell impianto. Si consiglia di utilizzare tubazioni con diametro non inferiore a 5 mm. Indicazioni della norma CEI 06- (*) ella pianificazione e dimensionamento delle condutture la orma CEI 06- consiglia di prevedere eventuali future richieste di cablaggi evoluti. ota (*): CEI 06-. Guida per il cablaggio per telecomunicazioni e distribuzione multimediale negli edifici residenziali. Centralini da parete e da incasso Automazione Energia Termoregolazione Gestione energia Antifurto Telefonia Rete dati TV/SAT Videocitofonia Diffusione sonora Rete dati TV/SAT SISTEMA TELEFICO ORME GEERALI DI STALLAZIE

18 Installazione posti esterni, posti interni ed interfacce Installazione a parete dell 68 T EXT T cm 68 OF F EXT L installazione a parete del dispositivo avviene utilizzando lase metallica (non fornita a corredo). Collegare il cavo, la linea telefonica e l alimentazione supplementare (opzionale) nelle apposite sedi. 68 T OF F EXT OF F cm OF F 685 OF F OF F O Alimentazione supplementare 7 56 altezza del Posto Interno ell installazione del posto interno videocitofonico, é consigliabile posizionare le apparecchiature ad una altezza consigliata di cm (filo alto). ota: altezze di installazione consigliate, salvo diversa normativa vigente. interfacce 68 e 685 Le interfacce 68 (interfaccia di appartamento) e 685 (modulo espansione impianto) non possono essere installate in pozzetto. Per la loro installazione deve essere previsto un apposito quadretto stagno con guida D (centralino D). altezza del Posto ESTERO ell installazione del Posto Esterno, é consigliabile posizionare la pulsantiera ad una altezza di cm (filo alto). La telecamera non deve essere installata frontalmente a sorgenti luminose, oppure in luoghi dove il soggetto ripreso rimanga molto in controluce. Qualora non fosse possibile rispettare questa condizione l immagine presenterà uno scarso contrasto nelle zone scure. Ciò é dovuto al fatto che la luminosità viene autoregolata sul punto chiaro dell immagine. Per risolvere i problemi descritti si consiglia di variare l altezza di installazione della telecamera ad un altezza di 80 cm e di orientare l obiettivo verso il basso in modo da migliorare la qualità delle riprese. In ambienti poco illuminati si consiglia di prevedere una fonte di illuminazione aggiuntiva Installazione da tavolo dell (con cablaggio a stella) L installazione da tavolo del dispositivo avviene utilizzando lase (non fornita a corredo). Collegare il Bus-scs e l eventuale alimentazione supplementare attraverso il cavo videocitofonico in dotazione con lase da tavolo. Collegare la linea telefonica attraverso il cavo con connettore RJ in dotazione con lase SISTEMA TELEFICO / T58/ L58/ HD58C HC58/ HS ORME GEERALI DI STALLAZIE 5

19 Distanze massime per impianti Videocitotelefonici DISTAZE C PABX Distanze massime raggiungibili in funzione del tipo di cavo utilizzato per la realizzazione dell impianto. DISTAZE senza PABX TRATTA C 680 TK 589* PI Speed 589 TRATTA A TRATTA C Link System Speed O 0W9 06 PABX 88 exp PRI: 0-0V~ 0-0mA /60 Hz PD max W 589* 589 Full Link System 0W9 06 PABX 88 exp PRI: 0-0V~ 0-0mA /60 Hz PD max W SCS TRATTA A Full F TK PI 6000 TRATTA B F O *Attenzione: la distanza tra i dispositivi 680 o F e il PABX 589 deve essere inferiore a m, installazione nello stesso quadro. SCS TRATTA B Distanze massime e caratteristiche dei conduttori Distanze massime e caratteristiche dei conduttori Distanza max TRATTA C Alimentatore - più lontano Sezione cavi (mm) cavi normali > 0. mm o L669 cavo BTicino 690 entra/esci entra/esci entra/esci entra/esci fino a a stella fino a con alimentaz. loc Distanza max TRATTA B Posto esterno - Alimentatore Sezione cavi (mm) cavi normali > 0. mm o L669 cavo BTicino 690 pulsanti DOOR ) Posto esterno con alimentaz. locale Distanza max TRATTA A Posto esterno - più lontano Sezione cavi (mm) cavi normali > 0. mm o L669 cavo BTicino 690 / PE pulsanti 00 / PE pulsanti 00 / PE pulsanti 00 / PE pulsanti 00 / PE DOOR ) 90 / PE DOOR ) 70 / PE DOOR ) 0 / PE DOOR ) ) 00 / PE con alimentaz. loc. 00 / PE con alimentaz. loc. 00 / PE con alimentaz. loc. 00 / PE con alimentaz. loc. 00 fino a a stella / PE pulsanti 00 fino a a stella / PE DOOR ) ) 00 fino a a stella/ PE con al. loc. 00 fino a con alim. loc. / PE pulsanti 00 fino a con alim. loc. / PE DOOR ) ) 00 fino a con alim. loc / PE con al. loc. 00 ota: ) 90; ) collegare il PE DOOR in alimentazione locale se si impiegano. doppino telefonico twistato 0.8 mm un doppino del cavo dati multicoppia C988U/5E doppino telefonico twistato 0.8 mm un doppino del cavo dati multicoppia C988U/5E doppino telefonico twistato 0.8 mm un doppino del cavo dati multicoppia C988U/5E Distanza max TRATTA C Alimentatore/PABX - più lontano Sezione cavi (mm) cavi normali > 0. mm o L669 fino a a stella fino a con alimentaz. loc. cavo BTicino doppino telefonico twistato 0.8 mm 0 0 un doppino del cavo dati multicoppia C988U/5E 5 00 Distanza max TRATTA B Posto esterno/pabx - Alimentatore cavi normali > 0. mm o L669 Sezione cavi (mm) pulsanti DOOR (90) ) 0 Posto esterno con alimentaz. locale cavo BTicino doppino telefonico twistato 0.8 mm un doppino del cavo dati multicoppia C988U/5E Distanza max TRATTA A Posto esterno/pabx - più lontano cavi normali > 0. mm o L669 cavo BTicino 690 Sezione cavi (mm) fino a a stella / PE pulsanti 00 fino a a stella / PE DOOR ) ) 00 fino a a stella / PE con al. loc. 00 fino a con alim. loc. / PE pulsanti 00 fino a con alim. loc. / PE DOOR ) ) 00 fino a con alim. loc / PE con al. loc. 00 ota: ) 90; ) collegare il PE DOOR in alimentazione locale se si impiegano. doppino telefonico twistato 0.8 mm un doppino del cavo dati multicoppia C988U/5E COMPOSIZIE IMPIATO n Massimo per impianti monofamiliari o sotto interfaccia di appartamento senza pabx 589 SFERA L000 METAL 99 SFERA A/V Posti esterni video a Alimentatore di max. posti interni-impianto con PI max. posti interni-impianto con PI max. posti interni-impianto con PI colori privati impianto n Massimo per impianti monofamiliari o sotto interfaccia di appartamento con pabx 589 SFERA L000 METAL 99 SFERA A/V Posti esterni video a Alimentatore di max. posti interni-impianto con PI max. posti interni-impianto con PI max. posti interni-impianto con PI colori privati impianto * ota: almeno un PE DOOR con alimentazione locale AXOLUTE Outdoor 90 max. posti interni-impianto con PI Iryde Touch Phone * AXOLUTE Outdoor 90 max. posti interni-impianto con PI Iryde Touch Phone * ote: - E possibile sostituire un con uno dei seguenti posti interni, senza aggiungere alimentazioni supplementari: Citofono PIVOT 6 Videocitofono POLYX VIDEO DISPLAY Citofono SWG 08 Citofono vivavoce POLYX audio 9 Videocitofono POLYX VIDEO base 9-9 Videocitofono AXOLUTE VIDEO DISPLAY -- Videocitofono PIVOT colori 0- Citofono SPRT 90-9 Videocitofono SWG colori - Per realizzare impiani con un numero di o posti interni, maggiore di quello indicato in tabella, utilizzare un alimentazione locale per ogni dispositivo aggiunto. - Utilizzare YouDiagram per verificare la fattibilità di impianti non indicati nelle tabelle e nelle note. 6 SISTEMA TELEFICO ORME GEERALI DI STALLAZIE 7

20 configurazione e programmazione Configurazione L può supportare due diverse configurazioni: Configurazione base: alla prima accensione il prodotto richiede la lingua e, dopo la conferma, in assenza di configuratori fisici, propone una pagina principale con l icona videocitofonia (all interno della quale troviamo i comandi citofonici standard: telecamera, attivazione serratura, intercom, ciclamento automatico), l icona telefonia e l icona impostazioni. La configurazione base può avvenire anche tramite i configuratori fisici, (indirizzo del dispositivo nell impianto videocitofonico), P (indirizzo del PE associato al dispositivo). Il centralino PABX deve essere programmato tramite PC utilizzando il software TiPABX ed il cavo di collegamento 599 (RS) oppure 559 (USB). Esempi di schermate del Software di configurazione TiPABX Esempio di schermata del Software di configurazione TiIrydeTouchPhone Configurazione da PC: realizzabile tramite Software TiIrydeTouchPhone consente di configurare la pagina principale del menù senza essere vincolati ad un set predefinito di funzioni. Ogni funzione può essere personalizzata per tipo, parametri e testo. Grazie alla configurazione da PC è quindi possibile avere: - Maggiore flessibilità nella composizione del menù - Personalizzazione dei testi. - Funzionalità per gestire gli impianti domotici My Home. 8 SISTEMA TELEFICO configurazione e programmazione 9

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Indice Sistemi di citofonia e videocitofonia - Tecnologia e qualità... - Installazione più facile e rapida... 4 - I sistemi

Dettagli

Telefono Sirio lassico

Telefono Sirio lassico GUIDA USO Telefono Sirio lassico 46755H Aprile 2013 3 Indice INTRODUZIONE...1 CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI...1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE...1 INSTALLAZIONE...2 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO...3

Dettagli

DUE FILI PLUS. Con Due Fili Plus la videocitofonia può arrivare molto lontano.

DUE FILI PLUS. Con Due Fili Plus la videocitofonia può arrivare molto lontano. DUE FILI PLUS Con Due Fili Plus la videocitofonia può arrivare molto lontano. Abbiamo aumentato le performance, le distanze, le possibilità di dialogo. Da oggi con la nuova tecnologia Due Fili Plus si

Dettagli

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano AMICO CI SENTO Manuale di istruzioni - Italiano 1. Per iniziare 1.1 Batteria 1.1.1 Installare la batteria Rimuovere il coperchio della batteria. Allineare i contatti dorati della batteria con i relativi

Dettagli

Aladino Vision, il nuovo concetto di cordless

Aladino Vision, il nuovo concetto di cordless Gentile Cliente, Ti ringraziamo per aver scelto Aladino Vision. Aladino Vision è unico, essenziale, elegante e definisce un nuovo concetto per la telefonia cordless assegnando un ruolo attivo alla stazione

Dettagli

Istruzioni di montaggio e per l'uso. Altoparlante ad incasso 1258 00

Istruzioni di montaggio e per l'uso. Altoparlante ad incasso 1258 00 Istruzioni di montaggio e per l'uso Altoparlante ad incasso 1258 00 Descrizione dell'apparecchio Con l'altoparlante ad incasso, il sistema di intercomunicazione Gira viene integrato in impianti di cassette

Dettagli

Manuale d uso. Servizio Segreteria Telefonica Memotel. per Clienti con linea Fibra

Manuale d uso. Servizio Segreteria Telefonica Memotel. per Clienti con linea Fibra Manuale d uso Servizio Segreteria Telefonica Memotel per Clienti con linea Fibra 1 INDICE 1. GUIDA AL PRIMO UTILIZZO 2. CONFIGURAZIONE SEGRETERIA 3. CONSULTAZIONE SEGRETERIA 4. NOTIFICHE MESSAGGI 5. ASCOLTO

Dettagli

Avena 135/135 Duo. T elefono cordless analogico DECT. Istruzioni per l uso

Avena 135/135 Duo. T elefono cordless analogico DECT. Istruzioni per l uso Avena 135/135 Duo T elefono cordless analogico DECT Istruzioni per l uso Attenzione: istruzioni per l uso con avvertenze di sicurezza! Leggerle attentamente prima di mettere in funzione l apparecchio e

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente Guida ai Servizi Voce per l Utente Guida ai ai Servizi Voce per l Utente 1 Indice Introduzione... 3 1 Servizi Voce Base... 4 1.1 Gestione delle chiamate... 4 1.2 Gestione del Numero Fisso sul cellulare...

Dettagli

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE UN SISTEMA INTEGRATO COMUNICAZIONE VERSO L ESTERNO Istituti di vigilanza Invio allarmi con protocollo CONTACT ID Comunicatore PSTN Espansione GSM Telefono

Dettagli

Videocitofonia a colori con cablaggio a 2 fili

Videocitofonia a colori con cablaggio a 2 fili IT MANUALE TECNICO MT SBC 0 Videocitofonia a colori con cablaggio a fili Assistenza tecnica Italia 046/750090 Commerciale Italia 046/75009 Technical service abroad (+9) 04675009 Export department (+9)

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente 1 Sommario 1 Introduzione... 3 1.1 Accesso al Self Care Web di Rete Unica... 4 2 Servizi Aziendali... 6 2.1 Centralino - Numero

Dettagli

Progetta facile, progetta domotico. Le soluzioni su misura per ogni ambiente.

Progetta facile, progetta domotico. Le soluzioni su misura per ogni ambiente. Progetta facile, progetta domotico. Le soluzioni su misura per ogni ambiente. C O S T R U I T E C I S O P R A Indice 3 3 La Domotica y Home 4 4 Le applicazioni 4 55 Le applicazioni integrate 56 6 Le linee

Dettagli

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07 TB-SMS Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso Ver. 1.6.10 31/07/07 MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore TB-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili

Dettagli

GUIDA TECNICA 08. Linee guida funzionali MH08LF. BTicino SpA Via Messina, 38 20154 Milano - Italia www.bticino.it

GUIDA TECNICA 08. Linee guida funzionali MH08LF. BTicino SpA Via Messina, 38 20154 Milano - Italia www.bticino.it BTicino SpA Via Messina, 38 20154 Milano - Italia www.bticino.it Linee guida funzionali Piemonte Valle d Aosta Liguria UFFICIO REGIONALE 10098 RIVOLI (TO) c/o PRISMA 88 C.so Susa, 242 Tel. Q 011/9502611

Dettagli

ascom Ascotel Office 25 Istruzioni per l'uso con norme di sicurezza www.ascom.com/ec/documents 20321611it_ba_b0

ascom Ascotel Office 25 Istruzioni per l'uso con norme di sicurezza www.ascom.com/ec/documents 20321611it_ba_b0 ascom Ascotel Office 25 Istruzioni per l'uso con norme di sicurezza www.ascom.com/ec/documents 20321611it_ba_b0 1 2 3 4 Elementi di comando e visualizzazione Elementi di comando e visualizzazione 11 12

Dettagli

1. DESCRIZIONE BLACK VOICE... 2 2. COME EFFETTUARE LE CHIAMATE... 4 3. COME TRASFERIRE UNA CHIAMATA ALL'INTERNO DELL'AZIENDA... 4

1. DESCRIZIONE BLACK VOICE... 2 2. COME EFFETTUARE LE CHIAMATE... 4 3. COME TRASFERIRE UNA CHIAMATA ALL'INTERNO DELL'AZIENDA... 4 INDICE GENERALE 1. DESCRIZIONE BLACK VOICE... 2 2. COME EFFETTUARE LE CHIAMATE... 4 3. COME TRASFERIRE UNA CHIAMATA ALL'INTERNO DELL'AZIENDA... 4 4. COME DEVIARE LE CHIAMATE SU UN ALTRO APPARECCHIO...

Dettagli

Istruzioni di montaggio e per l'uso. Citofono interno Standard con auricolare 1281..

Istruzioni di montaggio e per l'uso. Citofono interno Standard con auricolare 1281.. Istruzioni di montaggio e per l'uso Citofono interno Standard con auricolare 1281.. Descrizione dell'apparecchio Il citofono interno Standard con auricolare fa parte del sistema di intercomunicazione Gira

Dettagli

Bravo 10. Telefono con vivavoce e grandi tasti. Manuale d`istruzioni-italiano

Bravo 10. Telefono con vivavoce e grandi tasti. Manuale d`istruzioni-italiano Bravo 10 Telefono con vivavoce e grandi tasti Manuale d`istruzioni-italiano Caratteristiche principali PRESTAZIONI SPECIALI Conversazione in vivavoce Grandi tasti con numeri ben visibili Grande indicatore

Dettagli

+L3DWK#6333# +L3DWK#8333#560

+L3DWK#6333# +L3DWK#8333#560 +L3WK#6333# +L3WK#8333#560 +L3WK#$OO6HUYH/#+LFRP#483#(2+ RSWL3RLQW#833#HFRQRP\ RSWL3RLQW#833#EVLF RSWL3RLQW#833#VWQGUG RSWL3RLQW#833#GYQFH,VWU]LRQL#G VR Sulle istruzioni d uso Sulle istruzioni d uso Le

Dettagli

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno)

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno) Citofono senza fili Installazione ed uso (fascicolo staccabile all interno) Sommario Presentazione... 3 Descrizione... 4 La postazione esterna... 4 La placca esterna... 4 Il quadro elettronico... 4 La

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

Bravo Gold. Manuale istruzioni - italiano

Bravo Gold. Manuale istruzioni - italiano Bravo Gold Manuale istruzioni - italiano 1. INSTALLAZIONE DEL TELEFONO 1.1 Connessione della base Connettore cavo telefonico Connettore alimentazione 1) Collegate l alimentazione e la linea telefonica

Dettagli

LA PIÙ COMPLETA, INNOVATIVA ED EFFICIENTE.

LA PIÙ COMPLETA, INNOVATIVA ED EFFICIENTE. LA PIÙ COMPLETA, INNOVATIVA ED EFFICIENTE. LA TUA CENTRALE D ALLARME. LA NOSTRA FILOSOFIA Leader nel settore dei sistemi di sicurezza e domotica, dal 1978 offre soluzioni tecnologiche all avanguardia.

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Serie Motorola D1110. Telefono Cordless Digitale con Segreteria Telefonica

Serie Motorola D1110. Telefono Cordless Digitale con Segreteria Telefonica Serie Motorola D1110 Telefono Cordless Digitale con Segreteria Telefonica Avvertenza Servirsi unicamente di batterie ricaricabili. Caricare il portatile per 24 ore prima dell uso. Benvenuti... al vostro

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

Guida Rapida. Guida Rapida. Telefoni. Progetto. Collegati ai sistemi Progetto. PROMELIT Meglio comunicare meglio.

Guida Rapida. Guida Rapida. Telefoni. Progetto. Collegati ai sistemi Progetto. PROMELIT Meglio comunicare meglio. Guida Rapida Guida Rapida Progetto Telefoni N e x t Collegati ai sistemi Progetto 35 PROMELT Meglio comunicare meglio. Telefoni PROGETTO NEXT Telefono ntercomunicante PROGETTO NEXT l Vs. apparecchio ha

Dettagli

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM 1 Stato del combinatore direttamente sul display della Consolle XM Interrogazione credito residuo tramite SMS e inoltro SMS ricevuti Messaggi di allarme pre-registrati Completa integrazione con centrali

Dettagli

minor costo delle chiamate, su nazionali e internazionali

minor costo delle chiamate, su nazionali e internazionali Il Voice Over IP è una tecnologia che permette di effettuare una conversazione telefonica sfruttando la connessione ad internet piuttosto che la rete telefonica tradizionale. Con le soluzioni VOIP potete

Dettagli

ESEMPI APPLICATIVI. esempi di progettazione ed installazione

ESEMPI APPLICATIVI. esempi di progettazione ed installazione lighting management ESEMPI APPLICATIVI esempi di progettazione ed installazione 2 INDICE LIGHTING MANAGEMENT ESEMPI APPLICATIVI 04 L offerta di BTICINO 05 ORGANIZZAZIONE DELLA GUIDA CONTROLLO LOCALE -

Dettagli

Con By-me la luce ha nuovi ruoli da protagonista.

Con By-me la luce ha nuovi ruoli da protagonista. Con By-me la luce ha nuovi ruoli da protagonista. Nuove lampade di illuminazione e d emergenza. Serenità e sicurezza risplendono in tutta la casa. Avere più luce in casa aumenta prima di tutto la tranquillità

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

PPF 685 PPF 695. Manuale d istruzioni

PPF 685 PPF 695. Manuale d istruzioni PPF 685 PPF 695 Manuale d istruzioni Stimato cliente, Introduzione Brand Variabel Acquistando questo apparecchio, avete scelto un prodotto PHILIPS di qualità. L apparecchio soddisfa i molteplici requisiti

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

MANUALE. GW 64-8: software per la definizione del Livello prestazionale dell impianto elettrico secondo la Norma CEI 64-8

MANUALE. GW 64-8: software per la definizione del Livello prestazionale dell impianto elettrico secondo la Norma CEI 64-8 MANUALE GW 64-8: software per la definizione del Livello prestazionale dell impianto elettrico secondo la Norma CEI 64-8 GW64-8 consente in modo molto semplice e veloce di definire il Livello prestazionale

Dettagli

MANUALE RADIOCOMANDO SY250 IDRO STD3 2ways2

MANUALE RADIOCOMANDO SY250 IDRO STD3 2ways2 MANUALE RADIOCOMANDO SY250 IDRO STD3 2ways2 Pag. 1 / 10 SOMMARIO: 1 INTRODUZIONE... 3 2 PANNELLO DI CONTROLLO... 4 2.1 I TASTI... 4 2.2 IL DISPLAY... 4 3 I MENU... 5 3.1 MODIFICA TERMOSTATO AMBIENTE RADIO...

Dettagli

MANUALE TECNICO 080406 E SMS

MANUALE TECNICO 080406 E SMS IT MANUALE TECNICO 080406 E SMS MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore E-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili a numeri telefonici preimpostati e di attivare uscite

Dettagli

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese.

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione Promelit ipecs MG. Descrizione del Sistema: L azienda di oggi deve saper anche essere estesa : non confinata in

Dettagli

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Istruzioni sull aggiornamento per i modelli di navigazione: AVIC-F40BT, AVIC-F940BT, AVIC-F840BT e AVIC-F8430BT

Dettagli

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio 2 Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Il vostro sistema per la comunicazione al pubblico di facile

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com DEFENDER HYBRID Sistema antintrusione ibrido wireless e filare Il sistema Un sistema completamente nuovo e flessibile Impianto filare o wireless? Da oggi Defender Hybrid Defender Hybrid rivoluziona il modo

Dettagli

AMBIENTI RESIDENZIALI PRESTAZIONI D IMPIANTO

AMBIENTI RESIDENZIALI PRESTAZIONI D IMPIANTO NORMA CEI 648 ED. 0 CAPITOLO 37 AMBIENTI RESIDENZIALI PRESTAZIONI D IMPIANTO Indice 5 Introduzione Una nuova classificazione degli impianti 69 Quadro unità abitativa Generalità e dispositivi 6 0 Tabella

Dettagli

Manuale d uso Italiano. Beafon S40

Manuale d uso Italiano. Beafon S40 Manuale d uso Italiano Beafon S40 Informazioni generali Congratulazioni per l acquisto del telefono Bea-fon S40! Si consiglia di leggere le presenti informazioni prima di utilizzare il telefono per poterne

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Manuale di configurazione per iphone

Manuale di configurazione per iphone Manuale di configurazione per iphone Notariato.it e.net (Iphone 2G e 3G) 2 PREMESSA Il presente manuale ha lo scopo di fornire le indicazioni per la configurazione del terminale IPhone 2G e 3G per ricevere

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

feeling feeling rf Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi Instruzioni per l uso Instrucciones de uso Manual de instruções

feeling feeling rf Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi Instruzioni per l uso Instrucciones de uso Manual de instruções feeling feeling rf D GB F E P NL CZ Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi nstruzioni per l uso nstrucciones de uso Manual de instruções Bedieningshandleiding Návod k obsluze 2 42 82 122 162

Dettagli

Phonak ComPilot. Manuale d uso

Phonak ComPilot. Manuale d uso Phonak ComPilot Manuale d uso Indice 1. Benvenuto 5 2. Per conoscere il dispositivo ComPilot in uso 6 2.1 Legenda 7 2.2 Accessori 8 3. Come cominciare 9 3.1 Impostazione dell alimentatore 9 3.2 Come caricare

Dettagli

Manuale di utilizzo centrale ST-V

Manuale di utilizzo centrale ST-V Accessori 1 Capitolo I : Introduzione 2 1.1 Funzioni 2 1.2 Pannello_ 5 1.3 I CON 5 Capitolo II : Installazione e connessione 6 2.1 Apertura della confezione 6 2.2 Installazione del pannello_ 6 2.3 Cablaggio

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

MANUALE UTENTE ND-08 CONTENUTI

MANUALE UTENTE ND-08 CONTENUTI MANUALE UTENTE ND-08 CONTENUTI 1. Informazioni basilari 1.1 Breve introduzione 2. Come procedere prima dell utilizzo 2.1 Nome e spiegazione di ogni parte 2.1.1 Mappa illustrativa 2.1.2 Descrizione delle

Dettagli

SISTEMI A CHIAMATA IN ALTERNATA

SISTEMI A CHIAMATA IN ALTERNATA SISTEMI A CHIAMATA IN ALTERNATA MANUALE TECNICO 2004 INTRODUZIONE In questa pubblicazione sono riportate le caratteristiche di funzionamento e montaggio dei prodotti Farfisa. Per un corretto funzionamento

Dettagli

BTEL-GT. Manuale di installazione ed uso ISO 14001 IT-52588 ISO 9001 9105.BNT1 ISO 14001 9191.BNT2 ISO 9001 IT-52587 OHSAS 18001 OHSAS 18001

BTEL-GT. Manuale di installazione ed uso ISO 14001 IT-52588 ISO 9001 9105.BNT1 ISO 14001 9191.BNT2 ISO 9001 IT-52587 OHSAS 18001 OHSAS 18001 BTEL-GT Manuale di installazione ed uso 0470 ISO 9001 9105.BNT1 ISO 9001 IT-52587 ISO 14001 9191.BNT2 ISO 14001 IT-52588 OHSAS 18001 OHSAS 18001 9192.BSEC IT - 60983 Tab.1 N. I IDENTIFICAZIONE DELLE PARTI

Dettagli

CE 100-8. CENTRALE FILO E RADIO (48 bit) MANUALE DI INSTALLAZIONE (VERSIONE 6.31)

CE 100-8. CENTRALE FILO E RADIO (48 bit) MANUALE DI INSTALLAZIONE (VERSIONE 6.31) CE 100-8 CENTRALE FILO E RADIO (48 bit) MANUALE DI INSTALLAZIONE (VERSIONE 6.31) AVVERTENZE Si ricorda che l installazione del prodotto deve essere effettuata da personale Specializzato. L'installatore

Dettagli

Funzioni nuove e modificate

Funzioni nuove e modificate Gigaset S675 IP, S685 IP, C470 IP, C475 IP: Funzioni nuove e modificate Questo documento integra il manuale di istruzioni dei telefoni VoIP Gigaset: Gigaset C470 IP, Gigaset C475 IP, Gigaset S675 IP e

Dettagli

User guide Conference phone Konftel 100

User guide Conference phone Konftel 100 User guide Conference phone Konftel 100 Dansk I Deutsch I English I Español I Français I Norsk Suomi I Svenska Conference phones for every situation Sommario Descrizione Connessioni, accessoires, ricambi

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

FORNASIER TIZIANO & C. S.a.s. Manuale d uso HUMITESTER

FORNASIER TIZIANO & C. S.a.s. Manuale d uso HUMITESTER FORNASIER TIZIANO & C. S.a.s. Manuale d uso HUMITESTER Versione 1.0 del 18.08.2009 Sommario Schermata iniziale Pag. 3 Descrizione tasti del menu Pag. 3 Pagina principale Pag. 4 Pagina set allarmi Pag.

Dettagli

Il centralino contemporaneo Da ABB consigli e soluzioni per trasformare la regola dell arte in un opera d arte.

Il centralino contemporaneo Da ABB consigli e soluzioni per trasformare la regola dell arte in un opera d arte. Il centralino contemporaneo Da ABB consigli e soluzioni per trasformare la regola dell arte in un opera d arte. Il montante L autostrada che porta al centralino Il montante È la conduttura che collega

Dettagli

Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1. Manuale utente

Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1. Manuale utente Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1 Manuale utente Indice Avvisi di Sicurezza... 2 1 Introduzione... 3 2 Caratteristiche Generali... 3 3 Ricevimento e Collocazione... 4

Dettagli

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni Produzione della corrente alternata La generazione di corrente alternata viene ottenuta con macchine elettriche dette alternatori. Per piccole potenze si usano i gruppi elettrogeni. Nelle centrali elettriche

Dettagli

GUIDA CONFIGURAZIONE ED UTILIZZO GPS SAFE COME ANTIFURTO PER MOTO

GUIDA CONFIGURAZIONE ED UTILIZZO GPS SAFE COME ANTIFURTO PER MOTO GUIDA CFIGURAZIE ED UTILIZZO GPS SAFE COME ANTIFURTO PER MOTO Sommario: Download ed aggiornamento firmware GPS SAFE... 3 Track Manager, download ed installazione.... 4 Configurazione GPS SAFE ed utilizzo

Dettagli

IDom. Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it

IDom. Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it IDom MANUALE UTENTE Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it 2 COPYRIGHT Tutti i nomi ed i marchi citati nel documento appartengono ai rispettivi proprietari. Le informazioni

Dettagli

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche F12 MANUALE UTENTE 1. F12 Caratteristiche Progettato per sopravvivere in condizioni difficili, fornendo regolari ed accurate registrazioni di posizione sfruttando un GPS all avanguardia sulla rete cellulare,

Dettagli

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE. 1 DESCRIZIONE GENERALE. DESCRIZIONE GENERALE. L'analizzatore di spettro Mod. 2813-E consente la visualizzazione, in ampiezza e frequenza, di segnali musicali di frequenza compresa tra 20Hz. e 20KHz. in

Dettagli

VAV-EasySet per VARYCONTROL

VAV-EasySet per VARYCONTROL 5/3.6/I/3 per VARYCONTROL Per la sanificazione di regolatori di portata TROX Italia S.p.A. Telefono 2-98 29 741 Telefax 2-98 29 74 6 Via Piemonte 23 C e-mail trox@trox.it 298 San Giuliano Milanese (MI)

Dettagli

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze.

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze. MONITOR DEFIBRILLATORE LIFEPAK 12 Il Monitor Defibrillatore LIFEPAK 12 è un dispositivo medicale che nasce per l emergenza e resiste ad urti, vibrazioni, cadute, polvere, pioggia e a tutte quelle naturali

Dettagli

Manuale istruzioni. 01942 Comunicatore GSM-BUS

Manuale istruzioni. 01942 Comunicatore GSM-BUS Manuale istruzioni 01942 Comunicatore GSM-BUS Indice 1. Descrizione 2 2. Campo di applicazione 2 3. Contenuto della confezione 2 4. Vista frontale 3 5. Funzione dei tasti e led 4 6. Operazioni preliminari

Dettagli

DESCRIZIONE. Elettrodi per rilevazione acqua. Dimensioni contenitore ca.: 71 (L) x 71 (H) x 30 (P) mm. (Da abbinare a modulo sonda art.

DESCRIZIONE. Elettrodi per rilevazione acqua. Dimensioni contenitore ca.: 71 (L) x 71 (H) x 30 (P) mm. (Da abbinare a modulo sonda art. 1009/001 1009/002D 1009/002S 1009/005D 1009/005S Frontale piatto da 25 mm per serratura e maniglia Personal Lock Frontale destro da 40 mm per serratura e maniglia Personal Lock Frontale sinistro da 40

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL INSTALLAZIONE

GUIDA RAPIDA ALL INSTALLAZIONE GUIDA RAPIDA ALL INSTALLAZIONE Sommario DECODER CUBOVISION 1 TELECOMANDO 3 COLLEGAMENTO ALLA TV 4 COLLEGAMENTO A INTERNET 6 COLLEGAMENTO ANTENNA 8 COLLEGAMENTO ALLA RETE ELETTRICA 9 COLLEGAMENTO AUDIO

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO VALIDO PER MOD. DTCHARGE E 1000 CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO LEGGERE CON CURA IN OGNI SUA PARTE PRIMA DI ALIMENTARE TOGLIAMO IL COPERCHIO, COSA FARE?? Il DTWind monta alternatori tri fase. Ne consegue

Dettagli

Distributore per la Campania : Centro Sicurezza Campano di Marcello Cioffi Via Ben Hur 74-80126 Napoli Tel. sede 081 7679155 / email :

Distributore per la Campania : Centro Sicurezza Campano di Marcello Cioffi Via Ben Hur 74-80126 Napoli Tel. sede 081 7679155 / email : Distributore per la Campania : Centro Sicurezza Campano di Marcello Cioffi Via Ben Hur 74-80126 Napoli Tel. sede 081 7679155 / email : info@sicurezzacsc.it sito : www.sicurezzacsc.it 2 NEXTtec progetta

Dettagli

Manuale istruzioni. 01913 Cronotermostato GSM. CLIMAPHONE

Manuale istruzioni. 01913 Cronotermostato GSM. CLIMAPHONE Manuale istruzioni 01913 Cronotermostato GSM. CLIMAPHONE Spazio riservato per annotare le tre cifre del PIN dell'eventuale password di protezione. Indice Principali operazioni a cura dell'utente............................................

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO / Benvenuto Quando si utilizza la videocamera GoPro nell ambito delle normali attività quotidiane, prestare

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

MICROSPIA GSM PROFESSIONALE. 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2)

MICROSPIA GSM PROFESSIONALE. 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2) MANUALE UTENTE FT607M /FT607M2 MICROSPIA GSM PROFESSIONALE 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2) FT607M /FT607M2 MANUALE UTENTE INDICE 1. Informazioni importanti.......................................4

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

Kit Domotici fai-da-te integrabili fra di loro, semplici da installare e da utilizzare.

Kit Domotici fai-da-te integrabili fra di loro, semplici da installare e da utilizzare. Per una casa più comoda, cura e intelligente, con un solo clic. Kit Domotici faidate integrabili fra di loro, semplici da installare e da utilizzare. www.easydo.it videosorveglianza, controllo carichi

Dettagli

BARON Manuale di istruzioni Italian

BARON Manuale di istruzioni Italian BARON Manuale di istruzioni Italian Introduzione: (1). Vista d assieme del telefono 1.1. 1.1 Tasti Tasto Funzione SIM1 /SIM2 Fine / Accensione Tasto OK Tasto di navigazione Tasto opzioni sinistro/destro

Dettagli

Guida Samsung Galaxy S Advance

Guida Samsung Galaxy S Advance Guida Samsung Galaxy S Advance Il manuale utente completo del telefono si può scaricare da qui: http://bit.ly/guidasamsung NB: la guida è riferita solo al Samsung Galaxy S Advance, con sistema operativo

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

Galaxy Dimension. Manuale di installazione. Honeywell Security

Galaxy Dimension. Manuale di installazione. Honeywell Security Galaxy Dimension Manuale di installazione Honeywell Security Sommario Sommario INTRODUZIONE... 1-1 Varianti disponibili... 1-1 SEZIONE 1: CONFIGURAZIONE RAPIDA... 1-3 SEZIONE 2: ARCHITETTURA DI SISTEMA...

Dettagli

TECNOLOGIA LCD e CRT:

TECNOLOGIA LCD e CRT: TECNOLOGIA LCD e CRT: Domande più Frequenti FAQ_Screen Technology_ita.doc Page 1 / 6 MARPOSS, il logo Marposs ed i nomi dei prodotti Marposs indicati o rappresentati in questa pubblicazione sono marchi

Dettagli

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Schede tecniche Moduli Solari MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Il gruppo con circolatore solare da 1 (180 mm), completamente montato e collaudato, consiste di: RITORNO: Misuratore regolatore

Dettagli

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA HOTSPOT Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA Hotspot è l innovativo servizio che offre ai suoi clienti accesso ad Internet gratuito, in modo semplice e veloce, grazie al collegamento

Dettagli

Programmazione TELXXC

Programmazione TELXXC Manuale Programmazione Versione 5.0 Programmazione TELXXC TELLAB Via Monviso, 1/B 24010 Sorisole (Bg) info@tellab.it INDICE Programmazione e comandi... 2 Messaggio comando multiplo.. Formato... 3 Messaggi

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Tutorial Sky Go su Samsung v.1.1

Tutorial Sky Go su Samsung v.1.1 Tutorial Sky Go su Samsung v.1.1 1.1 Presentazione...2 2.2 Download e installazione...2 2.2 Login...3 2.2.1 Limitazioni all'accesso...4 2.3 Profili di visione...6 2.4 Reti...7 2.5 Diritti...7 3.0 Fruizione

Dettagli

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali /2 Introduzione /5 Norme di riferimento e interruttori magnetotermici /6 Trasformatore d isolamento e di sicurezza / Controllore d isolamento e pannelli di controllo

Dettagli

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione WWW.FUHR.DE Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione Le presenti istruzioni dovranno essere trasmesse dall addetto al montaggio all utente MBW24-IT/11.14-8

Dettagli

Release 3.0. Entra nella tua casa Domotica BTicino.

Release 3.0. Entra nella tua casa Domotica BTicino. Release 3.0 Entra nella tua casa Domotica BTicino. La Domotica My Home 1 Le applicazioni 2 Le linee 3 I contatti 4 1 La Domotica My Home La Domotica My Home 1 Una scelta fondamentale. Scegliere la Domotica

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2011 Progetto Istanze On Line 21 febbraio 2011 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 PROGETTO ISTANZE ON LINE... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

E-VISION Tempo. Timer luci a microprocessore. Manuale d uso e installazione

E-VISION Tempo. Timer luci a microprocessore. Manuale d uso e installazione E-VISION Tempo Timer luci a microprocessore Manuale d uso e installazione ELOS E-VISION - Tempo Controllo Luci Acquario a Microprocessore. 1. Semplice da programmare 2. Gestisce sia lampade a led sia lampade

Dettagli