IL CARCINOMA DEL POLMONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL CARCINOMA DEL POLMONE"

Transcript

1 II Università degli Studi di Napoli Corso di laurea in Medicina e Chirurgia Sede di Caserta IL CARCINOMA DEL POLMONE A.A. 2007/2008

2 EPIDEMIOLOGIA Incidenza varia da 2 a 110 casi/ abitanti per area geografica; circa 70/ in Italia e USA Incidenza in forte crescita nei paesi asiatici e in quelli in via di sviluppo (circa morti/anno in Giappone nel 2004) Rapporto M/F varia per area geografica (M:F = 1:1 in USA, 4:1 in UE)

3 EPIDEMIOLOGIA Europa ed Italia USA Prima causa di morte per neoplasie in M, terza in F 29% morti per neoplasie in M 8% morti per neoplasie in F Riduzione incidenza e mortalità in M da fine anni 80 Continuo aumento incidenza e mortalità in F Prima causa di morte per neoplasie sia in M che in F 31% morti per neoplasie in M 25% morti per neoplasie in F Riduzione incidenza e mortalità in M da fine anni 80 Continuo aumento incidenza e mortalità in F

4 per ab. M/F CARCINOMA DEL POLMONE EPIDEMIOLOGIA Maschi Femmine Trend di riduzione negli uomini (dalla seconda metà degli anni 80) Continuo aumento nelle donne: mortalità aumentata del 150% tra il 1974 ed il 1994.

5 EPIDEMIOLOGIA Patel et al, 2004

6 INCIDENZA ED ETA Incidenza aumenta con l età con massimo tra la V e la VII decade (1% dei tumori in età < 30 anni, 25% in età > 70 anni) Adattato da Yancic e Ries

7 EZIOLOGIA Il fumo di sigaretta è la principale causa delle neoplasie polmonari È responsabile dell 80-90% delle morti per tumore polmonare Il fumo di sigaretta contiene oltre 300 sostanze chimiche inalate, 40 delle quali sono note come potenti cancerogeni L incidenza del tumore del polmone rispecchia le diverse abitudini di fumo di sigaretta

8 PATOGENESI It is becoming apparent through candidate gene and genome wide approaches that clinically evident lung cancers have accumulated numerous (perhaps 20 or more) clonal genetic and epigenetic alterations as a multistep process

9 PATOGENESI these alterations include the classical genetic abnormalities of tumour suppressor gene (TSG) inactivation and overactivity of growth promoting oncogenes

10 PATOGENESI More recently, tumour acquired promoter hypermethylation has been recognised as a mechanism for the epigenetic inactivation of gene expression.

11 EVENTI BIOLOGICO-MOLECOLARI CARCINOMA DEL POLMONE PATOGENESI ALTERAZIONI CLINICOPATOLOGICHE Il DNA delle cellule dell epitelio respiratorio subisce le prime mutazioni dopo anni di esposizione al fumo di tabacco Alterazioni dimostrabili in cellule epiteliali morfologicamente normali il danno genetico continua ad accumularsi nelle cellule dell epitelio bronchiale morfologia cellulare di tipo preneoplastico comparsa di lesioni clonali multiple cancro polmonare francamente invasivo comparsa di ulteriori lesioni genetiche clonali nelle cellule con fenotipo metastatico lesioni metastatiche

12 PROCESSO DI CANCEROGENESI Epitelio normale Metaplasia Displasia lieve Displasia grave/cr in situ Carcinoma squamoso LOH 3p/ piccole delezioni telomeriche LOH3p/ Delezioni contigue Alterazione dei microsatelliti LOH 9p21-p16 metilazione di p16 Deregolazione di telomerasi Alterazioni del gene MYC, up-regolazione di telomerasi Alterazioni del gene FHIT, LOH 3p14.2 Alterazioni del gene p53 LOH 17p Alterazioni del gene K-RAS Precoci Intermedie Tardive

13 PATOGENESI LESIONI POLMONARI PRE-NEOPLASTICHE CARCINOMA SQUAMOCELLULARE ADENOCARCINOMA REVERSIBILE IRREVERSIBILE stimolo oncògeno epitelio iperplastico epitelio metaplastico lesioni displastiche carcinoma in situ carcinoma invasivo ALTERAZIONI CITOGENETICHE E MOLECOLARI iperplasia adenomatosa atipica adenocarcinoma

14 PATOGENESI MOMENTI CRITICI DEL PROCESSO DI CARCINOGENESI POLMONARE alterazioni che portano all autosufficienza dei segnali di crescita; evasione dalla morte cellulare programmata (apoptosi); insensibilità ai segnali che bloccano la crescita cellulare; potenziale replicativo illimitato; attività angiogenetica; invasione tessutale e metastatizzazione.

15 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita EGFR PROTO-ONCOGENE ONCOGENE

16 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita La famiglia dei recettori del fattore di crescita dell epidermide epidermide (EGFR/HER1, HER2/neu neu,, HER3 e HER4) comprende molecole recettoriali di membrana ad attività tirosin-chinasica chinasica. EGFR (7p12)= ruolo chiave nella determinazione del comportamento della cellula maligna in varie neoplasie umane induzione della proliferazione cellulare diminuzione dell apoptosi aumento della motilità cellulare angiogenesi

17 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita EGFR: FUNZIONE FISIOLGICA Una varietà di ligandi induce la OMO- od ETEROdimerizzazione del recettore ErbB. Il partner più frequente per EGFR è HER2.

18 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita EGFR: FUNZIONE FISIOLGICA Il legame del ligando causa autofosforilazione del dominio intracitoplasmatico (transautofosforilazione) e conseguente avvio dell attività tirosin-chinasica con reclutamento di varie molecole a valle.

19 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita EGFR: FUNZIONE FISIOLGICA Una delle principali vie molecolari attivate dall EGFR è quella di ras. Ras viene reclutata attraverso il legame con la molecola SOS.

20 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita EGFR: FUNZIONE FISIOLGICA A sua volta, ras determina l attivazione della serina/treonina chinasi raf, delle MAPKK 1 e 2 e delle MAPK ERK 1 e 2.

21 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita EGFR: FUNZIONE FISIOLGICA Il risultato dell attivazione di questa via molecolare è l espressione di varie proteine nucleari, inclusa la ciclina D1 (necessaria per il passaggio G 1 -S nel ciclo cellulare).

22 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita EGFR: FUNZIONE FISIOLGICA Un altro target di EGFR è il PI3K

23 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita EGFR: FUNZIONE FISIOLGICA Il reclutamento di PI3K porta all attivazione di Akt, una serina/treonina kinasi con forte attività antiapoptotica. N.B. la via di segnale di Akt svolge un ruolo nel determinare la chemioresistenza/ sensibilità della cellula neoplastica.

24 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita EGFR: FUNZIONE FISIOLGICA La mutazione più frequentemente responsabile dell attivazione della via di PI3K nei tumori consiste nelle delezioni del gene oncosoppressore PTEN (Phosphatase and TENsin homologue).

25 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita EGFR: FUNZIONE FISIOLGICA Gli STAT sono fattori di trascrizione (TF) generati a livello dei recettori della superficie cellulare. Quando attivati, dimerizzano e traslocano all interno del nucleo, dove modulano l espressione genica. Questi TF contribuiscono alla tumorigenesi a causa del loro ruolo fisiologico nella crescita cellulare, apoptosi ed angiogenesi (in particolare STAT3).

26 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita EGFR NELLA CARCINOGENESI POLMONARE: EVIDENZE EGFR è espresso nelle cellule del tessuto bronchiale PRENEOPLASTICO in modo crescente in: mucosa normale (strato basale); mucosa iperplastica; aree di metaplasia. EGFR è iperespresso nel 43-89% tumore del polmone non-microcitoma (NSCLC): 70% dei casi di carcinoma squamocellulare; 50% dei casi di adenocarcinoma. Raro nel microcitoma

27 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita RUOLO DI EGFR NELLA CARCINOGENESI POLMONARE? EGFR OVERESPRESSIONE DEI LIGANDI DI EGFR MUTAZIONI ATTIVANTI DI EGFR AMPLIFICAZIONE DI EGFR

28 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita OVERESPRESSIONE DEI LIGANDI DI EGFR LOOP AUTOCRINO-PARACRINO DI EGFR Le cellule neoplastiche del carcinoma polmonare esprimono ligandi di EGFR, come EGF e TGFα, innescando un meccanismo autocrino di crescita tumorale.

29 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita AMPLIFICAZIONE DI EGFR MECCANISMO DI IPERESPRESSIONE DI EGFR SCONOSCIUTO! MA Sono state documentate nelle cellule di NSCLC diverse alterazioni cromosomiche (trisomia, polisomia, amplificazione genica) in grado di spiegare l iperespressione della proteina EGFR in questa popolazione cellulare neoplastica.

30 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita MUTAZIONI ATTIVANTI DI EGFR presenti in circa il 20% dei casi di NSCLC (alterazioni tumore-specifiche); presenti in circa l 80% dei casi di NSCLC responsivi a farmaci inibitori dell EGFR; > frequenza nel sesso femminile; > frequenza nelle popolazioni dell est asiatico; > frequenza nei non fumatori; > frequenza nel tipo istologico adenocarcinoma.

31 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita MUTAZIONI ATTIVANTI DI EGFR 3 tipi di mutazione delezioni mutazioni puntiformi missenso inserzioni

32 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita MUTAZIONI ATTIVANTI DI EGFR 85% circa di queste mutazioni delezioni multinucleotidiche in-frame (ESONE 19) mutazioni puntiformi (ESONE 21)

33 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita MUTAZIONI ATTIVANTI DI EGFR il risultato di queste mutazioni è un alterazione a livello del dominio TIROSIN-CHINASICO della proteina recettoriale;

34 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita RAS la famiglia del proto-oncogene RAS comprende tre membri: KRAS, HRAS e NRAS; questi geni codificano per proteine definite con il termine p21; la molecola p21 è una G-protein situata sulla superficie interna della membrana plasmatica. Nella sua forma attiva (dopo idrolisi del GTP a GDP), induce proliferazione cellulare.

35 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita RUOLO DI RAS NELLA CARCINOGENESI POLMONARE mutazioni del gene RAS sono documentabili nel 15-20% dei casi di NSCLC; 30-50% dei casi di adenocarcinoma; il 90% di queste mutazioni occorre a carico del gene KRAS; l 80% delle mutazioni del gene KRAS avviene a livello del codone 12 (meno frequenti: alterazioni dei codoni 13 e 61).

36 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita RUOLO DI RAS NELLA CARCINOGENESI POLMONARE MUTAZIONI DI KRAS: si associano con una storia di abitudine al fumo di sigaretta; sono più frequenti nelle donne; si ritrovano più frequentemente in pazienti con progressione di malattia durante il trattamento con chemioterapia e/o inibitori di EGFR; si associano ad una prognosi peggiore di malattia.

37 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita MYC la famiglia del proto-oncogene MYC codifica per proteine che rappresentano il bersaglio della via di segnale indotta da RAS; le mutazioni dei geni della famiglia MYC sono presenti nel 18-31% dei casi di SCLC e nell 8-20% dei casi di NSCLC. cmyc MYCN MYCL NSCLC + SCLC SCLC

38 PATOGENESI MOMENTI CRITICI DEL PROCESSO DI CARCINOGENESI POLMONARE alterazioni che portano all autosufficienza dei segnali di crescita; evasione dalla morte cellulare programmata (apoptosi); insensibilità ai segnali che bloccano la crescita cellulare; potenziale replicativo illimitato; attività angiogenetica; invasione tessutale e metastatizzazione.

39 PATOGENESI: evasione dalla morte cellulare programmata (apoptosi( apoptosi) BCL2 PROTEINA ANTIAPOPTOTICA p53 BAX: PROTEINA PRO-APOPTOTICA, TARGET DI p53

40 PATOGENESI: evasione dalla morte cellulare programmata (apoptosi( apoptosi) SCLC LIVELLI AUMENTATI DI BCL2 + ASSENZA DI p53 CORRELAZIONE INVERSA TRA I LIVELLI DI BAX (RIDOTTI) ED I LIVELLI DI BCL2 (AUMENTATI) SOPRAVVIVENZA CELLULARE

41 insensibilità ai segnali che bloccano la crescita cellulare LOH LOH nel 96% dei casi di tumore polmonare; geni candidati: FHIT (3p14.2); RASSF1 (3p21.3). p53 inattivata in 75% degli SCLC e nel 50% dei NSCLC; la presenza di mutazioni del gene P53 si correla con l abitudine al fumo; le alterazioni di p53, inoltre, influenzano la risposta alla CT ed alla RT. perdita funzionale del gene RB (delezioni, mutazioni non-senso, anomalie di splicing) nella maggior parte degli SCLC e nel 15-30% dei NSCLC la proteina p16 fa parte della via p16-ciclina D1-CDK4-RB, centrale nella regolazione del passaggio G1-Sdel ciclo cellulare.

42 PATOGENESI: potenziale replicativo illimitato TELOMERASI: enzima che aggiunge sequenze esanucleotidiche (TTAGGG) a livello dei telomeri (= estremità) del cromosoma compensazione della perdita di DNA che avviene ad ogni ciclo di replicazione cellulare cellule normali NO attività telomerasica morte cellulare dopo un numero finito di cicli replicativi cellule neoplastiche attività telomerasica attività replicativa illimitata

43 PATOGENESI: attività angiogenetica ANGIOGENESI: formazione di nuovi vasi sanguigni a partire da pre-esistenti vasi capillari normali L ATTIVITÀ ANGIOGENETICA SI CORRELA POSITIVAMENTE CON aggressività della malattia esito clinico sfavorevole ridotta sopravvivenza globale

44 PATOGENESI: attività angiogenetica SWITCH ANGIOGENETICO (rilascio di fattori)

45 PATOGENESI: attività angiogenetica Il controllo dello switch angiogenetico dipende dall equilibrio tra fattori PRO- ed ANTI-APOPTOTICI

46 PATOGENESI: attività angiogenetica VEGF è il più potente e specifico fattore mitogeno per le cellule endoteliali; è un fattore di sopravvivenza per le cellule dei vasi neoformati; induce un aumento della permeabilità vasale, facilitando l immissione delle cellule neoplastiche nel torrente circolatorio.

47 PATOGENESI: attività angiogenetica elevati livelli plasmatici di VEGF rappresentano un fattore prognostico negativo indipendente intensa ricerca su farmaci inibitori del processo angiogenetico

48 Distinzione MICROCITOMA NON-MICROCITOMA etiopatogenetica anatomo-clinica prognostica

49 ISTOLOGIA Tumori non a piccole cellule (NSCLC) 75-80% Tumori a piccole cellule o microcitoma (SCLC) 20-25%

50 NSCLC Carcinoma a cellule squamose Papillare A cellule chiare A piccole cellule Basaloide Adenocarcinoma Carcinoma a grandi cellule Misto Acinare Papillare Altri NSCLC (carcinoma adcenosquamoso, ecc) Bronchiolo-alveolare Solido Fetale Mucinoso A cellule chiare A cellule ad anello con castone Basaloide Linfoepitelioma-like A cellule chiare Fenotipo rabdoide

51 CARCINOMA A CELLULE SQUAMMOSE Circa 30% dei NSCLC Insorgenza prevalentemente centrale Minore tendenza alla metastatizzazione rispetto agli altri istotipi Fortemente correlato al fumo Possibilità di sfaldamento di cellule tumorali

52 ADENOCARCINOMA Circa 30% dei NSCLC, ha da poco superato per frequenza l istotipo squamoso Insorgenza prevalentemente periferica Rapida diffusione locale e a distanza Forma tipica dei non fumatori e delle donne

53 CARCINOMA BRONCHIOLO-ALVEOLARE Sottotipo di adenocarcinoma Solitamente periferico In aumento nel sesso femminile Possibile diffusione intrapolmonare per via aerogena Due principali forme: mucinose (a peggiore prognosi) e non mucinose Tipico aspetto radiologico

54 CARCINOMA A GRANDI CELLULE Circa 10-15% dei NSCLC Insorgenza prevalentemente periferica Prognosi e comportamento simile all adenocarcinoma

55 SCLC 20-25% di tutti i carcinomi polmonari Localizzazione prevalentemente centrale Prevalente nel sesso maschile e associato al fumo di sigaretta Decorso clinico aggressivo con precoce disseminazione a distanza Varianti linfocitosimile, combinato, di tipo intermedio Elevata attività proliferativa, elevata chemio- e radiosensibilità

56 Principali sintomi di esordio 100 Presentazione clinica Pazienti (%) Dispnea Tosse Dolore Anoressia Emottisi

57 Presentazione clinica Sintomi e segni da estensione extrapolmonare intratoracica (compromissione nervo laringeo o frenico, sindrome della vena cava superiore, sindrome di Pancoast, interessamento cardiaco, disfagia, versamento pleurico, ecc) Sintomi e segni legati alla diffusione metastatica extratoracica (sedi di metastasi più frequenti a livello encefalico, scheletrico, epatico, surrenale, midollare) Sintomi e segni sistemici non specifici (astenia, anoressia, dimagrimento, sindromi paraneoplastiche)

58 Sindromi paraneoplastiche Quadri clinici correlati alla produzione di sostanze ormonali o simil-ormonali da parte della neoplasia Presenti nel 10-20% dei casi, più spesso nei SCLC Possibilità di secrezione di molecole inattive Possono essere di tipo endocrino, neurologico, cutaneo, muscoloscheletrico, ematologico

59 DIAGNOSI Esame clinico (anamnesi circostanziata per fattori di rischio, valutazione sintomi, EO) Rx torace 2P (presenza di immagini nodulari, slargamento del mediastino, versamento pleurico); importante confronto con precedenti radiogrammi

60 DIAGNOSI

61 DIAGNOSI

62 DIAGNOSI TC torace (noduli centrali o periferici e loro caratteristiche (densità, captazione contrasto, aspetto), interessamento linfonodale ilare e mediastinico (sensibilità del 57% e specificità del 82%), versamento pleurico, rapporti parete toracica, ecc)

63 Stadiazione (M) TC addome superiore o ecografia addome: metastasi addominali (specie fegato, surreni, linfonodi) TC encefalo: metastasi cerebrali (specie per SCLC e adenocarcinoma, altrimenti solo se paziente sintomatico)

64 Stadiazione (M) Scintigrafia ossea: metastasi scheletriche PET o TC-PET (per conferma SCLC limitato o dubbi specifici)

65 DIAGNOSI PET (tomografia ad emissione di positroni): diagnostica di nodulo polmonare isolato valutazione linfonodi mediastinici (sensibilità 85%, specificità 90%) possibilità di falsi negativi (per noduli < 8-10 mm, con bassa attività metabolica come BAC o carcinoidi) e falsi positivi (elevata attività metabolica di alcuni quadri infiammtori)

66 DIAGNOSI Mediastinoscopia (utile soprattutto per confermare sospetto interessamento linfonodale mediastinico in casi TC o PET positivi)

67 DIAGNOSI ISTOLOGICA Esame citologico espettorato (sensibilità 71% nelle lesioni centrale, 49% nelle periferiche se fatto bene e su tre campioni ripetuti) Fibrobroncoscopia (± biopsia, brushing, BAL) Alta sensibilità per lesioni centrali (75-100%) e per grosse lesioni periferiche (60-70%), bassa per le piccole lesioni periferiche (30%) Possibili biopsie transbronchiali di linfoadenopatie Utile per definizione estensione intrabronchiale

68 DIAGNOSI ISTOLOGICA Biopsia della lesione polmonare per via TC-guidata o Eco-guidata (utile per lesioni periferica con sensibilità del 90% se > 2cm; 25% di falsi negativi; circa 5-10% di pneumotoraci che richiedono drenaggio) Esame citologico su liquido pleurico o pericardico Biopsia delle metastasi o di linfonodi sopraclaveari

69 DIAGNOSI ISTOLOGICA Mediastinoscopia Videotoracoscopia (utile per biopsie linfonodali, pleuriche o polmonari per lesioni periferiche) Toracotomia

70 TNM

71 TNM

72 TNM

73 TNM

74 TNM

75 TNM

76 TNM

77 STADIO Stadio T N M IA T1 N0 M0 IB T2 N0 M0 IIA T1 N1 M0 IIB T2 N1 M0 T3 N0 M0 IIIA T3 N1 M0 T1-3 N2 M0 IIIB Ogni T N3 M0 T4 Ogni N M0 IV Ogni T Ogni N M1

78 SOPRAVVIVENZA PER STADIO % IA IB IIA IIB IIIA IIIB IV mesi

79 SOPRAVVIVENZA PER STADIO Sopravvivenza (%) Stadio 1 aa 3 aa 5aa IA IB IIA IIB IIIA IIIB IV

80 STADIADIONE SCLC Malattia limitata (ML) (30-40% alla diagnosi) Malattia estesa (ME)(60-70% alla diagnosi)

81 Stadiazione SCLC: malattia limitata ML: Malattia confinata ad un emitorace ed ai propri linfonodi locoregionali, inclusi i mediastinici e sovraclaveari omolaterali + linfonodi ilari controlaterali. Tumore localizzato che può essere racchiuso in un campo radioterapico. (VALSG: Veterans Administration Lung Cancer Study Group) ML: Malattia confinata ad un emitorace ed ai propri linfonodi locoregionali (ilari), mediastinici e sovraclaveari omolaterali + controlaterali, anche in presenza di versamento pleurico bilaterale (citologiamente +/-). (1989 IASLC)

82 Stadiazione SCLC: malattia limitata

83 PROGNOSI DEL SCLC Malattia limitata Malattia estesa Sopravvivenza % 2 anni 5 anni 10-40% < 5% 3-8% < 1%

84 FATTORI PROGNOSTICI Stadio di malattia Istotipo Calo ponderale Performance status

85 Performance status: scala ECOG 0 : In grado di svolgere le attività normali senza restrizioni 1 : Presenta restrizioni alle attività fisiche strenue, ma deambula ed è in grado di svolgere attività lievi o sedentarie, quali lavori domestici 2 : Deambula, è autosufficiente, ma non può svolgere attività lavorative; in piedi per più del 50 % del tempo 3 : Appena autosufficiente, allettato o seduto per più del 50 % del tempo 4 : Completamente disabile; non autosufficiente; sempre allettato o seduto 5 : Deceduto

86 TERAPIA Chirurgia Chemioterapia Radioterapia Necessità di discussione multidisciplinare e di Gruppi Oncologici Multidisciplinari e di condivisione di linee guida diagnostico-terapeutiche

87 Trattamento stadi precoci: chirurgia Mortalità post-operatoria del 2-9% in base a tipo intervento e paziente

88 Trattamento stadi precoci: chirurgia Necessaria valutazione preoperatoria: Funzione respiratoria (spirometria, DLCO, emogasanalisi) Valutazione cardiologica Valutazione anestesiologica generale

89 Malattia metastatica: : quale terapia? Paziente anziano o unfit Paziente giovane e fit Monochemioterapia Polichemioterapia contenente platino In caso di PD Terapia di seconda linea in pazienti in discrete condizioni generali PD Eventuale terapia di terza linea in pazienti selezionati

90 Malattia metastatica: : quale terapia? Farmaci più attivi e utilizzati nel trattamento del NSCLC: o Cisplatino o Carboplatino o Docetaxel o Paclitaxel o Gemcitabina o Pemetrexed o Vinorelbina

91 Malattia limitata SCLC: opzioni terapeutiche Chirurgia in casi selezionati di piccole neoplasie (T1-T2 N0) Chemioterapia (polict meglio di monoct; durata 4-6 cicli) Radioterapia toracica (50-60 Gy; in combinazione con chemioterapia migliora sopravvivenza e riduce recidive locali; concomitante meglio che sequenziale per sopravvivenza; RR 80-95%, con RC 40-70%) Radioterapia panencefalica profilattica (30-36 Gy; indicata in pazienti con buona risposta a chemio-radioterapia; riduce recidive encefaliche e aumenta sopravvivenza)

92 Obiettivo: palliazione SCLC: malattia estesa

93 Screening Attualmente non ci sono raccomandazioni per usare rx torace, TC, o esame dello sputo per ricercare un tumore al polmone in pazienti non sintomatici Se uno screening viene considerato, il paziente deve essere informato che non ci sono studi che dimostrino che questa procedura aiuti i pazienti a vivere più a lungo. I pazienti devono anche sapere che possono essere individuati falsi positivi Alcuni studi sono in corso i cui risultati, quando disponibili, potrebbero cambiare queste raccomandazioni US Preventive Service Task Force 2004

94 PREVENZIONE PRIMARIA Non fumare Smettere di fumare il prima possibile Studi di chemioprevenzione (con retinoidi, antiossidanti, antinfiammatori, ecc.)

TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC)

TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC) TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC) Negli ultimi anni vi è stata una evoluzione delle strategie terapeutiche nel NSCLC e l introduzione nella pratica clinica di nuovi farmaci

Dettagli

Dott. Alessandro Fabbri U.O. Pneumologia ASL 3 PT Direttore ff Dott. Franco Vannucci

Dott. Alessandro Fabbri U.O. Pneumologia ASL 3 PT Direttore ff Dott. Franco Vannucci Dott. Alessandro Fabbri U.O. Pneumologia ASL 3 PT Direttore ff Dott. Franco Vannucci Negli ultimi anni c è stato un notevole cambiamento nella gestione diagnosticoterapeutica dei soggetti affetti da neoplasia

Dettagli

Le cellule cancerose

Le cellule cancerose Le cellule cancerose Cosa è il cancro? Malattia che insorge in conseguenza di anomalie della funzionalità cellulare E la Seconda causa di morte si possono sviluppare in quasi tutti gli organi Le diverse

Dettagli

CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC

CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE POLMONARE Dr. Antonio Ardizzoia, Dr.ssa Ilaria Colombo, Dr. Paolo Bidoli UO DI ONCOLOGIA MEDICA - AO SAN GERARDO DI MONZA CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC Il ruolo della terapia medica

Dettagli

Il carcinoma polmonare

Il carcinoma polmonare Il carcinoma polmonare 1 Statistiche Nuovi casi stimati e morti da carcinoma polmonare negli Stati Uniti nel 2009 Nuovi casi 219.440 Morti: 159.390 Periodo 1995-2001 Probabilità di sopravvivenza a 5 anni

Dettagli

Polipi. Sessili. Peduncolati

Polipi. Sessili. Peduncolati Polipi Sessili Peduncolati Polipi Intestinali Polipi iperplastici 25% Polipi amartomatosi

Dettagli

Algoritmi e percorsi terapeutici dei Carcinomi del Polmone

Algoritmi e percorsi terapeutici dei Carcinomi del Polmone Algoritmi e percorsi terapeutici dei Carcinomi del Polmone Standard Individualizzata Sperimentale Stadio Ia/Ib T1-2a N0 M0 radicale) CHIR con resezione sub-lobare, solo stadio Ib CHIR con VATS campionamento

Dettagli

Cosa sono i Macatori Tumorali?

Cosa sono i Macatori Tumorali? Marcatori tumorali Cosa sono i Macatori Tumorali? Sostanze biologiche sintetizzate e rilasciate dalle cellule tumorali o prodotte dall ospite in risposta alla presenza del tumore Assenti o presenti in

Dettagli

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone I A Cura di: Simona Carnio Divisione di Oncologia Toracica - A.O.U. San Luigi - Orbassano (TO) Silvia Novello Dipartimento di Oncologia - Università

Dettagli

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma SEBASTIANO FILETTI Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Università di Roma Sapienza, Roma La malattia tiroidea è in aumento negli ultimi anni. Quali le ragioni? Dati epidemiologici provenienti

Dettagli

CANCRO DELLO STOMACO. CANCRO DELLO STOMACO Fattori di rischio - I - CANCRO DELLO STOMACO

CANCRO DELLO STOMACO. CANCRO DELLO STOMACO Fattori di rischio - I - CANCRO DELLO STOMACO Epidemiologia 4 causa di morte per Ca nel M dopo polmone, intestino e prostata incidenza variabile in diverse parti del mondo, in declino in USA e CE ancora assai elevata in Giappone, Cile, Islanda, RSM

Dettagli

Neoplasie della mammella - 2

Neoplasie della mammella - 2 Neoplasie della mammella - 2 Fattori prognostici Numero di N+ : >3 Età e stato menopausale Diametro di T Invasione linfatica e vascolare Tipo istologico Grading Recettore per Estrogeni/Progesterone Amplificazione

Dettagli

Il Tumore Ovarico. Campagna d informazione e sensibilizzazione sul tumore ovarico

Il Tumore Ovarico. Campagna d informazione e sensibilizzazione sul tumore ovarico Campagna promossa da Campagna d informazione e sensibilizzazione sul tumore ovarico Il Tumore Ovarico LA MALATTIA Il carcinoma ovarico è il sesto tumore più diagnosticato tra le donne ed è il più grave

Dettagli

CANCRO DEL PANCREAS Epidemiologia. quinta causa di morte per cancro tra i M nei paesi occidentali prevalenza M > F incidenza max: 60-70 aa

CANCRO DEL PANCREAS Epidemiologia. quinta causa di morte per cancro tra i M nei paesi occidentali prevalenza M > F incidenza max: 60-70 aa Epidemiologia quinta causa di morte per cancro tra i M nei paesi occidentali prevalenza M > F incidenza max: 60-70 aa Fattori di rischio Fumo di sigaretta (O.R. 2-2.5) Dieta ipolipidica e a basso contenuto

Dettagli

La tiroide è una ghiandola posta nel collo, appena sotto la cartilagine tiroidea (il cosiddetto pomo d'adamo).

La tiroide è una ghiandola posta nel collo, appena sotto la cartilagine tiroidea (il cosiddetto pomo d'adamo). COS'È IL TUMORE ALLA TIROIDE La tiroide è una ghiandola posta nel collo, appena sotto la cartilagine tiroidea (il cosiddetto pomo d'adamo). Ha la forma di una farfalla con le due ali poste ai lati della

Dettagli

Si verificano in tutte le classi di vertebrati ed invertebrati

Si verificano in tutte le classi di vertebrati ed invertebrati Genetica dei tumori Si verificano in tutte le classi di vertebrati ed invertebrati Sarcomi e carcinomi sono stati riscontrati in alcune mummie egiziane e vengono descritti nei papiri. I Greci erano a conoscenza

Dettagli

Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica

Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica Domanda #1 (codice domanda: n.541) : Cosa caratterizza il grado T2 del colangiocarcinoma? A: Interessamento del connettivo periduttale B: Coinvolgimento

Dettagli

Innovazioni diagnostiche in oncologia: il ruolo del laboratorio

Innovazioni diagnostiche in oncologia: il ruolo del laboratorio Innovazioni diagnostiche in oncologia: il ruolo del laboratorio Inspired to innovate Dott.ssa Annamaria Passarelli Direttore di U.O.C. di Medicina di Laboratorio A USL RM G Tivoli Indicazioni per l impiego

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA. - Il carcinoma dell endometrio

EPIDEMIOLOGIA. - Il carcinoma dell endometrio Il Carcinoma dell Endometrio Prof. Francesco Sesti EPIDEMIOLOGIA - Il carcinoma dell endometrio endometrio rappresenta nel mondo il secondo tumore femminile con 189.000 nuovi casi per anno, preceduto solo

Dettagli

Il Ruolo del Chirurgo Federico Rea

Il Ruolo del Chirurgo Federico Rea Il Ruolo del Chirurgo Federico Rea UOC CHIRURGIA TORACICA Università degli Studi di Padova Ruolo della chirurgia nel PDTA del tumore polmonare DIAGNOSTICO TERAPEUTICO Interventi Diagnostici Se possibile

Dettagli

APPROCCIO RADIOTERAPICO

APPROCCIO RADIOTERAPICO Unità Operativa Di Radioterapia Azienda Ospedaliera Di Parma APPROCCIO RADIOTERAPICO Dott.ssa Dell Anna Cristina APPROCCIO RADIOTERAPICO I tumori primitivi del mediastino di interesse radioterapico sono

Dettagli

La stadiazione dei tumori

La stadiazione dei tumori La stadiazione dei tumori Reggio Emilia 2-5 dicembre 2007 Silvia Patriarca Registro tumori Piemonte Cosa è lo stadio di un tumore? E la rappresentazione sintetica dell estensione anatomica del tumore.

Dettagli

Il carcinoma polmonare

Il carcinoma polmonare Il carcinoma polmonare Statistiche Nuovi casi stimati e morti da carcinoma polmonare negli Stati Uniti nel 2009 Nuovi casi 219.440 Morti: 159.390 Periodo 1995-2001 Probabilità di sopravvivenza a 5 anni

Dettagli

Cancro del colon. Diagnosi del cancro del colon. Terapia del cancro del colon. [ Maurizio Pianezza 2008 - Tutti i diritti riservati]

Cancro del colon. Diagnosi del cancro del colon. Terapia del cancro del colon. [ Maurizio Pianezza 2008 - Tutti i diritti riservati] [ Maurizio Pianezza 2008 - Tutti i diritti riservati] Cancro del colon Il mio comportamento Diagnosi del cancro del colon - clisma Tc - coloscopia con biopsia - T-PET - markers tumorali Cea Ca 19.9 Ca

Dettagli

Evento Formativo accreditato ECM

Evento Formativo accreditato ECM Evento Formativo accreditato ECM INCONTRI CON L ESPERTO 2015 Aula Polo Oncologico, 6 ottobre, 10 novembre, 24 novembre 2015 ID ECM 1252-132524 ED. 1 Responsabili Scientifici: Dott. A. Fontana, Dott. A.

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO AVANZATO

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO AVANZATO 1 PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO AVANZATO RECIDIVA LOCO-REGIONALE Dopo mastectomia, si definisce locale la ripresa della malattia a livello della cicatrice chirurgica o a livello

Dettagli

CARCINOMA DELLA MAMMELLA

CARCINOMA DELLA MAMMELLA CARCINOMA DELLA MAMMELLA TRATTAMENTO LOCO REGIONALE e ADIUVANTE NEOPLASIE INTRAEPITELIALI DELLA MAMMELLA Neoplasia Lobulare Intraepiteliale (LIN 2-3) Nessun trattamento (dopo la diagnosi) Resezione mammaria

Dettagli

dr Sherkat Trattamento dei gliomi maligni Terapie combinate

dr Sherkat Trattamento dei gliomi maligni Terapie combinate Trattamento dei gliomi maligni Terapie combinate Epidemiologia Epidemiologia - 1 Incidenza delle neoplasie cerebrali In Europa 5 casi su 100.000 abitanti/anno 2% di tutte le morti per cancro Negli ultimi

Dettagli

LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI

LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI Il Consiglio Direttivo Nazionale LILT, nella seduta del 19 marzo 2015, ha formalmente approvato la documentazione relativa ai lavori della Commissione tecnico-scientifica

Dettagli

METASTASI CEREBRALI. RADIOTERAPIA NEL TRATTAMENTO MULTIMODALE DELLE METASTASI OSSEE E CEREBRALI Presidente: dott. G. Silvano

METASTASI CEREBRALI. RADIOTERAPIA NEL TRATTAMENTO MULTIMODALE DELLE METASTASI OSSEE E CEREBRALI Presidente: dott. G. Silvano 1 RADIOTERAPIA NEL TRATTAMENTO MULTIMODALE DELLE METASTASI OSSEE E CEREBRALI Presidente: dott. G. Silvano Taranto, 16-17 Marzo 2007 2 definizione Le metastasi cerebrali sono neoplasie che originano in

Dettagli

Corso per operatori dei Registri Tumori Reggio Emilia 3-6 dicembre 2007. Tumore dell ovaio. Adele Caldarella

Corso per operatori dei Registri Tumori Reggio Emilia 3-6 dicembre 2007. Tumore dell ovaio. Adele Caldarella Corso per operatori dei Registri Tumori Reggio Emilia 3-6 dicembre 2007 Tumore dell ovaio Adele Caldarella Tumore dell ovaio in Italia 9 tumore più frequente nel sesso femminile 2.9% delle diagnosi tumorali

Dettagli

Marcatori classici. Colon. Mammella. Polmone. CEA Ca19-9. Ca15.3 CEA. CEA (adenocarcinoma) Cyfra (spinocellulare) NSE (microcitoma)

Marcatori classici. Colon. Mammella. Polmone. CEA Ca19-9. Ca15.3 CEA. CEA (adenocarcinoma) Cyfra (spinocellulare) NSE (microcitoma) Markers tumorali Colon CEA Ca199 Mammella Ca15.3 CEA Polmone CEA (adenocarcinoma) Cyfra (spinocellulare) NSE (microcitoma) Marcatori classici Problemi di interpretazione Bassa sensibilità Marcatore negativo

Dettagli

Her-2 nel carcinoma mammario

Her-2 nel carcinoma mammario Her-2 nel carcinoma mammario Piera Balzarini U.O. Anatomia Patologica Università degli Studi di Brescia Spedali Civili di Brescia Il gene ERBB2 dà origine ad un recettore tirosin-chinasico appartenente

Dettagli

Marcatori molecolari prognostici. Milo Frattini Istituto cantonale di patologia Locarno

Marcatori molecolari prognostici. Milo Frattini Istituto cantonale di patologia Locarno Marcatori molecolari prognostici Milo Frattini Istituto cantonale di patologia Locarno Legnano 24.03.2009 Cancro colorettale - Epidemiologia Il cancro colorettale è la seconda causa di morte per malattie

Dettagli

I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese

I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese Daniela Furlan U.O. Anatomia Patologica, Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi, Varese Il

Dettagli

CHIRURGIA TORACICA VIDEO- ASSISTITA (VATS): 10 ANNI DI ESPERIENZA PERSONALE

CHIRURGIA TORACICA VIDEO- ASSISTITA (VATS): 10 ANNI DI ESPERIENZA PERSONALE CHIRURGIA TORACICA VIDEO- ASSISTITA (VATS): 10 ANNI DI ESPERIENZA PERSONALE S. SPINI MD, PhD; F. APICELLA MD, FCCP; P. CAPPELLINI MD, L. MAGGI MD Azienda Sanitaria Firenze Nuovo Ospedale S. Giovanni di

Dettagli

1.0 Introduzione. 2.0 Fattori di rischio I TUMORI DEL POLMONE. A cura del dr. F.G. Biondo. Chirurgo Generale e Toracico - A.O.R.N. Moscati - Avellino

1.0 Introduzione. 2.0 Fattori di rischio I TUMORI DEL POLMONE. A cura del dr. F.G. Biondo. Chirurgo Generale e Toracico - A.O.R.N. Moscati - Avellino I TUMORI DEL POLMONE A cura del dr. F.G. Biondo Chirurgo Generale e Toracico - A.O.R.N. Moscati - Avellino Web site: www.francescobiondo.it Mail: fgbiondo@virgilio.it 1.0 Introduzione Il carcinoma polmonare

Dettagli

TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA

TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA Luigi Salvagno U.O. di Oncologia ANATOMIA DELLA GHIANDOLA MAMMARIA PROGRESSIONE TUMORALE La progressione neoplastica richiede

Dettagli

Università degli Studi di Milano Scuola di Dottorato in Medicina Molecolare Dipartimento di Scienze e Tecnologie Biomediche

Università degli Studi di Milano Scuola di Dottorato in Medicina Molecolare Dipartimento di Scienze e Tecnologie Biomediche Università degli Studi di Milano Scuola di Dottorato in Medicina Molecolare Dipartimento di Scienze e Tecnologie Biomediche Curriculum di Oncologia Molecolare Ciclo XXIV Anno Accademico 2010-2011 Dottorando:

Dettagli

E.Molfese, P.Matteucci, A.Iurato, M. Fiore, L.E. Trodella, L. Poggesi, R.M. D Angelillo, E. Iannacone, L.Trodella!

E.Molfese, P.Matteucci, A.Iurato, M. Fiore, L.E. Trodella, L. Poggesi, R.M. D Angelillo, E. Iannacone, L.Trodella! Il trattamento stereotassico delle lesioni surrenaliche in pazienti oligometastatici affetti da NSCLC: una promettente arma per il controllo locale di malattia?! E.Molfese, P.Matteucci, A.Iurato, M. Fiore,

Dettagli

BIOLOGIA DEI TUMORI Concetti generali e classificazione dei tumori

BIOLOGIA DEI TUMORI Concetti generali e classificazione dei tumori BIOLOGIA DEI TUMORI Concetti generali e classificazione dei tumori Silvia Patriarca Registro tumori Piemonte - CPO Piemonte Corso di base sulla registrazione dei tumori Rho, 10 maggio 2010 Origine dei

Dettagli

CASO CLINICO carcinoma mammario ErbB2+ con M+ SNC

CASO CLINICO carcinoma mammario ErbB2+ con M+ SNC CASO CLINICO carcinoma mammario ErbB2+ con M+ SNC METASTASI CEREBRALI DA CA MAMMELLA 10-30% delle pazienti con tumore mammario in fase avanzata Insorgono tardivamente nella storia naturale della malattia

Dettagli

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON DATA DI AGGIORNAMENTO: MARZO 2012 Adenoma con displasia alto grado o severa (1) Escissione locale completa endoscopica in unica escissione (non piecemeal) Resezione

Dettagli

Le neoplasie vescicali. fabrizio dal moro

Le neoplasie vescicali. fabrizio dal moro fabrizio dal moro Epidemiologia - INCIDENZA: maschi 24,6/100.000 femmine 3,1/100.000 - MORTALITA : 3% di tutti i decessi per neoplasie maligne (3000 pz) Epidemiologia Secondo tutti gli Autori la fascia

Dettagli

E posta nella parte centrale del collo e rappresenta la prima parte dell'apparato

E posta nella parte centrale del collo e rappresenta la prima parte dell'apparato IL CARCINOMA LARINGEO Dr.ssa Med. Elena Scotti Otorinolaringoiatria Ospedale Civico Lugano Lugano, 9 Giugno 2011 la laringe E posta nella parte centrale del collo e rappresenta la prima parte dell'apparato

Dettagli

COMPARAZIONE DELLA METODICA AUTOMATICA SISH

COMPARAZIONE DELLA METODICA AUTOMATICA SISH COMPARAZIONE DELLA METODICA AUTOMATICA SISH (Silver Enhanced In Situ Hybridization) CON LA METODICA MANUALE FISH (Fluorescence In Situ Hybridization) PER LA VALUTAZIONE DELLO STATO DEL GENE HER2 (neu)

Dettagli

la storia di HER2 Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche HER2: Human Epidermal Receptor

la storia di HER2 Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche HER2: Human Epidermal Receptor Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche la storia di HER2 V. Martin 28 giugno 2011 HER2: Human Epidermal Receptor HER2 e carcinoma mammario alias c-erb, ERBB2, HER-

Dettagli

ALTRI TUMORI BRONCO-POLMONARI

ALTRI TUMORI BRONCO-POLMONARI Università degli Studi di Perugia Chirurgia Toracica Aziende Ospedaliere di Perugia e Terni Scuola di Specializzazione in Chirurgia Toracica Direttore: Prof. Francesco Puma ALTRI TUMORI BRONCO-POLMONARI

Dettagli

11 Incontro di Oncologia ed Ematologia

11 Incontro di Oncologia ed Ematologia 11 Incontro di Oncologia ed Ematologia Sestri Levante, 18 maggio 2013 Maria Sironi C è ancora un ruolo per la citologia da agoaspirato con ago sottile nella diagnostica dei noduli mammari? 1 mm Quali tecniche

Dettagli

CASO CLINICO 1. Dott.ssa Catalina Ciocan, Scuola di Specializzazione in Medicina del Lavoro, Torino

CASO CLINICO 1. Dott.ssa Catalina Ciocan, Scuola di Specializzazione in Medicina del Lavoro, Torino CASO CLINICO 1 Dott.ssa Catalina Ciocan, Scuola di Specializzazione in Medicina del Lavoro, Torino G.U., età 72 anni, maschio ANAMNESI PATOLOGICA REMOTA Ulcera duodenale; Nel 1974 riconosciuta la tecnopatia

Dettagli

«La sola speranza di arrivare un giorno a controllare i tumori risiede nella maggiore comprensione delle cause e della patogenesi di questa malattia»

«La sola speranza di arrivare un giorno a controllare i tumori risiede nella maggiore comprensione delle cause e della patogenesi di questa malattia» «La sola speranza di arrivare un giorno a controllare i tumori risiede nella maggiore comprensione delle cause e della patogenesi di questa malattia» Oncologia Definizioni, e criteri di classificazione

Dettagli

I dati morfo-fenotipici, genotipici e clinici hanno permesso di suddividere il linfoma di Hodgkin in quattro gruppi istologici.

I dati morfo-fenotipici, genotipici e clinici hanno permesso di suddividere il linfoma di Hodgkin in quattro gruppi istologici. LINFOMA DI HODGKIN Il linfoma di Hodgkin (LH) è una neoplasia di derivazione linfoide che rappresenta circa l 1% dei tumori che annualmente insorgono de novo nel mondo. La sede di esordio del linfoma di

Dettagli

IL CANCRO DELLA MAMMELLA MASCHILE. A. Sardaro

IL CANCRO DELLA MAMMELLA MASCHILE. A. Sardaro IL CANCRO DELLA MAMMELLA MASCHILE A. Sardaro Epidemiologia Rappresenta circa 1% di tutti i carcinomi mammari e

Dettagli

I MARCATORI TUMORALI CLASSICI

I MARCATORI TUMORALI CLASSICI I MARCATORI TUMORALI CLASSICI Serenella Valaperta - Laboratorio Analisi Vanzago, 14 aprile 2011 Marcatore tumorale una sostanza misurabile quantitativamente nei tessuti e nei liquidi corporei, che possa

Dettagli

Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare

Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare Il ciclo cellulare è regolato dall azione di PROTOONCOGENI e (attivatori della proliferazione cellulare) GENI ONCOSOPPRESSORI (inibitori del ciclo

Dettagli

Dir. Resp.: Alessandro Cassinis. 13-APR-2015 da pag. 7

Dir. Resp.: Alessandro Cassinis. 13-APR-2015 da pag. 7 Tiratura 01/2015: 68.758 Diffusione 01/2015: 50.722 Lettori III 2014: 376.000 Dati rilevati dagli Enti certificatori o autocertificati Dir. Resp.: Alessandro Cassinis 13-APR-2015 da pag. 7 13-04-2015

Dettagli

Stato mutazionale del gene K-RAS: K comparazione di metodi di analisi

Stato mutazionale del gene K-RAS: K comparazione di metodi di analisi IV Congresso Regionale I Congresso del Middle Management di Area Tecnica Federazione Italiana Tecnici di Laboratorio Biomedico Stato mutazionale del gene K-RAS: K comparazione di metodi di analisi Dott.ssa

Dettagli

ASSOCIAZIONE SINAPSY Soluzioni e Servizi Integrati

ASSOCIAZIONE SINAPSY Soluzioni e Servizi Integrati ONCOLOGIA TORACICA: PROGRESSI, CRITICITÀ E PROSPETTIVE Num rif. Ecm 135427 Ed. 1 Crediti 5 Data: Sabato 17 ottobre 2015 Sede: Istituto Oncologico del Mediterraneo, Viagrande Catania Direttori del corso:

Dettagli

FOLLOW-UP DEL TUMORE POLMONARE

FOLLOW-UP DEL TUMORE POLMONARE Linee Guida ITT Istituto Toscano Tumori ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI e degli ODONTOIATRI della PROVINCIA di AREZZO 3 gennaio 2007 Ivano Archinucci UO di Pneumologia ASL 8 STADI DEL CARCINOMA POMONARE STADIO

Dettagli

Progetto Tesi di Master Dr. Zamir KADIJA

Progetto Tesi di Master Dr. Zamir KADIJA Progetto Tesi di Master Dr. Zamir KADIJA Profilo mutazionale di oncogeni candidati nel carcinoma broncogeno non-a-piccole cellule condotto su campioni ottenuti mediante biopsia endobronchiale ed agoaspirato

Dettagli

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Searching for targets for the systemic therapy of mesothelioma Stahel RA, Weder W, Felley- Bosco E, Petrausch U, Curioni-Fontecedro A, Schmitt-Opitz

Dettagli

Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori

Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori Università degli Studi di Bari Aldo Moro Dipartimento di Bioscienze, Biotecnologie e Biofarmaceutica Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori Dott.ssa Maria Luana Poeta Cos è un Tumore Omeostasi Tissutale

Dettagli

LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA

LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA G.Lazzari, G. Silvano S. C. Radioterapia Oncologica ASL TA/ 1 - Taranto Taranto, 21 gennaio 2005 BACKGROUND Le formulazioni orali di chemioterapia

Dettagli

Carcinoma del polmone

Carcinoma del polmone Carcinoma del polmone Epidemiologia Fattori di rischio Patogenesi Classificazione istopatologica Aspetti Clinici Diagnosi e Stadiazione Cenni di terapia Screening nel carcinoma polmonare : Obbiettivi Diagnosi

Dettagli

Carcinoma Lobulare al Seno

Carcinoma Lobulare al Seno Dott. Castellari Sigerio 10 Giugno 2008 Specialista in Oncologia Generale, Medicina del Lavoro, Radiologia e Terapia Fisica S.Lazzaro di S. Bologna Caso clinico relativo alla paziente S. C., di anni 49,

Dettagli

.E SE MI DEVO OPERARE?

.E SE MI DEVO OPERARE? Regione Lazio A cura di: U.O.C. Screening Oncologici dell ASL Roma C, via Monza2 U.O.C. Oncologia Medica Ospedale S. Eugenio.E SE MI DEVO OPERARE? Tel. 06.51008021 fax 06.51003771 email: screening.mammografico@aslrmc.it

Dettagli

Endoscopia nell anno successivo

Endoscopia nell anno successivo COLON FOLLOW-UP 01 Endoscopia nell anno successivo DESCRIZIONE: Stima la proporzione di pazienti sottoposti a endoscopia nei 12 mesi successivi all intervento 0-20 DISTRIBUZIONE SPAZIALE 21-40 41-60 61-80

Dettagli

FIGURE MEDICHE Oncologi e Pneumologi

FIGURE MEDICHE Oncologi e Pneumologi FIGURE MEDICHE I Pazienti si trovano a doversi confrontare con diverse figure mediche e a dover contattare diverse strutture. Poiché tale patologia deve essere affrontata con un approccio multidisciplinare,

Dettagli

Anticorpi monoclonali anti-egfr

Anticorpi monoclonali anti-egfr Università degli Studi di Torino Laurea Specialistica in Biotecnologie Molecolari Corso di Immunologia Prof.G.Forni Anticorpi monoclonali anti-egf Lara Fontani Famiglia recettori T erbb/her Ligandi EGF

Dettagli

- Assenza di mitogeni - Presenza di segnali conflittuali ( se durano troppo va incontro ad apoptosi) - Segnali differenziativi

- Assenza di mitogeni - Presenza di segnali conflittuali ( se durano troppo va incontro ad apoptosi) - Segnali differenziativi Ciclo Cellulare M --> G1--> S --> G2 --> M S, G2 e M hanno durata sempre uguale mentre la fase G1 (in media 10 ore) può subire enormi variazioni da tessuto a tessuto (fino a migliaia di ore per i neuroni).

Dettagli

Neoplasie polmonari e biomarcatori. Istituto Europeo di Oncologia Milano

Neoplasie polmonari e biomarcatori. Istituto Europeo di Oncologia Milano Neoplasie polmonari e biomarcatori Maria Teresa Sandri Istituto Europeo di Oncologia Milano Agenda I marcatori tumorali nel polmone Dati preliminari su uno studio svolto in IEO Il futuro Percorso diagnostico

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

I CARCINOMI DELLA MAMMELLA : CLASSIFICAZIONE T.N.M. CLASSIFICAZIONE CLINICA (prima del trattamento -preoperatoria)

I CARCINOMI DELLA MAMMELLA : CLASSIFICAZIONE T.N.M. CLASSIFICAZIONE CLINICA (prima del trattamento -preoperatoria) I CARCINOMI DELLA MAMMELLA : CLASSIFICAZIONE T.N.M A cura del Dott. G.Antonini RIASSUNTO La classificazione della Unione Internazionale Contro il Cancro ha proposto una classificazione in base alle dimensioni

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz Genetica delle neoplasie ematologiche Individua le alterazioni genetiche ed epigenetiche presenti nei vari disordini onco-ematologici www.fisiokinesiterapia.biz Fattori estrinseci Ambiente Danno genotossico

Dettagli

Bari, 7-10 novembre 2013. CARCINOMA MIDOLLARE FAMILIARE CHIRURGIA: tra certezze e controversie Marco Boniardi

Bari, 7-10 novembre 2013. CARCINOMA MIDOLLARE FAMILIARE CHIRURGIA: tra certezze e controversie Marco Boniardi CARCINOMA MIDOLLARE FAMILIARE Marco Boniardi RUOLO CENTRALE DELLA CHIRURGIA Assenza di terapie complementari efficaci ai fini della guarigione Prognosi più severa rispetto ai tumori differenziati tiroidei

Dettagli

Il Cancro è una malattia genetica

Il Cancro è una malattia genetica Il Cancro è una malattia genetica PROCESSO MULTIFASICO Il Cancro è sempre genetico Talvolta il cancro è ereditario Ciò che viene ereditato non è la malattia, bensì la PREDISPOSIZIONE In assenza di ulteriori

Dettagli

TAILOR AIFA TArceva Italian Lung Optimization trial

TAILOR AIFA TArceva Italian Lung Optimization trial H TAILR AIFA TArceva Italian Lung ptimization trial ttimizzazione dell erlotinib per il trattamento di pazienti con tumore del polmone avanzato non a piccole cellule: uno studio italiano randomizzato SISSI

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO IN STADIO INIZIALE.

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO IN STADIO INIZIALE. PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO IN STADIO INIZIALE. 1. Stadiazione La stadiazione della paziente con tumore della mammella iniziale comprende l esame obiettivo, un emocromo e un

Dettagli

METASTASI POLMONARI. Terapia Oncologica. Dott. Marcello Tiseo Unità Operativa di Oncologia Medica Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma

METASTASI POLMONARI. Terapia Oncologica. Dott. Marcello Tiseo Unità Operativa di Oncologia Medica Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma METASTASI POLMONARI Terapia Oncologica Dott. Marcello Tiseo Unità Operativa di Oncologia Medica Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma Metastasi polmonari: EPIDEMIOLOGIA Prevalenza nelle autopsie di

Dettagli

CARCINOMA DEL POLMONE

CARCINOMA DEL POLMONE Mario Caputi Ordinario di Malattie Respiratorie Riccardo Cioffi Dipartimento di Scienze Cardiotoraciche e Respiratorie: Sezione di Malattie, Fisiopatologia e Riabilitazione Respiratoria 1.Epidemiologia

Dettagli

TUMORI MALIGNI DELLE CAVITA NASALI E SENI PARANASALI

TUMORI MALIGNI DELLE CAVITA NASALI E SENI PARANASALI TUMORI MALIGNI DELLE CAVITA NASALI E SENI PARANASALI UNIVERSITA DI ROMA LA SAPIENZA CATTEDRA DI CHIRURGIA MAXILLO-FACCIALE Prof. Giorgio Iannetti TUMORI MALIGNI DELLE CAVITA NASALI E SENI PARANASALI ANATOMIA

Dettagli

Cancro del pancreas. Diagnosi del cancro del pancreas. Terapia per il cancro del pancreas. [ Maurizio Pianezza 2008 - Tutti i diritti riservati]

Cancro del pancreas. Diagnosi del cancro del pancreas. Terapia per il cancro del pancreas. [ Maurizio Pianezza 2008 - Tutti i diritti riservati] [ Maurizio Pianezza 2008 - Tutti i diritti riservati] Cancro del pancreas Il mio comportamento Diagnosi del cancro del pancreas - ETG addome superiore - Tc addome con mezzo di contrasto - Gastroscopia

Dettagli

GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO

GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO Documento redatto da: Dott.ssa T.Venesio, Dr.ssa A. Balsamo - Laboratorio di Patologia

Dettagli

La diagnostica del carcinoma prostatico Girolamo Morelli

La diagnostica del carcinoma prostatico Girolamo Morelli La diagnostica del carcinoma prostatico Girolamo Morelli Ricercatore presso l Università di Pisa U.O. di Urologia Universitaria Generalità Neoplasia non cutanea più frequente nel maschio Malattia a lenta

Dettagli

IL RUOLO DEL MEDICO NUCLEARE NELL'IMAGING POLMONARE LOCALMENTE AVANZATA E. Giuseppe De Vincentis

IL RUOLO DEL MEDICO NUCLEARE NELL'IMAGING POLMONARE LOCALMENTE AVANZATA E. Giuseppe De Vincentis IL RUOLO DEL MEDICO NUCLEARE NELL'IMAGING E NEL TRATTAMENTO DELLA NEOPLASIA POLMONARE LOCALMENTE AVANZATA E METASTATICA Giuseppe De Vincentis 18 FDG PET: presupposti La degenerazione cancerosa si associa

Dettagli

Tecniche di patologia molecolare finalizzate all'analisi di mutazioni

Tecniche di patologia molecolare finalizzate all'analisi di mutazioni Tecniche di patologia molecolare finalizzate all'analisi di mutazioni dei geni predittivi di risposta alla terapia oncologica Carmelo Lupo Casa di Cura La Maddalena Palermo Test molecolari PREDITTIVI di

Dettagli

Innovazioni tecnologiche ed applicazioni nel trattamento radioterapico dei tumori mammari: CASO CLINICO

Innovazioni tecnologiche ed applicazioni nel trattamento radioterapico dei tumori mammari: CASO CLINICO Innovazioni tecnologiche ed applicazioni nel trattamento radioterapico dei tumori mammari: CASO CLINICO O. Lora, F. Gregucci, A. Negri* U.O. di Radioterapia e Medicina Nucleare *U.O. Di Fisica Sanitaria

Dettagli

La Malattia Il Neuroblastoma è la prima causa di morte per malattia in età prescolare.

La Malattia Il Neuroblastoma è la prima causa di morte per malattia in età prescolare. IL NEUROBLASTOMA La Malattia Il Neuroblastoma è la prima causa di morte per malattia in età prescolare. Il Neuroblastoma è una forma tumorale che colpisce le cellule nervose dei gangli simpatici. Nell'età

Dettagli

Assistenza infermieristica alla persona sottoposta ad alcune procedure diagnostiche I bisogni infermieristici nella persona con problemi respiratori

Assistenza infermieristica alla persona sottoposta ad alcune procedure diagnostiche I bisogni infermieristici nella persona con problemi respiratori Assistenza infermieristica alla persona sottoposta ad alcune procedure diagnostiche I bisogni infermieristici nella persona con problemi respiratori Shpetim Daca Coordinatore Infermieristico 17/12/2014

Dettagli

Traffico intenso dalla cresta neurale

Traffico intenso dalla cresta neurale Ovary/testis Traffico intenso dalla cresta neurale MODULAZIONE NEUROENDOCRINA / EPITELIALE Ruolo pacemaker Fenotipo epiteliale Fenotipo neuroendocrino Fenotipo neuroectodermico Da Hofsli 2006 Incidenza

Dettagli

ONCOLOGIA: I PIU IMPORTANTI PROGRESSI DEL 2012

ONCOLOGIA: I PIU IMPORTANTI PROGRESSI DEL 2012 dott. ssa Aurora Ferrari la ricerca 9 ONCOLOGIA: I PIU IMPORTANTI PROGRESSI DEL 2012 La Società Americana per l Oncologia Clinica (ASCO) ha reso noto il rapporto annuale, giunto ormai alla sua ottava edizione,

Dettagli

Progetto Ex Esposti Amianto Regione Veneto. Le patologie amianto-correlate

Progetto Ex Esposti Amianto Regione Veneto. Le patologie amianto-correlate Progetto Ex Esposti Amianto Regione Veneto Le patologie amianto-correlate Le patologie amianto-correlate La produzione e commercializzazione di prodotti o materiali contenenti amianto è cessata in Italia

Dettagli

Libretto educazionale

Libretto educazionale Libretto educazionale 1 I tumori del polmone 1 L autore del testo è la dott.ssa Barbara Melotti, dirigente medico dell Unità Operativa di Oncologia Medica-Martoni, Dipartimento Ematologia, Oncologia e

Dettagli

Cura personalizzata del tumore del colon-retto metastatico: Che cosa è importante sapere

Cura personalizzata del tumore del colon-retto metastatico: Che cosa è importante sapere Cura personalizzata del tumore del colon-retto metastatico: Che cosa è importante sapere In sintesi In passato: la cura del cancro era decisa sulla base della sede di origine della neoplasia (seno, intestino,

Dettagli

Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it

Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it marsteller/ B-M Healthcare Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it IN COLLABORAZIONE CON: SI RINGRAZIA: PER AVER SOSTENUTO L AIL NELLA DIFFUSIONE DI QUESTO MESSAGGIO. L

Dettagli

Insorgenza tumorale B C

Insorgenza tumorale B C Genetica dei tumori Corso di Genetica Medica Corsi di Laurea in Fisioterapia, Logopedia, Ortott. Ass. Oft, T.N.P.E. Facoltà di Medicina e Chirurgia Alberto Piazza Insorgenza tumorale Processo patologico

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

Screening dei soggetti a rischio e diagnostica molecolare

Screening dei soggetti a rischio e diagnostica molecolare Screening dei soggetti a rischio e diagnostica molecolare Daniela Furlan U.O. Anatomia Patologica Varese, 3 luglio 2012 Il carcinoma pancreatico Patogenesi Suscettibilità genetica Implicazioni diagnostiche

Dettagli

Elenco dei test di patologia cromosomica e molecolare

Elenco dei test di patologia cromosomica e molecolare Elenco dei test di patologia cromosomica e molecolare Test Metodo utilizzato Osservazioni, indicazioni Amplificazione genica Her2/neu nei carcinoma mammari e gastrici L amplificazione genica di Her2/neu

Dettagli

Tumori della vescica e della via urinaria.

Tumori della vescica e della via urinaria. Tumori della vescica e della via urinaria. Il quadro clinico delle neoplasie dell urotelio è in genere dominato dall ematuria macroscopica (presenza nelle urine di sangue visibile ad occhio nudo) nel 75%

Dettagli