IL CARCINOMA DEL POLMONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL CARCINOMA DEL POLMONE"

Transcript

1 II Università degli Studi di Napoli Corso di laurea in Medicina e Chirurgia Sede di Caserta IL CARCINOMA DEL POLMONE A.A. 2007/2008

2 EPIDEMIOLOGIA Incidenza varia da 2 a 110 casi/ abitanti per area geografica; circa 70/ in Italia e USA Incidenza in forte crescita nei paesi asiatici e in quelli in via di sviluppo (circa morti/anno in Giappone nel 2004) Rapporto M/F varia per area geografica (M:F = 1:1 in USA, 4:1 in UE)

3 EPIDEMIOLOGIA Europa ed Italia USA Prima causa di morte per neoplasie in M, terza in F 29% morti per neoplasie in M 8% morti per neoplasie in F Riduzione incidenza e mortalità in M da fine anni 80 Continuo aumento incidenza e mortalità in F Prima causa di morte per neoplasie sia in M che in F 31% morti per neoplasie in M 25% morti per neoplasie in F Riduzione incidenza e mortalità in M da fine anni 80 Continuo aumento incidenza e mortalità in F

4 per ab. M/F CARCINOMA DEL POLMONE EPIDEMIOLOGIA Maschi Femmine Trend di riduzione negli uomini (dalla seconda metà degli anni 80) Continuo aumento nelle donne: mortalità aumentata del 150% tra il 1974 ed il 1994.

5 EPIDEMIOLOGIA Patel et al, 2004

6 INCIDENZA ED ETA Incidenza aumenta con l età con massimo tra la V e la VII decade (1% dei tumori in età < 30 anni, 25% in età > 70 anni) Adattato da Yancic e Ries

7 EZIOLOGIA Il fumo di sigaretta è la principale causa delle neoplasie polmonari È responsabile dell 80-90% delle morti per tumore polmonare Il fumo di sigaretta contiene oltre 300 sostanze chimiche inalate, 40 delle quali sono note come potenti cancerogeni L incidenza del tumore del polmone rispecchia le diverse abitudini di fumo di sigaretta

8 PATOGENESI It is becoming apparent through candidate gene and genome wide approaches that clinically evident lung cancers have accumulated numerous (perhaps 20 or more) clonal genetic and epigenetic alterations as a multistep process

9 PATOGENESI these alterations include the classical genetic abnormalities of tumour suppressor gene (TSG) inactivation and overactivity of growth promoting oncogenes

10 PATOGENESI More recently, tumour acquired promoter hypermethylation has been recognised as a mechanism for the epigenetic inactivation of gene expression.

11 EVENTI BIOLOGICO-MOLECOLARI CARCINOMA DEL POLMONE PATOGENESI ALTERAZIONI CLINICOPATOLOGICHE Il DNA delle cellule dell epitelio respiratorio subisce le prime mutazioni dopo anni di esposizione al fumo di tabacco Alterazioni dimostrabili in cellule epiteliali morfologicamente normali il danno genetico continua ad accumularsi nelle cellule dell epitelio bronchiale morfologia cellulare di tipo preneoplastico comparsa di lesioni clonali multiple cancro polmonare francamente invasivo comparsa di ulteriori lesioni genetiche clonali nelle cellule con fenotipo metastatico lesioni metastatiche

12 PROCESSO DI CANCEROGENESI Epitelio normale Metaplasia Displasia lieve Displasia grave/cr in situ Carcinoma squamoso LOH 3p/ piccole delezioni telomeriche LOH3p/ Delezioni contigue Alterazione dei microsatelliti LOH 9p21-p16 metilazione di p16 Deregolazione di telomerasi Alterazioni del gene MYC, up-regolazione di telomerasi Alterazioni del gene FHIT, LOH 3p14.2 Alterazioni del gene p53 LOH 17p Alterazioni del gene K-RAS Precoci Intermedie Tardive

13 PATOGENESI LESIONI POLMONARI PRE-NEOPLASTICHE CARCINOMA SQUAMOCELLULARE ADENOCARCINOMA REVERSIBILE IRREVERSIBILE stimolo oncògeno epitelio iperplastico epitelio metaplastico lesioni displastiche carcinoma in situ carcinoma invasivo ALTERAZIONI CITOGENETICHE E MOLECOLARI iperplasia adenomatosa atipica adenocarcinoma

14 PATOGENESI MOMENTI CRITICI DEL PROCESSO DI CARCINOGENESI POLMONARE alterazioni che portano all autosufficienza dei segnali di crescita; evasione dalla morte cellulare programmata (apoptosi); insensibilità ai segnali che bloccano la crescita cellulare; potenziale replicativo illimitato; attività angiogenetica; invasione tessutale e metastatizzazione.

15 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita EGFR PROTO-ONCOGENE ONCOGENE

16 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita La famiglia dei recettori del fattore di crescita dell epidermide epidermide (EGFR/HER1, HER2/neu neu,, HER3 e HER4) comprende molecole recettoriali di membrana ad attività tirosin-chinasica chinasica. EGFR (7p12)= ruolo chiave nella determinazione del comportamento della cellula maligna in varie neoplasie umane induzione della proliferazione cellulare diminuzione dell apoptosi aumento della motilità cellulare angiogenesi

17 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita EGFR: FUNZIONE FISIOLGICA Una varietà di ligandi induce la OMO- od ETEROdimerizzazione del recettore ErbB. Il partner più frequente per EGFR è HER2.

18 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita EGFR: FUNZIONE FISIOLGICA Il legame del ligando causa autofosforilazione del dominio intracitoplasmatico (transautofosforilazione) e conseguente avvio dell attività tirosin-chinasica con reclutamento di varie molecole a valle.

19 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita EGFR: FUNZIONE FISIOLGICA Una delle principali vie molecolari attivate dall EGFR è quella di ras. Ras viene reclutata attraverso il legame con la molecola SOS.

20 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita EGFR: FUNZIONE FISIOLGICA A sua volta, ras determina l attivazione della serina/treonina chinasi raf, delle MAPKK 1 e 2 e delle MAPK ERK 1 e 2.

21 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita EGFR: FUNZIONE FISIOLGICA Il risultato dell attivazione di questa via molecolare è l espressione di varie proteine nucleari, inclusa la ciclina D1 (necessaria per il passaggio G 1 -S nel ciclo cellulare).

22 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita EGFR: FUNZIONE FISIOLGICA Un altro target di EGFR è il PI3K

23 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita EGFR: FUNZIONE FISIOLGICA Il reclutamento di PI3K porta all attivazione di Akt, una serina/treonina kinasi con forte attività antiapoptotica. N.B. la via di segnale di Akt svolge un ruolo nel determinare la chemioresistenza/ sensibilità della cellula neoplastica.

24 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita EGFR: FUNZIONE FISIOLGICA La mutazione più frequentemente responsabile dell attivazione della via di PI3K nei tumori consiste nelle delezioni del gene oncosoppressore PTEN (Phosphatase and TENsin homologue).

25 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita EGFR: FUNZIONE FISIOLGICA Gli STAT sono fattori di trascrizione (TF) generati a livello dei recettori della superficie cellulare. Quando attivati, dimerizzano e traslocano all interno del nucleo, dove modulano l espressione genica. Questi TF contribuiscono alla tumorigenesi a causa del loro ruolo fisiologico nella crescita cellulare, apoptosi ed angiogenesi (in particolare STAT3).

26 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita EGFR NELLA CARCINOGENESI POLMONARE: EVIDENZE EGFR è espresso nelle cellule del tessuto bronchiale PRENEOPLASTICO in modo crescente in: mucosa normale (strato basale); mucosa iperplastica; aree di metaplasia. EGFR è iperespresso nel 43-89% tumore del polmone non-microcitoma (NSCLC): 70% dei casi di carcinoma squamocellulare; 50% dei casi di adenocarcinoma. Raro nel microcitoma

27 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita RUOLO DI EGFR NELLA CARCINOGENESI POLMONARE? EGFR OVERESPRESSIONE DEI LIGANDI DI EGFR MUTAZIONI ATTIVANTI DI EGFR AMPLIFICAZIONE DI EGFR

28 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita OVERESPRESSIONE DEI LIGANDI DI EGFR LOOP AUTOCRINO-PARACRINO DI EGFR Le cellule neoplastiche del carcinoma polmonare esprimono ligandi di EGFR, come EGF e TGFα, innescando un meccanismo autocrino di crescita tumorale.

29 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita AMPLIFICAZIONE DI EGFR MECCANISMO DI IPERESPRESSIONE DI EGFR SCONOSCIUTO! MA Sono state documentate nelle cellule di NSCLC diverse alterazioni cromosomiche (trisomia, polisomia, amplificazione genica) in grado di spiegare l iperespressione della proteina EGFR in questa popolazione cellulare neoplastica.

30 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita MUTAZIONI ATTIVANTI DI EGFR presenti in circa il 20% dei casi di NSCLC (alterazioni tumore-specifiche); presenti in circa l 80% dei casi di NSCLC responsivi a farmaci inibitori dell EGFR; > frequenza nel sesso femminile; > frequenza nelle popolazioni dell est asiatico; > frequenza nei non fumatori; > frequenza nel tipo istologico adenocarcinoma.

31 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita MUTAZIONI ATTIVANTI DI EGFR 3 tipi di mutazione delezioni mutazioni puntiformi missenso inserzioni

32 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita MUTAZIONI ATTIVANTI DI EGFR 85% circa di queste mutazioni delezioni multinucleotidiche in-frame (ESONE 19) mutazioni puntiformi (ESONE 21)

33 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita MUTAZIONI ATTIVANTI DI EGFR il risultato di queste mutazioni è un alterazione a livello del dominio TIROSIN-CHINASICO della proteina recettoriale;

34 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita RAS la famiglia del proto-oncogene RAS comprende tre membri: KRAS, HRAS e NRAS; questi geni codificano per proteine definite con il termine p21; la molecola p21 è una G-protein situata sulla superficie interna della membrana plasmatica. Nella sua forma attiva (dopo idrolisi del GTP a GDP), induce proliferazione cellulare.

35 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita RUOLO DI RAS NELLA CARCINOGENESI POLMONARE mutazioni del gene RAS sono documentabili nel 15-20% dei casi di NSCLC; 30-50% dei casi di adenocarcinoma; il 90% di queste mutazioni occorre a carico del gene KRAS; l 80% delle mutazioni del gene KRAS avviene a livello del codone 12 (meno frequenti: alterazioni dei codoni 13 e 61).

36 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita RUOLO DI RAS NELLA CARCINOGENESI POLMONARE MUTAZIONI DI KRAS: si associano con una storia di abitudine al fumo di sigaretta; sono più frequenti nelle donne; si ritrovano più frequentemente in pazienti con progressione di malattia durante il trattamento con chemioterapia e/o inibitori di EGFR; si associano ad una prognosi peggiore di malattia.

37 PATOGENESI: alterazioni che portano all autosufficienza autosufficienza dei segnali di crescita MYC la famiglia del proto-oncogene MYC codifica per proteine che rappresentano il bersaglio della via di segnale indotta da RAS; le mutazioni dei geni della famiglia MYC sono presenti nel 18-31% dei casi di SCLC e nell 8-20% dei casi di NSCLC. cmyc MYCN MYCL NSCLC + SCLC SCLC

38 PATOGENESI MOMENTI CRITICI DEL PROCESSO DI CARCINOGENESI POLMONARE alterazioni che portano all autosufficienza dei segnali di crescita; evasione dalla morte cellulare programmata (apoptosi); insensibilità ai segnali che bloccano la crescita cellulare; potenziale replicativo illimitato; attività angiogenetica; invasione tessutale e metastatizzazione.

39 PATOGENESI: evasione dalla morte cellulare programmata (apoptosi( apoptosi) BCL2 PROTEINA ANTIAPOPTOTICA p53 BAX: PROTEINA PRO-APOPTOTICA, TARGET DI p53

40 PATOGENESI: evasione dalla morte cellulare programmata (apoptosi( apoptosi) SCLC LIVELLI AUMENTATI DI BCL2 + ASSENZA DI p53 CORRELAZIONE INVERSA TRA I LIVELLI DI BAX (RIDOTTI) ED I LIVELLI DI BCL2 (AUMENTATI) SOPRAVVIVENZA CELLULARE

41 insensibilità ai segnali che bloccano la crescita cellulare LOH LOH nel 96% dei casi di tumore polmonare; geni candidati: FHIT (3p14.2); RASSF1 (3p21.3). p53 inattivata in 75% degli SCLC e nel 50% dei NSCLC; la presenza di mutazioni del gene P53 si correla con l abitudine al fumo; le alterazioni di p53, inoltre, influenzano la risposta alla CT ed alla RT. perdita funzionale del gene RB (delezioni, mutazioni non-senso, anomalie di splicing) nella maggior parte degli SCLC e nel 15-30% dei NSCLC la proteina p16 fa parte della via p16-ciclina D1-CDK4-RB, centrale nella regolazione del passaggio G1-Sdel ciclo cellulare.

42 PATOGENESI: potenziale replicativo illimitato TELOMERASI: enzima che aggiunge sequenze esanucleotidiche (TTAGGG) a livello dei telomeri (= estremità) del cromosoma compensazione della perdita di DNA che avviene ad ogni ciclo di replicazione cellulare cellule normali NO attività telomerasica morte cellulare dopo un numero finito di cicli replicativi cellule neoplastiche attività telomerasica attività replicativa illimitata

43 PATOGENESI: attività angiogenetica ANGIOGENESI: formazione di nuovi vasi sanguigni a partire da pre-esistenti vasi capillari normali L ATTIVITÀ ANGIOGENETICA SI CORRELA POSITIVAMENTE CON aggressività della malattia esito clinico sfavorevole ridotta sopravvivenza globale

44 PATOGENESI: attività angiogenetica SWITCH ANGIOGENETICO (rilascio di fattori)

45 PATOGENESI: attività angiogenetica Il controllo dello switch angiogenetico dipende dall equilibrio tra fattori PRO- ed ANTI-APOPTOTICI

46 PATOGENESI: attività angiogenetica VEGF è il più potente e specifico fattore mitogeno per le cellule endoteliali; è un fattore di sopravvivenza per le cellule dei vasi neoformati; induce un aumento della permeabilità vasale, facilitando l immissione delle cellule neoplastiche nel torrente circolatorio.

47 PATOGENESI: attività angiogenetica elevati livelli plasmatici di VEGF rappresentano un fattore prognostico negativo indipendente intensa ricerca su farmaci inibitori del processo angiogenetico

48 Distinzione MICROCITOMA NON-MICROCITOMA etiopatogenetica anatomo-clinica prognostica

49 ISTOLOGIA Tumori non a piccole cellule (NSCLC) 75-80% Tumori a piccole cellule o microcitoma (SCLC) 20-25%

50 NSCLC Carcinoma a cellule squamose Papillare A cellule chiare A piccole cellule Basaloide Adenocarcinoma Carcinoma a grandi cellule Misto Acinare Papillare Altri NSCLC (carcinoma adcenosquamoso, ecc) Bronchiolo-alveolare Solido Fetale Mucinoso A cellule chiare A cellule ad anello con castone Basaloide Linfoepitelioma-like A cellule chiare Fenotipo rabdoide

51 CARCINOMA A CELLULE SQUAMMOSE Circa 30% dei NSCLC Insorgenza prevalentemente centrale Minore tendenza alla metastatizzazione rispetto agli altri istotipi Fortemente correlato al fumo Possibilità di sfaldamento di cellule tumorali

52 ADENOCARCINOMA Circa 30% dei NSCLC, ha da poco superato per frequenza l istotipo squamoso Insorgenza prevalentemente periferica Rapida diffusione locale e a distanza Forma tipica dei non fumatori e delle donne

53 CARCINOMA BRONCHIOLO-ALVEOLARE Sottotipo di adenocarcinoma Solitamente periferico In aumento nel sesso femminile Possibile diffusione intrapolmonare per via aerogena Due principali forme: mucinose (a peggiore prognosi) e non mucinose Tipico aspetto radiologico

54 CARCINOMA A GRANDI CELLULE Circa 10-15% dei NSCLC Insorgenza prevalentemente periferica Prognosi e comportamento simile all adenocarcinoma

55 SCLC 20-25% di tutti i carcinomi polmonari Localizzazione prevalentemente centrale Prevalente nel sesso maschile e associato al fumo di sigaretta Decorso clinico aggressivo con precoce disseminazione a distanza Varianti linfocitosimile, combinato, di tipo intermedio Elevata attività proliferativa, elevata chemio- e radiosensibilità

56 Principali sintomi di esordio 100 Presentazione clinica Pazienti (%) Dispnea Tosse Dolore Anoressia Emottisi

57 Presentazione clinica Sintomi e segni da estensione extrapolmonare intratoracica (compromissione nervo laringeo o frenico, sindrome della vena cava superiore, sindrome di Pancoast, interessamento cardiaco, disfagia, versamento pleurico, ecc) Sintomi e segni legati alla diffusione metastatica extratoracica (sedi di metastasi più frequenti a livello encefalico, scheletrico, epatico, surrenale, midollare) Sintomi e segni sistemici non specifici (astenia, anoressia, dimagrimento, sindromi paraneoplastiche)

58 Sindromi paraneoplastiche Quadri clinici correlati alla produzione di sostanze ormonali o simil-ormonali da parte della neoplasia Presenti nel 10-20% dei casi, più spesso nei SCLC Possibilità di secrezione di molecole inattive Possono essere di tipo endocrino, neurologico, cutaneo, muscoloscheletrico, ematologico

59 DIAGNOSI Esame clinico (anamnesi circostanziata per fattori di rischio, valutazione sintomi, EO) Rx torace 2P (presenza di immagini nodulari, slargamento del mediastino, versamento pleurico); importante confronto con precedenti radiogrammi

60 DIAGNOSI

61 DIAGNOSI

62 DIAGNOSI TC torace (noduli centrali o periferici e loro caratteristiche (densità, captazione contrasto, aspetto), interessamento linfonodale ilare e mediastinico (sensibilità del 57% e specificità del 82%), versamento pleurico, rapporti parete toracica, ecc)

63 Stadiazione (M) TC addome superiore o ecografia addome: metastasi addominali (specie fegato, surreni, linfonodi) TC encefalo: metastasi cerebrali (specie per SCLC e adenocarcinoma, altrimenti solo se paziente sintomatico)

64 Stadiazione (M) Scintigrafia ossea: metastasi scheletriche PET o TC-PET (per conferma SCLC limitato o dubbi specifici)

65 DIAGNOSI PET (tomografia ad emissione di positroni): diagnostica di nodulo polmonare isolato valutazione linfonodi mediastinici (sensibilità 85%, specificità 90%) possibilità di falsi negativi (per noduli < 8-10 mm, con bassa attività metabolica come BAC o carcinoidi) e falsi positivi (elevata attività metabolica di alcuni quadri infiammtori)

66 DIAGNOSI Mediastinoscopia (utile soprattutto per confermare sospetto interessamento linfonodale mediastinico in casi TC o PET positivi)

67 DIAGNOSI ISTOLOGICA Esame citologico espettorato (sensibilità 71% nelle lesioni centrale, 49% nelle periferiche se fatto bene e su tre campioni ripetuti) Fibrobroncoscopia (± biopsia, brushing, BAL) Alta sensibilità per lesioni centrali (75-100%) e per grosse lesioni periferiche (60-70%), bassa per le piccole lesioni periferiche (30%) Possibili biopsie transbronchiali di linfoadenopatie Utile per definizione estensione intrabronchiale

68 DIAGNOSI ISTOLOGICA Biopsia della lesione polmonare per via TC-guidata o Eco-guidata (utile per lesioni periferica con sensibilità del 90% se > 2cm; 25% di falsi negativi; circa 5-10% di pneumotoraci che richiedono drenaggio) Esame citologico su liquido pleurico o pericardico Biopsia delle metastasi o di linfonodi sopraclaveari

69 DIAGNOSI ISTOLOGICA Mediastinoscopia Videotoracoscopia (utile per biopsie linfonodali, pleuriche o polmonari per lesioni periferiche) Toracotomia

70 TNM

71 TNM

72 TNM

73 TNM

74 TNM

75 TNM

76 TNM

77 STADIO Stadio T N M IA T1 N0 M0 IB T2 N0 M0 IIA T1 N1 M0 IIB T2 N1 M0 T3 N0 M0 IIIA T3 N1 M0 T1-3 N2 M0 IIIB Ogni T N3 M0 T4 Ogni N M0 IV Ogni T Ogni N M1

78 SOPRAVVIVENZA PER STADIO % IA IB IIA IIB IIIA IIIB IV mesi

79 SOPRAVVIVENZA PER STADIO Sopravvivenza (%) Stadio 1 aa 3 aa 5aa IA IB IIA IIB IIIA IIIB IV

80 STADIADIONE SCLC Malattia limitata (ML) (30-40% alla diagnosi) Malattia estesa (ME)(60-70% alla diagnosi)

81 Stadiazione SCLC: malattia limitata ML: Malattia confinata ad un emitorace ed ai propri linfonodi locoregionali, inclusi i mediastinici e sovraclaveari omolaterali + linfonodi ilari controlaterali. Tumore localizzato che può essere racchiuso in un campo radioterapico. (VALSG: Veterans Administration Lung Cancer Study Group) ML: Malattia confinata ad un emitorace ed ai propri linfonodi locoregionali (ilari), mediastinici e sovraclaveari omolaterali + controlaterali, anche in presenza di versamento pleurico bilaterale (citologiamente +/-). (1989 IASLC)

82 Stadiazione SCLC: malattia limitata

83 PROGNOSI DEL SCLC Malattia limitata Malattia estesa Sopravvivenza % 2 anni 5 anni 10-40% < 5% 3-8% < 1%

84 FATTORI PROGNOSTICI Stadio di malattia Istotipo Calo ponderale Performance status

85 Performance status: scala ECOG 0 : In grado di svolgere le attività normali senza restrizioni 1 : Presenta restrizioni alle attività fisiche strenue, ma deambula ed è in grado di svolgere attività lievi o sedentarie, quali lavori domestici 2 : Deambula, è autosufficiente, ma non può svolgere attività lavorative; in piedi per più del 50 % del tempo 3 : Appena autosufficiente, allettato o seduto per più del 50 % del tempo 4 : Completamente disabile; non autosufficiente; sempre allettato o seduto 5 : Deceduto

86 TERAPIA Chirurgia Chemioterapia Radioterapia Necessità di discussione multidisciplinare e di Gruppi Oncologici Multidisciplinari e di condivisione di linee guida diagnostico-terapeutiche

87 Trattamento stadi precoci: chirurgia Mortalità post-operatoria del 2-9% in base a tipo intervento e paziente

88 Trattamento stadi precoci: chirurgia Necessaria valutazione preoperatoria: Funzione respiratoria (spirometria, DLCO, emogasanalisi) Valutazione cardiologica Valutazione anestesiologica generale

89 Malattia metastatica: : quale terapia? Paziente anziano o unfit Paziente giovane e fit Monochemioterapia Polichemioterapia contenente platino In caso di PD Terapia di seconda linea in pazienti in discrete condizioni generali PD Eventuale terapia di terza linea in pazienti selezionati

90 Malattia metastatica: : quale terapia? Farmaci più attivi e utilizzati nel trattamento del NSCLC: o Cisplatino o Carboplatino o Docetaxel o Paclitaxel o Gemcitabina o Pemetrexed o Vinorelbina

91 Malattia limitata SCLC: opzioni terapeutiche Chirurgia in casi selezionati di piccole neoplasie (T1-T2 N0) Chemioterapia (polict meglio di monoct; durata 4-6 cicli) Radioterapia toracica (50-60 Gy; in combinazione con chemioterapia migliora sopravvivenza e riduce recidive locali; concomitante meglio che sequenziale per sopravvivenza; RR 80-95%, con RC 40-70%) Radioterapia panencefalica profilattica (30-36 Gy; indicata in pazienti con buona risposta a chemio-radioterapia; riduce recidive encefaliche e aumenta sopravvivenza)

92 Obiettivo: palliazione SCLC: malattia estesa

93 Screening Attualmente non ci sono raccomandazioni per usare rx torace, TC, o esame dello sputo per ricercare un tumore al polmone in pazienti non sintomatici Se uno screening viene considerato, il paziente deve essere informato che non ci sono studi che dimostrino che questa procedura aiuti i pazienti a vivere più a lungo. I pazienti devono anche sapere che possono essere individuati falsi positivi Alcuni studi sono in corso i cui risultati, quando disponibili, potrebbero cambiare queste raccomandazioni US Preventive Service Task Force 2004

94 PREVENZIONE PRIMARIA Non fumare Smettere di fumare il prima possibile Studi di chemioprevenzione (con retinoidi, antiossidanti, antinfiammatori, ecc.)

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

Il ciclo cellulare e la sua regolazione

Il ciclo cellulare e la sua regolazione Il ciclo cellulare e la sua regolazione Le cellule possono essere classificate in base alla loro capacità di crescere e di dividersi: Cellule che hanno perso la capacità di dividersi (cellule neuronali,

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori,

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori, melanoma Il melanoma è il tumore che nasce dai melanociti, cellule responsabili della colorazione della pelle e che si trovano nello strato più profondo 2 dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

2. Neoplasie polmonari

2. Neoplasie polmonari 2. Coordinatori Federico Cappuzzo (Livorno) Andrea Lopes Pegna (Firenze) Marco Lucchi (Pisana) Comitato di redazione Paolo BASTIANI (Firenze), CAMERINI Andrea (Viareggio), CECERE Fabiana Letizia (Firenze),

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC (*risponde l infermiera / l ostetrica/ il medico) AGGIORNATO A Maggio 2009 1 CHE COSA E UN PROGRAMMA

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Attivazione dei linfociti T

Attivazione dei linfociti T Attivazione dei linfociti T Attivazione linfociti T: caratteristiche generali Eventi extracellulari - Riconoscimento dell antigene - Interazione dei recettori costimolatori Eventi intracellulari - Trasduzione

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Neoplasie Endocrine Multiple

Neoplasie Endocrine Multiple Neoplasie Endocrine Multiple di tipo 1 e 2 PREFAZIONE Le Neoplasie Endocrine Multiple (MEN) sono delle sindromi rare caratterizzate dalla presenza di iperplasie/neoplasie di numerose ghiandole endocrine

Dettagli

Il polmone destro si divide in tre aree principali (conosciute come lobi) e il polmone sinistro ne ha due.

Il polmone destro si divide in tre aree principali (conosciute come lobi) e il polmone sinistro ne ha due. TUMORE AL POLMONE INFORMAZIONI GENERALI I polmoni Quando inspiriamo, l aria passa dal naso o dalla bocca, attraverso la trachea, la quale si divide in due sezioni tubulari (vie respiratorie), una verso

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

TUMORI DELLA MAMMELLA

TUMORI DELLA MAMMELLA TUMORI DELLA MAMMELLA INFORMAZIONI GENERALI La mammella Struttura e funzione della mammella La mammella è costituita da grasso (tessuto adiposo), tessuto connettivo e tessuto ghiandolare. Quest'ultimo

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Quaderno n. 3 I QUADERNI DELL ARSS DEL VENETO. Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto

Quaderno n. 3 I QUADERNI DELL ARSS DEL VENETO. Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto I QUADERNI DELL ARSS DEL VENETO Quaderno n. 3 TOMOGRAFIA AD EMISSIONE DI POSITRONI (PET): VALUTAZIONE DEL FABBISOGNO E PIANO DI INVESTIMENTO PER LA REGIONE

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI)

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Cosa sono le malattie interstiziali polmonari? Le malattie interstiziali polmonari sono dette anche interstiziopatie

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione negli eucarioti Il promotore eucariotico L inizio della trascrizione negli eucarioti necessita della RNA polimerasi e dei fattori di trascrizione. Qualsiasi proteina sia necessaria per

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI

TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI 14 Fondazione Umberto Veronesi - Piazza Velasca 5, 20122 Milano Tel. +39 02

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici 1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici La maturazione consiste in una serie di eventi che avvengono negli organi linfoidi generativi o primari:

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Lo screening mammografico La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Indice 03 Gli esperti raccomandano la mammografia nell ambito di un programma di screening 04 Che

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o. Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti

Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o. Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti A Si ringraziano la dottoressa in Scienze Naturali Stephanie Züllig, il dottore in

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro Come affrontare il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il tumore del pancreas colpisce ogni anno in Italia circa 12.200 persone. Purtroppo si tratta di una malattia complessa, aggressiva, diagnosticata

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Raccomandazioni per l'impostazione di un Curriculum Globale in Oncologia Medica

Raccomandazioni per l'impostazione di un Curriculum Globale in Oncologia Medica Raccomandazioni per l'impostazione di un Curriculum Globale in Oncologia Medica ESMO-ASCO Task Force on Global Curriculum in Medical Oncology (Task Force ESMO-ASCO per il Curriculum Globale in Oncologia

Dettagli

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO ATTIVAZIONE DEI LINFOCITI T L attivazione dei linfociti T vergini richiede la presenza di una particolare regione di contatto tra le cellule T

Dettagli

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale Il territorio dell ASL 18 e 19 appartiene all area del Delta del Po di Polesine, dichiarata nel 1996

Dettagli

numero 3 Agire Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Periodico dell Istituto Nazionale per lo Studio e la Cura dei Tumori di Milano

numero 3 Agire Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Periodico dell Istituto Nazionale per lo Studio e la Cura dei Tumori di Milano Settembre / Ottobre 2010 Anno 3 - numero 3 Poste Italiane s.p.a. Spedizione in Abbonamento Postale 70%-DCB Milano Periodico dell Istituto Nazionale per lo Studio e la Cura dei Tumori di Milano Agire Sistema

Dettagli

PATOLOGIA DEL MEDIASTINO

PATOLOGIA DEL MEDIASTINO PATOLOGIA DEL MEDIASTINO Agostino De Francisci S.O.D. Radiodiagnostica 4- A.O.U. Careggi Anatomia del mediastino E lo spazio al centro della cavità toracica i cui limiti sono rappresentati anteriormente

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

LE RACCOMANDAZIONI 2007 DELL ICRP: esame e applicazione

LE RACCOMANDAZIONI 2007 DELL ICRP: esame e applicazione LE RACCOMANDAZIONI 2007 DELL ICRP: esame e applicazione Stime di rischio stocastico e detrimento sanitario G. Trenta, AIRM, Roma L IPOTESI PORTANTE: LNT Ancorché ci siano riconosciute eccezioni, per i

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Messa a punto dell analisi della

Messa a punto dell analisi della SSMT Locarno 2012/2013 Lavoro di diploma per il corso di Tecnici in Analisi Biomediche Presso l Istituto Cantonale di Patologia di Locarno Messa a punto dell analisi della traslocazione RET/PTC Lavoro

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

LE RADIAZIONI ED IL VOSTRO PAZIENTE: UNA GUIDA PER IL MEDICO GENERICO

LE RADIAZIONI ED IL VOSTRO PAZIENTE: UNA GUIDA PER IL MEDICO GENERICO Pubblicazione ICRP Supporting Guidance 2 LE RADIAZIONI ED IL VOSTRO PAZIENTE: UNA GUIDA PER IL MEDICO GENERICO Traduzione della ICRP SG2 Radiation and your patient: A guide for medical practitioners Annals

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia ANESTESIA Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa fa l Anestesista Pag. 2 Visita Anestesiologica Pag. 2 Che cosa significa Consenso Informato Pag. 3 Esami preoperatori Pag. 4 Prescrizioni

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 A cura di: Intermedia editore Via Malta 12/B 25124 Brescia Tel. 030.226105 fax. 030.2420472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

della cervice: dalla ricerca di base alla clinica

della cervice: dalla ricerca di base alla clinica Riv. It. Ost. Gin. 200 Vol. 15 Chemioterapia neoadiuvante nel carcinoma della cervice... R. Angioli et al. pag. 0 Chemioterapia neoadiuvante nel carcinoma della cervice: dalla ricerca di base alla clinica

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Ble Consulting srl id. 363 BISFOSFONATI E VITAMINA D: RAZIONALI D'USO - 119072 Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Dr. Gandolini Giorgio Medici chirurghi 8,8 crediti

Dettagli

Papilloma virus umano (HPV): informazioni per gli operatori

Papilloma virus umano (HPV): informazioni per gli operatori Papilloma virus umano (HPV): informazioni per gli operatori Documento complementare al foglio per utenti Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Commenti alla sezione 1: PAP TEST E TEST HPV 1.1 Cos

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

La Chirurgia Senologica. Istituto Oncologico Veneto. Unità Operativa di Chirurgia Senologica. Regione del Veneto

La Chirurgia Senologica. Istituto Oncologico Veneto. Unità Operativa di Chirurgia Senologica. Regione del Veneto I.O.V. ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico La Chirurgia Senologica Unità Operativa di Chirurgia Senologica

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M TI R OIDIT E P O S T PA RT U M La tiroidite po st partum è una particolare forma di tiroidite autoimmune che si caratterizza per avere una precisa collocazione temporale. Si manifesta, infatti, nelle donne

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. La radioterapia. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli