Piano dell Offerta Formativa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano dell Offerta Formativa"

Transcript

1 Piano dell Offerta Formativa ANNO SCOLASTICO 2013 /

2 SOMMARIO PREMESSA... 4 LINEE GUIDA D INTERVENTO... 4 ANALISI SOCIO-AMBIENTALE... 5 POPOLAZIONE ONE SCOLASTICA ANNO SCOLASTICO 2013/ OBIETTIVI EDUCATIVI OBIETTIVI COGNITIVI E COMPORTAMENTALI... 7 CARATTERISTICHE STRUTTURALI DEL PROGETTO... 7 ORARIO SCOLASTICO REFEZIONE SCOLASTICA... 8 RISORSE: ATTORI DEL P.O.F RISORSE STRUTTURALI STRUTTURA ORGANIZZATIVA PERSONALE A.T.A STRATEGIE DIDATTICO-EDUCATIVE OBIETTIVI TRASVERSALI OBIETTIVI SPECIFICI CRITERI DI VALUTAZIONE VERIFICA DELLE ATTIVITÀ CRITERI PER LA FORMAZIONE CLASSI MODALITÀ DI ISCRIZIONE PROGETTO ACCOGLIENZA LABORATORI POMERIDIANI FACOLTATIVI ATTIVATI PER L A.S. 2013/ PROGETTO CONTINUITÀ E ORIENTAMENTO PROGETTO LABORATORIO SCUOLA E FORMAZIONE LAPIS SPAZIO PSICOLOGICO: LE VOCI DEI RAGAZZI...E DEGLI ADULTI A SCUOLA PROGETTO INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PIANO DI INCLUSIONE BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ATTIVITÀ ALTERNATIVA ALLA RELIGIONE

3 PROGETTI DI SOLIDARIETÀ EDUCAZIONE ALLA SALUTE LINGUE STRANIERE MATEMATICA EDUCAZIONE ARTISTICA EDUCAZIONE MUSICALE EDUCAZIONE SOCIO AMBIENTALE EDUCAZIONE FISICA PROGETTI DIDATTICI IN COLLABORAZIONE CON ENTI PUBBLICI E/O ASSOCIAZIONI DEL TERRITORIO RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA PIANO SICUREZZA

4 PREMESSA Nella scuola interagiscono soggetti con ruoli, finalità e obiettivi diversi che generano un sistema estremamente complesso da governare. Il progetto Autonomia ha indotto ciascuna scuola a sperimentare la propria capacità progettuale, cercando di individuare le linee guida generali, leggendo e analizzando la propria realtà, per gestirla al meglio. Le azioni svolte dai diversi soggetti, in un sistema complesso, devono essere collegate tra loro e tendere a creare sinergie in un ottica di obiettivi condivisi. Per soddisfare le esigenze provenienti dal territorio e rispondere alle richieste, anche implicite, che provengono dalla società, la scuola progetta: Un sistema formativo, integrato e policentrico, nel quale la scuola è il nodo di una rete di soggetti istituzionali che erogano la formazione. Per migliorare l offerta formativa, sono state tenute presenti le seguenti linee guida: Analisi dei bisogni Progettazione degli interventi Controllo e verifica del raggiungimento degli obiettivi per predisporre eventuali correttivi. Il progetto della Scuola Meucci nell ambito dell Autonomia scolastica, si prefigge di valorizzare tutte le risorse professionali interne e si propone di perseguire gli obiettivi che le sono propri, sviluppando coerentemente i programmi d azione, traducendoli in risultati identificabili e valutabili e favorendo l integrazione tra diverse culture, assicurando a ciascuno gli strumenti che gli consentano un integrazione all interno della società. LINEE GUIDA D INTERVENTO Prendere in considerazione il servizio scolastico nella sua totalità Utilizzare le differenti competenze e professionalità che già operano nella scuola Progettare e realizzare miglioramenti che incrementino incisivamente la qualità complessiva della scuola Adottare un percorso di formazione operativo e concreto, un imparare facendo che garantisca una ricaduta effettiva nella realtà scolastica Consentire l avvio di un Sistema Qualità nella scuola Fornire strumenti e competenze per la gestione dell Autonomia Elaborare e introdurre modelli organizzativi più efficaci ed efficienti Coinvolgere e responsabilizzare tutti gli operatori scolastici Valorizzare il senso di collegialità e di condivisione del fare scuola e diffondere la cultura di progetto e di controllo 4

5 ANALISI SOCIO-AMBIENTALE La Scuola Media Statale Antonio MEUCCI di Torino è attualmente composta dalla sede centrale in Via Revel 8, una succursale in Corso Matteotti 9 ed una in Corso Matteotti 6 bis, tutte operanti nel Quartiere Centro. Gli edifici sono dotati di spazi sufficienti per attuare le attività di laboratorio superando la rigida struttura del modello classe. L utenza è eterogenea: comprende allievi provenienti da famiglie residenti in zona o che lavorano nei dintorni. Gli alunni sono diversificati per provenienza, livello socio-economico e grado di apprendimento. Tale diversità è vista dalla scuola come un importante occasione di arricchimento culturale, umano e civile che consente agli alunni di superare concezioni di intolleranza nei confronti di ogni diversità. Nel complesso esiste un ampia fascia di alunni con una preparazione medio-alta e buone prospettive per il proseguimento degli studi e un altra, meno numerosa, con alcune lacune di base. I rapporti con le famiglie rispecchiano tale diversificazione: alcune sono estremamente collaborative, altre sono totalmente assenti. La scuola è composta da 11 corsi più una classe seconda. Tutte le classi seguono tre ore di lingua inglese e due di lingua francese. Le attività scolastiche si svolgono su cinque giorni. L unità oraria utilizzata è di 55 minuti: il recupero del debito-credito formativo viene coperto su un numero maggiore di giorni di Scuola rispetto al calendario regionale. Non essendo prevista alcuna attività curricolare obbligatoria nel pomeriggio, il servizio di mensa scolastica comunale è attivato per gli allievi che frequentano laboratori facoltativi pomeridiani con l assistenza di un Docente. Per superare ostacoli cognitivi e colmare le lacune nella preparazione di base, sono attuati progetti per evitare la dispersione e favorire l inserimento ed il recupero. Corsi di italiano specifici sono previsti per gli alunni stranieri. La Scuola propone poi attività di laboratorio facoltative in vari ambiti, che vengono attivate a seguito delle richieste dei genitori con costi a carico delle famiglie. POPOLAZIONE SCOLASTICA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Totale alunni 819 VIA REVEL 8: Prime Seconde Terze classi N allievi

6 Totale CORSO MATTEOTTI 9: classi Prime Seconde Terze Totale CORSO MATTEOTTI 6 BIS: classi Prime Seconde Terze Totale 521 N allievi N allievi OBIETTIVI EDUCATIVI La scuola Meucci ha elaborato nel tempo un proprio Modello Educativo a cui fanno riferimento tutti i docenti nella programmazione disciplinare ed educativa, nella scelta delle iniziative e nel concreto dell azione quotidiana con gli alunni e le loro famiglie. Per un reale coinvolgimento dei genitori, la scuola rende noto e diffonde il proprio Modello Educativo: contenuti cognitivi e valori che gli insegnanti favoriscono e trasmettono nell ambito di una nuova e più flessibile organizzazione. La nostra Scuola vuol essere: FORMATIVA che offre occasioni di scoperta delle proprie prie attitudini e di sviluppo della personalità in tutte le direzioni in vista di un potenziamento delle capacità individuali. SCUOLA CHE COLLOCA NEL MONDO che aiuta ad acquisire un immagine della realtà sociale attraverso le vicende storiche ed economiche: educazione alla cooperazione, alla pace, all' intercultura, all ambiente. SCUOLA ORIENTATIVA 6

7 che favorisce e incoraggia l alunno ad essere soggetto attivo della propria crescita. Che lo mette nelle condizioni di operare scelte realistiche per sé, in relazione al contesto sociale in cui vive, per raggiungere gli obiettivi di saper valutare, saper progettare, saper scegliere. Per raggiungere queste finalità si rivolge particolare attenzione: agli aspetti affettivi dell apprendimento: star bene a scuola al metodo di studio: imparare a imparare alla trasmissione condivisa di contenuti, abilità e valori: sapere, saper fare, saper essere alla comunicazione in tutti i suoi aspetti: ascolto, lettura della realtà ed espressione di conoscenze o emozioni alla collaborazione con i genitori OBIETTIVI COGNITIVI E COMPORTAMENTALI Sollecitare gli alunni ad una socializzazione proficua e profonda, affinché migliori rapporti interpersonali producano un clima sereno, collaborativo, stimolante. Valorizzare le abilità di ciascuno nell ambito delle varie materie e nella specificità di ogni disciplina Fornire un panorama orientativo il più possibile vasto ed approfondito, sulle possibili scelte Comprendere e approfondire le strutture logico matematiche Fornire gli strumenti per la comprensione dei fenomeni artistici, musicali, scientifici, sportivi e di tutto ciò che è cultura Favorire negli alunni la consapevolezza di appartenere all Unione Europea e fornire loro gli strumenti per correttamente inserirsi ed operare in esse attraverso lo studio di più di una lingua straniera parlata in Europa (Inglese, Francese) ed attraverso costanti ed intensi contatti con le scuole di altre nazioni (Francia, Inghilterra, ecc.), creando nei fatti una Scuola Europea. Conoscere le realtà socio politico culturali lontane nel tempo e nello spazio Collegare i fenomeni culturali trattati, anche se appartenenti a discipline diverse. Conoscere e usare la lingua italiana nei suoi molteplici registri Acquisire le capacità di analisi, sintesi, memorizzazione e rielaborazione in tutte le discipline Stimolare la capacità di critica CARATTERISTICHE STRUTTURALI DEL PROGETTO Al fine di realizzare una scuola...di tutti e di ciascuno..., come da molti anni avviene nella nostra scuola, anche quest'anno si presterà particolare attenzione ai livelli cognitivi e culturali degli allievi, proponendo ancora percorsi flessibili - facoltativi, che consentano ad ogni alunno opportunità formative adeguate. Per far ciò, si è tentato di mantenere l'offerta di un ampliamento del curriculum, 7

8 relativamente all aspetto espressivo tecnico linguistico - sportivo, con potenziamento nell area disciplinare musicale, artistica, linguistica, sportiva attraverso proposte di attività pratiche e di approccio al lavoro in una dimensione laboratoriale. Anche quest'anno la scuola ha predisposto un ventaglio di proposte atte a suscitare nuovi interessi e a sviluppare attitudini particolari nell ambito di un orientamento formativo flessibile. Periodizzazione: Attività divise in quadrimestri Aspetti didattico-organizzativiorganizzativi A seguito del passaggio all unità didattica di 55 minuti tutti gli alunni sono tenuti a completare il loro percorso formativo con il recupero del tempo-scuola nelle modalità previste dal calendario scolastico. ORARIO SCOLASTICO Durante il triennio l'orario di lezione è unificato per tutte le classi. L unità temporale utilizzata è l unità didattica di 55 minuti: a) Tempo antimeridiano: 30 lezioni settimanali in orario dal lunedì al venerdì 1 unità di ed. religiosa o materia alternativa all educazione religiosa 6 u. di italiano 2 u. di storia 2 u. di geografia 3 u. di lingua straniera (inglese) 2 u. di lingua straniera (francese) 6 u. di scienze matematiche, fisiche, naturali 2 u. di ed. tecnica 2 u. di ed. musicale 2 u. di ed. artistica 2 u. di ed. fisica b) Tempo pomeridiano (facoltativo) 1 o 2 u.o. in base all attività eventualmente scelta. Ciascun alunno potrà scegliere se partecipare ad uno o più laboratori facoltativi a pagamento. REFEZIONE SCOLASTICA Essendo previste attività laboratoriali facoltative nel pomeriggio, il servizio di mensa scolastica previsto dal Comune di Torino è attivato nei giorni lunedì, mercoledì e venerdì. 8

9 L assistenza è effettuata da Docenti disponibili attraverso l uso di ore eccedenti l orario di servizio: pertanto è necessario il contributo economico delle famiglie. Sono attori del P.O.F. e ne garantiscono la realizzazione: DIRIGENTE SCOLASTICO: Dott.ssa Beretta Anna COLLEGIO DOCENTI CONSIGLI DI CLASSE COLLABORATORI REFERENTI DI PLESSO FUNZIONI STRUMENTALI COMMISSIONI DI LAVORO CONSIGLIO D'ISTITUTO: Dirigente Scolastico Componente Docenti Componente Genitori Componente Personale A.T.A. GIUNTA ESECUTIVA Dirigente Scolastico Componente Docenti Componente Genitori Componente Personale A.T.A. Dirigente Amministrativo RISORSE: ATTORI DEL P.O.F. RISORSE STRUTTURALI AULE POLIFUNZIONALI MULTIMEDIALI DUE LABORATORI INFORMATICI (VIA REVEL E C.SO MATTEOTTI 9, ATTREZZATI CON PC CON DISCHI FISSI FRIZZATI (SOFTWARE DI PROTEZIONE DA ATTI VANDALICI E VIRUS), SCANNER, STAMPANTI, VIDEO-PROIETTORE. TRE AULE ATTREZZATE CON L.I.M..M. (UNA PER OGNI PLESSO), PIÙ DUE L.I.M. assegnate a 2 classi ( Via Revel e C.so Matteotti 9). Tutti i locali dei tre plessi sono coperti da segnale WI-FI. DUE AULE DI MUSICA ATTREZZATE - TRE LABORATORI DI EDUCAZIONE ARTISTICA E MANUALITA ATTREZZATI 9

10 DUE PALESTRE DUE BIBLIOTECHE DUE CORTILI INTERNI 10

11 STRUTTURA ORGANIZZATIVA D.S. Prof.ssa Anna BERETTA COLLABORATORI REFERENTI DI PLESSO Prof.ssa ALOI Prof.ssa DANZERO REVEL Prof.ssa GRASSO MATTEOTTI 9 DANZERO FUNZIONI STRUMENTALI MATTEOTTI 6 Prof.ssa GATTULLO CONTINUITA /ORIENTAM. Prof.sse GNAVI/CANEVARI PROGETT./VALUT./FORM. Prof.ssa BRACCO /GATTULLO COORDINATORI COMMISSIONI RAPPORTI ENTI ESTERNI Prof.ssa TROMBETTA DIMENSIONE EUROPEA Prof.sse MARIELLA/BITELLI INCARICHI SUPPORTO ALUNNI Prof.sse MURGI/PESCE ORARIO Prof.sse GNAVI/GRASSO REFERENTE BES Prof.ssa MIGLIORE FORMAZIONE CLASSI D.S GRUPPO H Prof.ssa TRAVERSONI REF. SICUREZZA Prof.sse ANDREON/SALUSSE POF Prof.ssa GIUNTA REFERENTI INVALSI Prof.ssa PRANDI ELETTORALE Prof. CIAMPORCERO Prof.ssa MAGLITTO AULE INFORMATICA Prof.ssa RASETTI/ LECCIOLI LABORATORI SCIENZE Prof.sse AGU /GRIBAUDI LABORAT. ARTE REVEL Prof.ssa RASETTI AULE MUSICA Prof.sse MAGLITTO/DANZERO ATTIVITA SPORTIVE Prof.sse DI PALO/TAMAGNONE BIBLIOTECHE Prof.sse DOTTORINI/VALEO SITO WEB Prof. IMPERIALE 11

12 SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO TO-REVEL A. MEUCCI PERSONALE A.T.A. LE FUNZIONI. Per il personale ATA è prevista, in modo articolato, la flessibilità dell orario in funzione delle varie attività ed iniziative attuate dalla Scuola nell ambito del Piano dell offerta formativa. La professionalità, la disponibilità e la collaborazione del personal all impegno dei Docenti, rendono possibile la realizzazione delle diverse e variegate progettualità della Scuola. L articolazione dell orario in turni consente l arricchimento dell offerta formativa e l integrazione dei curricoli disciplinari. Gli interventi di assistenza di base rivolti agli alunni in situazione di handicap permettono la realizzazione un efficace integrazione scolastica e un essenziale supporto allo sviluppo dell autonomia. Le problematiche sulla sicurezza e sulla prevenzione possibilità di garantire le funzioni di addetti ai differenti servizi connessi, incendio e addetti al primo soccorso. A più livelli, le attività educativo di compiti amministrativi, in stretto collegamento e sotto il coordinamento del amministrativo della Scuola. Il supporto amministrativo e tecnol Scuola è garantito dalle professionalità prese un adeguata e puntuale informazione e diffusione dei materiali funzionali al POF. particolare, il supporto tecnologico fornito a specifiche progettazioni e co carattere strategico. Le figure organizzative della S contributo in termini di collaborazione gestionale del servizio scolastico e delle problematiche del personale, degli alunni e dell utenza in generale. consolidarsi a Scuola di un clima sereno e produttivo. La gestione dei r con gli Enti territoriali garantisce l integrazione delle proposte dell extrascuola e la risposta ai coordinamento dei servizi strumentali. Per garantire il pieno svolgimento del proprio ruolo all interno del Piano dell Offerta Formativa il personale ATA segue specifici percorsi di formazione per acquis competenze per il supporto agli alunni disabili e le competenze informatiche. A tal fine risulta centrale la collaborazione tra la S rilevare che ogni anno il personale ATA dello Stato: l'attività di supporto ai Docenti viene mantenuta talvolta con difficoltà ma con grande spirito di adattamento. STRATEGIE DIDATTICO

13 Nella convinzione che l assunzione di alcune regole di comportamento favoriscano, nel tempo, l adozione d atteggiamenti socialmente positivi e ciò significhi educare alla legalità, si ritiene che un impegno congiunto da parte dei Docenti possa esprimersi nella direzione di: Considerare gli aspetti della comunicazione una fonte primaria d influenza della relazione educativo-didattica, didattica, e curare l attenzione e l approfondimento nei riguardi di tali aspetti Manifestare concretamente negli atteggiamenti la propria disponibilità all ascolto Assumere un atteggiamento costante di fiducia nei confronti degli alunni, valorizzandone l impegno e le qualità positive Creare spirito di classe e spirito di ricerca favorendo momenti di aggregazione fra alunni anche pomeridiani, attraverso lavori di gruppo, attività teatrali, gruppi sportivi Considerare le decisioni sanzionatorie, in base al Regolamento d'istituto, come circostanze estreme della relazione educativa e, in quanto tali, da riservarsi ad occasioni eccezionali. In base al D.P.R. n. 122 del 2009,il D.P.R. n.235 del 18/12/07 che concerne lo Statuto delle studentesse e degli studenti della Scuola secondaria, il Decreto Legge 137/2008 ricorda che: - art. 1: cittadinanza e Costituzione. Il percorso è sempre stato presente nella progettazione di Istituto secondo una dimensione trasversale alle singole discipline e non solo durante le ore di lettere - art. 2: valutazione del comportamento. Viene espressa in decimi e tale dato concorre alla valutazione complessiva dell'alunno. (Per ulteriori informazioni su questo punto, si invitano i genitori a leggere il Regolamento d'istituto). E il Consiglio di classe che, collegialmente, esprime tale giudizio: se inferiore a sei decimi, determina la non ammissione al successivo anno di corso o all'esame di Stato conclusivo del ciclo. - art. 3: valutazione del rendimento. E espressa in decimi: sono ammessi alla classe successiva, ovvero all'esame di Stato, gli studenti che hanno ottenuto un voto non inferiore a sei decimi in ciascuna disciplina o gruppo di discipline. - art. 5 Bis: diritti itti e doveri nel rapporto tra istituzione scolastica autonoma, studenti e famiglie. Si tratta del PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA', che ha l'obiettivo di impegnare le famiglie, fin dal momento dell'iscrizione, a condividere con la Scuola i nuclei fondanti dell'azione educativa. La Scuola Via Revel provvede a predisporre il documento che deve essere firmato dai rappresentanti dell Istituto e dai genitori. Il patto è uno strumento attraverso il quale declinare i reciproci rapporti, i diritti e i doveri che intercorrono tra l'istituzione scolastica e le famiglie. OBIETTIVI TRASVERSALI Dalle finalità generali della programmazione educativa e didattica della Scuola emergono i seguenti obiettivi trasversali: 13

14 Acquisizione da parte dello studente della capacità di orientarsi e fare libere scelte Capacità di socializzazione, rispetto degli altri, abitudine al confronto delle idee e alla revisione critica delle proprie posizioni Acquisizione di capacità linguistiche, comunicative ed espressive Acquisizione di un metodo di lavoro Acquisizione della consapevolezza che la conoscenza storica dà spessore alla propria storia individuale e a quella collettiva, dà senso al presente e permette di orientarsi in una dimensione futura Acquisizione della consapevolezza di essere cittadini attivi attraverso lo studio della Costituzione, delle istituzioni locali, nazionali, europee Un altro progetto previsto sulla legalità è quello organizzato con l'associazione LIBERA Piemonte e con il personale dell'agenzia delle Entrate OBIETTIVI SPECIFICI Il rinnovamento progettuale della didattica ha accentuato e modificato, nelle sue strutture operative e di metodo, l importanza dell uso innovativo dei laboratori. La conduzione funzionale dei laboratori permette l introduzione di metodologie innovative quali la flessibilità, all interno delle classi e tra corsi diversi, il lavoro di gruppo e l interdisciplinarità, con ricadute quali l impegno attivo degli allievi, l accrescimento della responsabilità individuale, la capacità di raccordarsi con gli altri. L apertura della Scuola verso il territorio e l attuazione di progetti finalizzati alla partecipazione a manifestazioni culturali producono forme di collaborazione con Enti e Istituzioni di alto valore culturale che offrono agli allievi la possibilità concreta di essere protagonisti, sia come singoli, sia come facenti parte di un gruppo. Tutto questo facilita lo sviluppo delle capacità creative e di rielaborazione e consente loro di utilizzare al meglio le competenze acquisite nell iter scolastico. La Scuola, utilizzando le opportunità offerte dalle Istituzioni culturali, elabora progetti utili per la fruizione, la diffusione e lo scambio di informazioni sul patrimonio del proprio territorio CRITERI DI VALUTAZIONE Il Consiglio di Classe è l organo cui compete la valutazione degli studenti in base ai criteri deliberati dal Collegio Docenti, finalizzati ad assicurare omogeneità nelle decisioni che saranno assunte nei diversi Consigli, i quali, tuttavia, terranno conto della situazione personale di ogni studente non riducibile a rigidi schemi preordinati. Le valutazioni che i Consigli di Classe assegneranno agli alunni terranno conto dei seguenti fattori: la situazione iniziale 14

15 il livello d apprendimento dei contenuti il grado di acquisizione dei linguaggi e delle metodologie specifici delle singole discipline i progressi ottenuti durante l anno la risposta agli stimoli educativi i risultati ottenuti nelle attività extracurricolari le capacità attitudinali il grado di raggiungimento degli obiettivi didattici e comportamentali il livello complessivo della classe le difficoltà e i problemi riscontrati durante lo svolgimento dell attività didattica. I Consigli di classe favoriranno anche il coinvolgimento dei discenti guidandoli all'autovalutazione che è essenziale per l'acquisizione della consapevolezza di sé, delle proprie possibilità e della propria pria crescita. Il Collegio dei Docenti organizza riunioni di ambito disciplinare che consentono di stabilire criteri comuni di valutazione per materia, da applicare in tutti i corsi, per uniformare il più possibile la Scuola anche sotto questo aspetto. I risultati del lavoro vengono pubblicati sul sito della Scuola. VERIFICA DELLE ATTIVITÀ Verificare il proprio operato è un comportamento abituale dei Docenti che si trovano ogni anno ad interagire con alunni diversi. Al di là dell autovalutazione però, la Scuola prevede di attuare una verifica generale dei risultati ottenuti nei laboratori e nelle attività svolte dalle singole classi al di fuori del curricolo propriamente detto. Ciò avviene a cura degli operatori, i quali misureranno il raggiungimento degli obiettivi sia da parte degli utenti che hanno partecipato alle attività, sia da parte dei ragazzi che verranno interpellati per conoscere il grado di soddisfazione relativo alle attività svolte. I dati elaborati consentiranno ai Docenti di avere conferma del gradimento, ma anche eventualmente di modificare le attività proposte o sostituirle con nuove nell anno successivo. CRITERI PER LA FORMAZIONE CLASSI La formazione delle classi è curata da un apposita commissione di lavoro composta dal Dirigente Scolastico e da alcuni Docenti. Essa opera applicando i criteri definiti dagli Organi collegiali della Scuola. 15

16 La commissione cura i rapporti con i Circoli Didattici di riferimento concordando e organizzando ndo specifici incontri fra gli Insegnanti dei due ordini di Scuola finalizzati alla raccolta e allo scambio di informazioni sugli alunni delle classi V. Si organizzano colloqui e predispongono schede per l osservazione degli alunni dal punto di vista cognitivo e comportamentale. Un analisi specifica viene riservata alla scheda di valutazione rilasciata dalle Direzioni Didattiche di provenienza. La raccolta di informazioni è diretta a rilevare situazioni di potenzialità e/o di problematicità riferite ai singoli alunni in modo da elaborare una distribuzione dei ragazzi su quattro fasce di livello. Sulla base dell elaborazione delle fasce di livello e delle opzioni formative indicate dalle famiglie, nei mesi di luglio ed agosto la Commissione forma le classi in modo da garantire il sostanziale equilibrio tra una classe e l altra e la ricchezza delle diversità all interno delle singole classi. Vengono formate classi in cui vi sia il maggior equilibrio possibile tra il numero di alunni maschi e di alunne femmine. Particolare attenzione è posta ai suggerimenti forniti dagli Insegnanti di Scuola Primaria sulle situazioni di compatibilità/incompatibilità tra alunni; si tiene anche conto, dove possibile, del desiderio di ritrovare nella propria classe alcuni compagni (fatto salvo il diverso parere degli Insegnanti di Scuola Primaria). Perché tale richiesta sia considerata accoglibile è bene che sia reciprocamente espressa. Al fine di evitare aggravi economici riferiti ai libri di testo, è consentita la frequenza dei nuovi iscritti nelle sezioni già frequentate da fratelli e sorelle. Si terrà conto delle preferenze espresse dai genitori laddove ciò non implicherà di contravvenire ai criteri generali di formazione delle classi. MODALITÀ DI ISCRIZIONE Per l iscrizione alla Scuola Secondaria di primo grado di Via Revel è necessario seguire, a partire dal.(data da definire, in attesa di comunicazioni dal MIUR), la procedura online predisposta dal MIUR. Le istruzioni sono riportate sul sito della Scuola Poiché un organico dei Docenti stabile e definibile tempestivamente permette alla Scuola una migliore organizzazione e qualità del servizio, i genitori effettuano la propria scelta all atto dell iscrizione (gennaio/febbraio). Dopo tale data, per l eventuale trasferimento ad altra Scuola (pubblica o privata) deve essere richiesto al Dirigente Scolastico un Nulla Osta, che il Dirigente stesso concede soltanto a seguito di trasferimento della famiglia in altra località. PROGETTO ACCOGLIENZA La Scuola, attraverso i progetti di accoglienza, conosce e valorizza gli apporti dei singoli alunni. L'obiettivo è quello che ciascuno di loro trovi calore umano, sia ascoltato e riceva risposte adeguate. 16

17 Da quest anno è stato attivato inoltre un percorso indirizzato specificatamente alle classi prime, a cura dell Associazione I tre cammini, da realizzarsi all inizio dell anno scolastico la cui tematica di discussione è: il cambiamento e il passaggio fra la la scuola elementare e la la scuola media: confronto e riflessione. Nell incontro con le classi le psicologhe si pongono i seguenti obiettivi: intervenire sul gruppo classe quale ambito privilegiato in cui cominciare a "dar voce" alle emozioni ed alle preoccupazioni di ragazzi che con l'ingresso alla scuola media entrano a pieno titolo nella complessa fase adolescenziale di vita; far conoscere e testare con mano il senso dello spazio di consulenza ai ragazzi "nuovi" della scuola, che ancora non hanno potuto usufruire delle iniziative del progetto; fornire un occasione di conoscenza e di primo contatto fra i ragazzi più giovani e gli esperti che gestiscono lo spazio di consulenza; creare un momento di incontro fra i docenti e l esperto dello Sportello che inauguri la collaborazione per l anno scolastico in corso. I Consigli di classe delle classi prime, inoltre, organizzano un uscita didattica di un giorno all inizio dell a.s. per favorire i rapporti interpersonali all interno del gruppo classe. LABORATORI POMERIDIANI FACOLTATIVI ATTIVATI PER L A.S. 2013/14 In base alle adesioni pervenute sono stati attivati i seguenti laboratori facoltativi pomeridiani: VIA REVEL,8 GIORNO LUNEDÌ MARTEDÌ CORSO HIP HOP HIT BALL DELF A1 (3 gruppi) BLOG BATTERIA DELF A2 ORARIO PERSONALE COINVOLTO ASD IRIDANCE SPORT SOCIETÀ GINNASTICA DI TORINO PERSONALE INTERNO ASSISTENTE COMENIUS E.E. CALILLI CRISTIANA E.E. BONALDO GABRIELE PERSONALE INTERNO + ASSISTENTE COMENIUS 17

18 MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ KET POTENZ. INGLESE POTENZ. INGLESE POTENZ. INGLESE LATINO PERSONALE INTERNO E.E. TESL E.E. TESL E.E. TESL PERSONALE INTERNO BASKET SOCIETÀ GINNASTICA DI TORINO GINN. ARTISTICA SOCIETÀ GINNASTICA DI TORINO BATTERIA E.E. BONALDO GABRIELE LATINO PERSONALE INTERNO TEATRO E.E. GRAMAGLIA ELENA VOLLEY SOCIETÀ GINNASTICA DI TORINO JUDO SOCIETÀ GINNASTICA DI TORINO CORSO MATTEOTTI, 9 GIORNO LUNEDÌ MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ CORSO ORARIO PERSONALE COINVOLTO VOLLEY SOCIETÀ GINNASTICA DI TORINO LATINO PERSONALE INTERNO HIP HOP ASD S.A. SPORT PIANOFORTE PERSONALE INTERNO BASKET SOCIETÀ GINNASTICA DI TORINO LATINO Itinerario didattico volto all acquisizione dei primi elementi della lingua latina. E organizzato su due moduli settimanali, da ottobre a maggio, ed è svolto da docenti di lettere della scuola. Il laboratorio viene proposto agli alunni delle classi terze. Il programma è comune ai due corsi: o Scrittura, alfabeto, pronuncia; o Accento e quantità; o Il concetto di flessione o I complementi della declinazione; o La I declinazione; o La II declinazione; o La III declinazione; o La IV declinazione; o La V declinazione; o Gli aggettivi della prima classe; 18

19 o Gli aggettivi della seconda classe; o La concordanza con l aggettivo; o Verbo esse, verbo habere e verbo posse o L Indicativo delle quattro coniugazioni attive; o La costruzione della frase latina; o Alcuni principali complementi (stato in luogo, di modo e di mezzo, di unione e compagnia, ecc ); o uso del vocabolario. Questo è il programma base, qualora il corso lo consentisse, l insegnan nte potrà affrontare anche altri argomenti. Il corso si svolge o con il supporto di un libro di testo fatto acquistare agli alunni o tramite fotocopie. Laboratorio DELF A1 e A2 I laboratori mirano alla preparazione specifica per il superamento degli esami DELF (livello A1 e A2) che si tengono a Torino presso l'alliance Française nel mese di maggio. Si tratta del conseguimento dei primi livelli della certificazione internazionale della conoscenza della lingua francese. Il diploma conseguito viene rilasciato direttamente dal Ministero dell'educazione Nazionale Francese ed è riconosciuto in tutto il mondo. Il laboratorio mira a sviluppare le quattro abilità fondamentali (comprensione orale e scritta, produzione orale e scritta) che saranno prova d'esame. Durante l'anno scolastico tutti gli allievi saranno sottoposti ad una prova di simulazione (examen blanc) ) prima dell'iscrizione alla sessione d'esame. KET Il laboratorio mira alla preparazione specifica per il superamento dell esame KET. Il Cambridge Key English Test (KET) costituisce il primo livello degli esami Cambridge in English for Speakers of Other Languages (ESOL). Inserito a livello A2 dal Quadro Comune Europeo del Consiglio d'europa, il KET è un esame elementare che valuta la capacità di comunicazione quotidiana nella lingua scritta e parlata ad un livello di base. Il KET fa parte dei principali esami Cambridge English, strettamente collegati al Council of Europe's Common European Framework for modern languages (CEF) e accreditati da QCA - l'organismo governativo britannico di vigilanza sugli esami. Hip Hop Sono attivati due corsi di Hip Hop: 19

20 a. Sede di Corso Matteotti, 9: Associazione S.A. Sport,, 1h/settimana da ottobre a maggio b. Sede di Via Revel, 8: Iridance Sport, 1h/settimana da ottobre a maggio Obiettivi: Aspetto motorio: acquisire maggiore conoscenza di sé e del proprio corpo; favorire la coordinazione Aspetto musicale: Accrescere la comprensione ritmica (lettura guidata di alcuni ritmi in rapporto al movimento; Stimolare l interpretazione ritmica Aspetto artistico-espressivo: favorire l interpretazione motoria; favorire l improvvisazione; accrescere la scoperta di nuovi e personali mezzi espressivi e comunicativi; stimolare la comunicazione verbale e non verbale Metodologia: Sviluppo motorio e delle capacità senso-percettive Insegnamento delle tecniche generali Suddivisione della lezione in riscaldamento generale, studio specifico dei passi, movimenti e brani musicali, preparazione della coreografia. Teatro Il laboratorio è curato dalla prof.ssa Elena Gramaglia, in possesso delle qualifiche di operatore di animazione teatrale e tecnico di laboratorio educativo. Il corso prevede 2h/settimana da ottobre a maggio. OBIETTIVI: : il percorso formativo si prefigge di avvicinare i ragazzi al mondo del teatro, migliorare l espressione verbale e comunicativa attraverso il lavoro singolo e di gruppo, sensibilizzare i partecipanti a temi di interesse sociale. Obiettivo del laboratorio sarà la realizzazione e la messa in scena di uno spettacolo. CONTENUTI: elementi di dizione, espressione corporea, improvvisazione teatrale; lettura interpretativa di testi teatrali; cenni di regia teatrale; scelta di un canovaccio e preparazione di uno spettacolo finale. Saranno utilizzati testi, musiche, costumi di facile reperibilità e scenografie di semplice realizzazione. Batteria Il corso è tenuto dal batterista Gabriele Bonaldo e prevede 15 lezioni da 1h. Obiettivi: 20

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli