ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 1"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CASTELFRANCO VENETO (Treviso) Via A. Volta, 3 - Tel (0423) Fax (0423) Sito internet: www. istitutocomprens1giorgione.it - Anno Scolastico

2

3 POF ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 1 CASTELFRANCO VENETO A.S

4 INDICE GENERALE VISIONE DELL ISTITUTO... 4 LAPARTECIPAZIONEDEI GENITORI... 5 PREMESSA... 6 PARTE PRIMA: la carta d identità dell Istituto L ISTITUTO NEL TERRITORIO... 8 SICUREZZA SCUOLA PROGETTI E ATTIVITA DI ISTITUTO FINALITÀ E OBIETTIVI DALLA SCUOLA DELL INFANZIA ALLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ASPETTI DIDATTICO-METODOLOGICI NON COGNITIVI ASPETTI RIGUARDANTI I DOCENTI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO ALUNNI CON SVANTAGGIO SOCIO-ECONOMICO, LINGUISTICO E CULTURALE ALUNNI STRANIERI CONTINUITA / ORIENTAMENTO INDIRIZZO MUSICALE LA VALUTAZIONE FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PARTE SECONDA: le scuole dell Istituto SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO SCUOLA DELL INFANZIA BORGO PADOVA SCUOLA DELL INFANZIA LARGO ASIAGO PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA MASACCIO SCUOLA PRIMARIA GIANFRANCO CORLETTO TREVILLE SCUOLA PRIMARIA SANT ANDREA O.M SCUOLA PRIMARIA DI VILLARAZZO SCUOLA PRIMARIA S. GIORGIO DI BORGO PADOVA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MARTIRI DELLA LIBERTA DI TREVILLE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO GIORGIONE CASTELFRANCO VENETO

5 PARTE TERZA: organizzazione dell Istituto LE RISORSE DELL ISTITUTO PERSONALE DELLA SEGRETERIA E UFFICIO DI RIFERIMENTO ORGANIGRAMMA DELL ISTITUTO CONSIGLIO DI ISTITUTO STAFF ORGANIZZATIVO FUNZIONI STRUMENTALI PERSONALE A.T.A PARTE QUARTA: gestione dell istituto RISORSE ECONOMICHE REGOLAMENTO ALUNNI COMPORTAMENTI FUNZIONALI ALL ORGANIZZAZIONE E ALLA SICUREZZA NELLO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITÀ DI ISTITUTO PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI E INTEVENTI EDUCATIVI CORRETTIVI REGOLAMENTO ATTUATIVO-SANZIONI DISCIPLINARI REGOLAMENTO VISITE D ISTRUZIONE PATTO DI CORRESPONSABILITA EDUCATIVA REGOLE DA RISPETTARE PER UNA COLLABORAZIONE EFFICACE

6 VISIONE DELL ISTITUTO L educazione è il grande motore dello sviluppo personale. E grazie all educazione che la figlia di un contadino può diventare medico, il figlio di un minatore il capo miniera o un bambino nato in una famiglia povera presidente di una grande nazione. Non ciò che ci viene dato, ma la capacità di valorizzare al meglio ciò che abbiamo È ciò che distingue una persona dall altra. Nelson Mandela In apertura non si può non citare Nelson Mandela, grandissima figura scomparsa di recente, che ha saputo realizzare concretamente a tutti i livelli l integrazione tra gli uomini, attraverso l arma che egli considerava più efficace: l istruzione. E l integrazione, o meglio ancora l inclusione, è l alta finalità che il nostro Istituto da anni pone come prioritaria e che quest anno, anche obbedendo agli ultimi dettami della normativa, ispira e pervade tutta l Offerta Formativa rispondendo a pieno alle richieste educative dei nostri alunni, nella pluralità e nell individualità. Desideriamo che la nostra sia quindi una scuola veramente inclusiva, che accoglie tutti per offrire a ciascuno la possibilità di sviluppo e di espressione di capacità e competenze. Quanto proponiamo sul piano culturale ed educativo è costantemente mirato al rinforzo della personalità, in un ottica di apertura al mondo al di là di ogni discriminazione, affinché la scuola diventi per i nostri giovani una palestra di convivenza e di solidarietà tale da consentire, gradualmente, una partecipazione più ampia e più alta alla vita democratica. Nel consolidare le sue buone pratiche, per le quali si distingue, l Istituto Comprensivo 1 rinnova pertanto anche quest anno il suo mandato sociale di promozione di quei saperi e quei valori che sono alla base di una cittadinanza matura, solidale ed inclusiva. Il non uno di meno, che costituisce da anni il concetto fondante della nostra vision, lungi dall essere uno slogan, rappresenta realmente una scelta strategica tale da consentire ad ognuno di trovare possibilità di successo personale. Fra i tanti e contrastanti sentimenti e stati d animo che ci animano in una fase storica delicata come l attuale che vede l Italia interessata, purtroppo, da una forte crisi economica, è proprio potenziando l impegno nei confronti dell educazione delle nuove generazioni, mediante la proposta di occasioni stimolanti di conoscenza e il rinnovamento dell alleanza educativa con le famiglie, che potremo contribuire ad infondere coraggio e speranza nel futuro. Il Dirigente Scolastico 4

7 LA PARTECIPAZIONE DEI GENITORI I Decreti Delegati del 1974 hanno previsto per la prima volta la partecipazione dei genitori alla vita della scuola. Con gli anni i mutamenti strutturali avvenuti nella scuola e nella società hanno inciso anche nelle forme di rappresentatività democratica nelle istituzioni. L avvento dell Autonomia scolastica ha modificato il ruolo svolto dalla rappresentanza dei genitori all interno della scuola attribuendo funzioni di coordinamento agli organismi dei rappresentanti di classe, e gestionali al Consiglio di Istituto. Oggi le responsabilità e le attese rispetto alle azioni della scuola, anche a livello europeo, sono molto alte e le richieste di proposte educative efficaci diventano sempre più pressanti. L azione educativa e formativa è responsabilità e dovere della famiglia, quale prima e fondamentale agenzia educativa, e in seconda battuta della scuola che, in collaborazione e in maniera sinergica, integra, amplia e organizza i saperi degli alunni con l obiettivo di formare le persone e i cittadini responsabili.i rappresentanti dei genitori dell Istituto Comprensivo 1 assumono, su incarico e nomina dei genitori, l impegno di: svolgere la funzione genitoriale condividendo la responsabilità educativa con la scuola; sostenere l azione educativa della scuola; sostenere la scuola nelle iniziative scolastiche proposte; cooperare con l Istituzione per il conseguimento degli obiettivi e delle finalità esplicitate nel Piano dell Offerta Formativa. I genitori rappresentanti del Consiglio di Istituto e i rappresentanti di classe consapevoli della complessità del ruolo assunto e della necessità di attribuire fiducia alla scuola, alla quale affidano i loro figli, si impegnano, a nome delle famiglie che rappresentano, a realizzare una consapevole, attenta, democratica e attiva partecipazione dei genitori alla vita della scuola nella consapevolezza che la loro azione possa conferire valore aggiunto e qualità all Offerta Formativa e alla formazione dei ragazzi come persone responsabili e cittadini di domani. Il Presidente del Consiglio d Istituto 5

8 PREMESSA Il POF è il documento fondamentale costitutivo dell identità culturale e progettuale delle istituzioni scolastiche che esplicita la progettazione curriculare, extracurriculare, educativa ed organizzativa. Viene elaborato dal Collegio dei Docenti sulla base degli indirizzi generali per l attività della scuola e delle scelte generali di gestione defi nite dal Consiglio di Istituto, tenendo conto delle proposte e dei pareri formulati dai genitori. Elaborato secondo il principio della collegialità democratica e partecipata, ha come obiettivo istituzionale quello di creare una scuola integrata nel territorio che coinvolga, attraverso anche progetti di rete, scuole, Enti istituzionali e famiglie. In questo senso mira a fare assumere all ambiente educativo le connotazioni di scuola-servizio. Si confi gura pertanto come risposta ai bisogni formativi del territorio e assume quindi il signifi cato di contratto stipulato con l utenza. Contratto quanto mai necessario in un momento come quello attuale in cui la scuola assume piena consapevolezza di essere elemento fondamentale all interno di un pluralismo educativo dove famiglia, agenzie dell extrascuola, universo telematico e multimediale concorrono alla costituzione di una poliarchia di funzioni e di responsabilità che si dispongono intorno al soggetto che apprende. Il POF risponde ad alcune tra le fondamentali vocazioni dell Autonomia Scolastica: il radicamento della scuola nel territorio, l interazione con gli utenti, l avvicinamento dell istituzione al cittadino. Nell autonomia la scuola diventa nuovo soggetto istituzionale, dotato appunto di autonomia funzionale e di personalità giuridica, a cui lo Stato affi da un complesso di funzioni per conseguire le proprie fi nalità in un ottica di effi cienza e di effi cacia. Nell istituto si realizza attraverso: 6

9 PARTE PRIMA LA CARTA D IDENTITÀ DELL ISTITUTO 7

10 L ISTITUTO NEL TERRITORIO I s t i t u t o C o m p r e n s i v o 1 nasce nell anno scolastico 2012/2013, con delibera regionale n. 120 del 31/01/2012, dall unione di nove scuole: le Scuole dell Infanzia di B.go Padova e Largo Asiago, le scuole Primarie S. Giorgio (B.go Padova), S. Andrea O. Muson, G. Corletto (Treville), Primo Visentin Masaccio e Villarazzo, le Scuole Secondarie di Primo Grado Giorgione e Treville Il carattere socio-economico dei bacini d utenza è stato in questi anni abbastanza omogeneo, poiché il territorio presentava uno sviluppo economico caratterizzato dalla diffusione della piccola imprenditoria artigianale e commerciale affiancate dalla presenza di lavoratori dipendenti, pubblici e privati. Fino ad un paio di anni fa il sistema produttivo aveva richiamato in numero sempre maggiore lavoratori stranieri con le loro famiglie. Negli ultimi tempi la crisi economica globale ha fatto sentire anche in questa realtà i suoi effetti di precarizzazione, rendendo le famiglie più attente alle spese e agli investimenti. La scuola ha preso atto di questa situazione cercando di proporre iniziative formative qualitativamente buone ma accessibili a tutta l utenza. 8

11 In questa cornice l Istituto si caratterizza per: Attenzione agli alunni e alla loro crescita globale come persone e cittadini: come si legge nelle Indicazioni per il curricolo (M.P.I. 2012) La definizione e la realizzazione delle strategie educative e didattiche devono sempre tener conto della singolarità e complessità di ogni persona, della sua articolata identità, delle sue aspirazioni, capacità e delle sue fragilità, nelle varie fasi di sviluppo e di formazione, e ancora Il sistema educativo deve formare cittadini in grado di partecipare consapevolmente alla costruzione di collettività più ampie e composite, siano esse quella nazionale, quella europea, quella mondiale. [ ] La finalità è una cittadinanza che certo permane coesa e vincolata ai valori fondanti della tradizione nazionale, ma che può essere alimentata da una varietà di espressioni ed esperienze personali molto più ricca che in passato, inoltre Alla scuola spetta il compito di fornire supporti adeguati affinché ogni persona sviluppi un identità consapevole e aperta. L Istituto cerca di concretizzare queste indicazioni attraverso una progettazione ricca ed attenta che si sviluppa secondo le seguenti tematiche: accoglienza, continuità e orientamento, cittadinanza e diritti, musica strumentale e corale, sport e motricità, educazione alla salute, potenziamento, recupero e studio assistito. Attenzione alle relazioni con le famiglie: nelle Indicazioni per il curricolo (M.P.I. 2012) si dice La scuola perseguirà costantemente l obiettivo di costruire un alleanza educativa con i genitori. Non si tratta di rapporti da stringere solo in momenti critici, ma di relazioni costanti che riconoscano i reciproci ruoli e che si supportino vicendevolmente nelle comuni finalità educative. Il documento richiama i dettati costituzionali quando cita L azione della scuola si esplica attraverso la collaborazione con la famiglia, nel reciproco rispetto dei diversi ruoli e ambiti educativi. In quest ottica viene data particolare importanza al coinvolgimento attivo di genitori e famiglie nella preparazione e nello svolgimento di particolari attività didattiche, all interazione e alla collaborazione con i comitati dei genitori, ove siano presenti, ad attività di progettazione partecipata rispetto ad iniziative particolarmente coinvolgenti come i corsi di conversazione e alfabetizzazione per donne straniere, la festa di Istituto della Mondialità, le varie feste di plesso, la partecipazione ad attività sportive extrascolastiche, le attività specifiche di formazione, con esperti esterni, rivolte ai genitori. Attenzione alla formazione permanente dei docenti: attraverso l adesione a numerose reti e ad iniziative di formazione a tutto campo, per favorire lo scambio, il supporto e il potenziamento della sperimentazione didattico-educativa e della ricerca-azione. Collaborazione con il territorio: sempre nelle Indicazioni per il curricolo (M.P.I. 2012) si legge: La scuola si apre alle famiglie e al territorio circostante, facendo perno sugli strumenti forniti dall autonomia scolastica, che prima di essere un insieme di norme è un modo di concepire il rapporto delle scuole con le comunità di appartenenza, locali e nazionali. Le relazioni fra il microcosmo personale e il macrocosmo dell umanità e del pianeta oggi devono essere intese in duplice senso. Da un lato tutto ciò che accade nel mondo influenza la vita di ogni persona; dall altro, ogni persona tiene nelle sue stesse mani una responsabilità unica e singolare nei confronti del futuro dell umanità, per questo si organizzano in tutti i livelli di scuola incontri conoscitivi ed attività educativo-didattiche in collaborazione con le Amministrazione, gli Enti, le Associazioni e il mondo del volontariato presenti nel nostro territorio; molto alta è anche l adesione attiva alle iniziative proposte dalle diverse agenzie. 9

12 CTI DI ASOLO MIUR/USR Linee di indirizzo Progetti Atti amministrativi ALTRE COLLABORAZIONI Sale cinematografiche Comitato dei genitori: finanziamento di progetti Associazioni sportive AFMU assistenza ipoacusici Telefono Azzurro Protezione civile Arma dei Carabinieri Consorzio Contarina Cooperativa Il nuovo volo AZIENDA SOCIO- SANITARIA N.8 Collaborazione Servizio Neuropsichiatria infantile Collaborazione con il Consultorio Familiare Assegnazione personale addetto all assistenza per alunni disabili Prevenzione al tabagismo UNIVERSITA DI PADOVA Convenzioni di tirocinio con le facoltà: Scienze della formazione Psicologia Fisioterapia COLLABORAZIONI CON IL TERRITORIO L Istituto promuove iniziative con: ISTITUTI SUPERIORI DEL TERRITORIO Stage e tirocini QUARTIERI Associazioni: FRAM-MENTI ABIO Cittadini per la pace Bottega del mondo AZIENDA SANITARIA LOCALE N.15 Collaborazione con il Servizio di Neuropsichiatria infantile AMMINISTRAZIONE COMUNALE Trasporti scolastici Trasporti per visite guidate Gestione servizio mense scuole Biblioteca: prestito, restituzione e laboratori Teatro Accademico Mostre casa Giorgione Vigili urbani per ed. stradale 10

13 SICUREZZA A SCUOLA Come previsto dalla normativa vigente, l Istituto è dotato del documento di valutazione dei rischi, predisposto dal Dirigente scolastico, in collaborazione con il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione. In esso è contenuto il piano di emergenza con lo scopo di informare tutto il personale docente, non docente e gli studenti, sul comportamento da tenere nel caso di un allontanamento rapido dall edificio scolastico. Attraverso questo documento si perseguono i seguenti obiettivi: conoscere le procedure da seguire per evitare l insorgere di un emergenza; affrontare l emergenza fin dal primo insorgere per contenerne gli effetti e riportare la situazione in condizione di normalità; prevenire situazioni di confusione e di panico; pianificare le azioni necessarie a proteggere le persone sia all interno che all esterno dell edificio; assicurare, se necessario, un evacuazione facile, rapida e sicura. Prove di evacuazione Il piano di emergenza definisce i compiti da svolgere in funzione delle varie ipotesi di emergenza. Nel corso delle prove di evacuazione, da effettuare almeno due volte durante l anno scolastico (D.L.577/82), viene verificata la funzionalità del piano al fine di apportare gli eventuali correttivi per far aderire il piano alla specifica realtà alla quale si applica. Pertanto l Istituto effettua con cadenza periodica le prove di evacuazione degli edifici. Viene così verificato continuamente l apprendimento dei comportamenti da tenere in caso di emergenza. Al termine dell esercitazione tali comportamenti vengono analizzati e verbalizzati in modo da correggere gli eventuali errori commessi durante la prova. Manutenzione e messa in sicurezza della scuola. La competenza degli interventi di manutenzione straordinaria ed ordinaria in materia di edilizia scolastica è dell ente locale, proprietario degli immobili. Costituiscono precisi obblighi di legge per i Comuni e per le Province non solo i lavori edilizi di una certa importanza, gli interventi strutturali e gli adeguamenti degli impianti elettrici, termici, ecc. ma anche la manutenzione ordinaria, nonché la fornitura delle varie certificazioni di idoneità, agibilità e conformità. L Istituto 1 opera in una stretta collaborazione con l Ente Locale al fine di garantire l applicazione delle norme, promuovere la cultura della sicurezza e attuare il miglioramento delle condizioni di lavoro. 11

14 PROGETTI E ATTIVITA DI ISTITUTO Nella scuola dell infanzia si parla meglio Le scuole dell Infanzia partecipano al progetto finalizzato alla rilevazione precoce delle difficoltà di apprendimento. L iniziativa, proposta dal CTI di Asolo e Castelfranco in collaborazione con l AULSS 8, prevede una formazione iniziale per gli insegnanti e i genitori, la somministrazione di due prove individuali ai bambini, una nel mese di ottobre e una nel mese di maggio, e la proposta di percorsi metafonologici in piccolo gruppo in base alle difficoltà rilevate. In classe prima si legge meglio Viene proposto ai bambini delle classi prime della scuola primaria al fine di cogliere precocemente la presenza di difficoltà nell apprendimento nella letto-scrittura. Prevede due prove di dettato, la prima nel mese di gennaio e la seconda nel mese di maggio, la predisposizione di gruppi di lavoro specifici per i diversi livelli di acquisizione, finalizzati a dare risposta alle diverse difficoltà e avviare un lavoro di recupero. Il progetto viene attuato in collaborazione con la AUSLL 8, l Amministrazione Comunale e il CTI di Asolo e Castelfranco. Continuità e accoglienza La scuola progetta percorsi in verticale tra scuole di ordini diversi. Crea, per gli anni-ponte, delle attività comuni inserite nella normale progettazione. Cura particolarmente l accoglienza verso i nuovi iscritti, realizzando percorsi finalizzati all inserimento graduale e sereno sia dell alunno che della famiglia. Progetto scuola aperta Vengono organizzate delle giornate di Scuola aperta per i genitori e per gli alunni interessati ad iscriversi alle scuole dell istituto. Si offre loro l opportunità di: visitare i diversi ambienti scolastici; avere ulteriori chiarimenti riguardanti l organizzazione della scuola; vedere gli alunni impegnati nei laboratori e/o nelle normali attività in classe. Un insegnante sarà a disposizione per accompagnare i genitori nel corso della visita. È previsto, inoltre, un incontro con i genitori degli alunni nuovi iscritti in periodi concordati. L Educazione all affettività L attività ha lo scopo di offrire un contributo nell ambito dell educazione affettiva e sessuale (4 e 5 anno della scuola primaria e tutte le classi della Secondaria) in un ambito ampio dello sviluppo delle capacità comunicative, relazionali ed affettive della persona, al fine di aiutare gli alunni ad affrontare in modo più sereno i fenomeni corporei, affettivi e relazionali legati al loro sviluppo. Vengono avviati, inoltre, progetti di sensibilizzazione e di prevenzione del fenomeno del bullismo per favorire la scelta di stili comportamentali corretti, una maggiore conoscenza di sé e la capacità di instaurare relazioni interpersonali positive. 12

15 Progetto SPAZIO - ASCOLTO Il progetto ha la finalità di promuovere la cultura del benessere a scuola. Un team di docenti, formati grazie ad un percorso di aggiornamento mirato, offre agli studenti la possibilità di esporre, in modo riservato, le proprie problematiche e disagi. Educazione alla sicurezza stradale L attività ha lo scopo di formare una coscienza tra gli alunni, necessaria quando ci si muove per le vie, sviluppando la conoscenza delle norme di legge, dei comportamenti corretti sulla strada e dei comportamenti ispirati alla cultura della legalità. Coinvolge tutte le fasi della scolarizzazione. In collaborazione con la Provincia di Treviso, l Amministrazione Comunale e la Polizia Locale, si sperimenta un percorso didattico, differenziato per età, con l utilizzo di materiali specifici. Educazione ambientale Il futuro dei rifiuti nelle nostre mani In collaborazione con il Consorzio TV3 vengono proposti interventi per favorire l apprendimento di comportamenti corretti nell utilizzo delle risorse e nella gestione dei rifiuti, nell ottica generale del rispetto dell ambiente e dello sviluppo sostenibile. Il progetto coinvolge tutte le classi di ogni grado scolastico. Educazione alla salute In collaborazione con l'azienda U.S.L.L. 8, Verranno avviati progetti di: Educazione alimentare e stili di vita salutari ; Stili di vita liberi da, progetto finalizzato alla prevenzione del tabagismo e dell uso di sostanze stupefacenti. Studio assistito L istituto realizza il progetto, anche con personale volontario, per offrire un sostegno agli studenti e alle loro famiglie. L attività si pone l obiettivo di far acquisire agli alunni un valido metodo di studio e di sviluppare una maggiore autonomia nell organizzazione del lavoro scolastico. Gli alunni rientrano a scuola in orario post scolastico, sfruttando così la possibilità di vivere anche un esperienza di socializzazione ed integrazione in una dimensione educativa. Progetti sportivi: Più scuola Progetto regionale che ha lo scopo di valorizzare e incrementare le varie attività sportive nella scuola Primaria, di migliorare la qualità attraverso l intervento di esperti esterni, valorizzando le attività motorie e sportive del territorio. Le iniziative del C.O.N.I., della Scuola e del Comune vengono proposte per migliorare la qualità degli interventi con esperti esterni selezionati(diplomati ISEF o laureati in scienze motorie) in grado di proporre attività di tipo propedeutico e polivalente in funzione di un armonico sviluppo psicofisico e migliorare la conoscenza di alcuni sport. 13

16 Alfabetizzazione motoria Il C.O.N.I., in collaborazione con il MIUR, propone iniziative motorie finalizzate al miglioramento della qualità degli interventi nella scuola Primaria con l obiettivo di valorizzare l attività motoria, ludica e sportiva al fine di favorire negli studenti l adozione di idonei stili di vita. Nell attuazione del progetto, l insegnante titolare è affiancato in orario curricolare da un consulente esperto con l obiettivo di supportare gli alunni nel raggiungimento dei traguardi per lo sviluppo delle competenze motorie, attraverso una proposta guidata di riferimento, elaborata nel rispetto delle Indicazioni Ministeriali per il Curricolo. Costituzione centro sportivo scolastico (CSS) L Istituto comprensivo I di Castelfranco Veneto, in riferimento alle Linee guida per le attività di educazione fisica, motoria e sportiva nelle scuole secondarie di I emanate dal MIUR Direzione generale per lo studente con nota prot.n 4273 del 04/08/2009 e agli indirizzi operativi emanati il 16/10/2009, ha istituito per l anno scolastico 2013/2014 il Centro Sportivo Scolastico, struttura organizzata all interno della Scuola, finalizzata all organizzazione dell attività sportiva scolastica. La gestione del centro Sportivo Scolastico è affidata dal Dirigente Scolastico ai docenti di educazione fisica, di sostegno, maestri abilitati e forniti di diploma di laurea ISEF dell istituto. Le finalità consistono nel: promuovere la partecipazione degli alunni alla pratica delle attività sportive con la convinzione che impegnarsi in uno sport può dare un contributo importante alla formazione della persona e del cittadino; stimolare la massima partecipazione alle gare scolastiche di Istituto come momento di esperienza sportiva, di conoscenza di se stessi, di collaborazione e socializzazione, di interiorizzazione dei valori dello sport. Le attività previste riguardano : 1. Giochi della gioventù di corsa campestre 2. Formazione gruppo sportivo di pallavolo femminile e maschile classi prime, seconde e terze in orario pomeridiano 3. Formazione gruppo sportivo di basket maschile e femminile 4. Formazione gruppo sportivo di calcio a 5 maschile e femminile 5. Formazione gruppo sportivo calcio a 11 maschile, calcio a 7 femminile 6. Formazione gruppo sportivo di rugby maschile 7. Gruppo sportivo di atletica 8. Partecipazione al torneo School cup organizzato dalla F.I.P provinciale di Treviso 9. Partecipazione al torneo di pallavolo organizzato dal Volley Treviso 10. Partecipazione al torneo di rugby 11. Partecipazione al torneo di softball 12. Partecipazione al torneo primaverile di calcio a 5 maschile 13. Corso di sci di fondo 14. Corso di orienteering 14

17 Progetto Pedibus E un iniziativa per favorire percorsi alternativi da casa a scuola e viceversa, senza l'utilizzo di mezzi a motore. Il progetto è proposto per i plessi delle scuole primarie. Esso prevede la collaborazione di un gruppo di genitori che accompagneranno gli alunni aderenti nel tragitto casa/scuola e scuola/casa. Progetto KET E un progetto che permette di raggiungere un livello di conoscenze della lingua inglese più alto ed ottenere un riconoscimento internazionale. Tale attività è estesa anche alle altre lingue comunitarie (tedesco, spagnolo, francese). Progetto Consiglio dei ragazzi Tale progetto darà l opportunità agli alunni di : Partecipare alla vita della comunità di appartenenza (scuola, quartiere, comune); Conoscere il funzionamento di un Consiglio comunale; Promuovere la capacità di confronto; Potenziare le capacità comunicative; Favorire la capacità di leggere i bisogni della comunità di appartenenza; Conoscere la realtà del volontariato del territorio. 15

18 FINALITA E OBIETTIVI Le Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo di istruzione, emanate il 16/11/2012, costituiscono un documento importante verso il rinnovamento della scuola. Le Nuove Indicazioni disegnano un modello di scuola impegnativo che rappresenta un punto di riferimento obbligatorio, pur nel rispetto della libera iniziativa didattica degli insegnanti e nell esercizio dell autonomia progettuale delle singole Scuole. Le istituzioni scolastiche non sono semplicemente chiamate a capire e fare buon uso delle Indicazioni, ma viene loro richiesto un lavoro di verifica, di interpretazione critica, di sviluppo di ulteriori piste di azione. L Istituto Comprensivo 1 ritiene fondamentale procedere alla costruzione e al coordinamento del curricolo, sia sul piano procedurale che su quello metodologico operativo. Si sente l esigenza primaria di garantire all alunno il diritto ad un percorso formativo organico e completo, che promuova uno sviluppo articolato e multidimensionale del soggetto, il quale, pur nelle varie tappe evolutive e nei diversi ordini di scuola, possa costruire la sua identità. L Istituto si pone l obiettivo prioritario di perseguire, accanto alla continuità orizzontale, anche quella verticale, istituendo un apposita Commissione con il compito di tradurre in termini operativi le finalità e gli obiettivi generali, per articolarli poi in obiettivi specifici (corrispondenti alla peculiare strutturazione dei contenuti e delle attività dei diversi ordini di scuola ). All interno di un simile percorso, la scelta di finalità educative e di obiettivi generali comuni garantisce la dimensione della continuità e dell organicità del progetto formativo in quanto facilita, da una parte, il raccordo dei vari passaggi degli ordini della scuola e consente, dall altra, di definire con attenzione gli snodi formativi disciplinari e trasversali, all interno del singolo segmento di istruzione. L elaborazione del curricolo verticale permette pertanto di evitare frammentazioni, segmentazioni, ripetitività del sapere e di tracciare un percorso formativo unitario contribuendo, in tal modo, alla costruzione di una positiva comunicazione tra i diversi ordini di scuola dell Istituto. Le principali finalità di un curricolo così inteso sono: 16 Progettare, muovendo dai bisogni e dalle aspettative degli alunni; Valorizzare i saperi già da loro acquisiti; Assicurare loro un percorso graduale di crescita globale; Consentire l acquisizione di competenze, abilità e conoscenze, adeguati alle potenzialità di ciascun alunno; Realizzare le finalità dell uomo e del cittadino, come educazione alla cittadinanza attiva; Orientare nella comunità e nel territorio di appartenenza; Favorire la realizzazione del proprio progetto di vita ; Potenziare le capacità di scelta autonoma, di lettura critica della realtà, di giudizio personale. Il nostro Istituto, in base a quanto suggeriscono le Nuove Indicazioni, si propone per l anno scolastico 2013/2014 di elaborare dei curricoli disciplinari. L azione viene indirizzata a : Predisporre criteri comuni per l elaborazione dei curricoli disciplinari in verticale; Garantire la massima unitarietà dei percorsi disciplinari; Promuovere occasioni di riflessione sulla progressione/propedeuticità dei saperi e delle competenze, nello sviluppo in verticale degli ambiti disciplinari; Pianificare forme di valutazione che siano coerenti con la visione progressiva dei saperi e delle competenze.

19 Il raggiungimento di tali obiettivi avverrà attraverso : Sessioni di lavoro dedicate con i referenti dei dipartimenti; Selezione e diffusione di materiali strutturati; Accompagnamento, con contributi mirati, del lavoro dei dipartimenti disciplinari; Il recupero e la diffusione delle buone pratiche sperimentate dagli insegnanti nel corso di formazione sulle Nuove Indicazioni. 17

20 DALLA SCUOLA DELL INFANZIA ALLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO IDENTITÁ AUTONOMIA COMPETENZE CITTADINANZA Coscienza di sé e degli altri. Sicurezza nell af-frontare nuove esperienze. Appartenenza ad un territorio e ad una comunità. Consapevolezza dei bisogni. Fiducia in sé e negli altri. Padronanza degli spazi. Assunzione di responsabilità. Espressività. Corporeità. Linguaggio. Strutturazione pensiero del Scoperta degli altri e dei loro bisogni. Capacità di gestire i contrasti. Primo riconoscimento dei diritti e dei doveri. RELAZIONE CONSAPEVOLEZZA DI SÉ COMPETENZE CITTADINANZA Entrare in comunicazione con gli adulti e con i pari riconoscendo i ruoli e apprezzando le differenze Sviluppare la ca-pacità di organizza-re e gestire autonomamente il lavoro e di portare a termine, coerentemente, gli incarichi assunti Sviluppare la capacità di riflessione metacognitiva e metaemotiva. Alfabetizzazione strumentale Acquisizione linguaggi simbolici Acquisizione apprendimenti di base strumentali e funzionali Prendersi cura di sé. Cooperare con gli altri. Sviluppare il senso di responsabilità nei confronti dell ambiente. Sviluppare il senso della legalità AUTOSTIMA ORIENTAMENTO COMPETENZE CITTADINANZA Conoscere, prendere coscienza e gestire il propri processo di crescita. Acquisire gli strumenti per controllare la propria emotività e comunicare i propri stati d animo senza sentirsi a disagio. Essere consapevoli delle proprie capacità e potenzialità, dei propri limiti. Analizzare le difficoltà incontrate e individuare le strategie per superarle. Approfondimento delle discipline come modalità di interpretazione, simbolizzazione e rappresentazione del mondo. Avvio alla rielaborazione critica delle conoscenze. Porsi in modo attivo di fronte alla crescente quantità di informazioni e di sollecitazioni comportamentali esterne Conoscere e rispettare i valori costituzionali. Essere disponibili al dialogo e alla collaborazione per riorientare al meglio le proprie convinzioni, i propri comportamenti e le proprie scelte. Riconoscere alla lin-gua la funzione di strumento privilegiato per: la comunicazione, l accesso ai saperi e ai propri diritti/do-veri, la mediazione dei conflitti 18

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

RELAZIONE a.s. 2009-10

RELAZIONE a.s. 2009-10 per l'innovazione scolastica e l'handicap "Mario Tortello RELAZIONE a.s. 2009-10 a.s. 2009-10 Ampliamento patrimonio librario Aggiornamento sito Seminario Alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo.

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo. Regolamento G.L.I. Art. 1 Costituzione del G.L.I. (Gruppo di Lavoro per l Inclusione) Ai sensi della Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 (Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

nelle scuole dell infanzia comunali

nelle scuole dell infanzia comunali Le relazioni tra insegnanti e genitori nelle scuole dell infanzia comunali Ci vuole un villaggio per educare un bambino Barbara Benedetti, Donella Fammoni, Tosca Bassi, Catello Marciano del Coordinamento

Dettagli