TRUST e PROTEZIONE PATRIMONIALE: AMMISSIBILITA e APPLICAZIONE NEL DIRITTO ITALIANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRUST e PROTEZIONE PATRIMONIALE: AMMISSIBILITA e APPLICAZIONE NEL DIRITTO ITALIANO"

Transcript

1 TRUST e PROTEZIONE PATRIMONIALE: AMMISSIBILITA e APPLICAZIONE NEL DIRITTO ITALIANO avv. Andrea Moja Presidente Assotrusts prof. a Contratto di International Trade Law nell Universit Università LUIC di Castellanza docente di Fondamenti di Diritto Europeo nell Universit Università di Brescia Via Montenapoleone Milano Tel: Fax: PADOVA 7 Marzo

2 ASSOTRUSTS VIA BORGOGNONA ROMA TEL FAX Sito Web: 2

3 ATTIVITA ASSOTRUSTS -CONFEDILIZIA Promozione e di sviluppo del trust sia nel settore immobiliare che in altri settori; Organizzazione di convegni; Promozione dell uso del trust presso le istituzioni; Soci fondatori quattro trusts; tre esteri ed un trust totalmente interno. 3

4 PARTE I L' Asset Protection Trust 4

5 IL CONCETTO DI ASSET PROTECTION TRUST L espressione Asset Protection Trust identifica una particolare tipologia di trust per effetto della quale il disponente si spoglia del suo patrimonio per conferirlo in trust ma al contempo mantenere il godimento ed il controllo su quanto oggetto di trasferimento. Alcune legislazioni di Common Law,, come ad esempio le Cayman Islands, Bermuda, Gibilterra, Bahamas, Jersey, e Guernsey, prevedono espressamente la possibilità di costituire Asset Protection Trusts. 5

6 LA STRUTTURA DI UN APT La struttura di base di un APT è quella propria di un trust irrevocabile, istituito per un numero determinato di anni, che prevede: come beneficiario del trust il settlor medesimo (con la possibilità,, peraltro, di designare altri beneficiari per il caso della morte del disponente); come trustee una Trust Company avente sede in un paese che ha emanato apposita normativa in tema di APT (ad es. Gibilterra). 6

7 LE CARATTERISTICHE FONDAMENTALI DI UN APT Ciò che caratterizza in modo preponderante un Asset Protection Trust è il fatto che la discrezionalità tipica del trustee viene ad essere fortemente limitata,, così da attribuire un vero e proprio controllo al disponente del trust. Questo risultato può essere raggiunto attraverso: un diritto di veto esercitato da un protector o guardiano del trust; la nomina del disponente quale co-trustee; varie tipologie di atti specifici del caso. Da tutto ciò ne deriva che (continua) 7

8 L ELUSIONE DELLA RESPONSABILITA PATRIMONIALE a determinate condizioni, sarà possibile eludere legittimamente la disciplina propria della responsabilità patrimoniale. In merito, va osservato che nei più importanti sistemi giuridici occidentali la responsabilità patrimoniale e la protezione dei creditori si fondano su due strumenti: l actio pauliana; l azione simulatoria. 8

9 L ELUSIONE DELLA RESPONSABILITA PATRIMONIALE Da tutto ciò ne discende ulteriormente che perché un APT sia efficace occorrerà quindi verificare se esso è in grado di scardinare il principio della responsabilità patrimoniale previsto dall art. art C.C., e rompere così l ordinario principio che regola l ordinario l rapporto giuridico interno tra libertà del debitore e protezione dei creditori. 9

10 GLI ATTI DISPOSITIVI A FAVORE DI UN APT Per l assegnazione l dei beni a favore del trustee esistono, in sostanza, due diverse tipologie di trasferimento: il trasferimento diretto dei beni al trustee; la costituzione di una società alla quale vengono trasferiti i beni del disponente, ed il successivo conferimento delle azioni societarie in trust. 10

11 L EVOLUZIONE DELL APT INTERNAZIONALE A favorire il diffondersi dell Asset Protection Trust internazionale hanno contribuito: le norme di diritto internazionale privato e processuale che hanno stabilito la sottoposizione del trust esclusivamente alla giurisdizione della legge regolatrice del trust; alcune regole operative che hanno ristretto l applicabilità dell azione revocatoria. 11

12 I LIMITI IN TEMA DI ESECUZIONE DELLE SENTENZE ED APPLICAZIONE DEL DIRITTO STRANIERO 1 La Convenzione dell Aja sui trusts,, all articolo articolo 8 stabilisce che la legge regolatrice del trust governa la validità del trust, i suoi effetti e la relativa amministrazione. Nulla la Convenzione dice peraltro per quanto concerne gli atti di conferimento di beni a favore del trust. Questi ultimi sono regolati dalla legge del paese di cittadinanza del disponente, ed i creditori di quest ultimo ultimo devono quindi ottenere: Prima un provvedimento giudiziario che renda inefficace il trasferimento al trust; e poi l esecuzione della sentenza nel paese scelto per l istituzione dell APT APT. 12

13 I LIMITI IN TEMA DI ESECUZIONE DELLE SENTENZE ED APPLICAZIONE DEL DIRITTO STRANIERO 2 Ma da ciò ne discende pertanto che i creditori devono rivolgersi direttamente alle corti del paese in cui il trust è stato istituito. Un esempio in tal senso è dato dall art. art. 6 della Trust (Foreign Element) Law 1987 delle Cayman Islands; Ma quando i creditori si rivolgono ai tribunali del paese in cui è stato istituito il trust, essi si trovano di fronte ad enormi difficoltà giuridiche del tipo di cui a seguire. 13

14 I LIMITI IN TEMA DI ESECUZIONE DELLE SENTENZE ED APPLICAZIONE DEL DIRITTO STRANIERO 3 Le sopra menzionate difficoltà giuridiche si identificano in: una normativa in materia di azione revocatoria molto favorevole al debitore; una disciplina che ritiene validi anche i trusts nei quali il settlor mantiene un notevole potere di controllo sul trust fund (i c.d. sham trusts). 14

15 I LIMITI ALL ESERCIZIO DELL AZIONE REVOCATORIA In molti paesi, tra i quali Gibilterra, Western Samoa, Mauritius, è stata emanata una legislazione molto favorevole per il debitore. Ciò perché: il creditore deve dimostrare che il debitore è insolvente; vige in tali sistemi una procedura lunga e complicata; vi è ivi la necessità di provare l intention l of a transferor wilfully to defeat an obligation owed to a creditor (Cayman Islands, Barbados); la disciplina in tema di revocatoria è applicabile solo ad un creditore che fosse già tale nel momento del trasferimento del bene dal disponente al trustee; ed il termine per l esercizio l dell azione è di due anni dal sorgere del credito ovvero entro 1 anno dal fallimento. 15

16 I LIMITI ALL ACCERTAMENTO ACCERTAMENTO DELLA SIMULAZIONE 1 Come in parte anticipato, si parla di trust simulato (o sham trust) quando il controllo non è detenuto dal trustee, ma dal disponente. Ciò per effetto sia di quanto derivante dall atto atto istitutivo di trust, che per il tramite delle c.d. controdichiarazioni. Il modello dell APT internazionale ha introdotto regole che mirano a garantire la stabilità del trust anche se il disponente mantiene ampi poteri di controllo. Un esempio è dato dall articolo articolo 14 comma 1 della Trust (Foreign Element) Law 1987 delle Cayman Islands. 16

17 I LIMITI ALL ACCERTAMENTO ACCERTAMENTO DELLA SIMULAZIONE 2 Un trust cosi formato non corrisponde alla definizione di cui all articolo articolo 2 della Convenzione dell Aja sui trusts. Esso, peraltro, non può nemmeno essere qualificato come mandato. Le normative in tema di APT ritengono che le controdichiarazioni non invalidino il trust. 17

18 PARTE II L' Asset Protection Trust nell ordinamento italiano 18

19 LA GARANZIA PATRIMONIALE IN ITALIA Con riferimento all istituzione di un Asset Protection Trust,, come in parte già anticipato, la quaestio relativa alla garanzia patrimoniale per i creditori italiani riguarda tre differenti aspetti, che occorre a questo punto esaminare secondo l ordinamento l italiano: l applicazione della Convenzione dell Aja sui trusts; l azione revocatoria; la simulazione del trust. 19

20 LA CONVENZIONE DELL AJA SUI TRUSTS Di per sé, s, la Convenzione dell Aja non pone problemi ad un giudice italiano che voglia evitare di farsi vincolare dalla legge regolatrice scelta dal disponente per costituire l APTl APT. Infatti, al riguardo: se il settlor mantiene, con l atto l istitutivo di trust, il controllo del trust fund,, il giudice può non riconoscere il trust (ai sensi dell art. 2 della Convenzione). In aggiunta poi 20

21 LA CONVENZIONE DELL AJA SUI TRUSTS l articolo 13 della Convenzione dell'aja permette al giudice di rifiutare il riconoscimento del trust, se la scelta della legga è abusiva; infine l articolo 15 della Convenzione dell Aja stabilisce che la stessa non ostacolerà l applicazione delle disposizioni di legge previste dalle regole di conflitto del foro, allorché non si possa derogare a dette disposizioni mediante una manifestazione di volontà (questo è l aspetto che concerne specificamente l azione revocatoria e l azione l di simulazione). 21

22 L AZIONE REVOCATORIA Quello di istituzione del trust è di per sè un atto neutro. Il negozio che può causare pregiudizio ai creditori è l atto di conferimento dei beni al trustee. Per proteggere i creditori l ordinamento l italiano prevede l azione revocatoria nell articolo 2901 C.C. L azione ha due presupposti: l eventus damni; la prova del consilium fraudis. 22

23 L AZIONE REVOCATORIA Ora.. per quanto concerne l eventus l damni,, i beni del settlor potrebbero essere rimpiazzati da un diritto di credito nei confronti del trustee; ; e per quanto concerne poi il consilium fraudis,, se il negozio è a titolo oneroso, occorre provare la frode da parte del debitore e la consapevolezza da parte del terzo. Ma per il credito sorto per il tramite di disposizione a favore di trust occorre la prova del dolo specifico. 23

24 LA REVOCATORIA DEL CONFERIMENTO DEI BENI A FAVORE DI SOCIETA L istituzione dell APT come presunzione della consapevolezza non è applicabile. La consapevolezza concerne la società stessa (fondatori, amministratori). Una presunzione del consilium fraudis sussiste quando il disponente ha rapporti familiari o fiduciari con la società. 24

25 LA SIMULAZIONE DEL TRUST Se il disponente detiene il controllo sul trust fund non si ha un vero trust, ma un mandato. Se l atto l istitutivo è un atto unilaterale recettizio, si applica l art. l 1414, comma III C.C. Il l mancato effettivo affidamento dei beni al trustee è un indice di una simulazione. 25

26 IL RIMPATRIO FORZATO DEI BENI -1- L esecuzione forzata può causare problemi quando i beni si trovano in un paese dove è stato creato il trust e dove c èc una normativa che nega il riconoscimento delle sentenze straniere. Una soluzione può essere quella di cui all art. art. 388 comma 1 del Codice Penale. La norma stabilisce che: Chiunque, per sottrarsi da una sentenza di condanna, o dei quali è in corso l accertamento l dinnanzi l autoritl autorità giudiziaria, compie, sui propri o sugli altrui beni, atti simulati o fraudolenti, o commette allo stesso scopo altri fatti fraudolenti, è punito, qualora non ottemperi alla ingiunzione di eseguire la sentenza, con la reclusione fino a tre anni o con la multa da lire a E però opinione maggioritaria tra i penalisti che sotto questa norma si possano ricondurre solo fattispecie esplicitamente individuate dal legislatore. 26

27 IL RIMPATRIO FORZATO DEI BENI Diversa potrebbe essere la soluzione qualora vi fosse un verbale negativo di pignoramento mobiliare da cui non risultassero altri beni in Italia. In aggiunta l applicazione l del 388 C.P. richiede altre tre condizioni: l esistenza d un d obbligo civile accertato con sentenza di condanna; atti o fatti fraudolenti o simulati compiti dal debitore sui propri beni; che il soggetto non ottemperi all ingiunzione. Se, quindi, l APT l e stato istituito ed i beni sono stati conferiti al trustee prima dell esecuzione esecuzione dell azione civile il disponente non dovrebbe temere nulla. 27

28 RIFERIMENTI PERSONALI Avvocato Andrea Moja Presidente di Assotrusts prof. a Contratto di International Trade Law nell Universit Università LUIC di Castellanza docente di Fondamenti di Diritto Europeo nell Universit Università di Brescia Via Montenapoleone Milano Tel: Fax: Indirizzo 28

I TRUST IN AMBITO IMMOBILIARE

I TRUST IN AMBITO IMMOBILIARE I TRUST IN AMBITO IMMOBILIARE Sistemi a confronto ed efficienza fiscale Avv. Andrea MOJA Presidente Assotrusts Professore a Contratto di International Trade Law Università LIUC di Castellanza Via Monte

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust.

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 dicembre 2010 OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. PREMESSA Come noto, l articolo 1, commi da 74 a 76, della

Dettagli

DALLA FIDUCIA AL TRUST IL TRUST COS E, IL SUO RICONOSCIMENTO IN ITALIA, LE APPLICAZIONI AL DIRITTO DI FAMIGLIA

DALLA FIDUCIA AL TRUST IL TRUST COS E, IL SUO RICONOSCIMENTO IN ITALIA, LE APPLICAZIONI AL DIRITTO DI FAMIGLIA DALLA FIDUCIA AL TRUST IL TRUST COS E, IL SUO RICONOSCIMENTO IN ITALIA, LE APPLICAZIONI AL DIRITTO DI FAMIGLIA Trissino Sabato 10 aprile 2010 1 La definizione di TRUST rapporto fiduciario in virtù del

Dettagli

IL TRADING TRUST ED ALTRE STRUTTURE DI TRUST NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE CASTELLANZA, 19 MAGGIO 2009

IL TRADING TRUST ED ALTRE STRUTTURE DI TRUST NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE CASTELLANZA, 19 MAGGIO 2009 IL TRADING TRUST ED ALTRE STRUTTURE DI TRUST NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE CASTELLANZA, 19 MAGGIO 2009 RIFERIMENTI PERSONALI Avv. Andrea MOJA Presidente Assotrusts Professore a Contratto di International

Dettagli

STUDIO DE POLI - VENEZIA

STUDIO DE POLI - VENEZIA IL TRUST: COS È, IN BREVE di Ilaria Della Vedova Avvocato dello Studio De Poli Venezia Membro dell organismo Professionisti Accreditati in materia di Trust 1) Che cos è il trust? È un istituto di origine

Dettagli

IL TRUST PER SOGGETTI DEBOLI

IL TRUST PER SOGGETTI DEBOLI IL TRUST PER SOGGETTI DEBOLI Prof. Alceste Santuari Docente di diritto dell economia degli enti non profit Università di Bologna sede di Forlì @ alceste.santuari@unibo.it Il Trust Per trust s'intendono

Dettagli

L ISTITUTO DEI TRUST WWW.OPPORTU ORT NIT NI Y T S Y RL.COM

L ISTITUTO DEI TRUST WWW.OPPORTU ORT NIT NI Y T S Y RL.COM L ISTITUTO DEI TRUST WWW.OPPORTUNITYSRL.COM L ISTITUTO DEL TRUST Il trust (che tradotto dall inglese significa "fidarsi") è stato riconosciuto in Italia solo di recente. Infatti la legge 364/89 recepisce

Dettagli

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4 FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI. L ESPERIBILITÀ DELL AZIONE

Dettagli

Trust: imposta di donazione immediata. Cassazione, ordinanze n. 3735, 3737 e 3866

Trust: imposta di donazione immediata. Cassazione, ordinanze n. 3735, 3737 e 3866 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 102 24.03.2015 Trust: imposta di donazione immediata Cassazione, ordinanze n. 3735, 3737 e 3866 Categoria: Enti commerciali/non commerciali Sottocategoria:

Dettagli

Le normali forme di tutela del patrimonio personale adottate nel sistema economico: dal fondo patrimoniale al trust

Le normali forme di tutela del patrimonio personale adottate nel sistema economico: dal fondo patrimoniale al trust Le normali forme di tutela del patrimonio personale adottate nel sistema economico: dal fondo patrimoniale al trust Palazzo della Ragione, Verona 18 novembre 2011 Prof. Avv. Matteo De Poli Gli strumenti

Dettagli

FONDO, TRUST, VINCOLO DI DESTINAZIONE NOTAIO EMANUELE DE MICHELI

FONDO, TRUST, VINCOLO DI DESTINAZIONE NOTAIO EMANUELE DE MICHELI TUTELA PATRIMONIALE FONDO, TRUST, VINCOLO DI DESTINAZIONE NOTAIO EMANUELE DE MICHELI Fonti normative FONDO PATRIMONIALE: artt. 167 ss. cod. civ. Fonti normative FONDO PATRIMONIALE: artt. 167 ss. cod. civ.

Dettagli

Tutti caratterizzati da effetto segregativo

Tutti caratterizzati da effetto segregativo Il fondo patrimoniale i quale strumento di protezione del patrimonio i familiare Confronto tra fondo patrimoniale e trust di Maurizio Casalini 1 Esempi di patrimoni separati Fondo patrimoniale Accettazione

Dettagli

TRUSTS. Avv. Nunzio Dario Latrofa. BARI Scuola Forense 2002

TRUSTS. Avv. Nunzio Dario Latrofa. BARI Scuola Forense 2002 TRUSTS Avv. Nunzio Dario Latrofa BARI Scuola Forense 2002 1 Usi del trust I principali usi del trust: ottimizzazione della disciplina fiscale; trasferimento dei beni localizzati in Paesi diversi da quello

Dettagli

SOMMARIO. Prefazione... V Profilo Autori... VII Introduzione... 1. Capitolo 1 Autonomia privata e negozi di destinazione

SOMMARIO. Prefazione... V Profilo Autori... VII Introduzione... 1. Capitolo 1 Autonomia privata e negozi di destinazione SOMMARIO Prefazione... V Profilo Autori... VII Introduzione... 1 Capitolo 1 Autonomia privata e negozi di destinazione 1. I negozi di destinazione patrimoniale... 6 1.1. La disciplina del trust secondo

Dettagli

FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.)

FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.) FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.) COSTITUZIONE AMMINISTRAZIONE EFFICACIA OPPONIBILITA REVOCATORIA CESSAZIONE REGIME FISCALE DOTT.SSA ALESSANDRA DE LEONARDIS OBIETTIVI DEL FONDO CONCETTO DI FAMIGLIA

Dettagli

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alla configurabilità di un Trust Onlus Approvato dalla Commissione

Dettagli

Cosa è il Trust. 1 Art. 2 della Convenzione dell Aja.

Cosa è il Trust. 1 Art. 2 della Convenzione dell Aja. Cosa è il Trust Il Trust è un istituto di matrice anglosassone di lunga tradizione, sviluppatosi nei paesi di common law e che ha fatto il suo ingresso in Italia con la ratifica della Convenzione dell

Dettagli

Analisi comparativa degli strumenti di protezione del patrimonio

Analisi comparativa degli strumenti di protezione del patrimonio Analisi comparativa degli strumenti di protezione del patrimonio Avv. Fabrizio Vedana 1 STRUMENTI A DISPOSIZIONE HOLDING DI FAMIGLIA PATTI DI FAMIGLIA FONDAZIONI MANDATO FIDUCIARIO ATTI DI DESTINAZIONE

Dettagli

IL TRUST ED I VINCOLI DI DESTINAZIONE PATRIMONIALE

IL TRUST ED I VINCOLI DI DESTINAZIONE PATRIMONIALE IL TRUST ED I VINCOLI DI DESTINAZIONE PATRIMONIALE IL TRUST La Repubblica Italiana con la legge n. 364 del 16 ottobre 1989, entrata in vigore il 1 gennaio 1992, ha ratificato la sottoscrizione della Convenzione

Dettagli

Parte I IL FONDO PATRIMONIALE

Parte I IL FONDO PATRIMONIALE Parte I IL FONDO PATRIMONIALE Capitolo 1 - Il fondo patrimoniale nell ordinamento civilistico italiano 1.1 Cenni storici... 13 1.2 Considerazioni generali sulla riforma del diritto di famiglia... 15 1.3

Dettagli

Il passaggio generazionale: questioni giuridiche e fattori di successo - aspetti giuridici -

Il passaggio generazionale: questioni giuridiche e fattori di successo - aspetti giuridici - Il passaggio generazionale: questioni giuridiche e fattori di successo - aspetti giuridici - Verona, 29 settembre 2011 Avv. Simone Rossi Passaggio generazionale Trasferimento della proprietà e della gestione

Dettagli

Convegno: Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta. Lo strumento del Trust e descrizione di un caso

Convegno: Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta. Lo strumento del Trust e descrizione di un caso Convegno: Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta Lo strumento del Trust e descrizione di un caso Dott. Massimo Lodi Direttore Generale UBI TRUSTEE S.A.

Dettagli

Corso sul trust. La scelta della legge regolatrice 7 dicembre 2012. Dott. Filippo Lanteri STEP Member

Corso sul trust. La scelta della legge regolatrice 7 dicembre 2012. Dott. Filippo Lanteri STEP Member Corso sul trust La scelta della legge regolatrice 7 dicembre 2012 Dott. Filippo Lanteri STEP Member 2 Una breve introduzione Il panorama interno: La convenzione dell Aja e la legge di ratifica Il panorama

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

Aprile 2013. Impignorabilità (e sequestrabilità) dei beni costituiti in trust

Aprile 2013. Impignorabilità (e sequestrabilità) dei beni costituiti in trust Aprile 2013 Impignorabilità (e sequestrabilità) dei beni costituiti in trust Avv. Massimo Lembo, Responsabile Direzione Centrale Compliance, Veneto Banca Premessa Occorre premettere che, in base ai principi

Dettagli

Orientamenti di merito Quando l'imposta sulle donazioni si applica al trust

Orientamenti di merito Quando l'imposta sulle donazioni si applica al trust Orientamenti di merito Quando l'imposta sulle donazioni si applica al trust In due recenti sentenze della giurisprudenza di merito viene chiarito che l imposta sulle donazioni e successioni si applica

Dettagli

La Convenzione de L Aja, i trust esteri e i trust interni. Bergamo, 7 maggio 2014

La Convenzione de L Aja, i trust esteri e i trust interni. Bergamo, 7 maggio 2014 , i trust esteri e i trust interni Bergamo, 7 maggio 2014 Agenda 1. La Convenzione de L Aja 2.I trust esteri e i trust interni 2 3 1. La Convenzione de L Aja La fiducia Nella tradizione di common law la

Dettagli

RAPPRESE TA ZA (diretta) Artt. 1387 ss.

RAPPRESE TA ZA (diretta) Artt. 1387 ss. 1 RAPPRESE TA ZA (diretta) Artt. 1387 ss. Regola: coincidenza tra soggetto (parte) in senso formale (autore dell atto) e soggetto (parte) in senso sostanziale (sulla sfera giuridica del quale si producono

Dettagli

IL TRUST 1. DEFINIZIONE E FINALITA 2. I SOGGETTI COINVOLTI

IL TRUST 1. DEFINIZIONE E FINALITA 2. I SOGGETTI COINVOLTI IL TRUST 1. DEFINIZIONE E FINALITA Il trust è un contratto con cui un soggetto disponente (settlor) trasferisce la proprietà di uno o più beni a un soggetto fiduciario (trustee), il quale ne dispone e

Dettagli

Indice. 1 La rappresentanza ---------------------------------------------------------------------------------------3

Indice. 1 La rappresentanza ---------------------------------------------------------------------------------------3 INSEGNAMENTO DI ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO I LEZIONE IX IL NEGOZIO GIURIDICO (PARTE II) PROF. DOMENICO RUGGIERO Indice 1 La rappresentanza ---------------------------------------------------------------------------------------3

Dettagli

PATRIMONIA SUMMIT 2 0 1 4 SUNT SERVANDA

PATRIMONIA SUMMIT 2 0 1 4 SUNT SERVANDA PATRIMONIA SUMMIT 2 0 1 4 SUNT SERVANDA Wealth(Planning(di(Azimut( come(risposta(alle(esigenze(di( passaggio(generazionale(dei( nostri(clienti 2 PARTE I TRUST La struttura giuridica Il Trust è un istituto

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati:

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: dott. Antonio Cumin, presidente dott. Giovanni Frangipane,

Dettagli

DEROGHE AI PRINCIPI DELLA SEPARAZIONE PATRIMONIALE

DEROGHE AI PRINCIPI DELLA SEPARAZIONE PATRIMONIALE DEROGHE AI PRINCIPI DELLA SEPARAZIONE PATRIMONIALE SOMMARIO 1)Il nuovo articolo 2929 bic c.c. (d.l. in corso di conversione); 2)Responsabilità patrimoniale; Azione revocatoria ; Alienazioni a titolo gratuito;

Dettagli

GENTE MONEY OTTOBRE 2013

GENTE MONEY OTTOBRE 2013 PROTEZIONE DE PATRIMONIO: CHI NE HA BISOGNO E QUALI SONO I LIMITI (*) (*) Roberto Lenzi Avvocato, Lenzi e Associati La ricerca e individuazione di forme di protezione del patrimonio è sicuramente argomento

Dettagli

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n.

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n. ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1): L art. 216, primo comma, n. 1, L. Fall. sanziona l imprenditore, dichiarato fallito, che prima della dichiarazione di fallimento

Dettagli

Tutela del patrimonio immobiliare Le possibili soluzioni trust, fondo patrimoniale, assicurazione vita.

Tutela del patrimonio immobiliare Le possibili soluzioni trust, fondo patrimoniale, assicurazione vita. Venerdì 5 luglio 2013. Sutherland House Suite 108 3 Lloyd s Avenue London Tutela del patrimonio immobiliare Le possibili soluzioni trust, fondo patrimoniale, assicurazione vita. Rag. Giuseppe Lepore Commercialista

Dettagli

VOLUNTARY DISCLOSURE STRUTTURE INTERPOSTE. Prof. Guido Feller Wealth Planning Azimut Dottore Commercialista. Firenze, 10 aprile 2015

VOLUNTARY DISCLOSURE STRUTTURE INTERPOSTE. Prof. Guido Feller Wealth Planning Azimut Dottore Commercialista. Firenze, 10 aprile 2015 VOLUNTARY DISCLOSURE STRUTTURE INTERPOSTE Prof. Guido Feller Wealth Planning Azimut Dottore Commercialista Firenze, 10 aprile 2015 Agenda 1. Introduzione 2. Polizze Vita 3. Società 4. Trust 5. Sintesi

Dettagli

Professional Trust Company

Professional Trust Company italiano Professional Trust Company Creata nel 2009 da un rinomato studio legale e notarile, dopo una pluriennale attività di consulenza prestata nell ambito del diritto dei Trust, la PROFESSIONAL TRUST

Dettagli

L Istituto del Trust ed i profili applicativi

L Istituto del Trust ed i profili applicativi L Istituto del Trust ed i profili applicativi Forlì, 8 ottobre 2015 Via degli Agresti 6, 40123 - Bologna 1 Cos è il Trust: Istituto di origine anglosassone secondo il quale un disponente trasferisce beni

Dettagli

IL TRUST IN ITALIA. Milano, 22 e 23 giugno 2011 Camera di Commercio di Milano, Palazzo Giureconsulti

IL TRUST IN ITALIA. Milano, 22 e 23 giugno 2011 Camera di Commercio di Milano, Palazzo Giureconsulti IL TRUST IN ITALIA STRUTTURA ED EVOLUZIONE DELLA FATTISPECIE IL RAPPORTO CON IL MANDATO FIDUCIARIO E CON IL NUOVO CONTRATTO DI FIDUCIA LE FORME DI UTILIZZAZIONE Milano, 22 e 23 giugno 2011 Camera di Commercio

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

TRIBUNALE DI MODENA SEZIONE DISTACCATA DI CARPI. YY spa e Confezioni ZZ srl, con avv.ti Alberto Lotti e Fabrizio Bulgarelli

TRIBUNALE DI MODENA SEZIONE DISTACCATA DI CARPI. YY spa e Confezioni ZZ srl, con avv.ti Alberto Lotti e Fabrizio Bulgarelli Provvedimenti cautelari Sequestro conservativo Sequestro conservativo di quote sociali - Pendenza di azione revocatoria verso conferimento di ramo d azienda Decreto ingiuntivo nella disponibilità del creditore

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alle partecipazione di controllo detenute da Onlus in enti societari aventi

Dettagli

SEMINARIO CLUB FINANZA D IMPRESA

SEMINARIO CLUB FINANZA D IMPRESA SEMINARIO CLUB FINANZA D IMPRESA Strumenti per la protezione del patrimonio immobiliare le nuove necessità di asset protection Dott. Massimo Lodi ***** Responsabile Family Business Advisory UBI Private

Dettagli

i diritti dei membri della famiglia legittima.

i diritti dei membri della famiglia legittima. Secondo il dettato dell art 30 della Costituzione, la legge assicura ai figli nati fuori dal matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, salvo il limite di compatibilità con i diritti dei membri della

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma,

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma, Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione Roma, OGGETTO: Decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, e successive modificazioni - Attività di segnalazione

Dettagli

Damiano Marinelli Riflessioni sull art. 2645 ter del codice civile

Damiano Marinelli Riflessioni sull art. 2645 ter del codice civile A12 Damiano Marinelli Riflessioni sull art. 2645 ter del codice civile Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06)

Dettagli

Relatore: Avv. Maria Chiara CESARANI Moderatore: Avv. Roberta DI MAGGIO

Relatore: Avv. Maria Chiara CESARANI Moderatore: Avv. Roberta DI MAGGIO Relatore: Avv. Maria Chiara CESARANI Moderatore: Avv. Roberta DI MAGGIO Inquadramento Concettuale Il diritto, derivante dal latino rectus, indica la conformità ad un modello di cosa o di azione stabilita

Dettagli

Il Trust a sostegno di soggetti deboli

Il Trust a sostegno di soggetti deboli Il Trust a sostegno di soggetti deboli dott. Marco Snichelotto dott. Marco Snichelotto 1 Soggetti deboli Locuzione volutamente generica. Non è necessario che il beneficiario del trust sia un soggetto riconosciuto

Dettagli

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO di Giorgio Tarzia, Avvocato e professore Sommario: 1. Premessa - 2. Quali sono le impugnative non esperibili nel successivo

Dettagli

Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni.

Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Voluntary disclosure Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni. CARLO GALLI CLIFFORD CHANCE Milano,

Dettagli

Cass. Pen. 27 maggio 2014, n. 21621. Avv. Adolfo Tencati

Cass. Pen. 27 maggio 2014, n. 21621. Avv. Adolfo Tencati RIFLESSI CIVILISTICI DEL SEQUESTRO PREVENTIVO ANTIMAFIA Cass. Pen. 27 maggio 2014, n. 21621 Avv. Adolfo Tencati Il trust è illegittimo (sham) quando la segregazione patrimoniale mira a realizzare fini

Dettagli

Atti di destinazione ex 2645ter cc

Atti di destinazione ex 2645ter cc Atti di destinazione ex 2645ter cc - Introdotto nel 2006 (L. 23.02.2006 n. 91); - Riguarda: Immobili e beni mobili registrati; - Durata: massimo 90 anni, ovvero quanto la vita della persona beneficiaria;

Dettagli

Voluntary Disclosure: il ruolo del Private Banking e dei servizi fiduciari per la pianificazione patrimoniale dei capitali

Voluntary Disclosure: il ruolo del Private Banking e dei servizi fiduciari per la pianificazione patrimoniale dei capitali Voluntary Disclosure: il ruolo del Private Banking e dei servizi fiduciari per la pianificazione patrimoniale dei capitali Dott.ssa Concetta Granata, Area Private Banking - Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

Il fondo patrimoniale

Il fondo patrimoniale Paolo Tonalini Notaio Il fondo patrimoniale Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Pavia in collaborazione con Banca Generali Relazione al Convegno del 6 marzo 2015 NOTAIO PAOLO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO di FIRENZE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO di FIRENZE N. R.G. 12648/2010 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO di FIRENZE Terza sezione CIVILE Il Tribunale, nella persona del Giudice dott. Riccardo Guida, ha pronunciato la seguente:

Dettagli

CASA E FISCO. Aggiunti con Emendamento Fleres

CASA E FISCO. Aggiunti con Emendamento Fleres CASA E FISCO VADEMECUM SCUDO FISCALE 2009 Lo scudo fiscale prevede la possibilità di regolarizzare le attività finanziarie o patrimoniali detenute all estero in violazione della normativa relativa al monitoraggio

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario CIRCOLARE N. 28/E Settore Fiscalità Generale e Indiretta Roma, 27 marzo 2008 OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario 2 1. Premessa 3 2. Il nuovo ambito

Dettagli

IL TRUST ITALIANO : La soluzione per la famiglia e l impresa

IL TRUST ITALIANO : La soluzione per la famiglia e l impresa IL TRUST ITALIANO : La soluzione per la famiglia e l impresa Il Trust italiano Il Trust Interno è quel trust ove - a parte la legge regolatrice ed eventualmente il trustee - disponente, beni e beneficiari

Dettagli

Commissione Tributaria Provinciale di Milano, Sez. 46, sent. n. Massima E illegittima l iscrizione a ruolo eseguita da un Ufficio

Commissione Tributaria Provinciale di Milano, Sez. 46, sent. n. Massima E illegittima l iscrizione a ruolo eseguita da un Ufficio Commissione Tributaria Provinciale di Milano, Sez. 46, sent. n. 149 del 17.4.2009, dep. il 21.5.2009. Massima E illegittima l iscrizione a ruolo eseguita da un Ufficio dell Agenzia delle Entrate territorialmente

Dettagli

Editrice PROPRETARIO EX ART. 2929-BIS C.C. (DOPO IL D.L. 83/2015) Formula annotata di Giulio SPINA TRIBUNALE DI...

Editrice PROPRETARIO EX ART. 2929-BIS C.C. (DOPO IL D.L. 83/2015) Formula annotata di Giulio SPINA TRIBUNALE DI... Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 24.9.2015 La Nuova Procedura Civile, 3, 2015 Editrice ATTO DI PIGNORAMENTO IMMOBILIARE CONTRO IL TERZO PROPRETARIO

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE AI TERMINI DELLʹART. 71 COMMA 2 DELLA COSTITUZIONE E DEGLI ARTT. 48 E 49 DELLA L. N.

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE AI TERMINI DELLʹART. 71 COMMA 2 DELLA COSTITUZIONE E DEGLI ARTT. 48 E 49 DELLA L. N. PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE AI TERMINI DELLʹART. 71 COMMA 2 DELLA COSTITUZIONE E DEGLI ARTT. 48 E 49 DELLA L. N. 352/1970 DISPOSIZIONI IN TEMA DI IMPIGNORABILITAʹ DELLA PRIMA CASA E DEI BENI

Dettagli

FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA

FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA Il Fondo patrimoniale: profili di (in)utilità? Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta Data 02/07/2015 FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA Negozio di destinazione(costituente)

Dettagli

Diritto Societario. Riassunto. Brevi notizie sul trust

Diritto Societario. Riassunto. Brevi notizie sul trust Diritto Societario Brevi notizie sul trust Riassunto Questo memorandum si propone esclusivamente di dare qualche breve indicazione sul Trust a clienti ed ai loro consulenti. Come usuale in alcuni campi

Dettagli

! ! ! ! !! - INTERRUZIONE PER MORTE DI UNO DEI CONVIVENTI rimedio: il testamento - INTERRUZIONE VOLONTARIA rimedio: patto di convivenza INTERRUZIONE VOLONTARIA: - PROVA DELLA CONVIVENZA - ACCERTAMENTO

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Introduzione... Pag. VII

INDICE-SOMMARIO. Introduzione... Pag. VII IX INDICE-SOMMARIO Introduzione... Pag. VII Capitolo Primo IL SISTEMA DI AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO DELLE S.P.A. (hanno collaborato Giusy Staropoli, Eleonora Bianchi, avvocati) 1. L amministrazione della

Dettagli

Corso di perfezionamento in. Governance del patrimonio e passaggio generazionale

Corso di perfezionamento in. Governance del patrimonio e passaggio generazionale Università degli Studi di Brescia con il patrocinio di Gruppo Generali S.p.A. Corso di perfezionamento in Governance del patrimonio e passaggio generazionale Programma 12 incontri da 8 ore ciascuno (4

Dettagli

La fiscalità dei trust di interesse familiare: casi particolari e confronto con strumenti alternativi

La fiscalità dei trust di interesse familiare: casi particolari e confronto con strumenti alternativi La fiscalità dei trust di interesse familiare: casi particolari e confronto con strumenti alternativi Avv. Massimo Antonini 11 marzo 2011 massimo.antonini@chiomenti.net Patti di famiglia Caratteristiche

Dettagli

Fondi Pensione Aperti

Fondi Pensione Aperti Fondi Pensione Aperti Massimo Nicoletti Milano 07 novembre, 2014 2 Cenni sulla Previdenza Fonte 3 Cenni sulla Previdenza Fonte Insurance Companies 4 FPA: elementi identificativi e modalità di costituzione

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni...

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni... Elenco delle principali abbreviazioni... XXI CAPITOLO PRIMO NOZIONI INTRODUTTIVE pag. Guida bibliografica... 3 1. Definizione di società di fatto... 7 2. Distinzione della società di fatto rispetto alla

Dettagli

Unità di Informazione Finanziaria per l Italia

Unità di Informazione Finanziaria per l Italia Unità di Informazione Finanziaria per l Italia SCHEMA RAPPRESENTATIVO DI COMPORTAMENTI ANOMALI AI SENSI DELL ART. 6, COMMA 7, LETT. B) DEL D.LGS 231/2007. OPERATIVITA CONNESSA CON L ANOMALO UTILIZZO DI

Dettagli

LA TUTELA DEL PATRIMONIO PERSONALE: IL FONDO PATRIMONIALE E GLI ALTRI STRUMENTI DI PROTEZIONE PREVENTIVA E IN CASO DI CRISI AZIENDALE

LA TUTELA DEL PATRIMONIO PERSONALE: IL FONDO PATRIMONIALE E GLI ALTRI STRUMENTI DI PROTEZIONE PREVENTIVA E IN CASO DI CRISI AZIENDALE SEMINARIO LA TUTELA DEL PATRIMONIO PERSONALE: IL FONDO PATRIMONIALE E GLI ALTRI STRUMENTI DI PROTEZIONE PREVENTIVA E IN CASO DI CRISI AZIENDALE Ancona, 24 febbraio 2012 Grand Hotel Passetto Via Paolo Thaon

Dettagli

Legge applicabile: il Regolamento Roma I

Legge applicabile: il Regolamento Roma I Legge applicabile: il Regolamento Roma I Il 17 giugno 2008 il Parlamento europeo e il Consiglio hanno adottato il regolamento applicabile alle obbligazioni contrattuali (regolamento CE n. 593/2008 pubblicato

Dettagli

Il fallimento italiano delle società trasferite all estero

Il fallimento italiano delle società trasferite all estero Il fallimento italiano delle società trasferite all estero La globalizzazione, con l apertura delle frontiere, e l allargamento dei mercati, comporta contatti sempre più intensi con imprenditori esteri.

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte Prima TUTELA CAUTELARE E GIURISDIZIONE CONTABILE

INDICE SOMMARIO. Parte Prima TUTELA CAUTELARE E GIURISDIZIONE CONTABILE Presentazione.................................. XIII Parte Prima TUTELA CAUTELARE E GIURISDIZIONE CONTABILE CAPITOLO I L INQUADRAMENTO DELLA TUTELA CAUTELARE NELL AMBITO DEI GIUDIZI INNANZI ALLA CORTE

Dettagli

Trust interni ed esterni: casi di studio

Trust interni ed esterni: casi di studio Trust interni ed esterni: casi di studio Avv. Sebastiano Garufi, PhD Monza, 25 febbraio 2011 POTENZIALI UTILIZZI DEL TRUST FAMIGLIA (private) Pianificazione successoria Ottimizzazione flussi di reddito

Dettagli

L ammissibilità e la disciplina del Trust nel nostro ordinamento Lo sviluppo storico dei Trusts Il Trust è un istituto di matrice anglosassone

L ammissibilità e la disciplina del Trust nel nostro ordinamento Lo sviluppo storico dei Trusts Il Trust è un istituto di matrice anglosassone L ammissibilità e la disciplina del Trust nel nostro ordinamento Lo sviluppo storico dei Trusts Il Trust è un istituto di matrice anglosassone diffuso nei paesi a Common law ma anche nei paesi a Civil

Dettagli

RESPONSABILITA PATRIMONIALE DEL DOTTORE COMMERCIALISTA NELLA VESTE DI SINDACO DI SOCIETA. Avv. Gabriele Di Nuzzo Cristofori + Partners s.s.t.p.

RESPONSABILITA PATRIMONIALE DEL DOTTORE COMMERCIALISTA NELLA VESTE DI SINDACO DI SOCIETA. Avv. Gabriele Di Nuzzo Cristofori + Partners s.s.t.p. RESPONSABILITA PATRIMONIALE DEL DOTTORE COMMERCIALISTA NELLA VESTE DI SINDACO DI SOCIETA Avv. Gabriele Di Nuzzo Cristofori + Partners s.s.t.p. Art. 2407 c.c. Art. 2407 c.c. (Responsabilità) I sindaci devono

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ISTITUZIONE PRIVILEGIO EX ART. 4 C. 5 L. 49/1985

REGIONE PIEMONTE ISTITUZIONE PRIVILEGIO EX ART. 4 C. 5 L. 49/1985 REGIONE PIEMONTE ISTITUZIONE PRIVILEGIO EX ART. 4 C. 5 L. 49/1985 INDICE-SOMMARIO 1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO. 2. LE GARANZIE PREVISTE DAL NOSTRO ORDINAMENTO. 2.1 Privilegi 2.2 Garanzie reali 3. LE GARANZIE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 46/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 46/E QUESITO RISOLUZIONE N. 46/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 luglio 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica Uffici dell Amministrazione finanziaria. Imposta di registro. Determinazione della base imponibile degli

Dettagli

LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO. Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014

LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO. Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014 LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014 Le principali novità Iscrizione a ruolo del processo esecutivo per espropriazione (art. 518 co.6)

Dettagli

Le clausole successorie: tra libertà testamentaria e il divieto di patti successori. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Le clausole successorie: tra libertà testamentaria e il divieto di patti successori. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Le clausole successorie: tra libertà testamentaria e il divieto di patti successori A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Regime legale della successione mortis causa della partecipazione liquidare

Dettagli

All appaltatore sarà infatti consentito subappaltare a imprese terze in possesso dei necessari requisiti una quota (massima) del 30% dei lavori di

All appaltatore sarà infatti consentito subappaltare a imprese terze in possesso dei necessari requisiti una quota (massima) del 30% dei lavori di Pagamento diretto dei subappaltatori e anticipazione su fattura: due novità che faranno discutere di Massimo Gentile 1. In attuazione di quanto disposto dall articolo 25, comma 3, della Legge 18 aprile

Dettagli

LIBRO I TITOLO VI - DEL MATRIMONIO

LIBRO I TITOLO VI - DEL MATRIMONIO TITOLO VI - DEL MATRIMONIO 167 25 marzo 2009, n. 7210; Cass. 5 aprile 2007, n. 8610; Cass. 19 novembre 1999, n. 12864 (nella specie la Suprema Corte, in applicazione di tali principi, ha escluso che la

Dettagli

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita 1 La Cassazione chiarisce le conseguenze penali della sottrazione agli obblighi di mantenimento (cd. assegno) e l'ambito di applicazione dell'art. 3 della legge n. 54/2006. Corte di Cassazione, Sezione

Dettagli

si riferisce a soggetti diversi da quelli effettivi, determina il realizzarsi di un' ipotesi di

si riferisce a soggetti diversi da quelli effettivi, determina il realizzarsi di un' ipotesi di LE OPERAZIONI SOGGETTIVAMENTE INESISTENTI L'intestazione fittizia della fattura o del documento, tale da far apparire che l'operazione si riferisce a soggetti diversi da quelli effettivi, determina il

Dettagli

(pubbl. in Gazz. Uff. n. 79 del 4 aprile 1942, ed. straordinaria). DISPOSIZIONI SULLA LEGGE IN GENERALE CAPO I DELLE FONTI DEL DIRITTO

(pubbl. in Gazz. Uff. n. 79 del 4 aprile 1942, ed. straordinaria). DISPOSIZIONI SULLA LEGGE IN GENERALE CAPO I DELLE FONTI DEL DIRITTO R.D. 16 marzo 1942, n. 262. Approvazione del testo del Codice civile. (pubbl. in Gazz. Uff. n. 79 del 4 aprile 1942, ed. straordinaria). DISPOSIZIONI SULLA LEGGE IN GENERALE CAPO I DELLE FONTI DEL DIRITTO

Dettagli

SPUNTI IN MATERIA DI PIANIFICAZIONE SUCCESSORIA WEALTH MANAGEMENT E PROTEZIONE DEL PATRIMONIO

SPUNTI IN MATERIA DI PIANIFICAZIONE SUCCESSORIA WEALTH MANAGEMENT E PROTEZIONE DEL PATRIMONIO SPUNTI IN MATERIA DI PIANIFICAZIONE SUCCESSORIA WEALTH MANAGEMENT E PROTEZIONE DEL PATRIMONIO LA SUCCESSIONE Fatti queste semplici domande: - Sono consapevole di come si articolerà la mia successione?

Dettagli

Ai Capi Ufficio. e p.c. Al Direttore Amministrativo LORO SEDI. Oggetto: Applicazione dell Iva ai contributi erogati per la realizzazione di progetti.

Ai Capi Ufficio. e p.c. Al Direttore Amministrativo LORO SEDI. Oggetto: Applicazione dell Iva ai contributi erogati per la realizzazione di progetti. Direzione Area Contabile Servizio Affari Fiscali Viale Gallipoli 49-73100 Lecce Tel. 0832/293392 - Fax. 0832/293042 Lecce, lì 18 luglio 2003 Prot. 15971 Ai Direttori dei Centri di Spesa Ai Responsabili

Dettagli

trusts nel diritto di famiglia

trusts nel diritto di famiglia CIVILE E PROCESSO e pratica del diritto SALVATORE trusts nel diritto di famiglia GIUFFRÈ EDITORE INDICE SOMMARIO I PRINCÌPI DEL DIRITTO DEI TRUSTS 1. Nozione, funzione, connotati strutturali del trust

Dettagli

TIPI DI SOCIETÀ PREVISTI DAL CODICE

TIPI DI SOCIETÀ PREVISTI DAL CODICE N O E S Le società Ripassare ed esercitarsi TIPI DI SOCIETÀ PREVISTI DAL CODICE Società di persone Società di capitali Società semplice Società in accomandita semplice Società cooperativa Società di mutua

Dettagli

(*) Sentenze reperite sul sito www.il- trust- in- italia.it

(*) Sentenze reperite sul sito www.il- trust- in- italia.it Giurisprudenza Tributaria in materia di tassazione di conferimento di beni in Trust (*) Comm. Trib. Prov. Perugia 19.06.2014 n. 470/2/14 Dichiara che, al momento dell'istituzione di un trust, il beneficiario

Dettagli

IL TRUST. Corsico, 14 dicembre 2014

IL TRUST. Corsico, 14 dicembre 2014 Iscritto all Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Milano al n. 1447 Commercialista - Revisore Contabile - Consulente Tecnico del Tribunale di Milano IL TRUST Corsico, 14 dicembre 2014

Dettagli

TRUST IN FAVORE DEI SOGGETTI DEBOLI Lecco, 26 marzo 2009

TRUST IN FAVORE DEI SOGGETTI DEBOLI Lecco, 26 marzo 2009 TRUST IN FAVORE DEI SOGGETTI DEBOLI Lecco, 26 marzo 2009 RIFLESSI FISCALI, ANCHE ALLA LUCE DELLE NOVITA PARLAMENTARI di Nicola L. de Renzis Sonnino Avvocato in Firenze PREMESSA I PROFILI TRIBUTARI: IL

Dettagli

Azione revocatoria ordinaria

Azione revocatoria ordinaria INDICE SOMMARIO Parte Prima Azione revocatoria ordinaria VINCENZO VITALONE CAPITOLO PRIMO LA NATURA DELL AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA........... pag. 3 CAPITOLO SECONDO GLI ATTI REVOCABILI 1. Le esclusioni............................»

Dettagli

Efficienza e attrattività del mercato immobiliare. Strumenti per agevolare il ritorno degli investitori

Efficienza e attrattività del mercato immobiliare. Strumenti per agevolare il ritorno degli investitori Efficienza e attrattività del mercato immobiliare. Strumenti per agevolare il ritorno degli investitori La riforma in tema di procedure esecutive Avv. Daniele Raynaud (Name Partner) Milano, 28 ottobre

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Introduzione...

INDICE SOMMARIO. Introduzione... SOMMARIO Introduzione... XV CAPITOLO 1 LA FORMA DEL PIGNORAMENTO 1. Come si articola la disciplina di riferimento... 2 2. Alcune osservazioni sul dato positivo... 5 3. L atto di pignoramento presso terzi...

Dettagli

ANNAPAOLA TONELLI CURRICULUM

ANNAPAOLA TONELLI CURRICULUM CURRICULUM ANNAPAOLA TONELLI Iscritta all Ordine degli Avvocati di Bologna dal 1995 con il n. 3469 svolge la professione: a Bologna, presso lo studio legale associato, di cui è socia fondatrice VTN Vannacci

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Lavoro, Previdenza Sociale

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Lavoro, Previdenza Sociale SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Lavoro, Previdenza Sociale Indagine conoscitiva sullo stato di attuazione della disciplina in materia di diritto al lavoro delle persone disabili Audizione Associazione

Dettagli

Il settore del TRUST in Italia

Il settore del TRUST in Italia Il settore del TRUST in Italia Giugno 2014 Indagine a cura di Lorenzo Ferrari Università L. Bocconi Milano Tesi di laurea specialistica in Management Relatore Prof. Avv. Marco Carone Il presente report

Dettagli