TRUST e PROTEZIONE PATRIMONIALE: AMMISSIBILITA e APPLICAZIONE NEL DIRITTO ITALIANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRUST e PROTEZIONE PATRIMONIALE: AMMISSIBILITA e APPLICAZIONE NEL DIRITTO ITALIANO"

Transcript

1 TRUST e PROTEZIONE PATRIMONIALE: AMMISSIBILITA e APPLICAZIONE NEL DIRITTO ITALIANO avv. Andrea Moja Presidente Assotrusts prof. a Contratto di International Trade Law nell Universit Università LUIC di Castellanza docente di Fondamenti di Diritto Europeo nell Universit Università di Brescia Via Montenapoleone Milano Tel: Fax: PADOVA 7 Marzo

2 ASSOTRUSTS VIA BORGOGNONA ROMA TEL FAX Sito Web: 2

3 ATTIVITA ASSOTRUSTS -CONFEDILIZIA Promozione e di sviluppo del trust sia nel settore immobiliare che in altri settori; Organizzazione di convegni; Promozione dell uso del trust presso le istituzioni; Soci fondatori quattro trusts; tre esteri ed un trust totalmente interno. 3

4 PARTE I L' Asset Protection Trust 4

5 IL CONCETTO DI ASSET PROTECTION TRUST L espressione Asset Protection Trust identifica una particolare tipologia di trust per effetto della quale il disponente si spoglia del suo patrimonio per conferirlo in trust ma al contempo mantenere il godimento ed il controllo su quanto oggetto di trasferimento. Alcune legislazioni di Common Law,, come ad esempio le Cayman Islands, Bermuda, Gibilterra, Bahamas, Jersey, e Guernsey, prevedono espressamente la possibilità di costituire Asset Protection Trusts. 5

6 LA STRUTTURA DI UN APT La struttura di base di un APT è quella propria di un trust irrevocabile, istituito per un numero determinato di anni, che prevede: come beneficiario del trust il settlor medesimo (con la possibilità,, peraltro, di designare altri beneficiari per il caso della morte del disponente); come trustee una Trust Company avente sede in un paese che ha emanato apposita normativa in tema di APT (ad es. Gibilterra). 6

7 LE CARATTERISTICHE FONDAMENTALI DI UN APT Ciò che caratterizza in modo preponderante un Asset Protection Trust è il fatto che la discrezionalità tipica del trustee viene ad essere fortemente limitata,, così da attribuire un vero e proprio controllo al disponente del trust. Questo risultato può essere raggiunto attraverso: un diritto di veto esercitato da un protector o guardiano del trust; la nomina del disponente quale co-trustee; varie tipologie di atti specifici del caso. Da tutto ciò ne deriva che (continua) 7

8 L ELUSIONE DELLA RESPONSABILITA PATRIMONIALE a determinate condizioni, sarà possibile eludere legittimamente la disciplina propria della responsabilità patrimoniale. In merito, va osservato che nei più importanti sistemi giuridici occidentali la responsabilità patrimoniale e la protezione dei creditori si fondano su due strumenti: l actio pauliana; l azione simulatoria. 8

9 L ELUSIONE DELLA RESPONSABILITA PATRIMONIALE Da tutto ciò ne discende ulteriormente che perché un APT sia efficace occorrerà quindi verificare se esso è in grado di scardinare il principio della responsabilità patrimoniale previsto dall art. art C.C., e rompere così l ordinario principio che regola l ordinario l rapporto giuridico interno tra libertà del debitore e protezione dei creditori. 9

10 GLI ATTI DISPOSITIVI A FAVORE DI UN APT Per l assegnazione l dei beni a favore del trustee esistono, in sostanza, due diverse tipologie di trasferimento: il trasferimento diretto dei beni al trustee; la costituzione di una società alla quale vengono trasferiti i beni del disponente, ed il successivo conferimento delle azioni societarie in trust. 10

11 L EVOLUZIONE DELL APT INTERNAZIONALE A favorire il diffondersi dell Asset Protection Trust internazionale hanno contribuito: le norme di diritto internazionale privato e processuale che hanno stabilito la sottoposizione del trust esclusivamente alla giurisdizione della legge regolatrice del trust; alcune regole operative che hanno ristretto l applicabilità dell azione revocatoria. 11

12 I LIMITI IN TEMA DI ESECUZIONE DELLE SENTENZE ED APPLICAZIONE DEL DIRITTO STRANIERO 1 La Convenzione dell Aja sui trusts,, all articolo articolo 8 stabilisce che la legge regolatrice del trust governa la validità del trust, i suoi effetti e la relativa amministrazione. Nulla la Convenzione dice peraltro per quanto concerne gli atti di conferimento di beni a favore del trust. Questi ultimi sono regolati dalla legge del paese di cittadinanza del disponente, ed i creditori di quest ultimo ultimo devono quindi ottenere: Prima un provvedimento giudiziario che renda inefficace il trasferimento al trust; e poi l esecuzione della sentenza nel paese scelto per l istituzione dell APT APT. 12

13 I LIMITI IN TEMA DI ESECUZIONE DELLE SENTENZE ED APPLICAZIONE DEL DIRITTO STRANIERO 2 Ma da ciò ne discende pertanto che i creditori devono rivolgersi direttamente alle corti del paese in cui il trust è stato istituito. Un esempio in tal senso è dato dall art. art. 6 della Trust (Foreign Element) Law 1987 delle Cayman Islands; Ma quando i creditori si rivolgono ai tribunali del paese in cui è stato istituito il trust, essi si trovano di fronte ad enormi difficoltà giuridiche del tipo di cui a seguire. 13

14 I LIMITI IN TEMA DI ESECUZIONE DELLE SENTENZE ED APPLICAZIONE DEL DIRITTO STRANIERO 3 Le sopra menzionate difficoltà giuridiche si identificano in: una normativa in materia di azione revocatoria molto favorevole al debitore; una disciplina che ritiene validi anche i trusts nei quali il settlor mantiene un notevole potere di controllo sul trust fund (i c.d. sham trusts). 14

15 I LIMITI ALL ESERCIZIO DELL AZIONE REVOCATORIA In molti paesi, tra i quali Gibilterra, Western Samoa, Mauritius, è stata emanata una legislazione molto favorevole per il debitore. Ciò perché: il creditore deve dimostrare che il debitore è insolvente; vige in tali sistemi una procedura lunga e complicata; vi è ivi la necessità di provare l intention l of a transferor wilfully to defeat an obligation owed to a creditor (Cayman Islands, Barbados); la disciplina in tema di revocatoria è applicabile solo ad un creditore che fosse già tale nel momento del trasferimento del bene dal disponente al trustee; ed il termine per l esercizio l dell azione è di due anni dal sorgere del credito ovvero entro 1 anno dal fallimento. 15

16 I LIMITI ALL ACCERTAMENTO ACCERTAMENTO DELLA SIMULAZIONE 1 Come in parte anticipato, si parla di trust simulato (o sham trust) quando il controllo non è detenuto dal trustee, ma dal disponente. Ciò per effetto sia di quanto derivante dall atto atto istitutivo di trust, che per il tramite delle c.d. controdichiarazioni. Il modello dell APT internazionale ha introdotto regole che mirano a garantire la stabilità del trust anche se il disponente mantiene ampi poteri di controllo. Un esempio è dato dall articolo articolo 14 comma 1 della Trust (Foreign Element) Law 1987 delle Cayman Islands. 16

17 I LIMITI ALL ACCERTAMENTO ACCERTAMENTO DELLA SIMULAZIONE 2 Un trust cosi formato non corrisponde alla definizione di cui all articolo articolo 2 della Convenzione dell Aja sui trusts. Esso, peraltro, non può nemmeno essere qualificato come mandato. Le normative in tema di APT ritengono che le controdichiarazioni non invalidino il trust. 17

18 PARTE II L' Asset Protection Trust nell ordinamento italiano 18

19 LA GARANZIA PATRIMONIALE IN ITALIA Con riferimento all istituzione di un Asset Protection Trust,, come in parte già anticipato, la quaestio relativa alla garanzia patrimoniale per i creditori italiani riguarda tre differenti aspetti, che occorre a questo punto esaminare secondo l ordinamento l italiano: l applicazione della Convenzione dell Aja sui trusts; l azione revocatoria; la simulazione del trust. 19

20 LA CONVENZIONE DELL AJA SUI TRUSTS Di per sé, s, la Convenzione dell Aja non pone problemi ad un giudice italiano che voglia evitare di farsi vincolare dalla legge regolatrice scelta dal disponente per costituire l APTl APT. Infatti, al riguardo: se il settlor mantiene, con l atto l istitutivo di trust, il controllo del trust fund,, il giudice può non riconoscere il trust (ai sensi dell art. 2 della Convenzione). In aggiunta poi 20

21 LA CONVENZIONE DELL AJA SUI TRUSTS l articolo 13 della Convenzione dell'aja permette al giudice di rifiutare il riconoscimento del trust, se la scelta della legga è abusiva; infine l articolo 15 della Convenzione dell Aja stabilisce che la stessa non ostacolerà l applicazione delle disposizioni di legge previste dalle regole di conflitto del foro, allorché non si possa derogare a dette disposizioni mediante una manifestazione di volontà (questo è l aspetto che concerne specificamente l azione revocatoria e l azione l di simulazione). 21

22 L AZIONE REVOCATORIA Quello di istituzione del trust è di per sè un atto neutro. Il negozio che può causare pregiudizio ai creditori è l atto di conferimento dei beni al trustee. Per proteggere i creditori l ordinamento l italiano prevede l azione revocatoria nell articolo 2901 C.C. L azione ha due presupposti: l eventus damni; la prova del consilium fraudis. 22

23 L AZIONE REVOCATORIA Ora.. per quanto concerne l eventus l damni,, i beni del settlor potrebbero essere rimpiazzati da un diritto di credito nei confronti del trustee; ; e per quanto concerne poi il consilium fraudis,, se il negozio è a titolo oneroso, occorre provare la frode da parte del debitore e la consapevolezza da parte del terzo. Ma per il credito sorto per il tramite di disposizione a favore di trust occorre la prova del dolo specifico. 23

24 LA REVOCATORIA DEL CONFERIMENTO DEI BENI A FAVORE DI SOCIETA L istituzione dell APT come presunzione della consapevolezza non è applicabile. La consapevolezza concerne la società stessa (fondatori, amministratori). Una presunzione del consilium fraudis sussiste quando il disponente ha rapporti familiari o fiduciari con la società. 24

25 LA SIMULAZIONE DEL TRUST Se il disponente detiene il controllo sul trust fund non si ha un vero trust, ma un mandato. Se l atto l istitutivo è un atto unilaterale recettizio, si applica l art. l 1414, comma III C.C. Il l mancato effettivo affidamento dei beni al trustee è un indice di una simulazione. 25

26 IL RIMPATRIO FORZATO DEI BENI -1- L esecuzione forzata può causare problemi quando i beni si trovano in un paese dove è stato creato il trust e dove c èc una normativa che nega il riconoscimento delle sentenze straniere. Una soluzione può essere quella di cui all art. art. 388 comma 1 del Codice Penale. La norma stabilisce che: Chiunque, per sottrarsi da una sentenza di condanna, o dei quali è in corso l accertamento l dinnanzi l autoritl autorità giudiziaria, compie, sui propri o sugli altrui beni, atti simulati o fraudolenti, o commette allo stesso scopo altri fatti fraudolenti, è punito, qualora non ottemperi alla ingiunzione di eseguire la sentenza, con la reclusione fino a tre anni o con la multa da lire a E però opinione maggioritaria tra i penalisti che sotto questa norma si possano ricondurre solo fattispecie esplicitamente individuate dal legislatore. 26

27 IL RIMPATRIO FORZATO DEI BENI Diversa potrebbe essere la soluzione qualora vi fosse un verbale negativo di pignoramento mobiliare da cui non risultassero altri beni in Italia. In aggiunta l applicazione l del 388 C.P. richiede altre tre condizioni: l esistenza d un d obbligo civile accertato con sentenza di condanna; atti o fatti fraudolenti o simulati compiti dal debitore sui propri beni; che il soggetto non ottemperi all ingiunzione. Se, quindi, l APT l e stato istituito ed i beni sono stati conferiti al trustee prima dell esecuzione esecuzione dell azione civile il disponente non dovrebbe temere nulla. 27

28 RIFERIMENTI PERSONALI Avvocato Andrea Moja Presidente di Assotrusts prof. a Contratto di International Trade Law nell Universit Università LUIC di Castellanza docente di Fondamenti di Diritto Europeo nell Universit Università di Brescia Via Montenapoleone Milano Tel: Fax: Indirizzo 28

I TRUST IN AMBITO IMMOBILIARE

I TRUST IN AMBITO IMMOBILIARE I TRUST IN AMBITO IMMOBILIARE Sistemi a confronto ed efficienza fiscale Avv. Andrea MOJA Presidente Assotrusts Professore a Contratto di International Trade Law Università LIUC di Castellanza Via Monte

Dettagli

Convegno: Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta. Lo strumento del Trust e descrizione di un caso

Convegno: Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta. Lo strumento del Trust e descrizione di un caso Convegno: Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta Lo strumento del Trust e descrizione di un caso Dott. Massimo Lodi Direttore Generale UBI TRUSTEE S.A.

Dettagli

TRUSTS. Avv. Nunzio Dario Latrofa. BARI Scuola Forense 2002

TRUSTS. Avv. Nunzio Dario Latrofa. BARI Scuola Forense 2002 TRUSTS Avv. Nunzio Dario Latrofa BARI Scuola Forense 2002 1 Usi del trust I principali usi del trust: ottimizzazione della disciplina fiscale; trasferimento dei beni localizzati in Paesi diversi da quello

Dettagli

IL TRUST PER SOGGETTI DEBOLI

IL TRUST PER SOGGETTI DEBOLI IL TRUST PER SOGGETTI DEBOLI Prof. Alceste Santuari Docente di diritto dell economia degli enti non profit Università di Bologna sede di Forlì @ alceste.santuari@unibo.it Il Trust Per trust s'intendono

Dettagli

IL TRADING TRUST ED ALTRE STRUTTURE DI TRUST NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE CASTELLANZA, 19 MAGGIO 2009

IL TRADING TRUST ED ALTRE STRUTTURE DI TRUST NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE CASTELLANZA, 19 MAGGIO 2009 IL TRADING TRUST ED ALTRE STRUTTURE DI TRUST NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE CASTELLANZA, 19 MAGGIO 2009 RIFERIMENTI PERSONALI Avv. Andrea MOJA Presidente Assotrusts Professore a Contratto di International

Dettagli

GENTE MONEY OTTOBRE 2013

GENTE MONEY OTTOBRE 2013 PROTEZIONE DE PATRIMONIO: CHI NE HA BISOGNO E QUALI SONO I LIMITI (*) (*) Roberto Lenzi Avvocato, Lenzi e Associati La ricerca e individuazione di forme di protezione del patrimonio è sicuramente argomento

Dettagli

Le normali forme di tutela del patrimonio personale adottate nel sistema economico: dal fondo patrimoniale al trust

Le normali forme di tutela del patrimonio personale adottate nel sistema economico: dal fondo patrimoniale al trust Le normali forme di tutela del patrimonio personale adottate nel sistema economico: dal fondo patrimoniale al trust Palazzo della Ragione, Verona 18 novembre 2011 Prof. Avv. Matteo De Poli Gli strumenti

Dettagli

Cass. Pen. 27 maggio 2014, n. 21621. Avv. Adolfo Tencati

Cass. Pen. 27 maggio 2014, n. 21621. Avv. Adolfo Tencati RIFLESSI CIVILISTICI DEL SEQUESTRO PREVENTIVO ANTIMAFIA Cass. Pen. 27 maggio 2014, n. 21621 Avv. Adolfo Tencati Il trust è illegittimo (sham) quando la segregazione patrimoniale mira a realizzare fini

Dettagli

L Istituto del Trust ed i profili applicativi

L Istituto del Trust ed i profili applicativi L Istituto del Trust ed i profili applicativi Forlì, 8 ottobre 2015 Via degli Agresti 6, 40123 - Bologna 1 Cos è il Trust: Istituto di origine anglosassone secondo il quale un disponente trasferisce beni

Dettagli

Aprile 2013. Impignorabilità (e sequestrabilità) dei beni costituiti in trust

Aprile 2013. Impignorabilità (e sequestrabilità) dei beni costituiti in trust Aprile 2013 Impignorabilità (e sequestrabilità) dei beni costituiti in trust Avv. Massimo Lembo, Responsabile Direzione Centrale Compliance, Veneto Banca Premessa Occorre premettere che, in base ai principi

Dettagli

L ammissibilità e la disciplina del Trust nel nostro ordinamento Lo sviluppo storico dei Trusts Il Trust è un istituto di matrice anglosassone

L ammissibilità e la disciplina del Trust nel nostro ordinamento Lo sviluppo storico dei Trusts Il Trust è un istituto di matrice anglosassone L ammissibilità e la disciplina del Trust nel nostro ordinamento Lo sviluppo storico dei Trusts Il Trust è un istituto di matrice anglosassone diffuso nei paesi a Common law ma anche nei paesi a Civil

Dettagli

IL TRUST ED I VINCOLI DI DESTINAZIONE PATRIMONIALE

IL TRUST ED I VINCOLI DI DESTINAZIONE PATRIMONIALE IL TRUST ED I VINCOLI DI DESTINAZIONE PATRIMONIALE IL TRUST La Repubblica Italiana con la legge n. 364 del 16 ottobre 1989, entrata in vigore il 1 gennaio 1992, ha ratificato la sottoscrizione della Convenzione

Dettagli

Lo strumento del Trust e descrizione di un caso

Lo strumento del Trust e descrizione di un caso S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO TUTELA DEL PATRIMONIO: DISAMINA DEI DIVERSI STRUMENTI A DISPOSIZIONE E CRITERI DI SCELTA Lo strumento del Trust e descrizione di un caso STEFANIA TOMASINI

Dettagli

SOMMARIO. Prefazione... V Profilo Autori... VII Introduzione... 1. Capitolo 1 Autonomia privata e negozi di destinazione

SOMMARIO. Prefazione... V Profilo Autori... VII Introduzione... 1. Capitolo 1 Autonomia privata e negozi di destinazione SOMMARIO Prefazione... V Profilo Autori... VII Introduzione... 1 Capitolo 1 Autonomia privata e negozi di destinazione 1. I negozi di destinazione patrimoniale... 6 1.1. La disciplina del trust secondo

Dettagli

La Convenzione de L Aja, i trust esteri e i trust interni. Bergamo, 7 maggio 2014

La Convenzione de L Aja, i trust esteri e i trust interni. Bergamo, 7 maggio 2014 , i trust esteri e i trust interni Bergamo, 7 maggio 2014 Agenda 1. La Convenzione de L Aja 2.I trust esteri e i trust interni 2 3 1. La Convenzione de L Aja La fiducia Nella tradizione di common law la

Dettagli

DEROGHE AI PRINCIPI DELLA SEPARAZIONE PATRIMONIALE

DEROGHE AI PRINCIPI DELLA SEPARAZIONE PATRIMONIALE DEROGHE AI PRINCIPI DELLA SEPARAZIONE PATRIMONIALE SOMMARIO 1)Il nuovo articolo 2929 bic c.c. (d.l. in corso di conversione); 2)Responsabilità patrimoniale; Azione revocatoria ; Alienazioni a titolo gratuito;

Dettagli

SEMINARIO CLUB FINANZA D IMPRESA

SEMINARIO CLUB FINANZA D IMPRESA SEMINARIO CLUB FINANZA D IMPRESA Strumenti per la protezione del patrimonio immobiliare le nuove necessità di asset protection Dott. Massimo Lodi ***** Responsabile Family Business Advisory UBI Private

Dettagli

Parte I IL FONDO PATRIMONIALE

Parte I IL FONDO PATRIMONIALE Parte I IL FONDO PATRIMONIALE Capitolo 1 - Il fondo patrimoniale nell ordinamento civilistico italiano 1.1 Cenni storici... 13 1.2 Considerazioni generali sulla riforma del diritto di famiglia... 15 1.3

Dettagli

Cosa è il Trust. 1 Art. 2 della Convenzione dell Aja.

Cosa è il Trust. 1 Art. 2 della Convenzione dell Aja. Cosa è il Trust Il Trust è un istituto di matrice anglosassone di lunga tradizione, sviluppatosi nei paesi di common law e che ha fatto il suo ingresso in Italia con la ratifica della Convenzione dell

Dettagli

RESPONSABILITA PATRIMONIALE DEL DOTTORE COMMERCIALISTA NELLA VESTE DI SINDACO DI SOCIETA. Avv. Gabriele Di Nuzzo Cristofori + Partners s.s.t.p.

RESPONSABILITA PATRIMONIALE DEL DOTTORE COMMERCIALISTA NELLA VESTE DI SINDACO DI SOCIETA. Avv. Gabriele Di Nuzzo Cristofori + Partners s.s.t.p. RESPONSABILITA PATRIMONIALE DEL DOTTORE COMMERCIALISTA NELLA VESTE DI SINDACO DI SOCIETA Avv. Gabriele Di Nuzzo Cristofori + Partners s.s.t.p. Art. 2407 c.c. Art. 2407 c.c. (Responsabilità) I sindaci devono

Dettagli

VideoFisco. Trasferimento e tutela dei patrimoni familiari. Relatori: Andrea Scaini e Giovanni Saccenti

VideoFisco. Trasferimento e tutela dei patrimoni familiari. Relatori: Andrea Scaini e Giovanni Saccenti VideoFisco 22 settembre 2010 Trasferimento e tutela dei patrimoni familiari Le novità della manovra correttiva destate d estate Relatori: Andrea Scaini e Giovanni Saccenti SEGNALAZIONI E ASSISTENZA: T.

Dettagli

Atti di destinazione ex 2645ter cc

Atti di destinazione ex 2645ter cc Atti di destinazione ex 2645ter cc - Introdotto nel 2006 (L. 23.02.2006 n. 91); - Riguarda: Immobili e beni mobili registrati; - Durata: massimo 90 anni, ovvero quanto la vita della persona beneficiaria;

Dettagli

IL TRUST APPLICAZIONI PRATICHE. Dott. Maurizio CERRANO Wealth Corporate & Tax S.r.l.

IL TRUST APPLICAZIONI PRATICHE. Dott. Maurizio CERRANO Wealth Corporate & Tax S.r.l. IL TRUST APPLICAZIONI PRATICHE Dott. Maurizio CERRANO Wealth Corporate & Tax S.r.l. 2 Trust e individuo/famiglia BLIND TRUST: per risolvere il problema del conflitto di interesse potenziale in capo a soggetti

Dettagli

IL TRUST NEL DIRITTO COMMERCIALE: NOVITA GIURISPRUDENZIALI E CASISTICA

IL TRUST NEL DIRITTO COMMERCIALE: NOVITA GIURISPRUDENZIALI E CASISTICA IL TRUST NEL DIRITTO COMMERCIALE: NOVITA GIURISPRUDENZIALI E CASISTICA avv. Andrea Moja Presidente Assotrusts Professore a Contratto di International Trade Law Università LIUC di Castellanza Via Monte

Dettagli

FONDO, TRUST, VINCOLO DI DESTINAZIONE NOTAIO EMANUELE DE MICHELI

FONDO, TRUST, VINCOLO DI DESTINAZIONE NOTAIO EMANUELE DE MICHELI TUTELA PATRIMONIALE FONDO, TRUST, VINCOLO DI DESTINAZIONE NOTAIO EMANUELE DE MICHELI Fonti normative FONDO PATRIMONIALE: artt. 167 ss. cod. civ. Fonti normative FONDO PATRIMONIALE: artt. 167 ss. cod. civ.

Dettagli

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alla configurabilità di un Trust Onlus Approvato dalla Commissione

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust.

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 dicembre 2010 OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. PREMESSA Come noto, l articolo 1, commi da 74 a 76, della

Dettagli

" La protezione del patrimonio in periodi di incertezza" Fondazione Cuoa - Altavilla Vicentina, 25 giugno 2012 1

 La protezione del patrimonio in periodi di incertezza Fondazione Cuoa - Altavilla Vicentina, 25 giugno 2012 1 " La protezione del patrimonio in periodi di incertezza" Fondazione Cuoa - Altavilla Vicentina, 25 giugno 2012 1 Principali strumenti giuridici di tutela del patrimonio Polizze D&O Fondo patrimoniale Polizze

Dettagli

Unità di Informazione Finanziaria per l Italia

Unità di Informazione Finanziaria per l Italia Unità di Informazione Finanziaria per l Italia SCHEMA RAPPRESENTATIVO DI COMPORTAMENTI ANOMALI AI SENSI DELL ART. 6, COMMA 7, LETT. B) DEL D.LGS 231/2007. OPERATIVITA CONNESSA CON L ANOMALO UTILIZZO DI

Dettagli

STUDIO DE POLI - VENEZIA

STUDIO DE POLI - VENEZIA IL TRUST: COS È, IN BREVE di Ilaria Della Vedova Avvocato dello Studio De Poli Venezia Membro dell organismo Professionisti Accreditati in materia di Trust 1) Che cos è il trust? È un istituto di origine

Dettagli

XIV FORUM SAF Il Passaggio generazionale e strumenti per la sua realizzazione IL TRUST

XIV FORUM SAF Il Passaggio generazionale e strumenti per la sua realizzazione IL TRUST S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO XIV FORUM SAF Il Passaggio generazionale e strumenti per la sua realizzazione IL TRUST Dott. Massimo Lodi Consigliere d Amministrazione UBI TRUSTEE S.A. 8

Dettagli

IL TRUST 1. DEFINIZIONE E FINALITA 2. I SOGGETTI COINVOLTI

IL TRUST 1. DEFINIZIONE E FINALITA 2. I SOGGETTI COINVOLTI IL TRUST 1. DEFINIZIONE E FINALITA Il trust è un contratto con cui un soggetto disponente (settlor) trasferisce la proprietà di uno o più beni a un soggetto fiduciario (trustee), il quale ne dispone e

Dettagli

www.studiofinpro.it SULL ELEMENTO SOGGETTIVO DELL AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA

www.studiofinpro.it SULL ELEMENTO SOGGETTIVO DELL AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA SULL ELEMENTO SOGGETTIVO DELL AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA Art. 2901 c.c. Condizioni. Il creditore, anche se il credito è soggetto a condizione o a termine, può domandare che siano dichiarati inefficaci

Dettagli

Tutela del patrimonio immobiliare Le possibili soluzioni trust, fondo patrimoniale, assicurazione vita.

Tutela del patrimonio immobiliare Le possibili soluzioni trust, fondo patrimoniale, assicurazione vita. Venerdì 5 luglio 2013. Sutherland House Suite 108 3 Lloyd s Avenue London Tutela del patrimonio immobiliare Le possibili soluzioni trust, fondo patrimoniale, assicurazione vita. Rag. Giuseppe Lepore Commercialista

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y SINGAPORE REGOLE PER IL RECUPERO DEI CREDITI A SINGAPORE di Avv. Francesco Misuraca Azioni civili a Singapore Ai fini della proposizione dell atto di citazione devono sussistere i seguenti requisiti: a)

Dettagli

Appunti sul Trust. Cenni introduttivi L

Appunti sul Trust. Cenni introduttivi L Appunti sul Trust Cenni introduttivi L e prime forme di trust risalgono alla fine del quattrocento in Inghilterra per risolvere problemi di gestione fiduciaria delle proprietà terriere. Nei secoli successivi

Dettagli

La nascita e la storia... 3. L Istituto del Trust... 5. Le principali figure del Trust... 7. Il Trust immobiliare... 9

La nascita e la storia... 3. L Istituto del Trust... 5. Le principali figure del Trust... 7. Il Trust immobiliare... 9 Family Trust Sommario La nascita e la storia... 3 L Istituto del Trust... 5 Le principali figure del Trust... 7 Il Trust immobiliare... 9 La nostra Trust Company - Lettera del CEO... 11 La nascita e la

Dettagli

Il trust e il fondo patrimoniale: similitudini e differenze

Il trust e il fondo patrimoniale: similitudini e differenze Focus di pratica professionale di Ennio Vial e Vita Pozzi Il trust e il fondo patrimoniale: similitudini e differenze Nel presente intervento analizzeremo le analogie e le differenze tra l istituto del

Dettagli

Bari 27 novembre 2009. Il trust in Italia Profili generali e applicazioni pratiche

Bari 27 novembre 2009. Il trust in Italia Profili generali e applicazioni pratiche Bari 27 novembre 2009 Il trust in Italia Profili generali e applicazioni pratiche Via Luigi Calamatta, n. 16 Corso Italia, n. 1 00193 - Roma 70029 - Santeramo in Colle (Ba) Tel. 066872628 dario@studiolatrofa.com

Dettagli

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi Carismi Convegni CARISMICONVEGNI IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Centro Studi I Cappuccini 22 Febbraio 2013 Avv. Francesco Napolitano DONAZIONE DI AZIENDA IMPOSTE DIRETTE La donazione di azienda da parte di

Dettagli

Trust internazionali a Cipro

Trust internazionali a Cipro Trust internazionali a Cipro Trust internazionali a Cipro Criteri di idoneità La International Trusts Law del 1992 (Legge sui trust internazionali) integra la Trustee Law (Legge sul gestore del trust),

Dettagli

VOLUNTARY DISCLOSURE STRUTTURE INTERPOSTE. Prof. Guido Feller Wealth Planning Azimut Dottore Commercialista. Firenze, 10 aprile 2015

VOLUNTARY DISCLOSURE STRUTTURE INTERPOSTE. Prof. Guido Feller Wealth Planning Azimut Dottore Commercialista. Firenze, 10 aprile 2015 VOLUNTARY DISCLOSURE STRUTTURE INTERPOSTE Prof. Guido Feller Wealth Planning Azimut Dottore Commercialista Firenze, 10 aprile 2015 Agenda 1. Introduzione 2. Polizze Vita 3. Società 4. Trust 5. Sintesi

Dettagli

L INTESTAZIONE FIDUCIARIA

L INTESTAZIONE FIDUCIARIA SOMMARIO Capitolo I L INTESTAZIONE FIDUCIARIA 1. Premessa... 3 2. Il negozio fiduciario... 4 3. L intestazione fiduciaria di beni a favore di società fiduciarie: il mandato fiduciario... 10 4. Le società

Dettagli

2. Formule di atti giudiziari

2. Formule di atti giudiziari 2. Formule di atti giudiziari Giuliano Scarselli, Giuseppe Camardi 2.1 Formule utilizzabili per promuovere l azione revocatoria ordinaria ex art. 2901 c.c. Revocatoria di donazione successiva al sorgere

Dettagli

IL TRUST IN ITALIA. Milano, 22 e 23 giugno 2011 Camera di Commercio di Milano, Palazzo Giureconsulti

IL TRUST IN ITALIA. Milano, 22 e 23 giugno 2011 Camera di Commercio di Milano, Palazzo Giureconsulti IL TRUST IN ITALIA STRUTTURA ED EVOLUZIONE DELLA FATTISPECIE IL RAPPORTO CON IL MANDATO FIDUCIARIO E CON IL NUOVO CONTRATTO DI FIDUCIA LE FORME DI UTILIZZAZIONE Milano, 22 e 23 giugno 2011 Camera di Commercio

Dettagli

SEMINARIO IL TRUST: IL MONDO BANCARIO, L IMPRESA E LA FAMIGLIA L ESPERIENZA BANCARIA

SEMINARIO IL TRUST: IL MONDO BANCARIO, L IMPRESA E LA FAMIGLIA L ESPERIENZA BANCARIA IL TRUST: IL MONDO BANCARIO, L IMPRESA E LA FAMIGLIA L ESPERIENZA BANCARIA Avv. Ettore Parlato Spadafora Direttore Affari Legali e Delegato Antiriciclaggio OBIETTIVI DELL INTERVENTO Segnalare l

Dettagli

Diritto Societario. Riassunto. Brevi notizie sul trust

Diritto Societario. Riassunto. Brevi notizie sul trust Diritto Societario Brevi notizie sul trust Riassunto Questo memorandum si propone esclusivamente di dare qualche breve indicazione sul Trust a clienti ed ai loro consulenti. Come usuale in alcuni campi

Dettagli

FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.)

FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.) FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.) COSTITUZIONE AMMINISTRAZIONE EFFICACIA OPPONIBILITA REVOCATORIA CESSAZIONE REGIME FISCALE DOTT.SSA ALESSANDRA DE LEONARDIS OBIETTIVI DEL FONDO CONCETTO DI FAMIGLIA

Dettagli

Una moderna forma di dote matrimoniale : il Fondo patrimoniale.

Una moderna forma di dote matrimoniale : il Fondo patrimoniale. Una moderna forma di dote matrimoniale : il Fondo patrimoniale. a recente proposta di legge che ha per oggetto la destinazione di beni per favorire il sostegno economico, il mantenimento e l istruzione

Dettagli

ATTO DI COSTITUZIONE DI TRUST. AI SENSI DELLA LEGGE 16 ottobre 1989, n. 364

ATTO DI COSTITUZIONE DI TRUST. AI SENSI DELLA LEGGE 16 ottobre 1989, n. 364 ATTO DI COSTITUZIONE DI TRUST AI SENSI DELLA LEGGE 16 ottobre 1989, n. 364 (Ratifica ed esecuzione della convenzione sulla legge applicabile ai trusts e sul loro riconoscimento, adottata a L'Aja il 1 luglio

Dettagli

Trust: origini e sviluppo

Trust: origini e sviluppo Trust: origini e sviluppo Il trust venne inventato dai cavalieri inglesi che partivano per le Crociate e preferivano affidare ad una o più persone di fiducia (trustee) la gestione dei propri beni per preservarli

Dettagli

Azione revocatoria ordinaria

Azione revocatoria ordinaria INDICE SOMMARIO Parte Prima Azione revocatoria ordinaria VINCENZO VITALONE CAPITOLO PRIMO LA NATURA DELL AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA........... pag. 3 CAPITOLO SECONDO GLI ATTI REVOCABILI 1. Le esclusioni............................»

Dettagli

SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE

SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE SCHEDA MONOGRAFICA TMG SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE Data aggiornamento scheda 15 novembre 2013 Redattore Ultimi interventi normativi Davide David D.L. 78/2010 (modifica dell art.

Dettagli

Il fondo speciale per le opere straordinarie ed il trust

Il fondo speciale per le opere straordinarie ed il trust Spese Il fondo speciale per le opere straordinarie ed il trust di Augusto Cirla e Mariagrazia Monegat - Avvocati in Milano Tra le novità introdotte dalla legge n. 220/2012, entrata in vigore lo scorso

Dettagli

IL TRUST: COMPARAZIONE TRA LA PROPRIETA CIVILE E LA PROPRIETA DEL TRUSTEE

IL TRUST: COMPARAZIONE TRA LA PROPRIETA CIVILE E LA PROPRIETA DEL TRUSTEE COLLANA FINANZAEDIRITTO Giusi Fortunato IL TRUST: COMPARAZIONE TRA LA PROPRIETA CIVILE E LA PROPRIETA DEL TRUSTEE AGGIORNATO ALLA FINANZIARIA 2008 Giusi Fortunato Il trust: comparazione tra la proprietà

Dettagli

Ottobre 2014. Recenti modifiche alla tassazione dei dividendi distribuiti ad un trust

Ottobre 2014. Recenti modifiche alla tassazione dei dividendi distribuiti ad un trust Ottobre 2014 Recenti modifiche alla tassazione dei dividendi distribuiti ad un trust Avv. Prof. Stefano Loconte, Studio Legale e Tributario Loconte & Partners Il trust Nel nostro Paese si parla di trust

Dettagli

N O T A I O E M A N U E L E D E M I C H E L I

N O T A I O E M A N U E L E D E M I C H E L I N O T A I O E M A N U E L E D E M I C H E L I 4 CHIACCHIERE DRIN DRIN. C H I È? S O N I M P R E N D I T O R C H E G H A P R O B L E M I I N A S I E N D A E I N FA M E I A. C O M E P O D A R I A S E R C

Dettagli

IL TRUST PER IL DOPO DI NOI

IL TRUST PER IL DOPO DI NOI IL TRUST PER IL DOPO DI NOI 1. TRUST E TUTELA DEI SOGGETTI DISABILI In presenza di soggetti deboli e diversamente abili le preoccupazioni dei genitori e dei familiari più stretti sono tutte rivolte alle

Dettagli

Tutti caratterizzati da effetto segregativo

Tutti caratterizzati da effetto segregativo Il fondo patrimoniale i quale strumento di protezione del patrimonio i familiare Confronto tra fondo patrimoniale e trust di Maurizio Casalini 1 Esempi di patrimoni separati Fondo patrimoniale Accettazione

Dettagli

IL TRUST RICONOSCIUTO IN ITALIA PROFILI CIVILISTICI E TRIBUTARI

IL TRUST RICONOSCIUTO IN ITALIA PROFILI CIVILISTICI E TRIBUTARI IL TRUST RICONOSCIUTO IN ITALIA PROFILI CIVILISTICI E TRIBUTARI Studio realizzato dal Gruppo di lavoro presso la Direzione delle Entrate dell Emilia Romagna con la partecipazione di componenti dell Ordine

Dettagli

Resta pertanto da vedere quale competenza rimanga al giudice tutelare in seguito alla riferita norma. Non sembra possa dubitarsi che siano rimasti

Resta pertanto da vedere quale competenza rimanga al giudice tutelare in seguito alla riferita norma. Non sembra possa dubitarsi che siano rimasti L ESECUZIONE DEI PROVVEDIMENTI IN MATERIA DI MINORI Relatore: dott. Antonino Luigi SCARPULLA pretore della Pretura circondariale di Palermo Premessa. I. Nel nostro ordinamento giuridico non esiste una

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO INTRODUZIONE E CENNI STORICI

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO INTRODUZIONE E CENNI STORICI Elenco delle principali abbreviazioni... XXV CAPITOLO PRIMO INTRODUZIONE E CENNI STORICI Guida Bibliografica... 3 1.1. Introduzione... 5 1.1.1. La disciplina previgente.... 6 1.1.1.1. La riforma del 1975....

Dettagli

GLI SCHERMI PER NASCONDERSI DAL FISCO

GLI SCHERMI PER NASCONDERSI DAL FISCO GLI SCHERMI PER NASCONDERSI DAL FISCO Avv.. Giovambattista Palumbo INDICE 1) I fondi patrimoniali familiari 2) Fiduciarie: riservatezza ed accertamenti 3) Il Trust Tutti gli scritti pubblicati dal CSSI

Dettagli

Parte I I patrimoni di destinazione...» 1

Parte I I patrimoni di destinazione...» 1 INDICE SOMMARIO Prefazione... pag. XXIX Parte I I patrimoni di destinazione...» 1 Capitolo I La categoria dei patrimoni destinati allo scopo...» 3 1.1. Introduzione...» 4 1.2. Patrimonio separato ed autonomia

Dettagli

La difesa del patrimonio

La difesa del patrimonio Mercoledì 19 Marzo 2014 SAVIGLIANO DONAZIONE DI AZIENDE O QUOTE La donazione è il contratto con il quale (art. 769 C.C.), per spirito di liberalità, una parte arricchisce l altra, disponendo a favore di

Dettagli

CAPITOLO 27 L azione revocatoria del fondo patrimoniale

CAPITOLO 27 L azione revocatoria del fondo patrimoniale CAPITOLO 27 L azione revocatoria del fondo patrimoniale costituito con atto unilaterale (Cassazione Civile, Sezione Terza, 29 aprile 2009, n. 10052, nonché Cassazione Civile, Sezione Sesta, 12 dicembre

Dettagli

Il trust e la gestione di patrimoni aziendali e immobiliari

Il trust e la gestione di patrimoni aziendali e immobiliari Il trust e la gestione di patrimoni aziendali e immobiliari Il trust ed il diritto tributario italiano (Prof. Avv. Dario Stevanato) (Prof. Avv. Raffaello Lupi) Roma, 23 giugno 2005 1 Il trust come figura

Dettagli

Il passaggio generazionale: questioni giuridiche e fattori di successo - aspetti giuridici -

Il passaggio generazionale: questioni giuridiche e fattori di successo - aspetti giuridici - Il passaggio generazionale: questioni giuridiche e fattori di successo - aspetti giuridici - Verona, 29 settembre 2011 Avv. Simone Rossi Passaggio generazionale Trasferimento della proprietà e della gestione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CARFAGNA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CARFAGNA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2301 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CARFAGNA Modifiche al codice civile nonché ai testi unici di cui ai decreti del Presidente

Dettagli

Parte Terza Joint venture

Parte Terza Joint venture Parte Terza Joint venture 8. La joint venture internazionale e il trust 8.1 La joint venture internazionale La legislazione italiana concede alle parti contraenti una grande autonomia nella negoziazione

Dettagli

IL TRUST NEL DIRITTOINTERNAZIONALE PRIVATOITALIANO

IL TRUST NEL DIRITTOINTERNAZIONALE PRIVATOITALIANO UNIVERSITA DI MACERATA PUBBLICAZIONI DELLA FACOLTÄ DI GIURISPRUDENZA Seconda serie 108 GIANLUCA CONTALDI IL TRUST NEL DIRITTOINTERNAZIONALE PRIVATOITALIANO MILANO - DOTT. A. GIUFFRE EDITORE - 2001 INDICE

Dettagli

AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA

AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA - EFFETTI SUL TERZO ACQUIRENTE E SUL TERZO SUB-ACQUIRENTE - Va innanzitutto evidenziato che l effetto dell azione revocatoria, quale mezzo di conservazione della garanzia patrimoniale,

Dettagli

Il trust come opportunità per ripartire dopo aver perso tutto

Il trust come opportunità per ripartire dopo aver perso tutto Il trust come opportunità per ripartire dopo aver perso tutto a cura di Ennio Vial e Vita Pozzi Introduzione Nel presente intervento esamineremo un possibile utilizzo del Trust. In particolare, analizzeremo

Dettagli

PATRIMONIA SUMMIT 2 0 1 4 SUNT SERVANDA

PATRIMONIA SUMMIT 2 0 1 4 SUNT SERVANDA PATRIMONIA SUMMIT 2 0 1 4 SUNT SERVANDA Wealth(Planning(di(Azimut( come(risposta(alle(esigenze(di( passaggio(generazionale(dei( nostri(clienti 2 PARTE I TRUST La struttura giuridica Il Trust è un istituto

Dettagli

I principali quesiti I principali quesiti a cui rispondere sono i seguenti:

I principali quesiti I principali quesiti a cui rispondere sono i seguenti: Diritto tributario internazionale e dell UE L individuazione della persona interessata e del detentore delle informazioni nel quadro dell assistenza amministrativa fiscale con riguardo al trust 31 Oriana

Dettagli

Voluntary Disclosure: il ruolo del Private Banking e dei servizi fiduciari per la pianificazione patrimoniale dei capitali

Voluntary Disclosure: il ruolo del Private Banking e dei servizi fiduciari per la pianificazione patrimoniale dei capitali Voluntary Disclosure: il ruolo del Private Banking e dei servizi fiduciari per la pianificazione patrimoniale dei capitali Dott.ssa Concetta Granata, Area Private Banking - Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi

IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi Premessa. La pendenza della procedura di concordato preventivo non produce uno spossessamento del debitore ma soltanto una limitazione dei suoi poteri. Tale limitazione

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA N. 5/2014 VOLUNTARY DISCLOSURE

CIRCOLARE INFORMATIVA N. 5/2014 VOLUNTARY DISCLOSURE ENRICO MARIA BIGNAMI ANDREA BIGNAMI GAETANO PIGNATTI MORANO CESARE BEOLCHI ROGER OLIVIERI FEDERICO GENTILE CARLO GIROTTI DOMENICO BIANCHI dottore in economia e commercio ARIANNA VITALI dottoressa in economia

Dettagli

Se andiamo ad analizzare la CIRCOLARE DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE N.61/E DEL 2010, notiamo che viene sancito un principio:

Se andiamo ad analizzare la CIRCOLARE DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE N.61/E DEL 2010, notiamo che viene sancito un principio: RELAZIONE TRUST FORLI 16 ottobre 2015 LA REVOCABILITA' E MODIFICABILITA' DEL TRUST ALLA LUCE DEI PIU' RECENTI ORIENTAMENTI GIURISPRUDENZIALI ITALIANI, DELLA CONVENZIONE DELL'AJA E DELLA CIRCOLARE DELL'AGENZIA

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 09 settembre 2013, n. 36894

CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 09 settembre 2013, n. 36894 CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 09 settembre 2013, n. 36894 Ritenuto in fatto 1. Con decreto dì sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente del 26 ottobre 2012, il GIP presso il Tribunale

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

I RAPPORTI CON LA PARTE ASSISTITA

I RAPPORTI CON LA PARTE ASSISTITA Corso di studi DEONTOLOGIA E ORDINAMENTO PROFESSIONALE I RAPPORTI CON LA PARTE ASSISTITA 21 aprile 2008 Avv. Laura Marini Avv. Fabrizio Ariani Il primo nemico dell avvocato è il cliente Ma se rispettiamo

Dettagli

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Corte di Cassazione, sezione terza civile, Sentenza del 7 gennaio 2004,

Dettagli

STUDIO NOTAIO FRANCESCO PALLINO

STUDIO NOTAIO FRANCESCO PALLINO A CURA DELLA COMMISSIONE STUDI DELLO STUDIO NOTAIO FRANCESCO PALLINO Palazzo Vitalba, Via Broseta n.35 24122 Bergamo Tel. 035/218296 Fax 035/4229634 E-mail notaio.pallino@studiopallino.it IL TRUST E I

Dettagli

ARCHIVIO CIRCOLARI SETTIMANALI E CIRCOLARI MENSILI ALL INDIRIZZO

ARCHIVIO CIRCOLARI SETTIMANALI E CIRCOLARI MENSILI ALL INDIRIZZO PRO.GE.A. PROGETTO GESTIONE AZIENDA 21042 - Caronno Pertusella (Va) Via IV Novembre, 455 MILANO Via Santa Radegonda, 8 ang.piazza DUOMO Tel. 02.96515611 Fax 02.96515655 e-mail:progea@pro-gea.it ARCHIVIO

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N. 36 09.09.2014 Trust: possibili utilizzi Gestione di partecipazioni, di immobili, passaggio generazionale, trust liquidatorio Categoria: Enti Commerciali/non

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

TRIBUNALE DI RAVENNA UFFICIO FALLIMENTI DECRETO. Avente ad oggetto: ammissione alla procedura di concordato preventivo.

TRIBUNALE DI RAVENNA UFFICIO FALLIMENTI DECRETO. Avente ad oggetto: ammissione alla procedura di concordato preventivo. TRIBUNALE DI RAVENNA UFFICIO FALLIMENTI Riunito in Camera di Consiglio nelle persone dei Magistrati : Dott. Bruno Gilotta Dott. Antonella Allegra Dott. Alessandro Farolfi Presidente Giudice Giudice Rel.

Dettagli

L OPERATIVITÀ DEL TRUST ATTRAVERSO L ESPERIENZA CONCRETA. Brescia, 24 Febbraio 2014

L OPERATIVITÀ DEL TRUST ATTRAVERSO L ESPERIENZA CONCRETA. Brescia, 24 Febbraio 2014 L OPERATIVITÀ DEL TRUST ATTRAVERSO L ESPERIENZA CONCRETA Brescia, 24 Febbraio 2014 DISCLAIMER Tutti i contenuti di questa presentazione sono di proprietà di Aletti Trust S.p.A. e la loro distribuzione

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 45 26.06.2014 Commercialisti. Concorso nella frode fiscale Categoria: Professionisti Sottocategoria: Commercialisti Rischia una condanna per

Dettagli

EFFETTI PER I CREDITORI 105

EFFETTI PER I CREDITORI 105 EFFETTI PER I CREDITORI 105 Non vanno, ovviamente, riconosciuti al creditore chirografario interessi postfallimentari e si ritiene che non vadano riconosciuti, fino alla data di fallimento, gli interessi

Dettagli

PASSAGGIO GENERAZIONALE: Aspetti tecnici e giuridici degli strumenti applicabili. Crema, 26 marzo 2015

PASSAGGIO GENERAZIONALE: Aspetti tecnici e giuridici degli strumenti applicabili. Crema, 26 marzo 2015 PASSAGGIO GENERAZIONALE: Aspetti tecnici e giuridici degli strumenti applicabili Crema, 26 marzo 2015 DISCLAIMER Tutti i contenuti di questa presentazione sono di proprietà di Aletti Fiduciaria S.p.A.

Dettagli

Avv. Vittorio de Bonis

Avv. Vittorio de Bonis Avv. Vittorio de Bonis Dati personali Nato a Potenza, il 23/07/1981 Stato civile: Celibe Residente in Potenza, via Plebiscito n 29, 85100 (PZ). Tel: 3930218025-0971/410469 E-mail: vittoriodebonis@studiolegaledebonis.com

Dettagli

Luigi Mennini, MBA Socio AIAF Responsabile Financial Planning Banca Finnat Euramerica SpA. Mercoledì 14 ottobre 2009

Luigi Mennini, MBA Socio AIAF Responsabile Financial Planning Banca Finnat Euramerica SpA. Mercoledì 14 ottobre 2009 Le soluzioni di Financial Planning all'interno dello Scudo Fiscale "Lo Scudo Fiscale 2009 Approfondimenti normativi e di analisi finanziaria Scuola di Amministrazione Aziendale Università degli Studi di

Dettagli

SOMMARIO: 1. Cosa è il trust? 2. L istituzione di un trust. 3. La protezione del soggetto debole. 4. Cinque casi

SOMMARIO: 1. Cosa è il trust? 2. L istituzione di un trust. 3. La protezione del soggetto debole. 4. Cinque casi IL TRUST IN FAVORE DI SOGGETTO DEBOLE di Luigi Francesco Risso SOMMARIO: 1. Cosa è il trust? 2. L istituzione di un trust. 3. La protezione del soggetto debole. 4. Cinque casi 1. Cosa è il trust? Il termine

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it La dubbia e discussa utilità del Trust, a cura di ALESSANDRA PULITANO

www.ildirittoamministrativo.it La dubbia e discussa utilità del Trust, a cura di ALESSANDRA PULITANO La dubbia e discussa utilità del Trust, a cura di ALESSANDRA PULITANO Come è noto nella tradizione giuridica continentale la proprietà si caratterizza per la sua assolutezza e la tipicità dei diritti reali

Dettagli

GIURISPRUDENZA RAPPORTI PATRIMONIALI. Fondo patrimoniale FAMIGLIA E DIRITTO N. 6/2008 591

GIURISPRUDENZA RAPPORTI PATRIMONIALI. Fondo patrimoniale FAMIGLIA E DIRITTO N. 6/2008 591 Fondo patrimoniale CASSAZIONE CIVILE, sez. I, 7 luglio 2007, n. 15310 - Pres. Fiduccia - Est. Levi Responsabilità patrimoniale - Conservazione della garanzia patrimoniale - Revocatoria ordinaria (azione

Dettagli

www.lascalaw.com www.iusletter.com

www.lascalaw.com www.iusletter.com LaScala studio legale in association with Field Fisher Waterhouse Focus on L INERZIA DEI COMMISSARI GIUDIZIALI E LIQUIDATORI DEL CONCORDATO PREVENTIVO: POSSIBILI RIMEDI Aprile 2013 www.lascalaw.com www.iusletter.com

Dettagli

«Disciplina generale del Trust con particolare riferimento a fenomeni di carattere elusivo dei trust in ambito internazionale»

«Disciplina generale del Trust con particolare riferimento a fenomeni di carattere elusivo dei trust in ambito internazionale» «Disciplina generale del Trust con particolare riferimento a fenomeni di carattere elusivo dei trust in ambito internazionale» Col. t.st Danilo Massimo Cardone Guardia di Finanza Nucleo Speciale Entrate

Dettagli