CENTRO STUDI DI DISTRETTO - RAPPORTO Il PROSECCO SUPERIORE PER NATURALE INCLINAZIONE RAPPORTO 2O1O I NUMERI DEL CONEGLIANO VALDOBBIADENE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CENTRO STUDI DI DISTRETTO - RAPPORTO 2009. Il PROSECCO SUPERIORE PER NATURALE INCLINAZIONE RAPPORTO 2O1O I NUMERI DEL CONEGLIANO VALDOBBIADENE"

Transcript

1 CENTRO STUDI DI DISTRETTO - RAPPORTO 2009 CONEGLIANO VALDOBBIADENE Il PROSECCO SUPERIORE PER NATURALE INCLINAZIONE Distretto del Conegliano Valdobbiadene Centro Studi di Distretto RAPPORTO 2O1O I NUMERI DEL CONEGLIANO VALDOBBIADENE

2 TESTO CAPITOLO 2

3 Distretto del Conegliano Valdobbiadene Centro Studi di Distretto RAPPORTO 2010 I NUMERI DEL CONEGLIANO VALDOBBIADENE In collaborazione con

4 INDICE Prefazioni Marialuisa Coppola 07 Assessore all Economia e Sviluppo, Ricerca e Innovazione Regione Veneto Federico Tessari 10 Presidente CCIAA Treviso Franco Adami 12 Presidente Consorzio di Tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg Giuseppe Menzi 15 Direttore Generale di Banca Antonveneta Analisi ed elaborazione dei dati: C. I. R. V. E. Centro interdipartimentale per la ricerca in Viticoltura ed Enologia Facoltà di Agraria, sede di Conegliano Università di Padova, via XXVIII Aprile, Conegliano Tel Fax

5 Introduzione Giancarlo Vettorello 16 Rappresentante del Distretto del Conegliano Valdobbiadene Il Distretto del Conegliano Valdobbiadene 19 Vasco Boatto, Maurizio Balestrieri, Luigino Barisan Tendenze strutturali e di mercato nella 29 Denominazione Conegliano Valdobbiadene Vasco Boatto, Maurizio Balestrieri, Luigino Barisan Dinamiche di mercato nella struttura dell offerta del Superiore di Cartizze 93 Vasco Boatto, Maurizio Balestrieri, Luigino Barisan Tendenze del Prosecco nelle imprese della 105 Denominazione Conegliano Valdobbiadene Vasco Boatto, Maurizio Balestrieri, Luigino Barisan L evoluzione delle vendite del Prosecco nella Distribuzione 125 Moderna Italiana: tendenze di lungo e breve periodo Giancarlo Gramatica - Client Service Director SymphonyIriGroup Dinamiche di mercato nella Distribuzione Organizzata italiana 131 Vasco Boatto, Luigino Barisan Conclusioni 141 Vasco Boatto - Direttore del C.I.R.V.E. Contributi Il prodotto enologico come veicolo e supporto alla promozione 147 turistica della Marca Trevigiana. Focus sulla fruizione nel Distretto del Conegliano Valdobbiadene. A cura di CISET (Sabrina Meneghello e Mara Manente)

6 TESTO CAPITOLO 6

7 CENTRO STUDI DI DISTRETTO - RAPPORTO 2010 Prefazione Marialuisa Coppola Assessore all Economia e Sviluppo, Ricerca e Innovazione Il rapporto del Centro Studi del Distretto del Conegliano Valdobbiadene è l occasione per presentare gli elementi di successo che caratterizzano il modello di sviluppo veneto. Il Distretto costituisce infatti una delle punte di diamante del sistema produttivo regionale che ha saputo reagire, innovare e rinnovarsi di fronte alle sfide imposte dal mercato globale. Non sarebbero infatti sufficienti le ricche dotazioni naturali che la nostra terra ci offre se non fossero valorizzate da un tessuto imprenditoriale appassionato e vitale, che sa cogliere le opportunità nel rispetto del territorio e delle sue tradizioni. La storia di successo che si è determinata è il risultato della laboriosità e della lungimiranza dei produttori e di tutti gli attori del distretto, che hanno saputo in un contesto di difficile competizione, innovare. Innovare il prodotto, i processi produttivi, innovare la comunicazione e le strategie di marketing. Penetrare mercati nuovi anche grazie all utilizzo delle nuove tecnologie dell informazione. Professionalizzare sempre più il personale impiegato, oggi più che mai capace di coniugare lo studio delle scienze più avanzate, con l amore per la tradizione e la propria terra. Sono state compiute negli ultimi anni vere e proprie riorganizzazioni industriali con l introduzione di macchinari nuovi e nuove tecniche produttive, sempre mantenendo saldo il senso di comunità e di radicamento, che costituiscono una delle forze motrici dello sviluppo dell individuo e della società. L innovazione è dunque, in questo contesto, ciò che fa di questo distretto un esempio per tutti. E attraverso di essa che il nostro sistema produttivo potrà continuare ad affrontare il mercato rimanendo ai vertici per qualità di prodotto e capacità di penetrazione in nuove aree. 7

8 PREFAZIONI La Regione del Veneto continua a supportare le imprese che si impegnano in questo sforzo, sostenendo l innovazione e la qualità. Attraverso risorse proprie e risorse comunitarie, mettendo in campo, ad esempio, interventi per la diffusione delle nuove tecnologie di comunicazione, azioni a sostegno di nuova imprenditorialità e strumenti di ingegneria finanziaria nuovi, sinergicamente costruiti e pensati per rispondere alle esigenze di tutto il sistema produttivo Veneto. La Regione del Veneto intende inoltre continuare a sostenere le imprese che cerchino nella certificazione di qualità il riconoscimento del lavoro fatto, così come è avvenuto per l area del Conegliano Valdobbiadene, con l importante ottenimento della Denominazione di Origine Controllata e Garantita (Docg). L azione amministrativa proseguirà dunque nell ottica della semplificazione amministrativa, per avvicinare le istituzioni alle imprese e far sentire loro vicinanza e sensibilità, ove vi sia creazione di valore non solo economico, ma anche sociale, culturale, ambientale. Non possiamo che augurarci che il Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg prosegua nel proprio percorso di crescita, continuando ad innovare nel rispetto delle tradizioni e del territorio generando così il valore aggiunto, anche in termini di entusiasmo e passione, che costituisce stimolo e motivo di vanto per tutti noi. 8

9 CENTRO STUDI DI DISTRETTO - RAPPORTO

10 PREFAZIONI Federico Tessari Presidente CCIAA di Treviso Quando si parla di eccellenze territoriali nella spumantistica un nome svetta su tutti: Conegliano Valdobbiadene. Un territorio che racchiude una cultura ed una tecnologia produttiva che suscita ammirazione ed invidia in tutto il mondo. Anche nel 2009 il settore ha registrato in Italia un incremento della produzione di bottiglie a fronte di un calo generalizzato. E lo stesso trend di crescita è stato mantenuto anche sui mercati esteri. I nostri produttori, infatti, riescono ad interpretare l evoluzione del gusto e ad offrire un prodotto, il Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg, che pur rinnovandosi, mantiene ed affina l eccellenza qualitativa maturatasi nel tempo. Quindi un comparto anticiclico che nel mezzo della peggior crisi mondiale che abbiamo attraversato è riuscito a tenere volumi e prezzi migliorando la qualità. La nuova Docg ha completato un ciclo produttivo che da almeno 40 anni è sempre cresciuto avendo come obiettivo principale la crescita della qualità. Una volta i nobili si ritrovavano nei saloni delle ville ed i castelli,che impreziosiscono l area Conegliano Valdobbiadene per festeggiare, fare vita di società e godere i piaceri dell ospitalità. Ora invitiamo la gente in un salone eccezionale: il territorio di Conegliano e Valdobbiadene in cui il Prosecco Superiore non è solo il prodotto tipico ma è il territorio, la tradizione e la cultura. 10

11 CENTRO STUDI DI DISTRETTO - RAPPORTO 2010 L unicità di questi luoghi è testimoniata dal recente inserimento nella Tentative List Unesco per la candidatura a Patrimonio dell Umanità. Un riconoscimento mondiale ed una sfida che impegna tutti, produttori, tecnici, istituzioni pubbliche e private ad essere sempre all altezza di questa valutazione. E già ora si può pensare di inserire stabilmente i vigneti nei percorsi turistici con apposite guide specializzate, non solo dei monumenti e dell arte, ma di vigneti e delle cantine. Guide che accolgono i turisti anche in lingua tedesca ed inglese. E perché no, anche in cinese. Il Consorzio di Tutela e le istituzioni sono pronte anche per questa nuova avventura. 11

12 PREFAZIONI Franco Adami Presidente del Consorzio di Tutela Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg Il Rapporto del Centro Studi analizza l anno 2009, che chiude un capitolo della storia del Conegliano Valdobbiadene e lo proietta in una nuova dimensione: la Denominazione di Origine Controllata e Garantita. Il lavoro che ci aspetta per il futuro è complesso: con l arrivo della Docg si chiudono 40 anni di Doc e si apre un percorso tutto da costruire. Quando aspettavamo l arrivo della Garantita ci pareva che tale novità non dovesse cambiare molto, ora che essa è arrivata ci siamo resi conto che il lavoro che ci attende è impegnativo, difficile, ma anche entusiasmante: riconoscerci tutti in una rinnovata identità territoriale. Dall agosto 2009 Prosecco è un nome che non ci identifica più in modo chiaro, che corrisponde ad un altro prodotto, che non appartiene più solo a noi. Il nostro valore, al contrario, sarà dato sempre più dal territorio di produzione, che rende unico il risultato che ne deriva. Nel complesso lavoro che ci attende, da un lato dovremo continuare a confermare che siamo il vertice della produzione del Prosecco, qui naturalmente Superiore, perché esso rappresenta ancora un elemento storico importante nella nostra identità. Dall altro lato dovremo potenziare la comunicazione sull area di produzione, elemento fondamentale di distinzione, per diffondere il concetto Conegliano Valdobbiadene: dove il Prosecco è Superiore. Tale processo era già in corso da anni ma l arrivo della Docg lo ha reso più rapido e chiede oggi ai produttori di Conegliano Valdobbiadene una maturità nuova e un rinnovato impegno. 12

13 CENTRO STUDI DI DISTRETTO - RAPPORTO 2010 Nel prossimo futuro, viticoltori e cantine di Conegliano Valdobbiadene, attraverso il loro Consorzio, dovranno essere uniti nel promuovere in modo univoco i nostri valori unicizzanti. Le colline, la terra, il clima, la cultura data dagli uomini sono patrimonio che nessuno potrà replicare o esportare e che identifica il nostro territorio. Se la terra diviene valore centrale, la bellezza e il suo rispetto sono necessari. Come ricorda un detto indiano Coltiviamo la terra che ci è stata prestata dai nostri figli, la tutela dell area è un concetto vitale. Queste saranno le sfide per il futuro, che si apre con uno scenario più che positivo. I dati analizzati ci dicono che, anche in un momento di forte crisi, i numeri della Denominazione si confermano in crescita a fronte di qualche sacrificio da parte dei produttori, concretizzato da una piccola e necessaria perdita di valore. Questo dimostra che il Conegliano Valdobbiadene ha un mercato storico e consolidato nel tempo. Pur in un momento di crisi, quando normalmente il mercato si orienta a prodotti meno pregiati, la Garantita ha mantenuto, anzi accresciuto, la penetrazione di mercato. Il Conegliano Valdobbiadene non è una moda ma una certezza e ha una forte fidelizzazione sul mercato, data da un territorio capace di offrire paesaggio, storia, qualità, ricerca e capacità di comunicazione. I primi dati del 2010 confermano che, pur insistendo il clima economico negativo, la denominazione ha retto l urto della crisi economica. Ciò significa che il lavoro fatto da tutti, dai produttori alle istituzioni, sebbene perfettibile abbia già dato buoni risultati e questo ci fa affrontare il futuro con speranza ed entusiasmo. C è ancora molto da fare ma il risultato di mercato dimostra che la superiorità del Conegliano Valdobbiadene è percepita anche dal consumatore. Ciò è reso possibile dalla presenza di un Distretto che dà valore al prodotto. Un grazie, quindi, va a tutti, alle aziende, ai viticoltori, alle istituzioni e ai cittadini. 13

14 INTRODUZIONE 14

15 PREFAZIONI CENTRO STUDI DI DISTRETTO - RAPPORTO 2010 Giuseppe Menzi Direttore Generale di Banca Antonveneta Come non parlar bene del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg, eccellenza italiana nel mondo che, nonostante la crisi degli ultimi anni, ha visto crescere le esportazioni grazie anche al continuo miglioramento della qualità del prodotto tanto da guadagnarsi, nell agosto del 2009, il marchio Docg a quarant anni dalla denominazione Doc. La zona del Conegliano Valdobbiadene non è solo un piacevole viaggio tra i borghi ed i vigneti che costeggiano la strada del vino, ma è la scoperta di una realtà economica e sociale che diventa quasi una filosofia di vita. La condivisione dei progetti e delle esperienze tra i viticoltori del Distretto non fanno che migliorare e valorizzare un prodotto in costante crescita. La nostra banca, che tra i propri valori annovera la ricerca e la promozione della qualità, è coinvolta attivamente nel reticolato economico sviluppatosi attorno al Distretto del Conegliano Valdobbiadene. Nel maggio del 2010 ha stanziato un plafond da 50 milioni di euro per soddisfare le esigenze di liquidità delle imprese appartenenti alla filiera del Prosecco Superiore. Banca Antonveneta da sempre si è distinta per il suo essere banca del territorio, attenta a sostenere e a valorizzare il tessuto economico e sociale in cui opera. Presenti in modo capillare in tutto il trevigiano, nel corso degli anni abbiamo instaurato con l imprenditoria locale un rapporto basato sulla fiducia e sullo scambio reciproco. Per Antonveneta la collaborazione con il Distretto del Conegliano Valdobbiadene è motivo di soddisfazione perché siamo entrambi accomunati dalla volontà di investire nell economia reale e nell innovazione, sempre impegnati nella promozione e nello sviluppo di un area che ci fa onore in Italia e all estero. 15

16 PREFAZIONI Introduzione Giancarlo Vettorello Rappresentante del Distretto Conegliano Valdobbiadene Con questa edizione del Rapporto del Centro Studi si chiudono quarant anni di storia della Denominazione, iniziata nel 1969 con l ottenimento della Doc, periodo che ha segnato la seconda tappa fondamentale per il Conegliano Valdobbiadene. Il primo capitolo della storia di questo vino si era aperto con la fondazione della Scuola Enologica di Conegliano, nel 1876, voluta da studiosi e imprenditori che interpretavano al meglio lo spirito di innovazione dell Ottocento. Essa prendeva origine dalla rivoluzione industriale, che animava i primi anni dell Unità d Italia. Proprio la fondazione della Scuola Enologica ha permesso la nascita del nostro vino e a testimonianza di questa importanza, il Consorzio di Tutela ha deciso di riportare la data del 1876 nel nuovo logo della denominazione. Quello spirito di rinnovamento dell epoca ha avuto come esito la progettazione di uno spumante, che prese forma nel Novecento fino a divenire di successo internazionale. Il fenomeno prosecco, infatti, nasce e si sviluppa nel XX secolo grazie allo spirito imprenditoriale delle aziende e agli istituti di ricerca dell area di Conegliano Valdobbiadene, che ne perfezionarono la produzione. Con il 2009 si chiude anche questa seconda fase e si apre quello che per noi può essere definito il Nuovo Millennio. Sebbene siano passati quasi dieci anni dall ingresso nel Duemila, per noi il secolo nuovo inizia ora, con l introduzione della Docg e il passaggio da un identità di prodotto, che oggi risulta troppo dilatata e sfuggente, a una di territorio che risulta con la Garantita più vicina al carattere del nostro vino. E quindi una grande soddisfazione per me celebrare, con la lettura dei dati 2009, contenuti nel presente Rapporto, la chiusura del secondo capitolo della storia del nostro vino e l apertura del terzo, che porterà al consolidamento della denominazione. 16

17 CENTRO STUDI DI DISTRETTO - RAPPORTO 2010 Nonostante il 2009 sia stato per l enologia mondiale un anno di grandi difficoltà di mercato, esso ha visto un ulteriore crescita per il Conegliano Valdobbiadene. Dall analisi dei dati, contenuta nel Rapporto, emerge infatti che i numeri della denominazione sono ancora in crescita e il valore si mantiene stabile. In un momento di generale crisi si tratta di un risultato più che soddisfacente, dovuto soprattutto alla crescita dell export, che dimostra la vocazione del nostro vino al mercato. Grazie ad essa, infatti, la denominazione si conferma ancora una volta forte e stabile. Questo successo consente una distribuzione del valore lungo tutta la filiera, dal viticoltore all imbottigliatore, dalle aziende di macchine enologiche a quelle della logistica, e siamo certi che tale elemento consentirà di sostenere l identità del prodotto anche in un momento di forte cambiamento come l attuale. Il Conegliano Valdobbiadene, infatti, è un bene comune all intera comunità locale ed è un elemento di forza del distretto. Il Rapporto del Centro Studi 2009 chiude, quindi, un capitolo fondamentale della nostra storia e ne apre uno nuovo. In questo momento di profondo rinnovamento sono molti gli elementi di novità ma non mancano quelli di continuità. Uno di questi è certamente il Centro Studi, nato con lo scopo di fare crescere in modo ragionato la denominazione. Di questa struttura avremo bisogno anche in futuro perché essa ha dimostrato di saper orientare le scelte del territorio in anni molto delicati, dove il successo del prodotto poteva far perdere di vista gli obiettivi di lungo termine. Siamo invece riusciti a gestire il nostro patrimonio e i dati contenuti nel Rapporto 2009 sono la migliore dimostrazione. Ora la sfida per il futuro sarà affermare l identità Garantita e il valore del territorio, Conegliano Valdobbiadene, come elementi di unicità per il nostro vino. Un obiettivo ambizioso che però, con il lavoro di tutti, potremo raggiungere in tempi brevi. 17

18 TESTO CAPITOLO 18

19 CENTRO STUDI DI DISTRETTO - RAPPORTO 2010 Il Distretto del Conegliano Valdobbiadene Vasco Boatto, Maurizio Balestrieri, Luigino Barisan* 1.1 Introduzione Nell ambito dei Distretti agro - alimentari italiani, la rete delle imprese della Docg Conegliano Valdobbiadene costituisce un esperienza di successo della filiera vitivinicola e uno dei modelli distrettuali 1 di riferimento del made in Italy nel mondo. Il successo della Denominazione si deve a diversi fattori 2, tra cui la storicità nella costituzione di un sistema di operatori territoriali, che hanno saputo nel tempo implementare specifiche competenze e abilità, che si traducono in produzioni di elevata qualità e innovazioni di processo e di prodotto 3, in linea con le richieste dal mercato. * Vasco Boatto, Direttore del Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Viticoltura ed Enologia di Conegliano (C.I.R.V.E.) e coordinatore del Progetto di Ricerca, Università di Padova. Maurizio Balestrieri, Dipartimento Territorio e Sistemi Agroforestali, Università di Padova. Luigino Barisan, Assegnista di Ricerca, (C.I.R.V.E.), Università di Padova, Conegliano Il Distretto del Conegliano Valdobbiadene si estende nella fascia collinare della Provincia di Treviso toccando 15 comuni e si estende su circa ettari di superficie agricola. La viticoltura in queste zone è molto antica visto che il Prosecco è presente in queste colline da più di due secoli. Dal XIX secolo è attiva a Conegliano la Scuola di Viticoltura ed Enologia e la Stazione Sperimentale per la Viticoltura. Attualmente, il Patto per lo Sviluppo del Distretto di Conegliano e Valdobbiadene conta 120 aziende. 2. Cfr. Boatto V., Rossetto L., Galletto L., Barisan L. (2009). An Outlook of a Successful Business: the Controlled Denomination of Origin Conegliano Valdobbiadene - Prosecco, poster presentato al 16mo International Symposium GiESCO 2009, luglio Cfr. Barisan L. (2010). Una experiencia exitosa de agregación de empresas: Consórcio de Tutela de Conegliano Valdobbiadene - Prosecco Docg. Seminario Internacional, Proyecto COCAP - Cohesión Social a través del Fortalecimiento de las Cadenas Productivas. Rio Grande do Sul (Brasil): 27 settembre Cfr. Volpe M. (2009). Strategie di mercato e relazioni tra imprese: il caso del Distretto di Conegliano Valdobbiadene. In: AA.VV.. Rapporto Docg: La forza del Distretto per gestire il futuro. p Treviso: Camera di Commercio di Treviso. 19

20 Il Distretto del Conegliano Valdobbiadene Le performance commerciali hanno determinato il rafforzamento del network distrettuale delle imprese della Docg Conegliano Valdobbiadene, da quelle vitivinicole a quelle monte della produzione viticolo - enologica, da quelle fornitrici di mezzi tecnici, dell impiantistica, delle attrezzature enologiche, dei materiali enologici, etc, a quelle dei servizi, dei laboratori di analisi. Sono compresi anche i centri di assistenza (fiscale, doganale, etc,), le imprese rivolte alla fornitura di servizi bancari e finanziari e quelle dedicate alla promozione e comunicazione del vino. L orientamento specializzato nella produzione di spumanti di qualità 4 si è affinato e arricchito nel tempo, anche attraverso relazioni intra - distrettuali durature, volte a coniugare la cooperazione tra le imprese del territorio con la competizione 5 sui mercati nazionale e internazionale, portando effetti tangibili al territorio. In questo quadro, le attività degli stakeholders territoriali, sia pubblici sia privati, hanno ricoperto un ruolo determinante nel consolidare i rapporti all interno della Denominazione e nel modulare, attraverso opportune politiche territoriali, lo sviluppo e la protezione della catena del valore della Denominazione, nell ottica di medio - lungo termine 6. Nel contesto del Distretto, la formazione del capitale umano è stata decisiva ed è di basilare importanza nel trasferimento e divulgazione delle conoscenze per la qualificazione professionale delle maestranze a tutti i livelli, componenti queste ultime che si sono potute generare e diffondere grazie alla presenza nel Distretto d importanti strutture nel campo della formazione e della ricerca. 4. Il Distretto di Conegliano Valdobbiadene è stato riconosciuto Distretto industriale in base alla Legge Regionale n. 8 del 4 aprile Cfr. Volpe M. (2009). Strategie di mercato e relazioni tra imprese: il caso del Distretto di Conegliano Valdobbiadene. In: AA.VV.. Rapporto Docg: La forza del Distretto per gestire il futuro. p Treviso: Camera di Commercio di Treviso. 6. D.M. 17 luglio Pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n. 173 del

21 CENTRO STUDI DI DISTRETTO - RAPPORTO Ruoli della formazione e della ricerca Storicamente nell area di Conegliano sono insediati centri di formazione e ricerca nel campo viticolo ed enologico, tra i più importanti del nostro Paese, in grado di competere a livello internazionale. In particolare, accanto all Istituto Statale di Istruzione Secondaria Superiore G.B. Cerletti, che forma da più di un secolo i quadri intermedi (enotecnici), sono presenti le strutture di didattica e di ricerca dell Università di Padova, del Centro Sperimentale per la Viticoltura e dell Istituto di Controllo Qualità del M.I.P.A.F., oltre al Centro Regionale per la Viticoltura, l Enologia e la Grappa dell azienda speciale Veneto Agricoltura, che hanno permesso di accrescere la capacità competitiva del sistema produttivo distrettuale. Nell ultimo quinquennio, il numero degli enotecnici annualmente formati presso l Istituto Cerletti sono aumentati in modo significativo, passando da 43 dell anno scolastico 2004/05 a 69 nel periodo 2009/10, e sono stati 33 gli enologi formatisi presso il Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Viticole ed Enologiche nel E sostanzialmente stabile il numero dei ricercatori, che si attesta attorno ai 10. Il numero di enologi diplomati nel livello universitario ammonta a 118 unità per la Scuola Diretta a Fini Speciali in Tecnica Enologica, ed è attualmente di 223 per quelli del Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Viticole ed Enologiche. Sono 31 gli enologi formati al Corso di Laurea Magistrale Interateneo in Viticoltura, Enologia e Mercati vitivinicoli. Da una recente indagine condotta dall Università di Padova è emerso che il 90% dei neo - laureati ha trovato occupazione, entro l anno, nel tessuto produttivo del territorio o a livello nazionale ed internazionale, dando un apporto significativo nell elevare la professionalità delle aziende ed accrescerne la capacità competitiva. 21

22 Il Distretto del Conegliano Valdobbiadene L apporto di nuova linfa vitale al sistema produttivo, rappresentato dai giovani formatisi nel territorio, con competenze specifiche nel settore viticolo ed enologico, è visibile in modo tangibile osservando sul territorio i miglioramenti nella conduzione delle cantine e nelle soluzioni che si concretizzano nella ricerca di un giusto rapporto tra soddisfazione del consumatore e mantenimento dell autenticità del prodotto. E tuttavia soprattutto sul piano organizzativo - commerciale che la spinta innovativa data dai giovani è stata in questi ultimi anni più marcata. Ne ha tratto vantaggio la competitività delle imprese, soprattutto verso i nuovi mercati, che richiedono elevate conoscenze tecnico - economiche e linguistico - culturali Il ruolo dell innovazione Dall esame dei risultati di una ricerca del CIRVE 7, condotta su un campione rappresentativo delle imprese vitivinicole del Distretto di Conegliano Valdobbiadene, è emerso che le nuove tecnologie riscontrano una diffusione sempre più rilevante. Si registra, ad esempio, un uso crescente della connessione a banda larga, che ha avuto un aumento nella diffusione pari al 20% nell ultimo biennio, con il corrispondente incremento dell utilizzo dei software che utilizzano questa tecnologia. Per quanto riguarda gli investimenti, espressi in percentuale del fatturato aziendale, il trend triennale medio (2006/08) risulta positivo, con un incremento medio pari all 8%, favorito anche dagli incentivi comunitari e da una prospettiva ottimistica sugli sviluppi del mercato della Denominazione da parte delle imprese. 7. Boatto V., Barisan L., Scaggiante S. (2010). Innovazione e creatività in Conegliano & Valdobbiadene. In: Innovazione e creatività nelle imprese vitivinicole: confronto tra Trentino, Conegliano Valdobbiadene e Collio, 7 maggio Seminario: S. Michele All Adige (TN): Fondazione E. MACH. 22

23 CENTRO STUDI DI DISTRETTO - RAPPORTO 2009 Il management aziendale presenta un età media che si aggira sui 40 anni, con un elevato livello di formazione: ben il 90%, infatti, è in possesso della licenza media superiore ed il 55% della laurea. Questi fattori favoriscono il raggiungimento di una maggiore propensione all innovazione, esercitando un ruolo propulsore nell incrementare i livelli di qualità dei prodotti e, più in generale, dell intera impresa. L aumento di qualità, a sua volta, favorisce l affermazione del prodotto sul mercato con positive ricadute sulla redditività d impresa. La potenzialità innovatrice del Distretto del Conegliano Valdobbiadene è trascinata dalla visione promettente del mercato nazionale ed estero. Per raggiungere ulteriori quote di vendita, infatti, gli operatori del territorio si pongono come obiettivi l eccellenza e la specializzazione dell offerta Meccanizzazione in vigneto La meccanizzazione delle operazioni in vigneto rappresenta una delle azioni determinanti per la ricerca del contenimento dei costi di produzione. In quest ambito sono state promosse ricerche per l introduzione di soluzioni tecniche nel campo della meccanizzazione viticola, delle sistemazioni idraulico-agrarie e dell irrigazione. Il livello di meccanizzazione del vigneto si è progressivamente evoluto anche nelle aree in forte pendenza. I miglioramenti introdotti contemplano sempre più il ricorso a soluzioni operative e a sistemazioni dei terreni, che coniughino la ricerca di una raccolta tempestiva con minor carico di manodopera, con gli obiettivi della qualità. Nelle aree più acclivi queste innovazioni nella meccanizzazione continuano a incontrare gravi ostacoli, che determinano dal lato dei costi un evidente svantaggio competitivo rispetto alle zone orograficamente più favorite. 23

24 Il Distretto del Conegliano Valdobbiadene In quest ambito, un ruolo importante viene svolto dall informazione tecnica fornita dal Consorzio di Tutela, dai rappresentanti di macchinari agricoli, dalle organizzazioni dei produttori e dall operatore pubblico (Consiglio per La Ricerca in Agricoltura, Veneto Agricoltura, Università, Provincia di Treviso, etc). L offerta dei mezzi tecnici e dei macchinari proposti è gestita da una rete organizzata di rappresentanti e concessionari, che capillarmente servono il territorio della Marca trevigiana, mettendo a disposizione del viticoltore un parco macchine completo e di prim ordine, che va dai trattori specializzati alle irroratrici tradizionali, dalle cimatrici, alle vendemmiatrici semoventi e trainate e ai carri di raccolta utilizzati ad hoc. Gli effetti benefici della meccanizzazione sull economia d impresa si sono fatti sentire soprattutto nelle aziende più strutturate dal punto di vista organizzativo, che dispongono di maggiori risorse per finanziare gli investimenti. Accogliendo le richieste dei Consorzi presenti nell area del Distretto, nel 2009 è stato avviato un importante progetto, che coinvolge i principali Centri di Ricerca nel settore vitivinicolo (CIRVE, CRA, Veneto Agricoltura, l ISISS G. B. Cerletti, CO.DI.TV) in stretta collaborazione con le organizzazioni professionali agricole. Il lavoro, finanziato dalla Camera di Commercio di Treviso, ha l obiettivo di individuare linee guida per una viticoltura sostenibile, basata sulle più recenti metodologie di bilancio globale (footprint). I risultati dovrebbero permettere di limitare l impatto ambientale di alcune pratiche impiegate dalle aziende vitivinicole. Il raggiungimento dell obiettivo non è solo finalizzato a migliorare la coesistenza dell attività vitivinicola con le altre attività economiche presenti sul territorio, ma anche la qualità della vita della popolazione, dell ambiente e del paesaggio. 24

25 CENTRO STUDI DI DISTRETTO - RAPPORTO Impiantistica enologica Il Distretto presenta alcune imprese leader nel settore delle macchine enologiche, nel settore dell impiantistica enologica e delle attrezzature di cantina. La produzione copre a 360, su scala nazionale e internazionale, l offerta del comparto. Queste aziende sono strettamente connesse con le imprese vitivinicole del Distretto e ciò costituisce un vantaggio reciproco tanto per le aziende vitivinicole, che possono avvantaggiarsi per prime delle innovazioni, quanto dei produttori di macchine enologiche, che ricavano dalle cantine una continua sollecitazione al miglioramento. L elevato standard tecnologico dell offerta delle imprese costruttrici di macchinari enologici risponde alle mutevoli esigenze delle case spumantistiche e delle case vinicole dell area distrettuale, con soluzioni tecnologicamente avanzate che vanno dalle attrezzature e macchinari per la ricezione delle uve (es. nastri trasportatori, etc) alle presse pneumatiche informatizzate e automatizzate in linea, dalla filtrazione tangenziale e impianti frigorigeni per il controllo dell ambiente di vinificazione fino ai macchinari della fase finale della logistica della produzione. 25

CENTRO STUDI DI DISTRETTO - RAPPORTO 2009. La differenza... si beve si vede si legge RAPPORTO 2OO9 DOCG: LA FORZA DEL DISTRETTO PER GESTIRE IL FUTURO

CENTRO STUDI DI DISTRETTO - RAPPORTO 2009. La differenza... si beve si vede si legge RAPPORTO 2OO9 DOCG: LA FORZA DEL DISTRETTO PER GESTIRE IL FUTURO CENTRO STUDI DI DISTRETTO - RAPPORTO 2009 Distretto del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene Centro Studi di Distretto La differenza... si beve si vede si legge RAPPORTO 2OO9 DOCG: LA FORZA DEL DISTRETTO

Dettagli

RAPPORTO 2O12 Ambiente e mercato: una sinergia possibile

RAPPORTO 2O12 Ambiente e mercato: una sinergia possibile CONEGLIANO VALDOBBIADENE PROSECCO SUPERIORE 1400 1200 1000 800 600 400 200 0 Distretto del Conegliano Valdobbiadene Centro Studi di Distretto RAPPORTO 2O12 Ambiente e mercato: una sinergia possibile Distretto

Dettagli

LA TRACCIABILITA COME STRUMENTO DI MARKETING STRATEGICO

LA TRACCIABILITA COME STRUMENTO DI MARKETING STRATEGICO Presentazione progetto VERIFICA SUL MERCATO DELLA TRACCIABILITA DI FILIERA Verona 27 marzo 2012 LA TRACCIABILITA COME STRUMENTO DI MARKETING STRATEGICO IL PROGETTO TERRITORI DIVINI CASE HISTORY DI SUCCESSO

Dettagli

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 1 - CODICE PROGETTO 4.1.1- IL POLO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO SPECIALIZZAT O NEI SETTORI DELLE PRODUZIONI VITICOLE, ENOLOGICHE, DELLE GRAPPE E DELLE ACQUAVITI DI CONEGLIANO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA

Dettagli

UniCeSV. Sistema progettato e sviluppato in collaborazione con il

UniCeSV. Sistema progettato e sviluppato in collaborazione con il Sistema progettato e sviluppato in collaborazione con il Centro Universitario di ricerca e formazione per lo sviluppo competitivo delle imprese del settore vitivinicolo italiano del dipartimento di Agraria

Dettagli

Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo

Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo CASE STUDY Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo Emilio Chiodo Il settore vitivinicolo in Abruzzo Il settore vitivinicolo riveste un importanza rilevante nell economia Abruzzese, così

Dettagli

FIGURA PROFESSIONALE SBOCCHI OCCUPAZIONALI

FIGURA PROFESSIONALE SBOCCHI OCCUPAZIONALI L Italia è una delle 5 maggiori destinazioni al mondo per turismo culturale e ambientale. Vanta, inoltre, una varietà e una ricchezza di produzioni e tipicità enogastronomiche difficilmente riscontrabile

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI Un decennio di profonde trasformazioni: l agricoltura Campana ha affrontato un periodo di grandi cambiamenti nello scenario socio-economico

Dettagli

DISTRETTO DEL PROSECCO DOC DI CONEGLIANO E VALDOBBIADENE: CENTRO STUDI DI DISTRETTO RAPPORTO 2OO7 EVOLUZIONE DEL DISTRETTO E DINAMICHE DEI MERCATI

DISTRETTO DEL PROSECCO DOC DI CONEGLIANO E VALDOBBIADENE: CENTRO STUDI DI DISTRETTO RAPPORTO 2OO7 EVOLUZIONE DEL DISTRETTO E DINAMICHE DEI MERCATI DISTRETTO DEL PROSECCO DOC DI CONEGLIANO E VALDOBBIADENE: CENTRO STUDI DI DISTRETTO RAPPORTO 2OO7 EVOLUZIONE DEL DISTRETTO E DINAMICHE DEI MERCATI DISTRETTO DEL PROSECCO DOC DI CONEGLIANO E VALDOBBIADENE:

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto".

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto. Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto". M. Fontana*, C. Felicioni** *Cultore della materia, Dip. di Psicologia

Dettagli

Nel 2014 il vino italiano ha ritoccato verso l alto il proprio record in termini di esportazioni, assestandosi poco sotto a 5,1 miliardi di euro.

Nel 2014 il vino italiano ha ritoccato verso l alto il proprio record in termini di esportazioni, assestandosi poco sotto a 5,1 miliardi di euro. Denis Pantini e Paolo Bono, Nomisma Wine Monitor denis.pantini@nomisma.it paolo.bono@nomisma.it Nel 2014 il vino italiano ha ritoccato verso l alto il proprio record in termini di esportazioni, assestandosi

Dettagli

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR)

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) UNA CULTURA, UNA TRADIZIONE, UN SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE: IL CASO DI CASTELLI (TE) Indicazioni progettuali per un analisi territoriale, per un progetto di

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

Convegno ANFIA. Torino, 7 maggio 2013

Convegno ANFIA. Torino, 7 maggio 2013 Convegno ANFIA Torino, 7 maggio 2013 Scaletta presentazione Dott. Bonomi INTRODUZIONE anche se il momento è difficile e carico di incertezze bisogna cercare di capire quali sono le occasioni per migliorare

Dettagli

CENTRO STUDI DI DISTRETTO - RAPPORTO 2013 PROSECCO SUPERIORE. Centro Studi di Distretto RAPPORTO 2O13 DA PRODOTTO A SIMBOLO

CENTRO STUDI DI DISTRETTO - RAPPORTO 2013 PROSECCO SUPERIORE. Centro Studi di Distretto RAPPORTO 2O13 DA PRODOTTO A SIMBOLO CONEGLIANO VALDOBBIADENE PROSECCO SUPERIORE Distretto del Conegliano Valdobbiadene Centro Studi di Distretto RAPPORTO 2O13 DA PRODOTTO A SIMBOLO Distretto del Conegliano Valdobbiadene Centro Studi di Distretto

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

Claudio Ansanelli. Strategie e strumenti di sviluppo per le aziende vitivinicole il ruolo della Regione Campania

Claudio Ansanelli. Strategie e strumenti di sviluppo per le aziende vitivinicole il ruolo della Regione Campania Claudio Ansanelli Strategie e strumenti di sviluppo per le aziende vitivinicole il ruolo della Regione Campania Un altro convegno, ma non se ne fanno giàtroppi? Stamattina ci occuperemo fondamentalmente

Dettagli

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E DENIS PANTINI Direttore Area Agricoltura e Industria Alimentare Nomisma spa PROSPETTIVE FUTURE I temi di approfondimento I consumi

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

Laurea in Viticoltura ed enologia. Agraria PIANO DEGLI STUDI

Laurea in Viticoltura ed enologia. Agraria PIANO DEGLI STUDI PIANO DEGLI STUDI Il corso di laurea ha frequenza obbligatoria (minimo 70%) al 2 e al 3 anno di corso per gli insegnamenti obbligatori, ma non per quelli a scelta programmata e autonoma. La percentuale

Dettagli

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e 1 L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e secondo livello di tutti i 64 atenei aderenti al Consorzio, che rappresentano circa l 80% del complesso dei laureati

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

L istruzione nel Comune di Udine

L istruzione nel Comune di Udine COMUNE DI UDINE Dipartimento Affari Generali U.Org. Studi e Statistica L istruzione nel Comune di Udine COMUNE DI UDINE U.Org. Studi e Statistica Via B. Stringher, 10-33100 Udine E-mail: statistica@comune.udine.it

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA 2015 Cooperazione agroalimentare La cooperativa è un associazione autonoma di persone unite volontariamente per soddisfare le loro aspirazioni e bisogni economici,

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI AGENZIA DEL LAVORO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L IMPIEGO 1. LA CONDIZIONE GIOVANILE SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI TRENTO

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013 Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive summary Febbraio 2013 1 Finalità dell Osservatorio 3 Contenuto e metodologia dell indagine 3 Composizione del campione

Dettagli

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Maggio 2015 L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Presentazione Rapporto UNIDI definitivo sul mercato 2013 e stima 2014 Il progetto KEY-STONE Presentazione rapporto sul periodo

Dettagli

La viticoltura di precisione

La viticoltura di precisione Capitolo I La viticoltura di precisione L. Genesio *, T. De Filippis *, F. Di Gennaro *, E. Fiorillo *, A. Matese *, J. Primicerio *, L. Rocchi *, F.P. Vaccari * 1. La viticoltura di precisione nel Consorzio

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms Leonardo Casini Questo è probabilmente l ettaro di terra più costoso del mondo: Burgundy, Vigneto Romanée Conti:

Dettagli

Le opportunità della politica di sviluppo rurale

Le opportunità della politica di sviluppo rurale Le opportunità della politica di sviluppo rurale Fonte Inea Forme innovative di integrazione in agricoltura per favorire l insediamento dei giovani nel settore primario ) La politica di sviluppo rurale

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

I laureati e il lavoro a dieci anni dalla Dichiarazione di Bologna

I laureati e il lavoro a dieci anni dalla Dichiarazione di Bologna I laureati e il lavoro a dieci anni dalla Dichiarazione di Bologna Andrea Cammelli A dieci anni dalla Dichiarazione di Bologna e ad otto dall avvio della riforma universitaria nel nostro paese, è possibile

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

IL SISTEMA DI CERTIFICAZIONE E DI CONTROLLO

IL SISTEMA DI CERTIFICAZIONE E DI CONTROLLO IL SISTEMA DI CERTIFICAZIONE E DI CONTROLLO DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE L ATTIVITÀ DI CONTROLLO ISPETTIVA PRESSO GLI OPERATORI DELLA FILIERA (VITICOLTORI, VINIFICATORI, INTERMEDIARI ED IMBOTTIGLIATORI)

Dettagli

Vi sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quanto se ne sognano nella vostra filosofia (Amleto William Shakespeare)

Vi sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quanto se ne sognano nella vostra filosofia (Amleto William Shakespeare) Vi sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quanto se ne sognano nella vostra filosofia (Amleto William Shakespeare) Oggi la qualità delle relazioni sociali, delle condizioni ambientali, dei processi

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione Perché e come scegliere un master in Affari e Finanza, i master universitari

Dettagli

Tipologia X Impresa. Cantina di Calasetta Via Roma, 134 09011 Calasetta. Tel. 0781 88413 Fax 0781 88876- e-mail info@cantinacalasetta.

Tipologia X Impresa. Cantina di Calasetta Via Roma, 134 09011 Calasetta. Tel. 0781 88413 Fax 0781 88876- e-mail info@cantinacalasetta. Soggetto Proponente Ragione Sociale: Società Cooperativa Agricola Cantina Sociale di Calasetta Indirizzo: Via Roma, 134 09011 Calasetta Telefono 0781/88413 Fax 0781/88871 E-mail info@cantinacalasetta.com

Dettagli

Master Internazionale per Designer del Sistema Moda Calzatura

Master Internazionale per Designer del Sistema Moda Calzatura Master Internazionale per Designer del Sistema Moda Calzatura 2009-2010 1 INDICE 1. Introduzione 2. Struttura ed articolazione dell offerta formativa 3. Obiettivi e profili professionali 4. Organizzazione

Dettagli

Labour market intelligence in Europa

Labour market intelligence in Europa Labour market intelligence in Europa di Mara Brugia* e Antonio Ranieri** Dal nostro punto di osservazione che è quello di chi guarda all insieme del sistema europeo della formazione professionale e del

Dettagli

FocusReport3. KIBS: il percorso della conoscenza. EBiComLab. nella provincia di Treviso. agosto 2014. Centro studi sul terziario trevigiano

FocusReport3. KIBS: il percorso della conoscenza. EBiComLab. nella provincia di Treviso. agosto 2014. Centro studi sul terziario trevigiano FocusReport3 agosto 2014 KIBS: il percorso della conoscenza Filcams-CGIL Fisascat-CISL Uiltucs-UIL Secondo i dati forniti dall Ufficio Studi e Statistica della Camera di Commercio Industria Artigianato

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Comunicato stampa EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Le imprese associate a Eurogroup sono quasi 37 mila (+8,6% rispetto al 2006) L avanzo di gestione ante imposte è di 6,3

Dettagli

Polo funzionale 10 Parco scientifico tecnologico di Faenza

Polo funzionale 10 Parco scientifico tecnologico di Faenza Polo funzionale 10 Parco scientifico tecnologico di Faenza Comune: Faenza Tav.1 INQUADRAMENTO TERRITORIALE Polo n. 10-1 Tav.2 INQUADRAMENTO URBANO Scala 1:20.000 ELENCO UNITÀ DEL POLO FUNZIONALE: Famiglia

Dettagli

Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: elementi caratterizzanti il cluster

Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: elementi caratterizzanti il cluster -EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: elementi caratterizzanti il cluster Comune di Collagna Responsabile dell azione

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte EDIZIONE 16 prima parte SETTEMBRE La voce di Databank 2012 Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata ABBIGLIAMENTO INFANTILE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE

Dettagli

INDAGINE SUI FABBISOGNI DI SERVIZI A FAVORE DELLE IMPRESE DEL SETTORE AGROALIMENTARE

INDAGINE SUI FABBISOGNI DI SERVIZI A FAVORE DELLE IMPRESE DEL SETTORE AGROALIMENTARE A cura di: INDAGINE SUI FABBISOGNI DI SERVIZI A FAVORE DELLE IMPRESE DEL SETTORE AGROALIMENTARE PRESENTAZIONE DEI RISULTATI 1 - Criticità - Fabbisogni - Tendenze di sviluppo Il presente rapporto illustra

Dettagli

Formazione manageriale in Trentino

Formazione manageriale in Trentino Formazione manageriale in Trentino Linee strategiche Dal 2002 il sistema istituzionale trentino ha avviato una serie di esperienze di alta formazione nel settore turistico che, seppure in mutati assetti

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 4.1.2 - ASSISTENZA TECNICA AL TERRITORIO PER L I N D I V I D UAZIONE DI STRUMENTI DI POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO NELL AMBITO DELLE

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

RESTARTAPP. Missione. Obiettivo. Destinatari. Formula e contenuti

RESTARTAPP. Missione. Obiettivo. Destinatari. Formula e contenuti RESTARTAPP ReStartApp è il primo campus per le nuove imprese dell Appennino: un progetto dedicato ai giovani in possesso di idee d impresa o start up originali e innovative, che vedono nel territorio appenninico

Dettagli

Il Citizen Relationship Management ai primi passi in Italia Un confronto pubblico-privato

Il Citizen Relationship Management ai primi passi in Italia Un confronto pubblico-privato Il Citizen Relationship Management ai primi passi in Italia Un confronto pubblico-privato A cura di Thomas Schael e Gloria Sciarra (irso e Butera e Partners) Il Citizen Relationship Management (CRM) in

Dettagli

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010 Giugno 2010 Premessa L obiettivo dell indagine è stato quello di registrare il sentire delle Aziende Italiane rispetto alla situazione economica attuale e soprattutto quali sono le aspettative per gli

Dettagli

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO COMMISSIONE 3: SERVIZI PER LO SVILUPPO LOCALE DEI TERRITORI Sintesi risultati incontro del 11 Marzo 2009 ASSISTENZA TECNICA A CURA DI: RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO

Dettagli

Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Sintesi Rapporto finale

Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Sintesi Rapporto finale Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia Sintesi Rapporto finale Dicembre 2010 EXECUTIVE SUMMARY Il dodicesimo rapporto della Conferenza degli Enti per il Servizio Civile si compone di due approfondimenti:

Dettagli

progetto per lo sviluppo culturale e sociale del territorio mediante la ricerca scientifica di base

progetto per lo sviluppo culturale e sociale del territorio mediante la ricerca scientifica di base La Fondazione Cassa di Risparmio di Bra promuove il progetto per lo sviluppo culturale e sociale del territorio mediante la ricerca scientifica di base La Fondazione Cassa di Risparmio di Bra ha fra i

Dettagli

Carpi e i distretti italiani del tessile-abbigliamento: da dove parte il rilancio?

Carpi e i distretti italiani del tessile-abbigliamento: da dove parte il rilancio? La metamorfosi del «modello emiliano»: c è ancora un futuro per i distretti industriali? Una prospettiva economica Carpi e i distretti italiani del tessile-abbigliamento: da dove parte il rilancio? Cristina

Dettagli

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE ROMA UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE Relatore: Claudio Destro - Presidente Confagricoltura di Roma I nuovi orizzonti dell agricoltura multifunzionale di Roma Milano, 6 settembre 2015 Evoluzioni

Dettagli

FACOLTÀ DI ECONOMIA Dipartimento di Economia Aziendale Corso di laurea specialistica in Marketing e Ricerche di mercato

FACOLTÀ DI ECONOMIA Dipartimento di Economia Aziendale Corso di laurea specialistica in Marketing e Ricerche di mercato FACOLTÀ DI ECONOMIA Dipartimento di Economia Aziendale Corso di laurea specialistica in Marketing e Ricerche di mercato UNA RICERCA DI MARKETING NEL SETTORE VITIVINICOLO. IL CASO CANTINA DI MONTALCINO

Dettagli

DALL UVA BIOLOGICA AL VINO BIOLOGICO: qualità, sicurezza e autenticità

DALL UVA BIOLOGICA AL VINO BIOLOGICO: qualità, sicurezza e autenticità DALL UVA BIOLOGICA AL VINO BIOLOGICO: qualità, sicurezza e autenticità L importanza della certificazione del vino biologico la garanzia di qualità, sicurezza e autenticità () Alessandro Barbieri - Antonio

Dettagli

Orientamento 2015/17

Orientamento 2015/17 Orientamento 2015/17 Gli ITS sono stati introdotti nell ordinamento nazionale dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 25 gennaio 2008 in attuazione della legge finanziaria 2007 allo scopo

Dettagli

L ESPORTAZIONE DI VINO 1

L ESPORTAZIONE DI VINO 1 L ESPORTAZIONE DI VINO 1 Premessa L Italia, come è noto, è uno dei principali produttori di vino, contendendo di anno in anno alla Francia, a seconda dell andamento delle vendemmie, la leadership mondiale.

Dettagli

Export manager per il settore della nautica da diporto

Export manager per il settore della nautica da diporto PROGETTO COFINANZIATO DALL UNIONE EUROPEA Progetto formativo per Export manager per il settore della nautica da diporto FORMAZIONE SUPERIORE Progetto formativo per Export manager per il settore della nautica

Dettagli

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna Venerdì 9 Ottobre 2015 Si intravede qualche segnale di ripresa, ma i principali indicatori economici rimangono

Dettagli

INDAGINE ALMALAUREA 2015 SUI DOTTORI DI RICERCA Tra perfomance di studio e mercato del lavoro

INDAGINE ALMALAUREA 2015 SUI DOTTORI DI RICERCA Tra perfomance di studio e mercato del lavoro INDAGINE ALMALAUREA 2015 SUI DOTTORI DI RICERCA Tra perfomance di studio e mercato del lavoro Pochi, molto qualificati e con performance occupazionali brillanti: l Indagine AlmaLaurea del 2015 fotografa

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

ITS FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE. Nuovi saperi per l Agroalimentare CORSO 2012-2014. www.itsparma.it

ITS FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE. Nuovi saperi per l Agroalimentare CORSO 2012-2014. www.itsparma.it ITS CORSO 2012-2014 TECNICO RESPONSABILE DELLE PRODUZIONI E DELLE TRASFORMAZIONI AGRARIE, AGRO-ALIMENTARI E AGRO-INDUSTRIALI www.itsparma.it TECNICI DI ALTO PROFILO PER IL SETTORE AGROALIMENTARE il nuovo

Dettagli

F. IL SISTEMA OLIVICOLO DELLA SABINA E LA GESTIONE DELLA DOP

F. IL SISTEMA OLIVICOLO DELLA SABINA E LA GESTIONE DELLA DOP F. IL SISTEMA OLIVICOLO DELLA SABINA E LA GESTIONE DELLA DOP a cura di Stefano Petrucci, Arnaldo Peroni La filiera dell olio nel territorio sabino si è evoluta notevolmente dopo l ottenimento, nel 1996,

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO PERCORSO FORMATIVO PART TIME E MODULARE IN COLLABORAZIONE CON MAGGIO LUGLIO 2016 CUOA Business

Dettagli

Art. 1 Oggetto e finalità

Art. 1 Oggetto e finalità REGOLAMENTO del, n. Regolamento di attuazione della legge regionale 8 agosto 2014, n. 20 Riconoscimento e costituzione dei distretti rurali, dei distretti agroalimentari di qualità e dei distretti di filiera

Dettagli

PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO RURALE L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI

PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO RURALE L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO RURALE L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI BIOLOGICO: NON SOLO MERCATO LE REGOLE L'agricoltura biologica rappresenta uno dei comparti dell'agroalimentare di qualità di maggior

Dettagli

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Armando De Crinito Direttore Generale Vicario DG Attività produttive, Ricerca e Innovazione Regione

Dettagli

Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale

Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale VERSIONE PROVVISORIA Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Manlio

Dettagli

Il valore del marchio territoriale: il caso Fior d Arancio Colli Euganei

Il valore del marchio territoriale: il caso Fior d Arancio Colli Euganei Abbazia di Praglia, 28 Settembre 2013 Il valore del marchio territoriale: il caso Fior d Arancio Colli Euganei Dott. Gianpaolo Borin Prof. Davide Gaeta Il valore del marchio territoriale: il caso Fior

Dettagli

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC INCONTRO 31 GENNAIO 2012 TRA ASSTEL E SLC-CGIL, FISTEL-CISL E UILCOM-UIL SUL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO Sviluppo e

Dettagli

LA FORMAZIONE POST DIPLOMA,

LA FORMAZIONE POST DIPLOMA, LA FORMAZIONE POST DIPLOMA, LA FORMAZIONE PROFESSIONALE, LA FORMAZIONE INTEGRATA, LA FORMAZIONE CONTINUA DI SERGIO TREVISANATO * * Segretario Regionale Formazione Lavoro - Regione Veneto Sergio Trevisanato

Dettagli

IL VINO IN TAVOLA: TENDENZE e DATI. Overview:

IL VINO IN TAVOLA: TENDENZE e DATI. Overview: IL VINO IN TAVOLA: TENDENZE e DATI Overview: La prima settimana di Aprile si è svolta a Verona la 47 edizione del VINITALY che ha registrato 148.000 (+6% rispetto lo scorso anno) dei quali 50.000 esteri

Dettagli

Istituto Tecnico Superiore Alta Formazione per le Nome Fondazione Nuove Tecnologie per il Made in Italy nel comparto Agroalimentare Viterbo

Istituto Tecnico Superiore Alta Formazione per le Nome Fondazione Nuove Tecnologie per il Made in Italy nel comparto Agroalimentare Viterbo Informazioni Fondazione Istituto Tecnico Superiore Alta Formazione per le Nome Fondazione Nuove Tecnologie per il Made in Italy nel comparto Agroalimentare Viterbo Indirizzo Sede Via Saffi, 49 - Viterbo

Dettagli

SCHEDA IMPRENDITORIALE

SCHEDA IMPRENDITORIALE SCHEDA IMPRENDITORIALE A. INFORMAZIONI ANAGRAFICHE 1. Denominazione dell impresa: 2. Natura giuridica: Srl Snc Sas Spa Cooperativa altro (specificare): 3. Sede legale (Via/Piazza e numero civico, Comune,

Dettagli

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010, Forbes

Dettagli

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione - 26 maggio 2015 - Continua a crescere il numero di start-up innovative nel nostro Paese: a fine aprile avevano

Dettagli

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza Promuovere Il problema In società sempre più basate sulla conoscenza, una delle condizioni necessarie ad affrontare con successo il processo di riqualificazione del sistema economico è la disponibilità

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni V edizione A.A. 2013/2014 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

RASSEGNA STAMPA 2014

RASSEGNA STAMPA 2014 RASSEGNA STAMPA 2014 Indice: 10.01.2014 LegaCoop Fundraising strumento su misura per la cooperazione 3 06.02.2014 Tiscali Social Il fundraiser figura chiave del non profit e non solo 4 07.02.2014 Avvenire

Dettagli

Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click

Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click - 14 gennaio 2015 - L Italia, campione del mangiar bene e del buon vino, leader mondiale nella sicurezza alimentare e nell eco-sostenibilità delle

Dettagli

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa.

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa. Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane 12 edizione 60 anni Artigiancassa Abstract SOMMARIO Descrizione sintetica dei risultati del Rapporto 3 Finanziamenti

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di I livello in Gestione del Lavoro e delle Relazioni Sindacali

MASTER UNIVERSITARIO di I livello in Gestione del Lavoro e delle Relazioni Sindacali dipartimento di Giurisprudenza MASTER UNIVERSITARIO di I livello in Gestione del Lavoro e delle Relazioni Sindacali XII edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 34indicatori Industria: stabile la produzione I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 E. S. Produzione sugli stessi livelli dello scorso anno, debole la domanda interna, ma rimane

Dettagli