ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE CIUFFELLI - EINAUDI TODI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE CIUFFELLI - EINAUDI TODI"

Transcript

1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE CIUFFELLI - EINAUDI TODI Agraria-Agroindustria - Costruzioni, Ambiente e Territorio - Amministrazione, Finanza e Marketing - Produzioni artigianali ed industriali Viale Montecristo, T O D I (PG). Tel. 075/ Fax. 075/ Todi,15/05/2015 Prot. n C/29 DOCUMENTO CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE V SEZIONE B AFM ANNO SCOLASTICO

2 Esame di Stato. Anno scolastico Documento del consiglio di classe, V B AFM I.I.S. Ciuffelli-Einaudi Todi Elenco degli insegnanti della classe MATERIE DOCENTI Continuità didattica Firma Italiano Storia Walter Bianchini Lingua Francese Laura Burattini 5 Lingua Inglese Ugo Artegiani Matematica Daniela Brunelli Economia Aziendale Miriam Sacchei Zaccheo Diritto Sc. Carla Contardi delle Finanze Educazione Maria Grazia Alfieri Fisica Religione Patrizia Pelorosso 3 4 5

3 Presentazione dell istituto Le due quinte che affronteranno l esame quest anno sono le prime classi delle sezione Amministrazione finanza e Marketing che concludono il quinquennio dopo l introduzione della riforma. L'indirizzo del profilo professionale consente all'alunno di ottenere, al termine del corso di studi, il diploma di ragioniere. Il titolo di studio consente l'accesso a tutti i corsi di laurea o di diplomi universitari, trovando particolare affinità nei riguardi delle facoltà economiche, giuridiche e sociali (Economia e Commercio, Sociologia, Scienze Bancarie, Scienze Politiche e Giurisprudenza). A titolo di esempio si citano alcune attività ove il diplomato può trovare occupazione: addetto alla contabilità generale, addetto alla fatturazione, magazziniere, operatore di computer, imprenditore commerciale, libero professionista, addetto al settore fiscale delle imprese, agente e rappresentante di commercio, impiegato di banca, dipendente di società assicurative, addetto al marketing I nostri studenti provengono soprattutto dai dintorni e dalla città e formano un utenza abbastanza eterogenea per ceto sociale e per competenze scolastiche. Forte è quindi il fenomeno del pendolarismo che limita la possibilità di attività didattiche pomeridiane, elemento questo che incide sulla vita dell Istituto stesso. Il comune di Todi è caratterizzato da un economia prevalentemente terziaria e dalla presenza di piccole imprese industriali ed artigianali che hanno sostituito ed affiancato la struttura agricola preesistente. Gli indici di disoccupazione e sottoccupazione giovanile sono piuttosto elevati, soprattutto in un momento di crisi economica come l attuale, questo fa sì che la motivazione generale degli studenti sia limitata dalla mancanza di una prospettiva di lavoro certa ed adeguata. per quanto riguarda il piano dell offerta formativa si rimanda ai documenti disponibili in istituto. Presentazione della classe La classe V B è composta di 19 alunni, di cui una che ha ripetuto un anno in questo istituto. Tutti frequentano per la prima volta la quinta. Nel passaggio all ultima classe solo pochi studenti sono stati promossi a settembre, la maggior parte ha conseguito la promozione a giugno con risultati ampiamente positivi. Il dialogo fra studenti ed insegnanti è sempre stato proficuo, per la buona disponibilità ad accogliere le proposte di lavoro, per l impegno assiduo e costante della maggior parte degli alunni. La frequenza è stata assidua e costante per la quasi totalità della classe L attenzione e lo studio costante, l interesse vivo e la disponibiltà al dialogo educativo hanno permesso loro di raggiungere un buon livello di conoscenza sostenuto da spirito critico ed autonomia di giudizio.

4 Evoluzione della classe La classe è apparsa all inizio del triennio educata, disponibile e partecipe. Nel terzo anno i ragazzi hanno partecipato al concorso Porte aperte verso l Europa, promosso dalla regione dell Umbria e dal Parlamento Europeo: Il loro lavoro Dall intolleranza all accoglienza è stato premiato con una visita, per un gruppo di 11 ragazzi, alle sedi del Parlamento europeo di Strasburgo e Bruxelles. Programmazione collegiale Per i contenuti delle singole discipline si rinvia ai documenti dei docenti che sono parte integrante della presente relazione. Contenuti pluridisciplinari. Alcuni argomenti sono stati trattati da più docenti, da diversi punti di vista cercando di favorire nell allievo una formazione analitica e critica più ampia. Ad esempio le istituzioni politiche, sociali ed economiche della UE sono state esaminate dai docenti di storia, diritto, francese, inglese. e si è provveduto a strutturare il CLIL sulle tematiche della Unione Europea. Alcuni argomenti di letteratura sono stati sviluppati in collaborazione con le insegnanti di lingue. Metodi. I metodi comuni adottati sono stati i seguenti: lezione frontale, lezione interattiva, attività di recupero e sostegno, lavori di gruppo, ricerca guidata, incontri con esperti dell Agenzia delle Entrate di Perugia. Per la metodologia delle singole discipline si rinvia ai rispettivi documenti. Mezzi. I mezzi utilizzati sono stati libri di testo, registratori, videoregistratori, videoteca, biblioteca, visite di istruzione, quotidiani e riviste specializzate, conferenze di esperti, laboratori linguistici ed informatici, rappresentazioni teatrali in lingua. Attività integrative. Sono stati effettuati nel corso della alternanza scuola-lavoro tre stage aziendali nelle aziende del territorio che sono state le stesse nel triennio, garantendo così la continuità dell esperienza. Sono stati altresì attivati l orientamento universitario, interazione scuola-università viaggi di Istruzione (tra cui quello ad Amsterdam di fine corso. Visite guidate a mostre d arte. Spazi. Gli spazi utilizzati sono stati: aule tradizionali ed attrezzate, biblioteca, palazzetto dello sport, laboratori. Tempi. In generale, per quanto riguarda il tempo dedicato allo svolgimento dei programmi, il consiglio rileva che l attività curricolare ha avuto un andamento regolare a parte le interruzioni dovute alle varie attività integrative. Criteri e strumenti di valutazione. Per i criteri di valutazione si fa riferimento ai documenti elaborati dal collegio docenti.

5 Gli strumenti di valutazione adottati sono stati: prove scritte non strutturate, semi strutturate, strutturate, come previsto dall esame di stato; esercitazioni guidate, prove orali tradizionali, flash, analisi del testo. Mediamente sono state effettuate almeno tre prove scritte e due orali per periodo. Simulazione d esame. Durante il corso dell anno sono state effettuate numerose prove costruite secondo i nuovi criteri previsti dalla riforma dell esame, questo nelle singole discipline. Inoltre sono state effettuate due simulazioni di III prova e svariate simulazione di I prova e due simulazione di II prova. Sono state eseguite due simulazioni di terza prova, scegliendo la tipologia B, quesiti a risposta singola, perché ritenuta consona alla conformazione della classe. Sono state coinvolte sempre quattro discipline, per un totale di undici domande, distribuite in questo modo: due domande su un testo proposto, per la lingua straniera, tre domande per le altre tre discipline, massimo 10 righe a quesito. Il tempo assegnato per lo svolgimento è stato di tre ore. 1 simulazione 15 aprile discipline : Scienza delle Finanze, Lingua francese, Lingua Inglese, Matematica. 2 simulazione 7 maggio discipline : Diritto Pubblico, Lingua inglese, Matematica,Storia. La scelta della tipologia è stata ritenuta la più adeguata all impostazione didattica del consiglio di classe.

6 PROGRAMMA ITALIANO VB AFM Prof. Walter Bianchini Libro di testo : Santagata, Carotti, Casadei, Tre libri di letteratura,vol II Il Settecento-Ottocento, vol. III Novecento-Oggi, Laterza scolastica Il Romanticismo in Italia ed in Europa: caratteri generali G.Berchet, La lettera semiseria di Giovanni Grisostomo al figlio Giacomo Leopardi : Profilo biografico, inquadramento storico-letterario. Pessimismo storico e pessimismo cosmico. Dialogo della Natura e di un islandese La poetica del vago e dell indefinito L infinito La sera del dì di festa, A Silvia, Il sabato del villaggio, Il passero solitario La ginestra La crisi del Romanticismo Beaudelaire : Les fleurs du Mal, (Corrispondenze, L albatros) Positivismo e Naturalismo E.Zola e il romanzo sperimentale Il Verismo: Caratteri generali G.Verga Rosso Malpelo La lupa Libertà Il ciclo dei Vinti I Malavoglia Letture Coro di voci al paese di sera, Ntoni parte soldato Mastro Don Gesualdo

7 Introduzione al Decadentismo Estetismo e superomismo L eroe decadente : il superomismo, il vitalismo L estetismo nel Decadentismo G.Pascoli: Profilo biografico ed inquadramento storico Il fonosimbolismo pascoliano, la poetica delle piccole cose Poesie: Arano, Novembre, X agosto, Il gelsomino notturno, Nebbia, La mia sera. Il fanciullino G.D Annunzio: inquadramento storico letterario Estetismo e panismo La pioggia nel pineto, La sera fiesolana. L.Pirandello: profilo biografico ed inquadramento storico Opposizione vita-forme La carriola, Ciaula scopre la luna, La patente, Il treno ha fischiato Il comico e l umorismo in Pirandello Il fu Mattia Pascal : piano dell opera ed inquadramento nella poetica pirandelliana Il teatro Sei personaggi in cerca d autore I.Svevo: Inquadramento storico- letterario La coscienza di Zeno : piano dell opera, il tema dell inetto Microsaggio : Svevo e la psicanalisi Crepuscolari e Futuristi F.T.Marinetti Il manifesto del Futurismo La situazione della cultura in Italia tra le due guerre

8 Le riviste: La Ronda, Solaria La poesia ermetica o pura S.Quasimodo. inquadramento storico letterario Poesie: Alle fronde dei salici, Uomo del mio tempo, Ed è subito sera G.Ungaretti, inquadramento storico-letterario Il porto Sepolto, L allegria, Il sentimento del tempo Poesie: Veglia, San Martino del Carso, Mattina, Soldati, I fiumi *Non gridate più *E.Montale, inquadramento storico letterario *Ossi di seppia, Le occasioni *Poesie: I limoni, Meriggiare pallido e assorto, Spesso il male di vivere ho incontrato, Non chiederci la parola, L anguilla *Il Neorealismo: quadro storico-letterario Film: Roma città aperta Gli argomenti contrassegnati dall asterisco alla data del 15 maggio devono essere ancora svolti Gli studenti L insegnante Prof. Walter Bianchini ITALIANO : FINALITA DELLA DISCIPLINA

9 Favorire un approccio che consenta allo studente di contestualizzare, storicizzare ma anche attualizzare quanto esaminato. Favorire l abitudine e la disponibilità ad esperienze di lettura autonome e varie. Favorire l arricchimento del linguaggio a livello lessicale e sintattico, per una migliore produzione sia scritta che orale, OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Abitudine alla lettura ed all analisi dei testi narrativi e di poesia. Abitudine alla valutazione dei riflessi e dei condizionamenti prodotti dalla storia e dalla società nei confronti della letteratura. Abitudine alla riflessione su fatti ed eventi recenti e contemporanei. METODI UTILIZZATI Lezione frontale, lezione partecipata, interventi, analisi guidata ed autonoma dei testi. MEZZI E STRUMENTI UTILIZZATI Libri di testo, fotocopie ed altri testi reperiti dall insegnante o dagli stessi allievi. Schemi ed appunti. Aula ordinaria, biblioteca. SPAZI E TEMPI DEL PERCORSO FORMATIVO I tempi previsti dai programmi ministeriali sono di circa 99 ore annuali che sono state utilizzate, anche se non dalla globalità degli allievi, visto il notevole numero di assenze di alcuni di essi. CRITERI DI VALUTAZIONE Per le prove scritte sono stati applicati, sia per il contenuto che per la forma, i criteri di valutazione idonei alle diverse tipologie A,B,C,D, della prima prova, sulla base del punteggio stabilito per il nuovo esame di maturità. Per i test di verifica ci si é comportati in modo analogo, a seconda della tipologia del test somministrato e sulla base del punteggio stabilito per la terza prova del nuovo esame di maturità. Per le prove orali ci si è attenuti alle conoscenze basilari degli autori esaminati, valutando preferibilmente le capacità di analizzare e commentare direttamente un testo letterario, piuttosto che le conoscenze relative

10 alla storia della letteratura. Per la valutazione espressa direttamente in voti, sono stati presi in considerazione i livelli di conoscenza, competenza, comprensione,capacità, applicazione. OBIETTIVI RAGGIUNTI La classe in oggetto ha rilevato elementi di un apprezzabile dose di intelligenza e perspicacia che, unita ad un adeguata preparazione, ha portato a risultati decisamente positivi. Quasi tutti hanno dimostrato continuità nello studio e nell applicazione, interesse vivo e collaborazione con l insegnante, per cui i risultati ottenuti sono ampiamente positivi ed eccellenti per un discreto gruppo, solo un esiguo numero ha conseguito risultati nella sufficienza. Come linea metodologica si è privilegiato l approccio diretto con i testi degli autori affrontati, trattati in base ad una linea tematica per poi inserirli nel contesto della storia della letteratura italiana

11 GRIGLIE DI VALUTAZIONE CONCORDATE CON TUTTI GLI INSEGNANTI DI LETTERE DELLA SCUOLA ED UTILIZZATE NEL TRIENNIO PER CORREGGERE I COMPITI IN CLASSE E LE TERZE PROVEPROVA DI ITALIANO, ANALISI DEL TESTO (TIPOLOGIA A DEL NUOVO ESAME DI STATO) Elementi della valutazione livello Descrizione Voti in quindicesimi Voti in decimi Livello ottenuto 1 Comprensione del testo A Nulla o molto limitata B Globale, ma poco dettagliata C Completa Competenza nell applicazione degli strumenti metodologici di analisi A Scarsa B Sufficiente 3 2 C Buona Esposizione formale: coerenza e coesione testuale, padronanza linguistica, correttezza e proprietà lessicale A Scorretta e disorganica B C Corretta e sufficientemente coerente Propria, personale e creativa Rielaborazione personale e critica A Assente o scarsa B Sufficiente 2 1 C Buona 3 2 Punteggi totali ottenibili Punteggio totale ottenuto

12 PROVA DI ITALIANO, REDAZIONE DI UN SAGGIO BREVE O DI UN ARTICOLO DI GIORNALE (TIPOLOGIA B DEL NUOVO ESAME DI STATO) Elementi della valutazione livell o Descrizione Voti in quindicesimi Voti in decimi livello ottenuto 1 Conoscenza dell argomento e selezione pertinente delle informazioni (notizie corrette e complete rispetto alla richiesta) A Scarsa B Sufficiente 2 1 C Buona Coerenza testuale: tesi, argomenti a sostegno della tesi, etc. A Scorretta e disorganica B Corretta e sufficiente coerente 3 2 C Ordinata e coerente Esposizione formale: coesione, proprietà, correttezza, pertinenza linguistica in base all argomento o alla tipologia dell articolo correttezza e proprietà lessicale A Scorretta e disorganica B Corretta e sufficientemente coerente 3 2 C Propria, personale e creativa 3.5-4,5 3 4 Capacità di rielaborazione personale e critica A Assente o scarsa B Sufficiente 2 1 C Buona 3 2

13 PROVA DI ITALIANO, TEMA STORICO (TIPOLOGIA C DEL NUOVO ESAME DI STATO) TEMA DI CARATTERE GENERALE (TIPOLOGIA D) Elementi della livello Descrizione valutazione Voti in quindicesimi Voti in decimi Livello ottenuto 1 Aderenza alla traccia e coerenza logica A Nulla o appena accennata B Parziale C completa Conoscenza degli argomenti A Scarsa B Sufficiente 3 2 C Buona Esposizione formale: coerenza e coesione testuale, padronanza linguistica, correttezza e proprietà lessicale A Scorretta e disorganica B C Corretta e sufficientemente coerente Propria, personale e creativa Rielaborazione personale e critica A Assente o scarsa B sufficiente 2 1 C Buona 3 2 Punteggi totali ottenibili Punteggio totale ottenuto

14 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLE III PROVE DI STORIA E DELLE PROVE D INGRESSO Completa ed approfondita p. 8 Completa p. 7 Conoscenza argomenti degli Completa con qualche imprecisione p. 6 Corretta ed essenziale p. 5 Superficiale e frammentaria p. 3 Assente p. 0 Competenza linguistica Linguaggio appropriato e scorrevole p. 2 Linguaggio semplice ma chiaro p. 1 Linguaggio confuso e scorretto p. 0 Capacità di analisi e di sintesi Sa effettuare analisi e sintesi coerenti ed autonome Sa effettuare analisi e sintesi correttamente Sa effettuare analisi e sintesi, anche se talvolta parziali ed imprecise Non sa effettuare analisi e sintesi corrette p. 3 p. 2 p. 1 p. 0 Capacità di rielaborare dati ed informazioni Sa organizzare dati ed informazioni in modo corretto p. 2 Sa organizzare dati ed informazioni con qualche difficoltà p. 1 Non sa organizzare i dati p. 0 Voto in decimi Punteggio in quindicesimi 0 voto voto voto 2.5 3

15 2.5 voto voto voto voto voto voto voto voto voto voto voto 10 15

16 PROGRAMMA DI STORIA CLASSE V SEZ. B AFM ANNO SCOLASTICO Libro di testo : A.M.Banti, Le frontiere della storia, Vol 3 Dalla Grande Guerra all Età Contemporanea, Laterza editore L Europa delle grandi potenze Le origini della società di massa Redditi e consumi Divertimenti di massa Amore, famiglia e sessualità La politica in Occidente Caratteri generali L età Giolittiana La crisi di fine secolo Il riformismo giolittiano Anni cruciali per l Italia Dall Imperialismo alla guerra L imperialismo Imperialismo e colonialismo

17 Alleanze e contrasti tra le grandi potenze Il crollo dell Impero Ottomano Sarajevo, 28 giugno 1914 La Grande guerra Giorni d estate La brutalità della guerra Nelle retrovie e al fronte Le prime fasi della guerra ( ) L Italia dalla neutralità all intervento ( ) Trincee e assalti La fase conclusiva Le conseguenze geopolitiche della guerra Il primo dopoguerra La Russia rivoluzionaria Due rivoluzioni, una a febbraio e l altra ad ottobre La guerra civile I comunisti al potere Paura e consenso Il dopoguerra dell Occidente Le trasformazioni economiche nel primo dopoguerra Le riparazioni di guerra e le relazioni economiche internazionali Stili di genere e consumi culturali La prosperità statunitense La Repubblica di Weimar

18 Il Fascismo al potere Il quadro politico italiano nell immediato primo dopoguerra Le aree di crisi nel biennio La nascita del fascismo La marcia su Roma Una fase transitoria ( ) Il fascismo si fa Stato ( ) Dalla crisi del 29 alla seconda Guerra Mondiale La crisi economica e le democrazie occidentali La crisi del 29 Il New Deal di Franklin Delano Roosevelt FDR, un presidente per il popolo Il regime nazista L ascesa del nazismo Le strutture del regime nazista L edificazione della Volksgemeinschaft (Comunità nazionale) Fascismo e autoritarismo Il fascismo italiano negli anni Trenta Gli altri regimi autoritari in Europa La guerra civile in Spagna L Unione Sovietica di Stalin Un economia pianificata La paura come strumento di governo

19 Conservatorismo culturale La politica estera La Seconda Guerra Mondiale Dall Anschluss al patto di Monaco Dalla dissoluzione della Cecoslovacchia all aggressione alla Polonia La guerra lampo Le guerre parallele La Germania nazista attacca l Unione Sovietica La guerra nel Pacifico L ordine nuovo in Asia e in Europa Lo sterminio degli ebrei La resistenza contro le occupazioni nazi-fasciste La svolta del La caduta del fascismo, la Resistenza e la guerra in Italia La fine della guerra *Il secondo dopoguerra Dopo la guerra ( ) Ombre lunghe di una guerra appena conclusa Un Europa divisa L Occidente nell immediato dopoguerra L Italia Il blocco sovietico

20 *Economia e società Una nuova crescita economica Migrazioni e mutamenti sociali *Democrazie occidentali e comunismo sovietico L Italia Gli argomenti contrassegnati con l asterisco alla data del 15 maggio non sono stati ancora svolti e lo saranno successivamente Gli studenti L insegnante Prof. Walter Bianchini STORIA : FINALITA DELLA DISCIPLINA Sviluppare la consapevolezza della necessità di studiare i fatti storici al di là delle ideologie, per capire il passato e leggere il presente. Consolidare l attitudine ad analizzare criticamente quanto presentato ed a problematizzare i fatti storici, tenendo conto dei rapporti spazio-temporali. Favorire l abitudine a considerare la storia come prodotto anche di fenomeni sociali ed umani, oltre che politici ed economici. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Lo studente dovrà essere in grado di adoperare concetti e termini storici in rapporto agli specifici contesti. Lo studio della materia in questione dovrà facilitare lo sviluppo di una coscienza civile, al di là di un mero apprendimento di contenuti a livello mnemonico e/o puramente cronologico.

21 METODI UTILIZZATI Lezione frontale, lezione partecipata, interventi della classe, contributi di discussione collettiva. Interdisciplinarietà con la materia di italiano. MEZZI E STRUMENTI UTILIZZATI Libro di testo, documenti, documentari. Schemi prodotti in classe e individualmente, anche grazie a fotocopie di testi reperiti dall insegnante e dagli stessi allievi. Aula ordinaria, biblioteca. SPAZI E TEMPI DEL PERCORSO FORMATIVO I tempi previsti dai programmi ministeriali sono circa di 66 ore annuali che sono state globalmente utilizzate, anche se non dalla totalità degli allievi, visto il notevole numero di assenze di alcuni di essi. CRITERI DI VALUTAZIONE Per i test di verifica somministrati i criteri di valutazione sono stati basati sul punteggio in quindicesimi, come da griglia stabilita per la terza prova del nuovo esame di maturità. Per la valutazione espressa direttamente in voti, sono stati presi in considerazione i livelli di conoscenza, competenza, comprensione, capacità, applicazione. STRUMENTI DI VALUTAZIONE Interrogazioni classiche, interventi, test a risposta breve-semplice. Analisi di documenti. OBIETTIVI RAGGIUNTI La classe in oggetto ha rilevato elementi di un apprezzabile dose di intelligenza e perspicacia che, unita ad un adeguata preparazione, ha portato anche a risultati decisamente positivi. Gran parte degli studenti del corso ha dimostrato continuità nello studio e nell applicazione per cui per molti gli obiettivi raggiunti possono ritenersi soddisfacenti, addirittura eccellenti per un piccolo gruppo, mentre solo per pochi altri i risultati ottenuti sono nella sufficienza Per quanto concerne il programma svolto si è cercato di dare un quadro esauriente delle principali fasi della storia italiana, europea ed extraeuropea dall inizio del 900 agli anni Sessanta. Todi 15 maggio 2015 L INSEGNANTE Prof.Walter Bianchini

22 IIS "CIUFFELLI - EINAUDI" TODI (PG) A/S 2014/ CLASSE 5B AFM LINGUA STRANIERA: INGLESE - INSEGNANTE: PROF. UGO ARTEGIANI PROGRAMMA SVOLTO Dal testo: In Business, Digital Edition, Autori: F. Bentini, R. Richardson, V. Vaugham Editore Pearson. MODULO TITOLO MODULO UNITA' DIDATTICHE M1 BUSINESS THEORY U1. International Trade: - What is International trade? - The balance of payments and the balance of trade - Controlling foreign trade - Documents in international trade - Incoterms - Exam practice - terza prova: "US builds case against China's export restrictions" U2. Finance: - The Stock Exchange - Who operates in the Stock Exchange? - The London Stock Exchange - The New York Stock Exchange - Exam practice - terza prova: "Why do share prices rise and fall?" U3. Globalisation: - What is globalisation? - Advantages and disadvantages of globalisation - Economic globalisation - Outsourcing and offshoring - Exam practice - terza prova: "Globalisation" M2 CULTURAL PROFILES U1. Our changing world: - Migration and travel - Technologicl advance - Globalisation

23 - Rise of new powers - Weakening of the European nation state - Crisis of religion and the amily - The population time bomb - Ecological concerns - Climate change - Terrorism and security - How is globalisation changing the world - Free trade U2. People and history: - The industrial revolution - The British empire - Britain since 1930 U3. Economy: - UK. Agriculture and mining - UK. Manufacturing - UK. Services, transport and trade - USA. Agriculture and mining - USA. Manufacturing - USA. Services, transport and trade - Ireland, from boom to bust U4. Government and politics: - The UK government - The US government - Political parties UK/USA U5. Society: - UK/US. Population - UK/US. The welfare state - UK/US. Religion - UK/US. Mass media - Multicultural Britain - is it working?

24 M3 THE EU AND ITS INSTITUTIONS U1. Modulo CLIL: Diritto Dal testo in adozione: The organization of the EU; What does the European Union do?; Leaving the European Union Materiale fotocopiato: The Euro; My Europe; The European Union. Todi, Prof. Ugo Artegiani RELAZIONE FINALE - a.s DOCENTE: UGO ARTEGIANI CLASSE: 5B AFM DISCIPLINA: LINGUA INGLESE a) Situazione iniziale della classe in ambito disciplinare: La classe ha dimostrato un discreto livello di preparazione in fase iniziale. Per un breve periodo sono stati affrontati ed approfonditi aspetti strutturali, linguistici e grammaticali. Si è successivamente proceduto a ricollegare ed approfondire gli aspetti disciplinari e tecnici accennati nell'anno precedente. b) Obiettivi disciplinari fissati: Consolidamento grammaticale; potenziamento linguistico, approfondimento di argomenti riguardanti l'economia, la storia, la civiltà e la comunicazione nelle realtà aglo-sassoni ed internazionali; introduzione ad aspetti e strategie riguardanti l'esame di stato. c) Interventi effettuati: attività disciplinari attività progettuali recupero attività laboratoriali attività di integrazione interculturale potenziamento altro... d) Verifiche: Iniziale Orali

25 In itinere Finale Scritte Pratiche Effettuate mediante: Prove strutturate questionari a risposta aperta elaborati grafici questionari a risposta multipla temi, relazioni, ecc. elaborati informatici altro: simulazioni terza prova e) Profilo comportamentale della classe (finale): La classe ha mantenuto un comportamento abbastanza corretto e rispettoso. Si è abbastanza impegnata nelle attività scolastiche e laboratoriali. In alcuni casi ed in certi periodi dell'anno scolastico si è riscontrata una certa svogliatezza e disimpegno da parte di un gruppo di alunni. Altri studenti si sono impegnati nelle attività di approondimento e laboratoriali dimostrando senso del dovere e disciplina. f) Raggiungimento obiettivi disciplinari: 9-10 per n 2 alunni 7-8 per n 12 alunni 6 per n 3 alunni fino 5 ma ammessi alla classe successiva per n 02 alunni fino 5 e non ammessi alla classe successiva per n 0 alunni g) Punti di forza che hanno caratterizzato il percorso della classe: Buon comportamento durante le attività in aula e laboratorio; disponibilità da parte di alcune alunne ad affrontare aspetti nuovi e stimolanti; buon livello medio di preparazione. h) Punti di debolezza che hanno caratterizzato il percorso della classe: Generale stanchezza e svogliatezza riscontrata in certi momenti dell'anno scolastico; alcune assenze in determinati giorni. Todi, 15/05/2015 Prof. Ugo Artegiani

26 Modulo 1 : La France : Géographie et institutions -La France physique -Les DROM et les COM -Les symboles -La France politique et administrative Programma di Lingua e Civiltà Francese Modulo 2 : Histoire de France -Le Moyen Age (Charlemagne, le traité de Verdun, Hugues Capet) -Les trois guerres du XVe et du XVIe siècle (La guerre des Cent Ans, les guerres de Religion et les guerres d Italie) -l Edit de Nantes -Deux siècles d absolutisme royale : Louis XIII et Richelieu, Louis XIV et Mazarin, Louis XV, Louis XVI, la Révolution : la Constituante, la Déclaration des Droits de l homme et du citoyen, la Convention (la proclamation de la République et le procès au roi), la Terreur, le Directoire -Napoléon Bonaparte -La Restauration -Napoléon III -La Troisième République -Le Boulangisme et l Affaire Dreyfus -La Première Guerre Mondiale -Les conséquences de la guerre : les années folles Modulo 3: Littérature -Charles Baudelaire : - Sa vie et ses œuvres - «Les Fleures du Mal» : la division en six sections, leur titre et les poèmes contenus Modulo 4 : Civilisation -L'Union Européenne Modulo 5 : Société et économie -La mondialisation et la globalisation -La société française et les nouvelles générations Modulo 6: Sciences et technologie -Etat et santé -Santé et environnement -Euthanasie et acharnement thérapeutique -La Bioéthique -La Biodiversité -La Biotechnologie : les OGM -Les réalisations de la technologie -L énergie et développement -Les énergies renouvelables Todi, 8 Maggio 2015 Il Docente Prof.ssa Laura Burattini

27 RELAZIONE FINALE MATERIA: LINGUA E CIVILTA FRANCESE DOCENTE: LAURA BURATTINI L'insegnante, che ha conosciuto la classe nel presente anno scolastico, è nell'insieme soddisfatta per la maturità mostrata dagli alunni nell'accogliere un nuovo docente e per l'atteggiamento di collaborazione e di rispetto mantenuto durante tutto l'anno scolastico. La classe, composta da 19 alunni, di cui 4 maschi e 15 femmine, ha partecipato attivamente e mostrato interesse per ogni attività proposta. Si evidenziano almeno tre livelli di preparazione: pochissimi alunni hanno raggiunto ottimi risultati, la maggior parte della classe ha raggiunto risultati soddisfacenti, mentre un piccolo numero di studenti ha mostrato difficoltà pregresse che si sono colmate parzialmente. L'insegnante è pienamente soddisfatta del lavoro svolto dalla classe. Il Docente Prof.ssa Laura Burattini

28 GRIGLIA DI VALUTAZIONE TERZA PROVA Lingua Straniera COGNOME E NOME CLASSE LIVELLI DI NUMERO CRITERI DI PUNTEGGIO VALUTAZIONE E PUNTEGGIO QUESITI VALUTAZIONE MAX PUNTEGGIO OTTENUTO ASSEGNATO CORRISPONDENTE - scarso 1,5 Comprensione e 3,5 - mediocre 2,0 Aderenza alla traccia - sufficiente 2,5 - discreto 3,0 QUESITO 1 - buono 3,0 - ottimo 3,5 - scarso 0,5 Padronanza della lingua e correttezza formale 2,5 - mediocre 1,0 - sufficiente 1,5 - discreto 2,0 - buono 2,0 - ottimo 2,5 Capacità di - scarso 0 Rielaborazione e 1,5 - mediocre 0,5 Integrazione dei - sufficiente 1,0

29 contenuti - discreto 1,0 - buono 1,5 - ottimo 1,5 - scarso 1,5 Comprensione e Aderenza alla traccia 3,5 - mediocre 2,0 - sufficiente 2,5 - discreto 3,0 QUESITO 2 - buono 3,0 Padronanza della lingua e correttezza formale Capacità di Rielaborazione e Integrazione dei contenuti 2,5 1,5 - ottimo 3,5 - scarso 0,5 - mediocre 1,0 - sufficiente 1,5 - discreto 2,0 - buono 2,0 - ottimo 2,5 - scarso 0 - mediocre 0,5 - sufficiente 1,0 - discreto 1,0 - buono 1,5 - ottimo 1,5 TOTALE PUNTEGGIO MAX ASSEGNATO 15,00 TOTALE PUNTEGGIO OTTENUTO Per ogni risposta in bianco viene assegnato n.1 punto.

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA ISTITUTO TECNICO STATALE AD INDIRIZZO COMMERCIALE IGEA - MARKETING GEOMETRI - PROGRAMMATORI TURISTICO G FILANGIERI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2010/2011 INDIRIZZO DI STUDI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI 1 di 5 23/01/2015 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA: Matematica DOCENTI : Provoli, Silva, Vassallo MODULI CONOSCENZE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Pag. 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Prof.ssa Paola VERGANI Materia MATEMATICA Classe V Sez. D ss Testi adottati: - Bergamini- Trifone- Barozzi Fondamenti di calcolo algebrico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 7 04/12/2013 118 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di Studio: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA- Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometra Liceo Linguistico/Linguistico Moderno -

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. Elisabetta

Dettagli

M i n i s t e r o d e l l a P u b b l i c a I s t r u z i o n e ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE

M i n i s t e r o d e l l a P u b b l i c a I s t r u z i o n e ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA CLASSI QUINTE TECNICO DEI SERVIZI SOCIO SANITARI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1 FINALITÀ OBIETTIVI E COMPETENZE DELLA DISCIPLINA Il docente di Matematica concorre

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010/11 Docente: Antonio Gottardo Materia: Matematica Classe: 5BSo Liceo delle Scienze Sociali 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15 CLASSE 5 a B Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Liceo Scientifico - Piano di studi Discipline 1 Biennio 2 Biennio 5

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016. Programmazione di Matematica. Classe V I

ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016. Programmazione di Matematica. Classe V I ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016 Programmazione di Matematica Classe V I Prof.ssa C. Pirozzi Analisi della situazione di partenza La classe V sezione I è costituita da un gruppo di 16 allievi non sempre

Dettagli

Matematica SECONDO BIENNIO NUOVO ORDINAMENTO I.T.Ag Noverasco PIANO DI LAVORO ANNUALE 2014/2015

Matematica SECONDO BIENNIO NUOVO ORDINAMENTO I.T.Ag Noverasco PIANO DI LAVORO ANNUALE 2014/2015 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO ALBANO - RMICGB00T via Virgilio n. 2-0001 Albano Laziale (Roma) Centralino: 0/320.12 Fax: 0/321.2 @: RMICGB00T@istruzione.it, RMICGB00T@pec.istruzione.it C.F.: 000 GRIGLIE E TABELLE

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A.

I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A. I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A. - Guspini Programmazione annuale di MATEMATICA a.s. 2013-2014 Classi seconde Docente: Prof. Walter Concas A. OBIETTIVI 1. Obiettivi educativi generali. La

Dettagli

PROFILO CULTURALE EDUCATIVO E PROFESSIONALE DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE, OPZIONE ECONOMICO- SOCIALE

PROFILO CULTURALE EDUCATIVO E PROFESSIONALE DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE, OPZIONE ECONOMICO- SOCIALE Via Bisceglie s.n.c. 76123 - Andria (BT) PROFILO CULTURALE EDUCATIVO E PROFESSIONALE DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE, OPZIONE ECONOMICO- SOCIALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 elaborato secondo le indicazioni

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2010-2011

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2010-2011 PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2010-2011 Docente Materia Classe DE CERCE LINA MATEMATICA 5 C I.T.C. 1. Finalità... 2. Obiettivi didattici... 3. Contenuti... 4. Tempi... 5. Metodologia e strumenti...

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: MATEMATICA PROFESSORE: ANNA ZUMMO CLASSE: IV sez. A informatica A.S.: 2014/2015 DATA: 30/10/2014 SOMMARIO

Dettagli

Al Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia

Al Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE Al Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia prof.ssa LAURA MARCHETTO Classe 3 sez. H MATEMATICA a.s 2014/15 B Obiettivi generali da raggiungere: Lo studente rispetti

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof.

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. ssa Laura Piazzi CLASSE I A.S.2014 /2015 2 OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1 OBIETTIVI

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING 1 di 6 26/01/2015 10.43 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: Diritto/Economia DOCENTI:Giuliano

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Classe 3 Sez D Materia : Matematica Docente: Angelini Antonella Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009-2010 Contratto Formativo Individuale 1.ANALISI DELLA CLASSE: Conoscenze Competenze

Dettagli

Programmazione del dipartimento di MATEMATICA per il quinquennio

Programmazione del dipartimento di MATEMATICA per il quinquennio IPIA C. CORRENTI Programmazione del dipartimento di MATEMATICA per il quinquennio FINALITA DELL INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA Promuovere le facoltà intuitive e logiche Educare ai processi di astrazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI ENOGASTRONOMICI E L OSPITALITA ALBERGHIERA MICHELANGELO BUONARROTI FIUGGI (Fr) CODICE MECCANOGRAFICO: FRRH03008 C.F.: 92070770604 Via Garibaldi s.n.c. 03014

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI a.s. 2014/2015 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. La

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2010/2011 CLASSE 5 a Biologico

Dettagli

Documento del Consiglio di classe

Documento del Consiglio di classe Istituto Tecnico Statale Commerciale e per il Turismo C. Piaggia Viareggio Documento del Consiglio di classe Anno scolastico 2014-2015 Classe 5 serale Indirizzo: Amministrazione finanza e marketing Approvato

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI INDIRIZZO :AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ARTICOLAZIONE SISTEMI INFORMATIVI

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola Polo Liceale Orbetello. INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola Polo Liceale Orbetello. INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO Scuola Polo Liceale Orbetello INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE DISCIPLINA: Fisica DOCENTE: Lucia Serpico CLASSE 1 A Obiettivi

Dettagli

Anno Scolastico 2014/2015. CLASSE: V A MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA

Anno Scolastico 2014/2015. CLASSE: V A MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE: V A MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA Coordinatore di classe: LUISE CARMELA Presentazione sintetica della classe 1) Storia del triennio 2) Attività di recupero 3) Profilo

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING

MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

CRITERI ESSENZIALI PER LE PROVE SCRITTE E PER IL COLLOQUIO ORALE PER L ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

CRITERI ESSENZIALI PER LE PROVE SCRITTE E PER IL COLLOQUIO ORALE PER L ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO IC CS V D. MILANI - DE MATERA Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado ad Indirizzo Musicale Via De Rada - 87100 Cosenza tel. 0984 71856 fax 0984-71856 - cod.mecc. CSIC8AL008

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE PER IL COMMERCIO

ISTITUTO PROFESSIONALE PER IL COMMERCIO ISTITUTO PROFESSIONALE PER IL COMMERCIO OPERATORE DELLA GESTIONE AZIENDALE TECNICO DELLA GESTIONE AZIENDALE INDIRIZZO INFORMATICO Il docente di Tecniche professionali dei servizi commerciali concorre a

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 9 09/12/2013 10.06 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PRIMO BIENNIO

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 Nulla di sé e del mondo sa la generalità degli uomini se la letteratura non glielo

Dettagli

Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^

Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^ Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^ Docente Anna Maria Candiani Classe IV sez. A Indirizzo Sistemi informativi aziendali Materia di insegnamento Matematica Applicata Libro di testo Bergamini

Dettagli

ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163

ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

Programmazione Disciplinare: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONE Classi: 3^-4^-5^

Programmazione Disciplinare: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONE Classi: 3^-4^-5^ Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Disciplinare: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONE Classi: 3^-4^-5^ I Docenti della Disciplina Salerno, lì 10/11 settembre 2013 Finalità

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING

QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: DIRITTO CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Dettagli

AUSILI DIDATTICI. OBIETTIVI EDUCATIVI e DIDATTICI TRASVERSALI

AUSILI DIDATTICI. OBIETTIVI EDUCATIVI e DIDATTICI TRASVERSALI Programmazione di Matematica Anno Scolastico 2015/2016 5ACAT IIS Cigna-Baruffi-Garelli 1) Contesto della classe: classe discretamente collaborativa e disciplinata. Non ho eseguito test di ingresso. 2)

Dettagli

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO DIPARTIMENTO SCIENTIFICO PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE DI MATEMATICA CLASSI QUINTE Anno scolastico 2015/2016 Ore di lezione previste nell anno: 165 (n. 5 ore sett. x 33 settimane) 1. FINALITÀ DELL INSEGNAMENTO

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING 1 di 9 04/12/2013 105 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014 SECONDO BIENNIO DISCIPLINA: RELAZIONI INTERNAZIONALI MODINA DOCENTI:

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 DIURNO 5^ MATERIA: INGLESE CLASSI:? PRIME? TERZE? SECONDE? QUARTE QUINTE INDIRIZZI : FINANZA E MARKETING- SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI Nodi concettuali essenziali della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO PER IL TURISMO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO PER IL TURISMO 1 di 8 22/11/2013 109 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 PRIMO BIENNIO DISCIPLINA ECONOMIA AZIENDALE Prof.ssa Antonella Branchi Prof.ssa

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE Pag. 1 di 10 DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: AFM - SIA RIM CLASSE BIENNIO TRIENNIO DOCENTI: Alagna, Garofoli - Masoch - Oldoni - Zuffada ANNO SCOLASTICO 2014/2015 NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DOCENTI DI INFORMATICA E LABORATORIO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI 1 e E 2 e ITC IPC OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO: Potenziare la capacità d ascolto Sviluppare le capacità comunicative

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 3 sezione U Data di approvazione 24 / 10 / 2012 PROFILO DELLA

Dettagli

Griglia di valutazione per le prove scritte di Italiano

Griglia di valutazione per le prove scritte di Italiano 1 Griglia di valutazione per le prove scritte di Italiano Rispetto della traccia e della tipologia testuale 10 9 8 7 6 5 4 Seguita in maniera pertinente e completa in tutte le sue richieste Seguita in

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Anno Scolastico: 2014 / 2015 Dipartimento: MATEMATICA Coordinatore: TRIMBOLI SILVIA Classe: 4 Indirizzo: Istituto Tecnico per il Turismo orientamento sportivo Ore di insegnamento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE. Indirizzo: ITC. Anno scolastico Materia Classi 2012 2013 MATEMATICA Terze

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE. Indirizzo: ITC. Anno scolastico Materia Classi 2012 2013 MATEMATICA Terze PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Indirizzo: ITC Anno scolastico Materia Classi 22 23 MATEMATICA Terze. Competenze al termine del percorso di studi Padroneggiare il linguaggio formale e i procedimenti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE LICEO SCIENTIFICO STATALE MICHELANGELO Via Dei Donoratico 0911 CAGLIARI c.f.80010550921 Tel.070/41917-Fax 070/42482 e-mail: caps04000l@istruzione.it - sito web: www.liceomichelangelo.it PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Programmazione. Disciplinare: Gestione Progetto e Organizzazione Impresa Classe: V. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione. Disciplinare: Gestione Progetto e Organizzazione Impresa Classe: V. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Disciplinare: Gestione Progetto e Organizzazione Impresa Classe: V I Docenti della Disciplina Salerno, lì... ottobre 2014 Finalità della

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon 4-35031 ABANO T. (PD) - Tel 049 812424 - Fax. 049 810554 Distretto n. 45 Padova ovest - C. F. 80016340285 Sito: www.lbalberti.it - E-Mail:

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014. Prof. Forlin Maria Nives AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING INDIRIZZO

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014. Prof. Forlin Maria Nives AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING INDIRIZZO PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 DOCENTE DISCIPLINA CLASSE INDIRIZZO Prof. Forlin Maria Nives Economia Politica 3^ AEM AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING DATA DI PRESENTAZIONE 10 Novembre 2013

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2014 2015 Piano di lavoro individuale Classe: 3 D SIA Materia: Francese Docente: Cavicchi Clara Daniela Situazione di partenza della classe Gli alunni del gruppo di francese, provengono

Dettagli

TEMA A : COMPLEMENTI DI ALGEBRA Unità didattica Contenuti Obiettivi Conoscenze/ Abilità. LE FUNZIONI REALI Le funzioni e le loro caratteristiche

TEMA A : COMPLEMENTI DI ALGEBRA Unità didattica Contenuti Obiettivi Conoscenze/ Abilità. LE FUNZIONI REALI Le funzioni e le loro caratteristiche CLASSE : 3 TURISTICO MATEMATICA (Ramella) Situazione di partenza : 25 alunni. Valutazione d ingresso: 40% negativa, 60% positiva. 1. Articolazione (moduli, unità didattiche ) delle conoscenze e dei contenuti.

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE «Ranieri Mario COSSAR - Leonardo da VINCI» Settori: Servizi - Industria e Artigianato Istruzione e Formazione Professionale 34170 GORIZIA sede legale Viale Virgilio,

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 3 sezione B Data di approvazione 19/10/2012 Doc.:

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE

PIANO DI LAVORO PERSONALE ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometri Liceo Linguistico/Linguistico

Dettagli

Allegato al documento di classe no. 1.6 RELAZIONE FINALE

Allegato al documento di classe no. 1.6 RELAZIONE FINALE Allegato al documento di classe no. 1.6 Docente Materia Classe Maria Stefania Strati Matematica P.N.I. 5D RELAZIONE FINALE 1. Considerazioni generali La classe ha avuto una stessa insegnante di matematica

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA Istituto Istruzione Superiore A. Venturi Modena Liceo artistico - Istituto Professionale Grafica Via Rainusso, 66-41124 MODENA Sede di riferimento (Via de Servi, 21-41121 MODENA) tel. 059-222156 / 245330

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. Liceo Scientifico

FONDAZIONE MALAVASI. Liceo Scientifico FONDAZIONE MALAVASI Liceo Scientifico PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: Storia DOCENTE: Prof.ssa Manuela Maccà CLASSE III SEZ. Tradizionale A.S.2014 /2015 2. OBIETTIVI E COMPETENZE

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI e DIDATTICI TRASVERSALI

OBIETTIVI EDUCATIVI e DIDATTICI TRASVERSALI Programmazione di Matematica Anno Scolastico 2015/2016 4^BCAT Costruzioni Ambiente Territorio IIS Cigna-Baruffi-Garelli 1) Contesto della classe: classe collaborativa e nel complesso disciplinata. La classe

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe II sezione B Data di approvazione 24 ottobre -

Dettagli

Piano di lavoro della classe 2^A Amministrazione Finanza Marketing

Piano di lavoro della classe 2^A Amministrazione Finanza Marketing ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing Costruzioni, Ambiente e Territorio Liceo Linguistico Liceo Scientifico

Dettagli

METODI E STRATEGIE DIDATTICHE

METODI E STRATEGIE DIDATTICHE METODI E STRATEGIE DIDATTICHE METODOLOGIA Nel nostro modello progettuale l analisi di partenza viene assunta come ipotesi. Essa si fonda sul triangolo paritario della scuola alunno/insegnante/saperi. La

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE PAOLO DAGOMARI

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE PAOLO DAGOMARI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE PAOLO DAGOMARI Via di Reggiana, 86 59100 - Prato Tel. **39 (0)574 639705 - Fax **39 (0)574 639704 Internet: http://www.dagomari.prato.it E-mail: info@dagomari.prato.it

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. FRUZZETTI

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA MATEMATICA Classi 1^ LICEO SCIENTIFICO opzione SCIENZE APPLICATE A.S. 2014/15

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA MATEMATICA Classi 1^ LICEO SCIENTIFICO opzione SCIENZE APPLICATE A.S. 2014/15 Istituto di Istruzione Secondaria Superiore ETTORE MAJORANA 24068 SERIATE (BG) Via Partigiani 1 -Tel. 035-297612 - Fax 035-301672 e-mail: majorana@ettoremajorana.gov.it - sito internet: www.ettoremajorana.gov.it

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009/2010 Contratto Formativo Individuale

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009/2010 Contratto Formativo Individuale Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009/2010 Contratto Formativo Individuale Classe: III Sez. B Materia : Inglese Docente: prof.ssa Francesca Giorgetti 1.ANALISI DELLA CLASSE (giudizi

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A. ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S 2013/14 CLASSE 5^ SEZ. C Indirizzo Liceo Linguistico Coordinatore

Dettagli

POF 2014-2015 CLIMA POSITIVO: PARTECIPAZIONE ATTIVA E COOPERATIVA APPRENDIMENTO SOCIALIZZATO: RELAZIONI CON ALTRI, CON I LIBRI, CON I MEDIA

POF 2014-2015 CLIMA POSITIVO: PARTECIPAZIONE ATTIVA E COOPERATIVA APPRENDIMENTO SOCIALIZZATO: RELAZIONI CON ALTRI, CON I LIBRI, CON I MEDIA ISTITUTO PARITARIO NAZARETH SCUOLA DELL INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO - LICEI CLASSICO-LINGUISTICO-SCIENTIFICO POF 2014-2015 Il piano offerta formativa è il documento fondamentale che rappresenta

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

P I A N O di L A V O R O TECNICHE DI DISTRIBUZIONE & MARKETING

P I A N O di L A V O R O TECNICHE DI DISTRIBUZIONE & MARKETING Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca P I A N O di L A V O R O TECNICHE DI DISTRIBUZIONE & MARKETING docenti: Prof.ssa Prof. PERAZZOLO ANNAMARIA COSTA NATALE Anno Scolastico 2014/2015

Dettagli

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento Disciplina: FRANCESE Classe: 3 A SIA A.S. 2015/2016 Docente: Prof.ssa Maria Claudia Signorato ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La componente classe che studia il francese è rappresentata da 6

Dettagli

Classe 3^ Tecnico Amministrazione Finanza e Marketing

Classe 3^ Tecnico Amministrazione Finanza e Marketing Classe 3^ Tecnico Amministrazione Finanza e Marketing Lo studio dell'economia Aziendale per la classe Terza degli Istituti Tecnici ad indirizzo Amministrazione Finanza Marketing concorre a far perseguire

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA Anno scolastico 2014-2015 Seconda classe FINALITA' GENERALI 1) Forte legame con la storia 2) Sviluppare la capacità di comprendere le relazioni che intercorrono tra le caratteristiche

Dettagli

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO :

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/1 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DELLE PROVE ORALI

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 STRUTTURA DELLA CLASSE Alunni iscritti n. Alunni frequentanti n. Alunni ripetenti n. /. Alunni disabili n.. Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Classe 1 TIPOLOGIA

Dettagli