ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE CIUFFELLI - EINAUDI TODI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE CIUFFELLI - EINAUDI TODI"

Transcript

1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE CIUFFELLI - EINAUDI TODI Agraria-Agroindustria - Costruzioni, Ambiente e Territorio - Amministrazione, Finanza e Marketing - Produzioni artigianali ed industriali Viale Montecristo, T O D I (PG). Tel. 075/ Fax. 075/ Todi,15/05/2015 Prot. n C/29 DOCUMENTO CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE V SEZIONE B AFM ANNO SCOLASTICO

2 Esame di Stato. Anno scolastico Documento del consiglio di classe, V B AFM I.I.S. Ciuffelli-Einaudi Todi Elenco degli insegnanti della classe MATERIE DOCENTI Continuità didattica Firma Italiano Storia Walter Bianchini Lingua Francese Laura Burattini 5 Lingua Inglese Ugo Artegiani Matematica Daniela Brunelli Economia Aziendale Miriam Sacchei Zaccheo Diritto Sc. Carla Contardi delle Finanze Educazione Maria Grazia Alfieri Fisica Religione Patrizia Pelorosso 3 4 5

3 Presentazione dell istituto Le due quinte che affronteranno l esame quest anno sono le prime classi delle sezione Amministrazione finanza e Marketing che concludono il quinquennio dopo l introduzione della riforma. L'indirizzo del profilo professionale consente all'alunno di ottenere, al termine del corso di studi, il diploma di ragioniere. Il titolo di studio consente l'accesso a tutti i corsi di laurea o di diplomi universitari, trovando particolare affinità nei riguardi delle facoltà economiche, giuridiche e sociali (Economia e Commercio, Sociologia, Scienze Bancarie, Scienze Politiche e Giurisprudenza). A titolo di esempio si citano alcune attività ove il diplomato può trovare occupazione: addetto alla contabilità generale, addetto alla fatturazione, magazziniere, operatore di computer, imprenditore commerciale, libero professionista, addetto al settore fiscale delle imprese, agente e rappresentante di commercio, impiegato di banca, dipendente di società assicurative, addetto al marketing I nostri studenti provengono soprattutto dai dintorni e dalla città e formano un utenza abbastanza eterogenea per ceto sociale e per competenze scolastiche. Forte è quindi il fenomeno del pendolarismo che limita la possibilità di attività didattiche pomeridiane, elemento questo che incide sulla vita dell Istituto stesso. Il comune di Todi è caratterizzato da un economia prevalentemente terziaria e dalla presenza di piccole imprese industriali ed artigianali che hanno sostituito ed affiancato la struttura agricola preesistente. Gli indici di disoccupazione e sottoccupazione giovanile sono piuttosto elevati, soprattutto in un momento di crisi economica come l attuale, questo fa sì che la motivazione generale degli studenti sia limitata dalla mancanza di una prospettiva di lavoro certa ed adeguata. per quanto riguarda il piano dell offerta formativa si rimanda ai documenti disponibili in istituto. Presentazione della classe La classe V B è composta di 19 alunni, di cui una che ha ripetuto un anno in questo istituto. Tutti frequentano per la prima volta la quinta. Nel passaggio all ultima classe solo pochi studenti sono stati promossi a settembre, la maggior parte ha conseguito la promozione a giugno con risultati ampiamente positivi. Il dialogo fra studenti ed insegnanti è sempre stato proficuo, per la buona disponibilità ad accogliere le proposte di lavoro, per l impegno assiduo e costante della maggior parte degli alunni. La frequenza è stata assidua e costante per la quasi totalità della classe L attenzione e lo studio costante, l interesse vivo e la disponibiltà al dialogo educativo hanno permesso loro di raggiungere un buon livello di conoscenza sostenuto da spirito critico ed autonomia di giudizio.

4 Evoluzione della classe La classe è apparsa all inizio del triennio educata, disponibile e partecipe. Nel terzo anno i ragazzi hanno partecipato al concorso Porte aperte verso l Europa, promosso dalla regione dell Umbria e dal Parlamento Europeo: Il loro lavoro Dall intolleranza all accoglienza è stato premiato con una visita, per un gruppo di 11 ragazzi, alle sedi del Parlamento europeo di Strasburgo e Bruxelles. Programmazione collegiale Per i contenuti delle singole discipline si rinvia ai documenti dei docenti che sono parte integrante della presente relazione. Contenuti pluridisciplinari. Alcuni argomenti sono stati trattati da più docenti, da diversi punti di vista cercando di favorire nell allievo una formazione analitica e critica più ampia. Ad esempio le istituzioni politiche, sociali ed economiche della UE sono state esaminate dai docenti di storia, diritto, francese, inglese. e si è provveduto a strutturare il CLIL sulle tematiche della Unione Europea. Alcuni argomenti di letteratura sono stati sviluppati in collaborazione con le insegnanti di lingue. Metodi. I metodi comuni adottati sono stati i seguenti: lezione frontale, lezione interattiva, attività di recupero e sostegno, lavori di gruppo, ricerca guidata, incontri con esperti dell Agenzia delle Entrate di Perugia. Per la metodologia delle singole discipline si rinvia ai rispettivi documenti. Mezzi. I mezzi utilizzati sono stati libri di testo, registratori, videoregistratori, videoteca, biblioteca, visite di istruzione, quotidiani e riviste specializzate, conferenze di esperti, laboratori linguistici ed informatici, rappresentazioni teatrali in lingua. Attività integrative. Sono stati effettuati nel corso della alternanza scuola-lavoro tre stage aziendali nelle aziende del territorio che sono state le stesse nel triennio, garantendo così la continuità dell esperienza. Sono stati altresì attivati l orientamento universitario, interazione scuola-università viaggi di Istruzione (tra cui quello ad Amsterdam di fine corso. Visite guidate a mostre d arte. Spazi. Gli spazi utilizzati sono stati: aule tradizionali ed attrezzate, biblioteca, palazzetto dello sport, laboratori. Tempi. In generale, per quanto riguarda il tempo dedicato allo svolgimento dei programmi, il consiglio rileva che l attività curricolare ha avuto un andamento regolare a parte le interruzioni dovute alle varie attività integrative. Criteri e strumenti di valutazione. Per i criteri di valutazione si fa riferimento ai documenti elaborati dal collegio docenti.

5 Gli strumenti di valutazione adottati sono stati: prove scritte non strutturate, semi strutturate, strutturate, come previsto dall esame di stato; esercitazioni guidate, prove orali tradizionali, flash, analisi del testo. Mediamente sono state effettuate almeno tre prove scritte e due orali per periodo. Simulazione d esame. Durante il corso dell anno sono state effettuate numerose prove costruite secondo i nuovi criteri previsti dalla riforma dell esame, questo nelle singole discipline. Inoltre sono state effettuate due simulazioni di III prova e svariate simulazione di I prova e due simulazione di II prova. Sono state eseguite due simulazioni di terza prova, scegliendo la tipologia B, quesiti a risposta singola, perché ritenuta consona alla conformazione della classe. Sono state coinvolte sempre quattro discipline, per un totale di undici domande, distribuite in questo modo: due domande su un testo proposto, per la lingua straniera, tre domande per le altre tre discipline, massimo 10 righe a quesito. Il tempo assegnato per lo svolgimento è stato di tre ore. 1 simulazione 15 aprile discipline : Scienza delle Finanze, Lingua francese, Lingua Inglese, Matematica. 2 simulazione 7 maggio discipline : Diritto Pubblico, Lingua inglese, Matematica,Storia. La scelta della tipologia è stata ritenuta la più adeguata all impostazione didattica del consiglio di classe.

6 PROGRAMMA ITALIANO VB AFM Prof. Walter Bianchini Libro di testo : Santagata, Carotti, Casadei, Tre libri di letteratura,vol II Il Settecento-Ottocento, vol. III Novecento-Oggi, Laterza scolastica Il Romanticismo in Italia ed in Europa: caratteri generali G.Berchet, La lettera semiseria di Giovanni Grisostomo al figlio Giacomo Leopardi : Profilo biografico, inquadramento storico-letterario. Pessimismo storico e pessimismo cosmico. Dialogo della Natura e di un islandese La poetica del vago e dell indefinito L infinito La sera del dì di festa, A Silvia, Il sabato del villaggio, Il passero solitario La ginestra La crisi del Romanticismo Beaudelaire : Les fleurs du Mal, (Corrispondenze, L albatros) Positivismo e Naturalismo E.Zola e il romanzo sperimentale Il Verismo: Caratteri generali G.Verga Rosso Malpelo La lupa Libertà Il ciclo dei Vinti I Malavoglia Letture Coro di voci al paese di sera, Ntoni parte soldato Mastro Don Gesualdo

7 Introduzione al Decadentismo Estetismo e superomismo L eroe decadente : il superomismo, il vitalismo L estetismo nel Decadentismo G.Pascoli: Profilo biografico ed inquadramento storico Il fonosimbolismo pascoliano, la poetica delle piccole cose Poesie: Arano, Novembre, X agosto, Il gelsomino notturno, Nebbia, La mia sera. Il fanciullino G.D Annunzio: inquadramento storico letterario Estetismo e panismo La pioggia nel pineto, La sera fiesolana. L.Pirandello: profilo biografico ed inquadramento storico Opposizione vita-forme La carriola, Ciaula scopre la luna, La patente, Il treno ha fischiato Il comico e l umorismo in Pirandello Il fu Mattia Pascal : piano dell opera ed inquadramento nella poetica pirandelliana Il teatro Sei personaggi in cerca d autore I.Svevo: Inquadramento storico- letterario La coscienza di Zeno : piano dell opera, il tema dell inetto Microsaggio : Svevo e la psicanalisi Crepuscolari e Futuristi F.T.Marinetti Il manifesto del Futurismo La situazione della cultura in Italia tra le due guerre

8 Le riviste: La Ronda, Solaria La poesia ermetica o pura S.Quasimodo. inquadramento storico letterario Poesie: Alle fronde dei salici, Uomo del mio tempo, Ed è subito sera G.Ungaretti, inquadramento storico-letterario Il porto Sepolto, L allegria, Il sentimento del tempo Poesie: Veglia, San Martino del Carso, Mattina, Soldati, I fiumi *Non gridate più *E.Montale, inquadramento storico letterario *Ossi di seppia, Le occasioni *Poesie: I limoni, Meriggiare pallido e assorto, Spesso il male di vivere ho incontrato, Non chiederci la parola, L anguilla *Il Neorealismo: quadro storico-letterario Film: Roma città aperta Gli argomenti contrassegnati dall asterisco alla data del 15 maggio devono essere ancora svolti Gli studenti L insegnante Prof. Walter Bianchini ITALIANO : FINALITA DELLA DISCIPLINA

9 Favorire un approccio che consenta allo studente di contestualizzare, storicizzare ma anche attualizzare quanto esaminato. Favorire l abitudine e la disponibilità ad esperienze di lettura autonome e varie. Favorire l arricchimento del linguaggio a livello lessicale e sintattico, per una migliore produzione sia scritta che orale, OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Abitudine alla lettura ed all analisi dei testi narrativi e di poesia. Abitudine alla valutazione dei riflessi e dei condizionamenti prodotti dalla storia e dalla società nei confronti della letteratura. Abitudine alla riflessione su fatti ed eventi recenti e contemporanei. METODI UTILIZZATI Lezione frontale, lezione partecipata, interventi, analisi guidata ed autonoma dei testi. MEZZI E STRUMENTI UTILIZZATI Libri di testo, fotocopie ed altri testi reperiti dall insegnante o dagli stessi allievi. Schemi ed appunti. Aula ordinaria, biblioteca. SPAZI E TEMPI DEL PERCORSO FORMATIVO I tempi previsti dai programmi ministeriali sono di circa 99 ore annuali che sono state utilizzate, anche se non dalla globalità degli allievi, visto il notevole numero di assenze di alcuni di essi. CRITERI DI VALUTAZIONE Per le prove scritte sono stati applicati, sia per il contenuto che per la forma, i criteri di valutazione idonei alle diverse tipologie A,B,C,D, della prima prova, sulla base del punteggio stabilito per il nuovo esame di maturità. Per i test di verifica ci si é comportati in modo analogo, a seconda della tipologia del test somministrato e sulla base del punteggio stabilito per la terza prova del nuovo esame di maturità. Per le prove orali ci si è attenuti alle conoscenze basilari degli autori esaminati, valutando preferibilmente le capacità di analizzare e commentare direttamente un testo letterario, piuttosto che le conoscenze relative

10 alla storia della letteratura. Per la valutazione espressa direttamente in voti, sono stati presi in considerazione i livelli di conoscenza, competenza, comprensione,capacità, applicazione. OBIETTIVI RAGGIUNTI La classe in oggetto ha rilevato elementi di un apprezzabile dose di intelligenza e perspicacia che, unita ad un adeguata preparazione, ha portato a risultati decisamente positivi. Quasi tutti hanno dimostrato continuità nello studio e nell applicazione, interesse vivo e collaborazione con l insegnante, per cui i risultati ottenuti sono ampiamente positivi ed eccellenti per un discreto gruppo, solo un esiguo numero ha conseguito risultati nella sufficienza. Come linea metodologica si è privilegiato l approccio diretto con i testi degli autori affrontati, trattati in base ad una linea tematica per poi inserirli nel contesto della storia della letteratura italiana

11 GRIGLIE DI VALUTAZIONE CONCORDATE CON TUTTI GLI INSEGNANTI DI LETTERE DELLA SCUOLA ED UTILIZZATE NEL TRIENNIO PER CORREGGERE I COMPITI IN CLASSE E LE TERZE PROVEPROVA DI ITALIANO, ANALISI DEL TESTO (TIPOLOGIA A DEL NUOVO ESAME DI STATO) Elementi della valutazione livello Descrizione Voti in quindicesimi Voti in decimi Livello ottenuto 1 Comprensione del testo A Nulla o molto limitata B Globale, ma poco dettagliata C Completa Competenza nell applicazione degli strumenti metodologici di analisi A Scarsa B Sufficiente 3 2 C Buona Esposizione formale: coerenza e coesione testuale, padronanza linguistica, correttezza e proprietà lessicale A Scorretta e disorganica B C Corretta e sufficientemente coerente Propria, personale e creativa Rielaborazione personale e critica A Assente o scarsa B Sufficiente 2 1 C Buona 3 2 Punteggi totali ottenibili Punteggio totale ottenuto

12 PROVA DI ITALIANO, REDAZIONE DI UN SAGGIO BREVE O DI UN ARTICOLO DI GIORNALE (TIPOLOGIA B DEL NUOVO ESAME DI STATO) Elementi della valutazione livell o Descrizione Voti in quindicesimi Voti in decimi livello ottenuto 1 Conoscenza dell argomento e selezione pertinente delle informazioni (notizie corrette e complete rispetto alla richiesta) A Scarsa B Sufficiente 2 1 C Buona Coerenza testuale: tesi, argomenti a sostegno della tesi, etc. A Scorretta e disorganica B Corretta e sufficiente coerente 3 2 C Ordinata e coerente Esposizione formale: coesione, proprietà, correttezza, pertinenza linguistica in base all argomento o alla tipologia dell articolo correttezza e proprietà lessicale A Scorretta e disorganica B Corretta e sufficientemente coerente 3 2 C Propria, personale e creativa 3.5-4,5 3 4 Capacità di rielaborazione personale e critica A Assente o scarsa B Sufficiente 2 1 C Buona 3 2

13 PROVA DI ITALIANO, TEMA STORICO (TIPOLOGIA C DEL NUOVO ESAME DI STATO) TEMA DI CARATTERE GENERALE (TIPOLOGIA D) Elementi della livello Descrizione valutazione Voti in quindicesimi Voti in decimi Livello ottenuto 1 Aderenza alla traccia e coerenza logica A Nulla o appena accennata B Parziale C completa Conoscenza degli argomenti A Scarsa B Sufficiente 3 2 C Buona Esposizione formale: coerenza e coesione testuale, padronanza linguistica, correttezza e proprietà lessicale A Scorretta e disorganica B C Corretta e sufficientemente coerente Propria, personale e creativa Rielaborazione personale e critica A Assente o scarsa B sufficiente 2 1 C Buona 3 2 Punteggi totali ottenibili Punteggio totale ottenuto

14 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLE III PROVE DI STORIA E DELLE PROVE D INGRESSO Completa ed approfondita p. 8 Completa p. 7 Conoscenza argomenti degli Completa con qualche imprecisione p. 6 Corretta ed essenziale p. 5 Superficiale e frammentaria p. 3 Assente p. 0 Competenza linguistica Linguaggio appropriato e scorrevole p. 2 Linguaggio semplice ma chiaro p. 1 Linguaggio confuso e scorretto p. 0 Capacità di analisi e di sintesi Sa effettuare analisi e sintesi coerenti ed autonome Sa effettuare analisi e sintesi correttamente Sa effettuare analisi e sintesi, anche se talvolta parziali ed imprecise Non sa effettuare analisi e sintesi corrette p. 3 p. 2 p. 1 p. 0 Capacità di rielaborare dati ed informazioni Sa organizzare dati ed informazioni in modo corretto p. 2 Sa organizzare dati ed informazioni con qualche difficoltà p. 1 Non sa organizzare i dati p. 0 Voto in decimi Punteggio in quindicesimi 0 voto voto voto 2.5 3

15 2.5 voto voto voto voto voto voto voto voto voto voto voto 10 15

16 PROGRAMMA DI STORIA CLASSE V SEZ. B AFM ANNO SCOLASTICO Libro di testo : A.M.Banti, Le frontiere della storia, Vol 3 Dalla Grande Guerra all Età Contemporanea, Laterza editore L Europa delle grandi potenze Le origini della società di massa Redditi e consumi Divertimenti di massa Amore, famiglia e sessualità La politica in Occidente Caratteri generali L età Giolittiana La crisi di fine secolo Il riformismo giolittiano Anni cruciali per l Italia Dall Imperialismo alla guerra L imperialismo Imperialismo e colonialismo

17 Alleanze e contrasti tra le grandi potenze Il crollo dell Impero Ottomano Sarajevo, 28 giugno 1914 La Grande guerra Giorni d estate La brutalità della guerra Nelle retrovie e al fronte Le prime fasi della guerra ( ) L Italia dalla neutralità all intervento ( ) Trincee e assalti La fase conclusiva Le conseguenze geopolitiche della guerra Il primo dopoguerra La Russia rivoluzionaria Due rivoluzioni, una a febbraio e l altra ad ottobre La guerra civile I comunisti al potere Paura e consenso Il dopoguerra dell Occidente Le trasformazioni economiche nel primo dopoguerra Le riparazioni di guerra e le relazioni economiche internazionali Stili di genere e consumi culturali La prosperità statunitense La Repubblica di Weimar

18 Il Fascismo al potere Il quadro politico italiano nell immediato primo dopoguerra Le aree di crisi nel biennio La nascita del fascismo La marcia su Roma Una fase transitoria ( ) Il fascismo si fa Stato ( ) Dalla crisi del 29 alla seconda Guerra Mondiale La crisi economica e le democrazie occidentali La crisi del 29 Il New Deal di Franklin Delano Roosevelt FDR, un presidente per il popolo Il regime nazista L ascesa del nazismo Le strutture del regime nazista L edificazione della Volksgemeinschaft (Comunità nazionale) Fascismo e autoritarismo Il fascismo italiano negli anni Trenta Gli altri regimi autoritari in Europa La guerra civile in Spagna L Unione Sovietica di Stalin Un economia pianificata La paura come strumento di governo

19 Conservatorismo culturale La politica estera La Seconda Guerra Mondiale Dall Anschluss al patto di Monaco Dalla dissoluzione della Cecoslovacchia all aggressione alla Polonia La guerra lampo Le guerre parallele La Germania nazista attacca l Unione Sovietica La guerra nel Pacifico L ordine nuovo in Asia e in Europa Lo sterminio degli ebrei La resistenza contro le occupazioni nazi-fasciste La svolta del La caduta del fascismo, la Resistenza e la guerra in Italia La fine della guerra *Il secondo dopoguerra Dopo la guerra ( ) Ombre lunghe di una guerra appena conclusa Un Europa divisa L Occidente nell immediato dopoguerra L Italia Il blocco sovietico

20 *Economia e società Una nuova crescita economica Migrazioni e mutamenti sociali *Democrazie occidentali e comunismo sovietico L Italia Gli argomenti contrassegnati con l asterisco alla data del 15 maggio non sono stati ancora svolti e lo saranno successivamente Gli studenti L insegnante Prof. Walter Bianchini STORIA : FINALITA DELLA DISCIPLINA Sviluppare la consapevolezza della necessità di studiare i fatti storici al di là delle ideologie, per capire il passato e leggere il presente. Consolidare l attitudine ad analizzare criticamente quanto presentato ed a problematizzare i fatti storici, tenendo conto dei rapporti spazio-temporali. Favorire l abitudine a considerare la storia come prodotto anche di fenomeni sociali ed umani, oltre che politici ed economici. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Lo studente dovrà essere in grado di adoperare concetti e termini storici in rapporto agli specifici contesti. Lo studio della materia in questione dovrà facilitare lo sviluppo di una coscienza civile, al di là di un mero apprendimento di contenuti a livello mnemonico e/o puramente cronologico.

21 METODI UTILIZZATI Lezione frontale, lezione partecipata, interventi della classe, contributi di discussione collettiva. Interdisciplinarietà con la materia di italiano. MEZZI E STRUMENTI UTILIZZATI Libro di testo, documenti, documentari. Schemi prodotti in classe e individualmente, anche grazie a fotocopie di testi reperiti dall insegnante e dagli stessi allievi. Aula ordinaria, biblioteca. SPAZI E TEMPI DEL PERCORSO FORMATIVO I tempi previsti dai programmi ministeriali sono circa di 66 ore annuali che sono state globalmente utilizzate, anche se non dalla totalità degli allievi, visto il notevole numero di assenze di alcuni di essi. CRITERI DI VALUTAZIONE Per i test di verifica somministrati i criteri di valutazione sono stati basati sul punteggio in quindicesimi, come da griglia stabilita per la terza prova del nuovo esame di maturità. Per la valutazione espressa direttamente in voti, sono stati presi in considerazione i livelli di conoscenza, competenza, comprensione, capacità, applicazione. STRUMENTI DI VALUTAZIONE Interrogazioni classiche, interventi, test a risposta breve-semplice. Analisi di documenti. OBIETTIVI RAGGIUNTI La classe in oggetto ha rilevato elementi di un apprezzabile dose di intelligenza e perspicacia che, unita ad un adeguata preparazione, ha portato anche a risultati decisamente positivi. Gran parte degli studenti del corso ha dimostrato continuità nello studio e nell applicazione per cui per molti gli obiettivi raggiunti possono ritenersi soddisfacenti, addirittura eccellenti per un piccolo gruppo, mentre solo per pochi altri i risultati ottenuti sono nella sufficienza Per quanto concerne il programma svolto si è cercato di dare un quadro esauriente delle principali fasi della storia italiana, europea ed extraeuropea dall inizio del 900 agli anni Sessanta. Todi 15 maggio 2015 L INSEGNANTE Prof.Walter Bianchini

22 IIS "CIUFFELLI - EINAUDI" TODI (PG) A/S 2014/ CLASSE 5B AFM LINGUA STRANIERA: INGLESE - INSEGNANTE: PROF. UGO ARTEGIANI PROGRAMMA SVOLTO Dal testo: In Business, Digital Edition, Autori: F. Bentini, R. Richardson, V. Vaugham Editore Pearson. MODULO TITOLO MODULO UNITA' DIDATTICHE M1 BUSINESS THEORY U1. International Trade: - What is International trade? - The balance of payments and the balance of trade - Controlling foreign trade - Documents in international trade - Incoterms - Exam practice - terza prova: "US builds case against China's export restrictions" U2. Finance: - The Stock Exchange - Who operates in the Stock Exchange? - The London Stock Exchange - The New York Stock Exchange - Exam practice - terza prova: "Why do share prices rise and fall?" U3. Globalisation: - What is globalisation? - Advantages and disadvantages of globalisation - Economic globalisation - Outsourcing and offshoring - Exam practice - terza prova: "Globalisation" M2 CULTURAL PROFILES U1. Our changing world: - Migration and travel - Technologicl advance - Globalisation

23 - Rise of new powers - Weakening of the European nation state - Crisis of religion and the amily - The population time bomb - Ecological concerns - Climate change - Terrorism and security - How is globalisation changing the world - Free trade U2. People and history: - The industrial revolution - The British empire - Britain since 1930 U3. Economy: - UK. Agriculture and mining - UK. Manufacturing - UK. Services, transport and trade - USA. Agriculture and mining - USA. Manufacturing - USA. Services, transport and trade - Ireland, from boom to bust U4. Government and politics: - The UK government - The US government - Political parties UK/USA U5. Society: - UK/US. Population - UK/US. The welfare state - UK/US. Religion - UK/US. Mass media - Multicultural Britain - is it working?

24 M3 THE EU AND ITS INSTITUTIONS U1. Modulo CLIL: Diritto Dal testo in adozione: The organization of the EU; What does the European Union do?; Leaving the European Union Materiale fotocopiato: The Euro; My Europe; The European Union. Todi, Prof. Ugo Artegiani RELAZIONE FINALE - a.s DOCENTE: UGO ARTEGIANI CLASSE: 5B AFM DISCIPLINA: LINGUA INGLESE a) Situazione iniziale della classe in ambito disciplinare: La classe ha dimostrato un discreto livello di preparazione in fase iniziale. Per un breve periodo sono stati affrontati ed approfonditi aspetti strutturali, linguistici e grammaticali. Si è successivamente proceduto a ricollegare ed approfondire gli aspetti disciplinari e tecnici accennati nell'anno precedente. b) Obiettivi disciplinari fissati: Consolidamento grammaticale; potenziamento linguistico, approfondimento di argomenti riguardanti l'economia, la storia, la civiltà e la comunicazione nelle realtà aglo-sassoni ed internazionali; introduzione ad aspetti e strategie riguardanti l'esame di stato. c) Interventi effettuati: attività disciplinari attività progettuali recupero attività laboratoriali attività di integrazione interculturale potenziamento altro... d) Verifiche: Iniziale Orali

25 In itinere Finale Scritte Pratiche Effettuate mediante: Prove strutturate questionari a risposta aperta elaborati grafici questionari a risposta multipla temi, relazioni, ecc. elaborati informatici altro: simulazioni terza prova e) Profilo comportamentale della classe (finale): La classe ha mantenuto un comportamento abbastanza corretto e rispettoso. Si è abbastanza impegnata nelle attività scolastiche e laboratoriali. In alcuni casi ed in certi periodi dell'anno scolastico si è riscontrata una certa svogliatezza e disimpegno da parte di un gruppo di alunni. Altri studenti si sono impegnati nelle attività di approondimento e laboratoriali dimostrando senso del dovere e disciplina. f) Raggiungimento obiettivi disciplinari: 9-10 per n 2 alunni 7-8 per n 12 alunni 6 per n 3 alunni fino 5 ma ammessi alla classe successiva per n 02 alunni fino 5 e non ammessi alla classe successiva per n 0 alunni g) Punti di forza che hanno caratterizzato il percorso della classe: Buon comportamento durante le attività in aula e laboratorio; disponibilità da parte di alcune alunne ad affrontare aspetti nuovi e stimolanti; buon livello medio di preparazione. h) Punti di debolezza che hanno caratterizzato il percorso della classe: Generale stanchezza e svogliatezza riscontrata in certi momenti dell'anno scolastico; alcune assenze in determinati giorni. Todi, 15/05/2015 Prof. Ugo Artegiani

26 Modulo 1 : La France : Géographie et institutions -La France physique -Les DROM et les COM -Les symboles -La France politique et administrative Programma di Lingua e Civiltà Francese Modulo 2 : Histoire de France -Le Moyen Age (Charlemagne, le traité de Verdun, Hugues Capet) -Les trois guerres du XVe et du XVIe siècle (La guerre des Cent Ans, les guerres de Religion et les guerres d Italie) -l Edit de Nantes -Deux siècles d absolutisme royale : Louis XIII et Richelieu, Louis XIV et Mazarin, Louis XV, Louis XVI, la Révolution : la Constituante, la Déclaration des Droits de l homme et du citoyen, la Convention (la proclamation de la République et le procès au roi), la Terreur, le Directoire -Napoléon Bonaparte -La Restauration -Napoléon III -La Troisième République -Le Boulangisme et l Affaire Dreyfus -La Première Guerre Mondiale -Les conséquences de la guerre : les années folles Modulo 3: Littérature -Charles Baudelaire : - Sa vie et ses œuvres - «Les Fleures du Mal» : la division en six sections, leur titre et les poèmes contenus Modulo 4 : Civilisation -L'Union Européenne Modulo 5 : Société et économie -La mondialisation et la globalisation -La société française et les nouvelles générations Modulo 6: Sciences et technologie -Etat et santé -Santé et environnement -Euthanasie et acharnement thérapeutique -La Bioéthique -La Biodiversité -La Biotechnologie : les OGM -Les réalisations de la technologie -L énergie et développement -Les énergies renouvelables Todi, 8 Maggio 2015 Il Docente Prof.ssa Laura Burattini

27 RELAZIONE FINALE MATERIA: LINGUA E CIVILTA FRANCESE DOCENTE: LAURA BURATTINI L'insegnante, che ha conosciuto la classe nel presente anno scolastico, è nell'insieme soddisfatta per la maturità mostrata dagli alunni nell'accogliere un nuovo docente e per l'atteggiamento di collaborazione e di rispetto mantenuto durante tutto l'anno scolastico. La classe, composta da 19 alunni, di cui 4 maschi e 15 femmine, ha partecipato attivamente e mostrato interesse per ogni attività proposta. Si evidenziano almeno tre livelli di preparazione: pochissimi alunni hanno raggiunto ottimi risultati, la maggior parte della classe ha raggiunto risultati soddisfacenti, mentre un piccolo numero di studenti ha mostrato difficoltà pregresse che si sono colmate parzialmente. L'insegnante è pienamente soddisfatta del lavoro svolto dalla classe. Il Docente Prof.ssa Laura Burattini

28 GRIGLIA DI VALUTAZIONE TERZA PROVA Lingua Straniera COGNOME E NOME CLASSE LIVELLI DI NUMERO CRITERI DI PUNTEGGIO VALUTAZIONE E PUNTEGGIO QUESITI VALUTAZIONE MAX PUNTEGGIO OTTENUTO ASSEGNATO CORRISPONDENTE - scarso 1,5 Comprensione e 3,5 - mediocre 2,0 Aderenza alla traccia - sufficiente 2,5 - discreto 3,0 QUESITO 1 - buono 3,0 - ottimo 3,5 - scarso 0,5 Padronanza della lingua e correttezza formale 2,5 - mediocre 1,0 - sufficiente 1,5 - discreto 2,0 - buono 2,0 - ottimo 2,5 Capacità di - scarso 0 Rielaborazione e 1,5 - mediocre 0,5 Integrazione dei - sufficiente 1,0

29 contenuti - discreto 1,0 - buono 1,5 - ottimo 1,5 - scarso 1,5 Comprensione e Aderenza alla traccia 3,5 - mediocre 2,0 - sufficiente 2,5 - discreto 3,0 QUESITO 2 - buono 3,0 Padronanza della lingua e correttezza formale Capacità di Rielaborazione e Integrazione dei contenuti 2,5 1,5 - ottimo 3,5 - scarso 0,5 - mediocre 1,0 - sufficiente 1,5 - discreto 2,0 - buono 2,0 - ottimo 2,5 - scarso 0 - mediocre 0,5 - sufficiente 1,0 - discreto 1,0 - buono 1,5 - ottimo 1,5 TOTALE PUNTEGGIO MAX ASSEGNATO 15,00 TOTALE PUNTEGGIO OTTENUTO Per ogni risposta in bianco viene assegnato n.1 punto.

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

La costruzione di strumenti per la verifica delle competenze. LA PROVA ESPERTA

La costruzione di strumenti per la verifica delle competenze. LA PROVA ESPERTA La costruzione di strumenti per la verifica delle competenze. LA PROVA ESPERTA 1 CONCETTO DI PROVA ESPERTA Per prova esperta si intende una prova di verifica che non si limiti a misurare conoscenze e abilità,

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA

Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA La presenza di un biennio COMUNE offre la possibilità, di potere scegliere il successivo triennio al termine del secondo anno con maggiore consapevolezza e convinzione!

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione?

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Scrive Thomas Eliot: Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Interrogativi integrati da: Dov è l informazione che abbiamo perso nei dati?

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli