TITOLO LUOGO E DATA ORGANIZZATORE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TITOLO LUOGO E DATA ORGANIZZATORE"

Transcript

1 TITOLO LUOGO E DATA ORGANIZZATORE THE EU DAIRY SECTOR: DEVELOPING BEYOND 2015 Bruxelles, Charlemagne building, Rue de la Loi settembre 2013 Commissione europea, DG AGRI RELAZIONE Il regime comunitario del prelievo supplementare, comunemente chiamato delle quote latte, sarà abolito in favore di un mercato lattiero-caseario libero a partire dal 2015; il suddetto regime viene utilizzato, nell Unione europea, dal Si è lungamente discusso, durante la stesura del regolamento per la prossima Politica Agricola Comune (ancora in corso), sugli effetti che un abolizione delle quote latte avrebbe potuto provocare sull economia casearia europea, e una serie di strumenti a protezione di questo settore sono stati inclusi nella futura PAC. Il mercato libero del latte prevederà comunque una serie di strumenti a protezione dei produttori del latte, denominati nel loro insieme Pacchetto Latte. Le misure contenute nel pacchetto sono le seguenti: 1. CONTRATTI SCRITTI TRA PRODUTTORI E TRASFORMATORI. Gli Stati membri avranno la possibilità di rendere obbligatoria la stesura di un contratto tra i produttori di latte e i trasformatori; tale contratto sarà precedente alla consegna del prodotto e gli Stati membri possono istituire una durata minima prevista per contratti simili. I contratti dovranno contenere dati quali prezzo, durata, volume, dati relativi al pagamento e alle modalità di mungitura; 2. ISTITUZIONE DI ORGANIZZAZIONI DI PRODUTTORI (OP) NELLA NEGOZIAZIONE DEI CONTRATTI. Gli agricoltori possono riunirsi in Organizzazioni di Produttori così da negoziare i contratti collettivamente. La negoziazione include anche il prezzo del latte grezzo ma avrà un limite massimo nella quantità di latte negoziata per questo tipo di contratti, che non potrà superare il 3.5% della produzione totale dell UE e il 33% della produzione totale di uno Stato membro (nel caso la produzione di uno Stato membro sia inferiore alle tonnellate il limite è posto al 45% della produzione totale); 3. REGOLAZIONE DEI FORMAGGI DOP/IGP. Gli Stati membri possono, in determinate circostanze, intervenire con misure di mercato a difesa dei prodotti a Nominazione di Origine Protetta (DOP) e a Indicazione Geografica Protetta (IGP). Questa misura è prevista per garantire maggiore protezione economica ad alcune aree rurali (ad es. determinate aree di montagna). Questa conferenza, costruita attorno alla presentazione dello studio Analysis on future

2 developments in the milk sector, fa emergere due riflessioni fondamentali sulle conseguenze dell abolizione del regime del prelievo supplementare: 1. il pericolo maggiore dopo il 2015 sarà rappresentato dalla volatilità dei prezzi. Un eventuale crollo dei prezzi dovuto a sovra-produzione o ad eccessiva importazione potrebbe essere fatale per una percentuale consistente di produttori di latte e derivati; 2. la liberalizzazione, proprio perché controllata, non dovrebbe incidere negativamente sul mercato mainstream dei prodotti di origine casearia. Al contrario, dovrebbe permettere un aumento dell esportazione verso paesi extra-continentali, con una conseguente crescita del giro d affari legato soprattutto a latte in polvere e formaggi. L unica porzione di settore che, secondo gli studi, potrebbe risentire negativamente di una manovra di questo tipo, è quella rappresentata dalle aree svantaggiate, ovvero quelle aree che a causa di determinate caratteristiche geografiche soffrirebbero più delle altre della competizione derivante da un mercato libero, seppur controlla. Hermanus Versteijlen, Vice-Direttore Generale della DG AGRI della Commissione europea, ha preceduto la presentazione dello studio Analysis on future developments in the milk sector presentando la situazione attuale del mercato lattiero-caseario europeo. Nel 2013 i prezzi di latte e derivati si sono allineati a quelli del resto del mondo, rendendo il mercato più stabile: questo anche grazie ad un elevato regime di esportazioni, che nell ultimo anno ha riguardato l 11% del prodotto totale. Le esportazioni aiutano sensibilmente a stabilizzare il mercato. Le esportazioni riguardano soprattutto i formaggi, punto di forza della produzione europea; il burro, che a causa di prezzi molto elevati ha costituito, in passato, l anello debole della produzione lattiero-casearia europea, si è allineato negli ultimi anni alla media dei prezzi mondiali; il latte scremato in polvere ha visto un aumento del 50% nelle esportazioni dal 2009 ad oggi; il 50% del latte intero in polvere prodotto all interno dell Unione europea viene attualmente esportato. Franck Chevalier, Ernst&Young, ha poi presentato lo studio Analysis on future developments in the milk sector, condotto da un team di sei esperti di alto livello, provenienti sia dal settore pubblico che da quello privato, che ha analizzato gli scenari post-2015 del settore lattiero-caseario europeo indipendentemente dalla Commissione europea. Le conclusioni dello studio sono state divise secondo le due tematiche principali, Competitività ed Equilibrio del Mercato e Produzione sostenibile di latte, includendo la sua dimensione territoriale, a loro volta divise in sfide, raccomandazioni e conclusioni. Di seguito un sunto: 1. COMPETITIVITÀ ED EQUILIBRIO DEL MERCATO: - SFIDE: - VOLATILITÀ DEI PREZZI: la presenza del sistema di quote, la protezione dalle importazioni e gli interventi pubblici hanno contribuito a mantenere un divario tra i prezzi del latte europeo e quello del resto del mondo. Una volta tolte queste protezioni il mercato del latte sarà esposto alla volatilità

3 dei prezzi. Gli esperti ritengono che questa sia la sfida più grande e difficile che il settore lattiero-caseario dovrà affrontare dopo il L Unione europea dovrà inoltre occuparsi di proteggere in particolare quei produttori che in futuro potrebbero aumentare la competitività del settore e darne un valore aggiunto; - AREE FRAGILI: un mercato libero porterebbe ad una progressiva riallocazione della produzione in regioni rese più competitive da una migliore collocazione geografica. Questo metterebbe a rischio il futuro economico delle aree geograficamente svantaggiate, in particolare quelle della regione alpina; - POTERE CONTRATTUALE: con la fine delle quote latte è prevedibile una redistribuzione del valore aggiunto lungo tutta la catena produttiva. Questa redistribuzione sarà verosimilmente iniqua, e occorrerà accertarsi che il valore aggiunto dei produttori non subisca un calo troppo consistente a causa del minore potere contrattuale. - RACCOMANDAZIONI: - SVILUPPARE STRUMENTI A LIMITAZIONE DELLA VOLATILITÀ DEI PREZZI: la volatilità dei prezzi va limitata il più possibile. Gli esperti ritengono che la creazione di una piattaforma volta a fornire dati chiari ed aggiornati riguardo a prezzo e volume prodotto aiuterebbe a limitare o ad eliminare asimmetrie d informazione relative a questi dati: uno strumento di questo tipo potrebbe evitare, in principio, che i costi di produzione risultino troppo alti, ma data la complessità di questi strumenti i produttori dovrebbero venire istruiti ad una corretta gestione degli stessi; - EVITARE DI IMPLEMENTARE IL SISTEMA DI RISCATTO DELLE QUOTE: il sistema di riscatto delle quote (che prevede che gli Stati membri paghino i produttori affinchè non producano parte delle loro quote latte, e in questo modo il latte non entri sul mercato e non abbassi ulteriormente il prezzo del prodotto) non è considerato da questo team di esperti come un sistema valido. Questo per varie ragioni: anzitutto perché sarebbe difficile valutare a quale prezzo gli Stati membri dovrebbero iniziare a riscattare quote; inoltre offrirebbe ai produttori la garanzia di riuscire a vendere il loro prodotto ad un determinato prezzo, indipendentemente dalle condizioni di mercato. Questo potrebbe far sì che i produttori calcolino l intervento degli Stati membri nelle loro strategie di mercato, mentre i governi nazionali rischierebbero di dover affrontare costi enormi per non veder abbassarsi troppo i prezzi del latte. Per finire, nel caso in cui gli Stati membri dovessero tenere alto il prezzo del latte europeo, le esportazioni del settore lattiero-caseario europeo crollerebbero a causa di prezzi troppo elevati rispetto a quelli del mercato globale, andandone a danneggiare la competitività; - IMPLEMENTARE LE POLITICHE REGIONALI A PROTEZIONE DELLE AREE FRAGILI: è

4 necessario che i governi puntino a rafforzare le politiche a difesa delle regioni sfavorite. Tuttavia si fa notare come una soluzione potrebbe essere rappresentata da una riconversione delle aree sfavorite in produzioni a bassa intensità, come la produzione di carne; - RAFFORZARE IL RUOLO DI OP E IBO: il team di esperti ritiene raccomandabile che le OP (Organizzazioni di Produttori) e le IBO (Inter-Branch Organization, organizzazioni intermedie) siano numerose, o comunque coinvolgano una buona parte dei produttori lattiero-caseari, poiché questo rafforzerebbe il potere contrattuale degli stessi. Limiti di dimensione adeguati delle suddette organizzazioni dovrebbero essere determinati per legge. - CONCLUSIONI: - L intero team di esperti è d accordo nel considerare la volatilità dei prezzi come il problema più grande che il settore lattiero-caseario dovrà affrontare nel prossimo futuro, nonché nel considerare il sistema di riscatto delle quote inadeguato all obiettivo che si propone; - Ludwig Theuvsen, Georg-August University di Goettingen, suggerisce la conversione delle attività lattiero-casearie delle aree svantaggiate in attività più adatte a profili geografici di quel tipo (e.g. produzione di carne); - Tutti gli esperti sono d accordo nel considerare che la redistribuzione del valore aggiunto sarà squilibrata a favore dei trasformatori. Le OP e le IBO potrebbero essere strumenti utili a contenere questa conseguenza. 2. PRODUZIONE SOSTENIBILE DI LATTE, INCLUDENDO LA SUA DIMENSIONE TERRITORIALE - SFIDE: - DEGRADO AMBIENTALE: gli esperti ritengono che l aumento di produzione in determinate regioni potrebbe gravare sugli ecosistemi delle stesse (inquinamento di superficie e dell acqua, alte emissioni di metano ed ammonia). Il rischio di degrado ambientale e gli sforzi per evitarlo potrebbero incidere sui costi; - ABBANDONO DELLE TERRE: il team considera che se gli agricoltori delle aree svantaggiate dovessero decidere di mettere fine alle loro attività a causa di periodi di basso prezzo del latte, le suddette aree verrebbero abbandonate; - CARENZA D INVESTIMENTI: la mancanza di investimenti potrebbe coincidere con il progressivo declino di aree di produzione lattiero-casearia, soprattutto nel sud dell Europa. - RACCOMANDAZIONI: - AREE SVANTAGGIATE: gli esperti ritengono che vada svolta una mappatura delle aree che risulteranno maggiormente svantaggiate dalla manovra

5 post Questo potrebbe servire a trovare le migliori soluzioni possibili, a livello di politiche, per questo tipo di aree, poiché attualmente non si possono conoscere con esattezza le aree che saranno svantaggiate dalla fine del sistema a quote. Si consiglia, inoltre, di mantenere i pagamenti accoppiati nelle aree svantaggiate, così da fornire un aiuto ulteriore per queste ultime; - CONSAPEVOLEZZA AMBIENTALE E KNOW-HOW: il team raccomanda di avviare un programma di R&S per migliorare la sostenibilità del settore, che ha dimostrato spesso di essere carente di misure a sostegno ambientale. - PROGRAMMI REGIONALI SPECIALIZZATI: gli esperti raccomandano programmi regionali specifici per il settore lattiero-caseario, soprattutto in quelle regioni che presentano aree a rischio di abbandono o di scarsa competitività; - STIMOLARE INVESTIMENTI NEL SETTORE LATTIERO-CASEARIO: il team di esperti ritiene che sarà necessario incoraggiare investimenti nel settore, con misure quali la formazione degli agricoltori, un facile accesso ai capitali, la creazione di un mercato dei futures; - IMPLEMENTAZIONE DEI PUNTI DI FORZA REGIONALI: si raccomandano investimenti nei punti di forza regionali dati dai vantaggi geografici. - CONCLUSIONI: - Tutti gli esperti concordano nel ritenere la degradazione ambientale come una delle sfide principali per gli anni a venire. Ritengono necessario stimolare l applicazione di pratiche innovative e sostenibili, nonché il finanziamento di nuovi programmi R&S per le zone ad alta intensità d uso; - Tutti gli esperti concordano nel ritenere la questione delle aree svantaggiate come un altra tematica estremamente sensibile per il periodo post-quota: si raccomandano politiche a protezione delle stesse, una mappatura precisa delle zone che verranno maggiormente svantaggiate, il mantenimento degli aiuti accoppiati per le suddette aree. In ogni caso, agli esperti sembra scontato che il crollo dei prezzi del latte successivo all apertura del mercato andrà ad influire soprattutto su questo tipo di zone; - In definitiva, gli esperti ritengono che l abolizione del sistema a quote non avrà un impatto troppo duro sul settore lattiero-caseario europeo preso nel suo insieme, ritenendo che l allineamento dei prezzi europei a quelli del mercato globale corrisponderà ad un consistente aumento delle esportazioni. In generale le associazioni di produttori ed i policy-makers si sono dichiarati molto preoccupati degli effetti che la volatilità dei prezzi potrebbe avere in un mercato come quello lattierocaseario europeo, invocando degli strumenti a garanzia della stabilità dello stesso.

6 Agenda, presentazioni e studi: 2013_en.htm Eseguito da: Pietro Moradei UNIONCAMERE DEL VENETO Delegazione di Bruxelles Av. de Tervueren 67 - B-1040 Bruxelles Tel Fax

GLI SCENARI EUROPEI PER IL DOPO QUOTE LATTE. Paolo Sckokai Università Cattolica, Piacenza

GLI SCENARI EUROPEI PER IL DOPO QUOTE LATTE. Paolo Sckokai Università Cattolica, Piacenza GLI SCENARI EUROPEI PER IL DOPO QUOTE LATTE Paolo Sckokai Università Cattolica, Piacenza Schema della relazione 1) Lo studio della Commissione Europea sul settore lattiero-caseario post-2015 2) Gli scenari

Dettagli

La normativa di riferimento

La normativa di riferimento 1 La normativa di riferimento Reg. (UE) n. 261/2012 del Parlamento Europeo e del Consiglio che modifica il Reg.(CE) n.1234/2007 in materia di rapporti contrattuali nel settore del latte e dei prodotti

Dettagli

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE D'IMPATTO. che accompagna il documento

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE D'IMPATTO. che accompagna il documento COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 30.1.2014 SWD(2014) 29 final DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE D'IMPATTO che accompagna il documento Proposta di REGOLAMENTO DEL

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

The CAP towards 2020 Taking stock with civil society. LUOGO E DATA 13 Luglio 2012 Palazzo Charlemagne, Rue de la Loi 170, B-1000 Bruxelles

The CAP towards 2020 Taking stock with civil society. LUOGO E DATA 13 Luglio 2012 Palazzo Charlemagne, Rue de la Loi 170, B-1000 Bruxelles TITOLO The CAP towards 2020 Taking stock with civil society LUOGO E DATA 13 Luglio 2012 Palazzo Charlemagne, Rue de la Loi 170, B-1000 Bruxelles ORGANIZZATORE Commissione europea RELAZIONE Il primo a prendere

Dettagli

Politica Agricola comune (2014-2020)

Politica Agricola comune (2014-2020) Politica Agricola comune (2014-2020) Obiettivo La politica agricola comune (PAC) è progettata per offrire una struttura moderna, sostenibile ed efficiente al settore agricolo in Europa. Essa mira a promuovere

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

MERCATI E CONSUMI DEI VINI E DEI PRODOTTI ALIMENTARI DOP/IGP: SCENARIO E TENDENZE EVOLUTIVE. DENIS PANTINI Direttore Area Agroalimentare

MERCATI E CONSUMI DEI VINI E DEI PRODOTTI ALIMENTARI DOP/IGP: SCENARIO E TENDENZE EVOLUTIVE. DENIS PANTINI Direttore Area Agroalimentare 11 ottobre 2014 MERCATI E CONSUMI DEI VINI E DEI PRODOTTI ALIMENTARI DOP/IGP: SCENARIO E TENDENZE EVOLUTIVE DENIS PANTINI Direttore Area Agroalimentare I TEMI DI APPROFONDIMENTO Vini e prodotti alimentari

Dettagli

Politiche di sostegno dei consumi e Osservatori prezzi

Politiche di sostegno dei consumi e Osservatori prezzi Politiche di sostegno dei consumi e Osservatori prezzi Intervento di: PALMA COSTI Assessore Interventi Economici, Innovazione e Pari opportunità della Provincia di Modena Mercoledì 1 aprile 2009 Camera

Dettagli

ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE

ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE Il sistema agroalimentare italiano è inserito in un contesto di mercato altamente

Dettagli

L utilizzazione dell art. 68 e la gestione del rischio nella nuova Pac

L utilizzazione dell art. 68 e la gestione del rischio nella nuova Pac Workshop Gli strumenti per l assicurazione del rischio di impresa nello scenario della nuova Pac L utilizzazione dell art. 68 e la gestione del rischio nella nuova Pac Roma, 3 marzo 2009 Angelo Frascarelli

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche

La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche Sintesi Francesco Berlingieri, Holger Bonin, Maresa Sprietsma Centre for European Economic Research Sintesi 2 3 Oggetto dello studio La

Dettagli

Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento

Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento Da dieci anni, ACTE, Associazione delle Comunità Tessili Europee, ha operato per la difesa e

Dettagli

LEGISLAZIONE VITIVINICOLA (18699)

LEGISLAZIONE VITIVINICOLA (18699) Università degli studi di Bologna Facoltà di Agraria-Polo di Cesena Legislazione Vitivinicola Gabriele Testa LEGISLAZIONE VITIVINICOLA (18699) Gabriele Testa Crediti formativi: 3 Anno accademico 2011/12

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Riflessioni sulle linee strategiche per il PSR Marche 2014-2020

Riflessioni sulle linee strategiche per il PSR Marche 2014-2020 Riflessioni sulle linee strategiche per il PSR Marche 2014-2020 Andrea Bonfiglio Direttore editoriale Agrimarcheuropa Dipartimento di Scienze economiche e sociali Università Politecnica delle Marche VENERDÌ

Dettagli

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020 Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione 1 Il contesto globale Accelerazione e intensificazione delle

Dettagli

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione 44 FOCUS INVESTIMENTI SOCIALI IL PACCHETTO DI INVESTIMENTI SOCIALI PER LA CRESCITA E LA COESIONE È LO STRUMENTO CREATO DALL UNIONE EUROPEA PER CONTRASTARE LA POVERTÀ E L EMARGINAZIONE SOCIALE. L ARTICOLO

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, RIUNITI IN SEDE DI CONSIGLIO, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, RIUNITI IN SEDE DI CONSIGLIO, I. INTRODUZIONE C 463/4 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 23.12.2014 Conclusioni del Consiglio e dei Rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, su un piano di lavoro per la cultura

Dettagli

N 348 del 7 febbraio 2015

N 348 del 7 febbraio 2015 N 348 del 7 febbraio 2015 Il mercato nazionale dei prodotti lattiero caseari Prezzi settimanali di alcuni prodotti lattiero-caseari in Italia ( / kg) 2 feb. sett. 1 anno 2015 precedente prima sett. Parmigiano

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

L 346/12 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 20.12.2013

L 346/12 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 20.12.2013 L 346/12 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 20.12.2013 REGOLAMENTO (UE) N. 1370/2013 DEL CONSIGLIO del 16 dicembre 2013 recante misure per la fissazione di determinati aiuti e restituzioni connessi

Dettagli

Nuovo paradigma: interventi finanziari coordinati per migliorare la competitività delle imprese agricole

Nuovo paradigma: interventi finanziari coordinati per migliorare la competitività delle imprese agricole Nuovo paradigma: interventi finanziari coordinati per migliorare la competitività delle imprese agricole Agricoltura e turismo 1) sono i settori che meglio tengono nella crisi economico-finanziaria di

Dettagli

Nascita della Politica Agricola Comunitaria

Nascita della Politica Agricola Comunitaria Anni 50 Nascita della Politica Agricola Comunitaria Entrata dell Italia nel Mercato Comune Europeo (MEC) con il Trattato di Roma (1957) e con la Conferenza di Stresa (1958) Il Trattato di Roma ha previsto

Dettagli

TITOLO Infoday Horizon 2020 - Future Internet. LUOGO E DATA 31 Gennaio 2014 Albert Borschette Conference Centre Rue Froissart, 36 1040 Bruxelles

TITOLO Infoday Horizon 2020 - Future Internet. LUOGO E DATA 31 Gennaio 2014 Albert Borschette Conference Centre Rue Froissart, 36 1040 Bruxelles TITOLO Infoday Horizon 2020 - Future Internet LUOGO E DATA 31 Gennaio 2014 Albert Borschette Conference Centre Rue Froissart, 36 1040 Bruxelles ORGANIZZATORE DG CONNECT RELAZIONE La giornata informativa

Dettagli

Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione

Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione European Association of Local and Regional Initiatives for Economic Development, Employment and Solidarity Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Il futuro della PAC quali prospettive per le assicurazioni e fondi di mutualizzazione? Pasquale DI RUBBO Policy Advisor Trento 1 Aprile 2011

Il futuro della PAC quali prospettive per le assicurazioni e fondi di mutualizzazione? Pasquale DI RUBBO Policy Advisor Trento 1 Aprile 2011 Il futuro della PAC quali prospettive per le assicurazioni e fondi di mutualizzazione? Pasquale DI RUBBO Policy Advisor Trento 1 Aprile 2011 Che cosa sono il Copa e la Cogeca? Il Copa Gli agricoltori europei

Dettagli

La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013

La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013 La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013 Luigi Servadei Ministero Luogo e delle datapolitiche Agricole, D.G. Sviluppo Rurale Rete

Dettagli

TITOLO. L energia del deserto per alimentare il Mediterraneo: è tempo di iniziare

TITOLO. L energia del deserto per alimentare il Mediterraneo: è tempo di iniziare TITOLO L energia del deserto per alimentare il Mediterraneo: è tempo di iniziare LUOGO E DATA 25 giugno 2013 Charlemagne Building Rue de la Loi, 1049 Bruxelles ORGANIZZATORE Commissione Europea RELAZIONE

Dettagli

EUROPA 2020. TRE priorità. conoscenza e sull'innovazione; profilo delle risorse, più verde e più competitiva;

EUROPA 2020. TRE priorità. conoscenza e sull'innovazione; profilo delle risorse, più verde e più competitiva; EUROPA 2020 TRE priorità crescita intelligente sviluppare un'economia basata sulla conoscenza e sull'innovazione; crescita sostenibile promuovere un'economia più efficiente sotto il profilo delle risorse,

Dettagli

Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità

Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità ECORICE e le prospettive future Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità Mario Perosino Regione Piemonte Direzione Agricoltura mario.perosino@regione.piemonte.it ECORICE e le prospettive

Dettagli

La Strategia Europa 2020 ha come filo conduttore la crescita: Intelligente e orientata ad uno sviluppo economico basato sulla conoscenza e sull

La Strategia Europa 2020 ha come filo conduttore la crescita: Intelligente e orientata ad uno sviluppo economico basato sulla conoscenza e sull La Strategia Europa 2020 ha come filo conduttore la crescita: Intelligente e orientata ad uno sviluppo economico basato sulla conoscenza e sull innovazione. Sostenibile per promuovere un economia più efficiente

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

organico In diesem Monat sprechen wir über: uro Helpdesk, 02/2014 Agricoltura e ricerca: un approccio 1-5 organico Facts and Figures

organico In diesem Monat sprechen wir über: uro Helpdesk, 02/2014 Agricoltura e ricerca: un approccio 1-5 organico Facts and Figures In diesem Monat sprechen wir über: Agricoltura e ricerca: un approccio organico 1-5 uro Helpdesk, 02/2014 Facts and Figures FOCUS ON: Service-point EIP Agri: Obiettivi e servizi Gruppi operativi, Network

Dettagli

Si conclude all Expo Milano il progetto della Libertas sport - cibo - salute 2015

Si conclude all Expo Milano il progetto della Libertas sport - cibo - salute 2015 ! 1 ottobre 2015 - Padiglione 73 - G17 Intesa Sanpaolo Si conclude all Expo Milano il progetto della Libertas sport - cibo - salute 2015 Enrico Fora direttore responsabile Libertas Sprint Si conclude nella

Dettagli

Cosa sta succedendo al settore lattiero-caseario? Dott. Alberto Menghi, CRPA Spa

Cosa sta succedendo al settore lattiero-caseario? Dott. Alberto Menghi, CRPA Spa Cosa sta succedendo al settore lattiero-caseario? Dott. Alberto Menghi, CRPA Spa Il costo delle materie prime è andato alle stelle, i prezzi al consumo hanno avuto aumenti di due cifre percentuali, le

Dettagli

Approfondimento Diritto e attività agricola europea

Approfondimento Diritto e attività agricola europea Approfondimento Diritto e attività agricola europea La globalizzazione Il termine globalizzazione indica, in primo luogo, il processo economico, sociale, politico e culturale attraverso il quale i mercati

Dettagli

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Servizio Attività Produttive, Commercio e Turismo Ufficio Sportello Europa Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Dipartimento di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Modulo 4 La Politica Agricola Comunitaria Le radici della PAC Agricoltura settore di

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 501/2014 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 501/2014 DELLA COMMISSIONE L 145/14 16.5.2014 REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 501/2014 DELLA COMMISSIONE dell'11 marzo 2014 che integra il regolamento (UE) n. 1308/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio mediante la modifica del

Dettagli

FINANZIAMENTI EUROPEI STEP I

FINANZIAMENTI EUROPEI STEP I Seminario FINANZIAMENTI EUROPEI STEP I FONDI EUROPEI E REGIONALI: Cenni, terminologie, accesso, processi e aree di interesse Dott. Nicola Lalli - Arch. M. Barucco Vicenza Sede Ordine OAPPC 16.09.2014 16,30-19,30

Dettagli

Genova, Villa Bombrini, 19 marzo 2015 AUTORITA DI GESTIONE DEL PSR

Genova, Villa Bombrini, 19 marzo 2015 AUTORITA DI GESTIONE DEL PSR Genova, Villa Bombrini, 19 marzo 2015 AUTORITA DI GESTIONE DEL PSR Presentazione I finanziamenti per il mondo rurale : brevissima storia di un cambiamento Il PSR 2014/2020: come è nato e a che punto siamo

Dettagli

Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013

Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013 Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013 La Piattaforma europea dedicata ai professionisti dell edilizia sostenibile Iscriviti ed entra a far parte del nostro network www.construction21.eu Unioncamere del Veneto

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA Agenda di Bologna 27 gennaio 2012 1. L area Padano-Alpino-Marittima è caratterizzata da una notevole varietà

Dettagli

C. Affari Economici e Finanziari

C. Affari Economici e Finanziari C. Una Nuova Agenda di Politica Economica L attuale congiuntura richiede un profondo cambiamento nell agenda di politica economica dell UE, che vada nella direzione di una strategia politica più efficace

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Fabio Del Bravo Modena, 18 settembre 2008

Fabio Del Bravo Modena, 18 settembre 2008 IL MERCATO INTERNAZIONALE DEL LATTE E DEI DERIVATI Fabio Del Bravo Modena, 18 settembre 2008 L INTERVENTO Lo Lo stato del settore nazionale: alcune valutazioni generali I I mercati internazionali: tendenze

Dettagli

Proposta per una strategia di promozione dei prodotti agricoli lucani

Proposta per una strategia di promozione dei prodotti agricoli lucani DIPARTIMENTO POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI Viale Vincenzo Verrastro, 10-85100 Potenza ass_agricoltura@regione.basilicata.it tel. 0971668710 fax 0971668731 L ASSESSORE Potenza lì 05/05/2014 MATERA 2019

Dettagli

Promuovere la buona agricoltura. L agricoltura laziale

Promuovere la buona agricoltura. L agricoltura laziale Promuovere la buona agricoltura L agricoltura laziale La sempre più diffusa consapevolezza del ruolo fondamentale assolto dal settore agricolo nell azione di tutela del territorio ne accresce l importanza

Dettagli

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms Leonardo Casini Questo è probabilmente l ettaro di terra più costoso del mondo: Burgundy, Vigneto Romanée Conti:

Dettagli

STRATEGIA DELL'UNIONE EUROPEA PER LA REGIONE ALPINA (EUSALP) - CONSULTAZIONE PUBBLICA / QUESTIONARIO

STRATEGIA DELL'UNIONE EUROPEA PER LA REGIONE ALPINA (EUSALP) - CONSULTAZIONE PUBBLICA / QUESTIONARIO Case Id: 26c91486-b59d-4b3f-9ccd-ae0238a073a4 STRATEGIA DELL'UNIONE EUROPEA PER LA REGIONE ALPINA (EUSALP) - CONSULTAZIONE PUBBLICA / QUESTIONARIO Fields marked with are mandatory. L'obiettivo generale

Dettagli

Land Grabbing La necessità di una disciplina legale internazionale. Matteo Manfredi Neolaureato in giurisprudenza Università Cattolica di Milano

Land Grabbing La necessità di una disciplina legale internazionale. Matteo Manfredi Neolaureato in giurisprudenza Università Cattolica di Milano Land Grabbing La necessità di una disciplina legale internazionale Matteo Manfredi Neolaureato in giurisprudenza Università Cattolica di Milano Land Grabbing Un attività ambigua: Consiste in acquisizioni

Dettagli

Negoziato TTIP. 3 febbraio 2015

Negoziato TTIP. 3 febbraio 2015 Negoziato TTIP 3 febbraio 2015 Tutela indicazioni geografiche La tutela delle indicazioni geografiche riveste per Aicig priorità assoluta, non solo nell ambito del negoziato in oggetto. L argomento, con

Dettagli

Asse I Competitività Titolo IV (Cap I, Sez. I)

Asse I Competitività Titolo IV (Cap I, Sez. I) Asse I Competitività Titolo IV (Cap I, Sez. I) QUESTIONARIO PROPOSTO DAL MIPAF Le risposte di COLDIRETTI 1. MISURE PER L ASSE COMPETITIVITA a. Ritenete che il set di misure proposto in questo asse offra

Dettagli

ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA: COME RACCOGLIERE LA SFIDA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO SINTESI DELL INTERVENTO

ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA: COME RACCOGLIERE LA SFIDA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO SINTESI DELL INTERVENTO ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA: COME RACCOGLIERE LA SFIDA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici Roma, 12-13 settembre 2007 SINTESI DELL INTERVENTO ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA:

Dettagli

OPERATORE BREVE PROFILO OPERATORE TITOLO PROGETTO DESTINATARI

OPERATORE BREVE PROFILO OPERATORE TITOLO PROGETTO DESTINATARI OPERATORE BREVE PROFILO OPERATORE TITOLO PROGETTO DESTINATARI Prodest Progetto di Espressione e Sviluppo Territoriale soc. coop. a r.l. Via Milano, 14 Busto Arsizio (VA) Tel. 0331-324948 Fax 0331-625798

Dettagli

Réponse de. Cristina Masini

Réponse de. Cristina Masini Réponse de europa@confartigianato.it Cristina Masini Confartigianato Imprese Via di San Giovanni in Laterano, 152 00184 Roma EC register for interest representatives ID number: 59787898245-97 Confartigianato

Dettagli

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020 PROGRAMMAZIONE 2014 2020 Valutazione Ambientale Strategica Programma Operativo Regionale FESR Programma di Sviluppo Rurale FEASR Forum Pubblico e prima Conferenza di Valutazione Il Programma di Sviluppo

Dettagli

processi di ristrutturazione nell industria metalmeccanica

processi di ristrutturazione nell industria metalmeccanica processi di ristrutturazione nell industria metalmeccanica Gianni Alioti Con un inquadramento particolare al settore auto ufficio internazionale Fim-Cisl e componente esecutivi Fem e Fism Milano 28 ottobre

Dettagli

Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria

Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria INFORMA Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria Via Mario Angeloni, 1 06125 Perugia Tel. 075.7971056, 075.5002953 Fax 075.5002956 e-mail:umbria@cia.it web:www.ciaumbria.it SPECIALE

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 1 Il quarto Quadro strategico del Fondo regioni, di insicurezza alimentare

Dettagli

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori E. Un Economia Europea Inclusiva Alla luce delle conseguenze della crisi finanziaria ed economica, c è un urgente bisogno di evitare il deterioramento della coesione sociale e le sue drammatiche ripercussioni,

Dettagli

Strumenti Finanziari NCFF e PF4EE

Strumenti Finanziari NCFF e PF4EE Strumenti Finanziari NCFF e PF4EE Roma 22 Giugno 2015 Dott.ssa Stefania Betti Punto di Contatto Nazionale LIFE Strumenti Finanziari LIFE Attualmente è difficile attrarre investimenti a favore di alcuni

Dettagli

Crisi economica: situazione del settore agricolo nei principali paesi dell Unione Europea e provvedimenti dei rispettivi Governi.

Crisi economica: situazione del settore agricolo nei principali paesi dell Unione Europea e provvedimenti dei rispettivi Governi. Crisi economica: situazione del settore agricolo nei principali paesi dell Unione Europea e provvedimenti dei rispettivi Governi. Bruxelles, 4 febbraio 2009 Al fine di avere un quadro generale degli effetti

Dettagli

L'UE riforma radicalmente la propria politica agricola per realizzare un'agricoltura sostenibile in Europa

L'UE riforma radicalmente la propria politica agricola per realizzare un'agricoltura sostenibile in Europa IP/03/898 Lussemburgo, 26 giugno 2003 L'UE riforma radicalmente la propria politica agricola per realizzare un'agricoltura sostenibile in Europa I ministri europei dell'agricoltura hanno approvato in data

Dettagli

Illustrazione dei dati di Bilancio al 31 dicembre 2014 e dei piani strategici del Gruppo. Incontro con la stampa. Bologna, 5 giugno 2015

Illustrazione dei dati di Bilancio al 31 dicembre 2014 e dei piani strategici del Gruppo. Incontro con la stampa. Bologna, 5 giugno 2015 Illustrazione dei dati di Bilancio al 31 dicembre 2014 e dei piani strategici del Gruppo Incontro con la stampa Bologna, 5 giugno 2015 COPROB rappresenta il sogno del Sen. Giovanni Bersani che nel 1962

Dettagli

TITOLO Social Innovation & Mutual Learning on Micro-Savings in Europe

TITOLO Social Innovation & Mutual Learning on Micro-Savings in Europe TITOLO Social Innovation & Mutual Learning on Micro-Savings in Europe LUOGO E DATA ORGANIZZATORE Hotel Bedford, Rue du Midi 135-137, 1000 Brussels 9-10 Settembre 2013 EFIN-European Financial Inclusion

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE:

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: VALORI PER SOCIETÀ SICURE ED INTERCULTURALI di Giovanna Spagnuolo Ci manca la comunità perché ci manca la sicurezza Z. Bauman (Voglia di comunità, Laterza, Bari-Roma,

Dettagli

TITOLO. APPROFONDIMENTO: Il Piano Juncker - COM(2014) 903 RELAZIONE

TITOLO. APPROFONDIMENTO: Il Piano Juncker - COM(2014) 903 RELAZIONE TITOLO APPROFONDIMENTO: Il Piano Juncker - COM(2014) 903 RELAZIONE L idea sottostante al Piano d investimenti per l Europa, meglio conosciuto come Piano Juncker, è che le difficoltà dell economia europea

Dettagli

Tabella 1 SWOT Crescita intelligente

Tabella 1 SWOT Crescita intelligente Tabella 1 SWOT Crescita intelligente Forze Debolezze Opportunità Minacce F1) Tenuta del sistema economico provinciale a fronte della crisi fra il 2007 e il 2011 D1) Bassa intensità della spesa pubblica

Dettagli

III. La percezione dei cittadini europei e italiani per i temi biodivesità e mercato

III. La percezione dei cittadini europei e italiani per i temi biodivesità e mercato III. La percezione dei cittadini europei e italiani per i temi biodivesità e mercato verde Premessa L informazione e la comunicazione ambientale rappresentano per i decisori politici, gli operatori di

Dettagli

LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA

LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA Quale obiettivo si prefigge l Unione europea nel rafforzare la sua coesione economica, sociale e territoriale? L Unione europea sviluppa

Dettagli

MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA

MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA Il Gruppo tematico Politiche ambientali e educazione chiede a tutte le realtà del Terzo Settore di impegnarsi per un futuro sostenibile e propone:

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 234 COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 10 luglio 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà

Dettagli

Fare Affari in Russia

Fare Affari in Russia Federazione Russa Fare Affari in Russia Commercio Estero Agenzia ICE Mosca Settembre 2014 4 COMMERCIO ESTERO La Russia svolge un ruolo importantissimo nel commercio mondiale. Da un lato, esporta materie

Dettagli

Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo.

Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo. Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo. La flexicurity è uno strumento di disciplina del mercato

Dettagli

Audizione al Parlamento. ViceMinistro On. Paolo Romani

Audizione al Parlamento. ViceMinistro On. Paolo Romani Audizione al Parlamento ViceMinistro On. Paolo Romani 1 L Italia per la sua crescita economica, in tutti i settori, ha bisogno di un infrastruttura di rete elettronica a banda larga. Le misure di policy

Dettagli

Il mercato italiano delle case in legno nel 2010

Il mercato italiano delle case in legno nel 2010 Il mercato italiano delle case in legno nel 2010 Analisi del mercato Previsioni fino al 2015 Analisi del Dott. Paolo Gardino Consulting per promo_legno In collaborazione con Assolegno di FederlegnoArredo

Dettagli

Register ID: 83425058760-88 CONSIDERAZIONI GENERALI

Register ID: 83425058760-88 CONSIDERAZIONI GENERALI Risposta di Federacciai alla consultazione pubblica sulle misure strutturali per rafforzare il sistema ETS contenute nel Report della Commissione The state of the European carbon market in 2012 Register

Dettagli

Progetto HOPEurope Costruire cittadinanza, democrazia, pace e sostenibilità in un Europa unita e multilivello

Progetto HOPEurope Costruire cittadinanza, democrazia, pace e sostenibilità in un Europa unita e multilivello Progetto HOPEurope Costruire cittadinanza, democrazia, pace e sostenibilità in un Europa unita e multilivello 6. Istituzioni dell'unione europea La Corte dei conti dell'ue e la Banca europea degli investimenti

Dettagli

Marketing globale e R & S

Marketing globale e R & S EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo sedici Marketing globale e R & S 16-3 Caso di apertura Kodak entrò in Russia agli inizi degli anni Novanta - Il paese stava attraversando una turbolenta transizione

Dettagli

Annuario dei dati ambientali

Annuario dei dati ambientali Annuario dei dati ambientali CAPITOLO IV RADIAZIONI NON IONIZZANTI Autori: Giovanni FINOCCHIARO Coordinatore: ha fornito contributi: Patrizia VALENTINI ISPRA 2 IV. LA PERCEZIONE DEI CITTADINI EUROPEI E

Dettagli

Programmi UE di rilevanza per il Settore sociale

Programmi UE di rilevanza per il Settore sociale Programmi UE di rilevanza per il Settore sociale marco mietto L Unione europea si è data cinque obiettivi da realizzare entro la fine del decennio: 1.occupazione: il tasso di occupazione deve essere del

Dettagli

Ruolo dei distributori/importatori di sostanze chimiche sul territorio nazionale, in un'ottica di mercato globale.

Ruolo dei distributori/importatori di sostanze chimiche sul territorio nazionale, in un'ottica di mercato globale. Ruolo dei distributori/importatori di sostanze chimiche sul territorio nazionale, in un'ottica di mercato globale. Compiti, sfide e necessità di supporto Roma, 25 ottobre 2007 dott. Giorgio BONETTI - Presidente

Dettagli

Una panoramica sull organizzazione dei Programmi di finanziamento a gestione diretta dell Unione Europea. Marco Canton

Una panoramica sull organizzazione dei Programmi di finanziamento a gestione diretta dell Unione Europea. Marco Canton Una panoramica sull organizzazione dei Programmi di finanziamento a gestione diretta dell Unione Europea Marco Canton Politiche UE Programmi Assistenza Esterna Programmi Tematici Gestione centralizzata

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 09/035/CR/C10 INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 1. Le ripercussioni

Dettagli

G. Trasporti, Telecomunicazioni ed Energia

G. Trasporti, Telecomunicazioni ed Energia G. Allo scopo di rafforzare la competitività, la crescita e l occupazione dell UE, e nel quadro della revisione di medio termine della Strategia Europa 2020, il ruolo delle tecnologie digitali, dell energia

Dettagli

Schede informative. www.veneto.to

Schede informative. www.veneto.to Schede informative CONFERENZA REGIONALE dell agricoltura e dello sviluppo rurale www.veneto.to CONFERENZA REGIONALE dell agricoltura e dello sviluppo rurale Schede informative febbraio 2011 Comitato tecnico-scientifico

Dettagli

Newsletter della rete EEN Centro Italia

Newsletter della rete EEN Centro Italia N 9 anno 2014 Newsletter della rete EEN Centro Italia Enterprise Europe Network La rete al servizio delle imprese http://www.enterprise-europe-network-italia.eu/ http://een.ec.europa.eu/ Questo è il XXX

Dettagli

Migliorare il Trasporto Pubblico Urbano in Europa Prendere un Impegno

Migliorare il Trasporto Pubblico Urbano in Europa Prendere un Impegno Migliorare il Trasporto Pubblico Urbano in Europa Prendere un Impegno Finanziato dalla Commissione Europea, Direttorato Generale per l Ambiente Realizzare un modello di trasporto pubblico urbano sostenibile

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020

PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020 PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020 27 gennaio 2014 1 PROGRAMMAZIONE 2014-2020 DEI FONDI COMUNITARI SINTESI DEL PERCORSO E STATO DELL ARTE A. Negoziato Europeo Il 2 dicembre 2013 il Consiglio

Dettagli

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Il programma di Sviluppo Italia

Dettagli

I FONDI STRUTTURALI EUROPEI IN SICILIA (Documento CGIL Sicilia del 05 novembre 2014)

I FONDI STRUTTURALI EUROPEI IN SICILIA (Documento CGIL Sicilia del 05 novembre 2014) I FONDI STRUTTURALI EUROPEI IN (Documento CGIL Sicilia del 05 novembre 2014) La dotazione iniziale del Programma Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale (FESR) Sicilia 2007/2013 che era pari a euro 6.539.605.100

Dettagli