R E D I T O. rispetto al trend del 12,2% rilevato. i dati elaborati. Bankitalia per local. q u a t t r o

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "R E D I T O. rispetto al trend del 12,2% rilevato. i dati elaborati. Bankitalia per local. q u a t t r o"

Transcript

1 C R E D I T O 1 S e c o n d o i dati elaborati da Bankitalia per local i z z a z i o - ne della clientela, a fine giugno 2004 è stata registrata in provincia una crescita tendenziale degli impieghi 1 pari all 8,2%, in leggero rallentamento rispetto all evoluzione media dei quattro trimestri precedenti (+8,7%), ma superiore, anche se lievemente, all aumento riscontrato in Emilia-Romagna, pari al 7,8%. In ambito regionale la crescita degli impieghi forlivesi è tuttavia risultata tra le più lente, alle spalle di Rimini (+13,8%), Ravenna (+11,9%), Ferrara (+11,0%), Modena (+9,5%), Piacenza (+9,4%) e Reggio Emilia (+9,1%). Il moderato superamento dell aumento medio regionale è da attribuire alla particolare situazione della provincia di Parma, i cui impieghi diminuendo dell 1,7%, hanno raffreddato notevolmente la crescita media dell intera regione. In ambito settoriale, il gruppo delle imprese private, titolare di quasi il 44% delle somme impiegate, ha registrato una crescita dei propri impieghi bancari pari all 8,7%, in rallentamento rispetto al trend del 12,2% rilevato nei q u a t t r o t r i m e s t r i precedenti. Su questo andamento può avere pesato il basso profilo produttivo e la scarsa propensione all investimento delle attività manifatturiere. A fine giugno 2004 i finanziamenti oltre il breve termine destinati all acquisto di macchine, attrezzature, mezzi di trasporto e prodotti vari hanno accusato un calo tendenziale del 4,3%, che ha consolidato la fase negativa in atto dal secondo semestre del Un altro segnale negativo relativo agli investimenti è venuto dai finanziamenti oltre il breve termine destinati all agricoltura: a fine giugno 2004 è stata registrata una flessione del 15,4% rispetto all analogo periodo del 2003, a fronte della crescita emiliano-romagnola del 3,0%. La scarsa intonazione degli investimenti agricoli è stata determinata dai forti cali osservati negli acquisti di macchinari, attrezzature, mezzi di trasporto ecc. e nella costruzione di fabbricati non residenziali rurali. Il gruppo delle famiglie 2, che ha rappresenta- IMPIEGHI: Finanziamenti erogati dalle banche a soggetti non bancari. L aggregato ricomprende: rischio di portafoglio, scoperti di conto corrente, finanziamenti per anticipi (su effetti ed altri documenti salvo buon fine, all importazione ed esportazione), mutui, anticipazioni non regolate in conto corrente, riporti, sovvenzioni diverse non regolate in conto corrente, prestiti su pegno, prestiti contro cessioni di stipendio, cessioni di credito, impieghi con fondi di terzi in amministrazione, altri investimenti finanziari (accettazioni bancarie negoziate, commerciali papers, ecc.), sofferenze effetti insoluti ed al protesto di proprietà. L aggregato è al netto degli interessi e delle operazioni pronti contro termine. 2 Il gruppo delle Famiglie, così come definito nei Conti Nazionali (SEC95), comprende gli individui o i gruppi di individui nella loro funzione di consumatori (Famiglie consumatrici) e nella loro eventuale funzione di produttori (Famiglie produttrici). L attività di produzione svolta nell ambito del settore proviene da liberi professionisti, imprese individuali, famigliari e società semplici con non più di cinque addetti. Rapporto sull economia della provincia

2 to quasi il 30% degli impieghi, ha registrato una crescita tendenziale del 7,9%, superiore di circa quattro punti percentuali al trend dei quattro trimestri precedenti. La ripresa dei prestiti concessi alle famiglie è da attribuire alla maggiore richiesta del gruppo delle famiglie consumatrici, la cui domanda è cresciuta del 9,9%, a fronte dell incremento del 3,6% di quelle produttrici. Più segnatamente, è stata la domanda di mutui a stimolare gli impieghi delle famiglie consumatrici. A fine giugno 2004 è stato registrato un aumento Impieghi, depositi, sofferenze e sportelli. Provincia. Trimestri Impieghi (migliaia di euro) Var.% su stesso trimest. anno prec. Depositi (migliaia di euro) Var.% su stesso trimest. anno prec. Sofferenze (milioni di euro) Var.% su stesso trimest. anno prec. % sofferenze su impieghi Numero sportel. operativi Var.% su stesso trimest. anno prec. I , , , ,8 II , , , ,8 III , , , ,2 IV , , , ,4 I , , ,1 4, ,8 II , , ,9 4, ,7 III , , ,9 4, ,7 IV , , ,0 3, ,9 I , , ,8 3, ,7 II , , ,2 3, ,9 III , , ,7 3, ,1 IV , , ,1 2, ,6 I , , ,0 2, ,6 II , , ,4 2, ,3 III , , ,8 2, ,7 IV , , ,2 2, ,7 I , , ,2 2, ,7 II , , ,8 2, ,7 III , , ,2 2, ,3 IV , , ,1 2, ,9 I , , ,2 2, ,4 II , , ,7 2, ,7 III , , ,4 2, ,1 IV , , ,1 2, ,7 I , , ,3 2, ,4 II , , ,5 2, ,7 III , , ,4 2, ,7 IV , , ,2 2, ,0 I , , ,0 2, ,0 II , , ,4 2, ,0 Fonte: Bankitalia. Elaborazione: Unioncamere Emilia-Romagna 114 Rapporto sull economia della provincia

3 tendenziale dei finanziamenti destinati all acquisto di abitazioni pari al 33,6%, in forte accelerazione rispetto al trend del 15,3% riscontrato nei quattro trimestri precedenti, oltre che superiore alla crescita regionale del 29,4%. In Emilia-Romagna solo la provincia di Reggio Emilia ha evidenziato una crescita più ampia, pari al 33,9%. Questo andamento si spiega soprattutto con il basso livello dei tassi d interesse. Per le famiglie risulta molto più conveniente contrarre mutui, piuttosto che ricorrere alle locazioni. Di ben altro tenore è apparsa la domanda di prestiti oltre il breve termine destinati all acquisto di beni durevoli da parte delle famiglie consumatrici forlivesi, che è aumentata in giugno di appena il 3,4% rispetto allo stesso periodo del Siamo in presenza di un incremento abbastanza modesto - in Emilia-Romagna e Italia sono stati rilevati aumenti rispettivamente pari al 9,9 e 17,0% - che ha tuttavia interrotto la serie di diminuzioni in atto dal primo trimestre Un ulteriore aspetto dell evoluzione degli impieghi è rappresentato dall andamento per gruppo dimensionale delle banche. Gli istituti di credito minori (i fondi intermediati medi sono inferiori a 1 miliardo di euro), in linea con quanto avvenuto in regione, hanno manifestato l incremento tendenziale più sostenuto, pari a fine giugno 2004 al 17,8%, vale a dire oltre tre punti percentuali in più rispetto al trend dei quattro trimestri precedenti. Le banche minori hanno un respiro territoriale abbastanza limitato, che di norma non va altre l ambito provinciale. Sono insomma banche che hanno un contatto molto diretto con la realtà economica del territorio in cui operano, e quindi probabilmente più sensibili a determinate esigenze di ricorso al credito, che nei momenti congiunturalmente sfavorevoli possono aumentare. Un altra causa di questa performance può essere rappresentata da una maggiore competitività rispetto a qualche grande gruppo dimensionale, che sta vivendo una sorta di transizione dopo i processi di incorporazione avvenuti nel La crescita più contenuta, pari al 2,9%, ha riguardato la massima dimensione, ovvero quella denominata maggiore (i fondi intermediati medi superano i 45 miliardi di euro), rispecchiando quanto av v e n u t o in Emilia- R o m a g n a ( + 3, 6 % ) e in Italia ( + 0, 1 % ). E da sott o l i n e a re che oltre il 76% delle somme impiegate dalle banche forlivesi è venuto dai gruppi dimensionali più ridotti, cioè istituti di credito che non superano i 20 miliardi di euro di fondi intermediati medi. In Emilia-Romagna e Italia si registrano percentuali più contenute, rispettivamente pari al 66,8 e 53,5%. Se analizziamo l evoluzione degli impieghi erogati dalle banche con raccolta a breve termine possiamo vedere che a fine giugno 2004 c è stata una crescita tendenziale dell 8,9%, in accelerazione rispetto al trend del 7,4% dei quattro trimestri precedenti. Nell ambito dei vari gruppi territoriali, sono state le banche a diffusione territoriale regionale a evidenziare l aumento percentuale più sostenuto (+22,6%). Segue l ambito provinciale con un incremento del 17,5%. La crescita più contenuta, pari al 4,1%, è stato rilevata nelle banche presenti su tutto il territorio nazionale. In Emilia-Romagna sono state invece le banche di respiro provincia- Rapporto sull economia della provincia

4 le a manifestare l aumento più consistente (+12,1%), davanti a quelle a diffusione regionale (+11,2%). Giova sottolineare che in provincia di Forlì- Cesena circa il 72% degli impieghi è stato erogato da banche che non vanno oltre l ambito della dimensione regionale, rispetto alla percentuale emiliano-romagnola del 60,2% e nazionale del 42,4%. Anche i dati relativi alle banche con raccolta a breve termine confermano la dimensione squisitamente locale del sistema bancario forlivese. Prometeia ritiene che almeno fino alla fine del 2004 in ambito nazionale permarranno le condizioni favorevoli che hanno sostenuto la dinamica dei prestiti relativamente al medio e lungo termine, rappresentate dalle favorevoli condizioni dei tassi d interesse e dal ciclo positivo del mercato immobiliare. A fine 2004 si prevede un aumento dell 11,4% del credito a media e lunga scadenza e una ulteriore riduzione su base annuale di quello a breve termine, pari allo 0,3%. Il rapporto sofferenze/impieghi di giugno 2004 si è attestato al 2,31%, rispetto al 4,67% dell Emilia-Romagna e 4,66% nazionale. La provincia ha evidenziato una rischiosità del credito relativamente contenuta. E dalla fine del 1999 che il rapporto sofferenze/impieghi si mantiene costantemente sotto la soglia del 3%. Rispetto alla situazione dello stesso mese dell anno precedente siamo tuttavia in presenza di un incremento del 14,4%, certamente elevato, Percentuale delle sofferenze sugli impieghi bancari 12,0 10,0 8,0 6,0 4,0 2,0 0,0 I 97 I 98 I 99 I 2000 I 2001 I 2002 I 2003 I 2004 Forlì-Cesena Emilia - Romagna 116 Rapporto sull economia della provincia

5 ma comunque largamente inferiore all aumento dell 85,7% riscontrato in Emilia-Romagna. Le cause della forte crescita regionale sono da ricercare nella debolezza del ciclo congiunturale, nella grave crisi finanziaria che ha visto come protagonista il gruppo Parmalat e nelle difficoltà di alcune medie e grandi aziende della regione. Per quanto concerne i depositi 3 è emerso un andamento moderatamente espansivo. A fine giugno 2004 le somme depositate nella totalità delle banche dai clienti residenti in provincia sono ammontate a circa 4 miliardi e 774 milioni di euro, con una crescita del 3,6% rispetto all analogo periodo del 2003 (vedi tabella), a fronte di un inflazione attestata al 2,2%. A fine giugno 2003 e fine marzo 2004 erano stati rilevati aumenti pari rispettivamente al 13,3 e 8,0%. Siamo in presenza di un rallentamento della raccolta, che è apparso più ampio rispetto a quanto riscontrato in Emilia-Romagna. In regione solo le province di Ferrara e Ravenna hanno registrato incrementi più contenuti, pari rispettivamente al 2,1 e 3,3%. I depositi delle famiglie consumatrici, titolari di circa il 59% delle somme depositate, sono aumentati tendenzialmente in giugno del 7,7%, vale a dire quattro punti percentuali in meno rispetto al trend dei quattro trimestri precedenti. Al di là del rallentamento, possiamo tuttavia parlare di raccolta abbastanza intonata, superiore di oltre cinque punti percentuali alla crescita dell inflazione. L espansione dei depositi delle famiglie consumatrici appare costante dal giugno Tra le cause di questo fenomeno possiamo ascrivere la preferenza della liquidità da parte dei risparmiatori, dovuta al contenuto rendimento degli investimenti alternativi, che in alcuni casi, noti alle cronache, si sono tradotti in perdite per i risparmiatori. L evoluzione dei depositi analizzata sotto l aspetto dei gruppi dimensionali delle banche è stata caratterizzata dal calo tendenziale dell 1,3% accusato dalle banche piccole - hanno rappresentato circa il 38% dei depositi - in contro tendenza con quanto avvenuto in Emilia-Romagna (+4,1%) e Italia (+4,9%). Nei rimanenti gruppi dimensionali sono stati rilevati aumenti compresi fra lo 0,6% delle banche maggiori - amministrano fondi intermediati medi superiori a 45 miliardi di euro - e il 10,2% di quelle minori. La maggioranza degli impieghi, come osservato precedentemente, viene erogata dalle banche di dimensioni più ridotte. Lo stesso avviene per i depositi. Quasi l 81% delle somme impiegate dalle banche forlivesi è venuto dai gruppi dimensionali più ridotti, cioè istituti di credito che non superano i 20 miliardi di euro di fondi intermediati medi. In Emilia-Romagna e Italia si registrano percentuali più contenute, rispettivamente pari al 69,8 e 48,8%. L andamento dei depositi nelle banche con raccolta a breve termine è stato caratterizzato da una crescita tendenziale del 4,2%, appena inferiore all aumento del 4,7% registrato in Emilia-Romagna. Se guardiamo al trend dei quattro trimestri precedenti, emerge un rallentamento prossimo ai sei punti percentuali, in sostanziale linea con quanto osservato precedentemente in merito alla totalità delle banche. Nell ambito dei vari gruppi territoriali, la migliore performance è stata rilevata nella dimensione interregionale (+16,0%), seguita da quella provinciale (+9,7%). La raccolta ha segnato il passo nelle banche di respiro interprovinciale, che hanno accusato a fine giugno un decremento tendenziale pari allo 0,6%, invertendo la tendenza espansiva in atto dal primo trimestre Quasi l 80% della raccolta è stata effettuata da banche che non vanno oltre l ambito regionale, rispetto alla media emiliano-romagnola del 62,4% e nazionale del 42,8%. Il rapporto impieghi/depositi era attestato a fine giugno 2004 a 208,2. Siamo in presenza di un rapporto piuttosto elevato, in espansione rispetto al valore medio dei quattro trimestri precedenti. In Emilia-Romagna il corrispondente rapporto si è attestato su basi leggermente inferiori, vale a dire circa 202 euro impiegati ogni 100 raccolti. Il 3 DEPOSITI: raccolta da soggetti non bancari effettuata dalle banche sotto forma di depositi a risparmio liberi e vincolati, buoni fruttiferi, certificati di depositi, conti correnti liberi e vincolati. Per ogni ulteriore approfondimento si rimanda al Bollettino statistico n.18 settembre 1995 edito dalla Banca d Italia. Rapporto sull economia della provincia

6 differenziale relativo alla provincia di Forlì- Cesena rispetto al valore dell Emilia-Romagna è pressoché costante dalla fine del Prima di quella data si aveva una situazione prevalentemente opposta. Se si analizza il fenomeno dal lato settoriale, si può vedere che in pratica sono le famiglie cosiddette consumatrici, che detengono il grosso delle somme depositate, a finanziare il credito verso i settori della produzione. A fine giugno 2004 il relativo rapporto impieghi/depositi si è attestato al 70,3%, come dire che le famiglie hanno ricevuto circa 70 euro ogni 100 depositati. La situazione muta radicalmente nell ambito delle imprese private che corrispondono nella pratica ai settori produttivi. In questo caso a 100 euro depositati ne corrispondono 593 di impieghi. L indisponibilità di dati provinciali relativi alle rilevazioni sui tassi d interesse, non consente alcuna valutazione a livello locale. In ambito regionale, in uno scenario di stabilità della politica monetaria - il tasso di riferimento sulle operazioni di rifinanziamento principali è fermo al 2,00% da giugno i tassi sui prestiti alle imprese si sono attestati in giugno al 3,34% con una riduzione di 0,10 punti rispetto a gennaio e di 0,25 punti su giugno Per quanto concerne le nuove operazioni, i tassi sui prestiti erogati alle famiglie per l acquisto di abitazioni sono saliti in giugno al 3,69% rispetto al 3,65% di maggio e aprile La situazione cambia di segno se il confronto viene effettuato su gennaio 2004 (-0,08 punti) e giugno 2003 (-0,31 punti). Va sottolineato che per quanto concerne i tassi attivi sulle operazioni a revoca, relative alle aperture di credito in conto corrente, la nuova rilevazione sui tassi effettuata da Bankitalia ha registrato a fine giugno 2004 condizioni migliori in Emilia-Romagna rispetto alla media nazionale (6,50% contro 6,92%) e nord-orientale (6,50 contro 6,75%), confermando la tendenza emersa nel passato. Per quanto riguarda i tassi attivi sui finanziamenti per cassa alle famiglie consumatrici, l Emilia-Romagna ha registrato un tasso medio a fine giugno 2004 pari al 4,18%, più contenuto rispetto al 4,31% nazionale, ma superiore se confrontato con il Nord-Est (4,15%). Dal lato dei tassi passivi sui conti correnti a vista siamo in presenza di remunerazioni piuttosto ridotte, larg a m e n t e inferiori all evoluzio- ne dell inflazione. A fine giugno 2004 il tasso medio si è attestato in Emilia-Romagna allo 0,80%, appena superiore alla media nazionale dello 0,79% e uguale a quella del Nord-est. Nell ambito dei comparti di attività economica della clientela il migliore trattamento ha riguardato la Pubblica Amministrazione (2,04%). Quello peggiore ha interessato le famiglie produttrici (0,57%). Le famiglie consumatrici che sono titolari della maggioranza delle somme depositate hanno registrato una remunerazione lorda piuttosto contenuta (0,57%), ma tuttavia superiore allo 0,51% nazionale e 0,53% nord-orientale. I depositi oltre i euro delle società non finanziarie e famiglie produttrici hanno registrato tassi pari all 1,37%. Per le famiglie consumatrici si scende all 1,30%. I piccoli depositi fino a euro delle famiglie consumatrici e altri sono stati remunerati con tassi pari ad appena lo 0,37%. Nell ambito delle società 118 Rapporto sull economia della provincia

7 non finanziarie e famiglie produttrici si sale allo 0,50%. Se analizziamo l andamento dei tassi rilevati a livello nazionale emerge una tendenza improntata alla sostanziale stabilità. Il tasso medio sui prestiti rilevato nello scorso novembre, pari al 4,76%, è apparso in linea con la media dei dieci mesi precedenti. La media dei primi undici mesi del 2004 si è attestata al 4,77% rispetto al 5,06% dell analogo periodo del Il tasso interbancario a vista si è attestato in novembre al 2,09%, in leggero aumento rispetto alla media dei dieci mesi precedenti, anche in questo caso siamo in presenza di un ridimensionamento rispetto all evoluzione del Il prime rate a dicembre si è collocato al 7,13%, confermando il trend dei dodici mesi precedenti. I tassi dei Bot a dodici mesi sono apparsi in leggera ripresa nel corso del Dal 2,07% di gennaio si è arrivati al 2,16% di dicembre, dopo avere toccato la punta del 2,31% nel mese di giugno. Se confrontiamo la media del 2004 con quella del 2003 siamo tuttavia in presenza di un leggero calo. E continuato lo sviluppo della rete degli sportelli bancari. A fine giugno 2004 ne sono stati registrati in provincia 311 rispetto ai 309 di fine dicembre 2003 e 305 di fine giugno A fine marzo 1996 se ne contavano 232. In Emilia-Romagna nell arco di un anno, si è passati da a La diffusione sulla popolazione è di uno sportello ogni abitanti rispetto alla media regionale di uno ogni e nazionale di uno ogni In Emilia-Romagna solo due province, Ravenna e Rimini, hanno evidenziato una densità maggiore, pari rispettivamente a e abitanti per sportello. Per quanto concerne la classificazione degli sportelli per gruppi istituzionali, prevalgono nettamente le società per azioni (65,3% del totale), anche se in misura più contenuta rispetto alla media emiliano-romagnola del 72,4% e nazionale del 77,0%. Seguono le banche di Credito cooperativo con il 22,5%, (10,0% in Emilia-Romagna), e Popolari con il 12,2% (17,5% in regione). Non ci sono filiali di banche estere. Le uniche due presenti in regione sono localizzate in provincia di Bologna. Dal lato della dimensione, prevalgono quelle più contenute. Le dimensioni medie, piccole e minori hanno rappresentato assieme il 75,6% del totale, a fronte della media emiliano-romagnola del 68,5 e nazionale del 55,2%. A fine 2000 la provincia evidenziava una percentuale sostanzialmente uguale, pari al 75,0%. Da sottolineare che la dimensione maggiore ha aumentato il proprio peso a scapito della dimensione grande e ciò in ragione dei processi di incorporazione avvenuti nel 2002, rilevati statisticamente nel mese di settembre. Il relativo maggiore peso delle dimensioni minori, che caratterizza l assetto bancario della provincia rispetto alla struttura regionale e nazionale, si associa ad una presenza sul territorio di natura prevalentemente locale. Le banche di respiro regionale, interprovinciale e provinciale hanno rappresentato il 75,2% degli sportelli, rispetto alla percentuale regionale del 63,2% e nazionale del 50,8%. A fine 1996 la provincia registrava una quota più contenuta, pari al 71,7%, comunque superiore alla percentuale regionale (57,8%) e nazionale (48,8%). Siamo insomma in presenza di un sistema bancario, quale quello forlivese, molto localizzato, che sottintende, come sottolineato precedentemente, rapporti piuttosto diretti tra banche e imprese. L ultima analisi sul credito riguarda i servizi telematici predisposti dalle banche nei confronti della clientela. Per quanto concerne i Pos, vale a dire le apparecchiature che consentono l addebito automatico sul proprio conto bancario delle spese sostenute presso gli esercizi commerciali, a fine 2003 ne sono risultate attivi rispetto ai di fine 2002 e di fine Se rapportiamo i Pos alla popolazione residente, la provincia ne registra 181 ogni abitanti, a fronte della media emiliano-romagnola di 194. Rapporti più bassi si registrano nelle province di Ferrara (168), Piacenza (171) e Reggio Emilia (162). Nell ambito degli Atm si tratta di apparecchiature automatiche abilitate a operare con il pubblico per effettuare determinate operazioni (i bancomat sono tra questi) - a Rapporto sull economia della provincia

8 fine 2003 ne risultavano attivi 316, rispetto ai 348 di fine 2002, in contro tendenza con quanto avvenuto in Emilia-Romagna, la cui consistenza è passata da a In rapporto alla popolazione ce ne sono 86 ogni abitanti, a fronte della media regionale di 88 e nazionale di 63. In ambito emiliano-romagnolo la provincia occupa una posizione mediana, alle spalle di Rimini (99), Ravenna (96), Bologna (93) e Parma (89). I servizi di home e corporate banking, che rappresentano i servizi dispositivi e/o informativi prestati alla clientela per via telematica, a fine 2003 hanno coinvolto famiglie e aziende. Rispetto alla situazione in essere a fine 2002, si registra una leggera diminuzione che ha arrestato la tendenza espansiva. A fine 1997 erano interessate appena 262 famiglie e imprese. La densità dei servizi alle famiglie sulla popolazione vede Forlì-Cesena nelle ultime posizioni tra le province dell Emilia- Romagna, con 600 clienti ogni abitanti, preceduta da Rimini, Ravenna, Bologna, Modena, Reggio Emilia e Parma. Per quanto concerne enti e imprese, Forlì-Cesena si colloca al penultimo posto in Emilia-Romagna, con una densità di 150 clienti ogni abitanti. I servizi di Phone banking che sono attivabili tramite la digitazione di codici via telefono, a fine 2003 hanno coinvolto clienti, vale a dire il 13,7% in più rispetto allo stesso periodo del 2003 e circa sette volte in più nei confronti della situazione di fine In rapporto alla popolazione se ne contano 451 ogni abitanti, a fronte della media emiliano-romagnola di 860 e nazionale di 990. In ambito regionale, solo la provincia di Ferrara ha registrato un rapporto più contenuto pari a Rapporto sull economia della provincia

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Maggio 2013. A cura di

Maggio 2013. A cura di DOSSIER SUI COMUNI DELL EMILIA ROMAGNA COLPITI DAL SISMA Maggio 2013 A cura di INDICE Premessa: il quadro attuale ad un anno dal terremoto 3 1. I Comuni colpiti dal sisma: alcuni dati 5 2. Analisi comparata

Dettagli

ogni giorno in prima linea

ogni giorno in prima linea Servizio itosanitario Emilia-Romagna ogni giorno in prima linea proteggere le coltivazioni, le alberature, i parchi e le aree verdi dell'emilia-romagna da organismi nocivi fornire un supporto specialistico

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE ATTIVITÀ 42.99.01 LOTTIZZAZIONE DEI TERRENI CONNESSA CON L URBANIZZAZIONE ATTIVITÀ 68.10.00 COMPRAVENDITA DI

Dettagli

Nome e cognome/ragione sociale Sede (indirizzo) Telefono e e-mail

Nome e cognome/ragione sociale Sede (indirizzo) Telefono e e-mail INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa di Risparmio di Cento S.p.A. Sede Legale e Direzione generale: Via Matteotti 8/B - 44042 CENTO (FE) Tel. 051 6833111 - Fax 051 6833237 CODICE FISCALE, PARTITA IVA e Numero

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Advisory Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 1 2 3 Il trend del risparmio gestito prima e dopo la crisi finanziaria

Dettagli

INDICE. 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3. 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10. 3. Come acquistare on line Pag. 14

INDICE. 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3. 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10. 3. Come acquistare on line Pag. 14 INDICE Carte Prepagate istruzioni per l uso 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10 3. Come acquistare on line Pag. 14 4. Come creare il 3D security Pag. 16 5. Collegamento

Dettagli

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI. a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI. a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Luglio 2014 L Osservatorio congiunturale sull industria delle costruzioni è curato dalla

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

La cooperazione italiana negli anni della crisi. 2 Rapporto Euricse

La cooperazione italiana negli anni della crisi. 2 Rapporto Euricse La cooperazione italiana negli anni della crisi 2 Rapporto Euricse 1 La cooperazione italiana negli anni della crisi Secondo Rapporto Euricse Introduzione 3 Carlo Borzaga Parte 1: Il quadro generale 9

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Di seguito due profili carta realizzabili combinando le diverse modalità di addebito, esemplificativi della versatilità che caratterizza YouCard.

Di seguito due profili carta realizzabili combinando le diverse modalità di addebito, esemplificativi della versatilità che caratterizza YouCard. YouCard, la prima carta in Italia che consente di personalizzare il codice PIN, è anche l unica carta al mondo che unisce la sicurezza delle carte prepagate, la semplicità delle carte di debito e la flessibilità

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 Nel 2014 la raccolta premi complessiva realizzata dalle imprese di assicurazione italiane e dalle rappresentanze in Italia di imprese extra europee continua il trend

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese RAPPORTO ANNUALE2014 La situazione del Paese Rapporto annuale 2014. La situazione del Paese. Presentato mercoledì 28 maggio 2014 a Roma presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio RAPPORTO ANNUALE2014

Dettagli

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7 Rapporto annuale n. 7 Direzione Studi e Ricerche Dicembre 214 Dicembre 214 Executive Summary 3 Introduzione 5 1. I bilanci dei distretti industriali italiani nel quinquennio 28-13 19 2. Internazionalizzazione,

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2008 17 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano Premessa Stato Patrimoniale riclassificato Conto Economico

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

RAPPORTO SULLO STATO DELL AGRICOLTURA RAPPORTO SULLO STATO DELL AGRICOLTURA 2013. collana PUBBLICAZIONI CONGIUNTURALI E RICERCHE MACROECONOMICHE

RAPPORTO SULLO STATO DELL AGRICOLTURA RAPPORTO SULLO STATO DELL AGRICOLTURA 2013. collana PUBBLICAZIONI CONGIUNTURALI E RICERCHE MACROECONOMICHE RAPPORTO SULLO STATO DELL AGRICOLTURA 2013 collana PUBBLICAZIONI CONGIUNTURALI E RICERCHE MACROECONOMICHE RAPPORTO SULLO STATO DELL AGRICOLTURA 2014 INEA 2014 RAPPORTO SULLO STATO DELL AGRICOLTURA 2014

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

Internet Banking Aggiornato al 13.01.2015

Internet Banking Aggiornato al 13.01.2015 Foglio informativo INTERNET BANKING INFORMAZIONI SULLA BANCA Credito Cooperativo Mediocrati Società Cooperativa per Azioni Sede legale ed amministrativa: Via Alfieri 87036 Rende (CS) Tel. 0984.841811 Fax

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

0,00 EUR Canone mensile. 0,00 EUR Canone/forfait/spese trimestrali. 0,00 EUR Spese annue per conteggio interessi e competenze (*)

0,00 EUR Canone mensile. 0,00 EUR Canone/forfait/spese trimestrali. 0,00 EUR Spese annue per conteggio interessi e competenze (*) CONTO CORRENTE WEBANK L offerta commerciale della Banca contempla prodotti, servizi e attività differenti che si contraddistinguono per specifiche caratteristiche (es. i prodotti contraddistinti dal marchio

Dettagli

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini:

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Tabaccai Convenzionati con Banca ITB; Bennet S.p.A; Esselunga S.p.A; Carrefour; Conad Adriatico Soc. Coop; Tigros S.p.A;

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso.

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso. Deutsche Bank Easy. Guida all uso. . Le caratteristiche. è il prodotto di Deutsche Bank che si adatta al tuo stile di vita: ti permette di accedere con facilità all operatività tipica di un conto, con

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Rapporto sull innovazione in Emilia-Romagna 2014

Rapporto sull innovazione in Emilia-Romagna 2014 Rapporto sull innovazione in Emilia-Romagna 2014 Rapporto sull innovazione in Emilia-Romagna 2014 Sommario 1. L Osservatorio Innovazione: struttura, obiettivi, metodologia e alcune definizioni 3 1.1. Metodologia,

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04.

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04. P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Società per Azioni con sede legale in Cagliari, viale Bonaria, 33 Sede Amministrativa, Domicilio Fiscale e Direzione Generale in

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

INDICE. Presentazione 3

INDICE. Presentazione 3 L APPRENDISTATO NEI TRASPORTI DELLA PROVINCIA DI ROMA L IMPATTO E LE POTENZIALITÀ DI UNA POLITICA ATTIVA DEL LAVORO, TRA DINAMICHE DI SVILUPPO E MUTAMENTI DEI FABBISOGNI FORMATIVI DELLE IMPRESE Roma, Dicembre

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

Università degli Studi di Bologna Facoltà di Economia

Università degli Studi di Bologna Facoltà di Economia Università degli Studi di Bologna Facoltà di Economia Il mutuo-casa quale protagonista sulla scena del family banking. La seconda giovinezza di un tradizionale prodotto finanziario Tesi di dottorato in

Dettagli

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Credito Valtellinese Società Cooperativa Sede in Sondrio Piazza Quadrivio, 8Codice fiscale e Registro Imprese di Sondrio n. 00043260140 Albo delle Banche n. 489 Capogruppo del Gruppo bancario Credito Valtellinese

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Vs. richiesta su ZHEJIANG YUEJIN IMPORT CO LTD - Cina Recte ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina Cliente ALFA SPA Data evasione Redattore E.L./FC Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Zhejiang Yuejin

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli