GENOMICA E FAUNA ALPINA: UN NUOVO APPROCCIO DI INDAGINE E

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GENOMICA E FAUNA ALPINA: UN NUOVO APPROCCIO DI INDAGINE E"

Transcript

1 GENOMICA E FAUNA ALPINA: UN NUOVO APPROCCIO DI INDAGINE E MONITORAGGIO DELLA BIODIVERSITÀ VALDOSTANA RICERCATORE TEAM LEADER: DOTT.SSA VELCA BOTTI

2 IL PROGETTO Intende fornire nuovi strumenti di biologia molecolare per studiare, monitorare, tutelare e valorizzare la BIODIVERSITA ANIMALE che caratterizza i territori valdostani Ricchezza Benessere degli ecosistemi

3 BIODIVERSITÀ E PANORAMA * Convenzione sulla Diversità Biologica (CBD) LEGISLATIVO * Convenzione sulle Specie Migratrici appartenenti alla fauna selvatica (CMS - Convenzione di Bonn) * Convenzione sul commercio internazionale delle specie di fauna e flora selvatiche minacciate di estinzione (CITES - Convenzione di Washington) * Convenzione per la Conservazione della vita selvatica e dell ambiente naturale in Europa (Convenzione di Berna) * Convenzione sulle zone umide di importanza internazionale (Convenzione di Ramsar) * Protocollo relativo alle Aree Specialmente Protette e la Biodiversità in Mediterraneo (Protocollo ASP) * Convenzione per la protezione del mar Mediterraneo (Convenzione di Barcellona) * Accordo internazionale Santuario Pelagos * Trattato Internazionale sulle Risorse fitogenetiche per l'alimentazione e l'agricoltura

4 OBIETTIVI DEL PROGETTO Studio della biodiversità della classe Insecta e attraverso l utilizzo della tecnica del DNA BARCODING (Odonata, Orthoptera, Lepidoptera) Messa a punto di tecniche di DNA FINGERPRINTING per lo studio dell ecologia di Circaetus gallicus (biancone) Sviluppo di protocolli per l identificazione specifica di vertebrati (per la LOTTA AL BRACCONAGGIO a partire da porzione carnee e per il MONITORAGGIO della fauna selvatica locale a partire da tracce biologiche) DNA BARCODING Allestimento una banca del DNA della fauna valdostana che possa essere sfruttata per progetti di ricerca futuri

5 IL DNA BARCODING PER INSECTA E VERTEBRATI DNA a supporto dell identificazione delle specie analisi gene mitocondriale CITOCROMO C OSSIDASI I (COI o cox1) BARCODE FAUNA 650 pb circa del COI vantaggi: buona variabilità interspecifica, bassa variabilità intraspecifica, assenza di introni, limitata esposizione ad eventi di ricombinazione, disponibilità di siti di annealing per primer robusti e universali (Folmer et al. 1994) estrazione DNA sequenziamento (cycle sequencing) elaborazione e correzione dei dati grezzi di sequenza amplificazione DNA (PCR) elettroforesi capillare

6 IL DNA FINGERPRINTING PER IL BIANCONE per valutare la fedeltà dei SINGOLI INDIVIDUI ai siti riproduttivi valdostani primo utilizzo negli anni 80, diffusasi rapidamente per l identificazione di soggetti sospettati di gravi reati tra cui l omicidio Adulto e piccolo al nido Archivio fotografico PNMA per l identificazione individuale basata su sequenze ripetute di basi che variano da individuo a individuo A. RFLP (Restriction Fragment Length Polymorphism) più comune A. B. ANALISI MICROSATELLITI o STR (Short Tandem Repeat) più recente ricerca di circa 13 loci microsatelliti B.

7 LO STATO ATTUALE DEL PROGETTO

8 LABORATORIO OPERATIVO Un laboratorio operativo costa tempo, denaro e fatica Sistema di qualità OK Reagenti e consumabili OK Strumentazione OK

9 CAMPIONAMENTI E I CAMPIONATORI SELEZIONE LUOGHI DI CAMPIONAMENTO SPECIE DA INDAGARE MODALITÀ DI CAMPIONAMENTO (a secco, buste e contenitori monouso, lontano da fonti di calore) MODALITÀ DI REGISTRAZIONE DEL CAMPIONE SUL CAMPO E IN LABORATORIO MODALITÀ DI CONSERVAZIONE DEL CAMPIONE (-20 C) CAMPIONATORI Dott. Baroni Daniele Dott. Bocca Massimo Dott.ssa Bosio Gianna Dott.ssa Christille Claretta Dott. Marguerettaz Fabio Dott. Salomon CRAS Oasi di Sant Alessio (PV)

10 ANALISI MOLECOLARI: ESTRAZIONE DEL DNA CAMPIONE DI PARTENZA PROCEDURA OPERATIVA STANDARD N POS Insetti Tessuti (pelo, porzioni carnee) Sangue e fluidi corporei ESTRAZIONE DEL DNA DA INSETTI, ARTROPODI, ASCARIDI E VERMI PIATTI ESTRAZIONE DEL DNA DA TESSUTI ANIMALI ESTRAZIONE DEL DNA SANGUE E FLUIDI CORPOREI POS FA 06 POS FA 05 POS FA 09 Depositi fecali ESTRAZIONE DEL DNA DA DEPOSITI FECALI POS FA 07 Penne, piume e gusci d uovo Matrici animali ESTRAZIONE DEL DNA DA PENNE, PIUME E GUSCI D UOVO ESTRAZIONE VELOCE DEL DNA DA CAMPIONI DI ORIGINE ANIMALE POS FA 08 POS FA 02 step critico nel workflow sperimentale del sequenziamento del DNA!

11 ANALISI MOLECOLARI: ITER

12 ANALISI MOLECOLARI: ITER

13 GLI ODONATI BIOINDICATORI gestione ambientale e valutazione dei cambiamenti a breve e lungo termine 129 CAMPIONI ADULTI ESUVIE LARVE 32 SPECIE (43 segnalate) 74% BIODIVERSITA VALDOSTANA per ogni specie: 3 esemplari, luoghi diversi

14 GLI ODONATI ANISOTTERO ZIGOTTERI ESUVIA Archivio fotografico MRSN- Foto Botti Velca

15 GLI ODONATI Luoghi del campionamento AREE TUTELATE E AREE UMIDE DELLA VALLE D AOSTA

16 GLI ODONATI Archivio fotografico MRSN- Foto Marguerettaz Fabio Orthetrum coerulescens

17 GLI ODONATI ESTRAZIONI DEL DNA REAZIONI DI AMPLIFICAZIONI DEL TARGET COI CON SUCCESSO (+ quantificazione dopo gel di agarosio con GelAnalyzer software) REAZIONI DI PURIFICAZIONE DELL AMPLICONE REAZIONI DI CYCLE SEQUENCING E PURIFICAZIONE DEL PRODOTTO DI CYCLE SEQUENCING SEQUENZE OTTENUTE (FORWARD E REVERSE)!!! ELABORAZIONE E ANALISI DELLE SEQUENZE

18 GLI ODONATI!!! ELABORAZIONE E ANALISI DELLE SEQUENZE.ab1.SEQ Sequencing analysis software 6 BioEdit software FASTA BLASTn BOLD Systems

19 GLI ODONATI SPECIE di ODONATA FAMIGLIA LUOGO DEL CAMPIONAMENTO Aeshna cyanea Aeshnidae Pollein, La Thuile (Colle S. Carlo), Lago di Villa Aeshna grandis Aeshnidae Lago di Loz Aeshna mixta Aeshnidae Les Iles, Quart (stagno vicino a casello autostradale) Aeshna juncea Aeshnidae Riserva Naturale del Marais, Meyes, Parco Mont Avic Anax imperator Aeshnidae Lago di Villa, Aosta (giardinetti Champ- Bartelet) Chalcolestes viridis Lestidae Les Iles Coenagrion hastulatum Coenagrionidae Petosan (La Thuile) Coenagrion puella Coenagrionidae Lago di Villa, Lolair, Bionaz Coenagrion pulchellum Coenagrionidae Lago di Lot, Lolair Cordulegaster bidentata Cordulegastridae Pont Saint Martin, Hône Cordulia aenea Corduliidae Lago di Villa Crocothemis erythraea Libellulidae Lago di Villa, Les Iles Enallagma cyathigerum Coenagrionidae Les Iles, Lago di Lolair Erythromma viridulum Libellulidae Les Iles Ischnura elegans Coenagrionidae Lago di Lot, Lago di Villa e Les Iles Ischnura pumilio Coenagrionidae Les Iles, Lago di Lot, Aosta (giardinetti Champ- Bartelet), Quart (stagno vicino a casello autostradale)

20 GLI ODONATI SPECIE di ODONATA FAMIGLIA LUOGO DEL CAMPIONAMENTO Lestes sponsa Lestidae Lago di Loz, Champlong (Verrayes) Lestes virens Lestidae Riserva naturale del Marais Leucorrhinia dubia Libellulidae Riserva Mont Mars (Lac le long), Parco Mont Avic Libellula depressa Libellulidae Lago di Villa Libellula quadrimaculata Libellulidae Lago di Villa, Stagno di Holay Orthetrum albistylum Libellulidae Les Iles Orthetrum cancellatum Libellulidae Les Iles Orthetrum coerulescens Libellulidae Lago di Villa Platycnemis pennipes Platycnemididae Lago di Villa, Les Iles Somatochlora alpestris Cordulidae Riserva Mont Mars (Lac le long), Comba Thuilette Somatochlora arctica Cordulidae Talweg Val Ferret Sympetrum danae Libellulidae Meyes, Talweg Val Ferret, Riserva naturale del Marais, Champlong (Verrayes) Sympetrum depressiusculum Libellulidae Les Iles, Quart (stagno vicino a casello autostradale) Sympetrum flaveolum Libellulidae Lago di Loz, Champlong (Verrayes) Sympetrum sanguineum Libellulidae Lago di Loz, Riserva naturale del Marais, Teppe Sympetrum striolatum Libellulidae Lago di Villa

21 GLI ODONATI IL DNA BARCODING riconosce direttamente su BOLD Systems 21/26 specie, 4 su 26 sono in corso di valutazione ESUVIE NEGATIVE AL SEQUENZIAMENTO: DNA rilasciato dalla libellula durante lo sfarfallamento è insufficiente per essere rilevato al sequenziamento Platycnemis pennipes dà aspecifici all amplificazione del BARCODE: mutazioni nel sito di appaiamento dei primer BARCODE COI (Folmer et al. 1994)

22 IL BIANCONE (CIRCAETUS GALLICUS) VULNERABILE (VU) Lista Rossa IUCN N individui maturi < a 1000 (Brichetti & Fracasso 2003, Petretti 2008) minacciato da uccisioni illegali, declino delle popolazioni di rettili di cui si ciba e dalla sottrazione degli ambienti utili alla caccia 3 sangue intero 1 resti di borra 130 campioni 119 penne 6 Sterco 1 frammento d uovo

23 IL BIANCONE (CIRCAETUS GALLICUS) ANNO N e TIPOLOGIA CAMPIONE SITI DI PROVENIENZA penne, 1 frammento d uovo, 4 sterco, 1 resti di borra Issogne Nord, Jovencan, Morgex, Fénis, Pontey, Chambave, Saint Vincent penne + 2 sterco Issogne, Jovencan, Arvier, Pollein, Saint-Vincent, Donnas penna Issogne penna Issogne penne Issogne penne Issogne

24 IL BIANCONE (CIRCAETUS GALLICUS) PRELIEVO SANGUE INTERO SANGUE INTERO DNA BIANCONE Archivio fotografico MRSN- Foto Botti Velca Analisi Next Generation Sequencing - individuazione nel biancone di loci microsatelliti - sviluppo di un protocollo per l identificazione individuale CRAS Oasi Sant Alessio (PV) Gel di agarosio 1%, marker GeneRuler 1Kb, corsa 1 h, 120V)

25 GLI ORTOTTERI poco studiati dal punto di vista genetico e poco «barcodati» problemi di classificazione: molteplici caratteristiche morfologiche numerose sottodistinzioni es. genere Glyptobothrus ha come unici caratteri diagnostici il lobo e le carene del pronoto (angolose) pertanto una determinazione genetica può risultare fondamentale. 113 CAMPIONI ADULTI 38 SPECIE (73 segnalate) Archivio fotografico MRSN- Foto Baroni Daniele 52% BIODIVERSITA VALDOSTANA

26 GLI ORTOTTERI Archivio fotografico MRSN- Foto Baroni Daniele Archivio fotografico MRSN- Foto Baroni Daniele

27 I LEPIDOTTERI Collezione museale con specie non diagnosticate o dubbie 52 CAMPIONI Archivio fotografico MRSN ADULTI 2 ZAMPE COLLEZIONE MUSEO 2013 Archivio fotografico MRSN

28 I LEPIDOTTERI Esemplari dalla difficoltosa diagnosi morfologica FAMIGLIA GENERE INDICAZIONI PER IL DNA BARCODING Hesperiidae Carcharodus da confermare esemplari diagnosticati come Carcharodus alceaee e altri a cui non è stata attribuita la specie Hesperiidae Pyrgus da confermare esemplari a cui non è stata attribuita la specie Hesperiidae Thymelicus da confermare esemplari a cui non è stata attribuita la specie Lycaenidae Polyommatus da confermare esemplari diagnosticati come Polyommatus bellargus, come Polyommatus daphnis, Polyommatus icarus e altri a cui non è stata attribuita la specie Nymphalidae Coenonympha da confermare esemplari diagnosticati come Coenonympha arcania Nymphalidae Hipparchia da confermare Hipparchia fagi Pieridae Colias da confermare esemplari diagnosticati come Colias alfacariensis e come Colias hyales Pieridae Leptidea da confermare Leptidea sinapsis o reali Pieridae Pieris da confermare esemplari diagnosticati come Pieris (Pontia) edusa, Pieris manni, Pieris rapae, Pyeris alphacariensis, Pyeris bryoniae, Pyeris napi

29 VERTEBRATI DI INTERESSE REGIONALE Durante l autunno 2014 la struttura FLORA, FAUNA, CACCIA E PESCA del DIPARTIMENTO RISORSE NATURALI E CORPO FORESTALE (Assessorato Agricoltura e Risorse Naturali) fornirà porzioni carnee per la validazione del DNA barcoding sulle seguenti specie: Capra ibex Rupicapra rupicapra Cervus elaphus Lepus timidus

30 GRAZIE PER L ATTENZIONE!

Odonatofauna della Valle d Aosta (Insecta: Odonata)*

Odonatofauna della Valle d Aosta (Insecta: Odonata)* REV. VALDÔTAINE HIST. NAT. 68: 55-90 (2014) Odonatofauna della Valle d Aosta (Insecta: Odonata)* Elisa Riservato 1, Claretta Christille 2, Fabio Marguerettaz 2, Isabella Vanacore Falco 2 1 Società Italiana

Dettagli

RISULTATI DELLA REALIZZAZIONE DEGLI STAGNI E DELL ATTIVITA DI MONITORAGGIO DELLE LIBELLULE IN VAL CERRINA. Relazione Tecnica Conclusiva- anno 2009

RISULTATI DELLA REALIZZAZIONE DEGLI STAGNI E DELL ATTIVITA DI MONITORAGGIO DELLE LIBELLULE IN VAL CERRINA. Relazione Tecnica Conclusiva- anno 2009 Progetto di creazione di habitat idonei allo sviluppo degli odonati in Val Cerrina: realizzazione degli stagni ed attivita di monitoraggio RISULTATI DELLA REALIZZAZIONE DEGLI STAGNI E DELL ATTIVITA DI

Dettagli

CREAZIONE DELLA BANCA DEL GERMOPLASMA DELLA VALLE D AOSTA, CON IL SUPPORTO DELLA

CREAZIONE DELLA BANCA DEL GERMOPLASMA DELLA VALLE D AOSTA, CON IL SUPPORTO DELLA CREAZIONE DELLA BANCA DEL GERMOPLASMA DELLA VALLE D AOSTA, CON IL SUPPORTO DELLA CARATTERIZZAZIONE GENETICA DI SPECIE VEGETALI DI INTERESSE REGIONALE RICERCATORE TEAM LEADER: FABIO GUGLIELMO INTRODUZIONE:

Dettagli

Gli Odonati della collezione Malmerendi (Museo Civico di Scienze Naturali di Faenza)

Gli Odonati della collezione Malmerendi (Museo Civico di Scienze Naturali di Faenza) Quaderno di Studi e Notizie di Storia Naturale della Romagna Quad. Studi Nat. Romagna, 31: 37-46 (dicembre 2010) ISSN 1123-6787 Alessandro Tabarroni Gli Odonati della collezione Malmerendi (Museo Civico

Dettagli

Gli Odonati del Parco naturale del Mont Avic

Gli Odonati del Parco naturale del Mont Avic Regione Autonoma Valle d Aosta Parco regionale Mont Avic Attività di consulenza scientifica nell ambito del progetto Interreg ALCOTRA COGEVA VAHSA Gli Odonati del Parco naturale del Mont Avic Autore: Roberto

Dettagli

I marcatori molecolari. Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Corso di Genetica Agraria Giovanna Attene

I marcatori molecolari. Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Corso di Genetica Agraria Giovanna Attene I marcatori molecolari Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Corso di Genetica Agraria Giovanna Attene Marcatori molecolari del DNA I marcatori molecolari sono sequenze di DNA

Dettagli

I marcatori genetici e loro applicazioni nelle produzioni animali. Dott.ssa Chiara Targhetta

I marcatori genetici e loro applicazioni nelle produzioni animali. Dott.ssa Chiara Targhetta I marcatori genetici e loro applicazioni nelle produzioni animali Dott.ssa Chiara Targhetta LOCUS localizzazione genomica unica all interno di un cromosoma; permette di definire la posizione di un gene

Dettagli

HI-TECH IN SANITA'. MINI-INVASIVITA' 2.0: nuove tecnologie al servizio dell'appropriatezza e della bioetica professionale

HI-TECH IN SANITA'. MINI-INVASIVITA' 2.0: nuove tecnologie al servizio dell'appropriatezza e della bioetica professionale HI-TECH IN SANITA'. MINI-INVASIVITA' 2.0: nuove tecnologie al servizio dell'appropriatezza e della bioetica professionale L evoluzione della professione tecnica tra robotica, automazione e nuove tecnologie

Dettagli

realizzato da LISTA ROSSA DELLE LIBELLULE ITALIANE www.iucn.it

realizzato da LISTA ROSSA DELLE LIBELLULE ITALIANE www.iucn.it realizzato da LISTA ROSSA DELLE LIBELLULE ITALIANE www.iucn.it LISTA ROSSA delle libellule italiane 1 2 Lista Rossa IUCN delle libellule italiane Pubblicazione realizzata nell ambito dell accordo quadro

Dettagli

DNA - DENATURAZIONE E RIASSOCIAZIONE

DNA - DENATURAZIONE E RIASSOCIAZIONE DNA - DENATURAZIONE E RIASSOCIAZIONE Il doppio strand della molecola di DNA può denaturarsi dando due singoli strand ad alte temperature (>90 C). Due strand di DNA complementari possono accoppiarsi dando

Dettagli

PROGETTO Bi.O.S. - Biodiversità Orobica in Valle Seriana - Studio, tutela e promozione della biodiversità: il Fiume Serio e la Val Sanguigno

PROGETTO Bi.O.S. - Biodiversità Orobica in Valle Seriana - Studio, tutela e promozione della biodiversità: il Fiume Serio e la Val Sanguigno - Biodiversità Orobica in Valle Seriana - Studio, tutela e promozione della biodiversità: il Fiume Serio e la Val Sanguigno Casa dello Sport - 17 ottobre 2015 Partner: Collaboratore: Con il contributo

Dettagli

LA TECNOLOGIA SANGER SEQUENCING RICERCATORE TEAM LEADER: DOTT.SSA VELCA BOTTI

LA TECNOLOGIA SANGER SEQUENCING RICERCATORE TEAM LEADER: DOTT.SSA VELCA BOTTI LA TECNOLOGIA SANGER SEQUENCING RICERCATORE TEAM LEADER: DOTT.SSA VELCA BOTTI 1953: scoperta del DNA (Watson e Crick) CENNI STORICI 1977: metodo di Sanger per il sequenziamento del DNA (pubblicazione della

Dettagli

Leonardo Pizzo CONTRIBUTO ALLA CONOSCENZA DEGLI ODONATI DEL VENETO: LE LIBELLULE DEL QUARTIER DEL PIAVE (TREVISO, ITALIA NORD-ORIENTALE) (ODONATA)

Leonardo Pizzo CONTRIBUTO ALLA CONOSCENZA DEGLI ODONATI DEL VENETO: LE LIBELLULE DEL QUARTIER DEL PIAVE (TREVISO, ITALIA NORD-ORIENTALE) (ODONATA) Boll. Mus. civ. St. nat. Venezia, 59 (2008) 2009 31 Leonardo Pizzo CONTRIBUTO ALLA CONOSCENZA DEGLI ODONATI DEL VENETO: LE LIBELLULE DEL QUARTIER DEL PIAVE (TREVISO, ITALIA NORD-ORIENTALE) (ODONATA) Riassunto.

Dettagli

L utilizzo dell approccio integrato è applicato in particolare per l identificazione di:

L utilizzo dell approccio integrato è applicato in particolare per l identificazione di: Lo ZooPlantLab, nasce all inizio del 2007, dall incontro di due ricercatori del Dipartimento di Biotecnologie e Bioscienze dell Università degli Studi di Milano Bicocca, Massimo Labra e Maurizio Casiraghi.

Dettagli

SELEZIONE ASSISTITA PER LA RESISTENZA patogeni in orzo

SELEZIONE ASSISTITA PER LA RESISTENZA patogeni in orzo C.R.A. Consiglio per la Ricerca in Agricoltura Centro di ricerca per la genomica Fiorenzuola d Arda (Piacenza) SELEZIONE ASSISTITA PER LA RESISTENZA patogeni in orzo Tutor: Dott. Gianni TACCONI Studente:

Dettagli

Gli Odonati del Parco Naturale delle Alpi Veglia e Devero e aree limitrofe

Gli Odonati del Parco Naturale delle Alpi Veglia e Devero e aree limitrofe Rivista piemontese di Storia naturale, 34, 2013: 115-126 ISSN 1121-1423 RADAMES BIONDA* - JAN-JOOST MEKKES** LUCIA POMPILIO*** - ANDREA MOSINI*** Gli Odonati del Parco Naturale delle Alpi Veglia e Devero

Dettagli

Spiegazioni delle analisi genetiche concernenti la ricolonizzazione delle Alpi da parte del lupo

Spiegazioni delle analisi genetiche concernenti la ricolonizzazione delle Alpi da parte del lupo Spiegazioni delle analisi genetiche concernenti la ricolonizzazione delle Alpi da parte del lupo Introduzione Il Laboratorio di biologia della conservazione (LBC), fondato nel 1999, è un unità specializzata

Dettagli

Le tecniche molecolari nell epidemiologia infettiva e nella sorveglianza delle Hospital Acquired Infections (HAI)

Le tecniche molecolari nell epidemiologia infettiva e nella sorveglianza delle Hospital Acquired Infections (HAI) Le tecniche molecolari nell epidemiologia infettiva e nella sorveglianza delle Hospital Acquired Infections (HAI) Dott.ssa G. Scalet Sezione Microbiologia-Dipartimento Di Patologia e Diagnostica Università

Dettagli

Polimorfismi LEZIONE 6. By NA 1

Polimorfismi LEZIONE 6. By NA 1 Polimorfismi LEZIONE 6 By NA 1 * Polimorfismo Variazione presente nella popolazione con una frequenza superiore a 1% Variazioni nell aspetto By NA 2 Polimorfismo proteico Variazione presente nella popolazione

Dettagli

I CIRABEBE OVVERO LE LIBELLULE. Provincia di Novara

I CIRABEBE OVVERO LE LIBELLULE. Provincia di Novara I CIRABEBE OVVERO LE LIBELLULE Provincia di Novara INDICE INTRODUZIONE 1 COSA SONO LE LIBELLULE?..2 DISTRIBUZIONE.2 CARATTERI DISTINTIVI..3 EVOLUZIONE...3 MORFOLOGIA DELL ADULTO.5 MORFOLOGIA DELLA LARVA.10

Dettagli

Oggetto: presentazione progetto di ricerca anno 2010

Oggetto: presentazione progetto di ricerca anno 2010 Associazione Un Vero Sorriso Onlus via Morghen, 5 10143 Torino Torino, 01/10/2010 Oggetto: presentazione progetto di ricerca anno 2010 Titolo: Nuovi approcci per l identificazione di mutazioni rare in

Dettagli

Dipartimento Biologia e Biotecnologie. Luigi Boitani. Il monitoraggio della biodiversità nella

Dipartimento Biologia e Biotecnologie. Luigi Boitani. Il monitoraggio della biodiversità nella Dipartimento Biologia e Biotecnologie Luigi Boitani Il monitoraggio della biodiversità nella rete N2000 dell Emilia Romagna Biodiversità in Italia Roma 25 26 Febbraio 2014 Biodiversità in regione Emilia-Romagna

Dettagli

Art. 1 (Istituzione) 2. Il parco è classificato ai sensi dell art. 10, comma 1 della legge regionale 14 luglio 2003, n. 10 come parco marino.

Art. 1 (Istituzione) 2. Il parco è classificato ai sensi dell art. 10, comma 1 della legge regionale 14 luglio 2003, n. 10 come parco marino. Legge regionale 21 aprile 2008, n. 11 Istituzione del Parco Marino Regionale Costa dei Gelsomini. (BUR n. 8 del 16 aprile 2008, supplemento straordinario n. 2 del 29 aprile 2008) Art. 1 (Istituzione) 1.

Dettagli

Tecniche molecolari per lo studio degli acidi nucleici

Tecniche molecolari per lo studio degli acidi nucleici Tecniche molecolari per lo studio degli acidi nucleici Prof.ssa Flavia Frabetti aa. 2010-11 Estrazione acidi nucleici (DNA o RNA) Verifica tramite elettroforesi su gel di agarosio Amplificazione o clonaggio

Dettagli

AMPLIFICAZIONE IN VITRO DEL DNA REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI (PCR)

AMPLIFICAZIONE IN VITRO DEL DNA REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI (PCR) AMPLIFICAZIONE IN VITRO DEL DNA REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI (PCR) PCR: reazione polimerasica a catena Inventata da Kary Mullis negli anni 80 (premio Nobel 1993) Serve per ottenere una grande quantita

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE GENETICA DELLA RAZZA AVICOLA VALDARNESE BIANCA. Recupero e valorizzazione della razza Gallina Nera Atriana

CARATTERIZZAZIONE GENETICA DELLA RAZZA AVICOLA VALDARNESE BIANCA. Recupero e valorizzazione della razza Gallina Nera Atriana CARATTERIZZAZIONE GENETICA DELLA RAZZA AVICOLA VALDARNESE BIANCA RAZZA VALDARNESE BIANCA Razza utilizzata prevalentamente per la produzione di carne Non trascurabile la sua attitudine alla deposizione

Dettagli

Analisi di polimorfismi usati per la caratterizzazione di profili genetici in campioni di. DNA umano. 22-26 giugno 2009

Analisi di polimorfismi usati per la caratterizzazione di profili genetici in campioni di. DNA umano. 22-26 giugno 2009 Analisi di polimorfismi usati per la caratterizzazione di profili genetici in campioni di 22-26 giugno 2009 DNA umano 1 GENETICA FORENSE La genetica forense applica tecniche di biologia molecolare al fine

Dettagli

Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo. alla realtà di ogni giorno

Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo. alla realtà di ogni giorno Editoriale n.10 Newsletter aprile 2013 Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo alla realtà di ogni giorno Identificare la specie, un obiettivo fondamentale quando

Dettagli

VI Convegno. Le Libellule in Italia. Nazionale. Trevi (Perugia) 16-17 marzo 2013

VI Convegno. Le Libellule in Italia. Nazionale. Trevi (Perugia) 16-17 marzo 2013 VI Convegno Nazionale Le Libellule in Italia 16-17 marzo 2013 Trevi (Perugia) 2 Programma 3 Sabato 16 marzo 2013 8.00-9.30 Accoglienza e iscrizione al Convegno 9.30-10.30 Saluti delle autorità Università

Dettagli

TEST GENETICI INDIRETTI. per la diagnosi di patologie genetiche ereditarie

TEST GENETICI INDIRETTI. per la diagnosi di patologie genetiche ereditarie TEST GENETICI INDIRETTI per la diagnosi di patologie genetiche ereditarie Diagnosi molecolare indiretta Quando non è nota la mutazione malattia, la diagnosi molecolare di quella malattia in una data famiglia

Dettagli

PRIMARIA II CICLO E SECONDARIA I GRADO

PRIMARIA II CICLO E SECONDARIA I GRADO PRIMARIA II CICLO E SECONDARIA I GRADO Le attività e i percorsi proposti per la scuola primaria e secondaria di I grado tendono, con metodologie e strumenti differenti per i due livelli, a esercitare e

Dettagli

Immagine di una sequenza ben riuscita. Sequences troubleshooting

Immagine di una sequenza ben riuscita. Sequences troubleshooting Immagine di una sequenza ben riuscita. Sequences troubleshooting Sequenza fallita Reazione fallita: non presenta picchi definiti e ha un alto rumore di fondo. il primer non trova sito di annealing il DNA

Dettagli

Caratterizzazione della comunità microbica

Caratterizzazione della comunità microbica Caratterizzazione della comunità microbica Monitoraggio biologico annuale dell impianto Dipartimento di Biologia Università di Pisa Monitoraggio biologico del reattore Monitoraggio biologico del prototipo

Dettagli

I Lepidotteri diurni del Parco fluviale Gesso e Stura

I Lepidotteri diurni del Parco fluviale Gesso e Stura I Lepidotteri diurni del Parco fluviale Gesso e Stura In Italia sono presenti circa 280 specie di farfalle diurne appartenenti a 79 generi e 9 famiglie o sottofamiglie. Negli ultimi anni si è registrata

Dettagli

SEQUENZIAMENTO DEL DNA

SEQUENZIAMENTO DEL DNA SEQUENZIAMENTO DEL DNA Il metodo di Sanger per determinare la sequenza del DNA Il metodo manuale La reazione enzimatica Elettroforesi in gel denaturante di poliacrilammide Autoradiografia Il metodo automatico

Dettagli

DALL ESTRAZIONE DEL DNA AL FINGERPRINTING

DALL ESTRAZIONE DEL DNA AL FINGERPRINTING DALL ESTRAZIONE DEL DNA AL FINGERPRINTING SCOPO DELL'ATTIVITÀ Ciascuno studente estrae il proprio DNA da cellule della mucosa boccale. Quindi, mediante PCR, vengono amplificati frammenti corrispondenti

Dettagli

LA VALLE DEL TICINELLO

LA VALLE DEL TICINELLO PROGETTO BANDO CARIPLO - CONNESSIONI ECOLOGICHE MILANO CITTA DI CAMPAGNA LA VALLE DEL TICINELLO Presentazione illustrata da: Cesare Salvetat e Gianluca Larroux Settore Verde e Agricoltura - Comune di Milano

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Sandro Pertini Campobasso

Istituto d Istruzione Superiore Sandro Pertini Campobasso Istituto d Istruzione Superiore Sandro Pertini Campobasso Progetto ARACNE La medicina forense Lavoro eseguito da: Di Bartolomeo Alessia Genovese Francesca Mastropaolo Giulia Venturini Giusy Classe IV Sez.

Dettagli

Analisi molecolare dei geni

Analisi molecolare dei geni Analisi molecolare dei geni Denaturazione e rinaturazione di una molecola di DNA Si rompono i legami idrogeno 100 C Denaturazione del DNA Rinaturazione per riassociazione delle sequenze complementari Ogni

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2012

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2012 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 MONTE BIANCO Comuni di: ARVIER, AVISE, COURMAYEUR, LA SALLE, LA THUILE, MORGEX, PRE` SAINT DIDIER, VALGRISENCHE GRAND COMBIN Comuni di: ALLEIN, BIONAZ, DOUES,

Dettagli

La tracciabilità dei prodotti di origine animale. Dott.sa Chiara Dalvit

La tracciabilità dei prodotti di origine animale. Dott.sa Chiara Dalvit La tracciabilità dei prodotti di origine animale Dott.sa Chiara Dalvit La tracciabilità è la capacità di risalire alla storia e all uso o alla collocazione di un prodotto o di un attività attraverso identificazioni

Dettagli

(...) non v'accorgete voi che siam vermi nati a formare l'angelica farfalla, che vola a la giustizia sanza schermi? Dante, Purgatorio, Canto X

(...) non v'accorgete voi che siam vermi nati a formare l'angelica farfalla, che vola a la giustizia sanza schermi? Dante, Purgatorio, Canto X (...) non v'accorgete voi che siam vermi nati a formare l'angelica farfalla, che vola a la giustizia sanza schermi? Dante, Purgatorio, Canto X 2 Questo lavoro, illustra il patrimonio della fauna di due

Dettagli

GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO

GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO Documento redatto da: Dott.ssa T.Venesio, Dr.ssa A. Balsamo - Laboratorio di Patologia

Dettagli

PRESENTAZIONE DEI RISULTATI FINALI DEL PROGETTO. Università degli Studi di Palermo C.I.R.I.T.A.

PRESENTAZIONE DEI RISULTATI FINALI DEL PROGETTO. Università degli Studi di Palermo C.I.R.I.T.A. PROGETTO POR SICILIA 2000/2006 1999.IT.16.1.PO.011/4.17b/8.3.7/0056 Università degli Studi di Palermo C.I.R.I.T.A. PRESENTAZIONE DEI RISULTATI FINALI DEL PROGETTO Studio della struttura genetica e demografica

Dettagli

LA PROVA DEL DNA PER LA RICERCA DELLA VERITÀ

LA PROVA DEL DNA PER LA RICERCA DELLA VERITÀ Collana diretta da Eraldo STEFANI Ugo Ricci Carlo Previdero Paolo Fattorini Fabio Corradi LA PROVA DEL DNA PER LA RICERCA DELLA VERITÀ Aspetti giurìdici, biologici e probabilistici Presentazione a cura

Dettagli

animale e vegetale marina

animale e vegetale marina Il ruolo del MIPAAF nel sistema nazionale e comunitario a tutela della biodiversità animale e vegetale marina Dott. Giuseppe Ambrosio Capo di Gabinetto Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Dettagli

Valle d Aostad. REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA Assessorato Agricoltura e Risorse naturali - Dipartimento Risorse Naturali - Servizio Aree Protette

Valle d Aostad. REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA Assessorato Agricoltura e Risorse naturali - Dipartimento Risorse Naturali - Servizio Aree Protette Valle d Aostad La in natura Aree Protette Il sistema delle Il sistema delle aree protette in Valle d Aosta è composto dal Parco Nazionale del Gran Paradiso, dal Parco Naturale del Mont Avic e da nove riserve

Dettagli

Declinare la biodiversità nel sistema agenziale: l esperienza di ARPA Veneto

Declinare la biodiversità nel sistema agenziale: l esperienza di ARPA Veneto Declinare la biodiversità nel sistema agenziale: l esperienza di ARPA Veneto Roma, 26 novembre 2010 Auditorium ISPRA- Roma Sandro Boato ARPA Veneto La biodiversità nel Veneto LA DIVERSITA DEL PAESAGGIO

Dettagli

pag. Presentazione... IX Ringraziamenti... XXIII Prefazione... XXV Introduzione... 1 Capitolo I IDENTIFICAZIONE GENETICA

pag. Presentazione... IX Ringraziamenti... XXIII Prefazione... XXV Introduzione... 1 Capitolo I IDENTIFICAZIONE GENETICA INDICE pag. Presentazione... IX Ringraziamenti... XXIII Prefazione... XXV Introduzione... 1 Capitolo I IDENTIFICAZIONE GENETICA 1.1. Il concetto d identificazione... 9 1.2. L identificazione nella storia....

Dettagli

ATLANTE DELLA BIODIVERSITÀ INVERTEBRATI

ATLANTE DELLA BIODIVERSITÀ INVERTEBRATI INVERTEBRATI ATLANTE DELLA BIODIVERSITÀ INVERTEBRATI A cura di Raul Dal Santo Parco Locale di Interesse Sovracomunale del Roccolo via Umberto I, 11-20010 CASOREZZO (MI) tel./fax 02.90381002 TESTI E ANALISI

Dettagli

Orga Bio Human S.r.l. DIREZIONE E UFFICI: Via Amsterdam 75, 00144 Roma Tel/fax: 06 99701675

Orga Bio Human S.r.l. DIREZIONE E UFFICI: Via Amsterdam 75, 00144 Roma Tel/fax: 06 99701675 Orga Bio Human S.r.l. DIREZIONE E UFFICI: Via Amsterdam 75, 00144 Roma Tel/fax: 06 99701675 SEDE LEGALE: Via Helsinki 21, 00144 Roma Tel. 06 97998273; Fax 06 52246148 e-mail: orgabiohuman@fastwebnet.it

Dettagli

PCR. PCR o reazione di polimerizzazione a catena. Amplificazione esponenziale di DNA. Puo amplificare un tratto di DNA per piu di 1 milione di volte

PCR. PCR o reazione di polimerizzazione a catena. Amplificazione esponenziale di DNA. Puo amplificare un tratto di DNA per piu di 1 milione di volte PCR Prof.ssa Flavia Frabetti PCR o reazione di polimerizzazione a catena Fine anni 80 Amplificazione esponenziale di DNA. Puo amplificare un tratto di DNA per piu di 1 milione di volte Permette di estrarre

Dettagli

Protocollo Crime Scene Investigation

Protocollo Crime Scene Investigation Protocollo Crime Scene Investigation Precauzioni da adottare in laboratorio: - non mangiare o bere - indossare sempre i guanti quando si maneggiano i tubini, i gel, le micropipette - nel dubbio, chiedere!

Dettagli

di Milazzo Gabriele Mangiagli Graziella Paternò Valentina Lomagno Valeria Mangione Enza Prof. C. Di Pietro

di Milazzo Gabriele Mangiagli Graziella Paternò Valentina Lomagno Valeria Mangione Enza Prof. C. Di Pietro di Milazzo Gabriele Mangiagli Graziella Paternò Valentina Lomagno Valeria Mangione Enza Prof. C. Di Pietro Polymerase Chain Reaction Inventata a metà degli anni 80 da Kary Mullis, è a tutt oggi uno strumento

Dettagli

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica Caratterizzazione molecolare delle Distrofie Muscolari di Duchenne (DMD) e di Becker (BMD): diagnosi di malattia e studi familari L Proda esegue le indagini molecolari per le Distrofie muscolari di Duchenne

Dettagli

La Rete Natura 2000. nelle Marche. Alfredo Fermanelli http://natura.regione.marche.it

La Rete Natura 2000. nelle Marche. Alfredo Fermanelli http://natura.regione.marche.it La Rete Natura 2000 nelle Marche Alfredo Fermanelli http://natura.regione.marche.it Direttiva Habitat (art. 2) Salvaguardia biodiversità mediante la conservazione degli habitat naturali, flora e fauna

Dettagli

Isolamento e purificazione di DNA e RNA. -Separare gli acidi nucleici da altri componenti cellulari (lipidi e proteine)

Isolamento e purificazione di DNA e RNA. -Separare gli acidi nucleici da altri componenti cellulari (lipidi e proteine) Isolamento e purificazione di DNA e RNA -Rompere la membrana cellulare -Separare gli acidi nucleici da altri componenti cellulari (lipidi e proteine) -Separare gli acidi nucleici tra loro -Rompere la membrana

Dettagli

La diagnostica biomolecolare a supporto dei controlli ufficiali per le api regine d importazione

La diagnostica biomolecolare a supporto dei controlli ufficiali per le api regine d importazione La diagnostica biomolecolare a supporto dei controlli ufficiali per le api regine d importazione Raniero Lorenzetti Biotecnologie Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana PREMESSA

Dettagli

METODI GENETICI NELLA IDENTIFICAZIONE DI

METODI GENETICI NELLA IDENTIFICAZIONE DI METODI GENETICI NELLA IDENTIFICAZIONE DI CIANOBATTERI Susanna Vichi, Simonetta Gemma, Emanuela Testai Dip. Ambiente e Connessa Prevenzione Primaria Istituto Superiore di Sanità, Roma Convegno Cianobatteri

Dettagli

Metodiche Molecolari

Metodiche Molecolari Metodiche Molecolari La rivelazione degli acidi nucleici virali è un altro saggio che può essere utilizzato sia per verificare la presenza di un virus in un determinato campione biologico, sia per studiare

Dettagli

Il campionamento non-invasivo come routine nella gestione della fauna selvatica: il caso di Lepus corsicanus

Il campionamento non-invasivo come routine nella gestione della fauna selvatica: il caso di Lepus corsicanus Conservazione di Lepus corsicanus De Winton, 1898 e stato delle conoscenze, de Filippo et al. (a cura di), 2007, IGF publ. Il campionamento non-invasivo come routine nella gestione della fauna selvatica:

Dettagli

SERVIZIO DI SEQUENZIAMENTO AUTOMATICO

SERVIZIO DI SEQUENZIAMENTO AUTOMATICO REPARTO GENOMICA LABORATORIO ANALISI GENOMICHE SERVIZIO DI SEQUENZIAMENTO AUTOMATICO DOCUMENTO ILLUSTRATIVO DEL SERVIZIO DI SEQUENZIAMENTO ACIDI NUCLEICI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA

Dettagli

Dott. M. Stella Grando, Christian Cainelli, Claudia Bisognin Redazione Dott. Wolfgang Jarausch Dott. Claudio Ioriatti. Foto: Mauro Varner

Dott. M. Stella Grando, Christian Cainelli, Claudia Bisognin Redazione Dott. Wolfgang Jarausch Dott. Claudio Ioriatti. Foto: Mauro Varner S MAP Notizie Scopazzi del melo - Apple proliferation Anno 2 Numero 1 Gennaio 2007 Sommario Istituto Agrario di San Michele Centro Sperimentale Via E. Mach 1 38010 San Michele all Adige (TN) Applicazioni

Dettagli

Anna Benedetti CRA- Centro di Ricerca per lo Studio delle Relazioni tra Pianta e Suolo anna.benedetti@entecra.il

Anna Benedetti CRA- Centro di Ricerca per lo Studio delle Relazioni tra Pianta e Suolo anna.benedetti@entecra.il Lo scenario nazionale e le recenti misure indirizzate alla biodiversità del suolo Anna Benedetti CRA- Centro di Ricerca per lo Studio delle Relazioni tra Pianta e Suolo anna.benedetti@entecra.il LA VITA

Dettagli

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette Piano di gestione dei bacini idrografici delle Alpi Orientali Bacino del fiume Lemene Capitolo 3 Bacino del fiume Lemene INDICE 3. CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE PROTETTE... 1 3.1. AREE PER L ESTRAZIONE

Dettagli

Aggiornamento e sintesi delle conoscenze odonatologiche dell Arcipelago Toscano

Aggiornamento e sintesi delle conoscenze odonatologiche dell Arcipelago Toscano Quaderno di Studi e Notizie di Storia Naturale della Romagna Quad. Studi Nat. Romagna, 37: 175-196 (giugno 2013) ISSN 1123-6787 Fabio Terzani, Fabio Cianferoni & Saverio Rocchi Aggiornamento e sintesi

Dettagli

LEZIONE X FUNZIONAMENTO E APPLICAZIONI DELLA PCR. Dott. Paolo Cascio

LEZIONE X FUNZIONAMENTO E APPLICAZIONI DELLA PCR. Dott. Paolo Cascio LEZIONE X FUNZIONAMENTO E APPLICAZIONI DELLA PCR Dott. Paolo Cascio Tecnica della reazione a catena della DNA polimerasi o PCR (Polymerase Chain Reaction) 1) Introdotta da Kary Mullis alla metà degli anni

Dettagli

COMITATO EDITORIALE. ed il più possibile olistico, a quelli dedicati a problemi specifici di gestione o alla conservazione di singole specie.

COMITATO EDITORIALE. ed il più possibile olistico, a quelli dedicati a problemi specifici di gestione o alla conservazione di singole specie. La collana Quaderni di Conservazione della Natura nasce dalla collaborazione instaurata tra il Ministero dell Ambiente, Servizio Conservazione della Natura e l Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica

Dettagli

Viaggio al centro della Biodiversità

Viaggio al centro della Biodiversità Liceo G.M. Colombini - Piacenza - indirizzo scientifico-tecnologico Biodiversità all interno di ogni specie e varietà dovute all azione dell uomo in ambito genetico Viaggio al centro della Biodiversità

Dettagli

DNA BARCODING E BIODIVERSITÀ MOLECOLARE DELLE ACCIUGHE DEL MEDITERRANEO

DNA BARCODING E BIODIVERSITÀ MOLECOLARE DELLE ACCIUGHE DEL MEDITERRANEO DNA BARCODING E BIODIVERSITÀ MOLECOLARE DELLE ACCIUGHE DEL MEDITERRANEO In collaborazione con il Laboratorio di Neurobiologia dello Sviluppo DISTAV Prof.ssa Simona Candiani Prof. Mario Pestarino Dott.ssa

Dettagli

Il primer utilizzato può essere specifico per il gene che si intende amplificare oppure aspecifico (oligo (dt) oppure random esameri).

Il primer utilizzato può essere specifico per il gene che si intende amplificare oppure aspecifico (oligo (dt) oppure random esameri). Retrotrascrizione l mrna viene convertito in cdna per mezzo dell enzima trascrittasi inversa (DNA polimerasi RNAdipendenti ricavate dai virus della mieloblastosi aviaria AMV o della leucemia murina di

Dettagli

Ente Parco Naturale Mont Avic

Ente Parco Naturale Mont Avic Assessorato agricoltura e risorse naturali Aree protette Parco Naturale Mont Avic Il Parco Naturale Mont Avic comprende la medio-alta valle del torrente Chalamy e l alta valle di Champorcher. Più di un

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE RICERCA E COMPETITIVITÀ 2007-2013 AZIONE II - INTERVENTI DI SOSTEGNO ALLA RICERCA INDUSTRIALE

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE RICERCA E COMPETITIVITÀ 2007-2013 AZIONE II - INTERVENTI DI SOSTEGNO ALLA RICERCA INDUSTRIALE Progetto di Ricerca PON 01_02400/2 dal titolo IDEN.Pr.E.P.T- Identificazione del prodotto e della sua provenienza territoriale CUP B38I3000540005 Avviso finalizzato alla formazione di elenchi da utilizzare

Dettagli

Cronache entomologiche

Cronache entomologiche Cronache entomologiche 15 di Virgilio Dionisi Nelle mie passeggiate cerco un contatto diretto con la vita selvaggia. Questa non dimora solo in luoghi lontani, in un promontorio a picco sul mare, in un'isola

Dettagli

PCR. (Reazione a catena della polimerasi) ESTRAZIONE del DNA da gel di AGAROSIO. Corso di INGEGNERIA GENETICA, Prof. Renato Fani,

PCR. (Reazione a catena della polimerasi) ESTRAZIONE del DNA da gel di AGAROSIO. Corso di INGEGNERIA GENETICA, Prof. Renato Fani, PCR (Reazione a catena della polimerasi) & ESTRAZIONE del DNA da gel di AGAROSIO Corso di INGEGNERIA GENETICA, Prof. Renato Fani, ESERCITAZIONE DI LAB. N.2 La PCR (Polymerase Chain Reaction) è una tecnica

Dettagli

PROGETTO DNA chiavi in mano. Le Biotecnologie in classe e in laboratorio 11/03/2015 Prof.ssa Paola Cazzani I.T.E. A. Bassi - Lodi

PROGETTO DNA chiavi in mano. Le Biotecnologie in classe e in laboratorio 11/03/2015 Prof.ssa Paola Cazzani I.T.E. A. Bassi - Lodi PROGETTO DNA chiavi in mano Le Biotecnologie in classe e in laboratorio 11/03/2015 Prof.ssa Paola Cazzani I.T.E. A. Bassi - Lodi PROGETTO DNA chiavi in mano PROGETTO DNA chiavi in mano IFOM PROGETTO DNA

Dettagli

RIPRISTINO E CREAZIONE EX-NOVO DI SITI RIPRODUTTIVI PER LE POPOLAZIONI ANFIBI TORRENTE CHISONE. A cura di Daniele Seglie, Ph.D. WWF Sezione pinerolese

RIPRISTINO E CREAZIONE EX-NOVO DI SITI RIPRODUTTIVI PER LE POPOLAZIONI ANFIBI TORRENTE CHISONE. A cura di Daniele Seglie, Ph.D. WWF Sezione pinerolese Comune di Villar Perosa WWF Sezione pinerolese con il patrocinio di Comunità montana Valli Chisone e Germanasca Istituto comprensivo F. Marro Villar Perosa in collaborazione con Comune di San Germano Chisone

Dettagli

HPV & Cervico-carcinoma

HPV & Cervico-carcinoma Infezione HPV & Cervico-carcinoma Infezione HPV HPV ad alto rischio Età all infezione 80% 20% Fattori mmunologici Transitoria Infezione persistente Infezione da C. trachomatis Displasia basso grado CIN

Dettagli

INNOVHUB STAZIONI SPERIMENTALI PER L INDUSTRIA

INNOVHUB STAZIONI SPERIMENTALI PER L INDUSTRIA INNOVHUB STAZIONI SPERIMENTALI PER L INDUSTRIA Divisione SSOG Attività Laboratorio Oli e Grassi 3 Relatore Liliana Folegatti E-mail: liliana.folegatti@ssog.it Milano, 10 Febbraio 2012 LABORATORIO OLI GRASSI

Dettagli

METODI ALTERNATIVI. PCR digitale per la rilevazione e quantificazione. assoluta del DNA

METODI ALTERNATIVI. PCR digitale per la rilevazione e quantificazione. assoluta del DNA METODI ALTERNATIVI PCR digitale per la rilevazione e quantificazione assoluta del DNA Roma, 25 settembre 2013 Giuseppina Buonincontro IZS PLV- S.S. Controllo Alimenti La prima generazione di PCR consente

Dettagli

Progetto POF LAB 3 a.s. 2014-2015. Concorso CusMiBio Una settimana da ricercatore 2015

Progetto POF LAB 3 a.s. 2014-2015. Concorso CusMiBio Una settimana da ricercatore 2015 Progetto POF LAB 3 a.s. 2014-2015 Concorso CusMiBio Una settimana da ricercatore 2015 Nel precedente a.s. 2013-2014, alcuni studenti dell Istituto hanno partecipato all edizione 2014 del concorso Una settimana

Dettagli

Metodiche di analisi del DNA (cenni) (Ingegneria genetica)

Metodiche di analisi del DNA (cenni) (Ingegneria genetica) DNA Metodiche di analisi del DNA (cenni) (Ingegneria genetica) Principali tecniche di base Enzimi di restrizione (Endonucleasi) Gel elettroforesi Ibridizzazione PCR (Polymerase Chain Reaction) Sequenziamento

Dettagli

La farmacogeneticanella gestione del paziente con tumore colorettale, l esperienza traslazionaleal CRO di Aviano

La farmacogeneticanella gestione del paziente con tumore colorettale, l esperienza traslazionaleal CRO di Aviano SOC di Farmacologia Sperimentale e Clinica VI CONGRESSO NAZIONALE FITeLab Slow Medicine Laboratory: IT s the Future 1-2-3 Ottobre 2015 Ospedale Borgo Roma (Verona) La farmacogeneticanella gestione del

Dettagli

La biodiversità alla luce della rivoluzione genomica Licia Colli

La biodiversità alla luce della rivoluzione genomica Licia Colli La biodiversità alla luce della rivoluzione genomica Licia Colli Istituto di Zootecnica, Centro di ricerca sulla Biodiversità e sul DNA antico BioDNA Facoltà di Scienze Agrarie, Alimentari e Ambientali

Dettagli

Capitolo 10 Il DNA antico ed il DNA forense

Capitolo 10 Il DNA antico ed il DNA forense Capitolo 10 Il DNA antico ed il DNA forense 10.1 Introduzione Negli ultimi decenni l analisi del DNA ha acquistato sempre più importanza nel mondo scientifico divenendo versatile, al centro cioè di attività

Dettagli

IL MIGLIORAMENTO GENETICO ANIMALE E LA GENETICA MOLECOLARE

IL MIGLIORAMENTO GENETICO ANIMALE E LA GENETICA MOLECOLARE IL MIGLIORAMENTO GENETICO ANIMALE E LA GENETICA MOLECOLARE Il miglioramento genetico delle produzioni animali, realizzato sino ad ora, è frutto dell elaborazione elaborazione e applicazioni della teoria

Dettagli

GENETICA E RISORSE ITTICHE

GENETICA E RISORSE ITTICHE GIORNATA SATELLITE SAPIEXPO FOOD SAFETY AND QUALITY: SICUREZZA E QUALITA DEL CIBO GENETICA E RISORSE ITTICHE MILANA V., ROSSI A.R., SOLA L. Sapienza Università di Roma Piano strategico 2007-2012 Ufficio

Dettagli

I MARCATORI GENETICI APPLICAZIONE AL SETTORE FORESTALE

I MARCATORI GENETICI APPLICAZIONE AL SETTORE FORESTALE I MARCATORI GENETICI APPLICAZIONE AL SETTORE FORESTALE Un marcatore genetico è un qualsiasi fattore ereditario (quindi trasmissibile alla progenie) di cui esistano più varianti genotipiche. Essi consentono

Dettagli

Identificazione dei microrganismi mediante tecniche di biologia molecolare Esercitazione n 3. Criteri di identificazione

Identificazione dei microrganismi mediante tecniche di biologia molecolare Esercitazione n 3. Criteri di identificazione Identificazione dei microrganismi mediante tecniche di biologia molecolare Esercitazione n 3 Criteri di identificazione Tradizionale (fenotipo) Tecniche di biologia molecolare Il livello di risoluzione

Dettagli

La biodiversità italiana

La biodiversità italiana Ente Nazionale Protezione Animali Ente morale - Onlus La biodiversità italiana Le ragioni della ricchezza biologica, le cause della sua riduzione A cura dell'ufficio ambiente dell'enpa 25 novembre 2005

Dettagli

Unità tecnica UTAGRI Laboratori INN e GEN

Unità tecnica UTAGRI Laboratori INN e GEN Unità tecnica UTAGRI Laboratori INN e GEN FOODFLAVOUR PL 77.2 Metodologie diagnostiche innovative per la caratterizzazione delle comunità microbiche Responsabile: Annamaria Bevivino Partecipanti: Patrizia

Dettagli

a.a. 2012-2013 31/10/2012 Lezioni 25 e 26 I polimorfismi del DNA

a.a. 2012-2013 31/10/2012 Lezioni 25 e 26 I polimorfismi del DNA CORSO INTEGRATO di Genetica e Biologia Molecolare GENETICA a.a. 2012-2013 31/10/2012 Lezioni 25 e 26 I polimorfismi del DNA Dott.ssa Elisabetta Trabetti POLIMORFISMO La presenza nella popolazione di due

Dettagli

COME VIENE REALIZZATA UNA RICERCA SPERIMENTALE IN BIOLOGIA MOLECOLARE?

COME VIENE REALIZZATA UNA RICERCA SPERIMENTALE IN BIOLOGIA MOLECOLARE? COME VIENE REALIZZATA UNA RICERCA SPERIMENTALE IN BIOLOGIA MOLECOLARE? A Flusso di attività B - INPUT C Descrizione dell attività D RISULTATO E - SISTEMA PROFESSIONALE 0. RICHIESTA DI STUDIARE E/O INDIVIDUARE

Dettagli

LA STRUTTURA OPERATIVA DEL PROGETTO IL PROGETTO DI RICERCA

LA STRUTTURA OPERATIVA DEL PROGETTO IL PROGETTO DI RICERCA IL PROGETTO DI RICERCA Il progetto Applicazione di biotecnologie molecolari e microrganismi protecnologici per la caratterizzazione e valorizzazione delle filiere lattiero-casearia e prodotti da forno

Dettagli

Fisiologia dell emostasi

Fisiologia dell emostasi 1 STRATEGIE DIAGNOSTICHE PER L EMOFILIA A DEL CANE Marco Caldin DVM, PhD, ECVCP Diplomate 2 Fisiologia dell emostasi 1 3 Fisiologia dell emostasi 4 Attivazione emostatica 2 5 Emostasi primaria 6 Emostasi

Dettagli

Preparazione dei campioni da inviare per il sequenziamento

Preparazione dei campioni da inviare per il sequenziamento Preparazione dei campioni da inviare per il sequenziamento PCR preparativa Buffer 10x dntp 2mM Taq polimerasi Oligonucleotidi up e down 100 ng/ul Volume finale 2 ul/campione 2 ul/campione 0,5 U/campione

Dettagli

Un nuovo approccio: la VEQ in biologia molecolare

Un nuovo approccio: la VEQ in biologia molecolare Un nuovo approccio: la VEQ in biologia molecolare Il crescente interesse nella biologia molecolare applicata alla diagnostica è il risultato dei profondi progressi ottenuti nelle conoscenze scientifiche

Dettagli

Analisi della Malattia Minima Residua

Analisi della Malattia Minima Residua XIX CORSO NAZIONALE PER TECNICI DI LABORATORIO BIOMEDICO Riccione, 22-25 Maggio 2012 Analisi della Malattia Minima Residua Dr.ssa Anna Gazzola Laboratorio di Patologia Molecolare, Sezione di Emolinfopatologia,

Dettagli

Marcatori molecolari

Marcatori molecolari Marcatori molecolari Caratteristiche e applicazioni Luca Gianfranceschi e Rosanna Marino 1 I marcatori molecolari Strumento per l analisi genetica Strumento Molecolari Analisi genetica Marcatori non oggetto

Dettagli

BIODIVERSITA VEGETALE PER CARATTERI UTILI. La biodiversità: una risorsa essenziale della natura Bari, 18 febbraio 2011

BIODIVERSITA VEGETALE PER CARATTERI UTILI. La biodiversità: una risorsa essenziale della natura Bari, 18 febbraio 2011 La biodiversità: una risorsa essenziale della natura Bari, 18 febbraio 2011 BIODIVERSITA VEGETALE PER CARATTERI UTILI A. Blanco Dipartimento di Biologia e chimica agro-forestale Università di Bari Biodiversità

Dettagli