GENOMICA E FAUNA ALPINA: UN NUOVO APPROCCIO DI INDAGINE E

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GENOMICA E FAUNA ALPINA: UN NUOVO APPROCCIO DI INDAGINE E"

Transcript

1 GENOMICA E FAUNA ALPINA: UN NUOVO APPROCCIO DI INDAGINE E MONITORAGGIO DELLA BIODIVERSITÀ VALDOSTANA RICERCATORE TEAM LEADER: DOTT.SSA VELCA BOTTI

2 IL PROGETTO Intende fornire nuovi strumenti di biologia molecolare per studiare, monitorare, tutelare e valorizzare la BIODIVERSITA ANIMALE che caratterizza i territori valdostani Ricchezza Benessere degli ecosistemi

3 BIODIVERSITÀ E PANORAMA * Convenzione sulla Diversità Biologica (CBD) LEGISLATIVO * Convenzione sulle Specie Migratrici appartenenti alla fauna selvatica (CMS - Convenzione di Bonn) * Convenzione sul commercio internazionale delle specie di fauna e flora selvatiche minacciate di estinzione (CITES - Convenzione di Washington) * Convenzione per la Conservazione della vita selvatica e dell ambiente naturale in Europa (Convenzione di Berna) * Convenzione sulle zone umide di importanza internazionale (Convenzione di Ramsar) * Protocollo relativo alle Aree Specialmente Protette e la Biodiversità in Mediterraneo (Protocollo ASP) * Convenzione per la protezione del mar Mediterraneo (Convenzione di Barcellona) * Accordo internazionale Santuario Pelagos * Trattato Internazionale sulle Risorse fitogenetiche per l'alimentazione e l'agricoltura

4 OBIETTIVI DEL PROGETTO Studio della biodiversità della classe Insecta e attraverso l utilizzo della tecnica del DNA BARCODING (Odonata, Orthoptera, Lepidoptera) Messa a punto di tecniche di DNA FINGERPRINTING per lo studio dell ecologia di Circaetus gallicus (biancone) Sviluppo di protocolli per l identificazione specifica di vertebrati (per la LOTTA AL BRACCONAGGIO a partire da porzione carnee e per il MONITORAGGIO della fauna selvatica locale a partire da tracce biologiche) DNA BARCODING Allestimento una banca del DNA della fauna valdostana che possa essere sfruttata per progetti di ricerca futuri

5 IL DNA BARCODING PER INSECTA E VERTEBRATI DNA a supporto dell identificazione delle specie analisi gene mitocondriale CITOCROMO C OSSIDASI I (COI o cox1) BARCODE FAUNA 650 pb circa del COI vantaggi: buona variabilità interspecifica, bassa variabilità intraspecifica, assenza di introni, limitata esposizione ad eventi di ricombinazione, disponibilità di siti di annealing per primer robusti e universali (Folmer et al. 1994) estrazione DNA sequenziamento (cycle sequencing) elaborazione e correzione dei dati grezzi di sequenza amplificazione DNA (PCR) elettroforesi capillare

6 IL DNA FINGERPRINTING PER IL BIANCONE per valutare la fedeltà dei SINGOLI INDIVIDUI ai siti riproduttivi valdostani primo utilizzo negli anni 80, diffusasi rapidamente per l identificazione di soggetti sospettati di gravi reati tra cui l omicidio Adulto e piccolo al nido Archivio fotografico PNMA per l identificazione individuale basata su sequenze ripetute di basi che variano da individuo a individuo A. RFLP (Restriction Fragment Length Polymorphism) più comune A. B. ANALISI MICROSATELLITI o STR (Short Tandem Repeat) più recente ricerca di circa 13 loci microsatelliti B.

7 LO STATO ATTUALE DEL PROGETTO

8 LABORATORIO OPERATIVO Un laboratorio operativo costa tempo, denaro e fatica Sistema di qualità OK Reagenti e consumabili OK Strumentazione OK

9 CAMPIONAMENTI E I CAMPIONATORI SELEZIONE LUOGHI DI CAMPIONAMENTO SPECIE DA INDAGARE MODALITÀ DI CAMPIONAMENTO (a secco, buste e contenitori monouso, lontano da fonti di calore) MODALITÀ DI REGISTRAZIONE DEL CAMPIONE SUL CAMPO E IN LABORATORIO MODALITÀ DI CONSERVAZIONE DEL CAMPIONE (-20 C) CAMPIONATORI Dott. Baroni Daniele Dott. Bocca Massimo Dott.ssa Bosio Gianna Dott.ssa Christille Claretta Dott. Marguerettaz Fabio Dott. Salomon CRAS Oasi di Sant Alessio (PV)

10 ANALISI MOLECOLARI: ESTRAZIONE DEL DNA CAMPIONE DI PARTENZA PROCEDURA OPERATIVA STANDARD N POS Insetti Tessuti (pelo, porzioni carnee) Sangue e fluidi corporei ESTRAZIONE DEL DNA DA INSETTI, ARTROPODI, ASCARIDI E VERMI PIATTI ESTRAZIONE DEL DNA DA TESSUTI ANIMALI ESTRAZIONE DEL DNA SANGUE E FLUIDI CORPOREI POS FA 06 POS FA 05 POS FA 09 Depositi fecali ESTRAZIONE DEL DNA DA DEPOSITI FECALI POS FA 07 Penne, piume e gusci d uovo Matrici animali ESTRAZIONE DEL DNA DA PENNE, PIUME E GUSCI D UOVO ESTRAZIONE VELOCE DEL DNA DA CAMPIONI DI ORIGINE ANIMALE POS FA 08 POS FA 02 step critico nel workflow sperimentale del sequenziamento del DNA!

11 ANALISI MOLECOLARI: ITER

12 ANALISI MOLECOLARI: ITER

13 GLI ODONATI BIOINDICATORI gestione ambientale e valutazione dei cambiamenti a breve e lungo termine 129 CAMPIONI ADULTI ESUVIE LARVE 32 SPECIE (43 segnalate) 74% BIODIVERSITA VALDOSTANA per ogni specie: 3 esemplari, luoghi diversi

14 GLI ODONATI ANISOTTERO ZIGOTTERI ESUVIA Archivio fotografico MRSN- Foto Botti Velca

15 GLI ODONATI Luoghi del campionamento AREE TUTELATE E AREE UMIDE DELLA VALLE D AOSTA

16 GLI ODONATI Archivio fotografico MRSN- Foto Marguerettaz Fabio Orthetrum coerulescens

17 GLI ODONATI ESTRAZIONI DEL DNA REAZIONI DI AMPLIFICAZIONI DEL TARGET COI CON SUCCESSO (+ quantificazione dopo gel di agarosio con GelAnalyzer software) REAZIONI DI PURIFICAZIONE DELL AMPLICONE REAZIONI DI CYCLE SEQUENCING E PURIFICAZIONE DEL PRODOTTO DI CYCLE SEQUENCING SEQUENZE OTTENUTE (FORWARD E REVERSE)!!! ELABORAZIONE E ANALISI DELLE SEQUENZE

18 GLI ODONATI!!! ELABORAZIONE E ANALISI DELLE SEQUENZE.ab1.SEQ Sequencing analysis software 6 BioEdit software FASTA BLASTn BOLD Systems

19 GLI ODONATI SPECIE di ODONATA FAMIGLIA LUOGO DEL CAMPIONAMENTO Aeshna cyanea Aeshnidae Pollein, La Thuile (Colle S. Carlo), Lago di Villa Aeshna grandis Aeshnidae Lago di Loz Aeshna mixta Aeshnidae Les Iles, Quart (stagno vicino a casello autostradale) Aeshna juncea Aeshnidae Riserva Naturale del Marais, Meyes, Parco Mont Avic Anax imperator Aeshnidae Lago di Villa, Aosta (giardinetti Champ- Bartelet) Chalcolestes viridis Lestidae Les Iles Coenagrion hastulatum Coenagrionidae Petosan (La Thuile) Coenagrion puella Coenagrionidae Lago di Villa, Lolair, Bionaz Coenagrion pulchellum Coenagrionidae Lago di Lot, Lolair Cordulegaster bidentata Cordulegastridae Pont Saint Martin, Hône Cordulia aenea Corduliidae Lago di Villa Crocothemis erythraea Libellulidae Lago di Villa, Les Iles Enallagma cyathigerum Coenagrionidae Les Iles, Lago di Lolair Erythromma viridulum Libellulidae Les Iles Ischnura elegans Coenagrionidae Lago di Lot, Lago di Villa e Les Iles Ischnura pumilio Coenagrionidae Les Iles, Lago di Lot, Aosta (giardinetti Champ- Bartelet), Quart (stagno vicino a casello autostradale)

20 GLI ODONATI SPECIE di ODONATA FAMIGLIA LUOGO DEL CAMPIONAMENTO Lestes sponsa Lestidae Lago di Loz, Champlong (Verrayes) Lestes virens Lestidae Riserva naturale del Marais Leucorrhinia dubia Libellulidae Riserva Mont Mars (Lac le long), Parco Mont Avic Libellula depressa Libellulidae Lago di Villa Libellula quadrimaculata Libellulidae Lago di Villa, Stagno di Holay Orthetrum albistylum Libellulidae Les Iles Orthetrum cancellatum Libellulidae Les Iles Orthetrum coerulescens Libellulidae Lago di Villa Platycnemis pennipes Platycnemididae Lago di Villa, Les Iles Somatochlora alpestris Cordulidae Riserva Mont Mars (Lac le long), Comba Thuilette Somatochlora arctica Cordulidae Talweg Val Ferret Sympetrum danae Libellulidae Meyes, Talweg Val Ferret, Riserva naturale del Marais, Champlong (Verrayes) Sympetrum depressiusculum Libellulidae Les Iles, Quart (stagno vicino a casello autostradale) Sympetrum flaveolum Libellulidae Lago di Loz, Champlong (Verrayes) Sympetrum sanguineum Libellulidae Lago di Loz, Riserva naturale del Marais, Teppe Sympetrum striolatum Libellulidae Lago di Villa

21 GLI ODONATI IL DNA BARCODING riconosce direttamente su BOLD Systems 21/26 specie, 4 su 26 sono in corso di valutazione ESUVIE NEGATIVE AL SEQUENZIAMENTO: DNA rilasciato dalla libellula durante lo sfarfallamento è insufficiente per essere rilevato al sequenziamento Platycnemis pennipes dà aspecifici all amplificazione del BARCODE: mutazioni nel sito di appaiamento dei primer BARCODE COI (Folmer et al. 1994)

22 IL BIANCONE (CIRCAETUS GALLICUS) VULNERABILE (VU) Lista Rossa IUCN N individui maturi < a 1000 (Brichetti & Fracasso 2003, Petretti 2008) minacciato da uccisioni illegali, declino delle popolazioni di rettili di cui si ciba e dalla sottrazione degli ambienti utili alla caccia 3 sangue intero 1 resti di borra 130 campioni 119 penne 6 Sterco 1 frammento d uovo

23 IL BIANCONE (CIRCAETUS GALLICUS) ANNO N e TIPOLOGIA CAMPIONE SITI DI PROVENIENZA penne, 1 frammento d uovo, 4 sterco, 1 resti di borra Issogne Nord, Jovencan, Morgex, Fénis, Pontey, Chambave, Saint Vincent penne + 2 sterco Issogne, Jovencan, Arvier, Pollein, Saint-Vincent, Donnas penna Issogne penna Issogne penne Issogne penne Issogne

24 IL BIANCONE (CIRCAETUS GALLICUS) PRELIEVO SANGUE INTERO SANGUE INTERO DNA BIANCONE Archivio fotografico MRSN- Foto Botti Velca Analisi Next Generation Sequencing - individuazione nel biancone di loci microsatelliti - sviluppo di un protocollo per l identificazione individuale CRAS Oasi Sant Alessio (PV) Gel di agarosio 1%, marker GeneRuler 1Kb, corsa 1 h, 120V)

25 GLI ORTOTTERI poco studiati dal punto di vista genetico e poco «barcodati» problemi di classificazione: molteplici caratteristiche morfologiche numerose sottodistinzioni es. genere Glyptobothrus ha come unici caratteri diagnostici il lobo e le carene del pronoto (angolose) pertanto una determinazione genetica può risultare fondamentale. 113 CAMPIONI ADULTI 38 SPECIE (73 segnalate) Archivio fotografico MRSN- Foto Baroni Daniele 52% BIODIVERSITA VALDOSTANA

26 GLI ORTOTTERI Archivio fotografico MRSN- Foto Baroni Daniele Archivio fotografico MRSN- Foto Baroni Daniele

27 I LEPIDOTTERI Collezione museale con specie non diagnosticate o dubbie 52 CAMPIONI Archivio fotografico MRSN ADULTI 2 ZAMPE COLLEZIONE MUSEO 2013 Archivio fotografico MRSN

28 I LEPIDOTTERI Esemplari dalla difficoltosa diagnosi morfologica FAMIGLIA GENERE INDICAZIONI PER IL DNA BARCODING Hesperiidae Carcharodus da confermare esemplari diagnosticati come Carcharodus alceaee e altri a cui non è stata attribuita la specie Hesperiidae Pyrgus da confermare esemplari a cui non è stata attribuita la specie Hesperiidae Thymelicus da confermare esemplari a cui non è stata attribuita la specie Lycaenidae Polyommatus da confermare esemplari diagnosticati come Polyommatus bellargus, come Polyommatus daphnis, Polyommatus icarus e altri a cui non è stata attribuita la specie Nymphalidae Coenonympha da confermare esemplari diagnosticati come Coenonympha arcania Nymphalidae Hipparchia da confermare Hipparchia fagi Pieridae Colias da confermare esemplari diagnosticati come Colias alfacariensis e come Colias hyales Pieridae Leptidea da confermare Leptidea sinapsis o reali Pieridae Pieris da confermare esemplari diagnosticati come Pieris (Pontia) edusa, Pieris manni, Pieris rapae, Pyeris alphacariensis, Pyeris bryoniae, Pyeris napi

29 VERTEBRATI DI INTERESSE REGIONALE Durante l autunno 2014 la struttura FLORA, FAUNA, CACCIA E PESCA del DIPARTIMENTO RISORSE NATURALI E CORPO FORESTALE (Assessorato Agricoltura e Risorse Naturali) fornirà porzioni carnee per la validazione del DNA barcoding sulle seguenti specie: Capra ibex Rupicapra rupicapra Cervus elaphus Lepus timidus

30 GRAZIE PER L ATTENZIONE!

CREAZIONE DELLA BANCA DEL GERMOPLASMA DELLA VALLE D AOSTA, CON IL SUPPORTO DELLA

CREAZIONE DELLA BANCA DEL GERMOPLASMA DELLA VALLE D AOSTA, CON IL SUPPORTO DELLA CREAZIONE DELLA BANCA DEL GERMOPLASMA DELLA VALLE D AOSTA, CON IL SUPPORTO DELLA CARATTERIZZAZIONE GENETICA DI SPECIE VEGETALI DI INTERESSE REGIONALE RICERCATORE TEAM LEADER: FABIO GUGLIELMO INTRODUZIONE:

Dettagli

I CIRABEBE OVVERO LE LIBELLULE. Provincia di Novara

I CIRABEBE OVVERO LE LIBELLULE. Provincia di Novara I CIRABEBE OVVERO LE LIBELLULE Provincia di Novara INDICE INTRODUZIONE 1 COSA SONO LE LIBELLULE?..2 DISTRIBUZIONE.2 CARATTERI DISTINTIVI..3 EVOLUZIONE...3 MORFOLOGIA DELL ADULTO.5 MORFOLOGIA DELLA LARVA.10

Dettagli

LA TECNOLOGIA SANGER SEQUENCING RICERCATORE TEAM LEADER: DOTT.SSA VELCA BOTTI

LA TECNOLOGIA SANGER SEQUENCING RICERCATORE TEAM LEADER: DOTT.SSA VELCA BOTTI LA TECNOLOGIA SANGER SEQUENCING RICERCATORE TEAM LEADER: DOTT.SSA VELCA BOTTI 1953: scoperta del DNA (Watson e Crick) CENNI STORICI 1977: metodo di Sanger per il sequenziamento del DNA (pubblicazione della

Dettagli

I Lepidotteri diurni del Parco fluviale Gesso e Stura

I Lepidotteri diurni del Parco fluviale Gesso e Stura I Lepidotteri diurni del Parco fluviale Gesso e Stura In Italia sono presenti circa 280 specie di farfalle diurne appartenenti a 79 generi e 9 famiglie o sottofamiglie. Negli ultimi anni si è registrata

Dettagli

(...) non v'accorgete voi che siam vermi nati a formare l'angelica farfalla, che vola a la giustizia sanza schermi? Dante, Purgatorio, Canto X

(...) non v'accorgete voi che siam vermi nati a formare l'angelica farfalla, che vola a la giustizia sanza schermi? Dante, Purgatorio, Canto X (...) non v'accorgete voi che siam vermi nati a formare l'angelica farfalla, che vola a la giustizia sanza schermi? Dante, Purgatorio, Canto X 2 Questo lavoro, illustra il patrimonio della fauna di due

Dettagli

Oggetto: presentazione progetto di ricerca anno 2010

Oggetto: presentazione progetto di ricerca anno 2010 Associazione Un Vero Sorriso Onlus via Morghen, 5 10143 Torino Torino, 01/10/2010 Oggetto: presentazione progetto di ricerca anno 2010 Titolo: Nuovi approcci per l identificazione di mutazioni rare in

Dettagli

Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo. alla realtà di ogni giorno

Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo. alla realtà di ogni giorno Editoriale n.10 Newsletter aprile 2013 Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo alla realtà di ogni giorno Identificare la specie, un obiettivo fondamentale quando

Dettagli

SEQUENZIAMENTO DEL DNA

SEQUENZIAMENTO DEL DNA SEQUENZIAMENTO DEL DNA Il metodo di Sanger per determinare la sequenza del DNA Il metodo manuale La reazione enzimatica Elettroforesi in gel denaturante di poliacrilammide Autoradiografia Il metodo automatico

Dettagli

DALL ESTRAZIONE DEL DNA AL FINGERPRINTING

DALL ESTRAZIONE DEL DNA AL FINGERPRINTING DALL ESTRAZIONE DEL DNA AL FINGERPRINTING SCOPO DELL'ATTIVITÀ Ciascuno studente estrae il proprio DNA da cellule della mucosa boccale. Quindi, mediante PCR, vengono amplificati frammenti corrispondenti

Dettagli

Immagine di una sequenza ben riuscita. Sequences troubleshooting

Immagine di una sequenza ben riuscita. Sequences troubleshooting Immagine di una sequenza ben riuscita. Sequences troubleshooting Sequenza fallita Reazione fallita: non presenta picchi definiti e ha un alto rumore di fondo. il primer non trova sito di annealing il DNA

Dettagli

Orga Bio Human S.r.l. DIREZIONE E UFFICI: Via Amsterdam 75, 00144 Roma Tel/fax: 06 99701675

Orga Bio Human S.r.l. DIREZIONE E UFFICI: Via Amsterdam 75, 00144 Roma Tel/fax: 06 99701675 Orga Bio Human S.r.l. DIREZIONE E UFFICI: Via Amsterdam 75, 00144 Roma Tel/fax: 06 99701675 SEDE LEGALE: Via Helsinki 21, 00144 Roma Tel. 06 97998273; Fax 06 52246148 e-mail: orgabiohuman@fastwebnet.it

Dettagli

La diagnostica biomolecolare a supporto dei controlli ufficiali per le api regine d importazione

La diagnostica biomolecolare a supporto dei controlli ufficiali per le api regine d importazione La diagnostica biomolecolare a supporto dei controlli ufficiali per le api regine d importazione Raniero Lorenzetti Biotecnologie Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana PREMESSA

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Sandro Pertini Campobasso

Istituto d Istruzione Superiore Sandro Pertini Campobasso Istituto d Istruzione Superiore Sandro Pertini Campobasso Progetto ARACNE La medicina forense Lavoro eseguito da: Di Bartolomeo Alessia Genovese Francesca Mastropaolo Giulia Venturini Giusy Classe IV Sez.

Dettagli

COMITATO EDITORIALE. ed il più possibile olistico, a quelli dedicati a problemi specifici di gestione o alla conservazione di singole specie.

COMITATO EDITORIALE. ed il più possibile olistico, a quelli dedicati a problemi specifici di gestione o alla conservazione di singole specie. La collana Quaderni di Conservazione della Natura nasce dalla collaborazione instaurata tra il Ministero dell Ambiente, Servizio Conservazione della Natura e l Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE RICERCA E COMPETITIVITÀ 2007-2013 AZIONE II - INTERVENTI DI SOSTEGNO ALLA RICERCA INDUSTRIALE

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE RICERCA E COMPETITIVITÀ 2007-2013 AZIONE II - INTERVENTI DI SOSTEGNO ALLA RICERCA INDUSTRIALE Progetto di Ricerca PON 01_02400/2 dal titolo IDEN.Pr.E.P.T- Identificazione del prodotto e della sua provenienza territoriale CUP B38I3000540005 Avviso finalizzato alla formazione di elenchi da utilizzare

Dettagli

Dipartimento Biologia e Biotecnologie. Luigi Boitani. Il monitoraggio della biodiversità nella

Dipartimento Biologia e Biotecnologie. Luigi Boitani. Il monitoraggio della biodiversità nella Dipartimento Biologia e Biotecnologie Luigi Boitani Il monitoraggio della biodiversità nella rete N2000 dell Emilia Romagna Biodiversità in Italia Roma 25 26 Febbraio 2014 Biodiversità in regione Emilia-Romagna

Dettagli

GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO

GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO Documento redatto da: Dott.ssa T.Venesio, Dr.ssa A. Balsamo - Laboratorio di Patologia

Dettagli

Viaggio al centro della Biodiversità

Viaggio al centro della Biodiversità Liceo G.M. Colombini - Piacenza - indirizzo scientifico-tecnologico Biodiversità all interno di ogni specie e varietà dovute all azione dell uomo in ambito genetico Viaggio al centro della Biodiversità

Dettagli

Metodiche Molecolari

Metodiche Molecolari Metodiche Molecolari La rivelazione degli acidi nucleici virali è un altro saggio che può essere utilizzato sia per verificare la presenza di un virus in un determinato campione biologico, sia per studiare

Dettagli

pag. Presentazione... IX Ringraziamenti... XXIII Prefazione... XXV Introduzione... 1 Capitolo I IDENTIFICAZIONE GENETICA

pag. Presentazione... IX Ringraziamenti... XXIII Prefazione... XXV Introduzione... 1 Capitolo I IDENTIFICAZIONE GENETICA INDICE pag. Presentazione... IX Ringraziamenti... XXIII Prefazione... XXV Introduzione... 1 Capitolo I IDENTIFICAZIONE GENETICA 1.1. Il concetto d identificazione... 9 1.2. L identificazione nella storia....

Dettagli

SERVIZIO DI SEQUENZIAMENTO AUTOMATICO

SERVIZIO DI SEQUENZIAMENTO AUTOMATICO REPARTO GENOMICA LABORATORIO ANALISI GENOMICHE SERVIZIO DI SEQUENZIAMENTO AUTOMATICO DOCUMENTO ILLUSTRATIVO DEL SERVIZIO DI SEQUENZIAMENTO ACIDI NUCLEICI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA

Dettagli

Protocollo Crime Scene Investigation

Protocollo Crime Scene Investigation Protocollo Crime Scene Investigation Precauzioni da adottare in laboratorio: - non mangiare o bere - indossare sempre i guanti quando si maneggiano i tubini, i gel, le micropipette - nel dubbio, chiedere!

Dettagli

Analisi di polimorfismi usati per la caratterizzazione di profili genetici in campioni di. DNA umano. 22-26 giugno 2009

Analisi di polimorfismi usati per la caratterizzazione di profili genetici in campioni di. DNA umano. 22-26 giugno 2009 Analisi di polimorfismi usati per la caratterizzazione di profili genetici in campioni di 22-26 giugno 2009 DNA umano 1 GENETICA FORENSE La genetica forense applica tecniche di biologia molecolare al fine

Dettagli

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica Caratterizzazione molecolare delle Distrofie Muscolari di Duchenne (DMD) e di Becker (BMD): diagnosi di malattia e studi familari L Proda esegue le indagini molecolari per le Distrofie muscolari di Duchenne

Dettagli

LEZIONE X FUNZIONAMENTO E APPLICAZIONI DELLA PCR. Dott. Paolo Cascio

LEZIONE X FUNZIONAMENTO E APPLICAZIONI DELLA PCR. Dott. Paolo Cascio LEZIONE X FUNZIONAMENTO E APPLICAZIONI DELLA PCR Dott. Paolo Cascio Tecnica della reazione a catena della DNA polimerasi o PCR (Polymerase Chain Reaction) 1) Introdotta da Kary Mullis alla metà degli anni

Dettagli

METODI GENETICI NELLA IDENTIFICAZIONE DI

METODI GENETICI NELLA IDENTIFICAZIONE DI METODI GENETICI NELLA IDENTIFICAZIONE DI CIANOBATTERI Susanna Vichi, Simonetta Gemma, Emanuela Testai Dip. Ambiente e Connessa Prevenzione Primaria Istituto Superiore di Sanità, Roma Convegno Cianobatteri

Dettagli

Un nuovo approccio: la VEQ in biologia molecolare

Un nuovo approccio: la VEQ in biologia molecolare Un nuovo approccio: la VEQ in biologia molecolare Il crescente interesse nella biologia molecolare applicata alla diagnostica è il risultato dei profondi progressi ottenuti nelle conoscenze scientifiche

Dettagli

Caratterizzazione della comunità microbica

Caratterizzazione della comunità microbica Caratterizzazione della comunità microbica Monitoraggio biologico annuale dell impianto Dipartimento di Biologia Università di Pisa Monitoraggio biologico del reattore Monitoraggio biologico del prototipo

Dettagli

Unità tecnica UTAGRI Laboratori INN e GEN

Unità tecnica UTAGRI Laboratori INN e GEN Unità tecnica UTAGRI Laboratori INN e GEN FOODFLAVOUR PL 77.2 Metodologie diagnostiche innovative per la caratterizzazione delle comunità microbiche Responsabile: Annamaria Bevivino Partecipanti: Patrizia

Dettagli

PRESENTAZIONE DEI RISULTATI FINALI DEL PROGETTO. Università degli Studi di Palermo C.I.R.I.T.A.

PRESENTAZIONE DEI RISULTATI FINALI DEL PROGETTO. Università degli Studi di Palermo C.I.R.I.T.A. PROGETTO POR SICILIA 2000/2006 1999.IT.16.1.PO.011/4.17b/8.3.7/0056 Università degli Studi di Palermo C.I.R.I.T.A. PRESENTAZIONE DEI RISULTATI FINALI DEL PROGETTO Studio della struttura genetica e demografica

Dettagli

di Milazzo Gabriele Mangiagli Graziella Paternò Valentina Lomagno Valeria Mangione Enza Prof. C. Di Pietro

di Milazzo Gabriele Mangiagli Graziella Paternò Valentina Lomagno Valeria Mangione Enza Prof. C. Di Pietro di Milazzo Gabriele Mangiagli Graziella Paternò Valentina Lomagno Valeria Mangione Enza Prof. C. Di Pietro Polymerase Chain Reaction Inventata a metà degli anni 80 da Kary Mullis, è a tutt oggi uno strumento

Dettagli

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo. DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA, DELLA VITA E DELL AMBIENTE (DiSTeVA) TARIFFARIO

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo. DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA, DELLA VITA E DELL AMBIENTE (DiSTeVA) TARIFFARIO Università degli Studi di Urbino Carlo Bo DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA, DELLA VITA E DELL AMBIENTE (DiSTeVA) TARIFFARIO In vigore dal 21 aprile 2011 1 ANALISI QUALITATIVE-QUANTITATIVE SU CAMPIONI

Dettagli

Il primer utilizzato può essere specifico per il gene che si intende amplificare oppure aspecifico (oligo (dt) oppure random esameri).

Il primer utilizzato può essere specifico per il gene che si intende amplificare oppure aspecifico (oligo (dt) oppure random esameri). Retrotrascrizione l mrna viene convertito in cdna per mezzo dell enzima trascrittasi inversa (DNA polimerasi RNAdipendenti ricavate dai virus della mieloblastosi aviaria AMV o della leucemia murina di

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DELLO SCOIATTOLO COMUNE IN ITALIA

LA CONSERVAZIONE DELLO SCOIATTOLO COMUNE IN ITALIA LA CONSERVAZIONE DELLO SCOIATTOLO COMUNE IN ITALIA AZIONI PREVISTE DAL PROGETTO LIFE+ EC-SQUARE LIFE09 NAT/IT/000095 Progetto finanziato dalla Commissione Europea tramite lo strumento finanziario LIFE+

Dettagli

PROGETTO DNA chiavi in mano. Le Biotecnologie in classe e in laboratorio 11/03/2015 Prof.ssa Paola Cazzani I.T.E. A. Bassi - Lodi

PROGETTO DNA chiavi in mano. Le Biotecnologie in classe e in laboratorio 11/03/2015 Prof.ssa Paola Cazzani I.T.E. A. Bassi - Lodi PROGETTO DNA chiavi in mano Le Biotecnologie in classe e in laboratorio 11/03/2015 Prof.ssa Paola Cazzani I.T.E. A. Bassi - Lodi PROGETTO DNA chiavi in mano PROGETTO DNA chiavi in mano IFOM PROGETTO DNA

Dettagli

PROGETTO BIOFORM Corso didattico sperimentale. Esercizio. Tipizzazione del gene PV92

PROGETTO BIOFORM Corso didattico sperimentale. Esercizio. Tipizzazione del gene PV92 PROGETTO BIOFORM Corso didattico sperimentale Esercizio Tipizzazione del gene PV92 Elementi trasponibili Che cosa sono gli elementi trasponibili? Sono segmenti di DNA che sono in grado di trasferirsi in

Dettagli

HPV & Cervico-carcinoma

HPV & Cervico-carcinoma Infezione HPV & Cervico-carcinoma Infezione HPV HPV ad alto rischio Età all infezione 80% 20% Fattori mmunologici Transitoria Infezione persistente Infezione da C. trachomatis Displasia basso grado CIN

Dettagli

PCR - Polymerase Chain Reaction. ideata nel 1983 da Kary B. Mullis il quale ottenne, per questo, il premio Nobel per la chimica (1993).

PCR - Polymerase Chain Reaction. ideata nel 1983 da Kary B. Mullis il quale ottenne, per questo, il premio Nobel per la chimica (1993). End point PCR vs quantitative Real-Time PCR PCR - Polymerase Chain Reaction ideata nel 1983 da Kary B. Mullis il quale ottenne, per questo, il premio Nobel per la chimica (1993). Questa tecnica, utilizzando

Dettagli

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette Piano di gestione dei bacini idrografici delle Alpi Orientali Bacino del fiume Lemene Capitolo 3 Bacino del fiume Lemene INDICE 3. CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE PROTETTE... 1 3.1. AREE PER L ESTRAZIONE

Dettagli

Dal seme alla farina: metodi tradizionali e innovativi per la tracciabilità genetica dei cereali

Dal seme alla farina: metodi tradizionali e innovativi per la tracciabilità genetica dei cereali Dal seme alla farina: metodi tradizionali e innovativi per la tracciabilità genetica dei cereali Chiara Delogu Lorella Andreani SCS- Centro per la sperimentazione e certificazione delle sementi SEME Materiale

Dettagli

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica PRODA Istituto di Diagnostica Clinica Sezione di Citogenetica e Genetica molecolare Responsabile: Dott. Guglielmo Sabbadini Specialista in Genetica Medica Informazioni per la diagnosi molecolare di sordita

Dettagli

Metodiche di analisi del DNA (cenni) (Ingegneria genetica)

Metodiche di analisi del DNA (cenni) (Ingegneria genetica) DNA Metodiche di analisi del DNA (cenni) (Ingegneria genetica) Principali tecniche di base Enzimi di restrizione (Endonucleasi) Gel elettroforesi Ibridizzazione PCR (Polymerase Chain Reaction) Sequenziamento

Dettagli

IL DIRETTORE 9963 /RU

IL DIRETTORE 9963 /RU + Protocollo: 9963 /RU Rif.: Allegati: 2 IL DIRETTORE Visto il Decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; Visto l articolo 6 dello Statuto dell Agenzia delle Dogane; Vista la Convenzione sul commercio

Dettagli

Diagnosi genetiche molecolari

Diagnosi genetiche molecolari Diagnosi genetiche molecolari INDICAZIONI per la diagnosi genetica Ricorrenza nella famiglia di una malattia genetica - identificazione dei portatori - confermare la diagnosi basata sul quadro clinico

Dettagli

e dei genotipi tossici

e dei genotipi tossici Metodi molecolari l per il riconoscimento dei cianobatteri e dei genotipi tossici Susanna Vichi Dip. Ambiente e Connessa Prevenzione Primaria Istituto Superiore di Sanità, Roma Workshop Sorveglianza delle

Dettagli

Valutazione della qualità delle acque del Naviglio Martesana tramite classificazione tradizionale e DNA barcoding (a.s. 2012-2013)

Valutazione della qualità delle acque del Naviglio Martesana tramite classificazione tradizionale e DNA barcoding (a.s. 2012-2013) Valutazione della qualità delle acque del Naviglio Martesana tramite classificazione tradizionale e DNA barcoding (a.s. 2012-2013) Scopo del progetto è quello di valutare la qualità delle acque del Naviglio

Dettagli

Analisi mutazionale di K-RAS metodiche a confronto

Analisi mutazionale di K-RAS metodiche a confronto Analisi mutazionale di K-RAS metodiche a confronto Aula Magna Villa Sironi Gallarate 16 ottobre Dott. Carmelo Lupo Coordinatore Tecnico Anatomia Patologica e Patologia Molecolare Oncologica PERCHÉ K-RAS

Dettagli

Corso di aggiornamento

Corso di aggiornamento I n t r o d u z i o n e a l l e t e c n i c h e d i bi o l o g i a m o l e c o l a r e e l o r o a p p l i c a z i o n i ne l L a b o r a t o r i o C l i n i c o Corso di aggiornamento Milano - Sabato

Dettagli

CONVENZIONE FRA COMUNE DI AOSTA E TUTTI GLI ALTRI COMUNI CON IL SERVIZIO GAS IN CONCESSIONE

CONVENZIONE FRA COMUNE DI AOSTA E TUTTI GLI ALTRI COMUNI CON IL SERVIZIO GAS IN CONCESSIONE Bozza 06/12/2012 CONVENZIONE FRA COMUNE DI AOSTA E TUTTI GLI ALTRI COMUNI CON IL SERVIZIO GAS IN CONCESSIONE per l affidamento al Comune di Aosta delle funzioni di Stazione appaltante per la gara pubblica

Dettagli

Sperimenta il BioLab

Sperimenta il BioLab Progetto Sperimenta il BioLab Centro Università di Milano - Scuola per le Bioscienze e le Biotecnologie http://www.cusmibio.unimi.it/ I laboratori del Cus-Mi-Bio dedicati a "SPERIMENTA IL BIOLAB" si trovano

Dettagli

DNA BARCODING E BIODIVERSITÀ MOLECOLARE DELLE ACCIUGHE DEL MEDITERRANEO

DNA BARCODING E BIODIVERSITÀ MOLECOLARE DELLE ACCIUGHE DEL MEDITERRANEO DNA BARCODING E BIODIVERSITÀ MOLECOLARE DELLE ACCIUGHE DEL MEDITERRANEO In collaborazione con il Laboratorio di Neurobiologia dello sviluppo DISTAV Prof. Mario Pestarino Prof.ssa Simona Candiani Coop Liguria

Dettagli

Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici

Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici 1. L Analisi di restrizione di frammenti o RFLP (Restriction Fragment Lenght Polymorphism) di DNA comporta lo studio delle dimensioni dei frammenti di DNA

Dettagli

Genotipizzazione virale

Genotipizzazione virale Genotipizzazione virale Typing Separazione basata su maggiori differenze genetiche tra i membri di una singola specie virale Subtyping Individuazione di differenze stabili all interno di un gruppo di virus

Dettagli

DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA

DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA CLM Biotecnologie per l Alimentazione CLM in Biotecnologie Sanitarie Corso di Chimica e certificazione degli alimenti DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA VIRUS ENTERICI virus escreti tramite

Dettagli

Aracnofauna della Sardegna

Aracnofauna della Sardegna Consorzio 21 Edificio 2- Polaris Programma Master and Back Loc. Piscina Manna 09010 Pula Programma di Tirocinio: Aracnofauna della Sardegna 1. Soggetto Proponente (Operante in Sardegna) Ragione Sociale:

Dettagli

La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna. Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali

La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna. Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna Bologna 17 giugno 2014 Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali I NUMERI DELLE AREE PROTETTE 14 PARCHI

Dettagli

CURRICULUM VITAE DATI PERSONALI FLORIANA CARLINO

CURRICULUM VITAE DATI PERSONALI FLORIANA CARLINO CURRICULUM VITAE DATI PERSONALI FLORIANA CARLINO via Nicola Passero, 31 71016 San Severo (FG) +39 328 5468293 floriana.carlino88@gmail.com Luogo e Data di nascita S. Giovanni Rotondo (FG) 2 ottobre 1988

Dettagli

Si può ottenere un a grande quantità di copie di DNA a partire da una singola molecola di DNA stampo La reazione è semplice ed automatizzabile E

Si può ottenere un a grande quantità di copie di DNA a partire da una singola molecola di DNA stampo La reazione è semplice ed automatizzabile E Si può ottenere un a grande quantità di copie di DNA a partire da una singola molecola di DNA stampo La reazione è semplice ed automatizzabile E possibile scegliere selettivamente cosa amplificare (specificità)

Dettagli

Amplificazione del DNA tramite reazione a catena della polimerasi (POLYMERASE CHAIN REACTION; PCR) e sue applicazioni in ambito biomedico

Amplificazione del DNA tramite reazione a catena della polimerasi (POLYMERASE CHAIN REACTION; PCR) e sue applicazioni in ambito biomedico Amplificazione del DNA tramite reazione a catena della polimerasi (POLYMERASE CHAIN REACTION; PCR) e sue applicazioni in ambito biomedico Dottoressa Camerin Consuelo Laboratorio Oncoematologia Pediatrica

Dettagli

PROGRAMMA Formazione e aggiornamento degli utilizzatori professionali e dei consulenti fitosanitari

PROGRAMMA Formazione e aggiornamento degli utilizzatori professionali e dei consulenti fitosanitari PROGRAMMA Formazione e aggiornamento degli utilizzatori professionali e dei consulenti fitosanitari Tenuto conto dei contenuti formativi riportati nel PAN, nell Allegato I del decreto legislativo n. 150/2012,

Dettagli

OFFERTA DIDATTICA DEL MUSEO DI ZOOLOGIA Anno scolastico 2013/2014

OFFERTA DIDATTICA DEL MUSEO DI ZOOLOGIA Anno scolastico 2013/2014 OFFERTA DIDATTICA DEL MUSEO DI ZOOLOGIA Anno scolastico 2013/2014 Il Museo di Zoologia dell Università di Padova conserva le collezioni storiche del Dipartimento di Biologia, esponendo i reperti di maggior

Dettagli

Bando di concorso Famiglie insieme

Bando di concorso Famiglie insieme Allegato al Provvedimento dirigenziale n. 2856 del 25 luglio 2014 Bando di concorso Famiglie insieme L Assessorato sanità, salute e politiche sociali della Regione autonoma Valle d Aosta Struttura famiglia

Dettagli

Biologia e genetica di popolazioni in ambito forense, dalla traccia biologica alle ultime metodiche per lo studio dei polimorfismi STR's

Biologia e genetica di popolazioni in ambito forense, dalla traccia biologica alle ultime metodiche per lo studio dei polimorfismi STR's Biologia e genetica di popolazioni in ambito forense, dalla traccia biologica alle ultime metodiche per lo studio dei polimorfismi STR's Dott. Giorgio Portera Dip. di Biotecnologie Mediche e Medicina Traslazionale

Dettagli

Verifiche qualitative dell RNA e cdna in ambito dei trials BCR/ABL e AML translocation programme. Massimo Degan, CRO Aviano (PN)

Verifiche qualitative dell RNA e cdna in ambito dei trials BCR/ABL e AML translocation programme. Massimo Degan, CRO Aviano (PN) e cdna in ambito dei trials BCR/ABL e AML translocation programme Massimo Degan, CRO Aviano (PN) perchè è importante verificare l RNA La verifica della qualità dell RNA nei saggi diagnostico-molecolari

Dettagli

IL DIRETTORE 91519 /RU

IL DIRETTORE 91519 /RU + Protocollo: 91519 /RU Rif.: Allegati: 2 IL DIRETTORE Visto il Decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; Visto l articolo 6 dello Statuto dell Agenzia delle Dogane; Vista la Convenzione sul commercio

Dettagli

Metodi di analisi mutazionale

Metodi di analisi mutazionale Metodi di analisi mutazionale I metodi impiegati per l analisi di mutazioni o polimorfismi nel DNA genomico possono essere suddivise in due principali categorie: (1) metodi per individuare mutazioni note,

Dettagli

Organizzazione del genoma umano II

Organizzazione del genoma umano II Organizzazione del genoma umano II Lezione 7 & Pseudogeni I Pseudogeni non processati : convenzionali ed espressi * Copie non funzionali del DNA genomico di un gene. Contengono esoni, introni e spesso

Dettagli

Carne, latte e formaggi sulla nostra tavola: il laboratorio svela e tutela

Carne, latte e formaggi sulla nostra tavola: il laboratorio svela e tutela Carne, latte e formaggi sulla nostra tavola: il laboratorio svela e tutela Dr.ssa Paola Modesto Dr.ssa Serena Meistro Carne, latte e formaggi sulla nostra tavola: il laboratorio svela e tutela Prodotti

Dettagli

Metodi per il rilevamento degli OGM in matrici alimentari: principi ed i metodi di analisi basati sulla ricerca del DNA e delle proteine

Metodi per il rilevamento degli OGM in matrici alimentari: principi ed i metodi di analisi basati sulla ricerca del DNA e delle proteine Università degli Studi del Piemonte Orientale A. Avogadro CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN LEGISLAZIONE ALIMENTARE Metodi per il rilevamento degli OGM in matrici alimentari: principi ed i metodi di analisi

Dettagli

Progetto POF LAB 3 a.s. 2014-2015. Concorso CusMiBio Una settimana da ricercatore 2015

Progetto POF LAB 3 a.s. 2014-2015. Concorso CusMiBio Una settimana da ricercatore 2015 Progetto POF LAB 3 a.s. 2014-2015 Concorso CusMiBio Una settimana da ricercatore 2015 Nel precedente a.s. 2013-2014, alcuni studenti dell Istituto hanno partecipato all edizione 2014 del concorso Una settimana

Dettagli

COME VIENE REALIZZATA UNA RICERCA SPERIMENTALE IN BIOLOGIA MOLECOLARE?

COME VIENE REALIZZATA UNA RICERCA SPERIMENTALE IN BIOLOGIA MOLECOLARE? COME VIENE REALIZZATA UNA RICERCA SPERIMENTALE IN BIOLOGIA MOLECOLARE? A Flusso di attività B - INPUT C Descrizione dell attività D RISULTATO E - SISTEMA PROFESSIONALE 0. RICHIESTA DI STUDIARE E/O INDIVIDUARE

Dettagli

La genetica forense nelle indagini per bracconaggio: un caso

La genetica forense nelle indagini per bracconaggio: un caso La genetica forense nelle indagini per bracconaggio: un caso Rita Lorenzini (*) (*) Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell'abruzzo e del Molise "G. Caporale", Campo Boario, 64100 Teramo, r.lorenzini@izs.it

Dettagli

DIAGNOSTICA BIOMOLECOLARE

DIAGNOSTICA BIOMOLECOLARE Cod Campo meo PCRMTES Mycobacterium tb complex 10PB025 - Mycobacterium tb complex / Heminested PCR (Ricerca) - MI 10PB025 rev 1/1 2008 PCR 90 POOL, LINFONODO, ANIMALE MORTO, ORGANI SEQNOR Norovirus genotipo

Dettagli

Analisi della Malattia Minima Residua

Analisi della Malattia Minima Residua XIX CORSO NAZIONALE PER TECNICI DI LABORATORIO BIOMEDICO Riccione, 22-25 Maggio 2012 Analisi della Malattia Minima Residua Dr.ssa Anna Gazzola Laboratorio di Patologia Molecolare, Sezione di Emolinfopatologia,

Dettagli

Il monitoraggio di habitat e specie nei siti gestiti dal Corpo Forestale dello Stato

Il monitoraggio di habitat e specie nei siti gestiti dal Corpo Forestale dello Stato Il monitoraggio di habitat e specie nei siti gestiti dal Corpo Forestale dello Stato Dott. Marco Panella Ufficio per la Biodiversità Corpo Forestale dello Stato m.panella@corpoforestale.it * * 2 * * 3

Dettagli

Pellet cellulare. Vortexare per 10-30 sec. Riscaldare il campione in un termoblocco per 10 min a 100 C

Pellet cellulare. Vortexare per 10-30 sec. Riscaldare il campione in un termoblocco per 10 min a 100 C PrepMan Ultra Sample Preparation Reagent Guida Rapida Per informazioni sulla sicurezza far riferimento alla sezione Safety del PrepMan Ultra Sample Preparation Reagent Protocol (PN 4367554). Per tutti

Dettagli

COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita. RISULTATI CENSIMENTI ALLE SPECIE CAMOSCIO E MUFLONE s.v. 2012/2013

COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita. RISULTATI CENSIMENTI ALLE SPECIE CAMOSCIO E MUFLONE s.v. 2012/2013 COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita RISULTATI CENSIMENTI ALLE SPECIE CAMOSCIO E MUFLONE s.v. 2012/2013 - RELAZIONE TECNICA - A cura di Omar Giordano Giorgio Ficetto Tecnici faunistici C.A. CN2 PREMESSA

Dettagli

Centro Interdipartimentale di Ricerca per l Innovazione in Viticoltura ed Enologia

Centro Interdipartimentale di Ricerca per l Innovazione in Viticoltura ed Enologia Il DNA come Elemento Tracciante in Spumantizzazione Centro Interdipartimentale di Ricerca per l Innovazione in Viticoltura ed Enologia Dr. Ileana Vigentini IL VINO SPUMANTE METODO CLASSICO (CHAMPENOISE

Dettagli

Strumenti e Tecniche di studio in patologia

Strumenti e Tecniche di studio in patologia Strumenti e Tecniche di studio in patologia Gli strumenti della patologia: Microscopia Biologia molecolare Indagini biochimiche Microscopia Ottica citopatologia ed istopatologia citochimica ed istochimica

Dettagli

Fibrillina Sindrome di Marfan sindrome di Marfan sindrome di Marfan Sindrome di Marfan Fibrillina 1

Fibrillina Sindrome di Marfan sindrome di Marfan sindrome di Marfan Sindrome di Marfan Fibrillina 1 Genoma La determinazione e la conoscenza dell intera sequenza genomica è la condizione necessaria per comprendere la biologia di un determinato organismo Il genoma contiene le istruzioni (geni) per la

Dettagli

Mutation screening mediante PCR

Mutation screening mediante PCR Mutation screening mediante PCR Denaturing High-Perfomance Liquid Chromatography (DHPLC) E una tecnica di analisi cromatografica ad alta pressione che consente di discriminare tra homoduplex ed heteroduplex

Dettagli

LA DIAGNOSTICA MOLECOLARE E I TUMORI DEL SANGUE

LA DIAGNOSTICA MOLECOLARE E I TUMORI DEL SANGUE LA DIAGNOSTICA MOLECOLARE E I TUMORI DEL SANGUE UNA NUOVA FRONTIERA NELLA DIAGNOSI DI ALCUNI TUMORI La diagnostica molecolare ha l obiettivo di accertare un ampia varietà di patologie (infettive, oncologiche

Dettagli

Elementi di genetica di base e marcatori molecolari. Dott.ssa Marica Soattin

Elementi di genetica di base e marcatori molecolari. Dott.ssa Marica Soattin Elementi di genetica di base e marcatori molecolari Dott.ssa Marica Soattin Organismi animali costituiti da cellule di tipo eucariote Cellule con nucleo differenziato delimitato da membrana e organelli

Dettagli

Posizionamento web cam

Posizionamento web cam giugno 2010 Presidenza della Regione Versione 1 Posizionamento web cam Analisi e proposte di miglioramento delle inquadrature Studio SAEC Charvensod INDICE PREMESSA 3 CONTENUTO DOCUMENTO 3 CARTINA CON

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE PROGETTO LIFE+07 NAT IT000413 Petromyzon And River Continuity (P.A.R.C)

PIANO DI COMUNICAZIONE PROGETTO LIFE+07 NAT IT000413 Petromyzon And River Continuity (P.A.R.C) PIANO DI COMUNICAZIONE PROGETTO LIFE+07 NAT IT000413 Petromyzon And River Continuity (P.A.R.C) 1 1. PREMESSA Attraverso studi ed indagini effettuati nel 2004 nell area del SIC IT1343502 Parco Magra- Vara

Dettagli

D I C H I A R A Z I O N E D INTENTI

D I C H I A R A Z I O N E D INTENTI D I C H I A R A Z I O N E D INTENTI E PROGRAMMA DI AZIONE P E R L A R E A L I Z Z A Z I O N E D I A T T I V I T À F I N A L I Z Z A T E A L L A C O N S E R V A Z I O N E D I O R S O L U P O L I N C E (Ursus

Dettagli

Casa delle Farfalle & Co.

Casa delle Farfalle & Co. Foto Giulia Maioli Casa delle Farfalle & Co. Il fantastico mondo dei piccoli via Jelenia Gora 6/D 48015 Milano Marittima (RA) tel 0544 995671 fax 0544 082810 e-mail: casadellefarfalle@atlantide.net web:

Dettagli

REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI

REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI 18/10/2010 C O M U N E D I P A D O V A REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI Ambiente ASSOCIAZIONI PER AREA ORDINE ALFABETICO Aggiornato il: 18/10/2010 Ambiente Pagina 2 di 6 1589 ALTRAGRICOLTURA NORD EST

Dettagli

Zanzare: un esempio di lotta guidata

Zanzare: un esempio di lotta guidata Zanzare: un esempio di lotta guidata A. Drago Nell estate 1998 il Comune di Legnaro è stato oggetto di un interessante esperienza nell ambito della quale è stato applicato alla disinfestazione pubblica

Dettagli

Controllo e monitoraggio della sicurezza e qualità

Controllo e monitoraggio della sicurezza e qualità Strategie innovative rispondenti ai bisogni delle imprese nel comparto degli ortofrutticoli della IV gamma - STAYFRESH Controllo e monitoraggio della sicurezza e qualità Chiara Gorni, Donatella Allemand,

Dettagli

Atlante della biodiversità. nelle aree protette del Nord Milanese

Atlante della biodiversità. nelle aree protette del Nord Milanese Atlante della biodiversità nelle aree protette del Nord Milanese Atlante della biodiversità nelle aree protette del Nord Milanese Fabio Casale Valentina Bergero Mattia Brambilla Fabio Campana Maria Luisa

Dettagli

29 dicembre 2007, relative ad aspetti organizzativi in merito all attivazione dell unico Piano di Zona regionale. Impegno di spesa ; n.

29 dicembre 2007, relative ad aspetti organizzativi in merito all attivazione dell unico Piano di Zona regionale. Impegno di spesa ; n. LA GIUNTA REGIONALE a) vista la legge 8 novembre 2000, n. 328 (Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali) ed in particolare gli articoli 3 (Principi per la

Dettagli

Progetto FA.RE.NA.IT

Progetto FA.RE.NA.IT Progetto FA.RE.NA.IT W kh R i Workshop Regione Molise M li Stato di attuazione delle misure del S di i d ll i d l PSR e prospettive future in Molise p p f Dott. For. Nicola Pavone Dott For Nicola Pavone

Dettagli

Corso di: GESTIONE FAUNISTICA. Prof. Bernardino Ragni

Corso di: GESTIONE FAUNISTICA. Prof. Bernardino Ragni Corso di: GESTIONE FAUNISTICA Prof. Bernardino Ragni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche Naturali Corso di laurea in Scienze Naturali LAUREA MAGISTRALE Caso di studio:

Dettagli

Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Titolo dello studio: Atti del Convegno-Seravella 2.3.2001 sulla biodiversità coltivata Titolo dello studio: Indagine sui popolamenti ittici dei corsi d acqua nel territorio

Dettagli

Capitolo 1 Introduzione alla PCR

Capitolo 1 Introduzione alla PCR Capitolo 1 Introduzione alla PCR La tecnologia della PCR ha rivoluzionato l attività dei laboratori di ricerca e di diagnostica trovando applicazioni ed impieghi in svariati campi della medicina e della

Dettagli

Indice. Prefazione. CAPITOLO 1 Introduzione 1

Indice. Prefazione. CAPITOLO 1 Introduzione 1 Indice Prefazione Scopo del testo Concetti essenziali Ringraziamenti XI XI XII XIV CAPITOLO 1 Introduzione 1 La sesta estinzione 2 Perché mantenere la biodiversità? 2 Specie in pericolo e specie estinte

Dettagli

Utilizzo di Indici di Qualità Biologica del Suolo mediante l analisi della Pedofauna su gradienti altitudinali e su suoli periglaciali

Utilizzo di Indici di Qualità Biologica del Suolo mediante l analisi della Pedofauna su gradienti altitudinali e su suoli periglaciali Torino, 13 giugno 2011 Museo Regionale di Scienze Naturali Utilizzo di Indici di Qualità Biologica del Suolo mediante l analisi della Pedofauna su gradienti altitudinali e su suoli periglaciali Andrea

Dettagli

INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME COLONSCREEN

INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME COLONSCREEN INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME COLONSCREEN Il test ColonScreen ColonScreen è un test diagnostico, sviluppato da GENOMA Group, che permette di eseguire un analisi genetica multipla per valutare

Dettagli

BIODIVERSITÀ DEI SUOLI ITALIANI: IL CONTRIBUTO DEGLI ACARI ORIBATEI

BIODIVERSITÀ DEI SUOLI ITALIANI: IL CONTRIBUTO DEGLI ACARI ORIBATEI Università degli Studi di Siena Dipartimento di Biologia Evolutiva BIODIVERSITÀ DEI SUOLI ITALIANI: IL CONTRIBUTO DEGLI ACARI ORIBATEI Massimo MIGLIORINI, Fabio BERNINI Gli Acari sono un gruppo di aracnidi

Dettagli