Focus Mercato: MAROCCO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Focus Mercato: MAROCCO"

Transcript

1 Focus Mercato: MAROCCO {

2 { CONGIUNTURA ECONOMICA

3 PIL Nominale (mln ) Variazione del PIL reale (%) 5 2,9 3,3 Popolazione (mln) 32,3 32,6 33 PIL pro-capite a parità di potere d'acquisto ($) Disoccupazione (%) 8,9 9 8,8 Debito pubblico (% PIL) 64,7 70,1 73,4 Inflazione (%) 0,9 1,3 2,2 Variazione del volume delle importazioni di beni e servizi (%) - 2,1 2 Fonte: Elaborazioni Ambasciata d'italia su dati EIU e IMF

4 L economia marocchina si è caratterizzata negli ultimi anni per una crescita costante (+ 4 % nel 2013), bassa inflazione (2,5 % nel 2013), costo del lavoro contenuto (il salario minimo è pari a circa 300 al mese) ed un ampio grado di apertura agli scambi internazionali (accordo di libero scambio con gli USA nel 2005 ed accordi di liberalizzazione nei prodotti industriali ed agricoli con l UE nel 2008, oltre a FTA con Emirati Arabi, Turchia, Tunisia, Egitto, Giordania). La Banca Mondiale prevede per il Marocco una crescita del Prodotto Interno Lordo del 3,6 % nel 2014 (inferiore alle stime del governo, collocate al 4,2 %). Le previsioni per gli anni successivi sono ancora più positive: 4,4 % nel 2015 e 4,7 % nel Tali incoraggianti prospettive di crescita rendono l'economia marocchina come una delle più solide e stabili nell'area MEDA, attraversata da profonde crisi politiche e socio - economiche.

5 Il Marocco è un Paese stabile politicamente, che non ha vissuto la tumultuosa fase della primavera araba. Il re Mohamed VI ha introdotto un ampio programma di riforme, che ha portato nel 2011 ad una nuova Costituzione, seguita dalle elezioni. Il Marocco si colloca al 60 posto nella graduatoria delle economie mondiali, con un PIL di 180 miliardi di dollari nel La popolazione è di quasi 33 milioni di abitanti, di cui circa il 60 % vive nelle grandi città del Paese: Casablanca, la capitale Rabat, Fes, Marrakech, Tangeri. Il PIL marocchino è composto secondo la seguente ripartizione: 15,1 % dal settore primario (agricoltura, pesca ed attività mineraria), 31,7 % dall industria manifatturiera, 53,2 % dai servizi. I settori di punta del Paese sono le produzioni agroalimentari (cereali, ortofrutta, prodotti ittici), l estrazione e lavorazione dei fosfati, l industria della trasformazione alimentare, prodotti in pelle, tessili, edilizia, componentistica meccanica, produzione di energia da fonti rinnovabili, turismo.

6 Nel 2013, le esportazioni hanno contribuito nella misura del 35,4 % del Prodotto Interno Lordo marocchino. I settori principali delle esportazioni marocchine sono: tessuti ed abbigliamento, componentistica meccanica ed elettrica, prodotti chimici inorganici, materie prime minerarie, fertilizzanti (inclusi i fosfati), agrumi, ortofrutta, prodotti ittici. I principali Paesi di destinazione delle merci marocchine sono: Francia (21%), Spagna (17,3%), Brasile (5,4%), India (4,9%), Stati Uniti (4,6%). A causa dell assenza di idrocarburi nel territorio marocchino, il Paese è fortemente dipendente dall importazione di combustibili fossili e ciò determina l elevata incidenza delle importazioni sul PIL nazionale (48,5 % nel 2013). I principali prodotti importati dal Marocco sono: petrolio grezzo, tessuti, apparecchi per telecomunicazioni, grano, gas ed elettricità, componentistica elettronica e materiali plastici. I principali fornitori esteri per il Marocco sono: Spagna (13,1%), Francia (12,1%), Cina (6,9%), Stati Uniti (6,8%), Arabia Saudita (6,2%).

7 L'Unione Europea è il più importante partner commerciale del Marocco e sono già vigenti accordi di liberalizzazione degli scambi nei comparti dei prodotti industriali e dell'agricoltura, che hanno eliminato i dazi doganali in numerosi settori merceologici. Il Marocco esporta verso la UE principalmente abbigliamento, prodotti agricoli, parti meccaniche e componenti per mezzi di trasporto. E in corso di negoziazione tra UE e Marocco l Accordo di Libero Scambio Completo ed Approfondito (ALECA) che permetterà di portare a termine il processo di liberalizzazione già in atto ed innalzare il livello di interscambio UE-Marocco, favorendo anche la competitività dei prodotti marocchini sul mercato europeo. Secondo la Commissione Europea, l ALECA apporterà all UE ulteriori benefici stimati in 1,4 miliardi di euro, con un impatto positivo sui flussi commerciali.

8 Valore complessivo esportazioni italiane: 1367 miliardi - Meccanica strumentale: 21,7% (mld 296,64) - Moda: 13,3% (181,81 mld) - Metallurgia e prodotti in metallo: 10,6% (144,90 mld) - Apparecchi elettrici: 9,6% (131,23 mld) - Prodotti chimici: 8,8 % (120,30 mld) - Gomma plastica e materiali da costruzione: 8,4% (114, 83 mld) - Prodotti energetici raffinati: 7,7% (105,26 mld) - Autoveicoli e mezzi di trasporto: 5,6% (76,55 mld) - Mobili ed altri manufatti: 5,5% (75,18 mld) - Altro: 8,7%

9 - Prodotti dell agricoltura, della silvicoltura e della pesca : grazie al piano Maroc Vert («Marocco Verde»), che prevede investimenti che sostengono la modernizzazione tramite acquisto di macchinari e tecnologie. - Costruzioni: sviluppo di edilizia sia popolare sia destinata alla classe medioalta, e per uso residenziale e turistico. Da segnalare progetto di ampliamento della città di Tamesna a 20 km dalla capitale ed il nuovo progetto della città di Zenata ( abitanti), tra Mohammedia e Casablanca. - Prodotti della metallurgia: fabbisogno di prodotti metallurgici in aumento per imprese di grandi dimensioni e con fatturato rilevante. - Computer, prodotti elettronica e ottica, elettromedicali: uno dei settori di punta insieme all aeronautica. - Prodotti delle altre industrie manifatturiere: tessile, farmaceutica (terza posizione nel mercato africano dopo Africa del sud e Algeria), automobilistica, chimica (10 anni di crescita esponenziale).

10 In base ai dati Istat, l interscambio tra Italia e Marocco era pari a milioni di a fine 2012, mentre nei primi 11 mesi del 2013 si è attestato a milioni, con una crescita del 10,9 % rispetto allo stesso periodo del 2012 (1.797 milioni). Il saldo è tradizionalmente positivo per l Italia (+ 779 milioni a fine 2012, milioni nel periodo gennaio novembre 2013). L Italia è per il Marocco l 8 fornitore (quota del 4,6 %) e il 6 cliente (3,8 %). Le nostre principali esportazioni verso il Marocco sono: prodotti della raffinazione petrolifera, macchinari, prodotti chimici e materie plastiche, apparecchiature elettriche. Le esportazioni marocchine verso l Italia sono: prodotti della pesca, abbigliamento, parti e componenti, autoveicoli (la Renault ha due stabilimenti in Marocco).

11 Valori Gen-nov 2012 Gen-nov 2013 Esportazioni Importazioni Saldo Saldo normalizzato (%) 40,1 39,7 Variazioni sull anno precedente Esportazioni 10,6% Importazioni 11,6% Fonte: dati ISTAT

12 { Fattori di produzione

13 Costo dei fattori produttivi Manodopera (valori medi mensili in ) Categorie da a Operaio 0,78/ora 1,30/ora Impiegato Dirigente Elettricità (in /KW/h) Categorie da a Alta e media tensione 0,12 0,15

14 Costo dei fattori produttivi Prodotti petroliferi (in /l) Combustibile da a Benzina 0,93 1,00 Nafta 0,70 0,90 Combustibile industriale 255,14/t 281,40/t

15 Costo dei fattori produttivi Acqua ad uso industriale (in /m3) Città da a Casablanca 0,72 1,33 Mohammedia 0,62 1,33 Immobili (canone mensile in /m2) Tipologia da a Affitto locali uffici 5 30

16 { LEGISLAZIONE SOCIETARIA

17 Le società sono disciplinate, principalmente, dal Codice delle obbligazioni e contratti del 12 agosto 1913 e dalle leggi specifiche per la Société Anonime (Sa) e la Société a Responsabilité Limitée (Sarl). In base alla normativa societaria esistono 2 tipi di società: le società civili e le società commerciali.

18 Le società commerciali hanno per oggetto attività commerciale o produttiva, ancorché vengano classificate società commerciali solo per la loro forma indipendentemente dall attività svolta. Esse sono: Società di capitali Società di persone

19 Societé Anonime (Sa): equivalente alla società per azioni, con un minimo di 5 soci, capitale sociale minimo di Dh (circa ) per le Sa che non si rivolgono al pubblico per la sottoscrizione del capitale e di 3 milioni di Dh (circa ,2 ) per le altre; Societé a Responsabilità Limitée (Sarl): equivalente alla società a responsabilità limitata italiana, con minimo 1 socio e con capitale sociale minimo di dihrams (circa ) diviso in azioni da 10 dihrams (circa 0.89 ); Societè en Comandite par Actions (Sca): equivalente alla società in accomandita, con minimo 1 socio accomandatario ed 1 accomandante e nessun capitale minimo.

20 Società en Nom Collectif (Snc): equivalente alla società in nome collettivo, con un minimo di 2 soci e nessun capitale minimo; Societé en Comandite Simple (Scs): equivalente alla società in accomandita semplice, con un minimo di 1 solo socio accomandatario ed 1 accomandante, senza alcun capitale minimo; Societè en Participation; Societé anonime (Sa).

21 CONTRATTO DI { AGENZIA E DISTRIBUZIONE

22 La disciplina del contratto di agenzia è contenuta negli artt del Codice del commercio emanato con Dahir n del 1 agosto 1996 di promulgazione della legge n istitutiva, appunto, del Codice commerciale. Il contratto di agenzia commerciale è un mandato con cui un soggetto si obbliga a concludere in modo continuativo degli acquisiti o delle vendite, comprese tutte le altre operazioni accessorie, in nome e per conto di un altro soggetto sia esso produttore, commerciante o altro agente (art. 393); il contratto di agenzia non configura un rapporto di lavoro dipendente (art. 393); l agente può anche rappresentare più preponenti, salvo diversa disposizione delle parti, in ogni caso non può rappresentare dei preponenti concorrenti tra loro (art. 393). Le parti hanno l obbligo di reciproca lealtà e di informazione e il preponente deve mettere l agente in condizione di svolgere il suo mandato (art. 395).

23 La durata del contratto di agenzia può essere a tempo determinato o indeterminato, e, nel caso in cui il contratto a tempo determinato venga eseguito anche successivamente alla sua scadenza esso si trasforma in contratto a tempo indeterminato art. 396); il contratto a tempo indeterminato può cessare quando una delle parti comunica all altra il preavviso di 1 mese durante il primo anno di contratto, di 2 mesi durante il secondo anno, di 3 mesi per gli anni successivi al terzo (art. 396); il preponente può interrompere il contratto senza preavviso nel caso di fatto grave dell agente, in ogni caso il contratto cessa di diritto per le ipotesi di forza maggiore (art. 396). Il contratto di agenzia commerciale e gli eventuali emendamenti sono fatti per iscritto (art. 397).

24 L agente di commercio ha diritto ad un compenso fissato per accordo delle parti ed in base agli usi della professione; nel caso in cui le parti non hanno fissato l importo del compenso, oppure gli usi non prevedano nulla, esso è fissato dal tribunale (art. 398). In caso di rottura del contratto, l agente commerciale ha, diritto ad un indennità di compensazione del pregiudizio subìto per l effetto di questa rottura, egli quindi dovrà notificare al preponente che intende fare valere i suoi diritti all indennità entro il termine di 1 anno dalla data di rottura del contratto; gli aventi causa dell agente commerciale hanno lo stesso diritto (art. 402).

25 Il contratto di distribuzione non è direttamente regolato, occorre prendere a riferimento il contratto di commissione come disciplinato dagli artt. 422 e ss. del Codice commerciale.

26 Ex art. 422 la commissione è il contratto con il quale il commissionario riceve potere per agire in suo nome, ma per conto del committente. Il contratto di commissione è disciplinato dalle disposizioni relative al mandato. Secondo l art. 423, il commissionario acquisisce i diritti che derivano dal contratto e rimane personalmente impegnato verso coloro con i quali ha stipulato il contratto di vendita. I terzi non hanno alcun azione diretta contro il committente. In base all art. 424 la retribuzione del commissionario è dovuta appena il contratto di vendita è stato stipulato con i terzi. Il commissionario deve adempiere a tutte le formalità richiestegli espressamente dal committente e può sostituirsi ad altro commissionario soltanto se tale potere deriva espressamente dal contratto (art. 427). È obbligato a rivelare al suo committente il nome dei terzi con i quali ha contratto (art. 429). Il Marocco non risulta essere firmatario della convenzione di Vienna del 1980 sulla vendita di beni mobili.

27 { SISTEMA FISCALE

28 ALIQUOTA 20% Aliquota standard AMBITO DI APPLICAZIONE 14% Per opere edili, caffè, tè, veicoli utilitari leggeri economici, ciclomotori economici 10% Attività turistiche, alberghiere e di ristorazione alberghiera. 7% Prodotti di largo consumo (acqua, elettricità, prodotti farmaceutici), per le operazioni bancarie, di credito, di cambio 35% Prodotti di lusso Esenzioni Per importazioni o acquisti in loco facenti parte di un programma di investimento

29 ALIQUOTA SCAGLIONI DI REDDITO IN DIRHAM SCAGLIONI DI REDDITO IN EURO 0% ,84 13% , ,41 21% ,5 3209,12 35% , ,54 44% OLTRE I OLTRE I 5348,54

30 CHARTE DE L INVESTISSEMENT (Carta degli Investimenti) E una legge-quadro entrata in vigore il 3 ottobre 1995 in sostituzione delle varie norme sugli investimenti applicabili fino ad allora. Si applica ai progetti di investimento promossi sul territorio marocchino. Le misure previste da questa legge tendono a: Semplificare ed alleggerire le procedure amministrative Incoraggiare le esportazioni Garantire il trasferimento degli utili e dei proventi da investimenti, comprese le plusvalenze Promuovere l impiego Ridurre il costo degli investimenti ed il carico fiscale Proteggere l ambiente

31 CHARTE DE L INVESTISSEMENT (Carta degli Investimenti) Diritti doganali (relativamente ai progetti di investimento) Diritti di importazione ridotti, da un minimo del 2,5% ad un massimo del 10% ad valorem Esonero dal prelievo fiscale all importazione (PFI) TVA (Iva) Sono esonerati dalla TVA (Iva) gli acquisti - sia effettuati sul territorio marocchino che all importazione - di attrezzature, materiali ed utensili.

32 Fondi UE MEDA II per lo sviluppo delle PMI e la formazione professionale Interventi SIMEST, con finanziamenti agevolati e partecipazione azionaria Finanziamenti bancari credito acquirente e credito fornitore assistiti da garanzia SACE Linea di credito UNIDO (Organizzazione delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Industriale) gestita dall Italia, destinata al finanziamento di progetti di PMI marocchine che acquistano tecnologia italiana.

33 { Servizi Studio D Antonio

34 SERVIZI DISPONIBILI INTERNAZIONALIZZAZIONE: ricerca partner commerciali con finalizzazione di incontri B2B nel mercato estero di interesse. INTERNAZIONALIZZAZIONE PRODUTTIVA INDIRETTA: ricerca partner per la produzione nel mercato estero di interesse con affiancamento nelle fasi di trattativa e avviamento dei rapporti di collaborazione (per esempio preparazione contratto produzione c/terzi). INTERNAZIONALIZZAZIONE PRODUTTIVA DIRETTA: verifica delle opportunità di insediamento di unità produttive nel mercato estero di interesse, con individuazione delle migliori soluzioni pratiche (per esempio start up di unità produttiva di proprietà con assistenza ed affiancamento completo, ricerca di partner per lo sviluppo di joint venture contrattuale o societaria, ricerca azienda per acquisizione unità produttiva estera già funzionante). ASSISTENZA TECNICA SU SOCIETÀ DI DIRITTO ESTERO: ottenimento di un servizio efficiente di natura legale ed amministrativa nel mercato estero di interesse, sia per la costituzione di propria società di diritto estero, sia per la risoluzione di problemi su società di diritto estero già esistenti.

35 DOVE OPERIAMO Europa Centro Orientale Europa Occidentale Nord Africa Sud Africa Balcani Turchia Brasile Cina Nord America Medio Oriente India

36 { STUDIO D ANTONIO Viale Monte Ceneri, Milano Tel:

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Antonio

Dettagli

Costa Rica Congiuntura Economica

Costa Rica Congiuntura Economica Costa Rica Congiuntura Economica Il PIL del Costa Rica è cresciuto del 3.8% durante il 2011, dato inferiore alla crescita del 4.2% registrato tra il 2009 ed il 2010. Per quanto riguarda il 2012 si prevede

Dettagli

Scheda Paese Marocco. A cura di. Nadia Harbouli Ufficio Marocco

Scheda Paese Marocco. A cura di. Nadia Harbouli Ufficio Marocco Scheda Paese Marocco A cura di Nadia Harbouli Ufficio Marocco DESK ITALIA - MAROCCO MAROCCO MAROCCO Mercato prioritario per stabilità economica e politica Posizione geografica strategica Indicatori macro-economici

Dettagli

Le forme societarie in Marocco

Le forme societarie in Marocco Le forme societarie in Marocco In Marocco è consentito creare società a capitale 100% straniero. Le forme societarie rispecchiano sostanzialmente quelle francesi e non si discostano quindi molto da quanto

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI Mercoledì 18 marzo 2015, ore 17.00 Camera di Commercio, Sala Arancio, Via Tonale 28/30 - Lecco Materiale a cura di: Direzione Studi e Ricerche,

Dettagli

CUBA Congiuntura Economica

CUBA Congiuntura Economica CUBA Congiuntura Economica Durante il 2011 l economia cubana ha avviato graduali riforme del sistema economico. Il tasso annuale di crescita del prodotto interno lordo dovrebbe attestarsi al 2.7% nel 2011.

Dettagli

I Paesi del bacino del Mediterraneo

I Paesi del bacino del Mediterraneo I Paesi del bacino del Mediterraneo Presenta: Rodolfo Cortellini Istituto nazionale per il Commercio Estero 1 I Paesi del bacino del Mediterraneo Algeria Egitto Israele Giordania Libano Libia Marocco Siria

Dettagli

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY Istituto nazionale per il Commercio Estero Nota Congiunturale URUGUAY Maggio 2011 L'economia uruguaiana, nel 2010, ha registrato una significativa crescita del PIL dell 8,5% rispetto al 2009 e, nel primo

Dettagli

Ambasciata di Turchia Ufficio Commerciale. Fare Affari con la Turchia : Prospettive Economiche, Clima Commerciale, Opportunità di investimento

Ambasciata di Turchia Ufficio Commerciale. Fare Affari con la Turchia : Prospettive Economiche, Clima Commerciale, Opportunità di investimento Ambasciata di Turchia Ufficio Commerciale Fare Affari con la Turchia : Prospettive Economiche, Clima Commerciale, Opportunità di investimento Roma, 29 aprile 2015 1 Sviluppi Economici Investimenti Diretti

Dettagli

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014 FEDERAZIONE NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DEI PRODUTTORI DI BENI STRUMENTALI E LORO ACCESSORI DESTINATI ALLO SVOLGIMENTO DI PROCESSI MANIFATTURIERI DELL INDUSTRIA E DELL ARTIGIANATO IL SETTORE DEI BENI

Dettagli

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale Import/export La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale di Alfonso Ghini (*) Un analisi della situazione di importazione ed esportazione dei paesi più importanti, mette in

Dettagli

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia)

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia) L Italia in Russia I numeri della presenza italiana in Russia Esportazioni (2008): 10, miliardi (3% del totale export Italia) La Russia è il 7 paese cliente dell Italia (dopo Germania, Francia, Spagna,

Dettagli

Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti. Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti

Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti. Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti Opportunita di Business negli Emirati Arabi Uniti Visione

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

QUADRO MACROECONOMICO

QUADRO MACROECONOMICO IMPORTARE IN QATAR Forma istituzionale: Monarchia costituzionale Capo dello Stato: Emiro S.A. Sceicco Tamim bin Hamad Al Thani (dal 2013) Capitale : Doha Superficie : 11.521 km2 Popolazione : 300.000 popolazione

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

Italia - Iran ایران - ایتالیا

Italia - Iran ایران - ایتالیا Italia - Iran ایران - ایتالیا Elaborato dall Ufficio di supporto per la pianificazione strategica, studi e rete estera pianificazione.strategica@ice.it 14 luglio 215 Sanzioni in vigore A partire dal 26

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 23 giugno 2015 Aprile 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA Ad aprile il fatturato dell industria, al netto della stagionalità, registra una diminuzione dello 0,6% rispetto a marzo, con variazioni

Dettagli

Internazionalizzazione delle imprese

Internazionalizzazione delle imprese Internazionalizzazione delle imprese italiane: contesto ed opportunità 3 Marzo 2015 Business Analysis Pio De Gregorio, Responsabile Anna Tugnolo, Senior Analyst Dopo un 2013 difficile, le esportazioni

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 22 luglio 2015 Maggio 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA Allo scopo di fornire informazioni statistiche integrate, a partire dalla diffusione odierna, il comunicato è arricchito di un paragrafo

Dettagli

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 3 TRIMESTRE Camera di Commercio di Modena Via Ganaceto, 134 41100 Modena Tel. 059 208423 http://www.mo.camcom.it Natalità

Dettagli

Capitolo 14. Industria

Capitolo 14. Industria Capitolo 14 Industria 14. Industria Questo capitolo raccoglie informazioni sul settore dell industria in senso stretto, escluse cioè le costruzioni per le quali si rinvia all apposito capitolo. Un primo

Dettagli

LIBANO PARCO VETTURE NEL

LIBANO PARCO VETTURE NEL LIBANO PARCO VETTURE NEL 29 Febbraio 211 Dati aggiornati il 1 febbraio 211: - le nuove auto vendute nel 21 (pag. 5) - l interscambio Libano/Mondo 21 (pag. 5-6) Nel 29, il numero delle auto private circolante

Dettagli

CONGIUNTURA E COMMERCIO ESTERO

CONGIUNTURA E COMMERCIO ESTERO Italian Trade Commission - ICE Trade Promotion Section of the Italian Embassy Beirut Office LIBANO CONGIUNTURA E COMMERCIO ESTERO 2009-2010 GIUGNO 2010 ANDAMENTO CONGIUNTURALE Per il 2009 i dati indicano

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Quaderni Statistici e Informativi ISSN 1974-6822 Quaderno dei Prezzi N 8 - Dicembre 2009 Quaderni Statistici e Informativi La collana Quaderni

Dettagli

Economia, lavoro e società

Economia, lavoro e società Introduzione L export della piccola impresa Daniele Nicolai 1 2 L export realizzato dalle piccole imprese (< 20 addetti) rappresenta il 13,6% del totale delle esportazioni italiane e ammonta ad oltre 38

Dettagli

3.7 Consumi energetici

3.7 Consumi energetici 3.7 Consumi energetici L impiego principale dell energia da parte dei cittadini nel territorio provinciale avviene: 1) per usi domestici e produttivi (agricoltura, industria, terziario) - Energia elettrica

Dettagli

Benevento. Settembre 2013. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Benevento. Settembre 2013. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche Benevento Settembre 213 Principali indicatori Società, lavoro e ricchezza indicatori Indicatori strutturali La provincia nella regione Economia e competitività Indicatori strutturali Valore aggiunto e

Dettagli

FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013

FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013 ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013 A cura dell Ufficio Studi Euler Hermes Italia FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

AGENDA. Informazioni politiche sociali e sviluppo economico; Accordi di libero commercio; Regimi di zone Franche;

AGENDA. Informazioni politiche sociali e sviluppo economico; Accordi di libero commercio; Regimi di zone Franche; AGENDA Informazioni politiche sociali e sviluppo economico; Accordi di libero commercio; Regimi di zone Franche; Costituire una impresa in Costa Rica; Dati di crescita e aspettative per il 2013; Interscambio

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Nome ufficiale Superficie Capitale Lingue Sistema politico Indipendenza Capo dello stato Primo ministro Religioni Popolazione Abitanti Gruppi etnici

Nome ufficiale Superficie Capitale Lingue Sistema politico Indipendenza Capo dello stato Primo ministro Religioni Popolazione Abitanti Gruppi etnici Nome ufficiale: Repubblica araba d'egitto Superficie: 1.001.450 km 2 Capitale: Il Cairo Lingue: arabo (ufficiale); inglese e francese tra le classi educate Sistema politico: repubblica presidenziale Indipendenza:

Dettagli

COMMERCIO CON L ESTERO

COMMERCIO CON L ESTERO 17 novembre 014 Settembre 014 COMMERCIO CON L ESTERO Rispetto al mese precedente, a settembre 014 si rileva un aumento sia delle esportazioni (+1,5%) sia delle importazioni (+1,6%). L aumento congiunturale

Dettagli

GECA GLOBAL CONSULTING suarl 76, Avenue Habib Bourghiba App. A1-1 2080 Ariana - TUNISIA MF: 1260762R/A/M/000

GECA GLOBAL CONSULTING suarl 76, Avenue Habib Bourghiba App. A1-1 2080 Ariana - TUNISIA MF: 1260762R/A/M/000 GECA GLOBAL CONSULTING suarl 76, Avenue Habib Bourghiba App. A1-1 2080 Ariana - TUNISIA MF: 1260762R/A/M/000 Chi siamo La GECA Global Consulting è una società di consulenza internazionale, costituita a

Dettagli

Alla ricerca della crescita perduta:

Alla ricerca della crescita perduta: Alla ricerca della crescita perduta: Alla ricerca opportunità della crescita e ritorni perduta: di un Italia opportunità più internazionale. e ritorni di un Italia più internazionale. roma, 19 novembre

Dettagli

Il mercato tedesco dell odontoiatria. e la congiuntura economica in Germania

Il mercato tedesco dell odontoiatria. e la congiuntura economica in Germania Il mercato tedesco dell odontoiatria e la congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania L economia tedesca verso il ristagno Molti ritengono ormai che l economia tedesca

Dettagli

Agenda. > Focus Paese. > Le zone economiche speciali. > Il ruolo dell Ufficio di Rappresentanza

Agenda. > Focus Paese. > Le zone economiche speciali. > Il ruolo dell Ufficio di Rappresentanza 1 Agenda > Focus Paese > Le zone economiche speciali > Il ruolo dell Ufficio di Rappresentanza 2 Perché investire in India? Crescita economica > 7,4% nell anno fiscale 09-10; 6,7% nel 08-09; previsioni

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 23 dicembre 2015 Ottobre 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA A ottobre il fatturato dell industria, al netto della stagionalità, registra un incremento del 2,0% rispetto a settembre, con variazioni

Dettagli

EMIRATI ARABI UNITI. Vicenza, 2 ottobre 2007. Dove sono:

EMIRATI ARABI UNITI. Vicenza, 2 ottobre 2007. Dove sono: EMIRATI ARABI UNITI Vicenza, 2 ottobre 2007 Dove sono: 1 Chi sono: Forma istituzionale: Confederazione di 7 Emirati costituita il 2 dicembre 1971 Abu Dhabi Dubai Sharjah Ajman Ras al Khaimah Fujairah Umm

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE

COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE 15 COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE Nel 2014, in un contesto mondiale in cui gli scambi di beni sono in crescita contenuta rispetto al 2013 (+0,6 per cento), l Italia registra un

Dettagli

Gruppo SACE - Country Risk Map

Gruppo SACE - Country Risk Map MAROCCO Capitale Rabat Popolazione (milioni) 32,85 41/100 57/100 62/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 180,02 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese Capitolo 24 Risultati economici delle imprese 24. Risultati economici delle imprese Per saperne di più... Eurostat. http://europa. eu.int/comm/eurostat. Imf. World economic outlook. Washington: 2012.

Dettagli

dell Alleanza del Pacifico

dell Alleanza del Pacifico Internazionalizzare nei paesi dell Alleanza del Pacifico Alleanza del Pacifico 10-17 febbraio 10-17 marzo 2015 1 Che cos è l Alleanza del Pacifico È un iniziativa d integrazione regionale composta da Cile,

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA Gennaio-dicembre 2013

NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA Gennaio-dicembre 2013 NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA Gennaio-dicembre 2013 Biroul de la Bucuresti Str. A.D.Xenopol, nr.15, sector 1-010472 Bucuresti T +40 21 2114240 F +40 21 2100613 bucarest@ice.it www.italtrade.com/romania 11

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LA CONGIUNTURA ITALIANA 1 (aggiornata al 3 giugno 2015) IIL PRODOTTO IINTERNO LORDO IIL COMMERCIIO ESTERO DII BENII LA PRODUZIIONE IINDUSTRIIALE L IINFLAZIIONE IIL MERCATO DEL LAVORO 1 Il presente documento

Dettagli

MATCHING Brasile. San Paolo, 24-25 giugno 2013

MATCHING Brasile. San Paolo, 24-25 giugno 2013 MATCHING Brasile San Paolo, 24-25 giugno 2013 LE INFORMAZIONI GENERALI I settori* coinvolti sono : Agricolo, agroalimentare (food & beverage), agroindustriale Edilizia e impiantistica: materiali e prodotti

Dettagli

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 6 febbraio 2007 L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 Ufficio della comunicazione Tel. +39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673.3106 Informazioni

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

Contesto generale. Economia

Contesto generale. Economia BOZZA v.20120401 Contesto generale Unione del Grande Maghreb, cioè Libia, Tunisia, Algeria, Marocco e Mauritania. Le lingue ufficiali dell'unione sono il francese e l'arabo La comunanza di lingua (francese)

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR 2,4 miliardi all'anno

Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR 2,4 miliardi all'anno Bojan Stevanovic, M.B.A. Console Consigliere Commerciale Consolato Generale della Repubblica di Serbia Milano Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR

Dettagli

Il progetto Trend: i risultati tecnici e le prime riflessioni sull'efficacia dell'iniziativa

Il progetto Trend: i risultati tecnici e le prime riflessioni sull'efficacia dell'iniziativa Gestire l'energia per creare nuova competitività: i risultati del progetto Trend nel panorama nazionale degli strumenti per l'efficienza energetica Milano 28 ottobre 2014 Il progetto Trend: i risultati

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

BAHRAIN AGGIORNAMENTO AL 2^ SEMESTRE 2008 1. QUADRO MACROECONOMICO

BAHRAIN AGGIORNAMENTO AL 2^ SEMESTRE 2008 1. QUADRO MACROECONOMICO AGGIORNAMENTO AL 2^ SEMESTRE 2008 BAHRAIN 1. QUADRO MACROECONOMICO Il Regno del Bahrain, in precedenza Emirato, governato da Re Hamad bin Isa al Khalifa salito al trono nel 1999, è diventato monarchia

Dettagli

Emirati Arabi Uniti. Informazioni Generali Superficie 83.600 Km2. Capitale Abu Dhabi (670.125 abitanti)

Emirati Arabi Uniti. Informazioni Generali Superficie 83.600 Km2. Capitale Abu Dhabi (670.125 abitanti) Emirati Arabi Uniti Informazioni Generali Superficie 83.600 Km2 Capitale Abu Dhabi (670.125 abitanti) Altre città principali Dubai (772.104 ab.) Sharjah (382.722 ab.) Ras al Khaimah (110.470 ab.) Ajman

Dettagli

c ntr t o r ll l a l ta t d al l G o G ve v rn r o I t I a t li l ano

c ntr t o r ll l a l ta t d al l G o G ve v rn r o I t I a t li l ano Strumenti agevolati a supporto dello sviluppo industriale italiano in Tunisia Stefano ZOLETTO Studio Progetti d Impresa S.r.l. 1 SIMEST- L.100/90 E la finanziaria di sviluppo e promozione delle imprese

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

L'Italia delle province. Pescara. Dicembre 2012

L'Italia delle province. Pescara. Dicembre 2012 Dicembre 212 Principali indicatori Società, lavoro e ricchezza indicatori Indicatori strutturali La provincia nella regione Stime e previsioni dei principali indicatori socio-economici Economia e competitività

Dettagli

Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%)

Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%) Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%) Pubblicato dall Istituto di Statistica il bollettino di maggio. Crescono su base annua i numeri delle aziende

Dettagli

COMUNICATO STAMPA del 19 settembre 2008

COMUNICATO STAMPA del 19 settembre 2008 La situazione dell'import/export della provincia di Ancona del 1 semestre 2008 fotografata dalla Camera di Commercio di Ancona IN FLESSIONE LE ESPORTAZIONI PROVINCIALI (-13,9%) IN DIFFICOLTA LA MECCANICA,

Dettagli

Ranking dei Paesi: dall 11mo al 40mo posto quelli che vanno monitorati con più attenzione

Ranking dei Paesi: dall 11mo al 40mo posto quelli che vanno monitorati con più attenzione Presentata la seconda edizione al Circolo del Commercio della Confcommercio milanese. Progetto svilluppato in collaborazione con l Università Cattolica di Milano I Paesi dove le imprese italiane possono

Dettagli

STUDIO LEGALE PADOVAN

STUDIO LEGALE PADOVAN Milano Roma New Delhi Istanbul Abu Dhabi Madrid Vigo Lisbona SPAGNA e PORTOGALLO IN EUROPA NONOSTANTE LE DIFFICOLTA Vicenza, 11 novembre 2010 SPAGNA Profilo Paese il quadro macroeconomico Spagna: recente

Dettagli

LA TASSAZIONE DELLE IMPRESE STRANIERE

LA TASSAZIONE DELLE IMPRESE STRANIERE LA TASSAZIONE DELLE IMPRESE STRANIERE Le principali imposte e tasse che gravano sulle imprese straniere sono: La Corporate Income Tax - CIT; La Value Added Tax - VAT, corrispondente all IVA italiana);

Dettagli

ECONOMIA DEL MARE - BLUE ECONOMY

ECONOMIA DEL MARE - BLUE ECONOMY Camera Italiana di Commercio e Industria di Santa Catarina (Organo riconosciuto dal Governo Italiano Decreto Mise29/7/2009) Tel.: +55 48 3027 2710 www.brasileitalia.com.br ECONOMIA DEL MARE - BLUE ECONOMY

Dettagli

Strumenti a sostegno dell internazionalizzazione delle imprese. Andrea Fiori Ufficio Internazionalizzazione Imprese

Strumenti a sostegno dell internazionalizzazione delle imprese. Andrea Fiori Ufficio Internazionalizzazione Imprese Strumenti a sostegno dell internazionalizzazione delle imprese Andrea Fiori Ufficio Internazionalizzazione Imprese Milano, 3 giugno 2014 Interscambio commerciale, settore Manifatturiero Italia 5 partner

Dettagli

Sardegna ANDAMENTO DELL ECONOMIA REGIONALE. Luglio 2008. Osservatorio regionale sul Leasing 2007

Sardegna ANDAMENTO DELL ECONOMIA REGIONALE. Luglio 2008. Osservatorio regionale sul Leasing 2007 Osservatorio regionale sul Leasing 2007 Luglio 2008 Sardegna ANDAMENTO DELL ECONOMIA REGIONALE L economia regionale ha registrato nel 2007 una crescita a ritmo sostenuto, pari al 4.2% valutato a prezzi

Dettagli

Presentazione Ecuador. Forum d Area America Latina. Progetto Integrato di Mercato PIM America Latina

Presentazione Ecuador. Forum d Area America Latina. Progetto Integrato di Mercato PIM America Latina Presentazione Ecuador Simona De Filippis Forum d Area America Latina Progetto Integrato di Mercato PIM America Latina POSIZIONE GEOGRAFICA DATI GENERALI SUPERFICIE: 256.370 kmq LINGUA UFFICIALE: Spagnolo

Dettagli

Italy-Qatar Development Of Trade And Culture Project

Italy-Qatar Development Of Trade And Culture Project Italy-Qatar Development Of Trade And Culture Project ITAQAM Associazione per lo Sviluppo dei Rapporti Economici e Culturali Italia - Qatar www.itaqam.com ITAQAM è un associazione senza fini di lucro che

Dettagli

FEM, Gruppo di lavoro Macchine

FEM, Gruppo di lavoro Macchine FEM, Gruppo di lavoro Macchine Il settore delle macchine industriali, o dei Beni strumentali, si compone di 10 comparti organizzati nella Federazione nazionale delle Associazioni dei produttori di Beni

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

I SETTORI A RISCHIO DI DEFAULT. A cura dell Ufficio Studi Lince Giugno 2009

I SETTORI A RISCHIO DI DEFAULT. A cura dell Ufficio Studi Lince Giugno 2009 I SETTORI A RISCHIO DI DEFAULT A cura dell Ufficio Studi Lince Giugno 2009 1 La crisi internazionale dei mercati ha avuto effetti negativi sui conti delle imprese italiane a partire dall ultimo trimestre

Dettagli

La situazione economica in Provincia di Treviso. e conseguenti proposte di iniziativa del PD cittadino

La situazione economica in Provincia di Treviso. e conseguenti proposte di iniziativa del PD cittadino La situazione economica in Provincia di Treviso (sintesi del Rapporto Annuale 2010 della CCIAA) e conseguenti proposte di iniziativa del PD cittadino 1. STRUTTURA DEMOGRAFICA DELLA POVINCIA: Al 01.01.2010,

Dettagli

TREND Tecnologia ed innovazione per il Risparmio e l efficienza ENergetica Diffusa

TREND Tecnologia ed innovazione per il Risparmio e l efficienza ENergetica Diffusa TREND Tecnologia ed innovazione per il Risparmio e l efficienza ENergetica Diffusa Il progetto Trend: prime analisi sull efficacia dello strumento e sul patrimonio di dati acquisito Stefania Ghidorzi Cestec

Dettagli

Annuario Istat-Ice 2008

Annuario Istat-Ice 2008 Le informazioni statistiche sul Commercio estero e sulle Attività Internazionali delle imprese Luigi Biggeri 1 Struttura della presentazione 1. L Annuario e lo sviluppo delle informazioni statistiche sul

Dettagli

Business Retail Turchia

Business Retail Turchia Business Retail Turchia Overview Macro-Economica Milano, 28 marzo 2014 Turchia: i momenti chiave della storia di una nazione Fin dal 2500 a.c. l Anatolia è territorio diviso fra popolazioni di origini

Dettagli

13. Consumi di energia elettrica

13. Consumi di energia elettrica 13. Consumi di energia elettrica Nel corso del 2005 è proseguita la crescita sostenuta dei consumi di energia elettrica a Roma, a cui si contrappone una certa stabilità nella congiuntura economica provinciale

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Provincia autonoma di Bolzano. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Provincia autonoma di Bolzano. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Provincia autonoma di Bolzano Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 30 settembre 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni

Dettagli

Elaborazione flash. Interscambio Italia e Lombardia con Stati Uniti d America Anno 2014-valori in milioni di euro Saldo commercio estero

Elaborazione flash. Interscambio Italia e Lombardia con Stati Uniti d America Anno 2014-valori in milioni di euro Saldo commercio estero Elaborazione flash Osservatorio MPI Confartigianato Lombardia 26/05/2015 Verso il TTIP. L export lombardo negli Stati Uniti d America Il Made in Lombardia verso gli Usa nei settori di Micro e Piccola Impresa

Dettagli

08.15 RAPPORTO MENSILE

08.15 RAPPORTO MENSILE 08.15 RAPPORTO MENSILE Agosto Crescita economica, Imprese 1 Mercato del lavoro 3 Inflazione 5 Commercio estero 6 Turismo 8 Credito 9 Frutticoltura, Costruzioni 10 Congiuntura internazionale 11 Autori Luciano

Dettagli

LA FILIERA AUTOMOTIVE IN MAROCCO

LA FILIERA AUTOMOTIVE IN MAROCCO Ufficio di Casablanca - Sezione per la Promozione degli Scambi dell Ambasciata d Italia in Marocco LA FILIERA AUTOMOTIVE IN MAROCCO (novembre 2014) In base ai dati diramati dal Governo marocchino, il settore

Dettagli

Vietnam: Un mercato pieno di Opportunità

Vietnam: Un mercato pieno di Opportunità Vietnam: Un mercato pieno di Opportunità Vietnam: la vostra porta d ingresso per l Asean Vietnam: Opportunita Hanoi Da Nang Giovane Dinamico Potenziale Opportunità Forza lavoro Crescita Ho Chi Minh Vietnam:

Dettagli

INTERVENTI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE PROGRAMMA ATTIVITÀ 2012

INTERVENTI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE PROGRAMMA ATTIVITÀ 2012 INTERVENTI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE PROGRAMMA ATTIVITÀ 2012 Area Commercio e Promozione Estero Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Treviso www.tv.camcom.it promozione@tv.camcom.it

Dettagli

Il commercio estero dell Italia con la Cina: bilancia commerciale, specializzazione merceologica e operatori all esportazione Anni 2000-2005

Il commercio estero dell Italia con la Cina: bilancia commerciale, specializzazione merceologica e operatori all esportazione Anni 2000-2005 25 settembre 2006 Il commercio estero dell Italia con la Cina: bilancia commerciale, specializzazione merceologica e all esportazione Anni 2000-2005 Ufficio della comunicazione Tel. +39 06 4673.2243-2244

Dettagli

NORDEST: QUASI IL 25 % DELL EXPORT VA IN GERMANIA E IN FRANCIA Siamo tra i leader mondiali nella vendita di macchinari

NORDEST: QUASI IL 25 % DELL EXPORT VA IN GERMANIA E IN FRANCIA Siamo tra i leader mondiali nella vendita di macchinari NORDEST: QUASI IL 25 DELL EXPORT VA IN GERMANIA E IN FRANCIA Siamo tra i leader mondiali nella vendita di macchinari ==================== Quasi il 25 per cento delle merci prodotte nel Nordest prende la

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI*****************************

INFORMAZIONI GENERALI***************************** Camera di Commercio di Genova Ufficio E-commerce e Commercio Estero Sportello per l Internazionalizzazione In collaborazione con Camera Tuniso Italiana di Commercio e Industria INFORMAZIONI GENERALI*****************************

Dettagli

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Roma, 13 ottobre 2015 Focus internazionalizzazione Nei primi mesi del 2015 si rafforzano i primi segnali positivi per l economia italiana,

Dettagli

Le imprese a controllo nazionale residenti all estero Anno 2007

Le imprese a controllo nazionale residenti all estero Anno 2007 31 maggio 2010 Le imprese a controllo nazionale residenti all estero Anno 2007 L Istat rende disponibili per la prima volta i principali risultati dell indagine sulla struttura e le attività delle affiliate

Dettagli

DECRETO COMPETITIVITA Credito d imposta al 15% sugli investimenti in beni strumentali nuovi

DECRETO COMPETITIVITA Credito d imposta al 15% sugli investimenti in beni strumentali nuovi DECRETO COMPETITIVITA Credito d imposta al 15% sugli investimenti in beni strumentali nuovi IN BREVE Il Decreto Competitività ha introdotto un credito d imposta del 15% sugli investimenti in beni strumentali

Dettagli

Gli investimenti per la protezione dell ambiente delle imprese industriali Anno 2008

Gli investimenti per la protezione dell ambiente delle imprese industriali Anno 2008 5 gennaio 2011 Gli investimenti per la protezione dell ambiente delle imprese industriali Anno 2008 Direzione centrale comunicazione ed editoria Tel. +39 06.4673.2243-2244 Centro di informazione statistica

Dettagli

PROVINCIA DI PISTOIA. CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA PER SETTORE MERCEOLOGICO. SERIE STORICA 1998-2008. Valori assoluti (milioni di KWh).

PROVINCIA DI PISTOIA. CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA PER SETTORE MERCEOLOGICO. SERIE STORICA 1998-2008. Valori assoluti (milioni di KWh). PROVINCIA DI PISTOIA. CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA PER SETTORE MERCEOLOGICO. SERIE STORICA 1998-2008. Valori assoluti (milioni di KWh). AGRICOLTURA 16,3 17,4 17,0 17,5 18,2 20,2 20,8 22,9 23,2 22,8 23,4

Dettagli

Reggio Emilia. Settembre 2013. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Reggio Emilia. Settembre 2013. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche Reggio Emilia Settembre 213 Principali indicatori Società, lavoro e ricchezza indicatori Indicatori strutturali La provincia nella regione Economia e competitività Indicatori strutturali Valore aggiunto

Dettagli

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Indagine Confindustria sul mercato del lavoro nel 2012 Francesca Mazzolari In Italia segnali di fine caduta e ripresa

Dettagli

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Quadro di riferimento Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Tendenze primo semestre 2012 L economia svizzera è una delle più ricche e solide dell Occidente, fortemente orientata ai servizi ed

Dettagli

Le imprese del farmaco motore della rete dell hi-tech in Italia

Le imprese del farmaco motore della rete dell hi-tech in Italia Le imprese del farmaco motore della rete dell hi-tech in Italia La farmaceutica è un patrimonio manifatturiero che il Paese non può perdere La farmaceutica e il suo indotto 174 fabbriche 62.300 addetti

Dettagli

NOTE DI APPROFONDIMENTO

NOTE DI APPROFONDIMENTO Fondazione Manlio Masi Osservatorio nazionale per l internazionalizzazione e gli scambi NOTE DI APPROFONDIMENTO Nota 3 Il posizionamento dei prodotti italiani nei paesi nordeuropei A cura di Roberta Mosca

Dettagli