Cat. 10 CI. 9. Protocollo n VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cat. 10 CI. 9. Protocollo n. 26497 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE"

Transcript

1 Cat. 10 CI. 9 Fase. 6 Protocollo n Pratican COMUNE di SAVONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DATA: 27 MAGGIO 2008 NUMERO: 125 OGGETTO: Settore Pianificazione Territoriale ed Ambientale - Servizio Edilizia Privata. Schema di convenzione urbanistica, da stipularsi ai sensi dell'articolo 49 della Legge Regionale 36/97 e successive modificazioni ed integrazioni e della Struttura del Piano - Ambiti del territorio extraurbano - Norme di conformità (fascicolo ST3) del Progetto Preliminare del Piano Urbanistico Comunale adottato, in vista dell'approvazione del progetto edilizio per la costruzione di una casa unifamiliare con annesso deposito agricolo in Via Marmorassi. Richiedente Sig.ra Laura Lanza. L'anno duemilaotto, il giorno ventisette del mese di maggio, alle ore 9,25, si è riunita la Giunta Comunale composta dai Signori: BERRUTI CAVIGLIA AGLIETTO BACCIU COSTANTINO di TULLIO LIROSI MARTINO MOLTENI TUVE' Federico Paolo Franco Lucia Jorg Livio Francesco Luca Ferdinando Rosario Smdaco Vicesindaco Assessore Assessore Assessore Assessore Assessore Assessore Assessore Assessore Risultano assenti, per la presente deliberazione = Presiede la seduta il Sindaco, BERRUTI Federico. Partecipa il Segretario Generale, PINZUTI Michele.

2 - 2 - OGGETTO: Schema di convenzione urbanistica, da stipularsi ai sensi deu'art.49 della Legge Regionale 36/97 e s.m.i. e della Struttura del Piano - Ambiti del territorio extraurbano - Norme di conformità (fascicolo ST3) del Progetto Preliminare del Piano Urbanistico Comunale adottato, in vista dell'approvazione del progetto edilizio per la costruzione di una casa unifamiliare con annesso deposito agricolo in Via Marmorassi. Richiedente Sig.ra Laura LANZA. L'ASSESSORE ALL'URBANISTICA Premesso: che il Comune di Savona è dotato di Piano Regolatore Intercomunale (PRIS) approvato con decreto del Presidente della Giunta Regionale n del 5 settembre 1977; che con decreto dello stesso Presidente n. 503 del 2 giugno 1995 veniva approvata la Variante generale intermedia 1990 al PRIS; che successivamente all'intervenuta approvazione della suddetta Variante il Consiglio Regionale con deliberazione n.54 in data 1 agosto 1995 accoglieva, ai sensi dell'art. 12 della legge 1150/1942 come successivamente modificata ed integrata, l'istanza volta a dichiarare estinto il rapporto associativo avanzata dalle amministrazioni ad esso aderenti che con decreto n.77 del 5 febbraio 1996 del Presidente della Giunta Regionale veniva rettificato il precedente decreto n.503/1995 di approvazione della Variante generale intermedia allo Strumento Urbanistico Generale relativamente ad alcuni articoli delle Norme di Attuazione e a taluni punti delle Tabelle di zona; che con deliberazione del Consiglio Comunale n.15 del 22 marzo 2005 il Comune di Savona ha adottato il progetto preliminare del Piano Urbanistico Comunale (PUC) che con nota recepita agli atti di questo Comune al prot. n del 27/03/2007 e successive integrazioni la Sig.ra. Laura LANZA, in qualità di proprietaria dei terreni siti in località Marmorassi identificati a catasto al foglio 44 mappali 294,559,560 eli, presentava istanza di rilascio di permesso di costruire, con allegato relativo progetto a firma degli Architetti Simone Alloisio e Simone Bruzzone iscritti all'ordine degli architetti della Provincia di Savona ai n.561 e 473, per la costruzione di casa unifamiliare con annesso deposito agricolo in Località Marmorassi; che detti immobili ricadono in zona AG agricola tradizionale dello Strumento Urbanistico Generale vigente ed in ambito R22 sub ambito E del PUC adottato, attualmente in regime di salvaguardia; che le Norme di Conformità - contenute nel fascicolo ST.3 tabella n. 5.2 della Struttura del Piano del PUC, relative al sub ambito E, ove ricade l'intervento, prescrivono per le nuove costruzioni, all'artal) comma 1 la redazione di un allegato tecnico; ed al comma 2) del medesimo articolo la stipula di una convenzione tra il titolare ed il Comune; Considerato: che è stato prodotto l'allegato tecnico a firma degli Architetti Simone Alloisio e Simone Bruzzone; che è stato prodotto schema di convenzione urbanistica volta a disciplinare i rapporti tra il titolare ed il Comune relativamente agli aspetti connessi all'intervento previsti dalla normativa sopra richiamata; ISTHUTOÓRE SEGREfARfl GENERALE Schema di convenirti» urbanistica-progetto edilizio per la costruzione di una casa unifamiliare con annaso deposito agricolo in Via Marmonssi. Richiedente LANZA.

3 - 3 - Visti: lo schema di convenzione urbanistica allegato al presente provvedimento; l'allegato tecnico a firma firma degli Architetti Simone Alloisio e Simone Bruzzone; il parere favorevole espresso dalla Commissione Edilizia in data 18/10/2007; Dato atto: che non sono state individuate, in prossimità dell'area di intervento, opere di urbanizzazione la cui realizzazione, per localizzazione e funzione, possa essere posta a carico del soggetto attuatore a scomputo degli oneri di costruzione e che pertanto la convenzione è finalizzata soltanto agli adempimenti previsti dalla normativa specificata in premessa per gli interventi da realizzare nei sub ambiti E. Attesa la competenza della Giunta comunale a deliberare in relazione al combinato disposto degli artt. 42 e 48 del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267; Formula la seguente proposta di deliberazione: 1. di approvare lo schema di convenzione urbanistica allegato al presente provvedimento; 2. di autorizzare, se del caso, in sede di perfezionamento fonnale della convenzione urbanistica, le correzioni meramente notarili e/o le rettifiche e/o le aggiunte che potrebbero rendersi necessarie in sede di riscontro tecnico e materiale da parte dell'ufficiale Rogante. GENERALE Schemi di convennone urtsniitiei-pregetto ediliwo p«* coaiuànre di ira cast unifimilure con «raifcio demolito igiicob in Va Mumonui. Richredeise LANZA.

4 Parere di regolarità tecnica II sottoscritto, Responsabile del Servizio Edilizia Privata, ai sensi dell'art. 49 del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267, esprime parere favorevole in merito alla regolarità tecnica del presente atto. Data I IL RESPONSABILE DEI) SER^flZIO EDILIZIA PRIVATA Geom. Ivo Maffìoli Parere di regolarità contabile II sottoscritto, Direttore del Settore Finanziario, ai sensi dell'art. 49 del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267, esprime parere.f.$?p(?.9*$v!?.l&... in merito alla regolarità contabile del presente atto. Data.. _?/_/. rr^tra. IL DIRETTORE DEL SETTORE FINANZIARIO Dott.sseUlaria Gaggero Osservazioni sulla conformità alle leggi, allo statuto e ai regolamenti II sottoscritto, Segretario Generale, ai sensi dell'art. 39 del vigente Statuto comunale, formula le seguenti osservazioni in merito alla conformità del presente atto alle leggi, allo statuto ed ai regolamenti: z^^-zz:::. ^~~*rr- Data <:J.7..??...'...?.X.?? J IL SEGRETAllIO GENERALE Dott. Miiheie Pinzuti /i INENTE RE E NTE Sch«m, di «NM-i» «tanuto-progctto edilizio per I. «mah* di u» e«. unitoli con «ne». d«po,ito.gricolo in Vb M«n»o,L RichWem. LANZA.

5 -5- LA GIUNTA COMUNALE Vista la proposta di deliberazione, relativa all'oggetto, formulata dall'assessore all'urbanistica; Visti i pareri in ordine alla regolarità tecnica e contabile, espressi ai sensi dell'art 49 del D.Lgs. n. 267/2000; Ad unanimità di voti favorevoli, espressi per alzata di mano dai presenti; DELIBERA Di approvare la proposta di deliberazione, nel testo risultante dal documento che precede.

6 Schema di CONVENZIONE URBANISTICA ALLEGATO ALLA DELlBERAZiQNEJJUt(fA COMUNALE 4L pasóbìnte IL SiGBferAÉlfe QENERALt da stipularsi ai sensi dell'art 49 della legge regionale 3 settembre 1997 n. 36 e successive modificazioni e della Struttura del Piano - Ambiti del territorio extraurbano- Norme di conformità (Fascicolo St3) del Progetto Preliminare del Piano Urbanistico Comunale adottato (PUC), in vista dell'approvazione del progetto edilizio per la realizzazione di "Nuova unità immobiliare ad uso residenziale con annesso deposito attrezzature agricole" in località Marmorassi, ricadente in zona Ag del vigente Strumento urbanistico generale (SUG) e in ambito R22 - sub-ambito E del Progetto preliminare di PUC adottato. Il giorno 00, del mese xx, dell'anno 2007, innanzi a me, senza l'assistenza dei testimoni, per espressa rinuncia dei comparenti che hanno i requisiti di legge e il mio consenso, sono comparsi Per una parte Laura LANZA, nata a Savona il 07/07/1934, CF LNZ LRA 34L47 I480R, residente in via Garroni n 22/10; Stefano SUGHERINI, nato a Savona il 09/06/1928, CF SGH SFN 28H09 I480A, residente in via Garroni n 22/10; (tutti denominati, per brevità, nel prosieguo del presente atto, "parte privata") Per l'altra parte il Sig. * ****, nato a ****, il ******, e residente in ****, il quale dichiara di intervenire al presente atto non in proprio, ma nella sua qualità di rappresentante del Comune di Savona, CF , autorizzato ai sensi dell'ari 41 del vigente statuto comunale e del TU sull'ordinamento degli enti locali ( approvato con D.P.R. n. 267 in data ), come da delega conferita con ordinanza sindacale n.*** del ****, che in copia conforme all'originale si allega sotto la lettera ***** e che nel prosieguo del presente atto, per brevità denominato Comune. PREMESSO a) che il vigente strumento urbanistico generale del Comune di Savona (PRIS "Piano Regolatore Intercomunale savonese", nel prosieguo definito anche semplicemente SUG), approvato con Decreto del Presidente della Giunta regionale n del , come modificato dalla Variante generale intermedia approvata con decreto del Presidente della Giunta regionale n. 503 del 2 Giugno 1995 come rettificato con successivo decreto dello stesso Presidente n 77 del , individua una zona denominata Ag a destinazione Agricola; b) che, ai sensi dell'art. 18 delle Norme di attuazione dello SUG. Variante '90 e della pertinente tabella Zona Ag, in tale zona sono consentiti interventi di nuova costruzione; e) che nell'ambito della suddetta zona Ag i sottoscritti sono proprietari delle aree censite al Foglio 44 mappaii 294/559/560 del NCT di Savona, e godono inoltre dell'indice di edificabilità di parte dell'area censita al Foglio 44 mappale 11 (indice riservatosi in sede di vendita, di cui copia dell'atto è allegata all'istanza) per una superfìcie complessiva di mq (mappaii 294/559/560 mq superfìcie catastale, mappale 11 mq 338 risultante dalla differenza tra la superfìcie totale del mappale, la porzione già utilizzata per un precedente intervento e la fascia di rispetto dell'edifìcio pre-esistente); d) che gli immobili di cui sopra ricadono in Ambito R22 sub-ambito E del Progetto preliminare del Piano urbanistico comunale di Savona (PUC), adottato con deliberazione del Consiglio Comunale di Savona n. 15 del 22 marzo 2005; e) che la Struttura del Piano - Ambiti del territorio extraurbano- - Norme di Conformità -Fascicolo St3 del PUC all'articolo 5.2 riferito al sub-ambito E prescrive il permesso di costruire convenzionato per gli interventi di nuova edificazione a carattere residenziale; f) che ai fini dell'attuazione delle previsioni urbanistiche sopra richiamate è stato redatto il prescritto progetto edilizio, che viene presentato al Comune unitamente al presente atto d'obbligo e che è costituito dai seguenti elaborati, a firma dell'architetto Simone ALLOISIO, iscritto al relativo Ordine di Savona al n. 561 e dell'architetto Simone BRUZZONE, iscritto al relativo Ordine di Savona al n. 473 Relazione tecnica; Tavola 1/7 Cartografìe; Tavola 2/7 Rilievo stato attuale; Tavola 3/7 Rilievo progetto; Tavola 4/7 Rilievo raffronto; Tavola 5/7 Tavola di progetto; Tavola 6/7 Schema di scarico acque; Tavola 7/7 Rilievo essenze arboree;

7 Allegati grafici; Documentazione fotografica; Relazione geologico-tecnica; Dichiarazione del progettista, Attestazione comprovante il titolo di legittimazione a richiedere il permesso di costruire; Asseverazione di documentazione e di conformità dell'intervento sotto il profilo urbanistico e paesaggistico; Posto auto pertinenziale; Rilievo, planimetrìa di progetto e distanze su mappa catastale; Cartografia piani di bacino; Calcolo dei volumi di movimento terra. g) che in particolare il progetto di cui sopra è comprensivo dell'allegato TECNICO prescrìtto dall'alt 5.2, punto A1), 1), debitamente asseverato da professionista abilitato (architetto Simone ALLOISIO, iscrìtto al relativo Ordine di Savona al n. 561; architetto Simone BRUZZONE, iscrìtto al relativo Ordine di Savona al n. 473); h) che detto progetto prevede la realizzazione di "Nuova unità immobiliare ad uso residenziale con annesso deposito attrezzature agrìcole", nonché delle relative opere di urbanizzazione, e di quanto descrìtto e rappresentato nell'allegato TECNICO di cui al precedente comma g), per cui, a corredo del progetto stesso, è stato presentato altresì il debito schema di convenzione urbanistica, da stipularsi con il Comune in vista del rilascio del relativo permesso di costruire; i) che - acquisito in data 00/00/2007 il parere favorevole della Commissione Edilizia Comunale sul suddetto progetto edilizio, nonché l'autorizzazione da parte della Provincia- si è proceduto alla sottoposizione del suddetto schema di convenzione urbanistica alla Giunta Comunale che lo ha approvato con propria deliberazione n. 00 in data 00/00/2007; j) che in vista della definitiva approvazione del progetto come sopra presentato, mediante rilascio del relativo permesso di costruire a norma deil'art. 13 del T.U. 380/200124, si rende necessaria la stipulazione di una apposita convenzione, conforme allo schema come sopra approvato, ai sensi di quanto stabilito dall'ari 49 della legge regionale 3 settembre 1997 n. 36 e smi e dalla disciplina di cui al Progetto Preliminare di PUC adottato; Tutto quanto ciò premesso e confermato quale parte integrante e sostanziale della presente convenzione, il Comune di Savona, come sopra rappresentato, e la parte privata convengono e stipulano quanto segue Articolo 1 Oggetto della convenzione 1. - Costituisce oggetto della presente convenzione l'attuazione del progetto edilizio per la realizzazione di "Nuova unità immobiliare ad uso residenziale con annesso deposito attrezzature agricole", in località Marmorassi all'interno della zona Ag del vigente Strumento urbanistico generale (SUG) e in ambito R22, sub-ambito E del Progetto preliminare di PUC adottato, specificato negli elaborati grafici e descrittivi indicati nelle premesse, da considerarsi ad ogni effetto parte integrante e sostanziale del presente atto. Articolo 2 Urbanizzazione primaria 1. - La parte privata si obbliga nei confronti del Comune a realizzare a propria cura e spese ed in attuazione del progetto edilizio in premessa indicato le seguenti opere di urbanizzazione primaria, più esattamente individuate nell'allegato TECNICO prescritto dall'alt 5.2, punto A1), 1), debitamente asseverato da professionista abilitato, e in particolare: a) opere necessario allo smaltimento delle acque nere (di cui ali'allegato TECNICO); b) opere di allaccio alle infrastnitture primarie esistenti e/o manufatti necessari per interventi suppletivi, in caso di loro assenza; e) rete idrica; d) rete fognaria perla raccolta delle acque bianche; 2. - La parte privata si obbliga, altresì, a realizzare a propria cura e spese le reti di distribuzione dell'energia elettrica, del gas e delle telecomunicazioni, fermo restando che tali opere, ai sensi deil'art. 3, comma 3, della legge regionale 7 aprile 1995, n. 25, non sono considerate opere di urbanizzazione primaria, ai fini degli scomputi di cui al successivo articolo 7 della presente convenzione.

8 Articolo 3 Opere di presidio ambientale 1. - La parte privata si obbliga nei confronti del Comune a realizzare a propria cura e spese ed in attuazione del progetto edilizio in premessa indicato le seguenti opere di presidio ambientale indicate nell'allegato TECNICO prescritto dall'ari 5.2, punto A1), 1), debitamente asseverato da professionista abilitato, e in particolare: a) opere di regimatone delle acque meteoriche, al fine di evitare ruscellamenti, erosioni, ristagni; b) opere di sistemazione del terreno quali terrazzamenti o ripristino muri a secco esistenti; Articolo 4 Esecuzione delle opere di urbanizzazione e di presidio ambientale 1. - La parte privata si impegna a completare ed a rendere agibili o funzionali le opere di urbanizzazione primaria di cui al precedente articolo 2 e quelle di presidio ambientale indicate al precedente articolo 3 della presente convenzione, entro il termine previsto dal permesso di costruire, che comunque non potrà essere inferiore a tre anni dall'inizio dei lavori, salva la facoltà di proroga ovvero la possibilità di indicare un termine più lungo, in considerazione della mole e della complessità dell'opera da realizzare, come previsto dall'ari. 15 del citato Testo unico per l'edilizia 380/ L'esecuzione delle opere di cui al presente articolo dovrà comunque essere contemporanea alla realizzazione dell'intervento edificatorio previsto dalla presente convenzione. Articolo 5 Contributo afferente al permesso di costruire 1. - La parte privata si obbliga a corrispondere al Comune il contributo afferente al permesso di costruire che è dovuto per l'intervento oggetto della presente convenzione ed è costituito, in base all'articolo 2 della legge regionale 7 aprile 1995, n. 25, da una quota relativa all'incidenza delle opere di urbanizzazione primaria e secondaria e da una quota concernente il costo di costruzione, nell'importo determinato in base alla tariffa in vigore alla data di presentazione dell'istanza di permesso di costruire ed in conformità alle disposizioni della citata legge regionale e delle deliberazioni comunali attuative della stessa. Articolo 6 Modalità di pagamento del contributo afferente al permesso di costruire 1. - La quota del contributo afferente al permesso di costruire relativa all'incidenza delle opere di urbanizzazione primaria verrà corrisposta in quattro rate semestrali, ai sensi dell'articolo 16 del Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia approvato con D.P.R n. 380 e successive modificazioni ed integrazioni La quota del contributo afferente al permesso di costruire relativa al costo di costruzione, determinato dal Comune ai sensi dell'articolo 16 del soprarichiamato Testo unico 380/2001 e della legge regionale 7 aprile 1995, n. 25, sarà corrisposta nella misura e con le modalità stabilite nel permesso di costruire, in conformità alla legislazione vigente A garanzia del pagamento delle rate differite la parte privata costituirà idonea garanzia all'atto del rilascio della permesso di costruire nei modi previsti dal successivo articolo 10 della presente convenzione. Artìcolo 7 Rapporti con aziende ed erogatori di servizi 1. - La parte privata si obbliga a richiedere gli assensi necessari per l'esecuzione di opere ed impianti relativi a servizi erogati da Enti e Aziende anche non comunali nonché ad eseguire le opere e gli impianti stessi nel rispetto degli atti abilitativi e delle prescrizioni tecniche applicabili Ad ogni fine ed effetto le Aziende Speciali e i Consorzi tra Comuni per la gestione dei servizi pubblici debbono essere considerati soggetti terzi rispetto al Comune di Savona. Articolo 8 Destinazioni urbanistiche e norme edilizie 1. - La superficie del comprensorio è destinata agli usi specificati progetto edilizio in premessa indicato Tutte le aree, gli edifici, gli impianti ed i manufatti che caratterizzano l'insediamento ai sensi del decreto

9 ministeriale 2 aprile 1968, non ceduti al Comune, rimangono vincolati alle destinazioni d'uso indicate nel suddetto progetto edilizio, ovvero alle altre destinazioni consentite dallo strumento urbanistico generale, anche in conformità alla presente convenzione ed ai relativi allegati. Articolo 9 Garanzie 1. - La parte privata, a garanzia della puntuale e completa esecuzione delle opere di urbanizzazione e delle opere di presidio ambientale, di cui ai precedenti articoli 2e 3, che si impegna a realizzare con la presente convenzione, consegnerà al Comune, prima del rilascio dei permessi di costruire, idonea garanzia cauzionale prestata mediante fideiussione bancaria o assicurativa rilasciata da compagnia di assicurazioni o istituto di credito autorizzati, di gradimento del Comune, alle condizioni stabilite dai competenti Uffici Tecnici Comunali L'importo delle garanzie sarà commisurato al costo delle opere di presidio ambientale (comprensivo di IVA e maggiorato di una percentuale del 5% - cinquepercento - per oneri amministrativi e tecnici), che la parte privata si impegna a realizzare ai sensi della presente convenzione, quale risultante dai computi metrici e dagli elenchi dei materiali e dei prezzi allegati ai progetti esecutivi approvati dal Comune e stimati sulla base dell'elenco prezzi unitali dell'union Camere della Liguria e per quanto in esso previsto sulla base di una accurata e documentata analisi dei prezzi rilevati al momento della richiesta del Permesso di Costruire. Detto importo sarà aggiornato automaticamente ogni tre anni in ragione della variazione media percentuale dei prezzi delle opere edili del triennio precedente, accertata dall'istat Le garanzie prestate verranno ridotte in corso d'opera in proporzione dello stato di avanzamento delle opere, secondo modalità da concordarsi con il Comune, e saranno svincolate, nel limite del 90% (novantapercento) del costo delle opere cui si riferiscono per quote di volta in volta non inferiori al 30% (trentapercento) del costo delle stesse opere. Lo svincolo verrà autorizzato dal Comune, su apposita istanza inviata dalla parte privata con lettera raccomandata attestante l'ultimazione dei lavori ed entro trenta giorni dal ricevimento della medesima, subordinatamente all'accertamento, da parte dello stesso Comune, dell'avvenuta esecuzione delle opere in misura corrispondente all'importo di cui si chiede lo svincolo II restante 10% (diecipercento) sarà trattenuto a garanzia fino all'attestazione di fine lavori Le garanzie cauzionali saranno svincolate totalmente ad avvenuto integrale adempimento degli obblighi gravanti sulla parte privata in forza della presente convenzione In tutti i contratti fideiussori di cui al presente articolo - sul cui testo sarà preventivamente acquisito l'assenso del Comune - dovrà essere previsto l'impegno del fideiussore a soddisfare l'obbligazione a prima richiesta del Comune, con l'esclusione del beneficio di cui al secondo comma dell'articolo 1944 cod. civ. e della decadenza di cui all'articolo 1957 cod. civ. e senza attendere la pronuncia del giudice In caso di inadempimento, le garanzie cauzionali di cui ai commi precedenti potranno essere incamerate in tutto o in parte, senza formalità alcuna. Articolo 10 Asservimento delle aree necessario all'edificazione- costituzione del vincolo a parcheggio privato - destinazioni- mantenimento del fondo 1. - La parte privata con la sottoscrizione della presente convenzione e successiva registrazione e trascrizione nei Registri Immobiliari, dichiara : a) di asservire, come asserve, al fabbricato oggetto della richiesta di permesso di costruire, ai sensi dell'ari 26.1 delle Norme di attuazione del vigente strumento urbanistico generale e dell'ari 5.2, lettera A1) della Struttura del piano- Ambiti del territorio extraurbano - Fascicolo St3 del Progetto Preliminare del PUC adottato, le aree necessarie all'edificazione, mantenendole inedificate, compresa l'area di sedime del realizzando fabbricato, per una superficie complessiva di mq e precisamente : -fg. 44 mappali (ex 293) sup fg. 44 mappale 294 sup fg. 44 mappale 11 (parte) sup. 260 Detta area asservita risulta meglio evidenziata in tratteggio giallo nella planimetria identificata alla lettera a) dell'allegato TECNICO alla convenzione. b) di vincolare alla destinazione d'uso di parcheggio privato la superficie reperita ai sensi dell'ari:. 41 sexies della legge 17 agosto 1942, n. 1150, cosi come modificato dall'ari 2, comma 2 della legge 24/3/1989 n. 122 e dall'ari. 12, comma 9 della legge n. 246, l'area di mq 25, meglio evidenziata in tratteggio rosso nella planimetria identificata alla lettera e) dell'allegato TECNICO alla convenzione. e) di non modificare, per almeno anni 10 dalla sottoscrizione della presente convenzione, le destinazioni d'uso delle costruzioni di cui al progetto assentito ed eventuali varianti approvate, ai sensi dell'ari 27 delle

10 norme di attuazione del vigente Strumento urbanistico generale ed ai sensi dell'artìcolo 5.2 della Struttura del Piano - Ambiti del territorio extraurbano- - Norme di Conformità - di Fascicolo St3 del PUC adottato; d) di non frazionare né alienare separatamente il fondo dalla costruzione, per almeno anni 10 dalla sottoscrizione della presente convenzione, ai sensi dell'articolo 5.2 della Struttura del Piano - Ambiti del territorio extraurbano- Norme di Conformità - Fascicolo St3 del PUC adottato; e) di impegnarsi, ai sensi dell'art a delle Norme di attuazione del vigente Strumento urbanistico generale del Comune di Savona, a mantenere coltivato e in stato produttivo il fondo annesso alla residenza, intendendo come tale l'intera area asservita alla costruzione. f) di impegnarsi, ai sensi dell'ari b delle Norme di attuazione del vigente Strumento urbanistico generale del Comune di Savona, a mantenere l'area asservita alla costruzione sgombra da rifiuti, curata per la parte terrazzata a fasce con la conservazione, realizzazione ove occorre e/o ripristino dei manufatti di contenimento e, per la parte boscata, con la pulizia e la formazione di sentieri tagliafuoco. Articolo 11 Inadempienze 1. - In caso di inadempimento della parte privata alle obbligazioni previste dalla presente convenzione, ferme restando le sanzioni penali ed amministrative previste dalla legge, il Comune, previa diffida, potrà sospendere l'esecuzione dei lavori relativamente all'intero progetto edilizio o a quelle parti che riterrà interessate dagli inadempimenti Avvenuto l'adempimento, saranno revocati i provvedimenti di sospensione dei lavori. Articolo 12 Elezione di domicilio 1. - Per tutte le comunicazioni e notificazioni, in sede giudiziale e stragiudiziale, comunque dipendenti e connesse alla presente convenzione, la parte privata dichiara di eleggere domicilio presso via Garroni n 22/10, Savona Qualunque modificazione del domicilio come sopra eletto non avrà effetto se non sia stata previamente comunicata al Comune mediante lettera raccomandata con ricevuta di ritomo, anche per l'ipotesi di trasferimento totale e lo parziale a terzi del compendio immobiliare oggetto del progetto edilizio in premessa indicato. Articolo 13 Trasferimento 1. - II Comune presta fin d'ora, e per quanto occorra, il proprio consenso alla successione a titolo particolare nei diritti e negli obblighi assunti dalla parte privata in forza della presente convenzione, nell'ipotesi di trasferimento totale o parziale del compendio immobiliare oggetto della convenzione ad altro soggetto Negli atti di trasferimento a terzi delle unità immobiliari oggetto del progetto in argomento, la parte privata si obbliga a porre a carico degli acquirenti, mediante apposita clausola, tutti gli obblighi ed oneri derivanti dalla presente convenzione, rimanendo tuttavia obbligata, in solido con gli aventi causa, all'adempimento degli obblighi medesimi, fino alla completa esecuzione delle opere di cui al progetto Nel solo caso di trasferimento dell'intera sua proprietà, il cedente potrà chiedere al Comune di essere liberato da ogni suo obbligo nascente dalla presente convenzione, con l'integrale subentro dell'acquirente. La richiesta del cedente si intenderà accolta ove il Comune non comunichi il proprio motivato dissenso nel termine di trenta giorni dalla presentazione a mezzo lettera raccomandata. Tale dissenso potrà essere opposto dal Comune solo in presenza di gravi, motivate ragioni, esplicitate con formale deliberazione della Giunta Comunale Nell'ipotesi prevista dal precedente comma, la liberatoria del cedente è comunque subordinata al rinnovo in capo al cessionario delle garanzie fideiussorie di cui al precedente articolo 10. Articolo 14 Trascrizione 1. La presente convenzione, a norma dell'art. 49, comma 4, della legge regionale 3 settembre 1997 n. 36 e successive modificazioni, sarà integralmente registrata e trascritta, a cura della parte privata.

11 Articolo 15 Spese 1. - Tutte le spese inerenti alla stipulazione, registrazione e trascrizione della convenzione nonché degli atti e dei contratti attuativi in essa previsti sono a carico della parte privata, che chiederà tutti i benefici e le agevolazioni fiscali in materia Sono a carico della parte privata i compensi e le spese, compresi gli oneri tribù tari. Articolo 16 Controversie 1- Ai sensi della legge 21 luglio 2000 n , tutte le controversie che potessero sorgere in ordine all'interpretazione, applicazione ed attuazione della presente convenzione saranno devolute alla giurisdizione del giudice amministrativo. Firme

12 IL ATTO UNILATERALE D'OBBLIGÒ! AUEGATO ALLA DR1BERAZIONE 61UNJA COMUNALE N. L^presentato ai sensi dell'ari 49 della legge regionale 3 settembre 1997 n. 36 e successive modificazioni e della Struttura del Piano - Ambiti del territorio extraurbano- Norme di conformità (Fascicolo St3) del Progetto Preliminare del Piano Urbanistico Comunale adottato (PUC), a corredo dell'istanza del permesso di costruire convenzionato per la realizzazione di "Nuova unità immobiliare ad uso residenziale con annesso deposito attrezzature agricole" in località Marmorassi, ricadente in zona Ag del vigente Strumento urbanistico generale (SUG) e in ambito R22 - sub-ambito E del Progetto preliminare di PUC adottato. lll.mo Signor Sindaco del Comune di SAVONA I sottoscritti: Laura LANZA, nata a Savona il 07/07/1934, CF LNZ LRA 34L47 I480R, residente in via Garroni n 22/10; Stefano SUGHERINI, nato a Savona il 09/06/1928, CF SGH SFN 28H09 I480A, residente in via Garroni n 22/10; PREMESSO a) che il vigente strumento urbanistico generale del Comune di Savona (PRIS "Piano Regolatore Intercomunale savonese", nel prosieguo definito anche semplicemente SUG), approvato con Decreto del Presidente della Giunta regionale n del , come modificato dalla Variante generale intermedia approvata con decreto del Presidente della Giunta regionale n. 503 del 2 Giugno 1995 come rettificato con successivo decreto dello stesso Presidente n 77 del , individua una zona denominata Ag a destinazione Agricola; b) che, ai sensi dell'ari 18 delle Norme di attuazione dello SUG. Variante '90 e della pertinente tabella Zona Ag, in tale zona sono consentiti interventi di nuova costruzione; e) che nell'ambito della suddetta zona Ag i sottoscritti sono proprietari delle aree censite al Foglio 44 mappali 294/559/560 del NCT di Savona, e godono inoltre dell'indice di edificabilità di parte dell'area censita al Foglio 44 mappale 11 (indice riservatosi in sede di vendita, di cui copia dell'atto è allegata all'istanza) per una superficie complessiva di mq (mappali 294/559/560 mq superficie catastale, mappale 11 mq 338 risultante dalla differenza tra la superficie totale del mappale, la porzione già utilizzata per un precedente intervento e la fascia di rispetto dell'edificio pre-esistente); d) che gli immobili di cui sopra ricadono in Ambito R22 sub-ambito E del Progetto preliminare del Piano urbanistico comunale di Savona (PUC), adottato con deliberazione del Consiglio Comunale di Savona n. 15 del 22 marzo 2005; e) che la Struttura del Piano - Ambiti del territorio extraurbano- - Norme di Conformità -Fascicolo St3 del PUC all'articolo 5.2 riferito al sub-ambito E prescrive il permesso di costruire convenzionato per gli interventi di nuova edificazione a carattere residenziale; f) che ai fini dell'attuazione delle previsioni urbanistiche sopra richiamate è stato redatto il prescritto progetto edilizio, che viene presentato al Comune unitamente al presente atto d'obbligo e che è costituito dai seguenti elaborati, a firma dell'architetto Simone ALLOISIO, iscrìtto al relativo Ordine di Savona al n. 561 e dell'architetto Simone BRUZZONE, iscritto al relativo Ordine di Savona al n. 473 Relazione tecnica; Tavola 1/7 Cartografie; Tavola 2/7 Rilievo stato attuale; Tavola 3/7 Rilievo progetto; Tavola 4/7 Rilievo raffronto; Tavola 5/7 Tavola di progetto; Tavola 6/7 Schema di scarico acque; Tavola 7/7 Rilievo essenze arboree; Allegati grafici; Documentazione fotografica; Relazione geologico-tecnica; Dichiarazione del progettista, Attestazione comprovante il titolo di legittimazione a richiedere il permesso di costruire; Asseverazione di documentazione e di conformità dell'intervento sotto il profilo urbanistico e paesaggistico; Posto auto pertinenziale;

13 Rilievo, planimetrìa di progetto e distanze su mappa catastale; Cartografia piani di bacino; Calcolo dei volumi di movimento terra. g) che in particolare il progetto di cui sopra è comprensivo dell'allegato TECNICO prescritto dall'art. 5,2, punto A1), 1), debitamente asseverato da professionista abilitato (architetto Simone ALLOISIO, iscritto al relativo Ordine di Savona al n. 561; architetto Simone BRUZZONE, iscritto al relativo Ordine di Savona al n. 473); h) che detto progetto prevede la realizzazione di "Nuova unità immobiliare ad uso residenziale con annesso deposito attrezzature agricole", nonché delle relative opere di urbanizzazione, e di quanto descritto e rappresentato nell'allegato TECNICO di cui al precedente comma g), per cui, a corredo del progetto stesso, viene altresì presentato il presente atto unilaterale con il quale i sottoscritti SI OBBLIGANO fin d'ora per sé, successori e aventi causa a qualsiasi titolo, nei confronti del Comune di Savona, ai sensi e per gli effetti dell'ari 49, della legge regionale 3 settembre 1997 n. 36 e successive modificazioni e della Struttura del Piano - Ambiti del territorio extraurbano- Norme di conformità (Fascicolo St3) del Progetto Preliminare del Piano Urbanistico Comunale adottato (PUC), a sottoscrivere la convenzione di cui allo schema allegato al presente quale sua parte integrante e sostanziale, agli effetti del rilascio del permesso di costruire per la realizzazione dell'intervento in oggetto indicato. Savona 30 aprile 2008 Firma

14 AURATO ALLA DELIBERAZIONE GIUNTA fiomunalb 41f nfi 2 7 HAG "'neraués COMUNE DI ARRIVO IN 2 6 BEH 2008 Comune di Provincia di Savona Savona Immobile sito in via Marmorassi Proprietario: LANZA Laura Re».; via Gammi n'22/10-171xsavona- Tri Cod.Fto.: UgLRA34147M60a Progettisti: Arch. Simone ALLQISIQ Studio: via Patologo n* 31/ ALTARE (SV) Tei Cod. Fltc: LLS SMN 71MO Iscritto airomine degli Architetti, Plonlflcotort, PoosoggistJ e Comervalort della Provincia (S Ssvona al n* S61 Arch. Simone BROZZONE Studio: piazzo del Popolo n* 3A SAVONA- T«L Cod.FUc.: BRZ SMN 72T16 M801 Isoitto nirordlna degli Architetti. Pianificatoli. Pasiaggtsa e Cunsavalnrt de3a Provincia di Savona al n* 473 OGGETTO: Progetto per la costruzione di nuova unità immobiliare ad uso residenziale con annesso deposito attrezzature agricole su terreno identificato al N.C.T. di Savona al foglio 44, mapp. 560 ALLEGATO TECNICO ALLA CONVENZIONE Data: 23 Gennaio 2008 II Proprietario Note: Js Sostituzione in seguito a nota n del 26/10/07 AMt: via Paleotogo 31/ ALTARE (SV) - R»c.:vlaS.lorenn)Sr SAVONA-Tel Z184 P. lv«: E-nuO: 5lmon3_llffliSero.lt C«n.:

15 Lettera a) delimitazione dei fondi interessati dal progetto e di quelli asserviti Stralcio di mappa catastale vettoriale, Foglio 44, scala 1:1.000 Legenda Mappale 560: mappale di proprietà interessato dal progetto e da asservire Mappali 294/559: mappale di proprietà da asservire Mappale 11 : porzione di mappale di altra proprietà1 da asservire (risultante dalla differenza tra la superficie totale del mappale, la porzione utilizzata per un precedente intervento e la fascia di rispetto dell'edificio pre-esistente) Mappale 11 : porzione utilizzata per un precedente intervento 3 i Mappale 11 : fascia di rispetto dell'edificio pre-esistente

16 Lettera b) documentazione riguardante io stato e la consistenza del fondo agricolo, i tipi di coltura, i cicli produttivi previsti e la puntuale descrizione degli interventi programmati, con l'indicazione della superiicie per tipologia colturale Rilievo del terreno circostante l'area di intervento, scala 1:500 Legenda 0 Ulivo Castagno a Frassino Mimosa Alloro 9 Roverella

17 Lettera b) documentazione riguardante lo stato e la consistenza del fondo agricolo, i tipi di coltura, i cicli produttivi previsti e la puntuale descrizione degli interventi programmati, con l'indicazione della superficie per tipologia colturale zona (siaes piani o destinarsi alla ^^ piante orticole con ciclo p zona aa destfnqq[alla coltura delle piante on ciclo annua zona pgr-igcqbgtagegli ulivi 6 (sia esistenti sia di nu turnazione) Stato di progetto circostante l'area di intervento, scala 1:500 Legenda ~l Uliveto ca Ulivo a Castagno Orto mq. 230 ca a Frassino Mimosa Prato mq. 220 ca Alloro q Roverella Zonizzazione dei tipi di coltura previsti nell'intera proprietà, scala 1:2.000 All'interno del fondo, prevalentemente piantumato ad ulivi, si prevede un'intensificazione di tale coltura, integrando le piante esistenti con quelle di nuovo impianto. Venf incrementata la superficie destinata ad orto, con colture a ciclo annuale. Il terreno prospiciente l'edificato sarà ricoperto da un manto erboso.

18 Lettera e) crìterì e relativi obblighi inerenti la sistemazione delle aree comprese e quelle inerenti le eventuali aree eccedenti quelle occupate dalla o dalle tipologie produttive Zonizzazione dei tipi di coltura previsti nell'intera proprietà, scala 1:2.000 Come rappresentato nella planimetria a destra, tutte le aree costituenti la proprietf saranno coltivate ad uliveto, integrando quelli esistenti con altri di nuovo impianto. Il terreno su cui avverrà la coltura e gir attualmente sistemato a fasce ed in buono stato; la disposizione delle piante sui classici terrazzamenti sarf ovviamente mantenuta. Non esistono altre aree di proprietf per le quali sia previsto un trattamento produttivo differente da quello sopra descritto. Lettera d) aree destinate ad attività sem'cola se prevista Nel terreno in analisi non è attualmente presente alcun impianto di serre e nella conduzione futura non è prevista alcuna attività serricola.

19 Lettera e) rete di accesibllità alle aree impegnate Stato di progetto su rilievo, scala 1:500 Legenda Viabilità pubblica via Marmorassi Viabilità privata Parcheggi Privati Carta Tecnica Regionale, scala 1:5.000 L'accesso al fondo avviene tramite un tratto privato che si stacca dalla strada pubblica via Marmorassi; l'ingresso e favorito dalla presenza di uno slargo posto nel punto di innesto.

20 Lettera f) criteri di approvvigionamento idrico Lettera h) modalità di allaccio alle infrastrutture primarie esistenti o le tecnologie e i manufatti necessari per interventi suppletivi, in caso di loro assenza Legenda ii progetto su rilievo, scala 1:500 rete acquedotto esistente rete acquedotto di progetto 60 m ca. contatore acquedotto rete ENEL esistente rete ENEL di progetto 60 m ca. rete gas esistente rete gas di progetto 60 m ca. L'allaccio alle infrastrutture primarie awerrf connettendosi direttamente alle condotte principali collocate lungo la viabilitf pubblica di via Marmorassi. Il collegamento con i nuovi volumi verrf realizzato ponendo le tubature a progetto sotto il sedime della viabilitf privata interna al fondo. Verranno altresì predisposti gli impianti per la produzione di acqua calda e di energia elettrica per l'eventuale installazione di pannelli solari e/o fotovoltaici in modo da poter sfruttare energie rinnovabili.

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale COMUNE DI VENEZIA Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale N. 87 DEL 14 MAGGIO 2015 E presente il COMMISSARIO STRAORDINARIO: VITTORIO

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 1 R I P O R T O LAVORI A CORPO 1 RIMOZIONE DI ARMATURA STRADALE P001 ESISTENTE Prezzo per rimozione a qualsiasi altezza di armatura stradale esistente, completa di accessori elettrici e lampada, previo

Dettagli

meglio descritte nella relazione tecnica allegata

meglio descritte nella relazione tecnica allegata Modello 05: Spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo 14,62 Al Dirigente del Settore II Comune di Roccapalumba Oggetto: l sottoscritt nat a ( ) il / / residente a ( ) in via n. C.F. in qualità

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMUNE DI ROMBIOLO PROVINCIA DI VIBO VALENTIA PROGETTO ESECUTIVO: Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA Progettista: VISTO: Comune di Rombiolo Via

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

LEGGE 28 Gennaio 1977, N. 10 - (Bucalossi) (G.U. 29-1-1977, N. 27) NORME PER LA EDIFICABILITA' DEI SUOLI

LEGGE 28 Gennaio 1977, N. 10 - (Bucalossi) (G.U. 29-1-1977, N. 27) NORME PER LA EDIFICABILITA' DEI SUOLI LEGGE 28 Gennaio 1977, N. 10 - (Bucalossi) (G.U. 29-1-1977, N. 27) NORME PER LA EDIFICABILITA' DEI SUOLI Art. 1. (trasformazione urbanistica del territorio e concessione di edificare) Ogni attività comportante

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 217 del 14/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREA GIÀ CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE NELL AMBITO DEL

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMUNE DI ROMBIOLO PROVINCIA DI VIBO VALENTIA PROGETTO ESECUTIVO: Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA Progettista: VISTO: Comune di Rombiolo Via

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione COMUNICAZIONE DI ULTIMAZIONE LAVORI SU PERMESSO DI COSTRUIRE

Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione COMUNICAZIONE DI ULTIMAZIONE LAVORI SU PERMESSO DI COSTRUIRE CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione COMUNICAZIONE DI ULTIMAZIONE LAVORI SU PERMESSO DI COSTRUIRE Dati del titolare Cognome Nome Codice fiscale Data

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA COMMISSIONE TASSAZIONE NOTULE FASI O "LIVELLI DI ELABORAZIONE E REDAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO NEI LAVORI PRIVATI PREMESSA L'accertamento

Dettagli

COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. Cornedo Vic.no lì 08 aprile 2013

COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. Cornedo Vic.no lì 08 aprile 2013 S T U D I O D I P R O G E T T A Z I O N E C I V I L E E D I N D U S T R I A L E D O T T. I N G. P R E T T O F L A V I O COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA Oggetto: SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE COMUNE DI FAENZA SETTORE LAVORI PUBBLICI REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI SCAVO SU SUOLO PUBBLICO Regolamento approvato con atto C.C. verbale n. 275 del 15/11/2010 - prot. n. 44926 del 19/11/2010

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il Comune di Frascati Provincia di Roma pag. 1 RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il suo collegamento al collettore ACEA lungo Via Enrico Fermi.

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013 Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013 NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DPR N 380 DEL 06/06/2001 (TUE) Il Testo Unico per l Edilizia

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

ALLEGATO R ELENCO PREZZI

ALLEGATO R ELENCO PREZZI A r c h i t e t t o R i n a l d i n i E t t o r e R a v e n n a, V i a l e d e l l a L i r i c a n. 4 3 T e l 0 5 4 4 405979 F a x 0 5 4 4 272644 comm. part. Emissione Spec foglio di Mar2014 COMMITTENTE:

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME Legge regionale n.20 del 21 agosto 1991. Riordino delle competenze per l'esercizio delle funzioni amministrative in materia di bellezze naturali. (B.U. 11 novembre 1991, n. 12). (vedi circolare prot. n.

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE

REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Etra S.p.A. Energia Territorio Risorse Ambiente REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Approvato dall Assemblea di ATO Brenta il 26 aprile 2010 con deliberazione n. 2 INDICE TITOLO I Disposizioni generali...

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA ESECUZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE DA REALIZZARSI A SCOMPUTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE

REGOLAMENTO PER LA ESECUZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE DA REALIZZARSI A SCOMPUTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE REGOLAMENTO PER LA ESECUZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE DA REALIZZARSI A SCOMPUTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 13 del 26 febbraio 2014. REGOLAMENTO

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

REGOLAMENTO SANZIONI OPERE ABUSIVE IN AREE DI VINCOLO PAESAGGISTICO AMBIENTALE

REGOLAMENTO SANZIONI OPERE ABUSIVE IN AREE DI VINCOLO PAESAGGISTICO AMBIENTALE ALLEGATO alla Delibera Consiglio Comunale n 47 del 21.12.2006 Comune di Vezzano Ligure Provincia della Spezia Area Pianificazione Territoriale Urbanistica Edilizia Privata REGOLAMENTO SANZIONI OPERE ABUSIVE

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 ================================================================= OGGETTO: CORREZIONE ERRORE MATERIALE

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

COMUNE DI OSIMO Provincia Ancona

COMUNE DI OSIMO Provincia Ancona COMUNE DI OSIMO Provincia Ancona SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE E CESSIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE SOTTOSOGLIA A SCOMPUTO TOTALE O PARZIALE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE. Adottato con

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI ELENCO PREZZI UNITARI PER COSTRUZIONE E MANUTENZIONE RETI ACQUA, RETI FOGNARIE E IMPIANTI DI ALLACCIAMENTO UTENZA Distretto Operativo OPER / COORD / SUP EDIZIONE 02 / 2012 SOCIETÀ ACQUE POTABILI p.a. C.so

Dettagli

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ'

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' AL COMUNE DI Ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 19 commi

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 n ordine codice descrizione un. mis. quantità pr. unit. importo 1 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

REGOLAMENTO PER ATTIVITA DI VIGILANZA E COLLAUDO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE

REGOLAMENTO PER ATTIVITA DI VIGILANZA E COLLAUDO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE REGOLAMENTO PER ATTIVITA DI VIGILANZA E COLLAUDO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE CAPO AREA INFRASTRUTTURE CIVILI ING. WALTER RICCI DIRIGENTE SERVIZIO STRADE ARCH. MARTA MAGNI CAPO AREA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CASERTA SETTORE TECNICO UFFICIO PROGETTAZIONE INTERVENTI E.R.S. E M.O. LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA EDILE ELENCO PREZZI UNITARI RESP. UFFICIO

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net ........... COMUNITA' MONTANA MUGELLO Oggetto dei lavori: REALIZZAZIONE DI NUOVO LOCALE TECNICO - I DIACCI II LOTTO Progettista: Geom. Francesco Minniti COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 2 LOTTO - COMPUTO METRICO

Dettagli

ALLEGATO II...2 MODULISTICA: DOCUMENTAZIONE PER PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI EDILIZI E TITOLI ABILITATIVI...

ALLEGATO II...2 MODULISTICA: DOCUMENTAZIONE PER PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI EDILIZI E TITOLI ABILITATIVI... ALLEGATO II...2 MODULISTICA: DOCUMENTAZIONE PER PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI EDILIZI E TITOLI ABILITATIVI... 2 PARTE I... 3 PIANI URBANISTICI ATTUATIVI... 3 PARTE II... 7 PROGRAMMI DI RICONVERSIONE E/O

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ;

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ; Allegato A RICHIESTA AFFIDAMENTO AREE VERDI COMUNALI E RIDUZIONE TARES OGGETTO: Richiesta affidamento area verde comunale e riduzione TARES. Il sottoscritto.. nato a il.. residente a in Via.. n... CHIEDE

Dettagli

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP:

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' ATTIVITA' DI ASILO

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE A SCOMPUTO

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE A SCOMPUTO REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE A SCOMPUTO APPROVATO CON DELIB. C.C. n. 55 del 30/03/2009 REGIONE EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI CASTELFRANCO EMILIA Progetto:

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli