Progetto POM A32 Norme fitosanitarie e commercializzazione delle produzioni vivaistiche Locorotondo (BA), 4 7 dicembre 2001

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto POM A32 Norme fitosanitarie e commercializzazione delle produzioni vivaistiche Locorotondo (BA), 4 7 dicembre 2001"

Transcript

1 Sessione III DRUPACEE, NOCE e POMACEE COORDINATORE: A. QUACQUARELLI Istituto Sperimentale per la Patologia Vegetale, Ministero delle Politiche Agricole Forestali, Roma

2 Organismi patogeni di qualità delle drupacee e del noce T. Amenduni, D. Boscia, C. Cariddi, A. Ippolito, A. Myrta, G. Romanazzi, L. Schena, N. Vovlas PREMESSA 1. Batteri 1.1. Cancro batterico del pesco, deperimento batterico e scabbia batterica dei frutti dell albicocco Tumore batterico del pesco 1.3. Cancro batterico del ciliegio 1.4. Tumore batterico del pesco 1.5. Cancro batterico del ciliegio 1.6. Mal secco o macchie nere del noce 1.7. Colpo di fuoco 2. Funghi 2.1. Marciume radicale fibroso 2.2. Mal della bolla 2.3. Mal del piombo 2.4. Marciume del colletto delle drupacee 2.5. Cancri da nectria 2.6. Marciume radicale lanoso 2.7. Verticilliosi delle drupacee 3. Nematodi 3.1. Pratylenchus penetrans 3.2. Tylenchulus semipenetrans 3.3. Meloidogyne arenaria 3.4. Meloidogyne incognita 3.5. Meloidogyne javanica 3.6. Xiphinema diversicaudatum 3.7. Pratylenchus vulnus 4. Virus 4.1.Virus della maculatura clorotica fogliare del melo (ACLSV) 4.2.Virus del mosaico del melo (ApMV) 4.3.Virus del nanismo del susino (PDV) 4.4.Virus della maculatura anulare necrotica dei Prunus (PNRSV) 4.5.Virus della vaiolatura del susino (PPV)

3 PREMESSA Il D.M. del 14/4/1997 (Recepimento delle Direttive della Commissione n. 93/48/CEE del 23 giugno 1993, n. 93/64/CEE del 5 luglio 1993 e n. 93/79/CEE del 21 settembre 1993, relative alle norme tecniche sulla commercializzazione dei materiali di moltiplicazione delle piante da frutto destinate alla produzione di frutto) introduce una nuova categoria di materiali di moltiplicazione, la categoria C.A.C. (Conformità Agricola Comunitaria) e precisa all art. 5 i requisiti fitosanitari che tali materiali devono possedere: Il materiale deve essere, almeno all esame visivo, privo di organismi nocivi o malattie pregiudizievoli alla qualità, nonché di loro sintomi che limitino la possibilità di utilizzarlo coma materiale di moltiplicazione e come pianta da frutto; in particolare deve essere privo degli organismi o delle malattie elencati nell allegato II del presente decreto per quanto concerne i generi e le specie considerati. Considerati le diverse possibili interpretazioni che possono essere date alla definizione di requisiti fitosanitari di cui all art. 5 e l elenco dei patogeni di qualità riportato nell allegato II del D.M. del 14/4/1997 per le Drupacee, sulla base della rilevanza economica dei patogeni trasmessi attraverso il materiale di propagazione, nonché dei dati disponibili in letteratura e dell esperienza maturata nell ambito del Progetto POM A32, è stato integrato l elenco di cui all allegato II e sono state precisate le specie per alcuni patogeni (Tabella 1). Per ciascun patogeno è stata realizzata una scheda riportante le informazioni circa l inquadramento sistematico, le piante ospiti, la distribuzione geografica, le modalità di diffusione, la sintomatologia indotta sulle piante, la modalità di diagnosi e i principi su cui si basa la lotta. Inoltre, si è ritenuto utile indicare anche quegli aspetti che nel processo produttivo possono creare le condizioni per una possibile infezione (punti critici), gli obblighi che vivaisti e Servizio fitosanitario devono rispettare e, infine, alcuni consigli pratici rivolti agli agricoltori. In particolare, per quanto riguarda i funghi sono state inserite alcune specie di Phytophthora, responsabili di marciumi radicali, e tra i nematodi, sono stati inseriti i nematodi delle lesioni Pratylenchus vulnus e penetrans Inoltre, tra i funghi è stata indicata la specie di Verticillium da considerare (V. dahliae), per i nematodi galligeni sono riportate le specie che si riscontrano più frequentemente (M. arenaria, incognita e javanica) e per quanto riguarda i

4 virus, si ritiene importante indicare esplicitamente anche ACLSV (virus della maculatura clorotica fogliare del melo) e ApMV (virus del mosaico del melo), tra i patogeni di qualità. Infine, è riportata anche la scheda del PPV (virus della vaiolatura delle drupacee), patogeno di quarantena estremamente dannoso per queste specie.

5 Tabella 1. Malattie ed organismi patogeni pregiudizievoli la qualità previsti dall allegato II D.M. del 14/4/1997 e proposta dal Progetto POM A32 ALLEGATO II D.M. 14/04/1997 PROPOSTA PROGETTO POM A32 Malattia Agente Malattia Agente Batteri Tumore batterico del pesco Cancro batterico del ciliegio - Cancro batterico del pesco - Deperimento batterico e scabbia dei frutti dell albicocco Agrobacterium tumefaciens Pseudomonas syringae pv. mors-prunorum P. syringae pv. syringae Tumore batterico del pesco Cancro batterico del ciliegio - Cancro batterico del pesco - Deperimento batterico e scabbia dei frutti dell albicocco Funghi Agrobacterium tumefaciens Pseudomonas syringae pv. mors-prunorum P. syringae pv. syringae Marciume radicale Armillaria mellea Marciume radicale Armillaria mellea fibroso fibroso Mal del piombo parassitario Chondrostereum purpureum Mal del piombo parassitario Chondrostereum purpureum Cancri rameali Nectria galligena Cancri rameali Nectria galligena Tracheoverticilliosi Verticillium dahliae Tracheoverticilliosi Verticillium dahliae Marciume radicale lanoso Bolla (per albicocco, mandorlo, pesco) Maculatura clorotica anulare e/o lineare Maculatura cloroticanecrotica Rosellinia necatrix Taphrina deformans PDV (virus del nanismo del susino) PNRSV (virus della maculatura anulare necrotica dei Prunus) Marciume radicale lanoso Bolla (per albicocco, mandorlo, pesco) Marciume del colletto Virus Maculatura clorotica anulare e/o lineare Maculatura cloroticanecrotica Necrosi dei frutti Mosaico (per il mandorlo) Nematodi Rosellinia necatrix Taphrina deformans Phytophtora spp.: - P. cactorum, - P. cambivora, - P. citrophthora, - P. megasperma, - P. drechsleri PDV (virus del nanismo del susino) PNRSV (virus della maculatura anulare necrotica dei Prunus) ACLSV (virus della maculatura clorotica fogliare del melo) ApMV (virus del mosaico del melo) Galle alle radici Meloidogyne spp. Galle alle radici Meloidogyne arenaria, M. incognita e M. javanica Lesioni alle radici Pratylenchus vulnus, P. penetrans

6 1. BATTERI I. BATTERI 1.1. Cancro batterico del pesco, deperimento batterico e scabbia batterica dei frutti dell albicocco (Tav. I) Inquadramento tassonomico Famiglia Genere Specie Pseudomonadacae Pseudomonas P. syringae pv. syringae Distribuzione geografica: ubiquitario Modalità di diffusione Il batterio sopravvive nei tessuti vascolari dei rami infetti, nelle gemme e nei cancri ed è, inoltre, un normale componente della microflora batterica sulla superficie delle piante ospiti. In condizioni di elevata umidità relativa e con temperature comprese tra i 12 e 20 C, ottimali per la sua moltiplicazione, esso è in grado di infettare le piante penetrando attraverso soluzioni di continuità dei tessuti di rivestimento (aperture fisiologiche e ferite dovute a pratiche agronomiche ed eventi meteorici). Il periodo autunnale è senza dubbio il più favorevole alle infezioni poiché i batteri invadono le superfici di distacco dei frutti e delle foglie per poi diffondersi nei tessuti sottostanti. In primavera si hanno le infezioni fiorali e fogliari e il batterio inizia a colonizzare epifiticamente le gemme e le foglie in via di formazione, stabilendosi sulla pianta per tutto il ciclo vegetativo. Le penetrazioni nelle strutture fiorali attraverso i nettarii e nelle foglie dai tricomi. Nelle camere sottostomatiche delle foglie il batterio si moltiplica attivamente e in seguito evade nell ambiente attraverso le aperture stomatiche. Le infezioni secondarie, attraverso le cicatrici fogliari, avvengono in autunno, in concomitanza di piogge accompagnate da forte vento che provocano il distacco prematuro delle foglie. Brinate e primavere fredde e umide, l introduzione di materiale di propagazione già infetto e suoli molto sabbiosi sono certamente le principali cause predisponenti le infezioni di P. s. pv. syringae. La dannosità di tale patogeno è accentuata dalla sua capacità criogena. Infatti, la maggior parte dei ceppi di P. s. pv. syringae può fungere da centro di nucleazione del ghiaccio a temperature di poco inferiori allo 0 C e di conseguenza i danni a carico dei tessuti, nell evenienza di abbassamenti termici, risultano esaltati soprattutto sui rami. Piante ospiti: polifago Sintomatologia Pesco: tacche brune sui rami in prossimità dei nodi che spesso circondano l asse e causano l avvizzimento della parte distale, cancri depressi su branche e tronco con fuoriuscita di gomma.

7 Albicocco: avvizzimento di rami e di branche con fuoriuscita di gomma e decolorazione rosso-mattone dei tessuti legnosi sottostanti, maculature idropiche e poi necrotiche di 1-2 mm di diametro ed impallinatura sulle foglie, lesioni circolari leggermente rilevate di colore rosso-bruno sui frutti che successivamente divengono più scure e screpolate (Tavola VIII, fig. 1). Diagnosi Isolamento su Agar-Nutritivo-Saccarosio (colonie levaniformi dopo 48 ore a 25 C) o su Agar-King-B (colonie molto fluorescenti dopo 48 ore a 25 C). Saggio LOPAT ed alcuni saggi biochimici, nutrizionali e fisiologici differenziali consigliati per la identificazione delle patovar di Pseudomonas syringae, saggio sierologico (ELISA o immunofluorescenza indiretta). Saggi di conferma: analisi degli acidi grassi cellulari o PCR. Lotta Impiego di materiale sano, evitare suoli molto sabbiosi e squilibri nutrizionali, eliminare i rami infetti, eseguire potature tardive, disinfettare gli attrezzi di potatura, trattamenti con composti rameici alla caduta delle foglie e in primavera dopo la fioritura. I trattamenti con composti rameici vanno evitati su pesco, soprattutto in quelle aree ad inverni miti, perché potrebbero risultare fitotossici. Punti critici Per i vivaisti: utilizzare materiale di moltiplicazione da piante madri sane controllate mediante controlli visivi e saggi di laboratorio. Per gli agricoltori: realizzare i nuovi impianti con materiale di propagazione di cui sia garantita la sanità.

8 1.2. Tumore batterico del pesco (Tav. I) Inquadramento tassonomico Famiglia Rhizobiaceae Genere Agrobacterium Specie Agrobacterium tumefaciens Distribuzione geografica: ubiquitario Modalità di diffusione A. tumefaciens, a differenza dalla maggior parte degli altri batteri fitopatogeni, può condurre vita saprofitaria nel terreno per diversi anni conservando inalterata la virulenza. Dal terreno, il patogeno, può infettare le piante penetrando attraverso le ferite recenti a livello del colletto o delle radici. Una volta penetrato tale batterio ha la caratteristica peculiare di trasformare, nel giro di ore, le cellule normali della pianta in cellule tumorali le quali tendono ad accrescersi in maniera abnorme e continua anche indipendentemente dalla sua presenza. Il batterio può muoversi anche sistemicamente all interno della pianta. Le infezioni autunnali di solito restano latenti fino alla primavera successiva. I tumori non sempre persistono per lungo tempo; a volte essi si sfaldano e si distaccano già nella stagione autunnoinvernale successiva alla loro formazione anche se non sono rari i casi in cui, nella primavera successiva, si può osservare la formazione di nuovi tumori alla periferia e/o in corrispondenza dei tessuti tumorali preesistenti. Nelle drupacee, in genere, i tumori impiegano più anni per raggiungere lo sviluppo completo e poi decadono lentamente. Nei casi più gravi si può avere la morte delle piante nel giro di 2-3 anni. Gli isolati patogeni per il pesco e per i fruttiferi in genere appartengono alla biovar 1 e 2 con la prevalenza di quest ultima. Piante ospiti: polifago Sintomatologia Masse tumorali, presenti generalmente al colletto e lungo le radici principali, dapprima di piccole dimensioni, isolate o aggregate, di forma sferica e superficie liscia, colore biancastro o bruno-chiaro e di consistenza spugnosa che successivamente si accrescono fino a raggiungere un diametro di parecchi centimetri, diventano di colore bruno-scuro, lignificano e divengono rugose in superficie. Le piante malate, oltre ai tumori, possono presentare sintomi aspecifici rappresentati da ingiallimenti diffusi delle foglie e scarso vigore vegetativo (Tavola VIII, fig. 2 e 3). Diagnosi Isolamenti a partire dalla zona sottocorticale dei tumori giovani, previamente disinfettati, sui substrati selettivi di isolamento 1A e 2E. Sul substrato 1A la biovar 1 dopo 3-4 giorni di incubazione a 27 C forma colonie che presentano la parte centrale rossiccia e il margine giallastro, mentre sul substrato 2E, la biovar 2, forma colonie nelle medesime condizioni di incubazione, aventi colorazione variabile dal verde al rosso vermiglio. Per la identificazione delle biovar vanno effettuati alcuni saggi biochimici, fisiologici e nutrizionali differenziali e il saggio sierologico (ELISA o immunofluorescenza indiretta). Saggi di conferma: analisi degli acidi grassi cellulari o PCR.

9 Lotta Impiego di materiale sano, evitare ferite alle radici e al colletto durante i trapianti; immergere, prima del trapianto, l apparato radicale fino al colletto in sospensioni rameiche o, previa autorizzazione, in sospensioni di Agrobacterium radiobacter ceppo K84 o ceppo K1026; eliminare le piante infette; distruggere i residui di vegetazione infetta. Punti critici Per i vivaisti: impiego di materiale sano accertato mediante controlli visivi ed accertamenti di laboratorio.

10 1.3. Cancro batterico del ciliegio Inquadramento tassonomico Famiglia Pseudomonadacae Genere Pseudomonas Specie P. syringae pv. morsprunorum Distribuzione geografica: ubiquitario Modalità di diffusione Il batterio sopravvive nei cancri e nelle gemme e da qui colonizza epifiticamente le foglie per poi penetrare in autunno nella pianta attraverso le cicatrici fogliari. Questo patogeno, pur non essendo in grado di nucleare il ghiaccio, si moltiplica attivamente in presenza di basse temperature. Piante ospiti: Drupacee (ciliegio in particolare) Sintomatologia Necrosi alla base delle gemme che spesso si approfondiscono nei tessuti per 4-5 mm, causando la mancata apertura delle stesse; sui rami e sulle branche si formano cancri depressi con fuoriuscita di gomma che quando circondano completamente la base dell asse causano il rapido avvizzimento degli stessi; sulle foglie maculature idropiche e poi necrotiche che spesso si distaccano dal lembo provocando impallinatura ; sui frutti piccole macchie circolari (2-3 mm di diametro), scure e leggermente infossate. Diagnosi Isolamento su Agar-Nutritivo-Saccarosio (colonie levaniformi dopo 48 ore a 25 C) o su Agar-King-B (colonie debolmente fluorescenti dopo 48 ore a 25 C). Saggio LOPAT ed alcuni saggi biochimici, nutrizionali e fisiologici differenziali consigliati per la identificazione delle patovar di Pseudomonas syringae, saggio sierologico (ELISA o immunofluorescenza indiretta). Saggi di conferma: analisi degli acidi grassi cellulari o PCR. Lotta Impiego di materiale sano, trattamenti con composti rameici alla caduta delle foglie, poiché le ferite originate dalla caduta delle foglie rappresentano una delle principali vie di penetrazione da parte di tale patogeno; eliminare e distruggere i rami infetti; disinfettare gli attrezzi di potatura in soluzioni di ipoclorito di sodio; effettuare le potature tardivamente a fine inverno; evitare irrigazioni soprachioma. Punti critici Per i vivaisti: impiego di materiale sano accertato mediante controlli visivi ed accertamenti di laboratorio.

11 1.4. Mal secco o macchie nere del noce (Tav. II) Inquadramento tassonomico Famiglia Pseudomonadacae Genere Xanthomonas Specie Xanthomonas arboricola pv. juglandis (sin. Xanthomonas campestris pv. juglandis) Distribuzione geografica: presente in tutte le aree di coltivazione del noce. Modalità di diffusione Il batterio durante l inverno sopravvive nei cancri rameali e nelle gemme dormienti e in primavera colonizza gli amenti e le giovani foglie. Sulla nuova vegetazione, dove penetra sia attraverso gli stomi che dalle ferite viene veicolato dal polline, dalla pioggia, dal vento e dalle acque di irrigazione. Condizioni ottimali per lo sviluppo della malattia sono date da alta umidità relativa nell aria e temperature comprese tra 20 e 28 C benché il batterio pare che sia attivo con temperature comprese fra 4 e 30 C. Durante la stagione vegetativa può trovarsi anche allo stato epifita. Piante ospiti: Noce Sintomatologia Foglie: macchie idropiche quasi puntiformi (circa 1 mm) a contorno angolare che, in seguito necrotizzano e causano deformazioni del lembo. Piccole tacche allungate, nerastre possono comparire anche sul rachide, sul picciolo e sulla nervatura principale. Germogli: tacche necrotiche nerastre più o meno allungate che possono portare al disseccamento del germoglio. Rami e branche: cancri allungati di colore nerastro che quando circondano completamente l asse causano il disseccamento del ramo. Frutti: macchie idropiche, rotondeggianti e leggermente depresse (3-4 mm di diametro) che, col tempo, tendono ad assumere una colorazione nerastra (Tavola VII). Diagnosi Isolamenti su substrato selettivo BS (dopo 4-5 giorni a C si formano colonie circondate da un caratteristico alone di idrolisi dell amido) o YDC (dopo 4 giorni a 25 C appaiono colonie giallastre, lucenti, convesse a bordo regolare di 2-3 mm di diametro); saggi biochimici, nutrizionali e fisiologici consigliati per la identificazione delle specie appartenenti al genere Xanthomonas e saggio sierologico (ELISA o immunofluorescenza indiretta). Saggi di conferma: analisi degli acidi grassi cellulari o PCR. Lotta Impiego di materiale sano, evitare una vegetazione troppo fitta, soprattutto in vivaio, in modo da diminuire il tempo di bagnatura delle foglie; evitare abbondanti concimazioni azotate ed irrigazioni che inducono un eccessivo turgore vegetativo rendendo le piante più suscettibili; evitare irrigazioni soprachioma; eliminare le piante infette; distruggere i residui di vegetazione infetti; effettuare trattamenti con composti rameici alla caduta delle foglie e nella fase di apertura delle gemme.

12 Punti critici Per i vivaisti: impiego di materiale sano accertato mediante controlli visivi ed accertamenti di laboratorio.

13 1.5. Colpo di fuoco (Tav. III e IV) Inquadramento tassonomico Famiglia Enterobacteriaceae Genere Erwinia Specie E. amylovora Distribuzione geografica: presente ormai quasi in tutte le aree di coltivazione delle Pomacee. Modalità di diffusione Lo svernamento di E. amylovora avviene principalmente lungo il bordo dei cancri formatisi sui rami, branche e tronchi nella precedente stagione vegetativa. Sedi meno importanti di svernamento possono essere sia i frutti infetti e mummificati, ancora penduli sulla pianta o caduti a terra, che gli essudati disseccati rimasti aderenti ai tronchi o ai rami o sui residui di potatura. Alla ripresa vegetativa, in condizioni favorevoli di umidità e temperatura, i batteri riprendono a moltiplicarsi ai margini dei cancri, invadono nuovo tessuto corticale e producono essudato. Questo nuovo essudato, insieme ai germi resi disponibili dalle mummie e dai vecchi essudati disciolti dall acqua piovana, costituisce l inoculo primario primaverile. Questo viene disseminato nell ambiente a breve e lunga distanza, sulla stessa o su altre piante, dagli schizzi di pioggia o da insetti occasionali (ad esempio: mosche, formiche, ecc.) visitanti i cancri. I germi dell inoculo primario raggiungono i fiori e/o i giovani germogli e causano le infezioni primarie. Nei fiori possono penetrare attraverso nettarii, stigmi ed antere deiscenti; nei germogli attraverso gli stomi e gli idatodi delle foglie o attraverso ferite. Il periodo di maggiore suscettibilità delle piante ospiti è quello della fioritura in concomitanza di giornate piovose e temperature medie comprese tra C. Dai fiori infetti le api disseminano i germi su altri fiori durante la raccolta del nettare e del polline. Oltre alla pioggia ed al vento, per le infezioni secondarie fungono da attivi vettori gli uccelli e l uomo. Gli uccelli possono contaminarsi le zampe posandosi su piante infette oppure nutrirsi dei loro frutti e diffondere la malattia anche a lunghe distanze. E. amylovora si troverebbe anche allo stato di epifita nelle gemme, sui fiori e sui giovani germogli e da questi organi, privi di sintomi, i germi sarebbero disponibili alla ripresa vegetativa per le infezioni primarie. Un ruolo determinante nella disseminazione del patogeno a lunghe distanze assume il commercio di materiale vivaistico infetto. Anche le correnti d aria possono contribuire alla disseminazione del patogeno a distanze relativamente lunghe trasportando cellule batteriche sotto forma di aerosol. Piante ospiti: Rosacee, Pomoidee Sintomatologia Annerimento e distorsione dei fiori, annerimento e mummificazione dei frutticini, necrosi marginale, internervale e disseccamento totale delle foglie, annerimento dei germogli ed incurvamento degli apici, cancri su rami, branche e fusto con fuoriuscita di essudato. Sia i fiori che i frutticini e le foglie infetti, in genere, restano attaccati alla pianta per tutta la stagione vegetativa (Tavole IV e V).

14 Diagnosi Isolamento su Agar-Nutritivo-Saccarosio (colonie levaniformi) o sul substrato semiselettivo HSNA (colonie di circa 1 mm di diametro cosparse di numerosi crateri sulla superficie dopo 60 ore a 27 C) ed i seguenti saggi: saggio di fluorescenza, presenza di ossidasi, ipersensibilità su tabacco, patogenicità su pere immature e saggio sierologico (agglutinazione su vetrino, ELISA o immunofluorescenza indiretta). Saggi di conferma: analisi degli acidi grassi cellulari o PCR. Lotta Distruzione con il fuoco delle piante infette e trattamento delle aree infette secondo quanto riportato dai Decreti di lotta obbligatoria del 27/03/1996 e del 10/09/1999 emanati in Italia. Punti critici Per i vivaisti: utilizzare materiale di moltiplicazione da piante madri sane controllate mediante controlli visivi e saggi di laboratorio. Per gli agricoltori: realizzare i nuovi impianti con materiale di propagazione di cui sia garantita la sanità. Consigli pratici Per gli agricoltori: evitare materiale di propagazione di dubbia origine; per i nuovi impianti, se si hanno notizie sul comportamento varietale nel territorio pugliese, utilizzare possibilmente quelle varietà che hanno mostrato resistenza o almeno una certa tolleranza verso il colpo di fuoco.

15 TAVOLA I Fig. 1 - Infezioni di P. syringae pv. syringae su foglie e frutti di albicocco Fig. 2 - Tumore batterico su pianta di pesco in campo Fig. 3 - Tumore batterico su piante di pesco in vivaio

16 TAVOLA II Fig. 1 Macchie nere su foglie di noce Fig. 2 Cancro su ramo di noce causato da X. arboricola pv. yuglandis

17 TAVOLA III Fig. 1 Gravi infezioni di colpo di fuoco batterico su giovani piante di pero Fig. 2 Colpo di fuoco batterico: frutticini di pero anneriti e mummificati Fig. 3 Colpo di fuoco batterico: sintomi su foglie Fig. 4 Colpo di fuoco batterico: fiori di pero anneriti e distorti

18 TAVOLA IV Fig. 1 Colpo di fuoco batterico: germoglio annerito con apice incurvato Fig. 2 Colpo di fuoco batterico: cancro giovane su ramo Fig. 3 Colpo di fuoco batterico: cancro fessurato su ramo e infiorescenza annerita Fig. 4 Colpo di fuoco batterico: cancro su fusto con emissione di essudato

19 2. FUNGHI 2.1. Marciume radicale fibroso (Tav. V) Inquadramento tassonomico Regno Divisione Phylum Classe Sottoclasse Ordine Famiglia Genere Specie Mycetae Eumycota Basidiomycota Basidiomycetes Holobasidiomycetidae Agaricales Polyporaceae Armillaria A. mellea (Vahl: Fr.) Kummer Malattia Il marciume radicale fibroso è causato da Armillaria mellea, presente su numerose piante arboree ed arbustive agrarie e forestali. Distribuzione geografica Il marciume radicale fibroso è diffuso ovunque siano presenti le specie ospiti. Modalità di diffusione Il patogeno si sviluppa e si conserva nel terreno principalmente sotto forma di micelio nel legno infetto e rizomorfe (Tavola I, Figura 4). I corpi fruttiferi del fungo, comunemente chiamati chiodini o famigliole buone, possono comparire, durante la stagione umida, al piede delle piante in cui l infezione è presente da molto tempo (Tavola I, Figura 2). Le rizomorfe costituiscono la principale sorgente di inoculo, diffondendo la malattia a macchia d olio. Il micelio può invadere tessuti sani venuti a contatto con altri infetti senza che si abbia la formazione delle rizomorfe. A. mellea, superati i tessuti corticali e venuta a contatto con i tessuti legnosi si organizza in placche miceliari (Tavola I, Figura 3). La velocità di progressione del microrganismo nei tessuti e di comparsa dei sintomi varia molto, ed è più rapida quando l infezione avviene nella zona del colletto. Inoltre, il patogeno è favorito dal ristagno idrico che, causando asfissia delle radici, determina un abbassamento delle difese dell ospite. Temperature ottimali per lo sviluppo della malattia sono comprese tra 20 e 24 C, mentre temperature estreme ne riducono lo sviluppo. Piante ospiti A. mellea è un patogeno estremamente polifago; in Puglia è particolarmente dannoso su pesco, mandorlo e ciliegio (Tavola I, Figura 1).

20 Sintomatologia La malattia si manifesta sulla pianta con uno stato di sofferenza generale aspecifica: vegetazione stentata, clorosi fogliare diffusa o localizzata, appassimento e infine morte. Frequentemente le foglie disseccate rimangono pendenti sulla pianta per un certo periodo dopo la morte. Scalzando il piede della pianta compaiono le manifestazioni sintomatologiche tipiche da Armillaria. La corteccia delle grosse radici e del tronco della zona del colletto è depressa ed appiattita ed ha un colore più scuro del normale. Sollevando le porzioni corticali, che si distaccano facilmente, compaiono placche miceliari color crema che emanano un penetrante odore di fungo fresco e si insinuano tra gli elementi del mantello corticale ed il cilindro legnoso. Sulla superficie degli organi infetti da molto tempo potrebbero riscontrarsi le rizomorfe del patogeno, piatte e larghe qualche millimetro. Il colore delle rizomorfe è dapprima biancastro, poi vira al bruno e, a contatto con l aria, diventa nero. Diagnosi L osservazione dei sintomi a livello del colletto e, in particolare, delle placche miceliari tra corteccia e legno consente la diagnosi della malattia con un buon margine di sicurezza. L osservazione del patogeno in coltura è necessaria quando si vuole accertare la specie di Armillaria. Lotta La lotta si basa essenzialmente su misure preventive. È fondamentale favorire un buon sviluppo vegetativo delle piante ed evitare la presenza del patogeno. In quest ottica è consigliabile, nel caso di nuovi impianti, ricorrere a materiale di propagazione sano e allontanare le radici della coltura precedente, se suscettibile e ancor più se infetta, prima di procedere a nuovi impianti; inoltre, ove possibile, destinare il terreno alla semina di graminacee per alcuni anni. Se disponibili, utilizzare portinnesti dotati di resistenza alla malattia. Punti critici Per i vivaisti: evitare di utilizzare terreni ove sono state riscontrate infezioni di A. mellea; osservare attentamente il colletto delle piante al momento dell estirpazione per evidenziare la eventuale presenza di imbrunimenti della corteccia e di placche miceliari sottostanti. Per gli agricoltori: evitare di impiantare colture arboree in appezzamenti ove sono state osservate infezioni di A. mellea; realizzare i nuovi impianti con materiale di propagazione sano. Consigli pratici Per gli agricoltori: osservare attentamente il colletto e l apparato radicale delle piante al momento dell acquisto; in caso di attacchi in campo, rimuovere prima possibile le piante infette ed evitare di reimpiantare subito sullo stesso terreno. Per il Servizio fitosanitario: effettuare le ispezioni in vivaio al momento dello svellimento delle piante, ma anche durante la stagione vegetativa per individuare aree con sintomi sospetti di deperimento della chioma.

21 TAVOLA V Fig. 1 - Pianta di ciliegio affetta da marciume radicale fibroso. Fig. 2 - Carpofori di Armillaria mellea alla base di una pianta infetta. Fig. 3 - Radice di ciliegio attaccata da Armillaria mellea. Si noti il tipico micelio sottocorticale di colore bianco-cremeo. Fig. 4 - Rizomorfe di Armillaria mellea nel terreno.

22 2.2. Mal della bolla (Tav.VI) Inquadramento tassonomico Regno Mycetae Divisione Eumycota Phylum Ascomycota Classe Archiascomycetes Ordine Taphrinales Famiglia Taphrinaceae Genere Taphrina Specie T. deformans (Berk.) Fuckel Malattia: il mal della bolla è causato da Taphrina deformans. Distribuzione geografica: la malattia è diffusa ovunque siano presenti le specie ospiti. Modalità di diffusione Il fungo sverna sotto forma di ascospore o di gemme-conidi nelle anfrattuosità del ritidoma e tra le perule delle gemme. Alla schiusura delle gemme, in presenza di un velo d acqua, i conidi germinano formando un premicelio che, con un processo meccanico, fora la cuticola e si localizza inizialmente fra la cuticola e l epidermide della pagina superiore della foglia. Più raramente l infezione avviene attraverso gli stomi. Il micelio si sviluppa fra le cellule e da esso si formano, in posizione distale, gli aschi, i quali emergono all esterno riuniti o ravvicinati a formare una fitta palizzata. Gli aschi, contenenti 4-8 ascospore, conferiscono il tipico aspetto vellutato alle foglie bollose. Spesso si verifica un solo ciclo di infezione poiché l aumento di temperatura diventa incompatibile con la vita del fungo e l ospite, ispessendo la cuticola, diventa meno suscettibile. Le condizioni ottimali per le infezioni, in coincidenza con la schiusura delle gemme, prevedono un periodo piovoso e piuttosto freddo; la temperatura ottimale è di 15 C, quelle estreme di 7-28 C; oltre i 28 C il fungo perde completamente la vitalità. Piante ospiti: il mal della bolla oltre che sul pesco è presente anche su nettarine e mandorlo. Sintomatologia Tutti gli organi verdi (fiori, foglie, germogli e frutti) sono suscettibili all infezione ma le foglie subiscono i danni maggiori. I fiori colpiti si presentano deformati, contorti, notevolmente allungati e finiscono per abortire e cadere. Le foglie attaccate manifestano ipertrofia e iperplasia dei tessuti internervali, con deformazioni che si presentano sotto forma di bolle, con la parte convessa nella pagina superiore. La foglia si accartoccia e si ripiega in vario modo, poiché le nervature si accrescono meno rispetto alle zone di parenchima internervale. Le bolle si ingrandiscono, confluiscono tra loro e i tessuti infetti acquistano una consistenza carnosa (Tavola III, Figura 1). Contemporaneamente si hanno delle variazioni cromatiche nei tessuti infetti (Tavola III, Figura 2). Negli stadi finali della malattia, la pagina superiore perde lucentezza e si presenta vellutata per la presenza degli aschi che affiorano all esterno. Verso maggio-giugno le foglie attaccate disseccano e cadono. I germogli infetti appaiono ispessiti e carnosi, spesso privi di foglie nella parte apicale, con internodi raccorciati e cime contorte, che poi finiscono con il disseccare (Tavola III, Figura 3). Sui frutti l attacco è meno frequente: se è precoce, il

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Le prospettive del vivaismo viticolo europeo MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Elisa Angelini CRA VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) 1. Giallumi (Flavescenza dorata e Legno nero):

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO ifesa delle oreste Dryocosmus kuriphilus Yat su matsu Hymenoptera Cynipidae Cos è il Cinipide galligeno del castagno? L imenottero cinipide Dryocosmus kuriphilus Yatsumatsu

Dettagli

Danni insoliti da tripidi sul frutto melo

Danni insoliti da tripidi sul frutto melo Danni insoliti da tripidi sul frutto melo L osservazione e lo studio di sintomi su piante o frutti fa parte delle attività della Sezione Difesa delle Piante presso il Centro per la Sperimentazione Agraria

Dettagli

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane Agrofarmaco biologico per la prevenzione delle malattie fungine del terreno TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane NOVITà TELLUS: la nuova risorsa per una crescita vigorosa TELLUS

Dettagli

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO SEMINARIO TECNICO ALBICOCCHE DI QUALITA :tecniche agronomiche, innovazione varietale e strategie di mercato APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO Sala Consiliare Comune di Scanzano

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE?

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? Elisa Angelini elisa.angelini@entecra.it C.R.A. Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) Foto P. Marcuzzo Foto G. Rama UN PO DI

Dettagli

Funghi e micotossine

Funghi e micotossine Funghi e micotossine Roberto Causin, Dipartimento TeSAF, Sezione Patologia Vegetale, Università degli Studi di Padova 1.1 Aspetti generali Si conoscono decine di generi e specie fungine (muffe) in grado

Dettagli

Controllo Integrato delle infestanti dell'actinidia. INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Indipendentemente dal

Controllo Integrato delle infestanti dell'actinidia. INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Indipendentemente dal INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Graminacee e Interventi chimici: Glifosate 30.40 9 l/ha Consigliabili le applicazioni nel periodo autunnale. L'uso di diserbanti può

Dettagli

ΕΡΓ. ΓΕΩΡΓΙΚΗΣ ΜΗΧΑΝΟΛΟΓΙΑΣ TEL.: (+30210)5294040 FAX: (+301)5294032 ΚΑΘ. Ν. ΣΥΓΡΙΜΗΣ email:ns@aua.gr, www.aua.gr/ns

ΕΡΓ. ΓΕΩΡΓΙΚΗΣ ΜΗΧΑΝΟΛΟΓΙΑΣ TEL.: (+30210)5294040 FAX: (+301)5294032 ΚΑΘ. Ν. ΣΥΓΡΙΜΗΣ email:ns@aua.gr, www.aua.gr/ns ORTICOLE IN SERRA Preparazione del terreno Trapianto Post-Trapianto Inizio accrescimento vegetativo Accrescimento vegetativo Fioritura Allegagione Ingrossamento bacche frutti Invaiatura Maturazione Obiettivo/Problema

Dettagli

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un COME FUNZIONA UN ALBERO di Mario Carminati e Massimo Ranghetti La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un albero è che si tratta di un essere vivente, proprio come noi. È un fatto scontato, certo,

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4 Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura melo, pero, kiwi schede colturali - volume 4 I prodotti che AGM fabbrica con destinazione speciale per frutteti, sono stati testati

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Laore. Riconoscimento e lotta alle principali avversità del pomodoro da mensa in coltura protetta. guida illustrata

Laore. Riconoscimento e lotta alle principali avversità del pomodoro da mensa in coltura protetta. guida illustrata Laore Agenzia regionale per lo sviluppo in agricoltura Riconoscimento e lotta alle principali avversità del pomodoro da mensa in coltura protetta guida illustrata Riconoscimento e lotta alle principali

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

IASMA Notizie DIFESA ESTIVA DELL OLIVO

IASMA Notizie DIFESA ESTIVA DELL OLIVO IASMA Notizie OLIVICOLTURA Notiziario tecnico del Centro Trasferimento Tecnologico della Fondazione Edmund Mach - Istituto Agrario di S. Michele all Adige 24 giugno 2011 n. 2 IASMA Notizie n. 28 - Anno

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara

Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara VitiMeteo-Plasmopara consente di affinare la lotta contro la peronospora, senza tralasciare gli episodi d infezioni importanti e permette di evitare dei

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.vitaincampagna.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi da

Dettagli

LE PRINCIPALI ALTERAZIONI DEL POMODORO IN SERRA

LE PRINCIPALI ALTERAZIONI DEL POMODORO IN SERRA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO AGRICOLTURA E FORESTE LE PRINCIPALI ALTERAZIONI DEL POMODORO IN SERRA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO AGRICOLTURA E FORESTE Dipartimento Interventi Infrastrutturali Servizio

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Struttura della foglia

Struttura della foglia Struttura della foglia La struttura delle foglie varia per grandezza e forma apice nervatura lamina fogliare base stipole picciolo Forma della lamina fogliare a squama ad ago lineare ellittica ovale lanceolata

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

IL MONDO DELLE PIANTE

IL MONDO DELLE PIANTE PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute IL MONDO DELLE PIANTE 2010 Realizzato dall Istruttore Educativo: Colella Anna 1 INDICE Classificazione delle piante pag. 3 Le parti della pianta

Dettagli

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Endivie 2013-2014 Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Tutto il meglio dell endivia Negli ultimi anni Rijk Zwaan ha realizzato un importante programma di ricerca dedicato all endivia. Si

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987)

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Prima regola: oltre un certo carico produttivo per ceppo la qualità diminuisce ( ) Fittezza in relazione

Dettagli

LE PATATE DA SEME OLANDESI APPROVATE; l importanza della certificazione dei tuberi-seme

LE PATATE DA SEME OLANDESI APPROVATE; l importanza della certificazione dei tuberi-seme LE PATATE DA SEME OLANDESI APPROVATE; l importanza della certificazione dei tuberi-seme LE PATATE DA SEME OLANDESI APPROVATE; l importanza della certificazione dei tuberi-seme Indice L importanza della

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

1. Quando si devono potare le rose? 2. Come disporre i rami delle rose rampicanti? 3. Qual è il periodo migliore per piantare una rosa?

1. Quando si devono potare le rose? 2. Come disporre i rami delle rose rampicanti? 3. Qual è il periodo migliore per piantare una rosa? 1. Quando si devono potare le rose? a) I Rosai rampicanti e arbustivi: non si potano in quanto fioriscono sui rami (sarmenti) dell anno precedente; se potiamo, la produzione di fiori viene ridotta a circa

Dettagli

Accademia Nazionale dell Olivo e dell Olio

Accademia Nazionale dell Olivo e dell Olio Accademia Nazionale dell Olivo e dell Olio Spoleto Collana divulgativa dell Accademia Volume XIII PRINCIPALI PATOGENI E DIFESA A cura di N. Iannotta, G. Loconsole, M.E. Noce, M. Saponari, V. N. Savino,

Dettagli

ogni giorno in prima linea

ogni giorno in prima linea Servizio itosanitario Emilia-Romagna ogni giorno in prima linea proteggere le coltivazioni, le alberature, i parchi e le aree verdi dell'emilia-romagna da organismi nocivi fornire un supporto specialistico

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev.

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev. Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi Geom. Sara Moretti Progettazione; Elaborazioni grafiche. I INDICE INDICE... I

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Obiettivi: - evitare o ridurre il fenomeno della sciamatura - conservare le api nell alveare o nell apiario (sciamatura temporanea) I metodi sono diversi

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio 1 Ambito della ricerca Nella primavera 2009 l Unità di Ricerca

Dettagli

Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa **

Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa ** MELONE Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa ** * Tecnico CReSO ; Tecnici SATA / Cadir Lab. Elenco delle cultivar poste a confronto Varietà Ditta Tip. Agustino Rijk

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO Fabrizio Battista, Federica Gaiotti, Davide Mosetti, Gilberto Bragato, Diego Tomasi CRA-VIT CENTRO DI RICERCA

Dettagli

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe Direzione Generale della sanità animale e dei farmaci veterinari Direzione Generale della comunicazione e delle relazioni istituzionali Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate

Dettagli

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Gli interventi di ripristino vegetazionale rappresentano la fase conclusiva dei lavori

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus L AVANZAMENTO DELLA RICERCA SULLA RESISTENZA ALLA FLAVESCENZA DORATA Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) DUE GIALLUMI IMPORTANTI IN EUROPA ED ITALIA Flavescenza

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Le specie di funghi commestibili più comuni

Le specie di funghi commestibili più comuni Le specie di funghi commestibili più comuni Macrolepiota procera Mazza di tamburo Cappello: da 10 a 25 cm di diametro, dapprima ovoidale, quasi sferico, poi piano umbonato al centro, con margine sfrangiato;

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

API, VESPE, CALABRONI ED IMENOTTERI PUNGENTI

API, VESPE, CALABRONI ED IMENOTTERI PUNGENTI (vers. 1 del 03/05/2005) API, VESPE, CALABRONI ED IMENOTTERI PUNGENTI Dio fece le api, il diavolo le vespe (Proverbio nordico) 1. GENERALITÀ Occorre premettere che è da ritenere del tutto naturale l occasionale

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

Miscele da Sovescio Agri.Bio

Miscele da Sovescio Agri.Bio Miscele da Sovescio Agri.Bio Il sovescio è una pratica agronomica consistente nell'interramento di apposite colture allo scopo di mantenere o aumentare la fertilità del terreno. I risultati che si possono

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

A COSA SERVONO LE FOGLIE?

A COSA SERVONO LE FOGLIE? A COSA SERVONO LE FOGLIE? Le foglie fabbricano il cibo della pianta, trasformando aria e acqua in glucosio (zucchero). Una foglia è formata da: Di solito la foglia è formata LAMINA da una parte appiattita

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI Per aberrazione intendiamo qualsiasi differenza fra le caratteristiche ottiche di un oggetto e quelle della sua immagine, creata da un sistema ottico. In altre parole, ogni

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI,

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI, Strada dei mercati, 17 43126 Parma Tel.0521984996 Fax 0521950084 info@codiparma.it www.codiparma.it Oggetto: Campagna assicurativa 2015 Spett.le Socio, da quest anno le risorse finanziare sono reperite

Dettagli

Lotta biologica per la difesa fitosanitaria del castagneto

Lotta biologica per la difesa fitosanitaria del castagneto GAL L ALTRA ROMAGNA S. CONS. A R.L. Via Roma, 24 47027 Sarsina (FC) Tel. 0547.698301 Fax 0547.698345 altrarom@tin.it COD. FISC. e P. IVA 02223700408 www.altraromagna.it PSR ASSE 4 Leader MISURA 412 Azione

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

CARATTERISTIC HE-ALIMENTARI. buono da mensa ottimo per salse fragranza intensa

CARATTERISTIC HE-ALIMENTARI. buono da mensa ottimo per salse fragranza intensa CARATTRISTICH- CARATTRISTIC H-ALIMNTARI DV pomodoro ovale di daniele semina: febbraio trapianto: aprile-maggio raccolta: luglio-novembre buccia chiara, arancione se maturo, polpa compatta, pochi semi,

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Facciamoci due conti

Facciamoci due conti Facciamoci due conti Ma alla fine quanto si guadagna a coltivare canapa? la domanda sorge spontanea ed è più che legittima, specie considerando il panorama deprimente dell agricoltura in Italia ai giorni

Dettagli

POTATURA DELLA VITE QUANTE GEMME LASCIARE NEL 2014

POTATURA DELLA VITE QUANTE GEMME LASCIARE NEL 2014 C.E.C.A.T. Castelfranco V.to COMUNICATO TECNICO n 1/2014 (9-01-2014) PROGETTO VITE POTATURA DELLA VITE QUANTE GEMME LASCIARE NEL 2014 Per ottenere dal vigneto il risultato migliore intermini di qualità

Dettagli

6. L acqua e la tecnica dell irrigazione

6. L acqua e la tecnica dell irrigazione Sansavini_p145-172_c06 24/03/2005 08:58 Pagina 145 6. L acqua e la tecnica dell irrigazione CristosXiloyannis, Rossano Massai, Bartolomeo Dichio 6.1. Il ruolo dell acqua nella pianta L acqua è il costituente

Dettagli

Affidabilità senza condizioni

Affidabilità senza condizioni NOVITÀ Affidabilità senza condizioni Pergado: fungicida antiperonosporico per la vite Mandipropamid, una molecola dalle caratteristiche innovative Mandipropamid, molecola originale della ricerca Syngenta,

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

frutto rosso Asia minore, frutto nero America del nord, mora giapponese Cina

frutto rosso Asia minore, frutto nero America del nord, mora giapponese Cina PICCOLI FRUTTI Piccoli frutti è di derivazione inglese small fruits, che sta a indicare non tanto la minore importanza di queste coltivazioni, quanto semplicemente la piccola pezzatura dei frutti stessi.

Dettagli

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità?

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità? FAQ: Condizionalità Cosa si intende per condizionalità? La condizionalità è una delle maggiori novità introdotte dalla Politica Agricola Comune (PAC) approvata nel 2003. Rappresenta l insieme delle norme

Dettagli

NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT

NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT 2 NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT di Umberto Malossini Le schede ISMA - AVIT 3001 da Goldtraminer, B. ISMA - AVIT 513 da Pinot grigio, G.

Dettagli