ACTION PLAN CAF 2011 SETTORE LAVORO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ACTION PLAN CAF 2011 SETTORE LAVORO"

Transcript

1 ACTION PLAN CAF 2011 SETTORE LAVORO DAI PROBLEMI ALLE SOLUZIONI PROVINCIA DI VERONA Settore Politiche Attive per il Lavoro Via delle Franceschine VERONA telefono fax Posta Elettronica Certificata (PEC): partita iva e codice fiscale

2 A CTION PLAN CAF 2011 DAI PROBLEMI ALLE SOLUZIONI 1. LE PRIORITÀ D INTERVENTO SCELTE A VALLE DELLA VALUTAZIONE E LE RAGIONI DELLA SCELTA A seguito del secondo processo di autovalutazione effettuato nel corso dell anno 2010 dai Gruppi GAV composti da Gecchele, Giardino, Lanza e Scupola (GAV 1) e da De Carli, Fadda, Permunian e Zanella (GAV 2), i Gruppi di Miglioramento GDM 1 (Lanza, Giardino, Laudanna, Scupola) e GDM 2 (Benedetti, De Carli, Permunian e Zanella), tenuto conto degli effetti, in termini di impatto e complessità, sia in riferimento all organizzazione interna che ai risultati producibili e perseguibili verso l esterno, hanno ritenuto di progettare e promuovere nuovi interventi di miglioramento in relazione ai due sub criteri già oggetto di potenziamento: sottocriteri oggetto di azioni di miglioramento 4.4 Gestire le informazioni e la conoscenza 6.2 Indicatori di orientamento al cittadino cliente criterio di riferimento Partnership e Risorse Risultati orientati al cittadino cliente tipo Fattore abilitante Risultato e, altresì, a due nuovi sub criteri ritenuti, per le ragioni di cui sopra, degni di interventi di miglioramento: sottocriteri oggetto di criterio di riferimento tipo azioni di miglioramento 4.5 Gestire la tecnologia Partnership e Risorse Fattore abilitante 4.1 Sviluppare/implementare relazioni con i partner chiave Partnership e Risorse Fattore abilitante Le motivazioni che hanno indotto i Gruppi di Miglioramento a individuare i quattro sotto criteri come destinatari delle azioni di miglioramento possono così sintetizzarsi: o o in ordine ai due sotto criteri fatti oggetto di analisi nell anno 2010, appare conveniente la prosecuzione dell attività di miglioramento già iniziata che potrà, seguendo le buone pratiche attivate, condurre a ulteriori e significativi risultati nel breve/medio periodo; in ordine, invece, ai due nuovi sotto criteri identificati, si ritiene che l adozione di attività utili al miglior sfruttamento delle risorse tecnologiche di cui si dispone e l ampliamento e il consolidamento dei rapporti con i partner principali, anche e soprattutto sfruttando alcune operatività già condivise, possano arrecare all intero sistema tangibili e immediati vantaggi. CAF 2011 Rev. 00 del 22/03/2011 Pagina 2 di 7 Action Plan CAF 2011

3 2. GLI OBIETTIVI DELL ACTION PLAN Le priorità d intervento delineate per l anno 2011, consentiranno di progettare e sperimentare, grazie all azione dei Gruppi di Miglioramento e anche attraverso la fattiva collaborazione dei responsabili e degli operatori dei centri per l impiego interessati, azioni di miglioramento tese principalmente a stabilizzare e rinforzare i risultati, sia sul versante del rapporto/relazione servizio cliente che su quello dell organizzazione interna, già raggiunti attraverso i precedenti interventi di miglioramento e altre finalizzate allo sfruttamento e all ampliamento delle potenzialità offerte dalle tecnologie in uso e dalle relazioni con i soggetti ritenuti partner affidabili e convenienti per il miglioramento e l efficacia dei servizi per il lavoro. L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI MIGLIORAMENTO Rimane confermata la composizione dei due Gruppi di Miglioramento costituiti e avviati con il Piano d Azione 2010: onplan.pdf Il Gruppo di Miglioramento 1 (Lanza; Giardino, Laudanna e Scupola) progetterà e applicherà soluzioni migliorative in riferimento ai sub criteri: o 4.4 Gestire le informazioni e la conoscenza o 4.5 Gestire la tecnologia Il Gruppo di Miglioramento 2 (Benedetti, De Carli, Permunian e Zanella) progetterà e applicherà soluzioni migliorative in riferimento ai sub criteri: o 6.2 Indicatori di orientamento al cittadino cliente o 4.1 Sviluppare/implementare relazioni con i partner chiave I due Gruppi di Miglioramento nello svolgimento delle attività finalizzate all indicazione e all organizzazione delle concrete azioni di miglioramento, opereranno secondo la logica PDCA (pianificare fare verificare - migliorare), tenendo nella necessaria considerazione la strategia migliorativa già verificata nel periodo precedente, i risultati della prima (complessiva) e della seconda autovalutazione (riferita ai sub criteri presi in esame) e avendo cura di stabilire, se opportuno, momenti di lavoro trasversale tra i due gruppi nell ottica dell ineludibilità di una visone complessiva dell intervento. L ideazione e il collaudo delle azioni di miglioramento saranno organizzati secondo un percorso che prevede: o l analisi della situazione in essere, a seguito anche degli interventi migliorativi realizzati nel corso dell anno 2010, in riferimento ai sotto criteri 4.4 Gestire le informazioni e la conoscenza e 6.2 Indicatori di orientamento al cittadino cliente nonchè alla luce dei risultati dei due processi di autovalutazione eseguiti e l esame, in relazione ai sotto criteri 4.5 Gestire la tecnologia e 4.1 Sviluppare/implementare relazioni con i partner chiave della condizione presente rilevata dagli esiti dell autovalutazione prodotta e, in primo luogo, attraverso la determinazione di ogni elemento utile alla descrizione delle cause CAF 2011 Rev. 00 del 22/03/2011 Pagina 3 di 7 Action Plan CAF 2011

4 che rendono tale condizione problematica ma migliorabile; o la sperimentazione delle azioni migliorative conseguita attraverso l opera dei Gruppi di Miglioramento e l ausilio degli operatori specificatamente indicati presso i centri per l impiego; o la verifica delle azioni e dei risultati prodotti da misurarsi, soprattutto, attraverso l effettiva corrispondenza, per ogni singola azione, tra il risultato generato e l obiettivo perseguito; o la standardizzazione e la messa a regime dei risultati conseguiti, se in linea con i fini attesi, anche tramite processi formativi, di addestramento e di coinvolgimento di porzioni rilevanti di operatori dell intera organizzazione. Nello svolgimento e nell esecuzione delle proprie attività, orientate dalla logica del PDCA (pianificare fare verificare - migliorare), i due Gruppi di Miglioramento avranno cura di fondare la propria riflessione e strategia operativa partendo dai temi e dai contenuti resi palesi nel corso dell autovalutazione, concentrando l attenzione sull essenza del problema e sulle aree di miglioramento, immaginando come l intervento migliorativo possa concretamente produrre effetti virtuosi in seno all organizzazione e impatti positivi sull ambiente sociale destinatario del servizio. LE INDICAZIONI OPERATIVE La scansione dei lavori dei Gruppi di Miglioramento sarà gestita mediante registrazione nel cronoprogramma e nel calendario posizionati nella Nas al seguente percorso: Z:\Oliveri\7 REPORT\REPORT 2011\LAVORO\ob 1 att 5 sub criteri CAF. Sarà cura dei Gruppi di Miglioramento definire le modalità concrete di produzione e sperimentazione delle azioni migliorative nonché le sedi (fisiche e virtuali) più idonee ai test. L operatività dei Gruppi sarà regolata dalle modalità contenute nel Piano d Azione Caf 2010 che prevede un referente per ciascun Gruppo (Alberto Lanza per GdM 1 e Cristina Benedetti per GdM 2) e un agente responsabile per ogni singola azione di miglioramento. L obiettivo dei Gruppi consiste nell effettiva realizzazione degli interventi di miglioramento che, in totale aderenza alla logica e allo spirito del Caf (Common Assessment Framework), dovranno condurre al raggiungimento degli indicatori stabiliti dal PEG (Piano Esecutivo di Gestione). 3. AZIONI DA REALIZZARE INTERVENTI GRUPPO DI MIGLIORAMENTO 1 SUBCRITERIO 4. 4 GESTIRE LE INFORMAZIONI E LA CONOSCENZA Il Gruppo di Miglioramento 1, nella sessione di lavoro del 24 marzo 2011, ha considerato opportuno, in riferimento al sotto criterio 4. 4 Gestire le informazioni e la conoscenza, organizzare gli interventi migliorativi attraverso il consolidamento e l ampliamento delle azioni sperimentate e adottate nell anno 2010, nella modalità dei cosiddetti quick wins (azioni a rapido impatto e moderato sforzo - abbreviazione: Q): CAF 2011 Rev. 00 del 22/03/2011 Pagina 4 di 7 Action Plan CAF 2011

5 Intervento Q_1: Newsletter periodica Responsabile attività Dario Laudanna Supporto: Gruppo redazionale J4U lo strumento informativo, su template elaborato lo scorso anno e soggetto a verifica, consentirà la trasmissione e la diffusione all intero settore lavoro delle notizie e delle informazioni utili all erogazione di un servizio tempestivo e uniforme sull intero territorio provinciale sono previste almeno 3 newsletter, trasmesse attraverso lo strumento della posta elettronica, nell arco del periodo aprile dicembre i cui contenuti possono prevedersi nella descrizione: 1) attività Caf Miq; 2) diffusione delle schede informative prodotte nell ambito dell Intervento Q_3. 3 e dei contenuti dei verbali degli incontri periodici di cui all intervento Q_2. 2; 3) divulgazione dei contenuti dei predetti verbali di incontri periodici e altre informazioni che all epoca saranno ritenute utili. Accanto alla trasmissione periodica della newsletter, l azione di miglioramento prevede l elaborazione di una specifica pagina del portale dedicata all illustrazione delle attività Caf che, a partire dall anno 2009, hanno interessato il Settore Lavoro della Provincia, in cui saranno rese disponibili tutte le informazioni e garantito l accesso ai documenti prodotti. Intervento Q_2: Pianificazione Incontri periodici - Responsabile attività: Gabriella Giardino Supporto Carlo Scupola e Responsabili CpI e operatori CpI coinvolti - previsione di almeno 2 incontri degli operatori dei servizio IDO ACCOGLIENZA e MOBILITA da effettuarsi nell arco del periodo maggio novembre e di almeno 2 incontri dei Responsabili CpI nell arco del periodo giugno dicembre dagli incontri scaturiranno appositi protocolli operativi soggetti a verifica da parte degli stessi Responsabili CpI, successiva validazione da parte del Dirigente di Settore e salvataggio nella cartella NAS. Intervento Q_3: Schede informative in formato amichevole - Responsabile attività: Alberto Lanza - Supporto: Gruppo redazionale J4U - elaborazione di almeno 3 o 4 nuove schede informative, sul format utilizzato per la predisposizione delle schede 2010, da posizionarsi nel distributore on line (http://www.j4u.provincia.vr.it/sezione.jsp?titolo=distributore OnLine&idSezione=2500&profilo=lav ) e da prodursi in formato cartaceo a disposizione degli utenti i contenuti ipotizzati sono i seguenti: Agevolazioni alle assunzioni Contratto di apprendistato Orario di lavoro e ferie e Disciplina dei licenziamenti. SUBCRITERIO 4. 5 GESTIRE LA TECNOLOGIA In riferimento al sotto criterio 4. 5 Gestire la tecnologia, gli interventi migliorativi saranno prodotti, sempre secondo la modalità dei quick wins (azioni a rapido impatto e moderato sforzo), nell obiettivo di ottimizzare le risorse tecnologiche disponibili e di renderle idonee allo sviluppo a distanza dei percorsi formativi degli operatori del settore e alla circolazione dei servizi sul territorio nell ottica del minor dispendio organizzativo ed energetico: Intervento Q_1: Notiziario informativo in formato newsletter alle aziende PAA - Responsabili attività: Lanza, Scupola, Laudanna - tempi e modalità dell azione: creazione di template di trasmissione (la soluzione prospettata prevede la strutturazione di newsletter di tipo digest che permette la selezione automatica delle notizie redatte in fase CAF 2011 Rev. 00 del 22/03/2011 Pagina 5 di 7 Action Plan CAF 2011

6 di news) e periodico invio easy and fast entro settembre 2011; invio di lettere alle aziende PAA per l acqusizione dei referenti aziendali e dei rispettivi recapiti mail entro giugno 2011; creazione di mailing list contenente gli indirizzi mail delle aziende PAA a cui inviare il notiziario informativo in formato newsletter entro settembre Intervento Q_2: File semplificati per la gestione tecnologica delle convocazioni dei lavoratori Responsabile attività: Carlo Scupola Supporto: operatori Cpi l attività consiste nel mettere a punto particolari file, di semplice utilizzabilità, che consentono l individuazione, mediante estrazioni periodiche di controllo, di particolari categorie di lavoratori soggette a obblighi di convocazione presso i CpI - l azione si concentrerà sulla ricerca e il monitoraggio dei lavoratori in mobilità indennizzata da segnalare agli enti pubblici per le attività di pubblica utilità e sui lavoratori che hanno fornito la Did all Inps per la successiva sottoscrizione del Patto di servizio presso i CpI di competenza da testare presso CpI di legnago entro giugno Questi file saranno realizzati dalla UO informatica su analisi degli operatori dei CpI. Intervento Q_3: Formazione a distanza degli operatori Responsabile attività: Carlo Scupola Supporto: Dario Laudanna La formazione a distanza si è resa necessaria a seguito delle ristrettezze imposte sull'utilizzo dei mezzi di propri e dell'assenza di automobili in dotazione dei cpi. La formazione a distanza sarà effettuata utilizzando skype e software internet per la visualizzazione dello schermo del docente. La formazione riguarderà le modifiche di Ido, per la parte di integrazione con il catalogo offerta formativa, e l'utilizzo dei file realizzati nel punto Q2. INTERVENTI GRUPPO DI MIGLIORAMENTO 2 Il Gruppo di Miglioramento 2, nella sessione di lavoro del 21/2 e 7/3, tenuto conto delle attività sviluppatesi del nel 2010, ha considerato opportuno, in riferimento ai sotto criteri oggetto di miglioramento, organizzare gli interventi migliorativi attraverso il consolidamento e l ampliamento delle azioni sperimentate e adottate nell anno 2010, nella modalità dei cosiddetti quick wins (azioni a rapido impatto e moderato sforzo): SUBCRITERIO 6.2 GLI INDICATORI DI ORIENTAMENTO AL CITTADINO CLIENTE Le sollecitazioni pervenute dalle azioni poste in essere nel precedente anno favoriscono il consolidamento dell attività avviata e lo sviluppo di nuove azioni, in base alle seguenti osservazioni: Il focus group con gli operatori del servizio accoglienza dei CPI ha permesso di cogliere l esigenza di conoscere le funzioni, i compiti e le attività della Consigliera di parità. Dato l elevato numero di donne, di età e appartenenze diverse, che si rivolgono ai servizi dei CPI, si ritiene utile stabilire una connessione e interazione con il servizio offerto dalla Consigliera allo scopo di potenziare la qualità e la completezza delle informazioni fornite ai cittadini. In seguito a tale intervento si ipotizza di realizzare un focus group con gli operatori dell accoglienza per valutare l incidenza degli interventi realizzati dopo e/o a seguito della precedente rilevazione, creando un trend di monitoraggio nel tempo. Si osserva che è incompleta la comunicazione e promozione delle funzioni e compiti dei CPI nell ambito dell orientamento rivolto ai giovani in diritto dovere, e soprattutto del CAF 2011 Rev. 00 del 22/03/2011 Pagina 6 di 7 Action Plan CAF 2011

7 collegamento con le reti territoriali per l orientamento. Si ritiene di agire proprio sul piano della comunicazione, attraverso il miglioramento della pagina relativa all orientamento, presente sul portale J4U. In base a queste osservazioni si ipotizza di realizzare le seguenti azioni di miglioramento: Intervento Q_1: Incontri Informativi/formativi nell ambito delle politiche di genere con l obiettivo di favorire il raccordo tra gli operatori dei CPI e la Consigliera di parità della Provincia. Intervento Q_2: Piano editoriale pagina web sull orientamento in diritto dovere con l obiettivo di realizzare una comunicazione efficace, attraverso la pagina web sull orientamento in diritto dovere, presente sul Portale lavoro J4U. Intervento Q_3: Focus group con gli operatori accoglienza del CPI con l obiettivo di raccogliere informazioni sui miglioramenti intervenuti in seguito alle azioni intraprese. SUBCRITERIO 4.1 SVILUPPARE/IMPLEMENTARE RELAZIONI CON I PARTNER CHIAVE Un problema concreto segnalato dagli operatori si riferisce al nuovo strumento informatico banca dati dell offerta formativa, attualmente a disposizione on line per gli operatori e per gli utenti finali, che tuttavia è incompleto in quanto non ancora popolato da parte di tutti gli enti che erogano formazione. Un secondo problema, segnalato in modo chiaro dai partner si riferisce al fatto che gli operatori di orientamento deputati in generale ad accompagnare i giovani portatori di handicap nel percorso scolastico o al lavoro richiedono un processo formativo per acquisire competenze specifiche nell ambito della presa in carico di tali soggetti. In base a queste osservazioni si ipotizza di realizzare le seguenti azioni di miglioramento: Intervento Q_1: incontri formativi sulla banca dati dell offerta formativa con l obiettivo di fornire agli operatori dei partner chiave le competenze tecniche per il popolamento della banca dati. Intervento Q_2: percorso formativo per operatori di orientamento con l obiettivo di fornire competenze specifiche in tema di handicap agli operatori di orientamento del territorio. La descrizione dettagliata degli interventi suddetti sarà descritta in apposite schede. CAF 2011 Rev. 00 del 22/03/2011 Pagina 7 di 7 Action Plan CAF 2011

Piano d Azione CAF2010

Piano d Azione CAF2010 Settore Politiche Attive per il Lavoro Piano d Azione CAF2010 gennaio 2010 Linea 1 del Programma Operativo FSE 2007-2013: Rafforzamento dei SPI 2 Premessa Il presente documento, denominato Piano d Azione

Dettagli

Gli interventi dei Gruppi di Miglioramento CAF2009

Gli interventi dei Gruppi di Miglioramento CAF2009 Gli interventi dei Gruppi di Miglioramento CAF2009 aprile - maggio 2010 Linea 1 del Programma Operativo FSE 2007-2013: Rafforzamento dei SPI Settore Politiche Attive per il Lavoro Gli interventi dei Gruppi

Dettagli

IISS G.SALVEMINI ALESSANO - C.A.F. DALL AVVIO DEL PERCORSO DI AV ALLA STESURA DEL RAV

IISS G.SALVEMINI ALESSANO - C.A.F. DALL AVVIO DEL PERCORSO DI AV ALLA STESURA DEL RAV DALL AVVIO DEL PERCORSO DI AV ALLA STESURA DEL RAV ARTICOLAZIONE DEL PERCORSO CAF E TEMPI Avvio attività processo AV Processo AV Predisposizione Piano di miglioramento Periodo di riferimento 6 mesi GLI

Dettagli

Istituto Comprensivo di Positano e Praiano C.A.F. 2014

Istituto Comprensivo di Positano e Praiano C.A.F. 2014 ARTICOLAZIONE DEL PERCORSO CAF E TEMPI Avvio attività processo AV Processo AV Predisposizione Piano di miglioramento Periodo di riferimento 8 mesi GLI STEP DEL VIAGGIO CAF FASI PROCESSO AUTOVALUTAZIONE

Dettagli

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE 4 GIUGNO 2014 Feedback report Nome dell organizzazione: Indirizzo: Referente: ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

Dettagli

PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM. I.C. San Francesco di Paola Messina MEIC86500V

PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM. I.C. San Francesco di Paola Messina MEIC86500V PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM CODICE MECCANOGRAFICO SCUOLA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* MEIC86500V I.C. San Francesco di Paola Messina (X ) COMPLETO - ( ) PARZIALE MARZO 2015 1

Dettagli

DESCRIZIONE DEL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE

DESCRIZIONE DEL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE DESCRIZIONE DEL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE Step 1 - Decidere come organizzare e pianificare l autovalutazione Ancor prima dell unificazione in entrambi i Plessi erano state avviate iniziative volte al

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (allegato Delibera Giunta n. 4 del 02.02.2015) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) PREMESSA Con la redazione del Programma Triennale per la

Dettagli

COMUNE DI BUDRIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013)

COMUNE DI BUDRIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) All.B) COMUNE DI BUDRIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) PREMESSA Con la redazione dell aggiornamento del Programma Triennale per la trasparenza

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PIANO DI MIGLIORAMENTO GESTIONALE COMUNE DI RIMINI / UO Gestione Pubblicità e Affissioni

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO RESPONSABILE:

PIANO DI MIGLIORAMENTO RESPONSABILE: PIANO DI MIGLIORAMENTO DI.. RESPONSABILE:.. PRIMA SEZIONE SCENARIO DI RIFERIMENTO Caratteristiche del contesto, vincoli e opportunità interne ed esterne L Istituto.. nasce nel. come Istituto Professionale

Dettagli

Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014

Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014 Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014 1. PREMESSA Con la redazione del presente Programma Triennale per la trasparenza e l integrità,

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014 1 PREMESSA Con la redazione del presente Programma Triennale per la trasparenza e l integrità, di seguito denominato Programma,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RIASSETTO ORGANIZZATIVO E DIDATTICO DEI CENTRI PER L ISTRUZIONE DEGLI ADULTI MATERIALI

REGOLAMENTO PER IL RIASSETTO ORGANIZZATIVO E DIDATTICO DEI CENTRI PER L ISTRUZIONE DEGLI ADULTI MATERIALI REGOLAMENTO PER IL RIASSETTO ORGANIZZATIVO E DIDATTICO DEI CENTRI PER L ISTRUZIONE DEGLI ADULTI MATERIALI A fronte del grande obiettivo che nel comma 632 della L.296/06 è posto a fondamento di tutta l

Dettagli

SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME SISTEMA INFORMATIVO REGIONE PIEMONTE SUI VAR - 41

SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME SISTEMA INFORMATIVO REGIONE PIEMONTE SUI VAR - 41 Pag. 1 di 10 SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME agosto 2010 Pag. 2 di 10 SOMMARIO 1. SCOPO DEL DOCUMENTO...3 2. INQUADRAMENTO...3 3. LO USER GROUP SPORTELLO UNICO...4 4. IL SOFTWARE PER

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - -3 - 't! PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA Denominazione del Piano VOIP COMUNICAZIONE TURISMO

Dettagli

Feedback report. Direzione Didattica 2 Circolo Niscemi (CL)

Feedback report. Direzione Didattica 2 Circolo Niscemi (CL) Feedback report Direzione Didattica 2 Circolo Niscemi (CL) 13 febbraio 2014 Feedback report Nome dell organizzazione: Indirizzo: Referente: Telefono: Fax: Direzione Didattica -2 Circolo Niscemi Via Calatafimi,

Dettagli

RIESAME DI DIREZIONE E RAPPORTO DI. ( 21.06.11) a.s. 2010-2011. Collegio Docenti 1 settembre 2011

RIESAME DI DIREZIONE E RAPPORTO DI. ( 21.06.11) a.s. 2010-2011. Collegio Docenti 1 settembre 2011 RIESAME DI DIREZIONE E RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE ( 21.06.11) a.s. 2010-2011 Collegio Docenti 1 settembre 2011 RIESAME - ALCUNI DATI Rif. 8.2.3 Monitoraggio e misurazione dei processi Processo 1 : formativo

Dettagli

Piano annuale della comunicazione

Piano annuale della comunicazione Agenzia Formazione Orientamento Lavoro di Monza e Brianza Piano annuale della comunicazione 2014 Approvato con verbale di determinazione dell amministratore unico n. 30 del 15/11/2013 SOMMARIO Premessa

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

PERCORSO CAF EDUCATION

PERCORSO CAF EDUCATION PERCORSO CAF EDUCATION FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV-PDM CODICE MECCANOGRAFICO MEIC851001 SCUOLA IC SALVO D ACQUISTO MESSINA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* (X ) COMPLETO - ( ) PARZIALE GENNAIO 2014 1 PARTE

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE. 14 novembre 2013

PIANO DI COMUNICAZIONE. 14 novembre 2013 Presidio della Qualità di Ateneo Rilevazione della Opinione degli Studenti PIANO DI COMUNICAZIONE 14 novembre a cura di Area Percorsi di Qualità PIANO DI COMUNICAZIONE PER LA RILEVAZIONE DELL OPINIONE

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA L Università degli studi di Messina In collaborazione con il Comitato Pari Opportunità Piano di Azioni positive triennio 2008/2011 Le azioni positive sono, com è noto, lo strumento fondamentale per l attuazione

Dettagli

COMUNE DI BITONTO. (Provincia di Bari) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI BITONTO 2013-2014-2015

COMUNE DI BITONTO. (Provincia di Bari) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI BITONTO 2013-2014-2015 ALL/A COMUNE DI BITONTO (Provincia di Bari) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI BITONTO 2013-2014-2015 Elaborato il 10.06.2013 dal Funzionario Amministrativo 1 Settore-Servizi

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DI VARESE. Il COMUNE/ENTE PUBBLICO

CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DI VARESE. Il COMUNE/ENTE PUBBLICO CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DI VARESE E Il COMUNE/ENTE PUBBLICO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI INFORMALAVORO NELL AMBITO DEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI VARESE Premesso che sono in capo alla Provincia

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA Città di Minerbio Provincia di Bologna PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2013-2015 (in attuazione al D.Lgs. 33/2013) Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 66 del 24/07/2013

Dettagli

STEP 5 CONDURRE IL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE: LA RACCOLTA DELLE EVIDENZE

STEP 5 CONDURRE IL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE: LA RACCOLTA DELLE EVIDENZE STEP 5 CONDURRE IL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE: LA RACCOLTA DELLE EVIDENZE Italo Benedini Esperto del Centro Risorse CAF ARGOMENTO DEL WEBINAR FORMATIVO 3: STEP 1 Wf STEP 2 Wf STEP 3 Wf Decidere Come organizzare

Dettagli

Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003

Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003 Ufficio del Direttore Regionale Struttura operativa di coordinamento per la comunicazione interna ed esterna Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni (art. 147 del TUELL 267/2000, modificato dal D.L. 174/2012 convertito nella legge 213/2012) INDICE Parte 1^ Premesse generali Art. 1 Finalità e ambito

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 La Strategia di comunicazione e gli obblighi di pubblicità 2 L attività

Dettagli

PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA

PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA Istituzione Scolastica P I A N O D I M I G L I O R A M E N T O Nome: Liceo Scientifico A. Genoino Codice meccanografico: SAPS09000C PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA Responsabile del Piano (DS) Cognome e Nome:

Dettagli

Il Rapporto di Autovalutazione. Prof.ssa Maria Rosaria Villani

Il Rapporto di Autovalutazione. Prof.ssa Maria Rosaria Villani Il Rapporto di Autovalutazione Prof.ssa Maria Rosaria Villani D.P.R. 28 marzo 2013, n. 80 recante il Regolamento sul Sistema Nazionale di valutazione in materia di istruzione e formazione, in vigore dal

Dettagli

PERCORSO LABORATORIO CAF

PERCORSO LABORATORIO CAF PERCORSO LABORATORIO CAF I.I.S.S. Majorana-Laterza Il progetto FORMIUR Miglioramento delle performance delle Istituzioni scolastiche, realizzato nell'ambito del PON 2007-2013 "Competenze per lo sviluppo"

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati

Concorso Premiamo i risultati Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PIANO DI MIGLIORAMENTO GESTIONALE TRIBUNALE DI TRANI SEZIONE DISTACCATA DI RUVO

Dettagli

P I A N O D I A U T O V A L U T A Z I O N E

P I A N O D I A U T O V A L U T A Z I O N E P I A N O D I A U T O V A L U T A Z I O N E PROGRAMMA DI ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA PREVISTE DAL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE E MIGLIORAMENTO La programmazione delle attività avviene mediante l assegnazione

Dettagli

Piano di Zona 2013-2015 Ambito 1.2 Trieste

Piano di Zona 2013-2015 Ambito 1.2 Trieste REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N 1 TRIESTINA Piano di Zona 2013-2015 Ambito 1.2 Trieste Programma attuativo annuale - anno 2015 1 OBIETTIVI Piano di Zona 2013-2015

Dettagli

COMUNE DI MORNICO AL SERIO. (Provincia di Bergamo) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015. (art. 10 del D.Lgs. n.

COMUNE DI MORNICO AL SERIO. (Provincia di Bergamo) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015. (art. 10 del D.Lgs. n. COMUNE DI MORNICO AL SERIO (Provincia di Bergamo) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (art. 10 del D.Lgs. n. 33/2013) Introduzione Il principio di trasparenza deve essere inteso

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

L implementazione del modello CAF nell ambito dell Autorità di Audit della Regione Puglia

L implementazione del modello CAF nell ambito dell Autorità di Audit della Regione Puglia L implementazione del modello CAF nell ambito dell Autorità di Audit della Regione Puglia L Autorità di Audit della Regione Puglia È la struttura responsabile della verifica dell efficace funzionamento

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA AMENDOLA, 18 TEL E FAX 0985/81036 CSIC836001@istruzione.it Sito web : www.icdiamantebuonvicino.gov.it 87023 DIAMANTE

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE BIENNIO 2015/2016 PREMESSA

PIANO DI COMUNICAZIONE BIENNIO 2015/2016 PREMESSA PIANO DI COMUNICAZIONE BIENNIO 2015/2016 PREMESSA Il Piano di comunicazione 2015/2016 riassume i principali impegni comunicativi che l Ente prevede di attuare con riferimento agli indirizzi programmatici

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO INTRODUZIONE

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO INTRODUZIONE INTRODUZIONE Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. Lo schema proposto di seguito è stato sviluppato nell ambito del progetto Miglioramento delle performance

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016

PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016 COMUNE DI FERRERA DI VARESE PROVINCIA DI VARESE PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016 Approvato con deliberazione di G.C. n. del INDICE 1. PREMESSA NORMATIVA 2. CONTENUTO DEL PROGRAMMA

Dettagli

Progetto per la gestione innovativa della maternità/paternità in Unicoop Tirreno: i contenuti e i metodi per la realizzazione delle 6 sperimentazioni

Progetto per la gestione innovativa della maternità/paternità in Unicoop Tirreno: i contenuti e i metodi per la realizzazione delle 6 sperimentazioni Progetto per la gestione innovativa della maternità/paternità in Unicoop Tirreno: i contenuti e i metodi per la realizzazione delle 6 sperimentazioni Rev 1 del 27 gennaio 2011 della presentazione effettuata

Dettagli

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce (ai sensi dell art. 8 della legge 150/2000) Approvato con Delibera di Giunta n. 273 del 6

Dettagli

PIANO DI AUTOVALUTAZIONE

PIANO DI AUTOVALUTAZIONE PIANO DI AUTOVALUTAZIONE PROGRAMMA DI ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA PREVISTE DAL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE E MIGLIORAMENTO Denominazione: ITT-LS G. MARCONI - BARI Codice meccanografico: BATF02000L La programmazione

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita istituto d'istruzione superiore liceo classico e scientifico v. julia ACRI (CS) PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita Anni 2014-2016 Deliberato dal Consiglio d Istituto in data 04/06/2014

Dettagli

CAF per il nostro restyling

CAF per il nostro restyling ISTITUTO AUTONOMO COMPRENSIVO STATALE MADRE TERESA DI CALCUTTA Via Antonio Iannotta, Medaglia d oro V. M. - Pignataro Maggiore (Caserta) Tel. e fax. 0823 871059 ceic82400g@istruzione.it www.iacpignataromaggiore.it

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN GIOVANNI BOSCO Via Dante n. 18 92028 Naro (AG) Tel. 0922 956081 Fax 0922 956041 E- mail agic85300c@istruzione.it P.E.C. agic85300c@pec.istruzione.it C.F. 82002930848 PROGRAMMA

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO. Monitorare per migliorare

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO. Monitorare per migliorare SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO Monitorare per migliorare ISTITUTO COMPRENSIVO PASCOLI-CRISPI ( MEIC87300T ) MESSINA RESPONSABILE : Dirigente Prof. Gianfranco Rosso GRUPPO DI MIGLIORAMENTO:

Dettagli

Dalla valutazione al miglioramento: strumenti e modelli operativi sperimentati da INDIRE

Dalla valutazione al miglioramento: strumenti e modelli operativi sperimentati da INDIRE Dalla valutazione al miglioramento: strumenti e modelli operativi sperimentati da INDIRE Massimo Faggioli Dirigente di Ricerca Indire Milano 21 Novembre 2013 Il progetto VSQ Sperimentazione finalizzata

Dettagli

QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE Step 1 - Decidere come organizzare e pianificare l autovalutazione (AV) 1.1. Assicurare l impegno e il governo del management per avviare il processo. 1.2. Assicurare

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Il Ministro

Ministero della Pubblica Istruzione Il Ministro Ministero della Pubblica Istruzione Il Ministro Prot. n. 1437/A6 Roma, 15 Marzo 2007 Linee di indirizzo EDUCAZIONE ALLA SICUREZZA STRADALE VISTA la Costituzione della Repubblica Italiana; VISTO il D.P.R.

Dettagli

P I A N O D I A U T O V A L U T A Z I O N E. Denominazione: Circolo didattico V A.Gramsci Bagheria Codice Meccanografico.

P I A N O D I A U T O V A L U T A Z I O N E. Denominazione: Circolo didattico V A.Gramsci Bagheria Codice Meccanografico. P I A N O D I A U T O V A L U T A Z I O N E PROGRAMMA DI ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA PREVISTE DAL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE E MIGLIORAMENTO Denominazione: Circolo didattico V A.Gramsci Bagheria Codice

Dettagli

Programmi di Attività 2012

Programmi di Attività 2012 Programmi di Attività 2012 Gabinetto di Presidenza Servizio Informazione e comunicazione istituzionale Assemblea Legislativa 1 GABINETTO DI PRESIDENZA... 4 ATTIVITÀ DI RACCORDO FRA GIUNTA E ASSEMBLEA LEGISLATIVA

Dettagli

PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM CODICE MECCANOGRAFICO SCUOLA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA*

PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM CODICE MECCANOGRAFICO SCUOLA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM CODICE MECCANOGRAFICO SCUOLA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* CTEE06800N CIRCOLO DIDATTICO GIOVANNI XXIII PATERNÒ (CT) (X ) COMPLETO - ( ) PARZIALE MARZO

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA IN MATERIA DI FORMAZIONE AVANZATA DEI CONDUCENTI TRA IL MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

PROTOCOLLO D'INTESA IN MATERIA DI FORMAZIONE AVANZATA DEI CONDUCENTI TRA IL MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI PROTOCOLLO D'INTESA IN MATERIA DI FORMAZIONE AVANZATA DEI CONDUCENTI TRA IL MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI E PREMESSO 1. che l'art. 1, comma 1, del Codice della Strada prevede che "la sicurezza

Dettagli

SINTESI DEI LAVORI DEL CONVEGNO. Le reti territoriali per l apprendimento permanente

SINTESI DEI LAVORI DEL CONVEGNO. Le reti territoriali per l apprendimento permanente PROTEO Fare Sapere Brescia Soggetto Qualificato per la formazione Decreto MPI n. 270 del 27/4/2000 e DM 08/06/05 Viale Piave 44 25123 BRESCIA Tel.3311360741 Fax 0303729332 - e-mail info@proteobrescia.it

Dettagli

Il mio futuro lo scelgo oggi

Il mio futuro lo scelgo oggi CARATTERISTICHE DEL PROGETTO TITOLO Il mio futuro lo scelgo oggi OBIETTIVI : sperimentare percorsi educativi didattici e metodologici comuni innovativi che permettano ai giovani di autogestire efficacemente

Dettagli

I SERVIZI ONLINE DEL PORTALE LAVORO E FORMAZIONE. Dott. Giorgio Santarello Dirigente Settore Lavoro e Formazione Provincia di Padova

I SERVIZI ONLINE DEL PORTALE LAVORO E FORMAZIONE. Dott. Giorgio Santarello Dirigente Settore Lavoro e Formazione Provincia di Padova I SERVIZI ONLINE DEL PORTALE LAVORO E FORMAZIONE Dott. Giorgio Santarello Dirigente Settore Lavoro e Formazione Provincia di Padova Punto di partenza - Crisi economica del Mercato del Lavoro (utenza aumentata

Dettagli

Sviluppo del percorso

Sviluppo del percorso Ministero Pubblica Istruzione Titolo sintetico del progetto: I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca SCHEDA DI PROGETTO Regione PIEMONTE NUOVE TECNOLOGIE:

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CRITERI E MODALITA PER LA SELEZIONE DEL PERSONALE NEL GME S.p.A.

CRITERI E MODALITA PER LA SELEZIONE DEL PERSONALE NEL GME S.p.A. CRITERI E MODALITA PER LA SELEZIONE DEL PERSONALE NEL GME S.p.A. Il processo di selezione del personale applicato dal Gestore dei Mercati Energetici S.p.A. si svolge nel rispetto delle disposizioni normative

Dettagli

Bilancio Sociale 2014

Bilancio Sociale 2014 Attività di promozione e sviluppo del sistema AIC Bilancio sociale 2014 Associazione Italiana Celiachia 3 16 3 ATTIVITÀ DI PROMOZIONE E SVILUPPO DEL SISTEMA AIC 3.1 COORDINAMENTO ATTIVITÀ ISTITUZIONALI

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO dell istituto ...

PIANO DI MIGLIORAMENTO dell istituto ... PIANO DI MIGLIORAMENTO dell istituto... RESPONSABILE del Piano di Miglioramento Il Team per il Miglioramento ha la responsabilità della scelta dei percorsi di miglioramento e dell organizzazione dei progetti

Dettagli

Comune di Codogno Provincia di Lodi

Comune di Codogno Provincia di Lodi Comune di Codogno Provincia di Lodi Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE PIANO DI MIGLIORAMENTO GESTIONALE Virtualizzazione di tutti i server del Sistema Informativo Comunale Firma

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 COMUNE DI COLLAZZONE Provincia di Perugia PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 Adottato con deliberazione di Giunta Comunale n.. del. Premessa: Il presente programma triennale

Dettagli

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004 Documento di programmazione del progetto denominato: Realizzazione della seconda fase di sviluppo di intranet: Dall Intranet istituzionale all Intranet per la gestione e condivisione delle conoscenze.

Dettagli

Comune di Nogarole Vicentino

Comune di Nogarole Vicentino Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 Introduzione: organizzazione e funzioni

Dettagli

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO CRITERI PER L ORGANIZZAZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO U.R.P. (art. 8 c. 2 della Legge n. 150/2000) Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche

Dettagli

Un cambiamento non sempre produce un miglioramento, ma un miglioramento richiede sempre un cambiamento. Winston Churchill

Un cambiamento non sempre produce un miglioramento, ma un miglioramento richiede sempre un cambiamento. Winston Churchill Un cambiamento non sempre produce un miglioramento, ma un miglioramento richiede sempre un cambiamento. Winston Churchill analisi e verifica servizio: rapporto autovalutazione e piano miglioramento valutazione

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE PIANO DI COMUNICAZIONE La legge regionale n. 5/2009 e il Piano Regionale della Salute 2011-2013 promuovono la centralità del cittadino e il suo coinvolgimento nei processi di miglioramento dei Servizi

Dettagli

Documento generale progetto MIUR-CAF AMBITO, OBIETTIVI, VANTAGGI

Documento generale progetto MIUR-CAF AMBITO, OBIETTIVI, VANTAGGI 52 Distretto Scolastico DIREZIONE DIDATTICA 4 CIRCOLO Piazza F. Baldi, S. Lucia 84013 Cava de Tirreni (SA) Sito Web: www.cavaquartocircolo.gov.it e-mail: saee044007@istruzione.it Casella Pec: saee044007@pec.istruzione.it

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i.

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Allegato A Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Indirizzi per la regolamentazione dell apprendistato

Dettagli

DESCRIZIONE DEL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE. Step 1 - Decidere come organizzare e pianificare l autovalutazione. Documenti / evidenze

DESCRIZIONE DEL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE. Step 1 - Decidere come organizzare e pianificare l autovalutazione. Documenti / evidenze DESCRIZIONE DEL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE Step 1 - Decidere come organizzare e pianificare l autovalutazione Il collegio dei docenti del I Circolo di Termini Imerese ha deliberato di autovalutarsi secondo

Dettagli

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. 3 novembre 2008 VERBALE N. 51

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. 3 novembre 2008 VERBALE N. 51 Via Guido da Castello 12 42100 Reggio Emilia tel. /fax 0522 456253 segreteria: erica.iotti@municipio.re.it CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 3 novembre 2008 VERBALE N. 51 Il Consiglio di Amministrazione del

Dettagli

E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani

E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani NOVEMBRE 2010 S ommario Premessa pag. 4 Un impegno che ha una storia pag. 6 La proposta 2010/2011 pag. 8 Concittadini pag. 10 Fasi

Dettagli

I.C. CRISPI PALERMO S.S.1 GRADO DANTE ALIGHIERI - CT 22/23-11-2010. A cura di Mirella Pezzini

I.C. CRISPI PALERMO S.S.1 GRADO DANTE ALIGHIERI - CT 22/23-11-2010. A cura di Mirella Pezzini I.C. CRISPI PALERMO S.S.1 GRADO DANTE ALIGHIERI - CT 22/23-11-2010 A cura di Mirella Pezzini Lina Barone è uno strumento di Total Quality Management ispirato dal modello di eccellenza EFQM della European

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ISTITUTO MAGISTRALE STATALE M. T. VARRONE ANNI 2014-2015-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ISTITUTO MAGISTRALE STATALE M. T. VARRONE ANNI 2014-2015-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ISTITUTO MAGISTRALE STATALE M. T. VARRONE ANNI 2014-2015-2016 Indice PREMESSA... 3 SUPPORTO NORMATIVO... 3 OBIETTIVI DEL PROGRAMMA:... 4 SEZIONE PROGRAMMATICA:...

Dettagli

S.I.L.P SISTEMA INFORMATIVO LAVORO PIEMONTE

S.I.L.P SISTEMA INFORMATIVO LAVORO PIEMONTE S.I.L.P SISTEMA INFORMATIVO LAVORO PIEMONTE SERVIZI DI INFRASTRUTTURA Vista d'insieme Questo documento definisce la visione d insieme del nuovo Sistema Informativo Lavoro ed è teso ad illustrare le caratteristiche

Dettagli

Direzione generale per gli studi la statistica e i sistemi informativi

Direzione generale per gli studi la statistica e i sistemi informativi MIUR AOODGSSSI REGISTRO UFFICIALE Prot. 2172 del 19.04.2011 - USCITA Alle Istituzioni Scolastiche Statali LORO SEDI OGGETTO PROGETTI DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA PER LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE. Come è noto

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

IL CONTESTO. Di cui Uomini Milano San Vittore 1102 102 1000 Opera 1116 42 1074 Bollate 710 0 710 Monza 591 86 505. N.

IL CONTESTO. Di cui Uomini Milano San Vittore 1102 102 1000 Opera 1116 42 1074 Bollate 710 0 710 Monza 591 86 505. N. PROGETTO I SERVIZI PER L IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI MILANO PER IL SOSTEGNO ALL INSERIMENTO AL LAVORO DELLE PERSONE RISTRETTE NELLE LIBERTA E DEGLI EX-DETENUTI IL PROGETTO L Assessorato al Lavoro della

Dettagli

PERCORSO Laboratorio CAF

PERCORSO Laboratorio CAF PERCORSO Laboratorio CAF IL KIT A SUPPORTO DELL AUTOVALUTAZIONE PON 2007-2013 Competenze per lo sviluppo (FSE) Asse II Capacità istituzionale Obiettivo H MIGLIORAMENTO DELLE PERFORMANCE DELLE ISTITUZIONI

Dettagli

Orari (PCO) degli. Città di Avigliana

Orari (PCO) degli. Città di Avigliana Il Piano di Coordinamento degli Orari (PCO) Città di Avigliana Il Piano Coordinamento degli di Orari (PCO) * Introduzione * Il percorso per l elaborazione del PCO * Le fasi di lavoro * I temi e le azioni

Dettagli

Istituto Comprensivo San Valentino Torio Sistema Nazionale di Valutazione

Istituto Comprensivo San Valentino Torio Sistema Nazionale di Valutazione Istituto Comprensivo San Valentino Torio Sistema Nazionale di Valutazione Prof.ssa A. Esposito Riferimenti Normativi DPR n. 275, 8 marzo 1999: Regolamento per la disciplina dell'autonomia delle Istituzioni

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI. Capo I. Il Sistema dei Controlli Interni

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI. Capo I. Il Sistema dei Controlli Interni REGOLAMENTO IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI Capo I Il Sistema dei Controlli Interni Art. 1 OGGETTO E FINALITA 1. Il presente regolamento disciplina l istituzione del sistema dei controlli interni sull

Dettagli

BANDO OPEN CL@SS 2.0

BANDO OPEN CL@SS 2.0 Legge Regionale 26 marzo 2009 n. 9 Deliberazione della Giunta Regionale n. 8-12657 del 30 novembre 2009 e Deliberazione della Giunta Regionale n. 25-2885 del 14 novembre 2011 Norme in materia di pluralismo

Dettagli

DAL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE AL PIANO DI MIGLIORAMENTO I PARTE

DAL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE AL PIANO DI MIGLIORAMENTO I PARTE DAL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE AL PIANO DI MIGLIORAMENTO I PARTE Clara Alemani - Esperta del Centro Risorse CAF Imma Parolisi Responsabile Webinar ARGOMENTO DEL WEBINAR FORMATIVO 5: STEP 1 Wf STEP 2 Wf

Dettagli

PROVINCIA DI PIACENZA

PROVINCIA DI PIACENZA PROVINCIA DI PIACENZA DI SVILUPPO E QUALIFICAZIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI PER BAMBINI N ETA 0-3 ANNI INDIRIZZI GENERALI PER IL TRIENNIO 2001-2003 Approvato con atto C.P. 29.10.2001 n.133 Ufficio Politiche

Dettagli