Struttura e funzionamento dei mercati azionari di Borsa Italiana

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Struttura e funzionamento dei mercati azionari di Borsa Italiana"

Transcript

1 Struttura e funzionamento dei mercati azionari di Borsa Italiana Daniela Toscani Equity Market - Segmento STAR Luisella Bosetti Research & Development - Exchange Industry Analysis Borsa Italiana - Gruppo Borsa Italiana Trading Online Expo Milano, 8 maggio 2004

2 Indice I mercati azionari di Borsa Italiana La microstruttura dei mercati azionari di Borsa Italiana

3 Indice I mercati azionari di Borsa Italiana Il Gruppo Borsa Italiana oggi Struttura e funzionamento del mercato azionario Il ruolo della Borsa Italiana

4 Il Gruppo Borsa Italiana Azionisti: Istituzioni finanziarie italiane e internazionali, società quotate Gestione dei mercati Servizi di compensazione (clearing) e garanzia dei contratti (CCP) 72% 99% Servizi di custodia e liquidazione (settlement) Facility e property management 100% 99% Servizi di information technology

5 Una filiera integrata L integrazione nel Gruppo delle principali componenti del market system aumenta l efficienza, la competitività e il time-to-market Borsa Italiana CC&G Monte Titoli Monte Titoli Monte Titoli Listing & Trading Clearing, CCP RRG Pre-settlement & routing Regolamento Depositario centrale

6 I mercati di Borsa Il sistema-mercati di Borsa Italiana Strumenti azionari Derivati Altri strumenti Blue Chips* Azioni Warrants Diritti Obblig. convertibili Segmento ordinario Derivati azionari: Futures su MIB 30 MiniFIB IDEM Stock Futures Opzioni su MIB30 Opzioni su azioni ETF Fondi chiusi Fondi indicizzati Covered warrant su: - azioni - titoli di Stato - valute - indici - commodities Certificates Titoli di Stato Obbligazioni societarie Eurobonds Asset backed securities (ABS) Mercato After Hours ( Azioni MIB30, Midex e Nuovo Mercato, Covered Warrant )

7 Strumenti quotati e network STRUMENTI AZIONARI Società Società Azioni Azioni Warrants Warrants Securitised Securitised Derivatives Derivatives (17 (17 emitt.) emitt.) ETF ETF e Fondi Fondi aperti aperti Fondi Fondi chiusi chiusi e immobiliari immobiliari NETWORK 93 Intermediari in Italia 38 Intermediari esteri TITOLI A REDDITO FISSO Titoli Titoli di di Stato Stato Obbligazioni Obbligazioni societarie societarie Obbligazioni Obbligazioni convertibili convertibili DERIVATI 4 Index Index Futures Futures 2 Index Index Options Options Stock Stock Options Options Stock Stock Futures Futures Fonte: Borsa Italiana Aggiornam.: 30/4/

8 Il numero di società quotate Borsa Nuovo Mercato Mercato Expandi Fonte: Borsa Italiana - aggiornam.: 31/3/

9 La capitalizzazione totale del mercato azionario Miliardi di euro (società nazionali) % del PIL % 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Fonte: Borsa Italiana - R&D - aggiornam. 31/3/

10 Elevata liquidità Media giornaliera ( m) Turnover velocity ( *) 160% 140% 120% 100% 80% 60% 40% 20% 0% (*) Rapporto tra controvalore e capitalizzazione media Fonte: Borsa Italiana - R&D - aggiornam. 31/3/

11 Importante presenza degli investitori esteri Scambi mensili ( bn) Esteri in % del totale INVESTITORI ESTERI INVESTITORI ITALIANI 70% 60% % 80 40% 60 30% 40 20% 20 10% % Fonte: Borsa Italiana / UIC - Aggiornam. 30/7/

12 Capitalizzazione delle Borse europee Miliardi di euro (azioni nazionali) London Stock Exchange Euronext Deutsche Börse Spanish Exchanges (BME) SWX Swiss Exchange Italian Exchange Stockholmsbörsen Helsinki Exchanges Copenhagen Stock Exchange Athens Exchange Fonte: FESE, elaborazioni BIt-R&D - aggiornam. 27/2/

13 Efficienza del mercato (analisi order book) Spread limitati anche per grandi ordini MIB MIB SHARES SHARES TRADABLE TRADABLE AMOUNT AMOUNT ( ) ( ) ,000 10,000 25,000 25, , , , , , ,000 ALLEANZA ASS 0,133% 0,142% 0,157% 0,224% 0,306% 0,468% ALLEANZA ASS 0,133% 0,142% 0,157% 0,224% 0,306% 0,468% AUTOGRILL 0,155% 0,190% 0,238% 0,404%.... AUTOGRILL 0,155% 0,190% 0,238% 0,404%.... AUTOSTRADE 0,112% 0,125% 0,142% 0,201% 0,258% 0,352% AUTOSTRADE 0,112% 0,125% 0,142% 0,201% 0,258% 0,352% B FIDEURAM 0,206% 0,211% 0,218% 0,248% 0,288% 0,416% B FIDEURAM 0,206% 0,211% 0,218% 0,248% 0,288% 0,416% B INTESA 0,182% 0,185% 0,190% 0,205% 0,226% 0,300% B INTESA 0,182% 0,185% 0,190% 0,205% 0,226% 0,300% B M.PASCHI SIENA 0,231% 0,251% 0,269% 0,355% 0,474% 0,761% B M.PASCHI SIENA 0,231% 0,251% 0,269% 0,355% 0,474% 0,761% B N LAVORO 0,095% 0,114% 0,137% 0,226% 0,275%.. B N LAVORO 0,095% 0,114% 0,137% 0,226% 0,275%.. BANCHE POP UNITE 0,139% 0,157% 0,182% 0,253% 0,302%.. BANCHE POP UNITE 0,139% 0,157% 0,182% 0,253% 0,302%.. BCA ANTONVENETA 0,201% 0,251% 0,289% 0,348% 0,400%.. BCA ANTONVENETA 0,201% 0,251% 0,289% 0,348% 0,400%.. BCO POP VR E NO 0,146% 0,164% 0,188% 0,275% 0,333%.. BCO POP VR E NO 0,146% 0,164% 0,188% 0,275% 0,333%.. CAPITALIA 0,286% 0,290% 0,296% 0,324% 0,357% 0,476% CAPITALIA 0,286% 0,290% 0,296% 0,324% 0,357% 0,476% ENEL 0,181% 0,182% 0,185% 0,192% 0,201% 0,229% ENEL 0,181% 0,182% 0,185% 0,192% 0,201% 0,229% ENI 0,078% 0,080% 0,082% 0,089% 0,098% 0,129% ENI 0,078% 0,080% 0,082% 0,089% 0,098% 0,129% FIAT 0,171% 0,177% 0,186% 0,221% 0,260% 0,383% FIAT 0,171% 0,177% 0,186% 0,221% 0,260% 0,383% FINMECCANICA 0,175% 0,189% 0,205% 0,274% 0,378% 0,609% FINMECCANICA 0,175% 0,189% 0,205% 0,274% 0,378% 0,609% GENERALI ASS 0,070% 0,075% 0,083% 0,114% 0,152% 0,225% GENERALI ASS 0,070% 0,075% 0,083% 0,114% 0,152% 0,225% MEDIASET 0,138% 0,145% 0,154% 0,202% 0,265% 0,407% MEDIASET 0,138% 0,145% 0,154% 0,202% 0,265% 0,407% MEDIOBANCA 0,166% 0,184% 0,211% 0,314% 0,382%.. MEDIOBANCA 0,166% 0,184% 0,211% 0,314% 0,382%.. MEDIOLANUM 0,195% 0,202% 0,209% 0,242% 0,282% 0,411% MEDIOLANUM 0,195% 0,202% 0,209% 0,242% 0,282% 0,411% PARMALAT FIN 0,197% 0,218% 0,245% 0,374% 0,497% 0,694% PARMALAT FIN 0,197% 0,218% 0,245% 0,374% 0,497% 0,694% PIRELLI & C 0,181% 0,198% 0,219% 0,357% 0,513%.. PIRELLI & C 0,181% 0,198% 0,219% 0,357% 0,513%.. RAS 0,112% 0,124% 0,142% 0,208% 0,265%.. RAS 0,112% 0,124% 0,142% 0,208% 0,265%.. SAIPEM 0,169% 0,184% 0,208% 0,317% 0,421%.. SAIPEM 0,169% 0,184% 0,208% 0,317% 0,421%.. SAN PAOLO-IMI 0,123% 0,126% 0,132% 0,165% 0,208% 0,330% SAN PAOLO-IMI 0,123% 0,126% 0,132% 0,165% 0,208% 0,330% SEAT PAG GIALLE 0,142% 0,162% 0,180% 0,257% 0,324% 0,445% SEAT PAG GIALLE 0,142% 0,162% 0,180% 0,257% 0,324% 0,445% SNAM RETE GAS 0,300% 0,302% 0,305% 0,322% 0,339% 0,390% SNAM RETE GAS 0,300% 0,302% 0,305% 0,322% 0,339% 0,390% STMICROELEC.N.V 0,054% 0,056% 0,058% 0,068% 0,081% 0,121% STMICROELEC.N.V 0,054% 0,056% 0,058% 0,068% 0,081% 0,121% TELECOM ITALIA 0,214% 0,215% 0,216% 0,220% 0,225% 0,239% TELECOM ITALIA 0,214% 0,215% 0,216% 0,220% 0,225% 0,239% TIM 0,240% 0,240% 0,240% 0,240% 0,240% 0,248% TIM 0,240% 0,240% 0,240% 0,240% 0,240% 0,248% UNICREDITO 0,236% 0,236% 0,237% 0,240% 0,242% 0,247% UNICREDITO 0,236% 0,236% 0,237% 0,240% 0,242% 0,247% AVERAGE AVERAGE 0,17% 0,17% 0,18% 0,18% 0,19% 0,19% 0,25% 0,25% 0,30% 0,30% 0,39% 0,39% Average of daily spreads in the month, computed on best five price levels of bid and ask orders as observed every five minutes. When the availability of market depth is less than 1/3 of the sample, no figure is published Source: Borsa Italiana Update 8/

14 Indice I mercati azionari di Borsa Italiana Il Gruppo Borsa Italiana oggi Struttura e funzionamento del mercato azionario Il ruolo della Borsa Italiana

15 La segmentazione dei mercati azionari di Borsa Tre mercati e sei segmenti: profili dimensionali business segmentati e di requisiti di ingresso permanenza dedicati e (società high growth) Blue Chips Mkt. cap. 800m+ Requisiti di ammissione altre segmento ordinario PMI

16 Orari di negoziazione per massimizzare la liquidità 8:00 9:10 11:00 16:25 :40 17:25 :40 18:00 20:30 Blue Chips (1) STAR / NM (1) Ordinario 1 Ordinario 2 Merc. Expandi (1) Titoli MIB30 e Midex + altri se supportati da specialista (2) Per tutte le aste la fase di immissione ordini ha termine random nel corso dell ultimo minuto Asta di apertura (2) Negoziazione continua Asta di chiusura (2) Continua after hours

17 Il Segmento STAR 42 società quotate capitalizzazione: totale: 9.9 miliardi media: 234 milioni per società (azioni ordinarie) Information Technology 8,4% STAR suddivisione per settori (market cap. cap. wheighting) Materials 8,0% Utilities 3,5% Consumer Discretionary 29,6% Industrials 17,6% Consumer Staples 4,3% Financials 21,4% Energy 7,1% Fonte: Borsa Italiana Aggiornamento: 31/03/

18 Requisiti STAR Requisiti Capitalizzazione Capitalizzazione azioni ordinarie inferiore a 800m Non appartenenza a MIB30 e S&P MIB Liquidità Trasparenza 35% flottante azioni ordinarie in IPO, 20% flottante società già quotate Intermediario specialista 4 trimestrali obbligatorie entro 45 gg Informativa in italiano e inglese disponibile sul sito web Investor Relator Manager Assenza di violazione di obblighi informativi Positive opinion dei revisori contabili Corporate Governance Amministratori indipendenti Comitato di controllo interno Remunerazione incentivante per top management Corporate structure Non avere l attivo di bilancio o i propri ricavi rappresentati in misura preponderante dall investimento o dai risultati dell inv. in una società quotata

19 Il Nuovo Mercato Dedicato a: Società con fabbisogni finanziari legati ad un progetto programma di sviluppo Società di settori innovativi ad alta tecnologia Società di settori tradizionali con innovazioni di prodotto, di processo o distributive High-lights di mercato 42 società Mkt Cap (31/03/04) - totale 11 mld. - media 260 m Scambi medi gg - nel m - nel m - nel m Entertainment 7% System Integration 9% ISP & Telcos 9% (*) Numero di società per settore I settori (*) del Nuovo Mercato Media 7% Internet companies 11% BiotechnologiesInvestment Companies 4% 4% Web services 2% others 2% IT Distribution 18% Software 14% High Tech Mfcturing 13%

20 Requisiti techstar Crescita sostenibile Gli emittenti devono soddisfare almeno una delle seguenti condizioni: 1. EBITDA >1 ml (su 1 o 2 anni) 2. PFN*/EBITDA < 6 (*se la PFN è positiva l EBITDA deve essere > 0) La PFN è calcolata come media delle ultime tre rilevazioni contabili di bilancio e relazione semestrale Trasparenza Corporate Governance Avere l ultimo bilancio annuale corredato di un giudizio positivo della società di revisione non aver presentato istanza o essere stati ammessi a porcedure concorsuali ne avere società controllate rilevanti che abbiano presentato istanza o siano state ammesse a procedure concorsuali non avere le proprie azioni sospese dalle negoziazioni a tempo indeterminato non incorrere in una delle situazioni previste dagli articoli 2446 e/o 2447 del codice civile non essere incorsi negli ultimi 18 mesi in violazioni di obblighi informativi non avere nell ultimo bilancio annuale e nella successiva relazione semestrale la PFN positiva superiore al 75% della capitalizzazione almeno due amministratori indipendenti comitato di controllo interno con maggioranza di amministrazione indipendenti comitato di remunerazione

21 Mercato Expandi Expandi darà la possibilità alle piccole imprese di finanziare progetti di crescita in modo equilibrato e di compiere un primo passo verso i mercati finanziari Expandi è un mercato caratterizzato da requisiti di quotazione in linea con le esigenze delle piccole imprese e da un processo di quotazione più agile Imprese Private equity Intermediari ed investitori Gli investitori potranno specializzarsi e diversificare i propri investimenti nell asset class delle small cap Per gli intermediari Expandi rappresenterà un ampliamento del campo di operatività e dei servizi offerti, aumentando la loro capacità competitiva Expandi potrà dare impulso al private equity specializzato sulle piccole imprese ponendo le basi per il loro percorso di crescita verso la quotazione e consentirà al private equity di monetizzare gli investimenti e di sfruttare la leva del mercato azionario per i piani di crescita successivi delle società partecipate

22 Mercato Expandi: costi e tempi ridotti Processo di quotazione più agile Tutela dell investitore La dimensione minima (1 milione di euro) ed il flottante minimo (10%) permettono di strutturare l offerta sul fabbisogno effettivo di capitale Requisiti storici di equilibrio economicofinanziario e di profittabilità che permettono una preverifica di quotabilità delle società Il Listing Partner accompagna le società in Borsa, cura il collocamento e verifica la sussistenza dei requisiti Sul mercato, la società è sottoposta alle norme di informativa e vigilanza per le quotate e Borsa Italiana comunica semestralmente il rispetto dei requisiti Campione allargato di società quotabili Filtro con i requisiti Selezione del Listing Partner Borsa Italiana

23 Riepilogo sui requisiti di ammissione Confronto tra i principali requisiti di ammissione MTA STAR NM EXPANDI Flottante ingresso 25% 35% Bilanci con revisione 1 (3 pubblicati) 1 (3 pubblicati) 30% 1 10%(ma almeno 0,75m market cap) 1 (2 pubblicati) Dimensione Capitalizzaz. min 20 m Cap min. 20 m, max 800 m Patrimonio Netto min 3 m (1) 1 m Cda amm. non esecutivi ed indip. Auspicabile (cod. autodisciplina) Obbligatorio (N da regolamento) Obbligatorio (2 amm. Indipendenti) No Comitato di controllo interno Auspicabile (cod. autodisciplina) Obbligatorio (maggioranza indipendenti) Obbligatorio (maggioranza indipend.) No Incentivazione top management Auspicabile (cod. autodisciplina) Obbligatoria %significativa correlata ad obiettivi Obbligatorio comitato per la remunerazione No Pubblicazione dati trimestrali Obbligatoria, ma con deroga Consob Obbligatoria (entro 45 gg - no deroga Consob) Obbligatoria, ma con deroga Consob No Investor Relation manager Auspicabile Obbligatorio (figura professionale qualificata) Auspicabile No Sito Auspicabile Obbligatorio Auspicabile No Informazioni contabili it./ing. Auspicabile Obbligatorie Obbligatorie No Presenza dello Specialista NO SI SI No STAR e Nuovo mercato richiedono il mantenimento ongoing dei requisiti di Corporate Governance e trasparenza (1) Si richiede che una quota del 10% sia detenuta da almeno 12 mesi da investitori istituzionali in capitale di rischio

24 Indici principali Nome Tipologia Base Composizione MIBTEL Continuo 1/1/1994 = 10,000 MIB 30 Continuo 31/12/1994 = 10,000 Tutte le azioni italiane sui mercati di Borsa Italiana e tutte le azioni estere incluse negli indici Mib30 e Midex 30 azioni più capitalizzate e liquide New! S&P / MIB Continuo, aperto (attualmente 40 constituents) 31/12/1997 = 24,402 MIDEX Continuo 31/12/1994 = 10,000 MIB MIB STAR Calcolato con i prezzi ufficiali al termine della seduta di Borsa Calcolato con i prezzi ufficiali al termine della seduta di Borsa 2/1/1975 = 10,000 31/12/2000 = 1,000 Le azioni sono selezionate sulla base del Global Industry Classification Standard (GICS) e poderate in base al criterio del flottante 25 azioni nazionali quotate sull MTA selezionate isull abase di criteri di liquidità e di capitalizzazione, classificatesi successivamente a quelle che rientrano nel MIB30 Tutte le azioni quotate sui mercati di Borsa Italiana e da tutte le azioni estere incluse negli Indici MIB30 e MIDEX Azioni nazionali quotate nel segmento STAR

25 La Borsa e gli altri mercati Gli altri strumenti e mercati Sul segmento MTF, avviato il 1 luglio 2002, sono quotati e negoziati quote di fondi chiusi e di Oicr indicizzati (inclusi gli ETF ). Sul Mercato delle Obbligazioni e dei Titoli di Stato (MOT) sono ammessi e quindi negoziati: Titoli di Stato (BOT; BTP; CCT; CTZ); Altre obbligazioni (sia plain vanilla sia strutturate ) ad eccezione delle obbligazioni convertibili (trattate su MTA) Sull EuroMOT sono ammessi e quindi negoziati: Euro-obbligazioni; Obbligazioni di emittenti esteri; Asset backed securities (Abs) A ciascuna tipologia di strumento è associato un apposito segmento: Segmento euro-obbligazioni; Segmento titoli di emittenti esteri; Segmento Abs

26 La Borsa e gli altri mercati Gli altri strumenti e mercati - cont. Sul segmento SEDEX sono quotati i Covered Warrants, cioè strumenti finanziari che conferiscono la facoltà di: acquistare (call) o vendere (put) alla (cw europei ) o entro (cw americani ) la data di scadenza, un certo quantitativo (definito dal multiplo ) di attività sottostante a un prezzo prestabilito ( strike price ) Il FUTURE è un contratto standardizzato di acquisto o di vendita di una quantità predeterminata di un attività finanziaria o reale, ad una certa data futura, per un certo prezzo prefissato Sul segmento IDEM, vengono negoziati: FUTURES SU INDICE - Futures sull indice Mib30: Mib30 futures (FIB) e minifib OPZIONI su indice e su singole azioni FUTURES su singole azioni

27 Indice I mercati azionari di Borsa Italiana Il Gruppo Borsa Italiana oggi Struttura e funzionamento del mercato azionario Il ruolo della Borsa Italiana

28 Aree di competenza Informativa al mercato Vigilanza Trasparenza Gestisce la procedura di ammissione Garantisce l informativa societaria (Avvisi di Borsa) Controlla la price sensitive information (trading halts) Gestisce la sollecitazione del pubblico risparmio (prospetto) Vigila sulla trasparenza societaria Interviene nei fenomeni di insider trading e di price manipulation Normativa OPA

29 Informativa - la price sensitive information Evento rilevante Price sensitive information Accade nella sfera di attività dell emittente quotato e in quella delle società controllate Non è di pubblico dominio E idoneo, se reso pubblico, ad influenzare sensibilmente il prezzo degli strumenti finanziari OBIETTIVO Assicurare parità informativa attraverso la diffusione di un comunicato stampa a Consob, Borsa e Agenzie Stampa (via NIS)

30 Vigilanza Al fine di assicurare un ordinato svolgimento delle negoziazioni, Borsa Italiana nell esercizio delle funzioni di vigilanza: controlla l andamento dei mercati e dei singoli strumenti richiede ad emittenti e operatori le informazioni ritenute necessarie in relazione a particolari andamenti di mercato controlla il corretto comportamento sul mercato degli operatori, e il rispetto degli obblighi dei market maker e degli specialist nel mercato azionario; interviene sulle condizioni di negoziazione (gestione dei parametri di negoziazione, interventi sugli orari e sospensioni delle negoziazioni, ecc.) informa tempestivamente il mercato in merito ai propri interventi che abbiano effetti sull operatività nei mercati verifica l adeguato aggiornamento degli archivi, delle procedure e di quant altro necessario a garantire l ordinato svolgimento delle negoziazioni controlla il funzionamento delle strutture tecniche e delle reti di trasmissione dei sistemi telematici;

31 Trasparenza: il Codice di Autodisciplina Le società quotate, sulla base dei regolamenti di Borsa Italiana, devono fornire informativa sia ai loro azionisti che al mercato, attraverso Borsa Italiana, riguardo al loro sistema di corporate governance e alla loro compliance del Codice: il principio guida riguardo l'applicazione del Codice è infatti freedom with accountability. Le società quotate devono in particolare fornire informativa sui motivi che le hanno indotte a non applicare raccomandazioni del Codice. Il Codice è stato rivisitato dal Comitato per la Corporate Governance delle società quotate nel luglio E stato avviato un ulteriore aggiornamento

32 Trasparenza: l internal dealing Normativa di Borsa Italiana sull Internal Dealing (in vigore dal gennaio 2003) : Adozione obbligatoria da parte di tutte le società quotate di un Codice sull Internal Dealing con: obblighi di disclosure e restrizioni relative alle transazioni da parte delle persone rilevanti Le persone rilevanti sono quelle che hanno accesso a informazioni price sensitive: top management, consiglieri, internal auditors ed altri, e i loro stretti famigliari

33 Alcuni degli altri servizi di Borsa Italiana Iniziative di promozione del mercato e delle società quotate Sito internet: tutte le informazioni sui mercati, facilmente consultabili e costantemente aggiornate NIS Viewer: avvisi, comunicazioni delle società quotate, regolamenti bonds in via telematica ed anche su internet Academy: corsi per la promozione e la divulgazione della cultura finanziaria e della conoscenza dei mercati Disponibilità del Palazzo Mezzanotte Congress and Training Centre per iniziative di comunicazione Servizi di diffusione dati: tramite il sito internet e altri canali

34 Per ulteriori informazioni e approfondimenti Divisione Equity Market Borsa Italiana S.p.A. Tel.: Piazza Affari, 6 Fax: Milano Sito web: Pagine Bloomberg: ITEX Pagine Reuters: ITEX www. borsaitaliana.it Prezzi Real time IPOs Statistiche News

35 Indice I mercati azionari di Borsa Italiana La microstruttura dei mercati azionari di Borsa Italiana

36 Indice I mercati azionari di Borsa Italiana La microstruttura dei mercati azionari di Borsa Italiana Strumenti e orari di negoziazione Le modalità di negoziazione

37 Orari e fasi di negoziazione BORSA - MTA Strumenti e orari di negoziazione AFTER HOURS (1) 8:00 9:00 (*) :10 10:50 (*) 11:00 16:25 :35 (*) :40 17:25 :35 (*) 17:40 18:00 20:30 BLUE-CHIPS STAR (1) (1) ORDINARIO - 1 ORDINARIO - 2 NUOVO MERCATO (1) EXPANDI Classe - 1 Classe - 2 asta di apertura asta di chiusura negoziazione continua diurna mercato After Hours (neg. continua) (*) Chiusura random della fase di preasta (1) Alle negoziazioni after hours partecipano i titoli del Mib30, blue chips del Midex, del Nuovo Mercato (purché assistiti da un operatore specialista) e i covered warrant (su richiesta dell emittente). Se assistite da uno specialista, al mercato serale possono accedere anche le azioni appartenenti ai segmenti blue-chip (e non incluse negli indici) e STAR

38 Sui mercati azionari possono essere ammessi e quindi negoziati*: azioni; diritti di opzione; warrant; Strumenti e orari di negoziazione Gli strumenti quotati su MTA, Nuovo Mercato e Mercato Expandi obbligazioni convertibili (i prezzi sono espressi in % del valore nominale). *Sul Mercato Telematico dei Fondi (MTF), che da un punto di vista regolamentare si configura come segmento di MTA, sono negoziabili quote di fondi chiusi e quote o azioni di Oicr indicizzati

39 Indice Il Gruppo Borsa Italiana Il modello dei mercati: focus sui mercati azionari Strumenti e orari di negoziazione Le modalità di negoziazione

40 Le modalità di negoziazione Le tipologie di ordini - 1 Parametri di prezzo: Limit orders Market orders proposte di negoziazione (Pdn) al prezzo di asta Parametri di tempo: VSC - valido sino a cancellazione VSD - valido sino a data specificata VAC - valido solo in asta di chiusura Parametri di quantità: EEC - esegui e cancella (fill & kill) EQM - esegui per quantità minima specificata TON - tutto o niente (fill or kill) ECO - esegui comunque (per i market orders) Ordini con quantità nascosta (per i limit orders)

41 Le modalità di negoziazione Le tipologie di ordini - 2 Le proposte di negoziazione devono contenere almeno le informazioni relative a: strumento finanziario, quantità, tipo di operazione (acquisto o vendita), tipo di conto (proprio o terzi) e le condizioni di prezzo. ORDINI AMMESSI PER FASI DI NEGOZIAZIONE FASI DI PREASTA Limit orders o Pdn al prezzo di asta Indipendentemente dal parametro di prezzo: VSC, VSD, EEC (l eventuale saldo residuo viene automaticamente cancellato al termine della fase di asta) FASE DI NEGOZIAZIONE CONTINUA Limit o market orders Indipendentemente dal limite di prezzo: VSC, VSD, EEC, EQM, TON Per i market orders: ECO Per i limit orders: quantità nascosta Durante le fasi di negoziazione continua e di preasta di chiusura è possibile immettere Pdn VAC con o senza limite di prezzo

42 Le modalità di negoziazione I parametri guida del processo di formazione dei prezzi ASTA Immissione Pdn: ± 90% rispetto al prezzo di controllo Validazione del prezzo teorico di asta: ± 10% rispetto al prezzo di controllo NEGOZIAZIONE CONTINUA DIURNA Immissione Pdn: ± 90% rispetto al prezzo di controllo Statico: ± 10% rispetto al prezzo di controllo Dinamico: ± 5% rispetto al prezzo del contratto precedente NEGOZIAZIONE CONTINUA SERALE Immissione Pdn: ± 10% rispetto al prezzo di controllo Statico: ± 3.5% rispetto al prezzo di controllo Dinamico: -- La violazione dei parametri determina un interruzione delle negoziazioni (congelamento) o un estensione della fase di preasta. La Divisione Vigilanza Mercati di BIt è responsabile della gestione dei parametri, tenendo conto della liquidità del titolo, del quadro informativo e degli eventi in grado di interessare la price discovery

43 La gestione dei parametri di negoziazione Le modalità di negoziazione In considerazione di particolari andamenti del mercato, Borsa Italiana può modificare i parametri, tenendo conto: dei volumi scambiati e dei prezzi fatti registrare sullo strumento finanziario nell ultimo trimestre, nonché, delle loro variazioni; del grado di liquidità dello strumento e della significatività degli scambi; diffusione o mancata diffusione di notizie a disposizione del mercato; della circostanza che lo strumento costituisca attività sottostante di strumenti derivati negoziati, nonché del grado di liquidità di tali strumenti derivati; per i diritti di opzione, warrant ed altri strumenti derivati, dei valori teorici rispetto agli strumenti finanziari sottostanti e del periodo di esercizio o di eventuali collegamenti tra mercati sottostanti e derivati

44 Le modalità di negoziazione Gli interventi sui parametri, sugli orari e sulle fasi di mercato In considerazione di particolari andamenti del mercato, Borsa Italiana può: prolungare la durata o rinviare l inizio di una o più fasi di negoziazione; interrompere, ove possibile, la negoziazione continua con contestuale ripristino dell asta di apertura; modificare i parametri di negoziazione; sospendere le negoziazioni

45 Le modalità di negoziazione L asta di apertura Distinta in tre fasi*: preasta (8:00-9:00 [9:00:00-9:00:59]): immissione, modifica e cancellazione di proposte di negoziazione (strumento finanziario, tipo operazione, quantità, condizioni di prezzo, conto); durante la preapertura, gli operatori hanno la piena visibilità del book (dove le pdn sono presentate in ordine di prezzo - decrescente se in acquisto, crescente se in vendita - e di tempo) e del prezzo teorico di apertura, calcolato e aggiornato in tempo reale dal sistema validazione (9:01-9:05): il sistema non accetta più nuove pdn e verifica la validità del prezzo teorico apertura (9:05-9:10): il sistema incrocia le pdn compatibili secondo le priorità prezzo-tempo e conclude i contratti * Gli orari si riferiscono ai titoli dei segmenti blue-chip e STAR e del Nuovo Mercato

46 Le modalità di negoziazione La determinazione del prezzo teorico di asta ➊ Massimizzazione della quantità ➋ Minimizzazione sbilancio ➌ Prossimità al prezzo di controllo ➍ Prezzo più elevato Qualora siano presenti in acquisto e in vendita solo proposte senza limite di prezzo, il prezzo teorico di asta è pari al prezzo di controllo. Il prezzo teorico di asta non può essere determinato qualora: non siano presenti presenti proposte di negoziazione in uno o entrambi i lati del book; siano presenti solo limit orders e il miglior bid è inferiore al miglior ask; il quantitativo negoziabile sia inferiore al lotto minimo di negoziazione (per gli strumenti per i quali è ancora previsto)

47 Le modalità di negoziazione Esempio di book di preasta Il funzionamento del book di preasta* Caso 1 Acquisto Qtà Qtà cumulata Surplus Prezzo Vendita Surplus Qtà cumulata Qtà Prezzo teorico di asta * In questo esempio ci si riferisce alla negoziazione di azioni

48 Le modalità di negoziazione Esempio di book di preasta Il funzionamento del book di preasta* Caso 2 Acquisto Qtà Qtà cumulata Surplus Prezzo Vendita Surplus Qtà cumulata Qtà Prezzo teorico di asta * In questo esempio ci si riferisce alla negoziazione di azioni

49 Esempio di book di preasta Il funzionamento del book di preasta* Caso 3 - Prezzo di controllo = 98 euro Le modalità di negoziazione Acquisto Qtà Qtà cumulata Surplus Prezzo Vendita Surplus Qtà cumulata Qtà Prezzo teorico di asta * In questo esempio ci si riferisce alla negoziazione di azioni

50 Esempio di book di preasta Il funzionamento del book di preasta* Caso 4 - Prezzo di controllo = 100 euro Le modalità di negoziazione Acquisto Qtà Qtà cumulata Surplus Prezzo Vendita Surplus Qtà cumulata Qtà Prezzo teorico di asta * In questo esempio ci si riferisce alla negoziazione di azioni

51 Le modalità di negoziazione La chiusura random dell asta Per chiusura random dell asta si intende che non è noto ex ante il momento preciso di conclusione della fase di preasta dell asta: la possibilità di inserimento ordini (e quindi di aggiornamento del prezzo teorico di asta) termina in un istante - definito in modo casuale da un apposito algoritmo di calcolo - compreso nell arco temporale dell ultimo minuto della fase di preasta. In questo modo aumentano significatività e regolarità del processo di formazione dei prezzi in fase di asta. Il 18 novembre 2002 è stata introdotta questa nuova funzionalità che è stata estesa a tutte le aste giornaliere (apertura, chiusura e aste infragiornaliere attivate per effetto di volatility interruptions) di tutti i mercati azionari

52 Le modalità di negoziazione Dall asta di apertura alla negoziazione continua (1) CONCLUSIONE DELL ASTA DI APERTURA Nel caso sia stato validato il prezzo teorico di asta e siano stati conclusi i contratti al prezzo di apertura, le eventuali proposte ineseguite, in tutto o in parte, sono automaticamente trasferite alla negoziazione continua come limit orders, secondo le seguenti modalità: con il prezzo e la priorità temporale della proposta originaria, in caso di limit orders; con il prezzo di asta e la priorità temporale della proposta originaria, in caso di Pdn al prezzo di asta

53 Le modalità di negoziazione Dall asta di apertura alla negoziazione continua (2) NON DETERMINAZIONE DEL PREZZO TEORICO DI ASTA DI APERTURA Le Pdn sono automaticamente trasferite alla negoziazione continua con la priorità temporale delle proposte originarie e con il prezzo: della proposta originaria, in caso di limit orders; della migliore proposta con limite di prezzo presente sul mercato alla fine della fase di preasta, in caso di Pdn al prezzo di asta; pari al prezzo di controllo, in caso di Pdn al prezzo di asta e al termine della fase di preasta non sono presenti proposte con limite di prezzo NON VALIDAZIONE DEL PREZZO TEORICO DI ASTA DI APERTURA NON VALIDAZIONE DEL PREZZO TEORICO DI ASTA DI APERTURA Se il prezzo teorico di asta di apertura non viene validata in quanto esterno al range di variazione del ±10% dal prezzo di controllo, viene riattivata la fase di preasta per un tempo di 25 minuti (in ogni caso, la preasta di apertura ha termine al momento di inizio dell asta di chiusura)

54 Le modalità di negoziazione La negoziazione continua Nella fase di negoziazione continua, le pdn sono inserite nel book e incrociate dal sistema se compatibili per condizioni di prezzo, secondo le priorità prezzotempo e i parametri di negoziazione. L immissione di una proposta con limite di prezzo in acquisto determina l abbinamento con una o più proposte di vendita aventi prezzo inferiore o uguale a quello della proposta immessa; analogamente, l immissione di una proposta con limite di prezzo in vendita determina l abbinamento con una o più proposte di acquisto aventi prezzo superiore o uguale a quello della proposta immessa. L immissione di una proposta senza limite di prezzo in acquisto determina l abbinamento con una o più proposte di vendita aventi prezzo uguale al migliore prezzo di vendita esistente al momento della sua immissione; analogamente, l immissione di una proposta senza limite di prezzo in vendita determina l abbinamento con una o più proposte di acquisto aventi prezzo uguale al migliore prezzo di acquisto esistente al momento della sua immissione. L immissione di proposte senza limite di prezzo può essere effettuata solo in presenza di almeno una proposta di negoziazione di segno contrario con limite di prezzo

55 I mercati azionari - Modalità di negoziazione La negoziazione continua - Un esempio (1) Il funzionamento del book di negoziazione* Prezzo di controllo: euro % pz ctrl (euro ) +5% last trade (euro 105) Qtà (n. az) ACQUISTO Pz (euro) Pz (euro) VENDITA Qtà (n. az) %last trade (euro 95) % pz ctrl (euro 90.00) * In questo esempio ci si riferisce alla negoziazione di azioni

56 I mercati azionari - Modalità di negoziazione La negoziazione continua - Un esempio (2) Il funzionamento del book di negoziazione* Prezzo di controllo: euro % pz ctrl (euro ) +5% last trade (euro 105) Qtà (n. az) ACQUISTO Pz (euro) Al meglio Pz (euro) VENDITA Qtà (n. az) % last trade (euro 95) -10% pz ctrl (euro 90.00) * In questo esempio ci si riferisce alla negoziazione di azioni

57 I mercati azionari - Modalità di negoziazione La negoziazione continua - Un esempio (3) Il funzionamento del book di negoziazione* Prezzo di controllo: euro % pz ctrl (euro ) +5% last trade (euro 105) -5% last trade (euro 95) Qtà (n. az) ACQUISTO Pz (euro) Al meglio minuti Pz (euro) VENDITA Qtà (n. az) % pz ctrl (euro 90.00) * In questo esempio ci si riferisce alla negoziazione di azioni

58 I mercati azionari - Modalità di negoziazione La negoziazione continua - Un esempio (4) Il funzionamento del book di negoziazione* Prezzo di controllo: euro % pz ctrl (euro ) +5% last trade (euro 105) Qtà (n. az) 1000 ACQUISTO Pz (euro) Pz (euro) VENDITA Qtà (n. az) % last trade (euro 95) -10% pz ctrl (euro 90.00) * In questo esempio ci si riferisce alla negoziazione di azioni

59 I mercati azionari - Modalità di negoziazione La negoziazione continua - Un esempio (5) Il funzionamento del book di negoziazione* Prezzo di controllo: euro % pz ctrl (euro ) Qtà (n. az) ACQUISTO Pz (euro) Pz (euro) VENDITA Qtà (n. az) % last trade (euro 105) al meglio % last trade (euro 95) -10% pz ctrl (euro 90.00) * In questo esempio ci si riferisce alla negoziazione di azioni

60 I mercati azionari - Modalità di negoziazione La negoziazione continua - Un esempio (6) Il funzionamento del book di negoziazione* Prezzo di controllo: euro % pz ctrl (euro ) +5% last trade (euro ) Qtà (n. az) 800 ACQUISTO Pz (euro) Al meglio Pz (euro) VENDITA Qtà (n. az) % last trade (euro 96.90) -10% pz ctrl (euro 90.00) * In questo esempio ci si riferisce alla negoziazione di azioni

61 I mercati azionari - Modalità di negoziazione La negoziazione continua - Un esempio (7) Il funzionamento del book di negoziazione* Prezzo di controllo: euro % pz ctrl (euro ) Qtà (n. az) ACQUISTO Pz (euro) Pz (euro) VENDITA Qtà (n. az) 100-5% last trade (euro ) Al meglio % pz ctrl (euro 90.00) * In questo esempio ci si riferisce alla negoziazione di azioni

62 I mercati azionari - Modalità di negoziazione La negoziazione continua - Un esempio (8) Il funzionamento del book di negoziazione* Prezzo di controllo: euro % pz ctrl (euro ) Qtà (n. az) ACQUISTO Pz (euro) Pz (euro) VENDITA Qtà (n. az) % last trade (euro ) Al meglio (Eco) % last trade (euro 95.76) -10% pz ctrl (euro 90.00) * In questo esempio ci si riferisce alla negoziazione di azioni

63 Dalla negoziazione continua all asta di chiusura Le modalità di negoziazione Le proposte di negoziazione ancora in essere, anche parzialmente, al termine della negoziazione continua, sono automaticamente trasferite alla fase di preasta dell asta di chiusura con il prezzo e la priorità temporale della proposta originaria. Le Pdn Vac inserite nella fase di negoziazione continua (e non eseguibili nella fase di negoziazione continua) accedono alla fase di preasta dell asta di chiusura. All inizio della fase di preasta di chiusura sono esposte sul mercato con priorità temporale inferiore a quella delle proposte già presenti sul mercato e priorità temporale superiore a quella delle proposte immesse nella fase di preasta di chiusura

64 L asta di chiusura Le modalità di negoziazione Il funzionamento dell asta di chiusura è del tutto analogo a quello dell asta di apertura. Le fasi che la compongono sono le stesse e operano nello stesso modo: nella fase di pre-asta si inseriscono le proposte di negoziazione e si calcola in tempo reale il prezzo teorico di asta; nella fase di validazione si valida il prezzo teorico di asta e viene di conseguenza determinato il prezzo di asta; nella fase di asta (conclusione dei contratti): si concludono i contratti al prezzo di asta tramite l abbinamento delle proposte di negoziazione compatibili. Le differenze rispetto l asta di apertura si limitano ai seguenti due aspetti di gestione: la fase di validazione e di asta sono eseguite nel corso di soli 5 minuti e, a esclusione del segmento di Borsa ordinario classe 2 e del Mercato Expandi classe 2, l estensione temporale è ridotta; qualora la fase di validazione non porti alla individuazione di un prezzo valido e quindi a un prezzo di asta, non viene attivata una nuova fase di pre-asta

65 Le modalità di negoziazione Dall asta di chiusura alla seduta del giorno successivo (1) Al termine dell asta di chiusura si chiude la seduta di negoziazione diurna. Essendo il Mercato After Hours totalmente separato dal mercato diurno, non si verificano transizioni di Pdn dalla seduta diurna a quella serale. CONCLUSIONE DELL ASTA DI CHIUSURA Nel caso sia stato validato il prezzo teorico di asta e siano stati conclusi i contratti al prezzo di asta, le eventuali proposte VSD ineseguite, in tutto o in parte, sono automaticamente trasferite all asta di apertura del giorno successivo come limit orders, secondo le seguenti modalità: con il prezzo e la priorità temporale della proposta originaria, in caso di limit orders; con il prezzo di asta e la priorità temporale della proposta originaria, in caso di Pdn al prezzo di asta

66 Le modalità di negoziazione Dall asta di chiusura alla seduta del giorno successivo (1) NON DETERMINAZIONE O NON VALIDAZIONE DEL PREZZO TEORICO DI ASTA DI CHIUSURA Le Pdn VSD sono automaticamente trasferite all asta di apertura del giorno successivo con la priorità temporale delle proposte originarie e: con il prezzo e la priorità temporale della proposta originaria, in caso di limit orders; senza limite di prezzo e la priorità temporale della proposta originaria, in caso di Pdn al prezzo di asta (le Pdn Vac non sono trasferite alla nuova seduta di negoziazione)

67 L informativa di mercato real time I mercati azionari - Modalità di negoziazione Per gli operatori Durante le preaste: prezzi di riferimento, di controllo, prezzi teorici di asta e quantitativi complessivamente scambiabili e non scambiabili a questi prezzi teorici. Durante l intera seduta: intero book dettagliato per pdn; sintesi condizioni di negoziazione per ogni strumento (parametri di negoziazione, fase di mercato, prezzo di riferimento, prezzo di controllo, di apertura, ultimo, migliore in acquisto, migliore in vendita e volume cumulato degli scambi); situazione proprie pdn e propri contratti conclusi; riepilogo contratti conclusi sul mercato per ogni strumento (hhmmss, titolo, quantità, prezzo) Per il pubblico Durante le preaste: prezzo teorico di apertura e relativa quantità negoziabile; prezzi e quantità della migliore proposta in acquisto e in vendita; prezzo di controllo; quantità presenti in acquisto e in vendita per i cinque migliori livelli di prezzo; Durante la negoziazione continua: prezzi e quantità della migliore pdn in acquisto e in vendita; quantità presenti in acquisto e in vendita per i 5 migliori livelli di prezzo; prezzo dell ultimo contratto concluso, orario di conclusione e relativa quantità negoziata; quantità e controvalore negoziati cumulati; prezzo di controllo

68 I mercati azionari - Modalità di negoziazione I prezzi - chiave Prezzo di apertura - (unico) risultato dell asta di apertura Prezzo di chiusura - (unico) risultato dell asta di chiusura Prezzo ufficiale - media aritmetica dei prezzi di tutti i contratti conclusi nella seduta (esclusi i cross-orders*) ponderata con le quantità Prezzo di riferimento - media ponderata dei prezzi relativa all ultimo 10% della quantità scambiata nella seduta (esclusi i cross-orders*). Per i titoli del segmento blue-chip e del Nuovo Mercato, è prevista l emissione di un provvedimento che definisca la data a partire dalla quale il prezzo di riferimento sarà valorizzato al prezzo di asta di chiusura Prezzo di controllo - E il prezzo che guida il controllo automatico della regolarità delle negoziazioni * La funzione cross order permette a un operatore di abbinare due proposte di segno contrario, di pari quantità e con controparti note (ordini di terzi), a un prezzo compreso tra il miglior prezzo in acquisto e il miglior prezzo in vendita (estremi esclusi)

69 I mercati azionari - Modalità di negoziazione Il prezzo di controllo Il prezzo di controllo è il prezzo che guida il controllo automatico delle negoziazioni al fine di garantire un regolare e significativo processo di formazione dei prezzi. Il prezzo di controllo può aggiornarsi nel corso della seduta di negoziazione nel modo seguente: nelle fasi di pre-asta, validazione e apertura dell asta di apertura, è uguale al prezzo di riferimento del giorno precedente; dopo la validazione del primo prezzo di apertura, tale prezzo viene assunto come prezzo di controllo nelle fasi di negoziazione continua e asta di chiusura e rimane costante fino al termine della seduta diurna; al termine della seduta diurna, il prezzo di controllo viene aggiornato con il prezzo di riferimento del giorno e viene assunto come guida del processo di formazione dei prezzi del mercato After Hours e dell asta di apertura del giorno successivo

70 Il prezzo di controllo: un esempio I mercati azionari - Modalità di negoziazione A titolo esemplificativo, si consideri il caso in cui il prezzo di riferimento di un azione del Mib30 nel giorno (t-1) sia pari a 100 euro. Giorno (t-1) Giorno (t) Giorno (t+1) Asta apertura (t) Neg. Continua (t) Asta chiusura (t) After Hours (t) Asta apertura (t+1) Prezzo riferimento (t-1) = 100 euro = Prezzo controllo +10% (euro 110,00) Il prezzo di apertura (t) è compreso tra ±10% rispetto al prezzo di controllo (t-1), quindi tra 110 e 90 euro +10% (euro 117,70) I prezzi che si formano nel corso della negoziazione continua e il prezzo dell asta di chiusura sono compresi tra ±10% rispetto al prezzo di controllo quindi tra 117,70 e 96,30 euro -10% (euro 96,30) +3.5% (euro 115,92) I prezzi che si formano nel mercato serale e il prezzo dell asta di apertura del giorno (t+1) sono compresi in un intervallo di prezzo definito sulla base del prezzo di controllo (t) equivalente al prezzo di riferimento (t) -3.5% (euro 108,08) +10% (euro 123,20) -10% (euro 100,80) -10% (euro 90,00) Prezzo apertura (t) = 107 euro = prezzo controllo Prezzo riferimento (t) = 112 euro = prezzo controllo (t)

71 Trademarks Borsa Italiana, MIB30, MIBTEL, Midex, Nuovo Mercato, NUMEX, NUMTEL, NUMTES, STAR, MIBSTAR, IDEM, MiniFIB, MCW Mercato dei Covered Warrant, EuroMOT, MTF, BIt Club, ITEX, Academy e are owned by Borsa Italiana S.p.A. Trademark BIt Systems is owned by BIt Systems S.p.A. Trademarks Cassa di Compensazione e Garanzia and CC&G are owned by Cassa di Compensazione e Garanzia S.p.A. Trademark Monte Titoli is owned by Monte Titoli S.p.A. Trademarks Piazza Affari Gestioni e Servizi and Palazzo Mezzanotte Congress and Training Centre are owned by Piazza Affari Gestioni e Servizi S.p.A. The above trademarks and all the other trademarks of Gruppo Borsa Italiana cannot be used without the previous written approval of the Company of Gruppo Borsa Italiana having the ownership of the same

72 BACK UP

73 Informazioni preliminari Le fasi di un contratto Trading Compensaz. e garanzia Sistema RRG Liquidazione e regolamento Custody Immissione ordini ed esecuzione dei contratti Garanzia del buon fine dei contratti eseguiti sui mercati regolamentati Verifica che i termini della transazione concordino (riscontro) Calcolo delle obbligazioni assunte dai contraenti risultanti dalle operazioni riscontrate Regolamento del contratto con accredito e addebito di titoli e contante sui conti dei contraenti Amministrazione degli strumenti finanziari a livello centralizzato

74 Informazioni preliminari Gli elementi di microstruttura Microstruttura e processo di formazione del prezzo Modello di mercato Tipologia di ordini Regole di priorità Algoritmi di calcolo del prezzo Tipologia di operatori Mercati, segmenti, strumenti finanziari vs modalità e orari di negoziazione Electronic Order Book

75 I vantaggi di un sistema telematico order driven h Riduzione dei costi di accesso alle informazioni h Crescita della trasparenza del mercato h Incremento della liquidità del mercato h Riduzione dei costi di esecuzione degli ordini Informazioni preliminari h Più agevole collegamento con le operazioni di clearing e settlement centralizzato h Efficiente gestione di procedure di back-office interne h Più efficiente azione di monitoraggio dell operatività del mercato da parte di organi di gestione e autorità di vigilanza TUTTI I MERCATI DI BIt SONO TELEMATICI ORDER DRIVEN

76 Il Nuovo Mercato - Caratteristiche generali Le modalità di negoziazione Articolazione Il Nuovo Mercato si articola in: Nuovo Mercato Mercato after hours (TAHnm) Strumenti Microstruttura Sono ammesse alla negoziazione: azioni ordinarie emesse da società nazionali ed estere ad alto potenziale di sviluppo obbligazioni convertibili warrant diritti di opzione Stessa microstruttura di MTA con due principali differenze: presenza obbligatoria di un operatore specialista che si impegna a quotare continuamente prezzi bid e ask e a favorire la diffusione di analisi sulla società emittente; presenza di un privilegio di 5 minuti a favore dello specialista per la negoziazione di pdn istituzionali (superiori al livello minimo dei blocchi)

77 Il Nuovo Mercato - Il requisito di liquidità Le modalità di negoziazione IMPEGNI DI LIQUIDITÀ DEGLI OPERATORI SPECIALISTI PARAMETRO Ctvl medio giorn. Scambi (euro) Quantitativo giornaliero (euro) OBBLIGHI SPECIALISTA (mercato diurno) Spread Quantitativo per ogni proposta (euro) Fino a ,0% ,5% Oltre ,0% * Per le obbligazioni convertibili, il quantitativo minimo giornaliero è lo stesso quantitativo stabilito per le azioni sottostanti; il differenziale massimo di prezzo (calcolato come rapporto tra la differenza del prezzo in vendita e del prezzo in acquisto e la loro semisomma) è fissato al 2%

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Conoscere la Borsa e gli strumenti finanziari. Una breve guida al ruolo di Borsa Italiana e alle caratteristiche dei principali strumenti finanziari

Conoscere la Borsa e gli strumenti finanziari. Una breve guida al ruolo di Borsa Italiana e alle caratteristiche dei principali strumenti finanziari Conoscere la Borsa e gli strumenti finanziari Una breve guida al ruolo di Borsa Italiana e alle caratteristiche dei principali strumenti finanziari ALETTI VIEW CERTIFICATE Prima dell'adesione leggere il

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

Un ordine su misura per ogni taglia

Un ordine su misura per ogni taglia Un ordine su misura per ogni taglia Le funzionalità Cross Order e Block Trade Facilities sui mercati cash Cross Order e BTF Introduzione I Cross Order e la Block Trade Facilities (BTF) sono due nuove tipologie

Dettagli

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla IDEMDJD]LQH 1XPHUR 'LFHPEUH %52 (56 21/,1( 68//,'(0 nel 2002, il numero di brokers che offrono la negoziazione online sul minifib è raddoppiato, passando da 7 nel 2001 a 14. A novembre due nuovi brokers

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 SERVIZIO SULLE OPZIONI SU AZIONI (ISOALPHA) 1. INTRODUZIONE Con la piattaforma T3 di Webank possono essere negoziate le Opzioni su Azioni (Isoalpha), contratti di opzione

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

UNIVERSITA DI URBINO Mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione, internalizzatori sistematici, Best Execution dinamica

UNIVERSITA DI URBINO Mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione, internalizzatori sistematici, Best Execution dinamica UNIVERSITA DI URBINO Mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione, internalizzatori sistematici, Best Execution dinamica 17 Ottobre 2011 Indice Pag Sedi di esecuzione MiFID 2 Impatto della

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI Nel rispetto della nuova disciplina comunitaria introdotta dalla direttiva 2004/39/CE

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SANTERAMO IN COLLE (BARI) Aggiornata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 03 DICEMBRE 2014 VVeer r..1111

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

V1pc Internet Banking

V1pc Internet Banking 2.6 Area Portafoglio In questa area è possibile ottenere informazioni sull'andamento del portafoglio titoli relativa al dossier selezionato tenendo così costantemente aggiornati l utente sul valore degli

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Approvato con delibera del consiglio di amministrazione del 26 Novembre 2014 Indice

Dettagli

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. PREMESSA.3 2. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 5 3. PRINCIPI GUIDA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI..7 4. FATTORI DI ESECUZIONE

Dettagli

INFORMAZIONI SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELL ISTITUTO CENTRALE DELLE BANCHE POPOLARI ITALIANE S.p.A.

INFORMAZIONI SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELL ISTITUTO CENTRALE DELLE BANCHE POPOLARI ITALIANE S.p.A. INFORMAZIONI SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELL ISTITUTO CENTRALE DELLE BANCHE POPOLARI ITALIANE S.p.A. EXECUTION POLICY Data decorrenza 09 dicembre 2013 Sede Sociale e Direzione

Dettagli

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana 1. Definizioni 1.1 I termini con la lettera iniziale maiuscola impiegati nelle presenti Condizioni Generali Parte II si intendono usati salvo diversa

Dettagli

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI I. Disposizioni generali 1. Le presenti Regole di esecuzione delle istruzioni dei clienti riguardanti i contratti di compensazione delle differenze (CFD) e gli strumenti

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. Premessa... 2 1.1 Scopo del documento... 2 1.2 Riferimenti normativi... 2 2. Ambito di applicazione e destinatari... 2 3. Fattori di Best Execution...

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini

Strategia di Trasmissione degli Ordini Strategia di Trasmissione degli Ordini Revisionato dal Consiglio di Amministrazione con delibera n. 1932 del 23 gennaio 2015 Indice 1 PRINCIPI GENERALI... 3 1.1 Principi generali in tema di best execution...

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE / TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ALLE CONDIZIONI PIU FAVOREVOLI PER IL CLIENTE EDIZIONE GENNAIO 2015

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE / TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ALLE CONDIZIONI PIU FAVOREVOLI PER IL CLIENTE EDIZIONE GENNAIO 2015 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE / TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ALLE CONDIZIONI PIU FAVOREVOLI PER IL CLIENTE EDIZIONE GENNAIO 2015 CODICE DOCUMENTO REG044/I/BIM (Allegato 1) SOCIETA BANCA INTERMOBILIARE

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

LA QUOTAZIONE IN BORSA

LA QUOTAZIONE IN BORSA LA QUOTAZIONE IN BORSA Facoltà di Economia dell'università di Parma 20 febbraio 2012 Martino De Ambroggi L attività del broker Equity Sales & Trading Equity Research Francesco Perilli (CEO) Investment

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione A) Informazioni generali 1. L Impresa di assicurazione Parte I del Prospetto d Offerta - Informazioni sull investimento e sulle coperture assicurative Parte I del Prospetto d Offerta Informazioni sull

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Quotarsi in Borsa. La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana. www.borsaitalia.it

Quotarsi in Borsa. La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana. www.borsaitalia.it Quotarsi in Borsa La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana www.borsaitalia.it Indice 1. Introduzione 3 2. La decisione di quotarsi 5 3. La scelta del mercato di quotazione 9 4. I requisiti

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Università degli studi di Roma Tor Vergata. Facoltà di Economia. Corso di laurea in Economia delle Istituzioni e dei Mercati finanziari

Università degli studi di Roma Tor Vergata. Facoltà di Economia. Corso di laurea in Economia delle Istituzioni e dei Mercati finanziari Università degli studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Economia Corso di laurea in Economia delle Istituzioni e dei Mercati finanziari Tesi in Economia degli Intermediari Finanziari Il ruolo dell ICT nello

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Banca di Ancona Credito Cooperativo Soc. Cooperativa Sede Sociale in Ancona Via Maggini 63/a 60127 iscritta all Albo delle Banche al n. 186.70 all Albo delle Società Cooperative al n. A160770, al Reg.

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini DI CREDIO COOPERAIVO S.C. DEGLI OBBLIGAZIONISI 1 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Novembre 2014 eramo - 64100 - Via Savini, 1 el. 0861/ 25691 - Fax 0861/ 359919 DI CREDIO COOPERAIVO

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvata con delibera del C.d.A. del 29/10/2007 Aggiornata con delibera del C.d.A. del 26/11/2008 21/10/2009 29/10/2010 24/01/2011 04/06/2012 18/11/2013

Dettagli

Orc Trading: tecnologia innovativa per far crescere il vostro business. Matteo Carcano Milano, 13 Aprile, 2010

Orc Trading: tecnologia innovativa per far crescere il vostro business. Matteo Carcano Milano, 13 Aprile, 2010 Orc Trading: tecnologia innovativa per far crescere il vostro business Matteo Carcano Milano, 13 Aprile, 2010 2 Agenda 17.00 17.15 Introduzione Matteo Carcano Orc Software 17.15 17.30 Le opportunità di

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF )

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) (modello di amministrazione e controllo tradizionale) Emittente: SALINI

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA

INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA 1 INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA Revisione del 01/08/2013 2 INDICE PREMESSA 1.RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 2.PRINCIPI GUIDA

Dettagli

Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi

Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi Corporate finance advisory and strategy consulting 1. Le priorità delle PMI italiane Quali sono

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATIVI

DOCUMENTI INFORMATIVI Sede sociale: Cortona, Via Guelfa, 4 Iscritta all albo delle Banche al n. matr. 506.6.0 Capitale sociale e riserve al 31/12/2013 32.044.372,37 i.v. Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di AREZZO

Dettagli