I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1"

Transcript

1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana SpA I mercati gestiti da TLX SpA 1

2 Mercato primario e secondario Offerta Emittente Mercato primario Domanda Investitore Interesse alla raccolta di risorse da indirizzare al finanziamento del piano di investimenti Interesse alla sottoscrizione del titolo da inserire nel portafoglio Mercato secondario Offerta Investitore Interesse a vendere al fine di riaggiustare il proprio portafoglio con la dismissione del titolo Domanda Investitore Interesse ad acquistare al fine di riaggiustare il proprio portafoglio con l inserimento di un nuovo titolo 2

3 I mercati secondari I sistemi di processo degli ordini Domanda investitore Mercati a ricerca autonoma Offerta investitore L acquirente e il venditore provvedono autonomamente (senza l intervento di intermediari) alla ricerca della controparte e alla conclusione dello scambio (condizioni di prezzo e quantità). La ricerca diventa faticosa e poco efficace quando il numero di controparti aumenta. 3

4 I mercati secondari I sistemi di processo degli ordini Mercati con broker Domanda investitore Intermediario broker Offerta investitore Il broker è un mediatore che si avvale di strumenti di raccolta ed elaborazione delle informazioni al fine di facilitare l incontro tra domanda e offerta che spesso presentano un elevata personalizzazione ed esigenze di anonimato. Il compenso del broker è pari alla commissione percentuale calcolata sul controvalore dell operazione. 4

5 I mercati secondari I sistemi di processo degli ordini Mercati quote driven (con dealers o market makers) Domanda investitore Intermediario (dealer market maker) Offerta investitore L intermediario formula proposte di acquisto al prezzo denaro (bid) e proposte di vendita al prezzo lettera (ask). Il suo compenso è pari alla differenza tra i prezzi esposti (spread denaro/lettera). Il dealer agisce su sollecitazione del singolo investitore (di fatto può scegliere la controparte con la quale negoziare). Se il dealer si specializza nello scambio di un titolo o di una rosa di titoli assume il nome di specialist. Il market maker è obbligato (dall autorità del mercato) a esporre in maniera continuativa proposte sui due lati del mercato. 5

6 Domanda investitore I mercati secondari I sistemi di processo degli ordini Mercati order driven (ad asta) Offerta investitore Gli investitori negoziano senza l intervento di un intermediario facendo affluire gli ordini (PDN) al mercato il quale provvede ad incrociarli quando sono coerenti per prezzo e quantità per ciascun titolo secondo predefinite regole. Nell asta a chiamata l afflusso di ordini si realizza in un momento ben definito della giornata: l unico prezzo che ne scaturisce è quello che consente di massimizzare la quantità di titoli scambiabile. Nell asta continua l afflusso di ordini si ha durante tutta la seduta di borsa. Le PDN in acquisto vengono disposte in ordine decrescente, le PDN in vendita vengono disposte in ordine crescente e non appena la PDN sul lato opposto del mercato è compatibile per quantità e prezzo, l ordine viene eseguito: ne consegue che esistono tanti prezzi quanti sono gli incroci realizzati. 6

7 I mercati secondari Mercati regolamentati Mercati non regolamentati (Sistemi di Scambi Organizzati SSO) differenti per: Regole standardizzate Liquidità degli strumenti negoziati Trasparenza Istituti di compensazione e garanzia Livello di personalizzazione Le trading venues Si tratta di piattaforme di negoziazione che ai fini della normativa italiana si considerano SSO 7

8 L obbligo di concentrazione Con il recepimento della Direttiva MIFID cadrà l obbligo di concentrazione. Già oggi 23 titoli quotati sulla Borsa Italiana sono quotati su almeno tre borse (ad esempio Nokia, France Telecom, Allianz, ) 8

9 Il gray market Afferisce alle contrattazioni che si svolgono prima della quotazione sul mercato ufficiale e che normalmente avvengono tra investitori istituzionali 9

10 Il mercato dei cambi Le conseguenze dell apprezzamento/deprezzamento del tasso di cambio dipendono dalla posizione netta assunta dall operatore. Se l operatore assume una posizione netta creditoria (deve ricevere flussi in valuta estera) l apprezzamento della valuta nazionale (deprezzamento della valuta estera valuta di denominazione dei flussi) comporterà delle perdite. Ogni operatore che investe in valuta estera o si indebita in valuta estera è esposto al rischio di cambio. È possibile coprirsi dal rischio di cambio ricorrendo al mercato a termine o agli strumenti derivati su valute 10

11 Il mercato dei cambi Comparti A pronti (negoziazione ed esecuzione sono contestuali) A termine (alla negoziazioni a pronti seguirà l esecuzione ad una certa data futura) Prezzi Quotazioni Il prezzo nel mercato dei cambi è il tasso di cambio: il prezzo di una valuta è espressa in termini di un altra valuta Diretta (americana: certo per incerto): quantità di valuta estera per 1 unità di valuta nazionale ( /$ = 1,18 quantità di $ per 1 per un operatore italiano). L aumento del tasso di cambio corrisponde ad un apprezzamento della valuta nazionale. Indiretta (europea: incerto per certo): quantità di valuta nazionale per 1 unità di valuta estera (Υ/$ = xx, quantità di Υ per 1 $ per un operatore giapponese. L aumento del tasso di cambio corrisponde ad un deprezzamento della valuta nazionale. 11

12 Il mercato dei cambi La parità dei poteri d acquisto e la parità dei tassi d interesse Nel lungo periodo il tasso di cambio obbedisce alla teoria della parità dei poteri di acquisto: il tasso di cambio tende ad assumere un valore tale da compensare il differenziale tra i tassi d inflazione di due Paesi. Nel breve periodo, invece, il tasso di cambio segue la teoria della parità (coperta) dei tassi d interesse: il legame tra i tassi di cambio a pronti e a termine compensa il differenziale tra i tassi d interesse di due Paesi. 12

13 Tasso di cambio certo per incerto Il mercato dei cambi La parità dei tassi d interesse Investimento in valuta nazionale (valuta del Paese A) T 1 T 2 I I * (1+r A ) Investimento in valuta estera (valuta del Paese B) T 1 T 2 ( I * S ) I (1+r B ) * (1/F) 13

14 Per ipotesi l operatore del Paese A vuole effettuare un investimento pari ad I (in valuta nazionale): r A r B S F Tasso d interesse a termine di A per il periodo T 2 Tasso d interesse a termine di B per il periodo T 2 Tasso di cambio a pronti (certo per incerto) Tasso di cambio a termine (certo per incerto) Il mercato dei cambi La parità dei tassi d interesse Valore dell investimento a T 1 I * (1+r A ) = (I * S) * (1+r B ) *(1/F) Fattore di capitalizzazione in valuta nazionale Valore Fattore di dell investimento conversione a a T 1 convertito in scadenza valuta estera Fattore di capitalizzazione in valuta estera 14

15 Il mercato monetario Strumenti di mercato monetario Titoli di mercato monetario (BOT) Depositi interbancari MOT di Borsa Italiana SpA MTS di MTS SpA MID di e-mid SpA 15

16 Il mercato monetario MID Sul Mercato Interbancario dei Depositi si formano i tassi d interesse che costituiscono i parametri di riferimento per: la determinazione dei tassi praticati dalle banche ai clienti; la definizione delle cedole delle obbligazioni indicizzate. DEPOSITI A UN GIORNO (OVERNIGHT, TOMMORROW NEXT, SPOT CONTRATTI NEGOZIABILI NEXT) DEPOSITI A SCADENZA (INDETERMINATA, DETERMINATA, DIFFERITI) 16

17 I mercati obbligazionari italiani MTS Italy gestito MTS SpA MOT gestito da Borsa Italiana SpA TLX gestito da TLX SpA 17

18 I mercati azionari italiani Borsa Italiana SpA gestisce: MTA MTA International EXPANDI 18

19 Società di gestione 1. MTS SpA 2. Borsa Italiana SpA 3. TLX SpA 19

20 MTS Galaxy (Borsa obbligazionaria europea) BORSA ITALIANA 49% MBE holding 51% 51% EURONEXT La piattaforma è unica (EuroMTS), mentre la corporategovernance è diversa per ogni mercato 20

21 MTS MTS SEGMENTI STRUMENTI TRATTATI È un mercato secondario all ingrosso gestito da MTS SpA MTS cash MTS pronti contro termine MTS strip Titoli di Stato (BOT, CTZ, CCT, BTP, BTP i, STRIPS) Titoli non governativi (ABS, asset backed securities; QGB, quasi government bond) 21

22 Borsa italiana SpA Operatori autorizzati Banche Imprese di investimento comunitarie ed extracomunitarie autorizzate a prestare il servizio di negoziazione Società finanziare autorizzate alla negoziazione in conto proprio Agenti di cambio Poste Italiane SpA Locals 22

23 Categorie di strumenti AZIONI SECURITISED DERIVATIVES REDDITO FISSO DERIVATI Comparti di Borsa Italiana SpA MTA BLUE CHIPS STAR SEGMENTO STANDARD MTA International MERCATO EXPANDI SeDex MOT DomesticMOT EuroMOT IDEM Strumenti trattati azioni warrant obbligazioni convertibili diritti covered warrant titoli di Stato corporate bonds eurobbligazioni ABS Future, minifuture e option su S&PMIB single stock future and option FONDI MTF ETF, Fondi e SICAV indicizzati Fondi chiusi 23

24 MTA MTA Mercato Telematico Azionario corrisponde alla struttura dell economia italiana SEGMENTI STRUMENTI TRATTATI Blue Chips (per società con capitalizzazione superiore al miliardo di euro), Star (per società con capitalizzazione compresa tra i 40 milioni e il miliardo di euro con requisiti di eccellenza), Segmento Standard (per tutte le altre imprese). La segmentazione è rivista 2 volte l anno (a marzo e a settembre) Azioni, obbligazioni convertibili, warrant, diritti di opzione 24

25 MTA Le fasi di negoziazione ASTA DI APERTURA: Preapertura: gli operatori immettono nel sistema le PDN (acquisti e vendite) per ciascun titolo al fine di individuare il prezzo teorico di apertura, ovvero il prezzo che consente di massimizzare la quantità di titoli scambiabili Validazione: definizione del prezzo di apertura che non deve discostarsi dal prezzo di controllo per una percentuale superiore al 10% (condizione di validità) Apertura: conclusione di tutti i contratti abbinabili al prezzo di apertura NEGOZIAZIONE CONTINUA: il sistema conclude i contratti man mano che le PDN diventano compatibili per condizioni di prezzo e quantità ASTA DI CHIUSURA: Preasta: gli operatori immettono, cancellano, modificano le PDN al fine di individuare il prezzo teorico di chiusura Asta di chiusura: esecuzione di tutti i contratti compatibili con il prezzo di chiusura 25

26 MTA Alcuni prezzi segnaletici Il PREZZO DI CONTROLLO corrisponde: nell ASTA DI APERTURA: al prezzo di riferimento nella NEGOZIAZIONE CONTINUA: al prezzo si asta di apertura o al prezzo di riferimento se non è stato possibile determinare il prezzo di asta di apertura nell ASTA DI CHIUSURA: al prezzo dell asta di apertura (o al prezzo di riferimento se non è stato possibile determinare il prezzo d asta di apertura). Il PREZZO DI RIFERIMENTO è il prezzo dell asta di chiusura o è pari alla media dei prezzi dell ultimo 10% di quantitativo scambiato se non è stato possibile individuare il prezzo di asta di chiusura. Il PREZZO UFFICIALE è la media ponderata dei prezzi di tutti i contratti conclusi nella giornata di borsa. 26

27 MTA Requisiti di ammissione Requisiti emittenti Requisiti titoli Obblighi di informativa Corporate governance Capacità di generare ricavi in condizioni di autonomia pubblicazione e deposito ultimi 3 bilanci revisione contabile ultimo bilancio non deve essere holding di partecipazioni capitalizzazione tra 20 e 800 milioni di euro (> 800 milioni per il segmento Blue Chips) flottante minimo 25% (35% per il segmento STAR) periodica (trimestrale, semestrale, annuale) price sensitive sul pagamento dei dividendi sulle operazioni straordinarie adozione del codice di Internal Dealing Ad esempio, Banca Popolare di Intra abbandona (settembre 2006) il segmento STAR perché non riesce a soddisfare gli obblighi di trasparenza 27

28 MTA Riepilogo di fine giornata Numero contratti conclusi Quantità totale negoziata Prezzo minimo e massimo e relative quantità Prezzi segnaletici : prezzo di asta di apertura, prezzo di asta di chiusura, prezzo di riferimento, prezzo ufficiale Per ciascun titolo Indici di borsa 28

29 Mercato Expandi EXPANDI SEGMENTI STRUMENTI TRATTATI Accoglie le piccole imprese operanti in business tradizionali con posizioni consolidate nei mercati di riferimento che presentano un trend di risultati economico-finanziari positivi Segmento 1 Segmento 2 Azioni REQUISITI DI AMMISSIONE: capitalizzazione maggiore di 1 mln di euro 29

30 IDEM IDEM CONTRATTI L Italian Derivatives Market è il mercato italiano degli strumenti derivati Future, Mini Future, Opzioni sull indice S&PMIB Future e opzioni su azioni dell MTA 30

31 SeDex SeDex CONTRATTI SOTTOSTANTI Al fine di garantire la liquidità del mercato l emittente o il soggetto incaricato dall emittente deve impegnarsi a esporre proposte in acquisto e in vendita in modo continuativo a prezzi che non si discostano dal range massimo di prezzo previsto e per quantitativi almeno pari ai lotti minimi CW PLAIN VANILLA (opzione call o put con strike diverso da zero) CW BENCHMARK (opzione call con strike uguale a zero) CW CERTIFICATES (opzione call con strike uguale a zero il cui sottostante è un indice costruito dallo stesso emittente il CW) CW STRUTTURATI/ESOTICI (combinazioni di opzioni) Azioni (italiane od estere), titoli di Stato, tassi d interesse, indici o panieri di indici (che siano diffusi e le cui modalità di calcolo siano note) 31

32 MOT MOT SEGMENTI STRUMENTI TRATTATI È un mercato secondario al dettaglio gestito da Borsa Italiana DomesticMOT per gli strumenti liquidati presso Monte Titoli il terzo giorno di borsa aperta successivo alla stipula del contratto (tranne che per i contratti aventi ad oggetto i BOT per i quali è t+2) EuroMOT per gli strumenti liquidati su Euroclear e Clearstream (calendario TARGET) Titoli di Stato (BOT, CTZ, CCT, BTP, BTP i) Obbligazioni Enti Locali Obbligazioni bancarie, corporate plain vanilla e strutturate non convertibili Eurobbligazioni, obbligazioni di emittenti esteri e ABS 32

33 MOT 33

34 Caratteristiche Tipologia di mercato Strumenti trattati Ordini Struttura Sistemi di esecuzione degli ordini Accesso al mercato Meccanismi di regolamento MTS / MOT secondario Titoli di Stato MTS ABS del settore pubblico Quasi government bond* all ingrosso telematico quote driven (con market makers) NON aperto al pubblico T+3 tranne che per i BOT (T+2) secondario gouvernment bonds corporate bonds al dettaglio telematico order driven 2 fasi ad asta a chiamata 1 fase a negoziazione continua aperto al pubblico T+3 MOT tranne che per i BOT (T+2) * strumenti emessi dalla Banca Europea degli investimenti e euro obbligazioni della Repubblica Italiana 34

35 TLX TLX TLX è diventato mercato regolamentato con delibera Consob 14192/2003 ed è operativo dal Si caratterizza per la presenza di almeno un market maker per ciascuno strumento trattato e per avere un sistema di esecuzione degli ordini di tipo misto (order e quote driven). STRUMENTI TRATTATI Titoli di Stato (italiani, europei) Obbligazioni (sovereign, corporate, strutturate) 35

SeDeX, MOT ed EuroMOT. Mauro Giangrande Borsa Italiana Divisione FI&CW Markets

SeDeX, MOT ed EuroMOT. Mauro Giangrande Borsa Italiana Divisione FI&CW Markets SeDeX, MOT ed EuroMOT Mauro Giangrande Borsa Italiana Contenuti SeDeX MOT EuroMOT 2 Contenuti SeDeX MOT EuroMOT 3 Mercato SeDeX SeDeX: il mercato telematico dei securitised derivatives SeDeX è il mercato

Dettagli

Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio

Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio 1 Mercati e strumenti finanziari gestiti Dal 1998 Borsa Italiana SpA regolamenta, sviluppa e gestisce i mercati italiani azionari (MTA e Mercato Expandi), il mercato degli strumenti derivati (IDEM), il

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO TERZO STRUTTURA DELLA BORSA VALORI ITALIANA Sommario: 1. I comparti della Borsa valori italiana. - 2. Il sistema telematico. - 3. MTA. - 4. Il mercato Expandi. - 5. Idem. - 6. IL sedex. - 7. Il

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. Capitolo 7 La Borsa valori e le operazioni in titoli Sommario 1. I servizi e le attività di investimento e gli strumenti finanziari. - 2. Il mercato mobiliare. 3. Le funzioni essenziali della Borsa valori.

Dettagli

Classificazione del mercato dei capitali

Classificazione del mercato dei capitali Classificazione del mercato dei capitali Mercato dei capitali: complesso delle negoziazioni che si svolgono nel sistema finanziario Mercati creditizi Mercati mobiliari (circuito indiretto) (circuito diretto)

Dettagli

I Mercati Regolam entati Telematici e i Corporate Bonds : esperienze a confronto

I Mercati Regolam entati Telematici e i Corporate Bonds : esperienze a confronto I Mercati Regolam entati Telematici e i Corporate Bonds : esperienze a confronto Pietro Poletto Responsabile Fixed Income & Securitised Derivatives Markets Borsa Italiana SpA Verona 2 Luglio 2004 Mercati

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

I mercati di borsa italiani Ancona, 28-29 novembre 2002

I mercati di borsa italiani Ancona, 28-29 novembre 2002 Università degli Studi di Ancona Facoltà di Economia Giorgio Fuà Corso di laurea specialistico: FINANZA, BANCHE E ASSICURAZIONI (Classe 19/S) Percorso: Borsa e Mercati Struttura e funzionamento dei mercati

Dettagli

MOT ed ExtraMOT. I mercati obbligazionari MOT ed ExtraMOT: trasparenza ed efficienza

MOT ed ExtraMOT. I mercati obbligazionari MOT ed ExtraMOT: trasparenza ed efficienza MOT ed ExtraMOT I mercati obbligazionari MOT ed ExtraMOT: trasparenza ed efficienza MOT ed ExtraMOT: i mercati Fixed Income per gli investitori retail e professionali. MOT ed ExtraMOT Leader in Europa

Dettagli

AIM ITALIA MANUALE DELLE NEGOZIAZIONI

AIM ITALIA MANUALE DELLE NEGOZIAZIONI AIM ITALIA MANUALE DELLE NEGOZIAZIONI VERSIONE 1.0 TITOLO 1 MERCATO TELEMATICO AIM Articolo 1 (Strumenti negoziabili) 1. Nel mercato AIM si negoziano, per qualunque quantitativo, strumenti finanziari.

Dettagli

INDICE I SINTESI... 2 II PREMESSA... 2 III DISPOSIZIONI GENERALI... 2

INDICE I SINTESI... 2 II PREMESSA... 2 III DISPOSIZIONI GENERALI... 2 STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI IMPARTITI ALLA BANCA NAZIONALE DEL LAVORO S.P.A, GRUPPO BNP PARIBAS, DAI PROPRI CLIENTI AL DETTAGLIO E PROFESSIONALI INDICE I

Dettagli

GRAFICO 9 - ANDAMENTO DEL NUMERO DI COVERED WARRANT QUOTATI

GRAFICO 9 - ANDAMENTO DEL NUMERO DI COVERED WARRANT QUOTATI il mercato dei covered warrant Il Mercato dei Covered Warrant Il trend positivo che caratterizza il numero di covered warrant quotati fin dall ammissione di questi strumenti sul mercato italiano nel 1998

Dettagli

Elementi costitutivi del sistema finanziario

Elementi costitutivi del sistema finanziario Elementi costitutivi del sistema finanziario Ordinamento Strumenti Sistema Finanziario Mercati Monetario e dei cambi obbligazionario di partecipazione di indebitamento di assicurazione Intermediari mobiliari

Dettagli

LE OBBLIGAZIONI NELLA STAMPA FINANZIARIA

LE OBBLIGAZIONI NELLA STAMPA FINANZIARIA LE OBBLIGAZIONI NELLA STAMPA FINANZIARIA 1 Tabella quantitativi trattati (prima pagina del Sole 24 Ore) 19.01 16.01 Azioni: numero 643.314.169 574.051.164 Azioni: valore 1.727.230.318 1.801.108.021 Titoli

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Alcune tipologie di strumenti derivati. 1. Il future su Ftse Mib 1/6

Alcune tipologie di strumenti derivati. 1. Il future su Ftse Mib 1/6 focus modulo 3 lezione 45 Il mercato dei capitali e la Borsa valori Gli strumenti derivati: caratteristiche generali Alcune tipologie di strumenti derivati 1. Il future su Ftse Mib A seconda dello strumento

Dettagli

ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA

ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Mercati Regolamentati Italiani ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA Mercati Regolamentati

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

Parte prima I prodotti del mercato monetario e obbligazionario 1

Parte prima I prodotti del mercato monetario e obbligazionario 1 00_caparrelli 20-01-2004 13:10 Pagina VII Prefazione XIII Parte prima I prodotti del mercato monetario e obbligazionario 1 Capitolo 1 I prodotti del mercato monetario 3 1.1 Introduzione al mercato monetario

Dettagli

ExtraMOT PRO. La risposta di Borsa Italiana alle esigenze di funding delle corporate italiane. Borsa Italiana

ExtraMOT PRO. La risposta di Borsa Italiana alle esigenze di funding delle corporate italiane. Borsa Italiana ExtraMOT PRO La risposta di Borsa Italiana alle esigenze di funding delle corporate italiane Borsa Italiana I mercati obbligazionari gestiti da Borsa Italiana MOT (Mercato Regolamentato) DomesticMOT (Monte

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI IMPARTITI ALLA BANCA NAZIONALE DEL LAVORO S.P.A., GRUPPO BNP PARIBAS, DAI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI IMPARTITI ALLA BANCA NAZIONALE DEL LAVORO S.P.A., GRUPPO BNP PARIBAS, DAI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI IMPARTITI ALLA BANCA NAZIONALE DEL LAVORO S.P.A., GRUPPO BNP PARIBAS, DAI PROPRI CLIENTI AL DETTAGLIO E PROFESSIONALI SOMMARIO

Dettagli

ExtraMOT PRO. La risposta di Borsa Italiana alle esigenze di funding delle PMI

ExtraMOT PRO. La risposta di Borsa Italiana alle esigenze di funding delle PMI ExtraMOT PRO La risposta di Borsa Italiana alle esigenze di funding delle PMI ExtraMOT PRO 1. I mercati obbligazionari di Borsa Italiana 2. Perchè quotarsi su ExtraMOT PRO 3. ExtraMOT PRO, finalità e caratteristiche

Dettagli

Regole degli indici MTS Italia V1.0

Regole degli indici MTS Italia V1.0 Regole degli indici MTS Italia V1.0 17 gennaio 2011 Indice 1. Descrizione degli indici EuroMTS 1.1 La gamma degli indici EuroMTS 2. MTS Italy Indices 2.1 Sommario degli indici MTS Italy Indices 2.2 MTSI:

Dettagli

ISSIS DON MILANI LICEO ECONOMICO SOCIALE Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA. Liceo Don Milani classe I ECONOMICO SOCIALE Romano di Lombardia 1

ISSIS DON MILANI LICEO ECONOMICO SOCIALE Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA. Liceo Don Milani classe I ECONOMICO SOCIALE Romano di Lombardia 1 ISSIS DON MILANI LICEO Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA 1 NEL MERCATO FINANZIARIO SI NEGOZIANO TITOLI CON SCADENZA SUPERIORE A 18 MESI AZIONI OBBLIGAZIONI TITOLI DI STATO 2 VALORE DEI TITOLI VALORE

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento luglio 2015

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento luglio 2015 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento luglio 2015 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Documento di sintesi della

Documento di sintesi della Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del settembre 2015 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

IL MERCATO AZIONARIO ASPETTI STRUTTURALI DEI MERCATI E I PROCESSI DI QUOTAZIONE. Capitolo 13. Lezione 8

IL MERCATO AZIONARIO ASPETTI STRUTTURALI DEI MERCATI E I PROCESSI DI QUOTAZIONE. Capitolo 13. Lezione 8 IL MERCATO AZIONARIO ASPETTI STRUTTURALI DEI MERCATI E I PROCESSI DI QUOTAZIONE Capitolo 13 Lezione 8 Lezione 8 SAPRESTE SPIEGARE L ANDAMENTO DI QUESTO GRAFICO? I PUNTI PRINCIPALI DELLA LEZIONE I mercati

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO TERZO LE ARTICOLAZIONI DEL MERCATO DEI CAPITALI SOMMARIO: 1. Il mercato dei capitali. - 2. Tipologia dei mercati finanziari. - 3. Il mercato monetario e il mercato dei cambi. - 4. Il mercato mobiliare.

Dettagli

Reddito Fisso. Per la negoziazione degli strumenti del reddito fisso Borsa Italiana organizza e gestisce. I mercati del

Reddito Fisso. Per la negoziazione degli strumenti del reddito fisso Borsa Italiana organizza e gestisce. I mercati del I mercati del Reddito Fisso Per la negoziazione degli strumenti del reddito fisso Borsa Italiana organizza e gestisce due comparti: il Mercato Telematico delle Obbligazioni e dei titoli di Stato (Mot)

Dettagli

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana S.p.A. del 26 aprile 2007 e approvato dalla Consob con delibera n. 15996 del 26 giugno

Dettagli

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana S.p.A. del 26 aprile 2007 e approvato dalla Consob con delibera n. 15996 del 26 giugno

Dettagli

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana S.p.A. del 29 aprile 2005 e approvato dalla Consob con delibera n. 15101 del 5 luglio

Dettagli

U n o r d i n e s u m i s u r a p e r o g n i t a g l i a. Le funzionalità Cross Order e Block Trade Facilities sui mercati cash

U n o r d i n e s u m i s u r a p e r o g n i t a g l i a. Le funzionalità Cross Order e Block Trade Facilities sui mercati cash U n o r d i n e s u m i s u r a p e r o g n i t a g l i a Le funzionalità Cross Order e Block Trade Facilities sui mercati cash Introduzione I Cross Order e i Block Trade Facilities (BTF) sono due nuove

Dettagli

PAS 2014 Mishkin Eakins Forestieri, Istituzioni e mercati finanziari, Pearson, 2010. Il mercato obbligazionario

PAS 2014 Mishkin Eakins Forestieri, Istituzioni e mercati finanziari, Pearson, 2010. Il mercato obbligazionario PAS 2014 Mishkin Eakins Forestieri, Istituzioni e mercati finanziari, Pearson, 2010. Il mercato obbligazionario 1 Anteprima In questo capitolo analizzeremo i titoli di debito a lungo termine, cioè le obbligazioni.

Dettagli

SeDeX. Il mercato dei Certificati e dei Covered Warrant: innovazione e diversificazione

SeDeX. Il mercato dei Certificati e dei Covered Warrant: innovazione e diversificazione SeDeX Il mercato dei Certificati e dei Covered Warrant: innovazione e diversificazione Questo è il mercato telematico che consente agli investitori di scambiare migliaia di strumenti quotati in tempo reale.

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana del 21 aprile 2008 e approvato dalla Consob con delibera n. 16502 del 4 giugno 2008

Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana del 21 aprile 2008 e approvato dalla Consob con delibera n. 16502 del 4 giugno 2008 REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI EGESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana del 21 aprile 2008 e approvato dalla Consob con delibera n. 16502 del 4 giugno 2008 (data

Dettagli

Cassa Lombarda S.p.A. 1 di 6 FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITO TITOLI E STRUMENTI FINANZIARI A CUSTODIA ED AMMINISTRAZIONE

Cassa Lombarda S.p.A. 1 di 6 FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITO TITOLI E STRUMENTI FINANZIARI A CUSTODIA ED AMMINISTRAZIONE Cassa Lombarda S.p.A. 1 di 6 FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITO TITOLI E STRUMENTI FINANZIARI A CUSTODIA ED AMMINISTRAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: CASSA LOMBARDA SPA Sede legale:

Dettagli

La quotazione dei fondi aperti in Borsa Italiana. Borsa Italiana

La quotazione dei fondi aperti in Borsa Italiana. Borsa Italiana La quotazione dei fondi aperti in La quotazione dei fondi in Borsa Obiettivo: Creare un mercato telematico per la negoziazione di quote di fondi UCITS da parte di tutti gli aderenti al mercato ETFplus

Dettagli

AVVISO n.19378. 13 Novembre 2014 ETFplus. Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso

AVVISO n.19378. 13 Novembre 2014 ETFplus. Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso AVVISO n.19378 13 Novembre 2014 ETFplus Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto dell'avviso : -- Oggetto : Modifiche al Regolamento dei Mercati e relative Istruzioni: OICR aperti/ Amendments

Dettagli

SeDeX. Covered Warrant e Leverage Certificate

SeDeX. Covered Warrant e Leverage Certificate SeDeX Covered Warrant e Leverage Certificate Prodotti con effetto leva per accrescere il potenziale del proprio portafoglio. SeDeX Introduzione Questi prodotti amplificano al rialzo e al ribasso le performance

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI Il presente documento descrive le misure per l esecuzione e la trasmissione degli ordini alle condizioni più favorevoli per il cliente (art. 45 e 48 del Regolamento Consob in materia di Intermediari) e

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

I mercati finanziari sono luoghi,, non necessariamente fisici, in cui vengono scambiate le attività finanziarie.

I mercati finanziari sono luoghi,, non necessariamente fisici, in cui vengono scambiate le attività finanziarie. I mercati finanziari sono luoghi,, non necessariamente fisici, in cui vengono scambiate le attività finanziarie. Si possono fare diverse classificazioni dei mercati finanziari a seconda del parametro di

Dettagli

Il dizionario dei termini finanziari

Il dizionario dei termini finanziari Il dizionario dei termini finanziari Tipi di ordine Ordine a mercato Ordine in stop (buystop-sellstop) Ordine a limite (buylimit-sellimit) Viene dato senza precisare alcun prezzo. Significa che lo si deve

Dettagli

CAC40 16.12.2005 DOW JONES 16.12.2005 EUROSTOXX50 16.12.2005 MIB30 16.12.2005 NIKKEI225

CAC40 16.12.2005 DOW JONES 16.12.2005 EUROSTOXX50 16.12.2005 MIB30 16.12.2005 NIKKEI225 Avviso integrativo di emissione della Nota integrativa al documento informativo sull Emittente depositato presso la Consob in data 03.07.2002, a seguito di nullaosta n. 2045403 del 27.06.2002 relativa

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI PREMESSE La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento Europeo

Dettagli

IL MERCATO MONETARIO CARATTERISTICHE TECNICHE E ALCUNI ASPETTI DI FUNZIONAMENTO. Capitolo 11 MEF. Lezione 5 1

IL MERCATO MONETARIO CARATTERISTICHE TECNICHE E ALCUNI ASPETTI DI FUNZIONAMENTO. Capitolo 11 MEF. Lezione 5 1 IL MERCATO MONETARIO CARATTERISTICHE TECNICHE E ALCUNI ASPETTI DI FUNZIONAMENTO Capitolo 11 MEF Lezione 5 1 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTA DOMANDA? Nella relazione annuale di Microsoft per il 2009, si poteva

Dettagli

Corrispettivi di quotazione

Corrispettivi di quotazione Corrispettivi di quotazione In vigore dal 2 Aprile 2007 Indice Pagina 1. Azioni 1.1 Prima quotazione... 3 1.2 Corrispettivo semestrale... 4 2. Obbligazioni 2.1 Obbligazioni già quotate alla data del 1

Dettagli

TASSI D INTERESSE SULLE OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO

TASSI D INTERESSE SULLE OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO TASSI D INTERESSE SULLE OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO - CREDITO AL CONSUMO => Tassi fissi, espressi con due indicatori (per ogni operazione vengono indicati entrambi) -TAN (Tasso Annuo Nominale): quanto

Dettagli

PER FAR CRESCERE IL TUO BUSINESS. Market Connect

PER FAR CRESCERE IL TUO BUSINESS. Market Connect PER FAR CRESCERE IL TUO BUSINESS Market Connect Market Connect nasce con un intento: avere una finestra sempre aperta sui mercati italiani ed esteri e offrire così una panoramica ampia e dettagliata sulla

Dettagli

Titoli obbligazionari

Titoli obbligazionari Titoli obbligazionari Tipologie e classificazione strumenti obbligazionari; Mercati di quotazione; Tipologie di rischio; Valutazione di un titolo obbligazionario; Determinazione misure di rendimento; Struttura

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito. I mercati finanziari

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito. I mercati finanziari Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I mercati finanziari Mercati creditizi e mobiliari I mercati si identificano con l insieme degli scambi di strumenti finanziari; Il collegamento tra unità

Dettagli

Quesiti e soluzioni della prova scritta dell'esame di idoneità per l'iscrizione all'albo dei promotori finanziari del 9 marzo 2007

Quesiti e soluzioni della prova scritta dell'esame di idoneità per l'iscrizione all'albo dei promotori finanziari del 9 marzo 2007 Quesiti e soluzioni della prova scritta dell'esame di idoneità per l'iscrizione all'albo dei promotori finanziari del 9 marzo 2007 1. Ai sensi del dell art. 98, comma 2, del regolamento Consob n. 11522/1998,

Dettagli

INDICE. Capitolo 1 INTRODUZIONE pag. 1.1. Intermediazione finanziaria e investimento... 1 1.2. Gliintermediarifinanziari... 2

INDICE. Capitolo 1 INTRODUZIONE pag. 1.1. Intermediazione finanziaria e investimento... 1 1.2. Gliintermediarifinanziari... 2 INDICE Capitolo 1 INTRODUZIONE 1.1. Intermediazione finanziaria e investimento................... 1 1.2. Gliintermediarifinanziari... 2 Capitolo 2 L ANALISI MACROECONOMICA 2.1. IlbilanciodelloStato...

Dettagli

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni A.A. 2008-2009 20 maggio 2009 Agenda I contratti Swap Definizione Gli Interest Rate Swap Il mercato degli Swap Convenienza economica e finalità Le opzioni

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Titoli di debito. caratteristiche rendimento

Titoli di debito. caratteristiche rendimento Titoli di debito caratteristiche rendimento categorie BUONI ORDINARI DEL TESORO (BOT); CERTIFICATI DEL TESORO ZERO COUPON (CTZ); BUONI DEL TESORO POLIENNALI (BTP); BTP INDICIZZATI ALL INFLAZIONE EUROPEA

Dettagli

Il MOT: il mercato telematico delle obbligazioni e dei titoli di Stato

Il MOT: il mercato telematico delle obbligazioni e dei titoli di Stato Il Mot: il mercato telematico delle obbligazioni e dei titoli di Stato Apartire dal 1994, anno della sua nascita, il Mot ha conosciuto un continuo processo di innovazioni strutturali che si è assestato

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Sede Legale in Corso San Giorgio, 36 64100 Teramo Iscritta all Albo delle Banche al n. 5174 Capitale Sociale Euro 26.000.000,00 i.v. N.ro iscrizione nel Registro delle Imprese di Teramo 00075100677 CONDIZIONI

Dettagli

ASSOSIM COMUNICATO STAMPA RAPPORTO ASSOSIM PRIMO SEMESTRE 2015. Il primo semestre del 2015 si conclude positivamente:

ASSOSIM COMUNICATO STAMPA RAPPORTO ASSOSIM PRIMO SEMESTRE 2015. Il primo semestre del 2015 si conclude positivamente: VIA ALBERTO DA GIUSSANO, 8 20145 - MILANO TEL. 02/86454996 FAX 02/867898 assosim@assosim.it www.assosim.it ASSOSIM ASSOCIAZIONE ITALIANA INTERMEDIARI MOBILIARI COMUNICATO STAMPA RAPPORTO ASSOSIM PRIMO

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI CARLO BO URBINO

UNIVERSITA DEGLI STUDI CARLO BO URBINO UNIVERSITA DEGLI STUDI CARLO BO URBINO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Corso di laurea CL 4 Lingue e cultura per l impresa Corso di FINANZA E IMPRESA Prof. Bruno Pirozzi Anno accademico 2007-2008

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 14 1 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene nella Parte 1 la disciplina relativa ai limiti

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive le politiche, le procedure,

Dettagli

Bisogno di investimento del risparmio

Bisogno di investimento del risparmio Bisogno di investimento del risparmio Domanda e Offerta di strumenti di investimento del risparmio Bisogno di investimento Strumenti bancari (contratti bilaterali) depositi tempo; PcT; CD Strumenti di

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno ********** 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive le politiche,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO DOSSIER TITOLI INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE SPESE

FOGLIO INFORMATIVO DOSSIER TITOLI INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE SPESE INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa in Amministrazione Straordinaria Sede legale e amministrativa: Via Stazione 3-5 / 31050 Fanzolo di Vedelago

Dettagli

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI. Approvata dal Consiglio di Amministrazione di UNICASIM S.p.A. in data 26/11/2014

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI. Approvata dal Consiglio di Amministrazione di UNICASIM S.p.A. in data 26/11/2014 POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Approvata dal Consiglio di Amministrazione di UNICASIM S.p.A. in data 26/11/2014 Premessa e obiettivi del documento La Direttiva 2004/39/CE del Parlamento

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA.

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. MC2 Impresa è un Fondo Comune d Investimento Mobiliare chiuso e riservato (ex testo unico D.Lgs 58/98) costituito per iniziativa di

Dettagli

ANALISI DELLA TRASPARENZA NEI MERCATI OBBLIGAZIONARI EUROPEI MATTEO CASSIANI, CFA

ANALISI DELLA TRASPARENZA NEI MERCATI OBBLIGAZIONARI EUROPEI MATTEO CASSIANI, CFA ANALISI DELLA TRASPARENZA NEI MERCATI OBBLIGAZIONARI EUROPEI MATTEO CASSIANI, CFA Rimini, 18 maggio 2012 Il Quadro Normativo: La Revisione della MiFID La Struttura del Mercato L Esperienza degli Stati

Dettagli

ELEMENTI COSTITUTIVI DEL SISTEMA DI SCAMBI ORGANIZZATI DI STRUMENTI FINANZIARI (Articolo 78 D.lgs.n.58/98 Delibera Consob n. 14035 del 17 aprile 2003)

ELEMENTI COSTITUTIVI DEL SISTEMA DI SCAMBI ORGANIZZATI DI STRUMENTI FINANZIARI (Articolo 78 D.lgs.n.58/98 Delibera Consob n. 14035 del 17 aprile 2003) ELEMENTI COSTITUTIVI DEL SISTEMA DI SCAMBI ORGANIZZATI DI STRUMENTI FINANZIARI (Articolo 78 D.lgs.n.58/98 Delibera Consob n. 14035 del 17 aprile 2003) SOGGETTO ORGANIZZATORE e DENOMINAZIONE DEL SISTEMA

Dettagli

1. Le articolazioni del mercato dei capitali

1. Le articolazioni del mercato dei capitali 1. Le articolazioni del mercato dei capitali 1.1 Il mercato dei capitali Risulta spesso difficile giungere ad una precisa definizione di mercato di capitali a causa della vastità e complessità delle operazioni

Dettagli

Guida dell azionista privato

Guida dell azionista privato Guida dell azionista privato 1 Il Gruppo Pirelli Pirelli è un gruppo con una grande tradizione industriale, fra i leader a livello mondiale in tutti i segmenti in cui opera. La nostra forza competitiva

Dettagli

i dossier SECONDA PUNTATA Tutto quello che avreste voluto sapere su spread, aste, Btp e nessuno vi ha mai detto www.freefoundation.

i dossier SECONDA PUNTATA Tutto quello che avreste voluto sapere su spread, aste, Btp e nessuno vi ha mai detto www.freefoundation. 43 i dossier www.freefoundation.com SECONDA PUNTATA Tutto quello che avreste voluto sapere su spread, aste, Btp e nessuno vi ha mai detto 5 marzo 2012 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Il mercato primario

Dettagli

24.000 OPZIONI. Marcello Minenna. Covered. 24.000 premio. 8.000 Diritto di OPzione. Marcello Minenna. Investitori. Marcello Minenna.

24.000 OPZIONI. Marcello Minenna. Covered. 24.000 premio. 8.000 Diritto di OPzione. Marcello Minenna. Investitori. Marcello Minenna. Volumi Scambiati Le Digressione Diritti di opzione 32.000 Controvalori Scambiati (milioni di euro) 28.000 Volatilità Implicita, e Scelta degli 24.000 OPZIONI 20.000 16.000 8.000 Premi 12.000 Idem 4.000

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO Agg. 01/20 /2014 ********** 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE SSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE SSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE SSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA ********** CDA 09/11/2011 VALIDITA DAL 10/11/2011 Confermato cda 27/03/2012 DOCUMENTO SULLA STRATEGIA

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca Santo Stefano Credito Cooperativo Martellago-Venezia Società Cooperativa aggiornato con delibera C.d.A. del 13/02/2013

Dettagli

PREMESSA PROPOSTA. Di seguito sono illustrati i principali cambiamenti.

PREMESSA PROPOSTA. Di seguito sono illustrati i principali cambiamenti. PROPOSTA DI MODIFICHE AL REGOLAMENTO DEI MERCATI E RELATIVE ISTRUZIONI MIGRAZIONE DEI MERCATI MTA ED EXPANDI SULLA NUOVA PIATTAFORMA TRADELECT: MODALITÀ DI NEGOZIAZIONE PREMESSA Il processo di integrazione

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. PRODOTTI FINANZIARI A MEDIO-LUNGO TERMINE BTP: Buoni del Tesoro Poliennali

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. PRODOTTI FINANZIARI A MEDIO-LUNGO TERMINE BTP: Buoni del Tesoro Poliennali AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto PRODOTTI FINANZIARI A MEDIO-LUNGO TERMINE BTP: Buoni del Tesoro Poliennali ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

Scheda condizioni economiche

Scheda condizioni economiche Scheda condizioni economiche Il presente documento costituisce parte integrante delle Condizioni generali che regolano il contratto per la prestazione dei servizi e delle attività di investimento e del

Dettagli

Politica di Valutazione Pricing per le obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Cernusco Sul Naviglio s.c.

Politica di Valutazione Pricing per le obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Cernusco Sul Naviglio s.c. Politica di Valutazione Pricing per le obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Cernusco Sul Naviglio s.c. (Adottata ai sensi delle Linee guida interassociative per l applicazione delle

Dettagli

Un servizio personalizzato, curato in ogni dettaglio

Un servizio personalizzato, curato in ogni dettaglio Un servizio personalizzato, curato in ogni dettaglio Ogni investitore è unico, come uniche sono le sue esigenze e le sue aspettative. GP Private sono gestioni patrimoniali caratterizzate da un elevato

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

IN VIGORE DALL 1 GENNAIO 2009. Corrispettivi di ammissione e quotazione

IN VIGORE DALL 1 GENNAIO 2009. Corrispettivi di ammissione e quotazione IN VIGORE DALL 1 GENNAIO 2009 Corrispettivi di ammissione e quotazione Indice Pagina 1. Azioni 1.1 Prima quotazione o ammissione... 3 1.2 Corrispettivo semestrale... 5 2. Obbligazioni 2.1 Obbligazioni

Dettagli

987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 2011 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 2011 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 211 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato è uno strumento finanziario il cui rendimento

Dettagli

Banca Popolare di Puglia e Basilicata SOCIETA COOPERATIVA PER AZIONI

Banca Popolare di Puglia e Basilicata SOCIETA COOPERATIVA PER AZIONI Banca Popolare di Puglia e Basilicata SOCIETA COOPERATIVA PER AZIONI POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA (Aggiornamento APRILE 2012) PREMESSA Il presente documento descrive

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Documento di sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive le politiche, le procedure, le misure e i meccanismi

Dettagli

PRICE LIST PER IL SERVIZIO DI NEGOZIAZIONE

PRICE LIST PER IL SERVIZIO DI NEGOZIAZIONE PRICE LIST PER IL SERVIZIO DI NEGOZIAZIONE 1 2 3 Ai sensi di quanto previsto all art. 3.3.1 del Regolamento e dell art. 25 del Regolamento del MAC In vigore dal 1 aprile 2008 INDICE 1. LINEE DI PRICING

Dettagli