MALATTIE TROPICALI e HIV

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MALATTIE TROPICALI e HIV"

Transcript

1 MALATTIE TROPICALI e HIV Roma - Regione Lazio febbraio 2010 Corso di formazione AIDS per personale medico (ex legge 135/90) Mario Limodio Specialista in Medicina Tropicale

2

3

4

5 La nostra vita è appesa a un filo.. di corrente Dedicata a tutti quelli che hanno subito e lavorato per l emergenza neve in Ciociaria

6 HIV è una Malattia Tropicale per diffusione Prevalenza globale 0.8% Persone conviventi con HIV nel Mondo 33.3 milioni Africa sub-sharaiana 5% Nei PVS > 30 milioni GLOBAL REPORT 2010 PEROSONE DAI 15 AI 49 ANNI

7 HIV MALATTIA TROPICALE per origini HIV ritovato (PCR) in provette di sangue in Congo risalemti agli anni 50 Modelli matematici da mutazioni HIV fanno risalire la «nascita» agli anni L atomica di Hirohscima annunciava il «Battesimo»? Riti di iniziazione sul lago Kivu in Africa:cospargere di sangue di scimmia il corpo dell adolescente maschio per donargli la potenza sessuale Bracconieri in Uganda si feriscono con il macete con cui avevano ucciso delle scimmie (utilizzate come alimento) Salto di specie: SIV > HIV

8 Medicina topicale e HIV Noi andiamo ai tropici Travel medicine: persone conviventi con HIV turisti non per caso in zone tropicali I tropici vengono da noi Immigrati Cambiamento ecosistema: tropicalizzazione

9

10 SITI WEB DI ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALI E NAZIONALI Viaggi internazionali e salute 2011 (Società Italiana di Medicina del Turismo Prof. W.Pasini) Viaggiare sicuri.it Travelling with HIV:

11 Centers for Disease Control CDC WHO/OMS Ministero della Salute Sistema informativo sanitario Dipartimento della Prevenzione (*) Ufficio III - Malattie infettive e profilassi internazionale (**) Istituto Superiore di Sanità

12 Pan American Health Organization Improving the Health of the Peoples of the Americas Health Canada Travel Medicine Information for Travel Medicine Professionals Travelling with HIV Network Italiano dei servizi di vaccinazione

13 Medical Advisory Services for Travellers Abroad MASTA (Medical Advisory Services for Travellers Abroad) London School of Hygiene and Tropical Medicine Travel Health News Roll Back Malaria Þ Country profiles EDISAN Post travel informations Global Infectious Diseases and Epidemiological Network (GIDEON) Travel Medicine, Inc,

14 Viaggiare sicuri - il servizio del Ministero degli Affari Esteri e dell'aci che informa sulle condizioni di viaggio all'estero Recapiti di Ambasciate e Consolati Italiani me.jsp Centro Studi di Medicina dei Viaggi e Tropicale Sanità Marittima Venezia Ministero degli esteri: Filo diretto con chi viaggia "Dove siamo nel mondo" - il servizio del Ministero degli Affari Esteri che consente agli italiani che si recano temporaneamente all'estero di segnalare - su base volontaria - i dati personali, al fine di permettere all'unità di Crisi, nell'eventualità che si verifichino situazioni di grave emergenza, di pianificare con maggiore rapidità e precisione interventi di soccorso.

15 Pazienti HIV e viaggi internazionali L infezione da HIV non costituisce una controindicazione assoluta ai viaggi Viaggiare è bello, viaggiare sicuri è bellissimo Visita preventiva con il medico del centro di riferimento ed eventuale consulenza con l infettivologo/tropicalista dell ambulatorio di Travel Medicine per profilassi

16 HIV Human Ignorace Voluntary restrizioni al viaggio Paesi che richiedono test negativo per lavoro, studio, visti soggiorno Problematiche per passare frontiere con farmaci antiretrovirali Autonomia terapeutica: farmaci con prescrizione nel bagaglio a mano Problemi per sdoganare farmaci e atrezzature per i cooperanti (cari cadeaux)

17 Viaggiatori con infezione da HIV visita con infettivologo di fiducia centro di riferimento CD4 < 200 c/mmc (informare/scoraggiare?) > suscettibilità infezioni tropicali e opportunistiche > gravità HAART: portare farmaci con prescrizione (senza diagnosi) a temperatura ambiente (per max 1 mese ritonavir) Aderenza Interazioni Accessibilità a strutture sanitarie (www.aidsmap.com) assicurazione medica

18 Viaggiatori non per caso con infezione da HIV visita con infettivologo di fiducia centro di riferimento.. continua Ideale: Viremia negativa, CD4>500, stabilizzazione da > 3 mesi (sindrome da immunoricostruzione, tollerabilità farmaci..) Fuso orario: intervalli tra assunzioni accorciati ma non allungati (1 h al giorno per raggiungere normale posologia) Se necessario interrompere terapia per cause di forza maggiore (eventi naturali o incivili) stoppare NRTIs 7 settimane dopo gli NNRTI per evitare fino al 60% resistenze osservate per stop contemporanei

19 Ambulatorio Medicina dei Viaggi - Malattie Infettive Ospedale di Frosinone martedì ore 9 13 tel

20 viaggiatori con Infezione da HIV visita nell Ambulatorio di Travel Medicine Counselling Informazioni e profilassi comportamentali Chemioprofilassi (malaria, diarrea del viaggiatore,..) Vaccinazioni obbligatorie e facoltative Certificato internazionale Farmaci in valigia in valigia Profilattici in valigia Controllo post-viaggio

21 No al turismo sessuale

22 Globalizzazione: scambi di uomini,cose e virus Se le donne si scambiano gli uomini e gli uomini scambiano le donne per cose qualcuno si prende qualche virus: HIV, HBV, HSV,

23 Ambulatorio di Medicina del turismo DIARREA DEL VIAGGIATORE maggiore suscettibilità e gravità Salmonella tifo e non tifoidee Criptosporidium Isospora,ciclospora Microsporidia Considerare profilassi della diarrea del viaggiatore per soggiorni < 14 gg: cotrimossazolo ( già in profilassi con per PCP? ) fluorchinolonici e portare metronidazolo Azitromicina in Asia Considerare interazioni con HAART Vaccinazione os tifo e paratifo A e B? Vaccinazione Colera os? Sicurezza alimentere: Acqua sicura, no ghiaccio, no verdure crude, mitili..

24 Ambulatorio malattie dei viaggi Tubercolosi: isoniazide in Profilassi? (No Vaccinazione BCG) Tripanosomiasi Leishmaniosi Coccidiomicosi Istoplasmosi Penicillium marneffer.

25

26

27

28 Febbre gialla Tifo, paratifo Colera, diarrea del viaggiatore Epatite A Epatite B Meningite Rabbia Encefalite giapponese Difterite polio Travel medicine vaccinazioni

29 Profilassi antimalarica chemioprofilassi Atovaquone-proguanil Meflochina doxiciclina Clorochina Profilassi comportamentale Zanzariere, repellenti

30 Clorochina profilassi antimalarica e terapia anti-hiv Vecchio farmaco anti-malaria, potenzia la terapia Data: Mercoledì, 18 08:05:11 CEST ''I dati - concludono gli esperti - hanno dimostrato che l'idrossiclorochina riduce la immunoattivazione, e cio' si associa ad un aumento dei CD4. Si tratta di un risultato importante perche' i dati indicano come aumentare e modulare l'efficacia della terapia antivirale anche in quei pazienti con risposta parziale alla terapia antivirale, che attualmente restano ad aumentato rischio di mortalita' e di morbidita''' Mandiamo i nostri pazienti a Santo Domingo in vacanza - lavoro con Clorochina

31 Falcon HTV-2 Vola a una velocità 20 volte più alta di quella del suono: 21mila chilometri all'ora. Come a dire che in mezz'ora si viaggia da Roma a Los Angeles ora. Come a dire che in mezz'ora si viaggia da Roma a Los volare da Londra a Sydney in un'ora.periodi di incubazione: Raffredore Influenza Malaria Dengue Epatite A Epatite B Epatite C Epatite E 1-2 giorni 1 7 gg >7 giorni 3 14 gg gg gg 1 6 mesi gg HIV sett. mesi..

32

33 Caso clinico:fuo al rientro da Brasile Uomo 44 anni febbre di ndd Ricovero in OB x lipotimia e febbre TC cranio e Doppler v.e:neg Esami nella norma, a parte leucopenia (2.300) con neutropenia (840) e piastrinopenia (95.000) Artromialgie e faringodinia Recente viaggio in Brasile (no profilassi antimalarica) Trasferimento in Malattie Infettive

34 Caso clinico: si trova quello che si cerca si riconosce quello che si conosce Striscio e goccia spessa per ricerca parassita malarico = negative Emocolture, urinocoltura, sierodiagnosi = Neg Ab anti-neutrofili = Neg HAV, HBV, HCV = Neg Anti HIV = Neg Normalizzazione dell emocromo in 10 gg e scomparsa sintomatologia????

35 Dengue di importazione Immunofluorescenza indiretta DENGUE VIRUS IgG= pos 1: 1280 IgM Pos. 1:320 (vn <1:20) laboratorio di Virologia INMI Lazzaro Spallanzani

36

37 Riscaldamento Tropicalizzazione

38 Ae. albopictus è vettore del virus della Chikungunya e di altri arbovirus Zanzara tigre Aedes albopictus in Italia: un problema sanitario sottovalutato Roberto ROMI Laboratorio di Parassitologia, Istituto Superiore di Sanità, Ann. Ist. Super. Sanità, vol. 37, n. 2 (2001), pp Riassunto. - Dal 1990, Aedes albopictus si è diffusa in 9 regioni e 30 provincie del nostro paese. La zanzara è stata introdotta in Italia con carichi di copertoni usati provenienti dagli Stati Uniti. Nel nostro paese, Ae.albopictus è rapidamente divenuto l infestante di maggiore importanza sanitaria e, sebbene sia attualmente da considerarsi solo come un vettore potenziale di agenti patogeni per l uomo, potrebbe inserirsi nel ciclo di trasmissione di alcuni arbovirus di cui è stata riportata la presenza nel bacino del Mediterraneo.. e se con il caldo arriva Aedes Aegypti vettore di Dengue e Febbre Gialla?

39

40

41 Vittime della storia Imbarcato per Lampedusa Respinto Prigioniero in Libia Torturato (corrente elettrica ai genitali) Grave Ferita Invisibile Impotenza relativa (per rapporti consecutivi) Medicina tradizionale temporaneamente efficace Riesce finalmente a realizzare il suo progetto migratorio giungendo in Italia Chiedente asilo Al n/s ambulatorio valutazione, counselling, screening, ecografie e visite specialistiche confermano la «ferita invisibile» Ma come gli spieghiamo che per noi «una e pure troppo!»

42 Storie di donne e uomini non numeri Fathima Febbre di n.d.d. Gravidanza Racconta: Libia Prigioniera Violentata

43

44 Sant Agostino era africano. Oggi che fine avrebbe fatto? Forse respinto in Libia.Oppure disperso in mare O magari rinchiuso in un centro di espulsione. E un passaggio di Il Mare di Mezzo, di Gabriele del Grande, che riceve il Premio Colombe d oro per la pace

45 CASO CLINICO FRAGILE Donna 40 anni Camerun Immigrata 2011 dalla Libia via Lampedusa, Tosse, febbre, dispnea Ricovero n/s DH Rx Torace: Broncopolmonite sx (espettorato neg xbk) Terapia: chinolonici e cefalosporine ev Buona risposta terapeutica Pregressa inf.da HBV VDRL = positivo TPHA = Pos. 1:2560 terapia per LUE Anti HIV Positivo CD4 tot.= 243(17%) inizia terapia HAART (ATZ/r + Truvada +Bactrim)

46

47

48

49

50

51

52

53 Caso clinico: le sorelle marocchine Sorelle di anni 17 e 11, vivono in Italia con i genitori, E estate e si torna in vacanza in Marocco a trovare nonni e parenti

54 Due sorelle.. E un fratello Ittero, feci scolorite, urine ipercromiche, prurito, dispepsia, nausea, vomito, addominalgia, astenia Transaminasi 2000, bilirubina 10 mista, Epatosplenomegalia Un fratello minore ricoverato in pediatria con stessi sintomi????? IgM anti - HAV = Pos (12) Ripristino degli indici di citolisi in due settimane

55

56

57 Caso clinico: immigrato dal Bangladesh Maschio 36 a. In Italia da 45 gg immigrato dal Bangladesh Da 1 settimana: nausea, vomito, dolori addome,ittero Bilirubina 15 (diretta 13) AST 250 ALT 700 Colinesterasi e TP nella norma HAV, HBV,HCV = Neg Virus minori = Neg TPA 2269, trigliceridi 620 EGDS e Ecografia nella norma Normalizzazione in 2 settimane con terapia reidratante??????????????????

58 Epatite E HEV IgG > 1:10 Positivo HEV IgM >1:20 Positivo (laboratorio virologia Spallanzani) L agente infettivo dell epatite E, il virus Hev, è stato provvisoriamente classificato nella famiglia dei Caliciviridae. L epatite E è una malattia acuta spesso itterica e autolimitante, molto simile all epatite A. Caratteristica principale di questa infezione è l alta frequenza di forme cliniche fulminanti (1-12%) e una particolare severità del decorso nelle donne gravide, specialmente nel terzo trimestre di gravidanza, con mortalità che arriva fino al 40%. La malattia non cronicizza mai. Come per l epatite A, la trasmissione avviene per via oro-fecale, e l acqua contaminata da feci è il veicolo principale dell infezione. Il periodo di incubazione va da 15 a 64 giorni. È presente in tutto il mondo: epidemie e casi sporadici sono stati registrati principalmente in aree geografiche con livelli igienici inadeguati. Nei Paesi industrializzati, invece, la maggior parte dei casi riguarda persone di ritorno da viaggi in Paesi endemici. Per quanto riguarda la prevenzione, è stata proposta la somministrazione di gammaglobuline, soprattutto nelle donne gravide, ma la loro efficacia deve essere dimostrata. Sono in corso studi clinici sperimentali per la commercializzazione di due vaccini

59 CASO CLINICO FRAGILE Donna 40 anni Camerun Immigrata 2011 dalla Libia via Lampedusa, Tosse, febbre, dispnea Ricovero n/s DH Rx Torace: Broncopolmonite sx (espettorato neg xbk) Terapia: chinolonici e cefalosporine ev Buona risposta terapeutica Pregressa inf.da HBV VDRL = positivo TPHA = Pos. 1:2560 terapia per LUE Anti HIV Positivo CD4 tot.= 243(17%) inizia terapia HAART (ATZ/r + Truvada +Bactrim)

60 Prevalenza HIV paesi di origine

61 Noi abbiamo i farmaci loro i pazienti farmaci pazienti

62

63 Migrazione: il sesto continente umanità in cammino Nel mondo circa 214 milioni di persone sono immigrate (15,4 milioni di rifugiati). Sono circa il 3% della popolazione mondiale. 37% in paesi poveri. Circa 26 milioni sfollati interni. Il 49% sono donne (in diminuzione) % immigrati irregolari. Nell Unione Europea circa 32,5 milioni di migranti (2/3 non comunitari), Il 6,5% sulla popolazione residente. Società Italiana di Medicina delle Migrazioni

64 Paesi di immigrazione dove gli immigrati arrivano

65 Paesi di emigrazione da dove gli emigrati partono

66 Provenienza degli immigrati in Italia al Europa 53,6% Nostra elaborazione su dati Istat S. Geraci

67 Contributo degli immigrati * Ricchezza prodotta : 134 miliardi di euro nel 2007 (Unioncamere) * Versamenti contributivi all Inps: 7,5 miliardi di euro (ricerca Dossier) * Gettito fiscale: almeno 3,2 miliardi di euro (4%) (ricerca Dossier) Spese sociali per immigrati * Il 2,5% delle spese totali, pari a circa metà del gettito da loro assicurato (Banca Italia 2009) Se si sommano spese per giustizia e sicurezza, il totale delle uscite è significativamente minore al totale delle entrate (2010) Gli immigrati incidono sul Pil per il 11,1%

68

69 Gli Sbarchi (meno del 5% dei nuovi ingressi) Nel 2009, dopo gli accordi con la Libia e la politica di respingimenti, gli sbarchi sono diminuiti da a (-74%) Anno domande d asilo presentate in Italia Anno domande di asilo (-42,3% rispetto a 2008) Anno domande di asilo (-42,9% rispetto a 2009) Anno dal 1 gennaio a settembre circa persone sbarcate di cui circa metà tunisini In Italia i rifugiati sono circa lo 0,5% sulla popolazione. Tra gli altri Paesi europei la Svezia ha il 8,8% di rifugiati, la Danimarca il 6,7%, i Paesi Bassi il 6,1% e Malta il 5,9%.

70

71 1 gennaio settembre 2011: Circa morti nel Mediterraneo Circa sbarcati: profughi, richiedenti asilo, Caos nei diritti (anche sanitari) Sistema di sorveglianza sindromica

72

73

74 134 migranti provenienza Lampedusa - 0tt. e Nov % uomini 10% Minori 2 in profilassi antitubercolare (Mantoux Pos) Ricoverati in Malattie Infettive 5 Gravidanze 3 (1 sieropositiva) 8 8 Infezioni da HIV 4 Sifilide 14 Epatiti cr. HBV 14 Acariasi +- 3 Interventi chirurgici 1 degenerazione maculare

75 Global report 2010 Rispetto al 2001 il tasso di prevalenza globale del virus dell Hiv nelle persone di anni è rimasto stabile (0,8%) La in Africa sub-sharaiana la prevalenza negli adulti tra i 15 e i 49 anni in questi territori è pari al 5% Stranieri africa via Lampedusa n/s ambulatori 8su le persone affette da Hiv nel mondo erano 33,3 milioni, di cui oltre 30 milioni residenti nei Paesi in via di sviluppo, 2,6 milioni quelle che hanno contratto il virus di recente e 1,8 milioni quelle decedute per malattie correlate all Aids.

76 La prevalenza negli adulti tra i 15 e i 49 anni in questi territori è pari al 5% Nel 2009, nell Africa subsahariana, la regione più seriamente colpita dal virus dell Hiv, sono state registrate circa 1,8 milioni di nuove infezioni da Hiv, con una significativa riduzione a partire dal In quest area vivono 22,5 milioni di persone affette da Hiv ed è qui che si registra il maggior numero di decessi per Aids a livello globale. Sebbene in Africa subsahariana il tasso di nuove infezioni da Hiv sia diminuito, il numero totale di persone che vive con l'hiv continua a crescere. Nel 2009, era pari a 22,5 milioni, il 68% del totale mondiale. In questa regione sono affette da Hiv più donne che uomini. In Italia Il Centro operativo Aids (Coa) dell Istituto superiore di sanità nel 2009 sono stati diagnosticati 4,6 nuovi casi di Hiv positività ogni 100 mila residenti italiani e 22,5 nuovi casi di Hiv positività ogni 100 mila stranieri residenti. Nel 2009 quasi una persona su tre diagnosticate come Hiv positive è di nazionalità straniera.

77 cosa fare, cosa fanno miglioramento e implementazione delle strategie di prossimità dei servizi nel sistema di welfare dell accesso per rispondere alla crescente presenza di migranti. Screening (HIV, HBV, HCV, LUE, TBC, GRAVIDANZA) Vaccinazioni - minori Carta sanitaria (microcips) con dati sensibili e esami in possesso del paziente per non ripetere inutilmente esami costosi Ambulatori di Malattie Infettive con personale competente e mediatori culturali in contatto con consultorio multietnico e rete operatori (SSN) Unità Operativa di Medicina Tropicale Cooperazione ai PVS come risposta civile ai problemi della Globalizzazione

78 RETE FARE RETE FARETE FAREMO

79 conclusioni Teoria del migrante sano non verificata (in verità sono migranti cronici: Africa nera >Libia> Italia) Stato di salute compromesso (condizioni in Libia e altri paesi in guerra) Somatizzazione Stato di inerzia nei centri accoglienza Fallimento del progetto migratorio..

80 Progetto di Cooperazione «CIOCIARIA-RWANDA A/R» Caritas Diocesana di Frosinone-Veroli-Ferentino ASL Frosinone Capoprogetto:Dott. Mario Limodio Asl Frosinone-Malattie Infettive

81

82

83

84

85

86

87 che dire.. che fare......

88 Rwanda 2009 progetto Ciociaria Rwanda A/R

89 S p r e a d

90

91

92 thanks!

93 Al Prof.Sergio Sanguigni che mi ha insegnato a guardare oltre il vetro

94 U.O.C. Malattie Infettive di Frosinone anzalone casinelli fabrizi falco farinelli limodio sarracino

95 Grazie

LMDMRA57S03H501Y. Di Frosinone: 2787

LMDMRA57S03H501Y. Di Frosinone: 2787 curriculum vitae Formato europeo Informazioni personali Nome MARIO LIMODIO Indirizzo via della cisterna, 28 Fiuggi (FR) 03014 Telefono 3492611454 Fax 0775549142 E-mail mariolimodio@libero.it Luogo e Data

Dettagli

Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C.

Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C. Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C. Data inizio: Novembre 2006 Durata: 2 anni Dove: Comune di Roma Soggetto proponente:

Dettagli

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Materiale elaborato con la supervisione della dott.ssa Barbara Ricciardi dai partecipanti al corso di formazione per volontari Comunicare

Dettagli

Esposizione accidentale a materiali biologici potenzialmente contaminati con agenti patogeni trasmissibili per via ematica

Esposizione accidentale a materiali biologici potenzialmente contaminati con agenti patogeni trasmissibili per via ematica S.S. Medico pagina 1 di 12 1. Titolo e descrizione sintetica... 1 2. Titolo... 1 3. Descrizione sintetica... 1 4. Responsabile della procedura... 1 5. Obiettivi... 2 6. Ambito di Applicazione... 2 7. Documenti

Dettagli

La valutazione dei rischi nei viaggi internazionali

La valutazione dei rischi nei viaggi internazionali Corso di Formazione Specifica in Medicina Generale Triennio 2008-2011 VIAGGI E SALUTE Reggio Emilia 16/12/2010 La valutazione dei rischi nei viaggi internazionali nei viaggi internazionali Il Viaggio Trasferimento

Dettagli

Fase 1 - evidenze scientifiche e best practice PATOLOGIA INFETTIVA STATO DEL PROGETTO AL 7 GIUGNO 2012

Fase 1 - evidenze scientifiche e best practice PATOLOGIA INFETTIVA STATO DEL PROGETTO AL 7 GIUGNO 2012 Fase 1 - evidenze scientifiche e best practice 1 PATOLOGIA INFETTIVA STATO DEL PROGETTO AL 7 GIUGNO 2012 2 PREVALENZA HIV L assunzione di droga per via venosa è responsabile del 30% delle infezioni al

Dettagli

Presentazione dell opuscolo Viaggiare in Salute per i Viaggiatori Internazionali. Chiara Liera. S. Bonifacio, 11 novembre 2006

Presentazione dell opuscolo Viaggiare in Salute per i Viaggiatori Internazionali. Chiara Liera. S. Bonifacio, 11 novembre 2006 Presentazione dell opuscolo Viaggiare in Salute per i Viaggiatori Internazionali Chiara Liera Centro di Riferimento Regionale per i Viaggiatori Internazionali S. Bonifacio, 11 novembre 2006 Caratteristiche

Dettagli

Malattie da virus a trasmissione parenterale

Malattie da virus a trasmissione parenterale Malattie da virus a trasmissione parenterale Epatite B Eziologia Il virus dell epatite B appartiene alla famiglia Hepadnaviridae, genere Orthohepadnavirus. HBV è una particella sferica di 42 nm di diametro.

Dettagli

Vaccinazioni. Le vaccinazioni, offerte a tutta la popolazione anche attraverso campagne di promozione e di informazione, rappresentano uno strumento

Vaccinazioni. Le vaccinazioni, offerte a tutta la popolazione anche attraverso campagne di promozione e di informazione, rappresentano uno strumento Prevenzione medica A seguito della segnalazione da parte dei sanitari che hanno diagnosticato una malattia infettiva potenzialmente contagiosa, il personale sanitario dell ASL attua idonei interventi di

Dettagli

Salute. 1 di 1 22/07/11 16:15. (22 luglio 2011) RIPRODUZIONE RISERVATA

Salute. 1 di 1 22/07/11 16:15. (22 luglio 2011) RIPRODUZIONE RISERVATA Dieci consigli per viaggiare in salute - Repubblica.it http://www.repubblica.it/salute/interattivi/2011/07/22/news/di... Salute INTERATTIVO Dieci consigli per viaggiare in salute Vacanze in vista? Per

Dettagli

METROLOGIKA PRESENTAZIONE DEL SISTEMA. ML BIOTECH Via Preie 38, 10080 TORRE CANAVESE (TO) TEL. 0124 372220 www.mlbiotech.com www.metrologika.

METROLOGIKA PRESENTAZIONE DEL SISTEMA. ML BIOTECH Via Preie 38, 10080 TORRE CANAVESE (TO) TEL. 0124 372220 www.mlbiotech.com www.metrologika. METROLOGIKA PRESENTAZIONE DEL SISTEMA SOMMARIO PRESENTAZIONE DEL SISTEMA METROLOGIKA - Introduzione - Il carico socio economico delle infezioni ospedaliere - Stime dei tassi di infezioni (ICA) correlate

Dettagli

Problematiche di Laboratorio nell applicazione del Protocollo regionale

Problematiche di Laboratorio nell applicazione del Protocollo regionale Problematiche di Laboratorio nell applicazione del Protocollo regionale UOC di Microbiologia e Virologia DAI di Patologia e Diagnostica AOUI di Verona MALATTIE TRASMESSE DA VETTORI E SORVEGLIANZA DELLE

Dettagli

Presentazione. L assessore alla Sanità e ai Servizi Sociali Giuseppe Mascioni Dicembre 1997

Presentazione. L assessore alla Sanità e ai Servizi Sociali Giuseppe Mascioni Dicembre 1997 Presentazione Questo lavoro intende fornire agli operatori sanitari le informazioni riguardanti l accesso degli stranieri non comunitari ai servizi sanitari nelle Marche. Vogliamo dare un contributo per

Dettagli

1 Sanità. 1.1 Iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale (SSN)

1 Sanità. 1.1 Iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale (SSN) 1 Sanità 1.1 Iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale (SSN) Il Servizio Sanitario Nazionale è l insieme di strutture e servizi che assicurano la tutela della salute e l assistenza sanitaria a tutti i

Dettagli

LA PREVENZIONE DEL VIAGGIATORE

LA PREVENZIONE DEL VIAGGIATORE LA PREVENZIONE DEL VIAGGIATORE Dott.ssa E. Zamparo Dipartimento di Prevenzione ASS 6 Pordenone Rovigo, 1 dicembre 2006 IL CONTESTO Negli ultimi anni 70% degli italiani ha fatto almeno un viaggio Non è

Dettagli

Divisione Malattie Infettive di Frosinone - Direttore: Dott.ssa A.I. Gallo. anzalone casinelli fabrizi falco farinelli limodio sarracino savo

Divisione Malattie Infettive di Frosinone - Direttore: Dott.ssa A.I. Gallo. anzalone casinelli fabrizi falco farinelli limodio sarracino savo Divisione Malattie Infettive di Frosinone - Direttore: Dott.ssa A.I. Gallo anzalone casinelli fabrizi falco farinelli limodio sarracino savo U.O.C. FROSINONE direttore A.I.Gallo Aula Tropicali Università

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI SICUREZZA. Modena 29 giugno 2009

CORSI DI FORMAZIONE TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI SICUREZZA. Modena 29 giugno 2009 CORSI DI FORMAZIONE TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI SICUREZZA Modena 29 giugno 2009 CENNI DI EPIDEMIOLOGIA E PREVENZIONE DELLE PRINCIPALI INFEZIONI TRASMISSIBILI PER VIA PARENTERALE Epatite B Epatite

Dettagli

Immigrazione, come dove e quando

Immigrazione, come dove e quando Immigrazione, come dove e quando Manuale d uso per l integrazione Edizione 2008 a cura del Ministero del lavoro, della Salute e Politiche Sociali Settore Politiche Sociali www.solidarietasociale.gov.it

Dettagli

Malaria: stato dell arte e prospettive future

Malaria: stato dell arte e prospettive future Malaria: stato dell arte e prospettive future Chemioprofilassi antimalarica nel bambino Vania Giacomet Struttura di Infettivologia Pediatrica Dipartimento di Pediatrica AO L Sacco Direttore Prof Zuccotti

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 novembre 2001, n.465 Regolamento che stabilisce le condizioni nelle quali è obbligatoria la vaccinazione antitubercolare, a norma dell'articolo 93, comma 2, della

Dettagli

STUDIO DI PREVALENZA DI HIV; HCV; HBV SU 578 UTENTI DEL SER.T.DI AREZZO STUDIATI NEGLI ANNI 1998-2006

STUDIO DI PREVALENZA DI HIV; HCV; HBV SU 578 UTENTI DEL SER.T.DI AREZZO STUDIATI NEGLI ANNI 1998-2006 STUDIO DI PREVALENZA DI HIV; HCV; HBV SU 578 UTENTI DEL SER.T.DI AREZZO STUDIATI NEGLI ANNI 1998-2006 Autori Dott.ssa Fabrizia Giusti,Medico Internista, Ser.T. Arezzo, Asl 8 Dott. Paolo Edoardo Dimauro

Dettagli

Screening e diagnosi precoce delle principali patologie infettive correlate all uso delle sostanze stupefacenti

Screening e diagnosi precoce delle principali patologie infettive correlate all uso delle sostanze stupefacenti Centro Operativo AIDS WORKSHOP Progetto DTPI Screening e diagnosi precoce delle principali patologie infettive correlate all uso delle sostanze stupefacenti Linee di indirizzo DPA e Ministero della Salute

Dettagli

sintomi,decorso coinfezioni

sintomi,decorso coinfezioni 2007 L epatite è un infiammazione del fegato; se è causata da un virus l epatite può essere trasmessa da una persona all altra.invece l epatite non è contagiosa se ha origine da abuso di alcool o medicamenti,

Dettagli

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti.

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Vaccinazioni Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Difterite Tetano Polio Encefalite da zecche Febbre gialla Febbre tifoide Epatite

Dettagli

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Iniziativa di comunicazione della Regione Piemonte. Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Non farti influenzare Contro l A/H1N1 scegli la prevenzione www.regione.piemonte.it/sanita

Dettagli

RAFFAELE VIRDIS DIPARTIMENTI ETA EVOLUTIVA e MATERNO-INFANTILE UNIVERSITA degli STUDI e AZIENDA OSPEDALIERA - PARMA

RAFFAELE VIRDIS DIPARTIMENTI ETA EVOLUTIVA e MATERNO-INFANTILE UNIVERSITA degli STUDI e AZIENDA OSPEDALIERA - PARMA IL BAMBINO IMMIGRATO UN NUOVO CITTADINO RAFFAELE VIRDIS DIPARTIMENTI ETA EVOLUTIVA e MATERNO-INFANTILE UNIVERSITA degli STUDI e AZIENDA OSPEDALIERA - PARMA BAMBINO IMMIGRATO o NUOVO CITTADINO BAMBINI

Dettagli

Vaccinazioni. Le vaccinazioni, offerte a tutta

Vaccinazioni. Le vaccinazioni, offerte a tutta Prevenzione medica A seguito della segnalazione da parte dei sanitari relativa alla diagnosi di malattia infettiva contagiosa, il personale sanitario dell ASL attua idonei interventi di profilassi. In

Dettagli

L'epatite virale acuta è un processo necrotico infiammatorio del fegato indotto da virus, dovuto alla risposta immune.

L'epatite virale acuta è un processo necrotico infiammatorio del fegato indotto da virus, dovuto alla risposta immune. L'epatite virale acuta è un processo necrotico infiammatorio del fegato indotto da virus, dovuto alla risposta immune. Virus Epatici Maggiori HAV,HBV,HCV,HDV,HEV Virus Epatici Minori EBV, CMV,HSV Alterazioni

Dettagli

Epatite A. La conosciamo veramente?

Epatite A. La conosciamo veramente? Epatite A. La conosciamo veramente? u... Oggi l'epatite A è la malattia preveni bile tramite vaccino più comune tra i wl.ggi.lori... Ess. è 100 volle più fre' quenle del Ilfo e 1000 volle più fre quente

Dettagli

Accesso e diritto alla salute per la popolazione migrante in Italia

Accesso e diritto alla salute per la popolazione migrante in Italia Accesso e diritto alla salute per la popolazione migrante in Italia ALESSANDRA DIODATI Croce Rossa Italiana Direttore Sanitario monitoraggio progetti assistenza migranti COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

Fino al 1970 era possibile fare solo una diagnosi. 1970. Blumberg identifica l antigene Australia nei

Fino al 1970 era possibile fare solo una diagnosi. 1970. Blumberg identifica l antigene Australia nei STORIA DELL IDENTIFICAZIONE DEI VIRUS CHE CAUSANO EPATITE 1 Fino al 1970 era possibile fare solo una diagnosi generica di epatite, pur essendo distinti due tipi sul piano epidemiologico. 1970. Blumberg

Dettagli

dott. Giovanni Garozzo

dott. Giovanni Garozzo Le epatiti virali 3 Cara donatrice e caro donatore, tra gli esami che obbligatoriamente vengono eseguiti in occasione della iscrizione all AVIS e in occasione di ogni donazione vi è la ricerca e degli

Dettagli

Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza

Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza Dott.ssa Nadia Gussetti U.O. Malattie

Dettagli

LE IDONEITÀ DIFFICILI

LE IDONEITÀ DIFFICILI LE IDONEITÀ DIFFICILI Il giudizio di idoneità in operatori sanitari HBV, HCV, HIV positivi Giantommaso Pagliaro - AO Ordine Mauriziano di Torino - APAMIL APAMIL - Associazione Piemontese e Aostana di Medicina

Dettagli

Artropodi = invertebrati con zampe articolate e corpo rivestito di chitina. Anche l astice è un artropode ma è di interesse sanitario?

Artropodi = invertebrati con zampe articolate e corpo rivestito di chitina. Anche l astice è un artropode ma è di interesse sanitario? Artropodi = invertebrati con zampe articolate e corpo rivestito di chitina. Anche l astice è un artropode ma è di interesse sanitario? NO Aracnidi e insetti = ARTROPODI ARACNIDI INSETTI DITTERI ZANZARE

Dettagli

La diffusione delle malattie infettive ed il loro trattamento

La diffusione delle malattie infettive ed il loro trattamento La diffusione delle malattie infettive ed il loro trattamento EMANUELE PONTALI E. O. Ospedali Galliera Genova Convegno Salute e malattia nei detenuti in Italia: i risultati di uno studio multicentrico

Dettagli

Malattie infettive in carcere

Malattie infettive in carcere La gestione delle La gestione delle Malattie infettive in carcere A livello internazionale i cittadini detenuti sono considerati una popolazione ad alto rischio di contrarre malattie infettive (HIV, epatiti,

Dettagli

Le infezioni in gravidanza prevenibili con vaccinazione: il ruolo del ginecologo aspetti operativi, deontologici e medico-legali.

Le infezioni in gravidanza prevenibili con vaccinazione: il ruolo del ginecologo aspetti operativi, deontologici e medico-legali. Le infezioni in gravidanza prevenibili con vaccinazione: il ruolo del ginecologo aspetti operativi, deontologici e medico-legali. Francesco Libero Giorgino Presidente A.G.E.O. FLG 1 Educazione sanitaria

Dettagli

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA Prefazione Alla fine degli anni 90, i programmi di controllo della tubercolosi (TBC) in Italia sono stati adeguati alla mutata realtà epidemiologica, caratteristica di un

Dettagli

Divisione Malattie Infettive di Frosinone - Direttore: A.I. Gallo. anzalone casinelli fabrizi falco farinelli limodio sarracino

Divisione Malattie Infettive di Frosinone - Direttore: A.I. Gallo. anzalone casinelli fabrizi falco farinelli limodio sarracino Divisione Malattie Infettive di Frosinone - Direttore: A.I. Gallo anzalone casinelli fabrizi falco farinelli limodio sarracino U.O.C. FROSINONE direttore A.I.Gallo Aula Tropicali Università degli Studi

Dettagli

Malattie a trasmissione sessuale

Malattie a trasmissione sessuale Malattie a trasmissione sessuale 1 Definizione Sono infezioni che colpiscono sia gli organi genitali che altre parti del corpo e che si trasmettono mediante i rapporti sessuali con persone infette. 2 Inquadramento

Dettagli

l'aids in Italia è una malattia infettiva a notifica obbligatoria. DM n.288 del 28/11/86 Patologia infettiva di Classe III (DM del 15/12/90), ovvero

l'aids in Italia è una malattia infettiva a notifica obbligatoria. DM n.288 del 28/11/86 Patologia infettiva di Classe III (DM del 15/12/90), ovvero l'aids in Italia è una malattia infettiva a notifica obbligatoria. DM n.288 del 28/11/86 Patologia infettiva di Classe III (DM del 15/12/90), ovvero sottoposta a notifica speciale. Il Centro Operativo

Dettagli

Una sanità cattolica nascosta. L impegno per gli invisibili!

Una sanità cattolica nascosta. L impegno per gli invisibili! Seminario di studio PER UNA SANITA DI VALORE Montesilvano, 1 dicembre 2009 Una sanità cattolica nascosta. L impegno per gli invisibili! Il caso degli immigrati, rifugiati e rom Salvatore Geraci Società

Dettagli

XVI CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN MEDICINA TROPICALE E COOPERAZIONE SANITARIA

XVI CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN MEDICINA TROPICALE E COOPERAZIONE SANITARIA XVI CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN MEDICINA TROPICALE E COOPERAZIONE SANITARIA Clinica Malattie Infettive Università degli Studi di Centro di Riferimento Regionale per lo Studio e la Cura delle Malattie Tropicali

Dettagli

Malaria nella Regione Veneto Dati al 31 dicembre 2009

Malaria nella Regione Veneto Dati al 31 dicembre 2009 Malaria nella Regione Veneto Dati al 31 dicembre 2009 STRUTTURE COMPETENTI Direzione Prevenzione Servizio Sanità Pubblica e Screening REDAZIONE A CURA DI Dr. Francesca Pozza Dr. Cinzia Piovesan Dr. Francesca

Dettagli

AUSTRIA BELGIO. L autorizzazione al soggiorno temporaneo deve essere corredata sempre da un certificato medico. CIPRO

AUSTRIA BELGIO. L autorizzazione al soggiorno temporaneo deve essere corredata sempre da un certificato medico. CIPRO PROCEDURE SANITARIE PREVISTE DAGLI STATI MEMBRI DELL UNIONE EUROPEA PER I CITTADINI EXTRACOMUNITARI IRREGOLARI E PER COLORO CHE RICHIEDONO IL PERMESSO DI SOGGIORNO AUSTRIA Obbligo di presentazione del

Dettagli

SEIEVA - Sistema epidemiologico integrato epatite virale acuta

SEIEVA - Sistema epidemiologico integrato epatite virale acuta SEIEVA - Sistema epidemiologico integrato epatite virale acuta Dati al 31 dicembre 2013 STRUTTURE COMPETENTI Sezione Attuazione Programmazione Sanitaria Settore Promozione e Sviluppo Igiene e Sanità Pubblica

Dettagli

OSPEDALE CULTURALMENTE COMPETENTE, ASSOCIAZIONI, MEDIATORI CULTURALI: SINERGIE PER L ACCESSO AI SERVIZI E PER L INTEGRAZIONE DEI MIGRANTI

OSPEDALE CULTURALMENTE COMPETENTE, ASSOCIAZIONI, MEDIATORI CULTURALI: SINERGIE PER L ACCESSO AI SERVIZI E PER L INTEGRAZIONE DEI MIGRANTI Conoscere il Servizio Sanitario Nazionale Progetto OSPEDALE CULTURALMENTE COMPETENTE, ASSOCIAZIONI, MEDIATORI CULTURALI: SINERGIE PER L ACCESSO AI SERVIZI E PER L INTEGRAZIONE DEI MIGRANTI Co-finanziato

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO FORLANINI Delegato per l Ospedale Culturalmente Competente Dr.ssa Maura Cossutta ASSISTENZA SANITARIA STRANIERI

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO FORLANINI Delegato per l Ospedale Culturalmente Competente Dr.ssa Maura Cossutta ASSISTENZA SANITARIA STRANIERI AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO FORLANINI Delegato per l Ospedale Culturalmente Competente Dr.ssa Maura Cossutta ASSISTENZA SANITARIA STRANIERI NON COMUNITARI 1. REGOLARMENTE SOGGIORNANTI ISCRIZIONE OBBLIGATORIA

Dettagli

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A L AIDS MARTINA ZAMINATO CLASSE 3 A ANNO SCOLASTICO 2012/2013 AIDS e HIV: sintomi - cause - test - trasmissione Introduzione AIDS (Acquired Immune Deficiency Syndrome) sta per sindrome da immunodeficienza

Dettagli

Nome Laura Pecoraro Data di nascita 27/04/1977 Qualifica Dirigente Medico in Igiene Epidemiologia e Sanità Pubblica Amministrazione

Nome Laura Pecoraro Data di nascita 27/04/1977 Qualifica Dirigente Medico in Igiene Epidemiologia e Sanità Pubblica Amministrazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Laura Pecoraro Data di nascita 27/04/1977 Qualifica Dirigente Medico in Igiene Epidemiologia e Sanità Pubblica Amministrazione INMP Istituto Nazionale per la promozione della

Dettagli

La Tutela della salute e l Organizzazione sanitaria in provincia di Pavia

La Tutela della salute e l Organizzazione sanitaria in provincia di Pavia La Tutela della salute e l Organizzazione sanitaria in provincia di Pavia Capitolo 1 Le regole generali dell assistenza sanitaria in Italia La Costituzione italiana tutela la salute di tutti gli individui;

Dettagli

Chikungunya-Dengue. Sorveglianza umana: dati e prospettive. Andrea Mattivi Roberto Cagarelli. Bologna, 17 maggio 2013

Chikungunya-Dengue. Sorveglianza umana: dati e prospettive. Andrea Mattivi Roberto Cagarelli. Bologna, 17 maggio 2013 MALATTIE DA VETTORE IN EMILIA-ROMAGNA: PIANO DI SORVEGLIANZA E CONTROLLO 2013 Bologna, 17 maggio 2013 Chikungunya-Dengue Sorveglianza umana: dati e prospettive. Andrea Mattivi Roberto Cagarelli Servizio

Dettagli

VACCINAZIONI INTERNAZIONALI

VACCINAZIONI INTERNAZIONALI VACCINAZIONI INTERNAZIONALI DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Igiene e Sanità Pubblica I viaggi internazionali possono rappresentare un rischio per la salute, a seconda delle caratteristiche del viaggiatore

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza La rosolia nella donna in gravidanza Carla Verrotti Piano Nazionale di eliminazione del morbillo e della Rosolia congenita. Corso ROSOLIA CONGENITA Parma 12 maggio 2007 D.M. 10 SETTEMBRE 1998 Aggiornamento

Dettagli

MINISTERO DELLA SANITÀ

MINISTERO DELLA SANITÀ Le epatiti virali MINISTERO DELLA SANITÀ DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE MALATTIE INFETTIVE E PROFILASSI INTERNAZIONALE CONSIGLI SULLA PREVENZIONE DI ALCUNE MALATTIE INFETTIVE una raccolta di schede informative

Dettagli

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA DEGLI OPERATORI

Dettagli

se la conosci, la previeni!

se la conosci, la previeni! EPATITE se la conosci, la previeni! HEALTHY FOUNDATION HEALTHY FOUNDATION Epatiti, cosa sono? 2 L epatite, o meglio le epatiti sono tra le malattie infettive più comuni e gravi del mondo. Si tratta di

Dettagli

Versione aggiornata al 1 agosto 2003

Versione aggiornata al 1 agosto 2003 Versione aggiornata al 1 agosto 2003 PROTOCOLLO PER L UTILIZZO DI DONATORI POSITIVI PER GLI ANTICORPI DIRETTI CONTRO L ANTIGENE CORE (HBcAb-IgG) DEL VIRUS B DELL EPATITE (HBV) NEL TRAPIANTO DI FEGATO.

Dettagli

Malattie più diffuse a cui può essere esposto il viaggiatore

Malattie più diffuse a cui può essere esposto il viaggiatore Contenuto di una farmacia da viaggio Nella farmacia da viaggio occorre inserire: Farmaci di uso abituale (se si soffre di malattie croniche, antidolorifici normalmente utilizzati ecc.) Farmaci antivirali

Dettagli

Decreto Legge 10 settembre 1998

Decreto Legge 10 settembre 1998 Decreto Legge 10 settembre 1998 Protocolli di accesso ad esami di Laboratorio e di Diagnostica strumentale delle donne in stato di gravidanza ed a tutela della maternità (Gazzetta Ufficiale 20 ottobre

Dettagli

Danila Bassetti, MD. Responsabile Struttura Semplice Sierologia Autoimmunità U.O. Microbiologia Virologia Ospedale S.

Danila Bassetti, MD. Responsabile Struttura Semplice Sierologia Autoimmunità U.O. Microbiologia Virologia Ospedale S. Il Laboratorio di SieroImmunologia e le urgenze infettive: la patologia materno fetale e gli incidenti professionali a rischio di infezioni emotrasmesse Danila Bassetti, MD Responsabile Struttura Semplice

Dettagli

Capitolo 6 infezione da hiv e aids sindrome da immunodeficienza acquisita SIDA acquired immune defi- ciency syndrome AIDS hiv

Capitolo 6 infezione da hiv e aids sindrome da immunodeficienza acquisita SIDA acquired immune defi- ciency syndrome AIDS hiv Infezione da HIV e AIDS Capitolo 6 La sindrome da immunodeficienza acquisita (SIDA) o acquired immune deficiency syndrome (AIDS) è una malattia del sistema immunitario umano causata dal virus dell immunodeficienza

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA Ispettorato Regionale Pionieri Toscana HIV EPATITI MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI

CROCE ROSSA ITALIANA Ispettorato Regionale Pionieri Toscana HIV EPATITI MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI CROCE ROSSA ITALIANA Ispettorato Regionale Pionieri Toscana HIV EPATITI MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI Corso Aspiranti Pionieri CRI Pisa San Frediano a Settimo 8 Nov. 2006 Monitore C.R.I. SPINELLI

Dettagli

DEFINIZIONE DEGLI STRUMENTI PREVENTIVI PER LE IST

DEFINIZIONE DEGLI STRUMENTI PREVENTIVI PER LE IST Linee Guida per la gestione del paziente con infezione sessualmente trasmessa (IST). Italia, SIMAST 2010. DEFINIZIONE DEGLI STRUMENTI PREVENTIVI PER LE IST La prevenzione delle IST si rivolge ad un comportamento,

Dettagli

Versione aggiornata al 1 marzo 2005

Versione aggiornata al 1 marzo 2005 Versione aggiornata al 1 marzo 2005 PROTOCOLLO PER L UTILIZZO DI DONATORI POSITIVI PER L ANTIGENE DI SUPERFICIE DEL VIRUS B DELL EPATITE (HBsAg +) NEL TRAPIANTO DI CUORE E/O POLMONE E/O RENE. Razionale

Dettagli

Cittadini stranieri non appartenenti all Unione Europea

Cittadini stranieri non appartenenti all Unione Europea L immigrazione in Italia è ormai un fenomeno più che consolidato, il dossier caritas 2007 riporta 3.500000 presenze di stranieri regolari. Sempre dal DOSSIER CARITAS 2004, nella provincia di Latina, capofila

Dettagli

HIV e infezioni tropicali concorrenti: uno studio caso-controllo

HIV e infezioni tropicali concorrenti: uno studio caso-controllo HIV e infezioni tropicali concorrenti: uno studio caso-controllo Declich S a, Francesconi P a, Okwey R b, Ouma J b, Ochakachon R b, Dente MG a and Fabiani M a a Reparto Malattie Infettive, Laboratorio

Dettagli

L esperienza dell Emilia-Romagna

L esperienza dell Emilia-Romagna L esperienza dell Emilia-Romagna Alba Carola Finarelli Servizio Sanità pubblica Regione Emilia-Romagna Giugno 1981, Los Angeles Primi casi di una nuova sindrome di immuno-deficienza : fa la prima comparsa

Dettagli

INFEZIONI DA CITOMEGALOVIRUS Epidemiologia

INFEZIONI DA CITOMEGALOVIRUS Epidemiologia INFEZIONI DA CITOMEGALOVIRUS Infezione primaria: Quasi sempre asintomatica Talora sindrome mononucleosica Riattivazione Nel soggetto normale Nei pazienti trapiantati Nei pazienti con infezione da HIV Infezione

Dettagli

Convegno HIV ed AIDS in Toscana: un'epidemia sotto controllo? Firenze, 29 novembre 2012

Convegno HIV ed AIDS in Toscana: un'epidemia sotto controllo? Firenze, 29 novembre 2012 Convegno HIV ed AIDS in Toscana: un'epidemia sotto controllo? Firenze, 29 novembre 2012 SORVEGLIANZA DELL HIV IN TOSCANA: DATI EPIDEMIOLOGICI Monia Puglia Osservatorio di Epidemiologia, Agenzia Regionale

Dettagli

Piano regionale dell Emilia-Romagna per la lotta alla zanzara tigre e la prevenzione della Chikungunya e della Dengue anno 2008

Piano regionale dell Emilia-Romagna per la lotta alla zanzara tigre e la prevenzione della Chikungunya e della Dengue anno 2008 Piano regionale dell Emilia-Romagna per la lotta alla zanzara tigre e la prevenzione della Chikungunya e della Dengue anno 2008 Dott.ssa Paola Angelini Servizio Sanità pubblica D.G. Sanità e Politiche

Dettagli

SERVIZI DI MEDICINA TURISTICA A JESOLO EMERGENZA

SERVIZI DI MEDICINA TURISTICA A JESOLO EMERGENZA REGIONE DEL VENETO AZIENDA SOCIO SANITARIA LOCALE N. 10 VENETO ORIENTALE www.assl10.veneto.it SERVIZI DI MEDICINA TURISTICA A JESOLO EMERGENZA In caso di emergenza chiamare il 118 Per garantire vacanze

Dettagli

Specializzato in Statistica Sanitaria con indirizzo in programmazione socio-sanitaria presso l Università dell Aquila con votazione 70/70 e lode.

Specializzato in Statistica Sanitaria con indirizzo in programmazione socio-sanitaria presso l Università dell Aquila con votazione 70/70 e lode. DOTT. IVAN TERSIGNI CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE STUDI Laureato in Medicina e Chirurgia presso l'universita' Cattolica del Sacro Cuore di Roma il 21-7-1978, con votazione 110/110 e lode. Specializzato

Dettagli

Contro. Speciale viaggi. facciamoci in in. Tutto quello che i viaggiatori devono sapere per difendersi meglio dalle malattie trasmesse dalle zanzare

Contro. Speciale viaggi. facciamoci in in. Tutto quello che i viaggiatori devono sapere per difendersi meglio dalle malattie trasmesse dalle zanzare Contro la la zanzara tigre tigre Speciale viaggi 4 facciamoci in in 4 Tutto quello che i viaggiatori devono sapere per difendersi meglio dalle malattie trasmesse dalle zanzare conosciamo meglio le malattie

Dettagli

per i cittadini non comunitari

per i cittadini non comunitari Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione dei Cittadini dei Paesi Terzi GUIDA AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE per i cittadini non comunitari INDICE Glossario 4 Informazioni

Dettagli

Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 10 settembre 1998. (pubblicato in G.U. 20 ottobre 1998, n. 245)

Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 10 settembre 1998. (pubblicato in G.U. 20 ottobre 1998, n. 245) Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 10 settembre 1998 "Aggiornamento del decreto ministeriale 6 marzo 1995 concernente l'aggiornamento del decreto ministeriale 14 aprile 1984 recante i protocolli

Dettagli

Nuove migrazioni, nuove sfide per il pediatra Accoglienza, integrazione, salute dei cittadini di domani

Nuove migrazioni, nuove sfide per il pediatra Accoglienza, integrazione, salute dei cittadini di domani Nuove migrazioni, nuove sfide per il pediatra Accoglienza, integrazione, salute dei cittadini di domani Le migrazioni oggi. Quali bisogni, quali azioni. Profili di salute, normative e protocolli Presidente

Dettagli

Alberto Tomasi. Promozione dei centri di Medicina dei Viaggiatori: strategie di implementazione

Alberto Tomasi. Promozione dei centri di Medicina dei Viaggiatori: strategie di implementazione Alberto Tomasi Promozione dei centri di Medicina dei Viaggiatori: strategie di implementazione 1 La Medicina dei Viaggiatori rappresenta uno dei settori nuovi ed interdisciplinari della medicina. Discipline

Dettagli

Corso di formazione: Le malattie a trasmissione alimentare Alba, 28 ottobre 2014

Corso di formazione: Le malattie a trasmissione alimentare Alba, 28 ottobre 2014 Corso di formazione: Le malattie a trasmissione alimentare Alba, 28 ottobre 2014 Virus ed alimenti: il caso Epatite A Franco Giovanetti Dipartimento di Prevenzione ASL CN2 Alba Bra Hepatitis A Virus -

Dettagli

Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it

Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it 1 Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it EPATITE DA HBV Introduzione... 1 Epidemiologia... 2 Modalità e vie di trasmissione... 2 Patogenesi... 3 Clinica... 4 Diagnosi...

Dettagli

Il PNEMRoC ad un anno dalla scadenza

Il PNEMRoC ad un anno dalla scadenza Il PNEMRoC ad un anno dalla scadenza Vaccinazione antimorbillo in Italia Introduzione della vaccinazione Vaccinazione universale Disponibile dal 1976 Raccomandato dal Ministero della Salute dal 1979 Fino

Dettagli

Febbre Mediterranea Familiare

Febbre Mediterranea Familiare Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Cos è? Febbre Mediterranea Familiare La febbre mediterranea familiare (FMF) è una malattia genetica. I pazienti affetti soffrono di ricorrenti attacchi

Dettagli

(Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 20 ottobre 1998, n. 245) IL MINISTRO DELLA SANITÀ

(Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 20 ottobre 1998, n. 245) IL MINISTRO DELLA SANITÀ D.M. 10 SETTEMBRE 1998 Aggiornamento del d.m. 6 marzo 1995 concernente l'aggiornamento del d.m. 14 aprile 1984 recante protocolli di accesso agli esami di laboratorio e di diagnostica strumentale per le

Dettagli

REPORT 2011 RELATIVO A MALATTIE INFETTIVE NOTIFICATE, VACCINAZIONI EFFETTUATE E ATTIVITA DELLA MEDICINA DEI VIAGGI DELLA AUSL12 DI VIAREGGIO

REPORT 2011 RELATIVO A MALATTIE INFETTIVE NOTIFICATE, VACCINAZIONI EFFETTUATE E ATTIVITA DELLA MEDICINA DEI VIAGGI DELLA AUSL12 DI VIAREGGIO REPORT 2011 RELATIVO A MALATTIE INFETTIVE NOTIFICATE, VACCINAZIONI EFFETTUATE E ATTIVITA DELLA MEDICINA DEI VIAGGI DELLA AUSL12 DI VIAREGGIO A cura del personale della UFC Igiene e Sanità Pubblica: Dr.

Dettagli

Influenza suina: l influenza A (H1N1)

Influenza suina: l influenza A (H1N1) . Influenza suina: l influenza A (H1N1) Il virus: lui chi è Ad aprile si sono registrati in Messico casi di infezione nell uomo da nuovo virus influenzale di tipo A (H1N1), precedentemente identificato

Dettagli

PROTOCOLLO COMPORTAMENTALE a SEGUITO di ESPOSIZIONE OCCUPAZIONALE a RISCHIO BIOLOGICO

PROTOCOLLO COMPORTAMENTALE a SEGUITO di ESPOSIZIONE OCCUPAZIONALE a RISCHIO BIOLOGICO ASS 4 MEDIO FRIULI PROTOCOLLO COMPORTAMENTALE a SEGUITO di ESPOSIZIONE OCCUPAZIONALE a RISCHIO BIOLOGICO Dr.ssa Mauro Katia Dipartimento di Prevenzione DEFINIZIONI Incidente a Rischio Biologico: si definisce

Dettagli

"Emergenza Migranti"

Emergenza Migranti Via Giacomo Cusmano 24 90142 Palermo www.asppalermo.org Unità di Crisi Aziendale Piano Interno di Intervento "Emergenza Migranti" 1 Premessa Unità di Crisi Aziendale Piano Interno di Intervento "Emergenza

Dettagli

PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLE ESPOSIZIONI OCCUPAZIONALI AD HIV E VIRUS EPATITI B, C

PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLE ESPOSIZIONI OCCUPAZIONALI AD HIV E VIRUS EPATITI B, C UOC DIREZIONE MEDICA OSPEDALIERA RIETI-AMATRICE DIRETTORE: Dr Pietro Manzi Tel. 0746/278221 FAX 0746/278440 email: p.manzi@asl.rieti.it Dirigente medico responsabile del procedimento: Dssa Antonella Stefania

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI MARAVIROC ATC J05AX09 (Celsentri ) Presentata da Commissione Terapeutica Provinciale Sassari In data novembre 2008 Per le seguenti motivazioni: Trattamento dell infezione

Dettagli

G. PERRUOLO Dipartimento di Biologia e Patologia Cellulare e Molecolare Università Federico II Napoli

G. PERRUOLO Dipartimento di Biologia e Patologia Cellulare e Molecolare Università Federico II Napoli Congresso SiBioc-SIMEL Rimini, 29 ottobre 2008 Workshop Siemens G. PERRUOLO Dipartimento di Biologia e Patologia Cellulare e Molecolare Università Federico II Napoli Trasmissione sessuale: OMO ETERO Scambio

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME Cos è? L artrite Lyme è causata dal batterio Borrelia burgdorferi (borreliosi di Lyme) e si trasmette con il morso di zecche quali l ixodes ricinus.

Dettagli

Rapporto sull andamento epidemiologico dell influenza nella Regione Veneto, stagione 2014-2015

Rapporto sull andamento epidemiologico dell influenza nella Regione Veneto, stagione 2014-2015 Rapporto sull andamento epidemiologico dell influenza nella Regione Veneto, stagione 2014-2015 STRUTTURE COMPETENTI REDAZIONE A CURA DI Sezione Attuazione Programmazione Sanitaria Settore Promozione e

Dettagli

sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) interruzioni volontarie di gravidanza malattie infettive

sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) interruzioni volontarie di gravidanza malattie infettive capitolo 3 sanità Avvertenze Le informazioni statistiche contenute nel presente capitolo provengono dall Agenzia di Sanità Pubblica della Regione Lazio e riguardano dati rilevati presso le strutture sanitarie

Dettagli

Quando e come informare i genitori

Quando e come informare i genitori Quando e come informare i genitori Obiettivi dell informazione Aumentare le conoscenze Modificare le false convinzioni Rispondere alle domande poste Aumentare la capacità di gestione autonoma delle diverse

Dettagli

Il Processo Trasfusionale

Il Processo Trasfusionale Il Processo Trasfusionale Approvvigionamento Apparecchiature Risorse umane Sicurezza D O NA T O RE Esami di validazione e controlli Selezione del donatore Raccolta emocomponenti Preparazione emocomponenti

Dettagli

GUIDA SANITARIA PER ESPATRIATI

GUIDA SANITARIA PER ESPATRIATI GUIDA SANITARIA PER ESPATRIATI A cura di Claudio Ceravolo - COOPI Grafica e impaginazione a cura di Alessandro Boscaro - COSV Pubblicato da SISCOS -Servizi per la Cooperazione Internazionale Questo documento

Dettagli

LA MEDICINA SCOLASTICA OGGI NEL TERRITORIO DELLA AZIENDA USL RM H

LA MEDICINA SCOLASTICA OGGI NEL TERRITORIO DELLA AZIENDA USL RM H LA MEDICINA SCOLASTICA OGGI NEL TERRITORIO DELLA AZIENDA USL RM H 1 LA MEDICINA SCOLASTICA OGGI VISITE MEDICHE E SCREENING Le visite mediche e gli screening, prima effettuati dal medico scolastico presso

Dettagli

Proposta di riorganizzazione della rete sanitaria per il controllo e la. Obiettivi e Strumenti

Proposta di riorganizzazione della rete sanitaria per il controllo e la. Obiettivi e Strumenti Proposta di riorganizzazione della rete sanitaria per il controllo e la cura delle infezioni da HIV nel Lazio Obiettivi e Strumenti Enrico Girardi per il gruppo tecnico HIV LaziozioSanità -ASP UOC Epidemiologia

Dettagli