PIANO DI FORMAZIONE USMAF 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DI FORMAZIONE USMAF 2012"

Transcript

1 Ministero della Salute Dipartimento della Sanità Pubblica e dell Innovazione Direzione Generale Prevenzione CCM PIANO DI FORMAZIONE USMAF 2012 VIGILANZA SANITARIA E TRAFFICO AERONAUTICO UFFICI DI SANITA MARITTIMA AEREA E DI FRONTIERA (USMAF) DEL MINISTERO DELLA SALUTE DR. FRANCESCO MARAGLINO DIRIGENTE MEDICO II FASCIA DIRETTORE USMAF ROMA FIUMICINO Dr.ssa TERESA ESPOSITO*, DR. ALESSANDRO LATTANZI* *DIRIGENTE MEDICO U.T. FIUMICINO Signori ANDREA ASCONE**, BERARDINO CIACCIA**, PAOLO GIOVAGNOLI** **ASSISTENTI TECNICI PREVENZIONE U.T. FIUMICINO Roma, 22 GIUGNO 2012

2

3 USMAF dagli Uffici Sanitari Speciali ad oggi 117 anni di Prevenzione

4 LA NOSTRA AGENDA USMAF ROMA FIUMICINO ENTI AEROPORTUALI APPLICAZIONE MISURE SANITARIE IN AMBITO AEROPORTUALE NORMATIVE FLOW CHART: COMUNICAZIONE DECISIONALE PROCEDURE CANALE SANITARIO COLLABORAZIONE CON CRI VIGILANZA SANITARIA USMAF: AEROMOBILI E INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI

5 LA NOSTRA AGENDA

6 LA NOSTRA AGENDA

7 AEROPORTI CONTROLLATI DA UFFICI SANITARI AEROPORTI SANITARI (IHR) (D.M. 30/05/1967) VARESE MALPENSA MILANO LINATE ROMA FIUMICINO ROMA CIAMPINO

8 USMAF ROMA FIUMICINO DIREZIONE U.T. SANITA AEREA FIUMICINO Aeroporto Sanitario IHR U.D. SANITA AEREA CIAMPINO Aeroporto Sanitario IHR U.T. SANITA MARITTIMA ROMA U.T. SANITA MARITTIMA DI CIVITAVECCHIA OPERATIVO:H/24 1 DIRETTORE MEDICO 8 DIRIGENTI MEDICI LUN - SAB 08:00 20:00 DIRIGENTE MEDICO IN PRONTA REPERIBILITA NOTTURNI - FESTIVI PERSONALE TECNICO SANITARIO H/24 (U.T. FIUMICINO U.D. CIAMPINO)

9 USMAF ROMA FIUMICINO DIREZIONE U.T. FIUMICINO U.D. CIAMPINO AEROPORTI SANITARI (IHR) U.T. CIVITAVECCHIA U.T. ROMA

10 SISTEMA AEROPORTUALE ROMANO AEROPORTO ROMA FIUMICINO L. DA VINCI AEROPORTO ROMA CIAMPINO G.B. PASTINE (AEROPORTO MISTO CIVILE - MILITARE) DATI 2007: oltre 38 milioni passeggeri/anno movimenti di aeromobili/anno

11 SIGLE E ACRONIMI OMS WHO IHR ECDC DGPREV UFFICIO III UFFICIO V CCM USMAF U.T. U.D. PDL ENAC ICAO IATA APT FCO CIA

12 AUTORITÀ AEROPORTUALI E.N.A.C. DIREZIONE AEROPORTO MINISTERO DELLA SALUTE USMAF POLIZIA DI STATO UFFICIO FRONTIERA AEREA GUARDIA DI FINANZA COMANDO GRUPPI AEROPORTI AGENZIA DELLE DOGANE VV.FF. COMANDO COMPAGNIA CARABINIERI POLIZIA PENITENZIARIA CORPO FORESTALE VETERINARIO MINISTERO DELLA SALUTE FITOPATOLOGO *(DIPARTIMENTO PROTEZIONE CIVILE)

13 SOCIETÀ AEROPORTUALI SOCIETA DI GESTIONE AEROPORTUALE SOCIETÀ DI HANDLING AEROPORTUALE (CAPO SCALO) COMPAGNIA AEREA (CAPO SCALO) A.O.C. (AIRLINES OPERATORS COMMITTEE)

14 OPERATORI SANITARI AEROPORTUALI MINISTERO DELLA SALUTE USMAF PERSONALE C.R.I. SERVIZIO DI P.S. AEROPORTUALE A.S.L. RM/D/F/G (APT: FCO-CIA) MEDICO COMPETENTE SERVIZIO DI MEDICINA AERONAUTICA COMPAGNIA AEREA

15 TIMING!!! SISTEMA AEROPORTUALE COMPLESSO CONOSCENZA ANALISI OBIETTIVI PROCEDURE (Piani Discendenti Locali) ENTI COINVOLTI COMUNICAZIONE CONDIVISIONE AGGIORNAMENTO STRUMENTI MATERIALI SIMULAZIONI FEED-BACK GROUND TIME

16 QUANDO ARRIVANO?

17 MINISTERO DELLA SALUTE USMAF COMUNICAZIONI ENTI, SOCIETÀ GESTIONE ED OPERATORI AEROPORTUALI COMUNICAZIONE ORIZZONTALE (TRA RESPONSABILI DEGLI ENTI AEROPORTUALI) COMUNICAZIONE VERTICALE (TRA IL PERSONALE DI OGNI ENTE AEROPORTUALE)

18 MINISTERO DELLA SALUTE USMAF COMUNICAZIONI ENTI, SOCIETÀ DI GESTIONE ED OPERATORI AEROPORTUALI ORDINANZE AVVISI CONVOCAZIONI NOTE INFORMATIVE COMUNICAZIONI PROCEDURE REVOCHE

19 EMERGING DESEASE RE-EMERGING DESEASE

20 Geneve, 23 August 2007 The world health report 2007 A safer future: global public health security in the 21st century Since 1967, at least 39 new pathogens have been identified, including HIV, Ebola haemorrhagic fever, Marburg fever, SARS Airlines now carry more than 2 billion of passengers a year 6 key reccomendation: full implementation of the IHR 2005 by all countries

21 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE BASI LEGALI I regolamenti adottati sulla base dell articolo 21 entrano in vigore per tutti gli Stati membri dopo debita comunicazione della loro adozione da parte dell Assemblea Mondiale della Sanità, con l eccezione di coloro che presentano, nei tempi dovuti, riserve o respingimenti Articolo 21 Costituzione OMS L Assemblea Mondiale della Sanità ha l autorità di adottare regolamenti concernenti: richieste sanitarie o quarantenarie ed altre procedure studiate allo scopo di prevenire la diffusione internazionale delle malattie Articolo 22 Costituzione OMS

22 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE Dal vecchio al nuovo Regolamento Sanitario Internazionale Approvazione ed esecuzione del regolamento adottato Boston 25 luglio 1969 Regolamento addizionale adottato a Ginevra il 23 maggio 1973 Legge 9 Febbraio 1982, n. 106

23 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE Dal vecchio al nuovo Regolamento Sanitario Internazionale Approvazione della Revisione del Regolamento Sanitario Internazionale Assemblea Mondiale della Sanità Risoluzione WHA 48.7 Mandato per revisione del RSI 58 Assemblea Mondiale della Sanità Ginevra 27 Maggio 2005

24 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE Dal vecchio al nuovo Regolamento Sanitario Internazionale Scopo e ambito e prevenire, proteggere, tenere sotto controllo e fornire una risposta sanitaria alla diffusione internazionale di malattie tramite modalità commisurate e limitate ai rischi per la sanita pubblica e che evitino interferenze con il traffico e il commercio internazionale Aumento del commercio e del traffico a livello mondiale Rischi di natura non solo biologica Emerging desease Re-emerging desease

25 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE Dal vecchio al nuovo Regolamento Sanitario Internazionale Dalle malattie quarantenarie al concetto di emergenza di sanita pubblica internazionale Sicurezza sanitaria globale (agenti biologici, chimici, materiale radionucleare) Necessità di rafforzare le capacità della sanita pubblica mondiale Allerta epidemiologico globale

26 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE Dal vecchio al nuovo Regolamento Sanitario Internazionale Rivisto sulla base di istruzioni fornite dagli stati membri dell OMS Versione finale definita per mezzo di negoziati tra gli stati Adottato dall assemblea mondiale della sanità del 2005 e vincolante per gli Stati membri dell OMS Entrato in vigore nel 2007, con un periodo concesso agli Stati membri per lo sviluppo e/o il potenziamento delle capacità richieste per la sua applicazione

27 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE Globalizzazione: il problema di un altro Paese è un problema per tutti Proteggere contro la diffusione di rischi per la salute pubblica Prevenire, proteggere, controllare e fornire risposte alla diffusione internazionale di malattie infettive in maniera commisurata e limitata ai rischi di sanità pubblica Evitare l uso di restrizioni non necessarie o eccessive ai movimenti ed al commercio internazionale per finalità di sanità pubblica (Articolo 2 del RSI 2005)

28 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE PARTE III RACCOMANDAZIONI articolo 15 raccomandazioni temporanee Emanate dal Direttore Generale dell OMS In caso di emergenza di sanità pubblica di rilevanza internazionale determinata ai sensi dell articolo 12 Possibilità di modificazione ed estensione Inclusione di misure sanitarie relative a persone, bagagli, carico, container, mezzi di trasporto, merci e/o pacchi postali per evitare o ridurre la diffusione internazionale di malattie ed evitare inutili interferenze con il traffico internazionale Decadenza automatica dopo 3 mesi, con estensione a periodi supplementari di 3 mesi in 3 mesi; termine in qualsiasi momento (art. 49)

29 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE PARTE III RACCOMANDAZIONI articolo 16 raccomandazioni permanenti Emanazione da parte dell OMS (art. 53) di raccomandazioni permanenti relative a misure sanitarie appropriate con applicazione ordinaria o periodica Misure applicabili dagli Stati membri relativamente a persone, bagagli, carico, container, mezzi di trasporto, merci e/o pacchi postali per rischi di sanità pubblica presenti e specifici, al fine di evitare o ridurre la diffusione internazionale di malattie ed evitare inutili interferenze con il traffico internazionale

30 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE PARTE III RACCOMANDAZIONI articolo 17 criteri per le raccomandazioni Indicazioni degli Stati membri direttamente interessati Parere del Comitato di Emergenza o del Comitato di Revisione, a seconda del caso Principi scientifici nonché le prove e le informazioni scientifiche disponibili Misure sanitarie che, sulla base di una valutazione del rischio adeguata alle circostanze, non siano più restrittive del traffico e del commercio internazionale e più intrusive per le persone rispetto ad alternative ragionevolmente disponibili che permetterebbero di raggiungere il livello adeguato di protezione sanitaria

31 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE PARTE III RACCOMANDAZIONI articolo 17 criteri per le raccomandazioni Normative e strumenti internazionali attinenti Attività intraprese da altre organizzazioni intergovernative ed enti internazionali competenti Altre informazioni adeguate e specifiche relative all'evento

32 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE PARTE III RACCOMANDAZIONI articolo 18 Raccomandazioni relative a persone Non si consigliano misure sanitarie specifiche Verifica della storia di viaggi nelle aree affette Verifica dell esame medico e delle analisi di laboratorio Richiesta di esami medici Verifica di prova di vaccinazioni o altra profilassi Osservazione di sanità pubblica di persone sospette

33 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE PARTE III RACCOMANDAZIONI articolo 18 Raccomandazioni relative a persone Quarantena o altre misure di sanità pubblica per persone sospette Isolamento e terapia, quando necessari, per le persone affette Individuazione dei contatti delle persone affette o sospette Rifiuto dell ingresso di persone affette o sospette Rifiuto dell ingresso di persone non affette in aree affette Screening in uscita e/o restrizioni su persone provenienti da aree affette

34 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE PARTE III RACCOMANDAZIONI articolo 18 Raccomandazioni relative a bagagli, carico, container, mezzi di trasporto, merci e pacchi postali Non si consigliano misure sanitarie specifiche Verifica della nota di carico e del percorso Ispezioni Verifica delle misure prese alla partenza o durante il viaggio per eliminare l'infezione o la contaminazione Trattamento di bagagli, carico, container, mezzi di trasporto, merci, pacchi postali o resti umani per eliminare l'infezione o la contaminazione, inclusi i vettori e i serbatoi

35 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE PARTE III RACCOMANDAZIONI articolo 18 Raccomandazioni relative a bagagli, carico, container, mezzi di trasporto, merci e pacchi postali Uso di misure sanitarie specifiche per assicurare manipolazione e trasporto in sicurezza dei resti umani Isolamento o quarantena Confisca e distruzione, in condizioni controllate, di bagagli, carico, container, mezzi di trasporto, merci o pacchi postali infetti, contaminati o sospetti, nel caso che gli altri trattamenti o processi disponibili non diano risultati positivi Rifiuto di partenza o ingresso

36 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE PROFILASSI INTERNAZIONALE Assicurare la massima sicurezza contro la diffusione internazionale delle malattie infettive con la minima interferenza con il commercio ed i movimenti internazionali, attraverso la capacità di rilevare e comunicare possibili eventi rilevanti per la sanità pubblica ed appropriati controlli nei punti di ingresso

37 Sorveglianza e risposta sul territorio e nei punti di ingresso Modernizzazione delle misure routinarie negli aeroporti di arrivo e partenza REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE PROFILASSI INTERNAZIONALE SANITÀ TRANSFRONTALIERA Notifica Ambito allargato alla notifica di eventi di sanità pubblica di rilevanza internazionale, e non solo a definite malattie infettive Focal Points nazionali Centri Nazionali per il RSI Legami operativi con gli Stati membri per notifica ed informazione Input ufficiali nel processo di revisione Core capacities

38 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE PROFILASSI INTERNAZIONALE SANITÀ TRANSFRONTALIERA Punto di ingresso definizione: indica un passaggio per l ingresso o l uscita internazionale di viaggiatori, bagagli, carico, container, mezzi di trasporto, merci e pacchi postali nonché le agenzie e le aree che forniscono loro servizi al momento dell ingresso o dell uscita

39 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE Core Capacities Requisiti routinari Allegato 1 - Parte B: Aeroporti, (Art.13, 19, 20) Servizi medici Ispezioni Ambiente sicuro

40 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE Core Capacities Requisiti routinari Allegato 1 - Parte B: Aeroporti, (Art.13, 19, 20) Accesso a servizi medici adeguati (personale e attrezzature) Equipaggiamento e personale per trasporto verso strutture sanitarie Personale formato per ispezione a mezzi di trasporto

41 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE Core Capacities Requisiti routinari Allegato 1 - Parte B: Aeroporti, (Art.13, 19, 20) Personale formato e programmi per il controllo di vettori e serbatoi di infezione/contaminazione Ambiente, acqua, servizi di ristorazione, servizi igienici, smaltimento in sicurezza di rifiuti con programmi di verifica

42 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE Core Capacities Requisiti in caso di emergenza Allegato 1 - Parte B: Aeroporti, (Art. 13, 19, 20) Piani d emergenza Servizi medici Quarantena Applicazione di misure raccomandate dall OMS

43 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE Core Capacities Requisiti in caso di emergenza Allegato 1 - Parte B: Aeroporti, (Art.13, 19, 20) Coordinatore Punti di contatto per relativi punti di ingresso Servizi di sanità pubblica Valutazione e cura di viaggiatori o animali affetti con accordi con locali strutture mediche e veterinarie per isolamento, cura e altri servizi di supporto

44 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE Parte sanitaria della dichiarazione generale di aeromobile Art.38 Documento completato e consegnato all Autorità sanitaria competente dal pilota o da un suo rappresentante in volo o in procinto dell atterraggio nel primo aeroporto nel territorio dello Stato membro; comunicazione di tutte le informazioni relative allo stato di salute a bordo e alle misure sanitarie applicate all aeromobile

45 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE Parte sanitaria della dichiarazione generale di aeromobile Art.38 Proposta di modifica della Parte sanitaria della dichiarazione generale di aeromobile (IATA) Inclusione di segni e sintomi di malattia, in passeggero o equipaggio, diversi da quelli derivanti da mal d aria o infortunio, in quanto valida ragione per sospettare la presenza di una malattia infettiva a bordo

46 EARLY WARNING AND RESPONSE SYSTEM EWRS Decisione del Consiglio e del Parlamento europeo N. 2119/98/EC, del 24 settembre 1998 Network per la sorveglianza e il controllo delle malattie infettive in ambito della Comunità Europea

47 EARLY WARNING AND RESPONSE SYSTEM EWRS Approccio globale tra gli Stati membri per la prevenzione delle malattie infettive Collaborazione comunitaria per tematiche di sanità pubblica, sancito dal trattato di Maastricht Sorveglianza epidemiologica Creazione di un network trans-frontaliero che consenta di definire la definizione di caso, ricevere, analizzare i dati e condividerne i risultati con agenzie di sanità pubblica degli Stati membri Creazione di un sistema di risposta e d allerta rapido

48 Centro Europeo per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ECDC Istituzione: Direttiva 851/2004 del Parlamento Europeo Funzioni: Identificare Organizzare Comunicare le attuali ed emergenti minacce alla salute pubblica, causate da malattie infettive

49 ATTIVAZIONE FLUSSO INFORMATIVO ECDC - EWRS EWRS ECDC se l indagine epidemiologica per un epidemia, svolta a livello nazionale, mostra che: i casi sono correlati ad una sorgente di esposizione, che può interessare altri Stati membri l epidemia può diffondersi attraverso i paesi della Comunità Europea

50 STRUTTURE NEL CAMPO DELLA PREVENZIONE E CONTROLLO DI EVENTI RILEVANTI PER LA SANITÀ PUBBLICA NAZIONALE Ministero della Salute CCM USMAF PIF UVAC II.RR.CC.CC.SS II.ZZ.SS ISS Regioni e Province e Autonome Aziende/Unità Sanitarie Locali

51 MISURE DI SORVEGLIANZA NAZIONALI Contenere i rischi noti Rispondere all inatteso Migliorare la preparazione

52 MISURE DI SORVEGLIANZA NAZIONALI Disposizioni legali Disposizioni amministrative Strumenti decisionali Early detection Sistema di collaborazione Internazionale Allerta e risposta alle epidemie Network USMAF Early warning network Capacita di risposta ad eventi di Sanita pubblica Modernizzazione delle misure routinarie negli aeroporti

53 FLOW CHART PREVENZIONE INTERNAZIONALE Centre for Disease Prevention and Control (ECDC) EWRS

54 FLOW CHART COMUNICAZIONI MINISTERO DELLA SALUTE - CCM MINISTRO DELLA SALUTE DIRETTORE GENERALE PREVENZIONE CAPO DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA E INNOVAZIONE DIRETTORE UFFICIO V DIRETTORE UFFICIO III DIRETTORE USMAF

55 FLOW CHART DECISIONALE MINISTERO DELLA SALUTE - CCM MINISTRO DELLA SALUTE DIRETTORE GENERALE PREVENZIONE CAPO DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA E INNOVAZIONE DIRETTORE UFFICIO V DIRETTORE UFFICIO III DIRETTORE USMAF

56 I NOSTRI FARI LE NOSTRE FONTI DGPREV UFFICIO III - UFFICIO V CON FEED BACK USMAF

57 COME COMUNICARE? Si invitano i colleghi ad effettuare tutte le comunicazioni indirizzate all Ufficio di Coordinamento USMAF e relative a casi che sono o che potrebbero diventare di interesse del Regolamento Sanitario Internazionale nell ambito dei rispettivi ambiti territoriali e funzionali, contestualmente (e tempestivamente) ai tre indirizzi mail : oppure (in caso di impossibilità ad usare la posta elettronica) tramite contatto telefonico con uno degli indicati Dirigenti

58 DOCUMENTO WHO WHO technical advice for case management of Influenza A(H1N1) in air transport Developed in cooperation with ICAO and IATA 13 May 2009

59 DOCUMENTO ENAC CIRCOLARE SERIE AEROPORTI Data: 12 /11/2007 APT- 27 Piano aeroportuale in caso di pandemie influenzali

60 IMPLEMENTAZIONE* E CONDIVISIONE* REACTIVE E PROACTIVE DELLE MISURE SANITARIE IN AMBITO AEROPORTUALE DAI CONSIGLI PER I VIAGGIATORI ALL APPLICAZIONE DI MISURE SANITARIE DGPREV UFFICIO III UFFICIO V USMAF FIUMICINO ** USMAF Fiumicino, Enti di Stato aeroportuali, Compagnie aeree di navigazione, Operatori aeroportuali

61 Applicazione misure sanitarie per influenza suina negli Stati Uniti e Messico Aeroporto Fiumicino (Disposizioni USMAF Fiumicino del 27 Aprile 2009*) omissis questo USMAF si riserva, inoltre, di comunicare ogni sviluppo della situazione sulla base delle comunicazioni ministeriali e ogni conseguente decisione operativa, ivi compresa l eventuale attivazione del canale sanitario per i passeggeri provenienti dalle aree interessate; è attiva, come da routine, la procedura USMAF U.T. Fiumicino da applicare in caso di arrivo di aeromobile con caso sospetto a bordo. *DGPREV.III/P/1.4CA9/URGENTE del 27 Aprile 2009

62 ORDINANZA MINISTERO DELLA SALUTE 4 Maggio 2009 MISURE PROFILATTICHE CONTRO L INFLUENZA DA NUOVO VIRUS INFLUENZALE A(H1N1) PER PASSEGGERI PROVENIENTI DAL MESSICO

63 Schema applicazione misure sanitarie per Virus A/H1N1 Aeroporto Fiumicino aggiornato alle disposizioni del 20 Maggio 2009 (DGPREV UFFICIO V) 21 Maggio 2009 (DGPREV UFFICIO III) Passeggeri e membri dell equipaggio in partenza per USA e Messico Passeggeri provenienti dagli USA Passeggeri e membri dell equipaggio provenienti indirettamente dal Messico Passeggeri e membri dell equipaggio provenienti direttamente dal Messico (voli diretti)

64 VOLO IN PARTENZA PER MESSICO E USA PIANO PANDEMICO O.M.S. FASE 5 ALLERTA WHO ECDC MINISTERO DELLA SALUTE PASSEGGERI E MEMBRI DELL EQUIPAGGIO DISTRIBUZIONE OPUSCOLO INFORMATIVO A CURA DELLE COMPAGNIE AEREE CARTELLONI E SCHERMI LUMINOSI IN AEROPORTO

65 VOLO IN ARRIVO DAGLI USA PIANO PANDEMICO O.M.S. FASE 5 ALLERTA WHO ECDC MINISTERO DELLA SALUTE PASSEGGERI E MEMBRI DELL EQUIPAGGIO DISTRIBUZIONE OPUSCOLO INFORMATIVO A CURA DELLE COMPAGNIE AEREE CARTELLONI E SCHERMI LUMINOSI IN AEROPORTO COMPILAZIONE SCHEDA PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA* E CONSEGNA ALL USMAF A CURA DELLE COMPAGNIE AEREE NO CANALE SANITARIO * 14 gg.

66 VOLO INDIRETTO IN ARRIVO DAL MESSICO PIANO PANDEMICO O.M.S. FASE 5 ALLERTA WHO ECDC MINISTERO DELLA SALUTE PASSEGGERI E MEMBRI DELL EQUIPAGGIO DISTRIBUZIONE OPUSCOLO INFORMATIVO A CURA DELLE COMPAGNIE AEREE CARTELLONI E SCHERMI LUMINOSI IN AEROPORTO COMPILAZIONE SCHEDA PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA* E CONSEGNA ALL USMAF A CURA DELLE COMPAGNIE AEREE NO CANALE SANITARIO *14 gg.

67 VOLO DIRETTO IN ARRIVO DAL MESSICO PIANO PANDEMICO O.M.S. FASE 5 ALLERTA WHO ECDC MINISTERO DELLA SALUTE PASSEGGERI E MEMBRI DELL EQUIPAGGIO DISTRIBUZIONE OPUSCOLO INFORMATIVO A CURA DELLE COMPAGNIE AEREE CARTELLONI E SCHERMI LUMINOSI IN AEROPORTO COMPILAZIONE SCHEDA PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA* E CONSEGNA ALL USMAF A CURA DELLE COMPAGNIE AEREE CONSEGNA GENERAL DECLARATION ATTIVAZIONE CANALE SANITARIO * 14 gg.

68 VOLO DIRETTO IN ARRIVO AL PRIMO SCALO ITALIANO DAL MESSICO PIANO PANDEMICO O.M.S. FASE 5 ALLERTA WHO ECDC MINISTERO DELLA SALUTE 3 SCENARI 1 SENZA PASSEGGERO SINTOMATICO A BORDO 2 PAZIENTE SINTOMATICO O DECEDUTO A BORDO PER SOSPETTA INFEZIONE DA VIRUS A/H1N1 COMUNICATO DAL COM/TE 3 PAZIENTE SINTOMATICO PER SOSPETTA INFEZIONE DA VIRUS A/H1N1 CHE SI RIVOLGE AL PERSONALE USMAF OPPURE AL P.S. A.D.R. DOPO L ARRIVO

69 SCENARIO 1 SENZA PASSEGGERO SINTOMATICO A BORDO ATTIVAZIONE DEL CANALE SANITARIO CONSEGNA SCHEDA SORVEGLIANZA SANITARIA AL PERSONALE TECNICO USMAF PERSONALE C.R.I. CONTROLLO SANITARIO EVENTUALE RICOVERO ALL I.N.M.I. I.R.C.C.S. L. SPALLANZANI ROMA

70 SCENARIO 2 PAZIENTE SINTOMATICO PER SOSPETTA PATOLOGIA INFETTIVA DA NUOVO VIRUS A/H1N1 COMUNICATA DAL COM/TE* DEFINIZIONI FLUSSO INFORMATIVO PERSONALE ATTREZZATURE DPI PROCEDURE CANALE SANITARIO TRASPORTO PRIMARIO TRASPORTO SECONDARIO * EVENTUALE PASSEGGERO MEDICO A BORDO

71 DEFINIZIONE DI CASO SOSPETTO DI INFLUENZA DA NUOVO VIRUS A/H1N1 QUALSIASI PERSONA CHE SODDISFI I CRITERI CLINICI ED EPIDEMIOLOGICI

72 CRITERI CLINICI DI INFLUENZA DA NUOVO VIRUS A/H1N1 SINDROME SIMIL INFLUENZALE ILI (INFLUENZA LIKE ILNESS) INFEZIONE RESPIRATORIA ACUTA FEBBRE SUPERIORE AI 38 C CON ALMENO UNO DEI SEGUENTI SINTOMI: TOSSE CEFALEA RINORREA MAL DI GOLA DIARREA VOMITO MIALGIA

73 CRITERI EPIDEMIOLOGICI DI INFLUENZA DA NUOVO VIRUS A/H1N1 CONTATTO STRETTO CON CASO CONFERMATO E PATOLOGIA IN ATTO DA VIRUS A/H1N1 RECENTE VIAGGIO IN PAESE OVE SIA STATA CONFERMATA LA TRASMISSIONE INTERUMANA DA VIRUS A/H1N1 LAVORA IN LABORATORIO OVE VENGONO ESAMINATI CAMPIONI DEL VIRUS A/H1N1

74 DEFINIZIONE DI CASO PROBABILE DI INFLUENZA DA NUOVO VIRUS A/H1N1 CRITERI CLINICI + CRITERI EPIDEMIOLOGICI + POSITIVITA PER INFLUENZA DI TIPO A (SENZA IDENTIFICAZIONE DEL SOTTOTIPO)

75 NOTIFICA DI CASO SOSPETTO DI INFLUENZA DA NUOVO VIRUS A/H1N1 IMMEDIATA (ENTRO LE 12 ORE) NORMATIVA MALATTIE CLASSE I D.M. 15/12/1990

76 VOLO CON CASO SOSPETTO A BORDO FLUSSO INFORMATIVO IN FASE DI AVVICINAMENTO COM/TE TORRE DI CONTROLLO AEROPORTO DI DESTINAZIONE UFFICIO CONTROLLO TRAFFICO AEREO DIREZIONE AEROPORTUALE USMAF

77 VOLO CON CASO SOSPETTO A BORDO FLUSSO INFORMATIVO IN FASE DI AVVICINAMENTO DIRIGENTE MEDICO USMAF IN TURNO TEAM LEADER PER LA GESTIONE EMERGENZA (MEDICO DI AEROPORTO, UFFICIALE SANITARIO GOVERNATIVO) INFORMA IMMEDIATAMENTE DIRETTORE USMAF DIRETTORE UFFICIO III DIRETTORE UFFICIO V INFO: E.N.A.C. DIREZIONE AEROPORTO P.S. AEROPORTUALE POLARIA (PASSAPORTO, PAESE DI PROVENIENZA, RACCOLTA INFORMAZIONI!!!) DOGANA (BAGAGLIO!!!) I.N.M.I. I.R.C.C.S. L. SPALLANZANI ROMA C.O. 118 A.R.E.S. ROMA SERVIZIO MEDICO COMPAGNIA AEREA

78 PERSONALE Ministero della Salute C.R.I. PERSONALE ADDESTRATO ALLE TECNICHE DI ISOLAMENTO

79 VOLO CON CASO SOSPETTO A BORDO PERSONALE SOTTO BORDO MEDICO COADIUVATO DA PERSONALE TECNICO SANITARIO USMAF PERSONALE C.R.I. AMBULANZA P.S. A.D.R. CAPO SCALO COMPAGNIA AEREA CAPO SCALO HANDLING AEROPORTUALE ADDETTI AI SERVIZI TECNICI E DI PULIZIA BUS INTERPISTA

80 VOLO CON CASO SOSPETTO A BORDO ATTREZZATURE MATERIALI SOTTO BORDO KIT MEDICO PROTEZIONI DPI: MASCHERINA FACCIALE FILTRANTE CATEGORIA 3 TUTA PROTEZIONE GUANTI MONOUSO NON STERILI OCCHIALI

81 VOLO CON CASO SOSPETTO A BORDO PROCEDURA SOTTO BORDO AEREO IN PIAZZOLA (NO FINGER) NESSUNO SALE A BORDO NESSUNO SCENDE

82 VOLO CON CASO SOSPETTO A BORDO PROCEDURA A BORDO IL MEDICO DI AEROPORTO SI RECA A BORDO CON IL PERSONALE SANITARIO RICHIESTA GENERAL DECLARATION IDENTIFICAZIONE DEL CASO SOSPETTO IMMEDIATO ISOLAMENTO DEL CASO SOSPETTO DAGLI ALTRI PASSEGGERI ED EQUIPAGGIO ( SE NON GIÀ PROVVEDUTO) FAR INDOSSARE UNA MASCHERINA TIPO CHIRURGICO (COMPATIBILMENTE CON LE CONDIZIONI CLINICHE) APPROCCIO CLINICO ED ANAMNESTICO DIAGNOSI DIFFERENZIALE TRASFERIMENTO DEL PAZIENTE CON AMBULANZA IN STANZA DI ISOLAMENTO IN AMBITO SANITARIO AEROPORTUALE (PERSONALE ADDESTRATO E PROTETTO) INVIO DEI PASSEGGERI E DEL PERSONALE DI BORDO VERSO IL CANALE SANITARIO

83 VOLO CON CASO SOSPETTO A BORDO CANALE SANITARIO - PERSONALE MEDICI USMAF PERSONALE TECNICO SANITARIO USMAF PERSONALE C.R.I.

84 VOLO CON CASO SOSPETTO A BORDO CANALE SANITARIO ATTREZZATURE MATERIALI KIT MEDICO TERMOMETRI TERMOFOCUS TERMOMETRI CLINICI PROTEZIONI DPI*: MASCHERINA FACCIALE CATEGORIA 2 GUANTI MONO USO NON STERILI TUTA PROTETTIVA OCCHIALI *LE INDOSSANO I MEDICI, IL PERSONALE TECNICO SANITARIO USMAF CRI IN CASO DI VISITA MEDICA

85 VOLO CON CASO SOSPETTO A BORDO CANALE SANITARIO - PROCEDURE CONSEGNA E RACCOLTA SCHEDA SORVEGLIANZA SANITARIA IT/EN (CONTROLLO DATI DIRETTO E CROCIATO; CONSERVAZIONE DA PARTE DEL PERSONALE DELL USMAF 30 gg. LEGGE PRIVACY) IN CASO DI PRESENZA DI PASSEGGERO SINTOMATICO: APPROCCIO CLINICO ANAMNESTICO DIAGNOSI DIFFERENZIALE IN CASO SOSPETTO INVIO PAZIENTE P.S. A.D.R. LATO AIRSIDE

86 VOLO CON CASO SOSPETTO A BORDO CANALE SANITARIO - PROCEDURE CONTATTO STRETTO CON CASO PROBABILE PASSEGGERI SEDUTI NELLA STESSA FILA DI UN CASO SOSPETTO (CHE PRESENTI STARNUTI E/O TOSSE) O NELLE DUE FILE AVANTI O DIETRO SU VOLI DI ALMENO DI 4 ORE PERSONE CHE HANNO CONTATTI CON VEICOLI CONTAMINATI DA SECREZIONI RESPIRATORIE DEL CASO QUARANTENA DOMICILIARE CON SORVEGLIANZA SANITARIA ATTIVA E CONTROLLO TC 2 VOLTE/DIE PER 7 gg.* A.S.R. - A.S.L. DI RIFERIMENTO CON COMUNICAZIONE ESITO AL MINISTERO SALUTE * EVENTUALE CHEMIOPROFILASSI

87 VOLO CON CASO SOSPETTO A BORDO TRASPORTO PRIMARIO E ISOLAMENTO IN AMBIENTE AEROPORTUALE DALL AEREO O DALL AEROSTAZIONE AL P.S. AEROPORTUALE: (FAR INDOSSARE UNA MASCHERINA CHIRURGICA AL PAZIENTE) STANZA DI ISOLAMENTO P.S. AEROPORTUALE: ASSISTENZA MEDICA AFFIDATA A PERSONALE ADDESTRATO SULLE TECNICHE DI ISOLAMENTO NON SONO AMMESSI VISITATORI IL PAZIENTE NON DEVE LASCIARE PER NESSUN MOTIVO LA STANZA DI ISOLAMENETO

88 VOLO CON CASO SOSPETTO TRASPORTO SECONDARIO TRASPORTO DEDICATO PREVIO CONTATTO I.N.M.I. I.R.C.C.S. L. SPALLANZANI ROMA

89 SCENARIO 2 PAZIENTE DECEDUTO PER SOSPETTA PATOLOGIA INFETTIVA COMUNICATA DAL COM/TE* ATTIVAZIONE PROCEDURA USMAF DECESSO A BORDO PASSEGGERI E PERSONALE DI CABINA INVIATI AL CANALE SANITARIO COMPILAZIONE SCHEDA PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA* E CONSEGNA ALL USMAF A CURA DELLE COMPAGNIE AEREE CONSEGNA GENERAL DECLARATION VISITA DEI CONTATTI STRETTI CON VALUTAZIONE ITER (RICOVERO, QUARANTENA, SORVEGLIANZA) * EVENTUALE PASSEGGERO MEDICO A BORDO

90 SCENARIO 3 PAZIENTE SINTOMATICO PER SOSPETTA INFEZIONE DA PATOLOGIA INFETTIVA CHE SI RIVOLGE AL PERSONALE USMAF OPPURE AL P.S. A.D.R. DOPO L ARRIVO VISITA (ANAMNESI CON DIAGNOSI DIFFERENZIALE) TRASPORTO PRIMARIO P.S. A.D.R. AIR SIDE/LAND SIDE TRASPORTO SECONDARIO DEDICATO I.N.M.I. I.R.C.C.S. L. SPALLANZANI COMPILAZIONE SCHEDA PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA* E CONSEGNA ALL USMAF A CURA DELLE COMPAGNIE AEREE CONSEGNA GENERAL DECLARATION PERSONALE DI CABINA: CONTACT TRACING PROACTIVE PASSEGGERI: CONTACT TRACING REACTIVE

91 CONTACT TRACING REACTIVE COMUNICATI OGNI 5 IN TUTTO L AMBITO AEROPORTUALE E TERMINAL TRENI INFORMAZIONI PER UN TEMPO PARI AL PERIODO DI INCUBAZIONE: HOME PAGE COMPAGNIA AEREA INTERESSATA CON NOTIZIA IN RILIEVO INFORMAZIONI TELEFONICHE USMAF U.T. DI ROMA FIUMICINO H24 HOME PAGE MINISTERO DELLA SALUTE CCM* *WORK IN PROGRESS

92 PREVENZIONE PER IL PERSONALE SANITARIO USO DI DPI ANCHE PER I CASI CON SOLA DIAGNOSI CLINICA CONTROLLO CLINICO E T.C. PER 7 gg. IN CASO DI NON UTILIZZO PROFILASSI ANTIVIRALE PER IL PERSONALE ESPOSTO

93 VOLO CON CASO SOSPETTO A BORDO PROCEDURA DI FINE EMERGENZA DISINFEZIONE: AEROMOBILE AMBULANZA P.S. A.D.R. STANZA DI ISOLAMENTO DEBRIEFING REINTEGRO DPI USATI RELAZIONE DIRETTORE USMAF

94 TRATTAMENTO E SMALTIMENTO RIFIUTI SANITARI A RISCHIO INFETTIVO AUTOCLAVARE IL MATERIALE O TERMODISTRUZIONE

95 OPERATORI AEROPORTUALI PRIMA DEL CANALE SANITARIO PERSONALE BUS INTERPISTA PERSONALE PULIZIE DI BORDO PERSONALE CATERING (DISALLESTIMENTO) PERSONALE ENTI/AMMINISTRAZIONI PER ASSISTENZA PASSEGGERI

96 OPERATORI AEROPORTUALI PREVENZIONE SERVIZIO DI MEDICINA AERONAUTICA COMPAGNIA AEREA A.S.L. MEDICO COMPETENTE DATORE DI LAVORO

97 OPERATORI AEROPORTUALI PRIMA DEL CANALE SANITARIO PREVENZIONE DATORE DI LAVORO: E RESPONSABILE DELL APPLICAZIONE DELLE NORMATIVE VIGENTI IN MATERIA DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO E TUTELA DELLA SALUTE DEI LAVORATORI MONITORARE TIPOLOGIA ATTIVITÀ LAVORATIVA VALUTAZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO INFORMAZIONE FORMAZIONE DEL PERSONALE

98 OPERATORI AEROPORTUALI PRIMA DEL CANALE SANITARIO PREVENZIONE IN ASSENZA DI CONTATTO STRETTO O RAVVICINATO* CON IL CASO SOSPETTO NON E NECESSARIO INDOSSARE DPI *DISTANZA DI 1 METRO (FONTE WHO CLARIFICATION: USE OF MASK BY HEALTH- CARE WORKERS IN PANDEMIC SETTINGS, NOV 2005)

99 OPERATORI AEROPORTUALI DOPO IL CANALE SANITARIO PERSONALE MOVIMENTAZIONE BAGAGLI PERSONALE ARRIVI E TRANSITI RISCHIO PARAGONABILE AL TERRITORIO RISULTATO RAGGIUNTO!

100 Merci? Si, grazie

101 CANALE SANITARIO AEROPORTUALE CARATTERISTICHE CANALE STATICO/DINAMICO SALA/SALE ISOLAMENTO USCITA DEDICATA PER INVIO PAZIENTE IN ISOLAMENTO FLUSSO ONE WAY

102 FLOW CHART CANALE SANITARIO Attesa Controllo Sanitario Uscita Isolamento temporaneo personale sanitario Trasporto protetto in ospedale

103 FLOW CHART ISOLAMENTO Spogliatoio personale pulito Spogliatoio personale sporco Controllo Sanitario servizio igienico Filtro Locale Visita Filtro isolamento corridoio protetto per ambulanza Ambiente separato per isolamento Volumi minimi orari ricambio aria Filtri HEPA No ricircolo

SESSIONE MEDICINA DEL VIAGGIATORE DALL OMS - EWRS AGLI INTERVENTI DEL MINISTERO DELLA SALUTE

SESSIONE MEDICINA DEL VIAGGIATORE DALL OMS - EWRS AGLI INTERVENTI DEL MINISTERO DELLA SALUTE SESSIONE MEDICINA DEL VIAGGIATORE DALL OMS - EWRS AGLI INTERVENTI DEL MINISTERO DELLA SALUTE Dott. Francesco Maraglino* *Dirigente Medico II fascia Direttore USMAF di Roma Fiumicino Dott. Alessandro Lattanzi**

Dettagli

USMAF di Roma Fiumicino Organizzazione e attività 2012

USMAF di Roma Fiumicino Organizzazione e attività 2012 Ministero della Salute Dipartimento della Sanità Pubblica e dell Innovazione Direzione Generale Prevenzione USMAF di Roma Fiumicino Organizzazione e attività 2012 DR. FRANCESCO MARAGLINO DIRIGENTE MEDICO

Dettagli

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA DEGLI OPERATORI

Dettagli

Il nuovo Regolamento Sanitario Internazionale e le emergenze sanitarie

Il nuovo Regolamento Sanitario Internazionale e le emergenze sanitarie Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria CCM Azienda Sanitaria 3 Genovese La preparazione e la gestione della risposta alle emergenze sanitarie Genova, 12-13 dicembre 2006 Il nuovo Regolamento Sanitario

Dettagli

IL PIANO PANDEMICO REGIONALE

IL PIANO PANDEMICO REGIONALE REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI SETTORE, IGIENE E SANITA PUBBLICA IL PIANO PANDEMICO REGIONALE dr.ssa Paola Oreste - dr. Roberto Carloni - dr.ssa Ilaria Cremonesi Misure Misure adottate

Dettagli

Il protocollo centrale per la gestione dei casi e dei contatti sul territorio nazionale

Il protocollo centrale per la gestione dei casi e dei contatti sul territorio nazionale Il protocollo centrale per la gestione dei casi e dei contatti sul territorio nazionale Maria Grazia Pompa Ministero della Salute Loredana Vellucci Ministero della Salute Il protocollo centrale per la

Dettagli

Direttive ministeriali Flussi di comunicazione e notifica al Ministero della Salute

Direttive ministeriali Flussi di comunicazione e notifica al Ministero della Salute Istituto Nazionale per le Malattie Infettive L. Spallanzani IRCCS Via Portuense, 292-00149 ROMA Corso di formazione per formatori sulla malattia da virus Ebola per i medici dei servizi di Pronto Soccorso

Dettagli

Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive

Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive ALLEGATO 1 Direzione Sanità Assessorato alla Tutela della Salute e Sanità Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI E STRUTTURA DEL

Dettagli

Organizzazione USMAF nei POE S Sicilia e criticità Cecina 26 maggio 2015

Organizzazione USMAF nei POE S Sicilia e criticità Cecina 26 maggio 2015 Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria USMAF Catania Organizzazione USMAF nei POE S Sicilia e criticità Cecina 26 maggio 2015 Dott. CLAUDIO PULVIRENTI MINISTERO DELLA SALUTE Responsabile UFFICIO

Dettagli

Nascita ed evoluzione del Regolamento Sanitario Internazionale

Nascita ed evoluzione del Regolamento Sanitario Internazionale MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE DELLA PREVENZIONE SANITARIA Il Regolamento Sanitario Internazionale RSI dell OMS e ricadute operative sulle Regioni e sulle ASL Firenze 26-27 marzo 2015 Nascita ed evoluzione

Dettagli

Prefettura di Venezia

Prefettura di Venezia PROTOCOLLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE SANITARIE PER MALATTIE INFETTIVE PRESSO L AEROPORTO DI VENEZIA. Premessa Fermo restando gli obblighi dei datori di lavoro di cui al D. Lgs 81/2008 e s.m.i., nonché

Dettagli

Nell allegato (all.1) si riportano alcune informazioni di base relative alla malattia ed alla epidemia in corso.

Nell allegato (all.1) si riportano alcune informazioni di base relative alla malattia ed alla epidemia in corso. NOTA OPERATIVA GORES : indicazioni per la sorveglianza e gestione nel territorio regionale di eventuali casi sospetti di malattia da Virus Ebola (MVE) collegati con l epidemia in Africa Occidentale L epidemia

Dettagli

Revisione del Regolamento Sanitario Internazionale

Revisione del Regolamento Sanitario Internazionale CINQUANTOTTESIMA ASSEMBLEA MONDIALE DELLA SANITA - WHA 58.3 Punto 13.1 dell ordine del giorno 23 Maggio 2005 Revisione del Regolamento Sanitario Internazionale La cinquantottesima Assemblea Mondiale della

Dettagli

Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi

Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi _NICOLA COMODO Dipartimento di Sanità Pubblica Università degli Studi di Firenze L IL RUOLO DELLA SANITA PUBBLICA NELLE GRAVI EMERGENZE LA SORVEGLIANZA

Dettagli

U.O. SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DIRETTORE

U.O. SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DIRETTORE RISCHIO BIOLOGICO Gestione Aziendale di caso di influenza da virus A/H1N1 percorso di biosicurezza PIACENZA 4 16 Settembre 2009 U.O. SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE D.Lgs 81/08 Titolo X DIRETTORE

Dettagli

GLI UFFICI PERIFERICI DEL MINISTERO DELLA SALUTE PIF UVAC USMAF

GLI UFFICI PERIFERICI DEL MINISTERO DELLA SALUTE PIF UVAC USMAF 2^ EDIZIONE WORKSHOP LE RAGIONI DELLA DIRIGENZA SANITARIA NEL MINISTERO DELLA SALUTE ROMA, 17 APRILE 2013 GLI UFFICI PERIFERICI DEL MINISTERO DELLA SALUTE PIF UVAC USMAF Paola Broccolo, Donatella Cambiaghi,

Dettagli

PERCORSI PRE TRIAGE E TRIAGE NEL DEU

PERCORSI PRE TRIAGE E TRIAGE NEL DEU PERCORSI PRE TRIAGE E TRIAGE NEL DEU Cagliari, 21 Dicembre 2009 Medicina e Chirurgia d Urgenza e Accettazione P.O SS. Trinità Coordinatore Infermieristico Ilenia Piras 1 MASS MEDIA E INFORMAZIONE 2 OMS

Dettagli

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E MEDICINA GENERALE L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E MEDICINA GENERALE L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA MEDICINA GENERALE CORSO DI FORMAZIONE A DISTANZA IL TRIAGE TELEFONICO LA GESTIONE

Dettagli

5. Istruzione operativa. IOP 21 Gestione della chiamata per utenti a possibile contatto con virus Ebola Rev. 2 del 02.09.

5. Istruzione operativa. IOP 21 Gestione della chiamata per utenti a possibile contatto con virus Ebola Rev. 2 del 02.09. HEPA = High Efficiency Particulate Air MSA/B/I = Mezzo di Soccorso Avanzato/di Base/Intermedio MVE = Malattia da Virus Ebola SOREU = Sala Operativa Regionale Emergenza Urgenza UO = Unità Operativa 5. Istruzione

Dettagli

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E MEDICINA GENERALE L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E MEDICINA GENERALE L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA MEDICINA GENERALE CORSO DI FORMAZIONE A DISTANZA I CRITERI PER LA CLASSIFICAZIONE

Dettagli

Informativa sull influenza A/H1N1

Informativa sull influenza A/H1N1 Informativa sull influenza A/H1N1 Indicazioni per il personale aziendale per ridurre il rischio di diffusione della malattia Indicazioni per i Responsabili di Sede per ridurre il rischio di diffusione

Dettagli

Lettura critica dei Piani Pandemici di alcune ASL lombarde

Lettura critica dei Piani Pandemici di alcune ASL lombarde Lettura critica dei Piani Pandemici di alcune ASL lombarde Dott. Marco Gaietta Specializzando in Igiene e Medicina Preventiva Università degli Studi di Milano Obiettivo dello studio Valutare la corrispondenza

Dettagli

Infezioni emergenti: percorsi dei pazienti e sicurezza degli operatori

Infezioni emergenti: percorsi dei pazienti e sicurezza degli operatori Infezioni emergenti: percorsi dei pazienti e sicurezza degli operatori Organizzazione del percorso all interno dell A.O. di Alessandria Anna Fagiani Congresso Nazionale AcEMC 6-7-8 Maggio 2015 Infezioni

Dettagli

OGGETTO : Sindrome Respiratoria Acuta: indicazioni per le collettività scolastiche.

OGGETTO : Sindrome Respiratoria Acuta: indicazioni per le collettività scolastiche. Via Pietro Micca, 20 10122 Torino tel. 011/5163611 e-mail: dirreg@scuole.piemonte.it Prot. nr. 3888/p a36 Circ. Reg. nr. 125 Torino, 30 aprile 2003 Ai Dirigenti degli Istituti di ogni ordine e grado statali

Dettagli

Formazione Coordinatori RSA Trento 08 giugno 2010. Stoccaggio, conservazione e trasporto di campioni biologici

Formazione Coordinatori RSA Trento 08 giugno 2010. Stoccaggio, conservazione e trasporto di campioni biologici Formazione Coordinatori RSA Trento 08 giugno 2010 dr. Ruggero Carminati, dott.ssa Monica Bonenti Stoccaggio, conservazione e trasporto di campioni biologici Manipolazione sicura Integrità dei contenitori

Dettagli

DPI Rischio Virus Ebola

DPI Rischio Virus Ebola S.U.E.S.118 Ct-Rg-Sr Direttore Responsabile:Dott.ssa I.Bartoli DPI Rischio Virus Ebola L OMS prescrive, i DPI che devono essere utilizzati in caso di soccorso ad un soggetto potenziale affetto da Ebola

Dettagli

IL SISTEMA DEI CONTROLLI PER LA SICUREZZA

IL SISTEMA DEI CONTROLLI PER LA SICUREZZA IL SISTEMA DEI CONTROLLI PER LA SICUREZZA 1. LA SICUREZZA DEGLI AEROMOBILI E DEGLI OPERATORI AEREI - La sicurezza delle operazioni dei vettori aerei e dei loro aeromobili è garantita da un complesso di

Dettagli

PROTOCOLLI CRI PER AUTOPROTEZIONE dei VOLONTARI

PROTOCOLLI CRI PER AUTOPROTEZIONE dei VOLONTARI PROTOCOLLI CRI PER AUTOPROTEZIONE dei VOLONTARI Ulrico Angeloni Croce Rossa Italiana Direttore Sanitario Nazionale Ulrico.angeloni@cri.it Antonella Fabiano Croce Rossa Italiana Direttore Sanitario Sicilia

Dettagli

Il Regolamento Sanitario Internazionale - RSI 2005

Il Regolamento Sanitario Internazionale - RSI 2005 Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria CCM Il Regolamento Sanitario Internazionale - RSI 2005 Ufficio III Coordinamento USMAF Indice della presentazione Cenni di Organizzazione Sanitaria Internazionale

Dettagli

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 GLI AEROPORTI Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 GLI AEROPORTI Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 GLI AEROPORTI Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Introduzione L aeroporto costituisce un elemento di fondamentale importanza in quanto nodo

Dettagli

TRASPORTO DEL SANGUE E DEI CAMPIONI BIOLOGICI MEDIANTE CONTENITORI IDONEI

TRASPORTO DEL SANGUE E DEI CAMPIONI BIOLOGICI MEDIANTE CONTENITORI IDONEI TRASPORTO DEL SANGUE E DEI CAMPIONI BIOLOGICI MEDIANTE Via San Carlo, 13 Arluno (Milano) 4 marzo 2014 2 Introduzione Le attività connesse con la spedizione ed il trasporto di sostanze infettive o potenzialmente

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO. SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale

RISCHIO BIOLOGICO. SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale RISCHIO BIOLOGICO SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale RISCHIO BIOLOGICO SIGNIFICATO: Inizialmente il rischio Biologico era inteso come la possibilità di contrarre un infezione

Dettagli

GESTIONE IN SICUREZZA: ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI

GESTIONE IN SICUREZZA: ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI Pag. 1/5 SOMMARIO 1. OGGETTO E SCOPO... 2 2. CAMPO E LUOGO DI APPLICAZIONE... 2 3. RESPONSABILITÀ... 2 3.1. Responsabilità di applicazione... 2 3.2. Responsabilità di redazione... 2 3.3. Responsabilità

Dettagli

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Paola Tomao ISPESL-Paola Tomao 1 Manipolazione sicura Integrità dei contenitori per i campioni biologici (provette, capsule petri, contenitori

Dettagli

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Manipolazione sicura Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Paola Tomao ISPESL-Paola Tomao 1 Integrità dei contenitori per i campioni biologici (provette, capsule petri, contenitori

Dettagli

Reparto Sanità Pubblica CRI-biocontenimento, collaborazioni e nuove sperimentazioni. Una idea esportabile.

Reparto Sanità Pubblica CRI-biocontenimento, collaborazioni e nuove sperimentazioni. Una idea esportabile. Reparto Sanità Pubblica CRI-biocontenimento, collaborazioni e nuove sperimentazioni. Una idea esportabile. CORSO SU PROTOCOLLI E PROTEZIONE BIOLOGICA 7 Ottobre 2015 Base Logistica Esercito Italiano CECINA

Dettagli

Il Rischio Biologico Relatore Dr. Mattia Gargano Cosa è il Rischio Biologico? E la possibilità di contrarre durante l espletamento della propria attività lavorativa: INFEZIONI (penetrazione e la moltiplicazione

Dettagli

strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico

strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico Corso per Direttori Sanitari di strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico ORDINE PROVINCIALE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI MODENA 8 MAGGIO 2007 Dr

Dettagli

Malattia da virus Ebola

Malattia da virus Ebola Malattia da virus Ebola Dipartimento della sanità e della socialità Divisione della salute pubblica Giorgio Merlani - Medico cantonale Sommario Malattia da virus Ebola Situazione sul fronte internazionale

Dettagli

LINEE GUIDA NAZIONALI PER LA PREVENZIONE DELLA LEGIONELLOSI

LINEE GUIDA NAZIONALI PER LA PREVENZIONE DELLA LEGIONELLOSI LINEE GUIDA NAZIONALI PER LA PREVENZIONE DELLA LEGIONELLOSI Maria Cristina Rota Istituto Superiore di Sanita Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute LINEE GUIDA In Italia,

Dettagli

Rischio Biologico: la prevenzione per il personale della Marina Militare

Rischio Biologico: la prevenzione per il personale della Marina Militare Rischio Biologico: la prevenzione per il personale della Marina Militare C.A. (SAN) Gennaro BANCHINI Capo del 1 Ufficio Studi e Dottrina Ispettorato di Sanità M.M. RISCHIO BIOLOGICO: LA PREVENZIONE RISCHIO

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO Segnalazione e gestione di eventuali casi sospetti di Malattia da Virus Ebola (MVE) Rev.2 del 16.10.2014

PROTOCOLLO OPERATIVO Segnalazione e gestione di eventuali casi sospetti di Malattia da Virus Ebola (MVE) Rev.2 del 16.10.2014 PROTOCOLLO OPERATIVO Segnalazione e gestione di eventuali casi sospetti di Malattia da Virus Ebola (MVE) Rev.2 del 16.10.2014 Con nota n. 365516 del 1/09/2014 la Regione del Veneto ha diffuso il Protocollo

Dettagli

- dgprev@postacert.sanita.it - segr.dgprev@sanita.it - malinf@sanita.it - l.vellucci@sanita.it - m.pompa@sanita.it.

- dgprev@postacert.sanita.it - segr.dgprev@sanita.it - malinf@sanita.it - l.vellucci@sanita.it - m.pompa@sanita.it. PROCEDURA STANDARD PER L EFFETTUAZIONE DI CONTROLLI SANITARI SU OPERATORI DI ORGANIZZAZIONI NON GOVERNATIVE (ONG) PROVENIENTI DA PAESI AFFETTI DA MALATTIA DA VIRUS EBOLA (MVE) Le ONG, con almeno 48 ore

Dettagli

I Livelli Essenziali di Assistenza per la Prevenzione e la Sanità Pubblica. Renato Pizzuti SANIT Roma, 25 giugno 2008

I Livelli Essenziali di Assistenza per la Prevenzione e la Sanità Pubblica. Renato Pizzuti SANIT Roma, 25 giugno 2008 I Livelli Essenziali di Assistenza per la Prevenzione e la Sanità Pubblica Renato Pizzuti SANIT Roma, 25 giugno 2008 1 Questa presentazione Informazioni sui LEA Processo di revisione Risultati Punti di

Dettagli

La Croce Rossa Italiana Reparto di Sanità Pubblica: sperimentazione di un modello nelle maxi emergenze

La Croce Rossa Italiana Reparto di Sanità Pubblica: sperimentazione di un modello nelle maxi emergenze La Croce Rossa Italiana Reparto di Sanità Pubblica: sperimentazione di un modello nelle maxi emergenze Direzione Generale della Prevenzione Piano Formazione USMAF Corso per funzionario di turno e collegamento

Dettagli

Piano di Gestione delle Emergenze USMAF Genova

Piano di Gestione delle Emergenze USMAF Genova USMAF Piano di Gestione delle Emergenze USMAF Genova Genova 12-13 Dicembre 2006 massimo lobrano Uffici di sanità Marittima Aerea e di Frontiera - USMAF Sono strutture direttamente dipendenti dal Ministero

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 0004776-19/02/2016-DGPRE-COD_UO-P Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA A UFFICIO V MALATTIE INFETTIVE E PROFILASSI INTERNAZIONALE UFFICIO III COORDINAMENTO USMAF -SASN

Dettagli

E almeno uno dei seguenti sintomi:

E almeno uno dei seguenti sintomi: In relazione al verificarsi di epidemie da Virus Ebola presso gli Stati Africani, la nostra Azienda Ospedaliera ritiene opportuno informare i cittadini sulle procedure operative messe in atto per la gestione

Dettagli

AREA SANITÁ PUBBLICA VETERINARIA DIPARTIMENTO SANITÁ PUBBLICA

AREA SANITÁ PUBBLICA VETERINARIA DIPARTIMENTO SANITÁ PUBBLICA AREA SANITÁ PUBBLICA VETERINARIA DIPARTIMENTO SANITÁ PUBBLICA 1/7 Premessa Il Dipartimento di Sanità Pubblica dell Azienda USL di Bologna ha la finalità di prevenire le malattie, promuovere, proteggere

Dettagli

OGGETTO: aggiornamenti e comunicazioni sulla gestione dei casi di sospetta / probabile sindrome influenzale da virus a/h1n1 sul territorio.

OGGETTO: aggiornamenti e comunicazioni sulla gestione dei casi di sospetta / probabile sindrome influenzale da virus a/h1n1 sul territorio. Direzione Sanità Settore Promozione della Salute e Interventi di Prevenzione Individuale e Collettiva sanita.pubblica@regione.piemonte.it Data: 8 maggio 2009 Protocollo n. 16964 /DB.2001 - Ai Sigg. Direttori

Dettagli

La gestione delle emergenze infettive: analisi e proposte

La gestione delle emergenze infettive: analisi e proposte La gestione delle emergenze infettive: analisi e proposte F R A N C E S C A R U S S O S E T T O R E P R O M O Z I O N E E S V I L U P P O I G I E N E E S A N I T À P U B B L I C A S E Z I O N E A T T U

Dettagli

Dip. Lab. T.C.B.1 CODICE PROCEDURA SANITARIA PROVINCIALE PALERMO. Data 26 settembre 2011 Pagina 1 di 7

Dip. Lab. T.C.B.1 CODICE PROCEDURA SANITARIA PROVINCIALE PALERMO. Data 26 settembre 2011 Pagina 1 di 7 Data 26 settembre 2011 Pagina 1 di 7 Redatta da: Ufficio Qualità Laboratori Struttura proponente. DIPARTIMENTO DIAGNOSTICA DI LABORATORIO Dr.ssa Ada Palma Firma Dott.ssa Teresa Barone Firma 1 Data 26 settembre

Dettagli

LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO

LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO 1 Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium nei polli da carne della specie Gallus gallus LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO Con il presente documento si intende fornire una

Dettagli

Esposizione ad agenti biologici

Esposizione ad agenti biologici Esposizione ad agenti biologici Il Titolo X corrisponde al Titolo VIII del D.Lgs. 626/94 di attuazione della direttiva 90/679/CEE, relativa alla protezione di lavoratori contro i rischi derivanti dall

Dettagli

D I R I T T I E T A R I F F E

D I R I T T I E T A R I F F E DIRITTI E TARIFFE Edizione Dicembre 2013 DEFINIZIONE DEI TERMINI Definizione dei termini Società il soggetto cui spetta l esecuzione delle operazioni aeroportuali. Vettore la persona giuridica che svolge

Dettagli

A.O. Ospedale San Carlo Borromeo

A.O. Ospedale San Carlo Borromeo Pre -Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenze Servizio di Prevenzione e Protezione Servizio di assistenza infermieristica, tecnica di supporto e dei servizi alberghieri c/o le comunità riabilitative

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento della sanità pubblica e dell innovazione Direzione generale della Prevenzione Ufficio III Dati Attività USMAF - 2013 gennaio 2014 DATI ATTIVITA USMAF ANNO 2013 In linea

Dettagli

.~U.~k1c_g~A7M.dtfj,:%',%d8 6.r:k~'.f!J!dt:c4.ijIf;iad

.~U.~k1c_g~A7M.dtfj,:%',%d8 6.r:k~'.f!J!dt:c4.ijIf;iad ,'- - -~~_._,--~ -_... ~-------;~-----'--'-'~-~_._' --- - - - -), Minislero della Salule 0009028-P-30/03/2009 ( DGSAN, " " \....... _--_._---._.~" '._-"-'.., I -.~U.~k1c_g~A7M.dtfj,:%',%d8 6.r:k~'.f!J!dt:c4.ijIf;iad

Dettagli

La filiera del latte

La filiera del latte La filiera del latte 1 Reg. 178/2002 Responsabilità spetta AGLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE garantire che nelle imprese da essi controllate gli alimenti soddisfino le disposizioni della legislazione

Dettagli

Influenza suina: l influenza A (H1N1)

Influenza suina: l influenza A (H1N1) . Influenza suina: l influenza A (H1N1) Il virus: lui chi è Ad aprile si sono registrati in Messico casi di infezione nell uomo da nuovo virus influenzale di tipo A (H1N1), precedentemente identificato

Dettagli

Sono di importanza fondamentale:

Sono di importanza fondamentale: La Pandemia influenzale H1N1 2009 Misure di protezione per operatori sanitari Paola Bertoli - Resp. Servizio Prevenzione Protezione Azienda USL di Parma Sono di importanza fondamentale: 1) Per tutta la

Dettagli

Giunta Regionale della Campania. Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 22 del 15 maggio 2006

Giunta Regionale della Campania. Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 22 del 15 maggio 2006 Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 22 del 15 maggio 2006 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 19 aprile 2006 - Deliberazione N. 459 - Area Generale di Coordinamento N. 20 - Assistenza

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica parte 2/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica parte 2/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica GLI AEROPORTI parte 2/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Airside: classificazione degli aeroporti Gli aeroporti sono classificati in diversi modi.

Dettagli

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE 118 CENTRALE OPERATIVA: RICHIESTA DI SOCCORSO

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE 118 CENTRALE OPERATIVA: RICHIESTA DI SOCCORSO MALATTIA DA VIRUS EBOLA SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE 118 FINALITA Identificare casi sospetti/probabili di malattia da virus Ebola durante l intervista telefonica; Adottare speciali precauzioni

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE USMAF 2015 CORSO DI SANITA MARITTIMA ED AEREA E ATTIVITA DI POLIZIA SANITARIA

PIANO DI FORMAZIONE USMAF 2015 CORSO DI SANITA MARITTIMA ED AEREA E ATTIVITA DI POLIZIA SANITARIA Ministero della Salute Direzione Generale Prevenzione Sanitaria CCM PIANO DI FORMAZIONE USMAF 2015 CORSO DI SANITA MARITTIMA ED AEREA E ATTIVITA DI POLIZIA SANITARIA ATTIVITA DI VIGILANZA SU AEREOMOBILI:

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL TRASPORTO DI ACQUE POTABILI MEDIANTE AUTOBOTTI

LINEE GUIDA PER IL TRASPORTO DI ACQUE POTABILI MEDIANTE AUTOBOTTI ASL 7 Carbonia Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione PG/2010/ Iglesias, LINEE GUIDA PER IL TRASPORTO DI ACQUE POTABILI MEDIANTE AUTOBOTTI Obiettivi Scopo di queste linee guida

Dettagli

LORO SEDI. Oggetto: Epidemia di Influenza da virus A/H1N1. Prime indicazioni operative

LORO SEDI. Oggetto: Epidemia di Influenza da virus A/H1N1. Prime indicazioni operative All Istituto Superiore di Sanità - Malattie infettive, parassitarie ed immunomediate - Centro Nazionale Epidemiologia Sorveglianza e Promozione della Salute LORO SEDI Oggetto: Epidemia di Influenza da

Dettagli

LEGIONELLA. La normativa a tutela dei lavoratori e della salute pubblica.

LEGIONELLA. La normativa a tutela dei lavoratori e della salute pubblica. LEGIONELLA La normativa a tutela dei lavoratori e della salute pubblica. Le legionelle sono batteri aerobi ampiamente diffusi in natura, dove si trovano principalmente associati alla presenza di acqua.

Dettagli

Prevenzione generale delle malattie infettive

Prevenzione generale delle malattie infettive Prevenzione generale delle malattie infettive la sorveglianza epidemiologica l indagine epidemiologica isolamento e contumacia disinfezione e sterilizzazione Sorveglianza epidemiologica: definizione La

Dettagli

PRECAUZIONI DA ADOTTARE NELLA GESTIONE DEI CASI DI INFLUENZA DA VIRUS A (H1N1)v

PRECAUZIONI DA ADOTTARE NELLA GESTIONE DEI CASI DI INFLUENZA DA VIRUS A (H1N1)v PRECAUZIONI DA ADOTTARE NELLA GESTIONE DEI CASI DI INFLUENZA DA VIRUS A (H1N1)v Cesena, 12 settembre 2009 Direzione Infermieristica e Tecnica Paola Ceccarelli PRECAUZIONI DA ADOTTARE Popolazione: misure

Dettagli

Ente Nazionale per l'aviazione Civile. Oggetto: Qualificazione e formazione degli istruttori della sicurezza dell Aviazione Civile.

Ente Nazionale per l'aviazione Civile. Oggetto: Qualificazione e formazione degli istruttori della sicurezza dell Aviazione Civile. Ente Nazionale per l'aviazione Civile CIRCOLARE SERIE SECURITY Data 7/10/2004 SEC-01 Oggetto: Qualificazione e formazione degli istruttori della sicurezza dell Aviazione Civile. 1. PREMESSA Alcuni approfondimenti,

Dettagli

LA COMMISSIONE MENSA Un occhio attento sul servizio di ristorazione. Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino

LA COMMISSIONE MENSA Un occhio attento sul servizio di ristorazione. Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino LA COMMISSIONE MENSA Un occhio attento sul servizio di ristorazione Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO Essere di ausilio alla

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE AD ESCLUSIVO USO D UFFICIO MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO III DOCUMENTO DI PIANIFICAZIONE CENTRALE PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE INTERESSANTI GLI USMAF

Dettagli

Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica ESEMPIO STAMPA. Edizione Descrizione Data

Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica ESEMPIO STAMPA. Edizione Descrizione Data Manuale H.A.C.C.P (ai sensi del Reg. CE 852/2004) Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica LOGO AZIENDALE AZIENDA ESEMPIO Indirizzo: Via, 8

Dettagli

Corso per alimentaristi

Corso per alimentaristi Il tema della sicurezza alimentare riveste un ruolo di primaria importanza all interno della vita di ogni consumatore. La legislazione alimentare, fondamentale per assicurare un equo agire della autorità,

Dettagli

OBIETTIVO LEGIONELLA: PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI, STRATEGIE DI MANUTENZIONE, DI CONTROLLO E DI BONIFICA

OBIETTIVO LEGIONELLA: PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI, STRATEGIE DI MANUTENZIONE, DI CONTROLLO E DI BONIFICA OBIETTIVO LEGIONELLA: PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI, STRATEGIE DI MANUTENZIONE, DI CONTROLLO E DI BONIFICA Mercoledì 13 novembre 2013 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma RISCHIO LEGIONELLA AUTOCONTROLLO

Dettagli

ELABORAZIONE Fanton C,, Bonfanti M. Data: 27/06/2003. Dott. ssa M.T. Sensale

ELABORAZIONE Fanton C,, Bonfanti M. Data: 27/06/2003. Dott. ssa M.T. Sensale RACCOMANDAZIONI PER LA SICUREZZA DEL TRASPORTO DI MATERIALI INFETTIVI E DI I.O.1/Ds Pag. 1 di Pag. 6 TIPO DI DOCUMENTO ISTRUZIONE OPERATIVA ELABORAZIONE Fanton C,, Bonfanti M. Data: 27/06/2003 INDICE 1.

Dettagli

Centro di Medicina Preventiva e assistenza sanitaria Dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie Infettive VACCINATION MONTH

Centro di Medicina Preventiva e assistenza sanitaria Dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie Infettive VACCINATION MONTH Centro di Medicina Preventiva e assistenza sanitaria Dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie Infettive VACCINATION MONTH INFLUENZA Malattia respiratoria acuta causata da un virus appartenente agli

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PER IL TRASPORTO DI MATERIALE BIOLOGICO

RACCOMANDAZIONI PER IL TRASPORTO DI MATERIALE BIOLOGICO Pag. 1/13 RACCOMANDAZIONI PER IL TRASPORTO DI MATERIALE BIOLOGICO File Rev. 02 Revisione Stefania Bertoldo Servizio Prevenzione Protezione Paolo Ronconi Direzione Medica Ospedaliera Data applicazione 10/09/13

Dettagli

Contesto operativo aeroportuale Conformità delle infrastrutture e procedure operative alle norme tecniche ed alle norme di Sicurezza

Contesto operativo aeroportuale Conformità delle infrastrutture e procedure operative alle norme tecniche ed alle norme di Sicurezza Contesto operativo aeroportuale Conformità delle infrastrutture e procedure operative alle norme tecniche ed alle norme di Sicurezza SOGAER AEROPORTO di CAGLIARI - ELMAS Ing. Mario Orrù Direttore Infrastrutture

Dettagli

Autocontrollo e Sicurezza Alimentare. Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005

Autocontrollo e Sicurezza Alimentare. Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005 Autocontrollo e Sicurezza Alimentare Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005 SOMMARIO Lo scenario attuale della legislazione alimentare igienico sanitaria DL 155/97: Autocontrollo e sicurezza alimentare

Dettagli

Aspetti preventivi clinici e gestionali della malattia da virus Ebola. Definizione di contatto e sua gestione Toni Francesco

Aspetti preventivi clinici e gestionali della malattia da virus Ebola. Definizione di contatto e sua gestione Toni Francesco Aspetti preventivi clinici e gestionali della malattia da virus Ebola Definizione di contatto e sua gestione Toni Francesco 15 Novembre 2014 Migranti che arrivano con gli sbarchi via mare 1- La grande

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute ALLEGATO A Ministero della Salute Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie PROGRAMMA 2013 1 Programma 2013 1. Premessa Il Centro nazionale per la prevenzione e il controllo delle

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H. Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317

AZIENDA USL ROMA H. Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317 VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 FARMACIE ATTIVITA : Reg. n DATI IDENTIFICATIVI : DITTA RAGIONE

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PER IL TRASPORTO DI MATERIALE BIOLOGICO

RACCOMANDAZIONI PER IL TRASPORTO DI MATERIALE BIOLOGICO Pag. 1/13 RACCOMANDAZIONI PER IL TRASPORTO DI MATERIALE BIOLOGICO File Rev. 01 Redazione Stefania Bertoldo Servizio Prevenzione Protezione Maria Teresa Ferrari Dirigenza Medica Ospedaliera Giovanni Marchi

Dettagli

DALLA PRODUZIONE AL CONSUMO

DALLA PRODUZIONE AL CONSUMO 1 IGIENE DEGLI ALIMENTI E DELL ALIMENTAZIONE: DALLA PRODUZIONE AL CONSUMO Il ruolo dell Università ità Prof.ssa Maria Triassi Dipartimento di Igiene e Medicina Preventiva Università degli Studi di Napoli

Dettagli

Capitolato Tecnico d Appalto

Capitolato Tecnico d Appalto Capitolato Tecnico d Appalto Appalto per l affidamento del servizio di assistenza passeggeri a ridotta mobilità presso l Aeroporto di Pisa G.Galilei Art. 1 Oggetto del Capitolato Tecnico Il presente capitolato

Dettagli

A cura di: Direzione Sanitaria Aziendale Direzione Medica di Polo Ospedaliero Comitato Infezioni Ospedaliere (C.I.O.)

A cura di: Direzione Sanitaria Aziendale Direzione Medica di Polo Ospedaliero Comitato Infezioni Ospedaliere (C.I.O.) A cura di: Direzione Sanitaria Aziendale Direzione Medica di Polo Ospedaliero Comitato Infezioni Ospedaliere (C.I.O.) Si espongono, per opportuna conoscenza, gli ultimi aggiornamenti disponibili al 12/10/2014

Dettagli

Massimo Lobrano. Dirigente medico spec. in Igiene e Medicina Preventiva Direttore degli Uffici di Sanità Marittima Aerea e di Frontiera della Liguria

Massimo Lobrano. Dirigente medico spec. in Igiene e Medicina Preventiva Direttore degli Uffici di Sanità Marittima Aerea e di Frontiera della Liguria INFLUENZA A H1N1 Tra Dubbi e Certezze Istruzioni per l Uso Le navi da crociera possono essere un valido isolamento degli infetti in fase pandemica iniziale? Massimo Lobrano Dirigente medico spec. in Igiene

Dettagli

RICERCA E SORVEGLIANZA CONTATTI TBC

RICERCA E SORVEGLIANZA CONTATTI TBC ESERCITAZIONE DI SANITA PUBBLICA Hotel Eur Suite Roma 15 16 Settembre 2011 RICERCA E SORVEGLIANZA CONTATTI TBC Stefano Marro Ufficio V -Malattie Infettive Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria

Dettagli

Raccomandazioni per l addestramento del personale sanitario alla gestione dei casi sospetti di MVE.

Raccomandazioni per l addestramento del personale sanitario alla gestione dei casi sospetti di MVE. Raccomandazioni per l addestramento del personale sanitario alla gestione dei casi sospetti di MVE. In seguito alla ricognizione effettuata dal SeREMI dell ASL AL si è potuto constatare come in tutte le

Dettagli

Procedura accesso, circolazione, sosta mezzi ed attrezzature in air side Aeroporto di Crotone

Procedura accesso, circolazione, sosta mezzi ed attrezzature in air side Aeroporto di Crotone Procedura accesso, circolazione, sosta mezzi ed attrezzature in air side Aeroporto di Crotone 1. Descrizione e scopo La presente procedura disciplina le modalità di accesso, circolazione e sosta di mezzi

Dettagli

In breve gli OBIETTIVI GENERALI del progetto LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA sono:

In breve gli OBIETTIVI GENERALI del progetto LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA sono: CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA 2014 Settore di intervento del progetto: a) Tutela dei diritti sociali e di cittadinanza delle persone, anche mediante la

Dettagli

Manuale di BUONE PRASSI in MATERIA Di BIOSICUREZZA per il controllo della diffusione delle malattie negli impianti d acquacoltura

Manuale di BUONE PRASSI in MATERIA Di BIOSICUREZZA per il controllo della diffusione delle malattie negli impianti d acquacoltura Manuale di BUONE PRASSI in MATERIA Di BIOSICUREZZA per il controllo della diffusione delle malattie negli impianti d acquacoltura INTRODUZIONE Il manuale di buona prassi igienica costituisce uno strumento

Dettagli

COMPITI DEI DIRIGENTI, DEI PREPOSTI E DEI LAVORATORI

COMPITI DEI DIRIGENTI, DEI PREPOSTI E DEI LAVORATORI GRUPPO DI RIFERIMENTO PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO COMPITI DEI DIRIGENTI, DEI PREPOSTI E DEI LAVORATORI REV. DATA 0 8.03.2011 1 24.06.2013 2 3 IL REFERENTE DEL GRUPPO Ing. Alessandro Selbmann

Dettagli

Ospedaliero e sale operatorie

Ospedaliero e sale operatorie Settore Ospedaliero e sale operatorie CONTROLL0 TECNOLOGICO DELLA CONTAMINAZIONE OSPEDALIERO E SALE OPERATORIE Valutazione dei rischi Gli ospedali fanno sempre più notizia. La stampa se ne occupa quotidianamente,

Dettagli

TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE

TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE CURRICULUM VITAE Informazioni personali Cognome e Nome ONOFARO FILIPPINA Data di nascita 15/09/1961 Qualifica MED.S.S.EX9-117TP Disciplina Medicina Matricola 36173 Incarico attuale Dirigente U.O.S.D. ALPI

Dettagli

Come e quando fare i test. Antonino Di Caro INMI

Come e quando fare i test. Antonino Di Caro INMI Come e quando fare i test Antonino Di Caro INMI Come e quando fare il test Antonino Di Caro, antonino.dicaro@inmi.it Maria Rosaria Capobianchi, maria.capobianchi@inmi.it Concetta Castilletti, concetta.castilletti@inmi.it

Dettagli

SCTA 00 PROCEDURA SCTA. DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome. DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome. DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome

SCTA 00 PROCEDURA SCTA. DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome. DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome. DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome Pagina 1 di 9 Documento Codice documento SCTA 00 DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome Pagina 2 di 9 1. Generalità... 3 1.1 Scopo

Dettagli

BIOSICUREZZA IN ALLEVAMENTI SUINI

BIOSICUREZZA IN ALLEVAMENTI SUINI CASTELNUOVO RANGONE (MO) 12-13 maggio 2010 FORLI 3-4 giugno 2010 BIOSICUREZZA IN ALLEVAMENTI SUINI Silvano Natalini Servizio Veterinario e Igiene Alimenti MOTIVAZIONI E OBIETTIVI DELL INIZIATIVA FORMATIVA

Dettagli