PIANO DI FORMAZIONE USMAF 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DI FORMAZIONE USMAF 2012"

Transcript

1 Ministero della Salute Dipartimento della Sanità Pubblica e dell Innovazione Direzione Generale Prevenzione CCM PIANO DI FORMAZIONE USMAF 2012 VIGILANZA SANITARIA E TRAFFICO AERONAUTICO UFFICI DI SANITA MARITTIMA AEREA E DI FRONTIERA (USMAF) DEL MINISTERO DELLA SALUTE DR. FRANCESCO MARAGLINO DIRIGENTE MEDICO II FASCIA DIRETTORE USMAF ROMA FIUMICINO Dr.ssa TERESA ESPOSITO*, DR. ALESSANDRO LATTANZI* *DIRIGENTE MEDICO U.T. FIUMICINO Signori ANDREA ASCONE**, BERARDINO CIACCIA**, PAOLO GIOVAGNOLI** **ASSISTENTI TECNICI PREVENZIONE U.T. FIUMICINO Roma, 22 GIUGNO 2012

2

3 USMAF dagli Uffici Sanitari Speciali ad oggi 117 anni di Prevenzione

4 LA NOSTRA AGENDA USMAF ROMA FIUMICINO ENTI AEROPORTUALI APPLICAZIONE MISURE SANITARIE IN AMBITO AEROPORTUALE NORMATIVE FLOW CHART: COMUNICAZIONE DECISIONALE PROCEDURE CANALE SANITARIO COLLABORAZIONE CON CRI VIGILANZA SANITARIA USMAF: AEROMOBILI E INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI

5 LA NOSTRA AGENDA

6 LA NOSTRA AGENDA

7 AEROPORTI CONTROLLATI DA UFFICI SANITARI AEROPORTI SANITARI (IHR) (D.M. 30/05/1967) VARESE MALPENSA MILANO LINATE ROMA FIUMICINO ROMA CIAMPINO

8 USMAF ROMA FIUMICINO DIREZIONE U.T. SANITA AEREA FIUMICINO Aeroporto Sanitario IHR U.D. SANITA AEREA CIAMPINO Aeroporto Sanitario IHR U.T. SANITA MARITTIMA ROMA U.T. SANITA MARITTIMA DI CIVITAVECCHIA OPERATIVO:H/24 1 DIRETTORE MEDICO 8 DIRIGENTI MEDICI LUN - SAB 08:00 20:00 DIRIGENTE MEDICO IN PRONTA REPERIBILITA NOTTURNI - FESTIVI PERSONALE TECNICO SANITARIO H/24 (U.T. FIUMICINO U.D. CIAMPINO)

9 USMAF ROMA FIUMICINO DIREZIONE U.T. FIUMICINO U.D. CIAMPINO AEROPORTI SANITARI (IHR) U.T. CIVITAVECCHIA U.T. ROMA

10 SISTEMA AEROPORTUALE ROMANO AEROPORTO ROMA FIUMICINO L. DA VINCI AEROPORTO ROMA CIAMPINO G.B. PASTINE (AEROPORTO MISTO CIVILE - MILITARE) DATI 2007: oltre 38 milioni passeggeri/anno movimenti di aeromobili/anno

11 SIGLE E ACRONIMI OMS WHO IHR ECDC DGPREV UFFICIO III UFFICIO V CCM USMAF U.T. U.D. PDL ENAC ICAO IATA APT FCO CIA

12 AUTORITÀ AEROPORTUALI E.N.A.C. DIREZIONE AEROPORTO MINISTERO DELLA SALUTE USMAF POLIZIA DI STATO UFFICIO FRONTIERA AEREA GUARDIA DI FINANZA COMANDO GRUPPI AEROPORTI AGENZIA DELLE DOGANE VV.FF. COMANDO COMPAGNIA CARABINIERI POLIZIA PENITENZIARIA CORPO FORESTALE VETERINARIO MINISTERO DELLA SALUTE FITOPATOLOGO *(DIPARTIMENTO PROTEZIONE CIVILE)

13 SOCIETÀ AEROPORTUALI SOCIETA DI GESTIONE AEROPORTUALE SOCIETÀ DI HANDLING AEROPORTUALE (CAPO SCALO) COMPAGNIA AEREA (CAPO SCALO) A.O.C. (AIRLINES OPERATORS COMMITTEE)

14 OPERATORI SANITARI AEROPORTUALI MINISTERO DELLA SALUTE USMAF PERSONALE C.R.I. SERVIZIO DI P.S. AEROPORTUALE A.S.L. RM/D/F/G (APT: FCO-CIA) MEDICO COMPETENTE SERVIZIO DI MEDICINA AERONAUTICA COMPAGNIA AEREA

15 TIMING!!! SISTEMA AEROPORTUALE COMPLESSO CONOSCENZA ANALISI OBIETTIVI PROCEDURE (Piani Discendenti Locali) ENTI COINVOLTI COMUNICAZIONE CONDIVISIONE AGGIORNAMENTO STRUMENTI MATERIALI SIMULAZIONI FEED-BACK GROUND TIME

16 QUANDO ARRIVANO?

17 MINISTERO DELLA SALUTE USMAF COMUNICAZIONI ENTI, SOCIETÀ GESTIONE ED OPERATORI AEROPORTUALI COMUNICAZIONE ORIZZONTALE (TRA RESPONSABILI DEGLI ENTI AEROPORTUALI) COMUNICAZIONE VERTICALE (TRA IL PERSONALE DI OGNI ENTE AEROPORTUALE)

18 MINISTERO DELLA SALUTE USMAF COMUNICAZIONI ENTI, SOCIETÀ DI GESTIONE ED OPERATORI AEROPORTUALI ORDINANZE AVVISI CONVOCAZIONI NOTE INFORMATIVE COMUNICAZIONI PROCEDURE REVOCHE

19 EMERGING DESEASE RE-EMERGING DESEASE

20 Geneve, 23 August 2007 The world health report 2007 A safer future: global public health security in the 21st century Since 1967, at least 39 new pathogens have been identified, including HIV, Ebola haemorrhagic fever, Marburg fever, SARS Airlines now carry more than 2 billion of passengers a year 6 key reccomendation: full implementation of the IHR 2005 by all countries

21 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE BASI LEGALI I regolamenti adottati sulla base dell articolo 21 entrano in vigore per tutti gli Stati membri dopo debita comunicazione della loro adozione da parte dell Assemblea Mondiale della Sanità, con l eccezione di coloro che presentano, nei tempi dovuti, riserve o respingimenti Articolo 21 Costituzione OMS L Assemblea Mondiale della Sanità ha l autorità di adottare regolamenti concernenti: richieste sanitarie o quarantenarie ed altre procedure studiate allo scopo di prevenire la diffusione internazionale delle malattie Articolo 22 Costituzione OMS

22 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE Dal vecchio al nuovo Regolamento Sanitario Internazionale Approvazione ed esecuzione del regolamento adottato Boston 25 luglio 1969 Regolamento addizionale adottato a Ginevra il 23 maggio 1973 Legge 9 Febbraio 1982, n. 106

23 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE Dal vecchio al nuovo Regolamento Sanitario Internazionale Approvazione della Revisione del Regolamento Sanitario Internazionale Assemblea Mondiale della Sanità Risoluzione WHA 48.7 Mandato per revisione del RSI 58 Assemblea Mondiale della Sanità Ginevra 27 Maggio 2005

24 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE Dal vecchio al nuovo Regolamento Sanitario Internazionale Scopo e ambito e prevenire, proteggere, tenere sotto controllo e fornire una risposta sanitaria alla diffusione internazionale di malattie tramite modalità commisurate e limitate ai rischi per la sanita pubblica e che evitino interferenze con il traffico e il commercio internazionale Aumento del commercio e del traffico a livello mondiale Rischi di natura non solo biologica Emerging desease Re-emerging desease

25 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE Dal vecchio al nuovo Regolamento Sanitario Internazionale Dalle malattie quarantenarie al concetto di emergenza di sanita pubblica internazionale Sicurezza sanitaria globale (agenti biologici, chimici, materiale radionucleare) Necessità di rafforzare le capacità della sanita pubblica mondiale Allerta epidemiologico globale

26 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE Dal vecchio al nuovo Regolamento Sanitario Internazionale Rivisto sulla base di istruzioni fornite dagli stati membri dell OMS Versione finale definita per mezzo di negoziati tra gli stati Adottato dall assemblea mondiale della sanità del 2005 e vincolante per gli Stati membri dell OMS Entrato in vigore nel 2007, con un periodo concesso agli Stati membri per lo sviluppo e/o il potenziamento delle capacità richieste per la sua applicazione

27 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE Globalizzazione: il problema di un altro Paese è un problema per tutti Proteggere contro la diffusione di rischi per la salute pubblica Prevenire, proteggere, controllare e fornire risposte alla diffusione internazionale di malattie infettive in maniera commisurata e limitata ai rischi di sanità pubblica Evitare l uso di restrizioni non necessarie o eccessive ai movimenti ed al commercio internazionale per finalità di sanità pubblica (Articolo 2 del RSI 2005)

28 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE PARTE III RACCOMANDAZIONI articolo 15 raccomandazioni temporanee Emanate dal Direttore Generale dell OMS In caso di emergenza di sanità pubblica di rilevanza internazionale determinata ai sensi dell articolo 12 Possibilità di modificazione ed estensione Inclusione di misure sanitarie relative a persone, bagagli, carico, container, mezzi di trasporto, merci e/o pacchi postali per evitare o ridurre la diffusione internazionale di malattie ed evitare inutili interferenze con il traffico internazionale Decadenza automatica dopo 3 mesi, con estensione a periodi supplementari di 3 mesi in 3 mesi; termine in qualsiasi momento (art. 49)

29 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE PARTE III RACCOMANDAZIONI articolo 16 raccomandazioni permanenti Emanazione da parte dell OMS (art. 53) di raccomandazioni permanenti relative a misure sanitarie appropriate con applicazione ordinaria o periodica Misure applicabili dagli Stati membri relativamente a persone, bagagli, carico, container, mezzi di trasporto, merci e/o pacchi postali per rischi di sanità pubblica presenti e specifici, al fine di evitare o ridurre la diffusione internazionale di malattie ed evitare inutili interferenze con il traffico internazionale

30 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE PARTE III RACCOMANDAZIONI articolo 17 criteri per le raccomandazioni Indicazioni degli Stati membri direttamente interessati Parere del Comitato di Emergenza o del Comitato di Revisione, a seconda del caso Principi scientifici nonché le prove e le informazioni scientifiche disponibili Misure sanitarie che, sulla base di una valutazione del rischio adeguata alle circostanze, non siano più restrittive del traffico e del commercio internazionale e più intrusive per le persone rispetto ad alternative ragionevolmente disponibili che permetterebbero di raggiungere il livello adeguato di protezione sanitaria

31 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE PARTE III RACCOMANDAZIONI articolo 17 criteri per le raccomandazioni Normative e strumenti internazionali attinenti Attività intraprese da altre organizzazioni intergovernative ed enti internazionali competenti Altre informazioni adeguate e specifiche relative all'evento

32 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE PARTE III RACCOMANDAZIONI articolo 18 Raccomandazioni relative a persone Non si consigliano misure sanitarie specifiche Verifica della storia di viaggi nelle aree affette Verifica dell esame medico e delle analisi di laboratorio Richiesta di esami medici Verifica di prova di vaccinazioni o altra profilassi Osservazione di sanità pubblica di persone sospette

33 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE PARTE III RACCOMANDAZIONI articolo 18 Raccomandazioni relative a persone Quarantena o altre misure di sanità pubblica per persone sospette Isolamento e terapia, quando necessari, per le persone affette Individuazione dei contatti delle persone affette o sospette Rifiuto dell ingresso di persone affette o sospette Rifiuto dell ingresso di persone non affette in aree affette Screening in uscita e/o restrizioni su persone provenienti da aree affette

34 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE PARTE III RACCOMANDAZIONI articolo 18 Raccomandazioni relative a bagagli, carico, container, mezzi di trasporto, merci e pacchi postali Non si consigliano misure sanitarie specifiche Verifica della nota di carico e del percorso Ispezioni Verifica delle misure prese alla partenza o durante il viaggio per eliminare l'infezione o la contaminazione Trattamento di bagagli, carico, container, mezzi di trasporto, merci, pacchi postali o resti umani per eliminare l'infezione o la contaminazione, inclusi i vettori e i serbatoi

35 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE PARTE III RACCOMANDAZIONI articolo 18 Raccomandazioni relative a bagagli, carico, container, mezzi di trasporto, merci e pacchi postali Uso di misure sanitarie specifiche per assicurare manipolazione e trasporto in sicurezza dei resti umani Isolamento o quarantena Confisca e distruzione, in condizioni controllate, di bagagli, carico, container, mezzi di trasporto, merci o pacchi postali infetti, contaminati o sospetti, nel caso che gli altri trattamenti o processi disponibili non diano risultati positivi Rifiuto di partenza o ingresso

36 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE PROFILASSI INTERNAZIONALE Assicurare la massima sicurezza contro la diffusione internazionale delle malattie infettive con la minima interferenza con il commercio ed i movimenti internazionali, attraverso la capacità di rilevare e comunicare possibili eventi rilevanti per la sanità pubblica ed appropriati controlli nei punti di ingresso

37 Sorveglianza e risposta sul territorio e nei punti di ingresso Modernizzazione delle misure routinarie negli aeroporti di arrivo e partenza REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE PROFILASSI INTERNAZIONALE SANITÀ TRANSFRONTALIERA Notifica Ambito allargato alla notifica di eventi di sanità pubblica di rilevanza internazionale, e non solo a definite malattie infettive Focal Points nazionali Centri Nazionali per il RSI Legami operativi con gli Stati membri per notifica ed informazione Input ufficiali nel processo di revisione Core capacities

38 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE PROFILASSI INTERNAZIONALE SANITÀ TRANSFRONTALIERA Punto di ingresso definizione: indica un passaggio per l ingresso o l uscita internazionale di viaggiatori, bagagli, carico, container, mezzi di trasporto, merci e pacchi postali nonché le agenzie e le aree che forniscono loro servizi al momento dell ingresso o dell uscita

39 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE Core Capacities Requisiti routinari Allegato 1 - Parte B: Aeroporti, (Art.13, 19, 20) Servizi medici Ispezioni Ambiente sicuro

40 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE Core Capacities Requisiti routinari Allegato 1 - Parte B: Aeroporti, (Art.13, 19, 20) Accesso a servizi medici adeguati (personale e attrezzature) Equipaggiamento e personale per trasporto verso strutture sanitarie Personale formato per ispezione a mezzi di trasporto

41 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE Core Capacities Requisiti routinari Allegato 1 - Parte B: Aeroporti, (Art.13, 19, 20) Personale formato e programmi per il controllo di vettori e serbatoi di infezione/contaminazione Ambiente, acqua, servizi di ristorazione, servizi igienici, smaltimento in sicurezza di rifiuti con programmi di verifica

42 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE Core Capacities Requisiti in caso di emergenza Allegato 1 - Parte B: Aeroporti, (Art. 13, 19, 20) Piani d emergenza Servizi medici Quarantena Applicazione di misure raccomandate dall OMS

43 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE Core Capacities Requisiti in caso di emergenza Allegato 1 - Parte B: Aeroporti, (Art.13, 19, 20) Coordinatore Punti di contatto per relativi punti di ingresso Servizi di sanità pubblica Valutazione e cura di viaggiatori o animali affetti con accordi con locali strutture mediche e veterinarie per isolamento, cura e altri servizi di supporto

44 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE Parte sanitaria della dichiarazione generale di aeromobile Art.38 Documento completato e consegnato all Autorità sanitaria competente dal pilota o da un suo rappresentante in volo o in procinto dell atterraggio nel primo aeroporto nel territorio dello Stato membro; comunicazione di tutte le informazioni relative allo stato di salute a bordo e alle misure sanitarie applicate all aeromobile

45 REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE Parte sanitaria della dichiarazione generale di aeromobile Art.38 Proposta di modifica della Parte sanitaria della dichiarazione generale di aeromobile (IATA) Inclusione di segni e sintomi di malattia, in passeggero o equipaggio, diversi da quelli derivanti da mal d aria o infortunio, in quanto valida ragione per sospettare la presenza di una malattia infettiva a bordo

46 EARLY WARNING AND RESPONSE SYSTEM EWRS Decisione del Consiglio e del Parlamento europeo N. 2119/98/EC, del 24 settembre 1998 Network per la sorveglianza e il controllo delle malattie infettive in ambito della Comunità Europea

47 EARLY WARNING AND RESPONSE SYSTEM EWRS Approccio globale tra gli Stati membri per la prevenzione delle malattie infettive Collaborazione comunitaria per tematiche di sanità pubblica, sancito dal trattato di Maastricht Sorveglianza epidemiologica Creazione di un network trans-frontaliero che consenta di definire la definizione di caso, ricevere, analizzare i dati e condividerne i risultati con agenzie di sanità pubblica degli Stati membri Creazione di un sistema di risposta e d allerta rapido

48 Centro Europeo per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ECDC Istituzione: Direttiva 851/2004 del Parlamento Europeo Funzioni: Identificare Organizzare Comunicare le attuali ed emergenti minacce alla salute pubblica, causate da malattie infettive

49 ATTIVAZIONE FLUSSO INFORMATIVO ECDC - EWRS EWRS ECDC se l indagine epidemiologica per un epidemia, svolta a livello nazionale, mostra che: i casi sono correlati ad una sorgente di esposizione, che può interessare altri Stati membri l epidemia può diffondersi attraverso i paesi della Comunità Europea

50 STRUTTURE NEL CAMPO DELLA PREVENZIONE E CONTROLLO DI EVENTI RILEVANTI PER LA SANITÀ PUBBLICA NAZIONALE Ministero della Salute CCM USMAF PIF UVAC II.RR.CC.CC.SS II.ZZ.SS ISS Regioni e Province e Autonome Aziende/Unità Sanitarie Locali

51 MISURE DI SORVEGLIANZA NAZIONALI Contenere i rischi noti Rispondere all inatteso Migliorare la preparazione

52 MISURE DI SORVEGLIANZA NAZIONALI Disposizioni legali Disposizioni amministrative Strumenti decisionali Early detection Sistema di collaborazione Internazionale Allerta e risposta alle epidemie Network USMAF Early warning network Capacita di risposta ad eventi di Sanita pubblica Modernizzazione delle misure routinarie negli aeroporti

53 FLOW CHART PREVENZIONE INTERNAZIONALE Centre for Disease Prevention and Control (ECDC) EWRS

54 FLOW CHART COMUNICAZIONI MINISTERO DELLA SALUTE - CCM MINISTRO DELLA SALUTE DIRETTORE GENERALE PREVENZIONE CAPO DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA E INNOVAZIONE DIRETTORE UFFICIO V DIRETTORE UFFICIO III DIRETTORE USMAF

55 FLOW CHART DECISIONALE MINISTERO DELLA SALUTE - CCM MINISTRO DELLA SALUTE DIRETTORE GENERALE PREVENZIONE CAPO DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA E INNOVAZIONE DIRETTORE UFFICIO V DIRETTORE UFFICIO III DIRETTORE USMAF

56 I NOSTRI FARI LE NOSTRE FONTI DGPREV UFFICIO III - UFFICIO V CON FEED BACK USMAF

57 COME COMUNICARE? Si invitano i colleghi ad effettuare tutte le comunicazioni indirizzate all Ufficio di Coordinamento USMAF e relative a casi che sono o che potrebbero diventare di interesse del Regolamento Sanitario Internazionale nell ambito dei rispettivi ambiti territoriali e funzionali, contestualmente (e tempestivamente) ai tre indirizzi mail : oppure (in caso di impossibilità ad usare la posta elettronica) tramite contatto telefonico con uno degli indicati Dirigenti

58 DOCUMENTO WHO WHO technical advice for case management of Influenza A(H1N1) in air transport Developed in cooperation with ICAO and IATA 13 May 2009

59 DOCUMENTO ENAC CIRCOLARE SERIE AEROPORTI Data: 12 /11/2007 APT- 27 Piano aeroportuale in caso di pandemie influenzali

60 IMPLEMENTAZIONE* E CONDIVISIONE* REACTIVE E PROACTIVE DELLE MISURE SANITARIE IN AMBITO AEROPORTUALE DAI CONSIGLI PER I VIAGGIATORI ALL APPLICAZIONE DI MISURE SANITARIE DGPREV UFFICIO III UFFICIO V USMAF FIUMICINO ** USMAF Fiumicino, Enti di Stato aeroportuali, Compagnie aeree di navigazione, Operatori aeroportuali

61 Applicazione misure sanitarie per influenza suina negli Stati Uniti e Messico Aeroporto Fiumicino (Disposizioni USMAF Fiumicino del 27 Aprile 2009*) omissis questo USMAF si riserva, inoltre, di comunicare ogni sviluppo della situazione sulla base delle comunicazioni ministeriali e ogni conseguente decisione operativa, ivi compresa l eventuale attivazione del canale sanitario per i passeggeri provenienti dalle aree interessate; è attiva, come da routine, la procedura USMAF U.T. Fiumicino da applicare in caso di arrivo di aeromobile con caso sospetto a bordo. *DGPREV.III/P/1.4CA9/URGENTE del 27 Aprile 2009

62 ORDINANZA MINISTERO DELLA SALUTE 4 Maggio 2009 MISURE PROFILATTICHE CONTRO L INFLUENZA DA NUOVO VIRUS INFLUENZALE A(H1N1) PER PASSEGGERI PROVENIENTI DAL MESSICO

63 Schema applicazione misure sanitarie per Virus A/H1N1 Aeroporto Fiumicino aggiornato alle disposizioni del 20 Maggio 2009 (DGPREV UFFICIO V) 21 Maggio 2009 (DGPREV UFFICIO III) Passeggeri e membri dell equipaggio in partenza per USA e Messico Passeggeri provenienti dagli USA Passeggeri e membri dell equipaggio provenienti indirettamente dal Messico Passeggeri e membri dell equipaggio provenienti direttamente dal Messico (voli diretti)

64 VOLO IN PARTENZA PER MESSICO E USA PIANO PANDEMICO O.M.S. FASE 5 ALLERTA WHO ECDC MINISTERO DELLA SALUTE PASSEGGERI E MEMBRI DELL EQUIPAGGIO DISTRIBUZIONE OPUSCOLO INFORMATIVO A CURA DELLE COMPAGNIE AEREE CARTELLONI E SCHERMI LUMINOSI IN AEROPORTO

65 VOLO IN ARRIVO DAGLI USA PIANO PANDEMICO O.M.S. FASE 5 ALLERTA WHO ECDC MINISTERO DELLA SALUTE PASSEGGERI E MEMBRI DELL EQUIPAGGIO DISTRIBUZIONE OPUSCOLO INFORMATIVO A CURA DELLE COMPAGNIE AEREE CARTELLONI E SCHERMI LUMINOSI IN AEROPORTO COMPILAZIONE SCHEDA PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA* E CONSEGNA ALL USMAF A CURA DELLE COMPAGNIE AEREE NO CANALE SANITARIO * 14 gg.

66 VOLO INDIRETTO IN ARRIVO DAL MESSICO PIANO PANDEMICO O.M.S. FASE 5 ALLERTA WHO ECDC MINISTERO DELLA SALUTE PASSEGGERI E MEMBRI DELL EQUIPAGGIO DISTRIBUZIONE OPUSCOLO INFORMATIVO A CURA DELLE COMPAGNIE AEREE CARTELLONI E SCHERMI LUMINOSI IN AEROPORTO COMPILAZIONE SCHEDA PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA* E CONSEGNA ALL USMAF A CURA DELLE COMPAGNIE AEREE NO CANALE SANITARIO *14 gg.

67 VOLO DIRETTO IN ARRIVO DAL MESSICO PIANO PANDEMICO O.M.S. FASE 5 ALLERTA WHO ECDC MINISTERO DELLA SALUTE PASSEGGERI E MEMBRI DELL EQUIPAGGIO DISTRIBUZIONE OPUSCOLO INFORMATIVO A CURA DELLE COMPAGNIE AEREE CARTELLONI E SCHERMI LUMINOSI IN AEROPORTO COMPILAZIONE SCHEDA PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA* E CONSEGNA ALL USMAF A CURA DELLE COMPAGNIE AEREE CONSEGNA GENERAL DECLARATION ATTIVAZIONE CANALE SANITARIO * 14 gg.

68 VOLO DIRETTO IN ARRIVO AL PRIMO SCALO ITALIANO DAL MESSICO PIANO PANDEMICO O.M.S. FASE 5 ALLERTA WHO ECDC MINISTERO DELLA SALUTE 3 SCENARI 1 SENZA PASSEGGERO SINTOMATICO A BORDO 2 PAZIENTE SINTOMATICO O DECEDUTO A BORDO PER SOSPETTA INFEZIONE DA VIRUS A/H1N1 COMUNICATO DAL COM/TE 3 PAZIENTE SINTOMATICO PER SOSPETTA INFEZIONE DA VIRUS A/H1N1 CHE SI RIVOLGE AL PERSONALE USMAF OPPURE AL P.S. A.D.R. DOPO L ARRIVO

69 SCENARIO 1 SENZA PASSEGGERO SINTOMATICO A BORDO ATTIVAZIONE DEL CANALE SANITARIO CONSEGNA SCHEDA SORVEGLIANZA SANITARIA AL PERSONALE TECNICO USMAF PERSONALE C.R.I. CONTROLLO SANITARIO EVENTUALE RICOVERO ALL I.N.M.I. I.R.C.C.S. L. SPALLANZANI ROMA

70 SCENARIO 2 PAZIENTE SINTOMATICO PER SOSPETTA PATOLOGIA INFETTIVA DA NUOVO VIRUS A/H1N1 COMUNICATA DAL COM/TE* DEFINIZIONI FLUSSO INFORMATIVO PERSONALE ATTREZZATURE DPI PROCEDURE CANALE SANITARIO TRASPORTO PRIMARIO TRASPORTO SECONDARIO * EVENTUALE PASSEGGERO MEDICO A BORDO

71 DEFINIZIONE DI CASO SOSPETTO DI INFLUENZA DA NUOVO VIRUS A/H1N1 QUALSIASI PERSONA CHE SODDISFI I CRITERI CLINICI ED EPIDEMIOLOGICI

72 CRITERI CLINICI DI INFLUENZA DA NUOVO VIRUS A/H1N1 SINDROME SIMIL INFLUENZALE ILI (INFLUENZA LIKE ILNESS) INFEZIONE RESPIRATORIA ACUTA FEBBRE SUPERIORE AI 38 C CON ALMENO UNO DEI SEGUENTI SINTOMI: TOSSE CEFALEA RINORREA MAL DI GOLA DIARREA VOMITO MIALGIA

73 CRITERI EPIDEMIOLOGICI DI INFLUENZA DA NUOVO VIRUS A/H1N1 CONTATTO STRETTO CON CASO CONFERMATO E PATOLOGIA IN ATTO DA VIRUS A/H1N1 RECENTE VIAGGIO IN PAESE OVE SIA STATA CONFERMATA LA TRASMISSIONE INTERUMANA DA VIRUS A/H1N1 LAVORA IN LABORATORIO OVE VENGONO ESAMINATI CAMPIONI DEL VIRUS A/H1N1

74 DEFINIZIONE DI CASO PROBABILE DI INFLUENZA DA NUOVO VIRUS A/H1N1 CRITERI CLINICI + CRITERI EPIDEMIOLOGICI + POSITIVITA PER INFLUENZA DI TIPO A (SENZA IDENTIFICAZIONE DEL SOTTOTIPO)

75 NOTIFICA DI CASO SOSPETTO DI INFLUENZA DA NUOVO VIRUS A/H1N1 IMMEDIATA (ENTRO LE 12 ORE) NORMATIVA MALATTIE CLASSE I D.M. 15/12/1990

76 VOLO CON CASO SOSPETTO A BORDO FLUSSO INFORMATIVO IN FASE DI AVVICINAMENTO COM/TE TORRE DI CONTROLLO AEROPORTO DI DESTINAZIONE UFFICIO CONTROLLO TRAFFICO AEREO DIREZIONE AEROPORTUALE USMAF

77 VOLO CON CASO SOSPETTO A BORDO FLUSSO INFORMATIVO IN FASE DI AVVICINAMENTO DIRIGENTE MEDICO USMAF IN TURNO TEAM LEADER PER LA GESTIONE EMERGENZA (MEDICO DI AEROPORTO, UFFICIALE SANITARIO GOVERNATIVO) INFORMA IMMEDIATAMENTE DIRETTORE USMAF DIRETTORE UFFICIO III DIRETTORE UFFICIO V INFO: E.N.A.C. DIREZIONE AEROPORTO P.S. AEROPORTUALE POLARIA (PASSAPORTO, PAESE DI PROVENIENZA, RACCOLTA INFORMAZIONI!!!) DOGANA (BAGAGLIO!!!) I.N.M.I. I.R.C.C.S. L. SPALLANZANI ROMA C.O. 118 A.R.E.S. ROMA SERVIZIO MEDICO COMPAGNIA AEREA

78 PERSONALE Ministero della Salute C.R.I. PERSONALE ADDESTRATO ALLE TECNICHE DI ISOLAMENTO

79 VOLO CON CASO SOSPETTO A BORDO PERSONALE SOTTO BORDO MEDICO COADIUVATO DA PERSONALE TECNICO SANITARIO USMAF PERSONALE C.R.I. AMBULANZA P.S. A.D.R. CAPO SCALO COMPAGNIA AEREA CAPO SCALO HANDLING AEROPORTUALE ADDETTI AI SERVIZI TECNICI E DI PULIZIA BUS INTERPISTA

80 VOLO CON CASO SOSPETTO A BORDO ATTREZZATURE MATERIALI SOTTO BORDO KIT MEDICO PROTEZIONI DPI: MASCHERINA FACCIALE FILTRANTE CATEGORIA 3 TUTA PROTEZIONE GUANTI MONOUSO NON STERILI OCCHIALI

81 VOLO CON CASO SOSPETTO A BORDO PROCEDURA SOTTO BORDO AEREO IN PIAZZOLA (NO FINGER) NESSUNO SALE A BORDO NESSUNO SCENDE

82 VOLO CON CASO SOSPETTO A BORDO PROCEDURA A BORDO IL MEDICO DI AEROPORTO SI RECA A BORDO CON IL PERSONALE SANITARIO RICHIESTA GENERAL DECLARATION IDENTIFICAZIONE DEL CASO SOSPETTO IMMEDIATO ISOLAMENTO DEL CASO SOSPETTO DAGLI ALTRI PASSEGGERI ED EQUIPAGGIO ( SE NON GIÀ PROVVEDUTO) FAR INDOSSARE UNA MASCHERINA TIPO CHIRURGICO (COMPATIBILMENTE CON LE CONDIZIONI CLINICHE) APPROCCIO CLINICO ED ANAMNESTICO DIAGNOSI DIFFERENZIALE TRASFERIMENTO DEL PAZIENTE CON AMBULANZA IN STANZA DI ISOLAMENTO IN AMBITO SANITARIO AEROPORTUALE (PERSONALE ADDESTRATO E PROTETTO) INVIO DEI PASSEGGERI E DEL PERSONALE DI BORDO VERSO IL CANALE SANITARIO

83 VOLO CON CASO SOSPETTO A BORDO CANALE SANITARIO - PERSONALE MEDICI USMAF PERSONALE TECNICO SANITARIO USMAF PERSONALE C.R.I.

84 VOLO CON CASO SOSPETTO A BORDO CANALE SANITARIO ATTREZZATURE MATERIALI KIT MEDICO TERMOMETRI TERMOFOCUS TERMOMETRI CLINICI PROTEZIONI DPI*: MASCHERINA FACCIALE CATEGORIA 2 GUANTI MONO USO NON STERILI TUTA PROTETTIVA OCCHIALI *LE INDOSSANO I MEDICI, IL PERSONALE TECNICO SANITARIO USMAF CRI IN CASO DI VISITA MEDICA

85 VOLO CON CASO SOSPETTO A BORDO CANALE SANITARIO - PROCEDURE CONSEGNA E RACCOLTA SCHEDA SORVEGLIANZA SANITARIA IT/EN (CONTROLLO DATI DIRETTO E CROCIATO; CONSERVAZIONE DA PARTE DEL PERSONALE DELL USMAF 30 gg. LEGGE PRIVACY) IN CASO DI PRESENZA DI PASSEGGERO SINTOMATICO: APPROCCIO CLINICO ANAMNESTICO DIAGNOSI DIFFERENZIALE IN CASO SOSPETTO INVIO PAZIENTE P.S. A.D.R. LATO AIRSIDE

86 VOLO CON CASO SOSPETTO A BORDO CANALE SANITARIO - PROCEDURE CONTATTO STRETTO CON CASO PROBABILE PASSEGGERI SEDUTI NELLA STESSA FILA DI UN CASO SOSPETTO (CHE PRESENTI STARNUTI E/O TOSSE) O NELLE DUE FILE AVANTI O DIETRO SU VOLI DI ALMENO DI 4 ORE PERSONE CHE HANNO CONTATTI CON VEICOLI CONTAMINATI DA SECREZIONI RESPIRATORIE DEL CASO QUARANTENA DOMICILIARE CON SORVEGLIANZA SANITARIA ATTIVA E CONTROLLO TC 2 VOLTE/DIE PER 7 gg.* A.S.R. - A.S.L. DI RIFERIMENTO CON COMUNICAZIONE ESITO AL MINISTERO SALUTE * EVENTUALE CHEMIOPROFILASSI

87 VOLO CON CASO SOSPETTO A BORDO TRASPORTO PRIMARIO E ISOLAMENTO IN AMBIENTE AEROPORTUALE DALL AEREO O DALL AEROSTAZIONE AL P.S. AEROPORTUALE: (FAR INDOSSARE UNA MASCHERINA CHIRURGICA AL PAZIENTE) STANZA DI ISOLAMENTO P.S. AEROPORTUALE: ASSISTENZA MEDICA AFFIDATA A PERSONALE ADDESTRATO SULLE TECNICHE DI ISOLAMENTO NON SONO AMMESSI VISITATORI IL PAZIENTE NON DEVE LASCIARE PER NESSUN MOTIVO LA STANZA DI ISOLAMENETO

88 VOLO CON CASO SOSPETTO TRASPORTO SECONDARIO TRASPORTO DEDICATO PREVIO CONTATTO I.N.M.I. I.R.C.C.S. L. SPALLANZANI ROMA

89 SCENARIO 2 PAZIENTE DECEDUTO PER SOSPETTA PATOLOGIA INFETTIVA COMUNICATA DAL COM/TE* ATTIVAZIONE PROCEDURA USMAF DECESSO A BORDO PASSEGGERI E PERSONALE DI CABINA INVIATI AL CANALE SANITARIO COMPILAZIONE SCHEDA PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA* E CONSEGNA ALL USMAF A CURA DELLE COMPAGNIE AEREE CONSEGNA GENERAL DECLARATION VISITA DEI CONTATTI STRETTI CON VALUTAZIONE ITER (RICOVERO, QUARANTENA, SORVEGLIANZA) * EVENTUALE PASSEGGERO MEDICO A BORDO

90 SCENARIO 3 PAZIENTE SINTOMATICO PER SOSPETTA INFEZIONE DA PATOLOGIA INFETTIVA CHE SI RIVOLGE AL PERSONALE USMAF OPPURE AL P.S. A.D.R. DOPO L ARRIVO VISITA (ANAMNESI CON DIAGNOSI DIFFERENZIALE) TRASPORTO PRIMARIO P.S. A.D.R. AIR SIDE/LAND SIDE TRASPORTO SECONDARIO DEDICATO I.N.M.I. I.R.C.C.S. L. SPALLANZANI COMPILAZIONE SCHEDA PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA* E CONSEGNA ALL USMAF A CURA DELLE COMPAGNIE AEREE CONSEGNA GENERAL DECLARATION PERSONALE DI CABINA: CONTACT TRACING PROACTIVE PASSEGGERI: CONTACT TRACING REACTIVE

91 CONTACT TRACING REACTIVE COMUNICATI OGNI 5 IN TUTTO L AMBITO AEROPORTUALE E TERMINAL TRENI INFORMAZIONI PER UN TEMPO PARI AL PERIODO DI INCUBAZIONE: HOME PAGE COMPAGNIA AEREA INTERESSATA CON NOTIZIA IN RILIEVO INFORMAZIONI TELEFONICHE USMAF U.T. DI ROMA FIUMICINO H24 HOME PAGE MINISTERO DELLA SALUTE CCM* *WORK IN PROGRESS

92 PREVENZIONE PER IL PERSONALE SANITARIO USO DI DPI ANCHE PER I CASI CON SOLA DIAGNOSI CLINICA CONTROLLO CLINICO E T.C. PER 7 gg. IN CASO DI NON UTILIZZO PROFILASSI ANTIVIRALE PER IL PERSONALE ESPOSTO

93 VOLO CON CASO SOSPETTO A BORDO PROCEDURA DI FINE EMERGENZA DISINFEZIONE: AEROMOBILE AMBULANZA P.S. A.D.R. STANZA DI ISOLAMENTO DEBRIEFING REINTEGRO DPI USATI RELAZIONE DIRETTORE USMAF

94 TRATTAMENTO E SMALTIMENTO RIFIUTI SANITARI A RISCHIO INFETTIVO AUTOCLAVARE IL MATERIALE O TERMODISTRUZIONE

95 OPERATORI AEROPORTUALI PRIMA DEL CANALE SANITARIO PERSONALE BUS INTERPISTA PERSONALE PULIZIE DI BORDO PERSONALE CATERING (DISALLESTIMENTO) PERSONALE ENTI/AMMINISTRAZIONI PER ASSISTENZA PASSEGGERI

96 OPERATORI AEROPORTUALI PREVENZIONE SERVIZIO DI MEDICINA AERONAUTICA COMPAGNIA AEREA A.S.L. MEDICO COMPETENTE DATORE DI LAVORO

97 OPERATORI AEROPORTUALI PRIMA DEL CANALE SANITARIO PREVENZIONE DATORE DI LAVORO: E RESPONSABILE DELL APPLICAZIONE DELLE NORMATIVE VIGENTI IN MATERIA DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO E TUTELA DELLA SALUTE DEI LAVORATORI MONITORARE TIPOLOGIA ATTIVITÀ LAVORATIVA VALUTAZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO INFORMAZIONE FORMAZIONE DEL PERSONALE

98 OPERATORI AEROPORTUALI PRIMA DEL CANALE SANITARIO PREVENZIONE IN ASSENZA DI CONTATTO STRETTO O RAVVICINATO* CON IL CASO SOSPETTO NON E NECESSARIO INDOSSARE DPI *DISTANZA DI 1 METRO (FONTE WHO CLARIFICATION: USE OF MASK BY HEALTH- CARE WORKERS IN PANDEMIC SETTINGS, NOV 2005)

99 OPERATORI AEROPORTUALI DOPO IL CANALE SANITARIO PERSONALE MOVIMENTAZIONE BAGAGLI PERSONALE ARRIVI E TRANSITI RISCHIO PARAGONABILE AL TERRITORIO RISULTATO RAGGIUNTO!

100 Merci? Si, grazie

101 CANALE SANITARIO AEROPORTUALE CARATTERISTICHE CANALE STATICO/DINAMICO SALA/SALE ISOLAMENTO USCITA DEDICATA PER INVIO PAZIENTE IN ISOLAMENTO FLUSSO ONE WAY

102 FLOW CHART CANALE SANITARIO Attesa Controllo Sanitario Uscita Isolamento temporaneo personale sanitario Trasporto protetto in ospedale

103 FLOW CHART ISOLAMENTO Spogliatoio personale pulito Spogliatoio personale sporco Controllo Sanitario servizio igienico Filtro Locale Visita Filtro isolamento corridoio protetto per ambulanza Ambiente separato per isolamento Volumi minimi orari ricambio aria Filtri HEPA No ricircolo

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

DECRETO N. 20 del 09.07.2013

DECRETO N. 20 del 09.07.2013 L Assessore DECRETO N. 20 del 09.07.2013 Oggetto: Modifiche al Decreto attuativo del Piano straordinario di eradicazione della Peste Suina Africana. Anni 2012 e 2013. VISTO lo Statuto Speciale della Regione

Dettagli

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO DELL

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

Malattia da Virus Ebola (MVE) Approfondimento sui dispositivi di protezione individuale: caratteristiche tecniche ed uso

Malattia da Virus Ebola (MVE) Approfondimento sui dispositivi di protezione individuale: caratteristiche tecniche ed uso Aggiornamento: 20 Ottobre 2014 Malattia da Virus Ebola (MVE) Approfondimento sui dispositivi di protezione individuale: caratteristiche tecniche ed uso 1. Introduzione Il presente aggiornamento tecnico

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

Gestione Servizi Doganali

Gestione Servizi Doganali Gestione Servizi Doganali GESTIONE SERVIZI DOGANALI Background La gestione delle attività dogali di import/export o transito richiede da sempre figure specializzate all interno delle aziende in grado di

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Strategia per la pianificazione generale della capacità di intervento

Strategia per la pianificazione generale della capacità di intervento COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE PER LA SALUTE E I CONSUMATORI Salute pubblica e valutazione dei rischi Minacce per la salute Strategia per la pianificazione generale della capacità di intervento

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Protezione da Ebola Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Ed.Ottobre 2014 Il virus Ebola: la sua natura, come si diffonde, quanto è pericoloso L ebola è un virus appartenente alla

Dettagli

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE ASO S. Croce e Carle di Cuneo C.I.O. COMITATO INFEZIONI OSPEDALIERE DOCUMENTO DESCRITTIVO TITOLO CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE Data di emissione: 20 aprile 2004 revisione n

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti. 10 domande per gli operatori a terra OSDE

La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti. 10 domande per gli operatori a terra OSDE La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti 10 domande per gli operatori a terra OSDE 1. Sono sempre visibile agli altri? Indosso sempre un indumento ad alta visibilità, anche quando fa

Dettagli

Condizioni di contratto ed al tre informazioni importanti

Condizioni di contratto ed al tre informazioni importanti Condizioni di contratto ed al tre informazioni importanti CONDIZIONI DI CONTRATTO ED ALTRE INFORMAZIONI IMPORTANTI SI INFORMANO I PASSEGGERI CHE EFFETTUANO UN VIAGGIO CON DESTINAZIONE FINALE O UNO STOP

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

FPL - Novità introdotte AIRAC 11/2014

FPL - Novità introdotte AIRAC 11/2014 FPL - Novità introdotte AIRAC 11/2014 enav.it Web conference 02/12/2014 Documenti fonte REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 923/2012 DELLA COMMISSIONE del 26 settembre 2012 + determinazioni ENAC ad esito

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

L Azienda non è mai stata cosi vicina.

L Azienda non è mai stata cosi vicina. L Azienda non è mai stata cosi vicina. AlfaGestMed è il risultato di un processo di analisi e di sviluppo di un sistema nato per diventare il punto di incontro tra l Azienda e il Medico Competente, in

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018

ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018 Piano Nazionale riguardante il Controllo Ufficiale DeGLI ADDITIVI ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018 Paolo Stacchini Dipartimento di Sanità Pubblica veterinaria e Sicurezza Alimentare

Dettagli

Freight&Shipping. www.sp1.it. TRASPORTO marittimo TRASPORTO VIA TERRA TRASPORTO AEREO. business intelligence. doganale

Freight&Shipping. www.sp1.it. TRASPORTO marittimo TRASPORTO VIA TERRA TRASPORTO AEREO. business intelligence. doganale Freight&Shipping www.sp1.it marittimo AEREO VIA TERRA dogana magazzino doganale business intelligence SP1, il Freight & Shipping entra spedito nel futuro SP1 è un nuovo applicativo web. Non si installa

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

MANUALE DI SICUREZZA NEI LABORATORI

MANUALE DI SICUREZZA NEI LABORATORI MANUALE DI SICUREZZA NEI LABORATORI Edizione in lingua italiana Terza edizione Supplemento di Prevenzione Oggi numero 2 anno 2005 - Poste Italiane S.p.A. Spedizione in Abbonamento Postale 70% - DCB - Roma

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI 1) NOZIONE DI PACCHETTO TURISTICO La nozione di pacchetto turistico è la seguente: i pacchetti turistici hanno ad oggetto i viaggi, le

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

La nuova normativa di Farmacovigilanza

La nuova normativa di Farmacovigilanza La nuova normativa di Farmacovigilanza 1 Due nuove disposizioni in materia di farmacovigilanza Pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale Europea L 348 del 31 Dic 2010: Regulation (EU) 1235/2010 of the European

Dettagli

GETINGE DA VINCI SOLUTION

GETINGE DA VINCI SOLUTION GETINGE DA VINCI SOLUTION 2 GETINGE DA VINCI SOLUTION SOLUZIONE ALL AVANGUARDIA, VALIDATA E PREDISPOSTA PER LA CHIRURGIA ROBOTICA Da oltre un secolo, Getinge fornisce costantemente prodotti a elevate prestazioni

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE BLUE TONGUE INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PARTE 1 DATA DI COMPILAZIONE / / CODICE IDENTIFICATIVO DEL FOCOLAIO NOME E COGNOME DEL VETERINARIO (STAMPATELLO)

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro PREMESSA La legge L. 833/1978 ha istituito il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e successive norme

Dettagli

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities 1-32 28 giugno 2013 IL QUADRO DI RIFERIMENTO Cambiano gli scenari europei Regolamento

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Delibera n. 328 del 25 marzo 211 COMITATO TECNICO PREPOSTO AL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Dr.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi:

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: 8. RIMBORSI E INDENNITA 1. Rimborso 1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: Per mancata effettuazione del viaggio

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Milano, 8 Maggio 2014 Sala Pirelli Palazzo Pirelli Esperienze di telemedicina in Regione Lombardia e sanità elettronica

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Dipartimento della Pubblica Sicurezza Stagione sportiva 2011/2012 Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Determinazione n. 26/2012 del 30 maggio 2012 L Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli