Capitolo 4. Domanda aggregata e reddito di equilibrio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 4. Domanda aggregata e reddito di equilibrio"

Transcript

1 Capitolo 4 Domanda aggregata e reddito di equilibrio 4.1 La funzione keynesiana del consumo Abbiamo visto che, almeno nel breve periodo, il livello del reddito dipende dalla domanda aggregata che è composta dalla spesa per consumi, dalla spesa per investimenti, dalla spesa pubblica e dalle esportazioni al netto delle importazioni. Y = AD = C + I + G + XN La spesa per consumi effettuata dalle famiglie rappresenta la componente più consistente della domanda aggregata. Secondo l impostazione keynesiana, basata su analisi crosssection, che misurano cioè il comportamento di spesa di famiglie con livelli di reddito differenti nello stesso periodo di tempo, il consumo è formato da una componente autonoma, indipendente dal livello del reddito, e da una componente che dipende dal livello del reddito corrente. La componente autonoma rappresenta il cosiddetto consumo di sussistenza, cioè il consumo necessario per far fronte alle necessità essenziali che devono essere soddisfatte anche se il livello del reddito è molto basso. Il consumo autonomo è definito con ā soprassegnato ad indicare che si tratta di una spesa costante e indipendente dal livello del reddito. La parte di consumo che dipende dal reddito, invece, varia al variare del reddito in maniera diretta: mano a mano che reddito

2 114 Mario Oteri aumenta una parte di questo incremento è spesa in consumi. La propensione marginale al consumo misura il rapporto fra variazione del consumo e variazione del reddito, indica cioè la parte d incremento del reddito spesa in incrementi del consumo Pmc = dc\dy La propensione marginale al consumo è normalmente >0 ma <1. Se fosse uguale a zero l incremento del reddito non verrebbe speso in consumi, il reddito aumenta di 1000 l incremento del consumo sarebbe zero. Se fosse uguale a 1 starebbe a significare che tutto l incremento del reddito è speso in incremento del consumo. Di norma la propensione al consumo assume valori fra il 75% e il 90%, è molto elevata negli Stati Uniti, in Italia è circa 80% mentre è minore in Giappone. La Propensione marginale al consumo è indicata con il parametro b, un valore percentuale che esprime la relazione fra variazione del consumo e variazione del reddito. Secondo la teoria Keynesiana al crescere del reddito la propensione marginale al consumo tende a diminuire, nel senso che la quota dell incremento di reddito spesa in consumi va diminuendo man mano che il reddito aumenta, ma per semplicità di analisi si assume che la propensione marginale al consumo sia costante, ad esempio sia l 80%, a qualunque livello di reddito. Anche se la propensione marginale al consumo è costante, la quota di reddito spesa in consumi diminuisce al crescere del reddito. Detto in altro modo la propensione media al consumo (PMC), cioè il rapporto fra consumo (C) e reddito (Y), diminuisce mano a mano che il reddito aumenta. PMC = C\Y dove a indica la componente autonoma e by la spesa per consumi che dipende dal livello del reddito corrente.

3 Domanda aggregata e reddito di equilibrio 115 Figura 4.1 Funzione keynesiana del consumo C A C E b 45 O Y Y' Chi ha un reddito di 1000 al mese ne spenderà circa 990, cioè ha una propensione al consumo media del 99%; chi ha un reddito di al mese ne spenderà 8000, in valore assoluto ha un consumo maggiore ma in valore relativo la propensione media è sceso all 80%, quindi mano a mano che il reddito aumenta la propensione media al consumo diminuisce. In conclusione la funzione del consumo, secondo l impostazione keynesiana, può essere indicata dalla funzione _ C = a + by

4 116 Mario Oteri La funzione del consumo keynesiana si rappresenta su un grafico dove i valori di equilibrio sono individuati lungo la bisettrice che, dividendo la superficie in due parti uguali, indica l insieme di combinazioni che rendono uguali i valori di ordinata e i valori di ascissa. Poniamo il consumo in ordinata, e in ascissa il livello del reddito, lungo la bisettrice i due valori sono uguali; tracciamo la funzione del consumo, sapendo che ā rappresenta la componente autonoma del consumo rispetto al reddito, qualunque sia il livello del reddito il consumo è costante al livello Oā. La pendenza della funzione del consumo dipende dal valore di b, la Propensione marginale al consumo, che ci dice come varia il consumo al variare del reddito. Se b fosse uguale a zero, il consumo sarebbe costituito solo dalla componente autonoma e sarebbe perciò una costante rappresentata da una retta parallela all asse delle ascisse. Se b fosse uguale a 1 la funzione del consumo avrebbe un inclinazione a 45 ad indicare che tutto l incremento del reddito è speso in incremento dei consumi. Ma abbiamo detto che b è maggiore di zero ma minore uno, quindi la funzione del consumo avrà un inclinazione compresa fra il valore zero, funzione parallela all asse delle ascisse, e il valore uno, funzione parallela alla bisettrice. L inclinazione della funzione del consumo è misurata da b, la propensione marginale al consumo, tanto più è elevata b tanto maggiore è l inclinazione, tanto più basso il valore di b tanto più piatta è la funzione. Il livello da cui parte la funzione del consumo dipende dal parametro ā, cioè dal consumo di sussistenza, dal consumo minimo che bisogna garantire qualunque sia il livello del reddito. La funzione del consumo è rappresentata con una retta perché abbiamo assunto che il valore di b, la propensione marginale al consumo, non varia al variare del reddito e, quindi, la funzione del consumo ha sempre la stessa inclinazione. Abbiamo detto, invece, che la propensione media diminuisce. Il valore

5 Domanda aggregata e reddito di equilibrio 117 medio è misurato dal rapporto fra l ordinata e l ascissa, quindi in ciascun punto questo rapporto non è dato altro che dall inclinazione della corda che unisce l origine degli assi al punto considerato. Se consideriamo il punto E sulla funzione del consumo, la propensione media è misurata dal rapporto fra il consumo YE e il reddito OY ed è data dal tratto OE della bisettrice: dato che il valore di ordinata è esattamente uguale al valore di ascissa, il rapporto fra consumo e reddito è uguale ad uno e si trova sulla bisettrice. Se consideriamo il punto A sulla stessa funzione ma a destra di E, il consumo pari a Y 1 A sarà inferiore al reddito OY 1, l inclinazione della corda OA, che unisce l origine degli assi al punto A, è perciò minore di uno. Se andiamo a sinistra del punto E, invece, l inclinazione è maggiore, cioè si consuma più di quanto non si abbia, il consumo supera il reddito, l ordinata supera l ascissa. A sinistra del punto E il reddito è inferiore al consumo, gli operatori effettuano un consumo superiore al loro reddito, la funzione del consumo è al di sopra della bisettrice. Nel punto E il consumo è uguale al reddito, tutto il reddito è interamente consumato, la funzione del consumo incontra la bisettrice. A destra del punto E la funzione del consumo è sotto la bisettrice, il reddito supera il consumo, non tutto il reddito è speso in consumo La funzione del risparmio Nell impostazione keynesiana il risparmio non è altro che il reddito non consumato, cioè il reddito (Y) meno il consumo (C). S = Y - C S = Y - (a + by) S = -a + (1-b)Y

6 118 Mario Oteri La funzione del risparmio è speculare a quella del consumo: quando il reddito è zero gli operatori possono spendere per consumi solamente indebitandosi, perciò ad una spesa per consumi pari ad (a)corrisponde un risparmio negativo pari a ( a). A mano a mano che il reddito cresce si comincia a risparmiare: se la quota di reddito consumata è pari a b (propensione marginale al consumo), ad es. l 80%, la quota di reddito non consumata, cioè risparmiata, è pari a 1-b (propensione marginale al risparmio), ad es. il 20%. In tal modo si riduce l indebitamento netto al crescere del reddito. Figura Funzione keynesiana del risparmio C C E ā b S O Y -ā

7 Domanda aggregata e reddito di equilibrio 119 Quando tutto il reddito è speso in consumi il risparmio è uguale a zero. Da quel punto in poi il consumo diventa minore del reddito e il risparmio comincia ad essere positivo. La funzione del risparmio ha un andamento speculare a quella del consumo. Quando il livello del reddito è zero il risparmio è -a, ad indicare che non c è risparmio ma debiti. Aumentando il livello del reddito l indebitamento va riducendosi, a livello di reddito Y in corrispondenza del punto E, tutto il reddito è speso in consumi e il risparmio è uguale a zero. L inclinazione della funzione del risparmio è data da (1-b) la propensione marginale al risparmio (PmgS). Secondo i keynesiani la propensione media al risparmio è positiva e crescente ad indicare che crescendo il livello del reddito aumenta il risparmio. Ma questo vuol dire che diminuisce la spesa per consumi e, dato che il livello di produzione dipende dalla spesa, si corre il rischio che il sistema economico possa incorrere in una fase di stagnazione o addirittura di crisi. 4.2 Sviluppi della teoria del consumo Se cresce il risparmio, diminuisce la spesa per consumo e, quindi, diminuisce la domanda, si corre il rischio che la produzione non possa essere venduta sul mercato. Su questo presupposto si basa l impostazione Keynesiana e l idea che sia opportuno sostenere il livello della spesa con l intervento pubblico. In particolare alla fine della seconda guerra mondiale gli economisti si aspettavano un crollo dei consumi legato alla riconversione dell economia di guerra in economia di pace. Ma, in effetti, il livello della domanda di consumi si mantenne elevato e non avvenne il crollo che si temeva, anzi alcune analisi empiriche sull andamento dei consumi, basati su serie temporali,

8 120 Mario Oteri evidenziarono un legame abbastanza stabile fra consumo e reddito che, in contrasto con l impostazione keynesiana, stava ad indicare una propensione media al consumo costante. Figura Funzione del consumo C 45 a 2 a 1 a 1 Elaborazione su dati temporali a 2 Elaborazione su dati cross-section Y Varie interpretazioni furono avanzate per spiegare l apparente contraddizione fra la funzione del consumo keynesiana, basata su dati cross-section ( funzione a 1 nella figura 4.2.1) e i risultati delle analisi basate su serie temporali ( funzione a 2 nella stessa figura). Nel tentativo di riconciliare le due funzione alcune interpretazioni si agganciano ad elementi di tipo sociologico, in particolare si considerano nel

9 Domanda aggregata e reddito di equilibrio 121 comportamento delle famiglie due effetti quello di dimostrazione e quello di aggancio. L effetto di dimostrazione si basa sull idea che il consumo non è determinato solamente dall esigenza di soddisfare i bisogni ma è anche un mezzo per mostrare lo status delle famiglie, è uno strumento che rappresenta l immagine della famiglia nella società, e in genere le famiglie cercano di seguire i livelli di consumo, i modelli di consumo, delle famiglie con reddito superiore per apparire più agiate; vi è, quindi, una tendenza ad un consumo crescente, perché tutti cercano di adeguarsi alle famiglie che hanno comportamenti di spesa più elevati. In tal modo si spiega la spinta verso l alto dei consumi, che ha successivamente portato al c.d. consumismo. Figura Funzione del consumo : effetto aggancio. 45 C a 2 a 1 Y Y 1 Y

10 122 Mario Oteri L effetto aggancio, invece, si basa sull idea che una volta raggiunti certi livelli di consumo è difficile tornare indietro: se vi è una diminuzione temporanea di reddito le famiglie cercano di mantenere comunque i livelli di consumo raggiunti, riducendo il risparmio o indebitandosi. Le abitudini di consumo raggiunte difficilmente tornano indietro Queste interpretazioni fanno riferimento ad aspetti di tipo sociologico che spiegherebbero perché il livello dei consumi cresce e si sposta verso l altro mano a mano che nuovi beni rappresentano lo status symbol delle famiglie. Nella figura gli operatori si muovono sulla funzione a 2 mantenendo un consumo proporzionale al reddito Y 1 ; se il loro reddito diminuisce al livello Y gli operatori cercano di mantenere costante il loro consumo, riducendo il risparmio o indebitandosi, si muovono lungo la funzione a 1. Quando il reddito ricomincia a crescere gli operatori cercano innanzitutto di ricostituire il loro risparmio e si muovono da Y a Y 1 lungo la funzione a 1 ; una volta raggiunto il precedente livello di reddito Y 1 tornano a muoversi lungo la funzione a 2 mantenendo il consumo proporzionale al reddito Ciclo vitale e reddito permanente. Altre interpretazioni, partendo dal presupposto che gli operatori, le famiglie, cercano di mantenere abbastanza stabile nel tempo il loro livello di consumo, fanno riferimento a un ipotesi del consumo legato a variabili più ampie del semplice livello del reddito. Il livello del reddito corrente appare in quest ottica una

11 Domanda aggregata e reddito di equilibrio 123 variabile insufficiente a spiegare, da solo, le scelte degli operatori e si cerca di collegare il consumo alle aspettative che gli operatori possono avere sul loro reddito complessivo. In quest ambito rientrano la teoria del ciclo vitale e l ipotesi del reddito permanente, elaborate rispettivamente dagli economisti Franco Modigliani e Milton Friedman, che legano le scelte di consumo delle famiglie alle loro aspettative di reddito.. La teoria del ciclo vitale, considera la vita degli uomini divisa in tre parti, la gioventù, il periodo lavorativo, la fase del pensionamento quando non si lavora più. Il reddito è percepito soltanto nel periodo lavorativo mentre quando non si lavora, sia perché si è bambini sia perché si è pensionati, non si percepisce reddito; il consumo tuttavia è necessario in tutte le fasi. Se il consumo fosse legato soltanto al reddito corrente, ci sarebbe un consumo piuttosto elevato nel periodo del lavoro ma non ci sarebbe consumo né nella prima né nella terza fase, quando non si percepisce reddito. A parte la fase dell infanzia quando si è mantenuti dai genitori, la generazione precedente, il problema è evidente nella fase della vecchiaia. Poiché gli operatori devono consumare anche nella terza fase, quando non percepiscono più un reddito da lavoro, sono costretti a risparmiare una parte del loro reddito durante il periodo di lavoro, volontariamente o per intervento pubblico, per avere un reddito nel periodo del ritiro, la pensione, ed essere in grado di garantire un adeguato livello di consumo anche in quella fase. Il consumo, quindi, secondo Modigliani è legato alla vita complessiva dell individuo che consuma più del proprio reddito nella prima fase, l infanzia, quando deve teoricamente indebitarsi sul reddito futuro per avere un consumo presente. Nel secondo periodo, quando lavora e ha un reddito, deve contenere il consumo e risparmiare, perché una parte di questo reddito gli serve a ripagare il consumo fatto nella prima fase e a predisporsi un reddito per il consumo nella fase di pensionamento. Gli operatori quindi accumulano risparmio sino alla fine dell età lavorativa, quando spenderanno il reddito che hanno in precedenza

12 124 Mario Oteri risparmiato per mantenere il livello di consumo al quale sono abituati: nella fase lavorativa il consumo deve essere inferiore al reddito corrente, mentre nelle altre due fasi, infanzia e pensionamento il consumo è sganciato dal reddito corrente e dipende dalla capacità di risparmio della fase lavorativa. L altra teoria, elaborata dall economista Milton Friedman, fa riferimento in particolare agli operatori che non hanno un reddito fisso ma variabile, e introduce il concetto di reddito permanente, che è quel reddito che può essere speso senza intaccare la ricchezza complessiva di un individuo. La ricchezza è costituita non solo da beni, come immobili e terreni, o strumenti finanziari, come titoli e moneta, ma anche dalle capacità personali del soggetto: a parità di reddito corrente vi possono essere, pertanto, posizioni diverse a seconda dell istruzione, della capacità di guadagno, del livello di formazione individuale che rappresentano la ricchezza complessiva dell individuo. Friedman fa, quindi, una differenza fra reddito permanente e reddito transitorio. Secondo Friedman ciascuno ha in mente il suo reddito permanente in un certo periodo di tempo, che dipende dalle sue capacità complessive è che può essere diverso a seconda dei soggetti, anche a parità di reddito corrente. Infatti fra due soggetti che hanno oggi lo stesso lavoro e lo stesso reddito corrente, ma uno è giovane mentre l altro sta per andare in pensione, il primo ha un reddito permanente maggiore rispetto al secondo, perché sa che domani potrà guadagnare di più e quindi oggi può indebitarsi sul futuro per mantenere un consumo più elevato. Il reddito permanente del giovane è maggiore del reddito corrente mentre il reddito permanente dell anziano, ce sta per andare in pensione, è, probabilmente, inferiore al suo reddito corrente; di conseguenza, il consumo permanente del giovane può essere più elevato rispetto a quello dell anziano, perché si aspetta che nel prossimo futuro il suo reddito cresca. Possono esserci anche dei redditi transitori, cioè imprevisti, come ad esempio una piccola vincita al totocalcio

13 Domanda aggregata e reddito di equilibrio 125 o la perdita del portafoglio, che non modificano il nostro modello di vita. I redditi transitori influenzano, invece, il consumo quando modificano il reddito permanente: una vincita di milioni di euro cambia il reddito permanente e, quindi, il tenore di vita. Come il reddito Friedman distingue anche un consumo permanente da un consumo transitorio. Il consumo permanente è legato al reddito permanente, al reddito che il soggetto ha in mente di avere per un certo periodo di tempo; il soggetto cerca di mantenere nel periodo un livello di consumo stabile e corrispondente al suo reddito permanente, indipendentemente dal reddito corrente. Cp = f(yp) Il consumo transitorio è legato, invece, ad una spesa non prevista, come ad esempio un improvviso guasto alla macchina, che non dipende dal reddito transitorio né da quello permanente ma deve essere considerato casuale. In genere il soggetto fa fronte ad un consumo transitorio, improvviso, riducendo il risparmio piuttosto che modificando il suo modo di vita, il suo consumo permanente. Il reddito misurato, così come il consumo misurato, è costituito da componenti permanenti e transitorie: se le componenti transitorie sono positive, il valore misurato è superiore al valore permanente e viceversa, se sono negative. Di solito gli operatori cercano di mantenere un consumo permanente stabile e proporzionale al reddito permanente, quindi se vi è un reddito transitorio positivo la quota del consumo misurato diminuisce rispetto al reddito misurato. Secondo Friedman, l errore dei Keynesiani dipende dal fatto che essi confrontano il consumo misurato e il reddito misurato concludendo che il consumo medio diminuisca al crescere del reddito: invece il consumo è sempre al suo livello permanente dato che una variazione del reddito transitorio non influenza il reddito permanente. Analogamente se il reddito transitorio dovesse essere negativo, il reddito misurato

14 126 Mario Oteri farebbe registrare una diminuzione rispetto al reddito permanente e la quota del consumo, che è rimasta al suo livello permanente, apparirebbe più elevata rispetto al reddito misurato. Se il reddito transitorio dovesse avere effetti sul reddito permanente allora aumenterebbe anche il consumo permanente e la quota del consumo sul reddito rimarrebbe invariata. che. Figura Teoria del reddito permanente. 45 C a 2 C 1 m = C 1 p m n a 1 Cm = Cp q Y 3 m<yp Ym=Yp Y 1 m=y 1 p Y 2 m>y 1 p

15 Domanda aggregata e reddito di equilibrio 127 Considerando i valori di reddito e di consumo misurati, la quota del consumo sembra superiore quando il reddito transitorio diminuisce e inferiore quando il reddito transitorio aumenta: secondo Friedman si tratta di errori di calcolo perché, in realtà, il consumo permanente rimane invariato e proporzionale al reddito permanente come confermano le analisi condotte su serie stori In simboli il reddito misurato (Ym) è dato dal reddito permanente (Yp) e dal reddito transitorio (Yt) Ym = Yp + Yt Analogamente il consumo misurato (Cm) dipende dal consumo permanente(cp) e dal consumo transitorio (Ct) Cm = Cp + Ct Ma solo fra il consumo permanente e il reddito permanente vi è una relazione funzionale Cp = f (Yp) mentre non vi è alcuna relazione fra consumo e reddito transitorio. Nella figura rappresentiamo la teoria del reddito permanente. La funzione del consumo a 2 misura il rapporto proporzionale fra consumo permanente e reddito permanente; al livello di reddito Y 1 m, il reddito misurato e il reddito permanente (Y 1 p) sono uguali e, in corrispondenza al punto m, anche il consumo misurato ( C 1 m )eguaglia il consumo permanente (C 1 p ). Se il reddito transitorio aumenta si verificherà una crescita del reddito misurato che diventa Y 2 m, mentre il reddito permanente rimane invariato al livello Y 1 p; in relazione al nuovo livello del reddito il consumo misurato appare in corrispondenza al punto n sulla funzione del consumo a 1 e sembra, perciò, in proporzione diminuito. Analogamente se il reddito transitorio dovesse diminuire si verificherebbe una riduzione del reddito misurato Ym che diventa Y 3 m, mentre il reddito permanente rimane

16 128 Mario Oteri invariato al livello Yp ; in relazione al nuovo livello del reddito il consumo misurato appare in corrispondenza al punto q sulla funzione del consumo a 1 e sembra, perciò, in proporzione aumentato. In realtà il consumo permanente è sempre uguale in rapporto al reddito permanente che è rimasto invariato: se dovesse crescere il reddito permanente aumenterebbe anche il consumo permanente ma si muoverebbe lungo la funzione a 2 lasciando invariata la proporzione fra le due variabili. 4.3 Domanda aggregata e reddito d equilibrio. Abbiamo affermato che il reddito dipende dalla domanda aggregata, composta dalla spesa per consumi, dalla spesa per investimenti, dalla spesa pubblica, e dalle esportazioni nette. Dopo aver analizzato la funzione del consumo, consideriamo le altre componenti. La spesa per investimenti viene effettuata dalle imprese per accrescere la loro capacità produttiva ed ottenere un maggior reddito futuro, quindi, l investimento dipende da un lato dalle aspettative sul reddito futuro, sulla possibilità di ottenere redditi e profitti nel futuro, accrescendo la capacità produttiva e, dall altro, dal costo finanziario dell investimento, specificamente dipende dal tasso d interesse di mercato, perché chi effettua un investimento deve confrontare il rendimento che può ottenere con il costo dei fondi necessari ad effettuare l investimento. Quindi, l investimento dipende dal reddito atteso, dal reddito futuro, aspettative di reddito e tasso di interesse di mercato, non dipende perciò dal livello del reddito corrente così come il consumo, in una prima analisi possiamo considerarlo come una spesa autonoma rispetto al reddito corrente, indipendente dal livello del reddito. La spesa pubblica è costituita dalle uscite dell amministrazione centrale e periferica dello Stato per acquisire beni e servizi sul

17 Domanda aggregata e reddito di equilibrio 129 mercato. Questa spesa dipende dalle necessità di gestione dell amministrazione, dai servizi che sono forniti per il funzionamento del sistema e per il soddisfacimento delle esigenze degli operatori e, in ultima analisi, dipende dalle scelte del governo che può in un certo senso manovrarla per raggiungere gli obiettivi politici che si prefigge. In ogni caso la spesa pubblica non dipende dal livello del reddito corrente, ma dipende dalle decisioni del governo, è da considerare, perciò, una componente autonoma rispetto al reddito. Non consideriamo per il momento il settore estero, ma soltanto il settore privato e il settore pubblico che operano in un economia chiusa, senza rapporti con il resto del mondo. Abbiamo perciò: Y = AD = C + I + G Il consumo è dato da una componente autonoma e da una componente legata al reddito corrente C = ā + by Sia la spesa per investimenti che la spesa pubblica sono considerate autonome rispetto al livello del reddito corrente _ I = I _ G = G Sostituendo le funzioni di consumo, investimento e spesa pubblica, nella prima funzione abbiamo _ Y = a + by + I + G Il livello del reddito dipende da tre componenti di spesa autonoma, cioè il consumo autonomo, l investimento, la spesa pubblica e da

18 130 Mario Oteri una componente, il consumo, che a sua volta dipende dallo stesso livello del reddito; la relazione tra consumo e reddito è espressa da b, la propensione marginale al consumo. Fig.ra 4.3 Domanda aggregata e Reddito di equilibrio D 45 E 1 D 1 = a+by+i+g C= a+by E a+i+g a Y Y 1 Y Per rappresentare questa funzione complessiva di domanda su un grafico dobbiamo aggiungere alla spesa per consumi le altre componenti autonome. Non dobbiamo fare altro che riformulare il

19 Domanda aggregata e reddito di equilibrio 131 grafico del consumo, aggiungendo investimenti, e spesa pubblica: la componente autonoma della spesa è ora maggiore e l intercetta della funzione con l asse delle ordinate si sposta verso l alto. Alla funzione del consumo, C=ā+bY, dove ā indica la componente autonoma sull asse delle ordinate, e b, l inclinazione della funzione, misura la relazione con il reddito, aggiungiamo le altre componenti della spesa che non dipendono dal reddito. Aggiungendo alla funzione del consumo le componenti autonome I e G, la funzione complessiva si sposta parallelamente a se stessa verso l alto, in D 1 = ā + by + Ī + G. Ciò che cambia nelle due funzioni è il livello della costante che esprime la spesa autonoma, prima era soltanto ā e poi diventa ā + Ī +G. L inclinazione non è cambiata perché dipende dal parametro b, cioè dalla propensione marginale al consumo, se b non cambia, l inclinazione non cambia, quindi, la relazione fra incremento del reddito e incremento della spesa rimane invariata, la pendenza della funzione è invariata, varia solo la componente autonoma della spesa. Le componenti autonome della spesa si sommano, il parametro b ci indica invece come varia la spesa per consumi al variare del reddito Tanto maggiore è la propensione marginale al consumo tanto maggiore è l inclinazione, tanto più bassa è la propensione marginale al consumo tanto minore l inclinazione, se non vi è alcuna propensione marginale al consumo, cioè tutto l incremento del reddito è risparmiato, la funzione si presenta parallela all asse delle ascisse. Il sistema è in equilibrio quando tutto il reddito prodotto viene domandato sul mercato, cioè quando la funzione di domanda incontra la bisettrice a 45, questo è in corrispondenza al punto E e il livello di equilibrio del reddito Y 1. La bisettrice divide il quadrante in due parti uguali, quindi, lungo la bisettrice ordinata e ascissa sono uguali, in questo caso ci dice che il reddito

20 132 Mario Oteri e la domanda sono uguali, cioè sono in equilibrio, perché tutto ciò che è prodotto è domandato sul mercato, a sinistra la domanda supera il prodotto, la funziona è al di sopra del reddito prodotto, e quindi, c è un eccesso di domanda il reddito tende ad aumentare, a destra invece la situazione è esattamente inversa, la domanda è al di sotto della bisettrice, cioè del reddito prodotto, quindi una parte della produzione rimane non richiesta sul mercato, le imprese tendono a ridurre la produzione Teoria del moltiplicatore e reddito di equilibrio. Qual è il livello del reddito di equilibrio, cioè del reddito che rende uguale la domanda con l offerta? Partiamo dall equazione del reddito _ Y = a + by + I + G Se l incognita è il reddito Y, dobbiamo portare by al primo membro e avremo Y-bY _ Y - by = a + I + G si mette in evidenza Y e abbiamo (1-b) Y, dove (1-b) è la propensione marginale al risparmio. _ (1 b) Y = a + I + G Questa equazione pone la condizione di equilibrio del reddito nazionale, il risparmio (1-b)Y deve essere uguale alle componenti

21 Domanda aggregata e reddito di equilibrio 133 della domanda, innanzitutto all investimento, S = I; in questo caso si aggiunge il consumo autonomo, l altra componente privata della spesa, S = I + ā, e la spesa del settore pubblico, (GbT). La risoluzione algebrica è immediata _ Y = a + I + G \ (1 b) Che può essere scritta _ Y = 1 / (1 b) (a + I + G ) Ho semplicemente riscritto questa parte in modo da evidenziare due elementi, sulla destra non sono altro che le componenti autonome della spesa, consumo, investimenti e spesa pubblica, mentre 1/(1-b) è il cosiddetto moltiplicatore, cioè il valore per il quale dobbiamo moltiplicare le componenti autonome della spesa se vogliamo conoscere il livello di equilibrio del reddito nazionale. La teoria del moltiplicatore sostiene che al variare di una componente autonoma della spesa il reddito varia in misura più che proporzionale, che il reddito è un multiplo della spesa autonoma perché è influenzato anche dal consumo indotto, dalla spesa indotta. Per capire come funziona il meccanismo del moltiplicatore facciamo riferimento alla costruzione di un impianto in una zona poco sviluppata, ad esempio in provincia di Messina, trent anni fa, costruirono un impianto della Pirelli, in località Villafranca. La realizzazione di un impresa come la Pirelli, che costruiva pneumatici, ebbe un effetto molto positivo sull economia della zona; è cresciuto il reddito delle persone che hanno lavorato alla costruzione della fabbrica e delle persone che sono state occupate all interno della fabbrica. Il reddito dell intera zona è cresciuto al di là dei redditi degli addetti alla fabbrica,

22 134 Mario Oteri perché hanno cominciato a costruire case per la gente che andava a lavorare, ad aprire negozi di prodotti alimentari, di abbigliamento, cominciarono a sorgere imprese che offrivano servizi alla fabbrica, servizi di pulizie, di mense, di manutenzione impianti. Quindi, l effetto di un investimento, in questo caso, fu un effetto molto più ampio della spesa iniziale: come in uno stagno quando si tira una pietra e le onde si vanno estendendo sempre più con un effetto tanto minore quanto maggiore è la distanza ma che non si limita solo al punto dove è caduta da pietra. Questo effetto espansivo di una qualunque spesa, ovviamente vale sia in termini positivi che in termini negativi. Quando a Villafranca lo stabilimento Pirelli è stato chiuso, il reddito complessivo della zona si è ridotto, ben al di là della riduzione dei redditi dei lavoratori impiegati nello stabilimento. Gli effetti amplificati delle variazioni di spesa dipendono dal fatto che accanto alla spesa iniziale vi sono effetti indotti, in particolare abbiamo il consumo indotto. Usiamo un esempio numerico. Ipotizziamo che ci sia una variazione della spesa per investimenti pari a 100, (di = 100), ad esempio si decide di realizzare una strada, questo significa che verranno assunti lavoratori e, quindi, il reddito di questi lavoratori aumenta esattamente dell ammontare della spesa. Se tutto il reddito fosse risparmiato, la storia finirebbe qui, 100 è la spesa iniziale, 100 è l incremento del reddito, questo reddito viene ad essere interamente conservato; ma sappiamo che il reddito non viene interamente risparmiato, una parte di questo reddito viene ad essere spesa. La parte di reddito spesa dipende dalla propensione marginale al consumo, (by), cioè la parte di incremento del reddito che è spesa in incremento dei consumi, il consumo indotto, la spesa indotta. Ipotizziamo che b sia uguale a 0,80, cioè che l 80% del reddito sia speso in consumi; a fronte di un aumento del

Capitolo 6. Il modello IS - LM

Capitolo 6. Il modello IS - LM Capitolo 6 187 Il modello IS - LM Fino ad ora abbiamo considerato separatamente il mercato delle merci e il mercato della moneta, a questo punto dobbiamo prendere in considerazione i collegamenti esistenti

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Aspettative, consumo e investimento

Aspettative, consumo e investimento Aspettative, consumo e investimento In questa lezione: Studiamo come le aspettative di reddito e ricchezza futuro determinano le decisioni di consumo e investimento degli individui. Studiamo cosa determina

Dettagli

Capitolo Quinto: L interesse

Capitolo Quinto: L interesse Capitolo Quinto: L interesse 95 Capitolo Quinto L interesse L interesse può essere definito come il prezzo che si paga per l uso del risparmio altrui: esso viene corrisposto a chi dispone di capitale finanziario

Dettagli

Macroeconomia. quindi: C

Macroeconomia. quindi: C Macroeconomia. Modello Keynesiano Politica economica è interna. Quindi le uniche componenti che ci interessano per la domanda aggregata sono il consumo, gli investimenti e la spesa pubblica. (.) D = C

Dettagli

b. Che cosa succede alla frazione di reddito nazionale che viene risparmiata?

b. Che cosa succede alla frazione di reddito nazionale che viene risparmiata? Esercitazione 7 Domande 1. L investimento programmato è pari a 100. Le famiglie decidono di risparmiare una frazione maggiore del proprio reddito e la funzione del consumo passa da C = 0,8Y a C = 0,5Y.

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

Indice. 1 Il settore reale --------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Il settore reale --------------------------------------------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE VI IL MERCATO REALE PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 Il settore reale ---------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Macroeconomia II a parte

Macroeconomia II a parte Macroeconomia II a parte Prof. Ing.. Giovanni Perrone Production Engineering Research WorkGROUP Agenda Risparmio ed investimento; Propensione al consumo e al risparmio; Propensioni marginali; La determinazione

Dettagli

Le componenti della domanda aggregata

Le componenti della domanda aggregata Le componenti della domanda aggregata Lezione 3 Lezione 3 Economia Politica - Macroeconomia 1 Le componenti della domanda aggregata Ricordiamole: Consumo (C) Investimento (I) Spesa Pubblica (G) Ricordiamo

Dettagli

7. Il mercato della moneta

7. Il mercato della moneta 7. Il mercato della moneta 7.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta un flusso

Dettagli

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 26 Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale In questa lezione Banca centrale Europea (BCE) e tassi di interesse: M D e sue determinanti; M S ed equilibrio del mercato monetario;

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 24 Il mercato dei beni

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 24 Il mercato dei beni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 24 Il mercato dei beni Prof. Gianmaria Martini Domanda ed offerta Uno degli schemi logici fondamentali dell analisi economica

Dettagli

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota Capitolo 11 Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici Francesco Prota Piano della lezione Lo stock di moneta e l equilibrio nel mercato monetario: la curva LM Il modello IS-LM

Dettagli

Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 3 Risparmio, Spesa e Fluttuazioni di breve periodo Soluzioni

Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 3 Risparmio, Spesa e Fluttuazioni di breve periodo Soluzioni Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 3 Risparmio, Spesa e Fluttuazioni di breve periodo Soluzioni Daria Vigani Maggio 204. In ciascuna delle seguenti situazioni calcolate risparmio nazionale,

Dettagli

Imposte ed efficienza economica

Imposte ed efficienza economica Imposte ed efficienza economica Imposte ed efficienza economica Nell immediato, ogni aumento delle imposte fa diminuire il benessere dei contribuenti. Nel lungo periodo, tale diminuzione è compensata dai

Dettagli

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM 2 OBIETTIVO: Il modello IS-LM Fornire uno schema concettuale per analizzare la determinazione congiunta della produzione e del tasso

Dettagli

LEZIONE 6. Il modello keynesiano

LEZIONE 6. Il modello keynesiano LEZIONE 6 IL MODELLO REDDITO SPESA Il modello keynesiano La GD segna l origine della teoria macroeconomica moderna Il modello classico e i relativi precetti di politica economica si dimostrano incapaci

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

Lezione 24: Il modello reddito spesa e il

Lezione 24: Il modello reddito spesa e il Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 24: Il modello reddito spesa e il moltiplicatore del reddito Facoltà di Economia Università di Sapienza Roma Da che dipendono C e I? Per cercare di tener

Dettagli

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10) A B C D 11) A B

Dettagli

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 1. La domanda di moneta La moneta può essere usata per transazioni, ma non paga interessi. In realtà ci sono due tipi di moneta: il circolante, la moneta metallica e cartacea,

Dettagli

SOLUZIONE PRIMA ESERCITAZIONE MACROECONOMIA

SOLUZIONE PRIMA ESERCITAZIONE MACROECONOMIA SOLUZIONE PRIMA ESERCITAZIONE MACROECONOMIA Questa esercitazione si compone di quattro parti, ciascuna riguardante gli argomenti svolti in aula a lezione. Per ciascun argomento, trovate un esercizio che

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette)

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette) In una ora rispondere alle dieci domande a risposta multipla e a una delle due domande a risposta aperta, e risolvere l esercizio. DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Master della filiera cereagricola Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Facoltà di Agraria Università di Teramo Impresa e mercati Parte prima L impresa L impresa e il suo problema economico L economia studia

Dettagli

Macroeconomia Luca Deidda e-mail: deidda@uniss.it. Lezione 16: Microfondazioni: 1) Investimenti; 2) Domanda e Offerta di moneta; 3) Consumo

Macroeconomia Luca Deidda e-mail: deidda@uniss.it. Lezione 16: Microfondazioni: 1) Investimenti; 2) Domanda e Offerta di moneta; 3) Consumo Macroeconomia Luca Deidda e-mail: deidda@uniss.it Lezione 16: Microfondazioni: 1) Investimenti; 2) Domanda e Offerta di moneta; 3) Consumo 0 Obbiettivi Analisi dei fondamenti microeconomici di Funzione

Dettagli

Lezione 23 Legge di Walras

Lezione 23 Legge di Walras Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 23 Legge di Walras Funzione del Consumo Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Perché la macroeconomia I problem illustrati nelle lezione precedente

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Abbiamo detto che le risorse che costituiscono il reddito nazionale possono essere

Dettagli

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014 Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici Università degli Studi di Bari Aldo Moro Corso di Macroeconomia 2014 1. Assumete che = 10% e = 1. Usando la definizione di inflazione attesa

Dettagli

Una tipica richiesta degli esercizi di Macroeconomia è il calcolo del reddito (Y) e del tasso d'interesse (i) d'equilibrio macroeconomico generale.

Una tipica richiesta degli esercizi di Macroeconomia è il calcolo del reddito (Y) e del tasso d'interesse (i) d'equilibrio macroeconomico generale. Esercizi di Macroeconomia PARTE I: ECONOMIA CHIUSA SENZA DEBITO Una tipica richiesta degli esercizi di Macroeconomia è il calcolo del reddito (Y) e del tasso d'interesse (i) d'equilibrio macroeconomico

Dettagli

Geometria analitica di base (prima parte)

Geometria analitica di base (prima parte) SAPERE Al termine di questo capitolo, avrai appreso: come fissare un sistema di riferimento cartesiano ortogonale il significato di equazione di una retta il significato di coefficiente angolare di una

Dettagli

Lezione 5: Gli investimenti e la scheda IS

Lezione 5: Gli investimenti e la scheda IS Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 5: Gli investimenti e la scheda IS Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Comovimento di C e Y -Italia

Dettagli

Macro 2. Marco Grazzi Economia Politica 2010/11

Macro 2. Marco Grazzi Economia Politica 2010/11 Macro 2 Il prodotto nazionale e la spesa aggregata Obbiettivo della macroeconomia Uno degli obbiettivi più importanti della macroeconomia è quello di spiegare come si determina il PIL e quali sono le cause

Dettagli

Macroeconomia: scuole di pensiero

Macroeconomia: scuole di pensiero Macroeconomia: scuole di pensiero Le diverse scuole di pensiero possono essere raggruppate in due filoni principali: LIBERISTI (e monetaristi): sui mercati l aggiustamento all equilibrio è basato sulla

Dettagli

Lezione 5 (BAG cap. 3) Il mercato dei beni. Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia

Lezione 5 (BAG cap. 3) Il mercato dei beni. Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Lezione 5 (BAG cap. 3) Il mercato dei beni Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia 1 Interazione tra produzione, reddito e domanda Variazione della domanda di beni Variazione della

Dettagli

Le ipotesi del modello

Le ipotesi del modello Modello IS-LM Le ipotesi del modello I prezzi sono dati gli aggiustamenti passano attraverso variazioni delle quantità prodotte e del tasso di interesse L investimento non è più esogeno (come nel modello

Dettagli

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Determinanti della domanda aggregata nel breve periodo Un modello di breve periodo dell equilibrio del mercato dei beni Un modello di breve periodo dell equilibrio

Dettagli

Modulo 2. Domanda aggregata e livello di produzione

Modulo 2. Domanda aggregata e livello di produzione Modulo 2 Domanda aggregata e livello di produzione Esercizio. In un sistema economico privo di settore pubblico, la funzione di consumo è: C = 200 + 0.8Y; gli investimenti sono I= 50. a) Qual è il livello

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Prodotto interno lordo (PIL) Composizione dal punto di vista della spesa

Prodotto interno lordo (PIL) Composizione dal punto di vista della spesa Prodotto interno lordo (PIL) Composizione dal punto di vista della spesa Il PIL è la somma dei valori monetari del consumo (C), dell investimento lordo, della spesa pubblica per beni e servizi (G) e delle

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Dopo aver analizzato il mercato dei beni (i.e. i mercati reali) passiamo allo studio dei mercati finanziari. Ricordo che, proprio come nello studio del settore reale (IS), anche

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli

Il mercato dei beni in economia aperta

Il mercato dei beni in economia aperta Il mercato dei beni in economia aperta La differenza tra economia aperta e chiusa In una economia chiusa tutta la produzione viene venduta entro i confini nazionali, la domanda nazionale di beni (la spesa

Dettagli

I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM. Assunzione da rimuovere. Investimenti, I

I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM. Assunzione da rimuovere. Investimenti, I I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Assunzione da rimuovere Rimuoviamo l ipotesi che gli Investimenti sono una variabile esogena. Investimenti, I Gli investimenti delle imprese

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie I mercati finanziari migliorano la negoziabilità dei titoli; gli intermediari emettono passività più liquide dei titoli con i quali concedono credito. Solo

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 4

Economia monetaria e creditizia. Slide 4 Economia monetaria e creditizia Slide 4 Le teorie diverse che spiegano come di determina la domanda di moneta possono essere ricondotte alle due funzioni di mezzo di pagamento e di riserva di valore la

Dettagli

Aspettative, Produzione e Politica Economica

Aspettative, Produzione e Politica Economica Aspettative, Produzione e Politica Economica In questa lezione: Studiamo gli effetti delle aspettative sui livelli di spesa e produzione. Riformuliamo il modello IS-LM in un contesto con aspettative. Determiniamo

Dettagli

La Teoria Moderna del Consumo

La Teoria Moderna del Consumo La Teoria Moderna del Consumo Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it Spesa per consumi Il consumo è la componente predominante della

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI MACROECONOMIA - Anno accademico 2015-2016, I semestre

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI MACROECONOMIA - Anno accademico 2015-2016, I semestre UNIVERSIT DEGLI STUDI DI SSSRI DIPRTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E ZIENDLI MCROECONOMI - nno accademico 2015-2016, I semestre Soluzioni esercitazione (seconda parte del programma), 11122015 PRTE ) 1) Si

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 Funzioni della moneta Consideriamo i mercati della moneta e delle attività

Dettagli

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili 1 3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili Abbiamo fin qui analizzato in dettaglio in quale modo i tassi di interesse determinano il valore degli strumenti finanziari. Vista la forte incidenza che

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA SOMMARIO: 2.1 La domanda. - 2.2 Costi, economie di scala ed economie di varietà. - 2.2.1 I costi. - 2.2.2 Le economie di scala. - 2.2.3 Le economie di varietà.

Dettagli

Capitolo 7 Equilibrio in economia aperta

Capitolo 7 Equilibrio in economia aperta Capitolo 7 Equilibrio in economia aperta 7.1 I rapporti con il resto del mondo Il commercio internazionale rappresenta il complesso degli scambi di beni e servizi tra diversi paesi. Un sistema economico

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

Indice. 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE VII IL SETTORE MONETARIO PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Il modello IS-LM in regime di cambi fissi e di cambi flessibili. Economia Applicata all'ingegneria

Il modello IS-LM in regime di cambi fissi e di cambi flessibili. Economia Applicata all'ingegneria Il modello IS-LM in regime di cambi fissi e di cambi flessibili Economia Applicata all'ingegneria 1 Il modello Mundell - Fleming E un'estensione del modello IS-LM per un sistema aperto, quando le transazioni

Dettagli

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A Ω B Ω C Ω D Ω 2) A Ω B Ω C Ω D Ω 3) A Ω B Ω C Ω D Ω 4) A Ω B Ω C Ω

Dettagli

Il modello IS-LM. Determiniamo le condizioni per cui il mercato dei beni è in equilibrio.

Il modello IS-LM. Determiniamo le condizioni per cui il mercato dei beni è in equilibrio. Il modello IS-LM In questa lezione: Definiamo l equilibrio economico generale. Determiniamo le condizioni per cui il mercato dei beni è in equilibrio. Costruiamo la curva IS e la curva LM e ne determiniamo

Dettagli

appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA

appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA In questa appendice analizziamo le relazioni tra il modello DD-AA presentato nel corso del capitolo e un altro modello frequentemente usato per rispondere a

Dettagli

ECONOMIA POLITICA I (prof. G.Garofalo) Prova del 30/09/2011

ECONOMIA POLITICA I (prof. G.Garofalo) Prova del 30/09/2011 ECONOMIA POLITICA I (prof. G.Garofalo) Prova del 30/09/2011 1. Le funzioni dell investimento e del consumo sono, rispettivamente: I = 70 310 r C = 60 + 0,8 Y Rappresentarle entrambe. Mostrare nello stesso

Dettagli

Equilibrio macroeconomico neoclassico

Equilibrio macroeconomico neoclassico Equilibrio macroeconomico neoclassico La teoria neoclassica (TN) Rappresentò il paradigma teorico di riferimento fino alla crisi del 1929 e prima di Keynes Ancora oggi alcune scuole di pensiero più recenti

Dettagli

Capitolo 7 Equilibrio in economia aperta

Capitolo 7 Equilibrio in economia aperta Capitolo 7 Equilibrio in economia aperta 7.1 I rapporti con il resto del mondo Il commercio internazionale rappresenta il complesso degli scambi di beni e servizi tra diversi paesi. Un sistema economico

Dettagli

Capitolo 3. Teorie alternative dell equilibrio economico

Capitolo 3. Teorie alternative dell equilibrio economico Capitolo 3 Teorie alternative dell equilibrio economico Il sistema economico è in equilibrio quando l offerta trova sul mercato una domanda uguale e corrispondente: in questo caso le imprese riescono a

Dettagli

COMMERCIO INTERNAZIONALE E TECNOLOGIA: IL MODELLO RICARDIANO

COMMERCIO INTERNAZIONALE E TECNOLOGIA: IL MODELLO RICARDIANO 2 COMMERCIO INTERNAZIONALE E TECNOLOGIA: IL MODELLO RICARDIANO 1 Le cause del commercio internazionale 2 Il modello ricardiano 3 La determinazione del pattern di commercio internazionale 4 La determinazione

Dettagli

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta La politica monetaria induce effetti asimmetrici se le aree economiche coinvolte non sono omogenee. Ciò è particolarmente vero in

Dettagli

CAPITOLO 18 L investimento

CAPITOLO 18 L investimento CAPITOLO 18 L investimento Domande di ripasso 1. Nel modello neoclassico dell investimento, le imprese traggono vantaggio dall aumentare la propria dotazione di capitale se la rendita reale del capitale

Dettagli

Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo

Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo Microeconomia, Esercitazione 2 (26/02/204) Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo Dott. Giuseppe Francesco Gori Domande a risposta multipla ) Antonio compra solo due beni, sigarette e banane.

Dettagli

utilità totale. Somma dell utilità che un individuo ricava da ogni dose consumata di un bene; CC La curva dell utilità marginale

utilità totale. Somma dell utilità che un individuo ricava da ogni dose consumata di un bene; CC La curva dell utilità marginale Capitolo 4 L utilità economica e l equilibrio del consumatore 1. Nozione Per utilità economica s intende la capacità di un bene di soddisfare un determinato bisogno. 2. Tipi di utilità Tipi utilità totale.

Dettagli

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza 1 Dotazioni iniziali Il consumatore dispone ora non di un dato reddito monetario ma di un ammontare

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

Esercizio 2. 2.1 Scrivi l equazione di equilibrio nel mercato dei beni. Qual è il livello della produzione di equilibrio?

Esercizio 2. 2.1 Scrivi l equazione di equilibrio nel mercato dei beni. Qual è il livello della produzione di equilibrio? Sergio Vergalli Corso di Economia Politica A-G Università di Brescia Esercizio 2 L economia del principato di Andorra è descritta dalle seguenti equazioni: Md = 6Y -120 i Ms = 5400 T = 400 G = 400 dove,

Dettagli

Lezione 25: Gli investimenti e la

Lezione 25: Gli investimenti e la Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 25: Gli investimenti e la scheda IS Facoltà di Economia Università di Roma Sapienza Comovimento di Ce Y -Italia 1. C è un chiaro comovimento tra fluttuazioni

Dettagli

COMMERCIO E RISORSE: IL MODELLO DI HECKSCHER-OHLIN. Sommario. Sommario. Introduzione. Conclusioni

COMMERCIO E RISORSE: IL MODELLO DI HECKSCHER-OHLIN. Sommario. Sommario. Introduzione. Conclusioni COMMERCIO E RISORSE: IL MODELLO DI HECKSCHER-OHLIN 4 1 Il modello di Heckscher-Ohlin 2 Gli effetti del commercio sui prezzi dei fattori 3 Estensioni del modello di Heckscher-Ohlin 4 Conclusioni Sommario

Dettagli

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 23 Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali In questa lezione Sistema finanziario e allocazione del risparmio a usi produttivi: sistema bancario obbligazioni e azioni Ruolo dei mercati

Dettagli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli Lezione 14. Risparmio e investimento Leonardo Bargigli Risparmio e investimento nella contabilità nazionale Ripartiamo dalla definizione di PIL in termini di spesa finale Y = C + I + G + NX Consideriamo

Dettagli

2 Il modello reddito - spesa

2 Il modello reddito - spesa 2 Il modello reddito - spesa Il modello reddito-spesa (RS) è la rappresentazione più semplificata dell analisi keynesiana e costitutisce il primo passo verso la costruzione del modello più generale a quattro

Dettagli

Macroeconomia, Esercitazione 2. 1 Esercizi. 1.1 Moneta/1. 1.2 Moneta/2. 1.3 Moneta/3. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.

Macroeconomia, Esercitazione 2. 1 Esercizi. 1.1 Moneta/1. 1.2 Moneta/2. 1.3 Moneta/3. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo. acroeconomia, Esercitazione 2. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.it) 1 Esercizi. 1.1 oneta/1 Sapendo che il PIL reale nel 2008 è pari a 50.000 euro e nel 2009 a 60.000 euro, che dal 2008 al

Dettagli

Capitolo 18. La politica fiscale

Capitolo 18. La politica fiscale Capitolo 18 La politica fiscale Definizioni istituzionali La politica fiscale è determinata dall insieme delle entrate e spese del settore pubblico. Occorre quindi definire il settore pubblico Amministrazioni

Dettagli

CAPITOLO 5 L economia aperta

CAPITOLO 5 L economia aperta CPITOLO 5 L economia aperta Domande di ripasso 1. Nel testo abbiamo mostrato che è possibile riscrivere l identità contabile del reddito nazionale come: S I In questa forma l identità contabile del reddito

Dettagli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli Lezione 13. Moneta e inflazione Leonardo Bargigli La Moneta La moneta è tutto ciò che viene accettato come mezzo di acquisto di beni e servizi. E il medium dello scambio che consente di superare il baratto

Dettagli

Basi di matematica per il corso di micro

Basi di matematica per il corso di micro Basi di matematica per il corso di micro Microeconomia (anno accademico 2006-2007) Lezione del 21 Marzo 2007 Marianna Belloc 1 Le funzioni 1.1 Definizione Una funzione è una regola che descrive una relazione

Dettagli

I mercati finanziari

I mercati finanziari Lezione 6 (BAG cap. 4) I mercati finanziari Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia I mercati finanziari 1. La domanda di moneta 2. L offerta di moneta: il ruolo della Banca Centrale

Dettagli

La bilancia dei pagamenti e l economia aperta

La bilancia dei pagamenti e l economia aperta Capitolo 7 La bilancia dei pagamenti e l economia aperta Sulla base del rapporto export - PIL gli USA sono un economia quasi chiusa: Stato Export/Pil % USA 10 GERMANIA 32 G.B. 25 BELGIO 73 LUSSEMBURGO

Dettagli

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario Inquadramento generale In questa unità didattica analizzeremo come i risparmi delle famiglie affluiscono alle imprese per trasformarsi in investimenti.

Dettagli

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 CAPITOLO 10 Crescita: i fatti principali 1) Spiegate cosa si intende per convergenza nella teoria della crescita e mostrate il grafico con cui si rappresenta. 2) Spiegate

Dettagli

I COSTI PROF. MATTIA LETTIERI

I COSTI PROF. MATTIA LETTIERI I COSTI ROF. MATTIA LETTIERI Indice 1. LE FUNZIONI DI COSTO --------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2. I COSTI DELL IMRESA NEL BREVE ERIODO

Dettagli

La scelta di portafoglio

La scelta di portafoglio La scelta di portafoglio 1 La scelta di portafoglio La scelta di portafoglio: il modo in cui un individuo decide di allocare la propria ricchezza tra più titoli Il mercato dei titoli è un istituzione che

Dettagli

Approfondimenti La dinamica nel modello Is-Lm

Approfondimenti La dinamica nel modello Is-Lm Approfondimenti La dinamica nel modello Is-Lm 1. Aggiungiamo la dinamica Negli approfondimenti dedicati al mercato dei beni abbiamo aggiunto considerazioni dinamiche alla nostra descrizione del mercato

Dettagli

Lezione 5. Livello e composizione della ricchezza delle famiglie

Lezione 5. Livello e composizione della ricchezza delle famiglie Lezione 5. Livello e composizione della ricchezza delle famiglie Scelte finanziarie delle famiglie: a determinano i flussi di risparmio che alimentano lo stock di ricchezza; selezionano le attività patrimoniali

Dettagli

Blanchard Amighini Giavazzi, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011. Il modello IS-LM in economia aperta

Blanchard Amighini Giavazzi, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011. Il modello IS-LM in economia aperta Capitolo VI. Il modello IS-LM in economia aperta 1. I mercati dei beni in economia aperta Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni

Dettagli

Y=300+0,5(Y-0,2Y)+200+1000=1500+0,4Y. Risolvendo per la produzione di equilibrio si ottiene Y=1500/0,6=2.500.

Y=300+0,5(Y-0,2Y)+200+1000=1500+0,4Y. Risolvendo per la produzione di equilibrio si ottiene Y=1500/0,6=2.500. Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici Università degli Studi di Bari Aldo Moro, sede di Brindisi Corso di Laurea in Economia aziendale Macroeconomia 2014 Esercizi 1.Suppponete che un economia

Dettagli