Capitolo 4. Domanda aggregata e reddito di equilibrio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 4. Domanda aggregata e reddito di equilibrio"

Transcript

1 Capitolo 4 Domanda aggregata e reddito di equilibrio 4.1 La funzione keynesiana del consumo Abbiamo visto che, almeno nel breve periodo, il livello del reddito dipende dalla domanda aggregata che è composta dalla spesa per consumi, dalla spesa per investimenti, dalla spesa pubblica e dalle esportazioni al netto delle importazioni. Y = AD = C + I + G + XN La spesa per consumi effettuata dalle famiglie rappresenta la componente più consistente della domanda aggregata. Secondo l impostazione keynesiana, basata su analisi crosssection, che misurano cioè il comportamento di spesa di famiglie con livelli di reddito differenti nello stesso periodo di tempo, il consumo è formato da una componente autonoma, indipendente dal livello del reddito, e da una componente che dipende dal livello del reddito corrente. La componente autonoma rappresenta il cosiddetto consumo di sussistenza, cioè il consumo necessario per far fronte alle necessità essenziali che devono essere soddisfatte anche se il livello del reddito è molto basso. Il consumo autonomo è definito con ā soprassegnato ad indicare che si tratta di una spesa costante e indipendente dal livello del reddito. La parte di consumo che dipende dal reddito, invece, varia al variare del reddito in maniera diretta: mano a mano che reddito

2 114 Mario Oteri aumenta una parte di questo incremento è spesa in consumi. La propensione marginale al consumo misura il rapporto fra variazione del consumo e variazione del reddito, indica cioè la parte d incremento del reddito spesa in incrementi del consumo Pmc = dc\dy La propensione marginale al consumo è normalmente >0 ma <1. Se fosse uguale a zero l incremento del reddito non verrebbe speso in consumi, il reddito aumenta di 1000 l incremento del consumo sarebbe zero. Se fosse uguale a 1 starebbe a significare che tutto l incremento del reddito è speso in incremento del consumo. Di norma la propensione al consumo assume valori fra il 75% e il 90%, è molto elevata negli Stati Uniti, in Italia è circa 80% mentre è minore in Giappone. La Propensione marginale al consumo è indicata con il parametro b, un valore percentuale che esprime la relazione fra variazione del consumo e variazione del reddito. Secondo la teoria Keynesiana al crescere del reddito la propensione marginale al consumo tende a diminuire, nel senso che la quota dell incremento di reddito spesa in consumi va diminuendo man mano che il reddito aumenta, ma per semplicità di analisi si assume che la propensione marginale al consumo sia costante, ad esempio sia l 80%, a qualunque livello di reddito. Anche se la propensione marginale al consumo è costante, la quota di reddito spesa in consumi diminuisce al crescere del reddito. Detto in altro modo la propensione media al consumo (PMC), cioè il rapporto fra consumo (C) e reddito (Y), diminuisce mano a mano che il reddito aumenta. PMC = C\Y dove a indica la componente autonoma e by la spesa per consumi che dipende dal livello del reddito corrente.

3 Domanda aggregata e reddito di equilibrio 115 Figura 4.1 Funzione keynesiana del consumo C A C E b 45 O Y Y' Chi ha un reddito di 1000 al mese ne spenderà circa 990, cioè ha una propensione al consumo media del 99%; chi ha un reddito di al mese ne spenderà 8000, in valore assoluto ha un consumo maggiore ma in valore relativo la propensione media è sceso all 80%, quindi mano a mano che il reddito aumenta la propensione media al consumo diminuisce. In conclusione la funzione del consumo, secondo l impostazione keynesiana, può essere indicata dalla funzione _ C = a + by

4 116 Mario Oteri La funzione del consumo keynesiana si rappresenta su un grafico dove i valori di equilibrio sono individuati lungo la bisettrice che, dividendo la superficie in due parti uguali, indica l insieme di combinazioni che rendono uguali i valori di ordinata e i valori di ascissa. Poniamo il consumo in ordinata, e in ascissa il livello del reddito, lungo la bisettrice i due valori sono uguali; tracciamo la funzione del consumo, sapendo che ā rappresenta la componente autonoma del consumo rispetto al reddito, qualunque sia il livello del reddito il consumo è costante al livello Oā. La pendenza della funzione del consumo dipende dal valore di b, la Propensione marginale al consumo, che ci dice come varia il consumo al variare del reddito. Se b fosse uguale a zero, il consumo sarebbe costituito solo dalla componente autonoma e sarebbe perciò una costante rappresentata da una retta parallela all asse delle ascisse. Se b fosse uguale a 1 la funzione del consumo avrebbe un inclinazione a 45 ad indicare che tutto l incremento del reddito è speso in incremento dei consumi. Ma abbiamo detto che b è maggiore di zero ma minore uno, quindi la funzione del consumo avrà un inclinazione compresa fra il valore zero, funzione parallela all asse delle ascisse, e il valore uno, funzione parallela alla bisettrice. L inclinazione della funzione del consumo è misurata da b, la propensione marginale al consumo, tanto più è elevata b tanto maggiore è l inclinazione, tanto più basso il valore di b tanto più piatta è la funzione. Il livello da cui parte la funzione del consumo dipende dal parametro ā, cioè dal consumo di sussistenza, dal consumo minimo che bisogna garantire qualunque sia il livello del reddito. La funzione del consumo è rappresentata con una retta perché abbiamo assunto che il valore di b, la propensione marginale al consumo, non varia al variare del reddito e, quindi, la funzione del consumo ha sempre la stessa inclinazione. Abbiamo detto, invece, che la propensione media diminuisce. Il valore

5 Domanda aggregata e reddito di equilibrio 117 medio è misurato dal rapporto fra l ordinata e l ascissa, quindi in ciascun punto questo rapporto non è dato altro che dall inclinazione della corda che unisce l origine degli assi al punto considerato. Se consideriamo il punto E sulla funzione del consumo, la propensione media è misurata dal rapporto fra il consumo YE e il reddito OY ed è data dal tratto OE della bisettrice: dato che il valore di ordinata è esattamente uguale al valore di ascissa, il rapporto fra consumo e reddito è uguale ad uno e si trova sulla bisettrice. Se consideriamo il punto A sulla stessa funzione ma a destra di E, il consumo pari a Y 1 A sarà inferiore al reddito OY 1, l inclinazione della corda OA, che unisce l origine degli assi al punto A, è perciò minore di uno. Se andiamo a sinistra del punto E, invece, l inclinazione è maggiore, cioè si consuma più di quanto non si abbia, il consumo supera il reddito, l ordinata supera l ascissa. A sinistra del punto E il reddito è inferiore al consumo, gli operatori effettuano un consumo superiore al loro reddito, la funzione del consumo è al di sopra della bisettrice. Nel punto E il consumo è uguale al reddito, tutto il reddito è interamente consumato, la funzione del consumo incontra la bisettrice. A destra del punto E la funzione del consumo è sotto la bisettrice, il reddito supera il consumo, non tutto il reddito è speso in consumo La funzione del risparmio Nell impostazione keynesiana il risparmio non è altro che il reddito non consumato, cioè il reddito (Y) meno il consumo (C). S = Y - C S = Y - (a + by) S = -a + (1-b)Y

6 118 Mario Oteri La funzione del risparmio è speculare a quella del consumo: quando il reddito è zero gli operatori possono spendere per consumi solamente indebitandosi, perciò ad una spesa per consumi pari ad (a)corrisponde un risparmio negativo pari a ( a). A mano a mano che il reddito cresce si comincia a risparmiare: se la quota di reddito consumata è pari a b (propensione marginale al consumo), ad es. l 80%, la quota di reddito non consumata, cioè risparmiata, è pari a 1-b (propensione marginale al risparmio), ad es. il 20%. In tal modo si riduce l indebitamento netto al crescere del reddito. Figura Funzione keynesiana del risparmio C C E ā b S O Y -ā

7 Domanda aggregata e reddito di equilibrio 119 Quando tutto il reddito è speso in consumi il risparmio è uguale a zero. Da quel punto in poi il consumo diventa minore del reddito e il risparmio comincia ad essere positivo. La funzione del risparmio ha un andamento speculare a quella del consumo. Quando il livello del reddito è zero il risparmio è -a, ad indicare che non c è risparmio ma debiti. Aumentando il livello del reddito l indebitamento va riducendosi, a livello di reddito Y in corrispondenza del punto E, tutto il reddito è speso in consumi e il risparmio è uguale a zero. L inclinazione della funzione del risparmio è data da (1-b) la propensione marginale al risparmio (PmgS). Secondo i keynesiani la propensione media al risparmio è positiva e crescente ad indicare che crescendo il livello del reddito aumenta il risparmio. Ma questo vuol dire che diminuisce la spesa per consumi e, dato che il livello di produzione dipende dalla spesa, si corre il rischio che il sistema economico possa incorrere in una fase di stagnazione o addirittura di crisi. 4.2 Sviluppi della teoria del consumo Se cresce il risparmio, diminuisce la spesa per consumo e, quindi, diminuisce la domanda, si corre il rischio che la produzione non possa essere venduta sul mercato. Su questo presupposto si basa l impostazione Keynesiana e l idea che sia opportuno sostenere il livello della spesa con l intervento pubblico. In particolare alla fine della seconda guerra mondiale gli economisti si aspettavano un crollo dei consumi legato alla riconversione dell economia di guerra in economia di pace. Ma, in effetti, il livello della domanda di consumi si mantenne elevato e non avvenne il crollo che si temeva, anzi alcune analisi empiriche sull andamento dei consumi, basati su serie temporali,

8 120 Mario Oteri evidenziarono un legame abbastanza stabile fra consumo e reddito che, in contrasto con l impostazione keynesiana, stava ad indicare una propensione media al consumo costante. Figura Funzione del consumo C 45 a 2 a 1 a 1 Elaborazione su dati temporali a 2 Elaborazione su dati cross-section Y Varie interpretazioni furono avanzate per spiegare l apparente contraddizione fra la funzione del consumo keynesiana, basata su dati cross-section ( funzione a 1 nella figura 4.2.1) e i risultati delle analisi basate su serie temporali ( funzione a 2 nella stessa figura). Nel tentativo di riconciliare le due funzione alcune interpretazioni si agganciano ad elementi di tipo sociologico, in particolare si considerano nel

9 Domanda aggregata e reddito di equilibrio 121 comportamento delle famiglie due effetti quello di dimostrazione e quello di aggancio. L effetto di dimostrazione si basa sull idea che il consumo non è determinato solamente dall esigenza di soddisfare i bisogni ma è anche un mezzo per mostrare lo status delle famiglie, è uno strumento che rappresenta l immagine della famiglia nella società, e in genere le famiglie cercano di seguire i livelli di consumo, i modelli di consumo, delle famiglie con reddito superiore per apparire più agiate; vi è, quindi, una tendenza ad un consumo crescente, perché tutti cercano di adeguarsi alle famiglie che hanno comportamenti di spesa più elevati. In tal modo si spiega la spinta verso l alto dei consumi, che ha successivamente portato al c.d. consumismo. Figura Funzione del consumo : effetto aggancio. 45 C a 2 a 1 Y Y 1 Y

10 122 Mario Oteri L effetto aggancio, invece, si basa sull idea che una volta raggiunti certi livelli di consumo è difficile tornare indietro: se vi è una diminuzione temporanea di reddito le famiglie cercano di mantenere comunque i livelli di consumo raggiunti, riducendo il risparmio o indebitandosi. Le abitudini di consumo raggiunte difficilmente tornano indietro Queste interpretazioni fanno riferimento ad aspetti di tipo sociologico che spiegherebbero perché il livello dei consumi cresce e si sposta verso l altro mano a mano che nuovi beni rappresentano lo status symbol delle famiglie. Nella figura gli operatori si muovono sulla funzione a 2 mantenendo un consumo proporzionale al reddito Y 1 ; se il loro reddito diminuisce al livello Y gli operatori cercano di mantenere costante il loro consumo, riducendo il risparmio o indebitandosi, si muovono lungo la funzione a 1. Quando il reddito ricomincia a crescere gli operatori cercano innanzitutto di ricostituire il loro risparmio e si muovono da Y a Y 1 lungo la funzione a 1 ; una volta raggiunto il precedente livello di reddito Y 1 tornano a muoversi lungo la funzione a 2 mantenendo il consumo proporzionale al reddito Ciclo vitale e reddito permanente. Altre interpretazioni, partendo dal presupposto che gli operatori, le famiglie, cercano di mantenere abbastanza stabile nel tempo il loro livello di consumo, fanno riferimento a un ipotesi del consumo legato a variabili più ampie del semplice livello del reddito. Il livello del reddito corrente appare in quest ottica una

11 Domanda aggregata e reddito di equilibrio 123 variabile insufficiente a spiegare, da solo, le scelte degli operatori e si cerca di collegare il consumo alle aspettative che gli operatori possono avere sul loro reddito complessivo. In quest ambito rientrano la teoria del ciclo vitale e l ipotesi del reddito permanente, elaborate rispettivamente dagli economisti Franco Modigliani e Milton Friedman, che legano le scelte di consumo delle famiglie alle loro aspettative di reddito.. La teoria del ciclo vitale, considera la vita degli uomini divisa in tre parti, la gioventù, il periodo lavorativo, la fase del pensionamento quando non si lavora più. Il reddito è percepito soltanto nel periodo lavorativo mentre quando non si lavora, sia perché si è bambini sia perché si è pensionati, non si percepisce reddito; il consumo tuttavia è necessario in tutte le fasi. Se il consumo fosse legato soltanto al reddito corrente, ci sarebbe un consumo piuttosto elevato nel periodo del lavoro ma non ci sarebbe consumo né nella prima né nella terza fase, quando non si percepisce reddito. A parte la fase dell infanzia quando si è mantenuti dai genitori, la generazione precedente, il problema è evidente nella fase della vecchiaia. Poiché gli operatori devono consumare anche nella terza fase, quando non percepiscono più un reddito da lavoro, sono costretti a risparmiare una parte del loro reddito durante il periodo di lavoro, volontariamente o per intervento pubblico, per avere un reddito nel periodo del ritiro, la pensione, ed essere in grado di garantire un adeguato livello di consumo anche in quella fase. Il consumo, quindi, secondo Modigliani è legato alla vita complessiva dell individuo che consuma più del proprio reddito nella prima fase, l infanzia, quando deve teoricamente indebitarsi sul reddito futuro per avere un consumo presente. Nel secondo periodo, quando lavora e ha un reddito, deve contenere il consumo e risparmiare, perché una parte di questo reddito gli serve a ripagare il consumo fatto nella prima fase e a predisporsi un reddito per il consumo nella fase di pensionamento. Gli operatori quindi accumulano risparmio sino alla fine dell età lavorativa, quando spenderanno il reddito che hanno in precedenza

12 124 Mario Oteri risparmiato per mantenere il livello di consumo al quale sono abituati: nella fase lavorativa il consumo deve essere inferiore al reddito corrente, mentre nelle altre due fasi, infanzia e pensionamento il consumo è sganciato dal reddito corrente e dipende dalla capacità di risparmio della fase lavorativa. L altra teoria, elaborata dall economista Milton Friedman, fa riferimento in particolare agli operatori che non hanno un reddito fisso ma variabile, e introduce il concetto di reddito permanente, che è quel reddito che può essere speso senza intaccare la ricchezza complessiva di un individuo. La ricchezza è costituita non solo da beni, come immobili e terreni, o strumenti finanziari, come titoli e moneta, ma anche dalle capacità personali del soggetto: a parità di reddito corrente vi possono essere, pertanto, posizioni diverse a seconda dell istruzione, della capacità di guadagno, del livello di formazione individuale che rappresentano la ricchezza complessiva dell individuo. Friedman fa, quindi, una differenza fra reddito permanente e reddito transitorio. Secondo Friedman ciascuno ha in mente il suo reddito permanente in un certo periodo di tempo, che dipende dalle sue capacità complessive è che può essere diverso a seconda dei soggetti, anche a parità di reddito corrente. Infatti fra due soggetti che hanno oggi lo stesso lavoro e lo stesso reddito corrente, ma uno è giovane mentre l altro sta per andare in pensione, il primo ha un reddito permanente maggiore rispetto al secondo, perché sa che domani potrà guadagnare di più e quindi oggi può indebitarsi sul futuro per mantenere un consumo più elevato. Il reddito permanente del giovane è maggiore del reddito corrente mentre il reddito permanente dell anziano, ce sta per andare in pensione, è, probabilmente, inferiore al suo reddito corrente; di conseguenza, il consumo permanente del giovane può essere più elevato rispetto a quello dell anziano, perché si aspetta che nel prossimo futuro il suo reddito cresca. Possono esserci anche dei redditi transitori, cioè imprevisti, come ad esempio una piccola vincita al totocalcio

13 Domanda aggregata e reddito di equilibrio 125 o la perdita del portafoglio, che non modificano il nostro modello di vita. I redditi transitori influenzano, invece, il consumo quando modificano il reddito permanente: una vincita di milioni di euro cambia il reddito permanente e, quindi, il tenore di vita. Come il reddito Friedman distingue anche un consumo permanente da un consumo transitorio. Il consumo permanente è legato al reddito permanente, al reddito che il soggetto ha in mente di avere per un certo periodo di tempo; il soggetto cerca di mantenere nel periodo un livello di consumo stabile e corrispondente al suo reddito permanente, indipendentemente dal reddito corrente. Cp = f(yp) Il consumo transitorio è legato, invece, ad una spesa non prevista, come ad esempio un improvviso guasto alla macchina, che non dipende dal reddito transitorio né da quello permanente ma deve essere considerato casuale. In genere il soggetto fa fronte ad un consumo transitorio, improvviso, riducendo il risparmio piuttosto che modificando il suo modo di vita, il suo consumo permanente. Il reddito misurato, così come il consumo misurato, è costituito da componenti permanenti e transitorie: se le componenti transitorie sono positive, il valore misurato è superiore al valore permanente e viceversa, se sono negative. Di solito gli operatori cercano di mantenere un consumo permanente stabile e proporzionale al reddito permanente, quindi se vi è un reddito transitorio positivo la quota del consumo misurato diminuisce rispetto al reddito misurato. Secondo Friedman, l errore dei Keynesiani dipende dal fatto che essi confrontano il consumo misurato e il reddito misurato concludendo che il consumo medio diminuisca al crescere del reddito: invece il consumo è sempre al suo livello permanente dato che una variazione del reddito transitorio non influenza il reddito permanente. Analogamente se il reddito transitorio dovesse essere negativo, il reddito misurato

14 126 Mario Oteri farebbe registrare una diminuzione rispetto al reddito permanente e la quota del consumo, che è rimasta al suo livello permanente, apparirebbe più elevata rispetto al reddito misurato. Se il reddito transitorio dovesse avere effetti sul reddito permanente allora aumenterebbe anche il consumo permanente e la quota del consumo sul reddito rimarrebbe invariata. che. Figura Teoria del reddito permanente. 45 C a 2 C 1 m = C 1 p m n a 1 Cm = Cp q Y 3 m<yp Ym=Yp Y 1 m=y 1 p Y 2 m>y 1 p

15 Domanda aggregata e reddito di equilibrio 127 Considerando i valori di reddito e di consumo misurati, la quota del consumo sembra superiore quando il reddito transitorio diminuisce e inferiore quando il reddito transitorio aumenta: secondo Friedman si tratta di errori di calcolo perché, in realtà, il consumo permanente rimane invariato e proporzionale al reddito permanente come confermano le analisi condotte su serie stori In simboli il reddito misurato (Ym) è dato dal reddito permanente (Yp) e dal reddito transitorio (Yt) Ym = Yp + Yt Analogamente il consumo misurato (Cm) dipende dal consumo permanente(cp) e dal consumo transitorio (Ct) Cm = Cp + Ct Ma solo fra il consumo permanente e il reddito permanente vi è una relazione funzionale Cp = f (Yp) mentre non vi è alcuna relazione fra consumo e reddito transitorio. Nella figura rappresentiamo la teoria del reddito permanente. La funzione del consumo a 2 misura il rapporto proporzionale fra consumo permanente e reddito permanente; al livello di reddito Y 1 m, il reddito misurato e il reddito permanente (Y 1 p) sono uguali e, in corrispondenza al punto m, anche il consumo misurato ( C 1 m )eguaglia il consumo permanente (C 1 p ). Se il reddito transitorio aumenta si verificherà una crescita del reddito misurato che diventa Y 2 m, mentre il reddito permanente rimane invariato al livello Y 1 p; in relazione al nuovo livello del reddito il consumo misurato appare in corrispondenza al punto n sulla funzione del consumo a 1 e sembra, perciò, in proporzione diminuito. Analogamente se il reddito transitorio dovesse diminuire si verificherebbe una riduzione del reddito misurato Ym che diventa Y 3 m, mentre il reddito permanente rimane

16 128 Mario Oteri invariato al livello Yp ; in relazione al nuovo livello del reddito il consumo misurato appare in corrispondenza al punto q sulla funzione del consumo a 1 e sembra, perciò, in proporzione aumentato. In realtà il consumo permanente è sempre uguale in rapporto al reddito permanente che è rimasto invariato: se dovesse crescere il reddito permanente aumenterebbe anche il consumo permanente ma si muoverebbe lungo la funzione a 2 lasciando invariata la proporzione fra le due variabili. 4.3 Domanda aggregata e reddito d equilibrio. Abbiamo affermato che il reddito dipende dalla domanda aggregata, composta dalla spesa per consumi, dalla spesa per investimenti, dalla spesa pubblica, e dalle esportazioni nette. Dopo aver analizzato la funzione del consumo, consideriamo le altre componenti. La spesa per investimenti viene effettuata dalle imprese per accrescere la loro capacità produttiva ed ottenere un maggior reddito futuro, quindi, l investimento dipende da un lato dalle aspettative sul reddito futuro, sulla possibilità di ottenere redditi e profitti nel futuro, accrescendo la capacità produttiva e, dall altro, dal costo finanziario dell investimento, specificamente dipende dal tasso d interesse di mercato, perché chi effettua un investimento deve confrontare il rendimento che può ottenere con il costo dei fondi necessari ad effettuare l investimento. Quindi, l investimento dipende dal reddito atteso, dal reddito futuro, aspettative di reddito e tasso di interesse di mercato, non dipende perciò dal livello del reddito corrente così come il consumo, in una prima analisi possiamo considerarlo come una spesa autonoma rispetto al reddito corrente, indipendente dal livello del reddito. La spesa pubblica è costituita dalle uscite dell amministrazione centrale e periferica dello Stato per acquisire beni e servizi sul

17 Domanda aggregata e reddito di equilibrio 129 mercato. Questa spesa dipende dalle necessità di gestione dell amministrazione, dai servizi che sono forniti per il funzionamento del sistema e per il soddisfacimento delle esigenze degli operatori e, in ultima analisi, dipende dalle scelte del governo che può in un certo senso manovrarla per raggiungere gli obiettivi politici che si prefigge. In ogni caso la spesa pubblica non dipende dal livello del reddito corrente, ma dipende dalle decisioni del governo, è da considerare, perciò, una componente autonoma rispetto al reddito. Non consideriamo per il momento il settore estero, ma soltanto il settore privato e il settore pubblico che operano in un economia chiusa, senza rapporti con il resto del mondo. Abbiamo perciò: Y = AD = C + I + G Il consumo è dato da una componente autonoma e da una componente legata al reddito corrente C = ā + by Sia la spesa per investimenti che la spesa pubblica sono considerate autonome rispetto al livello del reddito corrente _ I = I _ G = G Sostituendo le funzioni di consumo, investimento e spesa pubblica, nella prima funzione abbiamo _ Y = a + by + I + G Il livello del reddito dipende da tre componenti di spesa autonoma, cioè il consumo autonomo, l investimento, la spesa pubblica e da

18 130 Mario Oteri una componente, il consumo, che a sua volta dipende dallo stesso livello del reddito; la relazione tra consumo e reddito è espressa da b, la propensione marginale al consumo. Fig.ra 4.3 Domanda aggregata e Reddito di equilibrio D 45 E 1 D 1 = a+by+i+g C= a+by E a+i+g a Y Y 1 Y Per rappresentare questa funzione complessiva di domanda su un grafico dobbiamo aggiungere alla spesa per consumi le altre componenti autonome. Non dobbiamo fare altro che riformulare il

19 Domanda aggregata e reddito di equilibrio 131 grafico del consumo, aggiungendo investimenti, e spesa pubblica: la componente autonoma della spesa è ora maggiore e l intercetta della funzione con l asse delle ordinate si sposta verso l alto. Alla funzione del consumo, C=ā+bY, dove ā indica la componente autonoma sull asse delle ordinate, e b, l inclinazione della funzione, misura la relazione con il reddito, aggiungiamo le altre componenti della spesa che non dipendono dal reddito. Aggiungendo alla funzione del consumo le componenti autonome I e G, la funzione complessiva si sposta parallelamente a se stessa verso l alto, in D 1 = ā + by + Ī + G. Ciò che cambia nelle due funzioni è il livello della costante che esprime la spesa autonoma, prima era soltanto ā e poi diventa ā + Ī +G. L inclinazione non è cambiata perché dipende dal parametro b, cioè dalla propensione marginale al consumo, se b non cambia, l inclinazione non cambia, quindi, la relazione fra incremento del reddito e incremento della spesa rimane invariata, la pendenza della funzione è invariata, varia solo la componente autonoma della spesa. Le componenti autonome della spesa si sommano, il parametro b ci indica invece come varia la spesa per consumi al variare del reddito Tanto maggiore è la propensione marginale al consumo tanto maggiore è l inclinazione, tanto più bassa è la propensione marginale al consumo tanto minore l inclinazione, se non vi è alcuna propensione marginale al consumo, cioè tutto l incremento del reddito è risparmiato, la funzione si presenta parallela all asse delle ascisse. Il sistema è in equilibrio quando tutto il reddito prodotto viene domandato sul mercato, cioè quando la funzione di domanda incontra la bisettrice a 45, questo è in corrispondenza al punto E e il livello di equilibrio del reddito Y 1. La bisettrice divide il quadrante in due parti uguali, quindi, lungo la bisettrice ordinata e ascissa sono uguali, in questo caso ci dice che il reddito

20 132 Mario Oteri e la domanda sono uguali, cioè sono in equilibrio, perché tutto ciò che è prodotto è domandato sul mercato, a sinistra la domanda supera il prodotto, la funziona è al di sopra del reddito prodotto, e quindi, c è un eccesso di domanda il reddito tende ad aumentare, a destra invece la situazione è esattamente inversa, la domanda è al di sotto della bisettrice, cioè del reddito prodotto, quindi una parte della produzione rimane non richiesta sul mercato, le imprese tendono a ridurre la produzione Teoria del moltiplicatore e reddito di equilibrio. Qual è il livello del reddito di equilibrio, cioè del reddito che rende uguale la domanda con l offerta? Partiamo dall equazione del reddito _ Y = a + by + I + G Se l incognita è il reddito Y, dobbiamo portare by al primo membro e avremo Y-bY _ Y - by = a + I + G si mette in evidenza Y e abbiamo (1-b) Y, dove (1-b) è la propensione marginale al risparmio. _ (1 b) Y = a + I + G Questa equazione pone la condizione di equilibrio del reddito nazionale, il risparmio (1-b)Y deve essere uguale alle componenti

21 Domanda aggregata e reddito di equilibrio 133 della domanda, innanzitutto all investimento, S = I; in questo caso si aggiunge il consumo autonomo, l altra componente privata della spesa, S = I + ā, e la spesa del settore pubblico, (GbT). La risoluzione algebrica è immediata _ Y = a + I + G \ (1 b) Che può essere scritta _ Y = 1 / (1 b) (a + I + G ) Ho semplicemente riscritto questa parte in modo da evidenziare due elementi, sulla destra non sono altro che le componenti autonome della spesa, consumo, investimenti e spesa pubblica, mentre 1/(1-b) è il cosiddetto moltiplicatore, cioè il valore per il quale dobbiamo moltiplicare le componenti autonome della spesa se vogliamo conoscere il livello di equilibrio del reddito nazionale. La teoria del moltiplicatore sostiene che al variare di una componente autonoma della spesa il reddito varia in misura più che proporzionale, che il reddito è un multiplo della spesa autonoma perché è influenzato anche dal consumo indotto, dalla spesa indotta. Per capire come funziona il meccanismo del moltiplicatore facciamo riferimento alla costruzione di un impianto in una zona poco sviluppata, ad esempio in provincia di Messina, trent anni fa, costruirono un impianto della Pirelli, in località Villafranca. La realizzazione di un impresa come la Pirelli, che costruiva pneumatici, ebbe un effetto molto positivo sull economia della zona; è cresciuto il reddito delle persone che hanno lavorato alla costruzione della fabbrica e delle persone che sono state occupate all interno della fabbrica. Il reddito dell intera zona è cresciuto al di là dei redditi degli addetti alla fabbrica,

22 134 Mario Oteri perché hanno cominciato a costruire case per la gente che andava a lavorare, ad aprire negozi di prodotti alimentari, di abbigliamento, cominciarono a sorgere imprese che offrivano servizi alla fabbrica, servizi di pulizie, di mense, di manutenzione impianti. Quindi, l effetto di un investimento, in questo caso, fu un effetto molto più ampio della spesa iniziale: come in uno stagno quando si tira una pietra e le onde si vanno estendendo sempre più con un effetto tanto minore quanto maggiore è la distanza ma che non si limita solo al punto dove è caduta da pietra. Questo effetto espansivo di una qualunque spesa, ovviamente vale sia in termini positivi che in termini negativi. Quando a Villafranca lo stabilimento Pirelli è stato chiuso, il reddito complessivo della zona si è ridotto, ben al di là della riduzione dei redditi dei lavoratori impiegati nello stabilimento. Gli effetti amplificati delle variazioni di spesa dipendono dal fatto che accanto alla spesa iniziale vi sono effetti indotti, in particolare abbiamo il consumo indotto. Usiamo un esempio numerico. Ipotizziamo che ci sia una variazione della spesa per investimenti pari a 100, (di = 100), ad esempio si decide di realizzare una strada, questo significa che verranno assunti lavoratori e, quindi, il reddito di questi lavoratori aumenta esattamente dell ammontare della spesa. Se tutto il reddito fosse risparmiato, la storia finirebbe qui, 100 è la spesa iniziale, 100 è l incremento del reddito, questo reddito viene ad essere interamente conservato; ma sappiamo che il reddito non viene interamente risparmiato, una parte di questo reddito viene ad essere spesa. La parte di reddito spesa dipende dalla propensione marginale al consumo, (by), cioè la parte di incremento del reddito che è spesa in incremento dei consumi, il consumo indotto, la spesa indotta. Ipotizziamo che b sia uguale a 0,80, cioè che l 80% del reddito sia speso in consumi; a fronte di un aumento del

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Sommario Z 1. L elasticità della domanda rispetto al prezzo. - 2. La misura dell elasticità. - 3. I fattori determinanti l elasticità. - 4. L elasticità rispetto

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS)

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Facoltà di Economia Sapienza Roma Introduciamo i prezzi Finora abbiamo ipotizzato che i prezzi fossero dati

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Scelta sotto incertezza

Scelta sotto incertezza Scelta sotto incertezza 1. Introduzione Nei capitoli 1 e 2 della microeconomia standard si studia la scelta dei consumatori e dei produttori, che hanno un informazione perfetta sulle circostanze che caratterizzano

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Effetto reddito ed effetto sostituzione.

Effetto reddito ed effetto sostituzione. . Indice.. 1 1. Effetto sostituzione di Slutsky. 3 2. Effetto reddito. 6 3. Effetto complessivo. 7 II . Si consideri un consumatore che può scegliere panieri (x 1 ; ) composti da due soli beni (il bene

Dettagli

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma.

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma. Addizione: PROPRIETA' COMMUTATIVA Cambiando l'ordine degli addendi la somma non cambia. 1) a + b = b + a PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei L OSCILLOSCOPIO L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei circuiti elettronici. Nel suo uso abituale esso ci consente di vedere le forme d onda

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

Il luogo delle radici (ver. 1.0)

Il luogo delle radici (ver. 1.0) Il luogo delle radici (ver. 1.0) 1 Sia dato il sistema in retroazione riportato in Fig. 1.1. Il luogo delle radici è uno strumento mediante il quale è possibile valutare la posizione dei poli della funzione

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali Monetario Mercato monetario e mercato finanziario Finanziario Breve termine: 0-18 m. Lungo termine: > 18 m. Impiego liquidità Valuta / banconote / B.o.t. (buoni ordinati del tesoro) C/c (conto corrente)

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3)

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) L'INSIEME OPPORTUNITÁ E IL VINCOLO DI BILANCIO Un paniere di beni rappresenta una combinazione di beni o servizi Il vincolo di bilancio o retta

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE")

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC DERIVE) F U N Z I O N I E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE") I N D I C E Funzioni...pag. 2 Funzioni del tipo = Kx... 4 Funzioni crescenti e decrescenti...10

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

Economia Internazionale e Politiche Commerciali a.a. 2012/13. ESERCIZIO n. 1

Economia Internazionale e Politiche Commerciali a.a. 2012/13. ESERCIZIO n. 1 Economia Internazionale e Politiche Commerciali a.a. 2012/13 ESERCIZIO n. 1 [Krugman, Obstfeld e Melitz, Capitolo 3: Problemi n. 1, 2, 3, 4, 5 e 9 (pp. 66 67)] SOLUZIONE 1. Il paese H ha a disposizione

Dettagli

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Negli ultimi mesi lo scenario europeo ha avuto un'evoluzione nuova e positiva. I margini di flessibilità del Fiscal Compact sono

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Esponenziali elogaritmi

Esponenziali elogaritmi Esponenziali elogaritmi Potenze ad esponente reale Ricordiamo che per un qualsiasi numero razionale m n prendere n>0) si pone a m n = n a m (in cui si può sempre a patto che a sia un numero reale positivo.

Dettagli

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora:

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: G.C.D.( a d, b d ) = 1 Sono state introdotte a lezione due definizioni importanti che ricordiamo: Definizione

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001 Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 000-00 Problema Sia AB un segmento di lunghezza a e il suo punto medio. Fissato un conveniente

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli I numeri complessi Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli 1 Introduzione Studiare i numeri complessi può sembrare inutile ed avulso dalla realtà;

Dettagli

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo Momento di una forza Nella figura 1 è illustrato come forze uguali e contrarie possono non produrre equilibrio, bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo esteso.

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Il Modello AS-AD In questa lezione: Deriviamo la curva di offerta aggregata Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Studiamo il meccanismo di aggiustamento verso l equilibrio

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem)

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Raccolta di Esercizi di Matematica Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Contenuti: 8-1. L ordine Algebrico delle Operazioni 8-2. Problemi sulle Percentuali 8-3. Le Forme Standard e Point-Slope

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

La f(x) dovrà rimanere all interno di questo intorno quando la x è all interno di un intorno di x 0, cioè I(x 0 ), cioè:

La f(x) dovrà rimanere all interno di questo intorno quando la x è all interno di un intorno di x 0, cioè I(x 0 ), cioè: 1 Limiti Roberto Petroni, 2011 Possiamo introdurre intuitivamente il concetto di limite dicendo che quanto più la x si avvicina ad un dato valore x 0 tanto più la f(x) si avvicina ad un valore l detto

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli