C02. Studio idrologico-idraulico e delle aree allagate

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "C02. Studio idrologico-idraulico e delle aree allagate"

Transcript

1 COMUNE DI PISA PROVINCIA DI PISA COMUNE DI SAN GIULIANO TERME Viabilità di raccordo nord tra il nuovo polo ospedaliero, la S.S. n. Del Brennero, la S.S. n. Aurelia e la S.P. n. Vicarese Progetto preliminare C0. Studio idrologico-idraulico e delle aree allagate IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Ing. Luca Della Santina PROGETTISTI COLLABORATORI TECNICI Ing. Riccardo Barsotti Geom. Alessandro Balsotti Ing. Arch. Riccardo Ciuti Geom. Rinaldo Chericono Dott.ssa Elena Fantoni Ing. Federico Cioni Ing. Marco Fiore Geom. David Di Pede Arch. Dario Franchini Ing. Salvatore Rosario Gioia Ing. Massimiliano Giusti Arch. Dario Guglielmi Ing. Antonio Grasso Arch. Michela Luperini Arch. Monica Luperi Ing. Benedetto Maggio Geom. Edi Pardini Geom. Paolo Mazzantini Geom. Daniele Pocci P.i. Luca Pasquini Dott. Marco Redini Geom. Fabio Poli Ing. Cristiano Ristori Geom. Gionata Pucci Dott.ssa Antonella Salani Geom. Gian Luca Vannini Geom. Massimo Signorini Ing. Massimiliano Toni Ing. Larisa Troiani Ing. Giancarlo Vecchi ELABORATO REDATTO DA PROGETTISTI Ing. Larisa Troiani Dott. Marco Redini CONSULENZE TAGES S.c.r.l. A.R.P.A.T. Prof. Ing. Stefano Pagliara Prof. Marco Milanese Prof. Nicola Bellini COLLABORATORI TECNICI Collaboratori Tecnici della Provincia di Pisa Studio idrologico-idraulico e delle aree allagate

2

3 INDICE Premessa... 5 RIFERIMENTI NORMATIVI... 7 DESCRIZIONE DEI BACINI OGGETTO DELLO STUDIO Bacino di Bonifica del Fiume Morto Sottobacino di bonifica meccanica di Campaldo Sottobacino a scolo naturale del Fosso Tedaldo e di Barbaricina....4 Sottobacino a scolo naturale della Tenuta di S. Rossore....5 Sottobacino di bonifica a scolo naturale del Centro Storico, di Porta a Lucca e di Cisanello-Pisanova Sottobacino della zona Centro Storico - Porta a Lucca Sottobacino della zona Cisanello-Pisanova Canale Demaniale MODELLO IDROLOGICO PLUVIOMETRIA Pluviogramma di progetto Calcolo degli idrogrammi di piena IDROGRAMMI DI PIENA... 4 CALCOLO IDRAULICO e interventi (Ing.Pagliara) Attraversamenti P e P (tav.) Attraversamento P3 (scolo del Portone ramo 8) (tav.) Attraversamento P3 (Fiume Morto) Attraversamento P3, P Attraversamento P4 (Canale Demaniale) (tav.) Attraversamenti P5 e _P6 (F. Morto, Scolo di maggiola parallelo via Prata) (tav. ) Attraversamento P7 (affluente dx F. Morto) (tav. ) Attraversamento P8 (tav.) Attraversamenti P9 (tav.) Attraversamento P0 (tav.) Attraversamento P (tav.) Attraversamento P (tav.) Attraversamento P3 (tav.) Pericolosità IDraulica ai sensi del PAi Pericolosità idraulica ARNO e SERCHIO CALCOLO IDRAULICO RETE IDRAULICA MINORE CoNTINUITA DELLA RETE IDRAULICA MINORE CALCOLO DELLE AREE ALLAGATE (ing. Pagliara) Costruzione del DTM Calcolo idraulico in moto vario bidimensionale MODELLO DI CALCOLO IN MOTO VARIO BIDIMENSIONALE RISULTATI DEL CALCOLO DELLE ESONDAZIONI CONSIDERAZIONI CIRCA LA REALIZZAZIONE DELLA STRADA RELATIVAMENTE AL RISCHIO DI ESONDAZIONE Indicazioni progettuali CONCLUSIONI Allegati: Studio idrologico-idraulico e delle aree allagate 3

4

5 PREMESSA Il Piano Sanitario Regionale individua come prioritario, nell ambito dell obiettivo di qualificazione delle aziende ospedaliere, un programma di interventi edilizi finalizzati al completamento del trasferimento presso il presidio ospedaliero-universitario di Cisanello (Pisa) di tutte le attività dell Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana. Parallelamente e conseguentemente al completo trasferimento dovranno essere realizzate le opere infrastrutturali collegate in tutto o in parte al nuovo polo ospedaliero-universitario quali la nuova viabilità di collegamento al Ponte delle Bocchette ed il riassetto della viabilità a nord di Pisa compresa nei Comuni di Pisa e S. Giuliano Terme. La Provincia di Pisa, il Comune di Pisa ed il Comune di S. Giuliano Terme hanno definito il documento preliminare di progettazione per la viabilità di raccordo nord tra il nuovo polo ospedaliero, la SS, la SS e la Provinciale Vicarese, nelle direttrici sud nord ed est-ovest e delle opere connesse. Realizzare una nuova viabilità in un area così particolare da un punto di vista idraulico non poteva prescindere da un attento studio delle problematiche idrauliche dell area, indipendentemente dagli obblighi normativi, per tale motivo è stata predisposta la presente relazione idrologica-idraulica e delle aree allagate. Come descritto nella suddetta relazione, al fine di evidenziare eventuali scenari di rischio permettendo così al progettista di individuare le necessarie opere di mitigazione sono stati studiati gli aspetti idrologici idraulici e delle aree allagate attraverso modelli di simulazione. Il modello idrologico è stato studiato con particolare riferimento alle caratteristiche territoriali dell area, sono stati effettuati studi approfonditi sulle caratteristiche dei bacini imbriferi, della rete idrografica, dei singoli corsi d acqua e delle relative sezioni, l aspetto pluviometrico è stato analizzato raccogliendo i dati pluviometrici di 7 stazioni presenti nella zona, dati con cui è stato possibile effettuare l individuazione delle curve di possibilità climatica. Grazie a questi dati ed al modello idrologico elaborato sono state condotte le verifiche idrologico-idrauliche e di esondazione sull area di progetto della nuova viabilità est-ovest nei comuni di Pisa e S. Giuliano Terme. Il modello delle aree allagabili (modello di esondazione), in questa fase di progettazione preliminare, ha tenuto conto del contributo dei corsi d acqua Fiume Arno, Fiume Studio idrologico-idraulico e delle aree allagate 5

6 Serchio e Fiume Morto ed ha studiato tre situazioni: quella attuale senza la presenza della strada e quella di progetto, durante l evento e a termine dell evento. Studio delle aree allagate per eventi con Tr00 stato attuale Studio delle aree allagate per eventi con Tr00 stato di progetto al termine dell evento Studio delle aree allagate per eventi con Tr00 stato di progetto durante l evento I risultati della simulazione hanno portato alla individuazione degli inviluppi delle esondazioni per Tr = 00 anni dei corsi d acqua suddetti permettendo così l individuazione delle zone di pericolosità e di rischio. Preme precisare che lo studio in oggetto si riferisce al tracciato relativo ad entrambi i tre stralci funzionali secondo lo schema allegato all Accordo di Programma siglato in data , mentre il progetto preliminare di che trattasi sviluppa lo stralcio funzionale n, del tratto di strada che prevede la realizzazione della connessione tra la S.S. n. e la strada comunale di Mezzana, in modo da assicurare l accesso al polo ospedaliero dalla direttrice tirrenica. Pertanto, nel capitolo 4, sono relativi al progetto preliminare in oggetto, tutti gli studi degli attraversamenti indicati ad eccezione dei seguenti: P, P, relativi allo stralcio funzionale variante S.P. n ; P3, P3 e P3, relativi allo stralcio funzionale variante S. S. n. Studio idrologico-idraulico e delle aree allagate 6

7 RIFERIMENTI NORMATIVI Tali studi sono conformi a quanto prescritto dalla: Legge 8 /04/005 n 6 ( legge comunitaria 004); DIR 3/03/004 n 004/8/CE Aggiudicazione di appalti pubblici di lavori, forniture e servizi. ; DPR n. 554 del Regolamento d attuazione della legge quadro in materia di lavori pubblici ; Legge n. 83 del Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo ; Legge n. 36 del Disposizioni in materia di risorse idriche. Legge regionale n /07/995 n 8 Norme di attuazione della L N 36 Legge regionale n. 38 del Regolamento recante norme per l attuazione di talune disposizioni della legge in materia di risorse idriche. Legge regionale n. 34 del Norme in materia di bonifica. Consiglio Regionale Deliberazione /06/994, n 30: Provvedimenti sul Rischio idraulico ai sensi degli artt. 3 e 4 del L.R. 74/84 Adozione di prescrizione e vincoli. Approvazione di direttive Consiglio Regionale Deliberazione n 55 del 0/05/997: Direttive sui criteri progettuali degli interventi in materia di difesa idrogeologica Legge regionale n. 9 del Norme per la difesa del suolo Studio idrologico-idraulico e delle aree allagate 7

8

9 DESCRIZIONE DEI BACINI OGGETTO DELLO STUDIO Il reticolo di riferimento fa capo al fiume Morto che drena la pianura compresa fra i Fiumi Serchio e Arno. Tale bacino si estende per oltre 00 kmq, anche se la superficie effettiva risulta pari a circa 76 Kmq. La parte montuosa è drenata da affluenti che scendono dai monti di Calci mentre la parte di pianura drena la parte a nord della città di Pisa e la parte a sud del F. Serchio.. BACINO DI BONIFICA DEL FIUME MORTO Tutto il territorio comunale posto a Nord dell Arno, convoglia le sue acque (meteoriche, reflue trattate e non) nel F. Morto. Fig. Sottobacini a Nord di Pisa Studio idrologico-idraulico e delle aree allagate 9

10 Tutta questa zona fa parte della più ampia bonifica del F. Morto, il cui comprensorio è definito dalla linea di displuvio dei Monti Pisani, dal F. Serchio, dall Arno e dal mare. In essa si possono distinguere 4 ulteriori settori: a: sottobacino di bonifica per esaurimento meccanico di Campaldo; b: sottobacino di bonifica a scolo naturale del Fosso Tedaldo e di Barbaricina; c: sottobacino di bonifica a scolo naturale della Tenuta di S. Rossore; d: sottobacino di bonifica a scolo naturale di Centro Storico Cisanello- Pisanova-Porta a Lucca.. SOTTOBACINO DI BONIFICA MECCANICA DI CAMPALDO L area della bonifica meccanica di Campaldo presenta, nella parte più occidentale, una zona morfologicamente più depressa (quote intorno allo zero), soggetta ad allagamenti. La porzione più occidentale di questo bacino (zona fra la Via Pietrasantina e il Collettore di Campaldo ) è invece altimetricamente più elevata (confronta Carta Altimetrica ). Il Colatore n. 4 di Campaldo - ramo destro e il Colatore n. 3 di Campaldo - ramo destro sono scoli fognari della periferia nord occidentale della città ( Campaldino ). Anche in questa zona esiste quindi il problema della commistione fra acque di fognatura e quelle di bonifica. La zona a scolo naturale b interferisce con quella a scolo meccanico a in un punto in cui il Tedaldo viene deviato nel Collettore di Campaldo a bonifica meccanica, attraverso un sistema di cateratte. Nella stagione autunnale e invernale e nei momenti di maggiore crisi idraulica, l acqua del Tedaldo viene fatta confluire nel F. Morto con scolo meccanico. In questo tratto di territorio è stato accertato un problema di qualità delle acque in quanto gli allagamenti legati ad intense precipitazione sono prodotti da acque meteoriche miste a reflui fognari. L insufficiente capacità di smaltimento delle acque da parte del Tedaldo si riflette in una sofferenza del sistema idraulico cittadino, che causa frequenti allagamenti nei punti più nevralgici, come zona di Via Risorgimento, Via Bonanno, Porta Nuova. In queste aree il deflusso delle acque è inoltre ostacolato anche dalla Studio idrologico-idraulico e delle aree allagate 0

11 barriera della linea ferroviaria. Ulteriori frequenti allagamenti sono osservati anche nella zona ad Ovest della Ferrovia, detta delle Sardine (in Catallo ), che dipende idraulicamente dal Tedaldo (confronta Carta delle aree allagabili del PS)..3 SOTTOBACINO A SCOLO NATURALE DEL FOSSO TEDALDO E DI BARBARICINA Area con sistema di fognatura mista, ovvero con acque bianche e nere non separate. Il Fosso Tedaldo (a scolo naturale) raccoglie le acque meteoriche e i reflui della porzione occidentale della città posta tra la Via Bonanno e la Ferrovia Pisa - S. Rossore, e le convoglia nel Fiume Morto, all altezza delle dune della Sterpaia. Attualmente esso è quindi un canale adibito a scolo fognario. Si presenta tombato ( tubi Φ 50) dalla sua nascita fino a circa 50 m dalla sua confluenza con il Fosso lungo la Via delle Cascine, mentre si presenta a cielo aperto nel tratto successivo fino al F. Morto (il tratto finale, prima di immettersi nel F. Morto, è la Fossa Cuccia, canale trecentesco che confluiva nell Arno con un senso di deflusso opposto a quello odierno, probabilmente seguendo il tracciato dell attuale Colatore n. 5 di Campaldo, oggi a scolo meccanico). La zona di Barbaricina è servita dallo Scolo di Barbaricina e dallo Scolo delle Lenze. Il sistema fognario di questi quartieri è collegato ai fossi da una una vasca di decantazione e chiarificazione..4 SOTTOBACINO A SCOLO NATURALE DELLA TENUTA DI S. ROSSORE Questa zona del territorio comunale inserita nel Parco Naturale è soggetta ai relativi vincoli. La zona è in gran parte costituita da materiali permeabili (sabbie delle dune costiere attuali). Il deflusso delle acque meteoriche è garantito da una serie di canali a scolo naturale che confluiscono direttamente in mare o nel fiume Morto. Il principale problema idraulico di questo sottobacino è concentrato alla foce del F. Morto, ove il molo destro appare gravemente danneggiato dall erosione marina, oltre al fenomeno di interrimento della foce. Studio idrologico-idraulico e delle aree allagate

12 Il Fiume Morto rappresenta per Pisa e per i Comuni contermini l asse idraulico principale di drenaggio della pianura a Nord dell Arno. L interrimento della sua foce limita fortemente il deflusso delle acque e, di conseguenza, arreca condizioni di sofferenza idraulica alla rete dei tributari minori..5 SOTTOBACINO DI BONIFICA A SCOLO NATURALE DEL CENTRO STORICO, DI PORTA A LUCCA E DI CISANELLO- PISANOVA Quest ampia porzione di territorio comunale, intensamente urbanizzato, grava sull asse idraulico Fosso dei Sei Comuni- Marmigliaio- Oseretto, a cui afferiscono una serie di fossi minori. La preesistente rete della bonifica è stata inglobata dalla rete fognaria cittadina. Estese tombature ed opere idrauliche succedutesi in modo disordinato nel corso dei decenni, hanno intensamente trasformato l impianto originario. Una parte del bacino (zona di Porta a Lucca) è dotata di una rete di fognatura nera allacciata per l 80% al depuratore di S. Jacopo e risulta separata dal reticolo superficiale. Il resto del bacino è a fognatura mista, e recapita nel Fiume Morto all altezza di Madonna dell Acqua, attraverso un percorso lungo e praticamente privo di pendenza. Il sottobacino è attraversato da un corso artificiale ad acqua alta ( Canale Demaniale di Riprafatta ), che confluisce in Arno all altezza del Ponte alla Fortezza, restando completamente separato dalla bonifica..5. SOTTOBACINO DELLA ZONA CENTRO STORICO - PORTA A LUCCA Gli assi idraulici principali per il deflusso delle acque superficiali sono: Fosso Marmigliaio; Fosso Martraversino. Il primo confluisce nel Fiume Morto passando attraverso l Oseretto; il secondo confluisce nel F. Morto a Nord della località Passi. Il Fosso Marmigliaio nasce, poco a Nord di Pisa, immediatamente a monte del suo incrocio con la S.S. ; esso, che sottopassa il Canale Demaniale di Ripafratta, raccoglie, nel breve tratto prima del suo imbocco nella zona urbana, Studio idrologico-idraulico e delle aree allagate

13 le scoline campestri di una porzione di piana compresa in parte fra il F. Morto a Nord e il territorio urbanizzato a Sud. Dal suo ingresso nell area urbana esso diventa uno scolo fognario perchè raccoglie sia le acque di fogna che gli giungono attraverso il Fosso dei Sei Comuni dalla zona di Cisanello - Pisanova, sia quelle del centro storico. Il deflusso delle acque di una parte di Porta a Lucca è rivolto verso il Fosso Marmigliaio, originariamente regolato da alcune cateratte. La parte più settentrionale invece convoglia le acque verso il Martraversino, e anche esso è recapito di fognature nere della zona di Via Rosselli. Il deflusso delle acque nell area del centro urbano è verso il Fosso Marmigliaio attraverso una serie di fossi oggi tombati (confronta fosso adiacente alle mura sul lato Ovest, Fossa Murata, etc.) Il deflusso delle acque dal Marmigliaio - Oseretto al F. Morto è ostacolato quando quest ultimo è in fase di piena. Questo fatto determina situazioni di crisi con conseguenti allagamenti nelle zone scolate dalla linea idraulica in questione ( Via Piave, Porta a Lucca e centro storico). Un altra zona sofferente riguardo agli allagamenti è la zona di Via Rosselli che risulta morfologicamente depressa. Attualmente le fognature di questa zona recapitano, attraverso le scoline dei campi, nel Fosso delle Palazzine e quindi nel F. Morto..5. SOTTOBACINO DELLA ZONA CISANELLO-PISANOVA Le principali linee idrauliche sono: Fosso dei Sei Comuni; Fosso S. Marco. Il Fosso dei Sei Comuni nasce immediatamente a Nord dell Ospedale di Cisanello, e attualmente raccoglie le acque meteoriche e i reflui non trattati, anche provenienti dall Ospedale, facendole convogliare nel Fosso Marmigliaio. Il Fosso di S. Marco, che scola la periferia sud-orientale di Pisa, e attualmente confluisce nel Fosso dei sei Comuni, verrà in futuro deviato attraverso il Fosso di S. Cataldo e un collettore parallelo al tratto iniziale del Fosso dei Sei Comuni (già esistente) nell Arno, mediante un impianto idrovoro da relizzarsi nei pressi Studio idrologico-idraulico e delle aree allagate 3

14 dell Ospedale. Questa nuova linea idraulica raccoglierà anche le acque provenienti dall area di recente costruzione del C.N.R. di S. Cataldo. Attualmente la rete idraulica (in particolare il Fosso dei Sei Comuni ) risulta insufficiente a smaltire le acque meteoriche, vista anche la presenza di numerose zone relativamente depresse occupate da edificato..6 CANALE DEMANIALE Il canale demaniale è un canale di irrigazione che deriva le acque dal fiume Serchio. Presenta un alveo incassato da Ripafratta fino all abitato di Orzignano, poi le acque scorrono in un alveo pensile contenuto da due arginature in terra fino all abitato di Pisa; prosegue poi nuovamente incassato fino all immissione in Arno. Nella parte arginata per impedire l esondazione delle acque di piena, furono costruite delle cateratte per scaricare le acque di esubero in altri corsi d acqua. Dall opera di presa nel fiume Serchio alle mura urbane di Pisa vi è un dislivello di circa 4,380 m coperto con pendenza media pari a 0,33 mm per metro lineare. Studio idrologico-idraulico e delle aree allagate 4

15 3 MODELLO IDROLOGICO 3. PLUVIOMETRIA Per definire il regime pluviometrico della zona in oggetto e trovare quindi gli idrogrammi di piena relativi ai vari tempi di ritorno si e' fatto riferimento ai dati relativi alle piogge intense (t< ora) ed ai dati di durata compresa tra e 4 ore registrate alle stazione pluviometriche di: Tabella Codici stazioni pluviometriche nome codice Monte Serra 800 S. Piero a Grado 80 Coltano 830 Casa rossa Ripafratta 50 Pisa 540 Asciano 530 Per ciascuna durata sono stati raccolti i valori massimi relativi a ciascun anno del periodo di osservazione che arriva fino all anno 996. I dati suddetti sono stati ricavati dall'esame degli Annali Idrologici, parte prima, pubblicati dal Servizio Idrografico Sezione di Pisa. Tali dati sono stati sottoposti ad analisi statistica utilizzando diverse distribuzioni teoriche. In particolare l elaborazione dei dati è stata effettuata con: distribuzione di Gumbel; distribuzione GEV (Generalized Extreme Value) LN3 (Log Normale a 3 parametri) LP3 (Log Pearson a 3 parametri) P3 (Pearson a 3 parametri) Distribuzione TCEV Tali metodi, nota la serie cronologica dei valori assunti da una certa grandezza (in questo caso le piogge di data durata), consente di individuare sia i valori di tale grandezza corrispondenti ad un prefissato tempo di ritorno Tr, che cioè hanno Studio idrologico-idraulico e delle aree allagate 5

16 probabilità di verificarsi non più di una volta in un dato intervallo di anni, sia il tempo corrispondente ad un dato valore della grandezza in esame Il valore del tempo di ritorno e' legato a quello della probabilità di superamento (probabilità che l'evento X assuma un valore maggiore od uguale ad x) dalla seguente relazione : P (X>x) = /Tr Il valore della probabilità di non superamento risulta: P (X>x) = - P(X<x) = - /Tr Nelle figure seguenti sono riportati, come esemplificazione alcune elaborazioni effettuate sulle serie storiche considerate. Fig. Esempio di elaborazione dei dati pluviometrici per t=0 Nel caso della distribuzione tipo GEV i parametri sono stati calcolati con il metodo degli L-Moments (Hosking, 985). Per la LN3 e LP3 con il metodo della massima verosimiglianza, per la P3 e per Gumbel con il metodo dei momenti. Le curve di possibilità climatica (Pagliara-Viti, 990) sono espresse nella forma : h = a t n Tr m Studio idrologico-idraulico e delle aree allagate 6

17 con t espresso in ore, Tr in anni ed h in millimetri di pioggia. Tabella Curve segnalatrici per le stazioni considerate. codice t>h t>h t>h t<h t<h t<h nome a n m a n m Monte Serra S.piero a Grado Coltano Casa rossa Ripafratta Pisa Asciano Tabella 3 curva di pioggia media areale codice t>h t>h t>h t<h t<h t<h a n m a n m Pioggia media PLUVIOGRAMMA DI PROGETTO Per quanto riguarda la definizione della pioggia di progetto, nella pratica ingegneristica vengono adottati ietogrammi cosiddetti "sintetici", tali cioè da non rappresentare il reale andamento dell' evento pluviometrico, ma in grado di introdurre nelle procedure di trasformazione afflussi-deflussi una variabilità temporale della pioggia che dia luogo a risultati che si possano ritenere cautelativi. La legge di distribuzione che si introduce rappresenta, in tal modo, quello che si definisce "ietogramma di progetto". Nella letteratura tecnica esistono diverse metodologie per la definizione del suddetto "ietogramma di progetto", mentre in molti paesi la scelta del tipo di ietogramma e' fissata da apposite normative, cosa del tutto assente nel nostro paese. Nel caso in esame, tra le varie procedure disponibili si e' utilizzata quella più semplice basata su uno ietogramma di tipo rettangolare. Lo ietogramma è stato poi ragguagliato per tener conto dell estensione del bacino imbrifero mediante la metodologia Wallingford (NERC, 985) e le curve date da Pagliara, Milano et. Al. (00) e valide per il bacino dell Arno e del Serchio. Per arrivare alle cpp finali, le curve relative alle singole stazioni sono state aggregate in modo da rappresentare la pluviometria media dei vari sottobacini considerati. Studio idrologico-idraulico e delle aree allagate 7

18 Ietogrammi di progetto h (mm) P00 P00 P30 P t (ore) Fig. 3 Ietogramma di progetto senza ragguaglio 3.3 CALCOLO DEGLI IDROGRAMMI DI PIENA Per la determinazione degli idrogrammi di piena in corrispondenza delle sezioni di chiusura di tutti i bacini esaminati si e' utilizzato un algoritmo di calcolo che, per la trasformazione afflussi-deflussi, si basa sull'impiego dell'idrogramma sintetico tipo Clark (Clark, 949). Nel caso specifico e' stato adottato, per simulare le perdite di bacino, il metodo SCS- CURVE NUMBER (SCS, 97), che è basato sulle curve di precipitazione e perdita cumulate ed in cui in funzione del tipo di suolo, del suo uso e del grado di imbibizione dello stesso, viene calcolo istante per istante il quantitativo di pioggia che va a produrre il deflusso. Tale metodo è molto diffuso, soprattutto grazie alla notevole mole di dati reperibili in letteratura per la sua applicazione, esso permette di calcolare l altezza di pioggia persa fino ad un dato istante attraverso la valutazione dell altezza di pioggia massima immagazzinabile nel suolo a saturazione (S), il cui valore viene determinato attraverso un parametro detto CN (Runoff Curve Number) il quale è funzione della natura del terreno, del tipo di copertura vegetale dello stesso e del corrispondente grado di imbibizione. Studio idrologico-idraulico e delle aree allagate 8

19 La classificazione dei suoli secondo la natura del terreno da un punto di vista idrogeologico è riportata nella seguente Tabella 4. Una volta definito il tipo di suolo si determina il valore del CN corrispondente al tipo di copertura (vegetale e non) attraverso l'uso della Tabella 5. I valori riportati nella Tabella 5 sono relativi a condizioni medie di umidità del terreno antecedenti l evento, definite attraverso il valore della precipitazione totale nei cinque giorni precedenti l evento stesso (Antecedent Moisture Condition classe II - che in sigla viene indicata come AMC II). Tabella 4 Classificazione litologica dei suoli secondo SCS GRUPPO A B C D DESCRIZIONE Scarsa potenzialità di deflusso. Comprende sabbie profonde con scarsissimo limo e argilla, ghiaie profonde molto permeabili. Potenzialità di deflusso moderatamente bassa. Comprende la maggior parte dei suoli sabbiosi meno profondi che nel gruppo A, ma il gruppo nel suo insieme mantiene alte capacità di infiltrazione anche a saturazione. Potenzialità di deflusso moderatamente alta. Comprende suoli sottili e suoli contenenti considerevoli quantità di argilla e colloidi, anche se se meno che nel gruppo D. Il gruppo ha scarsa capacità di infiltrazione a saturazione. Potenzialità di deflusso molto alta. Comprende la maggior parte delle argille con alta capacità di rigonfiamento, ma anche suoli sottili con orizzonti pressoché impermeabili in vicinanza della superficie. Tabella 5 Parametri CN relativi a AMC II per le quattro classi litologiche e per vati tipi di uso del suolo A B C D Terreno coltivato Senza trattamenti di conservazione Con interventi di conservazione Terreno da pascolo Cattive condizioni Buone condizioni Praterie Buone condizioni Terreni boscosi o forestati Terreno sottile sottobosco povero senza foglie Sottobosco e copertura buoni Spazi aperti, prati rasati, parchi Buone condizioni con almeno il 75% dell area con copertura erbosa Condizioni normali con copertura erbosa intorno al 50% Studio idrologico-idraulico e delle aree allagate 9

20 Aree commerciali (impermeabilità 85%) Distretti industriali (impermeabilità %) Aree residenziali impermeabilità media % 38% % % % Parcheggi impermeabilizzati, tetti Strade Pavimentate, con cordoli e fognature Inghiaiate o selciate con buche In terra battuta (non asfaltate) Tabella 6 Condizioni di umidità antecedenti individuate in base alla precipitazione totale nei 5 giorni precedenti (mm) CLASSE AMC STAGIONE DI RIPOSO STAGIONE DI CRESCITA I <.7 < 35.5 I III >8.0 > 53.3 Tabella 7 conversione dal valore del CN valido per AMC II (valore determinato attraverso la Tabella 4) ai valori corrispondenti per AMC I o AMC III CLASSE AMC CLASSE AMC I II III I II III L individuazione della classe AMC viene effettuate con i valori riportati in Tabella 6, mentre la Tabella 7 rappresenta la tabella di conversione dal valore del CN valido per AMC II (valore determinato attraverso la Tabella 4) ai valori corrispondenti per AMC I o AMC III. Studio idrologico-idraulico e delle aree allagate 0

21 Dai valori del parametro CN, per la determinazione della pioggia netta. è stata utilizzata l espressione : Pn = (Pg-Ia ) /(Pg-Ia+S) dove : Pn = pioggia netta in mm; Pg = pioggia grezza in mm; Ia = perdita iniziale in mm; S = altezza di pioggia massima immagazzinabile nel suolo in condizioni di saturazione (capacità di ritenzione potenziale) in mm. Il valore di S da introdurre viene determinato in funzione del parametro CN secondo l espressione seguente: S = 5.4 ((000/CN) - 0) La perdita iniziale Ia è quella che si manifesta prima dell inizio dei deflussi superficiali. Nella letteratura tecnica è riconosciuta l esistenza di una correlazione positiva fra la perdita iniziale Ia e la capacità di ritenzione potenziale S tramite la seguente espressione: I a = β S dove è un coefficiente adimensionale. La pioggia netta viene poi trasformata in deflusso per mezzo dell idrogramma sintetico di Clark (Clark, 945). 3.4 IDROGRAMMI DI PIENA Gli idrogrammi di piena sono riportati nel paragrafo successivo di volta in volta che viene introdotta la verifica idraulica su un punto di attraversamento. In allegato, in formato tabella sono riportati gli idrogrammi considerati. Studio idrologico-idraulico e delle aree allagate

22

23 5. RILIEVO TOPOGRAFICO Il rilievo è stato realizzato mediante GPS in modalità cinematica RTK e tutti i punti di misura sono stati differenziati da un unica stazione fissa ubicata in via Pacini, in posizione centrale all area oggetto del rilievo: la distanza massima raggiunta tra il ricevitore mobile e quello fisso è stata di 500 metri. In questa configurazione geometrica l errore massimo di misura in modalità RTK è di 0 mm in planimetria e di 5 mm in altimetria. Le coordinate native GPS (WGS 84) sono state georiferite al Sistema Gauss-Boaga e le quote al livello medio marino mediante la cartografia tecnica regionale alla scala :.000. Nelle tavole allegate e riportato il rilievo effettuato come planimetria e sezioni. Studio idrologico-idraulico e delle aree allagate 3

24

25 4 CALCOLO IDRAULICO E INTERVENTI (ING.PAGLIARA) Le due figure sottostanti inquadrano gli attraversamenti studiati. Fig. 4 Attraversamenti da P a P4 Fig. 5 Attraversamenti da P4 a P3 Studio idrologico-idraulico e delle aree allagate 5

26 4. ATTRAVERSAMENTI P E P (TAV.) Questi attraversamenti sono quelli a Mezzana del F. lungo di Mezzana e della viaccia di Agnano. I diagrammi di piena per i diversi tempi di ritorno considerati sono riportati nelle figure sottostanti. Fig. 6 Planimetria dell area //F.LUNGO-MEZZANA-P/FLOW/0DEC999/30MIN/PISA00A0/ :00 :00 4:00 :00 4:00 0Jan000 0Jan000 Fig. 7Idrogrammi di piena F. Lungo di Mezzana Studio idrologico-idraulico e delle aree allagate 6

OGGETTO Studio Idrologico-idraulico di supporto al Piano Attuativo per la riqualificazione dell area denominata ex Nievoletta (PR-6F)

OGGETTO Studio Idrologico-idraulico di supporto al Piano Attuativo per la riqualificazione dell area denominata ex Nievoletta (PR-6F) Dott. Ing. Stefano SCORRANO Via Maccatella, 30 56124 PISA OGGETTO Studio Idrologico-idraulico di supporto al Piano Attuativo per la riqualificazione dell area denominata ex Nievoletta (PR-6F) UBICAZIONE

Dettagli

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA RELAZIONE IDRAULICA A SUPPORTO DEL P.A.4 NEL COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE CON INDICAZIONE SUL SISTEMA DI INVARIANZA IDRAULICA Il TECNICO INCARICATO Dott. Ing.

Dettagli

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007.

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007. PREMESSA L intervento previsto dal progetto consiste nella realizzazione di una cassa in derivazione in loc. Molino di Ripassaia nei comuni di Peccioli e Lajatico e rientra nell ambito di un accordo (Protocollo

Dettagli

RELAZIONE COMPRENSORIO PIANURA PISANA

RELAZIONE COMPRENSORIO PIANURA PISANA PIANO DELLE ATTIVITA 2015 (L.R. 79/2012 ART. 26 comma 2) VERSIONE 2 APPROVATA DEL 13/03/2015 RELAZIONE COMPRENSORIO Il Direttore Tecnico di Comprensorio Pianura Pisana (Dott. Ing. Sandro Borsacchi) 1 /

Dettagli

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici Ing. Giovanni Carena - Progettazioni idrauliche Via Casa Scopelli, 4/A 15050 Carbonara Scrivia (AL) Tel: 0131 892 955 Cell: 335 6070937 E-mail: giovanni_carena@alice.it Carbonara Scrivia, 3 marzo 2011

Dettagli

Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI"

Workshop VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI" Ing. Giorgio Cesari Autorità di bacino del Fiume Tevere Distretto Idrografico dell Appennino Centrale

Dettagli

3 FASCE FLUVIALI... 20 3.1 CONFRONTO TRA FASCE ATTUALMENTE IN VIGORE E FASCE AGGIORNATE... 21

3 FASCE FLUVIALI... 20 3.1 CONFRONTO TRA FASCE ATTUALMENTE IN VIGORE E FASCE AGGIORNATE... 21 Sommario 1 ANALISI IDRAULICA PER LA DEFINIZIONE DELLE AREE INONDABILI... 2 1.1 IL MODELLO IDRAULICO DI PROPAGAZIONE... 2 1.2 LA PROPAGAZIONE MONODIMENSIONALE (1D)... 4 1.3 LE STRUTTURE INTERFERENTI CON

Dettagli

Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15

Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15 Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15 Relazione idraulica per il dimensionamento del sistema di smaltimento delle acque meteoriche, reflue e degli invasi di laminazione Luglio,

Dettagli

PROGETTO GENERALE PER IL COMPLETAMENTO DELLA RETE FOGNANTE E DELLA RACCOLTA DELLE ACQUE BIANCHE DI VIBO VALENTIA CAPOLUOGO E FRAZIONI

PROGETTO GENERALE PER IL COMPLETAMENTO DELLA RETE FOGNANTE E DELLA RACCOLTA DELLE ACQUE BIANCHE DI VIBO VALENTIA CAPOLUOGO E FRAZIONI COMUNE DI VIBO VALENTIA (VV) PROGETTO GENERALE PER IL COMPLETAMENTO DELLA RETE FOGNANTE E DELLA RACCOLTA DELLE ACQUE BIANCHE DI VIBO VALENTIA CAPOLUOGO E FRAZIONI PROGETTO ESECUTIVO Storia del progetto

Dettagli

Relazione idrologica idraulica integrativa a supporto della Variantte al RU inerente le aree ricadenti nel Bacino del Serchio.

Relazione idrologica idraulica integrativa a supporto della Variantte al RU inerente le aree ricadenti nel Bacino del Serchio. Relazione idrologica idraulica integrativa a supporto della Variantte al RU inerente le aree ricadenti nel Bacino del Serchio DATA: Aprile Indice generale 1. RELAZIONE IDROLOGICA E CALCOLO DEGLI IDROGRAMMI

Dettagli

COMUNE DI NOLE (Capofila)

COMUNE DI NOLE (Capofila) COMUNE DI NOLE (Capofila) Provincia di Torino INTEGRZIONE CONNESSIONE CICLOPEDONLE LUNGO L FSCI FLUVILE STUDIO IDROLOGICO IDRULICO TRTTO DI CUNETT STRDLE INTUBT IN COMUNE DI CIRIE FRZIONE VSTLL * * * *

Dettagli

Variante generale al piano strutturale del comune di San Giovanni Valdarno (AR). INDICE

Variante generale al piano strutturale del comune di San Giovanni Valdarno (AR). INDICE INDICE 1. Premessa... 2 1.1. Dati di base utilizzati per l implementazione dei modelli idraulici... 2 2. Studi idrologici-idraulici di interesse effettuati sul territorio comunale... 4 2.1. Studi sul fiume

Dettagli

RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO. Maurizio Brown, Fabio Marelli

RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO. Maurizio Brown, Fabio Marelli RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO Maurizio Brown, Fabio Marelli SOMMARIO pag.03 pag.07 pag,11 pag.16 pag.21 Rete idrometrica e pluviometrica Analisi delle piogge e cambiamenti climatici La

Dettagli

3.1.1 Determinazione delle curve di possibilità pluviometrica... 8

3.1.1 Determinazione delle curve di possibilità pluviometrica... 8 Sommario 1 Premessa... 2 2 Inquadramento territoriale... 3 3 Sistema di drenaggio delle acque meteoriche... 7 3.1 Calcolo delle piogge e loro trasformazione... 8 3.1.1 Determinazione delle curve di possibilità

Dettagli

INDICE 1 ) PREMESSA...2 2 ) SOGGETTO PROPONENTE IL PROGETTO...3 3 ) CRONISTORIA PROGETTUALE...4 4 ) INTERVENTI PROGETTUALI...5

INDICE 1 ) PREMESSA...2 2 ) SOGGETTO PROPONENTE IL PROGETTO...3 3 ) CRONISTORIA PROGETTUALE...4 4 ) INTERVENTI PROGETTUALI...5 INDICE 1 ) PREMESSA...2 2 ) SOGGETTO PROPONENTE IL PROGETTO...3 3 ) CRONISTORIA PROGETTUALE...4 4 ) INTERVENTI PROGETTUALI...5 4.1 Descrizione dei lotti funzionali... 5 5 ) RIFERIMENTI NORMATIVI...6 6

Dettagli

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10 PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA DIREZIONE GENERALE DELLA AGENZIA REGIONALE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SARDEGNA DIRETTIVA PER LO SVOLGIMENTO DELLE VERIFICHE DI SICUREZZA DEI CANALI DI GUARDIA ESISTENTI (ARTICOLO

Dettagli

Definizione delle aree a pericolosità idraulica realizzata nell ambito degli studi per l attuazione della Direttiva Alluvioni

Definizione delle aree a pericolosità idraulica realizzata nell ambito degli studi per l attuazione della Direttiva Alluvioni Definizione delle aree a pericolosità idraulica realizzata nell ambito degli studi per l attuazione della Direttiva Alluvioni Dott. Aldo Guadagnino Dirigente Servizio 3 Assetto del territorio e difesa

Dettagli

SOMMARIO. 4.1 Curve di possibilità pluviometrica...6. 4.2 Coefficiente di deflusso...7. 4.2.1 Tempo di corrivazione...7

SOMMARIO. 4.1 Curve di possibilità pluviometrica...6. 4.2 Coefficiente di deflusso...7. 4.2.1 Tempo di corrivazione...7 SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. INQUADRAMENTO TERRITORIALE... 3 3. PROGETTO URBANISTICO... 4 4. STUDIO IDROLOGICO... 6 4.1 Curve di possibilità pluviometrica...6 4.2 Coefficiente di deflusso...7 4.2.1 Tempo

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS 29 gennaio 2013 RELAZIONE TECNICA RETE FOGNARIA 0. VARIANTE La variante dal punto di vista idraulico riguarda sostanzialmente tre punti: 1. la modifica del piccolo lotto di

Dettagli

Committente GIELLE COSTRUZIONI S.r.l. Via G. Galilei, 54 25068 Sarezzo (BS) COMPLESSO EDILIZIO PROGETTO CONVENZIONE LOTTO LIBERO 9 Via Monteverdi

Committente GIELLE COSTRUZIONI S.r.l. Via G. Galilei, 54 25068 Sarezzo (BS) COMPLESSO EDILIZIO PROGETTO CONVENZIONE LOTTO LIBERO 9 Via Monteverdi Comune di Concesio Provincia di Brescia Committente GIELLE COSTRUZIONI S.r.l. Via G. Galilei, 54 25068 Sarezzo (BS) COMPLESSO EDILIZIO PROGETTO CONVENZIONE LOTTO LIBERO 9 Via Monteverdi VERIFICHE DI COMPATIBILITÀ

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA Comune di Faenza Sportello Unico per le Attività produttive 7 Incontro Tecnico - 23 Giugno 2005 OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA ing. Michele Lotito

Dettagli

IL SITO DELL AUTORITA DI BACINO DEL FIUME SERCHIO: CARTOGRAFIA E MONITORAGGIO

IL SITO DELL AUTORITA DI BACINO DEL FIUME SERCHIO: CARTOGRAFIA E MONITORAGGIO IL SITO DELL AUTORITA DI BACINO DEL FIUME SERCHIO: CARTOGRAFIA E MONITORAGGIO Dario TRICOLI (*), Nicola COSCINI (**), Nicola DEL SEPPIA (**), Enzo DI CARLO (**), Andrea MORELLI (**) (*) Autorità di Bacino

Dettagli

Studio idrologico e idraulico del tratto vallivo del Borro di Gavinaia in loc. Greve in Chianti

Studio idrologico e idraulico del tratto vallivo del Borro di Gavinaia in loc. Greve in Chianti Studio idrologico e idraulico del tratto vallivo del Borro di Gavinaia in loc. Greve in Chianti Autore: Alberto Meucci Titolo di Laurea: Laurea Triennale in Ingegneria Civile Università: Facoltà di Ingegneria

Dettagli

STUDIO IDROLOGICO IDRAULICO

STUDIO IDROLOGICO IDRAULICO COMUNE DI CAPOLIVERI Provincia di Livorno STUDIO IDROLOGICO IDRAULICO a cura del dott. Ing. Filippo Ginanni Il Sindaco: Ruggero Barbetti I Progettisti: arch. Gianni Vivoli e arch. Sergio Seritti Collaborazione:

Dettagli

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO Comune di Caorso (PC) PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 1.1 Finalità... 2 1.2 Procedimento adottato... 2 1.3 Basi cartografiche... 3 2 INQUADRAMENTO TERRITORIALE...

Dettagli

Studio idraulico di supporto alla variante al Piano Strutturale

Studio idraulico di supporto alla variante al Piano Strutturale Variante al Piano Strutturale relativa all'assetto urbanistico del Viale Leonardo da Vinci per la localizzazione del polo espositivo Studio idraulico di supporto alla variante al Piano Strutturale Giugno

Dettagli

PIANO GENERALE DEL SISTEMA FOGNARIO DEL COMUNE DI RIMINI 11 PIANO DEGLI INTERVENTI CON INDIVIDUAZIONE DEL LIVELLO DI PRIORITA E DEI COSTI

PIANO GENERALE DEL SISTEMA FOGNARIO DEL COMUNE DI RIMINI 11 PIANO DEGLI INTERVENTI CON INDIVIDUAZIONE DEL LIVELLO DI PRIORITA E DEI COSTI PIANO GENERALE DEL SISTEMA FOGNARIO DEL COMUNE DI RIMINI 11 PIANO DEGLI INTERVENTI CON INDIVIDUAZIONE DEL LIVELLO DI PRIORITA E DEI COSTI 85 PIANO GENERALE DEL SISTEMA FOGNARIO DEL COMUNE DI RIMINI IL

Dettagli

APPENDICE A STUDIO IDRAULICO DEL TORRENTE LANDRO, CHE ATTRAVERSA IL CENTRO ABITATO E CONFLUISCE NEL FIUME ELEUTERIO.

APPENDICE A STUDIO IDRAULICO DEL TORRENTE LANDRO, CHE ATTRAVERSA IL CENTRO ABITATO E CONFLUISCE NEL FIUME ELEUTERIO. APPENDICE A STUDIO IDRAULICO DEL TORRENTE LANDRO, CHE ATTRAVERSA IL CENTRO ABITATO E CONFLUISCE NEL FIUME ELEUTERIO. A chiusura del Piano comunale di P.C. Rischio idrogeologico si riporta la valutazione

Dettagli

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE B IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE Premessa Il quadro conoscitivo del PTCP restituisce un analisi del sistema naturale ed ambientale del territorio provinciale che pone limiti ed offre opportunità alle

Dettagli

Relazione Tecnica Idraulica

Relazione Tecnica Idraulica Studio delle zone a rischio idraulico assoggettate alla normativa del Piano di Assetto Idrogeologico (P.A.I.) Relazione Tecnica Idraulica Per conto: COMUNE DI SESTO SAN GIOVANNI Settore Pianificazione

Dettagli

INDICE 1. OBIETTIVI... 2 2. RELAZIONE ESPLICATIVA SULLO STATO DEI LUOGHI... 3

INDICE 1. OBIETTIVI... 2 2. RELAZIONE ESPLICATIVA SULLO STATO DEI LUOGHI... 3 INDICE 1. OBIETTIVI... 2 2. RELAZIONE ESPLICATIVA SULLO STATO DEI LUOGHI... 3 2.1 Note introduttive sul territorio... 3 2.2 Sistemi drenanti già esistenti... 3 2.3 Bacini imbriferi principali e sottobacini...

Dettagli

PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26

PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26 PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26 PARERE ESPRESSO DAL GENIO CIVILE DI VENEZIA CON NOTA PROT. N. 279721/46.10 DEL 23 APRILE 2004. VARIANTE n. 23 Il Comune

Dettagli

INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1

INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1 4 PIANO STRALCIO PER L'ASSETTO IDROGEOLOGICO... 2 4.1 NODO VALLONE CERNICCHIARA/RAFASTIA...

Dettagli

RILOCALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE

RILOCALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE REGIONE DEL VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA RILOCALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE Domanda di Verifica di Assoggettabilità alla VIA

Dettagli

P.U.A. n 3 Via Leopardi

P.U.A. n 3 Via Leopardi P.U.A. n 3 Via Leopardi REGIONE VENETO provincia di Padova comune di Galliera Veneta Relazione idraulica Il committente Comune di Galliera Veneta Via Roma 174 Il progettista Arch. Sara Favotto STUDIO NOVE

Dettagli

PORTO TURISTICO DI MARINA DI PISA. Studio Idraulico

PORTO TURISTICO DI MARINA DI PISA. Studio Idraulico PORTO TURISTICO DI MARINA DI PISA Studio Idraulico IMP_04_R_001_0_relaziodraulica Pagina 1 di 15 INDICE 1 Premessa... 3 2 Il Piano di Assetto Idrogeologico in relazione all area del porto di Marina di

Dettagli

COMUNITA MONTANA VALLI CHISONE GERMANASCA PELLICE PINEROLESE PEDEMONTANO

COMUNITA MONTANA VALLI CHISONE GERMANASCA PELLICE PINEROLESE PEDEMONTANO PROGETTO PRELIMINARE Approvato con Decreto del Commissario Straordinario della C.M. del Pinerolese n. 43 del 16/07/2015 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNITA MONTANA VALLI CHISONE GERMANASCA PELLICE

Dettagli

Studio di Geologia Applicata - Dott. Geol. Pier Luigi Amadori

Studio di Geologia Applicata - Dott. Geol. Pier Luigi Amadori Studio di Geologia Applicata - Dott. Geol. Pier Luigi Amadori Viale della Repubblica, 4-47014 Meldola (FC) Tel-Fax. 0543/49 03 36 - C. F. MDR PLG 44L06 A 565 O - P. IVA 00627450406 PREMESSA La presente

Dettagli

Bacino scolante nella Laguna di Venezia

Bacino scolante nella Laguna di Venezia Bacino scolante nella Laguna di Venezia QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO L. 18 maggio 1989, n. 183 Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo Definisce il Bacino scolante in

Dettagli

EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE

EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE Maurizio Brown Si sviluppa a partire dalla seconda metà del XIX secolo

Dettagli

RELAZIONE TECNICA rete fognaria acque bianche

RELAZIONE TECNICA rete fognaria acque bianche RELAZIONE TECNICA rete fognaria acque bianche Premessa L ambito d intervento del P.P.I.P riguarda un area a destinazione residenziale (d ora in poi denominata bacino) di 3.440 m², così suddivisa: PLANIMETRIA

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO Dipartimento di Idraulica, Trasporti e Infrastrutture Civili

POLITECNICO DI TORINO Dipartimento di Idraulica, Trasporti e Infrastrutture Civili POLITECNICO DI TORINO Dipartimento di Idraulica, Trasporti e Infrastrutture Civili CONSORZIO PER L ARGINATURA E LA SISTEMAZIONE DEL TORRENTE BANNA - BENDOLA Responsabili della ricerca Prof. Ing. Pierluigi

Dettagli

Seminario proposto dall Ordine degli Architetti PCC Monza e Brianza col Patrocinio della Consulta Architetti Lombardi Durata presentazione : 1 ora

Seminario proposto dall Ordine degli Architetti PCC Monza e Brianza col Patrocinio della Consulta Architetti Lombardi Durata presentazione : 1 ora Seminario proposto dall Ordine degli Architetti PCC Monza e Brianza col Patrocinio della Consulta Architetti Lombardi Durata presentazione : 1 ora Sala conferenze ELLEPI libere professioni Monza (MB),

Dettagli

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista Foglio n 1 di 9 CHECK LIST DI ASSEVERAZIONE DEI CONTENUTI DEL PROGETTO ESECUTIVO Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista delle opere fognarie comprese nel Piano Urbanistico denominato. in Comune

Dettagli

Infrastrutture di supporto degli insediamenti produttivi dell area consortile ASI di Taranto.

Infrastrutture di supporto degli insediamenti produttivi dell area consortile ASI di Taranto. INDICE PREMESSA... 2 1. DATI DI PARTENZA... 4 2. ESPANSIONE DEMOGRAFICA... 5 3. CALCOLO DELLA RETE NERA... 6 3.1 Parametri di calcolo... 6 3.2 Analisi dei beni e dei servizi da fornire ed individuazione

Dettagli

UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano

UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano QUADRO CONOSCITIVO LOCALIZZATO Indice Inquadramento territoriale, descrizione e contestualizzazione...2 Pericolosità idraulica, acque superficiali e depurazione...7

Dettagli

STUDIO IDRAULICO DEL TRATTO VALLIVO DEL TORRENTE EMA CORRELATO AL COMPLETAMENTO

STUDIO IDRAULICO DEL TRATTO VALLIVO DEL TORRENTE EMA CORRELATO AL COMPLETAMENTO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA Tesi di laurea specialistica in INGEGNERIA PER LA TUTELA DELL AMBIENTE E DEL TERRITORIO STUDIO IDRAULICO DEL TRATTO VALLIVO DEL TORRENTE EMA CORRELATO

Dettagli

Manutenzione straordinaria del Torrente Salsero

Manutenzione straordinaria del Torrente Salsero PREMESSA Il presente progetto prende le mosse da un finanziamento per complessivi 367.021,00 necessario la manutenzione straordinaria del Rio Salsero e cofinanziato dalla Regione Toscana, Provincia di

Dettagli

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001.

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001. - K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE (revisione 04) Pagina 1 di 11 INDICE Pag. PARTE K RETI FOGNARIE K.1 3 REQUISITI DEI PROGETTI DI FOGNATURE PER NUOVE

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICO-SPECIALISTICA COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno SETTORE INTERVENTI SUL TERRITORIO E QUALITA URBANA U.O. PROGETTAZIONE e DIREZIONE LAVORI Oggetto: RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE AREA ARTIGIANALE LE MORELLINE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA. COMPARTO n.13 PONTEDERA FOGNATURA BIANCA FOGNATURA NERA PROGETTO ESECUTIVO

RELAZIONE TECNICA OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA. COMPARTO n.13 PONTEDERA FOGNATURA BIANCA FOGNATURA NERA PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA COMPARTO n.13 PONTEDERA FOGNATURA BIANCA FOGNATURA NERA PROGETTO ESECUTIVO variante giugno 2012 1 Sommario PREMESSA... 3 RICOSTRUZIONE DEL RETICOLO IDRAULICO

Dettagli

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE Premesse La rete per l evacuazione delle acque meteoriche dal corpo stradale, viene progettata in maniera da captare la totalità delle acque piovane

Dettagli

INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO DELL AREA SECONDO IL PTCP... 3 3 GESTIONE DELLE ACQUE DI SCARICO... 9

INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO DELL AREA SECONDO IL PTCP... 3 3 GESTIONE DELLE ACQUE DI SCARICO... 9 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO DELL AREA SECONDO IL PTCP... 3 3 GESTIONE DELLE ACQUE DI SCARICO... 9 3.1 RETE DI ACQUE METEORICHE E LAMINAZIONE... 9 3.2 TRATTAMENTO ACQUE DI PRIMA PIOGGIA... 11

Dettagli

PRG. PIANO STRUTTURALE VARIANTE DI REVISIONE E AGGIORNAMENTO adottata con Del. del C.C. n. del. approvata con Del. del C.C. n. del.

PRG. PIANO STRUTTURALE VARIANTE DI REVISIONE E AGGIORNAMENTO adottata con Del. del C.C. n. del. approvata con Del. del C.C. n. del. Comune di FIGLINE VALDARNO Provincia di Firenze PRG DEL TERRITORIO COMUNALE ai sensi della L.R. n 1 del 3 gennaio 2005 PIANO STRUTTURALE VARIANTE DI REVISIONE E AGGIORNAMENTO adottata con Del. del C.C.

Dettagli

QUADRO CONOSCITIVO GENERALE

QUADRO CONOSCITIVO GENERALE Comune di Pisa VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO FINALIZZATA ALLA RIDEFINIZIONE DELLE DESTINAZIONI DI AREE PUBBLICHE E DI INTERESSE PUBBLICO, ALLA INDIVIDUAZIONE DI NUOVE ATTREZZATURE PER LA MOBILITA

Dettagli

AIRIS INGEGNERIA PER L AMBIENTE. Piano Particolareggiato Comparto D2.32 COMUNE DI MINERBIO. Proprietà: INVER R.E. S.r.l. RELAZIONE IDRAULICA

AIRIS INGEGNERIA PER L AMBIENTE. Piano Particolareggiato Comparto D2.32 COMUNE DI MINERBIO. Proprietà: INVER R.E. S.r.l. RELAZIONE IDRAULICA COMUNE DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA Piano Particolareggiato Comparto D2.32 Proprietà: INVER R.E. S.r.l. Progetto: No Gap Progetti S.r.l. Gruppo di lavoro Francesca RAMETTA (coordinamento) Valeriano

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Ingegneria

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Ingegneria PRIMA PROVA SCRITTA DEL 23 NOVEMBRE 2011 Tema n. 1 Il candidato illustri i tipi edilizi residenziali. Si discutano inoltre le principali relazioni tra tipologie edilizie e morfologie urbane. Si richiede,

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni Il rischio idraulico Giuseppe Simoni Servizio Tecnico Bacino Reno REGIONE EMILIA-ROMAGNA Il rischio da eventi naturali CONCETTI FONDAMENTALI 1) Il RISCHIO è il prodotto di più fattori : - PERICOLOSITA

Dettagli

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI... RELAZIONE GEOLOGICA E GEOMROFOLOGICA SOMMARIO 1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...8 5. CONCLUSIONI...11

Dettagli

Comune di Castenaso. Provincia di Bologna. Piano Urbanistico Attuativo per l'attuazione del Comparto ANS C2.2 Castenaso Est sito nel capoluogo

Comune di Castenaso. Provincia di Bologna. Piano Urbanistico Attuativo per l'attuazione del Comparto ANS C2.2 Castenaso Est sito nel capoluogo Comune di Castenaso Provincia di Bologna Piano Urbanistico Attuativo per l'attuazione del Comparto ANS C2.2 Castenaso Est sito nel capoluogo Indirizzo: Via dei Mille RELAZIONE IDRAULICA Federici Saverio

Dettagli

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Insieme integrato di opere idrauliche atte a raccogliere, convogliare e allontanare dalle zone urbanizzate le acque reflue domestiche ed industriali,

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3. INQUADRAMENTO INTERVENTO... 2 4. ANALISI AMBITO DI INTERVENTO D... 3. 4.1 Fognatura nera...

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3. INQUADRAMENTO INTERVENTO... 2 4. ANALISI AMBITO DI INTERVENTO D... 3. 4.1 Fognatura nera... INDICE 1. PREMESSA... 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3. INQUADRAMENTO INTERVENTO... 2 4. ANALISI AMBITO DI INTERVENTO D... 3 4.1 Fognatura nera... 3 4.2 Sistema di raccolta acque meteoriche aree pubbliche...

Dettagli

SISTEMI INNOVATIVI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE

SISTEMI INNOVATIVI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE SISTEMI INNOVATIVI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE Geoplast www.geoplast.it Ciclo naturale dell acqua La gestione delle acque meteoriche è importante al fine di ripristinare il naturale ciclo dell

Dettagli

ALTO TREVIGIANO SERVIZI s.r.l.

ALTO TREVIGIANO SERVIZI s.r.l. 1 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. IL CALCOLO DEI CARICHI IDRAULICI AFFERENTI ALL IMPIANTO DI SALVATRONDA. 4 2.1 I COMUNI INTERESSATI DALL INTERVENTO DI PROGETTO... 4 2.2 PORTATE NERE TEORICHE... 4 2.3 PORTATE

Dettagli

Provincia di Varese COMUNE DI ALBIZZATE. Studio del reticolo idrico comunale (D.G.R. del 25-01-02 n 7/7868 e s.m.i.)

Provincia di Varese COMUNE DI ALBIZZATE. Studio del reticolo idrico comunale (D.G.R. del 25-01-02 n 7/7868 e s.m.i.) REGIONE LOMBARDIA Provincia di Varese COMUNE DI ALBIZZATE Studio del reticolo idrico comunale (D.G.R. del 25-01-02 n 7/7868 e s.m.i.) Dicembre 2011 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO MINORE Studio

Dettagli

GUVALIT SRL Verifica idraulica delle reti fognarie al servizio del P.I.I. TS1 - GAGGIANO RELAZIONE TECNICA

GUVALIT SRL Verifica idraulica delle reti fognarie al servizio del P.I.I. TS1 - GAGGIANO RELAZIONE TECNICA RELAZIONE TECNICA 1 - Premesse La Società GUVALIT SRL ha in programma di realizzare un piano di intervento integrato denominato TS1 in Comune di GAGGIANO, in cui sono comprese, tra le opere di urbanizzazione

Dettagli

COMUNE di SPINEA. Assessorato alla Protezione Civile

COMUNE di SPINEA. Assessorato alla Protezione Civile COMUNE di SPINEA Assessorato alla Protezione Civile INDICE 1. RISCHIO IDRAULICO... 3 1.1 Premessa... 3 1.2 Scenari di rischio idraulico... 4 1.2.1 Rischio idraulico da rete principale... 4 1.2.2. Rischio

Dettagli

ALLEGATO TECNICO N. 2 AGGIORNAMENTO STUDIO IDRAULICO

ALLEGATO TECNICO N. 2 AGGIORNAMENTO STUDIO IDRAULICO ALLEGATO TECNICO N. 2 AGGIORNAMENTO STUDIO IDRAULICO 1 RACCOLTA E VALIDAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE 1.1 Cartografia e dati di base I dati cartografici e topografici di base per l aggiornamento

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS PIANO DI PROTEZIONE CIVILE

UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS PIANO DI PROTEZIONE CIVILE UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS COMUNE DI VILLASPECIOSA PIANO DI PROTEZIONE CIVILE DOSSIER RISCHIO IDROGEOLOGICO IL TECNICO COLLABORATORI IL COMMITTENTE Ottobre 2011 DOTT. ING. DANIELA

Dettagli

COMUNE DI CRESPELLANO

COMUNE DI CRESPELLANO Provincia di Bologna Proprietà Attuatore COOP. COSTRUZIONISoc.Coop. Via F. Zanardi, 372 40131 Bologna PIANO PARTICOLAREGGIATO PER L ATTUAZIONE DEL COMPARTO C2-13 in conformità all Accordo ex art. 18 L.R.

Dettagli

SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI

SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI Convegno SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI Prof. Ing. Alessandro Paoletti Presidente emerito CSDU 24 Ottobre 2014, Bologna Fiere H2O 2014 Indice 1. Evoluzione

Dettagli

COMUNE di MARTELLAGO. Assessorato alla Protezione Civile

COMUNE di MARTELLAGO. Assessorato alla Protezione Civile COMUNE di MARTELLAGO Assessorato alla Protezione Civile INDICE 1. Rischio Idraulico...3 1.1 Premessa...3 1.2 Scenari di rischio idraulico...3 1.2.1 Rischio idraulico da rete principale....4 1.2.2 Rischio

Dettagli

Il rischio idraulico nei bacini minori: analisi di un recente evento di piena nel torrente Ravone

Il rischio idraulico nei bacini minori: analisi di un recente evento di piena nel torrente Ravone Il rischio idraulico nei bacini minori: analisi di un recente evento di piena nel torrente Ravone F. Grazzini (1), F.Dottori (2) (1) ARPA-SIMC (2) Dipartimento di Scienze della Terra, Università di Bologna

Dettagli

Relazione generale 1. PREMESSA

Relazione generale 1. PREMESSA 1. PREMESSA L Amm.ne Comunale di Portoferraio, preoccupata per i ricorrenti fenomeni di inondazione nell area della via Del Carburo, nel capoluogo, ha programmato un intervento di ristrutturazione della

Dettagli

PROGETTAZIONE PRELIMINARE DEGLI INTERVENTI PER LA MESSA IN SICUREZZA IDRAULICA DELL'ABITATO DI PONTREMOLI IN PROVINCIA DI MASSA CARRARA

PROGETTAZIONE PRELIMINARE DEGLI INTERVENTI PER LA MESSA IN SICUREZZA IDRAULICA DELL'ABITATO DI PONTREMOLI IN PROVINCIA DI MASSA CARRARA PROGETTAZIONE PRELIMINARE DEGLI INTERVENTI PER LA MESSA IN SICUREZZA IDRAULICA DELL'ABITATO DI PONTREMOLI IN PROVINCIA DI MASSA CARRARA RELAZIONE TECNICA IDROLOGICA-IDRAULICA INDICE 1. PREMESSA...3 2.

Dettagli

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO 1 - RETI DI FOGNATURA Il sistema di smaltimento delle acque è di tipo separativo, ossia attraverso due reti distinte vengono convogliate le acque d'origine pluviale e

Dettagli

Università degli studi di Firenze

Università degli studi di Firenze Università degli studi di Firenze Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per la Tutela dell Ambiente e il Territorio Anno Accademico 2010-2011 Progettazione preliminare di un sistema di casse di laminazione

Dettagli

Relazione idraulica inerente la verifica delle condizioni di rischio residuo a valle del ponte di via Regina Margherita

Relazione idraulica inerente la verifica delle condizioni di rischio residuo a valle del ponte di via Regina Margherita Relazione idraulica inerente la verifica delle condizioni di rischio residuo a valle del ponte di via Regina Margherita 1. PREMESSA... 1 2. CARATTERIZZAZIONE GEOMETRICA... 1 3. DETERMINAZIONE DEI VALORI

Dettagli

COMMISSARIO DELEGATO PER L EMERGENZA CONCERNENTE GLI ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI DEL 26 SETTEMBRE 2007

COMMISSARIO DELEGATO PER L EMERGENZA CONCERNENTE GLI ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI DEL 26 SETTEMBRE 2007 ORDINANZA N. 3 DEL 22.01.08 Oggetto: O.P.C.M. n. 3621 del 18.10.2007. Interventi urgenti di protezione civile diretti a fronteggiare i danni conseguenti agli eccezionali eventi meteorologici che hanno

Dettagli

D.Lgs. 23 febbraio 2010 n. 49 Attuazione della direttiva 2007/60/CE relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni.

D.Lgs. 23 febbraio 2010 n. 49 Attuazione della direttiva 2007/60/CE relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni. D.Lgs. 23 febbraio 2010 n. 49 Attuazione della direttiva 2007/60/CE relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni. Piano di Gestione del Rischio Alluvioni dicembre 2013 A cura di: Direzione

Dettagli

SINTESI DELLE MISURE DI PORTATA CONDOTTE IN CONDIZIONI DI MORBIDA-PIENA SUL BACINO DEL LIVENZA-MEDUNA PERIODO 2010-2014

SINTESI DELLE MISURE DI PORTATA CONDOTTE IN CONDIZIONI DI MORBIDA-PIENA SUL BACINO DEL LIVENZA-MEDUNA PERIODO 2010-2014 DIPARTIMENTO REGIONALE PER LA SICUREZZA DEL TERRITORIO SERVIZIO IDROLOGICO SINTESI DELLE MISURE DI PORTATA CONDOTTE IN CONDIZIONI DI MORBIDA-PIENA SUL BACINO DEL LIVENZA-MEDUNA PERIODO 2010-2014 ARPAV

Dettagli

Studio di prefattibilità relativo alle opere di mitigazione del rischio nel territorio del comune di Capurso

Studio di prefattibilità relativo alle opere di mitigazione del rischio nel territorio del comune di Capurso Pagina 1di 16 1. PREMESSA... 3 2. SINTESI DESCRITTIVA DEL RISCHIO IDRAULICO INDIVIDUATO... 3 3. INDIVIDUAZIONE DELLE CRITICITA... 6 4 OPERA DI MITIGAZIONE DEL RISCHIO: GENERALITA' E SOLUZIONI PROPOSTE...

Dettagli

Piano Strutturale Comunale

Piano Strutturale Comunale Piano Strutturale Comunale Sindaco: Maino Benatti Assessore Economia e Sviluppo Sostenibile: Roberto Ganzerli Segretario - Direttore Generale: Alessio Primavera C - SISTEMA TERRITORIALE Sostenibilità idraulica

Dettagli

SCHEDA TEMATICA RISCHIO IDRAULICO

SCHEDA TEMATICA RISCHIO IDRAULICO SCHEDA TEMATICA RISCHIO IDRAULICO 1. GENERALITA La morfologia del territorio della provincia di Bologna, pianeggiante e a volte depressa, solcato da diversi corsi d acqua naturali o artificiali anche di

Dettagli

COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE

COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE LL.NN.179/92-493/93 e 85/94- Localizzazione Interventi di Edilizia Sovvenzionata - Opere di Urbanizzazione primaria - Riutilizzo somme disponibili per Progetto

Dettagli

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Come previsto dalle norme tecniche del Piano stralcio (autorità Bacini Romagnoli) l area è soggetta al rispetto del principio di invarianza

Dettagli

Gestione del sistema di difesa idraulica nell area nord milanese

Gestione del sistema di difesa idraulica nell area nord milanese Gestione del sistema di difesa idraulica nell area nord milanese Lambro pulito, Lambro sicuro Contratto fiume Lambro settentrionale URBAN CENTER di Monza Milano, 7 marzo 2015 Ing. Gaetano LA MONTAGNA Responsabile

Dettagli

SAI Progetti s.r.l. GeoTer

SAI Progetti s.r.l. GeoTer SAI Progetti s.r.l. GeoTer ALCUNI DATI DEL BACINO Area del bacino = 2,31 Km 2 Quota massima = 1.100 m Quota sezione di chiusura (Cherio) = 301,5 m Lunghezza asta principale = 2.370 m CALCOLO DELLA PORTATA

Dettagli

La superficie complessiva di deflusso delle acque piovane da smaltire nel sottosuolo risulta di 460 mq ed è così suddivisa:

La superficie complessiva di deflusso delle acque piovane da smaltire nel sottosuolo risulta di 460 mq ed è così suddivisa: 1. Premesse La seguente relazione idraulica è redatta allo scopo di indicare le modalità di raccolta, deflusso e smaltimento delle acque meteoriche di dilavamento del nuovo tratto di pista ciclopedonale

Dettagli

IL SISTEMA DI INVARIANZA IDRAULICA

IL SISTEMA DI INVARIANZA IDRAULICA CONSORZIO DI BONIFICA SAVIO RUBICONE CESENA - COLLEGIO INGEGNERI E ARCHITETTI DI CESENA E COMPRENSORIO IL SISTEMA DI INVARIANZA IDRAULICA ORDINE INGEGNERI PROVINCIA FC COMUNE DI CESENA Programma dei lavori

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE Comune di Ravenna Compilatore: GEB srl IN SE SR. Piano Emergenza Rischio Idraulico

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE Comune di Ravenna Compilatore: GEB srl IN SE SR. Piano Emergenza Rischio Idraulico Aggiornato al: 14.09.2009 SCENARI DI EVENTO pag. 2.1 2 SCENARI DI EVENTO Il primo passo nella redazione di un Piano di Emergenza di Protezione Civile si realizza con la creazione degli Scenari di Evento.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA PIANO URBANISTICO ESECUTIVO DI INIZIATIVA PRIVATA per insediamento produttivo di nuovo impianto ad uso artigianale, produttivo e commerciale in Comune di Comacchio Loc. San Giuseppe S.S. 309 Romea Spett.le

Dettagli

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Matteo Castelli Consulta Volontariato Protezione Civile Provincia di Bologna 8 maggio 2012 EMERGENZE VETERINARIE: CATASTROFI NATURALI

Dettagli

COMUNE DI GRUARO. Assessorato alla Protezione Civile

COMUNE DI GRUARO. Assessorato alla Protezione Civile COMUNE DI GRUARO Assessorato alla Protezione Civile Data aggiornamento 31.07.2014 INDICE 1.1 Premessa...3 1.2 Scenari di rischio idraulico...4 1.2.1 Rischio idraulico da rete principale...4 1.2.2. Rischio

Dettagli

Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare

Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare ANALISI DELLE CRITICITA IDRAULICHE PORTATE COMPATIBILI NEI DIVERSI TRATTI Il sistema idraulico Parma Baganza è stato oggetto di numerosi studi allo

Dettagli

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP Busto Arsizio, 12 Dicembre 2011 Sommario 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

Relazione tecnica. Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante

Relazione tecnica. Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante Dott. Ing. Stefano Papini Viale Dante, 97/3 Sestri Levante (Ge) Tel. : 0185 459513, Fax : 010 9301050 E-mail: Stefano_Papini@libero.it Relazione tecnica Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del

Dettagli

ELEMENTI DI PRECISAZIONE

ELEMENTI DI PRECISAZIONE ELEMENTI DI PRECISAZIONE LA NATURA DELLA PROBLEMATICA INERENTE IL COLLETTORE NERO DI ACERRA Particolare rilevanza rivestono gli interventi sul Collettore Emissario dell Area Industriale di Acerra (cd.

Dettagli

A) OPERE DI SISTEMAZIONE IDRAULICA ED IDRAULICO-FORESTALE, DI DIFESA DEL SUOLO, DI TUTELA DELL AMBIENTE E DI BONIFICA IDRAULICA.

A) OPERE DI SISTEMAZIONE IDRAULICA ED IDRAULICO-FORESTALE, DI DIFESA DEL SUOLO, DI TUTELA DELL AMBIENTE E DI BONIFICA IDRAULICA. A) OPERE DI SISTEMAZIONE IDRAULICA ED IDRAULICO-FORESTALE, DI DIFESA DEL SUOLO, DI TUTELA DELL AMBIENTE E DI BONIFICA IDRAULICA. Il Consorzio esplica le funzioni ed i compiti che gli sono attribuiti dalla

Dettagli