Convegno del 25 gennaio Intervento dott. Stefano Tonelato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Convegno del 25 gennaio 2011. Intervento dott. Stefano Tonelato"

Transcript

1 Convegno del 25 gennaio 2011 Intervento dott. Stefano Tonelato del contributo di mantenimento dei figli e del coniuge nei giudizi di I e II grado La consulenza tecnica come attività rivolta a svelare i segreti patrimoniali delle parti Al fine di individuare i temi e le problematiche che si affrontano nello svolgimento delle consulenze tecniche in materia di famiglia si e cercato di dare, in questa breve e sintetica relazione, un inquadramento generale su come potrebbe svolgersi una consulenza tecnica in questo ambito; inoltre sono stati evidenziati tutti quegli elementi che consentono di pervenire ad una relazione definitiva con un contenuto qualitativo minimo e con un necessario approfondimento. Ci si è posti l obiettivo, quindi, di definire alcune modalità operative concrete con le quali si potrebbe procedere, (anche al fine contenere costi e tempi) alla valutazione della documentazione da acquisire presso le parti o i terzi ed in che modo. Va premesso tuttavia, che questo tipo di perizie affrontano temi molto delicati perché nell ambito di conflitti familiari spesso molto accesi. Di conseguenza, il CTU nominato deve necessariamente addentrarsi ad approfondire delle operazioni e delle attività che di solito sono mantenute riservate dalle parti, e, relative ai segreti patrimoniali più intimi delle persone da pochi conosciuti. Il CTU, pertanto, mette a nudo tutte quelle operazioni, quelle attività e quei patrimoni che le parti non vorrebbero mai far conoscere, anche alla luce dei modificati rapporti che si vengono a creare con nuove famiglie. In queste situazioni, infatti, e facile constatare l esistenza di diverse operazioni che vengono poste in essere da una parte all insaputa dell altra o degli altri componenti della famiglia. Per questi motivi, dunque, è opportuno cercare di svolgere questi incarichi con il massimo rispetto per le parti, cercando di ottenere la massima collaborazione dei consulenti dalle stesse nominati, per evitare, nei limiti del possibile, il coinvolgimento della Polizia Tributaria o di altre pubbliche istituzioni e la ricostruzione di redditi presunti. Pagina 1 di 27

2 Di seguito sono riportati gli argomenti trattati: 1 Poteri del CTU Data di riferimento della stima richiesta dal quesito Individuazione del patrimonio Indagini patrimoniali e finanziarie da Svolgere: Indagini bancarie: Individuazione dei beni mobili o immobili mediante la ottenibile presso l Ufficio del Registro sugli atti registrati nel territorio nazionale Consistenza del patrimonio immobiliare Consistenza del patrimonio mobiliare Verifica partecipazioni societarie e/o incarichi societari nonche esistenza di ditte individuali o imprese familiari intestate ai due coniugi ovvero altri incarichi attribuiti alle parti Visura presso il PRA per la verifica degli autoveicoli nella disponibilità delle parti Eventuale inventario e stima di altri beni mobili di pregio Individuazione del reddito Alcune tipologie di reddito e relative particolarità Redditi di lavoro dipendente o di pensione Redditi di fabbricati Redditi di attività professionali Redditi di attività imprenditoriali Redditi da incarichi di amministratori di società Redditi da partecipazioni in altre società Redditi agrari Alcuni casi specifici: Ipotesi n. 1 possibile attività occulta o illecita Ipotesi n. 2 - Professionista o imprenditore che dichiari un reddito annuo modesto in relazione al tenore di vita dimostrato dal CTU Ipotesi n. 3 - soggetto che sostenga un tenore di vita al di sopra delle sue possibilità dichiarate e che utilizzi beni che sembrerebbero essere fittiziamente intestati a terzi Ipotesi n. 4 proprietario di beni immobili che non producono alcun reddito Ipotesi n. 5 ipotesi transattive e relativi problemi annessi Pagina 2 di 27

3 1 Poteri del CTU Il codice civile non attribuisce al CTU in questa materia particolari poteri, se non quelli che derivano dal fatto che e pubblico ufficiale nell esercizio delle sue funzioni. Gli unici poteri allo stesso attribuiti sono quelli che derivano dall incarico e dal quesito ricevuto dal G.I., che generalmente autorizza lo stesso ad acquisire eventuali ulteriori documenti presso enti pubblici o presso terzi. Lo stesso deve, dunque, esaminare la documentazione acquisita ed ha il dovere, (proprio in qualità di pubblico ufficiale) di informare il magistrato di eventuali anomalie riscontrate. Il CTU non e vincolato alla documentazione dimessa e, di conseguenza, non e vincolato ai redditi dichiarati ed al patrimonio comunicato dalle parti; nel caso in cui rilevi eventuali anomalie, e le stesse siano adeguatamente documentate, ha il dovere di indicare al magistrato anche gli effetti delle medesime. Di conseguenza si può generare una netta diversità tra i redditi dichiarati ed i redditi accertati in sede di consulenza tecnica e sulla base dei quali possono essere quantificati gli assegni di mantenimento. Le segnalazioni al magistrato vanno effettuate su circostanze ed operazioni specifiche che potrebbero poi essere oggetto di verifica della polizia tributaria, (risulta infatti difficile ipotizzare un intervento della polizia tributaria su circostanze generiche). Nel caso in cui la polizia tributaria venga incaricata di svolgere una indagine su particolari operazioni, se specificamente autorizzato dal G.I., si ritiene che il CTU possa assistere a tali operazioni. Il recente protocollo della famiglia prevede espressamente che il Giudice, qualora disponga gli accertamenti della polizia tributaria, possa richiedere alla predetta di eseguire accessi ed ispezioni, esibire atti o documenti detenuti da pubbliche amministrazioni desunti da Agenzia del Territorio, Anagrafe tributaria, Pra, Mctc, Banca dati precedenti Guardia di Finanza, Banca dati Hydra dell Inps, informazioni di polizia desunte dalla banca dati SDI, Servizi municipalizzati ecc. e da privati, acquisire scritture contabili ecc. In ogni caso il Giudice può richiedere alla polizia tributaria nell ambito degli accertamenti delegategli di effettuare indagini bancarie/finanziarie secondo quanto previsto dagli artt. 32 e ss. dpr 600/73. In chiave problematica, poi, dovranno porsi i seguenti interrogativi: - Ci si chiede poi se, nell ambito delle operazioni che possono essere delegate alla polizia tributaria da parte del G.I. il CTU possa svolgere un ruolo analogo a quello del consulente del P.M. ovvero possa esaminare i documenti acquisiti e possa poi eventualmente indicare alla polizia tributaria l eventuale opportunità di svolgere eventuali ulteriori indagini mirate. - Ci si chiede inoltre se la polizia tributaria possa essere delegata a svolgere anche eventuali interrogatori delle parti o di terzi al fine di ottenere informazioni utili e se il CTU possa poi, se opportunamente autorizzato dal G.I., assistere agli interrogatori svolgendo un ruolo di Pagina 3 di 27

4 supporto alla polizia tributaria dato che (il CTU non può certo avere poteri per interrogare le parti o i terzi). Nel caso in cui le indagini svolte portino ad individuare dei redditi diversi rispetto a quelli dichiarati si reputa necessario segnalare al magistrato anche i conseguenti carichi fiscali associati a tali maggiori redditi. Si pone, ad esempio, il caso che dalla trasmissione degli atti alla competente polizia tributaria scaturisca poi un carico fiscale elevatissimo che comporti il successivo sequestro del patrimonio mobiliare ed immobiliare della parte sottoposta a verifica. Va da se che, in questo caso, la determinazione di un importante reddito non dichiarato, potrebbe avere un effetto assolutamente negativo sul patrimonio della parte che verrebbe colpito dai carichi fiscali, con il conseguente inevitabile riflesso negativo anche sul reddito che il CTU dovrà indicare in perizia al G.I.. Gli accertamenti che tipicamente vengono demandati al CTU di questa materia sono di duplice natura: a) - Patrimoniali ovvero l individuazione del patrimonio mobiliare ed immobiliare dei soggetti da valutare. La struttura patrimoniale dei soggetti da valutare spesso e direttamente collegata alla conseguente struttura reddituale dei soggetti: è evidente infatti che da un determinato patrimonio, spesso dipende anche parte del reddito attribuibile ai soggetti. b) - Reddituali ovvero l individuazione del reddito dei soggetti da esaminare che, generalmente, dipende inscindibilmente dalla struttura del patrimonio dei medesimi. Si può, dunque, comprendere che le due grandezze sopra indicate (il patrimonio ed il reddito) sono strettamente connesse tra di loro nel senso che: - dalla struttura patrimoniale di un soggetto, dipendono inevitabilmente anche i conseguenti redditi; - dalla redditività dell attività svolta da un soggetto dipende anche la sua capacità di generare o incrementare il patrimonio, ovvero quella di ridurlo, nel caso in cui la redditività accertata sia negativa. Pagina 4 di 27

5 2 Data di riferimento della stima richiesta dal quesito. In via preliminare, e necessario delimitare temporalmente l ambito delle indagini del CTU che dovranno necessariamente tenere conto degli effetti di eventuali eventi, di carattere sia positivo che negativo, che possono essere intervenuti: dalla conquista di qualche particolare merito o successo professionale al possibile assoggettamento delle società di una delle parti a procedura concorsuale e conseguente effetti sull altra per effetto delle garanzie eventualmente prestate. Una indicazione da dare può essere quella di svolgere la verifica relativa al patrimonio ed al reddito delle parti con riferimento ad un periodo temporale antecedente almeno di un paio d anni rispetto alla avvenuta separazione, questo al fine di verificare qual era il tenore di vita della coppia e confrontarlo poi con gli accadimenti successivi e con le mutate situazioni reddituali e finanziarie dei due ex coniugi sino alla data della perizia. 3 Individuazione del patrimonio 3.1 Indagini patrimoniali e finanziarie da svolgere: Con riferimento alle indagini patrimoniali e finanziarie da svolgere, di seguito sono proposte alcune verifiche che si ritengono necessarie al fine ricostruire il patrimonio delle parti. Le stesse si propongono l obiettivo di: - ricostruire l entità del patrimonio mobiliare (saldi attivi di c/c bancari, titoli di investimento, polizze vita, autoveicoli, partecipazioni, ecc ) ed immobiliare della famiglia all epoca della separazione, e nel periodo antecedente per verificare se vi può essere stata una spoliazione di patrimonio da parte di un coniuge a discapito dell altro o dei figli; - esaminare la capacità reddituale della famiglia in costanza di matrimonio e dei coniugi nel periodo successivo alla separazione e di valutare le cause delle possibili variazioni nel periodo individuato (valutazione delle eventuali fonti di reddito mobiliare ed immobiliare, lavorative, oltre che l esame delle capacità di spesa e del relativo tenore di vita tenuto dai coniugi attraverso l esame dei flussi finanziari). Ciò premesso, di seguito si procede a proporre un ipotesi di lavoro basata sulle verifiche minime che il CTU potrebbe effettuare: Indagini bancarie: In merito alle verifiche bancarie da intraprendere, può essere utile per il CTU chiedere alle parti di voler indicare, con apposita memoria, le banche presso le quali ciascuna di esse ha intrattenuto rapporti; ovvero quelle di cui ciascuna parte e a conoscenza che l ex coniuge abbia avuto rapporti e gli estratti conto delle carte di credito, ovvero la copia della carta di credito con la quale e poi Pagina 5 di 27

6 possibile ottenere i relativi estratti conto, a partire quantomeno dal biennio anteriore alla separazione. Nel caso in cui le parti non comunichino al CTU tali informazioni, in forza delle autorizzazioni contenute nel quesito per individuare i rapporti bancari intestati ai soggetti o sui quali gli stessi hanno delega, il CTU potrebbe svolgere le seguenti indagini: - scrivere alle società che in Italia gestiscono i circuiti delle carte di credito (sono circa un ventina) e chiedere alle stesse la copia degli estratti conto delle carte di credito intestati alle parti stesse o che le stesse parti hanno facoltà di utilizzo; - scrivere alla Banca d Italia per chiedere se il soggetto risulti indicato nel sistema in qualità di debitore, creditore, garante di terzi o garantito da terzi, ecc ; - Scrivere alla società che gestisce il Telepass per chiedere se la parte risulta intestataria o utilizzatrice di qualche servizio particolare; - Scrivere alla CRIF, la società che gestisce l EURISC, un sistema di informazioni creditizie di tipo positivo e negativo che raccoglie al suo interno i dati forniti direttamente dagli Enti finanziatori partecipanti Oltre a tali richieste, si ritiene utile: - ricostruire l esatta situazione relativa al patrimonio mobiliare posseduto ed investito presso i medesimi istituti o presso società finanziarie (dossier titoli, fondi comuni, ecc ); - richiedere alle parti la copia degli estratti conto nei quali risultano accreditati gli stipendi o i compensi per gli incarichi di ciascuna parte (nel caso in cui la parte non produca questi documenti e possibile chiedere agli enti o società che effettuano i bonifici le coordinate bancarie delle parti beneficiarie). - Richiedere alle parti l eventuale documentazione relativa agli impegni assunti nei confronti degli istituti di credito (fideiussioni, pegni, ipoteche od altro) o di terzi, in merito all attività imprenditoriale in corso o nelle quali detengono delle partecipazioni. - qualora le attività imprenditoriali siano sottoposte ad una reale crisi finanziaria, richiedere alle parti che sia eventualmente documentato anche l avvenuta escussione delle garanzie e/o l eventuale rischio di escussione, in considerazione dell attuale patrimonio e dell andamento delle società e/o delle attività garantite; - esaminare l eventuale esistenza di procedure esecutive mobiliari od immobiliari a carico delle parti; - verificare la sussistenza di eventuali pegni esistenti sulle somme investite presso i vari istituti di credito (vi potrebbero essere, infatti, disponibilità finanziarie costituite in pegno per altre operazioni); - verificare eventuali disponibilità finanziarie pervenute e dichiarate dalle parti in merito agli atti di vendita di immobili, di partecipazioni, di titoli ed investimenti finanziari, di beni mobili, ecc. ed in merito alle quali e necessario che la parte interessata e beneficiaria produca la copia degli estratti conto contenenti i relativi accrediti e gli eventuali successivi investimenti effettuati. In questo modo e quindi possibile riconciliare gli atti di disposizione patrimoniale con i movimenti bancari. Pagina 6 di 27

7 In pratica, con il ricevimento di tale documentazione bancaria, e possibile effettuare le seguenti verifiche: - individuare e ricostruire il patrimonio finanziario delle parti ad una certa data, generalmente antecedente la separazione (sia giacente sui c/c bancari, sia investita in vari modi nel mercato finanziario); - detta disponibilità finanziaria, alla data scelta antecedente la separazione, potrà poi essere monitorata e seguita dal CTU in tutti i movimenti finanziari successivi (ad esempio il CTU potrà riconciliare gli eventuali incrementi o decrementi finanziari con gli atti di disposizione compiuti tra i coniugi); - evidenziare eventuali spese voluttuarie sostenute dalle parti in maniera eccessiva rispetto alle possibilità dimostrate (ad esempio, spese per viaggi, spese per acquisti in negozi particolarmente costosi risultanti dagli addebiti contabilizzati sui c/c o sulle carte di credito, ecc ); - confrontare i flussi in entrata ed i flussi in uscita contabilizzati sui c/c bancari esaminati; i flussi in accredito potrebbero essere riconciliati con gli stipendi o con i flussi di cassa relativi ai redditi dichiarati o con i disinvestimenti patrimoniali esaminati, mentre i flussi in uscita potrebbero essere riconciliati con gli investimenti patrimoniali esaminati ovvero con le spese documentate. A titolo esemplificativo, e stato ricostruito qui sotto uno schema di lavoro che vuole essere solo uno spunto di riflessione in merito all attività che e possibile svolgere per l accertamento del patrimonio e del reddito. Si e voluto poi indicare alcune particolari fattispecie proprio per accentuare e far comprendere meglio le possibile anomalie riscontrabili. In pratica, con l ausilio di tale schema, costruito sulla base delle informazioni ricevute in merito al patrimonio esistente ad una certa epoca ed all esame dei flussi finanziari, e possibile ricondurre i flussi finanziari in entrata ed in uscita con gli atti esaminati e, di conseguenza, evidenziare le eventuali anomalie. Pagina 7 di 27

8 Valore patrimonio Banca 1 Banca 2 Totale debiti o garanzie Patrimonio iniziale alla data del saldo titoli al , , ,00 saldo fondi di investimento al , ,00 saldo c/c n. alla data del , , ,00 totale patrimonio finanziario iniziale , , , ,00 valore beni mobili iniziale , ,00 valore autovetture iniziale , ,00 valore beni immobili inizile , , ,00 totale patrimonio finanziario iniziale , , ,00 totale patrimonio iniziale , , , , ,00 Flussi in entrata esaminati nell'anno 2000 Valore patrimonio Banca 1 Banca 2 Totale debiti o garanzie Realizzi per affitti (dichiarati) , ,00 Realizzi per stipendi o emolumenti , ,00 Realizzi per bonifici provenienti dall'estero , ,00 Altri realizzi particolari da chiarire , ,00 totale flussi in entrata riconducibili a redditi dichiarati e potenziali , , ,00 - Accrediti dai familiari (con carattere di straordinarietà) , ,00 realizzi autovetture , ,00 Altri realizzi particolari per disinvestimenti mobiliari , ,00 Altri realizzi particolari per disinvestimenti immobiliari - Vendite in titoli , ,00 vendita fondi comuni , ,00 Totale flussi in entrata per realizzi di patrimonio , , ,00 - totale flussi in entrata , , ,00 - Pagina 8 di 27

9 flussi finanziari in uscita esaminati nell'anno 2000 Valore patrimonio Banca 1 Banca 2 Totale Valore patrimonio Banca 1 Banca 2 Totale Spese varie e ordinarie (utenze, spese personali e alimentari, prelievi bancomat, ecc..) , , ,11 debiti o garan zie debiti o garan zie imposte varie personali e contributi 6.200, , ,00 eventuale assegno di mantenimento figli e/o ex coniuge , ,00 Altre spese particolari per beni voluttuari (viaggi, centri benessere, hotel, ecc ) , ,00 Altre spese particolari , ,00 pagamentorate mutui e finanziamenti 4.500, , ,00 Totale addebitiper spese anno 200_ , , ,11 - acquisto autovetture , , ,00 investimenti immobiliari , , , ,00 acquisto beni mobili , ,00 Acquisto titoli , , ,10 acquisto fondi di investimento al , ,00 Totale addebitiper investimenti anno 200_ , , , ,00 totale flussi in uscita , , , ,00 Patrimonio finale alla data del Valore patrimonio Banca 1 Banca 2 Totale Totale autovetture , , ,00 beni immobili di proprietà , , ,00 beni mobili di proprietà , ,00 saldo titoli al , , , ,00 saldo fondi di investimentoal , ,00 saldo c/c n. alla data del , , ,79 totale patrimonio alla fine del periodo esaminato , , , , ,00 Pagina 9 di 27

10 Dal prospetto sopra proposto, realizzato a puro titolo esemplificativo, e che andrà ovviamente calato ed integrato con le particolari necessità richieste dal caso specifico, si possono ricavare molte informazioni utili come ad esempio: - la capacità di spesa della famiglia che, in questo caso, evidenzia come nel periodo in esame siano stati spesi ben ,00 euro in spese ordinarie come utenze, spese personali e alimentari, prelievi bancomat, ecc a fronte di redditi per affitti e per accrediti di stipendi per complessivi ,00 ( Si potrebbe sul punto anche fare un confronto tra le spese fisse mensili addebitate in c/c (ad. Es. utenze, rate mutuo, assegni di mantenimento, affitti, ecc ) e i flussi in entrata mensili ); - oltre a tali spese il soggetto esaminato avrebbe speso ulteriori ,00 per l assegno di mantenimento, provvisoriamente liquidato, e ben ,00 per spese voluttuarie (viaggi, centri benessere, ecc ) oltre ad altre spese non ben chiarite e alle rate del mutuo; - nel caso ipotizzato, le spese sostenute sarebbero state consentite a fronte di alcuni accrediti provenienti dall estero o da terzi (ad. es. società fiduciarie o altro) che risultano del tutto anomali rispetto ai redditi dichiarati ( il CTU dovrà, dunque, segnalare al magistrato tali accrediti anomali, in maniera da consentire a quest ultimo di valutare le iniziative opportune, anche con l ausilio della Polizia Giudiziaria ). Nel caso ipotizzato, si può notare che e possibile effettuare una sorta di quadratura tra il patrimonio iniziale, i flussi in entrata (derivanti da redditi di vario tipo o da dismissioni di patrimonio) ed i flussi in uscita (dovuti a spese ordinarie, straordinarie, voluttuarie, o investimenti). Di conseguenza, una ricostruzione di questo tipo, potrebbe consentire: a) da un lato una verifica sulla congruità dei flussi in entrata rispetto ai redditi dichiarati e, nel caso in cui siano riscontrate anomalie, consentire al CTU di evidenziarle al magistrato per le opportune eventuali successive indagini; b) dall altro lato una vera e propria quadratura e quindi una riprova matematica che le verifiche compiute possano ritenersi attendibili e complete Individuazione dei beni mobili o immobili mediante la ottenibile presso l Ufficio del Registro sugli atti registrati nel territorio nazionale Per individuare la consistenza e le variazioni intervenute nel periodo del patrimonio mobiliare ed immobiliare delle parti, e possibile effettuare le visure degli atti registrati sul territorio nazionale a favore e contro le due parti. In questo modo si accertano gli eventuali beni mobili o immobili di proprietà delle stesse o ceduti nel periodo oggetto di esame, nonché di tutti i contratti soggetti a registrazione. Pagina 10 di 27

11 Per ottenere dalla Agenzia delle Entrate competente questa visura e necessario verificare che nel quesito posto al CTU sia inserita anche una apposita autorizzazione da parte del magistrato che consenta l accesso dello stesso CTU agli atti della pubblica amministrazione. Con questa autorizzazione e possibile ottenere dalla Agenzia delle Entrate informazioni inerenti tutti gli atti stipulati dalle parti soggetti a registrazione, come ad esempio: - compravendite di immobili; - compravendite di azioni e di partecipazione; - compravendita di natanti, aerei, ecc ; - compravendita di titoli soggetti a registrazione; - contratti di locazione; - contratti di mutuo; - contratti di donazione; - atti di successione; - ecc Questa visura assume importanza fondamentale per la verifica del patrimonio delle parti. Da questa visura si possono vedere, infatti, con precisione tutti i contratti di compravendita di beni immobili e mobili registrati, ed e possibile anche verificare la sussistenza di eventuali eredità in capo ad una delle parti attraverso la verifica delle dichiarazioni di successione. Una volta individuato l atto da esaminare basterà, quindi, chiedere, con una semplice raccomandata alla Agenzia delle Entrate competente (allegando la copia autentica del provvedimento di nomina e del quesito del magistrato con le autorizzazioni connesse) la copia integrale di tale atto contenuta nel fascicolo della registrazione e lo stesso verrà trasmesso direttamente presso lo studio del CTU Consistenza del patrimonio immobiliare Con riferimento alla consistenza patrimoniale delle parti, e possibile anche effettuare una verifica sommaria sul territorio nazionale e sul sito Entratel della Agenzia delle Entrate dal quale si possono rilevare i beni immobili iscritti al Catasto terreni e fabbricati a nome delle parti. La visura che si può gratuitamente estrarre dal sito della Agenzia delle Entrate, a mero titolo esemplificativo, utilizzando il codice fiscale del soggetto, può dare un risultato come quello sotto riportato: Pagina 11 di 27

12 Data: 18/10/ :09:22 Provincia: VERONA Tipo soggetto: Persona fisica Ult.Aggiornamento: 09/10/2010 Codice fiscale: DA INDICARE Catasto: Fabbricati Avvertenza: eventuali incongruenze o incompletezze dei risultati della ricerca possono essere segnalati al servizio WEB di Contact Center o all'ufficio provinciale di pertinenza. Zona e Titolarità Comune Foglio Particella Sub Indirizzo Cl. Consistenza Rendita Categoria Proprieta' superficiaria per 1000/1000 VERONA VERONA (VR) VIA, 4 Piano S1 zona3 cat. C/ mq Euro:51,34 L Proprieta' per 1/1 VERONA VERONA (VR) VIA, 4 Piano S1 zona3 cat. C/ mq Euro:440,02 L Proprieta' per 1/1 VERONA Proprieta' per 1/1 VERONA VERONA (VR) VIA, 4 Piano S1-T zona3 cat. A/2 4 2 vani VERONA (VR) VIA, 4 Piano S1-T zona3 cat. A/2 4 9 vani Euro:304,71 L Euro:1.371,19 L Nuda propriatà per 1/1 OLBIA OLBIA VIA, 4 Piano S1-T zona1 cat. A/2 3 4 vani Euro:951,16 Nuda propriatà per 1/1 DOBBIACO DOBBIACO (bz) VIA, 21 Piano zona1 cat. A/2 3 5 vani Euro:1,021,12 Per svolgere una adeguata valutazione del patrimonio immobiliare, e necessario poi richiedere alle parti, in merito a tali immobili, la seguente documentazione: - la copia degli atti di compravendita degli stessi; - la visura aggiornata da effettuarsi presso la competente Conservatoria in merito agli stessi, al fine di verificare gli eventuali gravami iscritti e/o trascritti nel ventennio antecedente; - la copia dei certificati di abitabilità; - le planimetria catastali di tale immobile; - la copia dei certificati di conformità degli impianti; - la copia delle concessioni edilizie (al fine di verificare la conformità degli edifici).. - la copia eventuali contratti di mutuo, garanzie di terzi, ecc. a garanzia del debito contratto per l acquisto e la documentazione bancaria che certifichi il debito residuo. Al ricevimento di tale documentazione sarà poi necessario richiedere la nomina di un ausiliario per la stima degli immobili stessi e per la verifica in loco dell attuale stato in relazione alle concessioni edilizie ed allo stato degli impianti. Il problema e la verifica, ovviamente, si complica enormemente qualora le parti possiedano immobili al di fuori del territorio Italiano. Pagina 12 di 27

13 In questo caso, e evidente che una eventuale nomina di ausiliario incaricato di redigere una stima diventi necessariamente costosa per effetto della trasferta che dovrà effettuare e, in ogni caso dovrebbe assicurare che lo stesso sia in grado di conoscere l andamento del mercato locale. In via alternativa, per contenere i costi della perizia, se non vi sono particolari ragioni che impongano una verifica in loco dello stato degli immobili, dettati da particolari caratteristiche degli stessi o dello stato degli stessi (deve trattarsi di immobili finiti e già censiti) con il necessario consenso dei consulenti delle parti, e possibile individuare dei criteri di valutazione alternativi e approssimativi: ad esempio, in qualche caso sono stati assunti per la valutazione i dati di riferimento presso l Osservatorio Immobiliare dell Agenzia del Territorio, che indicano un valore al metro quadro di determinati immobili sulla base delle località nelle quali si trovano e che sono pubblicate su internet su un apposito sito. Le stesse tabelle danno anche una indicazione del valore di mercato delle locazioni. E evidente che tali parametri non sono utilizzabili per il caso in cui vi siano da stimare delle aree fabbricabili dotate di apposite concessioni edilizie ovvero di progetti già approvati. In questo caso sarà necessario ottenere la nomina di un tecnico ausiliario in grado di stimare tali progetti. Ai valori del patrimonio immobiliare determinati sulla base delle stime effettuate andranno ovviante sottratti i valori dei debiti residui relativi ai mutui in essere Consistenza del patrimonio mobiliare Di seguito viene proposto uno schema di lavoro che comprende una serie di indagini minime da svolgere e che consente al CTU di avere una prima valutazione della consistenza del patrimonio mobiliare delle parti, in aggiunta alla già richiamata visura da effettuare presso l Ufficio del Registro di tutti gli atti registrati sul territorio nazionale Verifica partecipazioni societarie e/o incarichi societari nonche esistenza di ditte individuali o imprese familiari intestate ai due coniugi ovvero altri incarichi attribuiti alle parti In merito a tale analisi, e necessario effettuare tutte le visure necessarie presso il Registro delle Imprese per verificare se le parti risultino o meno titolari di quote societarie, di incarichi societari o di ditte individuali. In particolare e possibile estrarre: 1) Visure delle partecipazioni possedute dalla parte in altre società; 2) elenco storico delle partecipazioni in altre società possedute dalla parte e cedute nel periodo interessato (al fine di verificare i conseguenti flussi finanziari); Pagina 13 di 27

14 3) scheda persona con le cariche attuali della parte interessata; 4) la scheda persona completa con gli incarichi storici avuti e definiti. 5) fascicolo storico completo (anche degli ultimi bilanci) per ciascuna delle società in cui la parte risulta avere degli interessi specifici; 6) copia di tutti gli atti di rilievo (verbali di assemblee straordinarie, cessioni di ramo di azienda, cessioni di quote, cessione di partecipazioni, ecc ) In merito alle visure sopra indicate, si consiglia di richiedere ai consulenti di parte una memoria tecnica, adeguatamente documentata, che contenga le seguenti indicazioni per il periodo che si vuole esaminare; a) elenco delle società nelle quali le parti avevano ed hanno avuto partecipazioni; b) elenco delle società nelle quali le parti avevano ed hanno avuto incarichi in qualità di dipendenti, procuratori, amministratori, liquidatori, ecc,; c) copia dei bilanci delle società nelle quali le parti hanno avuto incarichi o partecipazioni di cui ai precedenti punti a) e b); d) copia degli atti relativi a cessioni di azienda e di partecipazioni relativi alle suddette società. e) Copia della documentazione bancaria delle parti, dalle quali risulti l accredito o l addebito delle somme incassate o pagate a seguito delle varie cessioni delle diverse partecipazioni possedute, con la relativa riconciliazione rispetto agli atti notarili di cessione; f) Copia documentazione bancaria relativa agli accrediti percepiti dalle parte in relazione agli incarichi ricevuti dalle diverse società, sempre dal 2002 ad oggi; g) Copia documentazione bancaria relativa alle eventuali cessioni od acquisti di altri beni mobili di valore appartenenti alle parti nell anno Si consiglia di acquisire ed esaminare la documentazione sopra indicata a partire dagli atti antecedenti di almeno un biennio rispetto alla separazione. La documentazione e gli atti acquisiti andranno poi riconciliati con i flussi finanziari pervenuti alle parti in tali anni e con il patrimonio mobiliare (investimenti finanziari, saldi bancari attivi, eventuali beni mobili di valore, ecc ) che dovranno essere documentati dalle parti in una apposita memoria che il CTU può richiedere. In conclusione, la memoria che potrebbe essere chiesta dal CTU alle parti dovrebbe contenere la formazione e la ricostruzione del patrimonio mobiliare delle stesse a partire almeno dal biennio antecedente la separazione con la relativa riconciliazione rispetto alle compravendite di partecipazioni e di beni avvenute. Si raccomanda la necessità di esaminare con attenzione eventuali atti di natura straordinaria compiuti dalle società esaminate (cessioni di azienda, di quote, di immobili, trasformazioni, ecc.) che potrebbero sottendere distrazioni di patrimonio o di reddito a favore di terzi. Pagina 14 di 27

15 visura presso il PRA per la verifica degli autoveicoli nella disponibilità delle parti. Rimangono infine da effettuare le visure presso il PRA per l individuazione degli autoveicoli di proprietà o nella disponibilità dei due coniugi a partire quantomeno dal biennio antecedente la separazione in maniera da ricostruire anche il tenore di vita in corso di matrimonio e nel periodo immediatamente successivo. Attraverso tale visura storica e possibile individuare l intestazione o le vendite di: - autovetture prestigiose; - auto storiche; - camper; - ecc Eventuale inventario e stima di altri beni mobili di pregio. Può capitare talvolta che, nel possesso di una delle parti, rientrino anche beni mobili di particolare pregio (oggetti d arte preziosi, come quadri, statue, ecc, ovvero gioielli, argenti, orologi, ecc...). In questo caso e possibile che il CTU provveda ad effettuare: - l inventario dei beni indicati dalle parti e presenti al momento del sopralluogo effettuato nei luoghi ove gli stessi si trovano (ovviamente con l assistenza e l autorizzazione delle parti stesse); - una stima di tali beni avvalendosi eventualmente di un ausiliario nominato a tale scopo e specializzato nella valutazione degli oggetti inventariati. Pagina 15 di 27

16 4 Individuazione del reddito Per consentire una individuazione del reddito delle parti, si ritiene opportuno effettuare una rapida digressione sulle diverse modalità di approccio della consulenza in relazione alla tipologia di redditi e patrimoni che debbono essere accertati. Si pensi, ad esempio; - all accertamento della capacità reddituale di un'azienda che comporta l'analisi dei bilanci, per valutare eventuali manovre non lecite volte a ridurre la capacità reddituale; - oppure la capacità di evasione fiscale della detta azienda; - eventuali altre indagini mirate che possono essere svolte al fine di accertare l'effettiva produttività di un'azienda. E necessario precisare che l entità del reddito delle parti non può prescindere dalla struttura delle varie tipologie di reddito con conseguenti oneri di struttura e fiscali. - Oneri di struttura: per oneri di struttura, si intendono quegli oneri che dipendono dalla particolare tipologia e struttura patrimoniale di proprietà di un soggetto: si pensi ad esempio al caso di un soggetto che possieda un compendio immobiliare considerevole e che e assoggettato ad una serie di oneri tipici che dipendono direttamente dalla struttura patrimoniale di proprietà (spese condominiali ordinarie e straordinarie, imposte di registro per i contratti di locazione, eventuali provvigioni corrisposte agli agenti immobiliari per ottenere nuovi contratti di locazione, spese straordinarie particolari, ICI, lavori straordinari, ecc ); oppure si pensi ad un soggetto che possieda una serie di partecipazioni in alcune società in difficoltà finanziaria, che necessitano di un finanziamento particolare da parte dei soci oppure ad una attività in fase di start-up che necessariamente richiede un particolare finanziamento iniziale. - Oneri fiscali: determinato il reddito delle parti, sulla base dei criteri che si andranno a descrivere, e necessario, calcolare e detrarre il carico fiscale e contributivo che ricade sullo stesso e che va necessariamente a diminuire le disponibilità finanziarie realmente a disposizione per la famiglia. Di conseguenza, la disponibilità finanziaria spendibile che rimane alla famiglia dovrà essere ridotta per effetto di tali oneri, posto che l eventuale assegno di mantenimento dovrebbe tenere conto delle disponibilità finanziarie effettive che rimangono alle parti e non di quelle solo teoriche. Occorre infatti tenere presente che la configurazione di reddito richiesta da questo tipo di perizia non coincide con la configurazione di reddito richiesta dal T.U.I.R. Sulla base del reddito determinato, il magistrato dovrà infatti stabilire l ammontare dell assegno di mantenimento che un coniuge dovrà poter versare all altro in maniera continuativa. Pagina 16 di 27

17 Di conseguenza, tale l importo che andrà indicato al magistrato dovrà necessariamente essere depurato da tutti i predetti oneri di struttura (in relazione alla particolare composizione del patrimonio) e oneri fiscali e contributivi che ricadono o che potrebbero ricadere sulla parte esaminata. Di conseguenza, la configurazione di reddito richiesta per queste particolari perizia coincide necessariamente con la disponibilità finanziaria effettiva che rimane alla parte e spendibile dalla stessa. Pagina 17 di 27

18 5 Alcune tipologie di reddito e relative particolarità. 5.1 Redditi di lavoro dipendente o di pensione E necessario prestare particolare attenzione ad alcune categorie di lavoratori dipendenti che possono beneficiare di disponibilità finanziarie che non sono ben visibili nelle buste paga prodotte (si pensi, ad esempio, alle particolari indennità per gli stipendi dei parlamentari, o per stipendi relativi ad incarichi pubblici, ovvero alle indennità per missioni militari all estero, o per i piloti di aereo, oppure ai fringe benefit di cui può godere la parte tipici sono l auto aziendale, il computer, il telefono, ecc..) Si pone, inoltre, il problema di verificare se, in mancanza di una adeguata documentazione giustificativa dei redditi generati e del lavoro svolto da una parte, rientri tra i compiti del consulente tecnico l'accertamento di un rapporto di lavoro subordinato in nero. Nel caso in cui il CTU ravvisi elementi di difformità particolari tra i redditi dichiarati e le spese sostenute e opportuno che provveda ad informare il Giudice di tale eventuale anomalia in maniera tale che il Giudice possa valutare l eventuale intervento della Polizia Tributaria, come previsto dall art. 155 c.c. Si pone, infine, il problema di valutare se i coniugi che risultano disoccupati, pur avendo acquisito particolari competenze o titoli (lauree, diplomi od altro) possano avere un fondato motivo per rimanere tali. Spesso capita che uno dei coniugi risulti disoccupato, nonostante abbia le capacità ed i titoli e la salute per provvedere anche autonomamente al proprio fabbisogno. Tale verifica non pare, comunque, di competenza del consulente contabile, ma eventualmente del magistrato designato. 5.2 Redditi di fabbricati Per la valutazione di tali redditi si ritiene necessario effettuare le seguenti verifiche minime: - acquisizione dei contratti di locazione e stima della adeguatezza del canone; - preliminare valutazione della attuale stato degli immobili in relazione alla loro adeguatezza ad essere affittati (adeguamento degli impianti, ecc ) - conseguente necessità di verifica in loco dell attuale affittuario e del relativo canone, spese condominiali, eventuali noleggi di mobilio, ecc.; - riconciliazione tra le somme indicate nei contratti ed i bonifici mensili ricevuti sui c/c; - analisi spese condominiali ordinarie; Si pone inoltre il problema della valutazione delle spese straordinarie, che andrebbero però ad aumentare i mantenere il valore del patrimonio e non andrebbero invece considerate come spese ricorrenti e strutturali connesse agli immobili e, di conseguenza, alla struttura patrimoniale. Le stesse potrebbero forse essere riconosciute in decurtazione del redditi qualora, per la particolare struttura degli immobili, possano diventare sistematiche o ricorrenti. In alterativa, nel caso in cui determinati immobili necessitino di una ristrutturazione minima per essere affittati, sembrerebbe essere ragionevole decurtare i canoni di locazione Pagina 18 di 27

19 percepiti dell importo pari alle rate del mutuo che potrebbe essere stipulato per far fronte a tali spese straordinarie e che comunque la proprietà deve sostenere per il mantenimento degli stessi. E poi necessario considerare i canoni annuali dichiarati e, dagli stessi, detrarre poi la tassazione. Occorre, infatti, considerare che il reddito fiscale degli immobili e calcolato tenendo conto del reddito fiscale (ovvero dalla sommatoria dei canoni annui detratti della quota forfettaria del 15 % a titolo di spese). L alternativa potrebbe essere quella di considerare i redditi fiscali, comprendendo nella detrazione forfettaria del 15 % tutte le spese ad essi connesse. Nel caso in cui i beni non risultino affittati, occorre valutarne il motivo (sono stati posti sul mercato degli affitti ad un canone adeguato? o ad un canone spropositato per non essere affittati? ovvero non sono affittabili per problemi di ubicazione, di disposizione, di struttura, ecc?) Nel caso in cui determinati immobili non siano affittati e l ausiliario nominato ritenga di stimare un reddito in una percentuale del valore degli immobili e necessario tenere conto dell eventuale effetto fiscale nella percentuale adottata (in questo caso si puo assistere a delle considerazioni soggettive che portano taluni CTU ad un valutazione presuntiva in ordine ad un reddito di fatto non realizzato dalla parte); Si pone, a questo punto, anche il tema della scelta tra l utilizzo o meno del reddito relativo agli immobili utilizzati dalle parti. Al proposito si precisa che questa indicazione da parte del CTU possa essere data qualora vi sia un evidente squilibrio tra le abitazioni dei due coniugi successive alla separazione (si pensi al caso di un coniuge che vive in una villa di proprietà e l altro in un piccolo appartamento di proprietà). Difficile invece risulta la valutazione del reddito generabile dagli immobili che non si riescono ad affittare per obiettive ragioni di mercato (si pensi ai capannoni industriali o agli immobili posti in località non interessanti). La valutazione va effettuata caso per caso, tenendo però conto del fatto che, l eventuale indicazione da parte del CTU di un reddito solo potenziale, e di difficile realizzo, potrebbe generare un ingiusto addebito a carico della parte proprietaria, nel caso in cui tale redditività sia poi utilizzata anche nel successivo provvedimento del giudice e non sia però realizzata dalla parte. 5.3 Redditi di attività professionali Quanto alle attività professionali, la verifica relativa alla redditività effettiva risulta tutt altro che semplice. Una prima verifica da fare riguarda la congruità della documentazione bancaria dimessa rispetto ai redditi dichiarati. Ci si deve chiedere se il CTU abbia i poteri per acquisire ed esaminare la documentazione contabile della parte e soprattutto se possa poi permettersi di ricalcolare e di ipotizzare un reddito diverso da quello dichiarato dalla stessa. Pagina 19 di 27

20 Non vi e dubbio che il CTU abbia la possibilità di ottenere la documentazione contabile dal soggetto esaminato e che possa, di conseguenza, esaminare la corrispondenza tra le scritture contabili e le dichiarazioni presentate. Nel caso del reddito professionale, poi, e ancor più difficile ricostruire od ipotizzare un reddito diverso rispetto a quello dichiarato, anche in considerazione del fatto che le spese sostenute dal professionista in un esercizio spesso sono connesse a ricavi che potrebbero essere realizzati negli esercizi successivi. Di conseguenza, diviene davvero difficile ipotizzare dei ricavi diversi da quelli dichiarati. E possibile eventualmente segnalare al magistrato eventuali anomalie come ad esempio: - struttura sovradimensionata rispetto al fatturato dichiarato (sia per il personale impiegato che per gli eventuali costi di struttura); - spese personali, ricavabili dall esame degli estratti conto, o dalle utenze o da altri dati, in misura addirittura superiore rispetto ai redditi dichiarati. La valutazione di questi elementi non potrà che effettuarsi sulla base di una verifica fisica da parte del CTU sui luoghi della attività. In questi casi, si ritiene che sia onere del CTU evidenziare queste anomalie al magistrato il quale può valutare un eventuale intervento della polizia tributaria. Ci si chiede, infatti, che valore potrebbe avere un accertamento di un maggiore reddito ricostruito dal CTU e se lo stesso possa o debba poi essere trasferito alla polizia tributaria. Ci si troverebbe in presenza di un maggiore reddito accertato in una CTU contabile anche in assenza di un regolare accertamento fiscale divenuto definitivo. In questo caso, comunque, il professionista assoggettato a questo tipo di verifica e di accertamento potrebbe essere condannato al pagamento di un assegno di mantenimento in misura diversa rispetto ad un reddito formalmente dichiarato. In linea generale, comunque, va detto che, nel caso si debba concludere una relazione peritale con la ricostruzione di un reddito diverso rispetto a quello dichiarato, si pone il problema di segnalare al magistrato anche quali potrebbero essere i conseguenti effetti fiscali e contributivi, per imposte sanzioni ed interessi, sui maggiori redditi determinati. Si pone ad esempio il caso che dalla trasmissione degli atti alla competente polizia tributaria scaturisca poi un carico fiscale elevatissimo che comporti il successivo sequestro del patrimonio mobiliare ed immobiliare della parte sottoposta a verifica. Ci si deve chiedere se tale effetto debba quindi essere considerato dal CTU e precisato al magistrato. Infatti, se da un lato andrebbe ad individuare un maggiore reddito della persona sottoposta a verifica, dall altro avrebbe la conseguenza di generare un successivo accertamento fiscale che andrebbe a colpire e a ridurre considerevolmente il patrimonio mobiliare ed immobiliare della parte. Pagina 20 di 27

ALLEGATO N. 3 C.T.U. CONTABILE ESTIMATIVA NEI GIUDIZI DI FAMIGLIA

ALLEGATO N. 3 C.T.U. CONTABILE ESTIMATIVA NEI GIUDIZI DI FAMIGLIA ALLEGATO N. 3 C.T.U. CONTABILE ESTIMATIVA NEI GIUDIZI DI FAMIGLIA 1. Per la redazione dell elaborato peritale dovrà essere rispettato quanto previsto all art. 195, 3 comma c.p.c. Pertanto all udienza di

Dettagli

UNICO PERSONE FISICHE æ Fascicolo 2 Istruzioni per la compilazione 2014

UNICO PERSONE FISICHE æ Fascicolo 2 Istruzioni per la compilazione 2014 Nel rigo RR15 devono essere indicate le informazioni utili per il calcolo del contributo integrativo. In particolare, indicare nel: campo 1 la posizione giuridica ricoperta dal singolo associato: IO (iscritto

Dettagli

Documento sulle anticipazioni

Documento sulle anticipazioni Fondo Scuola Espero FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELLA SCUOLA iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 145 Documento sulle anticipazioni (depositato presso la

Dettagli

TRIBUNALE DI BOLOGNA AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO TUTELE CURATELE RENDICONTO ANNUALE (da presentare entro 90 giorni dalla data della chiusura periodo)

TRIBUNALE DI BOLOGNA AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO TUTELE CURATELE RENDICONTO ANNUALE (da presentare entro 90 giorni dalla data della chiusura periodo) TRIBUNALE DI BOLOGNA AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO TUTELE CURATELE RENDICONTO ANNUALE (da presentare entro 90 giorni dalla data della chiusura periodo) Procedura Numero: Rendiconto anno: (Periodo: dal...

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA. UFFICIO del GIUDICE TUTELARE RELAZIONE PERIODICA

TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA. UFFICIO del GIUDICE TUTELARE RELAZIONE PERIODICA TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA Sezione Civile I Bis UFFICIO del GIUDICE TUTELARE Procedimento RG. N. RELAZIONE PERIODICA ANNO o PERIODO di VALUTAZIONE: Dati anagrafici persona sottoposta a gestione / amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

REGOLAMENTO SULLE ANTICIPAZIONI REGOLAMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Testo in vigore dal 25.06.2012 1 REGOLAMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Articolo 1 - Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina, ai sensi dell articolo 13 dello Statuto, le

Dettagli

CREDEMPREVIDENZA FONDO PENSIONE APERTO

CREDEMPREVIDENZA FONDO PENSIONE APERTO CREDEMPREVIDENZA FONDO PENSIONE APERTO Il presente documento integra il contenuto della Nota informativa per l adesione al fondo pensione aperto a contribuzione definita CREDEMPREVIDENZA. DOCUMENTO SULLE

Dettagli

Milano, 18 settembre 2010

Milano, 18 settembre 2010 !!" " # " " # # # Milano, 18 settembre 2010 A tutti i Clienti, Loro sedi Circolare n. 24/2010: Manovra correttiva Novità in materia di immobili e fondi immobiliari $%&$&" '!( )*+',( %+-.+//%0/-,12304%$.0/++/512304%$.06&&-#

Dettagli

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI SEZIONE I: NORME GENERALI Articolo 1. Oggetto 1.1 Il presente documento disciplina le modalità di liquidazione

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI SEZIONE I: NORME GENERALI Articolo 1. Oggetto 1.1 Il presente documento disciplina le modalità di liquidazione DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI SEZIONE I: NORME GENERALI Articolo 1. Oggetto 1.1 Il presente documento disciplina le modalità di liquidazione anticipata dell ammontare della posizione pensionistica individuale

Dettagli

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Il presente documento disciplina le modalità di liquidazione anticipata dell ammontare della posizione pensionistica individuale da parte del Fondo (di seguito, Anticipazione),

Dettagli

Il recupero crediti nel franchising

Il recupero crediti nel franchising Il recupero crediti nel franchising I crediti insoluti rappresentano un grave problema per le imprese, soprattutto nell attuale periodo di crisi economica. Il settore del franchising non è certo immune

Dettagli

Segnalazione di operazioni sospette

Segnalazione di operazioni sospette Segnalazione di operazioni sospette Indicazioni del Quaderno della UIF Circolare numero 21 del 27 maggio 2015 Via Leoncino, 22 37121 Verona - IT Foro Buonaparte, 67 20121 Milano IT Via Castiglione, 4 40121

Dettagli

RIGO E7 INTERESSI PER MUTUI IPOTECARI PER ACQUISTO ABITAZIONE PRINCIPALE

RIGO E7 INTERESSI PER MUTUI IPOTECARI PER ACQUISTO ABITAZIONE PRINCIPALE RIGO E7 INTERESSI PER MUTUI IPOTECARI PER ACQUISTO ABITAZIONE PRINCIPALE Vanno indicati gli importi degli interessi passivi, gli oneri e le quote di rivalutazione pagati nel periodo d imposta in dipendenza

Dettagli

Circolare N.179 del 6 Dicembre 2013

Circolare N.179 del 6 Dicembre 2013 Circolare N.179 del 6 Dicembre 2013 Cessione di immobili. La disciplina fiscale dell acquisto, della vendita, gli oneri e le agevolazioni fiscali Gentile cliente, desideriamo informarla che l Agenzia delle

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI ANTICIPI SULLA POSIZIONE INDIVIDUALE

REGOLAMENTO DEGLI ANTICIPI SULLA POSIZIONE INDIVIDUALE CASSA DI PREVIDENZA DEL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI PADOVA E ROVIGO Fondo Pensione Complementare iscritto al n. 1016 dell Albo dei Fondi Pensione - I Sezione Speciale Ente morale riconosciuto

Dettagli

Circolare N.135 del 11 Settembre 2013

Circolare N.135 del 11 Settembre 2013 Circolare N.135 del 11 Settembre 2013 Anagrafe dei conti correnti. Si parte del prossimo 31 ottobre 2013 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, a breve, entrerà in vigore il Sistema

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA SEZIONE I: NORME GENERALI

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA SEZIONE I: NORME GENERALI Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE SEZIONE I: NORME GENERALI Articolo 1. Oggetto 1.1 Il presente documento disciplina le

Dettagli

Concreto. Fondo Nazionale Pensione Complementare. Indice. 1. Condizioni e modalità generali per la richiesta di anticipazione Pag.

Concreto. Fondo Nazionale Pensione Complementare. Indice. 1. Condizioni e modalità generali per la richiesta di anticipazione Pag. Concreto Fondo Nazionale Pensione Complementare DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI (Aggiornato al 20 gennaio 2014) Indice 1. Condizioni e modalità generali per la richiesta di anticipazione Pag. 2 2. Spese

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.)

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.) Comune di Longare REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 4 del 09.02.2007 IL SEGRETARIO COMUNALE Sardone

Dettagli

-anna maria mangiapelo

-anna maria mangiapelo REDDITI DI IMPRESA - norme generali - dall utile al reddito: esame dei principali casi di deducibilità fiscale dei componenti negativi - regole per la contabilità semplificata -anna maria mangiapelo 1

Dettagli

Contenuto in sintesi ----------

Contenuto in sintesi ---------- DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 77 05.07.2012-77/FS/om TITOLO: Imposta sul valore degli immobili situati all estero e sul valore delle attività finanziarie detenute all estero Circolare

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento è diretto ad individuare le

Dettagli

Guida all acquisto della casa

Guida all acquisto della casa Comprare casa senza sorprese Guida all acquisto della casa Gli aspetti fiscali I documenti da controllare I passi da compiere A cura di Roberto Spalti Introduzione Prima di acquistare Il contratto preliminare

Dettagli

VOLTURA AUTOMATICA DOCUMENTO ILLUSTRATIVO. Pagina 1 di 21

VOLTURA AUTOMATICA DOCUMENTO ILLUSTRATIVO. Pagina 1 di 21 VOLTURA AUTOMATICA DOCUMENTO ILLUSTRATIVO Pagina 1 di 21 INDICE 1. LE DOMANDE DI VOLTURA...3 1.1 VOLTURE DA PROCEDURA INFORMATICA NOTA...4 1.2 VOLTURE DA ADEMPIMENTO UNICO IMMOBILIARE...4 2. CRITICITÀ

Dettagli

Roma, 25/10/2011. e, per conoscenza, Circolare n. 136

Roma, 25/10/2011. e, per conoscenza, Circolare n. 136 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Pianificazione e Controllo di Gestione Coordinamento Generale Statistico

Dettagli

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI DIPENDENTI SETTORE PUBBLICO

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI DIPENDENTI SETTORE PUBBLICO FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DEI MINISTERI, DELLE REGIONI, DELLE AUTONOMIE LOCALI E SANITÀ, DEGLI ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI, DELLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI, DELL

Dettagli

Anagrafe dei conti correnti: si parte del prossimo 31 ottobre 2013

Anagrafe dei conti correnti: si parte del prossimo 31 ottobre 2013 CIRCOLARE A.F. N. 135 del 11 Settembre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Anagrafe dei conti correnti: si parte del prossimo 31 ottobre 2013 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che,

Dettagli

Piano Individuale Pensionistico di tipo Assicurativo Fondo Pensione TAXBENEFIT NEW. Documento sulle Anticipazioni

Piano Individuale Pensionistico di tipo Assicurativo Fondo Pensione TAXBENEFIT NEW. Documento sulle Anticipazioni Piano Individuale Pensionistico di tipo Assicurativo Fondo Pensione TAXBENEFIT NEW Documento sulle Anticipazioni è un prodotto di Distribuito da Retro di copertina 2/6 SEZIONE I: NORME GENERALI Art. 1.

Dettagli

Comune di Castelfiorentino

Comune di Castelfiorentino REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 91 del 21.12.2001) ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1 - Il presente

Dettagli

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi Carismi Convegni CARISMICONVEGNI IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Centro Studi I Cappuccini 22 Febbraio 2013 Avv. Francesco Napolitano DONAZIONE DI AZIENDA IMPOSTE DIRETTE La donazione di azienda da parte di

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

REGOLAMENTO SULLE ANTICIPAZIONI REGOLAMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Testo in vigore dal 29.05.2014 1 REGOLAMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Articolo 1 - Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina, ai sensi dell articolo 13 dello Statuto, le

Dettagli

Previgest Fund Mediolanum

Previgest Fund Mediolanum Fondo Pensione aperto Previgest Fund Mediolanum Documento sulle Anticipazioni Società di Gestione Collocatore Unico Retro di copertina 2/7 SEZIONE I: NORME GENERALI Art. 1. Oggetto Il presente documento

Dettagli

Anno 2010 N. RF147 QUADRO RW CHIARIMENTI DELL AGENZIA - TUTTOESEMPI

Anno 2010 N. RF147 QUADRO RW CHIARIMENTI DELL AGENZIA - TUTTOESEMPI Anno 2010 N. RF147 Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 10 OGGETTO QUADRO RW CHIARIMENTI DELL AGENZIA - TUTTOESEMPI RIFERIMENTI ISTRUZIONI UNICO CM 45/2010 CIRCOLARE DEL 16/09/2010 Sintesi:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO DEGLI UTENTI ALLE PRESTAZIONI E DELLA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO. Articolo 1 Oggetto del Regolamento

REGOLAMENTO PER L ACCESSO DEGLI UTENTI ALLE PRESTAZIONI E DELLA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO. Articolo 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO PER L ACCESSO DEGLI UTENTI ALLE PRESTAZIONI E DELLA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina le modalità di determinazione della quota

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Allegato 2. Appendice

Allegato 2. Appendice Allegato 2 Appendice Le informazioni riportate di seguito sono riferite alla normativa vigente in materia di ISEE (decreto legislativo n. 109/1998 e successive modifiche). 1. Documenti necessari per ISEE

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

Arti & Mestieri - Fondo pensione aperto

Arti & Mestieri - Fondo pensione aperto Arti & Mestieri - Fondo pensione aperto Documento sulle anticipazioni n Comparto Crescita 25+ n Comparto Rivalutazione 10+ n Comparto Equilibrio 5+ n Comparto Incremento e garanzia 5+ n Comparto Conservazione

Dettagli

HCINQUE. Descrizione sintetica

HCINQUE. Descrizione sintetica HCINQUE Descrizione sintetica La Consulenza Finanziaria Indipendente è stata finalmente accettata anche in Italia così come negli Stati Uniti, dove esiste da 30 anni, e come in molti altri Paesi dove la

Dettagli

VALENTINA ZAFARANA N O T A I O TEL. 049/9802249 DOCUMENTI RICHIESTI

VALENTINA ZAFARANA N O T A I O TEL. 049/9802249 DOCUMENTI RICHIESTI VALENTINA ZAFARANA N O T A I O VIA VENEZIA 17 - NOVENTA PADOVANA TEL. 049/9802249 DOCUMENTI RICHIESTI Documenti relativi ai dati anagrafici ed ai poteri delle parti PERSONE FISICHE: fotocopia del documento

Dettagli

C.I.S.A.P. Consorzio Intercomunale dei Servizi alla Persona Comuni di Collegno e Grugliasco

C.I.S.A.P. Consorzio Intercomunale dei Servizi alla Persona Comuni di Collegno e Grugliasco allegato alla deliberazione dell Assemblea consortile n. 13 del 18.12.2009 C.I.S.A.P. Consorzio Intercomunale dei Servizi alla Persona Comuni di Collegno e Grugliasco REGOLAMENTO SUI CRITERI PER LA COMPARTECIPAZIONE

Dettagli

COMUNE DI ZOGNO Provincia di Bergamo. REGOLAMENTO per l Applicazione dell ISEE (Indicatore Situazione Economia Equivalente)

COMUNE DI ZOGNO Provincia di Bergamo. REGOLAMENTO per l Applicazione dell ISEE (Indicatore Situazione Economia Equivalente) COMUNE DI ZOGNO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO per l Applicazione dell ISEE (Indicatore Situazione Economia Equivalente) Regolamento per l Applicazione dell ISEE (Indicatore Situazione Economia Equivalente)

Dettagli

Regione Campania DISCIPLINA E REGIME TRIBUTARIO

Regione Campania DISCIPLINA E REGIME TRIBUTARIO Regione Campania COMMISSIONE D ESAME PER L ACCESSO ALL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO EX ART. 5 LEGGE 264/91 ANNO 2002 DISCIPLINA E REGIME TRIBUTARIO E01 Che cosa s intende

Dettagli

Tassazione Immobili e attività all estero dopo le istruzioni dell Agenzia delle Entrate

Tassazione Immobili e attività all estero dopo le istruzioni dell Agenzia delle Entrate Torino, Giovedì 20 settembre 2012 Tassazione Immobili e attività all estero dopo le istruzioni dell Agenzia delle Entrate Ristrutturazioni edilizie Luca Asvisio 1 Intro La detrazione IRPEF connessa agli

Dettagli

Caretteristiche Presupposto Soggetti passivi Base Imponibile Periodo d imposta diretta personale reale

Caretteristiche Presupposto Soggetti passivi Base Imponibile Periodo d imposta diretta personale reale Caretteristiche L Irpef è l imposta sul reddito delle persone fisiche, è la principale imposta del sistema tributario italiano per numero di contribuenti e per gettito. Presupposto: possesso di un reddito

Dettagli

RICHIESTA DI ACCESSO AL FINANZIAMENTO AGEVOLATO - Mutui prima casa giovani e giovani coppie - MARCA DA BOLLO 14,62 Al Comune di Alfonsine Sede

RICHIESTA DI ACCESSO AL FINANZIAMENTO AGEVOLATO - Mutui prima casa giovani e giovani coppie - MARCA DA BOLLO 14,62 Al Comune di Alfonsine Sede RICHIESTA DI ACCESSO AL FINANZIAMENTO AGEVOLATO - Mutui prima casa giovani e giovani coppie - MARCA DA BOLLO,6 Al Comune di Alfonsine Sede All Istituto di credito Banca di Romagna Filiale di Alfonsine

Dettagli

Contratto-tipo preliminare di compravendita immobiliare

Contratto-tipo preliminare di compravendita immobiliare Contratto-tipo preliminare di compravendita immobiliare Con la presente scrittura privata, da valere a ogni effetto di legge, i signori: - (Tizio) nato a il giorno, residente a, via n., codice fiscale,

Dettagli

Assegni al coniuge separato: adempimenti del datore di lavoro Roberto Vinciarelli - Consulente del lavoro

Assegni al coniuge separato: adempimenti del datore di lavoro Roberto Vinciarelli - Consulente del lavoro Assegni al coniuge separato: adempimenti del datore di lavoro Roberto Vinciarelli - Consulente del lavoro Misura Addebito della separazione Inadempimento dell obbligato e potere di assegnazione Soggetti

Dettagli

Unico 2015: IVIE, IVAFE e Voluntary disclosure

Unico 2015: IVIE, IVAFE e Voluntary disclosure Circolare Monografica 12 maggio 2015, n. 2158 DICHIARAZIONI Unico 2015: IVIE, IVAFE e Voluntary disclosure La compilazione del Quadro RW di Armando Urbano Il quadro RW deve essere compilato dalle persone

Dettagli

L accertamento sintetico e il redditometro Gli accertamenti sui conti correnti bancari

L accertamento sintetico e il redditometro Gli accertamenti sui conti correnti bancari ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 20 4 AGOSTO 2011 L accertamento sintetico e il redditometro Gli accertamenti sui conti correnti

Dettagli

Circolare n. 6. Del 31 marzo 2014. Nuovo redditometro Ulteriori chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE

Circolare n. 6. Del 31 marzo 2014. Nuovo redditometro Ulteriori chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE Circolare n. 6 Del 31 marzo 2014 Nuovo redditometro Ulteriori chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Procedimento... 2 2.1 Notifica dell invito a comparire... 3 2.2 Notifica dell

Dettagli

Documenti necessari per ISEE Per il calcolo dell ISEE è indispensabile presentarsi ai CAAF con i seguenti documenti Dati del dichiarante

Documenti necessari per ISEE Per il calcolo dell ISEE è indispensabile presentarsi ai CAAF con i seguenti documenti Dati del dichiarante APPENDICE Documenti necessari per ISEE Per il calcolo dell ISEE è indispensabile presentarsi ai CAAF con i seguenti documenti Dati del dichiarante Dati anagrafici del dichiarante Documento di identità

Dettagli

La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento

La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento ADC ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE ROMA La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento Roma, 22 ottobre 2009 ACCERTAMENTO

Dettagli

LO SPORTELLO D INFORMAZIONE AL CITTADINO DELLA SERIT SICILIA

LO SPORTELLO D INFORMAZIONE AL CITTADINO DELLA SERIT SICILIA COMUNE DI PRIOLO GARGALLO Provincia di Siracusa Assessorato Bilancio - Finanze - Tributi AGENTE DELLA RISCOSSIONE Provincia di Siracusa LO SPORTELLO D INFORMAZIONE AL CITTADINO DELLA SERIT SICILIA >> >>

Dettagli

SIENA SINTESI MANOVRA MONTI INDICE

SIENA SINTESI MANOVRA MONTI INDICE SIENA SINTESI MANOVRA MONTI INDICE 1. MONETA ELETTRONICA PER LE PENSIONI 2. LIBRETTI DI DEPOSITO AL PORTATORE BANCARI O POSTALI 3. I.S.E.E. 4. DETRAZIONI RISTRUTTURAZIONI ED INTERVENTI PER RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

CHECK LIST ATTIVITÀ DI ISTRUTTORIA RETE

CHECK LIST ATTIVITÀ DI ISTRUTTORIA RETE MUTUO/PRATICA N : / / INTESTAZIONE CHECK LIST ATTIVITÀ DI ISTRUTTORIA RETE SEZIONE 1 - COMPLETEZZA E CONFORMITÀ DELLA DOCUMENTAZIONE VERIFICA PRESENZA DOCUMENTI PER RICHIEDENTI, COOBBLIGATI E GARANTI DA

Dettagli

BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI

BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI D I S C I P L I N A E Q U E S T I O N I A P E R T E STUDIO ASSOCIATO TRIBUTARIO E SOCIETARIO BELLINI SECCHI SAVIOTTI FLORITA 20121 MILANO - PIAZZA CASTELLO,

Dettagli

Presenta domanda di FINANZIAMENTO AGEVOLATO ai sensi della L.R. n. 32 del 23/12/2000 art. 60 comma 1 punto 1

Presenta domanda di FINANZIAMENTO AGEVOLATO ai sensi della L.R. n. 32 del 23/12/2000 art. 60 comma 1 punto 1 tratto di finanziamento non può essere FONDO REGIONALE COMMERCIO Mod. n. 60.01 DOMANDA DI FINANZIAMENTO ai sensi della L.R. 23/12/2000 n. 32 art. 60 comma 1 punto 1 e succ. m. e i. AIUTI ALL INVESTIMENTO

Dettagli

La detrazione Irpef per le spese di ristrutturazione e per il risparmio energetico. Palmanova (UD) - 12 Novembre 2010 dott. Alessandro Bergamaschi

La detrazione Irpef per le spese di ristrutturazione e per il risparmio energetico. Palmanova (UD) - 12 Novembre 2010 dott. Alessandro Bergamaschi La detrazione Irpef per le spese di ristrutturazione e per il risparmio energetico Palmanova (UD) - 12 Novembre 2010 dott. Alessandro Bergamaschi Le spese di ristrutturazione Normativa di riferimento Art.

Dettagli

COMUNE DI ACQUANEGRA CREMONESE Provincia di CREMONA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONE SOCIALI AGEVOLATE

COMUNE DI ACQUANEGRA CREMONESE Provincia di CREMONA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONE SOCIALI AGEVOLATE . COMUNE DI ACQUANEGRA CREMONESE Provincia di CREMONA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONE SOCIALI AGEVOLATE Allegato alla deliberazione di C.C. n.14 del 26/03/2002 INDICE Regolamento Art. 1

Dettagli

Studio Le Pera - Commercialisti Associati

Studio Le Pera - Commercialisti Associati Studio Le Pera - Commercialisti Associati Circolare n. 4 del 08 settembre 2010 LA MANOVRA CORRETTIVA ESTIVA 2010 Con il decreto legge 31 maggio 2010 n. 78, convertito dalla legge 30 luglio 2010 n. 122

Dettagli

RICHIESTA MUTUO IMMOBILIARE RISERVATO ALLA SEDE RISERVATO ALLA SUCCURSALE. Succursale di. Presentatore. Codice presentatore. Commerciale Interno

RICHIESTA MUTUO IMMOBILIARE RISERVATO ALLA SEDE RISERVATO ALLA SUCCURSALE. Succursale di. Presentatore. Codice presentatore. Commerciale Interno RISERVATO ALLA SUCCURSALE Succursale di Presentatore Codice presentatore Commerciale Interno RICHIESTA Commerciale Esterno DI Affare n. Mutuatario MUTUO Ci sono lavoratori autonomi? sì no IMMOBILIARE Prodotto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART. 3 DLGS 109/98) ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART. 3 DLGS 109/98) ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO COMUNE DI CASTEL D ARIO Provincia di Mantova REGOLAMENTO ATTUATIVO DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ISEE) REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA

Dettagli

Controlli antievasione, gli indirizzi operativi

Controlli antievasione, gli indirizzi operativi Controlli antievasione, gli indirizzi operativi L'Agenzia delle Entrate ha fornito agli uffici territoriali gli indirizzi per le attività di controllo da svolgere nel corso del 2014.Secondo l'agenzia l'azione

Dettagli

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE PREVICOOPER

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE PREVICOOPER PREVICOOPER Fondo Pensione Complementare Nazionale a capitalizzazione dei dipendenti delle imprese della distribuzione cooperativa DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE PREVICOOPER Approvato nella

Dettagli

I redditi diversi derivano da diverse fattispecie produttive, non riconducibili alle altre categorie reddituali fino ad ora studiate.

I redditi diversi derivano da diverse fattispecie produttive, non riconducibili alle altre categorie reddituali fino ad ora studiate. REDDITI DIVERSI INDICAZIONI GENERALI Cosa sono i redditi diversi I redditi diversi derivano da diverse fattispecie produttive, non riconducibili alle altre categorie reddituali fino ad ora studiate. Per

Dettagli

Fondoposte. Documento sulle Anticipazioni. (approvato dal Consiglio di Amministrazione il 19 febbraio 2013)

Fondoposte. Documento sulle Anticipazioni. (approvato dal Consiglio di Amministrazione il 19 febbraio 2013) Fondoposte Documento sulle Anticipazioni (approvato dal Consiglio di Amministrazione il 19 febbraio 2013) Il presente documento disciplina le modalità di anticipazione dell ammontare della posizione pensionistica

Dettagli

AVVERTENZE PER LA COMPILAZIONE

AVVERTENZE PER LA COMPILAZIONE Associazione giuridica riconosciuta Iscritto all'albo dei Fondi Pensione con il n. 106 Piazza Duca d Aosta, 10-20124 Milano MI Tel.: 02 86996939 - Fax: 02 36758014 sito internet: www.fondoarco.it E-mail:

Dettagli

ANTICIPAZIONE T.F.R. TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO GIUGNO 2010 EASY BOOK INTESA SANPAOLO

ANTICIPAZIONE T.F.R. TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO GIUGNO 2010 EASY BOOK INTESA SANPAOLO ANTICIPAZIONE T.F.R. TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO GIUGNO 2010 EASY BOOK INTESA SANPAOLO 1 COS E IL T.F.R.? L art 2120 del Codice Civile regolamenta l istituto del Trattamento di Fine Rapporto che è la

Dettagli

IL NUOVO REDDITOMETRO

IL NUOVO REDDITOMETRO IL NUOVO REDDITOMETRO Dott. Fabrizio SCOSSA LODOVICO Modena, 10 maggio 2013 FONTI NORMATIVE Articolo 22 Decreto Legge 78/2010 Articolo 38 D.P.R. 600/73 (come modificato dal D.L. 78/2010) D.M. 24 dicembre

Dettagli

DISCIPLINA FISCALE DEI CREDITI IN SOFFERENZA. il primo reddituale

DISCIPLINA FISCALE DEI CREDITI IN SOFFERENZA. il primo reddituale Risposte a quesiti DISCIPLINA FISCALE DEI CREDITI IN SOFFERENZA In occasione della chiusura dell esercizio, è sempre opportuno, procedere alla valutazione dei crediti verso clienti che presentano difficoltà

Dettagli

Detrazione Irpef spese ristrutturazione Casi risolti

Detrazione Irpef spese ristrutturazione Casi risolti Detrazione Irpef spese ristrutturazione Casi risolti Saverio Cinieri Dottore Commercialista Revisore Contabile Giornalista pubblicista Agg. 23/06/2015 1 Soggetti Circolare 10 giugno 2004, n. 24/E Nel caso

Dettagli

AGEVOLAZIONI PRIMA CASA: analisi dei profili fiscali di una fattispecie particolare di trasferimento immobiliare tra privati

AGEVOLAZIONI PRIMA CASA: analisi dei profili fiscali di una fattispecie particolare di trasferimento immobiliare tra privati AGEVOLAZIONI PRIMA CASA: analisi dei profili fiscali di una fattispecie particolare di trasferimento immobiliare tra privati di Alessandra Loiacono Il governo italiano ha da tempo introdotto una serie

Dettagli

AGRIFONDO Fondo Pensione Complementare a capitalizzazione per gli operai agricoli e florovivaisti e per i quadri e gli impiegati agricoli

AGRIFONDO Fondo Pensione Complementare a capitalizzazione per gli operai agricoli e florovivaisti e per i quadri e gli impiegati agricoli Fondo Pensione Complementare a capitalizzazione per gli operai agricoli e florovivaisti e Regolamento recante la disciplina per l erogazione delle anticipazioni delle prestazioni SEZIONE I: NORME GENERALI

Dettagli

Ai gentili Clienti Loro sedi

Ai gentili Clienti Loro sedi Ai gentili Clienti Loro sedi Circolare n. 10/2011 Oggetto: Modello 730 Gentile Cliente, con l intento di agevolarla nella preparazione del materiale necessario per la compilazione della dichiarazione dei

Dettagli

Diritto Tributario. Anno 2012 Diritto del Lavoro

Diritto Tributario. Anno 2012 Diritto del Lavoro Anno 2012 Diritto del Lavoro - Premesso il concetto di assicurazione sociale, il candidato illustri i principali adempimenti del datore di lavoro nei confronti di I.N.P.S. ed I.N.A.I.L., sia all inizio

Dettagli

CONSORZIO SOCIO ASSISTENZIALE ALBA-LANGHE-ROERO

CONSORZIO SOCIO ASSISTENZIALE ALBA-LANGHE-ROERO CONSORZIO SOCIO ASSISTENZIALE ALBA-LANGHE-ROERO REGOLAMENTO SUI CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DELLE PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI E DELLE PERSONE CON HANDICAP PERMANENTE GRAVE AL PAGAMENTO DELLA RETTA POSTA

Dettagli

CONFERIMENTO MANDATO DI CONSULENZA E MEDIAZIONE CREDITIZIA. Il/La sottoscritto/a., nato/a a (.. ) il.., residente in.

CONFERIMENTO MANDATO DI CONSULENZA E MEDIAZIONE CREDITIZIA. Il/La sottoscritto/a., nato/a a (.. ) il.., residente in. CONFERIMENTO MANDATO DI CONSULENZA E MEDIAZIONE CREDITIZIA Il/La sottoscritto/a., nato/a a (.. ) il.., residente in., codice fiscale..., professione.., stato civile, documento tipo N..., rilasciato da

Dettagli

ACQUISTO DI BENI IMMOBILI P R E V E N T I V O S P E S E DI ACQUISTO E DI ACCENSIONE M U T U O

ACQUISTO DI BENI IMMOBILI P R E V E N T I V O S P E S E DI ACQUISTO E DI ACCENSIONE M U T U O ACQUISTO DI BENI IMMOBILI P R E V E N T I V O S P E S E DI ACQUISTO E DI ACCENSIONE M U T U O Elaborazione Coordinamento a cura di Alberto Zamberletti e Armando Barsotti SPESE ED ADEMPIMENTI NELLA COMPRA-VENDITA

Dettagli

TRIBUNALE DI TIVOLI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI. Esecuzione Forzata BANCA NAZIONALE DEL LAVORO. Contro. N Gen. 1669/2005

TRIBUNALE DI TIVOLI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI. Esecuzione Forzata BANCA NAZIONALE DEL LAVORO. Contro. N Gen. 1669/2005 Udienza 01/02/2011 TRIBUNALE DI TIVOLI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Esecuzione Forzata BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Contro N Gen. 1669/2005 Giudice Dr. Filippo Maria TROPIANO Custode Giudiziario Avv. Leonardo

Dettagli

Oggetto: Circolare dichiarazione dei redditi 2015

Oggetto: Circolare dichiarazione dei redditi 2015 DOTT. ANDREA ALBERGHINI DOTT. ALFREDO ODDONE DOTT. FEDERICO BENNI DOTT. DARIO CURTI DOTT. CLAUDIO MARCANTOGNINI DOTT. PIETRO BUFANO Bologna, 21 maggio 2015 Oggetto: Circolare dichiarazione dei redditi

Dettagli

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI. Documento aggiornato al 28 maggio 2015

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI. Documento aggiornato al 28 maggio 2015 DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Documento aggiornato al 28 maggio 2015 DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato al 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198

Dettagli

Redditi diversi. Capitolo 8 8.1 CONCETTI GENERALI 8.2 PLUSVALENZE 8.3 INDENNITÀ DI ESPROPRIO 8.4 PREMI E VINCITE 8.5 IMMOBILI SITUATI ALL ESTERO

Redditi diversi. Capitolo 8 8.1 CONCETTI GENERALI 8.2 PLUSVALENZE 8.3 INDENNITÀ DI ESPROPRIO 8.4 PREMI E VINCITE 8.5 IMMOBILI SITUATI ALL ESTERO Redditi diversi Capitolo 8 8.1 CONCETTI GENERALI 8.2 PLUSVALENZE 8.3 INDENNITÀ DI ESPROPRIO 8.4 PREMI E VINCITE 8.5 IMMOBILI SITUATI ALL ESTERO 8.6 ALTRI REDDITI DI NATURA FONDIARIA 8.7 UTILIZZAZIONE ECONOMICA

Dettagli

STUDIO DOTT. BONVICINI NOVITA DELLA FINANZIARIA 2005 LA MINIMUM TAX IMMOBILIARE ADEMPIMENTI SULLE LOCAZIONI

STUDIO DOTT. BONVICINI NOVITA DELLA FINANZIARIA 2005 LA MINIMUM TAX IMMOBILIARE ADEMPIMENTI SULLE LOCAZIONI STUDIO DOTT. BONVICINI Circolare n. 3 del 15 gennaio 2005 NOVITA DELLA FINANZIARIA 2005 LA MINIMUM TAX IMMOBILIARE ADEMPIMENTI SULLE LOCAZIONI Art. 1, commi da 341 a 345, Legge n. 311/2004 Dal 2005 entra

Dettagli

COMUNE DI FABRO Provincia di Terni. Regolamento Comunale

COMUNE DI FABRO Provincia di Terni. Regolamento Comunale COMUNE DI FABRO Provincia di Terni Regolamento Comunale Allegato alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 15.10.2003 P R E M E S S A Con il presente regolamento si intende dare attuazione alle

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI

REGOLAMENTO DELLA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI REGOLAMENTO DELLA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l entità della quota di compartecipazione degli utenti al costo delle

Dettagli

COMUNE DI SONCINO REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI SONCINO REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI SONCINO REGOLAMENTO COMUNALE DEFINIZIONE DEI CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA DEI SOGGETTI CHE RICHIEDONO PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE 1 ART. 1 - OGGETTO Il presente regolamento,

Dettagli

Studio Colella Associato

Studio Colella Associato Dott. Luigi Dottore Commercialista Dott.ssa Alessandra Lecchi Ragioniere Commercialista Dott. Giovanni Dottore Commercialista Dott. Gaetano Scordo Dottore Commercialista CONSULENZA TRIBUTARIA E SOCIETARIA

Dettagli

Manuale Operativo del Servizio

Manuale Operativo del Servizio Manuale Operativo del Servizio Il servizio che consente di ottenere direttamente via Email a costi e tempi molto ridotti. Ispezioni Ipotecarie su tutto il territorio nazionale Visure Catastali ed estratti

Dettagli

CONTRIBUTO SOGGETTIVO CONTRIBUTO INTEGRATIVO CONTRIBUTO MATERNITÀ

CONTRIBUTO SOGGETTIVO CONTRIBUTO INTEGRATIVO CONTRIBUTO MATERNITÀ Il contributo integrativo è dovuto nella misura del 4% del volume annuale d affari ai fini IVA al netto del contributo minimo pagato in acconto nel 2014. È previsto un contributo integrativo minimo, calcolato

Dettagli

Roma, Roma, 2 marzo 2011

Roma, Roma, 2 marzo 2011 CIRCOLARE N. 8/E Roma, Roma, 2 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modalità di effettuazione delle ritenute alla fonte per le somme liquidate a seguito di procedure di pignoramento presso

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/E. Roma, 2 marzo 2011. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 8/E. Roma, 2 marzo 2011. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 8/E Roma, 2 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modalità di effettuazione delle ritenute alla fonte per le somme liquidate a seguito di procedure di pignoramento presso terzi.

Dettagli

Direzione Regionale della Toscana

Direzione Regionale della Toscana Direzione Regionale della Toscana LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE Modalità di compilazione e presentazione GENNAIO 2008 CHI DEVE PRESENTARLA La dichiarazione di successione deve essere presentata; dai

Dettagli

RATEI ATTIVI E PASSIVI

RATEI ATTIVI E PASSIVI RATEI ATTIVI E PASSIVI Costituiscono ratei attivi o passivi rispettivamente i crediti o debiti, relativi a ricavi o costi di competenza dell esercizio che si chiude e di esercizi successivi, i quali avranno

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

DEL NOTAIO DELEGATO QUINTO ESPERIMENTO DI VENDITA

DEL NOTAIO DELEGATO QUINTO ESPERIMENTO DI VENDITA TRIBUNALE DI TREVISO AVVISO DI VENDITA DEL NOTAIO DELEGATO Esecuzione n. 560/2008 R.G. Delegato: Notaio Marco Tottolo QUINTO ESPERIMENTO DI VENDITA Il sottoscritto Notaio Marco Tottolo, delegato ex art.

Dettagli

Superficie commerciale: Mq. 73,00. Canone annuo: unità immobiliare non locata. Condominio: Si

Superficie commerciale: Mq. 73,00. Canone annuo: unità immobiliare non locata. Condominio: Si STUDIO TECNICO GEOMETRA MICHELE COSTANZO COMUNE DI CASTIGLIONE DELLA PESCAIA RELAZIONE TECNICA del 26-09-2012 Settore Ambiente e Patrimonio Ufficio Patrimonio Codice Elenco Patrimonio Comunale: n. Provincia:

Dettagli

L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio.

L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio. L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio. Gen. B. Stefano Screpanti Nel porgere un sentito saluto agli illustri Deputati

Dettagli

PROFILI APPLICATIVI DELL ACCERTAMENTO SINTETICO: CASI PRATICI. a cura di Antonio Lofari Capo Area Accertamento Direzione Provinciale di Piacenza

PROFILI APPLICATIVI DELL ACCERTAMENTO SINTETICO: CASI PRATICI. a cura di Antonio Lofari Capo Area Accertamento Direzione Provinciale di Piacenza PROFILI APPLICATIVI DELL ACCERTAMENTO SINTETICO: CASI PRATICI a cura di Antonio Lofari Capo Area Accertamento Direzione Provinciale di Piacenza REDDITOMETRO I decreti ministeriali del 1992 individuano

Dettagli