ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI (Legge 425/97 DPR 323/98 art. 5 comma 2) ANNO SCOLASTICO 2012/2013 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI (Legge 425/97 DPR 323/98 art. 5 comma 2) ANNO SCOLASTICO 2012/2013 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO"

Transcript

1 ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI (Legge 425/97 DPR 323/98 art. 5 comma 2) ANNO SCOLASTICO 2012/2013 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO CLASSE V^ SEZIONE C INDIRIZZO Grafica Pubblicitaria MATERIA DOCENTE FIRMA ITALIANO STORIA INGLESE MATEMATICA STORIA DELL ARTE PROGETTAZIONE GRAFICA PIANIFICAZIONE PUBBLICITARIA PSICOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE Eugenia Campise Eugenia Campise Maria Rosalia Cuozzo Rosella Righetti Antonio Rapaggi Carla Cuomo Carla Cuomo Nadia Bombesi EDUCAZIONE FISICA RELIGIONE Luigi Vielmi Elena Mombelli TECNICA FOTOGRAFICA Paola Cavalli REDATTO ED ESPOSTO ALL ALBO DELL ISTITUTO IL GIORNO15/05/2013 Istituto di Istruzione Superiore Statale CAMILLO GOLGI settori: chimico - grafico - turistico Via Rodi Brescia - tel /454 - fa C.F certificata: - Circ convocazione consigli classe 1

2 Il documento contiene: 1)! Presentazione della classe 2)! Percorso didattico 3)! Tematiche pluridisciplinari 4)! Attività etracurricolari e progetti educativi specifici 5)! Scheda simulazioni prove d esame Al presente documento vengono allegati: A)! Relazioni finali dei docenti B)! Programmi effettivamente svolti C)! Testi delle simulazioni della terza prova D)! Criteri di valutazione delle simulazioni di prima,seconda,terza prova e griglia prova di alternanza scuola lavoro E)! Progetto e valutazione Alternanza scuola - lavoro 2

3 STORIA DELLA CLASSE 1.1 VARIAZIONI NELLA COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE NEL TRIENNIO DISCIPLINE INSEGNANTI CLASSI III IV V ITALIANO E STORIA Campise Eugenia INGLESE Cuozzo Maria Rosalia MATEMATICA Righetti Rosella STORIA DELL ARTE Rapaggi Antonio PROGETTAZIONE GRAFICA Cuomo Carla X Pianificazione pubblicitaria Cuomo Carla PSICOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE Bombesi Nadia TECNICA FOTOGRAFICA Cavalli Paola EDUCAZIONE FISICA Vielmi Luigi RELIGIONE Mombelli Elena Come si evince dalla tabella,la classe non ha potuto usufruire di una continuità didattica in tutte le materie. 1.2 FLUSSI DEGLI STUDENTI NEL TRIENNIO ALLIEVI Classi APOSTOLI LAURA ARESTI NOEMI BASSI ANDREASI LORENZO BERTELLI DEBORAH BRAGHINI ANDREA BRESCIANI LUCA CAPELLINI MATTIA CASAROTTI ITALO JOSE CASELLA MICHELE FEROLDI ISABELLA GHIDINI MATTEO HAMOUDE ALIA LAVIOSA MARCELLO MICHELIN ETTORE MOR SABRINA NADDEO GIANLUCA NAZARIA VADIM PEDROCCA OSCAR PILIPPU M:T: SHEHAN. Come si desume dalla tabella,la classe ha subito nel corso del triennio variazioni;gli allievi frequentanti la classe quinta sono 20:7 femmine e 13 maschi (un alunna ritirata in data ). 3

4 1.3 PERCORSO FORMATIVO Classe 3^ Allievi promossi a giugno:19 Classe 4^ Allievi promossi a giugno:20 Allievi promossi Allievi promossi con giudizio sospeso:0 con giudizio sospeso: 5 Allievi non promossi:0 Alunni non ammessi :9 Allievi ripetenti:2 2.PRESENTAZIONE DELLA CLASSE Nel corso del triennio,la classe ha seguito un percorso nel complesso positivo e per quanto riguarda la dimensione cognitiva(conoscenze,competenze,capacità),ottenendo adeguati strumenti conoscitivi ed un livello di preparazione sufficiente. L interesse si è fatto man mano più consapevole,la partecipazione attenta e l impegno assiduo. Il profitto risulta sostanzialmente omogeneo. Il metodo di studio si è mostrato proficuo e autonomo per la maggior parte degli allievi. Pochi allievi hanno mostrato parziali difficoltà nell affrontare lo studio in alcune materie,dovute ad un metodo di lavoro spesso mnemonico. Per quanto riguarda la dimensione formativa(maturazione individuale,rapporti con gli insegnanti e con i compagni),la classe ha maturato un grado di socializzazione che ha permesso un atteggiamento adeguato a consentire un clima di lavoro sereno. La condotta è stata corretta e responsabile. 4

5 Docenti del Consiglio di classe Docente Disciplina Ore settimanali Continuità didattica Supplenti nell a. s. Eugenia Campise Italiano 4 No!""#$%&'(#%)*$% ),'--**(.("# ',(*#&'&/'-).",' 0,'1"#" Eugenia Campise Storia 2 no no Rosella Righetti Matematica 3 si no Maria Rosaria Cuozzo Inglese 3 si no Antonio Rapaggi Storia dell Arte 3 si no Carla Cuomo Progettazione grafica 5 no no Carla Cuomo Pianificazione 3 no no pubblicitaria Nadia Bombesi Psicologia della 2 si no Comunicazione Paola Cavalli Tecnica fotografica 2 no no Luigi Vielmi Educazione fisica 2 si no Elena Mombelli Religione 1 si no no Commissari interni: DOCENTI Eugenia Campise Carla Cuomo Antonio Rapaggi DISCIPLINE Italiano - Storia Pianificazione pubblicitaria Storia dell Arte Piano di studi della classe: Disciplina I II III IV V Religione X X X X X Italiano X X X X X Storia X X X X X Matematica X X X X X Inglese X X X X X Storia dell Arte Tecnica fotografica Scienze della terra Diritto Disegno prof.nale Disegno grafico Tecnica pubblicitaria 5

6 Comunicazione visiva Pianificazione pubblicitaria Progettazione grafica Psicologia della comunicazione Educazione Fisica La storia della classe relativa al biennio post-qualifica Profilo complessivo della classe Partecipazione e frequenza Gli allievi hanno partecipato alle attività proposte con diversificato interesse;un gruppo numeroso si è distinto per la collaborazione mentre una minoranza ha risposto in modo accettabile alle continue comunicative. Interesse ed impegno L impegno è risultato adeguato;gli studenti hanno lavorato con continuità e senso di responsabilità,mentre quelli in difficoltà hanno dimostrato volontà di riuscita in occasione delle attività di recupero. Disponibilità all approfondimento personale Alcuni alunni hanno mostrato,pur con qualche incertezza nell esposizione, una capacità di operare collegamenti interdisciplinari,in modo discreto. Comportamento Grado di preparazione e profitto Partecipazione alle attività della scuola Gli alunni hanno assunto un comportamento responsabile ed il loro spirito collaborativo ha favorito una crescita della personalità. Gli alunni hanno raggiunto una discreta conoscenza dello svolgimento degli argomenti oggetto di studio e un adeguata capacità di comprendere ed esporre gli argomenti trattati. Rimangono difficoltose per alcuni di essi le competenze relative all analisi dei testi,evidenti soprattutto nello scritto,anche a causa di una padronanza delle strutture linguistiche poco sicura Pochi hanno dimostrato capacità di approfondimento e di rielaborazione personale. Uscita didattica:mostra di Picasso a Milano. 6

7 2. Obiettivi Trasversali del Consiglio di classe riferiti all ultimo anno di corso Educativi! Motivazione e interesse al lavoro scolastico! Comportamento responsabile! Crescita della personalità Didattici generali!capacità di operare collegamenti interdisciplinari!competenza progettuale!consapevolezza delle abilità conseguite OBIETTIVI TRASVERSALI CONOSCENZE (Contenuti) RISULTATI RAGGIUNTI La maggior parte degli allievi ha realizzato un progressivo miglioramento nell apprendimento delle singole materie. COMPETENZE ) CAPACITA' La classe ha acquisito competenze progettuali e una consapevolezza delle abilità conseguite,in modo adeguato.. Sono stati considerati i progressi compiuti dagli allievi,relativamente ai livelli di partenza. L impegno dimostrato nelle varie attività proposte,l attenzione e la partecipazione alle lezioni ha facilitato l assimilazione e la rielaborazione autonoma delle conoscenze acquisite,nelle varie discipline. Al fine di conseguire gli obiettivi di cui nella precedente tabella,si sono attuate le seguenti strategie:! 2"(*&/%'#*,3'.("-(%4'5,3'.("&"4%'*%,-*&-"$%#*-6"&-'7%,%(89! :&)*&(%1'#*;,%%&(*#1*&(%*,'$%-).--%"&*9! 6"(*&/%'#*,'6'#(*)%6'/%"&*',$%',";"9! '))"46';&'#*'6#"7,*4'(%)<*)"&)#*(*,'6#*-*&('/%"&*$*;,%'#;"4*&(%5! 1',"#%//'#*,3'66#*&$%4*&("6*#-"&',%//'("9! 6#"6"##*-%(.'/%"&%&."1**-.-)*((%7%,%$%$%-).--%"&*%&),'--*= >((%1%(8%&(*;#'(%1*).##%)",'#%!?."(%$%'&"%&),'--*!!,'4%$%'! A&%1*#-%(8>,6<'(*-( >((%1%(8*B(#').##%)",'#%!!"&1*#-'/%"&*)"&%&-*;&'&(*4'$#*,%&;.*! 2#";*((")%&*4'C$*&DE!*-'#*$*1*4"#%#*F 7

8 !!"46#'(*;*&(*5)"46#'(*! :44';%&'(*,3'/%*&$'GH"#I%&6#";#*--J! 2#";*(("K%&;.'-(#'&%*#'L#*',%//'/%"&*1%$*"L)"&.-)%('6#*--">4*#%)'& -)<"",LM#*-)%'0! 2#";*((")"&>((%,%">//",'EMN&%;<(F!.-)%('$%$'((%)'5O#'PP%(',%'0Q%,'&"R<"! 2#";*((">M)%&*4'EMN&%;<(F! 2#";*(("9FK3'/%*&$'&*,,3%44;%&'#%"$*%;%"1'&%SF! T#%&%(N In merito agli obiettivi specifici e ai contenuti delle singole discipline si rinvia alle relazioni finali dei docenti. Metodologie adottate Disciplina Lezione frontale Lezione multime diale Lezione pratica Lavoro di gruppo Attività Laborato rio Discussio ni guidate Italiano Storia Inglese Matematica Storia dell Arte Pianificaz.grafi ca Psicologia della comunicazione Tecnica fotografica Progettazione grafica Ed. Fisica Religione Simulazioni o esercizi guidati Mezzi e spazi didattici Utilizzo in ambito Disciplinare palestra laboratori biblioteca Sussidi audiovisivi Strumenti multimedial i Italiano! Storia Inglese Matematica Pianificaz. Graf.! Ed. Fisica! Religione! Attività di recupero, integrazione, approfondimento 8

9 Disciplina Recupero curricolare Corso etracurricolar e di recupero Sportello Didattico Corso di approfondimento Italiano Storia Matematica Inglese Tenuto/Non tenuto dal docente titolare. Per le indicazioni particolari si rinvia alla relazione del singolo docente. Strumenti di verifica * Ambito disciplinare Linguistico Letterario e Umanistico Tipologie prevalentemente adottate per Prove scritte Prove orali Prove pratiche Analisi Testi Discussione Prove semistrutturate dialogata Test grammaticali Registrazioni Temi-Saggi brevi Questionari a risposta libera o Verifiche orali multipla Scientifico Prove semi-strutturate Temi Esercizi Verifiche orali Professionale Prove semi-strutturate Esercizi Verifiche orali Attività di laboratorio Educazione Fisica Allenamento Gare- tornei * Per l'individuazione degli strumenti di verifica nelle singole discipline si rinvia alla relazione dei docenti CRITERI DI MISURAZIONE - VALUTAZIONE INTERMEDIA E FINALE Il Consiglio di classe si è attenuto ai seguenti criteri adottati dal Collegio docenti. 9

10 Si è adottato una scala valutativa che individua la seguente corrispondenza tra voti e capacità/abilità raggiunte dagli studenti nel corso dell anno scolastico. Gli obiettivi presi in considerazione sono stati:! impegno e partecipazione! acquisizione conoscenze! autonomia nell applicazione delle conoscenze! abilità linguistiche ed espressive La misurazione delle prove e la valutazione intermedia e finale si effettua adottando la scala dall 1 al 10 (scala decimale), utilizzando tutti i valori della scala stessa. In base a tale scala, si stabilisce la seguente corrispondenza fra voti e livelli dei diversi obiettivi. Vedi allegati griglie valutative - 2. TEMATICHE PLURIDISCIPLINARI PERCORSO Nucleo Tematico Percorso tesina pluridisciplinare stesura,revisione, bibliografia Decadentismo in Italia e Inghilterra Materie interessate Italiano - Storia Italiano Storia Inglese Storia dell Arte Argomenti specifici Ricerca e Organizzazione del materiale su riviste, giornali,siti internet,testi. >#;"4*&(%$%1'#%'&'(.#'9"6*#*,*((#=* '#(%-(%)<*5P"(";#'P%*5'.("#%,*((*#'(%*'#(%-(%$*, UVWW= Lettura integrale del romanzo, Il piacere di D Annunzio. Lettura integrale di un testo compatibile alla tesina d esame. Lettura sintetica del romanzo Il ritratto di Dorian Gray di Oscar Wilde PRIMA PROVA SCRITTA Italiano - Nel corso del presente anno scolastico,in data e ,sono state effettuate due simulazioni della prima prova scritta,dalla durata di sei ore(allegata al seguente documento). Per quanto concerne i criteri di valutazione e gli argomenti proposti nella simulazione si rimanda alle schede allegate.d SECONDA PROVA SCRITTA-Progettazione grafica - Nel corso del presente anno scolastico,in data e ,sono state effettuate due simulazioni della seconda prova scritta, dalla durata di cinque ore(allegata al seguente documento). Per quanto concerne i criteri di valutazione e gli argomenti proposti nella simulazione si rimanda alle schede allegate.d TERZA PROVA SCRITTA Nel corso del presente anno scolastico,sono state effettuate due simulazioni della terza prova scritta,in data e (allegate al seguente documento dalla durata di due ore,secondo la tipologia della trattazione sintetica degli argomenti( tipologia B e C) Per quanto concerne i criteri di valutazione e gli argomenti proposti nella simulazione si rimanda alle schede allegate.d Di seguito si riporta, invece, una tabella riassuntiva relativa alle materie oggetto della simulazione. 10

11 Prima simulazione della Terza prova! materie coinvolte n.4 : Matematica,Inglese,Psicologia delle Comunicazione,Ed.Fisica Seconda simulazione della Terza prova:! materie coinvolte n.4: Storia dell Arte,Pianificazione pubblicitaria,inglese,matematica Prova simulata alternanza lavoro Nel corso dell anno scolastico,in data , è stata effettuata una prova simulata scritta dalla durata di due ore. Di seguito si riporta una tabella riassuntiva relativa alle materie oggetto della simulazione. Simulazione alternanza scuola lavoro:! materie coinvolte n.5 Pianificazione pubblicitaria,progettazione grafica,,tecn.fotografica,inglese,storia dell Arte Il presente documento, ratificato dal Consiglio della Classe V sezione C grafico il giorno viene sottoscritto e pubblicato all Albo d Istituto in data odierna. Brescia, 15 maggio 2013 Il Dirigente scolastico Venceslao Boselli 11

12 Allegato A Materia: Italiano RELAZIONE FINALE Anno sc. 2012/2013 Docente: prof. Campise Eugenia Libri di testo adottati: Mappe di Letteratura 2 Il Novecento Autore:Di Bacco Paolo.Ed. Mondadori Ore di lezione effettuate nell anno scolastico 2011/2013 fino al 15 maggio n.ore 107 su n. ore 120 previste dal piano di studi. Obiettivi previsti! Conoscenza nelle linee essenziali dello svolgimento della letteratura italiana dei secoli XIX e XX! capacità di spiegare ed interpretare (anche in forma scritta) con un linguaggio chiaro e corretto e secondo uno sviluppo coerente i fatti letterari oggetto di studio;! capacità di analizzare e contestualizzare (anche in forma scritta) un testo utilizzando conoscenze e metodi appresi;! capacità di riconoscere il testo letterario come prodotto di molti fattori(personalità dell autore;contesto storico,sociale e culturale;tradizione);! capacità di rielaborare in modo personale i concetti appresi;! capacità di motivare i giudizi critici motivati. raggiunti! Gli allievi, nel complesso,hanno raggiunto una discreta conoscenza dello svolgimento della letteratura e degli autori oggetto di studio e un adeguata capacità di comprendere gli argomenti e di analizzare i testi trattati. Le competenze comunicative ed espressive risultano in generale adeguate per quanto riguarda l esposizione orale e scritta. Alcuni alunni hanno dimostrato capacità di approfondimento e di rielaborazione personale. Metodi e strumenti! I contenuti letterari sono stati organizzati in moduli di vario tipo, a loro volta suddivisi in unità didattiche.i testi sono stati letti,analizzati e commentati,così da evidenziarne gli aspetti relativi alla poetica e allo stile. Gli allievi,inoltre, hanno letto personalmente alcuni romanzi ritenuti fondamentali. L elaborazione tematica scritta ha affrontato tutte le tipologie previste dalla prova dell esame di Stato. Tutti gli argomenti sono stati presentati attraverso lezioni frontali,con l ausilio dei libri di testo in adozione e di materiali forniti dal docente. Continuo è stato lo stimolo educativo e l invito alla ricerca e all approfondimento. Verifiche! I momenti di verifica formativa,tramite domande poste all allievo o interventi dal posto tali da evidenziare una problematizzazione personale circa l argomento trattato,hanno accompagnato il procedimento didattico. Le verifiche sommative hanno avuto luogo al termine di determinati gruppi di unità didattiche nella forma dell interrogazione lunga o del test. Nel complesso le verifiche valide per lo scritto sono state due sia nel primo sia nel secondo quadrimestre. Misurazione e valutazione! Per la valutazione delle verifiche scritte si sono utilizzati i criteri indicati in una griglia appositamente predisposta(allegata al presente documento).per le prove orali si è tenuto conto di:conoscenza,assimilazione,rielaborazione dei contenuti;capacità di analisi e di contestualizzazione dei testi;capacità logiche,riflessive,critiche di collegamento,di sintesi;correttezza,proprietà,scioltezza espositive. Per la valutazione si è considerato non solo il grado di acquisizione degli 12

13 obiettivi prefissati,ma anche l impegno dimostrato nelle varie attività proposte,l attenzione e la partecipazione alle lezioni,l interesse per la disciplina. Per la valutazione finale,oltre agli elementi ricordati,sono stati considerati i progressi compiuti dagli allievi,relativamente al livello di partenza. Obiettivi didattici minimi! Conoscenza: conoscere i contenuti essenziali della letteratura italiana dall unificazione italiana ad oggi(generi letterari,contesto,produzione e consumo),gli autori e i testi oggetto di studio.! Competenze:! esporre attraverso un esposizione chiara e corretta sia in forma scritta che orale le conoscenze acquisite.! analizzare in modo esauriente un testo appartenente ad una tipologia nota. Contenuti! L opposizione io mondo come contrasto storico e come condizione esistenziale nell 800:Romanticismo Scapigliati Decadentismo Pascoli D Annunzio. L opposizione io mondo come contrasto storico e come condizione esistenziale nel 900:Crepuscolari e Futuristi Svevo Pirandello Montale Ungaretti Quasimodo Calvino. Il romanzo tra 800 e 900:Verga,Malavoglia/Mastro Don Gesualdo D Annunzio,Il piacere Svevo,La coscienza di Zeno Pirandello,Il fu Mattia Pascal. Il romanzo del modulo! L età del Positivismo:il Naturalismo e il Verismo La nascita dell evoluzionismo; dal Realismo al Naturalismo:il romanzo realista,la narrativa di Flaubert,il romanzo naturalista.! Il Verismo! Giovanni Verga e il mondo dei Vinti Verga e la questione meridionale La visione della vita nella narrativa di Verga;I principi della poetica verista I Malavoglia! La Scapigliatura! Iginio Ugo Tarchetti:Fosca:la trama 2 modulo! Simbolismo,Estetismo,Decadentismo l affermarsi di una nuova sensibilità il superamento del Positivismo! Oscar Wilde,Il ritratto di Dorian Gray! Henry Bergson,l evoluzione creatrice La memoria e il flusso della coscienza! Sigmund Freud,Introduzione alla psicoanalisi! Il primo Novecento:la Belle epoque! Giovanni Pascoli e il poeta fanciullino Pascoli e i pittori impressionisti il pensiero e la poetica Pascoli e la poesia italiana del Novecento Il fanciullino: E dentro di noi un fanciullino da Myricae:Lavandare XAgosto 13

14 Novembre dai Canti di Castelvecchio:La mia sera! Gabriele D Annunzio Le imprese di D Annunzio combattente Il piacere:lettura integrale del testo La produzione del superomismo da Alcyone:La pioggia nel pineto lettura integrale del romanzo, Il piacere 3 modulo! Le Avanguardie Espressionismo,Futurismo,Dadaismo,Surrealismo! Filippo Tommaso Marinetti,Manifesto del futurismo Aggressività,audacia,dinamismo ZangTumb Tumb:il bombardamento di Adrianopoli! Italo Svevo e la figura dell inetto Le opere: Una vita :l insoddisfazione di Alfonso Senilità :la trama La coscienza di Zeno : prefazione e preambolo l inettitudine di Zeno! Luigi Pirandello e la crisi dell individuo Pirandello e il fascismo Il pensiero e la poetica:la formazione verista e gli studi di psicologia la difficile interpretazione della realtà,la maschera e la crisi di valori; i personaggi e lo stile. L umorismo,il sentimento del contrario Il fu Mattia Pascal:premessa da Novelle per un anno:la patente Uno,nessuno,centomila:la struttura L esclusa:la trama Luigi Pirandello e la crisi dell individuo L Espressionismo di Pirandello La rivoluzione teatrale di Pirandello 4 modulo! La prima guerra mondiale nella coscienza degli scrittori! Giuseppe Ungaretti e l Allegria Ungaretti e la prima guerra mondiale Il pensiero e la poetica! la prima fase;lo sperimentalismo;la seconda fase;il recupero! della tradizione;la terza fase la compostezza formale. L Allegria:Sono una creatura Fratelli I fiumi Veglia Il porto sepolto Mattina Soldati! Il dolore : Non gridate più La centralità della parola! Eugenio Montale e la poetica dell oggetto le opere,il pensiero e la poetica Una poesia metafisica 14

15 ! Ossi di seppia: Mereggiare pallido e assorto Spesso il male di vivere ho incontrato! Satura,sez. Xenia II Ho sceso,dandoti il braccio! Satura sez. Xenia I Caro piccolo insetto!! Novecentismo e antinovecentismo Le tendenze della poesia italiana tra le due guerre! L Ermetismo e la linea antiermetica La poesia civile! Salvatore Quasimodo:vita e opere da Acqua e terre, Ed è subito sera! Italo Calvino dal Neorealismo al postmoderno Il pensiero e la poetica Il sentiero dei nidi di ragno: la pistola. 15

16 >,,*;'("M!,'--*XY5-*/!;#'P%)"6.77,%)%('#%' 2#";#'44'$%:(',%'&"-1",("$.#'&(*,3'&&"-)",'-(%)"ZW[Z\ZW[] 2#"P=--'!'46%-*C.;*&%' :,)"&(*-("-("#%)"*6",%(%)" :,)"46%4*&("$*,,3A&%(8$3:(',%'*,'&'-)%('$*,,'O*#4'&%' K3:(',%'P#'^((")*&("*_"1*)*&(" K3*)"&"4%'*,'-")%*(8 K'-*)"&$'#%1",./%"&*%&$.-(#%',* K';#'&$*$*6#*--%"&*P%&*^((")*&(" K'7*,,*`6"a.* :,4"1%4*&("-")%',%-('= L età del Positivismo:il Naturalismo e il Verismo Il Positivismo e la sua diffusione Una nuova fiducia nella scienza La nascita dell evoluzionismo; dal Realismo al Naturalismo:il romanzo realista, romanzo natural Auguste Comte,Discorso sullo spirito positivo Che cosa significa la parola positivo Charles Darwin,l origine dell uomo L uomo è il risultato di un evoluzione Il Verismo Giovanni Verga e il mondo dei Vinti Verga e la questione meridionale L approdo al Verismo:i princìpi della poetica verista Le tecniche narrative La visione della vita nella narrativa del Verga I Malavoglia:prefazione La famiglia Malavoglia Mastro Don Gesualdo:prefazione La Scapigliatura Iginio Ugo Tarchetti:Fosca:la trama Simbolismo,Estetismo,Decadentismo l affermarsi di una nuova sensibilità il superamento del Positivismo L Estetismo Il Decadentismo Oscar Wilde,Il ritratto di Dorian Gray Henry Bergson,l evoluzione creatrice La memoria e il flusso della coscienza Sigmund Freud,Introduzione alla psicoanalisi Il primo Novecento:la Belle époque Giovanni Pascoli e il poeta fanciullino Pascoli e i pittori impressionisti il pensiero e la poetica Pascoli e la poesia italiana del Novecento Il fanciullino: E dentro di noi un fanciullino da Myricae:Lavandare X Agosto Novembre dai Canti di Castelvecchio:La mia sera Gabriele D Annunzio Le imprese di D Annunzio combattente Le opere:dagli esordi all estetismo decadente 16

17 Il piacere:lettura integrale del romanzo La produzione del superomismo Le opere del periodo francese e l ultimo D Annunzio da Alcyone: La pioggia nel pineto Le Avanguardie Espressionismo,Futurismo,Dadaismo,Surrealismo Filippo Tommaso Marinetti,Manifesto del futurismo Aggressività,audacia,dinamismo ZangTumb Tumb:il bombardamento di Adrianopoli La narrativa della crisi Le nuove frontiere del romanzo del Novecento Italo Svevo e la figura dell inetto I primi romanzi Il periodo del silenzio letterario Le opere: Una vita :l insoddisfazione di Alfonso Senilità :la trama La coscienza di Zeno : prefazione e preambolo l inettitudine di Zeno Luigi Pirandello e la crisi dell individuo Pirandello e il fascismo Il pensiero e la poetica:la formazione verista e gli studi di psicologia la difficile interpretazione della realtà,la maschera e la crisi di valori; i personaggi e lo stile. L umorismo,il sentimento del contrario Il fu Mattia Pascal:premessa da Novelle per un anno:la patente Uno,nessuno,centomila:la struttura L esclusa:la trama Luigi Pirandello e la crisi dell individuo L Espressionismo di Pirandello La rivoluzione teatrale di Pirandello La prima guerra mondiale nella coscienza degli scrittori Giuseppe Ungaretti e l Allegria Ungaretti e la prima guerra mondiale Il pensiero e la poetica la prima fase;lo sperimentalismo;la seconda fase;il recupero della tradizione;la terza fase la compostezza formale. L Allegria:Sono una creatura Fratelli I fiumi Veglia Il porto sepolto Mattina Soldati! Il dolore : Non gridate più La centralità della parola Eugenio Montale e la poetica dell oggetto le opere,il pensiero e la poetica Una poesia metafisica Ossi di seppia: Mereggiare pallido e assorto Spesso il male di vivere ho incontrato 17

18 Satura,sez. Xenia II Ho sceso,dandoti il braccio Satura sez. Xenia I Caro piccolo insetto! Novecentismo e antinovecentismo Le tendenze della poesia italiana tra le due guerre L Ermetismo e la linea antiermetica La poesia civile Salvatore Quasimodo:vita e opere da Acqua e terre, Ed è subito sera Italo Calvino dal Neorealismo al postmoderno Il pensiero e la poetica Il sentiero dei nidi di ragno: la pistola. Gli alunni L insegnante Prof.ssa Campise Eugenia 18

19 Allegato A Relazione finale di Storia Materia: Storia Docente: prof.ssa Campise Eugenia A. sc. 2012/2013 Libri di testo adottati:fatti e interpretazioni vol.3 Autore Bertini Ed.Mursia scuola Ore di lezione effettuate nell anno scolastico 2011/2012 fino al 15 maggio:! 66 su n. ore 60 previste al piano di studi Obiettivi previsti! Conoscenza degli argomenti previsti dal programma!! Capacità di cogliere nel divenire storico i rapporti di causa ed effetto a breve e lungo termine.! Capacità di condurre opportuni collegamenti con il contesto letterario! Consapevolezza dell interazione nel divenire storico, i fattori politici,economici,sociali e culturali.! Consapevolezza delle diverse angolazioni da cui un medesimo evento storico può essere osservato e valutato. raggiunti! Gli allievi,nel complesso,hanno raggiunto una discreta conoscenza degli aspetti caratterizzanti la storia del Novecento e il mondo attuale e individuando relazioni tra evoluzione scientifica e tecnologica,modelli e mezzi di comunicazione,contesto socio economico,assetti politico istituzionali. Rimangono difficoltose per alcuni di essi rielaborare in modo personale i concetti appresi. Pochi hanno dimostrato capacità di approfondimento e di analisi alle problematiche significative del periodo considerato. Obiettivi minimi! dimostrare di aver acquisito i contenuti essenziali e di saper esporre in modo chiaro,appropriato e corretto. Metodi e strumenti! I contenuti sono stati organizzati in moduli di vario tipo,a loro volta suddivisi in unità didattiche. Gli argomenti sono stati organizzati al fine di educare gli alunni ad una convivenza civile,ad una partecipazione attiva alla vita sociale e culturale a livello locale e nazionale e, nel contempo a sviluppare in loro competenze comunicative. Tutti gli argomenti sono stati presentati attraverso lezioni frontali,con l ausilio dei libri di testo in adozione e materiali,schemi,dispense,mappe concettuali forniti dal docente. Di fronte alle difficoltà di alcuni alunni è stata svolta un attività di recupero curriculare. Verifiche! I momenti di verifica formativa,tramite domande poste all allievo o interventi dal posto tali da evidenziare una problematizzazione personale circa l argomento trattato,hanno accompagnato il procedimento didattico. Si sono attuate verifiche sommative nella forma dell interrogazione e della trattazione sintetica di specifici argomenti (tipologia B e C). 19

20 Misurazione e valutazione! Per la valutazione delle verifiche scritte strutturate e semistrutturate a scelta multipla,trattazione sintetica. Per le prove orali si è tenuto conto della conoscenza correttezza,proprietà l e scioltezza espositive. Per la valutazione finale,oltre agli elementi ricordati,sono stati considerati i progressi compiuti dagli alunni,relativamente al livello di partenza. Contenuti! Belle époque - l età giolittiana - l Europa in fiamme- la rivoluzione russa la crisi del dopoguerra e il nuovo ruolo delle masse la Germania di Weimar e il fascismo al potere in Italia l Italia di Mussolini l URSS di Stalin e la Germania di Hitler la Resistenza l Italia di oggi dalla fine del colonialismo alla globalizzazione la questione israelo palestinese 1modulo! Un difficile inizio per il XX secolo Le illusioni della Belle époque;l Est del mondo:russia,giappone,cina l età giolittiana in Italia;i nazionalismi e il riarmo 2 modulo! La prima guerra mondiale e la rivoluzione russa 3.modulo! Dopoguerra,democrazie e totalitarismi La crisi del dopoguerra e il nuovo ruolo delle masse La Germania di Weimar e il fascismo al potere in Italia l Italia di Mussolini le democrazie alla prova:la URSS di Stalin e la Germania di Hitler. 4 modulo! La seconda guerra mondiale l aggressione nazista all Europa la svolta nel conflitto e l Italia della Resistenza la fine della guerra:auschwitz e Hiroshima 5modulo! Europa,Usa,Urss Le divisioni della guerra fredda due anni chiave: modulo! L Italia di oggi e il mondo attuale. Gli alunni il docente 20

21 Allegato B Classe V sez.c grafico pubblicitaria Programma di Storia svolto durante l anno sc. 2012/2013 Prof.ssa Campise Eugenia L Italia dalla crisi di fine secolo all età giolittiana La crisi di fine secolo in Italia e il fallimento della reazione approfondimenti L inizio dell era giolittiana Il governo Zanardelli Giolitti L obiettivo politico di Giolitti le scelte politiche di Giolitti Giolitti e la tradizione politica liberale Lo sviluppo economico in Italia Le novità del sistema politico I socialisti e Giolitti approfondimenti Il patto Gentiloni La prima guerra mondiale Le cause del conflitto approfondimenti Bismark La Germania di Guglielmo II Il trattato della triplice Alleanza L attentato di Sarajevo e l inizio del conflitto La questione balcanica e la Serbia Come e perché l Italia entrò in guerra Il patto di Londra del 1915 La giustificazione del governo italiano per la dichiarazione di guerra La disfatta di Caporetto. L Italia in guerra L intervento USA nel 1917 approfondimenti I 14 punti di Wilson Verso la fine della guerra Conferenza di pace a Parigi nel 1919 approfondimenti La società delle Nazioni I trattati di Parigi secondo l economista Keynes Le paci di Parigi del 1919 secondo Churchill La rivoluzione bolscevica e la nascita dell Unione sovietica La Russia prima della Rivoluzione La rivoluzione russa del 1905 La guerra e la rivoluzione di febbraio approfondimenti Lenin La rivoluzione d ottobre La guerra civile la Nep e la nascita dell Unione sovietica Totalitarismi e democrazie tra le due guerre L Italia dalla vittoria alla nascita del Partito Fascista Il primo dopoguerra L italia e il trattato del 1919:questioni aperte 21

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Pag. 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Prof.ssa Paola VERGANI Materia MATEMATICA Classe V Sez. D ss Testi adottati: - Bergamini- Trifone- Barozzi Fondamenti di calcolo algebrico

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2010/2011 CLASSE 5 a Biologico

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di Studio: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA- Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometra Liceo Linguistico/Linguistico Moderno -

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: MATEMATICA PROFESSORE: ANNA ZUMMO CLASSE: IV sez. A informatica A.S.: 2014/2015 DATA: 30/10/2014 SOMMARIO

Dettagli

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA ISTITUTO TECNICO STATALE AD INDIRIZZO COMMERCIALE IGEA - MARKETING GEOMETRI - PROGRAMMATORI TURISTICO G FILANGIERI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2010/2011 INDIRIZZO DI STUDI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Anno Scolastico: 2013 / 2014 Dipartimento: MATEMATICA Coordinatore: ROVETTA ROBERTA Classe: 5 Indirizzo: TECNICO DEI SERVIZI TURISTICI Ore di insegnamento settimanale:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI 1 di 5 23/01/2015 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA: Matematica DOCENTI : Provoli, Silva, Vassallo MODULI CONOSCENZE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010/11 Docente: Antonio Gottardo Materia: Matematica Classe: 5BSo Liceo delle Scienze Sociali 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016. Programmazione di Matematica. Classe V I

ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016. Programmazione di Matematica. Classe V I ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016 Programmazione di Matematica Classe V I Prof.ssa C. Pirozzi Analisi della situazione di partenza La classe V sezione I è costituita da un gruppo di 16 allievi non sempre

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof.

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. ssa Laura Piazzi CLASSE I A.S.2014 /2015 2 OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1 OBIETTIVI

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15 CLASSE 5 a B Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Liceo Scientifico - Piano di studi Discipline 1 Biennio 2 Biennio 5

Dettagli

M i n i s t e r o d e l l a P u b b l i c a I s t r u z i o n e ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE

M i n i s t e r o d e l l a P u b b l i c a I s t r u z i o n e ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA CLASSI QUINTE TECNICO DEI SERVIZI SOCIO SANITARI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1 FINALITÀ OBIETTIVI E COMPETENZE DELLA DISCIPLINA Il docente di Matematica concorre

Dettagli

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO DIPARTIMENTO SCIENTIFICO PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE DI MATEMATICA CLASSI QUINTE Anno scolastico 2015/2016 Ore di lezione previste nell anno: 165 (n. 5 ore sett. x 33 settimane) 1. FINALITÀ DELL INSEGNAMENTO

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

Programmazione del dipartimento di MATEMATICA per il quinquennio

Programmazione del dipartimento di MATEMATICA per il quinquennio IPIA C. CORRENTI Programmazione del dipartimento di MATEMATICA per il quinquennio FINALITA DELL INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA Promuovere le facoltà intuitive e logiche Educare ai processi di astrazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Anno Scolastico: 2014 / 2015 Dipartimento: MATEMATICA Coordinatore: TRIMBOLI SILVIA Classe: 4 Indirizzo: Istituto Tecnico per il Turismo orientamento sportivo Ore di insegnamento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI a.s. 2014/2015 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. La

Dettagli

Programmazione di classe delle attività educative e didattiche

Programmazione di classe delle attività educative e didattiche ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Francesco De Sarlo Via Sant Antuono 192-0973/21034 - C.F. 83000510764 PZIS001007 85042 - LAGONEGRO PZ PZPM00101P IST. MAG. LAGONEGRO - PZPS00101N LIC. SC. LAGONEGRO

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA MATEMATICA Classi 1^ LICEO SCIENTIFICO opzione SCIENZE APPLICATE A.S. 2014/15

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA MATEMATICA Classi 1^ LICEO SCIENTIFICO opzione SCIENZE APPLICATE A.S. 2014/15 Istituto di Istruzione Secondaria Superiore ETTORE MAJORANA 24068 SERIATE (BG) Via Partigiani 1 -Tel. 035-297612 - Fax 035-301672 e-mail: majorana@ettoremajorana.gov.it - sito internet: www.ettoremajorana.gov.it

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. VERONESE LICEO: SCIENTIFICO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE - CLASSICO - SCIENZE UMANE - LINGUISTICO Via Togliatti, 833 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371

Dettagli

Allegato al documento di classe no. 1.6 RELAZIONE FINALE

Allegato al documento di classe no. 1.6 RELAZIONE FINALE Allegato al documento di classe no. 1.6 Docente Materia Classe Maria Stefania Strati Matematica P.N.I. 5D RELAZIONE FINALE 1. Considerazioni generali La classe ha avuto una stessa insegnante di matematica

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE Via Domenico Rossetti, 74 XVII Distretto Tel.: 040390202 Fax: 0409383360 e-mail: scrivici@liceopetrarcats.it Anno Scolastico 2010-2011 RELAZIONE

Dettagli

Anno Scolastico 2014/2015. CLASSE: V A MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA

Anno Scolastico 2014/2015. CLASSE: V A MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE: V A MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA Coordinatore di classe: LUISE CARMELA Presentazione sintetica della classe 1) Storia del triennio 2) Attività di recupero 3) Profilo

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 1DS Indirizzo di studio Liceo scientifico Docente Paola Carcano Disciplina Monte

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

LICEO STATALE E. BOGGIO LERA Scientifico Ordinario Scientifico Scienze Applicate - Linguistico

LICEO STATALE E. BOGGIO LERA Scientifico Ordinario Scientifico Scienze Applicate - Linguistico LICEO STATALE E. BOGGIO LERA Scientifico Ordinario Scientifico Scienze Applicate - Linguistico Programmazione Didattica del Consiglio della Classe II Sez. C Ind linguistico A.S. 2015/16 1. COMPOSIZIONE

Dettagli

Al Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia

Al Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE Al Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia prof.ssa LAURA MARCHETTO Classe 3 sez. H MATEMATICA a.s 2014/15 B Obiettivi generali da raggiungere: Lo studente rispetti

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe II sezione B Data di approvazione 24 ottobre -

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 Nulla di sé e del mondo sa la generalità degli uomini se la letteratura non glielo

Dettagli

COMPETENZE DA ACQUISIRE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO SCOLASTICO Asse dei linguaggi 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed

COMPETENZE DA ACQUISIRE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO SCOLASTICO Asse dei linguaggi 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S. 2011/2012 CLASSE 2^ SEZ. C Indirizzo Linguistico Coordinatore

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSI: 4AMM-4BME

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSI: 4AMM-4BME DIPARTIMENTO: PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - : 4AMM-4BME E Monte ore annuo 132 (99+33) Libro di Testo L. Sasso: Nuova Matematica a colori Edizione Verde, VOL.3-4 SETTEMBRE OTTOBRE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 7 04/12/2013 118 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 3 sezione U Data di approvazione 24 / 10 / 2012 PROFILO DELLA

Dettagli

MANUALE QUALITA SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE All. 2.1.1

MANUALE QUALITA SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE All. 2.1.1 Pag 1 di 6 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE V. CROCETTI V. Tel. 085-8001757- Fax 085-8028562 - C.F.91041900670

Dettagli

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento Disciplina: FRANCESE Classe: 3 A SIA A.S. 2015/2016 Docente: Prof.ssa Maria Claudia Signorato ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La componente classe che studia il francese è rappresentata da 6

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE CONSIGLI DI CLASSE. CLASSE 5A igea ANNO SCOLASTICO 2009/2010

SCHEDA PROGRAMMAZIONE CONSIGLI DI CLASSE. CLASSE 5A igea ANNO SCOLASTICO 2009/2010 ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE ARCHIMEDE Via Cento n. 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto (BO) C.F. 80073690374 Tel 051 821832/823651 Fax 051 825226 E-Mail: informazioni@isis-archimede.it Sito

Dettagli

IIS SELLA AALTO LAGRANGE. Sezione associata L.Lagrange. a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE DI TECNICA DELLA COMUNICAZIONE

IIS SELLA AALTO LAGRANGE. Sezione associata L.Lagrange. a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE DI TECNICA DELLA COMUNICAZIONE IIS SELLA AALTO LAGRANGE Sezione associata L.Lagrange a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE DI TECNICA DELLA COMUNICAZIONE DOCENTE: CLASSE: Prof.ssa COLLINO Elena 3 A OBIETTIVI FORMATIVI OBIETTIVI TRASVERSALI

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

COMPETENZE Istituto Tecnico Economico Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali CLASSE: QUINTA

COMPETENZE Istituto Tecnico Economico Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali CLASSE: QUINTA COMPETENZE Istituto Tecnico Economico Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali CLASSE: QUINTA SOMMARIO Lingua e letteratura italiana... 2 Lingua inglese... 3 Storia... 4 Matematica... 5 Scienze Motorie

Dettagli

TEORIE E TECNICHE DELLA COMUNICAZIONE

TEORIE E TECNICHE DELLA COMUNICAZIONE a.s.2013/2014 TEORIE E TECNICHE DELLA COMUNICAZIONE indirizzo: Tecnico della Grafica e della comunicazione TEORIE DELLA COMUNICAZIONE: Classi terze tecnico grafico TEORIE DELLA COMUNICAZIONE: Non ancora

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate 1. Profilo generale DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate PRIMO BIENNIO L insegnamento di matematica nel primo biennio ha come finalità l acquisizione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA Istituto Istruzione Superiore A. Venturi Modena Liceo artistico - Istituto Professionale Grafica Via Rainusso, 66-41124 MODENA Sede di riferimento (Via de Servi, 21-41121 MODENA) tel. 059-222156 / 245330

Dettagli

Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^

Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^ Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^ Docente Anna Maria Candiani Classe IV sez. A Indirizzo Sistemi informativi aziendali Materia di insegnamento Matematica Applicata Libro di testo Bergamini

Dettagli

I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A.

I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A. I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A. - Guspini Programmazione annuale di MATEMATICA a.s. 2013-2014 Classi seconde Docente: Prof. Walter Concas A. OBIETTIVI 1. Obiettivi educativi generali. La

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO ALBANO - RMICGB00T via Virgilio n. 2-0001 Albano Laziale (Roma) Centralino: 0/320.12 Fax: 0/321.2 @: RMICGB00T@istruzione.it, RMICGB00T@pec.istruzione.it C.F.: 000 GRIGLIE E TABELLE

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Prof.ssa Genoveffa Caliò Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Ascoltare in modo attivo e partecipe. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

Programmazione didattica di Matematica a. s. 2015/2016 IV I

Programmazione didattica di Matematica a. s. 2015/2016 IV I ISIS Guido Tassinari Programmazione didattica di Matematica a. s. 2015/2016 IV I Prof.ssa Costigliola Analisi della situazione di partenza La classe IV sezione I è costituita da un gruppo di 21 allievi

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI e DIDATTICI TRASVERSALI

OBIETTIVI EDUCATIVI e DIDATTICI TRASVERSALI Programmazione di Matematica Anno Scolastico 2015/2016 4^BCAT Costruzioni Ambiente Territorio IIS Cigna-Baruffi-Garelli 1) Contesto della classe: classe collaborativa e nel complesso disciplinata. La classe

Dettagli

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia (Approvato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 18 dicembre 2008) ---------------- L Istituto Comprensivo VIA CASAL BIANCO è una scuola che svolge

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

Discipline e competenze

Discipline e competenze Discipline e competenze Per assistenza è possibile contattare lo staff Pearson scrivendo al seguente indirizzo e-mail: helpdesk@pearson.it oppure chiamando il numero : 0332.802251 La didattica per competenze

Dettagli

anno scolastico 2009-10 Istituto Comprensivo N. Scarano di Trivento CB Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe II A

anno scolastico 2009-10 Istituto Comprensivo N. Scarano di Trivento CB Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe II A Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE PREMESSA Il presente documento illustra la programmazione del complesso delle attività educative e didattiche che il consiglio della classe II A della

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015 Prof.ssa Roberta Tadini Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano ASCOLTARE IN MODO ATTIVO E PARTECIPE. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014. Prof. Forlin Maria Nives AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING INDIRIZZO

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014. Prof. Forlin Maria Nives AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING INDIRIZZO PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 DOCENTE DISCIPLINA CLASSE INDIRIZZO Prof. Forlin Maria Nives Economia Politica 3^ AEM AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING DATA DI PRESENTAZIONE 10 Novembre 2013

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

Sallustio Bandini. Matematica. Istituto Tecnico Statale Programmatori Ragionieri Geometri Lingue Straniere

Sallustio Bandini. Matematica. Istituto Tecnico Statale Programmatori Ragionieri Geometri Lingue Straniere FINALITA DELL INSEGNAMENTO Sallustio Bandini Istituto Tecnico Statale Programmatori Ragionieri Geometri Lingue Straniere Agenzia Formativa Accreditata dalla Regione Toscana Matematica La Matematica, parte

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: Italiano PROFESSORE: SCUDERI MARIA CLASSE: III D - Turismo A.S.: 2015/2016 DATA: 28\10\2015 SOMMARIO 1.

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2015-2016 CLASSE IV L. Indirizzo Linguistico

IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2015-2016 CLASSE IV L. Indirizzo Linguistico IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2015-2016 CLASSE IV L Indirizzo Linguistico COORDINATRICE: SARAGENNE LANZA 1. COMPONENTI DEI CONSIGLI DI CLASSE DOCENTE Lanza Saragenne Filippo

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

Criteri di valutazione degli alunni

Criteri di valutazione degli alunni Funzioni della valutazione Criteri di valutazione degli alunni La valutazione degli alunni risponde alle seguenti funzioni fondamentali: verificare l acquisizione degli apprendimenti programmati; adeguare

Dettagli

Istituto Professionale di Stato per i Servizi Commerciali, Turistici, Sociali e della Pubblicità Maffeo Pantaleoni Frascati

Istituto Professionale di Stato per i Servizi Commerciali, Turistici, Sociali e della Pubblicità Maffeo Pantaleoni Frascati Maffeo Pantaleoni Frascati DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE V SEZ. F Anno scolastico 2010-2011 INDIRIZZO: TECNICO DEI SERVIZI SOCIALI DIRIGENTE SCOLASTICO: Prof.ssa Maddalena Venditti INDICE 1.

Dettagli

Piano di lavoro della classe 2^A Amministrazione Finanza Marketing

Piano di lavoro della classe 2^A Amministrazione Finanza Marketing ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing Costruzioni, Ambiente e Territorio Liceo Linguistico Liceo Scientifico

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE "ENRICO DE NICOLA" 35028 PIOVE DI SACCO Via G. Parini, 10/c Tel. 049/5841692 049/9703995 Fax 049/5841969 e-mail:denicola@scuolanet.pd.it - Codice Fiscale 80024700280

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, Il piacere dei testi, vol. 5 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volume

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 2015/16 Classe 1 E

Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 2015/16 Classe 1 E Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201/1 Classe 1 E COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO STORIA INGLESE MATEMATICA 2 LINGUA STRANIERA SCIENZE DELLA TERRA GEOGRAFIA FISICA

Dettagli

FRACCOLA DOMENICO III A SCIENTIFICO MATEMATICA

FRACCOLA DOMENICO III A SCIENTIFICO MATEMATICA MOD01P-ERGrev4 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE A.S. 2012/013 Pag 1 di 8 Docente Classe Sezione Indirizzo Disciplina FRACCOLA DOMENICO III A SCIENTIFICO MATEMATICA Analisi della situazione di partenza Composizione

Dettagli

Bündner Kantonsschule Scola chantunala grischuna Scuola cantonale grigione. 1. Dotazione ore

Bündner Kantonsschule Scola chantunala grischuna Scuola cantonale grigione. 1. Dotazione ore Italiano prima lingua 1. Dotazione ore 4 H 5H 6H Materia fondamentale 4 4 4 2. Considerazioni didattiche e obiettivi di formazione generali secondo il PQ MP 12 L insegnamento della prima lingua nazionale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI ENOGASTRONOMICI E L OSPITALITA ALBERGHIERA MICHELANGELO BUONARROTI FIUGGI (Fr) CODICE MECCANOGRAFICO: FRRH03008 C.F.: 92070770604 Via Garibaldi s.n.c. 03014

Dettagli

Matematica SECONDO BIENNIO NUOVO ORDINAMENTO I.T.Ag Noverasco PIANO DI LAVORO ANNUALE 2014/2015

Matematica SECONDO BIENNIO NUOVO ORDINAMENTO I.T.Ag Noverasco PIANO DI LAVORO ANNUALE 2014/2015 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

Criteri di costruzione del curriculum verticale

Criteri di costruzione del curriculum verticale Criteri di costruzione del curriculum verticale 1. Integrazione degli obiettivi cognitivi con gli obiettivi motivazionali e relazionali 2. individuazione di aree disciplinari 3. sviluppo della trasversalità

Dettagli

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE pag.1 ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE Vale la pena di insegnare un argomento solo se si ritiene di poterlo approfondire ad un punto tale da poter formulare domande non banali con

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. FERRARIS

LICEO SCIENTIFICO G. FERRARIS LICEO SCIENTIFICO G. FERRARIS Via Sorrisole, 6-21100 - VARESE Esami di stato conclusivi del corso di studi (Legge 425/97 - DPR 323/98 art. 5.2) DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Documento predisposto dal

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 STRUTTURA DELLA CLASSE Alunni iscritti n. Alunni frequentanti n. Alunni ripetenti n. /. Alunni disabili n.. Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Classe 1 TIPOLOGIA

Dettagli

La 3L a Salamanca per uno stage di Spagnolo

La 3L a Salamanca per uno stage di Spagnolo Liceo Scientifico Classico Linguistico G. Novello P. O. F. PARTE III CURRICOLI DISCIPLINARI Liceo Linguistico CLASSE QUARTA ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI OBBLIGATORI N ore visiona il curricolo Lingua e letteratura

Dettagli

DOCENTE : Arini Liliana MATERIA: Storia A.S.: 2014-15 CLASSE: 2^C PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL/DEI DOCENTI M 04 D. Rev. 00

DOCENTE : Arini Liliana MATERIA: Storia A.S.: 2014-15 CLASSE: 2^C PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL/DEI DOCENTI M 04 D. Rev. 00 DOCENTE : Arini Liliana MATERIA: Storia A.S.: 2014-15 CLASSE: 2^C Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 x Si No Gli obiettivi disciplinari dell anno precedente (con particolare

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s.

LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s. LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s.2014/2015 OBIETTIVI DIDATTICI SAPER STUDIARE: saper riassumere, sintetizzare,

Dettagli

LETTERATURA ITALIANA OTTOCENTO e NOVECENTO per le scuole secondarie superiori per l Esame di Stato

LETTERATURA ITALIANA OTTOCENTO e NOVECENTO per le scuole secondarie superiori per l Esame di Stato LETTERATURA ITALIANA OTTOCENTO e NOVECENTO Con test di verifica del grado di preparazione raggiunto STORIA del NOVECENTO Con test di verifica del grado di preparazione raggiunto LETTERATURA ITALIANA OTTOCENTO

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009/2010 Contratto Formativo Individuale

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009/2010 Contratto Formativo Individuale Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009/2010 Contratto Formativo Individuale Classe: III Sez. B Materia : Inglese Docente: prof.ssa Francesca Giorgetti 1.ANALISI DELLA CLASSE (giudizi

Dettagli

DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE. -Biennio-

DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE. -Biennio- ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ALDO MORO Via Gallo Pecca n. 4/6 Liceo Scientifico Istituto Tecnico Tel Industriale 0124 454511 Fax 0124 454545 Cod. Fiscale 85502120018 10086 RIVAROLO CANAVESE E-mail:

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. Elisabetta

Dettagli