ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI (Legge 425/97 DPR 323/98 art. 5 comma 2) ANNO SCOLASTICO 2012/2013 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI (Legge 425/97 DPR 323/98 art. 5 comma 2) ANNO SCOLASTICO 2012/2013 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO"

Transcript

1 ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI (Legge 425/97 DPR 323/98 art. 5 comma 2) ANNO SCOLASTICO 2012/2013 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO CLASSE V^ SEZIONE C INDIRIZZO Grafica Pubblicitaria MATERIA DOCENTE FIRMA ITALIANO STORIA INGLESE MATEMATICA STORIA DELL ARTE PROGETTAZIONE GRAFICA PIANIFICAZIONE PUBBLICITARIA PSICOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE Eugenia Campise Eugenia Campise Maria Rosalia Cuozzo Rosella Righetti Antonio Rapaggi Carla Cuomo Carla Cuomo Nadia Bombesi EDUCAZIONE FISICA RELIGIONE Luigi Vielmi Elena Mombelli TECNICA FOTOGRAFICA Paola Cavalli REDATTO ED ESPOSTO ALL ALBO DELL ISTITUTO IL GIORNO15/05/2013 Istituto di Istruzione Superiore Statale CAMILLO GOLGI settori: chimico - grafico - turistico Via Rodi Brescia - tel /454 - fa C.F certificata: - Circ convocazione consigli classe 1

2 Il documento contiene: 1)! Presentazione della classe 2)! Percorso didattico 3)! Tematiche pluridisciplinari 4)! Attività etracurricolari e progetti educativi specifici 5)! Scheda simulazioni prove d esame Al presente documento vengono allegati: A)! Relazioni finali dei docenti B)! Programmi effettivamente svolti C)! Testi delle simulazioni della terza prova D)! Criteri di valutazione delle simulazioni di prima,seconda,terza prova e griglia prova di alternanza scuola lavoro E)! Progetto e valutazione Alternanza scuola - lavoro 2

3 STORIA DELLA CLASSE 1.1 VARIAZIONI NELLA COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE NEL TRIENNIO DISCIPLINE INSEGNANTI CLASSI III IV V ITALIANO E STORIA Campise Eugenia INGLESE Cuozzo Maria Rosalia MATEMATICA Righetti Rosella STORIA DELL ARTE Rapaggi Antonio PROGETTAZIONE GRAFICA Cuomo Carla X Pianificazione pubblicitaria Cuomo Carla PSICOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE Bombesi Nadia TECNICA FOTOGRAFICA Cavalli Paola EDUCAZIONE FISICA Vielmi Luigi RELIGIONE Mombelli Elena Come si evince dalla tabella,la classe non ha potuto usufruire di una continuità didattica in tutte le materie. 1.2 FLUSSI DEGLI STUDENTI NEL TRIENNIO ALLIEVI Classi APOSTOLI LAURA ARESTI NOEMI BASSI ANDREASI LORENZO BERTELLI DEBORAH BRAGHINI ANDREA BRESCIANI LUCA CAPELLINI MATTIA CASAROTTI ITALO JOSE CASELLA MICHELE FEROLDI ISABELLA GHIDINI MATTEO HAMOUDE ALIA LAVIOSA MARCELLO MICHELIN ETTORE MOR SABRINA NADDEO GIANLUCA NAZARIA VADIM PEDROCCA OSCAR PILIPPU M:T: SHEHAN. Come si desume dalla tabella,la classe ha subito nel corso del triennio variazioni;gli allievi frequentanti la classe quinta sono 20:7 femmine e 13 maschi (un alunna ritirata in data ). 3

4 1.3 PERCORSO FORMATIVO Classe 3^ Allievi promossi a giugno:19 Classe 4^ Allievi promossi a giugno:20 Allievi promossi Allievi promossi con giudizio sospeso:0 con giudizio sospeso: 5 Allievi non promossi:0 Alunni non ammessi :9 Allievi ripetenti:2 2.PRESENTAZIONE DELLA CLASSE Nel corso del triennio,la classe ha seguito un percorso nel complesso positivo e per quanto riguarda la dimensione cognitiva(conoscenze,competenze,capacità),ottenendo adeguati strumenti conoscitivi ed un livello di preparazione sufficiente. L interesse si è fatto man mano più consapevole,la partecipazione attenta e l impegno assiduo. Il profitto risulta sostanzialmente omogeneo. Il metodo di studio si è mostrato proficuo e autonomo per la maggior parte degli allievi. Pochi allievi hanno mostrato parziali difficoltà nell affrontare lo studio in alcune materie,dovute ad un metodo di lavoro spesso mnemonico. Per quanto riguarda la dimensione formativa(maturazione individuale,rapporti con gli insegnanti e con i compagni),la classe ha maturato un grado di socializzazione che ha permesso un atteggiamento adeguato a consentire un clima di lavoro sereno. La condotta è stata corretta e responsabile. 4

5 Docenti del Consiglio di classe Docente Disciplina Ore settimanali Continuità didattica Supplenti nell a. s. Eugenia Campise Italiano 4 No!""#$%&'(#%)*$% ),'--**(.("# ',(*#&'&/'-).",' 0,'1"#" Eugenia Campise Storia 2 no no Rosella Righetti Matematica 3 si no Maria Rosaria Cuozzo Inglese 3 si no Antonio Rapaggi Storia dell Arte 3 si no Carla Cuomo Progettazione grafica 5 no no Carla Cuomo Pianificazione 3 no no pubblicitaria Nadia Bombesi Psicologia della 2 si no Comunicazione Paola Cavalli Tecnica fotografica 2 no no Luigi Vielmi Educazione fisica 2 si no Elena Mombelli Religione 1 si no no Commissari interni: DOCENTI Eugenia Campise Carla Cuomo Antonio Rapaggi DISCIPLINE Italiano - Storia Pianificazione pubblicitaria Storia dell Arte Piano di studi della classe: Disciplina I II III IV V Religione X X X X X Italiano X X X X X Storia X X X X X Matematica X X X X X Inglese X X X X X Storia dell Arte Tecnica fotografica Scienze della terra Diritto Disegno prof.nale Disegno grafico Tecnica pubblicitaria 5

6 Comunicazione visiva Pianificazione pubblicitaria Progettazione grafica Psicologia della comunicazione Educazione Fisica La storia della classe relativa al biennio post-qualifica Profilo complessivo della classe Partecipazione e frequenza Gli allievi hanno partecipato alle attività proposte con diversificato interesse;un gruppo numeroso si è distinto per la collaborazione mentre una minoranza ha risposto in modo accettabile alle continue comunicative. Interesse ed impegno L impegno è risultato adeguato;gli studenti hanno lavorato con continuità e senso di responsabilità,mentre quelli in difficoltà hanno dimostrato volontà di riuscita in occasione delle attività di recupero. Disponibilità all approfondimento personale Alcuni alunni hanno mostrato,pur con qualche incertezza nell esposizione, una capacità di operare collegamenti interdisciplinari,in modo discreto. Comportamento Grado di preparazione e profitto Partecipazione alle attività della scuola Gli alunni hanno assunto un comportamento responsabile ed il loro spirito collaborativo ha favorito una crescita della personalità. Gli alunni hanno raggiunto una discreta conoscenza dello svolgimento degli argomenti oggetto di studio e un adeguata capacità di comprendere ed esporre gli argomenti trattati. Rimangono difficoltose per alcuni di essi le competenze relative all analisi dei testi,evidenti soprattutto nello scritto,anche a causa di una padronanza delle strutture linguistiche poco sicura Pochi hanno dimostrato capacità di approfondimento e di rielaborazione personale. Uscita didattica:mostra di Picasso a Milano. 6

7 2. Obiettivi Trasversali del Consiglio di classe riferiti all ultimo anno di corso Educativi! Motivazione e interesse al lavoro scolastico! Comportamento responsabile! Crescita della personalità Didattici generali!capacità di operare collegamenti interdisciplinari!competenza progettuale!consapevolezza delle abilità conseguite OBIETTIVI TRASVERSALI CONOSCENZE (Contenuti) RISULTATI RAGGIUNTI La maggior parte degli allievi ha realizzato un progressivo miglioramento nell apprendimento delle singole materie. COMPETENZE ) CAPACITA' La classe ha acquisito competenze progettuali e una consapevolezza delle abilità conseguite,in modo adeguato.. Sono stati considerati i progressi compiuti dagli allievi,relativamente ai livelli di partenza. L impegno dimostrato nelle varie attività proposte,l attenzione e la partecipazione alle lezioni ha facilitato l assimilazione e la rielaborazione autonoma delle conoscenze acquisite,nelle varie discipline. Al fine di conseguire gli obiettivi di cui nella precedente tabella,si sono attuate le seguenti strategie:! 2"(*&/%'#*,3'.("-(%4'5,3'.("&"4%'*%,-*&-"$%#*-6"&-'7%,%(89! :&)*&(%1'#*;,%%&(*#1*&(%*,'$%-).--%"&*9! 6"(*&/%'#*,'6'#(*)%6'/%"&*',$%',";"9! '))"46';&'#*'6#"7,*4'(%)<*)"&)#*(*,'6#*-*&('/%"&*$*;,%'#;"4*&(%5! 1',"#%//'#*,3'66#*&$%4*&("6*#-"&',%//'("9! 6#"6"##*-%(.'/%"&%&."1**-.-)*((%7%,%$%$%-).--%"&*%&),'--*= >((%1%(8%&(*;#'(%1*).##%)",'#%!?."(%$%'&"%&),'--*!!,'4%$%'! A&%1*#-%(8>,6<'(*-( >((%1%(8*B(#').##%)",'#%!!"&1*#-'/%"&*)"&%&-*;&'&(*4'$#*,%&;.*! 2#";*((")%&*4'C$*&DE!*-'#*$*1*4"#%#*F 7

8 !!"46#'(*;*&(*5)"46#'(*! :44';%&'(*,3'/%*&$'GH"#I%&6#";#*--J! 2#";*(("K%&;.'-(#'&%*#'L#*',%//'/%"&*1%$*"L)"&.-)%('6#*--">4*#%)'& -)<"",LM#*-)%'0! 2#";*((")"&>((%,%">//",'EMN&%;<(F!.-)%('$%$'((%)'5O#'PP%(',%'0Q%,'&"R<"! 2#";*((">M)%&*4'EMN&%;<(F! 2#";*(("9FK3'/%*&$'&*,,3%44;%&'#%"$*%;%"1'&%SF! T#%&%(N In merito agli obiettivi specifici e ai contenuti delle singole discipline si rinvia alle relazioni finali dei docenti. Metodologie adottate Disciplina Lezione frontale Lezione multime diale Lezione pratica Lavoro di gruppo Attività Laborato rio Discussio ni guidate Italiano Storia Inglese Matematica Storia dell Arte Pianificaz.grafi ca Psicologia della comunicazione Tecnica fotografica Progettazione grafica Ed. Fisica Religione Simulazioni o esercizi guidati Mezzi e spazi didattici Utilizzo in ambito Disciplinare palestra laboratori biblioteca Sussidi audiovisivi Strumenti multimedial i Italiano! Storia Inglese Matematica Pianificaz. Graf.! Ed. Fisica! Religione! Attività di recupero, integrazione, approfondimento 8

9 Disciplina Recupero curricolare Corso etracurricolar e di recupero Sportello Didattico Corso di approfondimento Italiano Storia Matematica Inglese Tenuto/Non tenuto dal docente titolare. Per le indicazioni particolari si rinvia alla relazione del singolo docente. Strumenti di verifica * Ambito disciplinare Linguistico Letterario e Umanistico Tipologie prevalentemente adottate per Prove scritte Prove orali Prove pratiche Analisi Testi Discussione Prove semistrutturate dialogata Test grammaticali Registrazioni Temi-Saggi brevi Questionari a risposta libera o Verifiche orali multipla Scientifico Prove semi-strutturate Temi Esercizi Verifiche orali Professionale Prove semi-strutturate Esercizi Verifiche orali Attività di laboratorio Educazione Fisica Allenamento Gare- tornei * Per l'individuazione degli strumenti di verifica nelle singole discipline si rinvia alla relazione dei docenti CRITERI DI MISURAZIONE - VALUTAZIONE INTERMEDIA E FINALE Il Consiglio di classe si è attenuto ai seguenti criteri adottati dal Collegio docenti. 9

10 Si è adottato una scala valutativa che individua la seguente corrispondenza tra voti e capacità/abilità raggiunte dagli studenti nel corso dell anno scolastico. Gli obiettivi presi in considerazione sono stati:! impegno e partecipazione! acquisizione conoscenze! autonomia nell applicazione delle conoscenze! abilità linguistiche ed espressive La misurazione delle prove e la valutazione intermedia e finale si effettua adottando la scala dall 1 al 10 (scala decimale), utilizzando tutti i valori della scala stessa. In base a tale scala, si stabilisce la seguente corrispondenza fra voti e livelli dei diversi obiettivi. Vedi allegati griglie valutative - 2. TEMATICHE PLURIDISCIPLINARI PERCORSO Nucleo Tematico Percorso tesina pluridisciplinare stesura,revisione, bibliografia Decadentismo in Italia e Inghilterra Materie interessate Italiano - Storia Italiano Storia Inglese Storia dell Arte Argomenti specifici Ricerca e Organizzazione del materiale su riviste, giornali,siti internet,testi. >#;"4*&(%$%1'#%'&'(.#'9"6*#*,*((#=* '#(%-(%)<*5P"(";#'P%*5'.("#%,*((*#'(%*'#(%-(%$*, UVWW= Lettura integrale del romanzo, Il piacere di D Annunzio. Lettura integrale di un testo compatibile alla tesina d esame. Lettura sintetica del romanzo Il ritratto di Dorian Gray di Oscar Wilde PRIMA PROVA SCRITTA Italiano - Nel corso del presente anno scolastico,in data e ,sono state effettuate due simulazioni della prima prova scritta,dalla durata di sei ore(allegata al seguente documento). Per quanto concerne i criteri di valutazione e gli argomenti proposti nella simulazione si rimanda alle schede allegate.d SECONDA PROVA SCRITTA-Progettazione grafica - Nel corso del presente anno scolastico,in data e ,sono state effettuate due simulazioni della seconda prova scritta, dalla durata di cinque ore(allegata al seguente documento). Per quanto concerne i criteri di valutazione e gli argomenti proposti nella simulazione si rimanda alle schede allegate.d TERZA PROVA SCRITTA Nel corso del presente anno scolastico,sono state effettuate due simulazioni della terza prova scritta,in data e (allegate al seguente documento dalla durata di due ore,secondo la tipologia della trattazione sintetica degli argomenti( tipologia B e C) Per quanto concerne i criteri di valutazione e gli argomenti proposti nella simulazione si rimanda alle schede allegate.d Di seguito si riporta, invece, una tabella riassuntiva relativa alle materie oggetto della simulazione. 10

11 Prima simulazione della Terza prova! materie coinvolte n.4 : Matematica,Inglese,Psicologia delle Comunicazione,Ed.Fisica Seconda simulazione della Terza prova:! materie coinvolte n.4: Storia dell Arte,Pianificazione pubblicitaria,inglese,matematica Prova simulata alternanza lavoro Nel corso dell anno scolastico,in data , è stata effettuata una prova simulata scritta dalla durata di due ore. Di seguito si riporta una tabella riassuntiva relativa alle materie oggetto della simulazione. Simulazione alternanza scuola lavoro:! materie coinvolte n.5 Pianificazione pubblicitaria,progettazione grafica,,tecn.fotografica,inglese,storia dell Arte Il presente documento, ratificato dal Consiglio della Classe V sezione C grafico il giorno viene sottoscritto e pubblicato all Albo d Istituto in data odierna. Brescia, 15 maggio 2013 Il Dirigente scolastico Venceslao Boselli 11

12 Allegato A Materia: Italiano RELAZIONE FINALE Anno sc. 2012/2013 Docente: prof. Campise Eugenia Libri di testo adottati: Mappe di Letteratura 2 Il Novecento Autore:Di Bacco Paolo.Ed. Mondadori Ore di lezione effettuate nell anno scolastico 2011/2013 fino al 15 maggio n.ore 107 su n. ore 120 previste dal piano di studi. Obiettivi previsti! Conoscenza nelle linee essenziali dello svolgimento della letteratura italiana dei secoli XIX e XX! capacità di spiegare ed interpretare (anche in forma scritta) con un linguaggio chiaro e corretto e secondo uno sviluppo coerente i fatti letterari oggetto di studio;! capacità di analizzare e contestualizzare (anche in forma scritta) un testo utilizzando conoscenze e metodi appresi;! capacità di riconoscere il testo letterario come prodotto di molti fattori(personalità dell autore;contesto storico,sociale e culturale;tradizione);! capacità di rielaborare in modo personale i concetti appresi;! capacità di motivare i giudizi critici motivati. raggiunti! Gli allievi, nel complesso,hanno raggiunto una discreta conoscenza dello svolgimento della letteratura e degli autori oggetto di studio e un adeguata capacità di comprendere gli argomenti e di analizzare i testi trattati. Le competenze comunicative ed espressive risultano in generale adeguate per quanto riguarda l esposizione orale e scritta. Alcuni alunni hanno dimostrato capacità di approfondimento e di rielaborazione personale. Metodi e strumenti! I contenuti letterari sono stati organizzati in moduli di vario tipo, a loro volta suddivisi in unità didattiche.i testi sono stati letti,analizzati e commentati,così da evidenziarne gli aspetti relativi alla poetica e allo stile. Gli allievi,inoltre, hanno letto personalmente alcuni romanzi ritenuti fondamentali. L elaborazione tematica scritta ha affrontato tutte le tipologie previste dalla prova dell esame di Stato. Tutti gli argomenti sono stati presentati attraverso lezioni frontali,con l ausilio dei libri di testo in adozione e di materiali forniti dal docente. Continuo è stato lo stimolo educativo e l invito alla ricerca e all approfondimento. Verifiche! I momenti di verifica formativa,tramite domande poste all allievo o interventi dal posto tali da evidenziare una problematizzazione personale circa l argomento trattato,hanno accompagnato il procedimento didattico. Le verifiche sommative hanno avuto luogo al termine di determinati gruppi di unità didattiche nella forma dell interrogazione lunga o del test. Nel complesso le verifiche valide per lo scritto sono state due sia nel primo sia nel secondo quadrimestre. Misurazione e valutazione! Per la valutazione delle verifiche scritte si sono utilizzati i criteri indicati in una griglia appositamente predisposta(allegata al presente documento).per le prove orali si è tenuto conto di:conoscenza,assimilazione,rielaborazione dei contenuti;capacità di analisi e di contestualizzazione dei testi;capacità logiche,riflessive,critiche di collegamento,di sintesi;correttezza,proprietà,scioltezza espositive. Per la valutazione si è considerato non solo il grado di acquisizione degli 12

13 obiettivi prefissati,ma anche l impegno dimostrato nelle varie attività proposte,l attenzione e la partecipazione alle lezioni,l interesse per la disciplina. Per la valutazione finale,oltre agli elementi ricordati,sono stati considerati i progressi compiuti dagli allievi,relativamente al livello di partenza. Obiettivi didattici minimi! Conoscenza: conoscere i contenuti essenziali della letteratura italiana dall unificazione italiana ad oggi(generi letterari,contesto,produzione e consumo),gli autori e i testi oggetto di studio.! Competenze:! esporre attraverso un esposizione chiara e corretta sia in forma scritta che orale le conoscenze acquisite.! analizzare in modo esauriente un testo appartenente ad una tipologia nota. Contenuti! L opposizione io mondo come contrasto storico e come condizione esistenziale nell 800:Romanticismo Scapigliati Decadentismo Pascoli D Annunzio. L opposizione io mondo come contrasto storico e come condizione esistenziale nel 900:Crepuscolari e Futuristi Svevo Pirandello Montale Ungaretti Quasimodo Calvino. Il romanzo tra 800 e 900:Verga,Malavoglia/Mastro Don Gesualdo D Annunzio,Il piacere Svevo,La coscienza di Zeno Pirandello,Il fu Mattia Pascal. Il romanzo del modulo! L età del Positivismo:il Naturalismo e il Verismo La nascita dell evoluzionismo; dal Realismo al Naturalismo:il romanzo realista,la narrativa di Flaubert,il romanzo naturalista.! Il Verismo! Giovanni Verga e il mondo dei Vinti Verga e la questione meridionale La visione della vita nella narrativa di Verga;I principi della poetica verista I Malavoglia! La Scapigliatura! Iginio Ugo Tarchetti:Fosca:la trama 2 modulo! Simbolismo,Estetismo,Decadentismo l affermarsi di una nuova sensibilità il superamento del Positivismo! Oscar Wilde,Il ritratto di Dorian Gray! Henry Bergson,l evoluzione creatrice La memoria e il flusso della coscienza! Sigmund Freud,Introduzione alla psicoanalisi! Il primo Novecento:la Belle epoque! Giovanni Pascoli e il poeta fanciullino Pascoli e i pittori impressionisti il pensiero e la poetica Pascoli e la poesia italiana del Novecento Il fanciullino: E dentro di noi un fanciullino da Myricae:Lavandare XAgosto 13

14 Novembre dai Canti di Castelvecchio:La mia sera! Gabriele D Annunzio Le imprese di D Annunzio combattente Il piacere:lettura integrale del testo La produzione del superomismo da Alcyone:La pioggia nel pineto lettura integrale del romanzo, Il piacere 3 modulo! Le Avanguardie Espressionismo,Futurismo,Dadaismo,Surrealismo! Filippo Tommaso Marinetti,Manifesto del futurismo Aggressività,audacia,dinamismo ZangTumb Tumb:il bombardamento di Adrianopoli! Italo Svevo e la figura dell inetto Le opere: Una vita :l insoddisfazione di Alfonso Senilità :la trama La coscienza di Zeno : prefazione e preambolo l inettitudine di Zeno! Luigi Pirandello e la crisi dell individuo Pirandello e il fascismo Il pensiero e la poetica:la formazione verista e gli studi di psicologia la difficile interpretazione della realtà,la maschera e la crisi di valori; i personaggi e lo stile. L umorismo,il sentimento del contrario Il fu Mattia Pascal:premessa da Novelle per un anno:la patente Uno,nessuno,centomila:la struttura L esclusa:la trama Luigi Pirandello e la crisi dell individuo L Espressionismo di Pirandello La rivoluzione teatrale di Pirandello 4 modulo! La prima guerra mondiale nella coscienza degli scrittori! Giuseppe Ungaretti e l Allegria Ungaretti e la prima guerra mondiale Il pensiero e la poetica! la prima fase;lo sperimentalismo;la seconda fase;il recupero! della tradizione;la terza fase la compostezza formale. L Allegria:Sono una creatura Fratelli I fiumi Veglia Il porto sepolto Mattina Soldati! Il dolore : Non gridate più La centralità della parola! Eugenio Montale e la poetica dell oggetto le opere,il pensiero e la poetica Una poesia metafisica 14

15 ! Ossi di seppia: Mereggiare pallido e assorto Spesso il male di vivere ho incontrato! Satura,sez. Xenia II Ho sceso,dandoti il braccio! Satura sez. Xenia I Caro piccolo insetto!! Novecentismo e antinovecentismo Le tendenze della poesia italiana tra le due guerre! L Ermetismo e la linea antiermetica La poesia civile! Salvatore Quasimodo:vita e opere da Acqua e terre, Ed è subito sera! Italo Calvino dal Neorealismo al postmoderno Il pensiero e la poetica Il sentiero dei nidi di ragno: la pistola. 15

16 >,,*;'("M!,'--*XY5-*/!;#'P%)"6.77,%)%('#%' 2#";#'44'$%:(',%'&"-1",("$.#'&(*,3'&&"-)",'-(%)"ZW[Z\ZW[] 2#"P=--'!'46%-*C.;*&%' :,)"&(*-("-("#%)"*6",%(%)" :,)"46%4*&("$*,,3A&%(8$3:(',%'*,'&'-)%('$*,,'O*#4'&%' K3:(',%'P#'^((")*&("*_"1*)*&(" K3*)"&"4%'*,'-")%*(8 K'-*)"&$'#%1",./%"&*%&$.-(#%',* K';#'&$*$*6#*--%"&*P%&*^((")*&(" K'7*,,*`6"a.* :,4"1%4*&("-")%',%-('= L età del Positivismo:il Naturalismo e il Verismo Il Positivismo e la sua diffusione Una nuova fiducia nella scienza La nascita dell evoluzionismo; dal Realismo al Naturalismo:il romanzo realista, romanzo natural Auguste Comte,Discorso sullo spirito positivo Che cosa significa la parola positivo Charles Darwin,l origine dell uomo L uomo è il risultato di un evoluzione Il Verismo Giovanni Verga e il mondo dei Vinti Verga e la questione meridionale L approdo al Verismo:i princìpi della poetica verista Le tecniche narrative La visione della vita nella narrativa del Verga I Malavoglia:prefazione La famiglia Malavoglia Mastro Don Gesualdo:prefazione La Scapigliatura Iginio Ugo Tarchetti:Fosca:la trama Simbolismo,Estetismo,Decadentismo l affermarsi di una nuova sensibilità il superamento del Positivismo L Estetismo Il Decadentismo Oscar Wilde,Il ritratto di Dorian Gray Henry Bergson,l evoluzione creatrice La memoria e il flusso della coscienza Sigmund Freud,Introduzione alla psicoanalisi Il primo Novecento:la Belle époque Giovanni Pascoli e il poeta fanciullino Pascoli e i pittori impressionisti il pensiero e la poetica Pascoli e la poesia italiana del Novecento Il fanciullino: E dentro di noi un fanciullino da Myricae:Lavandare X Agosto Novembre dai Canti di Castelvecchio:La mia sera Gabriele D Annunzio Le imprese di D Annunzio combattente Le opere:dagli esordi all estetismo decadente 16

17 Il piacere:lettura integrale del romanzo La produzione del superomismo Le opere del periodo francese e l ultimo D Annunzio da Alcyone: La pioggia nel pineto Le Avanguardie Espressionismo,Futurismo,Dadaismo,Surrealismo Filippo Tommaso Marinetti,Manifesto del futurismo Aggressività,audacia,dinamismo ZangTumb Tumb:il bombardamento di Adrianopoli La narrativa della crisi Le nuove frontiere del romanzo del Novecento Italo Svevo e la figura dell inetto I primi romanzi Il periodo del silenzio letterario Le opere: Una vita :l insoddisfazione di Alfonso Senilità :la trama La coscienza di Zeno : prefazione e preambolo l inettitudine di Zeno Luigi Pirandello e la crisi dell individuo Pirandello e il fascismo Il pensiero e la poetica:la formazione verista e gli studi di psicologia la difficile interpretazione della realtà,la maschera e la crisi di valori; i personaggi e lo stile. L umorismo,il sentimento del contrario Il fu Mattia Pascal:premessa da Novelle per un anno:la patente Uno,nessuno,centomila:la struttura L esclusa:la trama Luigi Pirandello e la crisi dell individuo L Espressionismo di Pirandello La rivoluzione teatrale di Pirandello La prima guerra mondiale nella coscienza degli scrittori Giuseppe Ungaretti e l Allegria Ungaretti e la prima guerra mondiale Il pensiero e la poetica la prima fase;lo sperimentalismo;la seconda fase;il recupero della tradizione;la terza fase la compostezza formale. L Allegria:Sono una creatura Fratelli I fiumi Veglia Il porto sepolto Mattina Soldati! Il dolore : Non gridate più La centralità della parola Eugenio Montale e la poetica dell oggetto le opere,il pensiero e la poetica Una poesia metafisica Ossi di seppia: Mereggiare pallido e assorto Spesso il male di vivere ho incontrato 17

18 Satura,sez. Xenia II Ho sceso,dandoti il braccio Satura sez. Xenia I Caro piccolo insetto! Novecentismo e antinovecentismo Le tendenze della poesia italiana tra le due guerre L Ermetismo e la linea antiermetica La poesia civile Salvatore Quasimodo:vita e opere da Acqua e terre, Ed è subito sera Italo Calvino dal Neorealismo al postmoderno Il pensiero e la poetica Il sentiero dei nidi di ragno: la pistola. Gli alunni L insegnante Prof.ssa Campise Eugenia 18

19 Allegato A Relazione finale di Storia Materia: Storia Docente: prof.ssa Campise Eugenia A. sc. 2012/2013 Libri di testo adottati:fatti e interpretazioni vol.3 Autore Bertini Ed.Mursia scuola Ore di lezione effettuate nell anno scolastico 2011/2012 fino al 15 maggio:! 66 su n. ore 60 previste al piano di studi Obiettivi previsti! Conoscenza degli argomenti previsti dal programma!! Capacità di cogliere nel divenire storico i rapporti di causa ed effetto a breve e lungo termine.! Capacità di condurre opportuni collegamenti con il contesto letterario! Consapevolezza dell interazione nel divenire storico, i fattori politici,economici,sociali e culturali.! Consapevolezza delle diverse angolazioni da cui un medesimo evento storico può essere osservato e valutato. raggiunti! Gli allievi,nel complesso,hanno raggiunto una discreta conoscenza degli aspetti caratterizzanti la storia del Novecento e il mondo attuale e individuando relazioni tra evoluzione scientifica e tecnologica,modelli e mezzi di comunicazione,contesto socio economico,assetti politico istituzionali. Rimangono difficoltose per alcuni di essi rielaborare in modo personale i concetti appresi. Pochi hanno dimostrato capacità di approfondimento e di analisi alle problematiche significative del periodo considerato. Obiettivi minimi! dimostrare di aver acquisito i contenuti essenziali e di saper esporre in modo chiaro,appropriato e corretto. Metodi e strumenti! I contenuti sono stati organizzati in moduli di vario tipo,a loro volta suddivisi in unità didattiche. Gli argomenti sono stati organizzati al fine di educare gli alunni ad una convivenza civile,ad una partecipazione attiva alla vita sociale e culturale a livello locale e nazionale e, nel contempo a sviluppare in loro competenze comunicative. Tutti gli argomenti sono stati presentati attraverso lezioni frontali,con l ausilio dei libri di testo in adozione e materiali,schemi,dispense,mappe concettuali forniti dal docente. Di fronte alle difficoltà di alcuni alunni è stata svolta un attività di recupero curriculare. Verifiche! I momenti di verifica formativa,tramite domande poste all allievo o interventi dal posto tali da evidenziare una problematizzazione personale circa l argomento trattato,hanno accompagnato il procedimento didattico. Si sono attuate verifiche sommative nella forma dell interrogazione e della trattazione sintetica di specifici argomenti (tipologia B e C). 19

20 Misurazione e valutazione! Per la valutazione delle verifiche scritte strutturate e semistrutturate a scelta multipla,trattazione sintetica. Per le prove orali si è tenuto conto della conoscenza correttezza,proprietà l e scioltezza espositive. Per la valutazione finale,oltre agli elementi ricordati,sono stati considerati i progressi compiuti dagli alunni,relativamente al livello di partenza. Contenuti! Belle époque - l età giolittiana - l Europa in fiamme- la rivoluzione russa la crisi del dopoguerra e il nuovo ruolo delle masse la Germania di Weimar e il fascismo al potere in Italia l Italia di Mussolini l URSS di Stalin e la Germania di Hitler la Resistenza l Italia di oggi dalla fine del colonialismo alla globalizzazione la questione israelo palestinese 1modulo! Un difficile inizio per il XX secolo Le illusioni della Belle époque;l Est del mondo:russia,giappone,cina l età giolittiana in Italia;i nazionalismi e il riarmo 2 modulo! La prima guerra mondiale e la rivoluzione russa 3.modulo! Dopoguerra,democrazie e totalitarismi La crisi del dopoguerra e il nuovo ruolo delle masse La Germania di Weimar e il fascismo al potere in Italia l Italia di Mussolini le democrazie alla prova:la URSS di Stalin e la Germania di Hitler. 4 modulo! La seconda guerra mondiale l aggressione nazista all Europa la svolta nel conflitto e l Italia della Resistenza la fine della guerra:auschwitz e Hiroshima 5modulo! Europa,Usa,Urss Le divisioni della guerra fredda due anni chiave: modulo! L Italia di oggi e il mondo attuale. Gli alunni il docente 20

21 Allegato B Classe V sez.c grafico pubblicitaria Programma di Storia svolto durante l anno sc. 2012/2013 Prof.ssa Campise Eugenia L Italia dalla crisi di fine secolo all età giolittiana La crisi di fine secolo in Italia e il fallimento della reazione approfondimenti L inizio dell era giolittiana Il governo Zanardelli Giolitti L obiettivo politico di Giolitti le scelte politiche di Giolitti Giolitti e la tradizione politica liberale Lo sviluppo economico in Italia Le novità del sistema politico I socialisti e Giolitti approfondimenti Il patto Gentiloni La prima guerra mondiale Le cause del conflitto approfondimenti Bismark La Germania di Guglielmo II Il trattato della triplice Alleanza L attentato di Sarajevo e l inizio del conflitto La questione balcanica e la Serbia Come e perché l Italia entrò in guerra Il patto di Londra del 1915 La giustificazione del governo italiano per la dichiarazione di guerra La disfatta di Caporetto. L Italia in guerra L intervento USA nel 1917 approfondimenti I 14 punti di Wilson Verso la fine della guerra Conferenza di pace a Parigi nel 1919 approfondimenti La società delle Nazioni I trattati di Parigi secondo l economista Keynes Le paci di Parigi del 1919 secondo Churchill La rivoluzione bolscevica e la nascita dell Unione sovietica La Russia prima della Rivoluzione La rivoluzione russa del 1905 La guerra e la rivoluzione di febbraio approfondimenti Lenin La rivoluzione d ottobre La guerra civile la Nep e la nascita dell Unione sovietica Totalitarismi e democrazie tra le due guerre L Italia dalla vittoria alla nascita del Partito Fascista Il primo dopoguerra L italia e il trattato del 1919:questioni aperte 21

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

Documento del Consiglio di Classe

Documento del Consiglio di Classe Istituto Stat. di Istruzione Secondaria Superiore Giovanni Maria Sforza Palagiano (TA) con sede aggregata di Palagianello Documento del Consiglio di Classe Classe 5 sez. A Palagiano COM GEO X Palagianello

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER GLI ESAMI DI STATO 2008/2009 ( Regolamento art. 5 ) CLASSE 5 a. sez. A

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER GLI ESAMI DI STATO 2008/2009 ( Regolamento art. 5 ) CLASSE 5 a. sez. A ISTITUTO TECNICO AGRARIO O. Munerati C.F. 80004570299 ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI A. Bernini Via Cappello,10 45100 S. Apollinare-RO Corso del Popolo, 274 45100 Rovigo Tel. 0425 492404 Dir. 0425 49900

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE SULL INDAGINE OCSE-PISA E ALTRE RICERCHE NAZIONALI E INTERNAZIONALI Seminario provinciale rivolto ai docenti del Primo Ciclo La prova di matematica nelle indagini IEA

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Documento del 15 maggio

Documento del 15 maggio Educazione&Scuola Documento del 15 maggio Esempi prodotti da: 1. Seminario presidi - Piemonte 2. IRRSAE del Veneto 3. IPSS "Bartolomeo Montagna" di Vicenza 4. IPSIA "Duca d'aosta" di Roma 5. ITSCG "Pier

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

ESAME DI STATO a.s. 2011/2012 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

ESAME DI STATO a.s. 2011/2012 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Istituto Statale Superiore Ernesto Balducci Via Aretina, 78/a 50065 Pontassieve (FI) tel. 055/8316806 fax 055/8316809 www.istitutobalducci.it - mail presidenza@istitutobalducci.it Codice fiscale n. 94052770487

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue:

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue: CAMPO DI ESISTENZA. Poiché la funzione data è una razionale fratta, essa risulta definita su tutto l asse reale tranne che nei punti in cui il denominatore della frazione si annulla, cioè: C.E. { R: 0}

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

Uno per tutti, tutti per uno.

Uno per tutti, tutti per uno. Uno per tutti, tutti per uno. Bologna, 09/02/2015 Dainese Roberto Educare attraverso il Cooperative Learning: stile attributivo e competenze metacognitive Chiara Trubini Marina Pinelli Psicologia - Università

Dettagli