HYGIENE TRIBUNE The World s Dental Hygiene Newspaper Italian Edition

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "HYGIENE TRIBUNE The World s Dental Hygiene Newspaper Italian Edition"

Transcript

1 HYGIENE TRIBUNE The World s Dental Hygiene Newspaper Italian Edition Aprile anno VI n. 1 Sbiancamento Un nuovo decreto Opinioni a confronto Il Decreto sullo sbiancamento del 5 novembre emesso dal Ministro della Salute Balduzzi e pubblicato sulla GU del 26 gennaio 2013 ha suscitato (e continuerà probabilmente a sollevare) discussioni, prese di posizione e confronti. Dopo le autorevoli osservazioni avanzate dal prof. Angelo Putignano, pubblichiamo due interventi ufficiali delle rappresentanti di Unid e Aidi, le quali, in diversi toni e con diversi linguaggi, prendono posizione sul provvedimento. Allegato n. 1 di Dental Tribune Italian Edition - Aprile anno IX n. 4 Per il disallineamento occorre sinergia Il disallineamento dentale rappresenta un grave problema dal punto di vista funzionale, estetico ma soprattutto igienico. Di qui la sinergia simbiotica tra odontoiatra, ortodontista, igienista dentale e... paziente. Contro la perimplantite una battaglia difficile La perimplantite è la complicanza piu frequente in implantologia. Il suo trattamento spesso non dà risultati soddisfacenti, tranne nella terapia fotodinamica antimicrobica che sta prendendo sempre più piede negli studi odontoiatrici. pagina 20 pagina 29 Migliorare la salute orale nel mondo Il servizio a pagina 18 e 19 con le opinioni di: Laura Antonia Marino, Presidente Unid, e Marialice Boldi, Presidente Aidi. Colonia, Germania - In occasione della giornata mondiale della salute orale (Wohd) celebrata lo scorso 20 marzo, i rappresentanti di Fdi World Dental Federation, dell European Regional Organization (Ero) e dell International Dental Manufacturers (Idm) si sono incontrati la settimana scorsa all Ids per discutere di strategie congiunte circa i metodi per poter guidare il mondo verso una migliore salute orale entro il 2020, secondo la visione dell Fdi. > < pagina<32 Lenti, sequenziali e costanti Il comportamento delle persone con autismo Da oggi disponibile in tutte le farmacie M. Castellaro, S. Musciacchio, E. Seira Ozino Da patologia a modo di funzionare L autismo è un disturbo di cui attualmente l eziologia non è nota. È per questo che la diagnosi viene ancora effettuata in base a indica- autistico sono in continuo sviluppo e se ne aggiungono di nuove incessantemente, grazie al lavoro di numerosi gruppi di ricerca presenti in tutto il mondo. Il disturbo viene etichettato da Leo Scovolini TePe scelta di misure, setole e forma Gli scovolini TePe sono disponibili in 9 misure e due tipi di setole per offrire una soluzione per ogni tipo di bocca. Cassettina clinica ideale per contenere i vari scovolini TePe. Contattaci per conoscere le nostre offerte! tori comportamentali: ciò significa che, come sintomi, vengono considerati specifici i comportamenti del paziente. Le conoscenze in merito al disturbo Kanner nel 1943: per la prima volta, i bambini con questi sintomi sono raggruppati in una sindrome. > < pagina<24 Prodotti in Svezia, usati in tutto il mondo. tel fax AD120037IT AD120037IT_ad_hyg_trib_156x185_IT_nr4.indd :32:40

2 WEB ARTICLE 18 Speciale Hygiene Tribune Italian Edition - Aprile Quando buone finalità divengono strumento per bloccare un processo di crescita Al fine di comprendere alcuni passaggi importanti della normativa sbiancamento e spiegare le perplessità suscitate, è utile fare un breve excursus. La normativa sui prodotti cosmetici e il Regolamento (CE) n. 1223/2009 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 30 novembre 2009 hanno fornito uno strumento giuridico alla realizzazione 9 di norme chiare, al fine di evitare divergenze nel recepimento da parte degli stati membri della normativa. Poiché per realizzare tali obiettivi venivano coinvolti il mercato interno e la valutazione sulle conformità dei requisiti dei prodotti cosmetici, la CEE non ha ritenuto sufficienti le intese tra stati membri, riportando l azione a livello comunitario. Lo scopo principale è garantire un livello elevato di tutela della salute umana, oltre che di armonizzazione, e assicurare un grado di sicurezza dei prodotti cosmetici nelle condizioni normali o ragionevolmente prevedibili di uso. Sulla scorta di tale percorso, la Direttiva Europea 2011/84/UE (recepita con Decreto del 5 novembre 2012 G.U. SUNSTAR Italiana S.r.l 26 gennaio 2013) pone in essere i termini per il conseguimento degli obiettivi e le restrizioni d uso dei prodotti cosmetici. A seguito di alcune di queste restrizioni: «[ ] Vendita destinata esclusivamente ai dentisti. Per ciascun ciclo di utilizzo, la prima utilizzazione è riservata ai dentisti o deve avvenire sotto la loro diretta supervisione se si garantisce un livello di sicurezza equivalente. In seguito il prodotto deve essere fornito al consumatore per completare il ciclo di utilizzo [ ]». Sono stati presentati al Ministero della Salute dei quesiti, in particolare volti a ottenere una risposta in merito alla professione sanitaria dell igienista dentale, che viene esclusa nella gestione di tale metodica. Questo fatto ha notevolmente allarmato, non per le restrizioni inerenti alla concentrazione del prodotto regolamentato: «e) > 0,1% 6% di H2O2 presente o liberato», ma per il principio di esclusione di una professione che ha le competenze per l attuazione della metodica, «garantendo un livello di sicurezza equivalente». L esclusione dell igienista dentale rischia così di favorire l esercizio abusivo a chiunque venga delegato all attuazione di tale pratica. Nulla da eccepire pertanto sulla Direttiva, che guarda alla salute, obbligando l UE all uniformità, pur mancando tra gli stati uniformità delle professioni in ambito odontoiatrico. Preoccupa il delinearsi di una mentalità, di una regressione della cultura medica tendente a negare o limitare la crescita delle professioni sanitarie nelle rispettive competenze del contesto europeo, come invece è avvenuto da tempo in alcune nazioni virtuose del nord Europa. Per istruzione, competenza e autonomia, l igienista dentale è formato, nel nostro paese, con la professione odontoiatrica, alla messa in atto dei protocolli per lo sbiancamento dentale in autonomia. Le istanze presentate al Ministero della Salute nel 2012, alla dirigenza farmaci e prodotti cosmetici e alla dirigenza delle professioni sanitarie, ancor prima del recepimento delle direttive, miravano a impedire lo sviluppo di questa logica restrittiva. Purtroppo non sono state sufficienti a far comprendere la necessità di calare la normativa europea nel contesto delle professioni sanitarie formate ed esistenti nella realtà nazionale. L assenza di un reale accreditamento professionale costituisce un problema serio per l evoluzione del futuro sanitario, ancora legato a vecchie logiche che nulla hanno a che vedere con l evoluzione delle professioni sanitarie, le competenze correlate e l interazione tra varie categorie professionali. È auspicabile che in un prossimo futuro si investa su questa sinergia per una rete sanitaria efficiente al servizio della salute. Laura Antonia Marino, dottore in Igiene dentale, presidente Unid GumTrav-ler_A4.indd 1 05/04/ :18:50

3 Hygiene Tribune Italian Edition - Aprile 2013 WEB ARTICLE Speciale 19 Sbiancamento: con la nuova Direttiva per gli igienisti nulla risulta cambiato (per altri, sì!) In Gazzetta Ufficiale n. 22 del 26/01/2013 è stato pubblicato il Decreto Ministeriale 05/11/2012 Attuazione della direttiva del Consiglio 2011/84/UE del 20 settembre 2011, relativa ai prodotti cosmetici. Stabilisce, tra l altro, che i prodotti sbiancanti contenenti più dello 0,1% e sino al 6% di perossido di idrogeno possono essere acquistati e utilizzati esclusivamente da un odontoiatra. Questi, in prima seduta, deve applicarli personalmente dopo una preventiva visita di controllo: successivamente l applicazione può essere demandata anche ad altre figure professionali che garantiscano, sotto stretto controllo dell odontoiatra, pari livello di sicurezza per la salute del paziente. ben superiori al 6% (pena l inefficacia della prestazione), si può dire che per l igienista dentale nulla è cambiato. L aspetto positivo, comunque, consiste nel fatto che finalmente è stata vietata per legge l effettuazione della prestazione di sbiancamento nei centri estetici, dal parrucchiere e nelle farmacie. Marialice Boldi Quindi, all igienista dentale... La medesima direttiva considera i prodotti sbiancanti con una percentuale di perossido di idrogeno superiore al 6% prodotti pericolosi. Il suo recepimento da parte del Ministero non scioglie un nodo giuridico fondamentale: se da un lato gli sbiancanti contenenti sino al 6% di H 2O 2 sono considerati cosmetici (e quindi disciplinati dalla direttiva), dall altro gli sbiancanti con percentuale di perossido superiore al 6%, per l ordinamento italiano, continuano ad essere dispositivi medici e, come tali, disciplinati dalla direttiva 93/42 CEE. Quali, concretamente le conseguenze? 1. Gli igienisti dentali non possono acquistare il prodotto cosmetico e lo possono applicare solo in sedute successive alla prima e sotto il controllo dell odontoiatra. 2. Gli igienisti dentali possono liberamente acquistare e utilizzare sui propri pazienti prodotti sbiancanti con percentuale di perossido di idrogeno superiore al 6%, in quanto la direttiva CEE sui dispositivi medici autorizza l acquisto e l uso di detti dispositivi da parte di soggetti muniti della necessaria qualifica professionale. E l igienista dentale rientra in tale ambito (cit. Avv. Piero Ruggi). Tutto ciò, naturalmente, rispettando l indicazione dell odontoiatra ma, come ho più volte avuto modo di ribadire, indicazione non è prescrizione, ed è sicuramente concetto ben lontano da stretto controllo. In definitiva, dal momento che in studio, per le sedute di sbiancamento professionale, vengono utilizzati prodotti contenenti percentuali di perossido di idrogeno Rimuove la placca fino a 5 volte in più rispetto a uno spazzolino manuale 1 Nuovo Philips Sonicare DiamondClean con tecnologia sonica brevettata Prova Sonicare e senti la differenza. Con movimenti al minuto crea un azione fluido dinamica che, in modo delicato ed efficace, spinge i fluidi tra gli spazi interdentali e sul bordo gengivale lasciando in bocca una sensazione di pulito mai provata prima. La sua azione pulente migliora la salute delle gengive già in due settimane 1. Inoltre, rende i denti più bianchi in tre settimane 2. Per maggiori informazioni: 1. Milleman J, Putt M, DeLaurenti M, Souza S, Jenkins W. Comparison of gingivitis reduction and plaque removal by Sonicare DiamondClean and a manual toothbrush. Data on file, Colgan P, DeLaurenti M, Johnson M, Jenkins W, Strate J. Evaluation of stain removal by Philips Sonicare DiamondClean power toothbrush and manual toothbrushes. Data on file, Distributore per il canale professionale sito web: _Philips Sonicare _white_a4_v2.indd 1 25/02/

4 WEB ARTICLE 20 Speciale Hygiene Tribune Italian Edition - Aprile Clinical management del paziente con affollamento dentale G.M. Nardi*, F. Scarano**, G. Bizzoca***, A. Losito****, R.F. Grassi***** *Ricercatore universitario confermato presso la facoltà di Medicina e Chirurgia, Università Sapienza di Roma, Dip. di Scienze Odontostomatologiche e Maxillo-Facciali (Dir. Prof. A. Polimeni); **Studente CLOPD Università di Bari Aldo Moro; ***Studente Master Tecnologie avanzate nelle Scienze dell Igiele Orale (Università Sapienza di Roma); ****Odontoiatra libero professionista; *****Professore ordinario presso Università degli Studi di Bari Nota dell autore Le foto relative all articolo sono state realizzate con una videocamera cs 1600 Carestream Dental, per questo motivo la definizione dell immagine risulta penalizzata nella stampa. Questa procedura è stata volutamente scelta per coinvolgere il paziente durante tutta la pratica clinica attraverso le immagini che sono state visualizzate e archiviate dalla videocamera. Introduzione Il disallineamento dentale rappresenta un grave problema dal punto di vista funzionale, estetico ma soprattutto igienico. Per il controllo di questo parametro è necessaria una sinergia simbiotica tra più figure professionali, che prevede la compartecipazione di diverse figure: odontoiatra, ortodontista, igienista dentale e del paziente che diverrà, dopo istruzione e motivazione dei professionisti del team odontoiatrico, professionista di se stesso mediante l acquisizione di buona manualità nell utilizzo dei sussidi personalizzati alle sue esigenze. La presenza di denti affollati induce a una più facile formazione prima di placca e, se non rimossa, di tartaro. Questi processi, a differenza di chi possiede un armonia dentale, sono molto più rapidi nella loro formazione e progressione: questo perché, nelle zone in cui i denti tendono ad accavallarsi, vi è una maggiore difficoltà nel controllo del biofilm batterico con aumentata formazione di tartaro e discromie di origine acquisita. Inoltre, vi è una maggiore difficoltà nella rimozione di pigmenti e del tartaro formatosi. A lungo andare si può instaurare un quadro di gengivite caratterizzato da cambiamento del colore della gengiva che acquista una tonalità rossastra, modifica del contorno gengivale con gonfiore in direzione sia coronale sia bucco-linguale, con formazione di pseudotasche, incremento dell essudato e sanguinamento al sondaggio o semplicemente allo spazzolamento. L eliminazione della noxa patogena può determinare la guarigione con restitutio ad integrum dei tessuti. La noxa patogena primaria è il disallineamento degli elementi dentali, il quale permette una più facilitata ritenzione della noxa patogena, inteso come biofilm e tartaro, per cui l intervento da effettuare è su due fronti interventivi: trattamento ortodontico e igienico perpetuato diligentemente, così procedendo si sommerà l ottenimento di una triplice funzionalità; ovvero: salute orale mediante accurata e mirata terapia causale (pre-, durante, post-trattamento ortodontico), ripristino di un accurato rapporto tra gli elementi dentari appartenenti ad ambedue le arcate dentarie (riequilibrio funzionale masticatorio ed estetico del sorriso), e prevenzione di eventuali insorgenze di patologie, che possano contornarsi ad un nucleo persistente rappresentato da continui insulti, Fig. 1 - Il sorriso della paziente irregolare e asimmetrico con evidente discromia rilevato all arrivo in studio. Fig. 2a - Curva di spee quarto quadrante e assenza di chiave canina. Fig. 3 - Discomia intrinseca ed estrinseca sugli incisivi palatinizzati. Fig. 5 - Sondaggio. Fig. 2b - Curva di spee e assenza di guida canina terzo e quarto quadrante. Fig. 4 - Faccia linguale con presenza di ritenzione di placca, tartaro e presenza di discromie estrinseche di origine alimentare. Fig. 6 - Test per screening dell infezione parodontale (Micerium). provocati da una non corretta distribuzione dei carichi masticatori individuati nelle malocclusioni. I pazienti con il disallineamento dentario devono necessariamente dedicare più tempo all igiene domiciliare. Il kit di igiene orale domiciliare deve contenere sussidi idonei nella gestione del controllo delle discromie di origine acquisite. L ausilio di fili interdentali fluorati, soprattutto nella zona di accavallamento e infine coloranti, per esempio alla fluoresceina, per evidenziare le superfici maggiormente interessate dall accumulo di placca; essi inoltre necessitano di sottoporsi a un numero maggiore di sedute di igiene e, se conseguentemente trattati ortodonticamente, dovranno essere monitorati sull andamento della compliance acquisita, che in entrambi i casi dovrà essere eseguita correttamente e costantemente così da ottenere una sempre più rafforzata consapevolezza sul proprio stato di salute orale, sociale e sistemico. Metodi e materiali Si prende qui in esame una paziente di 37 anni, poco incline al sorriso poiché manifesta un problema estetico legato a un marcato disallineamento ed affollamento dei denti anteriori, superiore e inferiore, che le causano maggiormente disagio nel momento in cui sulle superfici dentali si formano pigmenti, inficiando la vita di relazione. Vengono effettuate le classiche sequenze anamnestiche: si esegue l anamnesi personale fisiologica, quella familiare e patologica prossima, non si riporta nessun genere di malattia o problema tale da indurre a prendere particolari procedure cautelative; dall anamnesi patologica remota risulta che la paziente è stata sottoposta da ragazza a trattamento ortodontico mobile e successivamente fisso, sospeso senza averlo più portato a termine. «La possibilità di una recidiva post-trattamento ortodontico non portato a termine rappresenta per gli ortodontisti una delle problematiche più importanti da tenere in considerazione, sia nella fase di programmazione della terapia sia nella scelta della contenzione a termine del trattamento. Se da un lato i sistemi di contenzione rimovibili non comportano impedimenti allo svolgimento delle comuni manovre di igiene orale, dall altro essi richiedono una collaborazione attiva del paziente in una fase in cui peraltro non sempre risulta facile ottenerla. Viceversa, le contenzioni bandate non necessitano di cooperazione da parte del paziente ma possono rendere difficoltoso il mantenimento di una buona igiene orale». Si procede all esame obiettivo dal quale si può notare una curva di spee nel terzo e quarto quadrante accentuata, l assenza di chiave canina, deviazione della linea mediana; è evidente la presenza di un elevato affollamento dentale superiore con incisivi laterali posti più palatalmente, inferiormente accavallamento degli incisivi causato molto probabilmente dalla mancanza di spazio disponibile per un corretto allineamento e dall eruzione dei denti del giudizio. > < pagina<21

5 Hygiene Tribune Italian Edition - Aprile 2013 Speciale 21 < < pagina 20 Proprio quest ultima causa è una delle più frequenti a determinare affollamento come anche le avulsioni precoci di denti decidui, la presenza di una base apicale insufficiente, la macrodonzia, la disarmonia dento-dentaria, l ipertono muscolare periorale. Viene effettuato un sondaggio parodontale, che costituisce il momento chiave della visita parodontale perché permette di individuare la presenza di tasche gengivali, di valutare l entità della distruzione dei tessuti duri del parodonto (osso alveolare, legamento parodontale, cemento radicolare) e la perdita di attacco connettivale. Vengono valutate: le zone di sanguinamento al sondaggio dal quale si deduce il grado di infiammazione della gengiva e l entità della risposta infiammatoria; l indice di placca presente è rappresentato da una percentuale molto alta soprattutto nei settori frontali in cui è presente l affollamento; inoltre, si procede alla valutazione di presenza di tasche e del grado di recessioni. Dal sondaggio effettuato si riscontrano tasche profonde anche 4-5 mm, perdita di attacco clinico di 2 mm e mobilità di grado 1 per gli elementi 2.1, 3.2, 4.1, 4.2 e di grado 2 per l elemento 3.1. Si esegue un test per verificare la presenza di batteri della malattia parodontale. Con la videocamera intraorale (cs 1600 carestream dental) si acquisiscono le immagini del cavo orale della paziente e in modo interattivo si procede all esame clinico del cavo orale (Fig. 1), e delle aree a rischio per un evidente affollamento (Figg. 2a, b). La videocamera in modalità aiuto rivelazione carie visualizza le aree di demineralizzazione sulle superfici dentali, mettendo in evidenza sul monitor del computer in vari colori le zone di potenziale carie. Una volta esaminati i valori, vanno forniti i giusti suggerimenti per il trattamento e il tutto va salvato nella cartella personale del paziente. Prima di iniziare con il full mouth debridement, viene utilizzato un rilevatore di placca a base di fluoresceina, per evidenziare e rendere visibile le zone inquinate, lingua compresa, che, a causa della particolare conformazione, rappresenta un habitat ideale per i germi patogeni. La paziente viene istruita nell effettuare corrette manovre per l uso del filo interdentale in PTFE, (tessuto speciale molto resistente che non si sfilaccia interdental floss) ENA ORAL CARE MICERIUM con una struttura a nastro per agire su una superficie maggiore del dente, che entri in maniera più agevole negli spazi stretti. In alcuni siti dove la paziente ha Fig. 7 - Controllo delle aree di demineralizzazione sulla superficie dei denti. inferiore, e dall alto verso il basso per l arcata superiore. In seguito, si effettuano delicati movimenti obliqui, compiuti almeno tre volte per ogni zona, dando così allo scovolino la possibilità di rimuovere la placca dalle zone interessate. Alla paziente è stato mostrato, alla luce della lampada fotopolimerizzatrice, la placca trattenuta nelle setole dello scovolino (Fig. 16), per meglio motivarla alla necessità di controllo del risultato efficace di igiene dello spazio interdentale. Lo scovolino può Figg Utilizzo di rivelatore di placca alla fluoricina con utilizzo di lampada (Ivoclar). presentato difficoltà nella pratica di tali manovre, è stato consigliato l utilizzo dello scovolino (interdental brush), costituito da setole a clessidra che si adattano all anatomia dei denti, permettendo una rimozione ottimale della placca e di eventuali residui di cibo che possano restare bloccati nelle zone prossimali. Una volta individuata la dimensione più indicata a seconda degli spazi, è stato mostrato come lo scovolino entri facilmente se introdotto con una lieve inclinazione dal basso verso l alto per l arcata essere intriso di dentifricio al fluoro multifunzionale a bassa abrasività RDA 25 (Enamal plus), con azione desensibilizzante e rinforzante per lo smalto, delicato sul tessuto gengivale. Un problema frequente, dovuto al sovraffollamento, è caratterizzato dalla frequente comparsa di macchie estrinseche sulla superficie dentale. L inestetismo può esser limitato, grazie all utilizzo di una vera e propria gomma smacchiante (tooth stain remover) (Fig. 18). > > pagina 22 Figg. 13a,b - Stratificazone di placca evidente sul dorso della lingua. Fig Utilizzo delle garzine monouso igienizzanti e antisettiche alla clorexidina (digital brush).

6 22 Speciale Hygiene Tribune Italian Edition - Aprile 2013 Fig Igiene dopo l utilizzo della garzine monouso igienizzanti e antisettiche alla clorexidina (digital brush). Fig Utilizzo dello scovolino e dentifricio. Come si intinge di fluoro e come si infila. Fig Immagine di placca batterica evidenziata dal rivelatore. Fig Utilizzo della gomma smacchiante tooth stain remover (Micerium). Fig Deplaquing con l utilizzo di air polishing con glicina (Mectron). Fig Utilizzo di punte ultrasoniche (Mectron). Fig Il cavo orale dopo la decontaminazione. Figg. 22a, b - Laser Helbo. < < pagina 21 Alla paziente è stato consigliato di usare in maniera delicata, e non di frequente, la gommina, che viene passata ripetutamente sulla superficie dalla quale si vuole rimuovere la macchia sino ad una evidente, quanto totale, sparizione della stessa; utilizzando la gomma più sottile per le zone interdentali e la gomma più tonda per le altre superfici del dente. Si è raccomandato di apporre successivamente sulla superficie del dente pulito il dentifricio Enamal plus per remineralizzare la stessa. Si consiglia alla paziente l uso di garzine monouso igienizzanti e antisettiche alla clorexidina (digital brush), utili per il suo affollamento e per il controllo dei residui di cibo e placca dalle superfici dentali vestibolari e palatali e sulla lingua (Fig. 14) quando non ha la possibilità di utilizzare uno spazzolino, onde evitare l accumulo immediato di placca nelle zone sovraffollate. Per lo spazzolamento quotidiano è stato indicato l uso dello spazzolino elettrico rotante oscillante performante per l affollamento, e il controllo chimico con uso di colluttorio al fluoro. Dopo aver istruito la paziente sul corretto uso dei sussidi per l igiene domiciliare si è passati al trattamento di igiene professionale. Inizia cosi il trattamento. Viene eseguito un deplaquing con l utilizzo di air polishing con glicina (< 63 μm), riesce più rapidamente e più efficacemente a rimuovere biofilm batterico e discromie presenti. Si passa all utilizzo dell ablatore con l inserto parodontale, che ci permette di agire in spazi in cui sarebbe complicato arrivare con una punta standard. L impiego di curette viene riservato esclusivamente nei siti che richiedono una decontaminazione più approfondita. Nei siti con presenza di tasche superiori ai 4 mm si è fatto un trattamento di terapia fotodinamica con il laser a diodi Helbo (Bredent) per una decontaminazione più approfondita, inserendo nella tasca il cromoforo, lasciandolo agire per un minuto. Si è risciacquata la superficie e si è inserita la punta del laser un minuto intorno al sito del dente da trattare; il controller timer indica con un bip lo spostamento della punta laser nei sei punti intorno al dente (Figg. 22a, b). > > pagina 23 Fig Applicazione della GLUMA Desensitizer PowerGel. Fig Viene distribuita sulle superfici dei denti, in particolar modo a livello del colletto e nelle zone di recessione, una mousse (GC Tooth Mousse) a base di fosfopeptide caseinico-calcio fosfato amorfo. Fig Risultato dopo la seduta di igiene professionale.

7 Hygiene Tribune Italian Edition - Aprile 2013 Speciale 23 Fig Risultato dopo la seduta di igiene professionale. Fig Il sorriso della paziente. < < pagina 22 Successivamente viene utilizzata la GLUMA Desensitizer PowerGel: questo gel innovativo agisce desensibilizzando i tubuli dentinali esposti fino a 200 micron, funge da barriera antimicrobica, rivitalizza le fibre di collagene collassate. Infine, viene distribuita sulle superfici dei denti, in particolar modo a livello del colletto e nelle zone di recessione, una mousse (GC Tooth Mousse) a base di fosfopeptide caseinicocalcio fosfato amorfo: esso agisce legandosi al biofilm, alla placca, ai batteri, all idrossiapatite e al tessuto molle rilasciando calcio e fosfato al fine di rinforzare i tessuti sui quali viene distribuita; viene lasciata in loco e fatta agire per circa due minuti, dopo di che può evitare di sciacquarsi la bocca e attendere che il prodotto si dissolva gradualmente. Maggiore è il tempo di applicazione, migliori saranno i risultati. Terminato il trattamento, il paziente viene istruito e motivato al mantenimento della propria igiene tramite congrue procedure domiciliari, comprendenti utilizzo di filo interdentale cerato utilizzato con maggior cura nelle zone d affollamento, uso di spazzolino elettrico impiegato maggiormente in quei siti quali per esempio superfici linguali/palatali degli incisivi, in cui è più difficile il controllo e più rapida la formazione di placca e tartaro, l uso di un pulisci lingua e l utilizzo di collutorio a base di clorexidina allo 0,12%. Conclusioni L affollamento dei denti è un problema che deve essere curato nella sua completezza fin da quando il paziente è in giovane età tramite trattamento ortodontico e, se necessario, tramite avulsioni mirate con il fine di creare spazio necessario all allineamento. Nei casi in cui il paziente manifesti disallineamento dentale, è necessario che l operatore esegua delle procedure minuziose e minimamente invasive, al fine di ristabilire il corretto equilibrio batterico del cavo orale e miglioramento dell eutrofia dei tessuti gengivali. Per salvaguardare l estetica del sorriso il professionista dovrà indicare al paziente sussidi domiciliari personalizzati che lo aiutino nella gestione del problema usando tecnologie innovative, e abituino il paziente al controllo dell efficacia e lo riportino in studio per dei follow-up ravvicinati.

8 24 Speciale Hygiene Tribune Italian Edition - Aprile 2013 Lenti, sequenziali e costanti: così il comportamento Note delle persone con autismo Monica Castellaro*, Simonetta Musciacchio**, Emilia Seira Ozino*** WEB ARTICLE *Dottore in Scienze delle professioni sanitarie tecnico-assistenziali; docente per la didattica integrativa al Corso di Laurea in Igiene dentale - Università di Torino; consigliere nazionale Associazione Igienisti Dentali Italiani (Aidi); libero professionista. **Igienista dentale; libero professionista. ***Counsellor professionale presso Associazione Autismo e società di Torino; supervisore responsabile del tirocinio del Corso di sostegno per disabili - Corso di Laurea in Scienze della formazione primaria - Università di Torino. *Shaping, o modellaggio: è una tecnica per modellare il comportamento che vogliamo venga raggiunto in modo graduale. La persona emette delle approssimazioni successive sempre più precise e simili al comportamento desiderato o richiesto. **Modeling, o modellamento: tecnica che consiste nel far osservare una persona significativa (meglio se pari) che realizza il comportamento appropriato. La persona funge da modello, ci si basa sul processo imitativo. < < pagina<17 Colui che per primo ha identificato la sindrome autistica è invece Asperger, intorno agli anni Venti. Persistono ancora notevoli incertezze in termini di eziologia, di elementi caratterizzanti il quadro clinico, di confini nosografici con sindromi simili, di diagnosi, di presa in carico e di evoluzione a lungo termine. Esistono, inoltre, diversi modelli interpretativi che spiegano il funzionamento della persona autistica, così come esistono trattamenti diversi della patologia. In questi anni, la Società italiana di neuropsichiatria infantile e adolescenziale (Sinpia) ha stilato le linee guida per creare un riferimento per genitori e operatori. Le linee sono un insieme di indicazioni, raccomandazioni e suggerimenti basati sulla letteratura internazionale di ricerca e di applicazione delle metodologie riabilitative da parte di professionisti italiani, per permettere alle famiglie e agli operatori di orientarsi nella cura e nel trattamento. Il manuale di classificazione della patologie usato in Italia, il DSM IV (Diagnostic and statistic Manual of Mental Disorders) usa la categoria nosografica di descrizione e di classificazione dei Disturbi generalizzati dello sviluppo (DGSV) o Disturbi pervasivi dello sviluppo, in cui sono compresi l autismo (chiamato disturbo autistico ) e altri disturbi che, pur distinguendosi da quello autistico propriamente detto, hanno tuttavia con esso alcune affinità: Disturbo di Rett, Disturbo di Asperger, Disturbo disintegrativo dell infanzia. In pratica, con questi termini ci riferiamo a minori e adulti che, affetti da un disturbo generalizzato di sviluppo, hanno un alterazione nella normale evoluzione della loro personalità, che si manifesta con compromissioni differenti. I comportamenti più conosciuti sono: difficoltà di interazione sociale reciproca; incapacità di comunicazione; presenza di comportamenti e attività stereotipate; assenza di interessi. Una persona autistica può essere molto o poco intelligente; le ricerche sostengono che tutti i livelli di Quoziente Intellettivo (QI) possono essere associati all autismo, anche se in circa tre quarti dei casi è presente un significativo ritardo mentale. Perché occuparsi di autismo Uno studio recente dell Assessorato alla Sanità della Regione Piemonte accerta che nella regione esistono 2,5 minori autistici ogni (cioè 1 ogni 400), con una punta di 3,7 nella fascia 6-10 anni (cioè 1 ogni 270). In valori assoluti, il numero di minori con diagnosi ICD10 F84 (Disturbi pervasivi dello sviluppo) è di oltre 1.700; a questi vanno aggiunti altri 370 soggetti di età compresa tra i 18 e i 30 anni. Interessante notare che lo stesso Assessorato nel 2000 riportava dati decisamente più bassi: una prevalenza minima di 4,5 casi per , con un dato che saliva sopra il 7 su per la fascia di età corrispondente alla scuola elementare. Evidentemente il dato era sottostimato a causa di diagnosi non complete. In Italia si riscontra un caso di autismo ogni 150/200 persone (minori e adulti), ovverosia circa 6 ogni 1.000, che significa circa persone sul territorio nazionale ma se si considerano tutti i disturbi dello spettro autistico, il numero aumenta a Venti anni fa il rapporto era 1 ogni 1.500/2.000, quindi i casi sono aumentati del 1.000% (mille per cento). I maschi sono 3-4 volte più colpiti. Anche se non esistono dati aggregati ufficiali in proposito, gli autistici in Europa sono stimati in 5 milioni. Una ricerca sulla diffusione dell autismo negli Stati Uniti forse la più seria e completa sull argomento anticipa invece i dati che saranno probabilmente rilevati nei prossimi anni in Italia. Si apprende così che ne è affetto un bambino ogni 88, con una diversa percentuale che riguarda maschi e femmine: un bambino ogni 54 e una bambina ogni 225 sono interessati da Disturbo dello spettro autistico. Si tratta di numeri sconcertanti, perché svelano, di fatto, che negli Stati Uniti esistono più bambini autistici che affetti da diabete, Aids, cancro, paralisi cerebrale, fibrosi cistica, distrofia muscolare e Sindrome di Down messi insieme. Sono numeri da oltreoceano che denunciano un aumento dell autismo del 78% in 5 anni e un aumento di ben dieci volte negli ultimi 40 anni. Ciò che in sintesi ci interessa come professionisti è la consapevolezza che nel nostro lavoro possiamo incontrare persone con autismo e che il trattamento di cura che queste ci richiedono include da parte nostra la raccolta delle informazioni anamnestiche, la conoscenza del funzionamento del singolo paziente e la predisposizione di un contesto strutturato. Tuttavia non siamo soli: in questa fase gli operatori e la famiglia della persona autistica possono esserci di grande aiuto. Autismo/autismi Sarebbe il caso di parlare di autismi piuttosto che di autismo, o quanto meno sarebbe opportuno dire sindrome autistica, perché le manifestazioni cliniche della sindrome autistica sono alquanto diverse da caso a caso, o almeno da gruppi di casi a gruppi di casi, sia in termini di tempo e modalità di insorgenza, sia in termini di sintomatologia manifesta, con variazioni peraltro anche intraindividuali oltre che interindividuali. Utilizziamo la parola autismi, dunque, e non autismo ; osserviamo bambini che, pur rientrando sotto lo stesso ombrello diagnostico di sindrome autistica, risultano apatici o iperattivi, tranquilli o aggressivi, apparentemente con un livello cognitivo integro o insufficienti mentali, infastiditi dai rumori anche lievi o apparentemente indifferenti a suoni e rumori insomma, capita di osservare e trattare pazienti parzialmente o completamente diversi tra loro, pur risultando tutti affetti da autismo. Dalle magiche stanze della terapia alla quotidianità Se il contesto di vita può essere considerato come spazio riabilitativo al di fuori degli ambiti terapeutici, allora è importante diffondere le informazioni e le conoscenze sul funzionamento della mente autistica. Capire di che cosa ha bisogno l autistico è possibile con l aiuto degli esperti e, se comprendiamo il suo funzionamento, diamo significato ad alcuni comportamenti apparentemente inspiegabili e possiamo organizzare un ambiente e una comunicazione che ci metta davvero in relazione con la persona autistica. Gli autistici hanno comportamenti disadattivi per autodifesa, li manifestano per attutire i rumori o perché sono sensibili alla luce o perché bombardati da troppa stimolazione sensoriale. Ai nostri occhi le reazioni a tutto questo sembrano bizzarre, ci creano stupore, sconcerto e talvolta paura. Vediamo alcuni esempi. Comportamento 1: urlare, lanciare oggetti, spogliarsi, mordere, aggressività Gli autistici possono avere problemi di iperstimolazione sensoriale, cioè essere molto sensibili alla luce, ai rumori, agli odori, alla percezione tattile. Tutti noi siamo immersi nel rumore, in una contemporaneità di stimoli, suoni improvvisi e irregolari, imprevedibilità, rumori acuti e continui, ma nel mondo in cui viviamo gli autistici fanno fatica a selezionare le informazioni, provano fastidio e sofferenza. Sovente i loro comportamenti disadattivi nascono dalla confusione dell ambiente e sono reazioni alle iperstimolazioni. Nei centri, in famiglia, a scuola le persone parlano contemporaneamente o si rivolgono all autistico da una certa distanza, mentre una televisione è accesa ad alto volume oppure c è molto disordine sui tavoli: la confusione può essere ovunque. Gli autistici utilizzano molto il senso dell olfatto e alcuni ambienti sono pieni di odori, che restituiscono loro delle informazioni. Comportamento 2: movimenti ripetitivi. Gli autistici possono avere movimenti stereotipati delle mani, manierismi verbali, ripetere parole all infinito. Sono sequenziali e costanti e non tollerano le interruzioni della routine. Si arrabbiano subito: sono poco reattivi ai cambiamenti dell ambiente. Sono rigidi e hanno bisogno di fotografare la realtà in modo one-to-one, per loro l ambiente è mutevolissimo e lo tengono sotto controllo con le stereotipie, movimenti ripetitivi svolti con oggetti o con parti del corpo, come ad esempio lo sfarfallio delle mani davanti agli occhi o lo scorrere di una pallina su una superficie piana. Questi movimenti hanno la funzione precisa di calmare la persona e di resettare la loro mente dalla iperstimolazione e dalla mutevolezza degli stimoli. Le stereotipie, ritenute disadattive da noi, per loro sono adattive, cioè funzionali al proprio benessere. Oggetti che compiono sequenze circolari o ripetitive (come lavatrici, ventilatori, clessidre) li rassicurano, perché è chiaro da dove parte il movimento e dove arriva: non c è imprevedibilità. Prediligere le sequenze prevedibili è il principio che governa la scelta di rivedere all infinito film e cartoni animati dei quali conoscono già le battute e la trama. Comportamento 3: nessun contatto oculare, poca interazione verbale. > < pagina<25 Fig. 1 - Racconto della visita in studio per preparare il paziente autistico. Si precisa che le immagini vanno mostrate al paziente in sequenza lineare in modo che possano essere lette da sinistra verso destra o dall alto verso il basso.

Gengivite e parodontite. Scovolini TePe. guida per il paziente. Prodotti in Svezia, usati in tutto il mondo. Angle. Originali. TePe Gel Gengivale

Gengivite e parodontite. Scovolini TePe. guida per il paziente. Prodotti in Svezia, usati in tutto il mondo. Angle. Originali. TePe Gel Gengivale Scovolini TePe Originali 0.4 mm 930410826 0.45 mm 930410840 0.5 mm 930410853 0.6 mm 930410865 0.7 mm 930410877 0.8 mm 930410889 1.1 mm 930410891 1.3 mm 935421305 1.5 mm Angle 0.4 mm 931080461 0.45 mm 931080473

Dettagli

Scovolini TePe. Prodotti in Svezia, usati in tutto il mondo. Angle. Originali. TePe Gel Gengivale. Extra soft. Spazzolini Speciali TePe

Scovolini TePe. Prodotti in Svezia, usati in tutto il mondo. Angle. Originali. TePe Gel Gengivale. Extra soft. Spazzolini Speciali TePe Scovolini TePe Originali 0.4 mm 930410826 0.45 mm 930410840 0.5 mm 930410853 0.6 mm 930410865 0.7 mm 930410877 0.8 mm 930410889 1.1 mm 930410891 1.3 mm 935421305 1.5 mm Angle 0.4 mm 931080461 0.45 mm 931080473

Dettagli

Guida per il paziente. Gengivite e parodontite

Guida per il paziente. Gengivite e parodontite Guida per il paziente Gengivite e parodontite La parodontite è più comune di quanto tu possa immaginare. Circa il 40% degli adulti soffre di questa patologia - spesso senza esserne a conoscenza. Le condizioni

Dettagli

SCONFIGGERE LA CARIE DENTALE OGGI SI PUO! COME FARE CE LO SVELA L IGIENISTA DENTALE

SCONFIGGERE LA CARIE DENTALE OGGI SI PUO! COME FARE CE LO SVELA L IGIENISTA DENTALE ARTICOLO CASTELLETTO TICINO SCONFIGGERE LA CARIE DENTALE OGGI SI PUO! COME FARE CE LO SVELA L IGIENISTA DENTALE Esiste un miglior biglietto da visita di un bel sorriso? La nostra epoca è sicuramente dominata

Dettagli

IGIENE DOMICILIARE PER PAZIENTI CON ORTODONZIA

IGIENE DOMICILIARE PER PAZIENTI CON ORTODONZIA IGIENE DOMICILIARE PER PAZIENTI CON ORTODONZIA Linee guida per l igiene orale in caso di apparecchi ortodontici. Durante il periodo di trattamento con l apparecchiatura ortodontica il paziente deve mantenere

Dettagli

IGIENE DENTALE E PREVENZIONE

IGIENE DENTALE E PREVENZIONE IGIENE DENTALE E PREVENZIONE Dispensa n.3 Introduzione Secondo l Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), l origine di molte patologie organiche sono dovute ai rapidi cambiamenti dello stile di vita

Dettagli

Lo sbiancamento come terapia cosmetica strumentale

Lo sbiancamento come terapia cosmetica strumentale content _ dentistry Lo sbiancamento come terapia a strumentale Autore_Gianna Maria Nardi, RUC, Italia Ricercatore Universitario Confermato Dipartimento di Scienze Odontostomatologiche e Maxillo Facciali

Dettagli

Fili interdentali: istruzioni per l uso

Fili interdentali: istruzioni per l uso 4_Leaflet_Fili:Layout 1 21-12-2007 12:29 Pagina 1 Fili interdentali: istruzioni per l uso UN COSTANTE IMPEGNO IN DIFESA DELLA SALUTE Migliorare il benessere e la salute delle persone anche attraverso una

Dettagli

Perche l, igiene orale si impara da piccoli!

Perche l, igiene orale si impara da piccoli! Prevenzione avanzata della carie Perche l igiene orale si impara da piccoli! I tuoi denti.. un mondo pieno di sorprese Lo sapevi che......i tuoi primi dentini si sono formati ancor prima di nascere? Nella

Dettagli

Vuoi risparmiare dal dentista? Comincia con una buona prevenzione!

Vuoi risparmiare dal dentista? Comincia con una buona prevenzione! Vuoi risparmiare dal dentista? Comincia con una buona prevenzione! Prenderti cura della tua salute non dà solo benefici riguardanti il tuo benessere ma ti aiuta anche ad acquisire fiducia in te stesso,

Dettagli

Aver cura dei tuoi impianti

Aver cura dei tuoi impianti Guida per il paziente Scovolini TePe Originali 0,4 mm 930410826 0,45 mm 930410840 0,5 mm 930410853 0,6 mm 930410865 0,7 mm 930410877 0,8 mm 930410889 1,1 mm 930410891 1,3 mm 935421305 1,5 mm 930513332

Dettagli

Guida per il paziente. Aver cura dei tuoi impianti

Guida per il paziente. Aver cura dei tuoi impianti Guida per il paziente Aver cura dei tuoi impianti Prenditi cura dei tuoi impianti esattamente come se ti prendessi cura dei tuoi denti naturali. Un approfondita igiene orale è necessaria per prevenire

Dettagli

guida pratica per la salute orale del paziente disabile

guida pratica per la salute orale del paziente disabile Azienda Ospedaliero Universitaria di Sassari U.O. di Odontostomatologia Direttore: Prof.ssa Pietrina Franca Lugliè guida pratica per la salute orale del paziente disabile A cura dell Igienista dentale

Dettagli

ISTRUZIONI PER UNA CORRETTA IGIENE ORALE

ISTRUZIONI PER UNA CORRETTA IGIENE ORALE ISTRUZIONI PER UNA CORRETTA IGIENE ORALE Una corretta igiene orale è fondamentale per mantenere nel tempo i propri denti e le proprie gengive sane. I nemici principali della salute orale sono i batteri,

Dettagli

Sintomi e segni. Disturbo. Sindrome. Disturbi Pervasivi dello Sviluppo

Sintomi e segni. Disturbo. Sindrome. Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Annamaria Petito SSIS 400H Sintomi e segni Sono le informazioni che derivano da consapevoli sensazioni del paziente e sono le interpretazioni date dal medico agli elementi

Dettagli

ODONTOIATRIA SPECIALE INDIVIDUALIZZATA

ODONTOIATRIA SPECIALE INDIVIDUALIZZATA CORSO DI LAUREA IN IGIENE DENTALE Presidente: Prof. Luca Levrini ODONTOIATRIA SPECIALE INDIVIDUALIZZATA Michela Rossini Oltre 1 miliardo di persone sono le persone disabili al mondo, secondo le stime del

Dettagli

Scovolini interdentali:

Scovolini interdentali: Scovolini interdentali: istruzioni per l uso UN COSTANTE IMPEGNO IN DIFESA DELLA SALUTE Migliorare il benessere e la salute delle persone anche attraverso una corretta igiene orale: questa la filosofia

Dettagli

Circolo vizioso. Autismo e terapie odontoiatriche: un progetto per superare barriere e preconcetti ANSIA ODONTOIATRICA BASSO LIVELLO DI SALUTE ORALE

Circolo vizioso. Autismo e terapie odontoiatriche: un progetto per superare barriere e preconcetti ANSIA ODONTOIATRICA BASSO LIVELLO DI SALUTE ORALE Università degli Studi di Milano Centro di Collaborazione OMS per l Epidemiologia e l Odontoiatria di Comunità Coordinatore: prof. Laura Strohmenger Autismo e terapie odontoiatriche: un progetto per superare

Dettagli

IL VERO MANUALE A CASA SULL IGIENE ORALE

IL VERO MANUALE A CASA SULL IGIENE ORALE IL VERO MANUALE SULL IGIENE ORALE A CASA Prenderti cura della tua salute non dà solo benefici riguardanti il tuo benessere ma ti aiuta anche ad acquisire fiducia in te stesso, facilitando i rapporti con

Dettagli

Dottor Fabio Lupi igienista dentale LA NOSTRA BOCCA

Dottor Fabio Lupi igienista dentale LA NOSTRA BOCCA Dottor Fabio Lupi igienista dentale LA NOSTRA BOCCA La bocca Ä una parte molto importante del corpo e non solo per l aspetto estetico. Attraverso la bocca parliamo, comunichiamo con gli altri ma soprattutto

Dettagli

COME BISOGNA PULIRE I DENTI CON LO SPAZZOLINO

COME BISOGNA PULIRE I DENTI CON LO SPAZZOLINO COME BISOGNA PULIRE I DENTI CON LO SPAZZOLINO G G.R.IERFINO www.igieneorale.info PREMESSA IMPORTANTE Il fatto che alla verifica dal dentista si constati che le condizioni di salute dentale e parodontali

Dettagli

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento a cura della Dott.ssa Donata Monetti Gli elementi di base della dinamica insegnamento - apprendimento LA PROGRAMMAZIONE DEGLI

Dettagli

SMART BRUSHING. Ti aiuta a monitorare la salute orale

SMART BRUSHING. Ti aiuta a monitorare la salute orale SMART BRUSHING Ti aiuta a monitorare la salute orale VISION Noi crediamo in un mondo dove le persone si prendono cura del loro benessere personale in modo cosciente e responsabile. IL PRESENTE Le nuove

Dettagli

U.O.C. MATERNO INFANTILE U.O. PEDIATRIA DI COMUNITA

U.O.C. MATERNO INFANTILE U.O. PEDIATRIA DI COMUNITA Regione del Veneto Azienda Unità Locale Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO U.O.C. MATERNO INFANTILE U.O. PEDIATRIA DI COMUNITA educazione alla salute come avere denti da campione prevenzione

Dettagli

*DISTURBI DELLO SPETTRO DELL AUTISMO

*DISTURBI DELLO SPETTRO DELL AUTISMO *DISTURBI DELLO SPETTRO DELL AUTISMO *DSM: Manuale Diagnostico e Statistico delle malattie mentali APA *DSM IV : DISARMONIE COGNITIVE DELLO SVILUPPO *DSM-5: DISTURBO DEL NEUROSVILUPPO *DISTURBO NEUROBIOLOGICO

Dettagli

IL DISTURBO AUTISTICO

IL DISTURBO AUTISTICO LEZIONE: DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO (PRIMA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Un sorriso da salvare

Un sorriso da salvare R O T A R Y I N T E R N A T I O N A L Service Above Self He Profits Most Who Serves Best DISTRETTO 2110 SICILIA E MALTA - ROTARY CLUB COSTA GAIA Un sorriso da salvare Progetto prevenzione della carie dentale

Dettagli

Aspetti odontoiatrici Protocolli operativi preventodontici

Aspetti odontoiatrici Protocolli operativi preventodontici Fondazione IRCSS Ca Granda Università degli Studi di Milano Dipartimento di Scienze Biomediche Chirurgiche E Odontoiatriche Direttore: Prof. F. Santoro Corso di Laurea in Igiene Dentale Presidente: Prof.

Dettagli

Indicazioni della scuola per l'inclusione degli alunni con ADHD. Franco Castronovo

Indicazioni della scuola per l'inclusione degli alunni con ADHD. Franco Castronovo Indicazioni della scuola per l'inclusione degli alunni con ADHD Franco Castronovo Como 24 febbraio 2015 Documenti Gazzetta Ufficiale n. 106 del 24 aprile 2007 allegato PROTOCOLLO DIAGNOSTICO E TERAPEUTICO

Dettagli

Studio Ortodontico Dott. Giovanni Bavaresco

Studio Ortodontico Dott. Giovanni Bavaresco Studio Ortodontico Dott. Giovanni Bavaresco Specialista in Odontostomatologia ed Ortodonzia OPUSCOLO IGIEE Documento informativo per il paziente Pratica esclusiva in Ortodonzia In accordo UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

Il trattamento di sbiancamento autogestito dal paziente

Il trattamento di sbiancamento autogestito dal paziente Il trattamento di sbiancamento autogestito dal paziente Un rischio per la salute del cavo orale. Case report Autori_Gianna Maria Nardi*, Allegra Cortellazzi**, Beatrice Giovane**, Anna Sancio**, Roberta

Dettagli

Terapia chirurgica orale

Terapia chirurgica orale CHIRURGIA ORALE Studio Santoro Terapia chirurgica orale La chirurgia orale è quella branca dell Odontoiatria che si occupa di varie problematiche inerenti la necessità di avulsione di elementi dentari

Dettagli

S.M.I.L.E. un sorriso per tutti

S.M.I.L.E. un sorriso per tutti C.L.S. Il Cuore della Luna del Sud ( Associazione no profit di promozione sociale ) Anno scolastico 2014-2015 S.M.I.L.E. un sorriso per tutti a cura del Dott. Progetto di Promozione ed Educazione alla

Dettagli

12/5/12 I CRITERI DIAGNOSTICI: DSM-IV (APA) CAUSE DELL AUTISMO CRITERI DEL DSM-IV LE NOVITÀ DEL DSM-V (2013) 1. COMUNICAZIONE SOCIALE

12/5/12 I CRITERI DIAGNOSTICI: DSM-IV (APA) CAUSE DELL AUTISMO CRITERI DEL DSM-IV LE NOVITÀ DEL DSM-V (2013) 1. COMUNICAZIONE SOCIALE OBIETTIVI DELL INCONTRO AUTISMO A SCUOLA Strategie educative e didattiche per l inclusione in classe Conoscere cos è l autismo Conoscere quali sono le strategie educative più valide CTRH Monza Centro 13

Dettagli

DISTURBI AUTISTICI LA DIAGNOSI

DISTURBI AUTISTICI LA DIAGNOSI DISTURBI AUTISTICI LA DIAGNOSI GIUSEPPE MAURIZIO ARDUINO- Psicologo Dirigente responsabile Centro Autismo ASL CN 1 Mondovì PROVINCIA DI MILANO Formazione in service Autismo Promuovere lo sviluppo delle

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti Allegato al bando di ammissione pubblicato in data 21/04/2015 Art. 1 - Tipologia L Università degli Studi di Pavia attiva per l a.a. 2014/2015, il Master universitario di I livello in Igienista dentale

Dettagli

Opuscolo informativo per i pazienti. I quattro pilastri della prevenzione

Opuscolo informativo per i pazienti. I quattro pilastri della prevenzione Opuscolo informativo per i pazienti I quattro pilastri della prevenzione La carie, le parodontiti e le erosioni La carie insorge quando la placca batterica, che aderisce sulla superficie dei denti, non

Dettagli

Parodontologia & Protesi Una meravigliosa opportunità per conservare i denti

Parodontologia & Protesi Una meravigliosa opportunità per conservare i denti Corso Teorico Pratico 2012 Parodontologia & Protesi Una meravigliosa opportunità per conservare i denti Dr. Alberto Fonzar Crediti Formativi (ECM) richiesti CORSO ANNUALE PER ODONTOIATRI Consigliata la

Dettagli

INDICE. Presentazione del Prof. Francesco Simionato. Prefazione del Dott. Gaetano Calesini. Premessa e ringraziamenti. Introduzione degli autori

INDICE. Presentazione del Prof. Francesco Simionato. Prefazione del Dott. Gaetano Calesini. Premessa e ringraziamenti. Introduzione degli autori INDICE Presentazione del Prof. Francesco Simionato Prefazione del Dott. Gaetano Calesini Premessa e ringraziamenti Introduzione degli autori CAPITOLO 1 La gestione del paziente CAPITOLO 2 La comunicazione

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara Tesi di Laurea in Igiene Dentale Anno Accademico 2010-2011 APPROCCIO INTEGRATO NELLA GESTIONE DELLA SALUTE ORALE DEI PAZIENTI PROTESICAMENTE RIABILITATI NELLA COMUNITÀ

Dettagli

NEWSINFORMAZIONI 2013

NEWSINFORMAZIONI 2013 NEWSINFORMAZIONI 2013 La nostra qualità non è un privilegio, ma uno standard per tutti i pazienti. Newsletter informativa destinata ai pazienti. conoscere la sicurezza studiata per voi. Dr. Talamona Franco

Dettagli

Guida per il paziente. Consigli utili per un sorriso sano

Guida per il paziente. Consigli utili per un sorriso sano Guida per il paziente Consigli utili per un sorriso sano 2 Denti sani per tutta la vita Hai parecchio da guadagnare dedicando ai tuoi denti qualche minuto di attenzione ogni giorno. Lo sapevi che una bocca

Dettagli

SORRIDI SEI CON BTK! ECCO LA GUIDA A TUTTO QUELLO CHE AVRESTI VOLUTO SAPERE SULL IMPLANTOLOGIA DENTALE. Lavoriamo con il sorriso, per il sorriso.

SORRIDI SEI CON BTK! ECCO LA GUIDA A TUTTO QUELLO CHE AVRESTI VOLUTO SAPERE SULL IMPLANTOLOGIA DENTALE. Lavoriamo con il sorriso, per il sorriso. SORRIDI SEI CON BTK! ECCO LA GUIDA A TUTTO QUELLO CHE AVRESTI VOLUTO SAPERE SULL IMPLANTOLOGIA DENTALE. Lavoriamo con il sorriso, per il sorriso. www.bioteconline.com SORRISO il nostro biglietto da visita

Dettagli

SPORCHICINI NASCOSTI TRA I DENTINI

SPORCHICINI NASCOSTI TRA I DENTINI Daniela Batisti SPORCHICINI NASCOSTI TRA I DENTINI Guida per mamme e papà alla prevenzione della carie Daniela Batisti, Sporchicini nascosti tra i dentini Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale

Dettagli

Come pulire i denti. su concessione dell Ambulatorio Odontoiatrico San Matteo - Fe

Come pulire i denti. su concessione dell Ambulatorio Odontoiatrico San Matteo - Fe Come pulire i denti su concessione dell Ambulatorio Odontoiatrico San Matteo - Fe HI-LUX LABORATORIO ODONTOTECNICO di Martello Francesco Via Modena, 191/A 44122 Ferrara Italy Tel 0532771296 Cell 3483919876

Dettagli

IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE E IPERATTIVITÀ: 7 CONSIGLI INVINCIBILI.

IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE E IPERATTIVITÀ: 7 CONSIGLI INVINCIBILI. IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE E IPERATTIVITÀ: 7 CONSIGLI INVINCIBILI. WWW.DIDATTICAPERSUASIVA.COM Per capire bene come si sente un bambino con DFICIT DI ATTENZIONE E IPERATTIVITA immagina di trovarvi

Dettagli

Nuove tecnologie cosmetiche di sbiancamento

Nuove tecnologie cosmetiche di sbiancamento Nuove tecnologie he di sbiancamento Per il mantenimento di un sorriso estetico Autori_G.M. Nardi*, F. Scarano Catanzaro**, Italia *Prof. aggr. (RUC), Sapieza Università di Roma, Dipartimento di Scienze

Dettagli

PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. I.C. Della Torre Scuola primaria D. Alighieri. di Gradisca d Isonzo. Comune di Gradisca d Isonzo

PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. I.C. Della Torre Scuola primaria D. Alighieri. di Gradisca d Isonzo. Comune di Gradisca d Isonzo PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE I.C. Della Torre Scuola primaria D. Alighieri di Gradisca d Isonzo Comune di Gradisca d Isonzo Indice QUADRO DI RIFERIMENTO E MOTIVAZIONI pag. 3 FINALITA, OBIETTIVI

Dettagli

La cura ottimale per i suoi impianti

La cura ottimale per i suoi impianti Informazioni per i pazienti sulla cura degli impianti dentali La cura ottimale per i suoi impianti Più che un restauro. Una nuova qualità di vita. Congratulazioni per i suoi nuovi denti. Gli impianti Straumann

Dettagli

Igiene orale Conoscenza e cura dell'apparato dentale

Igiene orale Conoscenza e cura dell'apparato dentale Scuola Primaria Paritaria «San Giuseppe» Foggia Igiene orale Conoscenza e cura dell'apparato dentale 17 e 24 aprile 2012 Dott. Felice Lipari odontoiatra IL SORRISO Ciao, amici, sapete che il nostro sorriso

Dettagli

Renzo Vianello Disturbi Pervasivi dello Sviluppo o Spettro autistico. Volume sulle Disabilità intellettive, cap. 5.

Renzo Vianello Disturbi Pervasivi dello Sviluppo o Spettro autistico. Volume sulle Disabilità intellettive, cap. 5. Renzo Vianello Disturbi Pervasivi dello Sviluppo o Spettro autistico Volume sulle Disabilità intellettive, cap. 5. I disturbi pervasivi dello sviluppo si caratterizzano per la presenza di disabilità almeno

Dettagli

COSA SONO I D.S.A.? circoscritte

COSA SONO I D.S.A.? circoscritte D.S.A. COSA SONO I D.S.A.? Si parla di D.S.A.quando un bambino mostra delle difficoltàcircoscrittenella lettura, nella scrittura o nel calcolo, in una situazione in cui lo sviluppo intellettivo ènella

Dettagli

Lenti, sequenziali e costanti Il funzionamento delle persone con autismo

Lenti, sequenziali e costanti Il funzionamento delle persone con autismo M. Castellaro, S. Musciacchio, M. Seira Ozino Tratto da Hygiene Tribune edizione italiana anno V n 1, allegata a Dental Tribune edizione italiana anno VIII n 4, aprile 2013 Lenti, sequenziali e costanti

Dettagli

GLI INDICATORI PER LA TERAPIA LOGOPEDICA NEL SOGGETTO AUTISTICO

GLI INDICATORI PER LA TERAPIA LOGOPEDICA NEL SOGGETTO AUTISTICO GLI INDICATORI PER LA TERAPIA LOGOPEDICA NEL SOGGETTO AUTISTICO A cura di Dr. M. Brighenti * A. Cinì** S. Isoli** M. Maffei** * Neuropsichiatra Infantile, Primario del II Servizio NPI e PEE dell Azienda

Dettagli

terapia della carie con ozono.

terapia della carie con ozono. Il vostro dentista consiglia: terapia della carie con ozono. "Per tutti quelli che danno importanza ad un trattamento delicato e approfondito!" 99,9% senza carie indolore 100% "Salve, io sono il Dott.

Dettagli

La Prima Visita. La raccolta delle informazioni. La visita di rivalutazione

La Prima Visita. La raccolta delle informazioni. La visita di rivalutazione Condurre una corretta visita odontoiatrica è l unico presupposto per la giusta diagnosi, per un efficace comunicazione tra medico e paziente, quindi per la condivisione ed il successo della terapia. La

Dettagli

LE DIFFICOLTÀ DI ATTENZIONE E DI IPERATTIVITÀ NEI BAMBINI E NEI RAGAZZI:

LE DIFFICOLTÀ DI ATTENZIONE E DI IPERATTIVITÀ NEI BAMBINI E NEI RAGAZZI: LE DIFFICOLTÀ DI ATTENZIONE E DI IPERATTIVITÀ NEI BAMBINI E NEI RAGAZZI: SPUNTI TEORICI E STRATEGIE DI INTERVENTO NELLA SCUOLA DELL INFANZIA 5 dicembre 2012 Federica Vandelli, Fabiana Zani STRUTTURA DELL

Dettagli

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità complesse della comunicazione che, in assenza di adeguati interventi, interferiscono in modo

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Riva del Garda. www.studiodentisticogiovannimanfrini.it

CARTA DEI SERVIZI. Riva del Garda. www.studiodentisticogiovannimanfrini.it CARTA DEI SERVIZI Riva del Garda www.studiodentisticogiovannimanfrini.it Lo Studio Lo Studio, all interno del quale operano solo medici specialisti del settore, odontoiatri e igienisti dentali, è specializzato

Dettagli

3M ESPE. Comfortable Oral Care. Il concetto di. sorriso sano. Clinpro Gel Clinpro Fluid

3M ESPE. Comfortable Oral Care. Il concetto di. sorriso sano. Clinpro Gel Clinpro Fluid 3M ESPE Comfortable Oral Care Il concetto di sorriso sano. Clinpro Gel Clinpro Fluid Profilassi sistematica con un programma di prodotti completo All avanguardia nel progresso scientifico Aroma gradevole

Dettagli

STRATEGIE DI MODIFICAZIONE ED INSEGNAMENTO DEL COMPORTAMENTO. Leone Elisa Educatrice professionale

STRATEGIE DI MODIFICAZIONE ED INSEGNAMENTO DEL COMPORTAMENTO. Leone Elisa Educatrice professionale STRATEGIE DI MODIFICAZIONE ED INSEGNAMENTO DEL COMPORTAMENTO Leone Elisa Educatrice professionale STRATEGIE DI MODIFICAZIONE DEL COMPORATMENTO Le strategie a cui si fa maggiormente riferimento per l acquisizione

Dettagli

LE DOMANDE PIU FREQUENTI AL VOSTRO DENTISTA:

LE DOMANDE PIU FREQUENTI AL VOSTRO DENTISTA: LE DOMANDE PIU FREQUENTI AL VOSTRO DENTISTA: Lo sbiancamento Posso fare lo sbiancamento? Ci sono determinate situazioni in cui lo sbiancamento non è utile o non avrebbe un buon risultato oppure ha delle

Dettagli

Autismo e scuola: aspetti organizzativi, obiettivi e modalità di apprendimento, relazione con i compagni.

Autismo e scuola: aspetti organizzativi, obiettivi e modalità di apprendimento, relazione con i compagni. Autismo e scuola: aspetti organizzativi, obiettivi e modalità di apprendimento, relazione con i compagni. Dott.ssa Cristina Gazzi Dott.ssa Elena Angaran PROGETTAZIONE ORGANIZZAZIONE DIDATTICA SPECIALE

Dettagli

ASPETTI GENETICI, FISICI, MOTORI, MEDICI.

ASPETTI GENETICI, FISICI, MOTORI, MEDICI. LEZIONE: LA SINDROME DI DOWN (PRIMA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 UN PO DI STORIA ----------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2

Dettagli

La diagnosi di autismo viene solitamente formulata facendo riferimento alle due principali classificazioni internazionali dei disturbi mentali: il

La diagnosi di autismo viene solitamente formulata facendo riferimento alle due principali classificazioni internazionali dei disturbi mentali: il La diagnosi di autismo viene solitamente formulata facendo riferimento alle due principali classificazioni internazionali dei disturbi mentali: il DSM - Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

che cos è la paradontologia?

che cos è la paradontologia? che cos è la paradontologia? La parodontologia è una disciplina di area odontoiatrica che promuove la salute dell individuo attraverso la prevenzione, la diagnosi e la terapia delle patologie che colpiscono

Dettagli

ESTETICA IN ODONTOIATRIA SOLUZIONI ESTETICHE PER MIGLIORARE IL SORRISO

ESTETICA IN ODONTOIATRIA SOLUZIONI ESTETICHE PER MIGLIORARE IL SORRISO ESTETICA IN ODONTOIATRIA SOLUZIONI ESTETICHE PER MIGLIORARE IL SORRISO Dott.ssa Federica Nosenzo Laurea in Odontoiatria e Protesi dentaria presso L Università di Milano Uni Ateneo Ivana Torretta Nerviano

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

PER NOI IL PAZIENTE È PRIMA DI TUTTO UNA PERSONA

PER NOI IL PAZIENTE È PRIMA DI TUTTO UNA PERSONA PER NOI IL PAZIENTE È PRIMA DI TUTTO UNA PERSONA Introduzione Il Consorzio D32 raccoglie studi professionali operanti nel campo della medicina dentale che si sottopongono costantemente e volontariamente

Dettagli

Presidente SINPIA AUSL Ravenna Responsabile Comitato Scientifico Programma Autismo Regione Emilia-Romagna

Presidente SINPIA AUSL Ravenna Responsabile Comitato Scientifico Programma Autismo Regione Emilia-Romagna Centro Studi Erickson Autismi. Dai bambini agli adulti, dalla famiglia alla società I Servizi per l Autismo: la situazione italiana Franco Nardocci Presidente SINPIA AUSL Ravenna Responsabile Comitato

Dettagli

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le seguenti undici competenze chiave del coaching sono state sviluppate per fornire una maggiore comprensione rispetto alle capacità ed agli approcci

Dettagli

Lo spazzolino adeguato per ogni esigenza specifica

Lo spazzolino adeguato per ogni esigenza specifica Lo spazzolino adeguato per ogni esigenza specifica Per una protezione quotidiana dalla carie accurata dei colletti dentali scoperti efficace ma delicata del margine gengivale Balsamo per le gengive Nuovo

Dettagli

Anestesia Locale Indolore

Anestesia Locale Indolore Anestesia Locale Indolore Particolare cura a non far avvertire disagi durante l'effettuazione della Anestesia Locale MicroDose Test iniziale, per valutare eventuali reazioni con dosi farmacologiche minime.

Dettagli

LE DOMANDE PIU FREQUENTI AL VOSTRO DENTISTA:

LE DOMANDE PIU FREQUENTI AL VOSTRO DENTISTA: Lo sbiancamento Posso fare lo sbiancamento? Ci sono determinate situazioni in cui lo sbiancamento non è utile o non avrebbe un buon risultato oppure ha delle controindicazioni. E consigliabile eseguire

Dettagli

TRATTAMENTO ORTODONTICO NEL PAZIENTE ADULTO. Tommaso Favale, Lucia Giannini

TRATTAMENTO ORTODONTICO NEL PAZIENTE ADULTO. Tommaso Favale, Lucia Giannini TRATTAMENTO ORTODONTICO NEL PAZIENTE ADULTO Tommaso Favale, Lucia Giannini RIABILITAZIONE ORALE IN PAZIENTI ADULTI 1970 meno del 5% dei pazienti ortodontici aveva più di 18 anni 1990 25% del totale 2000

Dettagli

ImPIANtI dentali. LA migliore SoLuZIoNe A LuNGo termine

ImPIANtI dentali. LA migliore SoLuZIoNe A LuNGo termine ImPIANtI dentali LA migliore SoLuZIoNe A LuNGo termine 1. Sorriso & funzione Nei rapporti di ogni giorno il sorriso ci aiuta a comunicare: è il miglior modo di dimostrare affetto, aiuta a socializzare,

Dettagli

La libertà di sorridere

La libertà di sorridere Impianti da vivere just smile La libertà di sorridere Il sorriso apre le porte, dà fiducia, a chi lo fa e a chi lo riceve, migliora le relazioni. Una dentatura sana è sinonimo di positività, di vitalità,

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI. Piazza Tiepolo, 3 06024 GUBBIO (PG) ITALIA e-mail: markpasco@marcopascolini.191.it Fax 075.922.85.39 Tel. 075.922.23.

GUIDA AI SERVIZI. Piazza Tiepolo, 3 06024 GUBBIO (PG) ITALIA e-mail: markpasco@marcopascolini.191.it Fax 075.922.85.39 Tel. 075.922.23. GUIDA AI SERVIZI LA STRUTTURA SANITARIA Studio dentistico ove si eseguono prestazioni diagnostiche e terapeutiche di tipo specialistico odontoiatriche in tutte le sue diverse branche. Prestazioni sanitarie

Dettagli

Dott.ssa Gloria Funiciello

Dott.ssa Gloria Funiciello MANUALE PRATICO DI PREVENZIONE DENTALE PER TUTTA LA FAMIGLIA A Cura della Dott.ssa Gloria Funiciello Odontoiatra e Specialista in Ortodonzia e Gnatologia Quando un bel SORRISO vuol dire BUONA SALUTE! La

Dettagli

Sbiancamento dentale. Perché sbiancare i denti!

Sbiancamento dentale. Perché sbiancare i denti! Sbiancamento dentale Perché sbiancare i denti! Il sorriso e i denti di una persona sono tra le prime cose che noi guardiamo quando comunichiamo con gli altri. Un bel sorriso dà un'idea di igiene, di ordine,

Dettagli

AUTISMO Cos e? E un disturbo che si presenta entro i primi 30 mesi di vita.

AUTISMO Cos e? E un disturbo che si presenta entro i primi 30 mesi di vita. AUTISMO Cos e? E un disturbo che si presenta entro i primi 30 mesi di vita.. E una compromissione qualitativa dell interazione sociale (= rende problematica la relazione con il bambino) un disturbo della

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PuntoEDA ATA art.7 del CCNL 7.12.2005 per il secondo biennio economico 2004/05

CORSO DI FORMAZIONE PuntoEDA ATA art.7 del CCNL 7.12.2005 per il secondo biennio economico 2004/05 CORSO DI FORMAZIONE PuntoEDA ATA art.7 del CCNL 7.12.2005 per il secondo biennio economico 2004/05 INTERVENTO SEMINARIALE I.T.I.S. A. D Aosta L Aquila 29 Maggio 2007 Accoglienza e assistenza agli alunni

Dettagli

LO STAFF STUDIO DOTT. ANGELO NATIVIO

LO STAFF STUDIO DOTT. ANGELO NATIVIO orari di apertura: martedì, lunedì, mercoledì ore ore 9.00-12.30 LO STAFF DOTTOR ANGELO NATIVIO Iscritto presso l Ordine dei Medici di Roma posizione 3917 Laurea con Lode in Odontoiatria e Protesi Dentaria

Dettagli

Gengivite e parodontite

Gengivite e parodontite Gengivite e parodontite Opuscolo informativo per il paziente La malattia parodontale (chiamata anche parodontite, parodontosi, piorrea, parodontopatia) è una infezione batterica che colpisce il parodonto,

Dettagli

INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE

INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE Francesco Albanese, 67 anni Ex titolare di una impresa edile Operato 5 anni fa di protesi alle ginocchia Sul sito web www.storiedivitainmovimento.it

Dettagli

Sindrome Autistica: DI COSA PARLIAMO?

Sindrome Autistica: DI COSA PARLIAMO? Sindrome Autistica: DI COSA PARLIAMO? DATI STATISTICI La sindrome autistica non presenta prevalenze geografiche o etniche, ma colpisce maggiormente i maschi rispetto alle femmine in un rapporto di 4 maschi

Dettagli

UNA SCUOLA PER AMARE

UNA SCUOLA PER AMARE UNA SCUOLA PER AMARE L iniziativa UNA SCUOLA PER AMARE vuole essere una chiave d accesso per entrare nelle scuole, ma soprattutto nella sfera affettiva dei giovani, alla quale durante il percorso scolastico

Dettagli

Impianti dentali. La soluzione più naturale, estetica e sicura

Impianti dentali. La soluzione più naturale, estetica e sicura Impianti dentali La soluzione più naturale, estetica e sicura Sorridete con naturalezza Gli impianti dentali sono reali come un dente: affidabili, durevoli, estetici e funzionali Gli impianti: cosa sono?

Dettagli

TECNICHE E STRATEGIE DI INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO. Dott.ssa Giada Barbi

TECNICHE E STRATEGIE DI INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO. Dott.ssa Giada Barbi TECNICHE E STRATEGIE DI INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO Dott.ssa Giada Barbi Perchè ci servono tecniche specifiche? Secondo la prospettiva comportamentale, l'autismo è una sindrome caratterizzata da carenze

Dettagli

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA Prefazione Alla fine degli anni 90, i programmi di controllo della tubercolosi (TBC) in Italia sono stati adeguati alla mutata realtà epidemiologica, caratteristica di un

Dettagli

IMPLANTOLOGIA. sono fatto così. come funziono I TUOI DENTI: BENESSERE E SALUTE

IMPLANTOLOGIA. sono fatto così. come funziono I TUOI DENTI: BENESSERE E SALUTE IMPLANTOLOGIA I TUOI DENTI: BENESSERE E SALUTE Un bel Sorriso è il nostro primo biglietto da visita, la prima espressione di benessere interiore e armonia estetica. A causa dell età, carie, malattie o

Dettagli

ESPERIENZE DI ROBOTICA EDUCATIVA NELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ESPERIENZE DI ROBOTICA EDUCATIVA NELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

ESPERIENZE DI ROBOTICA EDUCATIVA NELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ESPERIENZE DI ROBOTICA EDUCATIVA NELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ESPERIENZE DI ROBOTICA EDUCATIVA NELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ESPERIENZE DI ROBOTICA EDUCATIVA NELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Collamati Beatrice Scuola secondaria di I grado di Stresa

Dettagli

LINGUAGGIO E DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO

LINGUAGGIO E DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO Congresso Nazionale degli psicomotricisti LINGUAGGIO E DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO 1 Elettra Trucco Borgogna Il nostro gruppo opera da oltre vent anni nel Reparto Ospedaliero dell Istituto Audiologia dell

Dettagli

Ortodonzia vestibolare e linguale L Ortodonzia studia il corretto allineamento dei denti nelle rispettive arcate, corregge anomalie e malocclusioni, sia nei bambini che negli adulti. Le nostre apparecchiature

Dettagli

Le tue gengive. La tua salute.

Le tue gengive. La tua salute. Noi tutti pensiamo che il colesterolo sia importante per la malattia cardiaca. La salute delle vostre gengive è un più importante fattore indicativo se avrete un infarto cardiaco o meno. Mehmet C. Oz,

Dettagli

Lo Studio Dentistico Chiavassa vi da il benvenuto! Vogliamo che le nostre poltrone siano prima di tutto un luogo di relax.

Lo Studio Dentistico Chiavassa vi da il benvenuto! Vogliamo che le nostre poltrone siano prima di tutto un luogo di relax. Lo Studio Dentistico Chiavassa vi da il benvenuto! Ospiti, non pazienti. È una differenza sostanziale per noi! Il nostro team si impegna quotidianamente affinché l esperienza vissuta dal paziente sia sempre

Dettagli

Corso di formazione Autismo CTI di Cantù 2 17 novembre 2015 orario 15.00-18.00

Corso di formazione Autismo CTI di Cantù 2 17 novembre 2015 orario 15.00-18.00 Corso di formazione Autismo CTI di Cantù 2 17 novembre 2015 orario 15.00-18.00 Relatrice: Jessica Sala jessica.sala.lc@istruzione.it IL MENÙ DI OGGI 1.Visione corto-animato «Mon petit frére de la lune»

Dettagli

CLASSIFICAZIONI E DIAGNOSI IN NEUROPSICHIATRIA INFANTILE

CLASSIFICAZIONI E DIAGNOSI IN NEUROPSICHIATRIA INFANTILE CLASSIFICAZIONI E DIAGNOSI IN NEUROPSICHIATRIA INFANTILE Dott.ssa Luisa Calliari Rovereto, 9 ottobre 2008 1 REGOLAMENTO PER FAVORIRE L INTEGRAZIONE E L INCLUSIONE DEGLI STUDENTI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

Dettagli