Principio dell isonomia e giurisprudenza in Brasile, un Paese di civil law ( 1 ) Questa mia presentazione dovrà dividersi in tre parti.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Principio dell isonomia e giurisprudenza in Brasile, un Paese di civil law ( 1 ) Questa mia presentazione dovrà dividersi in tre parti."

Transcript

1 Principio dell isonomia e giurisprudenza in Brasile, un Paese di civil law ( 1 ) Teresa Arruda Alvim Wambier Libero docente, dottore e master in Giurisprudenza alla PUC-SP. Professoressa nei corsi di laurea, specializzazione, master e dottorato presso la stessa Istituzione. Professoressa nel corso di master all UNIPAR. Presidente dell IBDP. Membro dell International Association of Procedural Law, dell Instituto Ibero-americano de Direito Processual, dell Instituto Panamericano de Derecho Procesal, dell International Bar Association, dell Academia de Letras Juridicas do Paraná e São Paulo, dell IARP, IASP, AASP e IBDFAM. Relatrice Generale della Commissione di Giuristi nominata dal Senato per l elaborazione di un nuovo Codice di Processo Civile. Avvocato. Questa mia presentazione dovrà dividersi in tre parti. Nella prima parte, dirò qualcosa sulla necessità che esiste, anche nei paesi detti di civil law (quindi nei paesi in cui il guidice decide secondo la legge) che la giurisprudenza consolidata e uniforme sia rispettata. Sottolineo questo punto perché molti processualisti di prestigio a livello nazionale continuano a sostenere che il rispetto ai precedenti é un qualcosa di non armonico nel nostro sistema. Essi dicono che nel civil law, i giudici devono obbedienza alla legge e nient altro. Questa é un affermazione che a prima vista sembra suggerire un diritto piú rigido, una situazione che porta a maggior sicurezza e prevedibilitá. 1 ) Si tratta del testo della relazione presentat alla conferenza tenuta a Torino, il 2 dicembre

2 Ma ció, é chiaro, non é che frutto d ingenuitá, o, peggio, d un qualche artificio demagogico. Politicamente, suona bene dire che il giudice deve obbedire alla legge, e non ai Tribunali. Intanto, in realtá ció non esiste. Nessuno obbedisce alla legge, ma alla legge interpretata. Tale fenomeno diventa piú visibile se si asservano le tecniche abitualmente (oggigiorno) utilizzate dal legislatore per redigere i testi delle leggi. Egli, per dribblare la complessitá del mondo reale, introduce nel testo della legge una quantitá immensa di concetti vaghi, clausole generali, ogni volta di più, e attualmente si ammette apertamente che principii disimpegnino un ruolo rilevante nel fondamento delle decisioni giudiziali. Quindi, oggigiorno la possibilità di risultati diversi del processo interpretativo è ogni giorno più visibile. La seconda parte sarà dedicata a descrivere la caotica situazione che esiste oggigiorno in Brasile, gli strumenti processuali che sono stati creati per affrontare questo problema e quelli che saranno creati dal nuovo codice di procedura civile brasiliano. Sembra che il legislatore brasiliano si sia effettivamente reso conto che questa necessità esiste. Quindi, da più di dieci anni, include nella legge istituti che valorizzano la giurisprudenza consolidata e stimulano i giudici a rispettarla. 2

3 Nel 2004, ha avuto luogo persino una modificazione della Costituzione Federale, essendo stata creata la Súmula Vinculante 2, di cui si parlerà ancora, più avanti. Pare che gli unici a non convincersi di questa necessitá siano gli stessi magistrati. Purtoppo, anche quelli dei nostri Tribunali Superiori. Poi, per concludere, tenterò di fare delle distinzioni importanti tra i casi in cui, secondo me, la giurisprudenza non deve cambiare (perchè i cambiamenti del diritto devono esser opera del legislatore e non del giudice) ed i casi in cui il cambiamento della giurisprudenza è salutare per il sistema, perchè lo sviluppo del diritto, proprio in questi casi, è più opera dei Tribunali che del legislatore. 1) Io comincerei con il dire che parto da due affermazioni, che considero vere, da cui decorrono tutte le considerazioni successive. Tali veritá sono che il diritto ha due funzioni: a) generare sicurezza e b) offrire adattabilitá. Queste due funzioni sono anche le funzioni del Potere Giudiziario. Infatti il ruolo del Potere Giudiziario non puó essere che quello di fare in modo che il Diritto compia la sua funzione. Ma i cambiamenti della giurispreudenza che sono da me duramente criticati da un bel tempo non hanno niente a che vedere con la necessità di adattabilitá del diritto alla realtá sociale. Assolutamente, no. 2 Art. 103-A, CF. 3

4 L impressione che si ha, giaché il Brasile é un Paese in evidente sviluppo, é che esiste una specie d ebollizione nel Potere Giudiziario, e che ogni giudice vuol fare la sua parte, lasciare il suo segno. Molti lo fanno per idealismo, altri per vanitá. Pare che la fase in cui siamo stimoli questo attivismo, anche in campi in cui, effetivamente, non é benvenuto. Oltretutto viviamo in un Paese immenso in cui ci sono profonde differenze culturali. Il Sud é un Paese diverso dal Nord. Ció interferisce persino nel deplorevole livello della corruzione della magistratura purtroppo in buona parte del Paese, più al Nord che al Sud. La dispersione giurisprudenziale, di fatto, esiste in tutta l America latina, in Paesi che hanno queste stesse caratteristiche. Le eccezioni sono il Cile e la Costa Rica. Oggigiorno, noi viviano una fase che potrebbe qualificarsi come caotica. Certamente non è questo che si é voluto quando si sono concepiti i nostri sistemi di civil law! Di sicuro, non era questo che dovrebbe avvenire in decorrenza dell applicazione della regola secondo cui il giudice puó interpretare le leggi in conformitá con la propria convinzione. Infatti, il senso vero di questa regola, é che il Potere Giudiziario deve interpretare la legge. Se questo accade, si considera rispettata la tripartizione delle funzioni del Potere. Ma è evidente che tale regola non può significare che ogni giudice possa interpretare la legge secondo la propria convinzione! 4

5 Se i magistrati agiscono così, si capisce che abbiano perduto la nozione che il principio di legalitá, base di qualsiasi Stato di Diritto, dev essere applicato insieme con il principio d isonomia, pena mettere a repentaglio la sua ragione d essere. Sí, perché la ragione di essere del principio di legalitá é offrire prevedibilitá. Tale prevedibilitá é debilitata quando la stessa norma puó essere interpretata, indefinitamente nel tempo, in modi diversi dai tribunali. Quindi, uno standard di comportamento, che dá sicurezza al cittadino si trasforma in 2, in 3, in 4 regole differenti e, quindi, egli non sa piú quale di esse deve orientare la sua condotta. Questo é un problema che esiste in Brasile: abuso evidente della regola nel senso che ogni giudice puó interpretare il diritto secondo la propria convinzione personale. Tribunali Superiori. É comune la riluttanza dei tribunali a seguire l orientamento dei Intanto ció che preoccupa maggiormente é che anche questi tribunali che giudicano ricorsi di stretto diritto di cui la funzione costituzionalmente atribuita, è quella di orientare gli altri organi del Poter Giudiziario, non abbiano un orientamento giurisprudenziale stabile. Essi alterano la stessa giurisprudenza dominante in questione di mesi o di settimane! E ci sono anche orientamenti diversi, contemporaneamente (cioé nello stesso 5

6 momento storico) anche nell ambito interno di questi tribunali, provenienti da organi frazionari differenti. È rilevantissimo che si dica che questi fenomeni hanno luogo, puramente e semplicemente, per divergenza di opinione. Cioè non esiste un atteggiamento culturale di rispetto alla giurisprudenza consolidata della Corte, del Tribunale. Alle volte, si ha l impressione che i ministri, anche se devono decidere una quaestio iuris sulla quale ci sono parecchie decisioni anteriori, lo fanno come se ció avvenisse per la prima volta. Tanto é vero che il caso piú comune é che l alterazione di un orientamento di tribunale coincida con il cambiamento della sua composizione umana: ossia, un giudice muore, un altro va in pensione e le decisioni dell organo giurisdizionale cominciano ad essere diverse. E le divergenze avvengono su questioni di puro diritto. Non su quelle in cui si devono prendere in considerazione le peculiaritá del caso concreto. Non su ció che riguarda temi che sono disciplinati per legge, e che questa puó e deve essere intesa in modi diversi con il passare del tempo! Con questo voglio dire che è naturale che la giurisprudenza cambi, quando si tratta di sapere che cosa significhi per esempio moglie onesta, castigare moderatamente (i figli) o il contenuto del principio d'isonomia. Le decisioni giudiziali possono variare con il passare del tempo, in base a un medesimo testo di legge, quando si affrontano temi come questi. O, ancora, 6

7 quando per esempio si tratta di sapere se lo stesso principio viene rispettato in un certo caso concreto. In determinati momenti storici, si puó considerare di sí; in altri, di no. E la situazione puó essere la stessa. I casi in cui i nostri Tribunali cambiano d improvviso le proprie decisioni sono purtroppo numerosi. Questioni tributarie, di diritto previdenziario e anche processuali. Merita citazione: il termine a quo per la ação rescisória 3 (qualcosa di molto simile alla revocazione del diritto italiano) quando ci sono due cose giudicate nello stesso processo, formate in momenti diversi. I membri del nostro STJ (Superiore Tribunale di Giustizia) discutono ancora l ambito della cosa giudicata nelle azioni collettive. La cosa giudicata riguarderebbe solo la Stato Federato? Oppure l intero Paese? questo problema. 2) Vediamo adesso le tecniche che ci sono attualmente per risolvere Affinché si possa comprendere quanto è drammatico il panorama brasiliano, occorre riferire che il numero dei processi è spaventosamente elevato. Abbiamo, infatti, circa processi in corso e, allo stato, i nostri Tribunali superiori decidono circa di / ricorsi all anno. Adesso questo numero non è piu cosi spaventoso per il Supremo Tribunla Federal, perchè noi abbiamo, dal 2004, un filtro simile al Grundsätzlichebedeutung del dirritto tedesco. 3 Art. 485, CPC. 7

8 Il Supremo Tribunal Federal è composto però soltanto da 11 giudici (Ministri); nel Superiore Tribunale di Giustizia c è ne sono È quindi materialmente impossibile che un numero così esiguo di giudici possa svolgere una tale mole di lavoro. Pertanto, ciascuno di essi è adiuvato da assistenti (assessori), per la verità da moltissimi assistenti. Questo quadro non può pertanto che determinare una situazione di incoerenza interna, una mancanza di armonia delle decisioni e, conseguentemente, un discredito del Potere Giudiziario. È pertanto alla luce di questo scenario che si deve capire la dimensione del nostro problema. Quello che esiste già è un tipo di ricorso che ha come scopo quello di uniformare la giurisprudenza interna dei Tribunali superiori, che si chiama embargos de divergência 5. Quando un recurso especial ( questioni legali) oppure un recurso extraordinario ( questioni constituzionali) sono decisi ed esiste un altra sentenza, anteriore, dello stesso Tribunale, in senso diverso, questo ricorso può essere utilizzato. Si capisce dunque che il Tribunale dovrebbe essere il grande interessato ad accogliere questo ricorso, giacchè, quando un Tribunale ha la giurisprudenza uniformata su una questione di diritto, significa necessariamente che ci saranno meno (o non ci saranno) dei ricorsi su questo punto. Invece, quando ci sono delle divergenze interne, gli avvocati sempre tentano, e non hanno torto! Ma, chi lo sa perchè, i Tribunali Superiori dimostrano un'incredibile e sorprendente malavoglia nei confronti di questo ricorso e fanno 4 Art. 101 e art. 104, CF. 5 Art. 546, CPC. 8

9 di tutto per trovare una ragione, anche se non giuridica, per considerarlo inammissibile. L altra via che ci porta ad un risultato più isonomico e contribuisce anche a diminuire il sovraccarico di lavoro dei Tribunali Superiori è un regime giuridico speciale, creato recentemente dalla legge, per decidere insieme ricorsi che girano intorno alla stessa quaestio iuris 6. Questo è frequente quando si tratta di azioni contro le istituzioni bancarie, contro industrie (azioni dei consumatori), e contro il governo poichè noi non abbiamo i Tribunali amministrativi. In questi casi, quando ci sono 200, 300, 400 ricorsi presso i tribunali di secondo grado, che probabilmente arriveranno ai Tribunali Superiori, questi tribunali possono scegliere un ricorso che sia rappresentativo della controversia e deciderlo. Quello che deciderà il Tribunale sulla quaestio iuris del ricorso scelto (che è la stessa degli altri 300 pendenti), dovrà, in un certo modo, essere rispettato dai Tribunali di secondo grado. La legge non lo dice chiaramente, ma è così. E poi, il terzo metodo che mi pare abbastanza efficiente è la Súmula Vinculante, introdotta nel diritto brasiliano nel 2004, per un cambiamento nella nostra Costituzione Federale 7. 6 Arts. 543-B e art. 543-C, CPC. 7 Art. 103-A, CF (Aggiunto da emendamento costituzionale nº 45, 2004). 9

10 Ci sono degli autori che insistono nell idea che si tratti di un istituto ispirato al common law. Ma io vi dico il contrario e vi spiego il perchè. Non si tratta affatto di un precedente vincolante (binding precedent). Consiste in un tipico fenomeno di civil law: non si tratta, come ho detto, di un precedente vincolante, ma della vincolazione di una linea di giurisprudenza reiterata, anteriore, in un senso determinato, del Supremo Tribunal Fereral e su questioni costituzionali, che è, per cosi dire, riassunta nella súmula. Rispettare una linea di giurisprudenza reiterata, di un Tribunale Superiore è un fenomeno tipico del Civil Law. Quindi, la súmula vinculante non sarebbe neanche necessaria, se ci fosse questa cultura. E non ha ninete a che vedere con il Common Law. Questi tre metodi rispettano direttamente la giurisprudenza, ma ci sono altre figure, altri istituti il cui scopo è generare rispetto al principio dell uguaglianza, come, per esempio, le azioni collettive 8, abbastanza svillupate nel diritto brasiliano, e l azione declaratoria d incostituzionalità 9, che non ha questo scopo, ma lo raggiunge senz altro. In Brasile, le azioni collettive possono avere come scopo, oltre che proteggere un diritto veramente coletivo, come, per esempio, il diritto di respirare l aria pura (che appartiene a tutti), quello di far valere anche i diritti 8 Lei n /1985 Lei da Ação Civil Pública e art. 81, CDC. 9 Art. 102, a, CF. 10

11 detti individuali omogenei 10. Un esempio di questi diritti sarebbe quello di un gruppo di consumatori, i cui membri hanno tutti comprato una Fiat, anno 2012, con un difetto al cambio. Invece che ognuno dei consumatori prenda l iniziativa di fare causa alla Fiat, ci può essere una sola azione, mossa da un associazione di consumatori e la sentenza, se favorevole, toccherá/abbraccerá tutti i compratori lesi dall'acquisto di una Fiat difettosa. Questa tecnica, certamente, contribuisce alla diminuzione del sovraccarico dei Tribunali e porta alla realizzazione concreta del principio d'isonomia, giacché tutti coloro che hanno lo stesso problema saranno contemplati dalla medesima soluzione, fornita dalla sentenza. Finalmente, l azione declaratoria d incostituzionalità è il controllo concentrato, secondo il modello austriaco, in cui il merito è la compatibilità della legge con la Costituzione Federale. La sentenza ovviamente ha effetti erga omnes e ex tunc 11, ma è possibile la modulazione", in certi casi, secondo il criterio del giudice 12. procedura civile? 2 A) Cosa c è di nuovo nel disegno di legge per un nuovo codice di Prima di tutto, l incidente di resolução di azioni ripetitive 13. Trattasi della possibilità che il giudice di prima instanza, rendendosi conto che sta davanti ad un caso concreto che può suscitare questo incidente, chieda al 10 Art. 81, III e art. 91 e seggs., CDC. 11 Art. 102, 2.º, CF. 12 Art. 27, Lei n.º 9.868/99 e art. 11, Lei n.º 9.882/ Art. 988 e segg. del disegno di legge. 11

12 tribunale (2.º grado) di decidere la quaestio juris. I casi che possono generare l apparizione di questo incidente sono quelli che potenzialmente rappresentano un rischio di moltiplicazione di molti altri processi identici. La decisione sulla quaestio juris avrà effetto vincolante su tutti i giudici di primo grado che dovranno rispettar la decisione del Tribunale e decidere le loro cause individuali, laddove possano sorgere altre questioni. È un istituto molto simile al Musterverfahren del diritto tedesco. Poi, il nuovo codice prevede una serie di principi, che saranno allora diritto positivo, di cui i destinatari sono i Tribunali. Si dice nel codice disegnato che i Tribunali debbono creare una giurisprudenza uniforme e stabile, che la giurisprudenza dei Tribunali Superiori deve orientare gli organi inferiori (Tribunali di secondo grado e giudici di primo grado) e che, prima di cambiare la loro giurisprudenza consolidata, debbono prendere in considerazione la necessità di sicurezza giuridica, di previdibilità. Ma se un Tribunale Superiore decide di cambiare l orientamento, deve dire il perchè, motivare densamente la nuova decisione e confutare le ragioni su cui la posizione superata si basava. In quest opportunitá, il Tribunale puó modulare gli effetti del nuovo intendimento 14. Questa è forse una delle più interessanti novità del nuovo codice. Classicamente, si dice que una decisione giudiziale non genera degli effetti diretti che nei confronti delle parti. La cosa giudicata, ordinariamente, opera tra le parti, attore e convenuto. Quindi, gli autori classici non sarebbero in grado di capire questo fenomeno. Ora, se un Tribunale cambia il suo orientamento su un tema 14 Art. 520 e segg. del disegno di legge. 12

13 giuridico, in un processo fra Giovanni e Maria, l effetto della sua decisione atinge Giovanni e Maria. Cosa significa, dunque, questa modulazione? che effetti riguarderebbe? Soltanto una postura impregnata di pragmatismo é capace di comprendere e spiegare il fenomeno della modulazione, poiché esso é la risposta alla constatazione di un fenomeno che avviene nella vita reale, ma anche la concezione classica dei sistemi di civil law non ammette e molto meno chiarisce. La modulazione del efetto del cambiamento di giurisprudenza é frutto dela coscienza della funzione creativa del giudice. Con ció voglio dire che si ammette che le decisioni giudiziali producono effetti nella comunitá giuridica in generale, creano regole di comportamento per la società, completano il senso della norma, il disegno finale del diritto. Dunque, in una certa misura, se viste come precedenti, esse si destinano a un pubblico piú ampio di quello formato dalle parti, Giovanni e Maria. E che fare con le decisioni passate in giudicato, tra Giuseppe e Rita, alla luce dell orientamento anteriore? In Brasile, si pensa su ação rescisória 15, qualcosa di simile alla revocazione, del diritto italiano. É per questo che abbiamo deciso di prevedere nella legge la possibilitá che il Tribunale determini l efficacia del proprio cambiamento di 15 Art. 485, CPC e art. 978 del disegno di legge. 13

14 posizione, determinando se, per la comunitá, quella nuova orientazione avrá effetti ex tunc ou ex nunc. Questa regola esiste giá per l azione declaratoria d incostituzionalitá, prevista espressamente nella legge, ma in tal caso, anche la dottrina piú conservatrice puó spiegare questa possibilitá, giacché questa azione produce, ex legge, effeti erga omnes. E lo stesso se deve dire della súmula vinculante. 3) La necessità di rispetto ai precedenti, di uniformare la giurisprudenza, nasce dalla costatazione inevitabile che il giudice crea il diritto. In misure diverse, ma lo fa. E questo può aver luogo in casi molto semplici. Per esempio: la legge dice che la madre ha una licenza di tre mesi dopo la nascita del figlio. Ma, e se il figlio non è naturale, ma è stato adottato? Il giudice deve decidere se la parola madre comprende madre naturale e madre adottiva o solo la prima. D'altra parte, le tecniche redazionali delle leggi del secolo XXI sono molto cambiate. Le leggi contengono spesso elementi che danno al giudice una dose visibile di libertà d interpretazione, il che significa in molti casi mettere sulla bocca del legislatore quello che non ha detto. In molti casi, perchè non l ha voluto, quando si tratta, per esempio, delle clausole generali. 14

15 Queste tecniche sono dei pori per mezzo il diritto dei quali si comunica con la realtá, permettendo che essa entri e diventi anch essa giuridica: sono i principii giuridici, le clausole generali, i concetti indeterminati. Essi danno vita al diritto e concistono in modelli piú flessibili perché il gudice decida. Adattano il Diritto ai cambiamenti sociali, fanno in modo che la decisione sia concepita specificamente per quel peculiare caso concreto. E anche in questi casi la giurisprudenza deve essere uniformata, perchè se si tratta di una nuova regola, deve valere per tutti. Ci sono degli esempi interessanti di applicazione di questi parametri più flessibili. Esempi estratti dalla nostra giurisprudenza: Nonni aspirano al diritto di vedere i nipoti, i cui genitori sono divorziati. La legge non lo prevede, ma il giudice concede, basandosi sull idea di abuso di patrio potere. Il nostro nuovo Codice Civile (2002) dice que la proprietà ha una funzione sociale 16. Si capisce come sia difficile applicare questa clausola generale ad um caso concreto. C è stata una decisione molto creativa ed a mio avviso assolutamente armonica con la Constituzione Federale, in cui un Ministro ha deciso che nei confronti di una parte della terra che era stata espropriata dal governo, per ragioni di pubblico interesse, l'indennizzo non era dovuta perchè il proprietario ci piantava degli sostanze stupefacenti Art , 1.º, CC. 17 STF, RE /MG, Tribunal Pleno, j , v.u., rel. Min. Eros Grau, DJe

16 Anche in questi casi, come si vede, é necessaria l uniformizzazione. Perchè le regole valgono per tutti. E vediamo un esempio, molto conosciuto, bello ed interessante del cambiamento della giurisprudenza. Per lungo tempo si é considerato, negli Stati Uniti, che l esistenza di scuole separate per neri e per bianchi, purchè avessero lo stesso livello di qualitá, non contrastasse con il principio d isonomia. Oggi, evidentemente, questo intendimento é superato. Non possono esserci scuole per bianchi e scuole per neri, pena la presenza di una flagrante violazione del principio d isonomia. È cambiata la realtá ed é cambiato correlatamente il senso che dev essere estratto dal testo in cui si dichiara che tutti devono essere trattati in modo isonomico. Questo sí è un cambiamento legittimo della giurisprudenza, che ha avuto luogo non in un mese, o in un anno, ma in decenni. Ed io aggiungerei, proprio perchè questa osservazione mi sembra assai interessante, che in questi settori dove il diritto è, per cosi dire, più flessibile, è possibile ci sia una certa influenza dei precedenti stranieri. Ci sono degli esempi curiosi. In Brasile, la prima sentenza in cui si ha considerato che l unione tra due persone dello stesso sesso può essere classificata come famiglia, è stata basata su dei principi costituzionali, 16

17 principalmente quello dell uguaglianza e quello della dignità umana 18, e anche su dei precedenti americani, canadesi, olandesi ecc. Si vede dunque, ancora una volta che anche in questi casi, uniformare dopo il cambiamento è assolutamente imprescindibile. Questi campi del diritto sono proprio quelli in cui lo sviluppo del diritto ha luogo soprattutto come risultato del lavoro dei giudici: diritto di famiglia, diritti dell uomo, diritti fondamentali ecc. Questo accade perchè i principii che stanno alla base di questi rami del diritto sono più flessibili e di solito antepongono la necessità di adattamento alla previdibilità e alla sicurezza. Ma i cambiamenti della giurisprudenza, anche in questi campi del diritto dove essi sono benvenuti, non possono mai essere bruschi, repentini. Alterazioni nei costumi, nelle verità morali di uma società ci mettono anni/impiegano anni (quest'ultimo é meno colloquiale) a realizzarsi. Perció la correlata alterazione del diritto, che in questi casi, é in effetti normalmente opera dei giudici, deve accadere lentamente. Non é ció che succede in Brasile. Avvengono alterazioni dove non dovrebbero avvenire, e a una velociá inaccettabile. 18 STF, RE /MG, 2.ª T., j , v.u., rel. Min. Celso de Mello, DJe

18 Quali sono i campi dove, secondo me, lo sviluppo del diritto non può essere opera dei giudici? Quando si tratta di un ramo del diritto dove i principi e le regole generali sono duri, rigidi, come accade per esempio nel diritto penale o nel diritto tributario i cambiamenti del diritto devono essere opera del legislatore, perchè i principii che sono alla base di questi settori del diritto danno importanza soprattutto alla necessità di sicurezza e di prevedibilità, come, per esempio, il nullum crimen, nulla poena sine lege 19 oppure il principio dell annualità (le imposte create in un anno determinato valgono soltanto per l anno seguente) 20. Quindi il diritto tributario e penale (ed altri) non devono cambiare (svilupparsi) per opera dei Tribunali e la giurisprudenza, à son tour, non deve, una volta uniformata, cambiare. Infatti, in questi campi del diritto, non si può negare che il rispetto ai precedenti è un metodo che rappresenta una migliore efficienza dell attività giudiziaria sotto il profilo della superiore velocità del processo decisorio, e quindi della superiore efficienza del Potere Giudiziario. Si rispetta il principio dell uguaglianza e si crea prevedibilitá. Inoltre, anche la credibilità del Potere Giudiziario viene rafforzata. cambiare la legge. Se si vuole il cambiamento o la modificazione della regola, si deve 19 Art. 1.º, CP. 20 Art. 104, CTN. 18

19 Come ho già detto, purtroppo il campo del diritto tributario è proprio uno di quelli in cui la giurisprudenza dei nostri tribunali superiori è poco (pochissimo) stabile. Per concludere, io direi che in Brasile il sitema positivo ha una serie di strumenti che sono veramente capaci di evitare quello che chiamiamo dispersione della giurisprudenza. Inotre, il nuovo CPC (ancora un disegno di legge) prevede, come ho detto, varii principii che raccomandano ai Tribunali, principalmente ai Tribunali Superiori, di creare una giurisprudenza uniforme e di mantenerla stabile. Questa é infatti la loro ragione d essere. Tuttavia le leggi non fanno dei miracoli, specie se quelli che le utilizzano, principalmente i membri del Potere Giudiziario, non hanno almeno un po' di buona volontá. 19

Struttura giuridica e sede del Tribunale

Struttura giuridica e sede del Tribunale Bundesgericht Tribunal fédéral Benvenuti! Visita del Tribunale federale Tribunale federale Tribunal federal Vista della facciata frontale, Tribunale federale Losanna Foto: Philippe Dudouit L organizzazione

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013 La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale Gaetano Silvestri Parigi, 16 aprile 2013 1. Premessa L effetto tipico delle sentenze della Corte costituzionale

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

ART. 1 (Modifiche al codice penale)

ART. 1 (Modifiche al codice penale) ART. 1 (Modifiche al codice penale) 1. Dopo l articolo 131 del codice penale, le denominazioni del Titolo V e del Capo I sono sostituite dalle seguenti: «Titolo V Della non punibilità per particolare tenuità

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» ROMA SOCIETÀ EDITRICE DEL «FORO ITALIANO» 1969 (2014) Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO Firenze, 21 aprile, 12 e 26 maggio 2015 (15,00-18,30) Auditorium Adone Zoli dell Ordine degli Avvocati di Firenze c/o Nuovo Palazzo di Giustizia Viale

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Molti sono i reati che confinano con quello di cui all articolo 572 del codice penale. Si tratta di fattispecie penali che possono avere

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - N. RS Anno 2009 N.7088 RGR Anno 1996 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n.7088

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

LUCI ED OMBRE SULL ANNO CHE VERRA. Se il 2014 si è concluso con la presentazione del DDL Orlando sulla riforma della

LUCI ED OMBRE SULL ANNO CHE VERRA. Se il 2014 si è concluso con la presentazione del DDL Orlando sulla riforma della LUCI ED OMBRE SULL ANNO CHE VERRA Se il 2014 si è concluso con la presentazione del DDL Orlando sulla riforma della giustizia, provvedimento in più punti discutibile ma adottato nella forma più opportuna

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Causa Maggio e altri c. Italia Seconda Sezione sentenza 31 maggio 2011 (ricorsi nn. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 e 56001/08)

Causa Maggio e altri c. Italia Seconda Sezione sentenza 31 maggio 2011 (ricorsi nn. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 e 56001/08) Causa Maggio e altri c. Italia Seconda Sezione sentenza 31 maggio 2011 (ricorsi nn. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 e 56001/08) Diritto ad un processo equo In ordine alla retroattività delle leggi

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO (M G E ) Il procedimento di ingiunzione, funzionalmente diretto ad ottenere nel più breve tempo possibile un titolo esecutivo per l avvio della procedura

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI DAGLI AMATORI AI PROFESSIONISTI DI FATTO ATTRAVERSO LO STUDIO DELLE SOCIETÀ CALCISTICHE a cura di MATTEO SPERDUTI 2 0 1 5 INDICE ACRONIMI E ABBREVIAZIONI......

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

Rileggere oggi Lettera a una professoressa. Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale.

Rileggere oggi Lettera a una professoressa. Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale. Rileggere oggi Lettera a una professoressa Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale. 1. Lettera a una professoressa Lettera a una professoressa è un libro

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Nel lento e accidentato percorso verso un diritto penale minimo, l opportunità di introdurre anche nel procedimento ordinario,

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI di Lorenzo Marinelli* Il presente elaborato intende porsi il problema relativo alla possibilità per il datore di lavoro nell ambito dei rapporti privatistici di porre

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Nel 2014 l'ai ha avviato indagini in 2200 casi per sospetto abuso assicurativo e ne ha concluse 2310. In 540

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

Sulla sentenza Cost. 238/2014: cui prodest? Attila Tanzi * (26 novembre 2014)

Sulla sentenza Cost. 238/2014: cui prodest? Attila Tanzi * (26 novembre 2014) Sulla sentenza Cost. 238/2014: cui prodest? Attila Tanzi * (26 novembre 2014) 1. Il sindacato di legittimità costituzionale di una legge dello Stato che dà esecuzione a norme internazionali pone sempre

Dettagli

Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico?

Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico? Accertamento sintetico Art. 38, dpr 29/9/73, n. 600; artt. 2727 e 2729 cc; artt. 4 e 5, D.Lgs. 10/3/00, n. 74 Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico? di Alessandro Traversi* L'accertamento

Dettagli

Rapporto esplicativo

Rapporto esplicativo Rapporto esplicativo concernente l approvazione del Protocollo n. 15 recante emendamento alla Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà fondamentali 13 agosto 2014 Compendio

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione LEGGE 20 FEBBRAIO 1958, n. 75 (GU n. 055 del 04/03/1958) ABOLIZIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROSTITUZIONE E

Dettagli