Principio dell isonomia e giurisprudenza in Brasile, un Paese di civil law ( 1 ) Questa mia presentazione dovrà dividersi in tre parti.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Principio dell isonomia e giurisprudenza in Brasile, un Paese di civil law ( 1 ) Questa mia presentazione dovrà dividersi in tre parti."

Transcript

1 Principio dell isonomia e giurisprudenza in Brasile, un Paese di civil law ( 1 ) Teresa Arruda Alvim Wambier Libero docente, dottore e master in Giurisprudenza alla PUC-SP. Professoressa nei corsi di laurea, specializzazione, master e dottorato presso la stessa Istituzione. Professoressa nel corso di master all UNIPAR. Presidente dell IBDP. Membro dell International Association of Procedural Law, dell Instituto Ibero-americano de Direito Processual, dell Instituto Panamericano de Derecho Procesal, dell International Bar Association, dell Academia de Letras Juridicas do Paraná e São Paulo, dell IARP, IASP, AASP e IBDFAM. Relatrice Generale della Commissione di Giuristi nominata dal Senato per l elaborazione di un nuovo Codice di Processo Civile. Avvocato. Questa mia presentazione dovrà dividersi in tre parti. Nella prima parte, dirò qualcosa sulla necessità che esiste, anche nei paesi detti di civil law (quindi nei paesi in cui il guidice decide secondo la legge) che la giurisprudenza consolidata e uniforme sia rispettata. Sottolineo questo punto perché molti processualisti di prestigio a livello nazionale continuano a sostenere che il rispetto ai precedenti é un qualcosa di non armonico nel nostro sistema. Essi dicono che nel civil law, i giudici devono obbedienza alla legge e nient altro. Questa é un affermazione che a prima vista sembra suggerire un diritto piú rigido, una situazione che porta a maggior sicurezza e prevedibilitá. 1 ) Si tratta del testo della relazione presentat alla conferenza tenuta a Torino, il 2 dicembre

2 Ma ció, é chiaro, non é che frutto d ingenuitá, o, peggio, d un qualche artificio demagogico. Politicamente, suona bene dire che il giudice deve obbedire alla legge, e non ai Tribunali. Intanto, in realtá ció non esiste. Nessuno obbedisce alla legge, ma alla legge interpretata. Tale fenomeno diventa piú visibile se si asservano le tecniche abitualmente (oggigiorno) utilizzate dal legislatore per redigere i testi delle leggi. Egli, per dribblare la complessitá del mondo reale, introduce nel testo della legge una quantitá immensa di concetti vaghi, clausole generali, ogni volta di più, e attualmente si ammette apertamente che principii disimpegnino un ruolo rilevante nel fondamento delle decisioni giudiziali. Quindi, oggigiorno la possibilità di risultati diversi del processo interpretativo è ogni giorno più visibile. La seconda parte sarà dedicata a descrivere la caotica situazione che esiste oggigiorno in Brasile, gli strumenti processuali che sono stati creati per affrontare questo problema e quelli che saranno creati dal nuovo codice di procedura civile brasiliano. Sembra che il legislatore brasiliano si sia effettivamente reso conto che questa necessità esiste. Quindi, da più di dieci anni, include nella legge istituti che valorizzano la giurisprudenza consolidata e stimulano i giudici a rispettarla. 2

3 Nel 2004, ha avuto luogo persino una modificazione della Costituzione Federale, essendo stata creata la Súmula Vinculante 2, di cui si parlerà ancora, più avanti. Pare che gli unici a non convincersi di questa necessitá siano gli stessi magistrati. Purtoppo, anche quelli dei nostri Tribunali Superiori. Poi, per concludere, tenterò di fare delle distinzioni importanti tra i casi in cui, secondo me, la giurisprudenza non deve cambiare (perchè i cambiamenti del diritto devono esser opera del legislatore e non del giudice) ed i casi in cui il cambiamento della giurisprudenza è salutare per il sistema, perchè lo sviluppo del diritto, proprio in questi casi, è più opera dei Tribunali che del legislatore. 1) Io comincerei con il dire che parto da due affermazioni, che considero vere, da cui decorrono tutte le considerazioni successive. Tali veritá sono che il diritto ha due funzioni: a) generare sicurezza e b) offrire adattabilitá. Queste due funzioni sono anche le funzioni del Potere Giudiziario. Infatti il ruolo del Potere Giudiziario non puó essere che quello di fare in modo che il Diritto compia la sua funzione. Ma i cambiamenti della giurispreudenza che sono da me duramente criticati da un bel tempo non hanno niente a che vedere con la necessità di adattabilitá del diritto alla realtá sociale. Assolutamente, no. 2 Art. 103-A, CF. 3

4 L impressione che si ha, giaché il Brasile é un Paese in evidente sviluppo, é che esiste una specie d ebollizione nel Potere Giudiziario, e che ogni giudice vuol fare la sua parte, lasciare il suo segno. Molti lo fanno per idealismo, altri per vanitá. Pare che la fase in cui siamo stimoli questo attivismo, anche in campi in cui, effetivamente, non é benvenuto. Oltretutto viviamo in un Paese immenso in cui ci sono profonde differenze culturali. Il Sud é un Paese diverso dal Nord. Ció interferisce persino nel deplorevole livello della corruzione della magistratura purtroppo in buona parte del Paese, più al Nord che al Sud. La dispersione giurisprudenziale, di fatto, esiste in tutta l America latina, in Paesi che hanno queste stesse caratteristiche. Le eccezioni sono il Cile e la Costa Rica. Oggigiorno, noi viviano una fase che potrebbe qualificarsi come caotica. Certamente non è questo che si é voluto quando si sono concepiti i nostri sistemi di civil law! Di sicuro, non era questo che dovrebbe avvenire in decorrenza dell applicazione della regola secondo cui il giudice puó interpretare le leggi in conformitá con la propria convinzione. Infatti, il senso vero di questa regola, é che il Potere Giudiziario deve interpretare la legge. Se questo accade, si considera rispettata la tripartizione delle funzioni del Potere. Ma è evidente che tale regola non può significare che ogni giudice possa interpretare la legge secondo la propria convinzione! 4

5 Se i magistrati agiscono così, si capisce che abbiano perduto la nozione che il principio di legalitá, base di qualsiasi Stato di Diritto, dev essere applicato insieme con il principio d isonomia, pena mettere a repentaglio la sua ragione d essere. Sí, perché la ragione di essere del principio di legalitá é offrire prevedibilitá. Tale prevedibilitá é debilitata quando la stessa norma puó essere interpretata, indefinitamente nel tempo, in modi diversi dai tribunali. Quindi, uno standard di comportamento, che dá sicurezza al cittadino si trasforma in 2, in 3, in 4 regole differenti e, quindi, egli non sa piú quale di esse deve orientare la sua condotta. Questo é un problema che esiste in Brasile: abuso evidente della regola nel senso che ogni giudice puó interpretare il diritto secondo la propria convinzione personale. Tribunali Superiori. É comune la riluttanza dei tribunali a seguire l orientamento dei Intanto ció che preoccupa maggiormente é che anche questi tribunali che giudicano ricorsi di stretto diritto di cui la funzione costituzionalmente atribuita, è quella di orientare gli altri organi del Poter Giudiziario, non abbiano un orientamento giurisprudenziale stabile. Essi alterano la stessa giurisprudenza dominante in questione di mesi o di settimane! E ci sono anche orientamenti diversi, contemporaneamente (cioé nello stesso 5

6 momento storico) anche nell ambito interno di questi tribunali, provenienti da organi frazionari differenti. È rilevantissimo che si dica che questi fenomeni hanno luogo, puramente e semplicemente, per divergenza di opinione. Cioè non esiste un atteggiamento culturale di rispetto alla giurisprudenza consolidata della Corte, del Tribunale. Alle volte, si ha l impressione che i ministri, anche se devono decidere una quaestio iuris sulla quale ci sono parecchie decisioni anteriori, lo fanno come se ció avvenisse per la prima volta. Tanto é vero che il caso piú comune é che l alterazione di un orientamento di tribunale coincida con il cambiamento della sua composizione umana: ossia, un giudice muore, un altro va in pensione e le decisioni dell organo giurisdizionale cominciano ad essere diverse. E le divergenze avvengono su questioni di puro diritto. Non su quelle in cui si devono prendere in considerazione le peculiaritá del caso concreto. Non su ció che riguarda temi che sono disciplinati per legge, e che questa puó e deve essere intesa in modi diversi con il passare del tempo! Con questo voglio dire che è naturale che la giurisprudenza cambi, quando si tratta di sapere che cosa significhi per esempio moglie onesta, castigare moderatamente (i figli) o il contenuto del principio d'isonomia. Le decisioni giudiziali possono variare con il passare del tempo, in base a un medesimo testo di legge, quando si affrontano temi come questi. O, ancora, 6

7 quando per esempio si tratta di sapere se lo stesso principio viene rispettato in un certo caso concreto. In determinati momenti storici, si puó considerare di sí; in altri, di no. E la situazione puó essere la stessa. I casi in cui i nostri Tribunali cambiano d improvviso le proprie decisioni sono purtroppo numerosi. Questioni tributarie, di diritto previdenziario e anche processuali. Merita citazione: il termine a quo per la ação rescisória 3 (qualcosa di molto simile alla revocazione del diritto italiano) quando ci sono due cose giudicate nello stesso processo, formate in momenti diversi. I membri del nostro STJ (Superiore Tribunale di Giustizia) discutono ancora l ambito della cosa giudicata nelle azioni collettive. La cosa giudicata riguarderebbe solo la Stato Federato? Oppure l intero Paese? questo problema. 2) Vediamo adesso le tecniche che ci sono attualmente per risolvere Affinché si possa comprendere quanto è drammatico il panorama brasiliano, occorre riferire che il numero dei processi è spaventosamente elevato. Abbiamo, infatti, circa processi in corso e, allo stato, i nostri Tribunali superiori decidono circa di / ricorsi all anno. Adesso questo numero non è piu cosi spaventoso per il Supremo Tribunla Federal, perchè noi abbiamo, dal 2004, un filtro simile al Grundsätzlichebedeutung del dirritto tedesco. 3 Art. 485, CPC. 7

8 Il Supremo Tribunal Federal è composto però soltanto da 11 giudici (Ministri); nel Superiore Tribunale di Giustizia c è ne sono È quindi materialmente impossibile che un numero così esiguo di giudici possa svolgere una tale mole di lavoro. Pertanto, ciascuno di essi è adiuvato da assistenti (assessori), per la verità da moltissimi assistenti. Questo quadro non può pertanto che determinare una situazione di incoerenza interna, una mancanza di armonia delle decisioni e, conseguentemente, un discredito del Potere Giudiziario. È pertanto alla luce di questo scenario che si deve capire la dimensione del nostro problema. Quello che esiste già è un tipo di ricorso che ha come scopo quello di uniformare la giurisprudenza interna dei Tribunali superiori, che si chiama embargos de divergência 5. Quando un recurso especial ( questioni legali) oppure un recurso extraordinario ( questioni constituzionali) sono decisi ed esiste un altra sentenza, anteriore, dello stesso Tribunale, in senso diverso, questo ricorso può essere utilizzato. Si capisce dunque che il Tribunale dovrebbe essere il grande interessato ad accogliere questo ricorso, giacchè, quando un Tribunale ha la giurisprudenza uniformata su una questione di diritto, significa necessariamente che ci saranno meno (o non ci saranno) dei ricorsi su questo punto. Invece, quando ci sono delle divergenze interne, gli avvocati sempre tentano, e non hanno torto! Ma, chi lo sa perchè, i Tribunali Superiori dimostrano un'incredibile e sorprendente malavoglia nei confronti di questo ricorso e fanno 4 Art. 101 e art. 104, CF. 5 Art. 546, CPC. 8

9 di tutto per trovare una ragione, anche se non giuridica, per considerarlo inammissibile. L altra via che ci porta ad un risultato più isonomico e contribuisce anche a diminuire il sovraccarico di lavoro dei Tribunali Superiori è un regime giuridico speciale, creato recentemente dalla legge, per decidere insieme ricorsi che girano intorno alla stessa quaestio iuris 6. Questo è frequente quando si tratta di azioni contro le istituzioni bancarie, contro industrie (azioni dei consumatori), e contro il governo poichè noi non abbiamo i Tribunali amministrativi. In questi casi, quando ci sono 200, 300, 400 ricorsi presso i tribunali di secondo grado, che probabilmente arriveranno ai Tribunali Superiori, questi tribunali possono scegliere un ricorso che sia rappresentativo della controversia e deciderlo. Quello che deciderà il Tribunale sulla quaestio iuris del ricorso scelto (che è la stessa degli altri 300 pendenti), dovrà, in un certo modo, essere rispettato dai Tribunali di secondo grado. La legge non lo dice chiaramente, ma è così. E poi, il terzo metodo che mi pare abbastanza efficiente è la Súmula Vinculante, introdotta nel diritto brasiliano nel 2004, per un cambiamento nella nostra Costituzione Federale 7. 6 Arts. 543-B e art. 543-C, CPC. 7 Art. 103-A, CF (Aggiunto da emendamento costituzionale nº 45, 2004). 9

10 Ci sono degli autori che insistono nell idea che si tratti di un istituto ispirato al common law. Ma io vi dico il contrario e vi spiego il perchè. Non si tratta affatto di un precedente vincolante (binding precedent). Consiste in un tipico fenomeno di civil law: non si tratta, come ho detto, di un precedente vincolante, ma della vincolazione di una linea di giurisprudenza reiterata, anteriore, in un senso determinato, del Supremo Tribunal Fereral e su questioni costituzionali, che è, per cosi dire, riassunta nella súmula. Rispettare una linea di giurisprudenza reiterata, di un Tribunale Superiore è un fenomeno tipico del Civil Law. Quindi, la súmula vinculante non sarebbe neanche necessaria, se ci fosse questa cultura. E non ha ninete a che vedere con il Common Law. Questi tre metodi rispettano direttamente la giurisprudenza, ma ci sono altre figure, altri istituti il cui scopo è generare rispetto al principio dell uguaglianza, come, per esempio, le azioni collettive 8, abbastanza svillupate nel diritto brasiliano, e l azione declaratoria d incostituzionalità 9, che non ha questo scopo, ma lo raggiunge senz altro. In Brasile, le azioni collettive possono avere come scopo, oltre che proteggere un diritto veramente coletivo, come, per esempio, il diritto di respirare l aria pura (che appartiene a tutti), quello di far valere anche i diritti 8 Lei n /1985 Lei da Ação Civil Pública e art. 81, CDC. 9 Art. 102, a, CF. 10

11 detti individuali omogenei 10. Un esempio di questi diritti sarebbe quello di un gruppo di consumatori, i cui membri hanno tutti comprato una Fiat, anno 2012, con un difetto al cambio. Invece che ognuno dei consumatori prenda l iniziativa di fare causa alla Fiat, ci può essere una sola azione, mossa da un associazione di consumatori e la sentenza, se favorevole, toccherá/abbraccerá tutti i compratori lesi dall'acquisto di una Fiat difettosa. Questa tecnica, certamente, contribuisce alla diminuzione del sovraccarico dei Tribunali e porta alla realizzazione concreta del principio d'isonomia, giacché tutti coloro che hanno lo stesso problema saranno contemplati dalla medesima soluzione, fornita dalla sentenza. Finalmente, l azione declaratoria d incostituzionalità è il controllo concentrato, secondo il modello austriaco, in cui il merito è la compatibilità della legge con la Costituzione Federale. La sentenza ovviamente ha effetti erga omnes e ex tunc 11, ma è possibile la modulazione", in certi casi, secondo il criterio del giudice 12. procedura civile? 2 A) Cosa c è di nuovo nel disegno di legge per un nuovo codice di Prima di tutto, l incidente di resolução di azioni ripetitive 13. Trattasi della possibilità che il giudice di prima instanza, rendendosi conto che sta davanti ad un caso concreto che può suscitare questo incidente, chieda al 10 Art. 81, III e art. 91 e seggs., CDC. 11 Art. 102, 2.º, CF. 12 Art. 27, Lei n.º 9.868/99 e art. 11, Lei n.º 9.882/ Art. 988 e segg. del disegno di legge. 11

12 tribunale (2.º grado) di decidere la quaestio juris. I casi che possono generare l apparizione di questo incidente sono quelli che potenzialmente rappresentano un rischio di moltiplicazione di molti altri processi identici. La decisione sulla quaestio juris avrà effetto vincolante su tutti i giudici di primo grado che dovranno rispettar la decisione del Tribunale e decidere le loro cause individuali, laddove possano sorgere altre questioni. È un istituto molto simile al Musterverfahren del diritto tedesco. Poi, il nuovo codice prevede una serie di principi, che saranno allora diritto positivo, di cui i destinatari sono i Tribunali. Si dice nel codice disegnato che i Tribunali debbono creare una giurisprudenza uniforme e stabile, che la giurisprudenza dei Tribunali Superiori deve orientare gli organi inferiori (Tribunali di secondo grado e giudici di primo grado) e che, prima di cambiare la loro giurisprudenza consolidata, debbono prendere in considerazione la necessità di sicurezza giuridica, di previdibilità. Ma se un Tribunale Superiore decide di cambiare l orientamento, deve dire il perchè, motivare densamente la nuova decisione e confutare le ragioni su cui la posizione superata si basava. In quest opportunitá, il Tribunale puó modulare gli effetti del nuovo intendimento 14. Questa è forse una delle più interessanti novità del nuovo codice. Classicamente, si dice que una decisione giudiziale non genera degli effetti diretti che nei confronti delle parti. La cosa giudicata, ordinariamente, opera tra le parti, attore e convenuto. Quindi, gli autori classici non sarebbero in grado di capire questo fenomeno. Ora, se un Tribunale cambia il suo orientamento su un tema 14 Art. 520 e segg. del disegno di legge. 12

13 giuridico, in un processo fra Giovanni e Maria, l effetto della sua decisione atinge Giovanni e Maria. Cosa significa, dunque, questa modulazione? che effetti riguarderebbe? Soltanto una postura impregnata di pragmatismo é capace di comprendere e spiegare il fenomeno della modulazione, poiché esso é la risposta alla constatazione di un fenomeno che avviene nella vita reale, ma anche la concezione classica dei sistemi di civil law non ammette e molto meno chiarisce. La modulazione del efetto del cambiamento di giurisprudenza é frutto dela coscienza della funzione creativa del giudice. Con ció voglio dire che si ammette che le decisioni giudiziali producono effetti nella comunitá giuridica in generale, creano regole di comportamento per la società, completano il senso della norma, il disegno finale del diritto. Dunque, in una certa misura, se viste come precedenti, esse si destinano a un pubblico piú ampio di quello formato dalle parti, Giovanni e Maria. E che fare con le decisioni passate in giudicato, tra Giuseppe e Rita, alla luce dell orientamento anteriore? In Brasile, si pensa su ação rescisória 15, qualcosa di simile alla revocazione, del diritto italiano. É per questo che abbiamo deciso di prevedere nella legge la possibilitá che il Tribunale determini l efficacia del proprio cambiamento di 15 Art. 485, CPC e art. 978 del disegno di legge. 13

14 posizione, determinando se, per la comunitá, quella nuova orientazione avrá effetti ex tunc ou ex nunc. Questa regola esiste giá per l azione declaratoria d incostituzionalitá, prevista espressamente nella legge, ma in tal caso, anche la dottrina piú conservatrice puó spiegare questa possibilitá, giacché questa azione produce, ex legge, effeti erga omnes. E lo stesso se deve dire della súmula vinculante. 3) La necessità di rispetto ai precedenti, di uniformare la giurisprudenza, nasce dalla costatazione inevitabile che il giudice crea il diritto. In misure diverse, ma lo fa. E questo può aver luogo in casi molto semplici. Per esempio: la legge dice che la madre ha una licenza di tre mesi dopo la nascita del figlio. Ma, e se il figlio non è naturale, ma è stato adottato? Il giudice deve decidere se la parola madre comprende madre naturale e madre adottiva o solo la prima. D'altra parte, le tecniche redazionali delle leggi del secolo XXI sono molto cambiate. Le leggi contengono spesso elementi che danno al giudice una dose visibile di libertà d interpretazione, il che significa in molti casi mettere sulla bocca del legislatore quello che non ha detto. In molti casi, perchè non l ha voluto, quando si tratta, per esempio, delle clausole generali. 14

15 Queste tecniche sono dei pori per mezzo il diritto dei quali si comunica con la realtá, permettendo che essa entri e diventi anch essa giuridica: sono i principii giuridici, le clausole generali, i concetti indeterminati. Essi danno vita al diritto e concistono in modelli piú flessibili perché il gudice decida. Adattano il Diritto ai cambiamenti sociali, fanno in modo che la decisione sia concepita specificamente per quel peculiare caso concreto. E anche in questi casi la giurisprudenza deve essere uniformata, perchè se si tratta di una nuova regola, deve valere per tutti. Ci sono degli esempi interessanti di applicazione di questi parametri più flessibili. Esempi estratti dalla nostra giurisprudenza: Nonni aspirano al diritto di vedere i nipoti, i cui genitori sono divorziati. La legge non lo prevede, ma il giudice concede, basandosi sull idea di abuso di patrio potere. Il nostro nuovo Codice Civile (2002) dice que la proprietà ha una funzione sociale 16. Si capisce come sia difficile applicare questa clausola generale ad um caso concreto. C è stata una decisione molto creativa ed a mio avviso assolutamente armonica con la Constituzione Federale, in cui un Ministro ha deciso che nei confronti di una parte della terra che era stata espropriata dal governo, per ragioni di pubblico interesse, l'indennizzo non era dovuta perchè il proprietario ci piantava degli sostanze stupefacenti Art , 1.º, CC. 17 STF, RE /MG, Tribunal Pleno, j , v.u., rel. Min. Eros Grau, DJe

16 Anche in questi casi, come si vede, é necessaria l uniformizzazione. Perchè le regole valgono per tutti. E vediamo un esempio, molto conosciuto, bello ed interessante del cambiamento della giurisprudenza. Per lungo tempo si é considerato, negli Stati Uniti, che l esistenza di scuole separate per neri e per bianchi, purchè avessero lo stesso livello di qualitá, non contrastasse con il principio d isonomia. Oggi, evidentemente, questo intendimento é superato. Non possono esserci scuole per bianchi e scuole per neri, pena la presenza di una flagrante violazione del principio d isonomia. È cambiata la realtá ed é cambiato correlatamente il senso che dev essere estratto dal testo in cui si dichiara che tutti devono essere trattati in modo isonomico. Questo sí è un cambiamento legittimo della giurisprudenza, che ha avuto luogo non in un mese, o in un anno, ma in decenni. Ed io aggiungerei, proprio perchè questa osservazione mi sembra assai interessante, che in questi settori dove il diritto è, per cosi dire, più flessibile, è possibile ci sia una certa influenza dei precedenti stranieri. Ci sono degli esempi curiosi. In Brasile, la prima sentenza in cui si ha considerato che l unione tra due persone dello stesso sesso può essere classificata come famiglia, è stata basata su dei principi costituzionali, 16

17 principalmente quello dell uguaglianza e quello della dignità umana 18, e anche su dei precedenti americani, canadesi, olandesi ecc. Si vede dunque, ancora una volta che anche in questi casi, uniformare dopo il cambiamento è assolutamente imprescindibile. Questi campi del diritto sono proprio quelli in cui lo sviluppo del diritto ha luogo soprattutto come risultato del lavoro dei giudici: diritto di famiglia, diritti dell uomo, diritti fondamentali ecc. Questo accade perchè i principii che stanno alla base di questi rami del diritto sono più flessibili e di solito antepongono la necessità di adattamento alla previdibilità e alla sicurezza. Ma i cambiamenti della giurisprudenza, anche in questi campi del diritto dove essi sono benvenuti, non possono mai essere bruschi, repentini. Alterazioni nei costumi, nelle verità morali di uma società ci mettono anni/impiegano anni (quest'ultimo é meno colloquiale) a realizzarsi. Perció la correlata alterazione del diritto, che in questi casi, é in effetti normalmente opera dei giudici, deve accadere lentamente. Non é ció che succede in Brasile. Avvengono alterazioni dove non dovrebbero avvenire, e a una velociá inaccettabile. 18 STF, RE /MG, 2.ª T., j , v.u., rel. Min. Celso de Mello, DJe

18 Quali sono i campi dove, secondo me, lo sviluppo del diritto non può essere opera dei giudici? Quando si tratta di un ramo del diritto dove i principi e le regole generali sono duri, rigidi, come accade per esempio nel diritto penale o nel diritto tributario i cambiamenti del diritto devono essere opera del legislatore, perchè i principii che sono alla base di questi settori del diritto danno importanza soprattutto alla necessità di sicurezza e di prevedibilità, come, per esempio, il nullum crimen, nulla poena sine lege 19 oppure il principio dell annualità (le imposte create in un anno determinato valgono soltanto per l anno seguente) 20. Quindi il diritto tributario e penale (ed altri) non devono cambiare (svilupparsi) per opera dei Tribunali e la giurisprudenza, à son tour, non deve, una volta uniformata, cambiare. Infatti, in questi campi del diritto, non si può negare che il rispetto ai precedenti è un metodo che rappresenta una migliore efficienza dell attività giudiziaria sotto il profilo della superiore velocità del processo decisorio, e quindi della superiore efficienza del Potere Giudiziario. Si rispetta il principio dell uguaglianza e si crea prevedibilitá. Inoltre, anche la credibilità del Potere Giudiziario viene rafforzata. cambiare la legge. Se si vuole il cambiamento o la modificazione della regola, si deve 19 Art. 1.º, CP. 20 Art. 104, CTN. 18

19 Come ho già detto, purtroppo il campo del diritto tributario è proprio uno di quelli in cui la giurisprudenza dei nostri tribunali superiori è poco (pochissimo) stabile. Per concludere, io direi che in Brasile il sitema positivo ha una serie di strumenti che sono veramente capaci di evitare quello che chiamiamo dispersione della giurisprudenza. Inotre, il nuovo CPC (ancora un disegno di legge) prevede, come ho detto, varii principii che raccomandano ai Tribunali, principalmente ai Tribunali Superiori, di creare una giurisprudenza uniforme e di mantenerla stabile. Questa é infatti la loro ragione d essere. Tuttavia le leggi non fanno dei miracoli, specie se quelli che le utilizzano, principalmente i membri del Potere Giudiziario, non hanno almeno un po' di buona volontá. 19

LAVORO: UNA RIFORMA IRRAZIONALE L ennesimo arretramento delle tutele dei lavoratori

LAVORO: UNA RIFORMA IRRAZIONALE L ennesimo arretramento delle tutele dei lavoratori LAVORO: UNA RIFORMA IRRAZIONALE L ennesimo arretramento delle tutele dei lavoratori Alvise Moro, avvocato giuslavorista Il testo - approvato dal Senato in prima lettura il 31 maggio 2012 - è dal 7 giugno

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 16 luglio 2015 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 16 luglio 2015 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 16 luglio 2015 (*) «Rinvio pregiudiziale Cooperazione giudiziaria in materia civile e commerciale Competenza in materia di obbligazioni alimentari Regolamento (CE)

Dettagli

Struttura giuridica e sede del Tribunale

Struttura giuridica e sede del Tribunale Bundesgericht Tribunal fédéral Benvenuti! Visita del Tribunale federale Tribunale federale Tribunal federal Vista della facciata frontale, Tribunale federale Losanna Foto: Philippe Dudouit L organizzazione

Dettagli

Indice. 2 Il venir meno della esclusività della giurisdizione ecclesiastica. --------------------------------- 5

Indice. 2 Il venir meno della esclusività della giurisdizione ecclesiastica. --------------------------------- 5 INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELLE RELIGIONI LEZIONE VIII LA GIURISDIZIONE ECCLESIASTICA MATRIMONIALE PROF. MARCO SANTO ALAIA Indice 1 Efficacia civile delle decisioni ecclesiastiche sui matrimoni canonici:

Dettagli

Consiglio di Stato - Decisione n. 1994/2006. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente DECISIONE

Consiglio di Stato - Decisione n. 1994/2006. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente DECISIONE In tema di riscattabilità del diploma di infermiere professionale (Consiglio di Stato, Decisione 11.4.2006 n. 1994) Il ricorso, trattenuto in decisione all udienza del 13 gennaio 2006, è fondato. Il primo

Dettagli

NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO

NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO Trib. Rimini 2.2.2012 commento e testo Giovanni FRANCHI P&D.IT Questa volta è stato il Tribunale

Dettagli

CAMERA MINORILE DI LECCE. In merito alle aree tematiche individuate nel Direttivo dell Unione Nazionale Camere

CAMERA MINORILE DI LECCE. In merito alle aree tematiche individuate nel Direttivo dell Unione Nazionale Camere CAMERA MINORILE DI LECCE In merito alle aree tematiche individuate nel Direttivo dell Unione Nazionale Camere Minorili del 29 gennaio 2005, ed in vista del congresso dell Unione che si terrà a Gallipoli

Dettagli

La nozione di prova e di argomenti di prova

La nozione di prova e di argomenti di prova 1 La nozione di prova e di argomenti di prova SOMMARIO 1. L attività istruttoria nel processo civile. 2. La prova. 3. L oggetto della prova. 4. Classificazione delle prove. 5. L onere della prova. 1. L

Dettagli

Qualche dato sulla magistratura onoraria

Qualche dato sulla magistratura onoraria Lo stato dell arte Da un punto di vista definitorio i giudici onorari sono soggetti abilitati alla giurisdizione non appartenenti all ordine dei giudici professionali. La loro esistenza nel nostro ordinamento

Dettagli

PORTOGALLO: La legge di riqualificazione dei pubblici dipendenti viene dichiarata incostituzionale * di Giovanni Vagli (5 settembre 2013)

PORTOGALLO: La legge di riqualificazione dei pubblici dipendenti viene dichiarata incostituzionale * di Giovanni Vagli (5 settembre 2013) PORTOGALLO: La legge di riqualificazione dei pubblici dipendenti viene dichiarata incostituzionale * di Giovanni Vagli (5 settembre 2013) 1. Il 29 luglio 2013 l Assemblea della Repubblica portoghese (alias,

Dettagli

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ.

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. CASS. CIV., SEZ. III, 11 GIUGNO 2012, N. 9432. Ai fini della ammissibilità dell'appello per le sentenze pronunciate dal giudice di pace secondo

Dettagli

LA REVOCA DEGLI AFFIDAMENTI BANCARI

LA REVOCA DEGLI AFFIDAMENTI BANCARI LA REVOCA DEGLI AFFIDAMENTI BANCARI Il problema derivante dall eventuale responsabilità delle banche per la revoca degli affidamenti alle imprese trova il suo fondamento nella prevalenza sempre maggiore

Dettagli

Di Lello, Di Gioia, Locatelli, Pastorelli

Di Lello, Di Gioia, Locatelli, Pastorelli XVII LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa dei DEPUTATI Di Lello, Di Gioia, Locatelli, Pastorelli Disposizioni in materia di consenso informato e di dichiarazioni di volontà anticipate

Dettagli

Assemblea AIPPI 5 febbraio 2010. Paolo AUTERI. Tutela dei segreti d impresa

Assemblea AIPPI 5 febbraio 2010. Paolo AUTERI. Tutela dei segreti d impresa 1 Assemblea AIPPI 5 febbraio 2010 Paolo AUTERI Tutela dei segreti d impresa 1. La questione Aippi Q215 è rivolta ad accertare come le informazioni aziendali segrete o riservate sono protette o si ritiene

Dettagli

CONTRO. ha pronunciato la seguente ORDINANZA

CONTRO. ha pronunciato la seguente ORDINANZA IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI MILANO SEZIONE IX CIVILE composto dai sigg.ri Magistrati: Dott. Ezio SINISCALCHI Presidente Dott. Anna Maria GERLI Giudice Dott. Anna BONFILIO Giudice rel. nel procedimento

Dettagli

Diritto.it. Potrei fare degli esempi:

Diritto.it. Potrei fare degli esempi: Il diritto privato e i suoi istituti: intervista al professor corrado chessa docente di istituzioni di diritto privato presso la facoltà di giurisprudenza dell università degli studi di Cagliari Concas

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

2014 I DIRITTI DELLA PERSONA

2014 I DIRITTI DELLA PERSONA Cendon / Book Collana diretta da Bruno de Filippis I DIRITTI DEL PRIMO LIBRO DEL CODICE CIVILE 02 2014 I DIRITTI DELLA PERSONA LEGISLAZIONE E PROSPETTIVE Bruno de Filippis Edizione NOVEMBRE 2014 Copyright

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

Diritto Civile Contemporaneo

Diritto Civile Contemporaneo Diritto Civile Contemporaneo Rivista trimestrale online ad accesso gratuito ISSN 2384-8537 Anno I, numero I, aprile/giugno 2014 DICHIARAZIONE GIUDIZIALE DI PATERNITA E PRESCRIZIONE DEL DIRITTO AL RIMBORSO

Dettagli

Diritto di accesso ai documenti. (Risposta a quesito del 5 settembre 2000)

Diritto di accesso ai documenti. (Risposta a quesito del 5 settembre 2000) Diritto di accesso ai documenti. (Risposta a quesito del 5 settembre 2000) Il Consiglio Superiore della Magistratura, nella seduta del 5 settembre 2000, ha adottato la seguente deliberazione:

Dettagli

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Edizioni Simone - Vol. 45/1 Compendio di Diritto Internazionale privato e processuale Parte seconda Cenni di parte speciale Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Sommario Z 1. La filiazione. - 2. L adozione.

Dettagli

Decreto ingiuntivo e nuovi parametri: è ancora necessario il visto dell Ordine?Tribunale Varese, sez. I civile, decreto 11.10.

Decreto ingiuntivo e nuovi parametri: è ancora necessario il visto dell Ordine?Tribunale Varese, sez. I civile, decreto 11.10. Decreto ingiuntivo e nuovi parametri: è ancora necessario il visto dell Ordine?Tribunale Varese, sez. I civile, decreto 11.10.2012 commento (Andrea Bulgarelli) Il decreto ingiuntivo del tribunale di Varese

Dettagli

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2015 di Roberto Garofoli

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2015 di Roberto Garofoli SCRITTI ESAME AVVOCATO 2015 di Roberto Garofoli SOMMARIO SEZIONE I Persone Scheda n. 1 Diritti civili dello straniero e condizione di reciprocità ex art. 16 preleggi (Cass. civ., sez. II, 30 giugno 2014,

Dettagli

SEPARAZIONE E DIVORZIO

SEPARAZIONE E DIVORZIO SEPARAZIONE E DIVORZIO Prefazione... XIII I SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI 1 SEPARAZIONE CONSENSUALE E CONIUGI ECONOMICAMENTE AUTONOMI La questione... 3 Analisi dello scenario... 3 Inquadramento strategico...

Dettagli

Recupero crediti in Brasile

Recupero crediti in Brasile Recupero crediti in Brasile Il Codice Civile, adottato nel 2002, è la fonte più rilevante per le sentenze emesse in materia civile e commerciale (il Codice del Commercio disciplina solo le questioni di

Dettagli

Sezione quarta La retribuzione del professionista. Questionario n. 4. 1. Cosa comprende la parcella dell avvocato?... Pag. 29

Sezione quarta La retribuzione del professionista. Questionario n. 4. 1. Cosa comprende la parcella dell avvocato?... Pag. 29 Sezione quarta La retribuzione del professionista Questionario n. 4 1. Cosa comprende la parcella dell avvocato?... Pag. 29 2. Possono essere derogati i minimi tariffari?...» 31 3. Quali sono le azioni

Dettagli

Studio Legale Associato

Studio Legale Associato Studio Legale Associato Avv. Amedeo Mazzocconi Avv. Loris Silenzi Avv. Stefano Massimiliano Ghio RELAZIONE SUL MOBBING NELLA GIURISPRUDENZA Convegno dell 11/ marzo / 2005 (Macerata) Il termine Mobbing

Dettagli

L ABROGAZIONE DELLE TARIFFE FORENSI: EFFETTI DISTORSIVI E PRIMI INTERVENTI DEI TRIBUNALI. www.lascalaw.com www.iusletter.com

L ABROGAZIONE DELLE TARIFFE FORENSI: EFFETTI DISTORSIVI E PRIMI INTERVENTI DEI TRIBUNALI. www.lascalaw.com www.iusletter.com LaScala studio legale e tributario in association with Field Fisher Waterhouse Focus on L ABROGAZIONE DELLE TARIFFE FORENSI: EFFETTI DISTORSIVI E PRIMI INTERVENTI DEI TRIBUNALI Febbraio 2012 www.lascalaw.com

Dettagli

Internet come spazio pubblico costituzionale. Sulla costituzionalità delle norme a tutela del diritto d autore deliberate dall Agcom

Internet come spazio pubblico costituzionale. Sulla costituzionalità delle norme a tutela del diritto d autore deliberate dall Agcom F O C U S T M T 24 N O V E M B R E 2014 Internet come spazio pubblico costituzionale. Sulla costituzionalità delle norme a tutela del diritto d autore deliberate dall Agcom di Andrea Morrone Professore

Dettagli

Non può essere accolta la domanda di nullità del provvedimento che dispone il mutamento del rito sommario in rito ordinario

Non può essere accolta la domanda di nullità del provvedimento che dispone il mutamento del rito sommario in rito ordinario Non può essere accolta la domanda di nullità del provvedimento che dispone il mutamento del rito sommario in rito ordinario Tribunale di Milano - Sezione specializzata in materia d'impresa, 19 febbraio

Dettagli

LA ROULETTE RUSSA DELL'ARTICOLO 18 di Andrea Ichino e Paolo Pinotti. La voce.info

LA ROULETTE RUSSA DELL'ARTICOLO 18 di Andrea Ichino e Paolo Pinotti. La voce.info LA ROULETTE RUSSA DELL'ARTICOLO 18 di Andrea Ichino e Paolo Pinotti La voce.info La protezione di un diritto fondamentale della persona è affidata alla roulette russa che si attiva con l assegnazione casuale

Dettagli

PIETRO QUINTO Ordinanza TAR Piemonte: il dibattito sul ricorso principale e ricorso incidentale nel processo amministrativo si sposta in Europa

PIETRO QUINTO Ordinanza TAR Piemonte: il dibattito sul ricorso principale e ricorso incidentale nel processo amministrativo si sposta in Europa PIETRO QUINTO Ordinanza TAR Piemonte: il dibattito sul ricorso principale e ricorso incidentale nel processo amministrativo si sposta in Europa Dopo la sentenza del TAR Lazio, che si è apertamente discostata

Dettagli

LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA

LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA Nella redazione degli elaborati di esame è di fondamentale importanza porre molta attenzione alla scrittura, sotto tutti i profili: grafico, ortografico, semantico e stilistico.

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

Resta pertanto da vedere quale competenza rimanga al giudice tutelare in seguito alla riferita norma. Non sembra possa dubitarsi che siano rimasti

Resta pertanto da vedere quale competenza rimanga al giudice tutelare in seguito alla riferita norma. Non sembra possa dubitarsi che siano rimasti L ESECUZIONE DEI PROVVEDIMENTI IN MATERIA DI MINORI Relatore: dott. Antonino Luigi SCARPULLA pretore della Pretura circondariale di Palermo Premessa. I. Nel nostro ordinamento giuridico non esiste una

Dettagli

Le consulte di garanzia statutaria tra amministrazione e giurisdizione (*)

Le consulte di garanzia statutaria tra amministrazione e giurisdizione (*) NOTE E COMMENTI 801 Le consulte di garanzia statutaria tra amministrazione e giurisdizione (*) Bernardo Giorgio Mattarella Rispetto alle consulte di garanzia statutarie, la sentenza 200/2008 della Corte

Dettagli

Avvocato, tabelle dei compensi professionali (allegate a DM n. 140/2012) Attività giudiziale civile, amministrativa e tributaria

Avvocato, tabelle dei compensi professionali (allegate a DM n. 140/2012) Attività giudiziale civile, amministrativa e tributaria Avvocato, tabelle dei compensi professionali (allegate a DM n. 140/2012) Attività giudiziale civile, amministrativa e tributaria Tribunale ordinario e organo di giustizia tributaria di primo grado Giudice

Dettagli

ISSN 2284-3531 Ordine internazionale e diritti umani, (2014), pp. 390-395.

ISSN 2284-3531 Ordine internazionale e diritti umani, (2014), pp. 390-395. OSSERVATORIO SULLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA N. 2/2014 2. MATERNITÀ SURROGATA: LA NORMATIVA DELL UNIONE EUROPEA NON CONTEMPLA IL DIRITTO DI UNA MADRE COMMITTENTE AD OTTENERE UN CONGEDO RETRIBUITO

Dettagli

E-mail monitoring e tutela della privacy: un difficile bilanciamento di interessi 24 Aprile 2015 Federico Torzo, Elisabetta Rebagliati Privacy

E-mail monitoring e tutela della privacy: un difficile bilanciamento di interessi 24 Aprile 2015 Federico Torzo, Elisabetta Rebagliati Privacy E-mail monitoring e tutela della privacy: un difficile bilanciamento di interessi 24 Aprile 2015 Federico Torzo, Elisabetta Rebagliati Privacy Sommario Introduzione La situazione italiana Il quadro europeo

Dettagli

La struttura giudiziaria del Brasile

La struttura giudiziaria del Brasile NORONHA ADVOGADOS AVVOCATI INTERNAZIONALISTI DEL BRASILE São Paulo Rio de Janeiro Brasília Curitiba Porto Alegre Recife Belo Horizonte London Lisboa Shanghai Miami Buenos Aires La struttura giudiziaria

Dettagli

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON C è un libro sui ragazzini agitati, dal titolo On agite un enfant: è un gioco di parole, perché c era una pubblicità di una bevanda gassata che se non ricordo

Dettagli

8. Rapporti tra tribunale ordinario e minorile

8. Rapporti tra tribunale ordinario e minorile 220 Alberto Figone 8. Rapporti tra tribunale ordinario e minorile Molto si è discusso sui rapporti tra Tribunale ordinario e minorile nell assunzione dei provvedimenti a vario modo incidenti sulla potestà,

Dettagli

LA TUTELA CAUTELARE IN TEMA DI MARCHI E DI CONCORRENZA SLEALE

LA TUTELA CAUTELARE IN TEMA DI MARCHI E DI CONCORRENZA SLEALE COLLANA FINANZAEDIRITTO Davide Cesiano LA TUTELA CAUTELARE IN TEMA DI MARCHI E DI CONCORRENZA SLEALE AGGIORNATO ALLA FINANZIARIA 2008 Davide Cesiano La tutela cautelare in tema di marchi e di concorrenza

Dettagli

Relazione tenuta al convegno dell associazione SINTONIE il 10 GIUGNO 2014. Il ruolo dei nonni nel conflitto genitoriale

Relazione tenuta al convegno dell associazione SINTONIE il 10 GIUGNO 2014. Il ruolo dei nonni nel conflitto genitoriale Relazione tenuta al convegno dell associazione SINTONIE il 10 GIUGNO 2014 Il ruolo dei nonni nel conflitto genitoriale Quando si parla di nonni, il primo pensiero che balza alla mente è quello della possibilità

Dettagli

MODULO II CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA

MODULO II CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA MODULO II I destinatari del diritto Materiali prodotti nell ambito del progetto I care dalla prof.ssa Giuseppa Vizzini con la collaborazione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE Il PCT nel decreto legge 24 giugno 2014, n. 90 (Misure urgenti per la semplificazione e la trasparenza amministrativa e per l efficienza degli uffici giudiziari) Sommario: 1. Premessa. 2. Entrata in vigore

Dettagli

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE E. SHARPSTON presentate il 29 marzo 2007 1 (1) Causa C-260/04. Commissione contro Repubblica italiana

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE E. SHARPSTON presentate il 29 marzo 2007 1 (1) Causa C-260/04. Commissione contro Repubblica italiana CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE E. SHARPSTON presentate il 29 marzo 2007 1 (1) Causa C-260/04 Commissione contro Repubblica italiana «Inadempimento di uno Stato Libertà di stabilimento e libera prestazione

Dettagli

TRIBUNALE DI CATANIA PRIMA SEZIONE CIVILE ^^^^^^^^^^ IL GIUDICE ISTRUTTORE

TRIBUNALE DI CATANIA PRIMA SEZIONE CIVILE ^^^^^^^^^^ IL GIUDICE ISTRUTTORE TRIBUNALE DI CATANIA PRIMA SEZIONE CIVILE ^^^^^^^^^^ IL GIUDICE ISTRUTTORE Esaminati gli atti del procedimento iscritto al n. 344/2007 R.G., sciogliendo la riserva che precede; OSSERVA Va, innanzitutto,

Dettagli

Tribunale di Torino, 1 aprile 2014. Estensore Edoardo Di Capua.

Tribunale di Torino, 1 aprile 2014. Estensore Edoardo Di Capua. Nullità e annullabilità delle delibere condominiali e sostituzione della delibera impugnata con altra legittima. Cessazione della materia del contendere, liquidazione delle spese e soccombenza virtuale

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Il Quotidiano in Classe

Il Quotidiano in Classe Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati dagli studenti sul HYPERLINK "ilquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Matilde Soana Supervisione di Sofia Macchiavelli

Dettagli

ESAME DI ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI AVVOCATO

ESAME DI ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI AVVOCATO Corso intensivo 2011 Torino Presentazione ESAME DI La Simone S.p.A. Il Gruppo Editoriale Simone ha 40 anni di esperienza nel campo dell editoria giuridico-professionale (codici, manuali, didattica) ed

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL GRUPPO DI LAVORO CASE MANAGEMENT

RELAZIONE FINALE DEL GRUPPO DI LAVORO CASE MANAGEMENT 15 Maggio 2006 RELAZIONE FINALE DEL GRUPPO DI LAVORO CASE MANAGEMENT 1. Case Management (gestione del procedimento) costituisce un tema molto ampio; il gruppo di lavoro ha deciso, perciò, di restringere

Dettagli

Commercio internazionale e norme applicabili ai contratti internazionali

Commercio internazionale e norme applicabili ai contratti internazionali STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

La riforma forense: Il tirocinio professionale

La riforma forense: Il tirocinio professionale La riforma forense: Il tirocinio professionale A cura di Francesco Zigrino Premessa In data 2 febbraio 2013 è entrata ufficialmente in vigore la tanto attesa Legge 31 dicembre 2012 n. 247 rubricata: Nuova

Dettagli

Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro

Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro C 14 a p i t o l o Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro 1 I principi generali dei licenziamenti individuali Il licenziamento è considerato legittimo soltanto quando sussistono alcune

Dettagli

Le notifiche degli avvocati tramite PEC (L. 53/94) dopo il DL 90/14 e la L. 114/14

Le notifiche degli avvocati tramite PEC (L. 53/94) dopo il DL 90/14 e la L. 114/14 Le notifiche degli avvocati tramite PEC (L. 53/94) Lentini, 24 ottobre 2014 Avv. Maurizio Reale Evoluzione normativa della L. 53/94 1) Legge 148/2011 2) Legge 17.12.2012 n. 221 3) DM 48/2013 Introduce

Dettagli

Pratica Giudiziaria e forense presso il Tribunale di Bergamo

Pratica Giudiziaria e forense presso il Tribunale di Bergamo Pratica Giudiziaria e forense presso il Tribunale di Bergamo 1.- L art. 73 del d. l. 21. 6. 2013 n. 69 convertito con modifiche nella legge 9. 8. 2013 n. 98 ha introdotto la possibilità, per i laureati

Dettagli

Scuola per la Formazione Continua

Scuola per la Formazione Continua Scuola per la Formazione Continua per la Pubblica Amministrazione via Croce Rossa, 29 (Parco delle Rose) 82100 Benevento - tel e fax: 0824317009 e mail: scuolaformazionecontinua@virgilio.it sito web: www.scuolaformazionecontinua.it

Dettagli

Il procedimento di mediazione

Il procedimento di mediazione Il procedimento di mediazione 1 Informativa al cliente e procura alle liti (art. 4 D.Lgs. 28/2010, modif. ex art. 84, co. 1, D.L. n. 69/2013, conv., con modif., dalla L. n. 98/2013) INFORMATIVA EX ART.

Dettagli

Un quesito sul sequestro probatorio trasformato in sequestro preventivo per reati ambientali ed a danno degli animali

Un quesito sul sequestro probatorio trasformato in sequestro preventivo per reati ambientali ed a danno degli animali Un quesito sul sequestro probatorio trasformato in sequestro preventivo per reati ambientali ed a danno degli animali Domanda: Sono un operatore di polizia giudiziaria e noto che molti colleghi con funzioni

Dettagli

L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA

L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA DONATA BIANCHI, SILVIA MAMMINI, ROSA DI GIOIA ...FINALITÀ verificare

Dettagli

Benedetto Conforti. Riflessioni sul diritto internazionale contemporaneo

Benedetto Conforti. Riflessioni sul diritto internazionale contemporaneo 1 Benedetto Conforti Riflessioni sul diritto internazionale contemporaneo Non è facile descrivere sinteticamente i progressi che, pur tra non poche ombre, sono stati compiuti dal diritto internazionale

Dettagli

Assegno mantenimento figli maggiorenni - CORTE DI CASSAZIONE Sezione I Civile - Sentenza n. 1830-26 gennaio 2011

Assegno mantenimento figli maggiorenni - CORTE DI CASSAZIONE Sezione I Civile - Sentenza n. 1830-26 gennaio 2011 Assegno mantenimento figli maggiorenni - CORTE DI CASSAZIONE Sezione I Civile - Sentenza n. 1830-26 gennaio 2011 Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Dettagli

1991 - sentenza Francovich: responsabilità dello Stato per omesso recepimento delle direttive comunitarie;

1991 - sentenza Francovich: responsabilità dello Stato per omesso recepimento delle direttive comunitarie; 1991 - sentenza Francovich: responsabilità dello Stato per omesso recepimento delle direttive comunitarie; 1993 - sentenza Brasserie du Pecheur: 1) le condizioni fissate per il risarcimento del danno a

Dettagli

723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741

723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741 Codice di Procedura Penale articoli: 723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741 723. Poteri del ministro di grazia e giustizia. 1. Il ministro di grazia e giustizia

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Testimonianza e confessione. Corso di diritto processuale civile Anno accadedimo 2013/2014

Testimonianza e confessione. Corso di diritto processuale civile Anno accadedimo 2013/2014 Testimonianza e confessione Corso di diritto processuale civile Anno accadedimo 2013/2014 La testimonianza Consiste nella dichiarazione di scienza fatta da un soggetto che è terzo rispetto alle parti in

Dettagli

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Paolo Biavati ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Seconda edizione aggiornata Ag g i o r na m e n t o n. 4 29 giugno 2015 Bononia University Press L editore mette a disposizione sul sito nella sezione

Dettagli

IL TRIBUNALE DI BOLOGNA PRIMA SEZIONE CIVILE composto dai magistrati

IL TRIBUNALE DI BOLOGNA PRIMA SEZIONE CIVILE composto dai magistrati IL TRIBUNALE DI BOLOGNA PRIMA SEZIONE CIVILE composto dai magistrati Dr. Rosario Ziniti presidente Dr. Antonio Costanzo giudice rel. Dr. Cinzia Gamberini giudice ha pronunciato il seguente DECRETO nel

Dettagli

CONNESSIONE * * * CONNESSIONE SOGGETTIVA. riguarda i soggetti connessione tenue identità di soggetti e diversi di petitum e causa petendi

CONNESSIONE * * * CONNESSIONE SOGGETTIVA. riguarda i soggetti connessione tenue identità di soggetti e diversi di petitum e causa petendi CONNESSIONE cosa è? obiettivo Relazione tra rapporti giuridici oggetto di domande diverse Elemento in comune persone petitum causa petendi Non vi è identità, neppure parziale assicurare il simultaneus

Dettagli

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale di Francesco Mingiardi e Luigi Patricelli Sommario: 1. La Giurisdizione - 2. La

Dettagli

08.036 Contro il maltrattamento e per una migliore protezione giuridica degli animali (iniziativa sull'avvocato degli animali). Iniziativa popolare

08.036 Contro il maltrattamento e per una migliore protezione giuridica degli animali (iniziativa sull'avvocato degli animali). Iniziativa popolare 08.036 Contro il maltrattamento e per una migliore protezione giuridica degli animali (iniziativa sull'avvocato degli animali). Iniziativa popolare ARGUMENTI PRO ARGOMENTI PRO L AVVOCATO DEGLI ANIMALI

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCOLARO LAURA Indirizzo VIA S. SEBASTIANO, 14 98122 MESSINA VIA G. MATTEOTTI, 17 98060 OLIVERI (ME) Telefono

Dettagli

CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI. La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari

CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI. La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI Iscritta nel registro Prefettizio del Governo al n. 166 codice fiscale: 91102990404 La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari

Dettagli

L azione di classe: opportunità di tutela per i consumatori e possibili difese per le imprese. Michele Carpagnano

L azione di classe: opportunità di tutela per i consumatori e possibili difese per le imprese. Michele Carpagnano L azione di classe: opportunità di tutela per i consumatori e possibili difese per le imprese Michele Carpagnano Avvocato, Studio Legale Gianni Origoni Grippo & Partners Docente a contratto, Facoltà di

Dettagli

Über uns Ausbildung Zulassung Mitglieder Fortbildung ReNo Azubi Bürger Aktuelles. Über uns. www.rechtsanwaltskammer-ffm.de

Über uns Ausbildung Zulassung Mitglieder Fortbildung ReNo Azubi Bürger Aktuelles. Über uns. www.rechtsanwaltskammer-ffm.de Über uns Secondo la legge federale relativa alla professione di avvocato, l Ordine degli Avvocati di Francoforte sul Meno è un organo di diritto pubblico che esercita le proprie funzioni in amministrazione

Dettagli

RICONOSCIMENTO E DISCONOSCIMENTO

RICONOSCIMENTO E DISCONOSCIMENTO RICONOSCIMENTO E DISCONOSCIMENTO Relatore: avv. Maria Teresa Saporito CAMERA PER I MINORI DI SALERNO ANNA AMENDOLA Salerno, 27 maggio 2010 LA FILIAZIONE NATURALE L acquisto dello status di figlio naturale

Dettagli

«SCRIVERE DIRITTO» ATTI EFFICACI PER UN PROCESSO EFFICIENTE DAL DIALOGO PROCESSUALE ALLA CONDIVISIONE DEI MODELLI

«SCRIVERE DIRITTO» ATTI EFFICACI PER UN PROCESSO EFFICIENTE DAL DIALOGO PROCESSUALE ALLA CONDIVISIONE DEI MODELLI FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO Renato Amoroso, Giuseppe Buffone, Giuseppe Cernuto, Fippo D Aquino, Fabrizio D Arcangelo, Francesca Fiecconi, Maria Grazia Fiori, Federico Vincenzo Amedeo

Dettagli

Discorso di benvenuto del Presidente Alessandro Criscuolo ai Giudici costituzionali Silvana Sciarra, Daria de Pretis e Nicolò Zanon

Discorso di benvenuto del Presidente Alessandro Criscuolo ai Giudici costituzionali Silvana Sciarra, Daria de Pretis e Nicolò Zanon Corte Costituzionale Discorso di benvenuto del Presidente Alessandro Criscuolo ai Giudici costituzionali Silvana Sciarra, Daria de Pretis e Nicolò Zanon Palazzo della Consulta Udienza pubblica del 2 dicembre

Dettagli

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo 476 Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo di Claudia Mariani Traccia La società Alfa s.r.l., in data 10 novembre 2014, ha ceduto alla Gamma s.r.l. il

Dettagli

"IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO"

IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO Intervento al Convegno organizzato dall associazione assistenti sociali il 3 dicembre 2011 sul tema "IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO" Titolo dell intervento:

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO

CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO PRIMA SEZIONE DECISIONE DI RICEVIBILITÁ Ricorso n 25551/05 presentato da Vladimir Petrovich KOROLEV contro la Russia La Corte europea dei diritti

Dettagli

L OLAF, tra potenzialità investigative e limiti normativi (1999-2013) Relazione rivista dall autore

L OLAF, tra potenzialità investigative e limiti normativi (1999-2013) Relazione rivista dall autore L OLAF, tra potenzialità investigative e limiti normativi (1999-2013) Relazione rivista dall autore Alberto Perduca Procuratore aggiunto della Repubblica, Torino L Autore, dopo aver posto in evidenza le

Dettagli

SCHEDE DI GIURISPRUDENZA CEDU ARTICOLO 6 DIRITTO AD UN EQUO PROCESSO. (settembre 2013)

SCHEDE DI GIURISPRUDENZA CEDU ARTICOLO 6 DIRITTO AD UN EQUO PROCESSO. (settembre 2013) 1 SCHEDE DI GIURISPRUDENZA CEDU ARTICOLO 6 DIRITTO AD UN EQUO PROCESSO DIRITTO AD UN UDIENZA PUBBLICA: selezione in materia Civile (settembre 2013) L articolo 6 1 CEDU: Ogni persona ha diritto a che la

Dettagli

Le novità della tariffa ed il parere di liquidazione parcelle

Le novità della tariffa ed il parere di liquidazione parcelle Venezia 21 luglio 2009 Massimo Mellacina (Consigliere Delegato Area Tariffe) Le novità della tariffa ed il parere di liquidazione parcelle Venezia 21 luglio 2009 Parere liquidazione parcelle 1 Fonti normative

Dettagli

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI Tra: il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRIESTE, in persona del suo

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI Tra: il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRIESTE, in persona del suo CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI Tra: il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRIESTE, in persona del suo Presidente avv. Maurizio Consoli e il TRIBUNALE ORDINARIO

Dettagli

FRANCO DANIELI : NON C'E' CONTINUITA' CON LA POLITICA ESTERA DI BERLUSCONI di Silvia Garnero in collaborazione con http://www.italianosenamerica.

FRANCO DANIELI : NON C'E' CONTINUITA' CON LA POLITICA ESTERA DI BERLUSCONI di Silvia Garnero in collaborazione con http://www.italianosenamerica. FARONOTIZIE.IT Anno II - n 11 Febbraio 2007 Redazione e amministrazione: Scesa Porta Laino, n. 33 87026 Mormanno (CS) Tel. 0981 81819 Fax 0981 85700 redazione@faronotizie.it Testata giornalistica registrata

Dettagli

Linee guida per i consulenti tecnici giudiziari: l'anatocismo bancario

Linee guida per i consulenti tecnici giudiziari: l'anatocismo bancario Linee guida per i consulenti tecnici giudiziari: l'anatocismo bancario intervento a cura del Rag. Alberto Leggi INTRODUZIONE Da qualche tempo cercavo sulla rete qualche sito che fosse di ausilio ai consulenti

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

Corso di Laurea Quadriennale in Giurisprudenza Nuovo Ordinamento didattico

Corso di Laurea Quadriennale in Giurisprudenza Nuovo Ordinamento didattico Corso di Laurea Quadriennale in Giurisprudenza Nuovo Ordinamento didattico La Facoltà di Giurisprudenza di Foggia conferisce la laurea in Giurisprudenza in conformità alle vigenti disposizioni. Il corso

Dettagli

Gross c. Svizzera: la Corte di Strasburgo chiede alla Svizzera nuove e più precise norme in tema di suicidio assistito.

Gross c. Svizzera: la Corte di Strasburgo chiede alla Svizzera nuove e più precise norme in tema di suicidio assistito. OSSERVATORIO settembre 2013 Gross c. Svizzera: la Corte di Strasburgo chiede alla Svizzera nuove e più precise norme in tema di suicidio assistito. di Elisabetta Crivelli Ricercatore di diritto costituzionale

Dettagli

RIFLESSIONI A CALDO SULLA SENTENZA N. 8097/15: IL GIUDICE DELLA NOMOFILACHIA SMENTISCE LA CORTE COSTITUZIONALE IN TEMA DI MATRIMONIO TRA OMOSESSUALI?

RIFLESSIONI A CALDO SULLA SENTENZA N. 8097/15: IL GIUDICE DELLA NOMOFILACHIA SMENTISCE LA CORTE COSTITUZIONALE IN TEMA DI MATRIMONIO TRA OMOSESSUALI? RIFLESSIONI A CALDO SULLA SENTENZA N. 8097/15: IL GIUDICE DELLA NOMOFILACHIA SMENTISCE LA CORTE COSTITUZIONALE IN TEMA DI MATRIMONIO TRA OMOSESSUALI? di Vincenzo Baldini * 1. La recentissima sentenza della

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

Risarcimento dei danni per la non ragionevole durata dei processi: la nuova legge Pinto

Risarcimento dei danni per la non ragionevole durata dei processi: la nuova legge Pinto STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013 La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale Gaetano Silvestri Parigi, 16 aprile 2013 1. Premessa L effetto tipico delle sentenze della Corte costituzionale

Dettagli

OGGETTO: Quesito: Nuovo ISEE dichiarazione stato di abbandono / eatraneità. Il quesito gentilmente postomi riguarda il ruolo dell assistente sociale

OGGETTO: Quesito: Nuovo ISEE dichiarazione stato di abbandono / eatraneità. Il quesito gentilmente postomi riguarda il ruolo dell assistente sociale Avv. CINZIA ALESIANI VIA VITTORIO AMEDEO II, 19 - TORINO TEL. 011 518.71.19 r.a. / 518.45.30 - FAX 011 515.87.14 Indirizzo E-mail:alesiani.cinzia@gmail.com Torino, 9 aprile 2015 Spett.le Ordine degli Assistenti

Dettagli