Bollettino Economico Repubblica Popolare Cinese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bollettino Economico Repubblica Popolare Cinese"

Transcript

1 Bollettino Economico Repubblica Popolare Cinese Secondo semestre 2010 Segretario Generale Elena Tosana Redazione Niccolò Dall Asta Pubblicazione in data

2 Indice Guida alla lettura pag. 3 I Introduzione: principali indicatori economici pag. 4 II Finanza statale pag. 8 III Consumo e inflazione dei prezzi al dettaglio pag. 11 IV Investimenti in Immobilizzazioni pag. 13 V Commercio estero pag. 15 VI Investimenti esteri pag. 18 VII Mercati Finanziari pag Bollettino Semestrale Luglio - Dicembre 2010

3 Guida alla lettura Sono qui in seguito elencate una serie di convenzioni utilizzate nella stesura di questo Bollettino, in modo da garantire al lettore una piena comprensione e apprezzamento dei contenuti ivi presenti. Tassi di cambio Gli importi monetari sono sempre indicati in doppia valuta, Yuan Cinese (RMB) e Euro ( ). Per le conversioni il tasso utilizzato è quello del 31/12/2010: 1,00=RMB 8,83. Il punto (.) è utilizzato come simbolo separatore per le migliaia, mentre la virgola(,) per i decimali. Nel caso i dati presentati fossero originariamente espressi in Dollari Americani, verranno comunque forniti in Yuan Cinesi e Euro, utilizzando i seguenti tassi di cambio al 31/12/2010: Fonti -USD 1,00=RMB 6,59 -USD 1,00=EUR 0,75 II dati presentati nel Bollettino provengono dalle seguenti fonti esterne, per le quali CCIC non garantisce l accuratezza né la veridicità. China Monthly Economic Indicators, National Bureau of Statistics (vol ) Rapporto congiunto Repubblica Popolare Cinese 2011, Ambasciate-Consolati/ Uffici ICE all estero. World Economic Outlook, April 2011, International Monetary Fund. World Trade Atlas 2011, Global Trade Information Services. Wall Street Journal. Investment Promotion Agency of Ministry of Foreign Commerce. Bollettino Semestrale Luglio - Dicembre

4 I - Introduzione: principali indicatori economici Il 12 piano quinquennale Nell Ottobre del 2010 il Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese ha reso pubbliche le linee guida del 12 piano quinquennale di sviluppo economico e sociale della Repubblica Popolare. Il piano è stato in seguito approvato il 14 Marzo 2011 nel corso della seduta conclusiva del Congresso Nazionale del Popolo. Il piano, nonostante non sia vincolante e non citi le fonti utilizzate per finanziare le politiche in esso contenute, nelle sue ultime edizioni si è dimostrato una buona previsione dell effettiva condotta del governo cinese per gli anni seguenti. I punti salienti del 12esimo piano sono i seguenti: diminuzione degli obiettivi di crescita annui al 7%, rispetto al 10,3% ottenuto nel 2010; raggiungimento di una percentuale di residenti in aree urbane del 51,5%; riduzione dell intensità energetica e della produzione di energia da fonti fossili tradizionali; riduzione delle emissioni di tonnellate di CO2 per punto percentuale di PIL del 16%; creazione di circa 45 milioni di posti di lavoro; mantenimento della popolazione sotto gli 1,39 miliardi di persone; trasformazione delle zone costiere da fabbrica mondiale a centro integrato di ricerca e sviluppo, di produzione avanzata e di servizi terziari; sviluppo dell energia nucleare per diversificare il mix energetico, sotto il presupposto di garantirne la sicurezza; costruzione di grandi centrali idroelettriche nel sud del Paese; ampliamento delle infrastrutture, con nuovi aeroporti, nuove autostrade e reti ferroviarie ad alta velocità; costruzione di 36 milioni di appartamenti economici per facilitare le famiglie a basso reddito. 4 Bollettino Semestrale Luglio - Dicembre 2010

5 La situazione economica ll prodotto interno lordo del Paese di Mezzo alla chiusura del 2010 ha raggiunto la quota di RMB ,3 mld. ( 4.507,2 mld), con una crescita del 10,3% rispetto all anno passato. Le industrie primaria, secondaria e terziaria sono cresciute rispettivamente del 4,3%, 12,2% e del 9,5%. Negli ultimi 2 trimestri l economia ha mostrato un leggero rallentamento, passando da una crescita media del 11,1% del primo semestre al 9,7% del secondo semestre, probabilmente in parte frutto della decisione della People s Bank of China di alzare i tassi di interesse per 3 volte, una prima volta in Ottobre, in seguito in Dicembre e ancora in Aprile Alla fine del 2010 il Pil pro-capite in Cina si è attestato sui RMB ( 1.191,5), con mostrando un aumento del 9,8% rispetto al La situazione del mercato del lavoro è caratterizzata da un tasso di disoccupazione molto basso, che nel 2010 è stato misurato essere del 4,1% nelle zone urbane, rimanendo pressoché stabile nel tempo, mentre i salari medi dei lavoratori dipendenti delle imprese delle zone urbane nell ultimo quarto del 2010 sono aumentati del 13,3% rispetto allo stesso periodo dell anno precedente, rimanendo ben al di sopra del tasso di inflazione e garantendo così un aumento del potere d acquisto medio dei lavoratori. Nonostante il buon andamento del mercato del lavoro desta preoccupazione il repentino innalzamento del tasso di inflazione nel corso dell anno passato, che ha raggiunto a Dicembre il 4,9% sull indice generale dei prezzi al consumo, presentando delle punte del 15,6% per il prezzo del grano, del 19% per le uova e addirittura del 34,4% per la frutta fresca, creando preoccupazione nelle fasce più povere della popolazione, per le quali la spesa alimentare è la la più rilevante del budget familiare. Un altro indicatore che ha destato delle preoccupazioni è quello relativo all andamento del mercato immobiliare, che presenta una duplice difficoltà. Da una parte molti analisti 1 speculano la presenza di una bolla immobiliare, specie nelle città di primo e secondo livello, come Beijing, Shanghai, Guangzhou, Shenzhen e Chongqing. 1- CityGroup China Research Bollettino Semestrale Luglio - Dicembre

6 Gli investimenti immobiliari hanno raggiunto il 6,1% del PIL cinese, lo stesso livello raggiunto nel mercato statunitense nel 2005 prima della crisi dei mutui subprime, anche se con differenti livelli di indebitamento. I prezzi delle unità abitative sono aumentati a dicembre 2010 per il 19 mese consecutivo, salendo del 6,4% rispetto all anno precedente. In secondo luogo un ampia porzione della popolazione ha difficoltà a permettersi un abitazione, la qual cosa, sommata all inflazione in aumento, sta ha provocato un crescente malcontento tra le fasce meno abbienti in tutto il paese. Per fare fronte a questa seconda emergenza il governo cinese ha intenzione di iniziare la costruzione di oltre 10 milioni di unità abitative entro Dicembre del 2011, con un incentivo pubblico di RMB 500 mld ( 56,6 mld) su un costo totale previsto di RMB 1300 mld. Il governo ha tentato di rallentare questi processi inflativi aumentando per due volte i tassi sui depositi e sui prestiti a un anno, rispettivamente fino al 2,75% e 5,81% a fine 2010, mentre nel momento in cui scriviamo (giugno 2011) il tasso sui prestiti è arrivato al 6,31%. Per diminuire l entità dei mutui e rallentare la crescita del mercato immobiliare sono state anche aumentate le percentuali di riserve obbligatorie delle banche fino al 19,5%, diminuendo in modo consistente la quantità di moneta circolante e nel 2011 è stata vietata la possibilità di stipulare più di due mutui contemporaneamente. 6 Bollettino Semestrale Luglio - Dicembre 2010

7 Bollettino Semestrale Luglio - Dicembre

8 II - Finanza statale Le entrate dell erario cinese nel 2010 ammontavano a RMB mld ( 941 mld), in aumento del 21,3% dal 2009, di cui RMB mld da entrate fiscali e RMB 988 mld da entrate non fiscali. L andamento delle principali componenti delle entrate è stato il seguente: l imposta sul valore aggiunto ha portato RMB mld ( 239 mld) con un aumento del 14,1%, dovuto principalmente all aumento della produzione e alla crescita dei prezzi; l imposta sul consumo interno ha raggiunto i RMB 607 mld ( 68,8 mld) con un aumento del 27,5%, dovuto all aumento delle tasse su carburanti e tabacco, nonché alle maggiori vendite di autoveicoli; il gettito della tassa sulle imprese è aumentato del 23,8%, fino a RMB mld ( 126 mld). Le principali ragioni di una crescita così rapida delle entrate statali (ben superiori alla crescita del prodotto interno lordo), sono da ricercarsi in questi punti principali: in primo luogo la rapida crescita di alcuni indicatori, come il valore aggiunto della produzione industriale (+15,7%), il totale degli investimenti di capitale in immobilizzazioni (23,8%), le vendite al dettaglio di beni di consumo (+18,4%), in secondo luogo l aumento dei prezzi, con un inflazione superiore alle aspettative e in terzo luogo la crescita del parco auto e delle relative tasse di circolazione. Fonte: China Monthly Economic Indicators, National Bureau of Statistics, 2011,1-4 ( Vol ) 8 Bollettino Semestrale Luglio - Dicembre 2010

9 Sul fronte delle spese e degli investimenti vi sono stati decisi aumenti, arrivando a una spesa complessiva di RMB mld ( mld), in crescita rispetto all anno precedente del 17,4%. La spesa statale, di cui queste statistiche misurano esclusivamente la parte relativa al governo centrale, rappresenta una porzione significativa del prodotto interno lordo, ammontando al 22,5%, il che rende le scelte di investimento statali estremamente significative per la performance complessiva dell economia. Tra i più importanti e significativi aumenti della spesa nazionale troviamo gli stanziamenti per l istruzione, passati a RMB mld ( 141 mld), in aumento del 19,3%, gli investimenti in servizi idrici, ammontati a RMB 805 mld ( 91,1 mld), la spesa sanitaria nazionale, che ha raggiunto i RMB 474 mld ( 53,8 mld) con una crescita del 18,8%, gli impieghi per i servizi di assistenza sociale e occupazione hanno raggiunto i RMB 908 mld ( 102,8 mld) in crescita del 19,4%. Altre importanti voci di spesa, rappresentative del cammino percorso dalla Repubblica Popolare lo scorso anno, sono le aumentate spese per la protezione ambientale, che hanno raggiunto i RMB 242 mld ( 27,5 mld) e i finanziamenti alla ricerca scientifica e tecnologica, che ammontavano a RMB 323 mld ( 36,5 mld) con un aumento del 17,6%. Fonte: China Monthly Economic Indicators, National Bureau of Statistics, 2011,1-4 ( Vol ) Bollettino Semestrale Luglio - Dicembre

10 Rifacendoci alle linee guida del nuovo piano quinquennale ci si può attendere che questi due valori in particolare tenderanno a aumentare a ritmi ancora più elevati nei prossimi anni, essendo la tutela dell ambiente e la ricerca tecnologica due capisaldi del futuro sviluppo del paese. Il piano infatti prevede forti investimenti nel settore energetico, con obbiettivi di crescita nel solare termico e fotovoltaico, nell eolico, nel nucleare, nel cosiddetto carbone pulito e nei gas naturali non convenzionali, nonché una gestione più efficiente nella griglia distributiva, creando una smart grid. Questi investimenti sono tesi a soddisfare la domanda di energia in continua crescita, e a superare le difficoltà emerse con i recenti problemi di generazione di energia idroelettrica dovuti alla siccità che ha colpito le regioni centrali del paese nei primi mesi del Bollettino Semestrale Luglio - Dicembre 2010

11 III - Consumo e inflazione dei prezzi al dettaglio Nel secondo semestre del 2010 il consumo cinese non ha accennato a diminuire in intensità e le linee guida del nuovo piano quinquennale promettono ulteriori manovre atte a stimolare il consumo interno, per rendere possibile l auspicata trasformazione della Cina da fabbrica del mondo a polo di consumo, e poter così dipendere di meno dalle esportazioni verso i paesi dell ovest. Fonte: China Monthly Economic Indicators, National Bureau of Statistics, 2011,1-4 ( Vol ) Bollettino Semestrale Luglio - Dicembre

12 Il totale delle vendite al dettaglio nel 2010 è cresciuto del 18,4% rispetto all anno passato, con un andamento pressoché omogeneo in tutte le province. Come accennato nell introduzione, nonostante l inflazione complessiva dei prezzi al consumo sia contenuta (4,6% a Dicembre 2010), destano preoccupazione i rincari di alcuni generi alimentari di prima necessità, come il grano, le uova e la frutta fresca, che sono saliti rispettivamente del 15,6%, del 19% e del 34,4% rispetto a Dicembre Questo dato risulta ancora più preoccupante se andiamo a esaminare la composizione media della spesa delle unità famigliari urbane e rurali, ancora profondamente differenti per valori di reddito e tipologia di spesa. A fine 2010 il reddito disponibile per una famiglia delle zone rurali era in media di RMB ( 802) a persona, con una spesa corrente di RMB ( 714) di cui il 61,1% utilizzato per l acquisto di generi alimentari; una famiglia residente in città, invece, aveva mediamente un reddito disponibile di RMB ( 2.164) a persona, con una spesa corrente di RMB ( 1.526) di cui il solo il 36% destinato a generi alimentari. Si può ben comprendere come simili repentini aumenti nei prezzi di generi alimentari di prima necessità comportino una notevole compressione delle possibilità di consumo delle famiglie meno abbienti, principalmente residenti nelle zone rurali. Dopo un periodo di politica monetaria espansionistica, volta a mitigare gli effetti di riduzione della liquidità portati dalla crisi finanziaria mondiale, la People s Bank of China ha ripreso nell Ottobre 2010 a rialzare i tassi di interesse sui depositi e sui prestiti, cercando in tal modo di fare fronte all impennata dell inflazione. Tale politica è proseguita anche nei primi mesi del 2011, con successivi aumenti, che hanno portato il tasso di riferimento dal 5,3% di Settembre 2010 al 6,3% di Giugno 2011; per drenare liquidità dal sistema le riserve obbligatorie delle banche sono state inoltre innalzate fino al 20%. 12 Bollettino Semestrale Luglio - Dicembre 2010

13 IV - Investimenti in Immobilizzazioni Alla fine del 2010 gli investimenti in immobilizzazioni hanno raggiunto la cifra di RMB mld ( mld), di cui l 86,8% (RMB mld, mld) nelle zone urbane, e il restante 13,2% nelle zone rurali. Nelle aree urbane gli investimenti di imprese e holding statali hanno raggiunto i RMB mld ( mld), mentre il settore immobiliare, tra costruzioni, ampliamenti e trasformazioni di edifici ha attirato il 20% degli investimenti, pari a RMB mld ( 547 mld). La suddivisione tra settori primario, secondario e terziario, per quanto riguarda gli investimenti in immobilizzazioni in aree urbane, non desta sorprese, mostrando una netta preponderanza del terziario, con RMB mld ( mld), in aumento del 25,6% rispetto al 2009 e del secondario, che raggiunge i RMB mld ( mld) investiti, con un aumento del 23,2%, mentre il primario non supera i RMB 397 mld ( 45 mld). Questa rapida crescita degli investimenti e delle costruzioni di immobili è stata accompagnata negli ultimi 2 anni da prezzi degli immobili residenziali in rapida ascesa in pressoché tutte le città di primo e secondo livello, al punto che molti analisti vedono il rischio di una bolla immobiliare. Nel solo 2010 le quotazioni medie degli immobili residenziali sono aumentate dell 8% circa. In risposta all andamento del mercato, il governo ha varato una serie di misure atte a raffreddare i prezzi, a partire da limitazioni sull uso dei mutui (aumentando gli acconti minimi per la seconda casa e vietando il terzo mutuo simultaneo) fino a varare un grande piano di edilizia popolare che prevede la costruzione di 36 milioni di unità abitative nel corso dei prossimi 5 anni, con 10 milioni di appartamenti in costruzione dal Dicembre Bollettino Semestrale Luglio - Dicembre

14 Le abitazioni a basso costo sono infatti spesso snobbate dagli sviluppatori e dai governi locali, in quanto offrono minori margini rispetto agli appartamenti di lusso. Secondo alcuni analisti 1 i prezzi e le vendite hanno già iniziato a crescere più lentamente nei primi mesi del Questo non dovrebbe avere ripercussioni come nella crisi dei subprime negli USA, in quanto i mutui stipulati in Cina prevedono garanzie e depositi molto più stringenti; coloro che invece corrono più rischi sono i costruttori, che spesso si avvalgono di forti leve finanziarie e potrebbero soffrire le diminuzioni dei prezzi, mettendo in pericolo un mercato che secondo alcune stime 2 vale il 13% del Pil cinese e che condiziona sempre più l economia globale. Fonte: China Monthly Economic Indicators, National Bureau of Statistics, 2011,1-4 ( Vol ) 1. Rosalea Yao, Dragonomics 2. Jonathan Anderson, UBS 14 Bollettino Semestrale Luglio - Dicembre 2010

15 V - Commercio Estero Al termine del 2010 la bilancia commerciale cinese era in attivo di USD 182,1 mld ( 136,6 mld). Le importazioni nel corso dell anno hanno raggiunto i USD 1.395,7 mld ( mld), mentre le esportazioni misuravano USD 1.577,7 mld ( 1.183,3 mld). L andamento dei valori è al rialzo, sia per le esportazioni (+31,3%) che per le importazioni, che mantengono un ritmo di crescita serrato, concludendo il 2010 con un +38,7%, mentre nei primi 6 mesi si era registrato un +53%, dopo un 2009 di decrementi, in corrispondenza dell onda lunga della crisi economica mondiale. Il risultato della bilancia commerciale è però in leggero peggioramento e pur registrando ancora un attivo, incassa una diminuzione del surplus del 6,9%, dovuta in parte a una maggiore crescita proporzionale dell import. Bollettino Semestrale Luglio - Dicembre

16 Come si nota dalle tabelle seguenti, i principali importatori di prodotti cinesi sono Stati Uniti, Hong Kong e Giappone, che complessivamente acquistano quasi il 40% delle esportazioni cinesi, mentre l Italia importa circa il 2% del valore totale delle merci che varcano i confini cinesi. Dati in miliardi di dollari. Fonte: World Trade Atlas 2010, elaborazioni CICC Sul fronte delle importazioni, la Cina si trova ad acquistare principalmente da Giappone, Corea del Sud, Taiwan e Stati Uniti, che insieme forniscono più del 30% dei prodotti importati in Cina; l Italia è solo ventunesima in questa classifica e fornisce alla Cina circa il 2% del totale dell import. L interscambio Italia-Cina ha subito un impennata nel 2010, con le esportazioni di beni cinesi in aumento del 53,8%, fino a USD mld ( 23.4 mld), e le importazioni dall Italia in aumento del 26,9% fino a USD 13,99 mld ( 10,5 mld). Il saldo commerciale rimane dello stesso segno degli anni precedenti, a discapito della bilancia commerciale italiana, che vede le esportazioni cinesi essere più del doppio delle importazioni. 16 Bollettino Semestrale Luglio - Dicembre 2010

17 Dati in miliardi di dollari. Fonte: World Trade Atlas 2010, elaborazioni CICC Procedendo con uno sguardo sulla suddivisione merceologica notiamo come le principali categorie di beni importati in Cina siano nell ordine apparecchi elettronici, combustibili minerali e petrolio, macchinari e minerali non lavorati; queste quattro categorie raggiungono oltre il 55% delle importazioni. I prodotti esportati si concentrano su apparecchi elettronici, macchinari, maglieria e abbigliamento in tessuto, raggiungendo quasi il 52% del totale delle esportazioni. Bollettino Semestrale Luglio - Dicembre

18 VI - Investimenti Esteri Alla chiusura dello scorso anno la Cina ha superato un record simbolico ancor più che economico: la cifra totale di investimenti esteri attratti dal paese ha superato il muro dei 100 miliardi di dollari, assestandosi su USD 105,7 mld ( 79,3 mld), con una crescita del 17,4%. Il trend dei primi mesi del 2011, al di sopra dei risultati del 2010, sembra indicare un ulteriore aumento degli investimenti. I salari in aumento e il maggiore potere di acquisto delle famiglie cinesi stanno facendo cambiare il mix di compagnie con investimenti in Cina, diminuendo la quota di produzioni a bassa tecnologia e aumentando quelle ad alto valore aggiunto (basti pensare che nel 2010 la Cina è diventato il più grande mercato di schermi LCD al mondo, superando gli Stati Uniti e attraendo investimenti in impianti di produzione da parte di produttori come LG e Samsung 1 ) Gli investimenti esteri diretti in Cina si sono concentrati principalmente nel settore produttivo-manifatturiero, che ha canalizzato il 46,9% degli investimenti, mentre il 22,7% è stato destinato al commercio nel settore immobiliare, seguito dall 8% nell elettronica e nei computer e dal 6,7% nei leasing e nei servizi commerciali. Per quanto riguarda la provenienza degli investimenti esteri, esaminando la tabella sottostante possiamo notare la posizione predominante di Hong Kong, che nel 2010 ha apportato oltre il 63% degli investimenti, seguito a lunga distanza da Taiwan, Singapore e Giappone, che però presi insieme non arrivano al 16% del totale. 1-Bloomberg.com 18 Bollettino Semestrale Luglio - Dicembre 2010

19 VII - Mercati Finanziari L indice SCI (Shanghai Composite Index) della borsa di Shanghai ha chiuso il 2010 con un ribasso complessivo del 14%, una delle performance peggiori tra le grandi piazze finanziarie globali, nonostante la forte performance dell economia reale cinese. Gli analisti imputano la maggior parte della diffidenza degli investitori alla politica monetaria cinese, più prudente a fine 2010, alle preoccupazioni destate dall inflazione e alle paventate politiche restrittive sulle proprietà immobiliari, per ora implementate solo in parte. Ciò nonostante il capitale raccolto nelle IPO (Initial Public Offering) sulla borsa cinese ha superato di gran lunga la performance di Wall Street, raccogliendo RMB 488 mld ( 55,6 mld) contro gli USD 39 mld ( 29,25 mld) della borsa statunitense. Sono state molte anche le sottoscrizioni di capitale lanciate da banche e istituzioni finanziarie, in cerca di nuova liquidità. È stata accolta con entusiasmo la decisione di consentire sulla piazza finanziaria cinese il commercio di strumenti finanziari come le vendite a termine, i future sugli indici e il margin trading, anche se questi strumenti hanno trovato per ora poco mercato. A Dicembre 2010 presso lo Shanghai Stock Exchange erano a listino 894 compagnie, con una capitalizzazione totale di RMB mld ( mld) e un volume di scambi medio giornaliero di RMB 115 mld ( 13,1 mld). Bollettino Semestrale Luglio - Dicembre

20 Segretario Generale Elena Tosana Redazione Niccolò Dall Asta E consentita la riproduzione parziale di singoli testi purché se ne citi la fonte. Per quanto concerne l interpretazione dei testi ufficiali, si declina, come d uso, qualsiasi responsabilità. Pechino Unit 1612, Zhongyu Plaza A6, Gongti North Road, Chaoyang District, , Beijing, China Tel: Fax: Guangzhou Room 948, Garden Hotel 368, Huanshi Dong Road, Garden Tower Guangzhou, China Tel.: Fax.: Disclaimer Questa pubblicazione contiene rinvii a siti web ( collegamenti ipertestuali ) e utilizza altresì informazioni provenienti da fonti terze. La CCIC declina ogni responsabilità in merito all accuratezza, alla veridicità e alla completezza dei materiali reperiti presso tali siti o comunque ottenibili per loro tramite. Shanghai Room 1604, Xin Cheng Mansion No.167 Jiang Ning Road Shanghai, China Tel: Fax:

Bollettino Economico Repubblica Popolare Cinese

Bollettino Economico Repubblica Popolare Cinese Bollettino Economico Repubblica Popolare Cinese Secondo Semestre 2011 Segretario Generale Giulia Ziggiotti Redazione Alessandra Dazzo Grafica Davide Palma Pubblicazione in data 28/06/2012 Indice Guida

Dettagli

Bollettino Economico Repubblica Popolare Cinese

Bollettino Economico Repubblica Popolare Cinese Bollettino Economico Repubblica Popolare Cinese Primo Semestre 2011 Segretario Generale Giulia Ziggiotti Redazione Alessandra Dazzo Grafica Fabio Poldi Davide Palma Pubblicazione in data 28/02/2012 Indice

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

Il Sistema Bancario Cinese

Il Sistema Bancario Cinese Il Sistema Bancario Cinese Andamento e prospettive delle banche domestiche Guido Masella Ambasciata d Italia Pechino 25 settembre 2007 cenni sulla struttura peculiarità evoluzione recente delle principali

Dettagli

Dati statistici sull energia elettrica 2009 in Italia

Dati statistici sull energia elettrica 2009 in Italia Dati statistici sull energia elettrica 2009 in Italia Introduzione 1. Premessa Terna Rete Elettrica Nazionale (Terna) cura la raccolta dei dati statistici del settore elettrico nazionale, essendo il suo

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 8 agosto 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

602,5 abitanti/kmq. Cinese tradizionale (mandarino), Taiwanese e Hakka. Buddismo e Taoismo. Nuovo Dollaro di Taiwan (TWD) Repubblica Presidenziale

602,5 abitanti/kmq. Cinese tradizionale (mandarino), Taiwanese e Hakka. Buddismo e Taoismo. Nuovo Dollaro di Taiwan (TWD) Repubblica Presidenziale TAIW AN Dati di base Superficie 36.180 kmq Popolazione 21.800.000 Densità di popolazione Lingua ufficiale Religione Unità monetaria Forma istituzionale Sede di governo 602,5 abitanti/kmq Cinese tradizionale

Dettagli

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE Riquadro PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA Le prospettive economiche attuali sono altamente incerte poiché dipendono in misura decisiva dalle imminenti decisioni

Dettagli

Aprile 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori

Aprile 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori Aprile 2015 www.sif.admin.ch Piazza finanziaria svizzera Indicatori 1 Importanza economica della piazza finanziaria svizzera Negli ultimi dieci anni, il contributo delle assicurazioni alla creazione di

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LA CONGIUNTURA ITALIANA 1 (aggiornata al 3 giugno 2015) IIL PRODOTTO IINTERNO LORDO IIL COMMERCIIO ESTERO DII BENII LA PRODUZIIONE IINDUSTRIIALE L IINFLAZIIONE IIL MERCATO DEL LAVORO 1 Il presente documento

Dettagli

IL CONTESTO ENERGETICO MONDIALE. Francesco Asdrubali

IL CONTESTO ENERGETICO MONDIALE. Francesco Asdrubali IL CONTESTO ENERGETICO MONDIALE Francesco Asdrubali INDICE FATTORI DOMINANTI DEL PANORAMA ENERGETICO MONDIALE CRESCITA ECONOMICA CRESCITA DELLA POPOLAZIONE PREZZI CO2 PRICING DOMANDA E OFFERTA DI ENERGIA

Dettagli

Analisi sulla presenza industriale italiana e la sua localizzazione

Analisi sulla presenza industriale italiana e la sua localizzazione Analisi sulla presenza industriale italiana e la sua localizzazione Franco Cutrupia Presidente Camera di Commercio Italiana in Cina Presidente Savio Shandong Textile Machinery Co., Ltd Camera di Commercio

Dettagli

contents: La calda estate dei mercati finanziari Effetti sulle economie emergenti

contents: La calda estate dei mercati finanziari Effetti sulle economie emergenti Anno II_ N 8_Settembre 27 contents: La crisi dei mutui subprime statunitensi di quest estate è stata generata da livelli troppo bassi di percezione del rischio nel mercato del credito e comporterà un ricorso

Dettagli

Un rapporto paese sulla Cina: quadro macroeconomico, fattori di competitività e struttura industriale

Un rapporto paese sulla Cina: quadro macroeconomico, fattori di competitività e struttura industriale Un rapporto paese sulla Cina: quadro macroeconomico, fattori di competitività e struttura industriale Francesco Timpano* ITCG Pacioli Parliamo della Cina - Opportunità o minaccia * Il lavoro è realizzato

Dettagli

DELLA SITUAZIONE NEL 2003

DELLA SITUAZIONE NEL 2003 IL MIX ENERGETICO ITALIANO: ANALISI DELLA SITUAZIONE NEL 2003 Enea Bari 1 INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. ENERGIA ELETTRICA...4 3. ENERGIA TERMICA...11 4. CONCLUSIONI...13 Enea Bari 2 1. Introduzione Ogni

Dettagli

BILANCI DELLE FAMIGLIE

BILANCI DELLE FAMIGLIE Il bilancio della famiglia Marzo 2010 BILANCI DELLE FAMIGLIE Marzo 2010 Introduzione Lo studio pone l accento sull analisi dei bilanci delle famiglie negli ultimi anni, che sono prese come fulcro e che

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Congiuntura economica

Congiuntura economica Congiuntura economica Periodico trimestrale 1/2013 L economia mondiale L ultima pubblicazione del Fondo Monetario Internazionale - FMI (gennaio 2013), contenente le previsioni relative ai principali indicatori

Dettagli

11 settembre 2015. La composizione del Pil cinese nel 2011 La composizione del Pil cinese nel 2015

11 settembre 2015. La composizione del Pil cinese nel 2011 La composizione del Pil cinese nel 2015 Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI IL CONTESTO GLOBALE Negli anni recenti, la crescita economica globale si è mantenuta elevata. La principale economia mondiale, cioè gli Stati Uniti, è cresciuta mediamente

Dettagli

PERIODICO TRIMESTRALE DI INFORMAZIONE ECONOMICA DELL'OSSERVATORIO ECONOMICO DELLA SARDEGNA NOVEMBRE 2005

PERIODICO TRIMESTRALE DI INFORMAZIONE ECONOMICA DELL'OSSERVATORIO ECONOMICO DELLA SARDEGNA NOVEMBRE 2005 PERIODICO TRIMESTRALE DI INFORMAZIONE ECONOMICA DELL'OSSERVATORIO ECONOMICO DELLA SARDEGNA NOVEMBRE 2 L AREA EURO Nonostante i timori legati all impatto dei prezzi del greggio, l economia mondiale è ancora

Dettagli

Il mercato tedesco dell odontoiatria. e la congiuntura economica in Germania

Il mercato tedesco dell odontoiatria. e la congiuntura economica in Germania Il mercato tedesco dell odontoiatria e la congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania L economia tedesca verso il ristagno Molti ritengono ormai che l economia tedesca

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Newsletter. agosto 2014

Newsletter. agosto 2014 Newsletter agosto 2014 Il presente documento è stato preparato da Tosetti Value S.I.M. S.p.a. autorizzata e regolamentata dalla Banca di Italia. Il presente documento può essere distribuito a soggetti

Dettagli

Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009)

Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009) Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009) Andamento congiunturale Secondo il parere degli esperti economici pubblicato recentemente, le previsioni congiunturali

Dettagli

Newsletter. maggio 2014

Newsletter. maggio 2014 Newsletter maggio 2014 Il presente documento è stato preparato da Tosetti Value S.I.M. S.p.a. autorizzata e regolamentata dalla Banca di Italia. Il presente documento può essere distribuito a soggetti

Dettagli

Gruppo SACE - Country Risk Map

Gruppo SACE - Country Risk Map FILIPPINE Capitale Manila Popolazione (milioni) 97,48 37/100 63/100 67/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 454,29 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015 L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 201 E PRIMO TRIMESTRE 201 1 FOCUS CONSUNTIVO 201 Il 201 si è chiuso con un bilancio complessivamente soddisfacente: il quadro di sintesi riferito agli indicatori

Dettagli

Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti. Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti

Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti. Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti Opportunita di Business negli Emirati Arabi Uniti Visione

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania Percepire responibilità per l Europa Il consiglio di esperti economici, che ha pubblicato recentemente il suo parere sull andamento economica nel 2011/2012

Dettagli

LA TASSAZIONE DELLE IMPRESE STRANIERE

LA TASSAZIONE DELLE IMPRESE STRANIERE LA TASSAZIONE DELLE IMPRESE STRANIERE Le principali imposte e tasse che gravano sulle imprese straniere sono: La Corporate Income Tax - CIT; La Value Added Tax - VAT, corrispondente all IVA italiana);

Dettagli

Il mercato degli Stati Uniti

Il mercato degli Stati Uniti Il mercato degli Stati Uniti Introduzione Gli Stati Uniti rappresentano il principale partner commerciale dell Italia al di fuori dei paesi dell Ue e il terzo paese di destinazione delle esportazioni italiane,

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania Percepire responsabilità per l Europa Il consiglio di esperti economici, che ha pubblicato nell autunno 2011 il suo parere sull andamento economico nel

Dettagli

Il deprezzamento del dollaro: cause e possibili conseguenze.

Il deprezzamento del dollaro: cause e possibili conseguenze. Il deprezzamento del dollaro: cause e possibili conseguenze. Torino, 30 novembre 2004 Schema della presentazione Tassi di cambio bilaterali ed effettivi per il Dollaro USA negli ultimi anni Il deficit

Dettagli

CON AZIMUT LA CINA È PIÙ VICINA.

CON AZIMUT LA CINA È PIÙ VICINA. MKTBRRMB-09/11 Competenza Azimut ESTIMENTO I INV D I SERVIZI DE ION DICA UZ L TI A LL SO IM PR ES A CIN-CINA.. CIN-CIN Professionisti locali Accordi esclusivi Società in loco L Europa e gli USA sono in

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Newsletter. febbraio 2015

Newsletter. febbraio 2015 Newsletter febbraio 2015 Il presente documento è stato preparato da Tosetti Value S.I.M. S.p.a. autorizzata e regolamentata dalla Banca di Italia. Il presente documento può essere distribuito a soggetti

Dettagli

CINA E OLTRE. Piccola e media impresa tra innovazione e internazionalizzazione. Convegno di Studi. Interscambio commerciale e Programmi ICE in Cina

CINA E OLTRE. Piccola e media impresa tra innovazione e internazionalizzazione. Convegno di Studi. Interscambio commerciale e Programmi ICE in Cina Istituto nazionale per il Commercio Estero CINA E OLTRE. Piccola e media impresa tra innovazione e internazionalizzazione Convegno di Studi * * * * * Interscambio commerciale e Programmi ICE in Cina Marco

Dettagli

Forum ABI, Roma 17 giugno 2011 Green Energy: rinnovare il credito alle energie rinnovabili. Massimo Beccarello Direttore Energia Confindustria

Forum ABI, Roma 17 giugno 2011 Green Energy: rinnovare il credito alle energie rinnovabili. Massimo Beccarello Direttore Energia Confindustria Forum ABI, Roma 17 giugno 2011 Green Energy: rinnovare il credito alle energie rinnovabili Massimo Beccarello Direttore Energia Confindustria Dipendenza dalle fonti primarie in Italia e in Europa Rapporto

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SINTESI PER LA STAMPA EUROPEAN OUTLOOK 2014 Motori accesi, manca lo "start" SETTEMBRE 2013 Si tratta di un rapporto riservato. Nessuna parte

Dettagli

Morning Call 30 OTTOBRE 2015. I temi della settimana. Ancora in primo piano le Banche centrali: dopo la Bce e la Cina. possibile il rialzo a dicembre

Morning Call 30 OTTOBRE 2015. I temi della settimana. Ancora in primo piano le Banche centrali: dopo la Bce e la Cina. possibile il rialzo a dicembre Morning Call 30 OTTOBRE 2015 I temi della settimana Ancora in primo piano le Banche centrali: dopo la Bce e la Cina. la Fed, possibile il rialzo a dicembre Pil Usa del terzo trimestre in calo all 1,5%

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 10 Febbraio 2014 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico Le prime settimane dell anno sono state caratterizzate

Dettagli

VERSIONE DEFINITIVA Nota di Aggiornamento al Documento di Economia e Finanza 2015

VERSIONE DEFINITIVA Nota di Aggiornamento al Documento di Economia e Finanza 2015 VERSIONE DEFINITIVA Nota di Aggiornamento al Documento di Economia e Finanza 2015 Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva Commissioni congiunte V Commissione "Programmazione

Dettagli

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Euro/dollaro Le dinamiche divergenti delle politiche monetarie di FED e BCE hanno portato nei primi

Dettagli

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 98 MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il semestre

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa

Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa 1. Il surplus persistente della bilancia dei pagamenti correnti giapponese

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 13 Gennaio 2014 View Fideuram Investimenti Autori: Enrico Boaretto Flavio Rovida Patrizia Bussoli Ilaria Spinelli Francesca Pini Cristian Gambino Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari

Dettagli

Hera ti insegna un mestiere a scuola Gruppo Hera e Istituto Tecnico Industriale Statale G. Marconi di Forlì. Il pacchetto clima energia 20-20-20

Hera ti insegna un mestiere a scuola Gruppo Hera e Istituto Tecnico Industriale Statale G. Marconi di Forlì. Il pacchetto clima energia 20-20-20 Hera ti insegna un mestiere a scuola Gruppo Hera e Istituto Tecnico Industriale Statale G. Marconi di Forlì Il pacchetto clima energia 20-20-20 Sessione 1 La strategia 20-20-20: cos è e a quali problemi

Dettagli

Morning Call 1 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 1 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 1 SETTEMBRE 2015 Sotto i riflettori Spread Btp/Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro Area euro: inflazione in ripresa in Italia, +0,2% a/a l indice nazionale e +0,5% a/a quello

Dettagli

Energie Rinnovabili ed Efficienza energetica

Energie Rinnovabili ed Efficienza energetica Energie Rinnovabili ed Efficienza energetica AGENZIA PER LA DIFFUSIONE DELLE TECNOLOGIE PER L INNOVAZIONE Fondazione Silvio Tronchetti Provera Milano, 20 giugno 2011 Prof. Massimo Beccarello Facoltà di

Dettagli

Energia e trasporti: il ruolo del metano

Energia e trasporti: il ruolo del metano Metano e trasporti per il governo della mobilità Energia e trasporti: il ruolo del metano di Edgardo Curcio Presidente AIEE Parma, 16 marzo 2010 Centro Congressi Paganini Indice della presentazione 1.

Dettagli

Dalla crisi finanziaria alla crisi economica: Non si arresta il crollo dei prezzi dei non ferrosi

Dalla crisi finanziaria alla crisi economica: Non si arresta il crollo dei prezzi dei non ferrosi COMMENTO GENERALE DEI METALLI NON FERROSI LME ANALISI E TENDENZE ANALISI DEL 13-10-2008 I dati utilizzati sono relativi alla prima seduta del LME di Londra e sono espressi in $/tonn. Dalla crisi finanziaria

Dettagli

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Utili consigli per chi è interessato a conoscere e ad investire in Corea del Sud

Utili consigli per chi è interessato a conoscere e ad investire in Corea del Sud Utili consigli per chi è interessato a conoscere e ad investire in Corea del Sud Un leader nella CRESCITA SOSTENIBILE UN RUOLO INTERNAZIONALE Seoul ha ospitato a novembre 2010 il Summit G20 dei Capi di

Dettagli

Morning Call 7 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 7 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 7 SETTEMBRE 2015 Sotto i riflettori Euribor ad 1 mese: andamento I temi del giorno Macro Usa: sotto le attese i nuovi occupati ad agosto a +173mila unità, tasso di disoccupazione al 5,1% Tassi:

Dettagli

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici:

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici: Random Note 1/2015 OUTLOOK 2015 : VERSO LA NORMALIZZAZIONE? La domanda a cui, con la nostra analisi di inizio anno, cerchiamo di dare una risposta è se nel 2015 assisteremo ad un ritorno alla normalizzazione

Dettagli

India: come rilanciare crescita e occupazione

India: come rilanciare crescita e occupazione India: come rilanciare crescita e occupazione ECONOMIA di Stefano Chiarlone L India cresce a un tasso in grado di ridurre sensibilmente la povertà. Ma per mantenere questo ritmo occorre superare una serie

Dettagli

lo scenario internazionale lorena vincenzi Ozzano dell Emila 22 aprile 2013

lo scenario internazionale lorena vincenzi Ozzano dell Emila 22 aprile 2013 lo scenario Ozzano dell Emila 22 aprile 2013 internazionale lorena vincenzi riservatezza Questo documento è la base per una presentazione orale, senza la quale ha quindi limitata significatività e può

Dettagli

MODA ITALIANA IN CINA. Presentazione a cura di Giulia Ziggiotti Segretario Generale Camera di Commercio italiana in Cina

MODA ITALIANA IN CINA. Presentazione a cura di Giulia Ziggiotti Segretario Generale Camera di Commercio italiana in Cina MODA ITALIANA IN CINA Presentazione a cura di Giulia Ziggiotti Segretario Generale Camera di Commercio italiana in Cina 1 INDICE CONTESTO SEGMENTO MODA DISTRIBUZIONE MADE IN ITALY E CERTIFICAZIONE TFashion

Dettagli

ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012

ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012 ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012 Prosegue la corsa dell export di settore anche nella parte finale del 2012: + 21,8% nei primi 10 mesi dell anno. La conferma del dato a

Dettagli

SPECIAL REPORT. 15 idee d investimento da 100 a 100.000 euro. Rischio: *****

SPECIAL REPORT. 15 idee d investimento da 100 a 100.000 euro. Rischio: ***** FIAT Azioni Italia Prezzo al 02/09/2013 5,81 euro Potenzialità di rivalutazione: **** Rischio: ***** Liquidità: **** PRO CONTRO Partecipazioni detenute non valorizzate adeguatamente dal mercato Mercato

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Antonio

Dettagli

Focus Market Strategy

Focus Market Strategy Valute emergenti: rand, lira e real 30 luglio 2015 Atteso un recupero verso fine anno Contesto di mercato Il comparto delle valute emergenti è tornato nuovamente sotto pressione negli ultimi mesi complice

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 10 febbraio 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico Il programma di Quantitative Easing finalmente

Dettagli

NEL 2012, RENDIMENTO, QUALITÀ E DIVERSIFICAZIONE SARANNO LA CHIAVE DEGLI INVESTIMENTI IN UN QUADRO ECONOMICO MONDIALE IN PROGRESSO MA ANCORA DEBOLE

NEL 2012, RENDIMENTO, QUALITÀ E DIVERSIFICAZIONE SARANNO LA CHIAVE DEGLI INVESTIMENTI IN UN QUADRO ECONOMICO MONDIALE IN PROGRESSO MA ANCORA DEBOLE Comunicato stampa Bank of America Merrill Lynch Financial Centre 2 King Edward Street London EC1A 1HQ Per ulteriori informazioni: Ana Iris Reece Gonzalez Donatella Cifarelli Brunswick tel: 02 9288 6200

Dettagli

Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive

Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive 17-04-2015 Numero 15-8 NOTA DAL CSC Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive Il PIL USA nel 2014 ha superato del 10,1% il livello pre-crisi, quello dell Areaeuro è dello

Dettagli

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008 Comunicato Stampa Bologna, 17 Luglio 2008 Compravendite in diminuzione del 10% rispetto allo scorso anno. Nel 2007 si sono vendute 40 mila case in meno, nel 2008 si prevede un ulteriore calo di almeno

Dettagli

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti - Responsabile Strategia Eurizon Capital SGR; Luca Mezzomo - Responsabile

Dettagli

Ottobre 2009. 10 buoni motivi per investire in Francia

Ottobre 2009. 10 buoni motivi per investire in Francia Ottobre 2009 10 buoni motivi per investire in Francia Keys to understanding the new France 2 1 Un economia di carattere mondiale 23.000 sedi di imprese estere presenti, con 2,8 milioni di dipendenti, di

Dettagli

#1y15: gennaio dicembre 2014

#1y15: gennaio dicembre 2014 Newsletter ASSOELETTRICA I principali dati congiunturali del settore elettrico italiano #1y15: gennaio dicembre 2014 Nel 2014 i dati del settore elettrico nazionale evidenziano una contrazione della produzione

Dettagli

IL SETTORE DELL EDILIZIA

IL SETTORE DELL EDILIZIA BELGIO: IL SETTORE DELL EDILIZIA L ICE Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane, con la propria rete di Uffici nel mondo e con le attività di promozione e

Dettagli

Indebitamento netto diretto e indiretto come % delle entrate correnti 105.0 105.0 111.2 103.7 98.9

Indebitamento netto diretto e indiretto come % delle entrate correnti 105.0 105.0 111.2 103.7 98.9 PROVINCIA DI AREZZO Italia Valutazione del credito / Graduazione di affidabilità Categoria Outlook / Situazione Rating Valutazione di Moody s Stabile Aa3 Contatti Analista Francesco Soldi / Milano 39.02.9148.1100

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE. Aprile 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese

NOTA CONGIUNTURALE. Aprile 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese NOTA CONGIUNTURALE Aprile 2015 3. Mercati finanziari - Sommario - Analisi del mese 1 3.Mercati finanziari Sommario FED. Abbandonato l impegno ad essere pazienti, nell attendere i tempi e le condizioni

Dettagli

Morning Call 6 FEBBRAIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Le previsioni della Commissione Ue: Pil Italia al +0,6% nel 2015, +1,3% nel 2016

Morning Call 6 FEBBRAIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Le previsioni della Commissione Ue: Pil Italia al +0,6% nel 2015, +1,3% nel 2016 Morning Call 6 FEBBRAIO 2015 Sotto i riflettori Spread Btp/Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Le previsioni della Commissione Ue: Pil Italia al +0,6% nel 2015, +1,3% nel 2016 L analisi dei mercati

Dettagli

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011 Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011 Macroeconomia Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011 Nuovo Orario Riassunto lezione precedente Definizione e misurazione: PIL

Dettagli

1. Il quadro congiunturale internazionale

1. Il quadro congiunturale internazionale 1. Il quadro congiunturale internazionale di Cesare Benzi 1. Premessa Quello che ci siamo lasciati alle spalle è stato un anno contraddistinto da un quadro di grande incertezza, nel corso del quale, come

Dettagli

L economia australiana brilla sulle altre

L economia australiana brilla sulle altre L economia australiana brilla sulle altre 28 marzo 2011 Le stime sulla crescita per molti paesi sviluppati hanno subito una flessione a causa della tragedia che continua a investire il Gippone, uno dei

Dettagli

20 marzo 2015. USA: ricchezza netta delle famiglie e sue componenti

20 marzo 2015. USA: ricchezza netta delle famiglie e sue componenti Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

INDONESIA: UNA OPPORTUNITA NUOVA INDONESIA NEW MARKET OPPORTUNITIES

INDONESIA: UNA OPPORTUNITA NUOVA INDONESIA NEW MARKET OPPORTUNITIES INDONESIA: UNA OPPORTUNITA NUOVA INDONESIA NEW MARKET OPPORTUNITIES 1 Asia Crescita: 2011: 7,8 % 2012: 7,7 % Entro 2050: Pil: $148.000 Miliardi (45% dell output globale) Reddito pro-capite: $38.000 (superiore

Dettagli

Veloce e Fragile. Le dinamiche dell economia britannica

Veloce e Fragile. Le dinamiche dell economia britannica Veloce e Fragile Le dinamiche dell economia britannica 2 maggio, 2011 Rimbalzo nel primo trimestre per il Regno Unito? Come è già stato precedentemente sottolineato, l economia britannica è un economia

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

#1y14: gennaio dicembre 2013

#1y14: gennaio dicembre 2013 Newsletter ASSOELETTRICA I principali dati congiunturali del settore elettrico italiano #1y14: gennaio dicembre 2013 I dati degli ultimi mesi del 2013 e le stime e valutazioni che se ne possono trarre

Dettagli

Analisi dei Mercati. Reazione esagerata dei mercati

Analisi dei Mercati. Reazione esagerata dei mercati Analisi mensile dei principali eventi e previsioni sui mercati globali 22 ottobre 2014 Analisi dei Mercati Crediamo che i mercati stiano reagendo in modo esagerato considerato lo stato di salute dei fondamentali.

Dettagli

Comparto della SICAV irlandese Hedge Invest International Funds PLC, per la quale Hedge Invest SGR ricopre il ruolo di Investment Manager

Comparto della SICAV irlandese Hedge Invest International Funds PLC, per la quale Hedge Invest SGR ricopre il ruolo di Investment Manager Comparto della SICAV irlandese Hedge Invest International Funds PLC, per la quale Hedge Invest SGR ricopre il ruolo di Investment Manager Report Via Vittor Pisani 22-20124 Milano tel. +39 02 667441 - fax.

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2013 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 1.903.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

Politiche monetarie e nuove opportunità: le mosse dei gestori alternativi

Politiche monetarie e nuove opportunità: le mosse dei gestori alternativi Politiche monetarie e nuove opportunità: le mosse dei gestori alternativi No. 8 - Luglio 2014 N. 86 Luglio Dicembre 2014 2013 2 Come negli scorsi anni, anche nel 2014 le politiche monetarie delle principali

Dettagli

Rapporto Statistico UE 27 Settore elettrico

Rapporto Statistico UE 27 Settore elettrico Rapporto Statistico UE 27 Settore elettrico Indice Introduzione... 2 Definizioni... 3 Evoluzione della produzione e della potenza per fonte nell UE 27... 5 Produzione e Potenza nel 2010 nell UE27... 6

Dettagli

Schroder ISF European Absolute Return

Schroder ISF European Absolute Return Pagina 1 Indice Europa: Review su mercato e fondo pag. 2 Il mercato Il fondo Il fondo pag. 3 Uno sguardo al mercato Le scelte strategiche I risultati di pag. 4 Descrizione del fondo al 29 giugno 2007 Il

Dettagli

Italia: ultima chiamata per la crescita

Italia: ultima chiamata per la crescita Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Italia: ultima chiamata per la crescita Agenda 1 Economia mondiale in moderata ripresa 2 Italia in lento recupero, ma solo dal 2015 1 Le previsioni per

Dettagli

Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello

Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello Chi siamo Wings Partners è una società attiva nell'analisi finanziaria dei rischi di cambio delle valute e delle oscillazioni dei prezzi

Dettagli

Informazioni e Tendenze Immobiliari

Informazioni e Tendenze Immobiliari LUGLIO/AGOSTO 2015 NUMERO 41 Informazioni e Tendenze Immobiliari In questo numero 1 Introduzione 2 L Indagine 5: le famiglie italiane e il mercato immobiliare nelle sei grandi città la sicurezza in casa

Dettagli

Certificates Multigeo 100 Plus. Dalla Terra risorse che danno nuovo respiro ai tuoi investimenti.

Certificates Multigeo 100 Plus. Dalla Terra risorse che danno nuovo respiro ai tuoi investimenti. Certificates Multigeo 100 Plus Dalla Terra risorse che danno nuovo respiro ai tuoi investimenti. Dalla Terra risorse che danno nuovo respiro ai tuoi investimenti. Multigeo 100 Plus è un certificate che

Dettagli