paesaggio rurale Dipartimento di Biologia Applicata, Università degli Studi di Perugia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "paesaggio rurale Dipartimento di Biologia Applicata, Università degli Studi di Perugia"

Transcript

1 gestione L Osservatorio Regionale per la Biodiversità, il Paesaggio Rurale e la Progettazione Sostenibile, istituito dalla Regione Umbria con DGR n. 968 del , è un centro di ricerca di respiro interregionale, finalizzato al monitoraggio di specie ed habitat di importanza comunitaria, in adempimento di quanto previsto dall art. 17 della Direttiva 92/43/CEE. L obiettivo fondamentale dell Osservatorio è quello di raccogliere e rendere disponibili in un unico sistema informativo aperto al pubblico i dati regionali umbri sulla biodiversità. Il focus centrale dell Osservatorio è infatti la biodiversità ma nella sua accezione più ampia e completa, che include tutte le dimensioni possibili, dando

2 Territori n. 10/2012 importanza anche alla componente paesaggio rurale, così come richiesto a livello comunitario. Presso l Osservatorio, quindi, vengono anche studiate e monitorate le trasformazioni del paesaggio rurale e degli elementi naturali presenti al suo interno, nonché i processi generali delle politiche di settore, per valutare gli effetti cumulativi sul paesaggio e sulla biodiversità in genere, al fine di formulare azioni correttive delle situazioni di criticità rilevate. Inoltre, un altra tematica affrontata è quella dell urbanizzazione e artificializzazione dei suoli, e in generale lo studio di come l evoluzione urbana (es. sviluppo smisurato dei trasporti automobilistici, con conseguente enorme consumo di suolo) influisca profondamente sul paesaggio e sulla perdita di habitat e biodiversità. Tutte le osservazioni e gli studi hanno come filo conduttore e chiave di lettura costante la strategia della sostenibilità. Le attività di monitoraggio e analisi delle risorse ambientali riguardano la Regione Umbria, ma è prevista una costante attività di scambio di informazioni, studi congiunti e di confronto con le altre regioni del centro Italia. In particolare vogliono essere favorite ed incoraggiate le azioni di collaborazione allo scopo di condividere le metodologie di lavoro, ed anche, in prospettiva, allo scopo di una condivisione dei dati, che potrebbero essere raccolti insieme per analisi comparative e per una lettura integrata, considerato che biodiversità e paesaggio non conoscono confini amministrativi. L Osservatorio si prefigge anche di fornire un supporto all elaborazione di un Piano Strategico regionale sulla Biodiversità, al perseguimento dell obiettivo di tutela di tale risorsa nella redazione di piani e programmi regionali, all implementazione locale delle convenzioni internazionali sulla tutela della biodiversità e del paesaggio (Convenzione di Firenze del 2000, Convenzione di Rio sulla Biodiversità del 1992, World Heritage Sites del 1972, CITES del 1973, ecc.). Inoltre, esso è in grado di fornire le informazioni necessarie per consentire una valutazione economica della biodiversità, che è alla base di un utilizzo sostenibile di tale risorsa. Molti documenti politici sulla tutela della biodiversità esortano ad una quantificazione del valore economico di tale risorsa, al fine di rendere più incisiva l opera di conservazione. La valutazione economica della biodiversità è prevista nell ambito della Convenzione sulla Diversità Biologica (CBD) del 1992, poiché l articolo 14 prevede di adottare procedure appropriate al fine di valutare gli impatti sull ambiente di progetti, programmi e politiche, suscettibili di avere effetti negativi rilevanti sulla diversità biologica. Non ultime, rientrano nelle attività dell Osservatorio attività di divulgazione, formazione e progettazione secondo le linee europee di finanziamento, considerate anch esse di fondamentale importanza, nonché attività di sensibilizzazione a diversi livelli; queste ultime vogliono essere espletate attraverso l organizzazione di laboratori e seminari che perseguano obiettivi legati all aggiornamento della cultura del progetto per la biodiversità, ed alla crescita di professionalità qualificate in merito alle tematiche della sostenibilità legate alla biodiversità. Tutto ciò in un ottica di cooperazione efficace tra le diverse discipline, facendo interagire positivamente le diverse figure che hanno responsabilità nella programmazione, gestione e controllo delle azioni. Inoltre, l Osservatorio ha già attivato nel corso del primo anno una vera e propria campagna di comunicazione. In particolare, sono stati predisposti un portale web (http://www.fondazionevillafabri.org/ osservatorio/), una newsletter periodica e delle brochure informative sulle attività dell osservatorio stesso, con il fine ultimo della diffusione della conoscenza. Data la notevole varietà e ampiezza degli argomenti trattati, all interno dell Osservatorio sono coinvolti esperti nei settori della botanica, zoologia, aspetti insediativi, paesaggio rurale e valutazione economica della biodiversità, che fanno parte del gruppo di lavoro tecnico-scientifico attinente all Osservatorio. In particolare, in base alle specifiche competenze espletate, sono stati creati i seguenti cinque gruppi di lavoro: flora, vegetazione, habitat e paesaggio vegetale Dipartimento di Biologia Applicata, Università degli Studi di Perugia fauna Dipartimento di Biologia Cellulare e Ambientale, Università degli Studi di Perugia impatto insediativo e scenari di evoluzione-pianificazione Dipartimento di Architettura e Urbanistica, Università degli Studi dell Aquila paesaggio rurale Scuola di Architettura Eduardo Vittoria, Università di Camerino valore economico della biodiversità e coordinamento scientifico Dipartimento di Scienze Economico-Estimative e degli Alimenti, Università degli Studi di Perugia I primi due gruppi di lavoro sono quelli che gestiscono, raccolgono ed elaborano tutti i dati regionali relativi alla biodiversità vegetale e animale. L unità di ricerca sull evoluzione insediativa sviluppa invece un programma di attività centrato su due canali:

3 gestione zione, contenute nei Piani di Gestione e l affermazione dei programmi POR e PSR, ad essi collegati. Alta formazione: sotto la forma di master e corsi di alta specializzazione in tematiche specifiche correlate alla tutela e conservazione della biodiversità, diretta alle Università, Pubbliche amministrazioni, Centri di ricerca, Professionisti, Imprenditori, Associazioni, ONG. Progettazione a livello nazionale ed europeo, sui temi legati alla tutela della biodiversità. Diffusione della conoscenza: relativa alla didattica, divulgazione, informazione, educazione, sensibilizzazione. Supporto: al Servizio Aree Protette, Valorizzazione dei Sistemi Naturalistici e Paesaggistici, della Regione Umbria, per tutte le tematiche di alto profilo ambientale e/o progettazione a forte connotazione territoriale. Convegni e workshop organizzazione di seminari, workshop, convegni nazionali ed internazionali sul tema della biodiversità. dati sulle modificazioni insediative e sulla conversione urbana dei suoli a livello regionale, prima su sezioni temporali di riferimento storiche (1956), poi attuali (2002), con aggiornamenti successivi agganciati alla produzione istituzionale degli strati informativi sulla condizione del territorio; dati sulla interferenza delle infrastrutture di mobilità verso la biopermeabilità regionale mediante l allestimento dei profili di occlusione ecosistemica delle principali arterie di mobilità veicolare della regione (http://www.fondazionevillafabri.org/osservatorio/106-35/ ITA/Descrizione). Il gruppo di lavoro Paesaggio Rurale si occupa, come già menzionato, di analizzare tale componente della biodiversità e le modificazioni che su di essa avvengono, nonché i fattori determinanti tali modificazioni. L ultimo gruppo di lavoro si occupa di tutti gli aspetti connessi alla valutazione economica della biodiversità, nonché del coordinamento scientifico dell intero gruppo di lavoro. In definitiva, i compiti e le funzioni svolte all interno dell Osservatorio possono quindi essere sintetizzate in: Monitoraggio: della diversità culturale, vegetale e animale, tramite raccolta e validazione di dati e osservazioni, editi ed inediti, loro archiviazione ed elaborazione in ambiente GIS (Markus e Helena, 2004), compresa l applicazione delle misure di conserva- La Regione Umbria dispone già di una buona base di partenza per questa esperienza: da anni esiste un osservatorio regionale faunistico (istituito con L.R. n.14/94) che opera il monitoraggio della consistenza e della dinamica delle popolazioni di fauna selvatica, quindi esiste già la relativa organizzazione per proseguire i rilievi e gli studi. Nello specifico il progetto di monitoraggio è strutturato su tre livelli: I Livello. Conoscenza a livello di specie. Il prodotto di questa attività è la banca dati GIS della vegetazione, flora e fauna dell Umbria, attraverso la quale è possibile il controllo continuo dello stato della biodiversità in Umbria, anche in relazione alle misure di conservazione previste all interno delle aree Natura II Livello. Conoscenza a livello di comunità. Significa analisi, valutazione, rilevazione e monitoraggio degli habitat, non solo quelli derivanti da Natura 2000, ma anche habitat biologici, non per forza ricompresi all interno delle tipologie e delle aree Natura Il prodotto di questa attività è costituito da una serie di manuali interpretativi degli habitat, con la caratterizzazione e l evoluzione degli stessi. III Livello. È il livello dell integrazione fra tutte le dimensioni della biodiversità. In questa analisi viene considerata anche la presenza dell uomo e quindi rientrano gli aspetti paesaggistici, quelli urbanistico-insediativi, quelli socio-economici e culturali. Non più solo, quindi, la diversità biologica. L analisi integrata fra tutte le dimensioni della biodiversità è fondamentale sia per una completa interpretazione del concetto stesso di biodiversità, sia per lo sviluppo dei filoni di lavoro del paesaggio rurale e della progettazione sostenibile. Inoltre, questo livello di indagine è

4 Territori n. 10/2012 preparatorio alla scelta dei siti Natura 2000 per i quali andare ad implementare i Piani di Gestione completi, quelli cioè che vanno oltre le misure di conservazione, e introducono una vera e propria pianificazione delle attività umane. L attività di monitoraggio viene quindi svolta tramite raccolta e validazione di dati e osservazioni, editi ed inediti, loro archiviazione ed elaborazione in ambiente GIS. Tutti i dati derivanti dalle attività di monitoraggio confluiscono nel sistema informativo territoriale implementato nel corso del primo anno di attività dell Osservatorio, e descritto più dettagliatamente nei successivi paragrafi. Le informazioni raccolte vengono utilizzate anche per l applicazione delle misure di conservazione individuate attraverso i Piani di Gestione dei siti Natura 2000 dell Umbria, nonché come supporto all attuazione delle misure di programmi comunitari come il Piano di Sviluppo Rurale (PSR) ed il Programma Operativo Regionale (POR), ad essi collegati. In linea con quanto richiesto da INSPIRE i dati territoriali sono pubblicati attraverso servizi standard OGC. In particolare, i servizi WMS sono aperti mentre quelli WFS sono protetti. GeoServer 2.1.2, installato come web application su Apache Tomcat 7.0, viene utilizzato per la creazione dei servizi. I dati pubblicati da GeoServer sono quelli archiviati in PostgreSQL/PostGIS. In questo modo qualunque aggiunta o modifica di feature ai dataset esistenti (tabelle) si rende immediatamente disponibile all esterno. All apice della catena di pubblicazione dei dati dell osservatorio si colloca il Web Gis, sviluppato mediante librerie javascript (OpenLayers, GeoExt, ExtJS). I layer disponibili per la visualizzazione sul Web Gis sono generati automaticamente a partire dalla lista dei layer offerti come WMS da GeoServer (tecnicamente l applicazione esegue una chiamata di GetCapabilities verso GeoServer e usa la risposta ottenuta per generare l albero dei livelli disponibili). Questa soluzione limita la necessità di manutenzione e consente ai ricercatori di concentrarsi esclusivamente sulla gestione dei dati e l eventuale Il sistema informativo territoriale Caratteristiche tecniche La direttiva europea INSPIRE (2007), il Decreto Legislativo DL 27 gennaio 2010 n. 32, nonché il recente D.P.C.M del 10 novembre 2011 hanno progressivamente e definitivamente indirizzato le pubbliche amministrazioni, ma anche molti privati, verso l adozione di piattaforme standard ed interoperabili per la pubblicazione di dati e metadati spaziali (Mitchell, 2005; Groot e McLaughlin, 2000; Kralidis, 2008; Marchesini et al., 2010; Casadei et al., 2009). L Osservatorio si è quindi dotato di una infrastruttura, per la pubblicazione dei dati territoriali, che sia in grado di rispondere ai requisiti previsti dalle normative prima citate. Inoltre, con lo scopo di investire nella conoscenza e nel capitale umano piuttosto che in costi di licenze, l osservatorio ha deciso di adottare un sistema completamente basato su software Open Source. Il processo di gestione e pubblicazione dati è interamente gestito da una macchina virtuale GNU/Linux, basata sulla distribuzione 10.4 LTS di Ubuntu Server. La macchina virtuale è ospitata su un sistema di blade server. Gli utenti dei gruppi di ricerca hanno accesso alla macchina attraverso una rete VPN e possono gestire i dati territoriali archiviandoli su un DBMS con estensioni spaziali (PostgreSQL PostGIS 1.5 Riggs, 2010; Obe e Hsu, 2011). Le autorizzazioni ed autenticazioni per l accesso ai dati sono gestite a livello di schemi di PostgreSQL, in modo tale che ogni gruppo di lavoro abbia accesso diretto esclusivamente ai propri dati. Ad oggi, alcune tabelle contengono decine di migliaia di record inerenti osservazioni relative alle aree tematiche di riferimento dell Osservatorio. La procedura di modifica viene effettuata mediante l applicativo Quantum GIS che permette di modificare anche le proprietà geometriche degli elementi archiviati. creazione di nuovi servizi OGC (che verranno immediatamente visualizzati sul Web Gis). Il servizio di ricerca e creazione di metadati, fondamentale ai fini della aderenza alle specifiche INSPIRE, è gestito mediante GeoNetwork Open Source 2.6. Molti metadati sono ancora in fase di creazione ma alcuni servizi elementari sono generati automaticamente a partire dalle informazioni fornite a GeoServer, dai ricercatori, in fase di creazione dei servizi OGC (procedura definita harvesting ). Le potenzialità di questo strumento permettono di eseguire delle ricerche non solo utilizzando criteri di tipo alfanumerico, ma anche geospaziale, così da poter ricavare, ad esempio, tutti i dati relativi ad una specifica estensione spaziale.

5 gestione database Il database così costruito raccoglie dati, frutto di anni di lavoro da parte dei differenti gruppi di ricerca afferenti all Osservatorio, provenienti dalle quattro principali aree tematiche di riferimento: botanica, zoologia, insediamento e pianificazione, paesaggio rurale. Dentro il database, che è stato nominato biodiversità, vi sono quattro schemi corrispondenti alle quattro aree tematiche. Il database dell Osservatorio è di tipo geografico, cioè contiene un campo con informazioni di tipo geometrico. Per quanto concerne l area tematica botanica, allo stato attuale all interno della banca dati sono state inserite circa 1000 entità floristiche, di cui un iniziale contingente di circa 700 entità ritenute di interesse conservazionistico, naturalistico e fitogeografico. A queste si aggiungono circa 300 entità che rappresentano il processo di implementazione della banca dati, che con frequenza periodica verrà effettuato per tutte le altre specie segnalate per il territorio umbro. In totale sono stati inseriti dati riferibili al 50% della flora umbra, circa record, ognuno dei quali rappresenta una segnalazione di una specie sul territorio umbro. Per quanto concerne l area tematica zoologia, l archivio è costituito da record, raccolti tra il 1878 ed il Con riferimento ai Tetrapodi, la distribuzione temporale dei dati relativi nei 132 anni è, tuttavia, particolarmente disomogenea, tanto che il 99% dei record appartiene all ultimo ventennio, nell ambito del quale quasi l 80% si riferisce al primo decennio del Terzo Millennio. Ciò significa che tale patrimonio è, cronologicamente, particolarmente fresco. Nell ambito delle classi tassonomiche dei Tetrapodi, le informazioni si distribuiscono come di seguito: agli anfibi appartengono 856 record; riferiti a 12 specie; ai rettili 1532 dati; ripartiti tra 19 specie; agli uccelli osservazioni; relative a 112 specie; ai mammiferi i dati; 56 specie; per un totale di 199 taxa specifici. Ciò significa che, per quanto concerne i Tetrapoda selvatici che attualmente risultano stabilire rapporti ecologici vitali con le risorse del territorio, la copertura specifica della fauna regionale umbra, da parte del presente archivio, è pari al 61%. In riferimento all area tematica aspetti insediativi, sono presenti dati sull evoluzione insediativa e sulla conversione urbana dei suoli alla dimensione regionale, su due sezioni temporali di riferimento (1956, 2002). Per l area tematica paesaggio, si è proceduto al rilevamento e alla valutazione dei dati di previsione delle azioni trasformative, con particolare attenzione alla situazione delle previsioni pianificatorie e programmatorie più rilevanti in ambito comunale e provinciale. I risultati ottenuti consistono nell individuazione a livello regionale di 8 aree, con relativa produzione cartografica 1. I dati in possesso dell Osservatorio hanno un alto valore scientifico perché frutto di anni di lavoro e di ricerca da parte di esperti del settore, ma tale lavoro sarebbe fine a se stesso se i dati non fossero fruibili e resi disponili al pubblico; per questo la condivisione dei dati geo-spaziali nel World Wide Web è permessa grazie ad un applicazione Web Gis installata nel server di Villa Fabri. Il Web Gis è il programma che permette di visualizzare sottoforma di mappe i dati contenuti nel database; le carte tematiche che vengono restituite possiedono un alto valore informativo poiché permettono la visualizzazione di dati, biologici e non, corredati di informazioni geografiche, stazionali e cronologiche. La mappa che il software Web Gis restituisce è formata da diversi strati posti uno sull altro denominati layer. Nella sovrapposizione dei layer, quello più esterno è più visibile e copre in parte quelli che si trovano sotto. Ogni layer può essere costituito da immagini (raster), oppure da disegni vettoriali (shape). Mentre i raster sono i layer generalmente di sfondo, che rappresentano la cartografia di riferimento e servono a capire che zona stiamo inquadrando, i vettoriali sono essenzialmente disegni che possono essere di tre tipi: punti, linee, poligoni. I vettoriali sono correlati a quelle che vengono definite tabelle degli attributi, in cui sono contenute le informazioni specifiche associate ad ogni elemento.

6 Territori n. 10/2012 Google Hybrid Google Hybrid Attraverso il software Web Gis è possibile visualizzare, da parte sia di un utente appartenente al gruppo di lavoro che da parte di un qualsiasi utente esterno, una mappa relativa ad esempio alla distribuzione di una determinata specie, sia essa vegetale o animale, in Umbria. Ciò che sarà visualizzato sarà quindi un raster come base, in cui apparirà la carta dell Umbria, costellata di punti collocati nelle stazioni geografiche in cui sono state effettuate segnalazioni per quella specie (esempio: fig. 1 e fig. 2). Cliccando su uno dei punti vengono visualizzati gli attributi immagazzinati nel database e riferiti a quella specifica segnalazione (esempio: fig. 3). Tali informazioni hanno un alto valore conoscitivo ed è per questo che l accesso al database è vincolato in modo diverso a seconda del tipo di utente che vi acceda; viene cioè operata una distinzione nei diritti di lettura e modifica a seconda che l utente sia un addetto ai lavori o un esterno; questo perché è necessario filtrare alcune informazioni relative a specie sensibili meritevoli di tutela.

7 gestione L interazione con il database è possibile attraverso 3 programmi: pgadmin3 (consente di avere visione dei dati in maniera professionale ma non di inserirli); openoffice (ha un plugin che consente di accedere con il modulo base e di creare le maschere di inserimento); qgis (con qgis è possibile l aggiunta di un vettore postgis; inserendo l IP, il nome del database, la porta 5432 che è quella utilizzata da PostgreSQL, è possibile visualizzare le tabelle presenti nel database, in altri termini è possibile visualizzare dati, mappe e tabelle e operare delle modifiche). Oltre a quello di diffusione della conoscenza in materia di biodiversità, il fine ultimo dell allestimento di questa banca dati è quello di organizzare e raccogliere tutti i dati biologici e insediativi riguardanti l Umbria in modo da avere una base di informazioni su cui appoggiarsi per interventi di monitoraggio, tutela, pianificazione sostenibile o per individuare aree su cui concentrare sforzi di campionamento e di studio. La natura dei dati così differente, se da un lato complica la gestione del database, dall altro permette di accedere ad informazioni di notevole dettaglio, che offrono un quadro conoscitivo approfondito sullo stato della biodiversità in Umbria. L Osservatorio per la Biodiversità ha nel suo primo anno di attività concentrato l attenzione sul miglioramento della conoscenza a livello di specie. I dati, raccolti dalle diverse aree tematiche e confluiti nella banca dati con le modalità sopra esposte, sono stati quindi sistematizzati ed omogeneizzati, considerato come detto che si tratta di informazioni di natura molto diversa tra loro, che devono però essere integrate allo scopo di tracciare un quadro chiaro e di costruire dei trend interpretabili. Tale banca dati è il punto di partenza e di riferimento per tutti gli studi e gli approfondimenti che seguiranno nel corso delle attività dell Osservatorio, nonché per supportare le attività di monitoraggio, che sono attualmente in corso. In particolare, l inserimento all interno del sistema dei risultati delle attività di monitoraggio, permetterà in seguito l interrogazione per anni, l analisi di serie storiche e l individuazione di trend. Successivamente, attraverso l interpretazione dei dati sarà possibile anche un analisi a livello di habitat, nonché un confronto di tipo interregionale, confrontando le situazioni per tipologie di habitat nell Italia centrale.

8 Territori n. 10/2012 L Osservatorio coinvolge esperti nei settori della botanica, zoologia, aspetti insediativi, paesaggio rurale, e valutazione economica della biodiversità, che fanno parte del gruppo di lavoro tecnico-scientifico attinente all Osservatorio. In particolare fanno parte dell Osservatorio i seguenti gruppi di lavoro:. Responsabile scientifico: Prof. Roberto Venanzoni. Collaboratori: Dott.ssa Daniela Gigante, Dott. Fabio Maneli, Dott. Alessandro Properzi.. Responsabile scientifico: Prof. Bernardino Ragni. Collaboratori: Tetrapodi: Dott.ssa Francesca Vercillo, Dott. Cristiano Spilinga, Dott.ssa Silvia Carletti. Invertebrati: Prof. Elda Gaino, Prof. Enzo Goretti, Dott. Vittorio D Allestro, Dott. Igor Pivotti, Dott.ssa Angelisa Fabrizi. Responsabile scientifico: Prof. Bernardino Romano. Collaboratori: Dott. Francesco Zullo, Dott.ssa Serena Ciabò. Responsabile scientifico: Prof. Massimo Sargolini. Collaboratori: Dott. Daniele Fabiani, Dott. Corrado Gamberoni. Responsabile scientifico: Prof. Antonio Boggia. Collaboratori: Dott.ssa Carla Cortina, Dott.ssa Luisa Paolotti, Dott. Matteo Polito. Casadei S., Bellezza M., Casagrande L., Pierleoni A., Marchesini I. (2009) Tecnologie libere ed open source per la consultazione e l elaborazione di dati territoriali ed idrometeorologici in applicazioni web-based. GEOmedia, 4. Convenzione Europea del Paesaggio, 20 ottobre 2000, Firenze. Convenzione di Rio de Janeiro sulla diversità biologica, giugno Convenzione sul commercio internazionale delle specie animali e vegetali selvatiche minacciate di estinzione, Washington, 3 Marzo Decisione del Consiglio 93/626/CEE, del 25 ottobre 1993, relativa alla conclusione della Convenzione sulla diversità biologica. Decreto Legislativo 27 gennaio 2010, n. 32. Attuazione della direttiva 2007/2/CE, che istituisce un infrastruttura per l informazione territoriale nella Comunità europea (Inspire). Direttiva 92/43/CEE del Consiglio del 21 maggio 1992, relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della fauna selvatiche. Direttiva 2007/2/CE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 14 marzo IN- SPIRE - Infrastructure for Spatial Information in Europe (Infrastruttura per l Informazione Territoriale in Europa). Groot R., McLaughlin J. (2000) Geospatial data Infrastructure: concepts, cases and good practice. Oxford University Press, Oxford. Kralidis A.T. (2008) Geospatial Open Source and Open Standards Convergences. In: Hall G.B., Leahy M.G. (Eds.) Open Source Approaches in Spatial Data Handling. Springer- Verlag, Berlin. Marchesini I., Balducci V., Tonelli G., Rossi M., Guzzetti F. (2010) Geospatial information on landslides and floods in Italy. Proceedings of the International Symposium on Geo-information for Disaster Management (Gi4DM), 2-4 febbraio 2010, ISBN: Atti pubblicati su CD. Markus N., Helena M. (2004) Open source gis: a GRASS approach, Kluwer Academic Publishers.Mitchell T. (2005) Web Mapping Illustrated. O Reilly Sebastopol.Obe R.O., Hsu L.S. (2011) PostGIS in action. Manning Publications Co., Stamford CT Osservatorio Regionale per la Biodiversità, il Paesaggio Rurale e la Progettazione Sostenibile (2010) Risultati del Primo Anno di Attività. Riggs S. (2010) PostgreSQL 9 Administration Cookbook. Packt. Publishing Birmingham. United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization, Convention Concerning the Protection of the World Cultural and Natural Heritage, Paris, Le informazioni relative ai dati delle quattro aree tematiche sono state estrapolate dal Rapporto Conclusivo del primo anno di attività dell Osservatorio. Paolo Papa e Raoul Segatori afferiscono al Servizio Aree protette, valorizzazione dei sistemi naturalistici e paesaggistici - Regione Umbria; Antonio Boggia, Luisa Paolotti e Alessandro Properzi operano presso il Dipartimento di Scienze economico-estimative e degli alimenti dell Università degli Studi di Perugia; Ivan Marchesini e Luca Casagrande afferiscono a T4E s.r.l di Perugia. Gli autori fanno parte del Gruppo di lavoro dell Osservatorio per la Biodiversità, il Paesaggio Rurale e la Progettazione Sostenibile della Regione Umbria.

GIS più diffusi. Paolo Zatelli. Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento. GIS più diffusi

GIS più diffusi. Paolo Zatelli. Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento. GIS più diffusi GIS più diffusi GIS più diffusi Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento 1 / 19 GIS più diffusi Outline 1 Free Software/Open

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano Altri studi condotti dal Parco integrati con il Sitpas U. Ceriani - Direttore del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia di Milano M. Cont - Funzionario Agronomo del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

RELAZIONE DI FINE TIROCINIO

RELAZIONE DI FINE TIROCINIO Dipartimento di Ingegneria Civile Laura Magistrale in Ingegneria Civile per la Protezione dai Rischi Naturali A.A. 2014-2015 RELAZIONE DI FINE TIROCINIO INTRODUZIONE ALL'USO DEL SOFTWARE GIS UDIG Tirocinante:

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Interreg IIIB CADSES. Common best practices in spatial planning for the promotion of sustainable POLYcentric DEVelopment

Interreg IIIB CADSES. Common best practices in spatial planning for the promotion of sustainable POLYcentric DEVelopment Interreg IIIB CADSES Common best practices in spatial planning for the promotion of sustainable POLYcentric DEVelopment POLY.DEV. Seminario Progetti INTERREG III Sala Verde, Palazzo Leopardi - 8 novembre

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

STUDIO E REALIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI GESTIONE INTEGRATO DEI COLOMBI DI CITTÀ

STUDIO E REALIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI GESTIONE INTEGRATO DEI COLOMBI DI CITTÀ Il 6 e 7 novembre 2014 INFFU organizza a Roma il I corso nazionale di Igiene Urbana: STUDIO E REALIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI GESTIONE INTEGRATO DEI COLOMBI DI CITTÀ Accreditato ECM dall Istituto Zooprofilattico

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Anno XLI Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Prima n. 9 mercoledì, 17 febbraio 2010 Firenze Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Portineria

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS CONFERENCE Institutional archives for research: experiences and projects in open access Istituto Superiore di Sanità Rome, 30/11-1/12 2006 Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS Paola

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 A S S E 2 : M I G L I O R A M E N T O D E L L A M B I E N T E E D E L L O S P A

Dettagli

OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino)

OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino) OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino) Mappathon, 9 Aprile 2015 Relatore: Danilo Botta, Project Manager, 5T S.r.l. La genesi

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point P. Bonanni*, F.Fornasier*, A. De Marco * ISPRA, ENEA Carico critico Stima quantitativa dell esposizione ad uno o più inquinanti

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 Legge regionale 12 febbraio 2010, n. 10 Norme in materia di valutazione ambientale strategica (VAS), di valutazione di impatto ambientale (VIA) e di valutazione

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 ASSESSORADU DE S AGRICULTURA E REFORMA AGROPASTORALE PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 REG. (CE) N. 1698/2005 MISURA 214 - PAGAMENTI AGROAMBIENTALI AZIONE 3 - TUTELA DEGLI HABITAT NATURALI E SEMINATURALI

Dettagli

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com 2 Tecnoteca è nata nel 2000 con sede a Tavagnacco ha scelto da subito di lavorare

Dettagli

naturale Premesso che: 2007-2013; la Strategia approvata Integrata di misura 3233 a) del PSR sottomisura dell Ambiente) nell Allegato 1.

naturale Premesso che: 2007-2013; la Strategia approvata Integrata di misura 3233 a) del PSR sottomisura dell Ambiente) nell Allegato 1. GAL Consorzio Lunigiana Avviso pubblico per la presentazione di manifestazione d interesse per la Misura 3233 Tutela e riqualificazione del patrimonio rurale r sottomisura a) Tutela e riqualificazione

Dettagli

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana Equivale a livello regionale al Parlamento nazionale E composto da 65 consiglieri Svolge il compito di valutare /

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

La Strategia Nazionale per la Biodiversità

La Strategia Nazionale per la Biodiversità La Strategia Nazionale per la Biodiversità Sommario Premessa... 4 Il percorso della Strategia... 8 L attuazione della Strategia... 9 Durata, monitoraggio e valutazione dell attuazione della Strategia...

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto 4 Gruppo di lavoro 5

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PROPOSTA TECNICA Genova, Giugno 2009 SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 2 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO...4 2.1 LE NORME CONTRATTUALI... 4 2.2 LA FORMAZIONE OBBLIGATORIA

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

CONTRATTI di FIUME e di LAGO

CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO DGR n 16-2610 del

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Abbiamo creato questo questionario per aiutarti a prepararti per il workshop e per farti pensare ai diversi aspetti delle collezioni digitali

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME PATROCINI E COLLABORAZIONI MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOP NATIONAL O J E C T OUTCOME P R Assessorato alle Politiche Sociali Assessore Stefano Valdegamberi O sservatorio

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 A INIZIATIVA DELLA CONCERNENTE: NORME SUL GOVERNO DEL TERRITORIO Art. 1 Finalità Art. 2 Obiettivi della pianificazione territoriale e urbanistica Capo I Soggetti del governo del territorio Art. 3 Collaborazione

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA Tagung der Alpenkonferenz Réunion de la Conférence alpine Sessione della Conferenza delle Alpi Zasedanje Alpske konference XIII TOP / POJ / ODG / TDR B4b IT OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA 1 ACXIII_B4b_1_it

Dettagli